Anno 2016 RF321 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2016 RF321 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE"

Transcript

1 Anno 2016 RF321 REDAZIONE FISCALE Pag. 1 / 8 OGGETTO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE SEMPLIFICATE RIFERIMENTI LEGGE BILANCIO 2017 IN ATTESA DI PUBBL. IN GU ART. 66 TUIR ART. 18 DPR 600/73 CIRCOLARE DEL 16/12/2016 Sintesi: la Legge di bilancio 2017 modifica, dal periodo d imposta 2017, il regime di tassazione delle contabilità semplificate (cd. imprese minori ); per la determinazione del reddito sarà applicabile non più il principio di competenza (che risulterà destinato alle sole contabilità ordinarie), ma quello di cassa. Tra le principali novità conseguenti all applicazione del regime di cassa, si rileva quanto segue: Principio di cassa: il reddito sarà costituito dalla differenza tra l ammontare dei ricavi e proventi percepiti (non più conseguiti ) e le spese sostenute (per cassa) nel periodo; analogo criterio viene disposto per le altre componenti positive e negative di reddito (il cui elenco rimane inalterato) Passaggio di regime: nel periodo in cui si transita dal criterio di competenza a quello di cassa (2017 per la generalità dei casi o, in futuro, al passaggio dalla contabilità ordinaria a quella semplificata): - dal reddito di tale periodo viene sottratto l importo delle rimanenze finali dell esercizio precedente (che non andranno più stanziate a conto economico a fine anno) - ricavi/compensi e spese che hanno già concorso alla formazione del reddito col principio di competenza non assumono rilevanza nel successivo periodo d imposta dell incasso - concetti analoghi si adottano nel caso di passaggio dalla contabilità semplificata a quella ordinaria Irap: anche l Irap delle imprese in contabilità semplificata è determinata in base al principio di cassa Contabilità ordinaria: rimane possibile optare per il regime di contabilità ordinaria (continuando ad applicare il regime di competenza); tuttavia è introdotta la durata minima di un triennio. Adempimenti contabili: i contribuenti in contabilità semplificata applicheranno le seguenti regole (in buona parte mutuate dal regime di professionisti): registri cronologici di incassi e pagamenti: dovranno annotare in due appositi registri (separati dai registri Iva), in modo analitico e cronologico, rispettivamente i ricavi incassati e le spese sostenute e pagate; con annotazione separata (da effettuare entro il termine di presentazione di Unico) vanno indicati i componenti positivi/negativi diversi dei ricavi e dalle spese (es: sopravvenienze, ecc.) registri IVA integrati: possono sostituire i registri cronologici di incassi e pagamenti qualora: - vi siano separate annotazioni delle operazioni non soggette a registrazione IVA - si riporti l ammontare complessivo delle operazioni che non hanno generato incassi o pagamenti, con indicazione delle fatture cui le operazioni stesse si riferiscono semplificazione: è ammesso optare, con durata minima di un triennio: - per la tenuta dei registri IVA senza annotazione di incassi/pagamenti (dunque, nei modi ordinari), fermo restando l obbligo di separata annotazione delle operazioni escluse da Iva - operando in tal caso la presunzione assoluta secondo cui la data di registrazione dei documenti coincide con quella di incasso/pagamento (che non rileverà più). La legge di Bilancio 2017 reca importanti novità per le imprese in regime di contabilità semplificata, (destinato, come noto, alle imprese individuali, società di persone ed enti no profit con attività commerciale). In particolare si segnala il cambio di rotta sul principio di determinazione del reddito: passando dall attuale principio di competenza (art. 109 c. 1 e 2 Tuir) a quello (obbligatorio) del regime di cassa. In conseguenza di ciò, la revisione delle regole contabili per chi rientra in tale regime (i cui limiti di ricavi non subiscono variazioni), improntata alla semplificazione dei registri e delle relative annotazioni.

2 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 2 / 8 DECORRENZA: le novità si applicano a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2016 (dunque dal 2017 per le imprese individuale e società di persone). Con apposito DM (da emanare entro il 31/01/2017) potranno essere introdotte delle disposizioni attuative. ART. 66 TUIR FINO AL 2016 DAL Il reddito di impresa dei soggetti che secondo le norme del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, sono ammessi al regime di contabilita' semplificata e non hanno optato per il regime ordinario e' costituito dalla differenza tra l'ammontare dei ricavi di cui agli articoli 57 e 85 e degli altri proventi di cui agli articoli 59, 89 e 90, comma 1, conseguiti nel periodo d'imposta e l'ammontare delle spese documentate sostenute nel periodo stesso. La differenza e' rispettivamente aumentata e diminuita delle rimanenze finali e delle esistenze iniziali di cui agli articoli 92, 93 e 94 ed e' ulteriormente aumentata delle plusvalenze realizzate ai sensi degli articoli 58 e 86 e delle sopravvenienze attive di cui all'articolo 88 e diminuita delle minusvalenze e sopravvenienze passive di cui all'articolo Le quote di ammortamento sono ammesse in deduzione, secondo le disposizioni degli articoli 64, comma 2, 102 e 103, a condizione che sia tenuto il registro dei beni ammortizzabili. L'indicazione di tali quote puo' essere effettuata anche secondo le modalita' dell'articolo 13 del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435, e dell'articolo 2, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n Le perdite di beni strumentali e le perdite su crediti sono deducibili a norma dell'articolo 101. Non e' ammessa alcuna deduzione a titolo di accantonamento; tuttavia gli accantonamenti di cui all'articolo 105 sono deducibili a condizione che risultino iscritti nei registri di cui all'articolo 18 del decreto indicato al comma Si applicano, oltre a quelle richiamate nei precedenti commi, le disposizioni di cui agli articoli 56, comma 5, 65, 91, 95, 100, 108, 90, comma 2, 99, commi 1 e 3, 109, commi 1, 2, 5, 7 e 9, lettera b) e 110, commi 1, 2, 5, 6 e 8. Si applica inoltre, con riferimento ai ricavi ed alle plusvalenze che concorrono a formare il reddito di impresa pur non risultando dalle registrazioni ed annotazioni nei registri di cui all'articolo 18 del decreto indicato nel comma 1, la disposizione dell'ultimo periodo del comma 4 dell'articolo 109. I costi, concernenti contratti a corrispettivi periodici, relativi a spese di competenza di due periodi d'imposta, in deroga all'articolo 109, comma 2, lettera b), possono essere dedotti nell'esercizio nel quale e' stato registrato il documento probatorio. Tale disposizione si applica solo nel caso in cui l'importo del costo indicato dal documento di spesa non sia superiore a euro Il reddito d impresa dei soggetti che, secondo le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, applicano il regime di contabilità semplificata, è costituito dalla differenza tra l ammontare dei ricavi di cui all articolo 85 e degli altri proventi di cui all articolo 89 percepiti nel periodo d imposta e quello delle spese sostenute nel periodo stesso nell esercizio dell attività d impresa. La differenza è aumentata dei ricavi di cui all articolo 57, dei proventi di cui all articolo 90, comma 1, delle plusvalenze realizzate ai sensi dell articolo 86 e delle sopravvenienze attive di cui all articolo 88 e diminuita delle minusvalenze e sopravvenienze passive di cui all articolo 101 (invariato) 3. Si applicano, oltre a quelle richiamate nei precedenti commi, le disposizioni di cui agli articoli 56, comma 5, 65, 91, 95, 100, 108, 90, comma 2, 99, commi 1 e 3, 109, commi 5, 7 e 9, lettera b), e 110, commi 1, 2, 5, 6 e 8. Si applica inoltre, con riferimento ai ricavi ed alle plusvalenze che concorrono a formare il reddito di impresa pur non risultando dalle registrazioni ed annotazioni nei registri di cui all'articolo 18 del decreto indicato nel comma 1, la disposizione dell'ultimo periodo del comma 4 dell'articolo 109. LIMITI PER IL REGIME SEMPLIFICATO Il regime di contabilità semplificata si applica, a prescindere dall'attività svolta: alle imprese individuali alle società di persone agli enti non commerciali con attività commerciale (non prevalente): che: nell'anno precedente, relativamente a tutte le attività esercitate hanno conseguito ricavi non superiori ai seguenti limiti: : nel caso di attività di prestazione di servizi : negli altri casi (attività di produzione e/o di cessione di beni).

3 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 3 / 8 Attività miste: i soggetti che esercitano entrambe devono confrontare i citati limiti con i ricavi derivanti dall'attività prevalente. In caso di mancata annotazione distinta dei ricavi, si presumono prevalenti quelli derivanti da attività diverse dalle prestazioni di servizi. Tali limiti non hanno subito modifiche della Legge di bilancio 2017 (per approfondimenti si rimanda all apposita RF 322/2016). Periodi d imposta successivi: l art. 18 c. 1 Dpr 600/73 si limita a disporre che tali limiti vanno valutati col principio di competenza in relazione ai ricavi conseguiti nell ultimo anno di applicazione di tale criterio. Ciò significa che a valere sul periodo successivo a quello in cui si è fatto accesso alla contabilità semplificata andrà fatto riferimento al un criterio di cassa: i limiti saranno confrontati con i ricavi percepiti nell anno precedente (art. 18 c. 11 Dpr 600/73), con criterio analogo ai contribuenti minimi e forfettari (v. CM 10/2016). REGOLE DI TASSAZIONE La legge di Bilancio 2017 interviene sulla tassazione dei redditi delle cd. imprese minori. A tal fine, sono state apporta numerose modifiche all art. 66 TUIR. REGOLE FINO AL PERIODO 2016 Attualmente le cd. imprese minori, ammesse al regime di contabilità semplificata e che non hanno esercitato l opzione per il regime ordinario, determinano il reddito imponibile come differenza tra: COMPONENTI POSITIVI - ricavi/autoconsumo (di cui all art. 85 TUIR) - plusvalenze - sopravvenienze attive - utili, dividendi e interessi (art. 89 TUIR) - proventi immobiliari - rimanenze finali COMPONENTI NEGATIVI - esistenze iniziali - spese per lavoro - interessi passivi - oneri fiscali e contributivi e oneri di utilità sociale - minusvalenze e sopravvenienze passive - quote di ammortamento - accantonamento di quiescenza e previdenza - spese relative a più esercizi Tale risultato subisce aumenti e diminuzioni secondo le esistenze e le rimanenze; viene aumentato delle plusvalenze realizzate nel periodo d imposta e diminuito delle minusvalenze; analoghe operazioni di aumento o diminuzione valgono per le sopravvenienze attive e passive. REGOLE DAL PERIODO 2017 A partire dal 1/01/2017 per i contribuenti in contabilità semplificata il reddito d impresa ed il valore della produzione netta Irap viene determinato secondo il criterio della cassa in sostituzione del criterio della competenza, che resterà in vigore solo per i soggetti in contabilità ordinaria (anche per opzione). Le imprese minori determinano così il reddito come differenza tra componenti positivi percepiti e spese sostenute nel medesimo periodo d imposta. Viene coerentemente: - confermato il riferimento ai commi 1 e 2 dell art. 110 sulla determinazione dei componenti negativi - eliminato lo stanziamento delle rimanenze finali (che non figureranno neppure come iniziali).

4 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 4 / 8 Continueranno a concorrere alla formazione del reddito i seguenti componenti, ma, anch essi, in applicazione del principio di cassa: plusvalenze sopravvenienze attive proventi immobiliari (art. 90 TUIR) minusvalenze sopravvenienze passive autoconsumo Ammortamenti e accantonamenti TFR/TFM: la mancata modifica del comma 2 dell art. 66 Tuir si ritiene comporti l applicazione di un regime analogo a quello dell art. 54 Tuir per i professionisti: - ammortamenti e accantonamenti TFR/TFM: permane la deduzione per competenza - plus/minusvalenze: rileva il periodo di incasso del corrispettivo di vendita del cespite. Altri componenti: nulla viene disposto in materia di: componenti negativi rateizzati (es.: quote di spese di manutenzione e riparazione che residuano da esercizi precedenti; quote di plusvalenze rateizzate; ecc.) regime delle perdite (che deve intendersi invariato: la perdita è utilizzabile solo nel periodo d imposta in cui è generata in compensazione di qualsiasi tipo di reddito, essendo l eventuale eccedenza non utilizzata non riportabile ai periodi d imposta successivi). Regole di attuazione: saranno introdotte con apposito DM da emanare entro il 31/01/2017. CORRISPETTIVI PERIODICI < : con modifica l art. 66 c. 3 Tuir, è soppressa: la possibilità di dedurre i costi concernenti contratti da cui derivano corrispettivi periodici (es: contratti di locazione, assistenza tecnica o contabile, di somministrazione di gas, elettricità, ecc.) relativi a spese di competenza di 2 periodi d imposta e di importo < (con riferimento al costo indicato nel documento di spesa, al netto dell IVA) nell esercizio in cui si riceve il documento probatorio (solitamente la fattura), anziché quello di maturazione dei corrispettivi, in deroga ai criteri di cui all art. 109, TUIR. Tale possibilità, quindi, non trova più applicazione per i contribuenti in contabilità semplificata. PERIODO D'IMPOSTA 2016 IMPRESE IN SEMPLIFICATA IMPRESE IN ORDINARIA IMPRESE IN SEMPLIFICATA PERIODO D'IMPOSTA 2017 IMPRESE IN ORDINARIA PRINCIPIO DI COMPETENZA PRINCIPIO DI CASSA PRINCIPIO DI COMPETENZA REGIME TRANSITORIO In considerazione del diverso criterio di imputazione temporale dei componenti di reddito, sono introdotte delle disposizioni analoghe a quelle previste per l ingresso nel regime forfettario. RIMANENZE FINALI ANTE INGRESSO NEL REGIME DI CASSA E disposto che: il reddito del primo anno di applicazione delle nuove regole (2017) deve essere ridotto dell importo delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell esercizio precedente (2016), secondo il principio di competenza (ciò perché con le nuove regole le rimanenze non avranno più alcun rilievo nella determinazione del reddito d impresa)

5 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 5 / 8 Note: analogo discorso andrà applicato in futuro, in sede di eventuale ingresso nel regime di contabilità semplificata dal regime di contabilità ordinaria. Al contrario, non andranno effettuati particolari operazioni nel caso di passaggio dalla contabilità semplificata al regime forfettario (entrambi assoggettati a regime di cassa). Criticità: l irrilevanza delle rimanenze iniziali (quale componente negativo di reddito) può determinare una perdita nel 1 anno di applicazione, il cui recupero segue le regole e le limitazioni viste in precedenza. Per i contribuenti minimi l eventuale eccedenza di rimanenze rispetto ai ricavi costituiva un importo che andava dedotto dai ricavi dell anno successivo; è possibile che il DM attuativo disponga nel merito. PASSAGGIO DAL REGIME DI COMPETENZA REGIME DI CASSA Al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione, nel caso si passi da un periodo d imposta in cui si applicano le nuove regole previste per le imprese minori (art. 66 TUIR) ad un periodo di imposta soggetto a regime ordinario, e viceversa: i ricavi, i compensi e le spese che hanno già concorso alla formazione del reddito non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi. SUGGERIMENTO: in sostanza si deve, in ordine temporale: A) in primo luogo: guardare al periodo precedente e determinare il reddito con le regole proprie di tale periodo B) secondariamente: in relazione alle componenti che non hanno rilevato nel periodo precedente, se si transita dal regime: ordinario a quello dei minimi: sono comunque imponibili/deducibili nel periodo successivo dal regime dei minimi a quello ordinario Iva: sono rilevanti sempre secondo il principio di cassa. PASSAGGIO da REGIME DI COMPETENZA al REGIME DI CASSA (regime di competenza) INGRESSO nel regime di cassa 1 Si determina prima il reddito secondo 2 Si determina poi il reddito del periodo successivo l'ordinario principio della competenza rendendo rilevanti i componenti non tassati/dedotti (non rilevano gli aspetti finanziari) nel periodo precedente PASSAGGIO da REGIME DI CASSA al REGIME DI COMPETENZA (regime di cassa) RITORNO al regime di competenza 1 Si determina prima il reddito secondo il principio "di cassa" (non rileva la competenza) 2 Poi si determina poi il reddito del periodo successivo continuando ad applicare il principio di cassa ai componenti positivi/negativi del periodo precedente

6 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 6 / 8 Esempio1 Esempio2 Il sig. Verdi, agente di commercio, applica il regime di cassa dal Riceve provvigioni per di competenza del 2016 ma percepiti nel 2017, primo anno di applicazione del regime di cassa. In tal caso: - le provvigioni vanno dichiarate nell anno 2016 e non nel con obbligo di emissione della fattura in quest ultimo periodo (art. 6 Dpr 622/72). Il sig. Bianchi, commerciante, nel 2017 è entrato nel regime di cassa. Nel caso nel 2018 opti per il regime ordinario, non può assumere come esistenze iniziali le merci in rimanenza al 31/12/2017, in quanto nell anno di applicazione del regime di cassa il costo sostenuto per l acquisto delle stesse è stato integralmente dedotto (principio di cassa). CONTRIBUENTI MINIMI: la CM 7/2008 (in relazione ai contribuenti minimi) aveva chiarito che le rimanenze di merci il cui costo è stato sostenuto, e quindi dedotto, nel corso dell'applicazione delle regole del regime non dovranno assumere rilevanza come esistenze iniziali al momento della fuoriuscita dal regime dei minimi in deroga alle ordinarie regole di competenza previste dal TUIR. Diversamente qualora con riferimento alle merci in rimanenza non è stato effettuato il relativo pagamento le stesse rileveranno come esistenze iniziali e si applicheranno le ordinarie regole di competenza. Quindi, le rimanenze, ove non ne sia stato effettuato il pagamento, rilevano come esistenze iniziali nel periodo di fuoriuscita dal regime. RIMANENZE FINALI AL 31/12/2016 QUOTA PAGATA ENTRO IL 31/12/2016 QUOTA PAGATA NEL 2017 NESSUN VALORE DI RIMANENZA INIZIALE 2017 RIMANENZA INIZIALE 2017 INDICAZIONE TRA I BENI FISICAMENTE PRESENTI A MAGAZZINO NEL 2017 E probabile che il medesimo concetto sarà riproposto per il regime di cassa delle contabilità semplificate. IRAP Ai fini della determinazione della base imponibile Irap viene inserito il comma 1-bis all art. 5-bis del Dlgs. 446/97, il quale dispone che l Irap delle imprese in contabilità semplificata è determinata coi criteri di cui al nuovo art. 66 Tuir, cioè applicando il principio di cassa (es: non rilevano le rimanenze finali) permanendo le indeducibilità/non imponibilità specifiche previste dall art. 5-bis c. 1 Dlgs. 446/97 (costo del lavoro; plus/minusvalenze; sopravvenienze attive/passive; ecc.). ADEMPIMENTI CONTABILI REGOLE FINO AL PERIODO 2016 Il regime semplificato esonera le imprese minori dagli obblighi civilistici di tenuta delle scritture contabili (libro giornale, libro inventari ecc.); resta presente l obbligo di compilare le scritture rilevanti ai fini fiscali, e cioè i registri IVA ed il registro dei beni ammortizzabili, qualora si vogliano portare in deduzione gli ammortamenti. REGISTRO BENI AMMORTIZZABILI: i soggetti in esame possono anche non tenere detto registro, a condizione che se le relative annotazioni siano effettuate sul registro IVA acquisti. Anche le operazioni non soggette a registrazione ai fini Iva, vanno separatamente annotate nei registri IVA, negli stessi termini e con le stesse modalità previste per le altre operazioni rilevanti IVA; nel registro acquisti, se si tratta di componenti negativi, oppure nel registro fatture emesse, se si tratta di componenti positivi.

7 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 7 / 8 Coloro che effettuano solo operazioni non soggette a registrazione devono annotare in apposito registro l'ammontare globale delle entrate/uscite relative a tutte le operazioni effettuate nella prima e nella seconda metà di ogni mese ed eseguire nel registro le integrazioni sul valore delle rimanenze. Entro il termine di presentazione della dichiarazione, il registro degli acquisti va integrato : con l'ammontare del valore delle rimanenze alla fine del periodo d'imposta con tutte le scritture di rettifica necessarie per la determinazione del reddito di competenza (ratei, risconti, accantonamento al TFR, etc.). I contribuenti in contabilità semplificata possono annotare tali spese cumulativamente, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, a condizione che le spese risultino effettivamente erogate e correttamente annotate nei libri prescritti dalla legislazione sul lavoro. REGOLE DAL PERIODO 2017 Con le nuove regole introdotte dalla Legge di bilancio 2017, per i contribuenti semplificati si assiste ad una modifica degli obblighi contabili, con l introduzione di due regimi alternativi. 1) REGISTRI IVA E REGISTRI DEGLI INCASSI E DEI PAGAMENTI Il contribuente: oltre agli ordinari registri Iva (registro acquisti, vendite e/o corrispettivi) deve tenere: a) apposito registro in cui annotare, cronologicamente i ricavi percepiti, indicando per ciascun incasso: a) il relativo importo b) le generalità, l indirizzo ed il comune di residenza del soggetto che effettua il pagamento c) gli estremi della fattura o altro documento emesso b) apposito registro dove annotare cronologicamente e con riferimento alla data di pagamento (criterio di cassa) le spese sostenute nell esercizio; per ciascuna spesa vanno indicate: a) le generalità, l indirizzo ed il comune di residenza del soggetto che incassa b) gli estremi della fattura o altro documento emesso N.B.: l art. 18 c. 2 Dpr 600/73, per le spese non richiama l obbligo di indicare il relativo importo, a differenza di quanto previsto per i ricavi. Altri componenti positivi e negativi di reddito (es: ammortamenti; sopravvenienze; ecc.): - l annotazione va fatta sempre in tali registri (per monitorarne incassi e i pagamenti) - essendo, tuttavia possibile (come attualmente previsto) godere di un maggior termine per la registrazione, che scade entro il termine di presentazione di Unico. 2) REGISTRI IVA INTEGRATI E possibile tenere i soli registri Iva (dunque, non anche i registri cronologici di incassi e pagamenti) laddove: le annotazioni delle operazioni non soggette ad Iva siano effettuate separatamente nei registri IVA i registri Iva siano integrati in modo analitico degli incassi dei pagamenti

8 Redazione Fiscale Info Fisco 321/2016 Pag. 8 / 8 ATTENZIONE: in deroga a quest ultimo obbligo, è comunque ammesso: al posto delle singole annotazioni relative ad incassi e pagamenti indicare le sole operazioni per le quali entro il termine dell anno non è intervenuto l aspetto finanziario (operazioni attive non incassate e operazioni passive non pagate). Se l incasso o il pagamento non è avvenuto nell anno di registrazione: nei registri va riportato l importo complessivo dei mancati incassi/pagamenti con indicazione delle fatture cui le operazioni si riferiscono essendo così desumibili per differenza le operazioni per i quali è intervenuto l incasso/pagamento. In tal caso, i ricavi percepiti ed i costi sostenuti vanno annotati separatamente nei registri stessi, nell anno in cui vengono incassati o pagati, indicando il documento contabile già registrato ai fini Iva. OPZIONE REGISTRAZIONE VALE INCASSO Una ulteriore semplificazione riguarda: l esercizio di una apposita opzione vincolante per un triennio al fine di tenere i registri Iva senza operare annotazioni relative ad incassi e pagamenti (fermo restando l obbligo di separata annotazione delle operazioni non soggette a registrazione IVA) in applicazione della quale sorge una presunzione legale secondo cui la data di registrazione dei documenti coincide con quella di incasso (del ricavo) o pagamento (della spesa). N.B.: in questo caso non si dovrà monitorare l aspetto finanziario (obbligo che aggrava gli adempimenti delle contabilità semplificate e che, con ogni probabilità, sarà accolta con favore nel panorama aziendale). L opzione introduce una presunzione assoluta, senza che, dunque, possa essere contestata l errata applicazione del principio di cassa in sede di eventuale verifica. Criticità: il principio sarà probabilmente disciplinato dal DM attuativo, per evitarne gli aspetti critici; si pensi: - al contribuente intenda addomesticare la perdita non registrando delle spese (considerando che ai fini Iva l obbligo ricorre per i soli ricavi); il costo sarà dedotto nei periodi successivi, eludendo l art. 8 Tuir - alla presenza di fatture registrate (dunque incassate per presunzione assoluta), ma successivamente inesigibili ; non è chiaro se possa operare il minor ricavo/eventuale deduzione. OPZIONE PER LA CONTABILITÀ ORDINARIA I contribuenti che intendono proseguire nell applicazione del principio di competenza: devono optare per la tenuta della contabilità ordinaria (con tutti i maggiori oneri conseguenti) per la durata minima di 3 anni (posto la diversa modalità di calcolo dell'irpef - v. RF 322/2016). LE NOVITA PER I CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA Decorrenza Fino al 31/12/2016 Dal 1/01/2017 Determinazione reddito Irpef Determinazione reddito Irap Criterio di competenza Criterio di cassa Registri contabili Registri Iva Registri Iva Registro incassi pagamenti Opzione (triennale) Regime contabilità ordinaria Regime contabilità ordinaria Coincidenza incasso e/o pagamento con la data di registrazione delle fatture (emesse e ricevute).

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

LEGGE DI BILANCIO 2017

LEGGE DI BILANCIO 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 Schede di lettura A.C. 4127-bis SEZIONE I - NORMATIVA novembre 2016 I Articolo 5 (Regime di cassa) L articolo 5 modifica la tassazione dei redditi delle cd. imprese minori, assoggettate

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017

OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Circolare CONTABILITA n 012/2017 Rif. COMUNICAZIONE A tutti i Signori C L I E N T I Loro Sedi OGGETTO: Imprese minori in contabilità semplificata - Regime di cassa dal 1 gennaio 2017 Il regime di contabilità

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) FINALITA DELLA DISPOSIZIONE L articolo 5 del DDL bilancio 2017 introduce,

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali Dr. Nicola Forte Roma, 8 marzo 2017 1 Legge di Bilancio 2017 e Decreti collegati Il regime di cassa; l IRI; Novità Iva 2 Fonti Normative Legge

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

Regime di cassa per le imprese minori: il punto CIRCOLARE A.F. N.72 del 18 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: il punto Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che l art. 1, co. 17 23, della

Dettagli

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA

REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA OGGETTO: Circolare 2.2017 Seregno, 9 gennaio 2017 REGIME DI CASSA PER I CONTRIBUENTI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA La Legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell 11.12.2016) all Art. 1 cc. 17-23, ha apportato

Dettagli

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI

CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE N.5 9 febbraio 2017 IL REGIME DI CASSA PER I SEMPLIFICATI DA SAPERE La Legge di Bilancio per il 2017 ha introdotto una nuova modalità di determinazione

Dettagli

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA.

REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. A Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: REDDITO DI IMPRESA PER CHI ADOTTA LA CONTABILITA SEMPLIFICATA. La Legge di Stabilità per l anno 2017, approvata il 07 dicembre u.s., ha introdotto una importante novità

Dettagli

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori di cui alla Legge n 232/16 rappresenta il regime naturale delle imprese

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la legge

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017

Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Circolare N. 3 del 11 Gennaio 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI SAS STP I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 4 Del 16 GENNAIO 2017 Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato

Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato CIRCOLARE A.F. N.3 del 11 Gennaio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: è ora di scegliere il sistema di registrazione contabile appropriato Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie

Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Politiche fiscali e societarie Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Politiche fiscali e societarie Roma, 17 novembre 2016 Interventi fiscali per la crescita Detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione

Dettagli

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA

STUDIO POLLIO LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA STUDIO POLLIO Circolare informativa per la clientela n. 2/2017 del 20 gennaio 2017 LEGGE DI BILANCIO 2017 REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN SEMPLIFICATA 1. Legge di Bilancio 2017: tassazione per cassa

Dettagli

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi.

I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E. a cura di Gian Paolo Ranocchi. I SEMPLIFICATI PER CASSA DOPO LA CIRCOLARE N. 11/E a cura di Gian Paolo Ranocchi. Il contesto L intervento normativo è volto come espressamente dichiarato dalla relazione illustrativa al DDL di bilancio

Dettagli

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n.

Art [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa. Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n L. 6 agosto 2008, n. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 109. [ex artt. 75 e 98] Norme generali sui componenti del reddito d'impresa Modificativo: D.L. 25 giugno 2008, n. 112 - L. 6 agosto 2008, n. 133 Decorrenza: Dal periodo

Dettagli

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE

STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE STUDI DI CONSULENZA AZIENDALE Via Tacchi, 1 Rovereto Tel. 0464 435144 Fax 0464 439210 sito: www.studiogpc.it CIRCOLARE 3/2016 Rovereto, 9 Febbraio 2017. SOCIETA DI PERSONE: TASSAZIONE PER CASSA E OPZIONI

Dettagli

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017

A tutti i Signori Clienti Loro Sedi. Informativa n. 7/2017 A tutti i Signori Clienti Loro Sedi Informativa n. 7/2017 Oggetto: Il nuovo regime di cassa: Legge di Bilancio 2017 Dal 2017 le imprese in regime di contabilità semplificata determinano il reddito imponibile

Dettagli

LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione

LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione NOTE DI RILASCIO Contabilità Ver. 15.03 SISTEMA PROFESSIONISTA Istruzioni per installare l aggiornamento LiveUpdate Istruzioni per il download degli aggiornamenti da LiveUpdate Istruzioni per l'installazione

Dettagli

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017

Nuovo regime contabilità semplificata per cassa. Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 Nuovo regime contabilità semplificata per cassa Gianfranco Costa Gabriele Naldi Aggiornata al 14/4/2017 Con CM 8/E/2017 e CM 11/E/2017 1 Con la modifica del co, 1 dell art. 66, TUIR, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016)

IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016) IL NUOVO REGIME SEMPLIFICATO PER CASSA Legge 11 dicembre 2016 n. 232, art.1 commi 17-23 (Approfondimento aggiornato al 23/12/2016) A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

LEGGE di BILANCIO 2017

LEGGE di BILANCIO 2017 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI di FOGGIA LEGGE di BILANCIO 2017 Foggia, 16 febbraio 2017 Vincenzo Morrone dottore commercialista revisore contabile pubblicista art. 1, commi 17-23 Legge

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2017 CIRCOLARE NUMERO 1 IL NUOVO REGIME FISCALE DELLE IMPRESE MINORI PREMESSA La Legge di Bilancio 2017 rivoluziona la determinazione del reddito delle imprese

Dettagli

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata

Nuovo regime reddituale di cassa ditte in contabilità semplificata LYNFA STUDIO Contabilità Tipo Documento: Mini Guida Operativa Linea Prodotto: Procedura: Area: Lynfa Studio - Contabilità e Redditi LYNFA STUDIO Contabilità Contabilità Modulo: Versione / Build: Data Inizio

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 CIRCOLARE N. 03 DEL 02/02/2017 CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 La Finanziaria 2017 ha introdotto dall 1.1.2017 la contabilità semplificata per cassa. La tenuta della

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2017

LEGGE DI STABILITA 2017 LEGGE DI STABILITA 2017 Legge del 11/12/2016 n. 232 Giornata del 9 Gennaio 2017 A cura di dott. ANDREA CIRRINCIONE dott. GIOACCHINO DE PASQUALE SOMMARIO CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA... 3

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 401 29.12.2016 Il nuovo regime di cassa per i piccoli A cura di Matilde Fiammelli Categoria: Finanziaria Sottocategoria: Legge di Bilancio 2017

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA guida di approfondimento 1 GUIDA ALLA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA INTRODUZIONE La presente guida aiuta a comprendere le regole per la gestione di

Dettagli

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano

Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano LA CIRCOLARE 11/E- 14 APRILE 2017 ORE 06:00 Imprese in regime di cassa: chiariti i dubbi, ma senza sorprese Saverio Cinieri - Dottore commercialista in Roma e Milano Il regime di cassa introdotto dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 33 21.04.2016 Il reddito d impresa nel quadro G del modello Unico/PF Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone Fisiche Il quadro

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi

RIFERIMENTI NORMATIVI L. n. 232/2016, art. 1, commi AREA Fiscale CIRCOLARE N. 15621 del 19 aprile 2017 Nuovo regime per cassa per le imprese minori in contabilità semplificata Art. 1, commi 17-23 della L. n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017) Circolare AdE

Dettagli

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi

STUDIO GIULIANO OGGETTO: APPROFONDIMENTI DEL MESE DI GENNAIO CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI. Loro sedi Nicola Giuliano - Dottore commercialista Aldo Fazzini - Consulente aziendale Corrado Quartarone - Dottore commercialista Diego Borsellino - Consulente finanza agevolata CIRCOLARE N. 1/2017 AI GENTILI CLIENTI

Dettagli

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e Art. 1, comma 50, Finanziaria 2008 50. Al fine di semplificare le regole di determinazione della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive e di separarne la disciplina applicativa

Dettagli

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA

4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA TELEFISCO 2017 4. L ANNOTAZIONE CRONOLOGICA Annotazione cronologica Deroga Dell importo delle operazioni Contabilità Iva integrata Generalità, indirizzo, comune Criterio delle registrazioni di residenza

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2017.0.4

Dettagli

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta Indice Capitolo 1- La determinazione della base imponibile Irap per i soggetti IRES: il principio di derivazione dal bilancio pag.9 Società di capitali Principio di inerenza Base imponibile Voci di corrispondenza

Dettagli

- Ires I: - Soggetti passivideterminazione

- Ires I: - Soggetti passivideterminazione - Ires I: - Soggetti passivideterminazione del tributo 1 I soggetti Ires (Art. 73 del Tuir) Società di capitali residenti (esempio: s.p.a., s.r.l., s.a.p.a., società cooperative e di mutua assicurazione);

Dettagli

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti;

(i) l iscrizione di un provento, che nella voce 22 del conto economico quindi rettifica, in diminuzione, l ammontare delle imposte correnti; Fiscalità differita ed anticipata: casi e soluzioni L iscrizione delle imposte differite attive e passive ad integrazione delle imposte correnti è necessaria al fine di rappresentare correttamente nel

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'irpef e istituzione di una

Dettagli

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità Carlo Cecchi Dottore Commercialista Revisore Contabile Filippo Rosi Dottore Commercialista Revisore Contabile Gianpaolo Chiesi Avvocato Ferruccio Leandro Chiesi Avvocato Prato, 4 gennaio 2008 Ai Signori

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 20 28.05.2014 La rateizzazione delle plusvalenze Aspetti contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Le plusvalenze

Dettagli

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni

Parma, 2 marzo OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni CIRCOLARE DI STUDIO 11/2017 Parma, 2 marzo 2017 OGGETTO: Regimi contabili agevolati per contribuenti di ridotte dimensioni La circolare analizza i principali regimi contabili e fiscali agevolati applicabili

Dettagli

Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati

Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati Regimi agevolati Il D.D.L. di stabilità 2016 e i regimi fiscali agevolati di Simone Bottero - Associazione Italiana Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Premessa Il D.D.L. di stabilità 2016, apportando

Dettagli

La scelta vincola per un triennio

La scelta vincola per un triennio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 49 13.02.2014 Iva per cassa e Modello Iva 2014 La scelta vincola per un triennio Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Per l adesione al

Dettagli

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA CIRCOLARE N. 10 DEL 10/05/2017 LA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Dal 2017 le imprese in contabilità semplificata determinano il reddito d impresa applicando il principio

Dettagli

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 Regime fiscale semplificato per i contribuenti minimi Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 21 gennaio 2008 Circolare n. 2/2008 OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008

Dettagli

1. Agli effetti delle norme del presente capo che fanno riferimento al. a) il costo è assunto al lordo delle quote di ammortamento già

1. Agli effetti delle norme del presente capo che fanno riferimento al. a) il costo è assunto al lordo delle quote di ammortamento già D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 Art. 110. [ex art. 76]- Norme generali sulle valutazioni Modificativo: L. 24 dicembre 2007, n. 244 Decorrenza: Vedi note Entrata in vigore: 1 gennaio 2004 1. Agli effetti

Dettagli

Indicazioni in UNICO 2015

Indicazioni in UNICO 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 98 20.03.2015 Dividendi. Società di persone e imprenditori individuali Indicazioni in UNICO 2015 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

Focus. Nuovo Regime reddituale Contabilità semplificata 2017 Super/Iper ammortamento

Focus. Nuovo Regime reddituale Contabilità semplificata 2017 Super/Iper ammortamento Focus Nuovo Regime reddituale Contabilità semplificata 2017 Super/Iper ammortamento La Legge di Stabilità 2017, (art.1 commi da 17 a 23 legge 11.12.2016 n.232) ha introdotto un nuovo regime di determinazione

Dettagli

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI

REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI REGIMI DEI MINIMI E FORFETARI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato Superminimi) di cui all.27 D.L. 98/2011 ha integrato e modificato il vecchio regime dei minimi di cui commi da 96 a

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 24/11 del 15/11/2011 MD/cm Monza, lì 15/11/2011 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Riferimento : NOVITA DAL 2012 PER CONTABILITA SOGGETTI MINORI Oggetto: D.L. 6.07.2011, n. 98,

Dettagli

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Il Punto sull Iva Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Introduzione Nel corso del presente intervento, esamineremo le modalità di compilazione della dichiarazione Iva, relativamente

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le imposte Riferimenti PRINCIPIO CONTABILE n. 25 (da fare tutto) DOCUMENTO INTERPRETATIVO AL P.C. 25 (N.2) (da fare: 1-15, 18-42) 2 Le imposte

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa

Ufficio Tributario Paolo Stoppa Informativa per la clientela di studio N. 20 del 28.12.2016 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI Il DL 223/2006 ha introdotto il principio secondo il quale non è deducibile dal reddito d impresa il costo dell immobile per la parte relativa al terreno sul quale

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

Forfettari: la gestione delle rimanenze

Forfettari: la gestione delle rimanenze Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 86 13.03.2015 Forfettari: la gestione delle rimanenze Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti

Dettagli

Compilazione degli studi di settore: i contribuenti ex "minimi"

Compilazione degli studi di settore: i contribuenti ex minimi Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Analisi e commenti Compilazione degli studi di settore: i contribuenti ex "minimi" Intervenuta la fuoriuscita dal regime di vantaggio, occorre fare

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata. (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017)

Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata. (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017) Il regime di cassa per gli imprenditori in contabilità semplificata (Circolare n. 2 del 25 gennaio 2017) Indice 1. Premessa 2. Soggetti interessati 3. Opzione per la contabilità ordinaria 4. Determinazione

Dettagli

UNICO PF ADEMPIMENTO " RIFERIMENTI " Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI " PROCEDURE " SCADE "

UNICO PF ADEMPIMENTO  RIFERIMENTI  Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI  PROCEDURE  SCADE UNICO PF quadro RE: determinazione del reddito di lavoro autonomo Emiliano Ribacchi -- Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RE del Modello

Dettagli

Le imposte sui redditi

Le imposte sui redditi Le imposte sui redditi CORSO DI RAGIONERIA GENERALE ED APPLICATA A.A. 2017-2018 BASE IMPONIBILE IRES Risultato ante imposte (componenti positivi di reddito di competenza componenti negativi di reddito

Dettagli

per i professionisti

per i professionisti Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Vicenza INCONTRO sulle NOVITA FISCALI per i professionisti Vicenza, 11/12/2006 a cura di: eassociati Studio di Consulenza Professionale Argomenti Trattati

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017

CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 CIRCOLARE N. 11/E DEL 13 APRILE 2017 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Nuovo regime di determinazione del reddito per le imprese minori Disciplina IRPEF ed IRAP 2 INDICE 1. Premessa... 3 2. Soggetti

Dettagli

Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E

Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E Dott. Mauro Nicola Appuntamento con l Esperto, 28 settembre 2016 Riserve e assegnazione L assegnazione dei beni ai soci

Dettagli

Disciplina delle perdite e degli ammortamenti tassazione redditi finanziari società di comodo

Disciplina delle perdite e degli ammortamenti tassazione redditi finanziari società di comodo 11 ottobre 2011 Manovre finanziarie 2011 (Decreti 70, 98 e 138 8) Disciplina delle perdite e degli ammortamenti tassazione redditi finanziari società di comodo Dr. Prof. Franco Vernassa 1 Indice Disciplina

Dettagli

Ex minimi e studi di settore

Ex minimi e studi di settore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 175 18.06.2015 Ex minimi e studi di settore Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli I soggetti che dal 2014 sono fuoriusciti del regime

Dettagli

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, "ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza:

Il comma 2 dell art. 109 del Tuir precisa che, ai fini della determinazione dell'esercizio di competenza: Il D.L. n. 70/2011 del 13 maggio 2011 (c.tto Decreto Sviluppo) ha introdotto un innovazione contabile che merita profonde riflessioni per il suo impatto nell attività professionale quotidiana di tutti

Dettagli

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria CIRCOLARE A.F. N. 22 del 15 Febbraio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria Gentile

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

Studio Dott. Begni & Associati informa aziende 05 /2017

Studio Dott. Begni & Associati informa aziende 05 /2017 OGGETTO : Brescia, lì 04.09.2017 SPETT.LE CLIENTE CONTABILITA SEMPLIFICATE CHIARIMENTI DELL AGENZIA (1 parte) Sintesi: l Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in relazione al nuovo regime per cassa

Dettagli

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia

Il nuovo regime di cassa. a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime di cassa a cura di Fabrizio Giovanni Poggiani ODCEC Pistoia Il nuovo regime Il nuovo regime di cassa Il nuovo regime «ibrido» o «misto» In effetti è la stessa relazione illustrativa alla

Dettagli

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE

REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE REGIME FORFETTARIO ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTATISTICHE Una sintesi dei principali benefici previsti dal regime forfetario riservato alle Associazioni sportive dilettantistiche: requisiti, condizioni

Dettagli