Consideriamo la seguente tabella di numeri presi da un estrazione del lotto:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consideriamo la seguente tabella di numeri presi da un estrazione del lotto:"

Transcript

1 MAICI E DEEMINANI. LE MAICI Considerimo l seguente tbell di numeri presi d un estrzione del lotto: 7 8 > 8 7 H I numeri presenti sono disposti su righe e colonne. Essi costituiscono un insieme ordinto di elementi. olendo rppresentre un qulunque insieme di numeri, ordinto come in un tbell, si utilizz un qudro composto d righe e d colonne, delimitto destr e sinistr d due prentesi qudre: - > 7 H. - Un qudro di questo tipo viene detto mtrice. DEFINIZIONE Mtrice Dti m n numeri, l tbell che li ordin in m righe e n colonne viene dett mtrice. Gli m n numeri presenti nell mtrice si chimno elementi dell mtrice. e il numero delle righe è diverso d quello delle colonne, l mtrice si dice rettngolre, ltrimenti si dice qudrt. EEMPIO L mtrice < F è rettngolre, perché è formt d righe e colonne. L mtrice 8 > H è qudrt, perché è formt d righe e colonne. Per indicre gli elementi generici di un mtrice m n, utilizzimo un letter dell lfbeto, per esempio, munit di due indici; il primo indic il numero di rig e il secondo il numero di colonn. Per esempio, l elemento si trov ll incrocio fr l rig e l colonn. Un mtrice generic di righe e colonne può essere rppresentt nel seguente modo:. terz rig 8 7 = 8 second colonn Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

2 L scrittur A = [ ik ], con # i # m e # k # n, è un mnier bbrevit per descrivere un mtrice m n. Elementi corrispondenti sono e, e -, e 7, f Più in generle, un mtrice m n è indict nel seguente modo: f f n f f n f f m è il numero di righe, n n è il numero di colonne. f f f f f f f m m m m f f mn i è soliti indicre un mtrice con lettere miuscole: A, B, C, f I suoi elementi si rppresentno, come bbimo visto, con lettere minuscole contrssegnte d due indici. Due mtrici m n vengono dette dello stesso tipo e gli elementi che occupno lo stesso posto nelle due mtrici si dicono elementi corrispondenti. EEMPIO Le mtrici - 7 < F e < F sono dello stesso tipo, perché entrmbe sono 9 - formte d righe e colonne. Due mtrici dello stesso tipo sono uguli se gli elementi corrispondenti sono uguli. EEMPIO - : -- Le mtrici < F e < - : F sono uguli. Due mtrici dello stesso tipo sono opposte qundo gli elementi corrispondenti sono opposti. L mtrice oppost di A si indic con - A. EEMPIO Le mtrici - - < F e < F sono opposte. Mtrici prticolri null. > H è un mtrice L mtrice [ - ] è un mtrice rig. - L mtrice è un - mtrice colonn. DEFINIZIONE Mtrice null Un mtrice è null se tutti i suoi elementi sono uguli. L mtrice null si indic con il simbolo O oppure O mn se si vuole precisre il numero delle righe e delle colonne. DEFINIZIONE Mtrice rig Un mtrice formt d un sol rig si chim mtrice rig o vettore rig. DEFINIZIONE Mtrice colonn Un mtrice formt d un sol colonn si chim mtrice colonn o vettore colonn. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

3 Le mtrici qudrte Un generic mtrice qudrt n n viene indict nel seguente modo: f f n f f n f f n (n è il numero di righe e di colonne). f f f f f f n n n f f nn DEFINIZIONE Ordine di un mtrice qudrt i chim ordine di un mtrice qudrt il numero delle sue righe (o delle colonne). L digonle principle è formt d tutti gli elementi che si trovno sull digonle di estremi e nn. Di conseguenz, tli elementi hnno i due indici uguli fr loro (,,, ). L digonle secondri è formt d tutti gli elementi che si trovno sull digonle di estremi n e n. Di conseguenz, tli elementi hnno i due indici che sommti dnno sempre n +. EEMPIO Nell seguente mtrice di ordine : > H gli elementi dell digonle principle sono,, ; gli elementi dell digonle secondri sono 8,,. Abbimo già visto che un mtrice è qudrt qundo il numero di righe è ugule l numero di colonne. L mtrice precedente è di ordine n. n n n n n n nn Figur L digonle principle e l digonle secondri di un mtrice qudrt. DEFINIZIONE Mtrice identic Un mtrice qudrt si dice identic (o mtrice unità) qundo gli elementi dell digonle principle sono tutti uguli e gli ltri elementi sono nulli. L mtrice identic di ordine n si indic con il simbolo I n. EEMPIO L seguente mtrice di ordine è identic: I = > H.. OPEAZIONI CON LE MAICI L ddizione e l sottrzione DEFINIZIONE L somm di due mtrici A e B dello stesso tipo è un terz mtrice A + B dello stesso tipo i cui elementi sono l somm degli elementi corrispondenti delle due mtrici. b c l bl cl b b c c + = + l + l + l > H > H > H d e f dl el fl d+ dl e+ el f+ fl Non è possibile sommre due mtrici che non sino dello stesso tipo. Per esempio non si può eseguire l seguente ddizione: - ; E+ ; E. - - Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

4 In simboli, se A = [ ij ] e B = [ b ij ] sono due mtrici dello stesso tipo, l loro somm è l mtrice espress come: A+ B = [ + b ]. In simboli, se A = [ ij ] e B = [b ij ] sono due mtrici dello stesso tipo, l loro differenz è l mtrice A - B = [ ij - b ij ]. ij ij EEMPIO = = > H > H > H > H L differenz di due mtrici si può definire come somm dell prim mtrice con l oppost dell second: A - B = A + (- B). Poiché il risultto di un ddizione fr mtrici dello stesso tipo è ncor un mtrice dello stesso tipo, l ddizione è un operzione intern nell insieme delle mtrici dello stesso tipo. EEMPIO = = > H > H > H > H > H Le proprietà dell ddizione L ddizione fr mtrici dello stesso tipo gode delle seguenti proprietà: proprietà ssocitiv: A + (B + C) = (A + B) + C; proprietà commuttiv: A + B = B + A; mmette come elemento neutro l mtrice null dello stesso tipo: A + = + A = A per ogni mtrice A. L moltipliczione di un mtrice per un numero rele In simboli, se k è un numero rele e A = [ ij] un mtrice qulsisi, l mtrice prodotto di k per A è espress come k$ A = [ k$ ij ]. DEFINIZIONE Il prodotto di un mtrice per un numero rele k è un mtrice dello stesso tipo i cui elementi sono tutti moltiplicti per k. EEMPIO - - $ < F = < F k b c k$ k$ b k$ c $ > H = > H d e f k$ d k$ e k$ f Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

5 L moltipliczione di un mtrice rig per un mtrice colonn DEFINIZIONE Il prodotto di un mtrice rig n per un mtrice colonn n, con lo stesso numero di elementi, è un mtrice formt d un solo elemento, ottenuto sommndo fr loro i prodotti degli elementi corrispondenti. d b c? $ e = f = $ d+ b$ e+ c$ EEMPIO Clcolimo il prodotto di un mtrice rig di elementi per un mtrice colonn, sempre di elementi: e l mtrice rig e l mtrice colonn hnno un numero diverso di elementi non è possibile clcolre il prodotto. Gli elementi corrispondenti sono quelli che occupno lo stesso posto d ordine nell rig e nell colonn.? $ > H = [ $ + $ + $ (- )] = [ ]. - Il risultto è l mtrice [], di ordine. L moltipliczione di un mtrice m n per un mtrice n p DEFINIZIONE Il prodotto di un mtrice A di tipo m n per un mtrice B di tipo n p è un mtrice C di tipo m p, il cui elemento c hk è dto dl prodotto dell rig numero h dell prim mtrice per l colonn numero k dell second mtrice. " b m n o g g g c d$ > H = g g g p q r e f g e$ n+ f$ q g! - - e l prim mtrice h un numero di colonne diverso dl numero di righe dell second mtrice, llor non è possibile clcolre il prodotto. Due mtrici tli che il numero delle colonne dell prim si ugule l numero delle righe dell second si dicono conformbili. EEMPIO Clcolimo il prodotto fr un mtrice e un mtrice. crivimo l mtrice prodotto con gli elementi generici: < F $ > - H = = G Determinimo gli elementi dell prim rig dell mtrice prodotto, moltiplicndo l prim rig dell prim mtrice per tutte le colonne dell second mtrice. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

6 Applicndo l definizione di prodotto di mtrici, possimo nche clcolre l potenz n-esim di un mtrice qudrt che definimo: A n = A$ A$ f $ A, n volte con n $. e A $ B = B $ A, llor A e B si dicono commutbili. Per esempio, puoi verificre che le mtrici A = < F - e B = < F sono commutbili. Clcolimo :? $ > H = [ $ + $ + $ ] = [ ]. Quindi =. Anlogmente, si ottiene: =, = e =. Gli elementi dell prim rig dell mtrice prodotto sono:,,,. Determinimo gli elementi dell second rig dell mtrice prodotto, moltiplicndo l second rig dell prim mtrice per tutte le colonne dell second mtrice. Clcolimo : - -? $ > H = [-]. Quindi = -. Anlogmente: =, = - 7 e =. Gli elementi dell second rig sono: -,, - 7,. Possimo scrivere: < F $ > - H = < F e A e B sono due mtrici qulsisi, è possibile eseguire i prodotti A $ B e B $ A se e solo se A è di tipo m n e B di tipo n m. L condizione è verifict se, in prticolre, A e B sono mtrici qudrte dello stesso ordine. Le proprietà dell moltipliczione In generle, l moltipliczione fr mtrici qudrte non è commuttiv. EEMPIO Considerimo le seguenti mtrici qudrte : - A = < F, B = < F - Clcolimo i prodotti: - A$ B = < F, B$ A = < - F. - Quindi: A $ B! B $ A. Enuncimo le proprietà di cui gode l moltipliczione fr mtrici: proprietà ssocitiv: upponimo che per le mtrici A, B e C si possibile clcolre l somm e i prodotti indicti. (A $ B) $ C = A $ (B $ C); proprietà distributiv ( sinistr e destr) dell moltipliczione rispetto ll ddizione: A $ (B + C) = A $ B + A $ C; (A + B) $ C = A $ C + B $ C. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

7 le nche l proprietà distributiv dell moltipliczione di un numero rispetto ll ddizione di mtrici: $ (A + B) = $ A + $ B,!. Inoltre, se A e B sono mtrici qudrte di ordine n: l moltipliczione per l mtrice null h per prodotto l mtrice null: A $ O = O $ A = O; l moltipliczione per l mtrice identic h per prodotto l mtrice stess: A $ I n = I n $ A = A, quindi l mtrice identic di ordine n, I n, è l elemento neutro dell moltipliczione fr mtrici qudrte di ordine n; Non vle l legge di nnullmento del prodotto. Inftti, l mtrice prodotto A$ B può essere l mtrice null O senz che sino nulle le mtrici A e B. EEMPIO A = > H, B = < - F, A$ B = < F. Non vle l legge di cncellzione, ossi si può verificre che d A$ B = A$ C non segu necessrimente che B = C. EEMPIO - A = < F, - B = < F, C = < F. A$ B = A$ C = < F, m B! C I DEEMINANI A ogni mtrice qudrt viene ssocito un numero rele, detto determinnte dell mtrice. Per indicre il determinnte di un mtrice si può scrivere «det» dvnti ll mtrice, oppure scrivere gli stessi elementi dell mtrice, delimitti d due righe verticli. Il determinnte si definisce soltnto per le mtrici qudrte. EEMPIO det < - F = -. Noi prendimo in esme i determinnti delle mtrici del primo, secondo e terzo ordine. DEFINIZIONE Determinnte di un mtrice di ordine Il determinnte di un mtrice del primo ordine è ugule l numero stesso che compre nell mtrice. = Attenzione: non devi confondere il simbolo di determinnte con quello di vlore ssoluto! Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der] 7

8 EEMPIO det[ - ] = - =-. DEFINIZIONE Determinnte di un mtrice di ordine Il determinnte di un mtrice del secondo ordine è ugule ll differenz fr il prodotto dei due elementi dell digonle principle e il prodotto dei due elementi dell digonle secondri. b c d = d b c EEMPIO - det< F = - =-$ 7- $ (- ) = Il determinnte di un mtrice di ordine Il determinnte di un mtrice di ordine si può clcolre con l regol di rrus. EEMPIO Clcolimo il seguente determinnte,, servendoci dell regol di rrus, come illustrto nell figur. Figur = + + = + + = = =. icopimo destr del determinnte i termini delle prime due colonne dell mtrice. b. Moltiplichimo i termini lungo l digonle principle e lungo le due digonli prllele ess; scrivimo i prodotti e li sommimo. c. ipetimo il procedimento moltiplicndo i termini lungo l digonle secondri e lungo le due digonli prllele ess; scrivimo i prodotti e li sommimo. d. Il determinnte è ugule ll differenz fr l prim e l second somm di prodotti. 8 Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

9 In generle, per un mtrice qulsisi A di ordine lo schem è il seguente: e ottenimo che det A vle: EPLOAZIONE: IL ANKING DI GOOGLE All bse del successo di Google c è un lgoritmo mtemtico i chim Pgenk e ssegn ogni pgin web un rngo, ovvero un numero tr e. Il rngo contribuisce determinre l posizione dell pgin nei risultti dell ricerc effettut su Google. Più il rngo è lto, più lt srà l posizione dell pgin, e quindi mggiori le probbilità che si consultt dll utente. Non descriveremo l lgoritmo mtemtico utilizzto per clcolre il Pgenk, m dremo un ide di come le mtrici possno essere utili nell costruzione del modello che descrive i collegmenti tr i diversi siti. Uno dei criteri di importnz di un pgin web è dto dl numero di collegmenti o link verso di ess. i suppone, inftti, che qunti più siti rimndino un pgin, tnto più quest si considert utorevole. In prtic, Google interpret un collegmento dll pgin A ll pgin B come un voto espresso dll prim in merito ll second. M non si limit clcolre il numero di voti, o collegmenti, ssegnti un pgin, prende nche in esme l pgin che h ssegnto il voto. I voti espressi d pgine importnti hnno più rilevnz e quindi contribuiscono rendere importnti le pgine collegte. Un mtrice per descrivere il eb upponimo che nel eb ci sino n pgine, che chimimo P, P,..., P n. i dice che P j «punt» P i se nell pgin P j c è un link verso l pgin P i. L rppresentzione grfic di quest definizione è un insieme di punti collegti tr loro, con un frecci che v dl vertice j l vertice i se l pgin P j punt ll pgin P i. Con l definizione dt si può costruire un mtrice qudrt M, formt solo d e d : M i,j = se P j punt P i, M i,j = ltrimenti. i trtt dell mtrice di dicenz dell rppresentzione grfic del eb. Per esempio, per n =, si h quest mtrice qundo i collegmenti sono quelli dell seguente figur. IN CINQUE LIDE upponi che l figur precedente, invece di riferirsi link fr siti, descriv l relzione «preferisce studire con b», reltiv ll insieme di quttro compgni di clsse. In questo cso il grfico che rppresent l mtrice descrive un fenomeno socile e per questo si chim sociogrmm. Cerc in Internet esempi di sociogrmmi e relizz un presentzione multimedile sull rgomento. Cerc nel eb: mtrice dicenz sociogrmm. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der] 9

10 LABOAOIO DI MAEMAICA LE MAICI E I DEEMINANI CON DEIE Alcune funzioni di Derive sulle mtrici L funzione serve per ottenere DE(M) il determinnte dell mtrice M. ELEMEN(M, m, n) l elemento dell mtrice M di rig m e di colonn n. L funzione cre un mtrice formt dll mtrice M INE(r, M, n) con l inserimento dell rig r dopo l rig di indice n. EPLACE(r, M, n) con l sostituzione dell rig di indice n con l rig r. DELEE(M, n) con l cncellzione dell rig di indice n. ADJOIN(r, M) con l ggiunt dell rig r. APPEND(M, M) sldt ll mtrice M. L ssegnzione M i j = p sostituisce l elemento dell mtrice M di rig j e colonn j con l elemento p. Esercitzioni Con l iuto di Derive, supponendo che A, B e C sino le mtrici - A = ; E, B = ; E, C = ; E, - -8 stbilisci l vlidità o meno delle seguenti uguglinze. A $ B = B $ A [fls] (A $ B) $ C = A $ (B $ C) [ver] A $ (B + C) = A $ B + A $ C [ver] A + (B $ C) = (A + B) $ (A + C) [fls] (A - B) - C = A - (B - C) [fls] erific che: DE(A + B)! DE(A) + DE(B), DE(A $ B) = DE(B $ A) = DE(A) $ DE(B), DE(A / B) = DE(A) / DE(B), con DE(B)!. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

11 . LE MAICI eori pg. crivi un mtrice rettngolre e indic gli elementi,,. crivi tre mtrici rettngolri di dimensioni,,. crivi tre mtrici qudrte di dimensioni,,. - 7 Dt l mtrice - 8, indic:,,,,,. 9 - Determin e b in modo che le mtrici + b + - > H e > - bh sino uguli. [ =, b =-] - x+ y - Determin x e y in modo che le mtrici ; E e x + - = G sino uguli. x - y x+ y : x =-, y =- D 8 7 Dt l mtrice < F, scrivi l oppost. - 7 y - 8 y+ x 8 Determin x e y in modo che le mtrici < F e ; E sino opposte. [ x =, y = ] - x+ y x b + 9 Determin, b e c in modo che le mtrici c - e b Le mtrici qudrte - b > H sino opposte. Dt l mtrice > H, indic: - ) l ordine, gli elementi dell digonle principle e gli elementi dell digonle secondri; b) gli elementi e. [ =, b =, c =-] EO O FALO? ) Un mtrice identic deve essere qudrt. F b) L ordine di un mtrice qudrt è il numero delle righe. F c) e tutti gli elementi dell digonle principle di un mtrice qudrt sono nulli, llor l mtrice è l mtrice null. F d) e tutti gli elementi dell digonle principle di un mtrice qudrt sono nulli, llor l mtrice è l mtrice identic. F Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

12 . OPEAZIONI CON LE MAICI eori pg. L ddizione e l sottrzione EECIZIO GUIDA Clcolimo, se possibile, l somm e l differenz fr le mtrici: A = - H, B = -H. - > > Le mtrici A e B sono entrmbe mtrici e perciò sono dello stesso tipo, quindi possimo clcolrne l somm e l differenz: A+ B = A- B = (-) H = -H. + - > > (-) H= H. - - > > Esegui, qundo è possibile, le ddizioni fr le seguenti mtrici. - - A =- > -H, B = > H A = > - H, B = > H A =, B = A =- > -, B = > - > > - HH - - > - - > HH H H [non si può eseguire l ddizione] Clcol, qundo è possibile, le differenze A - B fr le seguenti mtrici. - 7 A = > - - H, B = > H. > > - -HH A =- > - H, B = > H. [non si può eseguire l sottrzione] A = > H, B = > - H. > > -HH - Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

13 Dte le mtrici A = >, B = >, C = > - - H H H, verific l proprietà commuttiv e l proprietà ssocitiv dell ddizione mostrndo che: ) A + B = B + A; b) B + C = C + B; c) (A + B) + C = A + (B + C). L moltipliczione di un mtrice per un numero rele EECIZIO GUIDA Determinimo il prodotto, del numero rele per l mtrice A = ; E. - Per determinre l mtrice prodotto, moltiplichimo tutti gli elementi per : A $ $ $ - $ =- $ < F - = = G -$ -$ -$(- ) = < F. Clcol i seguenti prodotti fr mtrici e numeri reli. $ - - > H > - - > HH - - $ $ > H > > HH - - $ < F - - < F - Dte le mtrici A = - H, B = - ) A + B ; b) A - B. > > - -H, clcol le seguenti espressioni A+ B = > - ; A- B = > > H HH 7 7 ) A + B ; b) - A + B. A+ B = - ;- A+ B = Dte le mtrici A = -, B = -, C = > > H > HH > H > H > H, clcol le seguenti espressioni. 8 ) A + B + C; b) A - B + C. - A+ B+ C = > - ; A- B+ C = > > H HH - 9 ) A + B - C; b) A + B - C. A+ B C = - ; A+ B- C = > - > H > HH Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

14 L moltipliczione di un mtrice rig per un mtrice colonn EECIZIO GUIDA Clcolimo, se possibile, il prodotto fr le seguenti coppie di mtrici rig e di mtrici colonn: - - ) -? $ > H ; b) -? $. - ) L mtrice rig h elementi, mentre l mtrice colonn ne h : il numero di elementi è diverso, perciò non possimo clcolre tle prodotto. b) L mtrice rig h lo stesso numero di elementi dell mtrice colonn, e dunque possimo effetture l operzione. Per eseguire l operzione fr le due mtrici moltiplichimo fr loro gli elementi corrispondenti nelle due mtrici e quindi sommimo i prodotti: - -? $ = [ $ (- ) + $ + $ + (- ) $ ] = [-8]. Il risultto è l mtrice [-8]. Clcol, qundo è possibile, i prodotti delle seguenti mtrici rig per le mtrici colonn ? $ [- $ > H [ - - -? $ - [- - -? $ [non si può clcolre il prodotto] L moltipliczione di un mtrice m n per un mtrice n p? $ ; E [ EECIZIO GUIDA - Dte le mtrici A = ; E e B = > -H, clcolimo, se è possibile, il loro prodotto. Poiché il numero delle colonne di A è ed è ugule l numero di righe di B, llor possimo clcolre il prodotto. L mtrice prodotto h lo stesso numero di righe di A, cioè, e lo stesso numero di colonne di B, cioè, e perciò è un mtrice. crivimo l mtrice prodotto C con gli elementi generici: c c < F. c c Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

15 Determinimo gli elementi di C con il prodotto rig per colonn. c = $ b + $ b + $ b = $ + $ + (- ) $ = -. c = $ b + $ b + $ b = $ + $ (- ) + (- ) $ =. c = $ b + $ b + $ b = $ + $ + $ =. c = $ b + $ b + $ b = $ + $ (- ) + $ =. Possimo scrivere: - C = A$ B = ; E $ > - H = ; - E. Clcol, qundo è possibile, il prodotto delle seguenti coppie di mtrici ; - - E$ ; - E > -H $ -? - > -H $ ; E ;; EE - - > > HH - >- - - > HH - - -H$ - H - 8 [non si può clcolre il prodotto] > > > 9 H$ > ; E $ >- H H > > HH - ;; EE -? $ > - H [-7-7]? x x x -x x - x -x $ - > > x HH -x x x- x x Dte le seguenti mtrici A e B, determin i prodotti A $ B e B $ A verificndo che l moltipliczione fr mtrici non gode dell proprietà commuttiv. 9 A = > H, B = ; E A = ; E, B = ; - E. -8 A$ B = > 7 - ; B$ A = ; - - > H EH A B 7 ; B A ; $ = ; E $ = ; EE 7-7 Dt l mtrice A = ; E, clcol A e A. -9, 8 - ;; E ; EE 8 - rov in modo che si: ; - E$ ; E= ; - E. [ = ] 9 - Determin x in modo che: ; E = ; E. x [ x =-9] - erific che: ; E = ; E. - Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

16 IEPILOGO Le operzioni con le mtrici E Il prodotto delle mtrici A = ; - - E e B = ; - E è l mtrice: A ; - E. D ; - E. B ; - - E. - E ; - E. - C ; E. - E Dt l mtrice A = ; - E, se clcolimo A, ottenimo l mtrice: - A ; E. 8 D ; E. - 8 B ; E. 8 E ; E. - C ; E. - 8 Assegnte le mtrici A = - ; E e B = ; E, esegui le operzioni indicte A- B, - A+ B. ;; E, ; EE ( A+ B), -( B- A). ;; E, ; EE Dte le mtrici A = [- ] e B = [- - ], esegui le operzioni indicte. -A- B, ( A- B). : [ - -], :- - -DD A- B, ( A+ B). [- -7-8], [- - ]? - Consider le mtrici A = ; E, B = ; - E, C = ; - - E e clcol le seguenti espressioni A- B+ C, ( B- C) + A. 8 7, 9 ;; E ; EE A+ B- C, -A-B- C., ;; E ; EE Clcol, se è possibile, il prodotto delle seguenti mtrici > -H $ ; E $ > > HH > H > H [non si può clcolre] - - H$ - - > > Dte le mtrici H > > HH - - A = > H, B = > H, C = > - - -H, verific l proprietà ssocitiv dell moltipliczione clcolndo (A $ B) $ C e A $ (B $ C) e mostrndo che le mtrici ottenute sono uguli. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

17 Dte le mtrici A = > H, I = >, O = > H H, verific che: ) A $ I = I $ A = A; b) A $ O = O $ A = O. Quli osservzioni puoi fre? - Dte le mtrici A = ; E, B = ; E, verific che A $ B è ugule ll mtrice null. - Quli osservzioni puoi fre su questo risultto? Dte le mtrici A = ; E, B = ; E, C = ; - E, esegui le operzioni indicte. - A, A$ C. A$ B, B$ A. 7 B$ C- B, C - C$ A. 8 A$ ( B- C), A$ B$ C. 9 ( A+ B) $ ( A- C), B$ C- A$ ( B+ C)., - ;; E ; EE - 7, 8 - ;; E ; EE - - -, > ; E > - HH - - 7, 8 ;; E ; EE - -, 9 - ;; E ; EE Inserisci nel qudrtino il segno di operzione che rende ver l uguglinz = > H > H > H [-] 7 Dt l mtrice A = ; - E, clcol A e A. 8 ; A = ; E, A = ; EE Dte le mtrici A = - ; - E e B = ; E, clcol A, B, A - B e (A + B). -, 7, - -, ;; E ; E ; E ; EE Dte le mtrici A = - ; E e B = ; E, verific che: - ) (A + B)! A + AB + B ; b) (A + B) = A + AB + BA + B. 7 Dte le mtrici A = ; - E e B = ; E, verific che: ) ( A+ B) $ ( A-B)! A - B ; b) ( A+ B) $ ( A- B) = A + A$ B-B$ A- B. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der] 7

18 Determin l mtrice. 9 7 ; E $ = ; 7 ; E$ = ; E E - - ;; EE ;; EE 77 ; E $ ; E = $ ; E $ ; E= ; E - ;; EE - Dte le mtrici A=, B=, C= - - ; E ; E ; E, trov l mtrice - - = ; b c d E che verific le seguenti uguglinze. 79 -( A+ ) = B- C. 8 A+ B = C-. Nei seguenti esercizi determin i vlori d sostituire lle incognite per rendere ver l uguglinz = - - ; ; EE > = > 7 HH - x y ; 7 E $ z - > H = ; E [ x =, y =, z =, t = ] - t x ; E $ y = - - > H ; E [ x =, y = ] - x 8 x x+ x+? $ > H = [ ] [ x = ] 8 x - - ; E $ > x H = ; E [ x = ] 8 x +. I DEEMINANI eori pg. 7 Il determinnte di un mtrice 8 EECIZIO GUIDA Clcolimo il determinnte dell mtrice: ; - E. Per ottenere il determinnte eseguimo l differenz fr il prodotto degli elementi dell digonle principle e il prodotto degli elementi dell digonle secondri: digonle secondri det> H = $ (-)- $ =- - =-7. - digonle principle 8 Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

19 Clcol il determinnte delle seguenti mtrici di ordine. 8 ; - E [7] 9 87 ; E [] ; - 7 E [9] 8 89 ; - E [] 9 : - D : - D + b ; E [- b ] - b Il determinnte di un mtrice x + x ; E x x - [- ] x ; E x x+ [ x ] < [ - ] x < F x x [ x - x] 97 EECIZIO GUIDA Clcolimo, fcendo uso dell regol di rrus, il determinnte dell mtrice A = > 9 -H. - 7 icopimo destr dell mtrice i termini delle due prime colonne: Moltiplichimo i termini dell digonle principle e delle due digonli prllele destr di tle digonle: $ $ = ; $ (-) $ (-) = ; 9 $ $ 7 =. ommimo i tre prodotti ottenuti: + + = 7. ipetimo il procedimento moltiplicndo i termini dell digonle secondri e delle due prllele destr di quest e scrivimo i prodotti: - $ $ 9 = ; 7 $ (-) $ = - ; $ $ =. ommimo i prodotti: + (-) + = -. Il determinnte è ugule ll differenz fr l prim e l second somm di prodotti: det A = 7 - (-) = 9. Clcol i determinnti delle seguenti mtrici > H [- ] > H [- ] > H [- ] 99 - > H [- 9] - - > H [- 8] - > H [- ] Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der] 9

20 x x + x -x x + x > H [ ] > H [ ] > H [ ] x x x x x x > H [ x ] 9 - > H [- ] x - x + x - x x - x > H [- x] - > H [ ] - > H [ 9] x x > H [- x] > H [ ] > H [ ] Clcol i determinnti delle seguenti mtrici e verific che sono tutti uguli. Qule proprietà puoi dedurre? ; E 7 ; E 9 ; E ; E - > H > H > - - H > H Clcol il determinnte dell seguente mtrice e di quell d ess ottenut moltiplicndo per - gli elementi dell prim rig. ; - E [; -] Clcol il determinnte dell seguente mtrice e di quell d ess ottenut moltiplicndo per - gli elementi dell prim colonn. ; E [; -] - - Clcol il determinnte dell seguente mtrice e di quell d ess ottenut moltiplicndo per 7 gli elementi dell prim colonn. - > H [-; -] Clcol il determinnte dell seguente mtrice e di quell d ess ottenut moltiplicndo per gli elementi dell terz rig. - - > H [; ] - 7 Dt l mtrice ; E, determin un second mtrice ottenut ggiungendo ogni ele- - mento dell prim rig il corrispondente dell second rig moltiplicto per e verific che le due mtrici hnno lo stesso determinnte. [-] - 8 Dt l mtrice > H, determin un second - mtrice ottenut ggiungendo ogni ele- mento dell prim rig il corrispondente dell terz rig moltiplicto per - e verific che le due mtrici hnno lo stesso determinnte. [-] Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

21 Per ognun delle seguenti mtrici, scrivi un mtrice ottenut scmbindo fr loro due righe, clcolne i determinnti e verific che sono di segno opposto ; E [-; ] > - H [-9; 9] - 8 Per ognun delle seguenti mtrici, scrivi un mtrice ottenut scmbindo fr loro due colonne, clcolne i determinnti e verific che sono di segno opposto. - ; 8 E [-; ] > - H [-; ] - Per ciscun delle seguenti coppie di mtrici, clcol il prodotto e verific che l mtrice prodotto h determinnte ugule l prodotto dei determinnti delle mtrici dte ; E, ; E. [-; -; ] - - ; E, ; E. [-; -; ] > -H, > H. [; -; -] > > - -H, H. [; 7; 7] - - IEPILOGO I determinnti E 7 e A e B sono due generiche mtrici qudrte dello stesso ordine, qule delle seguenti uguglinze è ver? A A$ B = B$ A. B A- B = B- A. C det( A$ B) = det( B$ A). D A+ ( A$ B) = A$ ( A+ B). E ( A$ B) - B = A- B. 8 A e B sono due mtrici. In qule dei seguenti csi non è possibile eseguire il prodotto fr le mtrici A e B? A A è un mtrice qudrt di ordine e B è un mtrice colonn con elementi. B A è un mtrice rig con elementi e B è un mtrice colonn con elementi. C A è un mtrice rig con elementi e B è un mtrice rettngolre #. D A è un mtrice colonn con elementi e B è un mtrice rig con elementi. E A e B sono mtrici qudrte di ordine. 9 Il prodotto fr le mtrici A = ; E B - e = > è l mtrice: A ; - E. - B ; E. - C ; E. 7 D ; E. 8 E non si può clcolre. Il determinnte dell mtrice A. D 8. B 9. E - 9. C -. H - > H è: Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

22 e in un mtrice qudrt si scmbino prim due righe e poi due colonne, che cos succede l determinnte? A Divent nullo. B Non cmbi. C Divent doppio del determinnte inizile. D Divent qudruplo del determinnte ini zile. E Non è possibile rispondere poiché non si conoscono le righe e le colonne che sono stte scmbite. Dte due generiche mtrici qudrte A e B dello stesso ordine, un sol delle seguenti uguglinze è fls. Qule? A det (A $ B) = det (B $ A) B det (A + B) = det A + det B C det A = det A D det (A ) = (det A) E det (A $ B) = det B $ det A - Clcol il determinnte del prodotto delle mtrici: -, - 8 ; E. [-] pieg il significto di «moltipliczione righe per colonne fr mtrici» e mostr, con un esempio numerico, che quest operzione non gode, in generle, dell proprietà commuttiv. Dte due mtrici A di tipo m# n e B di tipo p# q, che relzioni devono esserci fr m, n, p, q ffinché si possno definire si A$ B si B$ A? In tl cso, l moltipliczione è commuttiv? Fi un esempio. Clcol il determinnte delle seguenti mtrici > H [-] 9 - > H [] x 7 x + x + x x > H [-x ] > H [- ] > H [] x x x x x > H [x ] erific le seguenti uguglinze. - x y = 7 9 x - y = b c b c = b + c + - = - Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

23 Dte le mtrici - - A = -, B = -, C = > H > H > H, rispondi lle seguenti richieste. Clcol det(a + B + C). [- ] 7 Clcol det(a $ B $ C ). [ ] 8 Clcol det( B+ C) $ A. [] 9 Clcol det( A$ B- C). [] erific se det A = ( det A). [sì] erific se det A$ B = det B $ A. [sì] isolvi le seguenti equzioni. x x -7 = 8 [] x x = - x [- ] x- x- IEPILOGO Mtrici e determinnti Dte le mtrici A = - e B = - -, clcol le seguenti espressioni A + B; B - A. > A+ B = > H; B- A = > - HH A + B; -A + B. A+ B = ; - A+ B = - Dte le mtrici A = ; E, B, C, = ; E - = ; E clcol le seguenti espressioni > > H > HH 7 A$ ( B+ C) ; A$ B- C. ; A$ ( B+ C) = ; E; A$ B- C = ; EE Determin l mtrice nell equzione: ; E- = ; E. ;; EE ( A+ B) $ ( B- C) ; A$ B+ B$ C. ;( A+ B) $ ( B- C) = ; E; A$ B+ B $ C = ; - EE -8-9 Dte le mtrici A = ; - E, B = ; E, C = ; - E, verific queste proprietà: - ) (A $ B) $ C = A $ (B $ C); b) A $ (B + C) = A $ B + A $ C; c) (B + C) $ A = B $ A + C $ A; d) (A + B) $ C = A $ C + B $ C; e) C $ (A + B) = C $ A + C $ B. Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

24 Clcol il determinnte delle seguenti mtrici > H [ 8] > H [ ] 7 Clcol il determinnte del prodotto delle mtrici - e - ; E. [] 7 Dte le mtrici A = ; E, B = ; - Ee C = ; - E, - ) verific che A $ (B + C) = A $ B + A $ C; b) clcol il determinnte dell mtrice A e il determinnte dell mtrice D = B + C; c) verific che det A $ det D = det (A $ B + A $ C); d) se E = ; E, determin, se possibile, in modo tle che E $ (A $ B + A $ C) = (A $ B + A $ C) $ E. - - [b) det A = ; det D = 8; d) impossibile] 7 Dte le mtrici - A = > - H, B = > -H, C = > H, ) verific che A$ ( B+ C) = A$ B+ A$ C; b) clcol il determinnte dell mtrice A e il determinnte dell mtrice D = B+ C; c) verific che det A$ det D = det( A$ B+ A$ C) ; d) se E = > H, determin in modo tle che E$ ( A$ B+ A$ C) = ( A$ B+ A$ C) $ E. b) det A = ; det D =-7; d) 7 Let A = ; E, B = ; E, - - nd C = > H. ) Compute A+ Bnd A- B. b) Compute A$ C nd C$ A. (CAN University of New Brunswick, Mth est, ) - 7 If A = > - -H nd B = > - H, find A$ B nd B$ A, where possible. (CAN University of New Brunswick, Finl Exm, ) - A$ B = > ; B$ Anot possible 7 > H H A B ; A B ; 7 > ) + = - = ; E b) A$ C = ; E ; C$ A = - - > - HH Copyright Znichelli editore pa, Bologn [8 der]

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

Elementi di Calcolo Matriciale

Elementi di Calcolo Matriciale Corso di Lure in Disegno Industrile Corso di Metodi Numerici per il Design Lezione 7 Ottobre Elementi di Clcolo Mtricile F. Cliò Mtrici: Definizioni e Simbologi Lezione 7 Ottobre Elementi di Clcolo Mtricile

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

ESERCITAZIONE N.3 DETERMINANTI. il determinante di una matrice 1x1 è l elemento stesso det (a) = a. il determinante di una matrice 2x2 è :

ESERCITAZIONE N.3 DETERMINANTI. il determinante di una matrice 1x1 è l elemento stesso det (a) = a. il determinante di una matrice 2x2 è : DETERMINANTI ESERCITAZIONE N 5 mrzo Ad ogni mtrice qudrt coefficienti in R ( o C o un qulsisi K cmpo) è ssocito un numero rele che or definimo,detto det(a),(d(a)) determinnte di A il determinnte di un

Dettagli

Operazioni sulle Matrici

Operazioni sulle Matrici Corso di Lure in Disegno Industrile Corso di Metodi Numerici per il Design Lezione 9 Ottore Operzioni sulle Mtrici F. Cliò Addizione e Sottrzione Lezione 9 Ottore Operzioni sulle Mtrici Pgin Addizione

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni Sistemi di equzioni Definizione Un sistem è un insieme di equzioni che devono essere verificte contempornemente, cioè devono vere contempornemente le stesse soluzioni. Definimo grdo di un sistem il prodotto

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

Valore del parametro Tipo di Equazione Soluzioni Equazione di I grado x = 4. Equazione Spuria x 1 = 0 x 2 = 5 Equazione Completa con < 0

Valore del parametro Tipo di Equazione Soluzioni Equazione di I grado x = 4. Equazione Spuria x 1 = 0 x 2 = 5 Equazione Completa con < 0 Equzioni letterli di II grdo Un equzione letterle di II grdo è un equzione che contiene, oltre l letter che rppresent l incognit dell equzione, ltre lettere, dette prmetri, che rppresentno numeri ben determinti,

Dettagli

Il calcolo letterale

Il calcolo letterale Progetto Mtemtic in Rete Il clcolo letterle Finor imo studito gli insiemi numerici (espressioni numeriche). Ν, Ζ, Q, R ed operto con numeri In mtemtic però è molto importnte sper operre con le lettere

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

2 Numeri reali. M. Simonetta Bernabei & Horst Thaler

2 Numeri reali. M. Simonetta Bernabei & Horst Thaler 2 Numeri reli M. Simonett Bernei & Horst Thler Numeri interi positivi o Nturli 0 1 2 3 4 Con i numeri Nturli è sempre possiile fre l ddizione e l moltipliczione p.es.: 5+2 = 7; 3*4 = 12; m non sempre l

Dettagli

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali.

I radicali. Cos è un radicale? ESERCIZIO 2.1. Determina le C.E. dei seguenti radicali e delle seguenti espressioni contenenti radicali. I rdicli Cos è un rdicle? Il simbolo si chim rdicle e si legge rdice ennesim di. - n si chim indice dell rdice e deve essere un numero nturle mggiore di zero. Qundo l indice si sottintende e il rdicle

Dettagli

Rapporti e proporzioni numeriche

Rapporti e proporzioni numeriche Rpporti e proporzioni numeriche Rpporti. Per rpporto tr due numeri e b, di cui il secondo diverso d zero, s intende il quoziente estto dell divisione dei due numeri dti, cioè :b oppure /b. Ad esempio dire

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

MATRICI DETERMINANTI SISTEMI LINEARI TEORIA ED ESERCIZI

MATRICI DETERMINANTI SISTEMI LINEARI TEORIA ED ESERCIZI I PRTE LGEBR LINERE TEORI ED ESERCIZI DIPRTIMENTO DI GRRI FCOLT DI INGEGNERI DEI SISTEMI LOGISTICI E GRO- LIMENTRI LEZIONI DI GEOMETRI E LGEBR DISPENS MTRICI DETERMINNTI SISTEMI LINERI TEORI ED ESERCIZI

Dettagli

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato

CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016. Testo consigliato Università degli studi di Cgliri CORSO ANALISI MATEMATICA 1 A.A. 2015/2016 Docente: Monic Mrrs 1 Anlisi Mtemtic 1 Testo consiglito con elementi di geometri e lgebr linere. M. Brmnti, C.D. Pgni, S. Sls

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi

Equazioni di 2 grado. Definizioni Equazioni incomplete Equazione completa Relazioni tra i coefficienti della equazione e le sue soluzioni Esercizi Equzioni di grdo Definizioni Equzioni incomplete Equzione complet Relzioni tr i coefficienti dell equzione e le sue soluzioni Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Un equzione è: Un uguglinz

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI 1. Richimi di teori Con Z indichimo l insieme dei numeri reltivi. Comincimo con il ricordre l definizione di quoziente e resto dell divisione di due numeri in Z. Definizione

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

Matrici: Definizioni e Proprietà

Matrici: Definizioni e Proprietà Mtrici: Definizioni e Proprietà Alcune figure di questi ppunti riportno nei commenti esempi in linguggio MATLAB In tli esempi i crtteri di peso normle sono prodotti dl computer mentre i crtteri in grssetto

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze

24 y. 6. ( 5 A. 1 B. 5 4 C D. 50 Applicando le proprietà delle potenze Alunno/.. Alunno/ Pgin Esercitzione in preprzione ll PROVA d ESAME Buon Lvoro Prof.ss Elen Sper. Il piccolo fermcrte dell figur è relizzto nel seguente modo. Si prende un cubo di lto cm e su un fcci si

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio

fattibile con le tecniche elementari che imparerai in seguito. Ad esempio il polinomio Scomposizione di un polinomio in fttori Scomporre in fttori primi un polinomio signific esprimerlo come il prodotto di due più polinomi non più scomponibili Ad esempio 9 = ( 3) fttore 1 ( + 3) fttore +

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica

U.D. N 15 Funzioni e loro rappresentazione grafica 54 Unità Didttic N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic U.D. N 5 Funzioni e loro rppresentzione grfic ) Le coordinte crtesine ) L distnz tr due punti 3) Coordinte del punto medio di un segmento 4) Le

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

8. Matrice inversa 21 Risoluzione dei sistemi lineari con il metodo della matrice inversa, 24

8. Matrice inversa 21 Risoluzione dei sistemi lineari con il metodo della matrice inversa, 24 Indice Mtrici e sistemi lineri. Mtrici Trspost di un mtrice, Mtrice digonle e mtrice unità, Mtrici tringolri,. Operzioni con le mtrici Addizioni di mtrici, Moltipliczione per un numero, Prodotto tr mtrici,

Dettagli

Sistemi principali di normali ad una varietà giacenti nel suo o 2. Nota di

Sistemi principali di normali ad una varietà giacenti nel suo o 2. Nota di Sistemi principli di normli d un vrietà gicenti nel suo o 2. Not di Giuseppe Vitli Pdov. In un mio recente lvoro *) ho considerto, per ogni superficie il cui j si di 2 k dimensioni (k 2, 3), un sistem

Dettagli

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori

Richiami sui vettori. A.1 Segmenti orientati e vettori A Richimi sui vettori Richimimo lcune definizioni e proprietà dei vettori, senz ssolutmente pretendere di drne un trttzione mtemticmente complet. Lvoreremo sempre in uno spzio crtesino (euclideo) tre dimensioni,

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h )

Sezione Esercizi ; ; ; 1 4. f ) 13 + g ) , 100, 125; f ) 216; 8 27 ; ; e ) g ) 0; h ) Sezione Esercizi Esercizi Esercizi dei singoli prgrfi - Rdici Determin le seguenti rdici qudrte rzionli (qundo è possiile clcolrle) 00 l ) m ) n ) o ) 0,0 0,0 0,000 0, Determin le seguenti rdici qudrte

Dettagli

Lezione 1 Insiemi e numeri

Lezione 1 Insiemi e numeri Lezione Insiemi e numeri. Nozione di insieme, sottoinsieme, pprtenenz Con l prol insieme intendimo un collezione di oggetti detti suoi elementi. Ogni insieme è denotto con lettere miuscole e i suoi elementi

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Esercitazione di Matematica sulle equazioni di secondo grado (o ad esse riconducibili) nel campo reale

Esercitazione di Matematica sulle equazioni di secondo grado (o ad esse riconducibili) nel campo reale Esercitzione di Mtemtic sulle equzioni di secondo grdo (o d esse riconducibili) nel cmpo rele 1. Risolvere, nel cmpo rele, le seguenti equzioni di secondo grdo: () 81x 0; (b) (x 1) 7x ; (c) 7x x 0; (d)

Dettagli

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013

Risoluzione verifica di matematica 3C del 17/12/2013 Problem 1 Risoluzione verific di mtemtic C del 17/1/01 Si clcolno le intersezioni tr le rette generiche del fscio proprio y x y 1, risolvendo il sistem: x y 1 y mx Si ottengono i punti di coordinte espresse

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Radicali. Definizioni Variazioni di radicali Operazioni Razionalizzazione Radicali doppi Potenze con esponente razionale Esercizi

Radicali. Definizioni Variazioni di radicali Operazioni Razionalizzazione Radicali doppi Potenze con esponente razionale Esercizi Rdicli Definizioni Vrizioni di rdicli Operzioni Rzionlizzzione Rdicli doppi Potenze con esponente rzionle Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni n L espressione è comunemente dett rdice

Dettagli

Funzioni razionali fratte

Funzioni razionali fratte Funzioni rzionli frtte Per illustrre l medizione che AlNuSet fornisce per lo studio delle funzioni rzionli frtte, inizimo con il considerre l funzione f ( ) l vrire del prmetro. L su rppresentzione nell

Dettagli

Meccanica dei Solidi. Vettori

Meccanica dei Solidi. Vettori Meccnic dei Solidi Prof. Ing. Stefno Avers Università di Npoli Prthenope.. 2005-06 Lezione 2 Vettori Definizione: Un grndezz vettorile (o un vettore) è un grndezz fisic crtterizzt oltre che d un numero

Dettagli

Minimi quadrati e problemi di distanza minima

Minimi quadrati e problemi di distanza minima Minimi qudrti e problemi di distnz minim Considerimo un mtrice rettngolre B, con elementi b ij, i 1,..., n, j 1,..., m, con m < n (quindi, più righe che colonne. Voglimo risolvere il sistem linere (1 Bx

Dettagli

La parabola con asse parallelo all ady

La parabola con asse parallelo all ady L prbol con sse prllelo ll dy I Prbol con vertice nell origine degli ssi crtesini I disegni degli esercizi dll 1 l 3 dell sched di lbortorio, sono i seguenti: Quindi il segno del coefficiente di x determin

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Modulo o "valore assoluto" Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli

Modulo o valore assoluto Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli Modulo o "vlore ssoluto" Dto x definimo modulo o vlore ssoluto di x il numero rele positivo x se x 0 x = x se x < 0 Es. 5 è 5. 2.34 è 2.34 Dl punto di vist geometrico x rppresent l distnz di x d 0. x x

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

PRODOTTI NOTEVOLI. Esempi

PRODOTTI NOTEVOLI. Esempi PRODOTTI NOTEVOLI In lger ci sono delle regole per eseguire in modo più reve e più veloce l moltipliczione tr prticolri polinomi. Queste regole (o meglio formule si chimno prodotti notevoli. Anlizzimo

Dettagli

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata . Teoremi per eseguire operzioni con i iti in form determint Vedimo dunque i teoremi che consentono il clcolo dei iti, ttrverso i quli si riconducono le situzioni rticolte semplici operzioni lgebriche

Dettagli

Nello studio della meccanica si incontrano due principali categorie di grandezze: scalari e vettori. Cosa distingue queste quantita?

Nello studio della meccanica si incontrano due principali categorie di grandezze: scalari e vettori. Cosa distingue queste quantita? Vettori e sclri Nello studio dell meccnic si incontrno due principli ctegorie di grndezze: sclri e vettori. Cos distingue queste quntit? Domenic sono ndto in iciclett per due ore L informzione sul tempo

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

Corso di Analisi: Algebra di Base. 4^ Lezione. Radicali. Proprietà dei radicali. Equazioni irrazionali. Disequazioni irrazionali. Allegato Esercizi.

Corso di Analisi: Algebra di Base. 4^ Lezione. Radicali. Proprietà dei radicali. Equazioni irrazionali. Disequazioni irrazionali. Allegato Esercizi. Corso di Anlisi: Algebr di Bse ^ Lezione Rdicli. Proprietà dei rdicli. Equzioni irrzionli. Disequzioni irrzionli. Allegto Esercizi. RADICALI : Considerto un numero rele ed un numero intero positivo n,

Dettagli

Anno 2. Potenze di un radicale e razionalizzazione

Anno 2. Potenze di un radicale e razionalizzazione Anno Potenze di un rdicle e rzionlizzzione Introduzione In quest lezione impreri utilizzre le ultime due tipologie di operzioni sui rdicli, cioè l potenz di un rdicle e l rdice di un rdicle. Successivmente

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Algebra matriciale a.a. 2007/2008 Nicolò Macciotta. Università degli studi di Sassari - Facoltà di Agraria

Algebra matriciale a.a. 2007/2008 Nicolò Macciotta. Università degli studi di Sassari - Facoltà di Agraria Algebr mtricile.. / Nicolò Mcciott Università degli studi di Sssri - Fcoltà di Agrri Corso di Lure Specilistic in PRODUZIONI ANIMALI IN AMBIENTE MEDITERRANEO Scuol di Dottorto di Ricerc in SCIENZE DEI

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

La parabola LA PARABOLA È IL LUOGO DEI PUNTI DEL PIANO EQUIDI- STANTI DA UN PUNTO DETTO FUOCO E DA UNA RETTA CHE NON LO CONTIENE DETTA DIRETTRICE.

La parabola LA PARABOLA È IL LUOGO DEI PUNTI DEL PIANO EQUIDI- STANTI DA UN PUNTO DETTO FUOCO E DA UNA RETTA CHE NON LO CONTIENE DETTA DIRETTRICE. L prol In figur è trccito il grfico di un prol con sse di simmetri verticle. Si vede suito dl grfico ce: l curv è simmetric rispetto l suo sse di simmetri il suo punto più in sso è il vertice il vertice

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche.

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche. Lezione Prerequisiti: Lezioni 8,. Risoluzione delle equzioni lgebriche. Si F un cmpo, e si K un chiusur lgebric di F. Si f ( ) F[ ] non costnte. Studimo i metodi di risoluzione per l equzione f ( ) = 0,

Dettagli

Sistemi lineari Sistemi lineari quadrati

Sistemi lineari Sistemi lineari quadrati Sistemi lineri Sistemi lineri qudrti Definizione e crtteristiche di sistem qudrto (/) Dti un mtrice qudrt A(n n) ed un vettore (colonn) b d n componenti; Determinimo in modo tle che: A b Quest relzione

Dettagli

LE FRAZIONI ALGEBRICHE

LE FRAZIONI ALGEBRICHE LE FRAZIONI ALGEBRICHE 9 Per ricordre H Un frzione lgebric eá un frzione che h l numertore e l denomintore dei polinomi; ess h quindi significto per tutti i vlori reli delle lettere che in ess compiono

Dettagli

Cap. 5. Rappresentazioni grafiche di modelli

Cap. 5. Rappresentazioni grafiche di modelli 5.1 Schemi strutturli e schemi funzionli Cp. 5 Rppresentzioni grfiche di modelli Nello studio dei sistemi vengono usulmente impiegte rppresentzioni grfiche convenzionli, denominte schemi. Questi ultimi

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

E U Q A U Z A I Z O I N O I N DI SE S C E O C N O DO

E U Q A U Z A I Z O I N O I N DI SE S C E O C N O DO EQUAZIONI DI ECONDO GRADO Riepilogo delle soluzioni in bse l segno di < φ : b > : b b Prof I voi, EQUAZIONI DI ECONDO GRADO EQUAZIONI PURE DI ECONDO GRADO : EEMPI ) ) ) 7 7 ) > φ (impossibile) ) impossibil

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classe I H

Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri. Classe I H Istituto Professionle di Stto per l Industri e l Artiginto Gincrlo Vlluri Clsse I H ALUNNO CLASSE Ulteriore ripsso e recupero nche nei siti www.vlluricrpi.it (dip. mtemtic recupero). In vcnz si può trovre

Dettagli

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree

Integrale definito. Introduzione: il problema delle aree Integrle definito Introduzione: il prolem delle ree Il prolem delle ree è uno dei tre grndi prolemi che ci sono stti trmndti dgli ntichi, che lo definivno come il prolem dell qudrtur del cerchio: trovre,

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accdemico 07/8 Diprtimento di Scienze Mtemtic, Informtiche e Fisiche Corsi di Lure in Informtic e in IBW Esercizi di Anlisi Mtemtic Esercizi del 7 ottobre 07. Nell

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

MD3 Disequazioni di primo grado ad una sola incognita

MD3 Disequazioni di primo grado ad una sola incognita MD3 Disequzioni di primo grdo d un sol incognit Introduzione Gli intervlli [; ] [; [ ]; ] ]; [ [; + [ ]; + [ x x < < x < x < x x > [ ] [ [ ] ] ] [ [. ]. ] ; ] x ] ; [ x < - ] - [ Qulche esempio [ 2; 4]

Dettagli

Introduzione all algebra

Introduzione all algebra Introduzione ll lgebr E. Modic ersmo@glois.it Liceo Scientifico Sttle S. Cnnizzro Corso P.O.N. Modelli mtemtici e reltà A.S. 2010/2011 Premess Codificre e Decodificre Nell vit quotidin ci cpit spesso di

Dettagli

Principi di economia Microeconomia. Esercitazione 3. Teoria del Consumatore

Principi di economia Microeconomia. Esercitazione 3. Teoria del Consumatore Principi di economi Microeconomi Esercitzione 3 Teori del Consumtore Novembre 1 1. Considerimo uno studente indifferente tr il consumo di penne nere (x n ) e blu (x b ), e che cquist ogni nno un pniere

Dettagli

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z

Controlli Automatici. Trasformate L e Z e schemi a blocchi. Esercizi sulle trasformate L e Z Controlli Automtici Trsformte L e Z e schemi blocchi Esercizi sulle trsformte L e Z Esercizi sulle trsformte L e Z Proposte di esercizi e soluzioni in tempo rele trsformt L di y(t) dt trsformt Z di y(i)

Dettagli

Equazioni e disequazioni logaritmiche ed esponenziali. Sintesi delle teoria e guida alla risoluzione di esercizi

Equazioni e disequazioni logaritmiche ed esponenziali. Sintesi delle teoria e guida alla risoluzione di esercizi Equzioni e disequzioni rimiche ed esponenzili Sinesi delle eori e guid ll risoluzione di esercizi Esponenzile Definizione: si definisce funzione esponenzile, con come vlori l qunià elev ll poenz. è l rgomeno

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli