Anno XIII - Numero 2 Giugno 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XIII - Numero 2 Giugno 2011"

Transcript

1 II Istituto Comprensivo Ardigò - Sede G.Pascoli - via G. Galilei, 36 Padova Anno XIII - Numero 2 Giugno 2011 A L E S S A N D R A C O R T E L L A Z Z O 2 C

2 Pagina 2 La libertà non esiste senza uguaglianza e non esistono né uguaglianza né libertà senza una profonda coscienza dei doveri. Giuseppe Mazzini, 1860

3 Pagina 3 Bandiere tricolore, fuochi d artificio, concerti a tema patriottico: no, l Italia non ha vinto i mondiali di calcio, questa era la situazione nelle città italiane il 17 marzo 2011, quando si è celebrato il 150 anniversario dell Unità d Italia. Un occasione molto speciale per riflettere sul sentimento di patria; che ogni cittadino dovrebbe avere. Un occasione per osservare l Italia aldilà della pizza, la moda etc e ricordare i duri conflitti e duri sacrifici che il nostro Paese ha dovuto superare per rafforzare la nazione e raggiungere l Unità una volta per tutte. Martina Maria Semenzato Per me l Italia è come una grande casa, ed io faccio parte della famiglia che ci abita Sono italiano non vuol dire che si sanno cucinare pizza o spaghetti, che si sa far ridere, ma indica anche i diritti, le tradizioni, la cultura che noi abbiamo. Dire sono italiano significa affermare di essere figli di questo Stato, di questa Nazione Anche se negli ultimi tempi molti problemi, scandali e ingiustizie hanno afflitto l Italia, diminuendo l orgoglio di chi ci abita, dovremmo sempre essere fieri del nostro stato-casa che ci accoglie e ci difende. Martina Salamone Io penso che in quest ultimo periodo il mio Paese sia stato molto criticato, giudicato e reputato male a causa di alcuni episodi poco piacevoli accaduti. Nonostante tutto io amo l Italia, il mio Paese. Mi sento fortunata, appartengo ad uno Stato, una Nazione, ho una patria, a differenza di altri popoli che vorrebbero uno stato proprio e sono costretti a sottomettersi ad un altro governo. Loro non hanno la possibilità di provare questo sentimento di appartenenza nazionale. Francesca Matterazzo Io vedo l Italia come una grande casa con 20 stanze, alcune più grandi altre più piccole, ognuna con i suoi mobili caratteristici, i suoi profumi e i suoi modi di vivere. Alcune di queste stanze hanno qualche problema e diversità, ma ognuna ha oggetti bellissimi da vedere e ammirare. Tutte le stanze hanno delle porte che le collegano e che lasciano passare gli abitanti della casa da una all altra. Ogni stanza è dipinta con colori diversi, dall azzurro del mare, al verde dei boschi, ma una cosa è uguale in tutte le stanze: il colore delle tende alle finestre, verde\bianco\rosso. Così la luce del sole entra dentro e le illumina con questi tre colori che danno alla casa un atmosfera unica. E unici si sentono i suoi abitanti, unici e uniti. Siamo tutti italiani. Francesco Maria Soprana Per me il mio Paese rappresenta una casa sicura, un posto dove posso vivere tranquillamente ed esprimere le mie idee senza che qualcuno mi faccia del male. Spero che nessuno cambi mai questa mia quiete nel vivere senza affanni anche se so che dietro l angolo ci sono Paesi in difficoltà dove i cittadini non sono liberi Io penso che in tutti gli Stati del mondo si debba essere orgogliosi del proprio Paese e della sua storia, ma credo anche che i sentimenti di superiorità della propria nazione rispetto ad altre, possano essere la causa di molte guerre. Tommaso Tonolo Sono felice e fiera della mia Italia anche quando vedo le frecce tricolori librarsi in cielo e dipingerlo dei nostri colori: verde, bianco e rosso. Amo il mio paese e non vorrei vivere altrove. Elena Ferrato Classe 3A

4 Pagina anni di unità d Italia E trascorso un secolo e mezzo dall unificazione dell Italia e il 17 marzo è stato proclamato festa nazionale con chiusura delle scuole e uffici pubblici. Con questa data si ricorda il 17 marzo 1861 quando a Torino il primo parlamento italiano proclamò il regno d Italia con il re Vittorio Emanuele II. L Italia era stata liberata dagli stranieri e i territori erano stati uniti al regno di Sardegna (mancavano solo il Veneto, il Lazio con Roma, Trento e Trieste). Questa ricorrenza non ha trovato tutti d accordo sulle modalità per il suo festeggiamento perché non tutti hanno pensato fosse opportuno, in un momento di crisi economica quale sta attraversando l Italia, assentarsi per un giorno dal lavoro. Altri invece hanno creduto di trovare un pretesto per fare un giorno di vacanza e magari un ponte. Altri ancora, e spero siano stati la maggioranza, hanno pensato di dover celebrare questa ricorrenza in modo più incisivo e solenne, come festa nazionale proprio per sottolinearne il valore. I ragazzi di dodici anni come me credo che non provino nella vita di tutti i giorni l orgoglio di sentirsi italiani, il senso di fratellanza e di appartenenza allo stesso popolo, il valore dell unità d Italia e la riconoscenza per tutti coloro che hanno dato la vita per raggiungerla. Certo ogni giorno abbiamo tante cose a cui pensare e in genere quello che abbiamo avuto gratis ci sembra scontato e quindi è spesso dimenticato. Se qualcuno ce ne parla però, anche noi siamo capaci di entusiasmarci, commuoverci e riflettere su quello che è stato e magari ritrovare dei valori per agire meglio in futuro. Sono convinta che tutti coloro che hanno avuto l occasione di vedere in televisione Benigni cantare l inno di Mameli, cercando di interpretare un giovane garibaldino di vent anni in una notte che precedeva la battaglia, abbiano realizzato quanti sacrifici siano stati fatti per ottenere l unità d Italia e si siano commossi pensando a tutti quei giovani di vent anni morti per tale causa. Se nel 1861 si è arrivati all unità dopo tante difficoltà è perché, col tempo, è cresciuto sempre di più il sentimento dell Italia. Sarebbe un peccato buttarlo via ora. Adesso dobbiamo completare quello che i nostri predecessori hanno creato e sentirci orgogliosi di essere italiani costruendo qualcosa di sano e positivo per non sentirci inferiori ad altre unità nazionali. La storia d Italia è ricca e importante (l antica Roma, il Rinascimento, ecc) e tutti gli Italiani dovrebbero esserne più consapevoli e continuare a farla crescere, anche combattendo quello che c è di negativo. Il giorno 17 marzo, guardando in televisione insieme alla mia famiglia trasmissioni riguardanti l unità d Italia e avendo avuto la possibilità di fare un giro in centro, dove ho visto tante bandiere e coccarde tricolori ai balconi, nelle vetrine dei negozi, sui vetri delle scuole, mi è sembrato di vivere almeno un po quel fervore che ci deve essere stato 150 anni fa.. Ora quando vedo un monumento o piazza dedicati a Garibaldi o Mazzini o Cavour non rimango più indifferente. Marianna Lacognata 2A

5 Pagina 5 IL 17 MARZO 17 marzo: una data che per me ha un significato particolare in quanto è il giorno del mio compleanno. Devo ammettere che durante questi quattordici anni ho sempre collegato questo giorno a questo avvenimento; quest anno, invece, si è arricchito di un significato in più, sicuramente molto importante. Abbiamo, infatti, festeggiato i 150 anni d Italia ricordando che proprio il 17 marzo del 1861 veniva proclamato il regno d Italia e Vittorio Emanuele II veniva incoronato suo primo re. Credo che, come per me, anche per molti ragazzi della mia età questo festeggiamento sia stato un modo per sentirsi orgogliosi della propria patria, appendendo bandiere tricolori alle finestre delle case e partecipando alle varie manifestazioni organizzate in città, ma anche per riflettere sul significato di questo importante avvenimento. Grazie alla ricorrenza dei 150 anni, ma anche al programma di storia affrontato durante l anno scolastico riguardante appunto il Risorgimento Italiano, ho potuto, infatti, apprendere come per fare dell Italia, questa lunga fascia di terra a forma di stivale, un paese unito hanno lottato moltissime persone. Oltre agli importantissimi personaggi storici come Giuseppe Mazzini, il generale Garibaldi e il conte di Cavour, hanno, infatti, combattuto molti giovani poco più grandi di noi che, per seguire i loro ideali di libertà e unità nazionale, sono arrivati a mettere a rischio la loro stessa vita. Riflettere su questo mi ha anche fatto capire come sono sbagliate le idee di coloro che discriminano le zone del Sud rispetto a quelle del Nord perché meno sviluppate e meno ricche, mentre si dovrebbe valorizzare ogni area per le sue caratteristiche, per esempio favorendo il turismo nelle zone meridionali della nostra penisola dove ci sono incantevoli bellezze naturali ed artistiche. Ritengo, quindi, che l Unità d Italia abbia sicuramente meritato di essere festeggiata e anzi mi dispiace che l Italia, come ho appreso leggendo alcuni giornali, sia uno dei pochi paesi al mondo a non festeggiare questa ricorrenza ogni anno. Mi auguro, perciò, che il 17 marzo diventi ogni anno festa nazionale. Margherita La Gamba 3D

6 Pagina 6 L' intelligenza umana, ormai, è sempre più in decadenza, ma per nostra fortuna, sono corsi in aiuto i DETERSIVI. Fino a poco tempo fa, le madri disperate cercavano invano, con mega cocktail di sgrassanti e smacchianti, di pulire il risultato di una dura giornata alla fine della quale si va a fare pipì da Paolo. Adesso, invece, il mondo si è rivoluzionato: misurini, concentrati e acchiappa colore migliorano il lavoro di una vita. In più si neutralizzano le spese inutili per le tubature e i WC, grazie ai mitici anticalcare, mentre prima si pagavano centinaia di euro ogni volta che questi si otturavano. Da piccoli non avete mai rischiato di vomitare sentendo l' odore dei detersivi? D' ora in poi con i loro sublimi e ipnotici odori non ci allontaneremo più dalle superfici pulite; tanto il 99,99 o il 100% dei germi hanno fatto la valigia e se ne sono andati. Ce la faremo noi uomini ad arrivare al loro livello?... NICOLA RIZZATO, EMMA FELIGIOTTI, MARGHERITA PICCI 2C Il 12/13 giugno di quest'anno tutti gli italiani saranno chiamati in causa per il referendum contro il nucleare, la privatizzazione dell'acqua e per l'abrogazione della legge sul legittimo impedimento. La privatizzazione dell'acqua è un fatto a proposito del quale bisogna soffermarsi un attimo a riflettere. In questi ultimi tempi il consumo pro capite di acqua è cresciuto vistosamente. Detto in parole semplici, la legge proposta è quella di far pagare l'acqua, che fino ad adesso è sempre stata pubblica, affinché si abbia un maggior rispetto per essa, il che comporterebbe una vera e propria asta per privatizzare le fonti idriche che sfocia in un notevole aumento della bolletta dell'acqua. Il legittimo impedimento è una legge creata per permettere a personaggi politici o con cariche amministrative di non presentarsi ai processi in tribunale perché impegnati in appuntamenti di governo. Ciò significa che un politico in carica, chiamato in tribunale, potrebbe rimandare il processo senza mai essere condannato se colpevole. Probabilmente molti associano l'imminente referendum alla scelta se ripristinare le vecchie centrali non più in funzione, costruirne altre nuove o se abbandonare completamente l'idea del nucleare italiano. Effettivamente bisogna ragionare in modo preciso. Noi, società attuale, siamo convinti che ci sia il bisogno di più energia per vivere, anzi, dobbiamo essere noi a essere più attenti alle piccole cose per risparmiare energia che è già sufficiente, ma va utilizzata meglio. Certo, l'energia nucleare ci renderebbe più autonomi elettricamente, ma a quale costo! Le scorie nucleari, oltre a essere altamente radioattive, impiegano milioni di anni per smaltirsi nell'ambiente dove sono caparbiamente nascoste (in grotte, sul fondale marino...). E se succedesse una situazione simile a quella verificatasi in Giappone? Saremmo capaci di controllare la situazione? Io ne dubito fortemente e si rischierebbero casi gravissimi di radiazioni, impossibilità di consumare la maggior parte degli alimenti, malformazioni genetiche... Ora c'è il trabocchetto! Se volete impedire che la nostra società rimpianga la scelta del nucleare, dell'acqua pubblica e del legittimo impedimento votate SI' così le leggi attuali verranno modificate; votate NO se volete vivere in un'italia in cui l'acqua è privatizzata, e forse più rispettata, in cui venga applicato il legittimo impedimento e in un'italia più autonoma elettricamente in cui, però, bisogna considerare un elevato rischio. Questa è la mia opinione, adesso a voi la scelta! Elisabetta Pittarello 3C

7 Pagina 7 Un po di tempo fa mi trovavo in giardino a piantare dei fiori, quando ad un certo punto trovai Tatà, la mia tartaruga da terra. Erano mesi che non la vedevo, perché era in letargo, ed ero sorpresa di averla ritrovata casualmente. La sollevai e la tenni per qualche minuto sulla mia mano, senza notare in lei alcun segno di vita perché, e- videntemente, stava ancora dormendo. Decisi, allora, di rimetterla dove l avevo trovata e la ricoprii nuovamente con la terra. Questo singolare episodio mi lasciò perplessa e mi fece riflettere sul fatto che le tartarughe, pur vivendo circa 100 anni, quasi la metà la trascorrono in letargo. Rimasi sui miei pensieri ancora per un po e ne dedussi che anche noi, pur non andando in letargo, non viviamo interamente la nostra vita. Rientrai in casa per fare una ricerca su internet che mi aiutasse a confermare le mie ipotesi. Infatti mi sono chiesta quanto tempo della nostra vita trascorriamo a dormire; ebbene sì, noi dormiamo per 23 anni!!! Un tempo così lungo? Ma allora, per quanto tempo mangiamo, studiamo, ci laviamo, guardiamo la televisione, stiamo al computer ecc.? La somma di tutto il tempo che impieghiamo per queste normali azioni quotidiane è di circa 60 lunghissimi anni, calcolato su una vita media di 70 anni. Tutto questo mi sorprese e mi rese anche un po triste tanto da domandarmi se mi sarebbe rimasto tempo sufficiente per realizzare anche tutti i miei sogni. Allora ho pensato che la vita è troppo corta per fare tutto ciò che vogliamo, tuttavia, avere un idea di quanto tempo spendiamo nelle nostre azioni quotidiane aiuta a farci diventare più consapevoli di quanto tempo ci sfugge in attività a volte indispensabili, ma in altre decisamente futili. Di alcune attività non possiamo fare a meno, ma riguardo ad altre possiamo stabilire delle priorità ed organizzarci di conseguenza perché non abbiamo molto tempo su questo mondo e per questo non dobbiamo sprecare la nostra vita. Dopo queste riflessioni, a dir poco un po inquietanti, ho deciso di passare meno tempo davanti alla televisione o al computer e pensare a come realizzare almeno in parte i miei sogni che renderanno felice la mia vita. Daria Dabiri Khah 2A

8 Pagina 8 Io e la lettura siamo grandi amiche fin da quando ero molto piccola. Mi ricordo che ogni sera prima che mi addormentassi, mia mamma mi leggeva le fiabe Disney; la mia preferita era: I tre porcellini. Rammento anche che facevo impazzire mia nonna perché ogni volta che mi veniva a trovare o che io andavo a casa sua, le chiedevo sempre di leggermi quella storia due o tre volte e poi insieme dovevamo vedere la videocassetta. Quando lessi il mio primo libro da sola ero felicissima e lo rilessi fino ad impararlo a memoria. In quinta elementare ogni minuto libero era un momento adatto per aprire un libro e leggere. L anno scorso con l inizio della prima media, per i primi mesi ho abbandonato un po la lettura perché tra i compiti e lo studio non avevo tempo per leggere e appena andavo a letto mi addormentavo, ma sapevo che la lettura era troppo importante e quindi ricominciai a leggere con più passione di prima. La mia amicizia con i libri me l ha trasmessa mia madre e con lei la condividevo da piccola e la condivido ora; con mamma leggevo i miei primi libri, invece ora glieli racconto e glieli presto. Oltre a lei, i miei libri non li do a nessuno, rimangono nella mia libreria dove ho scritto: -Guardare ma non toccare- e anche se mio fratello me li chiede, io gli proibisco di avvicinarsi. Per quanto riguarda i generi dei libri, non ho grandi preferenze, mi piace un po di tutto, ma appena trovo un libro che mi potrebbe interessare mi informo facendo ricerche anche in internet. Ogni volta che vado a comprare un libro entro nella libreria, assaporo la calma e la tranquillità mentre guardo fuori dalle finestre e vedo tutta la confusione della città; mi posiziono davanti ad ogni scaffale e uno a uno osservo e leggo titolo per titolo, ne scelgo due o tre, faccio una classifica e il vincitore viene a casa con me. In questo periodo sono piena di libri perché ultimamente me ne hanno regalati tantissimi, tutti con almeno trecento o quattrocento pagine e ora i miei genitori mi proibiscono di comprarne altri finché non leggo quelli che ho già. Mi piace leggere perché leggendo esco dalla realtà ed entro nel libro, allora posso tornare nel passato e scoprire insieme a Colombo l America o fare il giro del mondo con Magellano o tornare nel Medioevo ed essere uno dei cavalieri della Tavola Rotonda o essere una principessa di un regno lontano; posso essere la prima donna sulla Luna e viaggiare nel futuro e vedere come sarà il pianeta nel 3013: posso insomma andare dappertutto, dove nessuno mi conosce e dove i problemi della vita reale sembrano lontani e dimenticati. Camilla Mazzucato 2D

9 Pagina 9 Lui ha sempre caldo, lei ha sempre freddo. Quando vado in camera dei miei genitori il letto è come tagliato a metà: verso la finestra pare aver dormito un rinoceronte, nell altra metà sembra aver riposato una piccola farfalla. Di sera lei indossa sempre un pile pesante oppure si avvolge attorno una copertina di lana e vaga per le stanze come un fantasma; lui si veste con un leggero pigiama, quasi estivo, anche nelle notti più fredde. Lui si alza alle sei della mattina; lei, se potesse, dormirebbe anche fino alle undici. A colazione mia mamma mangia fette biscottate con marmellata e miele, biscotti e latte, lui se la sbriga con un veloce caffè. Lei è sbadata e dimenticona, lui no. Quando alla mattina salgo in macchina, la frase che sono solito sentire è: - Francesco vai a prendermi l orologio/il telefonino/la borsa/le chiavi della macchina...- Se per caso siamo già partiti e la casa è ormai lontana, mia mamma chiama mio papà e si fa portare le cose in ufficio. Al contrario, mio papà prima di uscire di casa, controlla di avere tutto con sé. Lei è anche molto disordinata (basta guardare dentro la sua borsa), lui è ordinatissimo. Quando partiamo per un viaggio lei è imprevedibile, non si sa mai cosa mette nella valigia, ma si sa per certo che occuperà anche lo spazio di mio papà, mio e di mia sorella. Lei quando si arrabbia resta arrabbiata per una settimana o più; lui fa la sfuriata improvvisa, diventa rosso come i peperoni che coltiva mia nonna, e poi si calma. Lui quando guarda la partita della Juventus oppure la Formula 1 non vuole essere disturbato; lei guarda rassegnata mio papà sdraiato sul divano e si arrabbia perché vorrebbe guardare un po lei la televisione. Quando andiamo al cinema è meglio far scegliere il film a mio papà; lui sceglie film d azione, comici, avventurosi, che hanno un senso; lei no, lei sceglie film sentimentali e melensi, lunghi anche tre ore, i suoi film non hanno senso! Lui indossa sempre giacca e cravatta per andare in ufficio, a casa indossa una tuta blu molto comoda; lei, invece, si veste con jeans e maglietta. La domenica mattina mia mamma trascina giù dal letto mio papà e lo costringe ad andare a camminare. Oltre che a mille e più diversità loro hanno anche molte cose in comune come la musica, il teatro, il gioco delle carte Nonostante le loro diversità, si vogliono molto bene, e poi non c è il detto I contrari si attraggono? Francesco Fornasiero 2D VORREI CHE Vorrei che mia mamma non si arrabbiasse sempre, vorrei parlarle senza avere paura che mi sbrani.vorrei che mi lasciasse uscire con gli amici e che non si adirasse se torno a casa con un minuto di ritardo. Vorrei stare di più con mio papà, vorrei che non lavorasse sempre. Vorrei saper studiare senza fermarmi ogni mezz ora per fare uno spuntino, vorrei prendere dei voti migliori e vorrei non bloccarmi durante le interrogazioni orali. Vorrei tornare alla Scala di Milano, vorrei poter ballare tutto il giorno, vorrei non vergognarmi di ballare davanti ai miei amici, portando invece fiero lo stendardo della danza. Vorrei che la gente mi capisse meglio. Vorrei non essere preso per quello che va bene in ginnastica, ma nelle altre materie è un buono a nulla. Vorrei saper esprimere senza vergogna quello che penso. Vorrei rivivere i momenti più importanti della mia vita e forse vorrei cambiare alcune decisioni. Vorrei incontrare tutti i miei amici e tutte le persone che ho conosciuto durante il mio percorso a Milano. Vorrei tornare a Milano per rivivere tutte quelle emozioni che ormai non provo più. Vorrei fare tante, tante, tantissime cose in più di quelle che faccio. Vorrei saper scrivere bene, vorrei saper esprimere per iscritto tutto quello che penso e che faccio senza scrivere cose banali o cose senza alcun senso; vorrei andare bene nei temi di italiano e prendere dei voti che raggiungano il sette o l otto. Vorrei fare il pittore o il musicista. Vorrei andare sulla luna, nello spazio, viaggiare nel mondo. Vorrei essere un pilota, un calciatore, un ginnasta Vorrei fare tante cose, vorrei essere tante cose. Forse voglio troppo, ma a volte è meglio volere tanto e sognare che volere poco e non avere un sogno da realizzare. Claudio Manga 2D

10 Pagina 10 Sembra ieri che, con il mio zaino sulle spalle, aspettavo l autobus di fronte a casa per recarmi a scuola. Adesso vivo a Roma, in un appartamento da cui riesco a vedere la cupola di S. Pietro. Mi manca Padova, la mia famiglia ed i miei amici. Se faccio un bilancio della mia vita, posso ritenermi fortunato. Mi sono laureato in Lettere, sono riuscito ad essere ammesso alla scuola di giornalismo di Roma e sto facendo uno stage presso la redazione della Gazzetta dello Sport. La vita è dura. Sveglia all alba, super sfruttato al lavoro e sottopagato. Per non parlare delle bollette da pagare e dell affitto, con cui ogni mese mi tocca fare i conti. Rinunce e sacrifici per ora condiscono la mia vita. Spero che un giorno riceverò la giusta ricompensa: non sarò più uno stagista con il futuro in bilico, ma una delle migliori penne del giornalismo italiano, finalmente con un futuro ben delineato. Potrò così coronare il mio desiderio più grande, quello di costruire una bella famiglia. Mentre questi pensieri scorrono nella mia testa, squilla il telefono. E mia madre, che tutte le sere mi chiama per assicurarsi che io stia bene. Puntualmente recito il solito rituale e le dico che va tutto bene, anche nelle giornate peggiori. Quanto mi pesa non poter vedere i miei cari, quelle pestifere delle mie sorelle che ormai sono cresciute e diventate quasi delle donne. La mia lontananza da casa, per tanti anni, a volte mi rattrista. Mi sembra di non avere vissuto pezzi di vita della mia famiglia, di aver perso emozioni e sensazioni che non potranno più esserci. Il rumore della pioggia che batte con violenza sui vetri mi riporta bruscamente alla realtà. Devo ultimare il mio articolo, perché domani mattina il caporedattore dovrà pubblicarlo. E notte fonda e mi attende un impresa ardua, l ennesima prova cui sono sottoposto Chissà quante altre ancora la vita me ne riserverà! Stefano Parpajola 2C La crisi del calcio italiano Il calcio, oggi, è lo sport più popolare e praticato nel pianeta, infatti vengono disputati campionati nazionali ed internazionali in tutto il mondo ed il nostro è uno dei migliori. Ma non siamo mai arrivati così in basso! Dopo dimostrazioni di debolezza (non solo fisica e tecnico tattica) in competizioni europee e nei Mondiali 2010, con l eliminazione dell Inter (ultima squadra rimasta in corsa) dalla Champions League, abbiamo toccato il fondo! Abbiamo subito il sorpasso da parte della Germania nella classifica UEFA, il che vuol dire una squadra italiana in meno ed una tedesca in più nelle coppe europee Il nostro calcio è molto meno bello da vedere, meno fluido di prima, anche rispetto ad altri campionati. Esempi da seguire sono la Spagna, dove c è un calcio più spumeggiante ed avvincente, e l Inghilterra dove questo sport è più dinamico. In questi paesi l approccio dell opinione pubblica è più sereno rispetto al nostro (più teso e ricco di contestazioni). E il caso di mettersi a lavorare con uno spirito diverso, possibilmente più vincente, perché, se continuiamo così, la Champions rimarrà un sogno! Augusto Iovino, Alberto Oliveri, Francesco Piva 3C -Un uomo senza donna è come un collo senza torcicollo. -Sono sempre stato molto precoce. Una volta ho terminato un puzzle in meno di quattro giorni. E pensare che sulla scatola c era scritto dai 2 ai 5 anni!

11 Pagina 11 La ginnastica artistica La ginnastica artistica è uno sport spettacolare. Si fanno un sacco di ruote, rovesciate, flic, tic tac Nella ginnastica femminile ci sono vari attrezzi e vari esercizi. Oltre al corpo libero, dove si fanno ribaltate e molti altri movimenti, ci sono attrezzi come: la trave, un lungo palo in legno dove si fanno una serie di movimenti cercando di riuscire a stare in equilibrio. Un altro attrezzo sono le parallele, sbarre orizzontali distanti una dall altra circa due metri, attorno a cui si fanno dei volteggi; un altro esercizio è il volteggio, che consiste nel correre fino ad una pedana dove ci si dà lo slancio per poi arrivare sul cavallo, pedana sostenuta da un palo, dove si appoggiano le mani e, prima di atterrare, si fanno capriole, carpi o vari salti, per poi arrivare in piedi. Durante l allenamento non si fanno solo queste cose, che solitamente si fanno in gara, ma si fanno anche altri attrezzi: le spalliere, che servono a rafforzare gli addominali, il trampolone, che serve a capire la posizione per tutti i salti. Anche per i maschi ci vuole determinazione. Non usano gli stessi attrezzi delle ragazze: fanno le parallele, oltre a quelle asimmetriche anche quelle simmetriche, il volteggio e il corpo libero, ma anche gli anelli, attrezzo in cui ci vuole molta forza, soprattutto nelle braccia e nella pancia; un altro attrezzo è il cavallo che, a differenza del cavallo che si usa nel volteggio, ha due maniglie. Si mettono le mani sulle maniglie e bisogna far girare le gambe attorno al cavallo senza che lo tocchino. Questo movimento si chiama orologio. Alcuni dei ginnasti italiani più famosi sono Yuri Chechi e Vanessa Ferrari, che hanno vinto molti titoli mondiali. Per fare ginnastica ci vogliono molti muscoli, il cuore e molta volontà. A me piace molto perché mi sento libera, posso fare quello che desidero. Elena Lorenzoni 1A La caccia: uno sport che non mi piace Dovete saper che la caccia è descritta come l arte di catturare o uccidere animali selvatici con trappole e con armi. In epoca storica la caccia assunse presso molti popoli i caratteri di esercizio sportivo. Secondo il sistema usato per l'uccisione o la cattura degli animali si distinguono varie forme di caccia che si possono raggruppare in quattro categorie principali: 1) la caccia con armi 2) la caccia a volo o falconeria 3) la caccia con trappole e mezze trappole 4) la caccia ad inseguimento o a corsa. Si divide anche secondo la natura dei luoghi e della selvaggina: 1) la caccia in pianura. 2) la caccia in montagna. 3) la caccia in mare. O- gni anno nel nostro paese i cacciatori uccidono più di 150 milioni di animali: caprioli, volpi, lepri, conigli, anatre, cinghiali, fagiani. Gli animali più fortunati muoiono subito, mentre altri rimangono feriti e muoiono agonizzanti dopo minimo 5 ore e massimo una settimana. La caccia viene addirittura associata alle pratiche sportive e i cacciatori giustificano questo loro hobby con argomentazioni che richiamano il sentirsi libero, il trovare il proprio spazio o trascorrere una giornata all'aria aperta. Ma in verità non è proprio così, perchè la caccia non presuppone una competizione tra partecipanti aventi uguali capacità e possibilità, perchè i cacciatori uccidono senza scrupolo gli animali indifesi e purtroppo hanno a loro favore le istituzioni nazionali. Ci sia, però, di conforto sapere che il numero di cacciatori diminuisce ogni anno: ad esempio nel 1980 i cacciatori erano e invece oggi sono meno di L'87% degli Italiani sono contrari alla caccia. Ma, cari lettori, non scordiamoci del bracconaggio; si parla di bracconaggio non solo nel caso in cui le vittime siano specie protette ma anche quando la caccia viene praticata illegalmente cioè con trappole che fanno soffrire gli animali. Il bracconaggio può essere di due tipi: 1) specialistico o professionistico che consiste nell uccidere gli animali protetti per ricavarne la pelliccia da commercializzare clandestinamente e guadagnarci un sacco di soldi, minimo e massimo solo per un animale. 2) popolare che consiste nel violare la legge soprattutto per quanto riguarda i modi, i tempi prestabiliti e le specie vietate. E adesso cari lettori vi lascio riflettere su tutti gli animali che sono morti per colpa di questo finto sport: LA CACCIA. Andrea Alaia 2A

12 Pagina 12 L EQUITAZIONE L equitazione non è molto conosciuta, per lo meno come disciplina sportiva: molti la considerano un bel passatempo o qualcosa di piacevole da regalarsi ogni tanto. In realtà per chi come noi sceglie di praticarla a livello agonistico è un vero e proprio sport che richiede impegno, passione, amore, tanta pazienza e presuppone un rapporto molto speciale con l animale. Senza nulla togliere alle altre attività, è evidente che un cavallo non è come una racchetta da tennis o un paio di sci che depositi dopo gli allenamenti, ma un essere vivente, che ha bisogno di cure e attenzioni quotidiane, con le proprie potenzialità e i propri limiti, con i propri umori e giornate no di cui devi imparare a tenere conto. Dietro ad una grande prestazione agonistica ci sta sempre un lungo lavoro non solo di allenamento, ma anche di costruzione di un rapporto di fiducia e di sintonia fra il cavaliere e il cavallo. E fondamentale, se vuoi avvicinarti a questo sport, avere la consapevolezza che il corretto rapporto uomo-animale e la tutela della sua salute e benessere sono alla base di ogni risultato sportivo. Quello che impari ben presto a capire, praticandolo, è che pur essendo uno sport individuale, in realtà ha molte caratteristiche del gioco di squadra, di una piccola squadra, un binomio: il cavaliere può essere anche il miglior cavaliere del mondo, ma se non c è complicità con il cavallo, difficilmente arriverà a superare il primo o- stacolo. E quando si vince si vince in due, quando si cresce, si cresce in due. E qui, ve lo diciamo subito, sta anche la magia dell equitazione. Come in tutti gli altri sport gli inizi sono sempre i momenti più duri, quando ti sembra di non ottenere risultati e ti viene voglia di mollare (cosa che, credeteci, fanno in molti); in realtà col passare del tempo e con primi risultati diventa difficile farne a meno; capisci che non è solo fatica, ma anche molta soddisfazione. Ci presentiamo: siamo due amazzoni abbastanza esperte che ormai montano da molti anni e come tutti gli sportivi sappiamo quanto lo sport sia una palestra di vita in cui si imparano valori importanti, oggi spesso ignorati, come la lealtà e il rispetto. Quello che vorremmo è trasmettervi la nostra passione per l equitazione che nasce dall amore per gli animali in generale. Molti credono che il cavallo sia privo di sentimenti, invece è un animale sensibile e splendido, capace di coniugare salute, sport, natura e ci ha sempre affascinato. Il cavallo che noi tutti conosciamo e amiamo discende da antichissimi mammiferi onnivori che vivevano nelle foreste e che non erano più alti di sessanta centimetri. Questi minuscoli antenati di tutti gli equini fra cui i nostri grandi cavalli si sono lentamente abituati a vivere in ambienti aperti, praterie e steppe, nutrendosi di erba secca e foglie. Si pensa che i primi cavalli siano stati addomesticati addirittura quattromila anni fa dagli antichi mongoli che li utilizzavano in grande quantità per combattere e conquistare nuovi territori. Pensate quanta strada hanno fatto da allora uomo e cavallo insieme fino ad arrivare alle nostre scuderie moderne, dove vengono allevati con la massima cura ed attenzione. Ora dobbiamo fermarci, ma speriamo che le nostre riflessioni vi aiutino a capire quanto bello e affascinante sia questo sport. Bianca Tajarollo, Ilaria Testa 2A - Una gallina va a confessarsi: Padre mi perdoni perché ho molto beccato.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli