SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO"

Transcript

1 Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono Sicurezza, Privacy, Formazione SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO INFORMAZIONI PER I DATORI DI LAVORO E PER I RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI Rev. 1 Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - -

2 INDICE 0. INTRODUZIONE CONCETTI GENERALI Normativa su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/ Il lavoratore subordinato FIGURE PROFESSIONALI Figure professionali per la sicurezza e la salute Datore di lavoro Dirigente/i e preposto/i Servizio di prevenzione e protezione Medico competente Rappresentante/i dei lavoratori per la sicurezza Incaricato/i ai servizi di emergenza Lavoratore/i MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Le principali misure di prevenzione Le misure generali di protezione La valutazione dei rischi La valutazione dei rischi generali e specifici La valutazione dei rischi particolari RELAZIONI PER LA PREVENZIONE Generalità Informazione Formazione Consultazione Riunione periodica Sorveglianza sanitaria NOMINA DEL RSPP Aspetti normativi Culpa in eligendo Culpa in vigilando La designazione La specializzazione RSSP/ASPP già designati ADEGUARSI ALLA NORMATIVA Perché adeguarsi Perché adeguarsi subito Come adeguarsi CONSULENTE ED AUTORE Vantaggi se ci si avvale di un Consulente Ulteriori vantaggi se ci si avvale dell Autore Servizi che può fornire l Autore TABELLE Tabella 1 Lavoratore subordinato...4 Tabella 2 Lavoratore non subordinato...4 Tabella 3 Macrosettori ATECO NOTE GENERALI Le parti evidenziate in giallo sono previste per una lettura rapida del documento. Il termine Organizzazione indica l azienda, l ente o lo studio professionale del datore di lavoro. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 2 di 14

3 0. INTRODUZIONE Questo documento fornisce le informazioni essenziali ad un datore di lavoro per conoscere o approfondire il tema della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro. Questo documento è aggiornato alle ultime disposizioni contenute nel D.Lgs. 81/08, sulla salute e la sicurezza sul lavoro, che vale in tutte le aziende di ogni settore privato o pubblico, comprese le scuole, gli ospedali, le attività no profit, ove operi anche un solo lavoratore subordinato o equiparato. Il decreto anzidetto impone al datore di lavoro la valutazione di tutti i rischi presenti nell attività lavorativa, la predisposizione di adeguate misure di prevenzione e di protezione, compresa l informazione e la formazione dei lavoratori. I rischi sono presenti tutti i giorni nelle attività di lavoro (es. uso di attrezzature, macchine, impianti, agenti chimici pericolosi, ecc.) ma anche di vita o in casa (es. uso di prodotti per la pulizia, solventi, diluenti, che possono essere pericolosi). I rischi possono essere eliminati alla fonte o, comunque, limitati attraverso la predisposizione delle misure di prevenzione (organizzative, procedurali, tecniche) e la loro conoscenza. Tuttavia anche le misure più sofisticate possono essere rese meno valide da un uso errato o scorretto, dovuto a insufficiente in-formazione o addestramento. Il decreto anzidetto prevede sanzioni in caso di violazione delle prescrizioni a carico dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti, del medico competente, di installatori, progettisti, nonché degli stessi lavoratori (sanzioni calibrate secondo le singole responsabilità specifiche). 1. CONCETTI GENERALI 1.1 Normativa su sicurezza e salute nei luoghi di lavoro La normativa di riferimento è la seguente: A livello europeo: principalmente le direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 99/92/CE, 2001/45/CE, 2003/10/CE e 2003/18/CE. A livello nazionale: Decreto legislativo n. 81 del 30 aprile 2008 (D.Lgs. 81/08), entrato in vigore il , tranne alcuni aspetti entrati in vigore il Normative analoghe sono in vigore in tutti i Paesi dell Unione Europea (anche gli Stati di recente ingresso nell Unione dovranno adeguarsi). 1.2 Il campo di applicazione del D.Lgs. 81/08 Il D.Lgs. 81/08 prescrive misure per la sicurezza e la salute dei lavoratori di tutti i settori di attività privati e pubblici. Esso, inoltre, deve essere applicato dai datori di lavoro di tutte le imprese, grandi o piccole che siano, che abbiano anche un solo lavoratore subordinato (v. 1.3). 1.3 Il lavoratore subordinato Il D.Lgs. 81/08 definisce lavoratore (subordinato) la Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. È equiparato al lavoratore subordinato quello che rientri in uno dei casi previsti nel seguente elenco: Il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell ente stesso. L associato in partecipazione (C.C. artt e seguenti). Il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento (L. 196/97 art. 18). L allievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature, agenti chimici, fisici e biologici, apparecchiature fornite di videoterminali. Il volontario per attività prestata in modo personale, spontaneo e gratuito senza fini di lucro anche indiretto ed esclusivamente per fini di solidarietà (Legge 266/91). I volontari dei VVF e della Protezione Civile. Il volontario che effettua il servizio civile. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 3 di 14

4 Il lavoratore che svolge lavori socialmente utili (D.Lgs. 468/97 e s.m.). Rientrano in questa definizione anche i lavoratori con contratto atipico : lavoratore temporale, con orario ridotto, modulato o flessibile; lavoratore a progetto. Nella tabella seguente si riportano alcuni casi di lavoratore subordinato. Tabella 1 Lavoratore subordinato LAVORATORE SUBORDINATO LAVORATORE DIPENDENTE SOCIO LAVORATORE DI COOPERATIVA SOCIO LAVORATORE DI SOCIETÀ TIROCINANTE STUDENTE CORSISTA LAVORATORE A PROGETTO (co.co.pro. - c/o committente) COLLABORATORE FAMILIARE (con contratto di assunzione) DESCRIZIONE Persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale (anche se telelavoro). Socio lavoratore di cooperativa, che presta la propria attività per conto dell ente stesso. Socio lavoratore di società, anche di fatto, che presta la propria attività per conto della società stessa (quota < 50%). Utente dei servizi di orientamento o di formazione scolastica, universitaria e professionale avviato presso un datore di lavoro per agevolare o per perfezionare la propria scelta professionale. Allievo di istituto di istruzione ed universitario, nel quale (= solo se) si faccia uso di laboratori, macchine, apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici. Non è computato ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il D.Lgs. 81/08 fa discendere particolari obblighi. Partecipante a corso di formazione professionale, nel quale (= solo se) si faccia uso di laboratori, macchine, apparecchi ed attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici. Non è computato ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il D.Lgs. 81/08 fa discendere particolari obblighi. Si applicano le norme del D. Lgs. 81/08 e quelle di tutela contro gli infortuni e le malattie professionali, se la sua prestazione lavorativa si svolge nei luoghi di lavoro del committente. Codice Civile - art bis (coniuge, parente 3 grado, affine 2 grado) [Circ. Min. Lavoro e Prev. Soc. 30/98]. È considerato lavoratore non subordinato qualsiasi lavoratore che rientri in uno dei casi previsti nella seguente tabella. Tabella 2 Lavoratore non subordinato LAVORATORE NON SUBORDINATO COLLABORATORE FAMILIARE (casi da quelli della tab. precedente) SOCIO MAGGIORITARIO LEGALE RAPPRESENTANTE AGENTE, RAPPRESENTANTE DESCRIZIONE Codice Civile - art bis (coniuge, parente 3 grado, affine 2 grado) [Circ. Min. Lavoro e Prev. Soc. 154/96] > 50% quote / capitale Lavoratore con rapporto di agenzia e di rappresentanza commerciale ASSOCIATO IN PARTECIPAZIONE Codice Civile - art Socio di cooperativa o di società, anche di fatto, che non presta attività SOCIO NON LAVORATORE lavorativa (apporto di solo capitale) LAVORATORE A PROGETTO Non si applicano le norme del D. Lgs. 81/08 e quelle di tutela contro gli (co.co.pro. - non c/o infortuni e le malattie professionali, se la sua prestazione lavorativa non si committente) svolge nei luoghi di lavoro del committente LAVORATORE AUTONOMO Codice Civile - art e seguenti ADDETTO AI SERVIZI DI PORTIERATO ADDETTO AI SERVIZI DOMESTICI Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 4 di 14

5 2. FIGURE PROFESSIONALI 2.1 Figure professionali per la sicurezza e la salute Per la tutela della sicurezza e salute dei lavoratori, il D.Lgs. 81/08 prevede specifiche funzioni per diverse figure: Datore di lavoro (figura obbligatoria) Dirigente/i e preposto/i Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP - figura obbligatoria) Addetto/i al servizio di prevenzione e protezione (ASPP) Medico competente (figura obbligatoria se va effettuata la sorveglianza sanitaria dei lavoratori) Rappresentante/i dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS - figura obbligatoria) Incaricato/i alla gestione dell emergenza, prevenzione incendi, lotta antincendio, evacuazione (figura obbligatoria) Incaricato/i al primo soccorso (figura obbligatoria) Lavoratore/i. Il sistema di prevenzione si estende anche oltre i confini dell Organizzazione, coinvolgendo anche chi fornisce servizi o mezzi tecnici che possono influire sulle condizioni di sicurezza e salute: Progettisti; Fabbricanti; Fornitori; Installatori; Prestatori d opera in appalto. 2.2 Datore di lavoro È il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità dell impresa stessa ovvero dell unità produttiva, in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa. Il datore di lavoro deve: Istituire il servizio di prevenzione e protezione (SPP), nominandone il responsabile (RSPP); Nominare il medico competente (ove previsto); Valutare tutti i rischi (e redigerne il relativo documento, tranne temporanee eccezioni nelle piccole realtà); Individuare le misure di prevenzione; Programmare le azioni per il miglioramento dei livelli di sicurezza; Informare e formare i lavoratori sui rischi e le corrispondenti misure di prevenzione e protezione adottate. Tra gli obblighi del datore di lavoro assume un rilievo centrale quello di informare e formare i lavoratori; conseguentemente, la responsabilità del lavoratore dipende dalla informazione, formazione e addestramento ricevuti dal datore di lavoro. Il datore di lavoro è tenuto a fornire al servizio di prevenzione e protezione (v. 2.4) informazioni in merito a: la natura dei rischi; l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; i dati del registro degli infortuni e delle malattie professionali; le prescrizioni degli organi di vigilanza. 2.3 Dirigente/i e preposto/i Ai dirigenti e ai preposti possono essere assegnati alcuni degli obblighi del datore di lavoro: Affidare ai collaboratori compiti di lavoro, tenendo conto delle condizioni e delle capacità dei lavoratori in relazione alla sicurezza; Fornire i dispositivi di protezione individuale (DPI); Informare e formare i lavoratori sui rischi e le misure di prevenzione; Richiedere ai lavoratori di osservare le disposizioni in materia di sicurezza e salute. 2.4 Servizio di prevenzione e protezione Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi è l insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all Organizzazione finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali nell Organizzazione, ovvero unità produttiva. Si compone delle seguenti figure professionali: Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP - figura obbligatoria) Addetto/i al servizio di prevenzione e protezione (ASPP). Eventuali altre figure, per periodi limitati (esperti in acustica, esperti in vibrazioni, ecc.). Il servizio va istituito in tutte le aziende ove c è almeno un lavoratore subordinato ed è formato da persone in numero sufficiente, con competenze adeguate alla natura dei rischi e con disponibilità di mezzi e risorse. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 5 di 14

6 Se i dipendenti non hanno le competenze sufficienti, il datore di lavoro deve integrarle con persone o servizi esterni. La designazione interna è comunque obbligatoria per particolari tipologie di imprese, generalmente di grandi dimensioni (es. le industrie con più di 200 addetti) o ad alto rischio (es. le centrali termoelettriche). Il responsabile (RSPP) e gli addetti (ASPP) devono essere in possesso di un titolo di studio di istruzione secondaria superiore (se nominati dopo il 13 febbraio 2003) e, se non esonerati, devono aver comunque frequentato i corsi di formazione previsti sui rischi del luogo di lavoro e delle attività lavorative. Il responsabile deve avere frequentato anche un corso più specifico (sui rischi di natura ergonomica e psicosociale, le tecniche di comunicazione e le relazioni sindacali, l organizzazione e la gestione delle attività tecnico-amministrative). Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali provvede a: Individuare i fattori di rischio, valutare i rischi e individuare le misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; Elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive e i sistemi di controllo di tali misure; Elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; Proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; Partecipare (solo RSPP) alla riunione periodica in tema di salute e di sicurezza [art. 35] (v. 4.5); Fornire ai lavoratori le informazioni [art. 36]. 2.5 Medico competente Il medico competente aziendale deve essere nominato dal datore di lavoro quando sussiste, anche per un solo lavoratore subordinato, l obbligo di sorveglianza sanitaria (v. 4.6). Il medico competente deve: Effettuare gli accertamenti sanitari preventivi e periodici; Esprimere i giudizi di idoneità alla mansione; Informare i lavoratori sul significato degli accertamenti sanitari; Compilare le cartelle sanitarie e di rischio ed inserirle singolarmente in buste da custodire in luogo protetto; Visitare i luoghi di lavoro una volta all anno e redigerne un verbale. 2.6 Rappresentante/i dei lavoratori per la sicurezza In tutte le aziende o unità produttive è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS): Nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori il RLS è di norma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure è individuato per più aziende nell ambito territoriale o del comparto produttivo. Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori il RLS è designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali nell Organizzazione. In assenza di tali rappresentanze, il RLS è eletto dai lavoratori dell Organizzazione al loro interno. Se i lavoratori non eleggono il proprio RLS l Organizzazione non è sottoposta a sanzione, ma l Organismo paritetico territoriale invia d ufficio un RLS territoriale o del comparto produttivo. Il nominativo del RLS aziendale, riferito al 31 dicembre dell anno precedente, va comunicato telematicamente all INAIL entro il 31 marzo di ciascun anno (16 maggio 2009 per quanto riguarda il 31 dicembre 2008). Per la mancata comunicazione è prevista una sanzione di 500,00. Se l Organizzazione non ha un RLS aziendale non deve effettuare la comunicazione telematica e non è sottoposta ad alcuna sanzione. Il RLS aziendale è tenuto a frequentare un corso di 32 ore. Le attribuzioni del RLS sono: Accede ai luoghi di lavoro; È consultato su valutazione dei rischi, individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione; È consultato sulla designazione e sulla formazione degli incaricati ai servizi di emergenza e primo soccorso; Riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi, le misure di prevenzione, le sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l organizzazione e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali; Riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; Promuove l elaborazione, l individuazione e l attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l integrità fisica dei lavoratori; Formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti; Partecipa alla riunione periodica in tema di salute e di sicurezza (v. 4.5); Fa proposte in merito all attività di prevenzione; Avverte il responsabile dell Organizzazione dei rischi individuati nel corso della sua attività; Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 6 di 14

7 Può fare ricorso alle Autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal datore di lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non sono idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro. 2.7 Incaricato/i ai servizi di emergenza I servizi di emergenza sono: Primo soccorso. Prevenzione incendi, Lotta antincendio, Evacuazione. Il datore di lavoro designa i lavoratori incaricati ai servizi di emergenza. Tali lavoratori devono frequentare appositi corsi di formazione e successivamente corsi di aggiornamento. I lavoratori non possono rifiutare la designazione, se non per giustificato motivo. 2.8 Lavoratore/i Il lavoratore è soggetto di diritti e di doveri. I DIRITTI DEL LAVORATORE Ricevere informazioni e formazione sui rischi e sulle misure di prevenzione e protezione adottate; Ricevere informazioni sul significato degli accertamenti sanitari che lo riguardano; Ottenere copia della cartella sanitaria e di rischio (alla risoluzione del rapporto di lavoro o a richiesta); Essere rappresentato da un RLS; Partecipare al miglioramento continuo delle condizioni di sicurezza e salute; Potersi allontanare ed essere protetto in caso di pericolo grave, immediato e che non può essere evitato. I DOVERI DEL LAVORATORE Prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti nel luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni od omissioni, conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro; Osservare le disposizioni impartite; Utilizzare correttamente i macchinari, gli utensili, le sostanze, i mezzi di trasporto, i dispositivi di sicurezza e i dispositivi di protezione individuale; Segnalare immediatamente eventuali deficienze di sicurezza e le situazioni di pericolo; Non rimuovere o modificare i dispositivi di sicurezza; Non compiere di propria iniziativa operazioni che possono compromettere la sicurezza propria o dei colleghi; Sottoporsi ai controlli sanitari; Non rifiutare, se non per giustificato motivo, la designazione ai servizi di emergenza (v. 2.7). 3. MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 3.1 Le principali misure di prevenzione Le principali misure di prevenzione sono: Valutazione di tutti i rischi; Programmazione della prevenzione, mirando ad un complesso che integra in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche, produttive ed organizzative dell Organizzazione nonché l influenza dei fattori dell ambiente di lavoro; Eliminazione dei rischi e, ove non sia possibile, loro riduzione al minimo; Riduzione dei rischi alla fonte; Sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è o che è meno pericoloso; Attuazione dapprima delle misure collettive di protezione e poi di quelle individuali; Informazione e formazione dei lavoratori. 3.2 Le misure generali di protezione Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori sono contenute nel D.Lgs. 81/08 art. 15 e sono le seguenti: Valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza; Eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico e, ove ciò non è possibile, loro riduzione al minimo; Riduzione dei rischi alla fonte; Sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso; Rispetto dei principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, anche per attenuare il lavoro monotono e quello ripetitivo; Priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; Limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 7 di 14

8 Utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro; Controllo sanitario dei lavoratori in funzione dei rischi specifici; Allontanamento del lavoratore dall esposizione a rischio, per motivi sanitari inerenti la sua persona; Misure igieniche; Misure di protezione collettiva ed individuale; Misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, lotta antincendio, evacuazione dei lavoratori e pericolo grave ed immediato; Uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; Regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti; Informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori, ovvero dei loro rappresentanti (RLS), sulle questioni riguardanti la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro; Fornitura di istruzioni adeguate ai lavoratori. 3.3 La valutazione dei rischi La valutazione dei rischi generali e specifici La valutazione dei rischi è l obbligo fondamentale per la prevenzione in qualsiasi luogo di lavoro o attività. Vanno valutati i rischi: Generali dell impresa; Specifici di ogni mansione, postazione, luogo di lavoro, attrezzatura. La valutazione dei rischi deve essere riportata in un documento, sempre presente nell Organizzazione, che deve contenere anche: I criteri adottati per la valutazione dei rischi; I lavoratori esposti ai rischi identificati; Le misure di prevenzione e protezione e i dispositivi di protezione individuale conseguenti alla valutazione dei rischi; Gli eventuali rischi residui dopo l attuazione delle misure di prevenzione e protezione; La programmazione (responsabilità e tempi sia di attuazione sia di controllo) delle misure previste per il miglioramento continuo dei livelli di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro deve valutare i rischi relativi a: Ambienti di lavoro (es. microclima, illuminazione, pulizia, incendio, esplosioni, cadute, ecc.); Uso di attrezzature di lavoro (es. urto, taglio, schiacciamento, ecc.) e dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale); Esposizione ad agenti fisici (es. rumore, vibrazioni, radiazioni, ecc.); Attività a videoterminale (VDT) o che riguardano la movimentazione manuale dei carichi; Manipolazione, o comunque, esposizione ad agenti cancerogeni, chimici e biologici (es. contatto, aspirazione, ingestione, ecc.) oppure in presenza di atmosfere esplosive; Conseguenze sulla salute psico-fisica dell organizzazione del lavoro (orari, turni, ritmi, carichi di lavoro, equilibrio tra responsabilità e competenze, ecc.); Attività particolari (es. estrattive, in cantieri temporanei o mobili, con macchine pericolose, a bordo di navi o nei porti, ecc.) La valutazione dei rischi particolari La valutazione dei rischi va allargata, in caso di presenza di particolari lavoratori: Donne in gravidanza, puerperio ed allattamento (D.Lgs. 151/01); Minori, lavoratori dai 15 ai 18 anni non compiuti, che abbiano assolto agli obblighi scolastici (D.Lgs. 345/99); Conducenti di mezzi di trasporto aziendali (carrelli elevatori, autovetture, furgoni, camion, ecc.) Disabili (Legge 68/99); Lavoratori notturni (D.Lgs. 532/99); Stranieri; Manutentori e addetti alle pulizie. 4.1 Generalità 4. RELAZIONI PER LA PREVENZIONE Il D.Lgs. 81/08 prevede tra i soggetti del sistema aziendale di prevenzione (v. cap. 2) un articolato sistema di relazioni composta da: Informazione (e istruzioni); Formazione (e addestramento); Consultazione; Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 8 di 14

9 Riunione periodica; Sorveglianza sanitaria. 4.2 Informazione Il contenuto dell informazione deve riguardare: sia i rischi sia le misure di prevenzione; sia i rischi generali d impresa sia i rischi specifici della mansione. Le principali fonti dell informazione sono: il documento di valutazione dei rischi; le schede di sicurezza degli agenti chimici; il registro degli infortuni; gli eventuali registri dei lavoratori esposti (amianto, agenti cancerogeni-mutageni, agenti biologici); le eventuali informazioni provenienti dai servizi di vigilanza; altra eventuale documentazione aziendale (es. registro deui quasi-incidenti); documentazione esterna (di aziende dello stesso settore o contenuta in banche dati, ecc.). I mezzi di informazione possono essere: strumenti di propaganda (avvisi in bacheca, poster, depliant, busta paga, ecc.); dispense, minimanuali, opuscoli; manuali, dossier; audiovisivi (videocassette, DVD); cd-rom multimediali e interattivi; Internet, FAD (formazione a distanza), ecc.; riunioni illustrative (anche in piccoli gruppi); colloqui individuali; segnaletica e cartellonistica. È da notare che non esiste un mezzo ugualmente valido in ogni situazione e per ogni lavoratore: il massimo di efficacia si ottiene con un mix di mezzi diversi. 4.3 Formazione Il D.Lgs. 81/08 prevede obblighi di formazione adeguata e sufficiente per le seguenti figure professionali: Tutti i lavoratori; Conducenti dei carrelli elevatori; Lavoratori incaricati ai servizi di emergenza; Rappresentante/i dei lavoratori per la sicurezza (RLS); Responsabile e addetto/i del servizio di prevenzione e protezione (RSPP / ASPP); Dirigenti e preposti Datore di lavoro che intende svolgere in prima persona le funzioni di responsabile del servizio aziendale, consentito solo nei seguenti casi 1 : 1. Aziende artigiane e industriali 2 : fino a 30 addetti; 2. Aziende agricole e zootecniche: fino a 10 addetti; 3. Aziende della pesca: fino a 20 addetti; 4. Altre aziende: fino a 200 addetti. Gli obiettivi della formazione vanno collocati in tre aree di apprendimento: Conoscenze (sapere); Capacità (saper fare); Atteggiamenti (saper essere). In media una persona apprende: il 10% di ciò che legge e il 20% di ciò che ascolta; il 30% di ciò che vede e il 50% di ciò che ascolta e vede; l 80% di ciò che discute e sperimenta. 4.4 Consultazione La consultazione, principalmente del RLS, deve avvenire sui seguenti aspetti: la valutazione dei rischi, la programmazione e la verifica delle misure di prevenzione e protezione; la designazione del responsabile (e degli eventuali addetti) del servizio di prevenzione e protezione; la designazione degli incaricati della squadra di emergenza; il ricorso a persone o servizi esterni; 1 2 Il datore di lavoro è tenuto in tali casi a frequentare un corso di almeno 16 ore, il cui contenuto è conforme a quanto previsto dall art. 3 D.M. 16 gennaio Escluse le centrali termoelettriche, gli impianti ed i laboratori nucleari, le aziende estrattive ed altre attività minerarie, le aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, le strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 9 di 14

10 la formazione degli incaricati ai servizi di emergenza. 4.5 Riunione periodica Nelle aziende e nelle unità produttive che occupano più di 15 lavoratori, il datore di lavoro deve organizzare almeno una volta all anno una riunione con la partecipazione di: Datore di lavoro (o un suo Rappresentante); RSPP, responsabile del servizio di prevenzione e protezione; RLS, rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; Medico competente (se prevista la sorveglianza sanitaria nell Organizzazione). Nella riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti: il documento di valutazione dei rischi; l andamento degli infortuni e delle malattie professionali e della sorveglianza sanitaria; i criteri di scelta, le caratteristiche tecniche e l efficacia dei dispositivi di protezione individuale; i programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori ai fini della sicurezza e della protezione della loro salute; altri argomenti eventuali, in ambito di prevenzione e protezione. Nelle unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori, è facoltà del RLS chiedere la convocazione di un apposita riunione. 4.6 Sorveglianza sanitaria La sorveglianza sanitaria va effettuata quando ricorrono uno o più dei seguenti casi: Agenti biologici (Titolo IX art. 279) Agenti cancerogeni-mutageni (Titolo IX art. 242) Agenti chimici pericolosi (Titolo IX art. 229) Lavoratori ai videoterminali [ 20h/settimana] (Titolo VII art. 176) Amianto (Titolo IX art. 259) Campi elettromagnetici (Titolo VIII art. 211) Movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI art. 168) Radiazioni ottiche (Titolo VIII art. 218) Rumore [minori >80db(A),135db(C) / adulti >85db(A),137db(C)] Vibrazioni (Titolo VIII art. 204) Minori (L. 977/67, modificata dal D.Lgs. 345/99) Lavoro notturno (D.Lgs. 66/03, modificato dal D.Lgs. 213/04) Radiazioni ionizzanti (D.Lgs. 230/95, modificato dal D.Lgs. 241/00) Lavoratrici in gravidanza (D.Lgs. 151/01 Capo II) Sostanze stupefacenti e psicotrope (D.P.R. 309/90 Intesa Stato-Regioni All. I) Alcol e problemi alcolcorrelati (L. 125/01 Intesa Stato-Regioni All. I) Silicosi (D.P.R. 1124/65 Capo VIII art. 157) Lavori in cassoni ad aria compressa (D.P.R. 321/56 art. 34) 5. NOMINA DEL RSPP 5.1 Aspetti normativi Il Legislatore comunitario ha delegato agli Stati membri la definizione di un archetipo di RSPP, limitandosi a sancirne le funzioni. La Corte di Giustizia dell Unione Europea ha censurato l Italia 3 per non aver adempiuto a tale obbligo delegato. In particolare la Corte Europea ha osservato che gli Stati membri hanno l obbligo di disciplinare in modo chiaro e preciso i parametri per le competenze dei soggetti responsabili delle attività di prevenzione e protezione. In conseguenza di ciò, il D.Lgs. 81/08 art. 31 rende obbligatoria la designazione del responsabile (ed eventuali addetti) esterni al servizio di prevenzione e protezione, in difetto di idonee capacità all interno della struttura, mentre il D.Lgs. 81/08 art. 32 contiene i requisiti per lo svolgimento dei compiti di Responsabile (RSPP) e di Addetto (ASPP) del Servizio di Prevenzione e Protezione. 5.2 Culpa in eligendo La norma impone al datore di lavoro di dotarsi di un collaboratore in possesso di capacità e requisiti professionali (art. 32), investendo lo stesso datore di lavoro di ogni responsabilità conseguente la scelta del soggetto, sotto il profilo della cosiddetta culpa in eligendo, così come confermato dalla necessità di rendere trasparente e giustificata tale scelta. 3 Corte Giustizia, 15 novembre 2001, causa C-49/00. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 10 di 14

11 5.3 Culpa in vigilando La nomina del RSPP non esime il datore di lavoro dall effettuare un controllo costante sull attività svolta dal RSPP e, più in generale, dal SPP. In difetto, può incorrere in sanzioni per culpa in vigilando. 5.4 La designazione Il D.Lgs. 81/08 art. 31 impone al datore di lavoro di designare il RSPP, mentre il successivo art. 32 sancisce caratteristiche, requisiti e capacità necessarie per lo svolgimento di tale funzione, così come per quella di ASPP. La designazione del responsabile, diversamente da quella degli addetti, deve essere effettuata personalmente dal datore di lavoro, poiché tale obbligo è incluso tra quelli indelegabili di cui al D.Lgs. 81/08 art. 17. Nel caso di designazione di RSPP/ASPP non qualificati ai sensi del D.Lgs. 81/08, il datore di lavoro incorre in sanzioni penali ed amministrative previste dal D.Lgs. 81/08, in quanto vi è un difetto nella designazione del RSPP/ASPP non qualificato ai sensi del D.Lgs. 81/08 art La specializzazione Con la precedente normativa, una persona che aveva i requisiti per svolgere il ruolo di RSPP poteva esercitare tale funzione in aziende di qualsiasi settore economico (industria, commercio, servizi, ecc.). Con la nuova normativa ciò non è più possibile: infatti quando ci si iscrive ad un corso autorizzato per ottenere la qualifica di RSPP/ASPP, è obbligatorio selezionare uno dei nove macrosettori ATECO in cui sono suddivise le attività economiche, come riportato nella tabella sottostante. Ovviamente un professionista può avere i titoli per svolgere il ruolo di RSPP/ASPP in aziende di macrosettori ATECO diversi, se ha frequentato più corsi, iscrivendosi di volta in volta per macrosettori ATECO differenti. MACROSETTORI SETTORI 1 A Agricoltura 2 B Pesca CA CB F DA DB DC DD DE DI DJ DK DL DM DN E O DF DG DH G I Tabella 3 Macrosettori ATECO ATTIVITÀ Estrazione minerali Altre industrie estrattive Costruzioni Industrie alimentari Tessili, Abbigliamento Conciarie, Cuoio Legno Carta, Editoria, Stampa Minerali non metalliferi Produzione e lavorazione di metalli Fabbricazione di macchine, apparecchi meccanici Fabbricazione di macchine, apparecchi elettrici ed elettronici Autoveicoli Mobili Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas, acqua Smaltimento rifiuti Raffinerie, Trattamento combustibili nucleari Industria chimica, Fibre Gomma, Plastica Commercio ingrosso e dettaglio,attività artigianali varie Trasporti, Magazzinaggio, Comunicazioni 7 N Sanità, Servizi sociali L Pubblica Amministrazione 8 M Istruzione H Alberghi, Ristoranti J Banche, Assicurazioni K Società immobiliari, Informatica, Noleggio 9 O Associazioni ricreative, culturali, sportive P Servizi domestici Q Organizzazioni extraterritoriali Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 11 di 14

12 Quindi: Il datore di lavoro può designare come RSPP/ASPP solo persone che hanno i titoli per operare nel macrosettore ATECO di appartenenza dell Organizzazione. Una persona può svolgere il ruolo di RSPP/ASPP in un Organizzazione, solo se ha i titoli per operare nel macrosettore ATECO di appartenenza dell Organizzazione. In caso di nuove designazioni non sono ammesse deroghe a quanto sopra: per RSPP/ASPP già designati v. il paragrafo seguente. 5.6 RSSP/ASPP già designati È frequente il caso di un datore di lavoro che si avvale di un RSPP/ASPP, interno o esterno all Organizzazione, già designato da tempo. In tale caso il RSPP/ASPP è tenuto a frequentare un corso di aggiornamento per poter proseguire la propria attività. Il limite per potersi attivare per frequentare un corso di aggiornamento era il La validità dell aggiornamento è quinquennale; alla scadenza è necessario frequentare un successivo corso di aggiornamento, anch esso con validità quinquennale, e così via. Sia il datore di lavoro sia il RSPP/ASPP sono passibili di sanzioni per culpa in eligendo, se il RSPP/ASPP non ha frequentato per tempo un corso di aggiornamento autorizzato. 6.1 Perché adeguarsi 6. ADEGUARSI ALLA NORMATIVA Adeguarsi al D.Lgs. 81/08 significa per il datore di lavoro ottemperare a quanto indicato nel 2.2 e adottare le opportune misure di sicurezza. I motivi per adeguarsi alla normativa possono essere i seguenti: Salvaguardare l immagine aziendale da fatti che possono essere estremamente negativi; Tutelare la salute e la sicurezza della popolazione circostante la sede e/o il sito produttivo dell Organizzazione; Essere moralmente a posto nei riguardi dei propri lavoratori, il che contribuisce a migliorare sia il benessere dei lavoratori sia il clima aziendale; Essere tutelati legalmente dal punto di vista delle responsabilità civili e, spesso, penali, in caso di infortunio o di decesso; Essere in regola con la normativa, in caso di ispezione da parte degli organi competenti (ASL, Direzione provinciale del lavoro, Vigili del fuoco, INAIL, ecc.); Risparmiare sui premi assicurativi INAIL; Prevenire è molto meglio che curare. 6.2 Perché adeguarsi subito È necessario adeguarsi subito per i seguenti motivi: Il D.Lgs. 81/08 è già in vigore da oltre un anno, ma la precedente normativa (D.Lgs. 626/94) è stata in vigore per quasi quindici anni; Il fenomeno infortunistico in Italia è a livelli allarmanti, specie in determinati settori, ed a livello governativo si è istituita una speciale commissione di indagine per le cosiddette morti bianche; In caso di infortunio o peggio, di incidente mortale, le conseguenze per il datore di lavoro possono essere veramente pesanti; Più il tempo passa e maggiori sono i rischi di un controllo e di pesanti sanzioni; In caso di sanzioni è opportuno valutare, oltre alle perdite economiche, anche i danni all immagine ed alla credibilità: la sicurezza non deve diventare importante quando il danno si è prodotto (è come mettere l antifurto alla propria abitazione dopo che si è verificato un furto); Il costo dell adeguamento è molto basso in valore assoluto ed in relazione al rischio che si corre ed alle sanzioni previste; Il costo dell adeguamento in realtà è un investimento, perché vanno correttamente valutati i costi del non investimento nella sicurezza e nella continuità del business ed i costi degli eventuali infortuni, che in verità non hanno prezzo. A richiesta, sono disponibili al riguardo due fascicoli: o Valutazione economica della prevenzione infortuni, emesso dall Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA). o La sicurezza conviene, sulla valutazione dei costi della non-sicurezza, emesso dall INAIL. 6.3 Come adeguarsi Ci si adegua alla normativa adottando le seguenti misure di sicurezza: Identificazione e nomina delle figure richieste dalla normativa (RSPP, RLS, incaricati alle emergenze e al primo soccorso, eventuali altre figure - ASPP, medico competente, ecc.); Valutazione dei rischi presenti nell Organizzazione; Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 12 di 14

13 Redazione del Documento di valutazione dei rischi ; Redazione di procedure di sicurezza da seguire, facendole conoscere ed applicare ai propri lavoratori; Adozione di misure tecniche, procedurali ed organizzative di prevenzione e di protezione; Formazione ed informazione dei lavoratori; Utilizzo di eventuali dispositivi di protezione collettiva e/o individuale; Altro eventuale, in base alla situazione aziendale. 7. CONSULENTE ED AUTORE 7.1 Vantaggi se ci si avvale di un Consulente Un Consulente della sicurezza può rappresentare i seguenti vantaggi per l Organizzazione: Competenza ed esperienza immediate ed approfondite in materia di sicurezza e salute negli ambienti di lavoro; Nessun costo per la formazione e la qualificazione del RSPP; Implementazione rapida del Servizio di Prevenzione e Protezione ; Attuazione rapida e mirata delle misure di sicurezza opportune; Consulenza nell adozione, da parte dell organizzazione, delle misure organizzative, procedurali e tecniche di prevenzione e di protezione; Responsabilità del Consulente in sede civile e penale (limitata ai casi di dolo, imperizia, imprudenza, negligenza). 7.2 Ulteriori vantaggi se ci si avvale dell Autore L Autore può rappresentare i seguenti ulteriori vantaggi per l organizzazione: Formazione effettuata presso l Università degli Studi di Perugia a Milano, conforme al D.Lgs. 81/08 art. 32 relativa alla competenza ed ai requisiti professionali richiesti; Qualifica a svolgere il ruolo di RSPP nelle aziende, uffici e studi professionali appartenenti a qualsiasi macrosettore ATECO. Esperienza in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, confermata dal fatto di essere RSPP e membro della Commissione Sicurezza dell Ordine degli Ingegneri di Monza e della Brianza (Albo Ingegneri MB n. A-1634); Formatore professionista collaborazione come docente a Milano nei corsi RSPP-ASPP-DL-RLS organizzati dall Università Studi Perugia Dip. Ingegneria Industriale e saltuariamente per la Regione Lombardia (I.Re.F. Istituto regionale per la formazione nel pubblico impiego) Possibilità di consulenza per la normativa privacy in vigore - D.Lgs. 196/03; una sua intervista è stata pubblicata nel n. 6/05 del settimanale economico Il Mondo gruppo RCS - Rizzoli Corriere della Sera. 7.3 Servizi che può fornire l Autore Per quanto riguarda la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, l Autore può fornire i seguenti servizi: CONSULENZE NELLA SICUREZZA Analisi sintetica (check-up) della realtà dell organizzazione; Analisi dettagliata della realtà dell organizzazione; Revisione del DVR - documento di valutazione dei rischi 4, con adeguamento agli attuali dettami legislativi e normativi; Consulenza in tema di sicurezza e nella redazione dei documenti richiesti dalla normativa. NOMINA A RSPP Nomina come RSPP aziendale, in regola con le capacità ed i requisiti richiesti dalla normativa in vigore; Preparazione dei piani annuali di formazione e informazione dei vari lavoratori; Fornitura dell informazione prevista ai lavoratori dell Organizzazione; Audit periodico per l aggiornamento del Sistema Gestione Sicurezza e per la verifica delle misure di sicurezza adottate. CORSI DI FORMAZIONE I corsi dell Università Studi Perugia (Dipartimento Ingegneria Industriale) sono organizzati dal ns. studio, si tengono a Milano e sono i seguenti: Corso di formazione di 16 ore per datori di lavoro che desiderano ricoprire direttamente il ruolo di RSPP nella propria organizzazione; il corso è conforme a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 art. 34 e dal D.M art. 3; 4 La revisione del DVR è obbligatoria trascorsi al max. 3 anni dall ultima revisione e comunque a seguito di importanti modifiche legislative e/o aziendali in tema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 13 di 14

14 Corso di formazione/aggiornamento per RSPP/ASPP di tutti i macrosettori ATECO; il corso è conforme a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 art. 32 e dagli Accordi della Conferenza Permanente Stato-Regioni del (G.U. n. 37 del ) e del (G.U. n. 285 del ); Corso di formazione di 32 ore per RLS; il corso è conforme a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08 art. 37 e dal D.M art. 2. Corso di aggiornamento di 40 ore per CS (Coordinatore della sicurezza); il corso quinquennale è frazionato in unità formative di 4 ore ciascuna per semestre ed è conforme a quanto previsto dalla normativa vigente. Corso di formazione per Progettisti di sistemi di gestione della sicurezza e salute sul lavoro sostenibili (SGSSL), conforme alla norma BS OHSAS Inoltre, autonomamente l Autore effettua la formazione dei lavoratori su numerosi argomenti relativi al tema della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Si possono ottenere maggiori informazioni ed i titoli delle unità formative per i lavoratori scaricando il documento Attività formativa dal ns. sito (cartella Documenti, area Formazione): Università Studi Perugia - Agenzia di Milano per i corsi RSPP-ASPP-CS-DL-RLS Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono Sicurezza - Privacy - Formazione Albo Ingegneri MB - n. A-1634 Commissione Sicurezza e RSPP dell Ordine Ingegneri MB - Cell Tel./Fax Via Salaino, 111/E Vimercate MB Studio Ing. Fiorenzo Pietrobono - - SSL_Info-DdL-RLS.doc - Rev. 1 - Pag. 14 di 14

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE

Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE Guida non vincolante alle buone pratiche per la comprensione e l applicazione della direttiva 92/57/CEE (direttiva «Cantieri») L Europa sociale Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli