2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale"

Transcript

1 2010 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

2 Preambolo Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri allo scopo di conservare e promuovere l elevata qualità della gestione patrimoniale svizzera nonché la sua reputazione in Svizzera e all estero. I clienti che affidano il loro denaro a banche svizzere devono essere certi che esso venga gestito in modo professionale e nel loro interesse, anche quando non impartiscono alle banche altre istruzioni precise ma si limitano a indicare un obiettivo generale. Le direttive sono da considerarsi regole di condotta professionale e non hanno un influsso diretto sul rapporto giuridico tra le banche e i loro clienti. Questo rapporto si basa sulle norme di legge (in particolare art. 394 e segg. del diritto obbligazionario) e sulle disposizioni contrattuali stipulate tra la banca e il cliente (p.es. mandato di gestione patrimoniale, condizioni generali delle banche ecc.). I. Principi 1. Con il mandato di gestione patrimoniale il cliente autorizza la banca a compiere tutti gli atti ritenuti utili alla gestione del deposito nell ambito delle operazioni bancarie ordinarie. La banca esercita il mandato secondo scienza e coscienza e tenendo conto della situazione personale del cliente, nella misura in cui può esserne a conoscenza. La banca agisce discrezionalmente nell ambito degli obiettivi d investimento stabiliti con il cliente e tenendo conto di eventuali istruzioni specifiche impartite dal cliente. Il mandato di gestione patrimoniale conferisce alla banca il diritto di procedere a delle modifiche negli investimenti; non la autorizza per contro a ritirare gli attivi. All inizio della relazione contrattuale la banca informa il cliente sul contenuto del mandato di gestione. Essa discute in contatto diretto con il cliente gli obiettivi dell investimento e li annota. Al fine di raggiungere questi obiettivi, la banca stabilisce a sua discrezione una politica d investimento appropriata. La banca può definire una politica 2 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

3 d investimento valida per tutti i suoi clienti, per determinati gruppi di clienti o per ogni singolo cliente. La banca si impegna ad esercitare con cura il mandato di gestione patrimoniale a essa conferito, in modo da preservare gli interessi legittimi del cliente. Qualora il cliente impartisca alla banca istruzioni particolari (permanenti o riferite a singole transazioni) le presenti direttive hanno carattere sussidiario. Le istruzioni permanenti e le loro successive modifiche devono essere annotate per iscritto dalla banca. Le altre istruzioni devono essere registrate in forma adeguata. La banca informa il cliente qualora l esecuzione di istruzioni particolari comportasse dei rischi specifici legati alla natura dell operazione. 2. Il mandato di gestione patrimoniale è conferito nella forma scritta su un formulario della banca, debitamente firmato dal cliente. Non basta che il cliente incarichi verbalmente un funzionario della banca di gestire al meglio il suo portafoglio. È altresì insufficiente un promemoria di una visita del cliente nel quale questi esprime l intenzione di affidare alla banca la gestione del suo patrimonio. Con la firma del mandato di gestione patrimoniale il cliente autorizza la banca a effettuare entro i limiti degli obiettivi d investimento tutti gli investimenti ammessi in base alle presenti direttive, senza che si rendano necessari ulteriori accordi circa determinate condizioni operative o caratteristiche di rischio o di guadagno degli investimenti. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

4 3. La banca assicura che i collaboratori designati ad amministrare il mandato di gestione patrimoniale lo esercitano conformemente alle presenti direttive e ad eventuali istruzioni interne, nonché nell ambito della politica d investimento in vigore in quel momento. Questa disposizione delimita chiaramente le responsabilità legate all attività di gestione: il mandato di gestione patrimoniale viene conferito alla banca stessa e non a un organo direttivo della banca o personalmente a un suo collaboratore. Ciò non è in contraddizione con il principio di un assistenza individuale da parte dei consulenti d investimento. 4. Una banca che accetta mandati di gestione patrimoniale deve disporre di un organizzazione professionale e adeguata all importanza dell istituto. Essa adotta misure adeguate per evitare che insorgano conflitti d interesse tra la banca stessa e i suoi clienti o tra i suoi collaboratori e i suoi clienti. Qualora non si possano evitare tali conflitti d interesse, la banca deve fare in modo che questi non pregiudichino gli interessi dei propri clienti. Se non è comunque possibile evitare di ledere gli interessi dei propri clienti, questi ultimi devono esserne avvisati dalla banca. La banca designa gli organi ed i collaboratori responsabili della formulazione della politica d investimento, dell esercizio della gestione patrimoniale e del controllo. Essi devono disporre delle conoscenze specifiche necessarie. Un organizzazione adeguata implica la separazione dei dipendenti addetti alla gestione patrimoniale e alla politica d investimento da quelli preposti agli estratti ordinari dei conti e dei depositi del cliente. Onde evitare conflitti d interesse si applica la regola adeguata al presente contesto in uso anche nel commercio di valori mobiliari, (art. 8 cpv. 2 delle Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari). 4 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

5 La banca si astiene dal riallocare di propria iniziativa il portafoglio del cliente senza che ciò sia nell interesse di quest ultimo e all unico scopo di accrescere i propri ricavi da provvigioni («churning»). 5. Il cliente riceve gli estratti dei conti e dei depositi secondo quanto convenuto per permetterne la verifica. Questa disposizione vuole evitare che il cliente che ha solo contatti sporadici con la banca rimanga all oscuro delle operazioni effettuate per suo conto. 6. Gli organi di controllo interni della banca devono verificare periodicamente l osservanza delle presenti direttive. La verifica concerne l applicazione delle presenti disposizioni ed eventuali istruzioni interne, ma non la selezione degli investimenti. II. L esecuzione del mandato 7. Il patrimonio amministrato deve essere sorvegliato regolarmente nell ambito del mandato di gestione patrimoniale. La banca è tenuta a selezionare con cura gli investimenti che intende effettuare per il cliente. Nella selezione dei titoli la banca deve basarsi su fonti d informazione attendibili. Essa controlla regolarmente gli investimenti effettuati. Per contro non può essere resa responsabile di una perdita di valore subita successivamente da un investimento selezionato con cura. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

6 8. Il mandato di gestione patrimoniale è limitato agli strumenti d investimento bancari ordinari. Per strumenti d investimento bancari ordinari ai sensi delle presenti direttive si intendono in particolare gli investimenti in depositi vincolati e fiduciari, metalli preziosi, collocamenti sui mercati monetari e dei capitali sotto forma di carte valori o diritti valori (ad es. azioni, obbligazioni, «notes», crediti contabili) e di strumenti finanziari da essi derivati et loro combinazioni (derivati, prodotti ibridi, ecc.) nonché fondi d'investimento, società d investimento e altri strumenti d investimento collettivo (quote di fondi d investimento, portafogli collettivi interni della banca, Unit Trusts ecc.). Per quanto concerne le società d investimento e gli strumenti d investimento collettivo ciò presuppone tuttavia che essi investano, a loro volta, in strumenti d investimento bancari ordinari o in immobili. Nel settore dei derivati purché essi siano ammessi nell ambito del mandato di gestione patrimoniale e delle presenti direttive la banca adotta misure adeguate per un impiego accurato e competente degli stessi. I metalli non preziosi e le materie prime possono essere inseriti nel portafoglio complessivo sotto forma di investimento collettivo, derivato, indice o prodotto strutturato a scopo di diversificazione. Per gli strumenti che prevedono la consegna fisica di metalli non preziosi o materie prime, la banca deve fare in modo che non venga effettuata la consegna fisica al cliente. Gli investimenti non tradizionali («hedge funds», «private equity» e immobili), gli strumenti che ne derivano e le relative combinazioni sono considerati come operazioni ordinarie qualora le condizioni dell art. 12 siano adempiute. Il «securities lending» è ammesso alle seguenti condizioni: quando la banca funge da «agent», cioè da fiduciaria, deve tenere in debito conto il rischio di controparte, effettuando prestiti di titoli 6 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

7 contro garanzia (collaterali) o limitando la selezione a controparti di prim ordine; quando la banca agisce quale «principal», vale a dire a proprio nome e per proprio conto, deve osservare il principio della ripartizione dei rischi tenendo conto degli altri investimenti effettuati (cfr. art. 9). Per operazioni non ordinarie ai sensi delle presenti direttive si intendono tutti gli investimenti diretti in immobili, metalli non preziosie materie primenonché in prodotti o indici da essi derivati, ammesso che i cpv. 2 e 4 del commento a questo articolo non autorizzino espressamente tali investimenti. Per le transazioni non autorizzate dalle presenti direttive occorrono istruzioni specifiche del cliente, ai sensi del cpv. 3 del commento alla cifra 1. Inoltre, il mandato di gestione patrimoniale non conferisce il diritto di concedere un prestito di natura commerciale per conto del cliente. 9. La banca è tenuta a evitare una concentrazione eccessiva di grandi rischi in un numero limitato di investimenti. La banca provvede a un adeguata ripartizione dei rischi attraverso una sufficiente diversificazione degli investimenti. 10. Gli investimenti si limitano a strumenti facilmente negoziabili. Gli investimenti in strumenti emessi da società costituite o controllate direttamente o indirettamente dalla banca sono ammessi unicamente se si tratta di strumenti usuali aperti al pubblico. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

8 Il criterio della facile negoziabilità è la quotazione in borsa o l esistenza di un mercato rappresentativo per quel determinato valore. In misura limitata possono derogare a questa regola: I valori con mercato ristretto, ma riconosciuti e ampiamente diffusi tra gli investitori, come per es. le obbligazioni di cassa; I prodotti «over the counter» (OTC). Quest ultima eccezione è ammessa solo se l emittente è solvibile e se sono disponibili quotazioni conformi alle condizioni di mercato. Alla facile negoziabilità è equiparata, nel caso di strumenti d investimento collettivo, un adeguata possibilità di disdetta da parte dell investitore ai sensi del diritto sui fondi d investimento (art. 25 OFI). Ai sensi della cifra 10 cpv. 2, sono esclusi gli strumenti d'investimento collettivo e le società d'investimento. 11. In virtù del mandato di gestione patrimoniale i conti gestiti non possono essere resi debitori né potenzialmente debitori. La banca non è autorizzata a effettuare operazioni di credito o simili senza istruzioni specifiche del cliente, nemmeno quando sono rispettati i margini di sicurezza fissati da direttive bancarie interne. Questa disposizione non si applica a sorpassi provvisori coperti a breve termine da redditi o rimborsi di obbligazioni o che risultano da sfasamenti di valuta nelle operazioni di arbitraggio. 8 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

9 12. Investimenti non tradizionali Per la diversificazione dell insieme del portafoglio possono essere effettuati investimenti non tradizionali qualora essi siano strutturati secondo il principio «Fund of Funds» od offrano altrimenti garanzia di una diversificazione equivalente e la facile negoziabilità ai sensi dell art. 10. Per investimenti non tradizionali si intendono gli «hedge funds», il «private equity» e gli immobili. Questi tipi di investimento non si limitano necessariamente agli strumenti bancari usuali o facilmente negoziabili. In base al principio «Fund of Funds» l investimento del fondo avviene in più strumenti d'investimento collettivo giuridicamente indipendenti. Una diversificazione equivalente a questo principio è data quando l investimento è concentrato in un unico strumento collettivo ma è gestito secondo il principio «Multi Manager» (gestione del fondo tramite più manager che lavorano indipendentemente l uno dall altro). Il ricorso a investimenti non tradizionali deve essere conforme alla politica d investimento della banca. La banca adotta misure adeguate per una loro messa in atto diligente e professionale. La cifra 10 cpv. 2 non può essere applicata a investimenti non tradizionali. 13. Le operazioni in opzioni standardizzate («traded options») sono consentite a condizione che non abbiano un effetto leva sul portafoglio complessivo e che rispettino la politica d investimento della banca. Per le operazioni in opzioni non standardizzate (p.es. opzioni OTC, «warrants», opzioni «stillhalter», ecc.) valgono gli stessi principi. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

10 Le operazioni «stillhalter» (blocco di titoli del cliente a copertura di opzioni emesse dalla banca o da terzi) possono essere effettuate solo dietro espressa autorizzazione del cliente. Ai sensi delle presenti direttive sono considerate «standardizzate» le operazioni in opzioni effettuate su prodotti uniformati, negoziate su un mercato organizzato ed eseguite tramite una stanza di compensazione (clearing) riconosciuta che assicuri l adempimento dei contratti di opzione. Una vendita di call e put «non esercita un effetto leva sul portafoglio complessivo», ai sensi della presente direttiva, quando nel portafoglio figurano: per la vendita e la sottoscrizione di call una posizione corrispondente in attivi di base; oppure nel caso di opzioni su indici di borsa, tassi d interesse, metalli non preziosi o materie prime una posizione equivalente in valori che rappresentano in misura sufficiente gli attivi di base; per la vendita e la sottoscrizione di put, una liquidità che permetta di far fronte ad ogni momento agli obblighi che derivano dal contratto. Nell acquisto di call e put la banca deve verificare che la composizione del portafoglio rispetti la sua politica d investimento anche dopo un eventuale esercizio delle opzioni e che non ne risulti nessuna posizione debitoria (acquisto di call) rispettivamente nessuna vendita allo scoperto dei valori sottostanti (acquisto di put). La chiusura di posizioni aperte call e put è ammessa in ogni momento. Ogni strumento attuale o futuro che non ricade sotto la definizione di «traded option» è sottoposto per analogia alla presente direttiva. 10 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

11 14. I «financial futures» possono essere impiegatinell ambito della politica d investimento nel seguente modo: Per la vendita di «financial futures» è richiesta una posizione equivalente in attivi di base. Se si tratta di «futures» su indici di borsa, divise, tassi d interesse, metalli non preziosi o materie prime, basta che gli attivi di base siano sufficientemente rappresentati. Per l acquisto di «financial futures» la liquidità necessaria deve essere disponibile per intero già al momento dell acquisto. Per operazioni a termine non standardizzate valgono gli stessi principi. Per la vendita di «futures» su divise la posizione in attivi di base può comprendere in particolare anche investimenti espressi nella stessa divisa. III. Remunerazione della banca 15. La banca definisce nel mandato di gestione patrimoniale (v. cifra 2), in un relativo allegato o in un accordo separato il genere, le modalità e le componenti della sua remunerazione. Viene in pratica definito ciò che il cliente deve alla banca per la gestione del proprio patrimonio e per i servizi ad essa connessi. Ai fini della definizione della remunerazione della banca, il contratto firmato dal cliente può rimandare a un allegato, a una tariffa o a delle condizioni generali. Questi non devono essere firmati. Si può anche stipulare un accordo separato con il cliente. Le modifiche devono essere comunicate al cliente in maniera adeguata. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

12 16. Il mandato di gestione patrimoniale, il relativo allegato o le condizioni generali della banca stabiliscono a chi spettano eventuali prestazioni di terzi corrisposte alla banca in virtù del mandato di gestione patrimoniale o nell ambito della sua esecuzione. La banca attira l attenzione dei clienti sui conflitti d interesse che possono derivare dall accettazione di prestazioni di terzi (v. cifra 4). Per l eventuale diritto del cliente alla restituzione delle prestazioni corrisposte da terzi alla banca sono determinanti l art. 400 cpv. 1 del Codice delle obbligazioni (CO) e la relativa clausola contrattuale. Conformemente alla giurisprudenza del tribunale federale, nell art. 400 cpv. 1 CO rientrano le prestazioni intrinsecamente correlate al mandato conferito. Salvo diversa clausola contrattuale, esse sottostanno all obbligo di trasferimento al cliente. Viceversa, conformemente alla, le prestazioni che la banca riceve unicamente nell ambito dell esecuzione del mandato non rientrano nell art. 400 cpv. 1 CO e non sottostanno all obbligo di trasferimento al cliente. 17. La banca informa i propri clienti sui parametri di calcolo o sull ampiezza delle prestazioni che riceve o che potrebbe ricevere da terzi. A tale scopo può raggruppare i singoli prodotti in varie classi. La banca può fornire indicazioni sul calcolo o sull ampiezza riferendosi ai singoli prodotti o a classi di prodotti. In linea di massima è libera di definire le classi di prodotti. L obbligo di informazione della banca è di natura generale e riguarda le relative prestazioni che le verranno o potrebbero venire corrisposte in futuro. Tale informazione può ad esempio essere fornita tramite fact sheet, su estratti di deposito o in Internet. 12 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB 2010

13 18. Su richiesta, in singoli casi la banca rende inoltre noto ai clienti l ammontare delle prestazioni già percepite da terzi se queste possono essere attribuite in maniera inequivocabile e poco dispendiosa alla singola relazione del cliente. Sottostanno all obbligo di informazione le indennità percepite da terzi intrinsecamente correlate al mandato conferito. Ciò è già previsto dall art. 400 cpv. 1 CO. Devono essere rese note anche le altre indennità percepite da terzi se possono essere attribuite in maniera inequivocabile e poco dispendiosa alla singola relazione del cliente. Questo obbligo di informazione può essere sancito contrattualmente in maniera più specifica ai sensi della cifra 16 e nel quadro dell'art. 400 CO. Il metodo e la periodicità dei rendiconti vengono definiti conformemente all accordo con il cliente. L informazione può eventualmente avvenire tramite la comunicazione di valori approssimativi o per mezzo di conteggi alla data di riferimento o in entrambi i modi. La possibilità di un rendiconto successivo delle prestazioni di terzi va distinta da quella di un eventuale restituzione. Per quanto riguarda la restituzione delle prestazioni fa testo la clausola contrattuale (v. cifra 16). IV. Disposizione finale 19. Le modifiche alla cifra 14 delle presenti direttive entrano in vigore con effetto immediato, mentre le nuove cifre il 1 gennaio Fatto salvo l art. 400 CO, la cifra 18 si applica solo alle transazioni avvenute dopo l entrata in vigore della presente disposizione. Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale ASB

14 Associazione Svizzera dei Banchieri Aeschenplatz 7 Casella postale 4182 CH-4002 Basilea T F

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale

Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Dicembre 2013 Direttive concernenti il mandato di gestione patrimoniale Preambolo 1. Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri

Dettagli

2011 / 3 Direttive sugli investimenti fiduciari

2011 / 3 Direttive sugli investimenti fiduciari 2011 / 3 Direttive sugli investimenti fiduciari Preambolo Le seguenti direttive sono state adottate dal Consiglio di amministrazione dell Associazione svizzera dei banchieri allo scopo di conservare e

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

MANDATO D AMMINISTRAZIONE. «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» ("il Mandante") EXTRAFID SA, Lugano ("il Gestore").

MANDATO D AMMINISTRAZIONE. «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» (il Mandante) EXTRAFID SA, Lugano (il Gestore). MANDATO D AMMINISTRAZIONE conferito da «Cognome_e_Nome_1» «Tipo» «Cognome_e_Nome_2» ("il Mandante") a EXTRAFID SA, Lugano ("il Gestore"). 1. Con il presente Mandato il Mandante conferisce al Gestore l

Dettagli

DIRETTIVA 14 : CODICE DI DEONTOLOGIA RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GESTORE INDIPENDENTE DI PATRIMONI

DIRETTIVA 14 : CODICE DI DEONTOLOGIA RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GESTORE INDIPENDENTE DI PATRIMONI 1 DIRETTIVA 14 : CODICE DI DEONTOLOGIA RELATIVO ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GESTORE INDIPENDENTE DI PATRIMONI Art. 1 Preambolo Allo scopo di salvaguardare e accrescere la reputazione professionale

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Codice deontologico svizzero per l esercizio della gestione indipendente di patrimoni

Codice deontologico svizzero per l esercizio della gestione indipendente di patrimoni Codice deontologico svizzero per l esercizio della gestione indipendente di patrimoni Approvato par la FINMA il 6 dicembre 2013 - Entrata in vigore lo 1 gennaio 2014 Codice deontologico svizzero Contenuto

Dettagli

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Questo testo è una versione provvisoria. Solo la versione che sarà pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali (www.admin.ch > Diritto federale > Raccolta ufficiale) fa fede. Ordinanza dell

Dettagli

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza FINMA sugli investimenti collettivi, OICol-FINMA) del 27 agosto 2014 (Stato 1 gennaio

Dettagli

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA MAGGIO 2012 BSI SA (di seguito BSI o Banca ) al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza dei servizi e prodotti offerti

Dettagli

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari

Luglio 2014 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Luglio Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Sommario Introduzione... 2 1. Ambito di applicazione... 3 2. Requisiti minimi... 3 2.1 Mezzi propri... 3 2.2 Ammortamento...

Dettagli

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (OPP 2) Modifica del 19 settembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 18 aprile 1984 1 sulla

Dettagli

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale

951.312 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza FINMA sugli investimenti collettivi, OICol-FINMA) 1 del 21 dicembre 2006 (Stato

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa Circ.-CFB 04/3 Obbligo di dichiarazione Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa (Obbligo di dichiarazione) del 19 agosto 2004 (Ultima

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Relative alla gestione degli averi senza notizie (conti, depositi e cassette di sicurezza) presso le banche svizzere (sostituiscono le Direttive dell

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DI ETICA PROFESSIONALE DELLA ASSOCIAZIONE SVIZZERA DEI CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI, A.S.C.F.I.

REGOLAMENTO REGOLE DI ETICA PROFESSIONALE DELLA ASSOCIAZIONE SVIZZERA DEI CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI, A.S.C.F.I. REGOLAMENTO REGOLE DI ETICA PROFESSIONALE DELLA ASSOCIAZIONE SVIZZERA DEI CONSULENTI FINANZIARI INDIPENDENTI, A.S.C.F.I. Visto l'art.20 cpv. 2 lett. d) dello Statuto dell' A.S.C.F.I., il Consiglio dell'a.s.c.f.i

Dettagli

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992)

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992) AMMINISTRAZIONE FEDERALE DELLE CONTRIBUZIONI Divisione principale tasse di bollo e imposta preventiva I N D I C E Promemoria Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali

Dettagli

Giugno 2012 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari

Giugno 2012 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Giugno 2012 Direttive concernenti i requisiti minimi per i finanziamenti ipotecari Sommario Introduzione... 2 1. Ambito di applicazione... 3 2. Requisiti minimi... 3 2.1 Mezzi propri... 3 2.2 Ammortamento...

Dettagli

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria (OAIF) 955.071 del 18 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

PolyReg Associazione Generale di Autodisciplina. Codice deontologico

PolyReg Associazione Generale di Autodisciplina. Codice deontologico PolyReg Associazione Generale di Autodisciplina Codice deontologico < 1 Scopo del codice deontologico A. Disposizioni generali Questo codice deontologico ai sensi dell art. 6 cpv. 2 OICol concretizza gli

Dettagli

Luglio 2014 Direttive per la verifica, la valutazione e la gestione di crediti garantiti da pegno immobiliare

Luglio 2014 Direttive per la verifica, la valutazione e la gestione di crediti garantiti da pegno immobiliare Luglio 2014 Direttive per la verifica, la valutazione e la gestione di crediti garantiti da pegno immobiliare Sommario Introduzione... 2 1. Principi per l'allestimento di norme bancarie interne... 3 2.

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Regolamento in materia d'investimenti. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 aprile 2015

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Regolamento in materia d'investimenti. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 aprile 2015 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Regolamento in materia d'investimenti Entrata in vigore: 1 aprile 2015 web1497

Dettagli

Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari

Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari Rischi particolari nel commercio di valori mobiliari Questo opuscolo dell'associazione svizzera dei banchieri (ASB) vi informa sulle operazioni bancarie e sugli investimenti che comportano dei rischi particolari.

Dettagli

954.193 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari

954.193 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza FINMA sulle borse, OBVM-FINMA) del 25 ottobre 2008 (Stato 1 maggio 2013) L

Dettagli

Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati

Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati Decisioni del Consiglio nazionale del 17.6.2015 Proposta della Commissione del Consiglio degli Stati del 17.6.2015: adesione Legge federale sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento

Dettagli

2014 Direttive relative al trattamento degli averi senza contatti e degli averi non rivendicati presso le banche svizzere (Direttive Narilo)

2014 Direttive relative al trattamento degli averi senza contatti e degli averi non rivendicati presso le banche svizzere (Direttive Narilo) 2014 Direttive relative al trattamento degli averi senza contatti e degli averi non rivendicati presso le banche svizzere (Direttive Narilo) 1 Le presenti Direttive hanno un duplice scopo: consentire,

Dettagli

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0])

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0]) Le domande più frequenti (FAQ) Garanzie dei depositi Applicazione delle disposizioni legali e normative (Aggiornato al 27 luglio 2012) A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

1. Capitolo Obiettivi e principi 3. Art. 1 Obiettivi 3 Art. 2 Basi 3 Art. 3 Principi generali 4. 2. Capitolo Organizzazione e responsibilità 4

1. Capitolo Obiettivi e principi 3. Art. 1 Obiettivi 3 Art. 2 Basi 3 Art. 3 Principi generali 4. 2. Capitolo Organizzazione e responsibilità 4 REGOLAMENTO DI INVESTIMENTO DELLA CASSA PENSIONI DELLA CONFEDERAZIONE PUBLICA (REGOLAMENTO DI INVESTIMENTO PUBLICA) del 5 aprile 00 (stato 8 ottobre 0) Regolamento di investimento PUBLICA del 5 aprile

Dettagli

Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a

Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a Regolamento J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a Agosto 2015 Regolamento Regolamento In base dell art. 8 dello statuto della J. Safra Sarasin Fondazione pilastro 3a (qui di seguito chiamata Fondazione),

Dettagli

Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro

Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro validi dal 18.04.2013 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817 70 10 f + 41 41 817 70 15 pkpro.ch Indice

Dettagli

Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300

Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300 Tariffe Servizi di Base Tariffa di base 0.20% p.a. Minimo trimestrale per portafoglio CHF 300 Include spese di tenuta conto (estratti bancari, valutazioni patrimoniali e spese di registrazione). La tariffa

Dettagli

Codice delle obbligazioni

Codice delle obbligazioni Progetto della Commissione di redazione per il voto finale (Retribuzioni nelle società quotate in borsa e altre modifiche del diritto della società anonima) Modifica del 16 marzo 2012 L Assemblea federale

Dettagli

Averi non rivendicati

Averi non rivendicati Giugno 2015 Averi non rivendicati Un informazione dell Associazione svizzera dei banchieri Introduzione Accade talvolta che i rapporti dei clienti con la banca si interrompano e che, pertanto, gli averi

Dettagli

Informazioni per i clienti e Condizioni generali d affari (CGA) Helvetia Piano di versamento. Previdenza libera (pilastro 3b) Edizione maggio 2014

Informazioni per i clienti e Condizioni generali d affari (CGA) Helvetia Piano di versamento. Previdenza libera (pilastro 3b) Edizione maggio 2014 Informazioni per i clienti e Condizioni generali d affari (CGA) Helvetia Piano di versamento Previdenza libera (pilastro 3b) Edizione maggio 2014 La Sua Assicurazione svizzera. Premessa Gentile cliente,

Dettagli

FAQ Legge sul collocamento (LC)

FAQ Legge sul collocamento (LC) Berna, 1 marzo 2012 FAQ Legge sul collocamento (LC) N. Domanda Risposta 1. Qual è la differenza fra il collocamento privato e la fornitura di personale a prestito? Collocamento privato È considerato collocatore

Dettagli

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 e-parl 01.02.2012 07:16 (Retribuzioni nelle società quotate in

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

CREDIT SUISSE EQUITY FUND MANAGEMENT COMPANY

CREDIT SUISSE EQUITY FUND MANAGEMENT COMPANY CREDIT SUISSE EQUITY FUND MANAGEMENT COMPANY société anonyme 5, rue Jean Monnet Lussemburgo R.C. Lussemburgo B 44 867 Si riporta di seguito il regolamento di gestione di Credit Suisse Equity Fund (Lux),

Dettagli

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008)

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008) Circ.-CFB 96/4 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Pagina Circolare della Commissione federale delle banche: Accettazione a titolo professionale di depositi del pubblico da parte di istituti

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE. Woodpecker Capital 1) IL FONDO

REGOLAMENTO DI GESTIONE. Woodpecker Capital 1) IL FONDO Il presente Regolamento di Gestione di Woodpecker Capital è traduzione fedele in lingua italiana dell ultimo Regolamento di Gestione approvato dalla Commission de Surveillance du Secteur Financer. Woodpecker

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (, LICol) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela.

Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. Provvedimento 1 luglio 1998 (II) Regolamento in materia di modalita di deposito e subdeposito degli strumenti finanziari e del denaro di pertinenza della clientela. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA

Dettagli

Direttive in materia d investimento. Fondazione d investimento Swiss Life

Direttive in materia d investimento. Fondazione d investimento Swiss Life Direttive in materia d investimento Fondazione d investimento Swiss Life Fondazione d investimento Swiss Life: direttive in materia d investimento 3 Indice Considerazioni generali 4 Art. 1 Considerazioni

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA)

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (Ordinanza FINMA sul riciclaggio

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

CONTRATTO DI MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE

CONTRATTO DI MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE CONTRATTO DI MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE IT Cognome Nome / Denominazione: Codice identificativo: C S (spazio riservato alla società) Asset Manager Qualified Advisor Financial Intermediary Company

Dettagli

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003)

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003) Ordinanza dell Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro relativa agli obblighi degli intermediari finanziari che le sono direttamente sottoposti (Ordinanza AdC sul riciclaggio

Dettagli

Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale

Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale Gli assicuratori sulla vita e l'attività della previdenza professionale I. Compendio Il sistema svizzero delle assicurazioni sociali poggia sostanzialmente su tre pilastri: l'avs, la previdenza professionale

Dettagli

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni Legge federale sui titoli contabili (Legge sui titoli contabili, LTCo) 957.1 del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 98 capoverso

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Codice identificativo: C S MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE (IN LINGUA ITALIANA)

Codice identificativo: C S MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE (IN LINGUA ITALIANA) cod. cod. cliente: C S MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE IT Cognome Nome/Denominazione: Codice identificativo: C S (spazio riservato alla società) MANDATO DI GESTIONE PATRIMONIALE (IN LINGUA ITALIANA) Si

Dettagli

952.03 Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

952.03 Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) 1 del 29 settembre 2006 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio

Dettagli

Legge federale sull'infrastruttura del mercato finanziario

Legge federale sull'infrastruttura del mercato finanziario Legge federale sull'infrastruttura del mercato finanziario (Legge sull'infrastruttura finanziaria, LInfFin) (Avamprogetto) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 e 98

Dettagli

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest valevoli dal 09.12.2014 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Postfach 434 CH-6431 Schwyz t + 41 41 817 70 50 f + 41 41 817 70 55 tellco.ch Indice

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Direttive in materia d investimento. Fondazione d investimento Swiss Life

Direttive in materia d investimento. Fondazione d investimento Swiss Life Direttive in materia d investimento Fondazione d investimento Swiss Life Fondazione d investimento Swiss Life: direttive in materia d investimento 3 Indice Considerazioni generali 4 Art. 1 Considerazioni

Dettagli

Tariffe gestione patrimoniale

Tariffe gestione patrimoniale Tariffe gestione patrimoniale clientela je connais mon banquier je privata connais mon banquier Tariffe in vigore dall 01.01.2011 je connais m on banquier je connais mon banquier Informarsi Indice Pagina

Dettagli

Direttive d investimento. Helvetia Fondazione d investimento. Edizione 2014. La Sua Fondazione d investimento svizzera.

Direttive d investimento. Helvetia Fondazione d investimento. Edizione 2014. La Sua Fondazione d investimento svizzera. Direttive d investimento Helvetia Fondazione d investimento Edizione 0 La Sua Fondazione d investimento svizzera. Direttive di investimento Principi generali In base all art. e all art. dello statuto dell

Dettagli

MALTA. Guida ai Servizi d Investimento. Senglea - Malta MFSA MALTA FINANCIAL SERVICES AUTHORITY

MALTA. Guida ai Servizi d Investimento. Senglea - Malta MFSA MALTA FINANCIAL SERVICES AUTHORITY MALTA Guida ai Servizi d Investimento Senglea - Malta MFSA MALTA FINANCIAL SERVICES AUTHORITY 1 Guida ai Servizi d Investimento La Guida ai Servizi d Investimento si propone di fornire ai promotori dei

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 giugno 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

831.403.2. Ordinanza sulle fondazioni d investimento. (OFond) Sezione 1: Cerchia degli investitori e qualità di investitore

831.403.2. Ordinanza sulle fondazioni d investimento. (OFond) Sezione 1: Cerchia degli investitori e qualità di investitore Ordinanza sulle fondazioni d investimento (OFond) 831.403.2 del 10 e 22 giugno 2011 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 53k della legge federale del 25 giugno 1982 1

Dettagli

Ordinanza sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati

Ordinanza sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati Ordinanza sulle infrastrutture del mercato finanziario e il comportamento sul mercato nel commercio di valori mobiliari e derivati (Ordinanza sull'infrastruttura finanziaria, OInFi) del Il Consiglio federale

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse

Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse Policy sintetica di Banca delle Marche S.p.A. per la gestione dei conflitti d interesse 1. Introduzione Banca Marche nel normale esercizio della propria attività e nell erogazione dei propri molteplici

Dettagli

A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9

A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9 Indice I. Oggetto e campo di applicazione nm. 1-3 II. Norme applicabili agli SLB con clienti nm. 4-20 A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9 B. SLB non coperti nm. 10 C. Contratto

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Regolamento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 01.01.2011 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6431 Svitto t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70 35 tellco.ch

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie

Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie Allgemeines Treuunternehmen No. 6 - Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie 1. Concetti e determinazione La presente pubblicazione

Dettagli

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza sulle borse, OBVM) 954.11 del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 24 marzo

Dettagli