UNA SCUOLA IN PROSPETTIVA EUROPEA POF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA SCUOLA IN PROSPETTIVA EUROPEA POF 2011-2012. http://www.scuolacarlopoerio.it 1"

Transcript

1 UNA SCUOLA IN PROSPETTIVA EUROPEA POF

2 In questo mondo in continua trasformazione le conoscenze sono destinate ad essere consumate. Pertanto è indispensabile formare menti che possano disporre di un attitudine a porre e trattare i problemi e posseggano principi organizzatori e competenze che permettano di collegare i saperi e di dare loro senso. da La testa ben fatta. Riforma dell insegnamento e riforma del pensiero di Edgar Morin 2

3 PREMESSA IDENTITA CULTURALE E PROGETTUALE DELLA SCUOLA C. POERIO La Scuola Secondaria di primo grado Carlo Poerio, sorge in un quartiere residenziale, con un ottimale sviluppo di servizi, infrastrutture e offerte culturali. L ubicazione dell edificio in un area collinare, panoramica, e nel contempo abbastanza tranquilla, risulta particolarmente favorevole al raggiungimento in breve tempo di luoghi di interesse culturale, artistico ed istituzionale della città. L Istituzione si attesta prevalentemente nel territorio quale punto di riferimento privilegiato per un utenza di estrazione sociale medio-alta, caratterizzata da un background linguistico e culturale elevato, in cui i genitori si mostrano particolarmente attenti all ambiente di apprendimento ed all offerta formativa.in tale contesto una parte dell utenza (circa il 10% ) proviene da quartieri limitrofi, in taluni casi da aree a rischio di evasione ed abbandono scolastico. Negli ultimi anni è andata aumentando la presenza di alunni appartenenti ad altre etnie e religioni; alunni culturalmente e socialmente diversi, dunque, che, pur nella molteplicità delle appartenenze e delle convinzioni culturali, trovano integrazione e si armonizzano in un Istituzione che, tanto nelle sue scelte organizzative che nei suoi percorsi formativi, esalta il valore imprescindibile del rispetto della diversità della persona ponendolo alla base del proprio impianto educativo. Il numero sempre alto di iscrizioni, in esubero rispetto alle possibilità ricettive, rileva che l istituzione si è accreditata sul territorio quale scuola moderna ed attiva in cui sono operate scelte educative e didattiche finalizzate alla creazione di solide basi culturali e metodologiche idonee ad una agevole e sicura prosecuzione degli studi da parte degli allievi. 3

4 Percorsi formativi in prospettiva europea La Scuola si propone di rispondere ai bisogni formativi di una platea interessata ad un progetto di formazione umana e culturale in grado di garantire lo sviluppo generale dell individuo e l acquisizione di conoscenze, competenze e capacità richieste dalla società civile anche attraverso una serie di innovazioni e sperimentazioni che, condivise ed apprezzate, arricchiscono i curricoli di base. Particolare attenzione viene posta ad attività di insegnamento-apprendimento caratterizzate dall utilizzo di più tecnologie informatiche finalizzate al potenziamento di competenze cognitive e operative degli allievi. L insegnamento dell inglese e di una seconda lingua straniera (Tedesco, Spagnolo oppure Francese) arricchisce e favorisce la crescita dei giovani studenti in un contesto di plurilinguismo. In particolare, vengono privilegiati percorsi formativi, fondati sull integrazione, di fatto sollecitata dalla Comunità Europea, tra la cultura umanistica e quella scientifico-tecnologica. Quest ultima apre l orizzonte a linguaggi e saperi innovativi in rapida evoluzione e permette l acquisizione di metodi fondamentali, primo tra tutti quello sperimentale, che incoraggia e guida al lavoro di ricerca e che quindi è orientata a rispondere ai bisogni fondamentali di apprendimento e di senso degli alunni. Una cultura solida, che apra ad una formazione umanistica, guidi l allievo a chiedersi chi è e dove si colloca nelle culture umane, nelle società, nella storia,inducendolo a non appiattirsi nel presente e favorendo in lui lo sviluppo di competenze, ovvero attitudini permanenti indispensabili, come la capacità di decodificare i messaggi e di vagliare criticamente le informazioni. 4

5 INTRODUZIONE Il POF (Piano dell Offerta Formativa) è lo strumento attraverso cui la scuola definisce e presenta il proprio progetto didattico-educativo,approvato dal Collegio Docenti e adottato dal Consiglio d Istituto. Esso, in quanto piano di attività contestualizzato, realizzabile, consapevole, organizzato, verificabile, delinea l identità della Scuola. Il POF è inoltre un contratto formativo che si fonda sull impegno reciproco e diversificato che docenti, famiglie e studenti assumono di fronte ai compiti dell istruzione e dell educazione ed è sintesi operativa delle condizioni pedagogiche, organizzative e didattiche che consentono di realizzare un insegnamento efficace ed adeguato agli alunni nel rispetto degli Indirizzi curriculari nazionali. Il nucleo fondante del P.O.F., è il curricolo, che viene predisposto dalla comunità professionale nel rispetto degli orientamenti e dei vincoli posti dalle Indicazioni. Il processo di costruzione del POF si colloca in una prospettiva pluriennale e viene adeguato annualmente in rapporto alle esperienze compiute e a tutti i fattori di novità che si introducono nel contesto, sotto la responsabilità del Dirigente Scolastico, del Docente Funzione strumentale Gestione POF e del gruppo di lavoro dei dipartimenti di area per la revisione e stesura dello stesso. 5

6 1.1. COMUNITA POERIO La Scuola, come comunità che si organizza intorno ad un progetto educativo e culturale efficace, adotta modelli ed azioni multiprospettiche che si esprimono nel saper osservare ed interpretare da diversi punti di vista i fenomeni di cambiamenti che interessano il sistema e l istituzione scolastica, rispondendo ad essi con flessibilità d azione. La C. Poerio si propone come comunità formativa ed educante, dove l alunno cresce culturalmente elaborando, nel contempo ed in rapporto alla sua età, linee di senso e sistemi di valori personali ; l istituzione assume in pieno la sua funzione di comunità professionale, tesa sia all interno dell istituto, sia in rete con altre istituzioni, allo sviluppo di processi di progettazione creativa; si caratterizza, infine, quale comunità che valuta i propri processi e risultati per l approccio alla qualità e per l utilizzo di strategie di miglioramento. Costituiscono importanti strumenti per l attuazione di un tale progetto di sistema formativo e di gestione della Scuola: l accesso alle Azioni previste dai Programmi Operativi Nazionali (PON); la realizzazione di una serie di attività integrate nei curricula ed attività extracurriculari, in collaborazione con altre istituzioni educative ed associazioni ed enti formativi e culturali; l attento monitoraggio, da parte della comunità docente, dei processi avviati, monitoraggio che ha determinato, nel tempo, percorsi di formazione e di ricercaazione, valore aggiunto alla elaborazione ed implementazione del Piano dell offerta formativa. 6

7 Successo Formativo IST. ALBERGHIERO 2% ISTITUTO D ' ARTE 2% IST. TECN. AMM. NE E FINANZA 9% IST. TECNICO PER IL TURISMO 1% IST. TECN. NAUTICO 2% IST. ALBERGHIERO ISTITUTO D'ARTE IST. TECN. AMM.NE E FINANZA IST. TECNICO PER IL TURISMO IST.TECN. NAUTICO IST. PROF GRAFICA LICEO LINGUISTICO IST. PROF. OTTICA LICEO CLASSICO LICEO PSICOPEDAGOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO 44% LICEO LINGUISTICO 6% IST. PROF GRAFICA 1% IST. PROF. OTTICA 1% LICEO PSICOPEDAGOGICO 1% LICEO CLASSICO 31% Percentuali orientamento scolastico alunni licenziati anno scolastico 2010/2011 Nulla Osta, Bocciature a.s. 2010/11: risultato inferiore al 1,2 % sul totale degli iscritti 7

8 Esame di Stato del primo ciclo - anno scolastico Prova nazionale INVALSI 250,0 PN 2010/2011 Risultato complessivo della prova di Italiano 230,0 210,0 190,0 170,0 150,0 130,0 110,0 90,0 70,0 50,0 NAMM07800V Campania Sud Italia Serie4 Serie3 77,8 59,9 62,3 67,3 Serie2 77,8 59,5 61,5 66,4 Serie1 77,8 59,0 60,6 65,5 NAMM07800V è il codice meccanografico dell istituto di istruzione secondaria CARLO POERIO 8

9 200,0 PN 2010/2011 Risultato complessivo della prova di Matematica 180,0 160,0 140,0 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 NAMM07800V Campania Sud Italia Serie5 Serie4 Serie3 59,8 50,3 52,2 56,7 Serie2 59,8 49,9 51,3 56,1 Serie1 59,8 49,5 50,4 55,6 9

10 1.2. Criteri Organizzativi Costruire quotidianamente la Scuola come luogo accogliente, curando la formazione della classe come gruppo alla promozione di legami cooperativi; La scuola come comunità educante, in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera Dare senso alla varietà delle esperienze al fine di ridurre la frammentarietà dei saperi e delle discipline ed integrarle in nuovi quadri d insieme; Realizzare una progettualità d Istituto ponendo gli accenti sui traguardi di livello e su obiettivi di competenze.( Sistema di Valutazione mirato agli Obiettivi Nazionali); Piena valorizzazione dei beni culturali presenti sul territorio; Realizzare un piano integrato di interventi coerente con l apertura al territorio che corrisponda efficacemente grazie ad un concorso comune di impegno e responsabilità da parte di tutto il personale scolastico; Promuovere l eterogeneità socioculturale interna delle classi e la massima omogeneità di livello tra classi parallele per l organizzazione di classi equilibrate sotto il profilo delle competenze e della socializzazione; Documentare secondo criteri di trasparenza, trasferibilità e rendicontabilità l operato della Scuola e gli iter progettuali di cui sia curata un adeguata diffusione; 1.3. Principi Didattico-Educativi Realizzare un sistema formativo capace di garantire solide basi culturali e piena padronanza del potenziale comunicativo,dei codici linguistici,dei linguaggi e delle tecniche espressive diversificate; Realizzare attività di insegnamento-apprendimento caratterizzate dall utilizzo di più tecnologie informatiche finalizzate al potenziamento di abilità e competenze cognitive ed operative degli allievi; Garantire la massima trasparenza ed oggettività nelle valutazioni. Favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili ed in difficoltà e promuovere iniziative di accoglienza e integrazione di alunni di altra etnia, tutelandone la lingua e la cultura, anche attraverso la realizzazione di iniziative interculturali; Fornire supporti per lo sviluppo di identità consapevoli ed aperte, offrendo percorsi formativi rispondenti alle inclinazioni personali degli studenti; Creare i presupposti per l elaborazione di saperi, in termini di competenze, necessari alla formazione culturale dell alunno nella prospettiva della cittadinanza europea ; Realizzare un progetto educativo-didattico complessivo che abbia come fine e condizione la formazione della persona umana. 10

11 1.4. Criteri per l accoglimento delle domande d iscrizione per l anno scolastico e per la formazione delle classi - alunni aventi fratelli o sorelle frequentanti la scuola nel corrente anno scolastico, avranno diritto ad ottenere su richiesta da formulare nella domanda di iscrizione la medesima sezione frequentata dal fratello o dalla sorella; -alunni provenienti da scuole del bacino di utenza a prescindere dalla residenza; -alunni residenti nelle zone più vicine alla scuola (situazione documentabile); -alunni provenienti da istituti con i quali esiste un rapporto di continuità da almeno un triennio; -alunni comunque residenti (con riferimento all anzianità di residenza) in zone limitrofe alla sede dell istituto, compatibilmente con la ricettività residua e /o alunni i cui genitori lavorano in zona adiacente la scuola (situazione documentabile), 11

12 - LA FORMAZIONE DELLE CLASSI SARA EFFETTUATA sulla base della scheda valutativa della scuola elementare per un equa distribuzione degli allievi secondo fasce di livello disomogenee (classi complessivamente omogenee, con equivalente numero per ciascuna classe di alunni con competenze generalmente buone, con competenze sufficienti, con difficoltà pregresse). Si enunciano quindi, di seguito, i relativi criteri: 1) gli alunni aventi fratelli o sorelle frequentanti la scuola nel corrente anno scolastico, avranno diritto ad ottenere su richiesta da formulare nella domanda di iscrizione la medesima sezione frequentata dal fratello o dalla sorella; 2) saranno accettate richieste intese a tenere insieme nella stessa classe non più di due alunni per volta, su domanda scritta incrociata; 3) non sarà accolta la richiesta di abbinamento con allievi che hanno diritto ad una data sezione secondo il criterio di cui al punto 1. 12

13 1.5. L organizzazione dei Curricula I ventinove gruppi classe sono divisi in 9 sezioni e due classi seconde, II^L e II^M. I corsi D, E, F prevedono l insegnamento di L3 Tedesco. I corsi G, H, I, e le classi II^ e III^ A, B, C prevedono l insegnamento di L3 Francese. Al fine di diversificare ed arricchire l offerta formativa per le classi II^L e II^M e, dal corrente anno scolastico, per le classi I^ A, I^B, I^C, è previsto l insegnamento di L3 Spagnolo. In relazione alla legge 30/10/2008 n. 169, che prevede la revisione del quadro orario obbligatorio annuale, la Scuola Secondaria di I Grado Carlo Poerio ha strutturato la propria offerta formativa per l a.s. 2011/2012 come di seguito specificato: Tempo scuola ordinario corrispondente a 30 ore sett.li : 29 ore di insegnamenti curricolari +1 ora di approfondimento materie letterarie ITALIANO 6 APPROFONDIMENTO MATERIE 1 LETTERARIE STORIA// CITTADINANZA e 2 COSTITUZIONE* GEOGRAFIA 1 INGLESE 3 FRANCESE/TEDESCO/SPAGNOLO 2 MATEMATICA 6 TECNOLOGIA/INFORMATICA 2 ARTE/IMMAGINE 2 MUSICA 2 SCIENZE MOTORIE 2 RELIGIONE 1 *ai sensi D.L. 133/08 Le lezioni saranno articolate in cinque giorni settimanali, con orario 8.00/ Lo schema orario stesso prevede un intervallo dalle ore 10,50 alle ore 11,00. 13

14 PARTE SECONDA 2.1 RISORSE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Risorse strumentali e servizi Sito Web dotato di servizio hosting; Collegamento ad internet con cablaggio dell intero istituto wireless. Possibilità di utilizzo in aula di postazioni mobili (notebook e proiettore)* Laboratorio multimediale in aula informatica con 19 postazioni di lavoro con sistema operativo xp professional;* Laboratorio informatico che consta di 14 nuove postazioni di lavoro;* Entrambi i laboratori informatici sono forniti di rete linguistica audiattiva e sono collegati ad internet ADSL veloce Miniaula di informatica ubicata al secondo piano, dotata di 5 postazioni di lavoro;* LIM- lavagne interattive multimediali (n 6) con 6 notebook Laboratorio scientifico con kit mobili;* Laboratorio musicale con strumenti a percussione, a tastiera, cordofori ed attrezzature elettroacustiche e multimediali, registratori e microfoni;* Anfiteatro per spettacoli teatrali, seminari, proiezioni, eventi ; Attrezzature audio video; Biblioteca; Palestra coperta e spazi esterni per pratiche sportive; Sportello ascolto per accoglienza ed orientamento; Sportelli didattici per il recupero a classi aperte e parallele MATEMATICA- ITALIANO- LINGUE STRANIERE Sportelli didattici per il potenziamento(classi terze) - LATINO MATEMATICA G.L.H.(ex L n.104)art. 15 Gruppi di lavoro per l'integrazione scolastica di alunni diversamente abili;commissione D.S.A.-Disturbi specifici di apprendimento Organo di garanzia * le risorse strumentali contrassegnate dall asterisco sono state acquisite dall Istituzione Scolastica attraverso finanziamenti PON FESR 2007/

15 2.2 RISORSE UMANE DIRIGENZA SCOLASTICA D. S. DANIELA PROF.ssa PAPARELLA ORGANIZZAZIONE GESTIONE COLLABORATORI DEL D.S. Prof.sse Annamaria Correra VICARIA Delia Di Domenico FUNZIONI STRUMENTALI Prof.sse Aida Tafuto - stesura e gestione del piano dell offerta formativa Francesca Cozzi e Antonella Messere- gestione dei laboratori multimediali Marialuigia Monaco- conduzione del sito web Anita Emmi e Luisa Del Bello - continuita, accoglienza, orientamento Flora Marcolin - orientamento docenti Polverino Celeste orientamento interno alunni, recupero,potenziamento Fava Anna Elisa - orientamento alunni, rapporti enti esterni COLLEGIO DEI DOCENTI della C.POERIO PROFESSORI dipartimento di LETTERE MATERIE LETTERARIE Boggiano Leonina Borrelli Silvana De Luca Anna Maria De Palma Anna Maria Di DomenicoDelia Marcolin Flora Massa Marisa Messere Antonella Morelli Cinzia Numis Luisa Palumbo Anna Polverino Mariaceleste Stigliano Silvana Tafuto Aida Telese Enza Siciliani Isabella RELIGIONE Bracale Fabrizia Giardino Daniela dipartimento di LINGUE STRANIERE LINGUAINGLESE L2 Del Bello Luisa Faella Ornella Mingione Olimpia Palma Carmela Punzo Maria Ricci Claudia LINGUA FRANCESE L3 Curcio Margherita Matera Francesca Paterno Adriana LINGUATEDESCA L3 Lemetti Carmela LINGUA SPAGNOLA L3 Alessandra Ioviero dipartimento ARTISTICO.MOTORIO ARTE IMMAGINE Antinori Marcella Barrella Stefania Gambardella Nicoletta Romano Cesareo M.Antonia MUSICA Emmi Anita Esposito Grazia Esposito Teresa Monaco Marialuigia Ritrovato Maria Grazia SCIENZE MOTORIE Bandiera Valeria docente coordinatore CSScentro scolast.sportivo Gulotta Giovanni Maietta Anna Maria Samarelli Rita Dipartimento MAT.SCIENTIFICO. TECNOLOGICO MATEMATICA Correra Annamaria Cozzi Francesca D Auria Frida Grasso Ornella Iacobellis Giovanna Nastasi Lida Sangiovanni Rossella Sarica Demetrio Scalise M.Rosaria Schettino M.Irene TECNOLOGIA Carrozza Norma Cori Rosanna Sole Amalia SOSTEGNO- Biglietto Ida ;Castaldi Teda; Dell Aversana;Fava Anna Elisa; ScorzielloAlessandra DIPARTIMENTI I Dipartimenti sono gruppi di lavoro formalmente costituiti dai docenti delle varee aree disciplinari(aree linguistico espressiva, matematicoscientificotecnologica, sportivomotoria) che rappresentano i pilastri portanti della struttura organizzativa scolastica. Essi concordano gli obiettivi e i contenuti essenziali per ogni disciplina, nonché i criteri di valutazione 15

16 Servizi amministrativi D.S.G.A Rag. Renato Esposito <<<<<<<<<<<<<<<<<<<< Assistenti Amministrativi - Marando Anna Maria - Martoriello Giovanna di Dio - Ruocco Federica - Sbrescia Pasquale - Torino Elia Collaboratori Scolastici Gallo Marisa, LombardoRosaria Colace Rita, PrimativoRaffaella. Capuano Aldo, Costagliola Ester Esposito Angela Errico Angela FiorentinoAnna Maria Gallo Marisa Lombardo Roasaria Primativo Raffaela Assistente Materiale Patrizia Mondauto 16

17 CONSIGLIO d ISTITUTO Presidente Dirigente Scolastico Componente Genitori Avv. De Scisciolo Marco Prof. ssa Daniela Paparella Zambelli Giovanni, Nugnes Pasquale, Tirri Anna Elisa, Gorga Fabio, Alfano Anna Laura, De Scisciolo Marco, Russo Tiziana, Calvanese Antonella ComponenteDocenti Correra Anna Maria, Scalise Maria Rosaria. Tafuto Aida, Di Domenico Delia, D Auria Frida, Marcolin Flora, Polverino Mariaceleste, Fava Anna Elisa Componente ATA Martoriello Giovanna di Dio, Esposito Renato GIUNTA ESECUTIVA Dirigente Scolastico Prof. Daniela Paparella D.S.G.A. Rag.Esposito Renato ATA sig.ra Martoriello Giovanna di Dio Docente prof. Scalise Maria Rosaria. Genitori sig.ra Tirri Anna Elisa, sig.nugnes Pasquale. 17

18 PARTE III UN CURRICOLO TRA TRADIZIONE ED INNOVAZIONE 3.1 PARAMETRI DI RIFERIMENTO Coordinate culturali del progetto formativo d Istituto SCUOLA, SOCIETÀ, TERRITORIO SAPERI,COMPETEN- ZE,LINGUAGGI, IN PROSPETTIVA EUROPEA CITTADINANZA ATTIVA,,SOLIDALE,GLOBALE Per un nuovo UMANESIMO ( integrazine di antichi ed nuovi SAPERI) LA CENTRALITÀ DELLA PERSONA 18

19 ORIENTAMENTI DIDATTICO PEDAGOGICI L apprendimento cooperativo la classe come gruppo alla promozione di Nei curricula, oltre i curricula, per una scuoladellecompetenze Percorsi di comunicazione potenziata Elaborazione dei saperi necessari per la comprensione dell attuale condizione dell uomo e la premessa per l esercizio di una cittadinanza unitaria e plurale. L alunno cresce e sviluppa le proprie competenze in un ambiente culturalmente caratterizzato,altamente simbolico,e nell interazione continua con altri apprende a muoversi nelle diverse situazioni di vita grazie all uso di strumenti culturali. Tale compito può essere opportunamente sostenuto grazie a molteplici forme di mediazione. I materiali, gli ambienti, lo spazio fisico fungono da mediatori, ma la principale, insostituibile mediazione è data dalla interazione sociale,da cui si possono sviluppare varie forme di apprendimento collaborativi, nelle quali la qualità della relazione educativa è centrale. L apprendimento cooperativo, la didattica laboratoriale, la didattica modulare risultano le metodologie privilegiate finalizzate all attuazione di tale progetto formativo NEI CURRICULA, OLTRE I CURRICULA, PER UNA SCUOLA DELLE COMPETENZE La scuola che mira allo sviluppo delle competenze è un vero laboratorio del pensiero, centro di ricerca e spazio di sperimentazione, di cooperazione, di relazioni significative che impegna gli insegnanti ad essere maestri, cioè adulti competenti che testimoniano con la loro passione l autenticità delle richieste che fanno ai loro alunni. La trasversalità disciplinare, più ancora che la interdisciplinarietà, nei curricula e in molte delle attività del piano dell offerta formativa della nostra Scuola, apre diverse prospettive : 19

20 trasversalità disciplinare intesa come trasferibilità di strutture, modelli, metodi comuni a più discipline; operazionalità comune, costruzione di abilità convergenti; Nell affrontare compiti di analisi e di soluzioni dei problemi all interno di più aree disciplinari, la trasversalità impone un affinamento delle capacità di modellizzazione dei problemi, di individuazione di modelli euristici e risolutivi, di organizzazione e rappresentazione dei dati, di trasferimento di procedure da un contesto ad un altro. Fondamentale in tale prospettiva la continuità didattica sia verticale che orizzontale: la continuità orizzontale viene realizzata evidenziando e utilizzando tutte le risorse culturali e didattiche presenti sia nella scuola stessa, quali laboratori, strumentazione multimediale, ecc., che nel territorio.musei, chiese, monumenti ecc. La continuità verticale si realizza grazie alla predisposizione di un percorso educativo unitario che coinvolge e include le fasi scolastiche precedenti e si rapporta e programma le successive nella prospettiva delle indicazioni europee dello sviluppo delle competenze. La nuova sfida per la SCUOLA è quella di liberarsi dalla tentazione di riempire gli alunni di una serie, spesso confusa, di nozioni e dati parcellizzati e di aiutarli a possedere le conoscenze fondamentali e le chiavi di lettura, di analisi e di interpretazione della realtà, attraverso l interiorizzazione di schemi logico-concettuali mediante i quali integrare i diversi saperi. Occorre passare come suggerisce Edgar Morin, parafrasando Montaigne, nel suo testo La testa ben fatta :riforma dell insegnamento e riforma del pensiero - dalla testa ben piena alla testa ben fatta. Per realizzare ciò, la Scuola, attraverso la riflessione della comunità professionale dei docenti, deve individuare i saperi essenziali, i saperi fondativi, e aiutare gli alunni ad un apprendimento autonomo. Il tutto consente all alunno di essere in grado di utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite in modo dinamico e ricostruttivo dei quadri interpretativi rispetto alla realtà in movimento, nella ricerca di nuove sintesi (unità/molteplicità, identità/diversità, ecc) e nella prospettiva ineludibile delle otto competenze chiave che, alla fine dell obbligo scolastico, in quanto giovane cittadino europeo, dovrà possedere. Competenze Chiave di cittadinanza Imparare ad imparare Progettare (Autonomous Learners) Comunicare Collaborare e partecipare (Cooperative Learning) Agire in modo autonomo e responsabile Risolvere problemi (Problem-Based Learning) Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione 20

21 Competenze: una questione di metodo La questione del metodo di insegnamento-apprendimento in una scuola di respiro europeo diventa centrale e strategica: il successo formativo, il raggiungimento degli obiettivi passa attraverso il come comunicare il sapere, come motivare i ragazzi e suscitare interesse verso contenuti spesso lontani dalla loro esperienza di vita, come far apprendere un metodo di studio efficace, soprattutto in un contesto socio-culturale dispersivo, che non abitua i soggetti alla concentrazione. Le competenze comunicative e i linguaggi, la loro interazione nel processo cognitivo danno, a titolo esemplificativo, unità, coerenza ed essenzialità al lavoro didattico-educativo della scuola secondaria di I grado C.Poerio, orientandolo verso l acquisizione e il potenziamento di strumenti espressivi e cognitivi trasversali e lo sviluppo del potenziale comunicativo nella sua globalità attraverso l impianto didattico di percorsi integrati ed extracurriculari, in quanto strumenti e sviluppo di pensiero, di conoscenze, di costruzione delle identità personali, del relazionarsi all altro. Comunicazione accolta e potenziata nei curricula ed oltre i curricula, valorizzata nelle dinamiche relazionali, mediata in ogni tipo di attività intrapresa nella Scuola con attenzione costante al ruolo formativo che essa può avere negli alunni: la comunicazione agisce sui soggetti, sui contenuti e saperi (rinnovando il quadro dei saperi, dando spazio a nuovi linguaggi, nuove forme culturali, dai media alla musica) e sulla loro percezione (rendendola meno scolasticistica e ripetitiva e più critica e motivante, cogliendone gli aspetti creativi, innovativi, problematici). La comunicazione formativa, didattica, crea relazione e scambi di tipo complesso dovendosi trasferire in maniera ottimale, come abbiamo già definito, competenze, abilità, valori. Particolare attenzione viene posta nel curare la comunicazione didattica in rapporto alle tendenze evolutive attuali e alla luce delle innovazioni tecnologiche : tale finalità si inserisce nel contesto generale della riqualificazione e delle caratteristiche metodologiche che contraddistinguono l offerta formativa della Scuola. 21

22 COMPETENZE COMUNICATIVE INTEGRATE Centralità, non esclusività del linguaggio verbale. Interazione e pari dignità dei linguaggi della mente e del corpo. Connessione ed apporti specifici e convergenti dei linguaggi delle discipline. Varietà di usi funzionali e contesti comunicativi delle lingue e dei linguaggi. Varietà diacroniche delle lingue (le lingue nel tempo). I CODICI LINGUISTICI VERBALE I LINGUAGGI NON VERBALE TECNICHE ESPRESSIVE DIVERSIFICATE I CURRICULA: LINGUA ITALIANA L1 LINGUE EUROPEE INGLESE L2 FRANCESE L3 TEDESCO L3.SPAGNOLO Negli Salute usi funzionali e nelle situazioni comunicative. LATINO (le lingue nel tempo). AMBITI DISCIPLINARI: ITALIANO LINGUE STRANIERE AMBITI DISCIPLINARI: MUSICA ARTE TECNICA SCIENZE MOTORIE MATEMATICA La Salute- LeScienze L Ambiente Il Patrimonio artisticoculturale Lo Sport I LABORATORI DELLA POERIO: LAB. TEATRALE LAB.ARTISTICO- CREATIVI LAB. INFORMATICI I progetti perl innalzamento dell offerta formativa TUTTE LE DISCIPLINE. LINGUAGGI SETTORIALI TECNICA-INFORMATICA IL LINGUAGGI SPECIALISTICI : LINGUAGGIO DEI MASS- MEDIA La Multimedialita Le Tecniche espressive, le lingue, i linguaggi diversificati Cittadinanza e Costituzione 22

23 La scuola come luogo di sperimentazione- permanente Solo attraverso il lavoro dipartimentale la professionalità docente, si dimensione unitaria. colloca in tale I dipartimenti sono gruppi di lavoro formati dai docenti di una medesima area disciplinare, che hanno il compito di concordare scelte comuni circa il valore formativo e gli aspetti didattico - metodologici di un preciso sapere disciplinare. I dipartimenti di area alla Poerio Linguisticoespressiva Matematico-scientifico -tecnologica Motorio-sportiva Compiti del dipartimento sono : - la definizione del valore formativo della disciplina; - la definizione degli standard minimi richiesti a livello di conoscenze e competenze; - la definizione dei contenuti imprescindibili della materia, da scandire all'interno del curriculum; - la definizione delle modalità attuative del piano di lavoro disciplinare; - le riunioni di coordinamento per la definizione di prove comuni; - la progettazione di interventi di recupero; - riunioni di coordinamento per l'eventuale adozione di libri di testo comuni a più sezioni; Ogni dipartimento dispone di un docente responsabile di dipartimento proposto dai Docenti che lo compongono e nominato dal Collegio annualmente ed è supportato da una Funzione Strumentale preposta all orientamento docenti. 23

24 Il lavoro di ogni Dipartimento è finalizzato a: progettare percorsi operativi individuando le attività concretamente da realizzare con gli studenti sulla base dei bisogni impliciti ed espliciti; elaborare strumenti omogenei, oggettivi, condivisi, per la pianificazione degli interventi formativi, curriculari ed extracurriculari (test d Istituto d ingresso, intermedi e finali per le classi prime, seconde, terze); raccogliere la memoria del lavoro svolto, in particolare strumenti di lavoro ritenuti significativi per creare un centro di documentazione e ricerca didattica della scuola (best pratics). La Scuola, infine, contestualmente alla valutazione dei processi di apprendimento e dei livelli di competenze conseguiti degli allievi, prevede, attraverso il lavoro dipartimentale, l autovalutazione dell offerta formativa dell istituto, quindi dell efficacia delle scelte metodologiche ed organizzative e dell adeguatezza delle iniziative di recupero e potenziamento messe in atto. Risultati della ricerca-azione della Poerio nel triennio Innalzamento del successo formativo : 1)nella percentuale minima di abbandoni e bocciature;2) negli esiti complessivi (in termini di risposte corrette nelle prove di italiano e matematica Invalsi) superiori alla media nazionale; 3) in esiti in media soddisfacenti nel proseguimento degli studi superiori Monitoraggio costante del rendimento attraverso test d istituto oggettivi e condivisi Crescente omogeneità di livello tra classi parallele sotto il profilo delle competenze e della socializzazione Miglioramento delle modalità di comunicazione nella relazione interna ed esterna 24

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli