LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '"

Transcript

1 LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili. Cnscstridiggttiprcssi. Cnsclprincipliprtidlcmputr. Dscrivggttinturlidrtificili. Rpprsntrsmplicifnmni dggttitcnlgicimdintil linguggiinic. Utilizzsftwrprsclripr rbilitàimmgintiv linguistich. Mniplrmtrilidivritippr rlizzrsmplicifrmidntificbili ngliggttiqutidini. Cmpnscmpnggttinilr lmnti. Utilizzilmuslfindimiglirril crdinmntlmniplzin. Utilizzsmpliciprgrmmidigrfic. Obittivispcificidipprndimnt Cmptnzcnscitiv Cmptnzlinguistic/cmunictiv Cmptnzmtdlgichprtiv Usr,mniplrtrsfrmr smplicimtriliincrtiv. Sprimntrlpssibilitàdiutilizzril cmputrincrtiv divrtnt. Ossrv,splr,ricnscttrvrsi snsimtrilidivritip. Cnscvrimtrililrprprità. Ossrv,scprstrutturfnmni tcnicismplici. Cnscfunzinidlcmputrusl principlipzinidlsistmprtiv. Dscriv,cmpr,clssificggtti nturlidrtificili. Utilizzunlinguggipprpritpr dscrivrr,smplicifnmnid ggttitcnlgici. Utilizzsftwrprsclripr rbilitàprcttiv, immgintiv,lgich,linguistich. Usutnsilittrzziprcmpir dtrmintprzini. Pinific,cntrll,vlutsluzinipr rislvrunprblmtcnic. Utilizzltstir. Utilizzilprgrmmpintsmplici prgrmmidigrficprrlizzr qulcsdicncrtutil. CONTENUTI Attivitàdimniplzinilibr;; Gichidicstruzini; Sprimntzindiprpritàdimtrili; Attivitàdicstruzinguidtdsmplicicnsgn; Usdistrumntidttrzziprgicr,frgirdinggi,cucin,ttivitàmnipltiv; Cstruzindismplicimcchin; Visitguidt; Prgtti di duczin mbintl (us, rius riciclggi di rifiuti, prtzin dll ntur,cqucmrisrs,risprminrgtic).

2 CURRICOLODIEDUCAZIONEALL IMMAGINE SCUOLAPRIMARIA CLASSIPRIMASECONDA OBIETTIVISPECIFICIDIAPPRENDIMENTORELATIVIACOMPETENZE: CONOSCITIVE Sprricnscrlprinciplirlzinispzilinllrnll rpprsntzingrfic. Sprricnscrifndmntlilmntismplicidllinguggivisiv: punt,sgn,lin,spzi,clr. Sprricnscrlcrttristichdidivrsimtrilimnipltivi. Sprutilizzrglilmntifndmntlicquisitiprlggrun immgin. LINGUISTICO/COMUNICATIVE Sprlbrrmssggidsprimrlittrvrsillinguggiicnic. Sprrpprsntrun sprssinindividulcnildisgnl vrblizzzin. Sprssrvrdscrivrun immgin. METODOLOGICO/OPERATIVE Sprsirintrnllspzigrfic. Sprusrilclrscndlr. Sprricnscrutilizzriclriprimrilcunidrivti. Sprutilizzrllintrrllincil. Sprrpprsntrfigurumnscndunschmcrprstrutturt. Sprutilizzrmtrilidivrsiprrlizzrlvrifigurtividcrtivi. CLASSETERZA

3 OBIETTIVISPECIFICIDIAPPRENDIMENTORELATIVIACOMPETENZE: CONOSCITIVE Sprricnscrnllrnllrpprsntzinilin,frm,figur cntstispzili. Sprcnscrglilmntifndmntlidllinguggivisivlprincipli rgldllrpprsntzingrficpittric. Sprutilizzrglilmnticquisitiprlggrun immgin. Sprcnscrlfunzindlmusprvvicinrsilmnddll rt. LINGUISTICO/COMUNICATIVE Sprsisprimrinvrimbititcnich. Sprcmprndrutilizzriprinciplitrminidllinguggispcific. Sprrpprsntrun sprinzindividulcnildisgnl vrblizzzin. Sprssrvr,cmprndrdscrivrun immgin. Sprlggrlsprssiniculturli,rtistichrchitttnichprsntinl trritri. METODOLOGICO/OPERATIVE Sprutilizzringuidt,piinutnmprsnl,gli lmntiitrminiprpsti. Sprricnscrutilizzriclricmplmntri. Sprutilizzrilclrcmlmntsprssivcmunictiv. Sprmniplrmtrilivriprrlizzrggtticmpsizinicrtiv. Sprrpprsntrun sprinzindividul/cllttivcnildisgn,l pittur,lvrblizzzin,ldfinizindididsclicnfumtti. CLASSIQUARTAQUINTAOBIETTIVISPECIFICIDIAPPRENDIMENTORELATIVIA COMPETENZE: CONOSCITIVE

4 Cnscriprinciplilmntismplicicmpstidllinguggivisivin rlzinll immgingrficpittric,spzil. Ricnscrglilmntiprinciplidllstrutturcmpsitivdiun immgin(frm,lin,clri,dtitipgrfici) Sprlggrintrprtrun immgin/un prd rtutilizzndgli lmnticquisiti. Sprsirintrtrivrimvimnti,utriprprpstscndi trminilcrttristichspcifich. Cnscrlfunzindlmusprvvicinrsilmnddll rtnllsu vrifrm. LINGUISTICO/COMUNICATIVE Sprcmunicrmssggittrvrsilmzzsprssivusndmtrili, tcnichstrumntidivrsi. Ricnscrutilizzrillinguggispcific. Sprdscrivr,utilizzndillinguggigrficpittric,snszinid mzinisuscittdll ssrvzindll mbintdsprinz sggttiv. Sprlggrlsprssiniculturli,rtistichrchitttnichprsntinl trritri. METODOLOGICO/OPERATIVE Sprsplrrimmgini,frmggttiprsntinll mbintutilizznd lmglilrisrssnsrili. Sprutilizzrinfficcglilmntidllinguggivisiv(sgn, lin,spzi )prprdurrmssggi. Sprutilizzrmtrilidivrsiprrlizzrlvrifigurtividcrtivi, sgundnchimtivistginli,lricrrnz. Sprutilizzrcrrttmnt,fficcmntcrtivmntilclr.

5 Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE PROGRAMMAZIONE CLASSEPRIMA COMPETENZERIFERITEAI CRITERIDIVALUTAZIONE OBSPECIFICI ClssPrim OSSERVARE Cpcitàdivdr/ssrvr cmprndrdusdi linguggivisivispcifici.rlcpcitàdiprczindi ssrvzindismplicilmntivisuli. b.suprrglistrtipifndmntli rlcpcitàdimmrizzr visivmntidtidlrl. c.sprdscrivrimmginismplicid lmntinturliusndunlinguggi pprprit LEGGERE Ltturdidcumntidl ptrimniculturlrtistic.sprricnscrinunmssggivisiv lcuntcnich,imtrililprincipli crttristichdllinguggivisul. b.cnscrsprusrlcunitrmini pprpriti,rltivillstudidllstri dll rtnllsuprinciplifrmsprssiv (rchitttur,scultur,pittur,rtpplr). c.cquisirilcncttdibnculturl mbintlprndrcscinzdll mltplicitànllmnifstzinirtistichdl prsntdlpsst. PRODURRE 1.Cnscnzdusdll tcnichsprssiv 2.Prduzinrilbrzin dimssggivisivi 1.usrcrrttmntglistrumntiil mtrilinrntilpiùsmplicitcnich rtistich. 1b.pplicrcrrttmntltcnich prpst. 1c.sprscglir,trqullsprimntt,l tcnichpiùidnllsignzsprssiv. 2.rlcpcitàdirpprsntzin grfic. 2b.sprrpprsntrdsprimr grficmntquntssrvt/l sprinzcmpiut. 2c.sprpplicrlrgldibsdl linguggivisul. 2d.rlcpcitàimmgintivd sprssiv,ttrvrsl intrprtzin prsnldisggttiprpsti 2.sprprgttrprdurriprprilvri rispttndsqunzlgictmprli.

6 Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE SVILUPPODELLAPROGRAMMAZIONE CLASSEPRIMA CRITERI di VALUTAZIONE U.D.A. CONTENUTI dlluda TEMPIdi SVILUPPOdll UDA CONOSCENZAED USODELLE TECNICHE SPECIFICHE TEMPERE PASTELLI PENNARELLI COLLAGE MATITA INCHIOSTRI CONTESTUALMENTEALLO SVILUPPODELLEALTRE UD PRODUZIONEE RIELABORAZIONE DEIMESSAGGI VISIVI ILPUNTOELALINEA LECARATTERISTICHEDELPUNTO; RIELABORAZIONI LECARATTERISTICHEDELLALINEA; SPERIMENTAZIONIGRAFICO PITTORICHE ISIGNIFICATIDELSEGNODELPUNTOE DELLALINEAINPITTURASCULTURA ARCHITETTURA;LETTURADELL OPERA OTTOBRE NOVEMBRE (6lzini) ILCOLORE LASTRUTTURADELCOLORENEL CERCHIODIITTEN;RIELABORAZIONE CONTRASTO,GRADAZIONE,TONALITA ; RIELABORAZIONE SIGNIFICATOSIMBOLICODELCOLORE; LETTURADELL OPERAD ARTEE PUBBLICITA L ESPRESSIONEDELCOLORE; OSSERVAZIONE NOVEMBREDICEMBRE GENNAIO (68lzini) LUCIEOMBRE DIVERSEFONTIDIILLUMINAZIONE; OSSERVAZIONE LALUCEINARTE;LETTURADELL OPERA SPERIMENTIAMOGLIEFFETTIDEL CHIAROSCURO;RIELABORAZIONE FEBBRAIO (2lzini) COMPRENSIONEED USODEILINGUAGGI SPECIFICI ILLINGUAGGIO VISIVOLEGATOALLA NARRAZIONE ALL IMMAGINAZIONE ALL ESPRESSIONE ILLUSTRAZIONEDIRACCONTI,FIABE, POESIE,FUMETTI;RIELABORAZIONI. FEBBRAIOMARZO (68lzini) lduunitàdidttichsi n cntmprnmnt ILLINGUAGGIO VISIVO LAFORMADELLECOSE LEFORMEDELLANATURA FORMAEDESPRESSIVITA LETTURADI DOCUMENTIDEL PATRIMONIO CULTURALEE ARTISTICO L ARTEANTICA; L ARTEDEL MEDIOEVO PITTURERUPESTRIEGRAFFITI GEROGLIFICIEDIVINITA EGIZIE ILTEMPIO,LAFIGURAUMANAIN GRECIA PITTURAESCULTURAETRUSCA PITTURAESCULTURAROMANA ARCHITETTURAROMANA LACHIESAROMANICA LASCULTURAROMANICA LACHIESAGOTICA LASCULTURAGOTICA DASETTEMBREA GIUGNO: CONTESTUALMENTEALLO SVILUPPODELLEALTRE UDA

7 INDICATORE OSSERVARE LEGGERE CAPACITA DI VEDERE-OSSERVARE; COMPRENSIONE ED USO DEI LINGUAGGI VISIVI SPECIFICI LETTURA DEI DOCUMENTI DEL PATRIMONIO CULTURALE E ARTISTICO P R O D Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE VALUTAZIONE CLASSEPRIMA LIVELLIDIVALUTAZIONE Nn h t Nn risc suprr Nn s dscriv r Nn s ricns cr Nn cnsc nn s usr Nn h cquisi t Prsnt ncr diffic nll Nn h ncr suprt Nn h ncr cquisi t l cpcit à di dscriv r Incntr mlt diffic nl ricns cr Stnt cnsc r us cn mlt diffic Nn h ncr cquisi t t in smmri cmpls sivmn t suprt Dscriv in cctt bil Prsnt qulch incrt zz nl ricns cr Cnsc us cn qulch incrt zz cquisi t in smmri U C R R n E s E c R n I z E L A B d O R u A s R E t in bbst nz crrtt suprt in cctt bil Dscriv in bbst nz chir S ricns cr in bbst nz crrtt Cnsc us in bbst nz crrtt cquisi t in bbst nz crrtt d l l t in crrtt suprt cn sicurz z Dscriv in chir Ricns c in crrtt Cnsc us in crrtt cquisi t in crrtt t in crrtt dttgli t suprt cmplt mnt Dscriv in cmplt Ricnsc cn sicurzz Cnsc us cn sicurzz cquisit in sicur t c n i c h t cmplt nlitich cpcità di prczin ssrvzin di smplici lmnti dll r suprt in cmplt sicur gli strtipi fndmntli nd l cpcità di mmrizzzin visiv dl rl Dscriv in cmplt dttglit immgini smplici d lmnti nturli usnd un linguggi pprprit Ricnsc cn prcisin sicurzz in un mssggi visiv lcun tcnich i mtrili l principli crttristich dl linguggi visul Cnsc us cn prcisin sicurzz lcuni trmini rifriti ll stri dll rt nll su principli frm sprssiv cquisit pinmnt gli lmnti più smplici di cnctti di Bn Culturl Ambintl dll mltplicità dll mnifstzin rtistich ch li crttrizzn Nn Cnsc Cnsc Cnsc Cnsc Cnsc mlt bn s p r s s i v

8 Prduzin rilbrzin mssggi visivi cnsc nn s pplic r Nn s scgli r Nn cnsc nn s pplic r Nn s rpprs ntr Nn h t scrs cnsc nz incntr mlt diffic nll p plicr Incntr mlt diffic nll scgli r scrs cnsc nz incntr mlt diffic nll p plicr Incntr mlt diffic nl rpprs ntr Prsnt mlt diffic r pplic cn qulch incrt zz Prsnt qulch incrt zz Cnsc pplic cn qulch incrt zz Dimstr qulch incrt zz nl rpprs ntr t cn qulch incrt zz pplic in bbst nz crrtt Scgli in bbst nz crrtt Cnsc pplic in bbst nz crrtt Rpprs nt in bbst nz crrtt t in bbst nz crrtt pplic crrtt mnt Scgli crrtt mnt Cnsc pplic crrtt mnt Rpprs nt crrtt mnt t crrtt mnt pplic cn sicurzz Scgli cn sicurzz Cnsc pplic cn sicurzz Rpprs nt in cmplt t in cmplt Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE PROGRAMMAZIONE CLASSESECONDA COMPETENZERIFERITEAI OBSPECIFICI CRITERIDIVALUTAZIONE OSSERVARE Cpcitàdivdr/ssrvr cmprndrdusdi linguggivisivispcifici ClssScnd s pplicr cn pdrnnz smplici strumnti tcnich sprssiv di bs Scgli cn sicur pdrnnz tr qull cnsciut l tcnich più idn ll signz sprssiv Cnsc mlt bn s pplicr cn pdrnnz l più smplici rgl dl linguggi visiv Rpprsnt in cmplt dttglit smplici frm d lmnti dll r t in cmplt prsnl l cpcità immgintiv d sprssiv nll rilbrzin di sggtti prpsti.rlcpcitàdiprczindi ssrvzindilmntidllrdi mssggivisivi. b.suprrglistrtipi. c.cnscrglilmntilrgllstruttur fndmntlidllinguggivisulllr funzinicmunictiv d.cnscrsprutilizzrltrminlgi spcific;sprdscrivrl lbrtprdtt nllsusqunzdiprduzinnivlri

9 sprssivi LEGGERE Ltturdidcumntidl ptrimniculturlrtistic.sprricnscrdscrivrinun dcumntstricrtisticimtrili,l tcnic,lstruttur,glilmntidllinguggi visiv. b.cquisirsprpplicruncrrtt mtddiltturdiun immgindiun pr d rt. c.sprscglirlfunzincmunictivil significtdiunmssggivisivsprl cllcrnlgiustcntststricculturl. d.cnscrsprpplicrltrminlgi pprpritrltivllstudidllstri dll rtnllsuprinciplifrmsprssiv. PRODURRE 1.Cnscnzdusdll tcnichsprssiv 2.Prduzinrilbrzin dimssggivisivi 1.usrcrrttmntglistrumntiil mtril. 1b.cnscrsprscglirltcnichpiù idnllsignzsprssivtnndcnt divinclidllpssibilitàsprssivdi ciscundiss. 1c.pplicrcrrttmntltcnich prpst. 2.rlcpcitàdirpprsntzin grfic. 2b.sprrpprsntrdintrprtr ttrvrsl usdistrumntigrficidivrsi quntssrvtlsprinzcmpiut. 2c.sprpplicrlrgllstruttur fndmntlidllinguggivisul. 2d.rlcpcitàdiintrprtzin prsnlditmisggttiprpsti. Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE SVILUPPODELLAPROGRAMMAZIONE CLASSESECONDA CRITERI di VALUTAZIONE U.D.A. CONTENUTI dlluda TEMPIdi SVILUPPOdll UDA CONOSCENZAED USODELLE TECNICHE SPECIFICHE Apprfndirsprimntzintcnichcn TEMPERE PASTELLI PENNARELLI COLLAGE MATITA INCHIOSTRI cnscrltcnicdll ffrscdlmsic CONTESTUALMENT EALLOSVILUPPO DELLEALTREU.D PERCEZIONEINTUITIVADELLOSPAZIO RAPPRESENTAZIONEINTUITIVADELLOSPAZIO BIETRIDIMENSIONALE OTTOBRE

10 PRODUZIONEE RIELABORAZIONE DEIMESSAGGI VISIVI COMPRENSIONEED USODEILINGUAGGI SPECIFICI LETTURADI DOCUMENTIDEL PATRIMONIO CULTURALEE ARTISTICO SPAZIO SIMMETRIA PESOEQUILIBRIO FORMA GLIELEMENTIDELLA COMUNICAZIONE CAPACITA ESPRESSIVEDEL LINGUAGGIOVISIVO DAGIOTTO ALL 800 LETTURADIOPERE PITTORICHE RAPPRESENTAZIONEPROSPETTICA RIELABORAZIONEPERSONALE LOSPAZIOESTERNO SIGNIFICATODISIMMETRIA APPLICAZIONEINCOMPOSIZIONIINFORMALI, ASTRATTEFIGURATIVE SIGNIFICATODIPESOEDEQUILIBRIONELLA COMPOSIZIONE APPLICAZIONIINCOMPOSIZIONIASTRATTE INFORMALI,FIGURATOVE LEFORMEDELLANATURA LEFORMEDEGLIOGGETTI OSSERVAZIONE;TECNICHEDIRIPRODUZIONE RIELABORAZIONIPERSONALI LAFORMACOSTRUITA(SPERIMENTAZIONI CONLACRETA) COMMITTENTEEDESTINATARIO MESSAGGIO,CODICEECONTESTO STRUMENTIEMATERIALI DIFFERENZETRAILCOSARAPPRESENTAE COSASIGNIFICA:OSSERVAZIONE INDIVIDUAZIONEDELLAPROPRIAESIGENZA ESPRESSIVA RICERCADELLINGUAGGIOVISIVOIDONEOA RAPPRESENTARELAPROPRIAESIGENZA ESPRESSIVA UTILIZZODELLINGUAGGIOESPRESSIVO RITENUTOPIU IDONEO LARAPPRESENTAZIONEDELLOSPAZIOEDELLA PROFONDITA ILPAESAGGIO ILRITRATTO LACOMPOSIZIONE NOVEMBRE (6lzini) NOVEMBRE(2 lzini) DICEMBRE GENNAIO (34lzini) FEBBRAIOMARZO APRILEMAGGIO (14lzini) NELCORSO DELL ANNO,IN FUNZIONEALLO SVILUPPODELLE ALTREU.D NELCORSO DELL ANNO,IN FUNZIONEALLO SVILUPPODELLE ALTREU.D INDICATORE OSSERVARE CAPACITA DI VEDERE- OSSERVARE; COMPRENSIONE ED USO DEI LINGUAGGI VISIVI SPECIFICI Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE VALUTAZIONE CLASSESECONDA LIVELLIDIVALUTAZIONE Nn h t Nn risc suprr Prsnt ncr diffic nll Nn h ncr suprt t in smmri cmpls sivmn t t in bbst nz crrtt suprt in t in crrtt suprt cn sicurz t in crrtt dttgli t pinmn t suprt t cmplt nlitich cpcità di prczin ssrvzin di più cmplssi lmnti dll r di mssggi visivi suprt in cmplt sicur gli strtipi

11 LEGGERE E COMPRENDERE PRODURRE E RIELABORARE LETTURA DEI DOCUMENTI DEL PATRIMONIO CULTURALE E ARTISTICO Cnscnz d us dll tcnich sprssiv Nn s dscriv r Nn s ricns cr Nn h cquisi t Nn cmprn d nn s utilizz r Nn cnsc nn s pplic r Nn s scgli r Nn h ncr cquisi t l cpcit à di dscriv r Incntr mlt diffic nl ricns cr Nn h ncr cquisi t Cmprn d cn diffic utilizz przil mnt scrs cnsc nz incntr mlt diffic nll p plicr Incntr mlt diffic nll scgli r suprt Dscriv in cctt bil Prsnt qulch incrt zz nl ricns cr cquisi t in smmri Cmprn d utilizz sl i princip li Cnsc pplic cn qulch incrt zz Prsnt qulch incrt zz cctt bil Dscriv in bbst nz chir S ricns cr in bbst nz crrtt cquisi t in bbst nz crrtt Cmprn d s utilizz r in bbst nz crrtt Cnsc pplic in bbst nz crrtt Scgli in bbst nz crrtt z Dscriv in chir Ricns c in crrtt cquisi t in crrtt Cmprn d s utilizz r in crrtt Cnsc pplic crrtt mnt Scgli crrtt mnt Dscriv in cmplt Ricnsc cn sicurzz cquisit in sicur Cmprnd s utilizz r in sicur Cnsc pplic cn sicurzz Scgli cn sicurzz t l cpcità di ricnscr lmnti fndmntli dl linguggi visul Dscriv in cmplt dttglit immgini d lmnti nturli più cmplssi usnd un linguggi più spcific Ricnsc cn prcisin sicurzz in un dcumnt stricrtistic tcnich mtrili lmnti struttur dl linguggi visiv cquisit pinmnt un crrtt mtd di lttur di un immgin pr d rt individundn l funzin cmunictiv cllcndl nl giust cntst stric culturl Cmprnd utilizz cn sicurzz prcisin più trmini spcifici rltivi ll stri dll rt nll su principli frm sprssiv Cnsc mlt bn s pplicr cn pdrnnz strumnti tcnich sprssiv prpst Scgli cn sicur pdrnnz l tcnich più idn ll signz sprssiv cnsidrndn i

12 Prduzin rilbrzin mssggi visivi Nn cnsc nn s pplic r Nn s rpprs ntr Nn h t scrs cnsc nz incntr mlt diffic nll p plicr Incntr mlt diffic nl rpprs ntr Prsnt mlt diffic r Cnsc pplic cn qulch incrt zz Dimstr qulch incrt zz nl rpprs ntr t cn qulch incrt zz Cnsc pplic in bbst nz crrtt Rpprs nt in bbst nz crrtt t in bbst nz crrtt Cnsc pplic crrtt mnt Rpprs nt crrtt mnt t crrtt mnt Cnsc pplic cn sicurzz Rpprs nt in cmplt t in cmplt Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE PROGRAMMAZIONE CLASSETERZA COMPETENZERIFERITEAI CRITERIDIVALUTAZIONE OSSERVARE Cpcitàdivdr/ssrvr cmprndrdusdi linguggivisivispcifici LEGGERE Ltturdidcumntidl ptrimniculturlrtistic OBSPECIFICI ClssScnd vincli l pssibilità Cnsc mlt bn s pplicr cn pdrnnz nll su rpprsntzini grficpittrich, l principli rgl dl linguggi visiv Rpprsnt in cmplt dttglit ttrvrs l us di strumnti grfici divrsi smplici frm d lmnti dll r t in cmplt prsnl tr l cpcità di intrprtzin di tmi sggtti prpsti.pprfndirlcpcitàdissrvr nlizzrlmntidllrrl cpcitàdisintsi. b.sprnlizzrintrprtrmssggi visivi,lmntifnmnidllr. c.cnscrglilmntilrgllstruttur dllinguggivisulllrfunzini cmunictiv d.cnscrsprusrltrminlgi spcific;sprdscrivrl lbrtprdtt nllsusqunzdiprgttzinnisui cntnutisprssivi..sprricnscrdscrivrinun dcumntculturlrtisticimtrili,l tcnic,lstruttur,glilmntidllinguggi visiv. b.cquisirsprpplicruncrrtt mtddiltturdiun immgin. c.sprcglirfunzinsignifictdiun mssggivisiv,sprlcllcrnlgiust cntststricculturlsprsprimrun mtivtgiudiziprsnl.

13 d.cnscrsprusrltrminlgi spcific. PRODURRE 1.Cnscnzdusdll tcnichsprssiv 2.Prduzinrilbrzin dimssggivisivi 1.usrcrrttmntglistrumntiil mtril. 1b.cnscrsprscglirltcnichpiù idnllsignzsprssivtnndcnt divinclidllpssibilitàsprssivdi ciscundiss. 1c.pplicrcrrttmntltcnich prpst. 2.sprsprimrsicnlinguggigrfic dgut. 2b.sprpplicrcrrttmntrgl strutturdllinguggivisul,infunzindl lrvlrcmunictiv. 2c.rcpcitàdirilbrzin intrprtzinprsnlditmisggtti prpsti. 2d.sprprdurrincnspvl mssggivisiviriginlidsprssivi, prgttndl rgnizzzindisgniin funzindlmssggi. Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE SVILUPPODELLAPROGRAMMAZIONE CLASSETERZA CRITERI di VALUTAZIONE U.D.A. CONTENUTIDELLEU.D.A. U.D.A. TRAVERS ALI TEMPIDI SVILUPPODELLE UDA CONOSCENZAED USODELLE TECNICHE SPECIFICHE Apprfndirsprimntzintcnichcn TEMPERE PASTELLI PENNARELLI COLLAGE MATITA INCHIOSTRI IOEIL TERRITORI O IRAGAZZIE LE RAGAZZE DI Blsn li ftgrfim n riprduci mps, ttggim nti CONTESTUALMEN TEALLO SVILUPPODELLE ALTREU.D. PRODUZIONEE RIELABORAZION EDEIMESSAGGI VISIVI LAFIGURA UMANA lstrtip lcstruzinmdulr dlmdulllfrm ilmnichin rilbrzinicnilmnichin FUNZIONE IMMAGINAT IVA COSASIGNIFICAL OPERAASTRATTOIMMAGINARIA L OPERASIMBOLICOALLEGORICAL OPERA SURREALISTA ELEMENTIESTRUTTUREDELLINGUAGGIOVISIVO IDONEIARAPPRESENTARELAFUNZIONE IMMAGINATIVA RIPRODUZIONEDIOPEREdll vngurdirielaborazione PERSONALE OTTOBRE NOVEMBRE (6lzini) DICEMBRE GENNAIO (34lzini FUNZIONE ESPRESSIVA EMOTIVA COSASIGNIFICAL OPERAINFORMALE;L OPERA ESPRESSIONISTA ELEMENTIESTRUTTUREDELLINGUAGGIOVISIVO IDONEIARAPPRESENTARELAFUNZIONEESPRESSIVO EMOTIVA RIPRODUZIONEDIOPEREdll vngurdirielaborazione FEBBRAIO

14 COMPRENSIONE EDUSODEI LINGUAGGI SPECIFICI LETTURADEL DOCUMENTO DEL PATRIMONIO CULTURALEE ARTISTICO INDICATORE OSSERVARE LEGGERE E COMPRENDER E CAPACITA DI VEDERE-OSSERVARE; COMPRENSIONE ED USO DEI LINGUAGGI VISIVI SPECIFICI Nn risc d ssr vr FUNZIONE ESORTATIVA GLI ELEMENTI DELLA COMUNICAZ IONE CAPACITA ESPRESSIVE DEL LINGUAGGI OVISIVO DAL NEOCLASSIC ISMOALLE AVANGUAR DIEDEL 900 PERSONALE CHECOSASIGNIFICALAPUBBLICITA COMMERCIALEE NON L OPERARELIGIOSA ELEMENTIESTRUTTUREDELLINGUAGGIOVISIVO IDONEIARAPPRESENTARELAFUNZIONEESORTATIVA RIPRODUZIONEDIOPEREdll vngurdirielaborazione PERSONALE sgni,frm,clri simbli rccntgrfic/pittric linguggifigurtivnnfigurtiv linguggifunzinlciòchsi rpprsnt linguggifunzinllsggtt(rtist) INDIVIDUAZIONEDELLAPROPRIAESIGENZA ESPRESSIVA UTILIZZODELLINGUAGGIOVISIVO RITENUTOPIU IDONEOARAPPRESENTARE LAPROPRIAESIGENZAESPRESSIVA NEOCLASSICISMO;ROMANTICISMO; REALISMO;IMPRESSIONISMO; POSTIMPRESSIONISMO;ESPRESSIONISMO; CUBISMO;FUTURISMO;ASTRATTISMO; SURREALISMO;METAFISICA IOEIL GRUPPO??? Scndridi1 grd ARTE&IMMAGINE VALUTAZIONE CLASSETERZA MARZOAPRILE (10lzini APRILEMAGGIO 2+2lzini) DANOVEMBREA GIUGNO (cntstulmnt lldll ltru.d.) LIVELLIDIVALUTAZIONE Ossrv Ossrv Ossrv Ossrv Ossrv cn in in in in difficl crrtt tà smmr bbst crrt i nz t dttgli crrt t Nn risc supr r Nn cns c Nn s lgg r LETTURA DEI DOCUMENTI DEL PATRIMONIO CULTURALE E ARTISTICO Nn h ncr suprt Nn h ncr cquisit l cnscn z Nn h ncr cquisit l cpcità di lttur cmpl ssivm nt supr t Cnsc in cctt bil Lgg in smmr i t supr t in cctt bil Cnsc in bbst nz chir Lgg in bbst nz chir supr t cn un crt sicur zz Cnsc in chir Lgg in chir suprt cmplt mnt Cnsc in cmplt Lgg in cmplt Ossrv in cmplt nlitic mssggi visivi d lmnti dll r pinmnt suprt gli strtipi fndmntli Cnsc in cmplt dttglit l principli rgl dl linguggi visul Lgg in cmplt dttglit un mssggi visiv un pr d rt

15 PRODURRE E RIELABORARE Cnscnz d us dll tcnich sprssiv Prduzin rilbrzin mssggi visivi Nn cmpr nd nn s utili zzr Nn s cll cr Nn cns c nn s ppli cr Nn cns c nn s ppli cr Nn s rppr snt r Nn s ril brr Cmprnd cn difficl tà utilizz przilm nt Incntr mlt difficl tà nl cllcr scrs cnscn z incntr mlt difficl tà nll pp licr scrs cnscn z incntr mlt difficl tà nll pp licr Incntr mlt difficl tà nl rpprs ntr Incntr mlt difficl tà nl rilbr r Cmpr nd utiliz z sl i princi pli Prsn t qulch incrt zz nl cllc r Cnsc pplic cn qulch incrt zz Cnsc pplic cn qulch incrt zz Dimst r qulch incrt zz nl rppr sntr Dimst r qulch incrt zz nl rilb rr Cmpr nd s utiliz zr in bbst nz crrt t S cllc r in bbst nz crrt t Cnsc pplic in bbst nz crrt t Cnsc pplic in bbst nz crrt t Rppr snt in bbst nz crrt t Rilb r in bbst nz crrt t Cmpr nd s utiliz zr in crrt t Cllc in crrt t Cnsc pplic crrt tmnt Cnsc pplic crrt tmnt Rppr snt crrt tmnt Rilb r crrt tmnt Cmprnd s utilizz r in sicur Cllc cn sicurzz Cnsc pplic cn sicurzz Cnsc pplic cn sicurzz Rpprs nt in cmplt Rilbr in cmplt Cmprnd pinmnt, utilizz cn prcisin i trmini spcifici rltivi ll stri dll rt S cllcr cn prcisin sicurzz un pr d rt un mssggi visiv nl giust cntst stric/cultur l Cnsc mlt bn s pplicr cn pdrnnz strumnti tcnich sprssiv Cnsc mlt bn s pplicr cn pdrnnz l principli rgl dl linguggi visiv Rpprsnt in cmplt dttglit frm d lmnti dll r Rilbr i tmi prpsti in prsnl riginl

16

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del

ilzzeíír : giugno Numero ISS Sabato, Le pagine destinate per Ic inserzioni, agli effetti del Arrtrt: Mnstr Avvs SO ZZÍÍR ÍtÍRÍ8 DEL RE Gl\TO E ITALIA Ann 93 Bm Sbt : gugn Numr ISS Atbnrnnt Ann Sm Trm dmc d n In Rut sn prss l'ammnstrzn ch L tutt Rgn 65 86 30 All'str (Ps dll' Unn pstl) 50» 0 Un

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede 1 I.C. Slvo Pllco Portoplo Cpo Pssro 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE S. PELLICO V Crnnà 4 c..p. 96018 - PACHINO (SR) Tl. 0931/801226-0931597094 ml :src853002q@struzon.t www.pllcopchno.t Coc Fscl 83001430897.

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO "OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE"

GRADUATORIA DEL CORSO NR. 060548 DI II LIVELLO OPERATORE DEL DISAGIO PSICHICO ADOLESCENZIALE E GIOVANILE , Z, Z ZZ H. 060548 " H Z " ' 1 19.07.81 18/07/2006 110 2 30.06.81.. 08/07/2006 110 3 Z 25.05.81 08/07/2006 110 4 23.08.69 07/03/2006 110 5 H 15.12.80 06/03/2006 110 6 31.07.81. '..H. 01/02/2006 110 7

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA MI IV I S'TtA D E ()) ND NI 11 i. fin /~ j>j ee I?~ it S'lo;J[.~i/f r tis«,t..;ii'\.'j1lefjr:ll~ S'IAT~ ptw)t 60 (?P~GL.2, /7- J2bJ( MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s.

Atelier SottoSopra. Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. Atelier SottoSopra Proposte di laboratori artistici esperienziali: fare arte tra colori, segni e disegni per la scuola primaria a.s. 2014-2015 Obiettivi delle varie proposte: - permettere ai bambini di

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

O la, o che bon eccho! (The Echo Song)

O la, o che bon eccho! (The Echo Song) la che bn ecch! (The Ech ng) ATB Duble Chir a cappella rland di Lass (1532-1596) CANT (pran I) 2 ALT (Alt II) 2 TENRE (Tenr II) BA (Bass I) % E %E % E E 1 la la la la che bun che bun che bun che bun ec

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL MANAG. Ilibri di management solitamente si rivolgono PRIMA, DURAN PROFESSIONE

IL MANAG. Ilibri di management solitamente si rivolgono PRIMA, DURAN PROFESSIONE PROSSON PRM, URN L MN 14 al sapere al saper essere, passando per il saper fare e il saper far fare : dall età dell assunzione in azienda all età della post-pensione, ecco il percorso attraverso il quale

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

FONOSTOP ISOLAMENTO ACUSTICO DAI RUMORI DI CALPESTIO Prodotti e soluzioni tecniche

FONOSTOP ISOLAMENTO ACUSTICO DAI RUMORI DI CALPESTIO Prodotti e soluzioni tecniche TP ISLAMENT ACUSTIC DAI RUMRI DI CALPESTI Prdtti sluzini tcnich Lina Irvnti islamnt stic in nuvi fabbricati ristrutturazini igrali Islamnt stic di pavimnti su slai in latr-cmnt Bnifica stica snza dmlizini

Dettagli

ai fini della pubblicità obbligatoria prevista dall'art. 21 L. 69 del 18/06/2009

ai fini della pubblicità obbligatoria prevista dall'art. 21 L. 69 del 18/06/2009 Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Conservatorio di Musica "A. Boito" Parma Alta Formazione Artistica e Musicale Via del Conservatorio 27/a - 43121 Parma TASSI DI ASSENZA DEL PERSONALE

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

SCHEDA COSTI CAPITOLATO GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO VARIE QUALIFICHE

SCHEDA COSTI CAPITOLATO GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO VARIE QUALIFICHE ALL. 3 SCHEDA COSTI CAPITOLATO GARA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO VARIE QUALIFICHE a) Per ogni qualifica la Ditta indica i seguenti punti: n.1 INFERMIERE, Categoria D : _ numero

Dettagli

---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283

---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283 ---- CIAO ---- 1967 CN - CE - CV 1001 12692 1968 CN - CE - CV 12693 145013 1969 CN - CE - CV 145014 226098 1970 CN - CE - CV 226099 236283 CIAO SPECIAL 1969 C7E - C7V 800001 841911 1970 C7E - C7V 841912

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76 N SSD = 76 N Ricercatori complessivi = 5.167 N Università = 64 N Sub-GEV = 5 1: Antichistica (10/A1 Archeologia, 10/D1 Storia Antica,10/D2 Lingua e Letteratura Greca, 10/D3 Lingua e Letteratura Latina,

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli