SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO"

Transcript

1 I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. )

2 PREAMBOLO Visto l art. 2, comma 1, lett b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro., ai sensi del quale Nelle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest'ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall'organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell'ubicazione e dell'ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l'attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l'organo di vertice medesimo. Considerato l art. 10, comma 1, lett. s) del Regolamento di organizzazione dell IRPET, approvato con determinazione del Direttore n. 59 del , il quale attribuisce al Direttore la titolarità della funzione di datore di lavoro, ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del suddetto decreto legislativo; Visti gli articoli 16, 17 e 18 del citato D.Lgs. 81/2008, recanti la disciplina della delega di funzioni da parte del datore di lavoro (come individuato ai sensi della disposizione sopra richiamata) in ordine agli obblighi lui spettanti in materia di gestione della prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro; Considerato, altresì, l art. 9 del suddetto Regolamento di organizzazione di IRPET, il quale disciplina la ripartizione di funzioni tra organi e dirigenti; Viste le funzioni che l art. 10 del Regolamento in commento attribuisce al Direttore ed, in particolare, tenuto conto del fatto che in ordine alle competenze su personale, strutture e servizi lo stesso dispone solo di competenze organizzative, di indirizzo e direzione, spettando invece ai singoli dirigenti i poteri di gestione e di spesa corrispondenti; Considerati, infine, gli articoli 12 e 16 del citato Regolamento che individuano, rispettivamente, i contenuti della funzione dirigenziale e le specifiche funzioni spettanti ai dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno relativamente alla gestione organizzativa, amministrativa e finanziaria collegata alla specifica struttura loro assegnata.

3 Articolo 1 Finalità 1. In considerazione della ripartizione di competenze e funzioni prevista dal vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET tra il Direttore, quale datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 81/2008 ss.mm.ii., ed i dirigenti responsabili delle diverse strutture operative interne all Istituto, il presente documento mira a regolamentare il sistema di deleghe per la gestione e l adempimento degli obblighi che, in materia di sicurezza sul lavoro, il citato decreto legislativo pone a carico del datore di lavoro. 2. In particolare, in ossequio ai principi di economicità, efficienza e separazione di funzioni, la gestione delle misure di tutela e obblighi connessi alla prevenzione sui luoghi di lavoro deve avvenire in considerazione della vigente articolazione delle competenze organizzative, gestionali e di spesa su personale, strutture e servizi. 3. Fatti salvi gli obblighi di cui all art. 17 del D.Lgs. 81/2008, non delegabili, per le restanti attività il sistema di deleghe è disciplinato secondo le modalità di seguito indicate. Articolo 2 La struttura per l organizzazione e la gestione della sicurezza sul lavoro 1. L organigramma (all. 1) della sicurezza in IRPET è costituito da: a) Datore di lavoro, la cui funzione è rivestita dal Direttore; b) RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), quale soggetto esterno designato dal datore di lavoro, in possesso delle capacità e requisiti professionali richiesti per legge (all. 2); c) Medico Competente, specializzato in Medicina del Lavoro, addetto alla Sorveglianza Sanitaria dell Istituto, anch egli designato dal Direttore datore di lavoro (all. 3); d) RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza), eletto dai lavoratori al loro interno; e) Addetti alla gestione delle emergenze (pronto soccorso ed antincendio) allegati 7 e 8; f) Dirigenti (all. 4, 5 e 6); g) Ogni singolo lavoratore. 2. I soggetti di cui alle lettere a), b) c) e d) del comma precedente formano nel loro complesso il Servizio di Prevenzione e Protezione, quale sistema di gestione e garanzia nell organizzazione per la sicurezza sul lavoro. I modelli di nomina di tali soggetti sono riportati in allegato quale parte integrante ed essenziale dell atto medesimo.

4 Articolo 3 Delega di funzioni in tema di sicurezza: criteri e requisiti 1. Essendo la delega di funzioni uno strumento non solo organizzativo, ma anche giuridico, con il quale il datore di lavoro trasferisce al delegato non solo le funzioni, ma anche le connesse responsabilità, ai sensi e per gli effetti dell art. 16, comma 1, D.Lgs. 81/2008, è ammessa alle seguenti condizioni: a) deve risultare da atto scritto recante data certa; b) deve essere conferita a soggetto in possesso dei poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; c) deve essere accompagnata dall attribuzione al delegato di tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; d) deve altresì attribuire al delegato l autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate; e) deve, infine, essere accettata dal delegato per iscritto. 2. Alla delega di cui al comma precedente deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità. Articolo 4 Delega di funzioni inerenti la gestione e la spesa per il personale 1. Gli obblighi del datore di lavoro previsti dall art. 18 del D.Lgs. 81/2008 che coinvolgono le competenze di gestione e spesa per il personale dipendente e non dipendente dell Istituto sono le seguenti: a) affidamento dei compiti ai lavoratori, tenuto conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla salute e alla sicurezza; b) assicurare l osservanza da parte del personale lavorativo assegnato a ciascun dirigente delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei D.P.I. messi a loro disposizione; c) adempimento degli obblighi di formazione, informazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37 D.Lgs. 81/ Tali funzioni, previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente articolo 3 (secondo il modello di cui all all. 4 al presente atto), spettano ai dirigenti responsabili di struttura operativa, titolari dei compiti di gestione e di spesa del personale di cui agli articoli 9, comma 3, 12 e 16 del vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET, con assunzione delle relative responsabilità, ciascuno per il personale appartenente alla struttura loro assegnata.

5 Articolo 5 Delega di funzioni inerenti la gestione e spese su strutture e servizi 1. Gli obblighi del datore di lavoro previsti dall art. 18 del D.Lgs. 81/2008 che coinvolgono le competenze di gestione e spesa per le strutture ed i servizi dell Istituto sono le seguenti: a) designazione dei lavoratori incaricati dei servizi di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di pronto soccorso e, comunque, di gestione dell emergenza; b) dotazione dei lavoratori dei necessari DPI, se previsti, sentiti il RSPP e Medico Competente dell Istituto; c) invio dei lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiesta rivolta al Medico competente di provvedere all osservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; d) nei casi di sorveglianza sanitaria di cui all art. 41 D.Lgs. 81/2008, comunicazione tempestiva al medico competente di eventuali cessazioni del rapporto di lavoro; e) adozione delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza ed esposizione delle necessarie istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; f) garanzia ai lavoratori di verificare, mediante il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; g) consegna tempestiva al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), su richiesta di questi e per l espletamento della sua funzione, di una copia del documento di cui all art. 17, comma 1, lett. a) (DVR) h) attuazione delle necessarie comunicazioni all INAIL; i) consultazione del RLS nelle ipotesi di attribuzioni lui conferite dall art. 50 D.Lgs. 81/2008; j) adozione delle misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave ed immediato, secondo le disposizioni di cui all art. 43. Tali misure dovranno essere adeguate alla natura dell attività, alle dimensioni dell azienda o dell unità produttiva e al numero delle persone presenti; k) nell ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, dotazione deii lavoratori di tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore; l) nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocazione della riunione periodica di cui all art. 35 D.Lgs. 81/2008; m) aggiornamento delle misure di prevenzione in relazione ad eventuali mutamenti organizzativi e produttivi che abbiano rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione;

6 n) comunicazione in via telematica all INAIL, nonché per il suo tramite, al Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzioni nei luoghi di lavoro di cui all art. 8 D.Lgs. 81/2008, in caso di nuova elezione o designazione, dei nominativi dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza; o) vigilanza sui lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria, affinché questi non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità del medico competente; p) comunicazione al RSPP e al medico competente delle informazioni in merito a: 1) natura dei rischi; 2) organizzazione del lavoro, programmazione e attuazione delle misure preventive e protettive; 3) descrizione degli impianti e dei processi produttivi; 4) dati relativi ad infortuni e malattie professionali; provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza. q) Predisposizione delle forniture e manutenzioni, in attuazione degli obblighi di cui al comma 3 dell art. 18, concernenti gli interventi strutturali e di manutenzione necessari per assicurare, ai sensi del decreto legislativo 81/2008, la sicurezza dei locali e degli edifici assegnati in uso a pubbliche amministrazioni o a pubblici uffici. Tali obblighi si intendono assolti dal dirigente con la richiesta del loro adempimento rivolta all amministrazione competente o al soggetto giuridico. che ne ha l obbligo 2. Tali funzioni, previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente art. 3 (secondo il modello di cui all all. 5 al presente atto), spettano al dirigente responsabile della struttura operativa Servizio Attività amministrative e finanziarie, nell ambito dei compiti di cui è titolare a norma del vigente Regolamento di organizzazione dell IRPET, con esercizio dei poteri di gestione, di amministrazione delle risorse finanziarie ed autonomia di spesa attribuitegli, ed assunzione delle relative responsabilità. Articolo 6 Delega di funzioni in materia di appalti 1. L obbligo del datore di lavoro, previsto dall art. 18, comma 1, lett. p) del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii., consistente nella elaborazione del Documento Unico per la Valutazione Rischi da Interferenze (DUVRI), di cui all art. 26, comma 3, del medesimo decreto legislativo, si inserisce all interno delle competenze in materia di appalti di lavori, forniture e servizi che, ai sensi dell art. 16, comma 1, lett. a) del Regolamento di organizzazione di IRPET, spettano ai dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno relativamente alla rispettiva area di riferimento. 2. In ossequio alla previsione dell art. 26, comma 3-ter, del D.Lgs. 81/2008, tale obbligo - previa delega da parte del datore di lavoro ai sensi del precedente articolo 3 (secondo il modello di cui all all. 6 al presente atto) - è assolto dai singoli dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno nell ambito degli appalti e affidamenti di lavori, servizi e forniture di loro competenza. La sua attuazione avviene mediante l elaborazione del documento di cui all art. 26, comma 3, (DUVRI),

7 anche su supporto informatico ai sensi dell art. 53, comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, mediante consegna tempestiva di copia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. Articolo 7 Obbligo di vigilanza del datore di lavoro e del dirigente 1. Fermo restando il sistema di deleghe sopra descritto, nel rispetto ed in attuazione dell art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008, resta in capo al Direttore - datore di lavoro l obbligo di vigilanza in ordine al corretto espletamento da parte del dirigente delegato delle funzioni trasferite. 2. Ai sensi e per gli effetti dell art. 18, comma 3-bis, del medesimo decreto legislativo, il datore di lavoro ed i dirigenti delegati sono tenuti altresì a vigilare in ordine all adempimento degli obblighi di cui agli articoli 19, 20, 22, 23, 24 e 25 del decreto legislativo (ossia obblighi del preposto, dei lavoratori, dei progettisti, dei fabbricanti e fornitori, degli installatori e del medico competente), fatta salva l esclusiva responsabilità dei soggetti obbligati ai sensi dei medesimi articoli qualora la mancata attuazione dei predetti obblighi sia addebitabile unicamente agli stessi e non sia riscontrabile un difetto di vigilanza del datore di lavoro e del dirigente.

8 Allegato 1 ORGANIGRAMMA DEI SOGGETTI ATTORI DELLA SICUREZZA IN ISTITUTO DATORE DI LAVORO Direttore dell IRPET (art. 10, comma 1, lett. s) Regolamento di organizzazione IRPET) DESIGNA il RSPP esterno per gestione del SPP (ai sensi dell art. 17, comma 1, lett. b), D.Lgs. 81/2008) (all. 2) NOMINA il MEDICO COMPETENTE addetto alla sorveglianza sanitaria (ai sensi dell art. 18, comma 1, lett. a) D.Lgs. 81/2008) (all. 3) DIRIGENTI Dirigenti di struttura operativa (compiti di gestione e di spesa su personale assegnato a ciascuna struttura) (atto di delega del datore di lavoro all. 4) Dirigente settore attività amministrative e finanziarie (compiti di gestione e spesa su strutture e servizi) (atto di delega del datore di lavoro all.5) Aree di ricerca Servizi per la gestione e lo sviluppo delle risorse

9 TUTTI I DIRIGENTI (competenza in materia di appalti di lavori, forniture e servizi nell ambito della struttura operativa loro assegnata, ai sensi dell art. 16, comma 1, lett a) del Regolamento di organizzazione di IRPET) atto di delega del datore di lavoro (all. 6) LAVORATORE LAVORATORE LAVORATORE LAVORATORE RLS eletto dai lavoratori nell ambito delle RSU. Tra di essi vengono scelti gli ADDETTI alla gestione delle emergenze: - PRONTO SOCCORSO (atto di nomina all.7) - ANTINCENDIO (atto di nomina all.8)

10 Allegato 2 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana NOMINA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Direttore, in qualità di datore di lavoro legale rappresentante dell IRPET, P.IVA e C.F , quale Ente di consulenza regionale per lo svolgimento di compiti di studio e ricerca in materia di programmazione, con sede in Villa La Quiete alle Montalve, in Firenze, Via Pietro Dazzi n. 1 secondo quanto previsto dagli articoli 17, comma 1, lett. b) e 31, comma 1, del D.Lgs. 81/2008 NOMINA quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione del suddetto Istituto l Ing./Geom./Sig., persona esterna in possesso delle capacità e dei requisiti professionali stabiliti all art. 32 del citato decreto legislativo. Ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii. l R.S.P.P. nominato è chiamato ad organizzare il servizio di prevenzione e protezione all interno dell IRPET ed, in particolare, a svolgere le attività di seguito indicate: Indicare le attività di prevenzione e protezione che è chiamato a svolgere il Responsabile nominato. Ai fini predetti, l IRPET si impegna a: fornire al RSPP l esatto organigramma (compresi contratti a termine, collaboratori, borsisti e stagisti) suddiviso per mansioni per gli aggiornamenti formativi comunicare tempestivamente i nominativi di nuovi assunti, variazioni di organico che intervengono o qualsiasi altra variazione che si verifichi nell organizzazione del lavoro, comportante la necessità di aggiornamento nella valutazione dei rischi e nella gestione delle emergenze.

11 L Ing. accetta l incarico quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi per l IRPET e si impegna a rispettare gli obblighi previsti dagli articoli 31 e ss. Del D.Lgs. 81/2008 Data Firma del legale rappresentante dell Istituto.. Firma del RSPP.

12 Allegato 3 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana NOMINA DEL MEDICO COMPETENTE Il Direttore, in qualità di datore di lavoro legale rappresentante dell I.R.P.E.T., P.IVA e C.F , quale Ente di consulenza regionale per lo svolgimento di compiti di studio e ricerca in materia di programmazione, con sede in Villa La Quiete alle Montalve, in Firenze, Via Pietro Dazzi n. 1 secondo quanto previsto all art. 18, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 81/2008 NOMINA quale Medico Competente, specializzato in Medicina del lavoro, addetto alla sorveglianza sanitaria per il suddetto Istituto il Dott.. Ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii., l Azienda si impegna a fornire al Medico Competente, allo scopo di stabilire l appropriato protocollo per la sorveglianza sanitaria, copia del documento di valutazione dei rischi con specifico riferimento a: informazioni relative al ciclo produttivo profilo di rischio specifico per ogni mansione lavorativa (entità esposizione al rischio) valutazione dell esposizione ad agenti fisici (rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici ecc.) valutazione del rischio per esposizione ad agenti biologici valutazione rischio movimentazione manuale carichi valutazione rischio attrezzature munite videoterminali L Azienda si impegna inoltre a: fornire l esatto organigramma (compresi contratti a termine, collaboratori coordinati e continuativi) suddiviso per mansione a rispettare le scadenze delle visite periodiche

13 comunicare tempestivamente i nominativi dei nuovi assunti e rispettare l obbligo delle visite preventive indispensabili per adibirli alla mansione assegnata (D.Lgs.81/2008 art.41 comma 2 lettera a) Si ricorda inoltre la necessità che in azienda sia presente, oltre ai succitati documenti, la valutazione dei rischi per le lavoratrici gestanti (D.Lgs 151/01). Il Dott. accetta l incarico quale Medico Competente per l Istituto e si impegna a rispettare gli obblighi previsti dagli artt. 25, 38, 39, 40, 41 del D.Lgs. 81/2008 ed in particolare: ad eseguire gli accertamenti sanitari preventivi periodici ed occasionali ad istituire e conservare sotto la propria responsabilità le cartelle sanitarie e di rischio in conformità a quanto previsto nell allegato III A a rilasciare giudizi di idoneità alla mansione specifica ad effettuare il sopralluogo degli ambienti di lavoro a partecipare alla riunione periodica del Servizio di prevenzione e protezione e comunicare per iscritto i risultati collettivi anonimi della sorveglianza sanitaria a comunicare al servizio di medicina del lavoro competente per territorio i dati sanitari collettivi secondo il modello previsto nell allegato III B Data... Firma del Rappresentante legale dell Istituto.... Firma del Medico Competente.

14 Allegato 4 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è soggetto in possesso dei poteri di gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; DISPONE 1) di delegare il/la Signor/a nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle proprie competenze, affinché adotti e predisponga ogni e qualsiasi misura, processo e strumento che secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica risulti necessario alla tutela della salute e dell integrità fisica dei dipendenti presenti in azienda. 2) di delegare al medesimo l osservanza della normativa in materia di sicurezza ed igiene del lavoro prevista dal D.Lgs. 81/08 nonché l adempimento di ogni altra disposizione che dovesse essere in futuro emanata in materia.

15 In particolare, ma senza che la seguente elencazione debba considerarsi esaustiva, il delegato dovrà: provvedere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, all'esatta applicazione della vigente normativa relativa; controllare ed esigere il rispetto della suddetta normativa da parte dei lavoratori; adempiere agli obblighi di formazione, informazione e addestramento specifica, di cui agli articoli 36 e 37 D.Lgs. 81/2008, per il personale appartenente alla struttura ad esso assegnata; impartire direttamente, ove necessario, sanzioni disciplinari ex art. 55 bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 al personale refrattario che non volesse adeguarsi alle disposizioni di sicurezza impartite. Per l adempimento di tali obblighi, previsti dalla vigente normativa, il Delegato è dotato di ampi poteri di gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle sopra indicate funzioni delegate, nonché dell autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle stesse; Nel rispetto di quanto previsto dall art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008 la delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. Tale obbligo di verifica e controllo sarà assolto dal datore di lavoro secondo il modello organizzativo di cui all'articolo 30, comma 4 del medesimo decreto legislativo. Data, Firma dei Direttore datore di lavoro Il delegato Per conferma ed accettazione

16 Allegato 5 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è soggetto in possesso dei poteri di organizzazione, gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; DISPONE 3) di delegare il Dott./la Dott.ssa nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle proprie competenze, affinché adotti e predisponga ogni e qualsiasi misura, processo e strumento che secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica risulti necessario alla tutela della salute e dell integrità fisica dei dipendenti presenti in azienda. 4) di delegare al medesimo l osservanza della normativa in materia di sicurezza ed igiene del lavoro prevista dal D.Lgs. 81/08 nonché l adempimento di ogni altra disposizione che dovesse essere in futuro emanata in materia.

17 In particolare, ma senza che la seguente elencazione debba considerarsi esaustiva, il delegato dovrà: provvedere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, all'esatta applicazione della vigente normativa relativa agli impianti, alle macchine e alle attrezzature con particolare attenzione a quelle in materia ambientale, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, anche in relazione alla nuova e alla futura normativa in materia; curare l organizzazione del Servizio di Prevenzione e Protezione in collaborazione con l RSPP nominato, nonché, qualora sia necessario, con il medico competente per la sorveglianza sanitaria; realizzare, in collaborazione con il RSPP dell Istituto, la programmazione della prevenzione e protezione secondo i principi di tutela e secondo i criteri stabiliti dalle normative vigenti; individuare e realizzare le misure di prevenzione e protezione, compreso il loro costante aggiornamento; assicurare un adeguata informazione e formazione dei soggetti interessati alla tutela della salute dei lavoratori, nei modi e nei tempi previsti dalle normative vigenti; nominare gli addetti alle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato, di pronto soccorso, e di gestione delle emergenze; provvedere ad attuare il programma di informazione nei confronti dei soggetti interessati; porre in essere, nell'ambito delle sue attribuzioni e competenze, tutte le misure che siano idonee, secondo la tecnica, l'esperienza e la particolarità del lavoro, a prevenire tutte le situazioni di danno per la salute fisica e la personalità dei lavoratori; provvedere all'installazione e al mantenimento in perfetta efficienza degli impianti ed attrezzature in generale ed - in particolare - di quelli destinati alla tutela della salute dei lavoratori e dell'ambiente aziendale; provvedere alla direzione ed organizzazione del personale addetto; convocare la riunione annuale per la prevenzione e protezione di cui all art. 35; gestire i rapporti con le ditte esterne che si trovino ad operare all'interno dell azienda. Per l adempimento di tutti gli obblighi previsti dalla vigente normativa il Delegato è dotato dei poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle suddette funzioni delegate, nonché dell autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle medesime; Inoltre, potrà:

18 stipulare in piena autonomia decisionale e finanziaria contratti con terzi sia per dotare gli la l edificio e le attrezzature in esso presenti dei necessari dispositivi ai fini della sicurezza che per attuare i principi generali previsti in materia dalle norme vigenti; impartire direttamente, ove necessario, sanzioni disciplinari ex art. 55 bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 al personale refrattario che non volesse adeguarsi alle disposizioni di sicurezza impartite; Il Delegato dovrà immediatamente segnalare al Direttore ogni situazione che riguardi la vita dell Istituto, che possa incidere in maniera apprezzabile sulle condizioni e sui termini di conferimento della presente delega. Nel rispetto di quanto previsto dall art. 16, comma 3, del D.Lgs. 81/2008 la delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. Tale obbligo di verifica e controllo sarà assolto dal datore di lavoro secondo il modello organizzativo di cui all'articolo 30, comma 4 del medesimo decreto legislativo. Data, Firma dei Direttore datore di lavoro Il delegato Per conferma ed accettazione

19 Allegato 6 I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana DELEGA DI FUNZIONI E RESPONSABILITA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (ai sensi dell art. 16 del D.Lgs. 81/2008) Il sottoscritto.. nato a. il., in qualità di Direttore pro-tempore dell I.R.P.E.T., residente per la carica in Firenze, via Pietro Dazzi n. 1, Villa la Quiete alle Montalve, titolare della funzione di datore di lavoro ai sensi e per gli effetti del decreto legislativo , n. 81, con facoltà di delega nei limiti di cui agli articoli 16 e 17 del predetto decreto legislativo PREMESSO che il D.Lgs 81/2008 all art. 16 ha previsto e codificato la delega di funzioni in materia di sicurezza; che l art. 18, comma 1, lett. p) del D.Lgs. 81/2008 contempla, tra gli obblighi posti a carico del datore di lavoro, l elaborazione del documento di cui all'articolo 26, comma 3 del medesimo decreto legislativo (DUVRI), per i casi di affidamento di lavori, servizi e forniture; che, ai sensi dell art. 16, comma 1, lettere a) e b) del Regolamento di organizzazione di IRPET, la funzione di stipula dei contratti di esecuzione di lavori e di acquisizione di forniture e servizi, con competenza di amministrazione delle risorse finanziarie ed esercizio dei relativi poteri di spesa, è attribuita ai vari dirigenti responsabili di struttura operativa, ciascuno nell ambito della struttura di loro competenza; che il dirigente (indicare nome e cognome) è dunque soggetto in possesso dei poteri di gestione, controllo ed autonomia di spesa richiesti dalla specifica natura delle funzione delegata; DISPONE 5) di delegare il/la Dott./Dott.ssa nato/a a il (che elegge il proprio domicilio presso la sede dell Istituto), nell ambito delle

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli