Quând cánta i pabi. Quando cantano i pabbi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quând cánta i pabi. Quando cantano i pabbi"

Transcript

1 Quând cánta i pabi Quando cantano i pabbi Nota Ul pabi è il rospo bufo bufo o bufo vulgaris, cioè il rospo comune o pabbio. Quând cánta i pabi, ciuè quând cánta quíj che cánta mai, stàcch ateent e fèrmess un mumeent, varda che cambia l teemp, èl va a pioeuf o l tira veent, opuur süceed un quèjcòss de noeuf e va via ánca la gaína a fà l oeuf; peu ánca capità un quèj fatu straurdinari, cumè pissà foeura de l urinàri o fòrzi èl tempésta e l te rüína tüta la fésta e buna grazzia se rüa minga ánca una quèj desgrazzia! Quando cantano i pabbi, cioè quando cantano quelli che non cantano mai, stai attento e fermati un momento, guarda che cambia il tempo, s avvicina la pioggia o tira vento, oppure succede qualcosa di nuovo e anche la gallina va altrove a fare l uovo; può anche capitare qualche fatto straordinario, come pisciar fuori dall orinale o forse tempesta e ti rovina completamente la festa e buona grazia se non sopraggiunge anche qualche disgrazia! In natüra ul pabi - un nòm un poo uriginâl, che al dì d incoeu èl se troeuva poeu gnànca soeul giurnâl - l è n sciàtt nurmâl, nieent de particulâr, voeun de quìj che urmài se incúntra pròpi de râr, perchè se vüsa poeu tajà deent di praa, cumè hèm sèmper faa, o nà soeu e gió a pee biótt per i sentee, cunt ul sguàzz che te risána i pee. Ma quând la sira la règna l freschìn e l teemp l è püssee ümedìn, i pabi se tiren areent e vègnen fin chì in de l urtìn per dàss un basìn. Il natura il pabbio un nome un po originale, che oggigiorno non si trova più neanche sul giornale è un rospo comune, normale, niente di particolare, uno di quelli che ormai si incontrano molto raramente, perché non si usa più attraversare i prati, come abbiamo sempre fatto, o camminare su e giù a piedi nudi per i sentieri, con la rugiada che ti risana i piedi. Ma quando la sera arreca il freschino e il clima si fa più umido, i pabbi si raccolgono e giungono fin qui nell orticello per scambiarsi un bacino. Tèl chì un pabi, un sciàtt, tèl chì ch èl s è fermaa pròpi in mèzz ai mé sciavàtt e a l impruîs me pâr de vèss usservaa de chi duu ugiúni fìss che sberlüsìss: l è gràss, gròss, stramoeusc, imbranaa e broeutt mè l pecaa, che a tì, amò prìm de vedèll, te s è gemò sturciaa i büdèj e te see sgulaa via mè n üsèll! Prubabilmeent l è na fèmina, püssee gróssa del mas c e mì je lassi a stà, perché voeuri minga vèss urtigaa, ma soratoeutt perchè hin prezziûs, datu che mángien toeutt i bestiulìtt velenûs. -1-

2 Eccolo qui un pabbio, un rospo, eccolo qui che s è fermato proprio fre le mie ciabatte e all improvviso mi sembra di essere osservato da quei due occhioni fissi che luccicano: è grasso, grosso, goffo, imbranato e brutto come il peccato, che a te, ancor prima di vederlo, si sono già attorcigliate le budella e sei volato via come un uccello! Probabilmente si tratta di una femmina, più grossa del maschio e io li lascio in pace perché non voglio essere urticato, ma soprattutto perchè sono preziosi, visto che si cibano di tutti gli insettini velenosi. E i nuvèj, sciatìtt o sciatèj, hin püssee bèj di soeu prucreadûr e l è fòrzi per quèll che na voeulta a n bagaìn viscul e piscenìn, ghe diséven: Ma che bèll sciatelìn e s èl piangeva o poor sciatìn ; se invéci l eva un poo püssee grandèll e paciarutèll, sbrütàven cunt un: Ma varda che bèll sciatèll e a un bèll paciucùn ghe diséven: Ma va che bèll sciatùn. Ma l mûnd urmài l ha faa i soeu müdazziùn e adèss se peu poeu fà sti parangùn! Ma i novelli, rospini o rospetti, sono più graziosi dei loro procreatori ed è forse per questo che un tempo, di fronte ad un bambino vispo e piccolino, si esclamava: Ma che bel rospettino e se piangeva o povero rospino ; se invece era un po più grandicello e paffutello, si esordiva con un: Ma guarda che bel rospetto ed a un bel pacioccone si diceva: Ma guarda che bel rospone. Ma il mondo ormai ha subito le sue trasformazioni ed ora non si possono più fare questi paragoni! Comunque atenziùn a minga scunfûnd i sciàtèj cunt i bagagèj, che cántaven tüta nòcc cumè matèj, là in del laghètt che se furmàva sótt ai rivèj del Landrián, dopu un bèll tempurâl, che sudisfàva toeutt i paisán, che scudéva l ingúrda sêt del furmentùn e l purtàva via chèll grán sufegùn. Comunque attenzione a non confondere i rospetti con i ranocchietti, che cantavano tutta la notte come pazzerelli, là nel laghetto che si formava sotto le balze del Landriano, dopo un buon temporale, che appagava tutti i contadini, che saziava l ingorda sete del granoturco e allontanava quella grande afa. La lüna, silenziúsa padrúna del ceel e de la vall, la s è lavada la facia cun l aqua del tempurâl e adèss la trà là un ugiàda, ciàra e sudisfàda, invêr la gesèta de Valavèrta, che la pâr bandunàda e peu la carézza de matt i cópp stracch e la ghe dà n basìn a la campanéla, che ghe piasería vècch una suréla. Püssee in là, la sbigna curiúsa travêrs ul finestroeu d un mazzètt de cà vìcc, la inlümína una stánza e un zoeff de cavìj (cavèj) bìsc e peu cuntènta la tira drìzz. La luna, silenziosa padrona del cielo e della valle, si è lavata la faccia con l acqua del temporale e ora butta un occhiata, limpida e soddisfatta, verso la chiesetta di Valaperta, che sembra abbandonata e poi accarezza fortemente i coppi stanchi e dà un bacino alla campanella, a cui piacerebbe avere una sorella. Più in là sbircia curiosa attraverso la finestrella d un mucchietto di case vecchie, illumina una stanza ed un ciuffo di capelli ricci e poi contenta tira dritto. -2-

3 I pabi, sán mè i nûs, de tânt in tânt fán sentì la sua vûs, che la sgrafígna cumè se fudèssen chì apûs, però cánten de râr. Quând cánta i pabi, hin lûnch i dì cumè la nòcc, dunca l è primavera e lûr se deséden (dessíen) de la grán durmída invernâl, menu mâl, e turnen indree in de la fópa o in del laghètt induè hin nassuu, per fecundà de bèll noeuf una bèla muntunàda de oeuf. Se bràscien cunteent e cánten de goeust, dì e nòcc, cumè se giügàssen ai bòcc; se sgunfien mè i balùn e ti e sèntet depertoeutt i cantùn, perchè è s ciupaa la rivolüzziùn! I pabbi, sani come noci, di tanto in tanto fanno udire la loro voce, che graffia come se fossero qui accanto, però cantano raramente. Quando cantano i pabbi, sono lunghi i giorni quanto la notte, quindi è primavera e loro si risvegliano dal grande sonno invernale, meno male, e ritornano nel fosso o nello stagno dove sono nati, per fecondare nuovamente un bel mucchio di uova. Si abbracciano contenti e cantano con gusto, giorno e notte, come se giocassero alle bocce, si gonfiano come palloni e li senti in tutti gli angoli, perchè è scoppiata la rivoluzione. Che cánta però hin dumè i mas c che adèss, pugiaa sura n sàss, voeuren fà vedè de vèss i prìm de la clàss e sgunfien la pèll perché inscì l è püssee bèll. Fenii la stagiùn de la passiùn e de la grán cunfüsiùn, tiren ul fiaa e riprènden a vîf a l ümed, ma in dispârt, ognavoeun per sò cuunt: chi in d un buus o in d un fussètt, chi in d un praa o in d un buschètt, chì in d un fupùn o a l umbría d un murùn. E per noeum ma che bèll divertimeent adèss, adree al rugiùn de Marèss, a giugà cunt i còzz, cuzzùn o cuzzòtt, negher e grassutèj, che noden (noen) de pârt de la rógia, in di fupèj. Che canta però sono solo i maschi che adesso, appoggiati sopra un sasso, vogliono dimostrare di essere i primi della classe e gonfiano la pelle perché così è più bello. Terminata la stagione della passione e della gran cunfusione, riprendono fiato e tornano a vivere all umido, ma in disparte, ognuno per conto suo: chi in un buco o in un fossetto, chi in un prato o in un boschetto, chi nello stagno o all ombra d un gelso. E per noi ma che bel divertimento ora, lungo la roggia di Maresso, a giocare con i girini, neri e grassottelli, che nuotano a lato del torrente, nei fossetti. Ma per rüà a la sustánza del discûrs, la diss l antíga vûs che, cunt ul nòm de pabi, vegnéven ciamaa toeutt i persónn un poo svirgulaa; toeutt i matòcch, che fán i mestee un tánt al tòcch; quèll un poo inluchii che cunt ul martèll èl se pésta sèmper i dii; toeutt quìj pütòst diplumàtich (sé, no, ma, però) e un poo scümelaa, che parlen sèmper in còsa per fa bèla figüra cun la moròsa ; quèll che tì t hee gnemò de dervì la buca e luu l ha gemò sbrutaa in d un: no, ciuè, perchè, te spieghi e l ghe dà adree per sees mees, a luu la lapa e a tì i spees. Ma per arrivare alla sostanza del discorso, recita l antica voce che, con il nome di pabbi, venivano chiamate tutte le persone un po strampalate; tutti i mattacchioni, che eseguono i lavori alla bell e meglio; la persona un po rimbambita -3-

4 che col martello si pesta sempre le dita; tutti quelli piuttosto diplomatici (sì, no, ma, però) e un po schizzinosi, che parlano sempre in còsa per far bella figura con la moròsa ; quello che tu non hai ancora aperto bocca e lui è già sbottato in un: no, cioè, perché, ti spiego e prosegue per sei mesi, a lui la parlantina e a te le spese. Quèll che, cumpágn de la gata lecàrda, ghe piâs dumè la mustàrda; toeutt quíj che sta sèmper per cuunt sò, cumè in d una stanza ul cumò; lûr che te varden de sbièss cumè se tì te füdèsset una statua de gèss; la geent che fà di stresúrdin o di stravedè, che l è mèj minga savè; quíj che, in ògni casu, gh han sèmper de fà divêrs e mugnen cun toeutt i soeu vêrs; e peu quèll ch èl te fa decrinà e s èl fà frècc èl va in gîr cun la maiéta o la camísa e se l fà coold cunt ul paltò e la valísa. Quello a cui, come la gatta leccarda, piace solo la mostarda; tutti quelli che stanno sempre per conto loro, (lo so), come in una stanza il comò; loro che ti guardano di sbieco (come un fesso), come se tu fossi una statua di gesso; la gente che fa cose fuori dall ordinario e dall abituale, di cui è meglio non conoscere il rituale; quelli che, in ogni caso, agiscono sempre diversamente e civettano con tutte le loro moine; e poi quello che ti consuma, ti logora e se fa freddo va in giro con la maglietta o la camicia e se fa caldo con il paltò e la valigia! Ècu, quând cánta voeun de quìst chì minga matriculaa, te disi che l è gráma, cînch e trii vòtt mariána! Ma foo di esèmpi! Ecco, quando canta uno di questi poco assestati, ti dico che la situazione è grama, cinque e tre otto marianna (nel gioco delle carte)! Ma faccio degli esempi! Un mè cüsìn, inscì mai stunaa, un bèll dì èl s è metuu adree a cantà, ma ch êl mai che l ghe l ha faa fà, datu che l eva mai cipaa?!... Un estate al mare, voglia di remare (bis). L eva un bèll poo de ann, poor diàul, che l nava poeu al mâr e forzi èl mundàva gió amâr, ma intánta varda che estaa che l m ha regalaa e un aütoeun feu del cumoeun! Un sfracèll d aqua, un infinitaa, cumè de tánti ann ul ceel l eva mai poeu gulzaa, se nun dumè ai teemp de Nuè! Un mio cugino, quanto mai stonato, un bel giorno si è messo a cantare, ma chi mai gliel ha fatto fare, visto che non aveva mai aperto bocca?!... Un estate al mare, voglia di remare (bis). Era un bel po di anni, poveretto, che non andava più al mare e forse trangugiava amaro, ma intanto guarda che estate che ci ha regalato e un autunno fuori dal comune! Un immensità d acqua, un infinità, come da molti anni il cielo non aveva mai più osato, se non solamente ai tempi di Noè! A la sciura Ginuèfa, un strigòzz d una dòna, che in vita sua l eva mai lavaa un pezzoeu e gnànca n lenzoeu, a l impruîs gh è vegnuu n sfrîs e l ha faa un oeuf feu del cavagnoeu! L haá pensaa de fà la bügàda: l ha metuu a meuj un muntùn de págn in del segiùn, j ha lassaa maserà bèn bèn cun scèndra, lisíva e saùn, l ha tiraa indree i mánich, la ligaa l scussaa e intânt -4-

5 che la cantava, cun la spazzeta la fregava. Per un dì intreech la gh ha daa adree e peu l ha destenduu i págn nìtt netìsc soeu la lóbia a sügà, ma prìm ch èl vegnéva sira, un brevàsc, fin in mèzz a la cûrt èl ghi ha spregaa e un quèjvoeugn èl l ha gnànca poeu truaa. Alla signora Genoveffa, una donna trasandata, che in vita sua non aveva mai lavato uno straccio e nemmeno un lenzuolo, all improvviso è passato un guizzo per la testa ed ha fatto un uovo fuori dalla cesta! Ha pensato di fare il bucato: ha messo in ammollo un mucchio di panni nel mastello, li ha lasciati a bagno per bene con cenere, lisciva e sapone, si è rimboccata le maniche, si è legata il grembiule e mentre cantava, con la spazzola sfregava. Per un giorno intero ha proseguito e poi ha steso i panni pulitissimi sulla balconata ad asciugare, ma prima che scendesse la sera, un forte vento di temporale, fino in mezzo alla corte glieli ha trascinati e qualcuno non l ha neanche più ritrovato. E a la sciúra Teresa, che cumè toeutt i spregàsc la s è spusàda in de l ánn besàsc, ghe piaséva i stratàj e i cróst del furmàj. Quând gh eva l sû, la se saràva deent in cà e quând èl piuvéva, la vegnéva foeura e la curéva in mèzz al stall cumè un asen o n cavàll. E la predicava cunt i brasc avêrt: in de la vita, prìm fiadàre e segûnd vedére. Intânt ch èl piuvéva la fiadàva afôrt e la vardàva all ari tüta maseràda e la vusàva cunt i mánn valzaa: ciapèmela mè la vègn e se capíva che la parlàva de l aqua püssee che de la vita, datu che l eva sènz umbréla e finalmeent èl la brancàva sua suréla, intânt che la vusàva amò: quèll che se fa minga de pulàstra, èl se fa de gaína e la se riferiva ai fadîch, ai vìtt, ma ánca al sò òm e al matrimòni. E alla signora Teresa, che come tutti i fregacci si è sposata nell anno bisestile, piacevano i fondi e gli avanzi dei salumi e le croste del formaggio. Quando c era il sole, si chiudeva in casa e quando pioveva, usciva e correva in mezzo allo stallo come un asino o un cavallo. E predicava a braccia aperte: nella vita, primo respirare e secondo vedere. Mentre pioveva respirava forte e guardava per aria completamente inzuppata e gridava a mani levate: prendiamola come viene e si capiva che parlava della pioggia più che della vita, visto che era senza ombrello e finalmente l acchiappava la sorella, mentre ancora gridava: quello che non si fa da pollastra, da giovincella, si fa da gallina, da maritata e si riferiva alle fatiche, ai sacrifici, ma anche ai piaceri del matrimonio. A Giuánn del cassòtt, ch èl mangiava i galètt e l diséva ch even biscòtt, ghe piaséva tegnì ligaa i crüschìtt, vòtt, e i amîs, che man man che descuréven, güzzaven i barbîs e in quattr e quatr òtt, chissà perchè, vegnéva foeura un gran rabelòtt. Parlàven del poeu e del mènu, de la rava e de la fava, ma peu la situazziùn la se sgarbiàva, perché toeucc faven (faséven) varì la sua resùn e a ognavoeun ghe paréva giüsta la sua upiniùn. Segûnd la geent, invidiúsa per nieent, Giuánn èl gh eva un poo del liscùn, del lifròcch e ánca del sgalabròcch, perchè s èl prüsmava ul laurà, ghe birlàva (burlàva) adòss la slója, la pecúndria o la févera burtulàscia (bartulàscia), che dumè cunt ul -5-

6 mánich de la scua la se descàscia. A la fìn de la féra desbüsciunàven un bèll fiaschètt de pincianèll e n bevéven un bicerètt per oeun, perchè, cum èl diséva San Péder, ul vìn bùn l è quèll négher! A Giovanni del cascinotto, che mangiava le gallette e diceva che erano biscotti, piaceva tenure uniti i coscritti, otto, e gli amici, che man mano che discorrevano, aguzzavano i baffi e in quattro e quattr otto, chissà perchè, succedeva una gran baraonda. Parlavano del più e del meno, della rava e della fava, ma poi la situazione si ingarbugliava, perchè tutti sostenevano le loro convinzioni e ad ognuno sembrava giusta la propria opinione. Secondo la gente, invidiosa per un niente, Giovanni era un po lazzarone, fannullone e grossolano (letteralmente rompitore di rami ), perchè se fiutava il sopraggiungere del lavoro, gli piombava addosso la malavoglia, la malinconia o la febbre tontolaccia (la febbre del finto tonto, del furbastro), che solo col manico della scopa si scaccia. Alla fin della fiera stappavano un bel fiasco di nostranello e ne bevevano un bicchieretto ciascuno, perchè, come affermava San Pietro, il vino buono è quello nero! Mì pudería nà innânz amò un pezzètt prima de desmètt, ma pènsi, o cara la mia geent, che per cumbinazziùn ve sarà vegnuu in meent tánti situazziùn e alúra, intânt che sgóla (vóla) lingeer i veust penseer, mi ve salüdi e me sluntáni in punta de pee soeu e gió per i mè sentee. Potrei proseguire ancora un momento prima di smettere, ma penso, cara la mia gente, che per combinazione vi saranno tornati alla mente tanti avvenimenti e allora, mentre volano leggeri i vostri pensieri, io vi saluto e mi allontano in punta di piedi lungo i miei sentieri. 25 gennaio 2015 Angelo Galbusera -6-

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

CERCHIO Tutti dicono che sono grasso, che non muovo neanche un passo. Se mi metti in cima a un sasso, vengo giù con grande spasso. Sono ciccio, un bombolone, gonfio, bonzo, un panettone, ma non perdo mai

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto.

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Poesia per le mamme Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B

UN ARCOBALENO. Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato. Matteo Bertoli, 1B UN ARCOBALENO Ho colto per te, un fiore tutto colorato sotto un arcobaleno colorato con di fronte a me un paradiso stellato Matteo Bertoli, 1B VELOCE Andare veloce come un fulmine o una saetta. Vincere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI:

ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI: ANNO SCOLASTICO 2008\2009 AUTORI: I BAMBINI DELLE CLASSI IV A & IV B LA PACE È BELLA La pace è bella come una modella, la pace è bella come una porzione di nutella e più la fai e più ti sembra bella, la

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI.

SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SCUOLA D INFANZIA DI MOTTALCIATA ANNO SCOL. 2003/04 GRUPPO DI BAMBINI DI 4 E 5 ANNI. SITUAZIONE: L insegnante invita i bambini a rispondere ad alcune domande relative all ombra. Dopo aver raccolto le prime

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa.

Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa. Ho raccontato tante volte la morte di mia madre che poi quando è successo veramente, il fatto, aveva perso il dolore della sorpresa. È accaduto in inverno, alla fine di un novembre tra i più freddi della

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli