Presentazione AUGUSTO MELAPPIONI. Assessore alla Sanità Regione Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione AUGUSTO MELAPPIONI. Assessore alla Sanità Regione Marche"

Transcript

1 REGIONE MARCHE

2 Hanno collaborato: Gigliola Angelozzi Giovanni Bini Bruno Conti Rita Curto Enzo Frati Mario Giusti Bruno Marchetti Paolo Mazzoni Giuditta Montecchiani Raffaella Pagni Paolo Pelaia Sandro Punzo Stefano Moretti Sabra Rocchi Cecilia Sardellini Riccardo Sestili

3 Presentazione Le linee guida regionali dedicate ai medici e agli infermieri dei Dipartimenti d Emergenza ( DEA) sono state raccolte in questa prima edizione del libretto verde che segue l ormai noto libretto giallo (medici emergenza territoriale) e il recente libretto blu (soccorritori). Professionisti diversi (medici di pronto soccorso, anestesisti - rianimatori, chirurghi, radiologi, altri specialisti e gli infermieri professionali) sono chiamati giornalmente a lavorare intorno al paziente critico con ruoli e competenze differenziati, ma con spirito di equipe. È quindi indispensabile che i diversi ruoli professionali e le diverse discipline condividano linee guida autorevoli ed aggiornate per attuare insieme il percorso diagnostico terapeutico più appropriato per ogni problema clinico. Le linee guida contenute nel presente libretto verde sono state preparate dai referenti della formazione per l emergenza che rappresentano tutte le Zone della Regione Marche; fanno riferimento a linee guida internazionali recenti, tratte esclusivamente dalla medicina basata sull evidenza e adattate alle nostre possibilità operative. Il lungo lavoro di questi esperti realizza tracce semplici da condividere e acquisire da parte dei diversi protagonisti dell assistenza e cura in emergenza. Ci auguriamo che, con l aiuto delle linee guida del libretto verde, i percorsi clinici nel DEA saranno attuati in modo più uniforme e scorrevole riducendo i tempi e migliorando i risultati. Ringrazio con calore il gruppo regionale dei formatori dell Emergenza Sanitaria che continua a lavorare con entusiasmo, costanza e professionalità per migliorare la cultura e la pratica clinica a tutti i livelli. Raccomando un ampia diffusione del libretto verde a tutti i Dipartimenti d Emergenza della Regione e la condivisione ed applicazione dei contenuti da parte di tutti i nostri validi professionisti. AUGUSTO MELAPPIONI Assessore alla Sanità Regione Marche

4

5 Introduzione Il paziente che presenta un problema clinico immediatamente o potenzialmente minaccioso per la sua vita o per la sua integrità psico-fisica necessita di un approccio diagnostico - terapeutico diverso da quello tradizionale: i suoi bisogni impongono un sovvertimento della classica sequenza assistenziale (anamnesi completa e dettagliata, esame obiettivo altrettanto completo e minuzioso e così via ) soprattutto tenendo conto dell importanza cruciale del fattore tempo. Di fronte al malato critico (con pluri-patologie oppure con multiple lesioni traumatiche) i medici e gli infermieri dell emergenza devono, prima di tutto, badare all essenziale in un clima di rapida intesa tra gli operatori delle diverse professioni e discipline. Sia chiaro che semplificare non vuol dire assumere una condotta semplicistica e superficiale, ma piuttosto condividere priorità di intervento nel rispetto delle diverse competenze dei vari operatori che lavorano in equipe. L iter diagnostico-terapeutico da perseguire deve essere: definito (necessità di linee-guida condivise, applicabili,autorevoli e aggiornate) organizzato ( protocolli operativi condivisi per ogni DEA) tempestivo semplificato (cioè guidato da pochi ma certi sintomi e segni clinici). Ogni decisione importante si fonda sempre su pochi dati clinici sicuri ed inequivocabili. olistico ( che guardi al paziente come ad un tutto ) Questo libretto non ha la pretesa di essere un manuale completo; già nella definizione dell indice sono stati selezionati i più comuni problemi clinici che si presentano in emergenza e quelli potenzialmente più pericolosi. Lo scopo principale che ha guidato il gruppo di lavoro è stato quello di riassumere e schematizzare semplificare gli aspetti fondamentali di ciascun quadro clinico senza dimenticare le regole di un corretto iter diagnosticoterapeutico: è stato un costante ma faticoso lavoro basato sui dati più aggiornati dell evidenza clinica e sul buon senso di ciò che sembra realizzabile nella nostra regione: il risultato è un insieme di schede in divenire, da provare ad applicare nei DEA, aperte a suggerimenti, correzioni, aggiornamenti. Per ciò che riguarda il trauma maggiore il libretto verde è integrato dal documento guida il sistema integrato di assistenza al trauma grave (SIAT) nella regione marche recentemente presentato a livello regionale e condiviso dagli

6 esperti delle diverse discipline. Ci auguriamo che gli algoritmi proposti nel tentativo di suggerire linee guida di comportamento pratico siano uno strumento utile per i medici che lavorano nei DEA, stabiliscano una continuità di cura con la fase del soccorso preospedaliero, contribuiscano a fornire un assistenza uniforme e siano la base per una valutazione dei risultati anche con l audit clinico. Un ringraziamento affettuoso va alla nostra coordinatrice Dr. Sofia Di Tizio, senza la quale presenza sempre vigile e pungolante questo libretto non sarebbe mai stato scritto. (Gli Autori)

7 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento emergenza Linee Guida 2004 FUNZIONI E COMPITI DEL MEDICO DʼURGENZA Valuta segni vitali (coscienza respiro polso) Coordina lʼapproccio in team dei suoi collaboratori e partecipa attivamente allʼrcp se necessario Verifica che al paziente sia: Somministrato Ossigeno Assicurato accesso venoso (prelievo per esami di laboratorio, infusione liquidi) Applicato Monitoraggio per ECG, Sa O2, parametri vitali, diuresi Raccoglie anamnesi dellʼepisodio e storia clinica Raccoglie informazioni da equipaggio 118 e/o dal paziente, accompagnatori. Effettua esame obiettivo mirato e completo Rivaluta i segni vitali Decide trattamento specifico Decide esecuzione indagini di laboratorio/strumentali Annota lʼora dʼarrivo del paziente Allerta specialisti su indicazione clinica Allerta reperibili per eventuale trasferimento protetto Coordina le cure Registra i dati sul verbale di Pronto Soccorso e cartella clinica Comunica con il paziente e con i familiari Comunica, quando richiesto, con le Forze dellʼordine. Decide, coadiuvato da specialisti, se necessario, la destinazione più appropriata per il paziente : Dimissione (eventuale follow-up, rinvio al curante) Osservazione clinica Ricovero Trasferimento 3

8 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento emergenza Linee guida 2004 APPROCCIO AL PAZIENTE CRITICO La filosofia della Medicina dʼurgenza è quella della riduzione della complessità: per questo il medico dellʼemergenza deve cercare di semplificare i problemi, nel minor tempo possibile. Fondamentale è il riconoscimento rapido del paziente critico valutabile in base alla classica sequenza A (vie aeree) B (respiro) C (circolo) D (valutazione neurologica) con rilevazione dei parametri vitali (FR, FC, PA, TC, Sat O2) eventuale stick glicemico ed EGA. Il malato grave necessita di un approccio in team, dove ogni componente della squadra ha un compito preciso assegnato e si lavora in orizzontale, con lʼintegrazione di azioni simultanee ( es. controllo e pervietà della via aerea ventilazione accessi venosi e così via). Tutti gli specialisti chiamati dovrebbero integrarsi con il team. Una metodologia dʼapproccio al paziente critico prevede quattro gruppi di azioni sulla base di priorità e di rapidità di esecuzione : PRIMO STEP ABCD con eventuale RCP Ossigenoterapia Parametri vitali monitoraggio ECG Anamnesi e rapido es.obiettivo SECONDO STEP Accesso venoso Glucostix ECG 12 derivazioni TERZO STEP 1 RIVALUTAZIONE CONTINUA DEL PAZIENTE diagnostica per immagini mirata diagnostica ematochimica mirata QUARTO STEP 2 Valutazione secondaria e trattamento Nota 1 Le radiografie, come gli esami di laboratorio, dovrebbero essere richieste solo quando il risultato potrebbe avere unʼinfluenza sulla terapia immediata del paziente o sulla sua successiva destinazione. Nota 2 Dopo aver individuato e trattato il problema principale, soprattutto quando minaccioso per la vita, la storia clinica e lʼesame obiettivo del paziente debbono essere completati, ma sempre guidati dal disturbo principale: ciò può significare un esame talvolta rapido e limitato, spesso accurato e minuzioso. 4

9 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 ARRESTO CARDIACO Valuta coscienza, respiro, polso carotideo e segni di circolo: ASSENTI Tre possibili quadri ECGgrafici: Fibrillazione o Tachicardia Ventricolare senza polso - FV/TV; Attività Elettrica senza polso - PEA; Asistolia Determina assenza di coscienza Attiva sistema d emergenza Determina assenza di respiro Ventila 2 volte Determina assenza di polso e segni di circolo Inizia massaggio cardiaco MCE Appena possibile collega al defibrillatore FV/TV senza polso Asistolia PEA Defibrilla 200/200/360 j o equivalente Inizia RCP Inizia RCP bifasico Controlla polso RCP per1 min Accesso venoso ed intubazione Accesso venoso ed intubazione Accesso venoso ed intubazione Adrenalina 1 mg ev ogni 3-5 min Adrenalina 1 mg ev ogni 3-5 min Adrenalina 1 mg ev ogni 3-5 min oppure Vasopressina 40 U una sola volta Asistolia ventricolare (P non condotte)? pacing transcutaneo Cerca di identificare la causa dell arresto Alterna 1 min RCP a sequenza defibrillazione 360/360 /360 o equivalente difasico finchè ritmo defibrillabile Cerca di identificare la causa Cerca di identificare la causa dell arresto Eventuali trattamenti specifici dell arresto min Eventuali trattamenti specifici Atropina 3 mg ev se frequenza <60 Considera gli antiaritmici (Amiodarone 2, MgSo4, procainamide) / tamponi Atropina 3 mg ev Eventuali trattamenti specifici Cessazione degli sforzi 3 MONITORAGGIO Verifica polso carotideo ad ogni modifica di ritmo al monitor 5

10 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 NOTE ARRESTO CARDIACO Nota 1 Ragiona sulle cause attraverso l anamnesi e l esame obbiettivo: Ipovolemia infusione di liquidi Ipossia o 2 100%, ventilazione Acidosi alcalinizzanti, ventilazione Iperkaliemia CaCl, NaHCO 3 Ipokaliemia kcl 10 mmeq in 5 min Ipotermia riscaldamento Farmaci provvedimenti specifici (glucagone per bloccanti; Calciocloruro per Ca-antagonisti; frammenti anticorpali anti -digossina; NaHCO3 per triciclici) Tamponamento cardiaco pericardiocentesi Pnx decompressione Ima trombolisi Tromboembolia polmonare trombolisi Nota 2 Amiodarone 300 mg + DC shock 360 j dopo sec di RCP. Non interrompere RCP finchè persiste FV. Nota 3 Considera l interruzione della RCP dopo 30 min di intervento ottimale inefficace, in presenza di asistolia. 6

11 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Considera sovraccarico di volume nell insufficienza renale Dispnea grave SI VALUTA COSCIENZA, RESPIRO, POLSO MANTIENI LA PERVIETÀ DELLE VIE AEREE LINEA VENOSA POSIZIONE SEDUTA SOMMINISTRA OSSIGENO MONITORIZZA: RITMO CARDIACO OSSIMETRIA PRESSIONE ARTERIOSA ANAMNESI DELL EPISODIO E FARMACOLOGICA ESAME OBIETTIVO 2 ECG 12 DERIVAZIONI RX TORACE A LETTO Vie aeree superiori compromesse? Livello di coscienza alterato? Instabilità emodinamica? IMA o ischemia acuta? SI Intubazione endotracheale Soffio nuovo? Es obiettivo sospetto per tamponamento cardiaco? Shock? Ecocardiografia urgente 3 NO NO CPAP 4 Shock 5 Cardiogeno NO IMA/ Ischemia NO SI SI Agenti inotropi Contropulsatore aortico ASA Trombolisi per IMA con elevazione ST Angioplastica Tachicardia 6 instabile SI Cardioversione sincronizzata Terapia antiaritmica NO BAV 7 con instabilità NO SI Pacing transcutaneo d emergenza Inotropi Allerta sala PMK Nitrati 8 ( subl in attesa di accesso venoso o se sintomi moderati, e.v. se elevati valori pressori 0,3-0,5mcg/Kg/min) Furosemide mgr e.v. se diuresi inadeguata: Raddoppiare la dose giornaliera di furosemide Aggiungere un altro diuretico dell ansa (torasemide o bumetamide) Aggiungere un diuretico tiazidico Incominciare l infusione di furosemide iniziare con mgr /h per diuresi 100 ml/h Evitare diuretici in caso di ipotensione o disfunzione diastolica acuta Considera morfina 2-3 mg bolo, Ace inibitori 9 (captopril 12,5-25 mgr per os) Aggiungere inotropi se non migliora 7

12 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 NOTE PER SCOMPENSO CARDIACO ACUTO Nota 1 Lo scompenso cardiaco è una sindrome complessa e multifattoriale con presentazioni cliniche variabili, la differenziazioni tra questi può essere di aiuto nella valutazione e nel trattamento del singolo paziente. Ha una etiologia molteplice:. Malattia coronaria. Ipertensione. Patologia valvolare. Cardiomiopatie ( idiomatica,alcolica,tossica post-partum, ipertrofica ostruttiva, indotta da tachiaritmie). Patologie infiltative. Cardiopatie congenite. Malattie del pericardio. Stati ipercinetici (anemia, fistola arteo-venosa, distiroidismi, beri-beri). Nota 2 Lʼesame obiettivo polmonare a volte può essere fuorviante, i rantoli, un reperto classico nello scompenso cardiaco possono anche essere presenti nella polmonite, nelle patologie polmonari interstiziali o nella BPCO. Dʼaltra parte il broncospasmo o asma cardiaco non è raro nello scompenso cardiaco acuto. Nei pazienti con dispnea acuta la sensibilità e specificità dei rantoli per la disfunzione del ventricolo sn. appaiono molto scarse, mentre lʼassociazione di rantoli, ritmo di galoppo T3 e turgore giugulare è più accurata. Un soffio cardiaco di nuova insorgenza in questo contesto può essere indicativo di una disfunzione acuta valvolare o di un muscolo papillare. Nota 3 Lʼecocardiografia è di aiuto nella diagnosi o nellʼesclusione di etiologie potenzialmente reversibili dello scompenso acuto come un tamponamento cardiaco, unʼembolia polmonare massiva, la rottura di una corda tendinea o la rottura del setto ventricolare. Le linee guida ACC/AHA raccomandano unʼecocardiografia transtoracica non appena possibile, dopo unʼiniziale stabilizzazione, per tutti i pazienti che si presentino con un edema polmonare acuto, purchè non susistano evidenti fattori precipitanti e le condizioni cardiache del paziente siano state adeguatamente valutate in precedenza. Nota 4 Vedi procedure NIV Nota 5 Vedi shock cardiogeno Nota 6 In generale diltiazem, amiodarone e digitale sono considerati i farmaci di prima linea per il controllo della frequenza ventricolare. La cardioversione elettrica può essere una misura salvavita per i pazienti instabili con fibrillazione atriale di recente insorgenza. Nota 7 In assenza di agenti farmacologici che diminuiscono la frequenza, la presenza di tachicardia nello scompenso cardiaco è la regola. La bradicardia deve far sorgere il sospetto di un blocco AV avanzato, di una iperpotassiemia, dellʼintossicazione digitalica o da altri farmaci, dellʼipossia grave. Nota 8 Lʼipotensione secondaria ad una terapia standard con nitrati è in genere transitoria, una severa e persistente ipotensione dovrebbe far sorgere sospetti circa una ipovolemia, una stenosi valvolare, tamponamento cardiaco, IMA dx, uso recente di Sildenafil (Viagra). Nota 9 I pazienti che si presentano con uno scompenso cardiaco acuto non hanno necessariamente un sovraccarico di volume. I pazienti con insufficienza distolica acuta, ad esempio, possono trarre maggior beneficio da una ridistribuzione del volume circolante (utilizzando nitrati), piuttosto che dalla diuresi. La furosemide agisce anche con effetti vascolari diretti attivando i sistemi renina-angiotensina e simpatici. Gli studi che hanno confrontato gli effetti acuti dei diuretici e dei nitrati hanno mostrato effetti emodinamici più favorevoli per i nitrati. Nel caso di un sovraccarico di volume che non risponde alla terapia standard, si può usare un diuretico dellʼansa più potente come la toresamide (10-20 mg. EV). Se il paziente non risponde ad una o due dosi iniziali di diuretici un alternativa è la somministrazione di furosemide in infusione continua. Questo massimizzerà la diuresi mentre diminuirà la tossicità di boli equivalenti di furosemide. Nota 10 In acuto gli Ace inibitori possono essere somministrati per via orale o subl.(es contenuto capsule di captopril), essi riducono sia il pre che il post-carico, migliorano lʼemodinamica renale, ostacolano la ritenzione di sodio, attenuano la stimolazione simpatica e mantengono o migliorano la funzione ventricolare. Gli effetti emodinamici si possono notare entro min. Il captopril sublingule è sicuro ed efficace per i pazienti nel DEA con edema polmonare. Sono controindicati in gravidanza, nellʼipekaliemia o in caso di precedente angioedema da Ace inibitore, vanno usati con cautela nei pazienti con segni di ridotta perfusione sistemica. 8

13 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 APPROCCIO AL PAZIENTE ARITMICO Valuta ABC Assicura vie aeree Somministra O2 Accesso venoso /prelievo 1 Monitoraggio ECG, SaO2, PA Controlla parametri vitali Anamnesi Esame obiettivo ECG 12 derivazioni Rx torace a letto Ecocardiografia Il paziente è stabile o instabile? 2 Sono presenti segni o sintomi gravi? 2 Sono segni e sintomi secondari alla aritmia? Quale è il tipo di aritmia Periarresto? Chiama lʼesperto Frequenza Troppo lenta? Frequenza Troppo veloce? Vedi algoritmo BRADICARDIA QRS STRETTO O LARGO? Vedi algoritmi TACHICARDIA A COMPLESSI STRETTI TACHICARDIA A COMPLESSI LARGHI 9

14 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 NOTE approccio al paziente aritmico NOTA 1 Gli esami di laboratorio in generale sono: - emocromo - glicemia - azotemia - creatinina - elettroliti (K +, Mg +, Ca + ) - PT-PTT - digoxinemia (se usa digitale) - EGA se SO2 < 90 % - Markers miocardici (nel sospetto di Sindrome coronarica acuta) - D-dimero (sospetto di embolia polmonare) NOTA 2 Segni sfavorevoli che preludono un peri-arresto sono: Gettata cardiaca bassa con dolore retrosternale, pallore, vasocostrizione periferica, ipotensione, alterazione dello stato di coscienza Tachicardia estrema: Complessi stretti > 200 battiti/min Complessi larghi > 150 battiti/min Bradicardia spinta: < 40 battiti o < 60 battiti/ min in cuore debilitato Insufficienza cardiaca ( Edema polmonare, aumento PVC, epatomegalia ) 10

15 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 BRADICARDIA Somministra ossigeno se necessario Accesso venoso Monitor-ECG Sono presenti segni avversi? - Ipotensione - F.C < 40 bpm - Aritmie ventricolari da trattare - Insufficienza cardiaca SI NO - Bradicardia sinusale - Arresti o blocchi seno-atriali - BAV II Mobitz 1 - BAV III QRS stretto - BAV II Mobitz 2 - BAV III QRS largo Rischio di asistolia? - Recente asistolia - Blocco AV Mobitz II - Blocco AV completo con QRS larghi - Pause ventricolari > 3 sec Atropina Pacing transcutaneo 1 Adrenalina (2-10min) o Dopamina Pacing transcutaneo 1 Adrenalina o Dopamina SI NO Chiama l esperto per Pacing transvenoso Pacing transcutaneo in standby Osservazione Consulta l esperto NOTA 1 (sedazione del paziente se necessario) 11

16

17 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 TACHICARDIA A COMPLESSI STRETTI Polso non palpabile Alterazione della coscienza 1 Valuta ABC Somministra ossigeno se necessario Accesso venoso Monitor-ECG DC Shock sincronizzato ( J) 2 SI MANOVRE VAGALI 3 Sono presenti segni avversi? - PA sistolica < 90 mmhg - Dolore toracico + ECG ischemico - Insufficienza cardiaca - F.C. > bpm NO DC Shock sincronizzati (100,200,360 J) 2 ADENOSINA 4 6 mg ev bolo rapido, seguiti se necessario da un massimo di 3 dosi di 12 mgr ciascuno ogni 1-2 min 3 INEFFICACI - Chiama l esperto - Amiodarone ev - Ripetizione DC shock Nessun effetto Rallentamento FC Interruzione aritmia Tachicardia sinusale TSV da rientro Tachicardia atriale Flutter atriale Tachicardia sinusale Tachicardia Atriale Flutter atriale Fibrillazione atriale Consulta l esperto per eventuale profilassi farmacologica o ablazione CARDIOPATIA (anamnesi, es obiettivo, Rx torace, ecocardiografia) assente presente - bloccanti 5 - verapamile/diltiazem - antiaritmici classe 1C 6 - amiodarone - Chiama l esperto - Lanoxin o amiodarone - Stimolazione transesofagea 13

18 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 NOTE A TACHICARDIA A COMPLESSI STRETTI NOTA 1 In rari casi, compreso il flutter atriale con conduzione 1:1 la tachicardia a complessi stretti estremamente rapida (di solito con più di 250 bpm) può compromettere la gittata cardiaca a tal punto che il polso può non essere palpabile e la coscienza alterata NOTA 2 PROCEDURA PER CARDIOVERSIONE SINCRONIZZATA Tenere a disposizione : saturimetro aspiratore set intubazione Sedazione del paziente ( es. midazolam 0,1 mg/kg con o senza morfina 2-3 mgr ev) Attivazione modo sincronizzato tramite tasto Sync Posizionamento di gel o pads isolanti Allontanamento fonte di ossigeno Posizionamento piastre sterno-apice Selezione energia (100 J*-200 J--360 J o equivalente bifasico) Allertare per sicurezza Premere tasto charge Filastrocca di sicurezza Applicare una pressione sul torace > 10kg Premere i tasti charge simultaneamente Controllare monitor : persiste tachicardia? aumentare potenza della scarica in joule secondo la scaletta sovraindicata ripristinare il modo sync dopo ogni cardioversione sincronizzata eseguire fino a tre tentativi ripristino ritmo sinusale? Rivalutare parametri vitali del paziente * La TPS ed il flutter atriale possono rispondere a livelli di energia inferiore (iniziare con 50 J) NOTA 3 La tecnica più efficace può essere la manovra di Valsalva (espirazione forzata a glottide chiusa) in posizione supina (ad es far soffiare dentro una siringa da 20 ml con forza sufficiente a spingere indietro lo stantuffo). Massaggio seno carotideo (non utilizzarlo se è presente soffio carotideo) le manovre vagali non vanno effettuate in presenza di ischemia miocardia acuta o in intossicazione digitalica per il rischio di una improvvisa bradicardia con possibilità di innesco di un F.V. NOTA 4 Lʼ adenosina è un nucleotide purinico che rallenta la conduzione attraverso il nodo AV ma ha scarso effetto sulle altre cellule miocardiche o sulle vie di conduzione. Eʼ efficace nelle tachicardie parossistiche sopraventricolari con circuiti di rientro che includono il nodo AV. In altre tachicardie a complessi stretti lʼadenosina può mostrare il ritmo di base rallentando la risposta ventricolare. Ha un emivita breve (10-15 ) e va somministrata in bolo rapido seguito da un bolo di soluzione fisiologica. I pazienti devono essere avvertiti di effetti transitori spiacevoli come nausea, vampate di calore, dolore toracico. La teofillina ed i composti correlati bloccano lʼeffetto dellʼadenosina. Cautela nellʼuso di adenosina se il paziente assume dipiridamolo, carbamazepina o ha un cuore denervato. In presenza di WPW il blocco della conduzione AV causato dall adenosina può favorire la conduzione lungo la via accessoria provocando una risposta ventricolare eccessivamente rapida. NOTA 5 In assenza di segni avversi può essere scelto uno o più tra i vari farmaci antiaritmici sulla base della disponibilità e dei protocolli locali. Il verapamile non deve essere usato in presenza di sindrome di WPW, lʼinterazione tra verapamile e bloccante è potenzialmente pericolosa specie se entrambi vengono somministrati ev. Tutti i farmaci antiaritmici sono proaritmici e depressori miocardici NOTA 6 Antiaritmici Classe 1 C più usati: Propafenone dose iniziale: 2 mg/kg in 5-10 min mantenimento 0,007 mg/kg/min Flecainide dose iniziale: 1-2 mg/kg in 10 min mantenimento 1 h 1.5 mg/kg a seguire 0,1-0,25 mg/kg 14

19 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 Presenza di grave compromissione emodinamica Durata aritmia < 48 h 2 > 48 h o non databile DC shock sincronizzato (sedazione /anestesia) J Eparina 5000 U ev DC shock sincronizzato (sedazione /anestesia) J Infusione ev continua di eparina Embricare anticoagulanti per os Persistenza aritmia Consulta esperto Considera eparina b.p.m Amiodarone ev DC shock sincronizzato 360 J (sedazione /anestesia) FIBRILLAZIONE ATRIALE 1 Valuta ABC Assicura vie aeree Somministra O2 Accesso venoso /prelievo Monitoraggio ECG, SaO2, PA Controlla parametri vitali Anamnesi Esame obiettivo ECG 12 derivazioni Assenza di grave compromissione emodinamica Durata aritmia Considera < 48 h 2 ecocardiografia > 48 h o non databile Assenza di cardiopatia Funzione VS normale Assenza di trombi endocavitari Antiaritmici Classe 1 C o Amiodarone ev Presenza di cardiopatia Funzione VS depressa Blocco di branca Età > 75 a Amiodarone ev Presenza di trombosi endocavitaria Controllo farmacologico FC 3 Terapia anticoagulante Controllo farmacologico FC Terapia anticoagulante Consulta esperto per indicazione tentativo di cardioversione elettrica in elezione efficaci Inefficaci inefficace Consulta esperto per eventuale profilassi DIMISSIONE 4 Osservazione per 6-12 h Eparina bpm Consulenza cardiologica DC shock sincronizzato 15

20 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 NOTE A FIBRILLAZIONE ATRIALE NOTA 1 Eʼ lʼaritmia più comune osservata nei DEA. Compare di solito (70% dei pazienti) in presenza di una cardiopatia organica; è particolarmente frequente in pazienti critici con disordini cardiovascolari, insufficienza respiratoria, sepsi. Lʼeziologia è multifattoriale e i principali fattori in causa sono: ischemia miocardia (20% dei pazienti che si presentano con IMA), disturbi elettrolitici, ipossia, scompenso cardiaco,aumentato tono simpatico, distensione atriale (es. embolia polmonare, pazienti con insufficienza respiratoria -- ipertensione polmonare -- distensione atriale dx) In alcuni casi non si associa ad alcuna patologia documentabile (Lone Atrial Fibrillation), in altri può esservi un ipertiroidismo o unʼanamnesi di abuso alcolico. La FA nella sindrome di W.P.W. presenta aspetti diagnostici, terapeutici e prognostici particolari. Classificazione Ricorrente: FA che si presenta in un paziente con un precedente episodio nel passato Isolata : compare in in pz con meno di 60 a. senza evidenza clinica/ecocardiografica di malattia cardiopolmonare Valvolare o non valvolare (tutte le forme di FA vanno classificate in valv.o non valv) Parossistica : dura meno di una settimana e si converte spontaneamente a ritmo sinusale Persistente : dura più di 7 gg o richiede cardioversione (farmacologia/elettrica) Permanente : refrattaria alla cardioversione o persistente per più di un anno La definizione di FA Parossistica, Persistente, Permanente non si applica agli episodi di FA che durano 30 sec o meno precipitati dalle seguenti situazioni patologiche reversibili : IMA Interventi cardiochirurgici Pericardite Miocardite Ipertiroidismo Embolia polmonare Malattie polmonari acute NOTA 2 Anche nei pazienti con F.A. insorta da meno di 48 h considerare comunque quelli con fattori di rischio per tromboembolismo. in caso di cardioversione (in questi paziente è comunque consigliata la scoagulazione): -Età avanzata -Malattia valvolare mitralica reumatica -portatori di protesi valvolari -Storia di diabete -cardiopatia ischemica -Pregresso ictus o attacco ischemico --transitorio -Storia di ipertensione-disfunzione del ventricolo sinistro (F.E. minore del 35%) -tireotossicosi -Ipercoagulabilità nota 16

21 Dipartimento Emergenza: linee guida 2004 Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 Raccomandazioni dell ACC/AHA/ESC per la terapia antitrombotica nella FA basate sui fattori di rischio sottostanti: CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE età < 60 a., nessuna malattia cardiaca (lone atrial fibrillation) età < 60 a., malattia cardiaca, ma non fattori di rischio età >/= 60 a. ma non fattori di rischio età >/= 60 a. con diabete o coronaropatia età >/= 75 a., specie se donna scompenso cardiaco FE </= 0.35 tireotossicosi ipertensione stenosi mitralica valvola cardiaca precedenti tromboembolici persistenza di trombo atriale al TEE TERAPIA ANTITROMBOTICA Aspirina, 325 mg /dì, o nessuna terapia Aspirina, 325 mg /diʼ Aspirina, 325 mg /dì Warfarin (INR, ); considera lʼaggiunta di aspirina mg / dì Warfarin (INR, 2.0) Warfarin (INR, 2.0) Warfarin (INR, ) Warfarin (INR, ) Warfarin (INR, ) Warfarin (INR, o possibilmente più alto) Warfarin (INR, o possibilmente più alto) Warfarin (INR, o possibilmente più alto) Warfarin (INR, o possibilmente più alto) 17

22 2004 Dipartimento Emergenza: linee guida Dipartimento Emergenza Linee Guida 2004 NOTA 3 FARMACI UTILI PER IL CONTROLLO DELLA RISPOSTA VENTRICOLARE FARMACO/ PREPARAZIONE DILTIAZEM (fiale 50 mgr / 3 ml) 1 fl diluita in 20 ml sol. Fisiol. 1 ml2,5 mg VERAPAMILE (fiale 5 mgr / 2 ml) 1 fl diluita in 10 ml sol. Fisiol. 1 ml0,5 mg ATENOLOLO (Tenormin fiale 5 mgr / 10 ml) POSOLOGIA/MODALITAʼ DI SOMMINISTRAZIONE 1 bolo 0,25 mg/kg in 2 ʻ ev 2 bolo 0,35 mg/kg in 2ʼ ev (dopo 15 ʻ dal 1 bolo se inefficace) oppure 5 mg ogni 5ʼ mantenimento 5-15 mg/h (dosaggio inferiore se anziani o in scompenso) es. uomo 70 Kg: 1 fl diluita in 20 ml 1 bolo:6-7 ml bolo lento ev 2 bolo:8-9 ml oppure 2 ml (5 mg) ogni 5ʼ 2,5-5 mg ev in 2-3 ʻ seguiti da 5-10 mgr in ʻ 5 mg ev in 5 ʻ ripetere ogni 10 ʻ se risposta inadeguata CONTROINDICAZIONI BAV 2-3 grado Ipotensione severa Shock cardiogeno Vie di conduzioni accessorie Uso concomitante o ravvicinato di bloccante ev Tachicardia ventricolare Cautela nel paziente scompensato Stesse dei calcioantagonisti Asma severa o broncospasmo in atto EFFETTI COLLATERALI Ipotensione arteriosa Considera pretrattamento con Calcio ev nei pazienti con P.A. al limite (somministrare 1-2 ml di cloruro di calcio o 5-10 ml di calcio gluconato ev) ed utilizzare il calcio in caso di ipotensione secondaria allʼuso del calcioantagonista Maggiore effetto ipotensivo rispetto al diltiazem Ipotensione arteriosa AMIODARONE* (fiale 150 mg / 3 ml) *più indicato nelle tachicardie irregolari a complessi larghi Dose iniziale: 3-5 mg/kg es uomo 70 Kg: 150 mg ev diluiti in 20 ml di sol. glucosata in 15 ʻ seguiti da 150 mg diluiti in 100 ml di sol. glucosata in 30 min Mantenimento: mgr/kg/24 h es uomo di 70 Kg infusione in pompa 5 fiale in 50 ml sol glucosata 5% 2-3 ml/h Complicanze legate allʼuso cronico: distiroidismo fibrosi polmonare depositi corneali Ipotensione arteriosa bradicardia Tromboflebiti superficiali Torsione di punta DIGOSSINA (fiale 0,5 mg/2 ml) 1 fl 10 ml sol fisiol 0,5 mg ev bolo 0,25 mg ev ogni 4-6 h per tre dosi Vie di conduzioni accessorie NOTA 4 CRITERI PER LA DIMISSIONE DEI PAZIENTI CON FA DAL DEA: - Pazienti più giovani (età < 60 anni) - Pazienti senza malattie concomitanti significative - Pazienti per i quali non cʼè sospetto clinico di TEP o IMA - Pazienti in cui la FA si converte o la frequenza è controllata nel DEA - Pazienti per i quali è garantito il follow-up (follow-up precoce obbligatorio per tutti i pazienti con una FA di recente insorgenza che vengono dimessi) 18

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se

Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Gestione del paziente con dolore toracico montagna P.se Territorio Pronto soccorso S. Marcello P.se U.O. Medicina III S. Marcello P.se Riferimento alle Linee guida ESC, adattando i percorsi al nostro territorio

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Aritmie peri-arresto (4f)

Aritmie peri-arresto (4f) Aritmie peri-arresto (4f) Nota dei curatori Questa sezione delle guidelines 2005 descrive i principi di trattamento delle aritmie periarresto e sostituisce il capitolo13 del precedente manuale ALS. Introduzione

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica

Cause più frequenti di dolore toracico Ischemia miocardica con coronaropatia Altre patologie cardiovascolari atero-trombotica ANMCO/SIMEU Position Paper Percorso di valutazione del Dolore Toracico Settembre 2007 Dolore toracico: qualsiasi dolore, dalla base del naso all ombelico anteriormente e dalla 12 vertebra posteriormente,

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale.

Nella trattazione dei singoli quadri clinici non sono stati riportati i dosaggi dei farmaci, che sono invece stati riassunti nella tabella finale. IL PAZIENTE CARDIOPATICO: STABILIZZAZIONE E TRATTAMENTO P. Rosi, F. Marian SUEM Treviso Emergenza Ospedale S.Maria dei Battuti - Azienda ULSS 9 Treviso Introduzione: Se da un lato molti dei pazienti cardiopatici

Dettagli

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA)

Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) Linee guida e albero delle decisioni nelle Sindromi Coronariche Acute (SCA) A cura di Giuseppe Calcagnini Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Respiratorie Università di Roma la Sapienza Premessa

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz INCIDENZA IN AUMENTO NEI PAESI OCCIDENTALI AUMENTO DELL ETA MEDIA AUMENTO SOPRAVVIVENZA ALL IMA INCIDENZA POPOLAZIONE GENERALE EUROPEA 0,4 % 2,0 % INCIDENZA OVER 75 anni 5 %

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in IL SISTEMA 118 E LA RETE CLINICA: una necessaria integrazione tra territorio e ospedale. da incentivare e concretizzare L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in arresto, periarresto o con

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Maia De Luca Scenario Bambino di 7 anni condotta in DEA per dolore toracico, respiro corto, palpitazioni VALUTAZIONE: impressione iniziale Stato di coscienza: AVPU:

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici

5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic. Torino 15-16 ottobre 2009. Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici 5th JMC Joint Meeting with Mayo Clinic Torino 15-16 ottobre 2009 Arrivo in P.S.: Triage e percorsi diagnostici ASOU San Giovanni Battista di Torino Pronto Soccorso di Medicina Elisabetta Vacca - Franco

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

Sintomi e segni differenziali

Sintomi e segni differenziali Cause di dolore toracico non dovute ad ischemia miocardica Malattia Sintomi e segni differenziali Esofagite da reflusso o spasmo esofageo Embolia polmonare Battiti ectopici pneumotorace Dissezione aortica

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio

LA CARDIOPATIA ISCHEMICA. 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA 3 novembre 2010 dr A. Zanichelli - dr F. Pizzamiglio LA CARDIOPATIA ISCHEMICA INFARTO MIOCARDICO SINDROMI ACUTO (IMA) CORONARICHE ACUTE (SCA) ANGINA INSTABILE LA CARDIOPATIA ISCHEMICA

Dettagli

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto

Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Emergenze cardiocircolatorie Infarto acuto del miocardio Edema polmonare acuto Barbara Narduzzi O Obnubilamento Offuscamento delle facoltà sensitive D Dispnea Difficoltà respiratoria D Dolore toracico

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL DOLORE TORACICO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL DOLORE TORACICO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL DOLORE TORACICO Questa Commissione ha inteso elaborare il presente documento suddividendolo in tre parti: Le basi teoriche Le proposte operative Le proposte di ottimizzazione

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino.

Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: ed organizzative dell infermiere. Sulle sponde del Ticino. Sulle sponde del Ticino Novara, 14-15 gennaio 2011 Il percorso dell IMA STEMI dal Pronto Soccorso all UTIC: competenze tecnico-professionali ed organizzative dell infermiere Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Ritmi e Terapie nel periarresto

Ritmi e Terapie nel periarresto Ritmi e Terapie nel periarresto ASL CE 2013 Dott. Rossano Battista .di cosa parliamo Underlying Arrhythmia of Sudden Death Primary VF 8% Torsades de Pointes 13% VT 62% Bradycardia 17% Bayés de Luna A.

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

LO SCOMPENSO CARDIACO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL MMG

LO SCOMPENSO CARDIACO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL MMG LO SCOMPENSO CARDIACO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL MMG A cura di Alberto Ciacciarelli e Alessio Micchi (SIMG-FIMMG ASL 22) DEFINIZIONE DI SCOMPENSO CARDIACO (SC) Modernamente lo SC è definito

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione d

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CON DOLORE TORACICO Poggiardo, 12 Ottobre 2013 Relatore Inf. Marco Loderini DOLORE TORACICO Sindrome caratterizzata da sensazione dolorosa a carico del torace,

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina Ore 14:15-16:15, 2 h Come studiare le patologie cardiovascolari Il professore

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO Il giorno che precede la prova RILEVAZIONE PARAMETRI VITALI : P.A., POLSO PERIFIERICO E CENTRALE ESECUZIONE ECG FORMATO 3X4 + II DERIVAZIONE RILEVAZIONE

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK:

PRINCIPALI CAUSE DELLO SHOCK: Shock Percorso diagnostico terapeutico di orientamento FISIOPATOLOGIA E in atto una situazione di shock quando a causa di una disfunzione cardiovascolare si crea un inadeguata perfusione degli organi vitali.

Dettagli

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi Fabrizio Ammirati UOC Cardiologia GB Grassi ASL RM D Ostia Roma Introduzione

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se.

Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se. 1 Percorso Dolore Toracico (PDT) per il territorio della Montagna Pistoiese e del Presidio Ospedaliero di S. Marcello P.se. OBIETTIVI ED ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO Il presente lavoro si propone di definire

Dettagli

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Congresso Nazionale IRC Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008 INTEGRAZIONE DELL ECOGRAFIA ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Gian A. CIBINEL Istruttore e Direttore

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia

ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia ICTUS CEREBRALE: PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA D.ssa Cinzia Roberti ACO San Filippo Neri UOC Neurologia PROGRAMMA DI PREVENZIONE E SORVEGLIANZA SANITARIA La patologia deve rappresentare per frequenza

Dettagli

Percorso di valutazione del Dolore Toracico (PDT) nel Dipartimento di Emergenza-Urgenza

Percorso di valutazione del Dolore Toracico (PDT) nel Dipartimento di Emergenza-Urgenza 1 di 17 INDICE 1. PREMESSA 2. SCOPO 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 4. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6.bis DIAGRAMMA DI FLUSSO 7. RIFERIMENTI 8. ARCHIVIAZIONE 9.

Dettagli

INSUFFICIENZA MITRALICA

INSUFFICIENZA MITRALICA CORSO INTEGRATO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI E RESPIRATORIE VALVULOPATIE MITRALICHE Prof.ssa M. De Feo INSUFFICIENZA MITRALICA INSUFFICIENZA MITRALICA Incompleta chiusura dell ostio mitralico cui segue

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina

Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti. Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari. Prof. Raffaele De Caterina Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso di Patologia Sistematica I Malattie cardiovascolari Prof. Raffaele De Caterina 22-10-2013 13:00-15:00 Università degli Studi G. d Annunzio - Chieti Corso

Dettagli

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE Simona Schraffl Infermiera Cardiologia di Cento Marina Franzoni Infermiera Cardiologia di Cento Regola delle 6 G G il GIUSTO FARMACO deve

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO DEFINIZIONE Si definisce scompenso cardiaco la condizione in cui il cuore è incapace di pompare un flusso di sangue adeguato alle necessità dell organismo. Ciò produce

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO MEDI.TER Cooperativa Medicina del Territorio Programma formativo 2008 SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO 7 e 24 maggio 2008 Dr. Claudio Esposito Paziente di sesso maschile anni

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica

Dettagli