SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE"

Transcript

1 SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

2 INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL EMERGENZA: PREVENZIONE INCENDI, EVACUAZIONE E PRONTO SOCCORSO. pag 4 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA... pag 7 MEDICO COMPETENTE SORVEGLIANZA SANITARIA.. pag 7 CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI... pag 9 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI... pag 9 I PRINCIPALI RISCHI NEL COMPARTO PRINCIPALI SITUAZIONI LAVORATIVE DA VALUTARE E RELATIVE MISURE DI PREVENZIONE.. pag 11 RISCHIO CHIMICO pag 11 RISCHI DA VIBRAZIONE MECCANICHE pag 15 RISCHIO RUMORE.. pag 16 ADEGUATEZZA DEI LUOGHI DI LAVORO... pag 17 ATTREZZATURE ED IMPIANTI.. pag 19 PRINCIPALI DOCUMENTI RELATIVI ALLA SICUREZZA... pag 22

3 3. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DALLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA In tutte le imprese, con la sola esclusione delle ditte individuali senza dipendendenti, le principali figure individuate dalla normativa sulla sicurezza, sono: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, GLI ADDETTI ALL EMERGENZA: ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO, IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA, IL MEDICO COMPETENTE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Datore Di Lavoro può auto-nominarsi o nominare altro soggetto esterno o interno all azienda L AUTONOMINA è ammessa nelle Aziende artigiane e industriali fino a 30 addetti frequentando corsi di formazione, di durata minima di 16 ore e massima di 48 ore, e corsi di aggiornamento (anche per autonominati in sanatoria prima del dicembre 1996) secondo i contenuti e le articolazioni definiti mediante Accordo Stato/Regioni, E importante verificare che il soggetto che si autonomina sia, nell ambito aziendale, il titolare o il legale rappresentante. Fino alla definizione dell Accordo sono validi i corsi di formazione fino ad oggi utilizzati (16 ore), che quindi continueranno ad essere idonei Nel caso in cui il Datore di lavoro, non voglia o non possa autonominarsi RSPP, può nominarne un esterno (es: Consulenti Sicurezza) oppure un dipendente della azienda, in questo caso il soggetto individuato deve essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore e frequentare specifici corsi di formazione (a seconda del tipo di attività aziendale, da un minimo di 64 ore a un massimo di 120 ore) L autonomina va inviata per conoscenza al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza utilizzando la modulistica allegata.

4 4. ADDETTI ALL EMERGENZA ADDETTO PREVENZIONE INCENDI ED EVACUAZIONE Tra i compiti del datore di lavoro rientra anche l organizzazione delle attività di prevenzione incendi, di evacuazione e di pronto soccorso. Gli addetti alla prevenzione incendi sono incaricati di attuare le misure di prevenzione incendi comprendenti le misure intese ad evitare l insorgere di un incendio, i metodi di controllo e di manutenzione degli impianti ed attrezzature antincendio. Gli incaricati devono essere opportunamente formati e dotati delle attrezzature adeguate. I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione. L incarico può essere ricoperto sia da un titolare che da un dipendente dell impresa. La formazione degli incaricati alla prevenzione incendi sarà ridefinita con apposito decreto, nel frattempo si applica il DM10/3/98 il quale prevede: CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA' A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO (DURATA 8 ORE) Una azienda si considera a Medio Rischio Incendio quando è soggetta a richiesta di Certificato Prevenzione Incendi dei Vigili del Fuoco (vedi pag.. ADDETTO PRIMO SOCCORSO I Compiti dell addetto al Primo soccorso sono: mantenere in efficienza i presidi medico aziendali (cassetta o pacchetto di pronto soccorso) aggiornare i recapiti telefonici dei servizi pubblici competenti intervenire in caso d infortunio onde evitare che l infortunato venga soccorso in modo non corretto La formazione degli incaricati al primo soccorso resta quella del DM 388/2003, il quale identifica tre gruppi di aziende:

5 5. Gruppo A: I) Aziende o unità produttive con attività industriali a rischio di incidente rilevante (legge Seveso), centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari, aziende estrattive ed altre attività minerarie, lavori in sotterraneo, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni. II) Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro (vedi tabella). III) Aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell'agricoltura. Gruppo B: aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Gruppo C: aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A. Gli addetti al pronto soccorso sono formati con istruzione teorica e pratica per l'attuazione delle misure di primo intervento interno e per l'attivazione degli interventi di pronto soccorso. La formazione dei lavoratori designati è svolta da personale medico, in collaborazione, ove possibile, con il sistema di emergenza del Servizio sanitario nazionale. Nello svolgimento della parte pratica della formazione il medico può avvalersi della collaborazione di personale infermieristico o di altro personale specializzato. DURATA E TIPOLOGIA DEI CORSI gruppo A Corso di formazione di 16 ore Corso di aggiornamento di 6 ore gruppo B Corso di formazione di 12 ore Corso di aggiornamento di 4 ore gruppo C Corso di formazione di 12 ore Corso di aggiornamento di 4 ore La formazione dei lavoratori designati va ripetuta con cadenza triennale. La normativa non definisce un numero di addetti al pronto soccorso, ma stabilisce che debba essere nominativo uno o più addetti in relazione alle caratteristiche aziendali.

6 6. ATTREZZATURE MINIME PER GLI INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO Il datore di lavoro, in collaborazione con il medico competente, ove previsto, sulla base dei rischi specifici presenti nell'azienda o unità produttiva, individua e rende disponibili le attrezzature minime di equipaggiamento ed i dispositivi di protezione individuale per gli addetti al primo intervento interno ed al pronto soccorso. Le attrezzature ed i dispositivi devono essere appropriati rispetto ai rischi specifici connessi all'attività lavorativa dell'azienda e devono essere mantenuti in condizioni di efficienza e di pronto impiego e custoditi in luogo idoneo e facilmente accessibile. Allegato 1 Contenuto minimo della cassetta di pronto soccorso Guanti sterili monouso (5 paia). Visiera paraschizzi. Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml (3). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). Teli sterili monouso (2). Pinzette da medicazione sterili monouso (2). Confezione di rete elastica di misura media (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2). Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2). Un paio di forbici. Lacci emostatici (3). Ghiaccio pronto uso (due confezioni). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2). Termometro. Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. Allegato 2 Contenuto minimo del pacchetto di medicazione Guanti sterili monouso (2 paia). Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1). Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml (1). Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1). Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3). Pinzette da medicazione sterili monouso (1). Confezione di cotone idrofilo (1). Confezione di cerotti di varie misure pronti all'uso (1). Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1). Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1). Un paio di forbici (1). Un laccio emostatico (1). Confezione di ghiaccio pronto uso (1). Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1). Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza.

7 7. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Può essere: AZIENDALE: ha diritto ad una formazione particolare i cui contenuti saranno stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale. La durata minima dei corsi sarà di 32 ore iniziali. Seguirà un aggiornamento periodico, con durata non inferiore a: - 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori - 8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori TERRITORIALE: rimane invariata la possibilità di nominare l RLST territoriale nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori. La soglia non è più calcolata sui dipendenti (come nel decreto 626/94) ma sui lavoratori, quindi anche i soci partecipanti, collaboratori familiari, ecc. L RLS deve essere consultato sulla valutazione dei rischi e l attuazione delle misure preventive, sulla nomina di RSPP e ASPP,degli addetti a primo soccorso, evacuazione e della nomina medico competente, sull organizzazione della formazione per i lavoratori, inoltre, previa espressa richiesta e per l espletamento della sua funzione, riceve copia del documento di valutazione dei rischi. L impresa ha l obbligo di comunicare annualmente all INAIL i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale.

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. InformaImpresa n. 43 del 03/12/04 Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. A distanza di quasi dieci anni è stato approvato e pubblicato

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE ed TU Titolo IV Cantieri temporanei o mobili 1 PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 dove parla del primo soccorso 2 Dlgs 81/2008+106/2009 allegato

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE SuIla Gazzetta Ufficiale n.27 del 3 febbraio 2004 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.388 del 15 luglio 2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto

Dettagli

Corso di. abilitazione per. Coordinatori

Corso di. abilitazione per. Coordinatori Corso di abilitazione per Coordinatori Dr.ssa I.Elena Sapia Obblighi del datore di lavoro Nel sistema delineato dal D.Lgs. n. 81/2008, il datore di lavoro: - designa il responsabile del servizio di prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

INDICE PRONTO SOCCORSO

INDICE PRONTO SOCCORSO INDICE PRONTO SOCCORSO VALIGIE SPORTIVE Pag. 335 ARMADIETTI PENSILI IN PLASTICA Pag. 336 ARMADIETTI PENSILI IN METALLO Pag. 337 VALIGETTE ESTRAIBILI IN ABS Pag. 338 KIT REINTEGRO PACCHI MEDICAZIONE Pag.

Dettagli

DEFINIZIONI. Dirigente alla Sicurezza

DEFINIZIONI. Dirigente alla Sicurezza CORSO E-LEARNING snam.it DEFINIZIONI Nel corso e-learning quando si fa riferimento al Datore di Lavoro bisogna considerare che nelle società del gruppo Snam dove è nominato anche il Dirigente alla Sicurezza

Dettagli

PSCPS517 SCHEDA TECNICA

PSCPS517 SCHEDA TECNICA CODICE /CODE PSCPS517 SCHEDA TECNICA PRODOTTO MEDIC 2 ALLEGATO 1 DM 388 NORMA RIFERIMENTO: Contenuto a norma dell ALLEGATO 1 D.M. 388 del 15 luglio 2003 (art. 1) G.U. 27 del 03 febbraio 2004 D.L. 81 del

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizioni Art. 74 Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi (RESIDUI) suscettibili

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. Il Medico Competente

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. Il Medico Competente Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro Spegnere il Telefonino!! Il Medico Competente ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente Ligure di

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 Il presente opuscolo non sostituisce

Dettagli

lunedì 4 maggio 2015

lunedì 4 maggio 2015 lunedì 4 maggio 2015 Il concetto di rischio Il concetto di danno La prevenzione La protezione e i dispositivi di protezione individuali Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali Organizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso REGISTRO SICUREZZA PLESSO: ANNO: Compilato: Componenti Servizio Prevenzione e Protezione Referente Sicurezza: Addetti antincendio Addetti primo soccorso Visto Rappresentante dei lavoratori Sicurezza (RLS)

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI. Prof. Arch. Michele Di Sivo

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI. Prof. Arch. Michele Di Sivo LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Prof. Arch. Michele Di Sivo LA SICUREZZA IN UN IMPIANTO SPORTIVO DEVE ESSERE ORGANIZZATA IN RIFERIMENTO A: PROCESSO DI COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DEGLI

Dettagli

D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONVEGNO DI STUDIO E AGGIORNAMENTO AMMINISTRATIVO 27-30 AGOSTO 2008 ISTITUTO SUORE TERZIARIE FRANCESCANE ELISABETTINE D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 27 agosto 2008

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 COORDINATORE DEL CORSO Dott. Mario Padroni

Dettagli

Analisi del D.M. articolo per articolo:

Analisi del D.M. articolo per articolo: Decreto Ministeriale 15 luglio 2003 n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e

Dettagli

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, 2 00036 PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria

Dettagli

S IC U R S TAR S.r.l.

S IC U R S TAR S.r.l. Spett.Le CONSORZIO CENTRO CITTA Via Pagani 14 25127 Brescia (BS) Convenzione N.07/2013 del 03/07/2013 OGGETTO: Redazione Documento Valutazione Rischi, fornitura mezzi antincendio e di Primo Soccorso, manutenzione

Dettagli

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza)

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) 1. REGISTRO INFORTUNI (SEGRETERIA) L Istituto Comprensivo deve dotarsi di un unico registro infortuni per tutti i dipendenti

Dettagli

Pronto soccorso aziendale (1/2)

Pronto soccorso aziendale (1/2) Anno 6 - numero 943 di giovedì 19 febbraio 2004 Pronto soccorso aziendale (1/2) Approfondimento a cura di Rolando Dubini, avvocato in Milano. 1.OBBLIGHI GENERALI L'articolo 15 del Decreto Legislativo 19

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 AI SENSI DEL D. LGS 9 APRILE 2008 n 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RSPP Prof.

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.P.S.S.A.R. P. ARTUSI Cod.Fis. 85001510248 Cod. min. VIRH010001 Via Pralonghi, 5 36076 RECOARO TERME (VI) Tel. 0445 75111 75215 fax. 0445 76387 www.artusi.vi.it info@artusi.vi.it E-mail certificata: virh010001@pec.istruzione.it

Dettagli

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza PRIMO SOCCORSO Aspetti organizzativi CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI PS Primo soccorso Aspetti organizzativi DLgs 81/08 art. 45 IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Piano di Primo Soccorso CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1d DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI D.Lgs. 81/08

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

Sicurezza sui luoghi di Lavoro 17/12/2013- IIS «Majorana»- Rossano

Sicurezza sui luoghi di Lavoro 17/12/2013- IIS «Majorana»- Rossano Sicurezza sui luoghi di Lavoro 17/12/2013- IIS «Majorana»- Rossano GesAone della Prevenzione nei luoghi di lavoro; GesAone delle Emergenze; AddeG al Primo Soccorso; Responsabilità Civili e Penali; Lo stress

Dettagli

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende)

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO certificato secondo la rma UNI EN ISO 9001 Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Responsabile Dott. Giorgio Luzzana 24125 Bergamo Via B.go Palazzo

Dettagli

Nota al titolo: - Il testo dell'art. 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, è riportato nelle note alle premesse.

Nota al titolo: - Il testo dell'art. 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, è riportato nelle note alle premesse. D.M. n 388/03, Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale,in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni G.U.

Dettagli

CASA DI RIPOSO. Documento Valutazione dei Rischi

CASA DI RIPOSO. Documento Valutazione dei Rischi CIELO AZZURRO SRL CASA DI RIPOSO Documento Valutazione dei Rischi ( Titolo I Capo III Sezione II ( Art da 28 a 30 ) del D. Lgs. 81/08 e s.m.i così come modificato dal D.Lgs. 106/09 Comune di: MONCALIERI

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi da Interferenze

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi da Interferenze Comune di Maserada sul Piave Provincia di Treviso Procedura di sicurezza allo svolgimento del servizio di custodia e pulizia delle palestre comunali LOCALI 1. Palestra comunale della Scuola Primaria Giovanni

Dettagli

L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI

L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI Commissione Albo Odontoiatri Ordine provinciale medici chirurghi e odontoiatri di Modena L EMERGENZA NEGLI STUDI MEDICI ODONTOIATRICI Modena, 28 ottobre e 4 novembre 2015 Centro Famiglia di Nazareth Via

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi

Documento di Valutazione dei Rischi Documento di Valutazione dei Rischi revisione n 00 del 20/01/2009 Impresa Edile Presti Giacomo Via Del Duca n 35 81100 Caserta Ai sensi D.Lgs 81/08 1. PREMESSA Ai sensi dall art. 3 del D. Lgs 81/08 tutti

Dettagli

D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 (così come modificato dal D.Lgs. 106 del 03/08/2009) SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 (così come modificato dal D.Lgs. 106 del 03/08/2009) SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 (così come modificato dal D.Lgs. 106 del 03/08/2009) SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Docente: dott.ssa Simona Repetto CAMPO DI APPLICAZIONE articolo 3 Tutti i lavoratori

Dettagli

QUALITÀ/ PREZZO QUALITÀ/ PREZZO MIGLIOR RAPPORTO MIGLIOR RAPPORTO 297 PRONTO SOCCORSO

QUALITÀ/ PREZZO QUALITÀ/ PREZZO MIGLIOR RAPPORTO MIGLIOR RAPPORTO 297 PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORSO 295 SAFETY BOX 1 Indicata per uso personale, su automezzi, in ufficio, per il tempo libero. I presidi che permettono di intervenire rapidamente ed efficacemente nel caso di tagli, ustioni,

Dettagli

DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI

DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI CORSI SALUTE E SICUREZZA D. LGS. 81/08 e s. m. i. COMPRESI NELLA PIATTAFORMA E-LEARNING ERUDIO DENOMINAZIONE CORSO GENERE FAD AULA ORE TOTALI Formazione ed informazione Lavoratori (generale) Formazione

Dettagli

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420

10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.805/1 Taglia 9 10.805/2 Taglia 10 EN 388 - EN 420. 10.810 Taglia 10 EN 388 - EN 420 GUANTI FIORE BIANCO Guanti in fi ore di vitello bianco orlato. Spessore pelle: mm. 0,9-1,1. 10.800/1 Taglia 9 10.800/2 Taglia 10 GUANTI FIORE BIANCO DORSO CROSTA Guanti in fi ore di vitello bianco orlato

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI

OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI OBBLIGHI IN MATERIA DI SICUREZZA PER DATORI DI LAVORO, PREPOSTI, DIRIGENTI E LAVORATORI Gli accordi Stato- Regioni del 21 dicembre sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 8 dell 11 gennaio 2012.

Dettagli

FA.TO.M. s.r.l. Via F.Ferraironi,88i - 00177 ROMA Tel. 06.2253291 Fax 06.97619312 fatomsrl@libero.it www.fatom.it

FA.TO.M. s.r.l. Via F.Ferraironi,88i - 00177 ROMA Tel. 06.2253291 Fax 06.97619312 fatomsrl@libero.it www.fatom.it FA.TO.M. s.r.l. Via F.Ferraironi,88i - 00177 ROMA Tel. 06.2253291 Fax 06.97619312 fatomsrl@libero.it www.fatom.it ARMADIETTI PENSILI Cod: AP46 Allegato 2 categoria "C"(entro 2 dip.) Dim. cm.38x23x12 /

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE CORSO PER ADDETTI PRIMO SOCCORSO IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE Asti, Modulo A Introduzione (1) Testo Unico Sicurezza 2008 e D.M. 388 del 2003 In generale l entrata in vigore del D.M. 388/03 (che regolamenta

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 Lice o classico Stellini Udine OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 01/09/2013 PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Santoro IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto

DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Anno scolastico 2008/2009 A) CRITERI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL PRESENTE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il DLgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro adotti i provvedimenti

Dettagli

Allegati. Documento di Valutazione dei Rischi. Istituto Comprensivo Merano I. ALLEGATI pag. 1/25

Allegati. Documento di Valutazione dei Rischi. Istituto Comprensivo Merano I. ALLEGATI pag. 1/25 ALLEGATI pag. 1/25 Allegati I CONTENUTO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO... 2 II CONTENUTO DEL KIT DI PRONTO SOCCORSO... 3 III LIVELLI DI PRESSIONE SONORA MISURATI DURENTE L ATTIVITÀ DIDATTICA CON USO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO IX ISTITUTO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO Via TASSONI 17 35127 PADOVA P A D O V A DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/15 SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO Dirigente Dott.ssa Luisa Imbriani R.S.P.P.

Dettagli

A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro

A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro A.O. G. SALVINI Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro TARIFFARIO CORSI Unità Operativa con SISTEMA DI GESTIONE UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO FORMAZIONE PER I LAVORATORI 4 ore CORSO GENERALE

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.LGS. 81/08. ISTITUTO COMPRENSIVO PARINI GORLA MINORE (VA)

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.LGS. 81/08. ISTITUTO COMPRENSIVO PARINI GORLA MINORE (VA) ISTITUTO COMPRENSIVO PARINI GORLA MINORE (VA) Via Roma, 56 21055 Gorla Minore ( VA )- Tel/fa: 0331601650 Cod. Meccanografico: VAIC85400N e-mail: vaic85400n@istruzione.it Cod. Fisc.n. 81009990128 D.V.R.

Dettagli

VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne

VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE VADEMECUM per gli addetti al primo Soccorso nelle scuole materne A cura di: M.C. CASALE M. GALLO F. LUISI A.OSSICINI Edizioni INAIL 2001 1 PRESENTAZIONE Il lavoro che

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE Pagina 1di 9 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta Settore ATECO 2007 Totali addetti - N. operai - N. impiegati di cui

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento)

Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento) Corso di formazione per Addetto al Servizio di Primo Soccorso (corso di aggiornamento) - AZIENDE GRUPPO A - B - C - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci

Dettagli

VADEMECUM VADEMECUM AIO

VADEMECUM VADEMECUM AIO VADEMECUM AIO VADEMECUM 2011- Prima parte PREFAZIONE "... migliaia, milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto quello che noi possiamo inventare per molestarli, incepparli,

Dettagli

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012

Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 1 Catalogo corsi Sicurezza Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall'accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 Sommario 2 Formazione di lavoratori..4 - Formazione generale

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuali Kit didattico

Dispositivi di Protezione Individuali Kit didattico con il patrocinio di Direzione Regionale Veneto Dispositivi di Protezione Individuali Kit didattico Aprile 2009 con il contributo di I Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) Si intende per DPI qualsiasi

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Il medico competente. Sorveglianza sanitaria e ruolo del medico competente. Rev. 2 ott. 2009 Sorveglianza sanitaria slide 1 di 102

Il medico competente. Sorveglianza sanitaria e ruolo del medico competente. Rev. 2 ott. 2009 Sorveglianza sanitaria slide 1 di 102 Il medico competente Sorveglianza sanitaria e ruolo del medico competente Rev. 2 ott. 2009 Sorveglianza sanitaria slide 1 di 102 Sommario 1. Rischi e Prevenzione 2. Ruolo e compiti del Medico Competente

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE AGGIORNATO a Ottobre 2015 Il presente protocollo è stato previamente discusso e messo a punto insieme al RSPP, agli Addetti ai servizi d emergenza

Dettagli

#!$%&& ' #($ )!( (*+,,"

#!$%&& ' #($ )!( (*+,, Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.LGS. 1/0. " #$%&& ' #($ ( (*+,," %&' #($ DIRIGENTE SCOLASTICO: DOTT. GIORGIO GICCARELLI -.(//'.. 0/0/009 1 " # $ " & $ $ * * +, - +. /. " + & " ", ",

Dettagli

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15 IX ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA G. RICCI CURBASTRO Via Tassoni, 17-35125 PADOVA - 049/684729 - fax 049/684397 C.F. 92200370283 Home-page : www.nonoicpadova.it e-mail Min.: pdic88600d@istruzione.it e-mail:

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Istituto Comprensivo Statale Gabriele Camozzi Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado 24123 BERGAMO Via Pinetti, 25 035. 235906 (prioritario) - 234682 Fax 035.216274 Cod. Fisc. N. 95118630169

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Lo svolgimento dell attività all interno degli studi professionali costringe ormai ad un numero crescente

Dettagli

Dott. Balsotti Francesco Dott. Tecnico della prevenzione Geometra SICUREZZA E SALUTE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO

Dott. Balsotti Francesco Dott. Tecnico della prevenzione Geometra SICUREZZA E SALUTE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO INFORMATIVA SICUREZZA SUL LAVORO E HACCP MARZO 2015 SOMMARIO: 1) 12 MARZO 2015 SCADENZA PER INTEGRAZIONE DELLA FORMAZIONE PER L UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE DA LAVORO 2) 30 APRILE 2015 SCADENZA DICHIARAZIONE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA INTERNO

PIANO DI EMERGENZA INTERNO Procedura Operativa Roma, 05/2014 Rev.06/semestrale Pagina 1 di 11 A.Orelli. Tel. 3387 PIANO DI EMERGENZA INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 12 ore (secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. in applicazione del DM 15/07/2003 n.

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 12 ore (secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. in applicazione del DM 15/07/2003 n. CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 12 ore (secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. in applicazione del DM 15/07/2003 n. 388) MODULO A I Parte Aspetti Giuridico-Normativi 2 2 IL SISTEMA DI PRIMO

Dettagli

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO

Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO ELABORATO N. 5 Corso di FORMAZIONE PER ADDETTO PRONTO SOCCORSO ALLEGATO 1 - PERCORSO FORMATIVO PER ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO (DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 15/07/2003, n. 388) Roma lì, GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il D.Lgs. 81/2008 prevede che il dirigente scolastico, in qualità di datore di lavoro, definisca e renda operativo un piano di Primo Soccorso che stabilisca: le procedure

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011 REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011 INDICE DEL REGISTRO 1.1 Introduzione pag. 02 1.2 Dati identificativi della scuola ed organigramma della sicurezza. 03 tabella 1: dati

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

ACCORDO QUADRO ANNUALE RELATIVO AI LAVORI DI MANUTENZIONE RETI FOGNARIE PLUVIALI COTTIMO FIDUCIARIO. P.S.C. Indicazioni sulla Sicurezza

ACCORDO QUADRO ANNUALE RELATIVO AI LAVORI DI MANUTENZIONE RETI FOGNARIE PLUVIALI COTTIMO FIDUCIARIO. P.S.C. Indicazioni sulla Sicurezza ACCORDO QUADRO ANNUALE RELATIVO AI LAVORI DI MANUTENZIONE RETI FOGNARIE PLUVIALI COTTIMO FIDUCIARIO P.S.C. Indicazioni sulla Sicurezza 1 Data: dicembre 2014 OGGETTO E FINALITA Art. 1. Descrizione sommaria

Dettagli

D V R. Documento di valutazione dei rischi D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

D V R. Documento di valutazione dei rischi D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 D V R Documento di valutazione dei rischi D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa STEFANIA SCATASTA dirigente@liceoartisticostatale.it Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI BASE artt. 36 1 e 37 D.Lgs. 81/2008 e smi

CORSO DI FORMAZIONE DI BASE artt. 36 1 e 37 D.Lgs. 81/2008 e smi CORSO DI FORMAZIONE DI BASE artt. 36 1 e 37 D.Lgs. 81/2008 e smi 1 Art. 36. - Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinche' ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

Documento Nota informativa / Riferimento Legislativo Datore di Lavoro / Quando. Conservazione

Documento Nota informativa / Riferimento Legislativo Datore di Lavoro / Quando. Conservazione Il decreto 81/08 si applica a tutti i lavoratori e lavoratrici, subordinati e autonomi, nonché ai soggetti ad essi equiparati. Per esempio sono equiparati ai dipendenti gli stagisti, i lavoratori a progetto,

Dettagli

Ing. Domenico Mannelli

Ing. Domenico Mannelli Sorveglianza sanitaria e primo soccorso in edilizia Ing. Domenico Mannelli www.ingmannelli.com 1 1 POSTO INFORTUNI MORTALI 2 POSTO MALATTIE PROFESSIONALI RICONOSCIUTE 2 MORTALITÀ PER INFORTUNI MESOTELIOMA

Dettagli

RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) CHI/COSA IN CHE CASO FORMAZIONE SANZIONI

RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) CHI/COSA IN CHE CASO FORMAZIONE SANZIONI RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) RLS Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Dall'assunzione del primo lavoratore dipendente. Per questa figura ci sono tre possibilità: 1. I

Dettagli

SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE. Vademecum per il medico competente della Pubblica Amministrazione

SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE. Vademecum per il medico competente della Pubblica Amministrazione SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Vademecum per il medico competente della Pubblica Amministrazione Edizione INAIL 2011 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale a cura

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015/2016. "E' ciò che pensiamo già di sapere che ci impedisce di imparare cose nuove" Claude Bernard.

CATALOGO FORMAZIONE 2015/2016. E' ciò che pensiamo già di sapere che ci impedisce di imparare cose nuove Claude Bernard. CATALOGO FORMAZIONE 2015/2016 "E' ciò che pensiamo già di sapere che ci impedisce di imparare cose nuove" Claude Bernard. INFORMAZIONI SUI CORSI DI FORMAZIONE I corsi si realizzeranno al raggiungimento

Dettagli