SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO"

Transcript

1 I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. )

2 PREAMBOLO Visto l art. 2, comma 1, lett b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro., ai sensi del quale Nelle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest'ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall'organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell'ubicazione e dell'ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l'attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l'organo di vertice medesimo. Considerato l art. 10, comma 1, lett. s) del Regolamento di organizzazione dell IRPET, approvato con determinazione del Direttore n. 59 del , il quale attribuisce al Direttore la titolarità della funzione di datore di lavoro, ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del suddetto decreto legislativo; Visti gli articoli 16, 17 e 18 del citato D.Lgs. 81/2008, recanti la disciplina della delega di funzioni da parte del datore di lavoro (come individuato ai sensi della disposizione sopra richiamata) in ordine agli obblighi lui spettanti in materia di gestione della prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro; Considerato, altresì, l art. 9 del suddetto Regolamento di organizzazione di IRPET, il quale disciplina la ripartizione di funzioni tra organi e dirigenti; Viste le funzioni che l art. 10 del Regolamento in commento attribuisce al Direttore ed, in particolare, tenuto conto del fatto che in ordine alle competenze su personale, strutture e servizi lo stesso dispone solo di competenze organizzative, di indirizzo e direzione, spettando invece ai singoli dirigenti i poteri di gestione e di spesa corrispondenti; Considerati, infine, gli articoli 12 e 16 del citato Regolamento che individuano, rispettivamente, i contenuti della funzione dirigenziale e le specifiche funzioni spettanti ai dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno relativamente alla gestione organizzativa, amministrativa e finanziaria collegata alla specifica struttura loro assegnata.

3 Articolo 1 Finalità 1. In considerazione della ripartizione di competenze e funzioni prevista dal vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET tra il Direttore, quale datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 81/2008 ss.mm.ii., ed i dirigenti responsabili delle diverse strutture operative interne all Istituto, il presente documento mira a regolamentare il sistema di deleghe per la gestione e l adempimento degli obblighi che, in materia di sicurezza sul lavoro, il citato decreto legislativo pone a carico del datore di lavoro. 2. In particolare, in ossequio ai principi di economicità, efficienza e separazione di funzioni, la gestione delle misure di tutela e obblighi connessi alla prevenzione sui luoghi di lavoro deve avvenire in considerazione della vigente articolazione delle competenze organizzative, gestionali e di spesa su personale, strutture e servizi. 3. Fatti salvi gli obblighi di cui all art. 17 del D.Lgs. 81/2008, non delegabili, per le restanti attività il sistema di deleghe è disciplinato secondo le modalità di seguito indicate. Articolo 2 La struttura per l organizzazione e la gestione della sicurezza sul lavoro 1. L organigramma (all. 1) della sicurezza in IRPET è costituito da: a) Datore di lavoro, la cui funzione è rivestita dal Direttore; b) RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), quale soggetto esterno designato dal datore di lavoro, in possesso delle capacità e requisiti professionali richiesti per legge (all. 2); c) Medico Competente, specializzato in Medicina del Lavoro, addetto alla Sorveglianza Sanitaria dell Istituto, anch egli designato dal Direttore datore di lavoro (all. 3); d) RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), eletto dai lavoratori al loro interno; e) Addetti alla gestione delle emergenze (pronto soccorso ed antincendio) allegati 7 e 8; f) Dirigenti (all. 4, 5 e 6); g) Ogni singolo lavoratore. 2. I soggetti di cui alle lettere a), b) c) e d) del comma precedente formano nel loro complesso il Servizio di Prevenzione e Protezione, quale sistema di gestione e garanzia nell organizzazione per la sicurezza sul lavoro. I modelli di nomina di tali soggetti sono riportati in allegato quale parte integrante ed essenziale dell atto medesimo.

4 Articolo 3 Delega di funzioni in tema di sicurezza: criteri e requisiti 1. Essendo la delega di funzioni uno strumento non solo organizzativo, ma anche giuridico, con il quale il datore di lavoro trasferisce al delegato non solo le funzioni, ma anche le connesse responsabilità, ai sensi e per gli effetti dell art. 16, comma 1, D.Lgs. 81/2008, è ammessa alle seguenti condizioni: a) deve risultare da atto scritto recante data certa; b) deve essere conferita a soggetto in possesso dei poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; c) deve essere accompagnata dall attribuzione al delegato di tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; d) deve altresì attribuire al delegato l autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate; e) deve, infine, essere accettata dal delegato per iscritto. 2. Alla delega di cui al comma precedente deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità. Articolo 4 Delega di funzioni inerenti la gestione e la spesa per il personale 1. Gli obblighi del datore di lavoro previsti dall art. 18 del D.Lgs. 81/2008 che coinvolgono le competenze di gestione e spesa per il personale dipendente e non dipendente dell Istituto sono le seguenti: a) affidamento dei compiti ai lavoratori, tenuto conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla salute e alla sicurezza; b) assicurare l osservanza da parte del personale lavorativo assegnato a ciascun dirigente delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei D.P.I. messi a loro disposizione; c) adempimento degli obblighi di formazione, informazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37 D.Lgs. 81/ Tali funzioni, previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente articolo 3 (secondo il modello di cui all all. 4 al presente atto), spettano ai dirigenti responsabili di struttura operativa, titolari dei compiti di gestione e di spesa del personale di cui agli articoli 9, comma 3, 12 e 16 del vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET, con assunzione delle relative responsabilità, ciascuno per il personale appartenente alla struttura loro assegnata.

5 Articolo 5 Delega di funzioni inerenti la gestione e spese su strutture e servizi 1. Gli obblighi del datore di lavoro previsti dall art. 18 del D.Lgs. 81/2008 che coinvolgono le competenze di gestione e spesa per le strutture ed i servizi dell Istituto sono le seguenti: a) designazione dei lavoratori incaricati dei servizi di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza; b) dotazione dei lavoratori dei necessari DPI, se previsti, sentiti il RSPP e Medico Competente dell Istituto; c) invio dei lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiesta rivolta al Medico competente di provvedere all osservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; d) nei casi di sorveglianza sanitaria di cui all art. 41 D.Lgs. 81/2008, comunicazione tempestiva al medico competente di eventuali cessazioni del rapporto di lavoro; e) adozione delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza ed esposizione delle necessarie istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; f) garanzia ai lavoratori di verificare, mediante il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; g) consegna tempestiva al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), su richiesta di questi e per l espletamento della sua funzione, di una copia del documento di cui all art. 17, comma 1, lett. a) (DVR) h) attuazione delle necessarie comunicazioni all INAIL; i) consultazione del RLS nelle ipotesi di attribuzioni lui conferite dall art. 50 D.Lgs. 81/2008; j) adozione delle misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave ed immediato, secondo le disposizioni di cui all art. 43. Tali misure dovranno essere adeguate alla natura dell attività, alle dimensioni dell azienda o dell unità produttiva e al numero delle persone presenti; k) nell ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, dotazione deii lavoratori di tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore; l) nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocazione della riunione periodica di cui all art. 35 D.Lgs. 81/2008; m) aggiornamento delle misure di prevenzione in relazione ad eventuali mutamenti organizzativi e produttivi che abbiano rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione;

6 n) comunicazione in via telematica all INAIL, nonché per il suo tramite, al Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzioni nei luoghi di lavoro di cui all art. 8 D.Lgs. 81/2008, in caso di nuova elezione o designazione, dei nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza; o) vigilanza sui lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria, affinché questi non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità del medico competente; p) comunicazione al RSPP e al medico competente delle informazioni in merito a: 1) natura dei rischi; 2) organizzazione del lavoro, programmazione e attuazione delle misure preventive e protettive; 3) descrizione degli impianti e dei processi produttivi; 4) dati relativi ad infortuni e malattie professionali; provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza. q) Predisposizione delle forniture e manutenzioni, in attuazione degli obblighi di cui al comma 3 dell art. 18, concernenti gli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare, ai sensi del decreto legislativo 81/2008, la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici. Tali obblighi si intendono assolti dal dirigente con la richiesta del loro adempimento rivolta all amministrazione competente o al soggetto giuridico. che ne ha l obbligo 2. Tali funzioni, previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente art. 3 (secondo il modello di cui all all. 5 al presente atto), spettano al dirigente responsabile della struttura operativa Servizio Attività amministrative e finanziarie, nell ambito dei compiti di cui è titolare a norma del vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET, con esercizio dei poteri di gestione, di amministrazione delle risorse finanziarie ed autonomia di spesa attribuitegli, ed assunzione delle relative responsabilità. Articolo 6 Delega di funzioni in materia di appalti 1. L obbligo del datore di lavoro, previsto dall art. 18, comma 1, lett. p) del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii., consistente nella elaborazione del Documento Unico per la Valutazione Rischi da Interferenze (DUVRI), di cui all art. 26, comma 3, del medesimo decreto legislativo, si inserisce all interno delle competenze in materia di appalti di lavori, forniture e servizi che, ai sensi dell art. 16, comma 1, lett. a) del Regolamento di organizzazione di IRPET, spettano ai dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno relativamente alla rispettiva area di riferimento. 2. In ossequio alla previsione dell art. 26, comma 3-ter, del D.Lgs. 81/2008, tale obbligo - previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente articolo 3 (secondo il modello di cui all all. 6 al presente atto) - è assolto dai singoli dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno nell ambito degli appalti e affidamenti di lavori, servizi e forniture di loro competenza. La sua attuazione avviene mediante l elaborazione del documento di cui all art. 26, comma 3, (DUVRI),

7 anche su supporto informatico ai sensi dell art. 53, comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, mediante consegna tempestiva di copia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Articolo 7 Obbligo di vigilanza del datore di lavoro e del dirigente 1. Fermo restando il sistema di deleghe sopra descritto, nel rispetto ed in attuazione dell art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008, resta in capo al Direttore - datore di lavoro l obbligo di vigilanza in ordine al corretto espletamento da parte del dirigente delegato delle funzioni trasferite. 2. Ai sensi e per gli effetti dell art. 18, comma 3-bis, del medesimo decreto legislativo, il datore di lavoro ed i dirigenti delegati sono tenuti altresì a vigilare in ordine all adempimento degli obblighi di cui agli articoli 19, 20, 22, 23, 24 e 25 del decreto legislativo (ossia obblighi del preposto, dei lavoratori, dei progettisti, dei fabbricanti e fornitori, degli installatori e del medico competente), fatta salva l esclusiva responsabilità dei soggetti obbligati ai sensi dei medesimi articoli qualora la mancata attuazione dei predetti obblighi sia addebitabile unicamente agli stessi e non sia riscontrabile un difetto di vigilanza del datore di lavoro e del dirigente.

8 Allegato 1 ORGANIGRAMMA DEI SOGGETTI ATTORI DELLA SICUREZZA IN ISTITUTO DATORE DI LAVORO Direttore dell IRPET (art. 10, comma 1, lett. s) Regolamento di organizzazione IRPET) DESIGNA il RSPP esterno per gestione del SPP (ai sensi dell art. 17, comma 1, lett. b), D.Lgs. 81/2008) (all. 2) NOMINA il MEDICO COMPETENTE addetto alla sorveglianza sanitaria (ai sensi dell art. 18, comma 1, lett. a) D.Lgs. 81/2008) (all. 3) DIRIGENTI Dirigenti di struttura operativa (compiti di gestione e di spesa su personale assegnato a ciascuna struttura) (atto di delega del datore di lavoro all. 4) Dirigente settore attività amministrative e finanziarie (compiti di gestione e spesa su strutture e servizi) (atto di delega del datore di lavoro all.5) Aree di ricerca Servizi per la gestione e lo sviluppo delle risorse

9 TUTTI I DIRIGENTI (competenza in materia di appalti di lavori, forniture e servizi nell ambito della struttura operativa loro assegnata, ai sensi dell art. 16, comma 1, lett a) del Regolamento di organizzazione di IRPET) atto di delega del datore di lavoro (all. 6) LAVORATORE LAVORATORE LAVORATORE LAVORATORE RLS eletto dai lavoratori nell ambito delle RSU. Tra di essi vengono scelti gli ADDETTI alla gestione delle emergenze: - PRONTO SOCCORSO (atto di nomina all.7) - ANTINCENDIO (atto di nomina all.8)

10 Allegato 2 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana NOMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Direttore, in qualità di datore di lavoro legale rappresentante dell IRPET, P.IVA e C.F , quale Ente di consulenza regionale per lo svolgimento di compiti di studio e ricerca in materia di programmazione, con sede in Villa La Quiete alle Montalve, in Firenze, Via Pietro Dazzi n. 1 secondo quanto previsto dagli articoli 17, comma 1, lett. b) e 31, comma 1, del D.Lgs. 81/2008 NOMINA quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione del suddetto Istituto l Ing./Geom./Sig., persona esterna in possesso delle capacità e dei requisiti professionali stabiliti all art. 32 del citato decreto legislativo. Ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii. l R.S.P.P. nominato è chiamato ad organizzare il servizio di prevenzione e protezione all interno dell IRPET ed, in particolare, a svolgere le attività di seguito indicate: Indicare le attività di prevenzione e protezione che è chiamato a svolgere il Responsabile nominato. Ai fini predetti, l IRPET si impegna a: fornire al RSPP l esatto organigramma (compresi contratti a termine, collaboratori, borsisti e stagisti) suddiviso per mansioni per gli aggiornamenti formativi comunicare tempestivamente i nominativi di nuovi assunti, variazioni di organico che intervengono o qualsiasi altra variazione che si verifichi nell organizzazione del lavoro, comportante la necessità di aggiornamento nella valutazione dei rischi e nella gestione delle emergenze.

11 L Ing. accetta l incarico quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi per l IRPET e si impegna a rispettare gli obblighi previsti dagli articoli 31 e ss. Del D.Lgs. 81/2008 Data Firma del legale rappresentante dell Istituto.. Firma del RSPP.

12 Allegato 3 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana NOMINA DEL MEDICO COMPETENTE Il Direttore, in qualità di datore di lavoro legale rappresentante dell I.R.P.E.T., P.IVA e C.F , quale Ente di consulenza regionale per lo svolgimento di compiti di studio e ricerca in materia di programmazione, con sede in Villa La Quiete alle Montalve, in Firenze, Via Pietro Dazzi n. 1 secondo quanto previsto all art. 18, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 81/2008 NOMINA quale Medico Competente, specializzato in Medicina del lavoro, addetto alla sorveglianza sanitaria per il suddetto Istituto il Dott.. Ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii., l Azienda si impegna a fornire al Medico Competente, allo scopo di stabilire l appropriato protocollo per la sorveglianza sanitaria, copia del documento di valutazione dei rischi con specifico riferimento a: informazioni relative al ciclo produttivo profilo di rischio specifico per ogni mansione lavorativa (entità esposizione al rischio) valutazione dell esposizione ad agenti fisici (rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici ecc.) valutazione del rischio per esposizione ad agenti biologici valutazione rischio movimentazione manuale carichi valutazione rischio attrezzature munite videoterminali L Azienda si impegna inoltre a: fornire l esatto organigramma (compresi contratti a termine, collaboratori coordinati e continuativi) suddiviso per mansione a rispettare le scadenze delle visite periodiche

13 comunicare tempestivamente i nominativi dei nuovi assunti e rispettare l obbligo delle visite preventive indispensabili per adibirli alla mansione assegnata (D.Lgs.81/2008 art.41 comma 2 lettera a) Si ricorda inoltre la necessità che in azienda sia presente, oltre ai succitati documenti, la valutazione dei rischi per le lavoratrici gestanti (D.Lgs 151/01). Il Dott. accetta l incarico quale Medico Competente per l Istituto e si impegna a rispettare gli obblighi previsti dagli artt. 25, 38, 39, 40, 41 del D.Lgs. 81/2008 ed in particolare: ad eseguire gli accertamenti sanitari preventivi periodici ed occasionali ad istituire e conservare sotto la propria responsabilità le cartelle sanitarie e di rischio in conformità a quanto previsto nell allegato III A a rilasciare giudizi di idoneità alla mansione specifica ad effettuare il sopralluogo degli ambienti di lavoro a partecipare alla riunione periodica del Servizio di prevenzione e protezione e comunicare per iscritto i risultati collettivi anonimi della sorveglianza sanitaria a comunicare al servizio di medicina del lavoro competente per territorio i dati sanitari collettivi secondo il modello previsto nell allegato III B Data... Firma del Rappresentante legale dell Istituto.... Firma del Medico Competente.

14 Allegato 4 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è soggetto in possesso dei poteri di gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; DISPONE 1) di delegare il/la Signor/a nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle proprie competenze, affinché adotti e predisponga ogni e qualsiasi misura, processo e strumento che secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica risulti necessario alla tutela della salute e dell integrità fisica dei dipendenti presenti in azienda. 2) di delegare al medesimo l osservanza della normativa in materia di sicurezza ed igiene del lavoro prevista dal D.Lgs. 81/08 nonché l adempimento di ogni altra disposizione che dovesse essere in futuro emanata in materia.

15 In particolare, ma senza che la seguente elencazione debba considerarsi esaustiva, il delegato dovrà: provvedere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, all'esatta applicazione della vigente normativa relativa; controllare ed esigere il rispetto della suddetta normativa da parte dei lavoratori; adempiere agli obblighi di formazione, informazione e addestramento specifica, di cui agli articoli 36 e 37 D.Lgs. 81/2008, per il personale appartenente alla struttura ad esso assegnata; impartire direttamente, ove necessario, sanzioni disciplinari ex art. 55 bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 al personale refrattario che non volesse adeguarsi alle disposizioni di sicurezza impartite. Per l adempimento di tali obblighi, previsti dalla vigente normativa, il Delegato è dotato di ampi poteri di gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle sopra indicate funzioni delegate, nonché dell autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle stesse; Nel rispetto di quanto previsto dall art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008 la delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. Tale obbligo di verifica e controllo sarà assolto dal datore di lavoro secondo il modello organizzativo di cui all'articolo 30, comma 4 del medesimo decreto legislativo. Data, Firma dei Direttore datore di lavoro Il delegato Per conferma ed accettazione

16 Allegato 5 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è soggetto in possesso dei poteri di organizzazione, gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; DISPONE 3) di delegare il Dott./la Dott.ssa nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle proprie competenze, affinché adotti e predisponga ogni e qualsiasi misura, processo e strumento che secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica risulti necessario alla tutela della salute e dell integrità fisica dei dipendenti presenti in azienda. 4) di delegare al medesimo l osservanza della normativa in materia di sicurezza ed igiene del lavoro prevista dal D.Lgs. 81/08 nonché l adempimento di ogni altra disposizione che dovesse essere in futuro emanata in materia.

17 In particolare, ma senza che la seguente elencazione debba considerarsi esaustiva, il delegato dovrà: provvedere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, all'esatta applicazione della vigente normativa relativa agli impianti, alle macchine e alle attrezzature con particolare attenzione a quelle in materia ambientale, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, anche in relazione alla nuova e alla futura normativa in materia; curare l organizzazione del Servizio di Prevenzione e Protezione in collaborazione con l RSPP nominato, nonché, qualora sia necessario, con il medico competente per la sorveglianza sanitaria; realizzare, in collaborazione con il RSPP dell Istituto, la programmazione della prevenzione e protezione secondo i principi di tutela e secondo i criteri stabiliti dalle normative vigenti; individuare e realizzare le misure di prevenzione e protezione, compreso il loro costante aggiornamento; assicurare un adeguata informazione e formazione dei soggetti interessati alla tutela della salute dei lavoratori, nei modi e nei tempi previsti dalle normative vigenti; nominare gli addetti alle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato, di pronto soccorso, e di gestione delle emergenze; provvedere ad attuare il programma di informazione nei confronti dei soggetti interessati; porre in essere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, tutte le misure che siano idonee, secondo la tecnica, l'esperienza e la particolarità del lavoro, a prevenire tutte le situazioni di danno per la salute fisica e la personalità dei lavoratori; provvedere all'installazione e al mantenimento in perfetta efficienza degli impianti ed attrezzature in generale ed - in particolare - di quelli destinati alla tutela della salute dei lavoratori e dell'ambiente aziendale; provvedere alla direzione ed organizzazione del personale addetto; convocare la riunione annuale per la prevenzione e protezione di cui all art. 35; gestire i rapporti con le ditte esterne che si trovino ad operare all'interno dell azienda. Per l adempimento di tutti gli obblighi previsti dalla vigente normativa il Delegato è dotato dei poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle suddette funzioni delegate, nonché dell autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle medesime; Inoltre, potrà:

18 stipulare in piena autonomia decisionale e finanziaria contratti con terzi sia per dotare gli la l edificio e le attrezzature in esso presenti dei necessari dispositivi ai fini della sicurezza che per attuare i principi generali previsti in materia dalle norme vigenti; impartire direttamente, ove necessario, sanzioni disciplinari ex art. 55 bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 al personale refrattario che non volesse adeguarsi alle disposizioni di sicurezza impartite; Il Delegato dovrà immediatamente segnalare al Direttore ogni situazione che riguardi la vita dell Istituto, che possa incidere in maniera apprezzabile sulle condizioni e sui termini di conferimento della presente delega. Nel rispetto di quanto previsto dall art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008 la delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. Tale obbligo di verifica e controllo sarà assolto dal datore di lavoro secondo il modello organizzativo di cui all'articolo 30, comma 4 del medesimo decreto legislativo. Data, Firma dei Direttore datore di lavoro Il delegato Per conferma ed accettazione

19 Allegato 6 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che l art. 18, comma 1, lett. p) del D.Lgs. 81/2008 contempla, tra gli obblighi posti a carico del datore di lavoro, l elaborazione del documento di cui all'articolo 26, comma 3 del medesimo decreto legislativo (DUVRI), per i casi di affidamento di lavori, servizi e forniture; che, ai sensi dell art. 16, comma 1, lettere a) e b) del Regolamento di organizzazione di IRPET, la funzione di stipula dei contratti di esecuzione di lavori e di acquisizione di forniture e servizi, con competenza di amministrazione delle risorse finanziarie ed esercizio dei relativi poteri di spesa, è attribuita ai vari dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno nell ambito della struttura di loro competenza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è dunque soggetto in possesso dei poteri di gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzione delegata; DISPONE 5) di delegare il/la Dott./Dott.ssa nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC)

manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC) manutenzione per l infrastruttura del Sistema Informativo del Casellario Giudiziale (SIC) ALLEGATO 9 DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX Art. 26 COMMA 3-TER D.Lgs.

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO 113 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 33 Reg./15 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 05/02/2015 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX Art. 26 COMMA 3-TER D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX Art. 26 COMMA 3-TER D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA D.G.S.I.A. ALLEGATO 10 DOCUMENTO RICOGNITIVO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI STANDARD DA INTERFERENZE EX Art. 26 COMMA 3-TER D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. 1 PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

La Valutazione dei Rischi

La Valutazione dei Rischi Progetto Green Safety: attività di formazione relative al progetto sperimentale per la promozione e la diffusione della sicurezza sul lavoro e nell'uso delle macchine agricole nel contesto t rurale e stradale

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Azienda Ospedaliera SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo Corso di Formazione Aziendale 1 Decreto Legislativo 9 aprile 2008 81 n 81 (Pubblicato sulla G. U. - Repubblica Italiana S.O. n 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA DVR CIPNES IMP. DEPURAZIONE IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA TITOLO CODICE REVISIONE Organizzazione e responsabilità (Sez. 01) 15/10/2013 Misure generali di tutela e criteri di valutazione Valutazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Emanato con Decreto Rettorale n 93 del 17.03.2010, in vigore dal 1 aprile 2010 Pag. 1/14 POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE?

IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE? IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE? Una guida per committenti, imprese e lavoratori autonomi GLI OBBLIGHI DEL COMMITTENTE PER LA SICUREZZA DEI CANTIERI EDILI Con la collaborazione

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO D. Lgs. 81/08

SICUREZZA SUL LAVORO D. Lgs. 81/08 SICUREZZA SUL LAVORO D. Lgs. 81/08 Le linee di dell ente comprendono molti dei fattori di rischio indicati dal d. lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e in tale contesto ERSAF ha organizzato un articolato sistema

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio Apparato sanzionatorio - Obblighi generali SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO Obblighi generali per il datore di lavoro Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio DESTINATARIO/I

Dettagli

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE 1. Generalità Il testo unico, al pari del decreto 494/96 ormai abrogato, dedica

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it VERBALE DI INFORMAZIONE

Dettagli

Informazioni sui nominativi di Sicurezza Art. 36 del D. Lgs. 81/08

Informazioni sui nominativi di Sicurezza Art. 36 del D. Lgs. 81/08 Informazioni sui nominativi di Sicurezza Art. 36 del D. Lgs. 81/08 Direzione Aziendale: Uffici Via Demurtas, 3 Nuoro Palazzina Direzione (di fronte al vecchio ospedale) Dott. Franco M. Mulas Direttore

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

RIFLESSIONI SUL CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS 106/09 CORRETTIVO DEL TESTO UNICO D.LGS 81/08 Ing.AVANZATO Salvatore 1 Ing.AVANZATO Salvatore 2 Quale novità ha introdotto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici Il Dirigente Scolastico e la sicurezza nella scuola. Una bussola per orientarsi nel mare magnum delle nuove norme Anno Scolastico 2012/2013

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEL CONDOMINIO

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEL CONDOMINIO GESTIONE DELLA SICUREZZA NEL CONDOMINIO L EVOLUZIONE NORMATIVA SULLA SICUREZZA. DOVERI E RESPONSABILITA DELLE FIGURE COINVOLTE Domenico SPINAZZOLA Dirigente Servizio Tecnico della Prevenzione ASL BAT Docente

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26)

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26) Modulo A.1: Organizzazione sanitaria (Formazione di base) sanzionatoria (applicata all art. 26) Dlgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Consigliere con delega alla SSLL fulvi.francesco@gmail.com

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONI AZIENDALI D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106 RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Dirigente limiti incarico

Dirigente limiti incarico d) fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; Dirigente limiti

Dettagli

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Principi giuridici e normativa di riferimento

Dettagli

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Sicurezza: semplificazioni del Decreto Del Fare Art. 26 Dlgs. 81/2008 - Schema a cura di Studio Legale Ambiente Cinzia Silvestri Si propone schema dell art. 26 come modificato dal DL 69/2013 art. 32. Art.

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

Università degli studi di Napoli L Orientale

Università degli studi di Napoli L Orientale Università degli studi di Napoli L Orientale Emanato con D.R. n. 336 14.04.2009); del 06.04.2009 (affisso all Albo prot. n. 9100 del REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI LUOGHI

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL ( Ai sensi dell art. 17 comma 1 lett. a e dell art. 28 del D.Lgs. 81/2008 ) a cura di Messina D.Lgs. 81/2008 Art. 2. - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro.

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Sicurezza Sul Lavoro LE PERSONE COINVOLTE IL DATORE DI LAVORO Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Datore di lavoro è il titolare del rapporto

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Il testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.

Dettagli

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA

GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA GUIDA SICUREZZA IN AZIENDA 2011 Ricordiamo che le finalità del D. Lgs. 81/2008 sono quelle di: Tutelare la salute delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro; Certificare i servizi che si erogano

Dettagli

TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Articolo 29 (Aggiornamento del Regolamento) Articolo 30 (Norma finale) Articolo 31 (Entrata in vigore)

TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Articolo 29 (Aggiornamento del Regolamento) Articolo 30 (Norma finale) Articolo 31 (Entrata in vigore) REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO (D.Lgs n. 81 del 9 aprile 2008) (emanato con decreto rettorale 29 luglio 2009, n. 775) INDICE TITOLO

Dettagli

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI D.Lgs 81/08 Ambito di applicazione Art. 2 - Definizioni a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale,

Dettagli

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA

COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Azienda Presenti al sopralluogo per l azienda: 1 CHECK LIST GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA 1. GESTIONE AZIENDALE DELLA CUREZZA

Dettagli

Corso di Diritto per l Ingegneria

Corso di Diritto per l Ingegneria Anno Accademico 2012-2013 Corso di Diritto per l Ingegneria La legislazione in materia di prevenzione infortuni e igiene sul lavoro Lezione 1 Gabriele Zeppa 1 Principi costituzionali Le norme costituzionali

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO 1 A seguito di un quadro legislativo

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE?

IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE? IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO : A CHI TOCCA LA SICUREZZA DEL CANTIERE? Una guida per committenti, imprese e lavoratori autonomi TAVOLO SICUREZZA CANTIERI - REGGIO EMILIA ENTRA IMPRESA E LAVORATORE AUTONOMO

Dettagli

1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente

1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente Bologna 25,10,2013 Geom. Marco Marchesi 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

DVRS. linee guida per l applicazione delle procedure standardizzate e modalità di adeguamento. www.bologna.confcooperative.it

DVRS. linee guida per l applicazione delle procedure standardizzate e modalità di adeguamento. www.bologna.confcooperative.it DVRS linee guida per l applicazione delle procedure standardizzate e modalità di adeguamento www.bologna.confcooperative.it Confcooperative è la principale organizzazione di rappresentanza, assistenza

Dettagli

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Pag. 1 di 7 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI,

Dettagli