Quând cánta i pabi. Quando cantano i pabbi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quând cánta i pabi. Quando cantano i pabbi"

Transcript

1 Quând cánta i pabi Quando cantano i pabbi Nota Ul pabi è il rospo bufo bufo o bufo vulgaris, cioè il rospo comune o pabbio. Quând cánta i pabi, ciuè quând cánta quíj che cánta mai, stàcch ateent e fèrmess un mumeent, varda che cambia l teemp, èl va a pioeuf o l tira veent, opuur süceed un quèjcòss de noeuf e va via ánca la gaína a fà l oeuf; peu ánca capità un quèj fatu straurdinari, cumè pissà foeura de l urinàri o fòrzi èl tempésta e l te rüína tüta la fésta e buna grazzia se rüa minga ánca una quèj desgrazzia! Quando cantano i pabbi, cioè quando cantano quelli che non cantano mai, stai attento e fermati un momento, guarda che cambia il tempo, s avvicina la pioggia o tira vento, oppure succede qualcosa di nuovo e anche la gallina va altrove a fare l uovo; può anche capitare qualche fatto straordinario, come pisciar fuori dall orinale o forse tempesta e ti rovina completamente la festa e buona grazia se non sopraggiunge anche qualche disgrazia! In natüra ul pabi - un nòm un poo uriginâl, che al dì d incoeu èl se troeuva poeu gnànca soeul giurnâl - l è n sciàtt nurmâl, nieent de particulâr, voeun de quìj che urmài se incúntra pròpi de râr, perchè se vüsa poeu tajà deent di praa, cumè hèm sèmper faa, o nà soeu e gió a pee biótt per i sentee, cunt ul sguàzz che te risána i pee. Ma quând la sira la règna l freschìn e l teemp l è püssee ümedìn, i pabi se tiren areent e vègnen fin chì in de l urtìn per dàss un basìn. Il natura il pabbio un nome un po originale, che oggigiorno non si trova più neanche sul giornale è un rospo comune, normale, niente di particolare, uno di quelli che ormai si incontrano molto raramente, perché non si usa più attraversare i prati, come abbiamo sempre fatto, o camminare su e giù a piedi nudi per i sentieri, con la rugiada che ti risana i piedi. Ma quando la sera arreca il freschino e il clima si fa più umido, i pabbi si raccolgono e giungono fin qui nell orticello per scambiarsi un bacino. Tèl chì un pabi, un sciàtt, tèl chì ch èl s è fermaa pròpi in mèzz ai mé sciavàtt e a l impruîs me pâr de vèss usservaa de chi duu ugiúni fìss che sberlüsìss: l è gràss, gròss, stramoeusc, imbranaa e broeutt mè l pecaa, che a tì, amò prìm de vedèll, te s è gemò sturciaa i büdèj e te see sgulaa via mè n üsèll! Prubabilmeent l è na fèmina, püssee gróssa del mas c e mì je lassi a stà, perché voeuri minga vèss urtigaa, ma soratoeutt perchè hin prezziûs, datu che mángien toeutt i bestiulìtt velenûs. -1-

2 Eccolo qui un pabbio, un rospo, eccolo qui che s è fermato proprio fre le mie ciabatte e all improvviso mi sembra di essere osservato da quei due occhioni fissi che luccicano: è grasso, grosso, goffo, imbranato e brutto come il peccato, che a te, ancor prima di vederlo, si sono già attorcigliate le budella e sei volato via come un uccello! Probabilmente si tratta di una femmina, più grossa del maschio e io li lascio in pace perché non voglio essere urticato, ma soprattutto perchè sono preziosi, visto che si cibano di tutti gli insettini velenosi. E i nuvèj, sciatìtt o sciatèj, hin püssee bèj di soeu prucreadûr e l è fòrzi per quèll che na voeulta a n bagaìn viscul e piscenìn, ghe diséven: Ma che bèll sciatelìn e s èl piangeva o poor sciatìn ; se invéci l eva un poo püssee grandèll e paciarutèll, sbrütàven cunt un: Ma varda che bèll sciatèll e a un bèll paciucùn ghe diséven: Ma va che bèll sciatùn. Ma l mûnd urmài l ha faa i soeu müdazziùn e adèss se peu poeu fà sti parangùn! Ma i novelli, rospini o rospetti, sono più graziosi dei loro procreatori ed è forse per questo che un tempo, di fronte ad un bambino vispo e piccolino, si esclamava: Ma che bel rospettino e se piangeva o povero rospino ; se invece era un po più grandicello e paffutello, si esordiva con un: Ma guarda che bel rospetto ed a un bel pacioccone si diceva: Ma guarda che bel rospone. Ma il mondo ormai ha subito le sue trasformazioni ed ora non si possono più fare questi paragoni! Comunque atenziùn a minga scunfûnd i sciàtèj cunt i bagagèj, che cántaven tüta nòcc cumè matèj, là in del laghètt che se furmàva sótt ai rivèj del Landrián, dopu un bèll tempurâl, che sudisfàva toeutt i paisán, che scudéva l ingúrda sêt del furmentùn e l purtàva via chèll grán sufegùn. Comunque attenzione a non confondere i rospetti con i ranocchietti, che cantavano tutta la notte come pazzerelli, là nel laghetto che si formava sotto le balze del Landriano, dopo un buon temporale, che appagava tutti i contadini, che saziava l ingorda sete del granoturco e allontanava quella grande afa. La lüna, silenziúsa padrúna del ceel e de la vall, la s è lavada la facia cun l aqua del tempurâl e adèss la trà là un ugiàda, ciàra e sudisfàda, invêr la gesèta de Valavèrta, che la pâr bandunàda e peu la carézza de matt i cópp stracch e la ghe dà n basìn a la campanéla, che ghe piasería vècch una suréla. Püssee in là, la sbigna curiúsa travêrs ul finestroeu d un mazzètt de cà vìcc, la inlümína una stánza e un zoeff de cavìj (cavèj) bìsc e peu cuntènta la tira drìzz. La luna, silenziosa padrona del cielo e della valle, si è lavata la faccia con l acqua del temporale e ora butta un occhiata, limpida e soddisfatta, verso la chiesetta di Valaperta, che sembra abbandonata e poi accarezza fortemente i coppi stanchi e dà un bacino alla campanella, a cui piacerebbe avere una sorella. Più in là sbircia curiosa attraverso la finestrella d un mucchietto di case vecchie, illumina una stanza ed un ciuffo di capelli ricci e poi contenta tira dritto. -2-

3 I pabi, sán mè i nûs, de tânt in tânt fán sentì la sua vûs, che la sgrafígna cumè se fudèssen chì apûs, però cánten de râr. Quând cánta i pabi, hin lûnch i dì cumè la nòcc, dunca l è primavera e lûr se deséden (dessíen) de la grán durmída invernâl, menu mâl, e turnen indree in de la fópa o in del laghètt induè hin nassuu, per fecundà de bèll noeuf una bèla muntunàda de oeuf. Se bràscien cunteent e cánten de goeust, dì e nòcc, cumè se giügàssen ai bòcc; se sgunfien mè i balùn e ti e sèntet depertoeutt i cantùn, perchè è s ciupaa la rivolüzziùn! I pabbi, sani come noci, di tanto in tanto fanno udire la loro voce, che graffia come se fossero qui accanto, però cantano raramente. Quando cantano i pabbi, sono lunghi i giorni quanto la notte, quindi è primavera e loro si risvegliano dal grande sonno invernale, meno male, e ritornano nel fosso o nello stagno dove sono nati, per fecondare nuovamente un bel mucchio di uova. Si abbracciano contenti e cantano con gusto, giorno e notte, come se giocassero alle bocce, si gonfiano come palloni e li senti in tutti gli angoli, perchè è scoppiata la rivoluzione. Che cánta però hin dumè i mas c che adèss, pugiaa sura n sàss, voeuren fà vedè de vèss i prìm de la clàss e sgunfien la pèll perché inscì l è püssee bèll. Fenii la stagiùn de la passiùn e de la grán cunfüsiùn, tiren ul fiaa e riprènden a vîf a l ümed, ma in dispârt, ognavoeun per sò cuunt: chi in d un buus o in d un fussètt, chi in d un praa o in d un buschètt, chì in d un fupùn o a l umbría d un murùn. E per noeum ma che bèll divertimeent adèss, adree al rugiùn de Marèss, a giugà cunt i còzz, cuzzùn o cuzzòtt, negher e grassutèj, che noden (noen) de pârt de la rógia, in di fupèj. Che canta però sono solo i maschi che adesso, appoggiati sopra un sasso, vogliono dimostrare di essere i primi della classe e gonfiano la pelle perché così è più bello. Terminata la stagione della passione e della gran cunfusione, riprendono fiato e tornano a vivere all umido, ma in disparte, ognuno per conto suo: chi in un buco o in un fossetto, chi in un prato o in un boschetto, chi nello stagno o all ombra d un gelso. E per noi ma che bel divertimento ora, lungo la roggia di Maresso, a giocare con i girini, neri e grassottelli, che nuotano a lato del torrente, nei fossetti. Ma per rüà a la sustánza del discûrs, la diss l antíga vûs che, cunt ul nòm de pabi, vegnéven ciamaa toeutt i persónn un poo svirgulaa; toeutt i matòcch, che fán i mestee un tánt al tòcch; quèll un poo inluchii che cunt ul martèll èl se pésta sèmper i dii; toeutt quìj pütòst diplumàtich (sé, no, ma, però) e un poo scümelaa, che parlen sèmper in còsa per fa bèla figüra cun la moròsa ; quèll che tì t hee gnemò de dervì la buca e luu l ha gemò sbrutaa in d un: no, ciuè, perchè, te spieghi e l ghe dà adree per sees mees, a luu la lapa e a tì i spees. Ma per arrivare alla sostanza del discorso, recita l antica voce che, con il nome di pabbi, venivano chiamate tutte le persone un po strampalate; tutti i mattacchioni, che eseguono i lavori alla bell e meglio; la persona un po rimbambita -3-

4 che col martello si pesta sempre le dita; tutti quelli piuttosto diplomatici (sì, no, ma, però) e un po schizzinosi, che parlano sempre in còsa per far bella figura con la moròsa ; quello che tu non hai ancora aperto bocca e lui è già sbottato in un: no, cioè, perché, ti spiego e prosegue per sei mesi, a lui la parlantina e a te le spese. Quèll che, cumpágn de la gata lecàrda, ghe piâs dumè la mustàrda; toeutt quíj che sta sèmper per cuunt sò, cumè in d una stanza ul cumò; lûr che te varden de sbièss cumè se tì te füdèsset una statua de gèss; la geent che fà di stresúrdin o di stravedè, che l è mèj minga savè; quíj che, in ògni casu, gh han sèmper de fà divêrs e mugnen cun toeutt i soeu vêrs; e peu quèll ch èl te fa decrinà e s èl fà frècc èl va in gîr cun la maiéta o la camísa e se l fà coold cunt ul paltò e la valísa. Quello a cui, come la gatta leccarda, piace solo la mostarda; tutti quelli che stanno sempre per conto loro, (lo so), come in una stanza il comò; loro che ti guardano di sbieco (come un fesso), come se tu fossi una statua di gesso; la gente che fa cose fuori dall ordinario e dall abituale, di cui è meglio non conoscere il rituale; quelli che, in ogni caso, agiscono sempre diversamente e civettano con tutte le loro moine; e poi quello che ti consuma, ti logora e se fa freddo va in giro con la maglietta o la camicia e se fa caldo con il paltò e la valigia! Ècu, quând cánta voeun de quìst chì minga matriculaa, te disi che l è gráma, cînch e trii vòtt mariána! Ma foo di esèmpi! Ecco, quando canta uno di questi poco assestati, ti dico che la situazione è grama, cinque e tre otto marianna (nel gioco delle carte)! Ma faccio degli esempi! Un mè cüsìn, inscì mai stunaa, un bèll dì èl s è metuu adree a cantà, ma ch êl mai che l ghe l ha faa fà, datu che l eva mai cipaa?!... Un estate al mare, voglia di remare (bis). L eva un bèll poo de ann, poor diàul, che l nava poeu al mâr e forzi èl mundàva gió amâr, ma intánta varda che estaa che l m ha regalaa e un aütoeun feu del cumoeun! Un sfracèll d aqua, un infinitaa, cumè de tánti ann ul ceel l eva mai poeu gulzaa, se nun dumè ai teemp de Nuè! Un mio cugino, quanto mai stonato, un bel giorno si è messo a cantare, ma chi mai gliel ha fatto fare, visto che non aveva mai aperto bocca?!... Un estate al mare, voglia di remare (bis). Era un bel po di anni, poveretto, che non andava più al mare e forse trangugiava amaro, ma intanto guarda che estate che ci ha regalato e un autunno fuori dal comune! Un immensità d acqua, un infinità, come da molti anni il cielo non aveva mai più osato, se non solamente ai tempi di Noè! A la sciura Ginuèfa, un strigòzz d una dòna, che in vita sua l eva mai lavaa un pezzoeu e gnànca n lenzoeu, a l impruîs gh è vegnuu n sfrîs e l ha faa un oeuf feu del cavagnoeu! L haá pensaa de fà la bügàda: l ha metuu a meuj un muntùn de págn in del segiùn, j ha lassaa maserà bèn bèn cun scèndra, lisíva e saùn, l ha tiraa indree i mánich, la ligaa l scussaa e intânt -4-

5 che la cantava, cun la spazzeta la fregava. Per un dì intreech la gh ha daa adree e peu l ha destenduu i págn nìtt netìsc soeu la lóbia a sügà, ma prìm ch èl vegnéva sira, un brevàsc, fin in mèzz a la cûrt èl ghi ha spregaa e un quèjvoeugn èl l ha gnànca poeu truaa. Alla signora Genoveffa, una donna trasandata, che in vita sua non aveva mai lavato uno straccio e nemmeno un lenzuolo, all improvviso è passato un guizzo per la testa ed ha fatto un uovo fuori dalla cesta! Ha pensato di fare il bucato: ha messo in ammollo un mucchio di panni nel mastello, li ha lasciati a bagno per bene con cenere, lisciva e sapone, si è rimboccata le maniche, si è legata il grembiule e mentre cantava, con la spazzola sfregava. Per un giorno intero ha proseguito e poi ha steso i panni pulitissimi sulla balconata ad asciugare, ma prima che scendesse la sera, un forte vento di temporale, fino in mezzo alla corte glieli ha trascinati e qualcuno non l ha neanche più ritrovato. E a la sciúra Teresa, che cumè toeutt i spregàsc la s è spusàda in de l ánn besàsc, ghe piaséva i stratàj e i cróst del furmàj. Quând gh eva l sû, la se saràva deent in cà e quând èl piuvéva, la vegnéva foeura e la curéva in mèzz al stall cumè un asen o n cavàll. E la predicava cunt i brasc avêrt: in de la vita, prìm fiadàre e segûnd vedére. Intânt ch èl piuvéva la fiadàva afôrt e la vardàva all ari tüta maseràda e la vusàva cunt i mánn valzaa: ciapèmela mè la vègn e se capíva che la parlàva de l aqua püssee che de la vita, datu che l eva sènz umbréla e finalmeent èl la brancàva sua suréla, intânt che la vusàva amò: quèll che se fa minga de pulàstra, èl se fa de gaína e la se riferiva ai fadîch, ai vìtt, ma ánca al sò òm e al matrimòni. E alla signora Teresa, che come tutti i fregacci si è sposata nell anno bisestile, piacevano i fondi e gli avanzi dei salumi e le croste del formaggio. Quando c era il sole, si chiudeva in casa e quando pioveva, usciva e correva in mezzo allo stallo come un asino o un cavallo. E predicava a braccia aperte: nella vita, primo respirare e secondo vedere. Mentre pioveva respirava forte e guardava per aria completamente inzuppata e gridava a mani levate: prendiamola come viene e si capiva che parlava della pioggia più che della vita, visto che era senza ombrello e finalmente l acchiappava la sorella, mentre ancora gridava: quello che non si fa da pollastra, da giovincella, si fa da gallina, da maritata e si riferiva alle fatiche, ai sacrifici, ma anche ai piaceri del matrimonio. A Giuánn del cassòtt, ch èl mangiava i galètt e l diséva ch even biscòtt, ghe piaséva tegnì ligaa i crüschìtt, vòtt, e i amîs, che man man che descuréven, güzzaven i barbîs e in quattr e quatr òtt, chissà perchè, vegnéva foeura un gran rabelòtt. Parlàven del poeu e del mènu, de la rava e de la fava, ma peu la situazziùn la se sgarbiàva, perché toeucc faven (faséven) varì la sua resùn e a ognavoeun ghe paréva giüsta la sua upiniùn. Segûnd la geent, invidiúsa per nieent, Giuánn èl gh eva un poo del liscùn, del lifròcch e ánca del sgalabròcch, perchè s èl prüsmava ul laurà, ghe birlàva (burlàva) adòss la slója, la pecúndria o la févera burtulàscia (bartulàscia), che dumè cunt ul -5-

6 mánich de la scua la se descàscia. A la fìn de la féra desbüsciunàven un bèll fiaschètt de pincianèll e n bevéven un bicerètt per oeun, perchè, cum èl diséva San Péder, ul vìn bùn l è quèll négher! A Giovanni del cascinotto, che mangiava le gallette e diceva che erano biscotti, piaceva tenure uniti i coscritti, otto, e gli amici, che man mano che discorrevano, aguzzavano i baffi e in quattro e quattr otto, chissà perchè, succedeva una gran baraonda. Parlavano del più e del meno, della rava e della fava, ma poi la situazione si ingarbugliava, perchè tutti sostenevano le loro convinzioni e ad ognuno sembrava giusta la propria opinione. Secondo la gente, invidiosa per un niente, Giovanni era un po lazzarone, fannullone e grossolano (letteralmente rompitore di rami ), perchè se fiutava il sopraggiungere del lavoro, gli piombava addosso la malavoglia, la malinconia o la febbre tontolaccia (la febbre del finto tonto, del furbastro), che solo col manico della scopa si scaccia. Alla fin della fiera stappavano un bel fiasco di nostranello e ne bevevano un bicchieretto ciascuno, perchè, come affermava San Pietro, il vino buono è quello nero! Mì pudería nà innânz amò un pezzètt prima de desmètt, ma pènsi, o cara la mia geent, che per cumbinazziùn ve sarà vegnuu in meent tánti situazziùn e alúra, intânt che sgóla (vóla) lingeer i veust penseer, mi ve salüdi e me sluntáni in punta de pee soeu e gió per i mè sentee. Potrei proseguire ancora un momento prima di smettere, ma penso, cara la mia gente, che per combinazione vi saranno tornati alla mente tanti avvenimenti e allora, mentre volano leggeri i vostri pensieri, io vi saluto e mi allontano in punta di piedi lungo i miei sentieri. 25 gennaio 2015 Angelo Galbusera -6-

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese

Campanile d Oro Edizione 2008. La pioeuva lè. Opera Prima Classificata. Autore: Giovanna Sommariva. Dialetto: Milanese Campanile d Oro Edizione 2008 Opera Prima Classificata Autore: Giovanna Sommariva Dialetto: Milanese La pioeuva lè La pioeuva l è canzon fluscent col ritornell de sò truscià l è el pes sui ramm gottent

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Ricordo di Gigi Riccardi

Ricordo di Gigi Riccardi Paola Cavanna, autrice di testi e poesie in vernacolo milanese e in lingua, interpreta canzoni proprie e della tradizione lombarda; insegna grammatica milanese presso il centro culturale Pontesell di cui

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La m ha purtâ via ul cör una stròliga rumena cuj man da sassina, a pell scüra e in facia l culur daa belèza.

La m ha purtâ via ul cör una stròliga rumena cuj man da sassina, a pell scüra e in facia l culur daa belèza. Ghazal V La m ha purtâ via ul cör una stròliga rumena cuj man da sassina, a pell scüra e in facia l culur daa belèza. I socch négar di messbàss e i tabàr daa pietà bütagaj là in uferta aa lüna cul sò vistî

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli