! " # $%% & " " " $) " "( * "# +,#- -.- / $- &" ""4 5#6-" ( %) # "- " - " # "#* ' " " &# %$ - - "$-# -"( &" " " # &") ) * )** + +

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! " # $%% & " " " $) " "( * "# +,#- -.- /0-1 2-3$- &" ""4 5#6-" ( %) # "- " - " # "#* ' " " &# %$ - - "$-# -"( &" " " # &") ) * )** + +"

Transcript

1

2 ! # $

3 ! # $%%!&! '( ' ) ' %$# &'(&& & $) ( * # +,#- -.- / $- & 4 % & 5#6- ( %) #* # - - # #* ' &# %$ - - $-# -( %&- & # &) # * ) * )** #) # : : : $ % ;<8 9<8 8<: :<: :<:!# 9<9 :<: :<9 8<: 9<9 :<9 & : : : :9<= :9<= :><8: #$ )* ) ) * ),-,./ '' ) ' / 0 ) * ) $ ) * ( ) / / ' / & $ $ 1 / ) 2( (*** )$ 324& ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 3

4 . 2 ) 5 ) ) 2 (( 2 6 * :? 8; :? : 7 A 8 7 :B 8!' # * - ( * C (* $ 8 )) III IE A.S. 2012/2013 IV IE A.S. 2013/2014 V IE A.S. 2014/2015 Religione Puddu Puddu Masiero Italiano e Storia Scattolin Vianello Vianello Inglese Sinigaglia Soatto Tolot Matematica Castellini Castellini Salmaso Elettronica e Telecomunicazioni Morandin Mogliani De Rito Abate / Informatica Schiavon Dalle Fratte Schiavon Dalle Fratte Pullin Dalle Fratte Sistemi e Reti Pullin Mogliani Fortuna Dalle Fratte Fortuna Chiarello TPSIT Schiavon Mogliani Fortuna Dalle Fratte Fortuna Chiarello GPOI / / Pullin Dalle Fratte Ed. Fisica Pravato Pravato Pravato ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 4

5 *** * #' # ) ( ((-.&, * ) * ) & Agostini Flavio Basso Andrea Borsetto Andrea Brendolin Emanuele Bustreo Nicola Cappellari Valentina Cappon Marco Carraro Davide Chelaru Ionut Bogdan Dario Riccardo Gottardello Mattia Ionita Ionut Marian Legato Raffaele Lissandron Francesco Lovino Vincent Maiello Mattia Masiero Devis Paiusco Alberto Ruffato Davide Scantamburlo Nicola Schinezos Gianmaria Sordo Emanuele Tono Niccolò Visentini Alessandro Zanovello Francesco Zoccarato Ilenia.&9 6: ( ): ' : ; 8 : ) */ (: ( # %D& # % - # $# # - &#%* - &)- $ $# # * 1 # %$ % E E *.& * 1 #&00( ###&* & - $ $- & & ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 5

6 & - - # F$E$ $ * #-- 8* '()-DF*.& *.&- ) 2: # # % - # (*.&< * 2: # % - ' /* G % #- ( # ( # 9* 2 * *.=! D9( 9( :( 9( ) *.=! D9( 9( :( 79( # #%0/* ' % $$*.&> * ' ) ' :B#-:; :&* # - % #) - $ & # $ $)# - * 1 # # $#* ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 6

7 , %,&! :8?;; G #) & #% &* G ' &# # - ( -&) %$ # - # 5!6*0 & # ( * G ( - $ & & - &$)- $) #- # ( %$ #- % % #)! ) 5-6* G% %#HH* : 9D *I & # (* ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 7

8 +% 8* ) :* ) ( ) # # $ & *D** #- ( - # - # * ** *+, *-. #-88:>8A &* G ITIS F.Severi - A.S. 2013/14 Documento del 15 Maggio 2014 Classe V ID 8

9 Allegato A

10 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE: MAURO VIANELLO Materia: Italiano In relazione alla programmazione curricolare, al termine del percorso triennale la maggioro parte degli alunni ha conseguito i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE a. competenze, abilità e conoscenze linguistiche saper scrivere un testo vincolato, usando eventuali riferimenti ad altri testi, in modo particolare secondo le tipologie in uso all esame di stato b. competenze, abilità e conoscenze testuali saper fare, nel quadro di un esercitazione guidata e con l uso eventuale di letture critiche, il commento di un testo letterario c. competenze, abilità e conoscenze storico-letterarie saper esprimere un giudizio critico motivato, riferito anche alla propria esperienza e sensibilità; essere in possesso di strumenti che consentano di orientarsi nella produzione letteraria in generale e in particolare in quella contemporanea saper fare il riassunto, scritto o orale, di un testo complesso, sia di natura narrativa che saggistica, in una lunghezza data saper spiegare, per iscritto o a voce, un breve testo letterario o scientifico/tecnico, utilizzando i consueti supporti di commento saper trasformare un discorso ascoltato (es. una lezione) in un testo ordinato e/o in una scaletta o mappa concettuale saper fare una parafrasi di un testo poetico saper riconoscere i principali procedimenti retorici e metrici saper riconoscere i principali procedimenti narrativi saper situare un testo nel suo periodo storico, eventualmente usufruendo di materiali d appoggio possedere le nozioni di testo, riassunto, genere testuale, commento, spiegazione, scaletta, mappa concettuale conoscere i generi testuali praticati all esame di stato conoscere i metodi per produrre un riassunto e la spiegazione di un testo conoscere i procedimenti che portano dall ascolto alla riformulazione del testo ascoltato conoscere le tecniche di pianificazione del parlato possedere le nozioni di parafrasi, spiegazione e commento possedere le nozioni di comprensione e contestualizzazione saper definire i principali procedimenti retorici, metrici, narrativi saper definire un saggio critico sapere quale procedimento si può usare per costruire una parafrasi sapere come estrarre da un saggio critico elementi utili alla comprensione e al commento di un testo letterario conoscere, nelle grandi linee, l evoluzione storico-letteraria in lingua italiana conoscere almeno alcune fra le maggiori esperienze letterarie europee conoscere almeno i principali autori della nostra storia letteraria, nonché le loro opere principali a livello di lettura antologica

11 In particolare, al termine della quinta la maggioro parte degli alunni ha conseguito i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE a. competenze, abilità e conoscenze linguistiche saper organizzare autonomamente un lavoro di ricerca e approfondimento, anche afferente ad altre discipline e/o concepito su base multidisciplinare o interdisciplinare, che possa condurre alla redazione di un testo di media lunghezza e alla sua efficace riproposizione orale, eventualmente sostenuta dall'impiego di mezzi multimediali b. competenze, abilità e conoscenze testuali saper interpretare un testo, anche utilizzando, guidati, riferimenti ad altre opere dello stesso autore o di altri autori coevi o di altre epoche, alle istituzioni letterarie, ad altre espressioni artistiche o culturali comprendere il significato di un testo, letterario e non, mediante il riconoscimento delle strutture morfologiche e sintattiche della lingua saper suddividere un testo in sequenze e sintetizzarle con parole proprie saper progettare lo sviluppo di una traccia (smontaggio, ideazione, scaletta ) saper svolgere un tema di carattere espositivo e argomentativo utilizzando in modo critico e autonomo fonti di informazione di natura variegata saper scrivere un articolo di giornale saper produrre un saggio breve saper produrre un analisi di testo guidata, relativamente alla comprensione, all interpretazione e alla contestualizzazione condurre una lettura corretta, scorrevole ed efficace di un testo riconoscere in un testo le sequenze descrittive, narrative, espressive, argomentative saper fare la parafrasi di un testo poetico oppure ripercorrerne i contenuti in forma personale; saper analizzare un testo poetico attraverso il riconoscimento di alcuni aspetti formali (versi, rime, andamento sintattico, lessico, figure retoriche fondamentali) e l individuazione dei nuclei tematici saper individuare il genere letterario di appartenenza di un testo (novella, poema, lirica etc.) attraverso la tipologia formale saper analizzare un testo narrativo attraverso il riconoscimento di alcuni aspetti formali (voce narrante, punti di vista, ambientazione, tempo della storia-tempo del racconto, sistema dei personaggi) e l individuazione dei contenuti tematici ampliare il bagaglio lessicale in ambito letterario e storico conoscere i termini più correnti della teoria dei generi letterari e la loro definizione conoscere e saper definire la terminologia metrica corrente conoscere e saper definire i procedimenti retorici più importanti conoscere e saper definire i concetti principali della teoria della narrativa

12 c. competenze, abilità e conoscenze storico-letterarie saper inquadrare un periodo storicoculturale, mettendone in luce le caratteristiche distintive saper contestualizzare un testo, mettendolo in relazione ad altre opere dello stesso autore o di altri autori coevi o di altre epoche, con possibili riferimenti alle letterature straniere, alle istituzioni letterarie, ad altre espressioni artistiche o culturali conoscere le linee generali della storia letteraria italiana del Novecento conoscere alcuni fenomeni letterari europei legati a quelli italiani nella medesima epoca conoscere almeno quattro autori fra i seguenti, nonché le loro opere principali a livello di lettura antologica: Verga, Pascoli, d Annunzio, Pirandello, Svevo, Saba, Ungaretti, Montale, Moravia, Pavese, Gadda, Pasolini, Calvino, Luzi, Bertolucci CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE I contenuti dell educazione letteraria hanno avuto come orizzonte di riferimento, nel quinto anno, la storia della letteratura italiana dall unificazione nazionale ad oggi. Tale asse storico non è stato inteso come svolgimento di una storia della letteratura organica e di ambizioni enciclopediche, ma come lo sfondo su cui articolare moduli di apprendimento che facessero sperimentare agli allievi la possibilità di percorrere l universo letterario secondo prospettive diverse, nonché la costruzione di sintesi storiche parziali e provvisorie. Sono presenti nell elenco che segue gli autori e le opere maggiori della letteratura italiana del periodo (secondo approcci e dosaggi variabili in relazione ai moduli in cui sono stati inclusi), ma anche, ove è stato possibile inserirli, autori e testi stranieri che avessero particolare attinenza con gli argomenti affrontati. U.D.- Modulo Percorso Formativo Approfondimenti Il secondo Ottocento Lezioni profilo e testi esemplari Il trionfo delle macchine Lo spirito prometeico e il Positivismo Il clima post unitario Scienza e letteratura Verso l'unificazione linguistica e culturale dell'italia Il trionfo del romanzo La Scapigliatura e il modello di Baudelaire Il Naturalismo e il Verismo Decadentismo ed Estetismo Il Simbolismo Lo Spiritualismo Testi: Ch. Baudelaire, L'albatro e Corrispondenze Testi: G. Verga, Libertà, Rosso Malpelo Testi: G. D'Annunzio, La pioggia nel pineto I classici Giovanni Pascoli Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: Il fanciullino, Il tuono, X agosto, L'assiuolo, Il gelsomino notturno Il Novecento Lezioni profilo Il secolo insanguinato La crisi dell'uomo novecentesco La crisi della scienza e la scoperta dell'inconscio Periodo/ore

13 I riflessi letterari della crisi Il ruolo delle riviste Lingua e letteratura: il trionfo dell'italiano Il primo periodo ( ) Lezioni profilo e testi esemplari Lo smantellamento della tradizione e la poesia crepuscolare Gli anarchici e i futuristi Testi: S. Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale Testi: M. Moretti, A Cesena I classici Umberto Saba Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: A mia moglie, La capra, Città vecchia settembre-febbraio / circa 70 ore Il secondo periodo ( ) Lezioni profilo e testi esemplari Le avanguardie storiche in Europa Il ritorno all'ordine e La Ronda Il romanzo dell'esistenza e la coscienza della crisi I classici Italo Svevo Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: La coscienza di Zeno (Zeno incontra Edipo, L'ultima sigaretta, La morte del padre, La liquidazione della psicanalisi, La teoria dei colori complementari) Giuseppe Ungaretti Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: Il porto sepolto, Veglia, I fiumi, San Martino del Carso, Soldati Eugenio Montale Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola del pozzo Il terzo periodo ( ) Lezioni profilo e testi esemplari Il Neorealismo Forme e generi della narrativa dell'impegno I classici Italo Calvino Profilo La vita Le costanti letterarie Le opere Antologia: Il sentiero dei nidi di ragno (I furori utili e i furori inutili), Il visconte dimezzato (Il visconte Medardo colpito dal cannone), Il barone rampante (Il

14 dimezzato (Il visconte Medardo colpito dal cannone), Il barone rampante (Il barone Cosimo comincia la propria vita sugli alberi), Il cavaliere inesistente (La notte tra Agilulfo e Priscilla), Il castello dei destini incrociati (Astolfo sulla luna), Palomar (Palomar nel museo dei formaggi) febbraio-maggio / circa 50 ore Nozioni essenziali di metrica e di retorica (in particolare: tipi di componimento, strofe, versi, rime, figure metriche; le figure retoriche di significato) (periodo: tutto l anno) Spiegazioni, discussioni, esercitazioni sulle tipologie testuali previste dall Esame di Stato (periodo: tutto l anno) In particolare: simulazioni di prima prova (periodo: una nel secondo periodo) Libri di narrativa in lettura integrale casalinga (periodo: tutto l anno) P. Levi, Se questo è un uomo E. Morante, L'isola di Arturo Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 120 METODOLOGIE Il metodo di lavoro ha avuto come punto di forza la lettura-interpretazione di testi: testi letterari, documenti, brani storico-critici. Essa è stata occasione di discussione e confronto di ipotesi interpretative; i concetti generali sono emersi come sintesi, guidata dall insegnante, del materiale letto e analizzato. Le attività didattiche sono state variate in funzione delle fasi di lavoro e delle opportunità offerte da ogni argomento, avendo cura in primo luogo di evitare la monotonia: lettura e discussione in classe; lettura individuale, guidata da questionari e griglie; lezione frontale, intesa soprattutto come introduzione e sollecitazione alla lettura, integrazione e raccordo informativo, aiuto a costruire una sintesi del percorso. MATERIALI DIDATTICI I materiali didattici sono stati il libro di testo in adozione (G. Langella & altri, Letteratura.it, vol. 3, Pearson) e opere di narrativa in lettura integrale, all occorrenza integrati da dizionari (vocabolario, dizionario etimologico), dispense e fotocopie, articoli di giornali e riviste, supporti audiovisivi ed informatici. TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Le verifiche, volte ad accertare le conoscenze, abilità e competenze acquisite dagli allievi, sono state attuate al termine di ogni fase significativa del percorso didattico e sono consistite in prove scritte di varia tipologia, essenzialmente sul modello della prima e terza prova dell Esame di Stato, nonché in colloqui, anche con interventi su scaletta. VALUTAZIONE Le prove orali hanno accertato: in termini di conoscenze: la completezza e precisione dei contenuti esposti; in termini di abilità: la correttezza linguistica (morfosintassi e lessico) e testuale (pertinenza delle risposte, chiarezza espositiva); in termini di competenze: l elaborazione personale e la valutazione critica. Le prove scritte hanno accertato: in termini di conoscenze: la completezza e precisione dei contenuti esposti; in termini di abilità: la correttezza linguistica (morfosintassi, lessico e ortografia) e testuale (aderenza alla

15 traccia, articolazione coerente e coesa del testo in base alla tipologia); in termini di competenze: l elaborazione personale e la valutazione critica. Le prove oggettive hanno accertato, a seconda della loro tipologia: comunque le conoscenze acquisite dagli alunni; talora anche le abilità linguistiche e testuali e le competenze elaborative e critiche. Per la valutazione delle prove scritte ci si è attenuti alla griglia allegata. A disposizione della commissione sono depositati in segreteria i seguenti esempi delle prove e delle verifiche: tutte le prime prove effettuate durante l anno e la simulazione del secondo periodo. Padova, Il docente Mauro Vianello

16 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE: MAURO VIANELLO Materia: Storia In relazione alla programmazione curricolare, al termine del percorso triennale la maggioro parte degli alunni ha conseguito i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE saper ricostruire, in relazione a un fenomeno storico dato, il contesto di causazione e alcune possibili strutture causali saper rilevare, in un insieme variegato di documenti e di ricostruzioni storiche, i dati utili per risolvere un problema storico saper valutare gli aspetti relativi alla democraticità e alla legalità di eventi vicini e/o lontani saper utilizzare correttamente termini e concetti della storiografia essere in grado di servirsi degli strumenti fondamentali per l apprendimento delle dinamiche storiche (atlanti storici, cronologie, tabelle, grafici ) saper utilizzare dei documenti per semplici ricostruzioni storiche riconoscere, in un contesto storico, gli aspetti di tempo breve e quelli di lunga durata conoscere termini, parolechiave, concetti propri del linguaggio storiografico (per es. crisi, rivoluzione, restaurazione, transizione, congiuntura, ciclo etc.) in rapporto agli specifici contesti (politico, economico, sociale...) conoscere gli strumenti più correnti per lo studio della storia conoscere la nozione di documento storico e le modalità con cui può essere usato nel fare storia conoscere le modalità con cui si articola il tempo storico: tempo breve e lunga durata conoscere le nozioni di causalità e contesto di causazione, e le loro conseguenze sullo studio della storia In particolare, al termine della quinta la maggioro parte degli alunni ha conseguito i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE contestualizzare, nel periodo storicoculturale, le diverse produzioni umane, dai testi letterari alle più significative espressioni artistiche, scientifiche, tecniche e di pensiero saper utilizzare correttamente termini e concetti della storiografia relativamente a un cronotopo dato saper analizzare un fatto o un contesto storico in relazione alle ideologie che vi intervengono essere in grado di servirsi degli strumenti fondamentali per l apprendimento delle dinamiche storiche (atlanti storici, cronologie, tabelle, grafici ) saper interpretare la stampa periodica, i documenti cinematografici, le registrazioni sonore, i dati di fonti orali per la ricostruzione di un particolare cronotopo saper ricostruire, in relazione a un fenomeno storico dato, il contesto di causazione e alcune possibili strutture causali saper rilevare, in un insieme variegato di documenti e di ricostruzioni storiche, i dati utili per risolvere un problema conoscere i principali concetti esplicativi della storia del Novecento: rivoluzione tecnologica, società di massa, totalitarismo, globalizzazione conoscere gli aspetti teorici delle principali teorie economiche e politiche del Novecento conoscere gli strumenti più correnti per lo studio della storia contemporanea conoscere i principali mezzi di comunicazione di massa e la possibilità di utilizzarne i prodotti come documento storico conoscere le nozioni di causalità e contesto di causazione come presenti nel breve periodo, e le relative conseguenze sullo studio della storia conoscere le caratteristiche del tema espositivo di argomento storico conoscere alcuni fenomeni storici particolarmente

17 storico saper sviluppare una traccia di argomento storico, che richieda uno svolgimento per lo più espositivo significativi: la società di massa - nazionalismo, colonialismo e imperialismo - l Italia industriale e l età giolittiana - la Prima guerra mondiale - la rivoluzione russa e la nascita dell Unione Sovietica - i totalitarismi fra le due guerre: fascismo, nazismo, stalinismo - la Seconda guerra mondiale - la Shoah, la Resistenza - il secondo dopoguerra: l Italia repubblicana: il centrismo, il miracolo economico, il centrosinistra, gli anni settantanovanta CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Il programma di Educazione civica è stato pensato non in modo autonomo e staccato da quello di Storia, ma come sviluppo e approfondimento dello stesso. Pertanto, in tutte le occasioni in cui ciò è stato possibile, gli argomenti e gli eventi storici studiati sono diventati spunto per riflettere sulle strutture politiche, sociali ed economiche del passato e per instaurare collegamenti e confronti con il presente. U.D.- Modulo Percorso Formativo Approfondimenti Periodo/ore Industria e società di massa L'imperialismo e la spartizione del mondo L'Italia liberale Il decollo industriale e l'età giolittiana L'Europa verso la guerra La grande guerra e la rivoluzione russa L'Europa del dopoguerra e il fascismo italiano La crisi del 1929 e il New Deal L'Italia fascista Nazismo e stalinismo Lo scoppio della seconda guerra mondiale Guerra, olocausto e resistenza settembre-dicembre / circa 24 ore gennaio-maggio / circa 38 ore L'Italia repubblicana Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 62 METODOLOGIE Le attività didattiche sono state variate in funzione delle fasi di lavoro e delle opportunità offerte da ogni argomento, avendo cura in primo luogo di evitare la monotonia: discussioni in classe (anche su argomenti di attualità), analisi di fonti e documenti, lavori di gruppo, senza escludere la lezione frontale, intesa soprattutto come integrazione e raccordo informativo, aiuto a costruire una sintesi del percorso. MATERIALI DIDATTICI I materiali didattici sono stati costituiti dal libro di testo in adozione (G. Maifreda, Tempi moderni vol. 3, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori), all occorrenza integrato da appunti, dispense e fotocopie, documenti storiografici, cartografici e statistici, fonti (anche iconografiche), articoli di giornali e riviste, supporti audiovisivi ed informatici. TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Le verifiche, volte ad accertare le conoscenze, abilità e competenze acquisite dagli allievi, sono state attuate al

18 termine di ogni fase significativa del percorso didattico e sono consistite in prove scritte di varia tipologia, essenzialmente sul modello della terza prova dell Esame di Stato, nonché in colloqui, anche con interventi su scaletta. VALUTAZIONE La valutazione ha tenuto conto della conoscenza degli argomenti, delle abilità di tipo storico ed espositivo, delle competenze di analisi e sintesi. Padova, Il docente Mauro Vianello

19 RELAZIONE FINALE LINGUA INGLESE CLASSE V IE INSEGNANTE Prof.ssa TOLOT PATRIZIA AS 2014/2015 Breve descrizione della classe Il mio lavoro con questa classe di 26 alunni ha riguardato soltanto l ultimo anno di corso in quanto purtroppo i continui cambiamenti nell attribuzione delle cattedre creano spesso avvicendamenti di insegnanti. All inizio il lavoro è stato allora quello di creare un rapporto di fiducia/interesse tra la classe, la materia e la persona, in questo caso l insegnante, chiamata a fare da tramite in questo delicato percorso. Recuperato questo, devo dire che ad oggi il risultato è di avere un gruppo classe che vive con serenità il tempo scuola, che sa trovare momenti di coesione nelle difficoltà, dimostrando anche di aver saputo gestire il continuo cambiamento di insegnanti di lingua Inglese nell arco dei 5 anni. Molto variegata la gamma del rendimento scolastico anche con punte di eccellenza e di interesse. Lo scorso anno infatti 1 alunno ha partecipato al progetto europeo Leonardo careers. Il progetto prevede un mese di soggiorno in Gran Bretagna con ben tre settimane di stage lavorativo presso aziende del territorio. 6 alunni sono in possesso della Certificazione Pet (Bustreo, Dario, Legato, Schinezos, Visentini, Zoccarato) e di questi ben 5 hanno anche la certificazione First (Bustreo, Dario, Legato, Schinezos, Visentini), entrambe acquisite con la frequenza di corsi appositamente dedicati organizzati dall istituto Severi. La restante parte della classe si attesta su risultati che variano tra un livello sufficiente e discreto, escludendo circa un 20% di situazioni che risentono della mancanza di una base linguistico/strutturale che permetta loro di usare la lingua inglese come vorrebbero. Alla fine del primo periodo infatti ci sono stati due debiti, recuperati poi con un lavoro limitato comunque al recupero delle strutture minime di base. Nel corso dell anno comunque ho sempre cercato di dare preminenza a quelle attività che potessero tenere vivo l interesse per l inglese, una lingua che non sia solo parte di un curriculum scolastico ma uno strumento vivo e variegato di comunicazione indispensabile per essere parte attiva nell attuale contesto multiculturale. CONOSCENZE La classe si presenta alla fine di questo ciclo scolastico con un bagaglio di conoscenze mediamente sufficiente dal punto di vista linguistico.

20 In particolare per quanto riguarda le strutture gli alunni conoscono: - il sistema temporale (nei suoi aspetti del presente, passato e futuro, - le parti essenziali della frase (pronome soggetto, verbo, complemento diretto ed indiretto con l uso dei pronomi complemento), - l uso degli ausiliari nella formazione dei tempi e per la formulazione di forme interrogative e negative, - la forma passiva, - l uso dei pronomi relativi. - Il discorso indiretto - I periodi ipotetici Più deboli risultano le conoscenze a livello lessicale dove si è cercato di lavorare per allargare il vocabolario di base acquisito al biennio sfruttando soprattutto le tecniche di reading comprehension. Per quanto riguarda il vocabulary di tipo tecnico gli alunni hanno dimostrato di averne una sufficiente conoscenza grazie anche al fatto che in campo informatico molto materiale linguistico non viene tradotto in italiano. COMPETENZE In questo ultimo anno, vista l incombenza dell esame di stato che esige per questa materia l accertamento scritto pur non prevedendolo nella valutazione finale, si è data particolare importanza all abilità del Writing cercando di stimolarne la produzione sollecitandone contenuti con continue attività di speaking come ad esempio class discussion. Complessivamente gli allievi sono in grado di: - comprendere in modo globale ed analitico semplici testi orali, - sostenere conversazioni su argomenti generali e specifici, - individuare le strutture ed i meccanismi linguistici che operano a livello morfo-sintattico, semantico-lessicale e comunicativo, - usare le tecniche di skimming e scanning, - rispondere a quesiti singoli o a risposta multipla, - completare tabelle, - rispondere a quesiti di tipo true/false. - Redigere brevi resoconti su esperienze accadute - Produrre commenti e/o riflessioni personali anche sotto forma di essay Le istruzioni sono il più possibile date in lingua straniera.

21 Per alcuni alunni la comprensione di un testo orale risulta più difficile di uno scritto soprattutto in presenza di termini non conosciuti e di contesti reali dove la velocità dei parlanti e l uso di termini gergali mettono in difficoltà gli studenti. Altri alunni hanno invece un ottima capacità di speaking che sanno applicare con relativa facilità a vari contesti della vita. CAPACITA Per quanto riguarda la parte scritta, gli alunni sono in grado di comprendere gli articoli tratti da riviste specifiche per l apprendimento linguistico come Current della Mary Glasgow. Complessivamente discreta anche la loro capacità nel writing grazie anche al percorso fatto soprattutto in questo ultimo anno con la propensione verso materiali più coinvolgenti dei libri di testo in adozione. In alcuni casi abbiamo studenti in grado di produrre dei veri e propri saggi brevi in lingua. Comunque tutti gli studenti sono in grado di produrre brevi resoconti su esperienze di carattere generale o personale, nonché di esprimervi a riguardo le proprie idee e/o riflessioni. Nella fase orale gli alunni sono in grado di comprendere e di rispondere a quesiti di interesse generale o legati a qualche propria esperienza specifica nonché a domande riguardanti gli argomenti trattati nei brani di comprensione. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ( al 09/ 05/ 14 ) Comprensivo dei tempi di verifica e relativa correzione Ripasso iniziale strutture Pausa didattica d Istituto per attività di recupero volte al superamento del debito del 1 periodo Lavoro su lettura e discussione di articoli dalla rivista Current. Lavoro su argomenti trattati da film in lingua originale e sottotitolati Lavoro di preparazione al 3rd Test su For/against essay Lavoro su libro di testo the New on Charge 13 h 8 h 28 h 6 h 6 h 6 h Totale 67 h

22 Successivamente alla data del si ritiene di continuare con la lettura, comprensione e discussione dell ultimo numero della rivista Current appena recapitato METODOLOGIE La metodologia seguita si è basata non solo sulla lezione frontale ma anche sul lavoro in coppia o in piccoli gruppi. E stato dato ampio spazio alla discussione orale in lingua inglese di tutte le tematiche affrontate dopo l analisi linguistica. L obiettivo di tutto ciò è stato quello di rendere gli studenti motivati ed autonomi nella rielaborazione di quanto veniva via via acquisito al fine di dimostrare loro come la lingua straniera potesse essere concretamente usata. In questa ottica considerato il fatto che la classe avrebbe avuto il solo testo New on Charge molto elementare come livello linguistico e ormai svolto nelle sue parti più interessanti lo scorso anno, è stato proposto l abbonamento annuale alla rivista Current, uno strumento specifico per studenti, della Mary Glasgow Magazines, Ed Oxford School. Sono stati maggiormente approfonditi quegli articoli più vicini agli interessi degli studenti e che toccavano gli argomenti di carattere scientifico, technologico e sociale. Grande interesse hanno riscosso gli articoli sulla Digital Mass Technology con l articolo Digital Detox e sull uso dei social networks sia per trasmettere messaggi negativi (vedi articolo Neknominate ) che positivi (vedi articolo When love is stronger than war ) Come per ogni brano scritto, la metodologia consiste sempre in una 1 fase di comprensione seguita sempre da un momento di class discussion con rielaborazioni scritte di quanto ciascun alunno pensa. Gli studenti sono poi stati spesso invitati ad usare lo strumento di Internet per acquisire informazioni di carattere generale su alcune tematiche toccate durante l anno. Nell ottica della moltiplicità delle fonti linguistiche per allargare l orizzonte ristretto della metodologia legata alla lezione frontale, la classe ha assistito alla rappresentazione teatrale in Istituto dell opera Frankestein. Nonostante la compagnia teatrale newyorkese fosse esperta in spettacoli per studenti, l esperienza non ha suscitato grande entusiasmo. La mancanza di un service audio ha sicuramente limitato la resa dell opera. Grande successo ed entusiasmo ha invece riscosso la visione in lingua originale del Film The Imitation game presso il cinema Multi Astra. L iniziativa è stata allargata a tutte le classi quinte della scuola ed ad alcune quarte. Ottima la resa audio e la qualità del film, grande anche la varietà di argomenti toccati dalla 2nd guerra mondiale, al mistero da poco svelato sulla macchina Enigma e sul lavoro fatto x decodificarne i codici, all inizio dell informatica con il ritratto del genio di Alan Turing, per arrivare alla delicata questione sulla tolleranza e sull omosessualità che decretò la fine in giovane età di Turing.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli