Indice Generale. Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Generale. Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8"

Transcript

1 Indice Generale Indice delle figure Indice delle tabelle XVIII XXI Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8 Capitolo 1: Il sistema energetico 1.1 Forme di energia Fonti primarie di energia Carbone Petrolio greggio e gas naturale Combustibile nucleare Fonti rinnovabili Vettori energetici o fonti secondarie di energia Utilità dei vettori energetici Energia elettrica 36 A) Generazione 36 B) Trasporto 41 C) Funzionamento e sicurezza del sistema elettrico 44 D) Le reti di distribuzione attive (smart grid) Prodotti della raffinazione del petrolio greggio Usi finali Usi residenziali Usi industriali Usi per trasporto Unità di misura dell energia e fattori di conversione Unità di misura canoniche Unità di misura pratiche Fonti statistiche 73 Box 1.1 I Gradi API dei greggi 19 Box 1.2 Potenza attiva e reattiva 43 Box 1.3 Servizi ancillari 48 IX

2 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Box 1.4 Misura del gas naturale 71 Appendice al capitolo 1: Il bilancio energetico nazionale 74 A) Finalità e struttura del bilancio 74 B) Dati espressi in quantità 77 C) Dati espressi in unità energetiche 83 D) Bilancio di sintesi 89 E) Analisi del bilancio energetico 90 Capitolo 2: Analisi strutturale della domanda di energia finale 2.1 Caratteristiche economiche Intensità energetica Distribuzione del reddito, stili di vita e domanda di energia Cause della rigidità della domanda di energia Domanda di potenza e sua variabilità nel tempo Scomposizione del contenuto diretto e indiretto di energia mediante il modello input-output energetico Contenuto di energia nei beni di produzione nazionale Contenuto di energia nei beni importati Contenuto totale di energia Analisi strutturale della variazione del contenuto energetico nel tempo La domanda di risparmio energetico Il significato economico del risparmio energetico Il costo dell energia risparmiata e delle emissioni evitate Una politica globale di efficienza energetica negli usi residenziali Il fattore energia e la sua sostituibilità nei modelli di domanda per usi industriali La sostituzione dei fattori della produzione La scelta della forma funzionale della funzione di produzione Il ruolo del progresso tecnico (cenni) Estensione intertemporale e costi di aggiustamento del capitale strumentale (cenni) Critica ai risultati ottenuti dalle stime dell elasticità di sostituzione fattoriale I modelli a «scelta aleatoria» per gli usi energetici residenziali I modelli di domanda di energia per trasporto con generazioni di veicoli 160 X

3 Indice generale Box 2.1 Elasticità di breve e lungo periodo della domanda di energia al prezzo 102 Box 2.2 Eliminazione delle duplicazioni contabili di energia 112 Box 2.3 Elasticità del costo dell energia risparmiata (CEC) 125 Box 2.4 Esempio di ripartizione del beneficio del risparmio energetico 129 Box 2.5 Titoli di efficienza energetica, TEE (certificati bianchi) 131 Box 2.6 Il concetto di elasticità di sostituzione tra due fattori della produzione 134 Box 2.7 Elasticità di sostituzione (parziale) tra più fattori produttivi 146 Box 2.8 La funzione di utilità indiretta 158 Appendice al Capitolo 2: Analisi della domanda di energia per riscaldamento con modelli a scelta aleatoria 165 A) Specificazione del modello 167 B) Il modello logit binario 169 C) Il modello logit multinomiale 172 D) Il modello logit nested 174 E) Probabilità di scelta e aggregazione delle probabilità individuali 177 F) Stima della domanda aggregata di energia 179 Capitolo 3: I costi dell offerta di energia 3.1 Costi caratteristici della filiera energetica Struttura e incertezza del costo di produzione Natura degli investimenti in risorse Fase mineraria Caratteristiche del costo di produzione Struttura del costo dello stoccaggio del gas naturale Riserve e risorse Trasporto degli idrocarburi (cenni) Petrolio greggio Gas naturale Raffinazione del petrolio Produttività ed economie di scala Margine di raffinazione La scelta dei greggi da raffinare Energia elettrica (generazione) Le curve di carico Struttura del costo di generazione ed economie di scala Dimensionamento del parco di generazione 235 XI

4 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Dimensionamento della capacità di riserva Costo marginale statico e dinamico di generazione Valore, sicurezza ed affidabilità delle fonti rinnovabili Valore economico totale della fonte rinnovabile Valore economico della sicurezza e dell affidabilità per il sistema elettrico Stime del costo di generazione da fonti rinnovabili 256 Box 3.1 Curve di declino della produzione di petrolio greggio 193 Box 3.2 Stima del valore del cushion gas 201 Box 3.3 La fine del petrolio: i modelli di Hubbert e di Marchetti 206 Box 3.4 Scomposizione del GPW e del margine di raffinazione 222 Box 3.5 Capacità effettiva di supportare un carico (ELCC) 245 Appendice al Capitolo 3: La valutazione economica dei progetti d investimento 258 A) Metodologie basate sull attualizzazione dei flussi di cassa 258 B) Metodi di analisi del rischio 267 C) Esempio di valutazione del valore economico di una centrale elettrica fotovoltaica 275 D) Valutazione del costo unitario di generazione normalizzato (LCOE) 285 XII Box A.3.1 Relazione tra tasso interno di rendimento (IRR) e periodo di recupero (Pay-back time) 266 Capitolo 4: Il mercato energetico internazionale 4.1 Caratteristiche di base Concentrazione geopolitica dell offerta Vincoli politico-istituzionali Ciclicità della capacità produttiva Gli attori del mercato Modalità di accesso alle risorse Concessione mineraria Production sharing Prestazione di servizi Joint-venture Strategie finanziarie per l accesso alle risorse Tipologia dei mercati I mercati «fisici» del petrolio e del gas 307

5 Indice generale A) Mercati del petrolio 308 B) Mercati del gas naturale I mercati «finanziari» Modalità di quotazione del petrolio e del gas naturale Quotazione del petrolio e formule di prezzo Quotazione del gas naturale e formule di prezzo Quotazione del carbone (cenni) Relazione tra prezzi spot e futures Relazione tra prezzo spot corrente e prezzo futures Relazione tra prezzo atteso del futuro prezzo spot e prezzo futures Determinazione del prezzo futures Formazione del prezzo del petrolio e sue componenti La componente «strutturale» La componente «rendita di deperibilità» di Hotelling La componente «congiunturale» e il ruolo delle scorte Modelli teorici del prezzo del petrolio Modelli del cartello dei paesi esportatori Modello con obiettivi di fabbisogno finanziario Modelli di oligopolio Modelli di teoria dei giochi (cenni) 380 Box 4.1 Esempi di hedging 336 Box 4.2 Le risorse esauribili non rinnovabili nel pensiero degli Economisti classici e marginalisti (cenni) 345 Box 4.3 Fluttuazioni endogene del prezzo del petrolio 373 Appendici al Capitolo 4: A.4.1 Chiave di lettura del mercato petrolifero internazionale 384 A.4.2 Il modello di Hotelling 395 A) Il «principio fondamentale» della regola di Hotelling 395 B) Il criterio ottimo di esaurimento di uno stock di risorsa non rinnovabile 396 C) I sentieri di produzione e di prezzo nei casi di monopolio e concorrenza 404 D) Critiche al modello di Hotelling 406 Box A.4.1 Determinazione dell esaurimento ottimo delle risorse non rinnovabili con la Teoria del controllo ottimo 399 XIII

6 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Capitolo 5: La regolazione del settore elettrico e del gas 5.1 Le giustificazioni dell intervento pubblico Conseguenze della rigidità della domanda al prezzo Monopolio naturale Altre giustificazioni dell intervento pubblico Le forme dell intervento pubblico nei settori elettrico e del gas Monopolio pubblico Monopolio privato regolamentato Privatizzazione e liberalizzazione del settore energetico 426 A) Nuovi sviluppi della teoria economica 427 B) Innovazioni tecnologiche 432 C) Aspetti della transizione al mercato liberalizzato Obbligo di servizio pubblico e concorrenza La separazione tra attività competitive e regolate Accesso alle reti Modelli alternativi di separazione La regolazione nell industria energetica: obiettivi fondamentali La teoria della regolazione tariffaria: la strategia del prezzo ottimo Principi generali Classificazione delle tariffe Implementazione tariffaria 461 A) Tariffe a più parti 461 B) Tariffe à la Ramsey-Boiteux 465 C) Peak-load Pricing La teoria della regolazione tariffaria: la strategia dell incentivo ottimo Gli strumenti della regolazione tariffaria La regolazione al «costo del servizio» (CoS/RoR) Regolazione mediante price/revenue cap Costo del servizio e price/revenue cap a confronto 498 Box 5.1 Monopolio naturale e sub-additività della funzione di costo 416 Box 5.2 Derivazione dei prezzi à la Ramsey-Boiteux 467 Box 5.2 Effetto Averch-Johnson 482 Appendice al Capitolo 5: L esperienza statunitense della regolazione 502 A) Le origini dell esperienza regolatoria americana ( ) 504 B) I primi sviluppi ( ) 507 C) Il consolidamento durante la Grande Depressione ( ) 510 XIV

7 Indice generale D) L apogeo della regolazione ( ) 513 E) Le crisi e l avvio della de-regolazione ( ) 515 F) L introduzione della concorrenza ( ) 521 G) La parziale ri-regolazione ( ) 528 Capitolo 6: Liberalizzazione e Competitività Struttura del capitolo 531 Parte Prima: Efficienza e Responsabilità di costo A) Sistema elettrico - A-1) Generazione Prezzi di generazione multi orari in condizione di perfetta informazione due «stati» di funzionamento della generazione elettrica Soluzione analitica Soluzione numerica Copertura dei costi degli impianti a riserva 548 A) Sistema elettrico - A-2) Trasmissione Prezzi nodali e vincoli di capacità di trasmissione 553 B) Sistema gas - Trasmissione Formula di prezzo a due parti: componente impegno di domanda (demand charge) e componente energia (commodity charge) Prezzi di cessione senza clausola take-or pay Prezzi di cessione con clausola take-or-pay 571 Parte Seconda: Funzionamento del mercato liberalizzato 6.4 Disegno del mercato Modelli organizzativi del mercato elettrico regolamentato Elementi caratteristici della borsa elettrica italiana Modelli organizzativi del mercato del gas regolamentato Elementi caratteristici della borsa del gas italiana Alla base del funzionamento del mercato elettrico liberalizzato 591 A) Generazione Prezzi multi orari con molteplicità di operatori Indicatori di potere di mercato Strumenti per mitigare il potere di mercato nella generazione elettrica 606 B) Trasmissione e Servizi di dispacciamento Il ruolo del gestore della rete di trasmissione Allocazione dei diritti di trasmissione con asta esplicita Allocazione dell accesso alla rete con asta implicita 617 XV

8 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Gestione coordinata dell allocazione mediante asta esplicita ed implicita Mercato dei diritti finanziari di trasmissione (cenni) Alla base del funzionamento del mercato del gas liberalizzato Trasporto del gas naturale 627 A) Operatori della rete 627 B) Accesso e assegnazione della capacità di trasmissione Bilanciamento dei flussi di gas Servizio di stoccaggio Potere di mercato e strumenti di mitigazione 641 Parte Terza: Le fonti rinnovabili nel mercato liberalizzato Le fonti di energia rinnovabili come risorsa ambientale Strategie e meccanismi d incentivazione 650 A) Incentivazione in conto capitale 653 B) Incentivazione della produzione con prezzi di cessione amministrati 653 C) Incentivazione della produzione con meccanismi di mercato Permessi d inquinamento Interdipendenza tra i mercati dell energia ed i mercati per l ambiente La questione della rendita idroelettrica 668 Box 6.1 Il modello del peak load pricing con importazioni 543 Box 6.2 Determinazione dei prezzi nodali con il modello OPF 558 Box 6.3 Comportamenti strategici degli operatori ed esiti del Mercato elettrico liberalizzato 596 Box 6.4 Il modello italiano di bilanciamento del sistema gas 635 Box 6.5 Il Protocollo di Kyoto 661 Box 6.6 Il meccanismo dell Emissions Trading Scheme 662 Capitolo 7: Sistema energetico e sistema economico 7.1 Dipendenza e vulnerabilità energetica Crescita economica e vincolo energetico Analisi economica degli shocks energetici dal lato dell offerta Shock energetici e impatto sul livello di attività Shock energetici e processo inflazionistico Shock energetici e vincolo «esterno» Paesi esportatori di energia e «Dutch disease» 698 XVI

9 Indice generale Effetto «spesa» sul mercato del lavoro Effetto «trasferimento di risorse» 702 Box 7.1 Dall analisi in equilibrio parziale all equilibrio generale 704 Riferimenti bibliografici 709 Indice analitico 731 XVII

10 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Indice delle figure Fig. 1.1 Bisogni sociali, domanda di energia utile e domanda di energia finale 60 Fig. A.1.1 Trasformazioni energetiche: carbone in derivati 79 Fig. A.1.2 Trasformazioni energetiche: gas naturale in energia elettrica 79 Fig. 2.1 Evoluzione temporale dell intensità energetica 94 Fig. 2.2 Spesa annua di energia sulla spesa totale per decile familiare 98 Fig. 2.3 Numero medio di stanze rispetto al ciclo di vita familiare 100 Fig. 2.4 Variabilità della domanda nel tempo 106 Fig. 2.5 Variazione dei contenuti di energia nei beni di produzione domestica ed importata 117 Fig. 2.6 Effetti del risparmio di energia sul servizio energetico 121 Fig. 2.7 Curva di offerta dell energia conservata 127 Fig. A.2.1 Struttura delle alternative nei modelli logit 174 Fig. A.2.2 Quote di mercato di sistemi di riscaldamento alternativi 179 Fig. A.2.3 Domanda aggregata 180 Fig. 3.1 Struttura del costo di produzione di un singolo giacimento 198 Fig. 3.2 Inviluppo della curva di costo unitario 198 Fig. 3.3 Tipologie di gas di un sito di stoccaggio minerario 200 Fig. 3.4 Riserve provate, produzione cumulata di un giacimento 204 Fig. 3.5 Schema di classificazione delle riserve di idrocarburi 205 Fig. 3.6 Distinzione tra riserve e risorse di idrocarburi 205 Fig. 3.7 Break-even tra tecnologie di trasporto del gas naturale 215 Fig. 3.8 Economie di scala nella raffinazione 217 Fig. 3.9 Domande di energia che implicano differenti costi di generazione 226 Fig Curve di carico e di durata del carico 228 Fig Perdita del carico e costi dell'interruzione 230 Fig Costi unitari medio e marginale di un impianto CCGT 234 Fig Costi marginali di un parco di generazione 235 Fig Frontiera del costo minimo totale di un parco di generazione 239 Fig Mix di capacità di generazione elettrica per differenti curve di durata della domanda 240 Fig Relazione tra LOLP e carico di domanda 243 Fig Prezzi e costi marginali di breve e lungo periodo 246 Fig. A.3.1 Analisi di sensitività 260 XVIII

11 Indice generale Fig. A.3.2 Radice della funzione del tasso interno di rendimento 262 Fig. A.3.3 IRR di due progetti d investimento alternativi 264 Fig. A.3.4 Albero delle decisioni 269 Fig. A.3.5 Variazione del rischio totale al crescere della diversificazione degli investimenti 270 Fig. A.3.6 Retta di regressione del coefficiente beta 271 Fig. 4.1 Linee di flusso della produzione petrolifera nel mercato internazionale 297 Fig. 4.2 Backwardation e Contango nel mercato futures 331 Fig. 4.3 Determinazione del prezzo futures con backwardation 335 Fig. 4.4 Componenti del prezzo del petrolio 340 Fig. 4.5 Prezzi della componente «strutturale» 342 Fig. 4.6-a) Traiettoria del prezzo di mercato del petrolio 342 Fig. 4.6-b) Evoluzione del prezzo «reale» del petrolio 344 Fig. 4.7 Sentiero temporale del prezzo-ombra e della produzione 350 Fig. 4.8 Cause dei movimenti oscillatori nel prezzo del petrolio 354 Fig. 4.9 Effetti di uno shock temporaneo sulla domanda di gasolio con determinazione del prezzo spot e del prezzo dello stoccaggio 357 Fig Cartello monopolistico 360 Fig Cartello quasi-monopolistico 364 Fig Traiettoria del prezzo con scartellamento 366 Fig Curve di isoricavo e Curva di offerta 368 Fig Prezzi di equilibrio nel modello target revenue 369 Fig Prezzi con diverse ipotesi per la curva di offerta Opec 371 Fig. A.4.1 Determinazione dei livelli ottimi di produzione di una risorsa non rinnovabile 399 Fig. A.4.2 Traiettoria di crescita del prezzo della risorsa non rinnovabile in concorrenza ed in monopolio 405 Fig. A.4.3 Possibili traiettorie dei costi marginali di lungo periodo 410 Fig. 5.1 Struttura della filiera elettrica e del gas 440 Fig. 5.2 Struttura di una tariffa binomia con prezzo unitario variabile decrescente al crescere del consumo 464 Fig. 5.3 Tariffazione alla Ramsey-Boiteux 466 Fig. 5.4 Discriminazione intertemporale di prezzo efficiente in presenza di picco fisso 469 Fig. 6.1 «Stati» di funzionamento del sistema elettrico 533 Fig. 6.2 Durata e modalità di copertura del carico di domanda 536 XIX

12 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Fig. 6.3 Curva di durata del prezzo 542 Fig. 6.4 Valori della rendita di scarsità durante le ore di modulazione 543 Fig. 6.5 Curva di durata del carico e utilizzo di potenza a riserva 551 Fig. 6.6 Rappresentazione di un sistema a rete 554 Fig. 6.7 Struttura de-verticalizzata del sistema elettrico e del gas 579 Fig. 6.8 Determinazione del prezzo orario nel caso Power Pool 592 Fig. 6.9 Determinazione del prezzo orario nel caso Power Exchange 594 Fig Comportamenti strategici nell offerta di capacità di generazione 604 Fig Determinazione del prezzo d asta VPP 611 Fig a) Dispacciamento con priorità decrescente 614 Fig b) Dispacciamento con separazione dei mercati 615 Fig Capacità a riserva e diffusione delle fonti di energia intermittenti 648 Fig Strategie d incentivazione delle fonti rinnovabili 651 Fig La formazione del prezzo dei certificati verdi 658 Fig Determinazione del prezzo nel mercato dei permessi d inquinamento 665 Fig Interdipendenza tra mercati dell energia elettrica e mercati per l ambiente 667 Fig Determinazione della rendita idroelettrica 670 Fig. 7.1 Reazione della IS-LM a uno shock energetico 684 Fig. 7.2 Costruzione della curva di domanda aggregata (AD) 688 Fig. 7.3 Effetto inflazionistico di uno shock energetico dal lato dell offerta 690 Fig. 7.4 Effetto recessivo di uno shock energetico 691 Fig. 7.5 Compromesso tra inflazione e recessione economica 692 Fig. 7.6 Effetti della manovra del tasso di cambio sul saldo della bilancia commerciale 696 Fig. 7.7 Effetto del Dutch disease sull attività economica 700 Fig. 7.8 Effetto-spesa del Dutch disease sul mercato del lavoro 702 Fig. 7.9 Effetto trasferimento di risorse 703 XX

13 Indice generale Indice delle tabelle Tab. 1.1 Fonti primarie di energia e forme di energia corrispondenti 15 Tab. 1.2 Caratteristiche di alcuni greggi 56 Tab. 1.3 Rese di raffinazione e tipologia di greggi 58 Tab. 1.4 Fattori di conversione delle unità di misura dell energia 69 Tab. 1.5 Multipli e simboli del Sistema Internazionale (SI) 69 Tab. A.1.1.a Prospetto delle trasformazioni delle fonti primarie (quantità fisiche) 80 Tab. A.1.1.b Prospetto delle trasformazioni delle fonti secondarie (quantità fisiche) 81 Tab. A.1.2.a Produzione di fonti primarie di energia 82 Tab. A.1.2.b Produzione di fonti secondarie di energia 82 Tab. A.1.3 Coefficiente di conversione delle unità fisiche in unità caloriche 85 Tab. A.1.4.a Prospetto delle fonti primarie di energia 86 Tab. A.1.4.b Prospetto delle fonti secondarie di energia 87 Tab. A.1.5 Disponibilità di energia in termini di fonti primarie e relativi impieghi 89 Tab. A.1.6 Composizione del bilancio energetico suddiviso per fonti primarie 91 Tab. A.1.7 Stima delle emissioni di CO 2 92 Tab. 2.1 Fattori della domanda di energia 104 Tab. 2.2 Elasticità rispetto al reddito e al prezzo dell energia della domanda di energia per l Italia 104 Tab. 2.3 Elasticità media rispetto al reddito e al prezzo dell energia di tipologie di domanda finale di energia per l Italia 105 Tab. 3.1 Costo unitario di produzione del petrolio per area geografica 190 Tab. 3.2 Struttura del costo unitario di produzione del petrolio 191 Tab. 3.3 Produzione media per pozzo 191 Tab. 3.4 Moltiplicatore del costo di scoperta 196 Tab. 3.5 Evoluzione della struttura della domanda di raffinati 218 Tab. 3.6 Schema di calcolo del GPW 220 Tab. 3.7 Differenze di contribuzione dei prodotti raffinati 221 Tab. 3.8 Calcolo del costo unitario di generazione di un impianto a cicli combinati 234 Tab. 3.9 Differenti strutture del costo di generazione 236 Tab Break-even dei costi tra di impianti di generazione 238 XXI

14 Giancarlo Pireddu - Economia dell Energia. I Fondamenti Tab Costi caratteristici di due impianti di generazione 249 Tab Determinazione del costo marginale orario di un parco di generazione 251 Tab Stime di costo dell energia elettrica da fonti rinnovabili 257 Tab. A.3.1 Calcolo dei beta unlevered 280 Tab. A.3.2 Calcolo del WACC 280 Tab. A.3.3 Ipotesi tecniche, economiche e finanziarie di un impianto fotovoltaico 281 Tab. A.3.4 Prospetto del finanziamento e del rimborso del debito 281 Tab. A.3.5 Prospetto del conto economico 282 Tab. A.3.6 Prospetto dei flussi di cassa 282 Tab. A.3.7 Prospetto dello stato patrimoniale 283 Tab. A.3.8 Riepilogo dei dati per il calcolo della redditività 283 Tab. A.3.9 Valore economico del progetto, NPV e IRR 284 Tab. A.3.10 Costo unitario di generazione della centrale fotovoltaica 285 Tab. A.3.11 Costi unitari di generazione normalizzati 287 Tab. 4.1 Criteri di quotazione del gas naturale importato 325 Tab. 4.2 Importazioni e quote dei criteri di quotazione 326 Tab. 4.3 Strategie di esaurimento di una risorsa non rinnovabile 349 Tab. A.4.1 Chiave di lettura del mercato petrolifero 385 Tab. 5.1 Tipologie di separazione tra fasi competitive e regolate 445 Tab. 5.2 Classificazione delle tariffe ottime 454 Tab. 6.1-A Caratteristiche di un parco di generazione perfettamente adattato alla domanda 539 Tab. 6.1-B Prezzi multi orari secondo la regola del costo marginale 540 Tab. 6.2 Prezzi di equilibrio in relazione a differenti fasce orarie 542 Tab. 6.3 Costi di capacità di un impianto a riserva 552 Tab. 6.4 Disponibilità e Impieghi del gas naturale in un anno termico 567 Tab. 6.5 Struttura dei costi e del prezzo medio di cessione senza take-or-pay 568 Tab. 6.6 Prezzi di cessione senza clausola take-or-pay 569 Tab. 6.7 Ricavi per responsabilità di costo delle classi di utenza senza clausola take-or-pay 570 Tab. 6.8 Allocazione dei costi fissi tra classi di utenza senza clausola take-or-pay 571 Tab. 6.9 Struttura del prezzo medio di cessione con clausola take-or-pay 573 XXII

15 Indice generale Tab Prezzi di cessione con clausola take-or-pay 574 Tab Allocazione dei costi fissi tra classi di utenza con clausola take-or-pay 575 Tab Schema organizzativo del mercato elettrico a pronti 580 Tab Elementi caratteristici di alcune borse elettriche 587 Tab Dispacciamento senza vincoli di trasmissione 614 Tab Asta esplicita con vincoli di trasmissione 619 Tab Asta implicita con vincoli di trasmissione 620 Tab Differenze nei prezzi nodali e prezzi d asta 623 Tab Elementi caratteristici di alcuni sistemi di trasmissione di gas 631 Tab Vantaggi e svantaggi dei meccanismi d incentivazione 659 XXIII

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli