sicurezza ambiente qualità food quality

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sicurezza ambiente qualità food quality"

Transcript

1 sicurezza SICUREZZA QUL ambiente qualità food quality CATALOGO SERVIZI ANNO 2015 ASCOM VITTORIO VENETO

2 Facciamo squadra E inutile perdere del tempo a dilungarsi a descrivere il momento che sta vivendo il mercato. E del resto non è neanche la cosa che ci preoccupa di più; da sempre siamo abituati ad affrontare le difficoltà, visto che alle imprese, nessuno ha mai regalato niente. Le campagne di aggressione mediatica che abbiamo vissuto, l indifferenza consueta ed autolesionista delle amministrazioni locali, i tanti ostacoli di una burocrazia assurda che a tutti i livelli incontriamo quotidianamente, sono segnali chiari che le imprese, specie medie e piccole, per contare di più devono essere unite. Ascom, oltre che associazione di imprenditori, vuole essere lo strumento per aiutare le aziende a stare sul mercato ed anche a crescere pur in questi difficili momenti, vuole essere il luogo, anche fisico per l incontro di imprenditori ed imprese di tutti i settori. I nostri servizi per aiutare le imprese sono quanto troverete in questo catalogo SERVIZI ANNO Cercheremo anche di aiutarvi ad accedere a finanziamenti e riduzioni di imposte che in questo momento possono essere quanto mai necessari (si pensi alla riduzione di tariffa INAIL, ai finanziamenti del Fondo For.Te, ecc.). Abbiamo due siti internet e siamo anche su facebook, ma noi speriamo di vedervi di persona nei nostri uffici per parlare con voi, delle vostre imprese, del vostro lavoro, dei vostri progetti. E il momento di fare squadra. Buon lavoro a tutti! Giovanni Benincà, Responsabile Centro di Formazione Ascom C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 2 di 34

3 IL CENTRO DI FORMAZIONE ASCOM Il Servizio Corsi e Formazione di ASCOM è una risorsa preziosa al servizio delle imprese. Accreditato dalla Regione Veneto e dal Fondo For.Te. del Ministero del Lavoro, Certificato UNI EN ISO 9001:2008, il Servizio si avvale di una rete di professionisti interni ed esterni di grande professionalità e competenza. Il catalogo corsi è il frutto di diversi anni di lavoro a contatto con le aziende e contiene soprattutto il necessario per adempiere alle normative obbligatorie, con un occhio però sempre rivolto alla necessità di crescere e migliorare. ll Centro di Formazione Ascom dispone di: Un aula attrezzata con oltre 90 postazioni per corsi, seminari e conferenze; Una attrezzata biblioteca tecnica; Una prestigiosa sala riunioni con oltre 20 posti a sedere; Un laboratorio di informatica attrezzato con 10 postazioni. Il centro si avvale della collaborazione dei migliori professionisti nelle varie specialità e può progettare e realizzare attività formativa anche presso le sedi delle aziende interessate. Le strutture Ascom sono anche disponibili per eventuali richieste da parte di organismi esterni in occasione di particolari eventi (riunioni, meetings, cerimonie, ecc.). Rag. Michele Paludetti Dott. Antonella Secchi Dott. Giovanni Benincà Rag. Paolo Zuliani Sig.ra Annarella Carniel Sig.ra Maria Grazia Colavitti Rag. Bounafaa Fatima Zahra Presidente Direttore Generale Responsabile Servizi Innovativi Responsabile Amministrativo Segreteria Direzione e Cassa Addetta vendite Segreteria Servizi Innovativi I corsi frequentati presso ASCOM vengono attestati da prestigiosi diplomi e registrati in un apposito libretto formativo che rappresenta a tutti gli effetti un curriculum aggiornato e prestigioso; viene consegnato (insieme agli attestati) ed aggiornato ad ogni corsista per dare più valore all istruzione che conta. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 3 di 34

4 STRATEGIE E POLITICHE DI ASCOM ASCOM vuole aiutare le aziende del proprio comparto di riferimento ad operare in un mercato dove concorrenza, consumi e fisco rendono difficile il fare impresa. La missione è quindi quella di dare forza alle piccole realtà produttive e commerciali del territorio vittoriese, di riunirle e rappresentarle, valorizzando e difendendo quei valori culturali e tradizionali di creatività, onestà e laboriosità che contraddistinguono la gente di questa parte del Veneto. In questo quadro ASCOM ha definito come obiettivo prioritario quello di offrire servizi formativi di livello adeguato. Annualmente ASCOM riesamina la propria politica ed i propri obiettivi, procede alla verifica dei risultati conseguiti (analizzando eventuali scostamenti rispetto agli standard fissati), valuta la congruità delle risorse assegnate e le professionalità presenti, analizza attentamente i bisogni delle aziende, chiede il loro giudizio per i servizi erogati, fissa piani ed obiettivi per l anno successivo. ASCOM insomma si propone di essere, nel proprio Mandamento di competenza, il soggetto di riferimento per le aziende del commercio - turismo - terziario offrendo una gamma completa di servizi ad alto valore; nella convinzione che più formazione voglia dire più impresa. L OFFERTA FORMATIVA DI ASCOM Il Servizio Corsi e Formazione di ASCOM è una risorsa preziosa al servizio degli associati Corsi obbligatori: facenti riferimento a particolari situazioni obbligatorie (D.lgs 81/08, Reg. CE 852/04, corsi sostitutivi Libretto sanitario, ecc.). Corsi a catalogo: finalizzati all aggiornamento professionale, proposti all inizio di ogni anno attraverso un catalogo corsi che viene inviato ai clienti. Corsi a progetto: azioni formative progettate a seguito di una specifica esigenza aziendale, finalizzati all aggiornamento professionale di titolari d impresa e/o loro dipendenti; queste attività formative possono essere realizzate anche presso la sede del cliente. Corsi abilitanti: necessari per l iscrizione a determinati ruoli della Camera di Commercio (ex REC, corsi rappresentanti, ecc.). Corsi FSE e For.te.: ASCOM è un organismo di formazione accreditato dalla Regione Veneto e dal Ministero del Lavoro ed è quindi abilitata a presentare e realizzare progetti a riconoscimento/finanziamento da parte di questi enti. SERVIZI START UP PER LE NUOVE IMPRESE Il successo di una nuova iniziativa imprenditoriale dipende, oltre che da un rigoroso business plan, da moltissime scelte relative alla configurazione dell attività. Tra queste: o Gamma dei prodotti/servizi da offrire o Caratteristiche e innovatività di ciascun prodotto/servizi o Segmenti di mercato a cui rivolgersi o Strategie di marketing da utilizzare C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 4 di 34

5 o Mezzi promozionali più efficaci o Attrezzature da acquisire o Fornitori più affidabili o Localizzazione ottimale dell attività o Proposte di franchising affidabili o Forma giuridica ottimale Sono tutte scelte importanti ma non facili, che richiedono competenze manageriali specifiche e approfondite. Non sempre l aspirante imprenditore o l imprenditore sono in grado di procedere da soli in quanto nella maggior parte dei casi significa perdere tempo e soldi col rischio di ritardare l avvio dell impresa e compromettere il conseguimento di una redditività soddisfacente. Grazie alla collaborazione di un team di consulenti esperti nelle varie aree di business, ASCOM è in grado di analizzare con competenza le difficoltà. Fa naturalmente parte del servizio l espletamento di tutte le pratiche burocratiche necessarie (SCIA, apertura partita IVA, ecc.) all avvio dell impresa stessa. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 5 di 34

6 AREA SICUREZZA C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 6 di 34

7 SERVIZI AREA SICUREZZA Come si può avere un azienda in linea con il dettato delle norme sulla sicurezza? Come fare per districarsi in un quadro normativo sempre più complicato ed essere sempre al corrente delle novità principali? Come fare bene le cose davvero indispensabili senza essere preda di venditori d assalto che hanno il solo scopo di piazzare una serie di servizi spesso non strettamente obbligatori? Ascom è la risposta a queste ed altre domande che ogni giorno si presentano ai datori di lavoro che ogni giorno devono gestire la sicurezza negli ambienti di lavoro. Un servizio integrato, snello che si avvale delle migliori competenze tecniche e che si articola in: FORMAZIONE o RSPP interno/esterno (e relativi aggiornamenti); o Antincendio (e relativi aggiornamenti); o Primo soccorso (e relativi aggiornamenti); o RLS (e relativi aggiornamenti); o Formazione obbligatoria per dipendenti; o Formazione obbligatoria per Dirigenti/Preposti o Corsi specifici (rischio elettrico, carrello elevatore, ecc.). CONSULENZA o Redazione Documenti di Valutazione rischi (DVR) e POS; o Audit aziendali tecnici e documentali; o Procedura contratti d appalto, d'opera e somministrazione, DUVRI; o Piano di emergenza antincendio, planimetrie di emergenza; o Registro controlli e delle manutenzioni delle attrezzature; o Pratiche riduzione tariffa INAIL e finanziamenti vari; o Implementazione di Sistemi Gestione della Sicurezza e Salute sul lavoro BS OHSAS 18001:2007; o Analisi bandi e finanziamenti specifici (INAIL, ECC.) ANALISI SPECIFICHE o Valutazione dei rischio incendio; o Valutazione del rischio movimentazione manuale dei carichi; o Valutazione del rischio attrezzature; o Valutazione del rischio stress lavoro-correlato; o Valutazione delle postazioni al videoterminale; o Rapporto di valutazione del rischio da rumore; o Valutazione rischio vibrazioni meccaniche; o Valutazione rischio esposizione a campi elettromagnetici; o Valutazione rischio atmosfere esplosive (ATEX); o Valutazione del rischio chimico/cancerogeni. SERVIZIO RSPP ESTERNO PER TUTTI I CODICI ATECO Completa il servizio l invio di circolari e di newsletter periodiche sull argomento ed un servizio continuo di consulenza telefonica / . La consulenza in azienda è gratuita. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 7 di 34

8 IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Servizio di Prevenzione e Protezione è la funzione che, a norma del Testo Unico, ausilia il Datore di lavoro nel garantire l adempimento degli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro; è formato dal Responsabile (RSPP) e da eventuali Addetti (ASPP). Il Datore di lavoro può assumere in prima persona il ruolo di RSPP (si parla di svolgimento diretto), nelle situazioni previste dalla norma, oppure può nominare una persona sia interna che esterna all azienda (in questo caso un professionista) in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Il Centro di Formazione Ascom offre alle aziende la possibilità sia di formare un RSPP INTERNO (titolare o dipendente), sia il servizio di RSPP ESTERNO a mezzo di professionisti abilitati. SERVIZIO RSPP ESTERNO Ascom è in grado di fornire il servizio di RSPP ESTERNO per tutti i codici ATECO, liberando così le aziende dall obbligo di formare una figura interna e fornendo un professionista in grado di gestire la sicurezza ai massimi livelli. Costo annuale onnicomprensivo per il servizio di RSPP esterno Settore (vedi Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) Quota/Anno BASSO RISCHIO (Ristorazione, Commercio, Servizi) MEDIO RISCHIO (Agricoltura, Trasporti, Istruzione) ALTO RISCHIO (Edilizia, Industria/Artigianato, Rifiuti, Sanità) 330,00 (+iva) 530,00 (+iva) 730,00 (+iva) C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 8 di 34

9 CORSO RSPP IN SVOLGIMENTO DIRETTO DEL TITOLARE (cod. SI01) CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso, conforme all Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011, consente di adempiere agli obblighi formativi previsti per i Titolari delle aziende che intendono assumere direttamente il ruolo di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione nelle ipotesi previste dall allegato II del D.Lgs. 81/08. Inoltre il corso intende far acquisire le conoscenze necessarie per svolgere il ruolo di RSPP privilegiando la trasmissione di competenze relative alla valutazione dei rischi, all individuazione e all attuazione delle necessarie tecniche di controllo e prevenzione dei rischi. IL PROGRAMMA: MODULO NORMATIVO; MODULO GESTIONALE; MODULO TECNICO; MODULO RELAZIONALE; VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE. SOGGETTI INTERESSATI Datori di lavoro delle aziende individuate dall allegato II del D.Lgs. 81/08 che intendono assumere il ruolo di RSPP. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: / Settore (vedi Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) N ore Quota Iscrizione BASSO RISCHIO (Ristorazione, Commercio, Servizi) MEDIO RISCHIO (Agricoltura, Trasporti, Istruzione) ALTO RISCHIO (Edilizia, Industria/Artigianato, Rifiuti, Sanità) ,00 (+iva) ,00 (+iva) ,00 (+iva) Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. L RSPP deve sostenere ore di aggiornamento ogni 5 anni. Tali aggiornamenti si tengono con calendario disponibile presso la segreteria. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 9 di 34

10 CORSO DI FORMAZIONE LAVORATORI AI SENSI DELL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21/12/2012. (cod. SI02) IL PROGRAMMA: PARTE GENERALE concetti di rischio e danno; prevenzione e protezione; aspetti organizzativi; diritti e doveri; organi di vigilanza, controllo ed assistenza. PARTE SPECIALE I rischi specifici; la segnaletica; Le procedure di emergenza I DPI CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso consente di adempiere agli obblighi formativi previsti per i dipendenti ai sensi dell Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Il corso, articolato per macro-categorie ATECO fornirà anche chiare indicazioni in ordine ai principali adempimenti da rispettare. Ogni 5 anni andranno sostenute 6 ore di aggiornamento comuni a tutte le categorie. SOGGETTI INTERESSATI Lavoratori di tutte le aziende cosi come individuati dall Accordo Stato Regioni. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: / (moduli di 8 ore ciascuno) Settore (vedi Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011) N ore Quota Iscrizione BASSO RISCHIO (Ristorazione, Commercio, Servizi) 8 40,00 (+iva) a lavoratore MEDIO RISCHIO (Agricoltura, Trasporti, Istruzione) 12 70,00 (+iva) a lavoratore ALTO RISCHIO (Edilizia, Industria/Artigianato, Rifiuti, Sanità) 16 80,00 (+iva) a lavoratore Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. Il corso può essere tenuto direttamente presso le aziende nei giorni e negli orari desiderati al costo onnicomprensivo di Euro 220,00 (+ iva) a modulo di 4 ore (max 30 persone a modulo). C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 10 di 34

11 I SISTEMI DI GESTIONE SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (cod. SI03) BS OHSAS 18001: UNI INAIL IL PROGRAMMA: Prassi, procedure, strumenti per il controllo operativo, per la misurazione e il monitoraggio; analisi dei processi; strumenti per la comunicazione e la registrazione; Integrazione degli obblighi cogenti all interno dell organizzazione del Sistema; Affiancamento al Responsabile (designato dall azienda) del Sistema e al RSPP per l esame iniziale (per azienda che deve adottare il SGSL) o per l audit interno (per azienda in fase di mantenimento) Incontro per mettere in comune le criticità emerse durante i sopralluoghi e valutare possibili soluzioni CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso consentirà di acquisire le competenze necessarie a implementare (o a migliorare se già esistente) il SGSL. Sarà l occasione per dare vita a un momento di confronto e di apprendimento sugli strumenti che consentono l operatività di un Sistema. Il corso prevede anche un analisi individuale del livello di implementazione nella propria azienda con il supporto di un tecnico esperto. SOGGETTI INTERESSATI Datore di lavoro, RSPP/ASPP, Responsabile del Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 9.00/18.00 (4 moduli di 8 ore ciascuno) Totale ore: 32 QUOTA DI ISCRIZIONE 420,00 Euro + IVA a persona Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 11 di 34

12 LE ISPEZIONI IN AZIENDA: SPISAL E SIAN (cod. SI04) Come gestire (con serenità) gli accessi dell organo di vigilanza IL PROGRAMMA: Occasioni e obiettivi del sopralluogo SPISAL /SIAN in azienda Ruoli coinvolti e documentazione da esibire (DVR, Piano Haccp, ecc.) Priorità e criteri con cui l ispettore conduce la visita In caso di prescrizione: come dare attuazione, in quali casi è giustificata la proroga CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso consente di acquisire una corretta conoscenza delle procedure di verifica previste, della documentazione richiesta e delle responsabilità stabilite dalla normativa vigente, in modo da non vivere la verifica ispettiva come un evento problematico. SOGGETTI INTERESSATI Datori di lavoro, RSPP/ASPP. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 8.30/18.00 (lezione unica) Totale ore: 8 QUOTA DI ISCRIZIONE 90,00 Euro + IVA a persona Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 12 di 34

13 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (cod. SI05) formazione per il RLS di nuova nomina IL PROGRAMMA: Normativa Generale: le competenze delle figure previste dal D.Lgs. 81/08 e il ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza La sorveglianza sanitaria e il ruolo dell organo di vigilanza La formazione e l informazione dei lavoratori; il processo di comunicazione con gli altri soggetti aziendali della sicurezza Il documento di valutazione dei rischi (metodologia) e le misure di prevenzione e protezione CARATTERISTICHE DEL CORSO Consente al Datore di lavoro di adempiere agli obblighi formativi previsti dall art. 37 comma 6, 10 e 11 del D.Lgs. 81/08. Fornisce al partecipante le nozioni necessarie a padroneggiare la normativa vigente per diffondere, all interno dell azienda, la cultura della sicurezza permettendo ai soggetti formati di svolgere con competenza il proprio ruolo. Fornisce gli strumenti per leggere correttamente la valutazione del rischio, conoscere i criteri di stesura del relativo documento e le principali tecniche di controllo e prevenzione dai rischi stessi. SOGGETTI INTERESSATI Lavoratori che sono stati eletti Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 8.30/18.00 Totale ore: 32 QUOTE DI ISCRIZIONE 210,00 Euro + IVA Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. L RLS deve sostenere 4/8 ore di aggiornamento annuale. Tale corso si tiene con calendario disponibile presso la segreteria. Costo Euro 70,00 (+iva) C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 13 di 34

14 CORSO PREVENZIONE INCENDI AZIENDE A MEDIO/BASSO RISCHIO (cod. SI06) IL PROGRAMMA: Principi sulla combustione e incendio: il triangolo della combustione, le sostanze estinguenti Le misure di prevenzione degli incendi, concetto di protezione attiva e passiva, procedure da adottare quando si scopre un incendio I mezzi di protezione (maschere, autoprotettori) Esercitazione di spegnimento con estintori CARATTERISTICHE DEL CORSO Forma e addestra i lavoratori incaricati di assumere il ruolo di Addetto alla Prevenzione Incendi, su cui ricade un obbligo formativo previsto dall art. 37, comma 9 e art. 46 comma 4 del D.Lgs. 81/08. Come da Allegato IX del D.M. 10 Marzo 1998, fornisce sia le conoscenze teoriche per comprendere e gestire le dinamiche collegate al rischio incendio, sia le abilità pratiche, tramite una simulazione di spegnimento con l uso di estintori a polvere e/o CO2. SOGGETTI INTERESSATI Lavoratori nominati come Addetti alla Prevenzione Incendi. NB. Ai sensi dell art. 34 del D.Lgs. 81/08, il Datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti di Addetto alla Prevenzione Incendi (oltre che di Addetto al Primo Soccorso) solo se l azienda impiega fino a 5 lavoratori e non ricade nei casi di cui all art. 31 comma 6. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 8.30/18.30 (lezione unica) Totale ore: 4 (BASSO) / 8 (MEDIO) Orario: / (moduli di 4 ore ciascuno) Settore (DM marzo 1998) N ore Quota Iscrizione BASSO RISCHIO 4 70,00 (+iva) a lavoratore MEDIO RISCHIO 8 90,00 (+iva) a lavoratore Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. Il corso è soggetto a rinnovo quinquennale C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 14 di 34

15 CORSO ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (cod. SI07) per aziende dei gruppi A, B e C (rif. D.M. 388/03) IL PROGRAMMA: Riconoscere un emergenza sanitaria, allertare i soccorsi e attuare gli interventi di primo soccorso Acquisire conoscenze generali su traumi in ambiente di lavoro Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro Acquisire capacità di intervento pratico CARATTERISTICHE DEL CORSO Forma e addestra gli Addetti al Primo Soccorso ai sensi dell art. 37, comma 9 e art. 45, comma 2 del D.Lgs. 81/08: le prime 12 ore di corso saranno comuni a tutti i gruppi (A/B/C), le ultime 4 ore di corso sono dedicate alle aziende del gruppo A, come da criteri individuati dal D.M. 388/03. Insegna quali sono i comportamenti corretti da attuare in caso di emergenza sanitaria e fornisce conoscenze su traumi e patologie specifiche in ambiente di lavoro; trasferisce capacità di intervento pratico. SOGGETTI INTERESSATI Lavoratori nominati come Addetti al Primo Soccorso. NB. Ai sensi dell art. 34 del D.Lgs. 81/08, il Datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti di Addetto al Primo Soccorso (oltre che di Addetto alla Prevenzione Incendi) solo se l azienda impiega fino a 5 lavoratori e non ricade nei casi di cui all art. 31 comma 6. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 8.30/18.30 Orario: / Settore (vedi DM 388/03) N ore Quota Iscrizione GRUPPO A ,00 (+iva) a lavoratore GRUPPO B-C ,00 (+iva) a lavoratore Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. L addetto al PRIMO SOCCORSO AZIENDALE deve sostenere 4 ore di aggiornamento triennale. Tale corso si tiene presso Ascom con calendario disponibile presso la segreteria. Costo Euro 70,00 (+iva) C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 15 di 34

16 ADEMPIMENTI GENERALI PER LE ATTREZZATURE DI LAVORO Quadro generale sull Accordo Stato Regioni sulla formazione richiesta per l abilitazione degli operatori all uso delle attrezzature di cui all art. 73 comma 5 D.lgs. 81/08. FASE Già assunti caso a) Già assunti caso b) Già assunti caso c) Neoassunti o già assunti Aggiunta di altra attrezzatura simile a quella di cui si ha già l abilitazione Lavoratori del settore agricolo Formazione Tecnica già effettuata e documentata (1) Già effettuata e durata >=accordo per la specifica attrezzatura Già effettuata e durata minore accordo per la specifica attrezzatura Già effettuata e durata qualsiasi per la specifica attrezzatura Nessuna o fatta e non documentata Già effettuata e durata <=accordo per la specifica attrezzatura Formazione Pratica già effettuata e documentata (1) Già effettuata e durata >=accordo per la specifica attrezzatura Già effettuata e durata minore accordo per la specifica attrezzatura Già effettuata e durata qualsiasi per la specifica attrezzatura Nessuna o fatta e non documentata Già effettuata e durata <=accordo per la specifica attrezzatura Esperienza documentata <2 anni Verifica finale apprendimento Effettuata e documentata Effettuata e documentata Non effettuata Nessuna o fatta e non documentata Effettuata e documentata Formazione da fare ex novo Esonero Modulo di aggiornamento entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore accordo Modulo di aggiornamento entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore accordo Con verifica finale apprendimento Conforme all accordo. Da fare entro 24 mesi dall entrata in vigore dell accordo. Da fare solo la parte pratica prevista per l attrezzatura. La parte teorica costituisce credito formativo permanente Aggiornamento Almeno 4 ore, di cui almeno 3 di pratica Entro 5 anni dalla data di superamento verifica finale apprendimento Entro 5 anni dalla data di conclusione aggiornamento Entro 5 anni dalla data di attestazione superamento verifica finale Entro 5 anni dalla data di rilascio attestato di abilitazione Entro 5 anni dalla data di rilascio attestato di abilitazione Entro 5 anni dalla data di pubblicazione dell accordo C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 16 di 34

17 CORSO ADDETTI AI CARRELLO ELEVATORE (cod. SI08) attrezzatura di lavoro Modulo teorico Giuridico normativo 1 ora Modulo pratico Tipologia ore Carrelli industriali semoventi 4 Carrelli semoventi a braccio telescopico 4 Teorico 7 ore Carrelli/sollevatori semoventi telescopici rotativi Utilizzo di tutti i Carrelli descritti sopra 4 8 IL PROGRAMMA: Parte giuridico/teorica: Il panorama normativo; Caratteristiche generali dei carrelli elevatori; Concetti fisici rilevanti ai fini della movimentazione: forza, peso, baricentro, forza centrifuga, inerzia, ecc. Norme di lavoro: controlli generali prima dell uso del carrello elevatore, sistemazione del carico sulle forche, norme di circolazione, comportamenti da adottare in caso di anomalie o guasti riscontrati durante il servizio e in caso di incidente o infortunio Pratica: Denominazione e collocamento delle diverse parti, posizione di guida corretta, avviamento e manovre, con e senza carico, su un percorso di prova CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso è conforme all Accordo Stato regioni sulla formazione richiesta per l abilitazione degli operatori all uso delle attrezzature di cui all art. 73 comma 5 del D.lgs 81/08. SOGGETTI INTERESSATI Conduttori di carrelli elevatori. CALENDARIO DI SVOLGIMENTO Consultare la segreteria Ascom o il sito Orario: 19.00/23.00 (moduli di 4 ore con prova pratica) Totale ore: vedi sopra QUOTE DI ISCRIZIONE 80,00 Euro + IVA Il costo è comprensivo di quota iscrizione, dei testi e di tutto il materiale didattico. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 17 di 34

18 I SISTEMI DI GESTIONE SULLA SICUREZZA BS OHSAS Per Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro s'intende un sistema organizzativo aziendale finalizzato a garantire il raggiungimento degli obiettivi di salute e sicurezza cercando, attraverso la strutturazione e la gestione, di massimizzare i benefici minimizzando al contempo i costi. Adottare un SGSL non è un obbligo di legge ma la scelta volontaria di chi sente la responsabilità della sicurezza propria e degli altri. Adottare un SGSL consente di ridurre i costi della non sicurezza: o indiretti perché riduce la probabilità di accadimento degli infortuni e i costi che ne conseguono o diretti perché si può chiedere la riduzione del tasso di tariffa INAIL: tale riduzione, congiunta con il meccanismo bonus malus, può determinare uno sconto complessivo del 35%-40% dei premi assicurativi, in funzione di diversi parametri. Tale SGSL deve quindi garantire: o la riduzione dei complessiva dei costi derivanti da incidenti, infortuni e malattie correlate al lavoro attraverso la minimizzazione dei rischi a cui possono essere esposti i dipendenti e in genere tutte le persone che possono ruotare attorno all'azienda (clienti, fornitori, etc.); o l'aumento dell'efficienza dell'impresa; o o il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro; la massima facilità nel poter produrre tutta la documentazione richiesta dalle norme; Le norme per realizzare tale Sistema (e previste dall art. 30 del D.lgs 81/08) oltre alle BS OHSAS 18001:2007, sono le Norme UNI INAIL (che non sono però certificabili). C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 18 di 34

19 LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELL IMPRESA ED IL D.LGS 231/01 Il d.lgs 231/01 ha introdotto la responsabilità amministrativa dell impresa nell ipotesi, tra gli altri dei seguenti reati: a) Indebita percezione di erogazioni da parte dello stato o altri enti pubblici; b) Truffa ai danni dello stato o altro ente pubblico per il conseguimento di erogazioni pubbliche; c) Concussione; d) Corruzione; e) Frode informatica in danno dello stato o altro ente pubblico; f) Reati societari (false comunicazioni sociali, aggiottaggio, ecc.); g) Abusi di mercato. La legge 123/07 all art. 9 estende il campo di applicazione del d.lgs 231/01 ai reati di omicidio colposo e lesioni gravi/gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e sicurezza sul lavoro. E chiaro che questo estende l ambito di applicazione a tutte le società di capitali che abbiano lavoratori dipendenti e/o assimilati. Per tutti i reati previsti dal 231, in aggiunta alla responsabilità (penale) individuale, sono previste a carico delle imprese: o sanzioni pecuniarie; o interdizione esercizio attività; o revoca licenze, concessioni, ecc.; o esclusione/revoca di contributi e finanziamenti; o divieto a contrattare con la P.A. Da notare la particolare onerosità delle sanzioni in quanto la base di partenza è fissata in Euro. L azienda può esimersi dalla responsabilità prevista per tali reati se dimostra che: 1. Ha adottato ed efficacemente attuato un modello di organizzazione e gestione idonei a prevenire i reati della specie di quello verificatosi (vedi anche art. 30 del d.lgs 81/08); 2. Tale modello modello è stato affidato ad un apposito Organismo di vigilanza aziendale; 3. Gli autori del reato hanno fraudolentemente commesso lo stesso eludendo il medesimo modello organizzativo. Il modello organizzativo Il modello può essere sviluppato liberamente, purchè sia definito e strutturato nei suoi elementi operativi; è chiaro comunque che è fondamentale che esso faccia riferimento a sistemi ispirati a norme come la BS OHSAS 18001, UNI INAIL (area sicurezza), SA 8000 (gestione etica), ecc. Il modello deve prevedere quindi un'analisi dei rischi che individui le fattispecie di reato a cui è sottoposta l'organizzazione e nella sua parte generale possieda i seguenti elementi: C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 19 di 34

20 o Definizione del modello e sua adozione; o Struttura del modello; o Procedure operative o Predisposizione del sistema di controllo preventivo; o Organismo di vigilanza; o L adozione di un codice etico (sistema sanzionatorio interno). Particolare importanza assume l Organismo di Vigilanza che, istituito da Consiglio di Amministrazione, nomina i suoi membri con criteri di competenza ed autonomia; tale organismo di vigilanza avrà il compito di verificare il rispetto del Codice Etico e di comminare eventuali sanzioni; naturalmente il modello specificherà in modo particolare il funzionamento dell Organismo di Vigilanza (Nomina e revoca membri, flusso di informazioni, reporting, ecc.). LA PROPOSTA DI ASCOM Il Centro di Formazione Ascom offre, a mezzo di personale altamente qualificato, alle aziende ed agli Studi Professionali la parte relativa alla sicurezza (Sistema ispirato alla Norma BS OHSAS oppure UNI INAIL) in azienda articolando il servizio come riportato a fianco ed assicurando di poter realizzare chiavi in mano sistemi di gestione che abbiano i requisiti previsti dalla legge. La consulenza comprende naturalmente tutti gli aspetti relativi all applicazione della sicurezza in azienda (d.lgs 81/08) propedeutici alla realizzazione ed implementazione del sistema. La visita informativa iniziale in azienda o presso lo studio è (come sempre) completamente gratuita ed assolutamente non impegnativa. C a t a l o g o S e r v i z i A n n o Pagina 20 di 34

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO ADF ASSOCIAZIONE DISTRIBUTORI FARMACEUTICI ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli