PARTE II Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota La stipsi ed il transito intestinale irregolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE II Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota La stipsi ed il transito intestinale irregolare"

Transcript

1 PARTE II Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota La stipsi ed il transito intestinale irregolare È stato evidenziato che l animale germ-free presenta un rallentato transito intestinale ed una marcata distensione del cieco; tuttavia, subito dopo la contaminazione batterica del tratto gastrointestinale si osservano un miglioramento della motilità intestinale ed una ripresa del tono del cieco. Le variazioni della motilità intestinale sono state evidenziate mediante studi del transito gastrointestinale basati sull impiego di marcatori radioattivi: la contaminazione intestinale con Lactobacillus acidophilus e con bifidobatteri determinava un incremento della peristalsi intestinale, che aumentava ulteriormente quando l intestino veniva contaminato con una flora mista simile a quella riscontrata in condizioni fisiologiche. È verosimile che una prevalenza di batteri patogeni induca uno stato infiammatorio mucosale con rilascio di citochine ed attivazione di cellule infiammatorie macrofagi. Entrambi questi elementi possono influenzare il trofismo dell enteroglia submucosale responsabile della regolazione della contrazione della muscolatura intestinale. Per cause varie e complesse si possono verificare modificazioni quantitative e qualitative del normale microbiota, responsabili di una vera e propria malattia dell intestino tenue da sovracrescita batterica, la cosiddetta Small Intestinal Bacterial Overgrowth (SIBO). Alla base della SIBO si ha un abnorme proliferazione batterica intestinale ed in particolare un incremento della concentrazione di batteri superiore a 10 6 CFU/ml di secreto intestinale; in pratica, nell ileo si riscontra un microbiota che, per numerosità e composizione risulta simile a quello presente nel colon. Tra le conseguenze della SIBO è inclusa la diarrea, che da un punto di vista fisiopatologico rappresenta un problema di bilancio idro-elettrolitico: si verifica quando un eccesso di acqua Figura Spirale della diarrea. 14

2 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota ed elettroliti viene riversato nel lume (diarrea secretoria) o se l acqua è trattenuta nel lume intestinale da agenti osmoticamente attivi (diarrea osmotica); in molti casi si osserva una diarrea mista, specie quando intervengono processi infiammatori. Pertanto la diarrea, indipendentemente dal meccanismo patogenetico, è legata all aumento della quantità di liquidi che arriva al colon. Tale incremento del volume di fluido intraluminale, indotto da un alterazione dei meccanismi di trasporto dell acqua e degli elettroliti intestinali, stimola la propulsione intestinale. Ciò comporta un rapido transito intestinale, riduzione dell assorbimento ed un ulteriore aumento dei liquidi intraluminali e della propulsione che provocano altre scariche diarroiche (spirale della diarrea) (Figura 2.1). Diarrea da antibiotici L antibioticoterapia si associa al rischio di alterare la resistenza del microbiota alla colonizzazione da parte di potenziali patogeni, con la conseguente insorgenza di varie manifestazioni cliniche nell ambito delle quali la diarrea è quella più frequente. La diarrea da antibiotici si osserva con un incidenza che dipende da vari fattori, tra cui il tipo di farmaco utilizzato, l età e le condizioni di salute del paziente, il contesto in cui viene effettuata l antibioticoterapia (ad esempio, struttura ospedaliera) e la sua espressione clinica può variare da una forma lieve (diarrea non complicata) a forme di colite grave (Tabella 2.1). Tabella Fattori di rischio per diarrea da antibiotici. Largo spettro d azione A. Legati all antibiotico Durata della terapia Terapie combinate Elevata escrezione biliare Età (<6 anni; anziani) B. Legati all ospite Patologie concomitanti, precedente diarrea da AB, malattia grave di base, malattia infiammatoria cronica intestinale, immunosoppressione Ospedalizzazione, durata della degenza, chirurgia digestiva Gli antibiotici che agiscono sugli anaerobi sono quelli maggiormente responsabili di diarrea; in particolare, la più elevata probabilità che insorga tale condizione patologica si verifica in corso di trattamento con aminopenicilline, cefalosporine e clindamicina. Il rischio di sviluppare la diarrea associata agli antibiotici (DAA) è più elevato negli anziani, a causa delle modificazioni del microbiota intestinale associate all invecchiamento, che comportano una maggiore sensibilità agli effetti degli antibiotici; la diarrea da antibiotici ha un incidenza del 5-25% nei pazienti 15

3 adulti, mentre varia tra il 20% ed il 40% nei soggetti pediatrici. La DAA, inoltre, si verifica nel 5%-39% dei pazienti ospedalizzati in terapia con antibiotici che, peraltro, sono responsabili di circa il 25% dei casi di diarrea da farmaci. In corso di terapia con antibiotici si evidenziano alterazione del microbiota del colon per diminuzione del numero dei batteri, nonché minore produzione di acidi grassi a catena corta (SCFA) e ridotto assorbimento di acqua e sali che provocano diarrea osmotica. Lo squilibrio del microbiota può anche favorire l eccessivo sviluppo di batteri antibiotico-resistenti, in particolare di Clostridium difficile, produttore di tossine diarrogene. Gli antibiotici possono causare la comparsa della diarrea mediante vari meccanismi, quali: alterazione della composizione e delle funzioni del microbiota normale; crescita eccessiva (overgrowth) di microrganismi patogeni; effetto diretto (tossico o allergico) sull intestino; alterazione della motilità intestinale. Pertanto, in base al meccanismo patogenetico, la diarrea può essere distinta in infettiva, osmotica, secretoria e da alterata motilità. La forma più frequente e, potenzialmente, grave di diarrea infettiva è causata dal Clostridium difficile, responsabile del 15-25% dei casi di diarrea associata agli antibiotici. C. difficile, ingerito come forma vegetativa o come spora, si riproduce nelle cripte intestinali liberando tossine A e B che provocano l infiammazione e la necrosi cellulare. L alterazione del microbiota intestinale causa la perdita delle normali funzioni di barriera nei confronti dei patogeni. La riduzione della capacità dell intestino di resistere alla colonizzazione dei patogeni si associa allo sviluppo di patogeni come ad es. C. difficile, Salmonella, Staphyloccus aureus o Clostridium perfringens ed alla produzione di tossine, con danno ed infiammazione a carico della mucosa, che determinano la comparsa di diarrea (Tabella 2.2). Tabella Eziologia della diarrea da antibiotici. Clostridium difficile è la causa più importante Altre cause (poco studiate) 20% -30% dei pazienti con DAA 50% -75% di quelli con colite associata ad antibiotici >90% di quelli con colite pseudomembranosa associata ad antibiotici Staphylococcus aureus Candida spp. C. perfringens Salmonellosi 16

4 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota La modificazione del microbiota normale comporta un alterazione del metabolismo dei carboidrati fermentabili, che sono assorbiti dal colon solo dopo la trasformazione attuata dai batteri in acidi grassi a catena corta (SCFA). L aumento della quota di carboidrati non assorbibili nel lume intestinale, con il conseguente incremento della pressione osmotica che riduce il riassorbimento intestinale di liquidi, fluidifica le feci, provocando la comparsa della diarrea osmotica. Nel colon i batteri trasformano gli acidi biliari primari, che sfuggono all assorbimento nel tenue, in acidi biliari secondari mediante deconiugazione e successiva deidrossilazione, La presenza nel colon dell acido chenodesossicolico (acido biliare primario) e dell acido deossicolico (acido biliare secondario), potenti agenti secretori colici, provoca l insorgenza di diarrea secretoria. L alterazione del microbiota intestinale potrebbe causare un aumento della concentrazione dell acido deidrossicolico attraverso una riduzione del numero di batteri deidrossilanti. Infine, alcuni antibiotici possono provocare o aggravare la diarrea attraverso l aumento della motilità intestinale. Ad esempio, l eritromicina accelera la velocità di svuotamento gastrico stimolando il recettore della motilina, mentre il trattamento antibiotico con amoxicillina-clavulanato stimola la motilità del piccolo intestino. Nella Figura 2.2 è riportata schematicamente la patogenesi della diarrea da antibiotici. TERAPIA ANTIBIOTICA Effetto diretto sull intestino Alterazioni del microbiota Popolazione batterica e produzione di acidi grassi a catena corta Sovracrescita di patogeni DIARREA OSMOTICA DIARREA da Clostridium difficile Figura Patogenesi della diarrea da antibiotici. 17

5 Diarrea del viaggiatore Questo tipo di diarrea è causato dall ingestione di alimenti o acqua contaminati da materiale fecale. Gli agenti patogeni responsabili sono rappresentati prevalentemente da batteri (85%), quindi da parassiti (10%) e, nel restante 5% dei casi, virus (Tabella 2.3). Tabella Agenti eziologici della diarrea del viaggiatore. Batteri Virus Parassiti ETEC Noravirus G. lamblia EAEC Rotavirus Cryptosporidia Shigella Adenovirus E. histolytica Salmonella Microsporidia Campylobacter Cyclospora Helicobacter sp. Aeromonas Plesiomonas Vibrios ETEC: Escherichia coli enterotossigenico; EAEC: Escherichia coli enteroaggregante. La Figura 2.3 sintetizza la distribuzione percentuale degli agenti eziologici della diarrea del viaggiatore e le principali caratteristiche di questo comune disturbo. Figura Agenti eziologici della diarrea del viaggiatore e principali caratteristiche di tale comune disturbo. Il quadro clinico della diarrea del viaggiatore è caratterizzato da comparsa improvvisa di scariche di feci non formate, crampi addominali ed urgenza. Alcuni studi condotti su viaggiatori recatisi in aree geografiche ad alto rischio per diarrea del viaggiatore hanno permesso di deli- 18

6 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota neare l etiologia di questa condizione patologica. In sintesi è emerso quanto segue: Escherichia coli enteroaggregante (EAEC)/ Escherichia coli enterotossigenico (ETEC) è stato identificato come responsabile di diarrea del viaggiatore in molte zone del mondo; nella maggior parte dei casi EAEC trasporta fattori di virulenza plasmidici e quando presenta fattori di virulenza causa infiammazione; EAEC produce una flagellina che stimola la produzione di interleuchina (IL)-8 da parte della mucosa intestinale con richiamo di neutrofili, danno epiteliale e secrezione di fluidi; EAEC causa diarrea non in tutti gli individui, il che sembra dovuto ad un polimorfismo che causa incrementata produzione di IL-8, per cui sarebbe la condizione genetica, con la presenza del genotipo AA, a determinare la diarrea da EAEC. Ciò spiegherebbe perché i soggetti che hanno il genotipo TT non si ammalano. Sindromi da malassorbimento Come accennato in precedenza, un abnorme proliferazione batterica intestinale configura una condizione nota come SIBO (sindrome da sovracrescita batterica intestinale). Le manifestazioni cliniche riscontrabili in corso di SIBO vanno da un quadro conclamato di malassorbimento, con diarrea, steatorrea, distensione addominale e flatulenza, a forme paucisintomatiche caratterizzate dalla presenza di segni di disvitaminosi e deficit di micronutrienti (Tabella 2.4). Tabella La sindrome da sovracrescita batterica intestinale (SIBO) può causare malassorbimento. Sindrome da malassorbimento Segni e sintomi Diarrea Dolore e/o fastidio addominale Meteorismo/flatulenza Edema: ipoprotidemia Anemia: deficit di Vit. B 12 e ferro Rosacea Neuropatia: deficit di Vit. B 12 e Vit. E Disturbi della vista: deficit Vit. A Osteopenia: deficit di Vit. D e Ca Nella SIBO i batteri possono interferire significativamente con l assorbimento a causa delle lesioni provocate all orletto a spazzola (brush-border), situato sulla superficie apicale degli enterociti, che alterano l attività delle disaccaridasi determinando malassorbimento degli zuccheri. Ulteriori effetti clinici della SIBO sono rappresentati dall alterato assorbimento dei lipidi e delle proteine. In particolare, la sovracrescita batterica intestinale sia attraverso l inattivazione della secrezione pancreatica (lipasi), sia attraverso la deconiugazione dei sali biliari nella parte prossimale dell intestino tenue (che altera la formazione delle micelle), compromette la digestione dei grassi determinandone il malassorbimento; inoltre, la SIBO, comportando l inattivazione delle proteasi pancreatiche, causa malassorbimento delle proteine (Figura 2.4). 19

7 Deconiugazione sali biliari Produzione micelle Malassorbimento lipidi Secrezione pancreatica Inattivazione lipasi pancreatica Sovracrescita batterica intestinale Secrezione pancreatica Inattivazione proteasi pancreatiche Malassorbimento proteine Danno orletto a spazzola Inattivazione disaccaridasi Malassorbimento carboidrati Figura Una delle conseguenze della sovracrescita batterica intestinale (SIBO) è rappresentata dal malassorbimento. Pertanto, una sovraccrescita batterica può danneggiare la parete intestinale provocando da un lato un alterazione dei processi assorbitivi (micronutrienti, vitamine ed oligoelenti) ed una proteino dispersione e dall altro una alterata permeabilità con passaggio di batteri e prodotti di derivazione batterica a livello sistemico traslocazione batterica. Sindrome dell intestino irritabile La sindrome dell intestino irritabile (IBS) è una patologia molto frequente e comune (prevalenza del 15-20% nei Paesi industrializzati). Essa rientra nel gruppo dei disordini funzionali gastrointestinali, in quanto è caratterizzata dall assenza di un evidente substrato patogenetico e può essere diagnosticata in base al quadro clinico (Figura 2.5). Dolore o fastidio addominale ricorrente per almeno 3 gg/mese negli ultimi 3 mesi associati a 2 o più: Miglioramento con defecazione e Inizio associato con cambiamento della frequenza delle defecazioni e Inizio associato con cambiamento della forma delle feci * Criteri presenti negli ultimi 3 mesi con comparsa dei sintomi almeno 6 mesi prima della diagnosi Figura Criteri di Roma III per la diagnosi di sindrome dell intestino irritabile. 20

8 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota I dati epidemiologici indicano tre differenti varianti cliniche di IBS: stipsi predominante, diarrea predominante e mista o indeterminata. Interessa maggiormente il sesso femminile (rapporto M/F=1:2), in cui prevale la variante stitica ed è più frequente nei giovani adulti (<45 anni di età). I sintomi dell IBS, che includono dolore o discomfort addominale associato ad alterazioni dell alvo, risultano spesso invalidanti incidendo negativamente sulla qualità di vita del paziente e sulla spesa pubblica, sia per i costi diretti (farmaci, test diagnostici, visite mediche) che indiretti (assenza dal posto di lavoro). Nel complesso la patogenesi dell IBS non è ancora del tutto definita. È ampiamente implicato l asse cervello-intestino, cui si associano altri fattori tra cui i disturbi della motilità gastrointestinale e l ipersensibilità viscerale. Di recente è stato ipotizzato che nel determinismo dell IBS possano svolgere un qualche ruolo anche una minima infiammazione della mucosa intestinale e l attivazione del sistema immune locale, due condizioni che riconoscono nell alterazione del microbiota intestinale un comune denominatore (Figura 2.6). Aumentata percezione SNC Sistema nervoso parasimpatico 5-HT Sistema nervoso simpatico SNE Alterata motilità Alterazione del microbiota intestinale Ipersensibilità viscerale Figura Fattori implicati nella patogenesi della sindrome dell intestino irritabile. 5-HT: serotonina; SNE = Sistema Nervoso Enterico; SNC = Sistema Nervoso Centrale. Il possibile coinvolgimento di una modificazione del microbiota nella patogenesi della sindrome dell intestino irritabile è avvalorato dalle seguenti evidenze: l IBS si sviluppa nel 30% degli individui dopo una gastroenterite acuta infettiva; la sindrome da sovracrescita batterica intestinale (SIBO) è caratterizzata da una sintomatologia simile a quella che si riscontra nell IBS; nei soggetti con sindrome dell intestino irritabile sono state riscontrate alterazioni qualitative della flora intestinale, la cosiddetta disbiosi; infine, i sintomi dell IBS migliorano in seguito a trattamenti attivi in grado di agire favorevolmente sul microbiota. La probabilità che possa svilupparsi la IBS risulta più elevata in seguito ad un infezione acuta gastrointestinale. A tale riguardo, una revisione sistematica dei dati della letteratura scientifica relativi ad oltre 6100 pazienti ha permesso di evidenziare che l incidenza dell IBS post-infettiva 21

9 era compresa tra il 3.7% ed il 36% nel corso di un periodo di follow-up che andava da 3 a 24 mesi successivi ad un episodio di gastroenterite acuta. Inoltre, da uno studio condotto su pazienti ospedalizzati per gastroenterite grave è emersa un incidenza piuttosto elevata (29%) di sindrome dell intestino irritabile nei mesi successivi. Tali dati indicano che la IBS è correlata alla gravità dell infezione gastrointestinale e, quindi, all entità del danno intestinale. Si ritiene che la disbiosi, una condizione caratterizzata da alterazioni qualitative del microbiota intestinale, sia implicata nell insorgenza dell IBS. I recenti progressi nei metodi di studio e di caratterizzazione dei batteri intestinali hanno permesso ad un gruppo di ricercatori, impiegando la real-time PCR e la coltura in 26 pazienti con IBS e in 26 controlli paragonabili per età e sesso, di riscontrare un numero significativamente più elevato di Veillonella (p=0.046) e Lactobacillus (p=0.031) nei pazienti con IBS rispetto a quello osservato nei controlli. A tale riguardo va sottolineato che Veillonella e Lactobacillus in combinazione producono acido acetico ed acido propionico che possono causare sintomi addominali con riduzione della qualità di vita, come accade nei pazienti da sindrome dell intestino irritabile. Altri Autori, analizzando il microbiota fecale attraverso real-time PCR (in grado di coprire circa 300 specie batteriche) sia in pazienti con IBS (n=27), sia nei soggetti controllo (n=22), hanno rilevato una minore concentrazione di Lactobacilli spp nelle feci dei pazienti con IBS variante diarroica ed una quantità maggiore di Veillonella spp nei campioni fecali dei soggetti con IBS variante stiptica (Figura 2.7). Lactobacillus spp Veillonella spp Bifidobacterium spp * * Controlli Diarrea Alternante Stipsi 10 4 Controlli Diarrea Alternante Stipsi 10 5 Controlli Diarrea Alternante Stipsi Figura Variazioni della concentrazione di Lactobacilli, Veillonella e Bifidobatteri riscontrate nei campioni fecali di pazienti con differenti varianti di sindrome dell intestino irritabile e di soggetti controllo. * p<

10 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota Le malattie infiammatorie intestinali Le malattie infiammatorie intestinali (Inflammatory Bowel Disease - IBD), di cui fanno parte la colite ulcerosa e la malattia di Crohn, costituiscono un gruppo di patologie croniche dell intestino associate ad un elevata morbidità, che determinano un impatto negativo sulla qualità di vita dei pazienti che ne sono affetti e gravi ripercussioni sui costi sanitari. In base ai dati epidemiologici risulta che in Italia le malattie infiammatorie intestinali colpiscono circa pazienti l anno. Sebbene non sia ancora del tutto noto lo stimolo iniziale responsabile dello sviluppo delle IBD, si ritiene comunque che alla base dell insorgenza di tali patologie infiammatorie ci sia una complessa interazione tra fattori ambientali, caratteristiche genetiche dell ospite, risposta immunitaria e popolazione batterica intestinale (Figura 2.8). Figura Fattori coinvolti nella patogenesi delle malattie infiammatorie croniche intestinali. Il microbiota intestinale, costituito da miliardi di batteri, svolge una serie di funzioni essenziali per il benessere dell organismo, ma potrebbe anche essere coinvolto nella patogenesi delle malattie infiammatorie intestinali. Le evidenze che supportano una implicazione del microbiota intestinale nella patogenesi delle IBD sono: 1. animali geneticamente predisposti a sviluppare una IBD non presentano tale evenienza se cresciuti in condizioni germ free; 2. l ileo distale ed il colon, le aree dell intestino in cui è presente la maggiore concentrazione batterica, sono le aree più frequentemente interessate dall infiammazione nelle IBD; 23

11 3. nei pazienti con malattia di Crohn post-resezione chirurgica, la diversione del contenuto fecale previene la ripresa del processo infiammatorio nell ileo distale, mentre l immissione di feci nei segmenti ileali esclusi favorisce la recidiva post-operatoria; 4. alterazioni qualitative e quantitative del microbiota intestinale sono state descritte nei pazienti affetti da IBD rispetto ai controlli; 5. la manipolazione del microbiota intestinale mediante antibiotici intestinali selettivi e/o probiotici ha mostrato un effetto positivo nella gestione delle IBD. La disponibilità di nuove metodologie per lo studio della composizione del microbiota intestinale (metagenomica) ha permesso di acquisire importanti informazioni sul ruolo dei batteri intestinali nella patogenesi delle IBD. Nel complesso, le ricerche finalizzate ad identificare alterazioni quantitative della popolazione microbica intestinale nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali rispetto ai controlli, hanno evidenziato una minore variabilità di specie batteriche nel microbiota fecale ed un incrementato numero di batteri mucosali (Figura 2.9). A B Individui 40% 30% 20% 10% No MICI, n=99 MICI, n= Numero di geni, migliaia Figura L analisi quantitativa e qualitativa (metagenomica) del microbiota di soggetti sani e pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) ha evidenziato un aumentato numero di geni batterici nei pazienti rispetto ai controlli (A) e una differente composizione microbica (B). 24

12 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota Inoltre, l analisi qualitativa del microbiota ha documentato una riduzione di Firmicutes e Clostridia con aumento relativo di Proteobacteria. Nell ambito dei Firmicutes, il Faecalibacterium prausnitzii, dotato di proprietà antinfiammatorie, risulta significativamente ridotto nei pazienti con IBD, mentre tra i Proteobacteria, si riscontra un aumentata presenza di E. coli entero-invasivo. In relazione a ciò, è stato ipotizzato che il rapporto Faecalibacterium prausnitzii/e. coli possa essere utilizzato come fattore predittivo di suscettibilità allo sviluppo di IBD e di recidiva della malattia. Recenti studi sperimentali su modelli animali geneticamente modificati per sviluppare spontaneamente la colite o modelli animali di colite chimicamente-indotta, hanno evidenziato che il tipo di microrganismo con cui si colonizza l animale condiziona la severità, l estensione, la localizzazione ed i tempi di sviluppo della colite. Peraltro, alcuni studi epidemiologici hanno valutato l associazione tra differenti regimi dietetici ed insorgenza di IBD suggerendo varie ipotesi, di cui la più accreditata è che la dieta possa indurre alterazioni del microbiota intestinale responsabili di aumentata suscettibilità alle malattie infiammatorie intestinali. I progressi compiuti nel settore delle conoscenze, riguardanti il ruolo svolto dalla popolazione batterica intestinale nella patogenesi delle IBD, hanno indotto a ritenere che la modulazione del microbiota potrebbe rappresentare una valida modalità di intervento nell ambito della gestione clinica di tali patologie. Disturbi correlati alla terapia di eradicazione dell H.pylori Helicobacter pylori è associato alla comparsa di gastrite, ulcera e cancro gastrico. Pertanto, qualora ne venga diagnosticata la presenza, è necessario procedere ad una terapia di eradicazione che attualmente consiste nell utilizzo di antimicrobici combinati ad inibitori della pompa protonica (PPI). Tuttavia, la terapia antibiotica in uso è spesso associata ad eventi avversi che, in alcuni casi, mettono a rischio la compliance del paziente. Tra gli effetti collaterali di tipo gastrointestinale può manifestarsi la diarrea. In particolare, questo evento avverso è maggiormente associato alla somministrazione di antibiotici che alterano il microbiota agendo sugli anaerobi. L antibioticoterapia basata sull impiego di aminopenicilline, clindamicina e, recentemente chinolonici comporta il rischio più elevato di diarrea. Un ph gastrico <4.0 è battericida in 15 minuti per molte specie batteriche. È stato osservato che la riduzione dell acidità gastrica con valori di ph >4 si associa a colonizzazione dello stomaco e della parte superiore dell intestino tenue; inoltre, la soppressione della secrezione acida, mediante la somministrazione di PPI, comporta un aumento del rischio di infezioni intestinali e sovracrescita batterica (SIBO). Anche la durata dell assunzione di inibitori della pompa protonica influisce in misura significativa sulla comparsa di SIBO (Figura 2.10), un effetto che appare indipendente dall uso di antibiotici e potenzialmente additivo. 25

13 % p<0, mesi 7-12 mesi mesi mesi >60 mesi Clin Gastroenterol Hepatol 2010; 8(6):504. Figura Prevalenza della sovracrescita batterica intestinale (SIBO) in rapporto alla durata della terapia con inibitori della pompa protonica. Bibliografia (PARTE II) Ballal SA, Gallini CA, Segata N et al. Host and gut microbiota symbiotic factors: lessons from inflammatory bowel disease and successful symbionts. Cell Microbiol. 2011;13(4): Barbara G, Stanghellini V, Brandi G et al. Interactions between commensal bacteria and gut sensosimotor function in health and disease. Am J Gastroenterol. 2005;100(11): Bauer TM, Steinbrückner B, Brinkmann FE et al. Small intestinal bacterial overgrowth in patients with cirrhosis: prevalence and relation with spontaneous bacterial peritonitis. Am J Gastroenterol 2001; 96: Bolino CM, Bercik P. Pathogenic factors involved in the development of irritable bowel syndrome: focus on a microbial role. Infect Dis Clin North Am. 2010;24: Bouhnik Y, Alain S, Attar A et al. Bacterial populations contaminating the upper gut in patients with small intestinal overgrowth syndrome. Am J Gastroenterol 1999; 94: Camilleri M, Choi MG. Review article: irritable bowel syndrome. Aliment Pharmacol Ther. 1997;11:3-15. Chassaing B, Darfeuille-Michaud A. The commensal microbiota and enteropathogens in the pathogenesis of inflammatory bowel diseases. Gastroenterology. 2011;140(6): Compare D, Coccoli P, Rocco A, Nardone OM, De Maria S, Cartenì M, Nardone G. Gut--liver axis: the impact of gut microbiota on non alcoholic fatty liver disease. Nutr Metab Cardiovasc Dis Jun;22: Compare D, Pica L, Rocco A, De Giorgi F, Cuomo R, Sarnelli G, Romano M, Nardone G. Effects of longterm PPI treatment on producing bowel symptoms and SIBO. Eur J Clin Invest. 2011;41: Dai C, Jiang M. The incidence and risk factors of post-infectious irritable bowel syndrome: a meta-analysis. Hepatogastroenterol. 2012;59: Fava F, Danese S. Intestinal microbiota in inflammatory bowel disease: friend of foe? World J Gastroenterol. 2011;17:

14 PARTE II - Comuni disturbi gastroenterologici da alterazione del microbiota Gregg CR, Toskes PP. Enteric bacterial flora and small bowel bacterial overgrowth syndrome. In: Feldman M, Friedman LS, Sleisenger MH, eds. Sleisenger and Fordtran s gastrointestinal 7th ed. Philadelphia: WB Saunders, 2002: Guarino A, et al. Probiotics as prevention and treatment for diarrhea. Current Opinion in Gastroenterology 2008; 25: Guarner F, Malagelada JR. Gut flora in health and disease.lancet 2003; 361: Hammer HF. Gut microbiota and inflammatory bowel disease. Dig Dis. 2011;29(6): Hickson M. Probiotics in the prevention of antibiotic-associated diarrhea and Clostridium difficile infection. Ther Adv Gastroenterol 2011; 4(3): Högenauer C, et al. Mechanisms and Management of Antibiotic-Associated Diarrhea. Clinical Infectious Diseases 1998; 27: Jiang ZD, Greenberg D, Nataro JP et al. Rate of Occurrence and Pathogenic Effect of Enteroaggregative Escherichia coli Virulence Factors in International Travelers. J. Clin. Microbiol. November : Jiang ZD, Okhuysen PC, Guo DC et al. Genetic susceptibility to enteroaggregrative E. coli diarrhea: Polymorphism in the IL-8 promotor region. The Journal of Infectious Diseases 2003; 188: Kassinen A, Krogius-Kurikka L, Makivuokko H et al. The fecal microbiota of irritable bowel syndrome patients differs significantly from that of healthy subjects. Gastroenterol. 133: Katz JA. Probiotics for the Prevention of Antibiotic-associated Diarrhea and Clostridium difficile Diarrhea. J Clin Gastroenterol 2006; 40(3): Kuisma J, Mentula S, Jarvinen H. Effect of Lactobacillus rhamnosus GG on ileal pouch inflammation and microbial flora. Aliment Pharmacol Ther 2003; 17: Lee KJ, Tack J. Altered intestinal microbiota in irritable bowel syndrome. Neurogastroenterol Motil. 2010;22(5): Lin HC. Small intestinal bacterial overgrowth: a framework for understanding irritable bowel syndrome. JAMA. 2004;292: Lombardo L, Foti M, Ruggia O, Chiecchio A. Increased Incidence of Small Intestinal Bacterial Overgrowth During Proton Pump Inhibitor Therapy. Clin Gastroenterol Hepatol 2010; 8(6): Longstreth GF, Thompson WG, Chey WD et al. Functional bowel disorders. Gastroenterology 2006 Apr;130(5): Malinen E, Rinttila T, Kajander K, Matto J, Kassinen A,Krogius L, Saarela M, Korpela R, Palva A. Analysis of the fecal microbiota of irritable bowel syndrome patients and healthy controls with real-time PCR. Am J Gastroenterol. 2005;100: McFarland LV. Evidence-based review of probiotics for antibiotic-associated diarrhea and Clostridium difficile infections. Anaerobe 2009; 15: Murphy SF, Kwon JH, Boone DL. Novel players in inflammatory bowel disease pathogenesis. Curr Gastroenterol Rep. 2012;14(2): Nardone G, Compare D, Liguori E, Di Mauro V, Rocco A, Barone M, Napoli A, Lapi D, Iovene MR, Colantuoni A. Protective effects of Lactobacillus paracasei F19 in a rat model of oxidative and metabolic hepatic injury. Am J Physiol Gastrointest Liver Physiol. 2010;299:G Nell S, Suerbaum S, Josenhans C. The impact of the microbiota on the pathogenesis of IBD: lessons from mouse infection models. Nat Rev Microbiol. 2010: Neuman MG, Nanau RM. Inflammatory bowel disease: role of diet, microbiota, life style. Transl Res. 012;160(1):

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 LA DIARREA DEL VIAGGIATORE Andrea Rossanese MD, PhD, DTM (Glas), FFTM RCPS (Glas) Certificate in Travellers Health Definizione di TD 1.

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

USC Gastroenterologia,

USC Gastroenterologia, Impiego dei probiotici in Gastroenterologia: razionale e risultati Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, i Seriate Indice della lettura La Rivoluzione del Microbiota: cosa abbiamo imparato Breve

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:06 Pagina 59 mondo Il dei microbi In che modo i batteri buoni possono migliorare la salute e mettervi in condizione di guadagnare

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli DAI di Medicina Interna e Specialis;ca Unità Opera;va Complessa di Epato- Gastroenterologia UO di Endoscopia Diges;va DireAore

Dettagli

Lactobacillus bulgaricus

Lactobacillus bulgaricus La definizione migliore di batteri probiotici,forse, è la seguente: sono microrganismi viventi che inclusi nel cibo possono influenzare la composizione dell'attività del microbiota intestinale, modulano

Dettagli

Dato l'aumento dei livelli postprandiali di serotonina nei pazienti con PI-IBS e visto che la serotonina stimola la motilità e la secrezione

Dato l'aumento dei livelli postprandiali di serotonina nei pazienti con PI-IBS e visto che la serotonina stimola la motilità e la secrezione POST INFECTIVE-IBS La Sindrome da Colon Irritabile (IBS) è una delle più comuni cause di malessere relative all apparato intestinale e colpisce il 12% della popolazione mondiale (1). Negli ultimi anni

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi Dott.ssa Sabrina Santaniello Edentulismo Iper-nutrizione Sindrome metabolica Obesità «viscerale» «Pandemia del terzo Millennio»

Dettagli

OVERGROWTH BATTERICA

OVERGROWTH BATTERICA Corso di Formazione Triregionale SIED - AIGO - SIGE Saint Vincent 23 settembre 2005 OVERGROWTH BATTERICA Renzo Gullotta Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Clinica San Carlo - PADERNO DUGNANO

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano

IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano IBS-C e Stipsi Funzionale (FC) Definizione e caratteristiche

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

Efficacia terapeutica del Lactobacillus GG in bambini con dolore addominale cronico: studio doppio cieco placebo controllo

Efficacia terapeutica del Lactobacillus GG in bambini con dolore addominale cronico: studio doppio cieco placebo controllo Efficacia terapeutica del Lactobacillus GG in bambini con dolore addominale cronico: studio doppio cieco placebo controllo P. Gentile, AM. Magistà, VL Miniello, E. Lionetti, A. De Canio, L. Cavallo, R.

Dettagli

La malattia metabolica, l obesità, le malattie intestinali: il ruolo del microbioma

La malattia metabolica, l obesità, le malattie intestinali: il ruolo del microbioma STILI DI VITA, ALIMENTAZIONE & SALUTE ORALE. Stili di vita e di alimentazione come fattori di rischio per la salute orale e salute orale come fattore determinante della qualità di vita. La malattia metabolica,

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Microbiota intestinale, probiotici e benessere

Microbiota intestinale, probiotici e benessere Microbiota intestinale, probiotici e benessere Luca Dughera Servizio di Motilità ed Endoscopia Digestiva, Azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni Battista, Torino Il microbiota umano Il corpo umano

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano

I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano Gill, S. R., et al. 2006, Science, 312, 1355 1359 Analisi di 78 megabasi (Mb) di sequenze metagenomiche uniche relative al microbiota intestinale

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Diagnosi clinica e di laboratorio dell infezione da Clostridium Difficile

Diagnosi clinica e di laboratorio dell infezione da Clostridium Difficile Editoriale N.2 Diagnosi clinica e di laboratorio dell infezione da Clostridium Difficile Dr. Sergio Brunati Specialista in Medicina Interna Specialista in Gastroenterologia L infezione da Clostridium difficile

Dettagli

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Riccardo Troncone Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali e Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti Università Federico II,

Dettagli

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI Il sottoscritto dr. Stefano Colucci, nato a Napoli il 20/02/1963, e residente in Fontana Liri (FR), V.le XXIX Maggio 26, dichiara il seguente curriculum vitae:

Dettagli

Giardia intestinalis (lamblia) Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio, Chieti

Giardia intestinalis (lamblia) Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio, Chieti Giardia intestinalis (lamblia) Giovanni Di Bonaventura, BSc, PhD Dipartimento di Scienze Biomediche Università G. d Annunzio, Chieti G. intestinalis: Tassonomia Protozoo flagellato (Phylum: Sarcomastigophora;

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

Constella (linaclotide) è stato approvato in Europa per il trattamento della Sindrome del colon irritabile con costipazione (IBS-C) negli adulti

Constella (linaclotide) è stato approvato in Europa per il trattamento della Sindrome del colon irritabile con costipazione (IBS-C) negli adulti Constella (linaclotide) è stato approvato in Europa per il trattamento della Sindrome del colon irritabile con costipazione (IBS-C) negli adulti BARCELLONA, Spagna e CAMBRIDGE, Massachusetts, 28 novembre

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO SPORT E APPARATO GASTROENTERICO Esofago passaggio del cibo Cardias diaframma passaggio nello stomaco Stomaco succo gastrico (acido cloridrico) (chilo) Piloro passaggio nel duodeno Duodeno inizio processi

Dettagli

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata

LE EPATITI B e C. Verso una terapia personalizzata LE EPATITI B e C Verso una terapia personalizzata 3 L EPATITE B LE EPATITI B e C Le epatiti B e C rappresentano un campo molto complesso della Clinica Medica. La Medicina di Laboratorio propone nuove analisi

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI

IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI Dottor Silvio Caliari U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Ospedale Civile Maggiore, Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona Verona, 24.11.2010

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA IL TRATTAMENTO DELLA SIBO (SMALL INTESTINAL BACTERIAL OVERGROWTH) NELLA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA IL TRATTAMENTO DELLA SIBO (SMALL INTESTINAL BACTERIAL OVERGROWTH) NELLA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia Epato-digestiva Ciclo 21 o IL TRATTAMENTO DELLA SIBO (SMALL INTESTINAL BACTERIAL OVERGROWTH) NELLA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

IL DOLORE ADDOMINALE RICORRENTE

IL DOLORE ADDOMINALE RICORRENTE Università di Parma-Az. Ospedaliero-Univ di Parma UOC di Gastroenterologia e Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia Dipartimento Materno-Infantile Direttore Prof Gian Luigi de Angelis IL DOLORE

Dettagli

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE Dott. E. De Masi Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Malattie dell Apparato Digerente Primario Gastroenterologo Ospedale San Carlo IDI

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE COMPARSA 40/50 a.rapp.2/1 Femmine Maschi CALCOLOSI BILIARE(35/65%) / ERCP/ INTERVENTI / TRAUMI ALCOLISMO CRONICO(30%)

Dettagli

GASTROENTERITI e DISIDRATAZIONE

GASTROENTERITI e DISIDRATAZIONE CORSO TEORICO-PRATICO PER MEDICI DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: casistica clinica pediatrica in urgenza GASTROENTERITI e DISIDRATAZIONE Valentina Maffini Fidenza 13 ottobre 2009 La gastroenterite è un processo

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE QUADRI CLINICI, CORRELATI ALL ETA, CARATTERIZZATI DA SINDROME CRONICA O RICORRENTE, NON ASSOCIATI A PATOLOGIA ORGANICA, BIOCHIMICA O STRUTTURALE DISORDINI

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA DIGESTIONE ENTERICA Nell'INTESTINO TENUE prosegue la digestione chimico-enzimatica di PROTEINE, CARBOIDRATI, LIPIDI Nell'INTESTINO CIECO e nel COLON avviene una digestione fermentativa (microbica) della

Dettagli

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Riunione SIED LA COLONSCOPIA DI QUALITA Asti, 8 Novembre 2013 INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Dr. Enrico MORELLO S.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva ASL TO4 * * The European Panel on Appropriateness

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione Il morbo di Crohn o Introduzione o Segni e sintomi o Cause o Fattori di rischio o Screening e diagnosi o Attività e complicanze o Terapia o Conclusione Introduzione La malattia di Crohn è una malattia

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

Diarrea da tossinfezione

Diarrea da tossinfezione d origine infettiva: percorsi a b comunitaria del Viaggiatore acuta protratta c nosocomiale persistente d in immunocompromesso e da tossinfezione a d origine comunitaria Acuta Protratta Persistente Moderata/

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

MENTE-INTESTINO: UN DIALOGO POSSIBILE? Franco Ferrarini, Gastroenterologo MANTOVA Giuseppe Milazzo, Gastroenterologo MARSALA

MENTE-INTESTINO: UN DIALOGO POSSIBILE? Franco Ferrarini, Gastroenterologo MANTOVA Giuseppe Milazzo, Gastroenterologo MARSALA MENTE-INTESTINO: UN DIALOGO POSSIBILE? Franco Ferrarini, Gastroenterologo MANTOVA Giuseppe Milazzo, Gastroenterologo MARSALA Eugene Delacroix 1834 INTRODUZIONE LA MENTE PARLA ALL INTESTINO L INTESTINO

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

Benefici nutrizionali Attività antimicrobica e antivirale

Benefici nutrizionali Attività antimicrobica e antivirale I PROBIOTICI SOMMARIO Il nostro sistema digestivo contiene centinaia di organismi vitali. Ci sono più di 400 specie batteriche che vivono nel tratto gastrointestinale, costituendo un vero e proprio ecosistema.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza I probiotici sono proposti per trattare i più disparati sintomi o malattie gastrointestinali. pesso l uso di tali prodotti è supportato più dalla pubblicità

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego

La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego La tossina botulinica caratteristiche biochimiche, immunologiche e suo impiego Alessandro Lozza IRCCS Neurologico Casimiro Mondino Università di Pavia Neurotossine La neurotossina è una sostanza che inibisce

Dettagli

IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE

IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE UNIVERSITA' VITA- SALUTE MILANO MOVIMENTI DEL COLON mixing

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI

PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI PRINCIPI DI LINEE GUIDA NEL TRATTAMENTO ANTIBIOTICO DELLE INFEZIONI NECROSANTI ACUTE DEI TESSUTI MOLLI Vezzani G., Caberti L., Cantadori L., Mordacci M., Nicolopoulou A., Pizzola A. U.O. di Anestesia Rianimazione

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

Intestinale dalla fisiologia alla patologia

Intestinale dalla fisiologia alla patologia ilruolo delmicrobiota Intestinale dalla fisiologia alla patologia Con il supporto non condizionato di Bari, 13 Dicembre 2014 Sheraton Nicolaus Hotel CORSO INTERATTIVO ECM RAZIONALE SCIENTIFICO Negli ultimi

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo Il Dolore Addominale A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo SINTOMI ASSOCIATI con la STIPSI DEFECAZIONE 1. Evacuazioni non frequenti 2. Non urgenza 3. Feci evacuate con difficoltà (piccole o

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli