Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP"

Transcript

1 Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Riccardo Troncone Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali e Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti Università Federico II, Napoli Dieta, alimentazione e salute nel terzo millennio Roma, Marzo 2015

2 Disordini funzionali gastrointestinali Disordini frequenti, a patogenesi multifattoriale, di difficile approccio clinico I sintomi possono essere molto evidenti e interferire significativamente con la qualità di vita Rappresentano la seconda causa di assenteismo da lavoro/scuola

3 Disordini funzionali gastrointestinali Patogenesi Alterata motilità; aumentata fermentazione; alterato transito dei gas; ipersensibilità viscerale; alterato funzionamento dell asse cervello-intestino; predisposizione genetica; fattori psicosociali; disbiosi del microbiota intestinale

4 Disordini funzionali gastrointestinali Terapia Diretta ad alleviare i sintomi (per esempio antispastici o adsorbenti dei gas) o ad agire sul SNC (terapie antidepressive o cognitive/comportamentali). Recentemente tentativi di modulare il microbiota intestinale con prebiotici o probiotici. Le terapie farmacologiche hanno un effetto limitato. Limitate anche le evidenze scientifiche, anche a causa del marcato effetto placebo osservato in questi pazienti

5 Disordini funzionali gastrointestinali ed alimenti E comune la esacerbazione dei sintomi dopo i pasti e che il paziente riferisca reazioni avverse ad uno o più alimenti 2/3 dei pazienti escludono dalla dieta alimenti specifici per ridurre il discomfort intestinale Consigli dietetici fanno parte dell approccio comune, ma le evidenze sono limitate Le raccomandazioni relative alla dieta sono più spesso basate sull effetto di determinati cibi sulla fisiologia intestinale, molto meno su trial controllati Simren M. Gastroenterology 2014; 146: 10-26

6 Disordini funzionali gastrointestinali (DFGI) e distensione addominale Nella patogenesi dei DFGI un ruolo centrale è svolto dall iperalgesia viscerale con conseguente maggiore sensibilità alla distensione del lume intestinale La distensione intestinale non è solo causa di dolore addominale, ma può determinare alterazioni secondarie della motilità Riconoscere e ridurre i fattori dietetici responsabili di distensione addominale rappresenta una possibile strategia terapeutica Di Lorenzo C et al. J Pediatr 2001; 139:

7 Fattori che influenzano la distensione Fibre addominale Carico osmotico e capacità assorbitiva Produzione di gas da fermentazione batterica

8 Carboidrati a catena breve (a basso peso molecolare) fermentabili (FODMAPs) I carboidrati della dieta sono classificabili, sulla base del grado di polimerizzazione, in monosaccaridi (glucosio, fruttosio, sorbitolo), disaccaridi (saccarosio e lattosio), oligosaccaridi e polisaccaridi. I carboidrati fermentabili dai batteri intestinali sono quelli che, non assorbiti a livello del tenue, arrivano al colon.

9 FODMAPs Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols fruttosio, lattosio, fructani, galactani e polioli (sorbitolo, mannitolo, xilitolo e maltitolo) Sono candidati a svolgere un ruolo importante nella distensione addominale, in quanto: - Poco assorbiti nel piccolo intestino (scarso trasporto fruttosio, ridotta idrolisi lattosio, no idrolisi fructani e galactani, no diffusione polioli) - Piccole molecole rapidamente fermentate (vs fibre) - Associati con la produzione di idrogeno più che metano

10 Il lattosio È un disaccaride, beta-galattoside, formato da galattosio e glucosio: viene assorbito dopo idrolisi nei monosaccaridi costitutivi ad opera della lattasi dell orletto a spazzola dell enterocita. Se la digestione del lattosio è incompleta per bassi livelli di attività lattasica, il disaccaride raggiunge il colon dove è fermentato dai batteri in acidi grassi a basso peso molecolare e gas, con eventualmente diarrea

11 L intolleranza al lattosio nel deficit di lattasi In assenza di ingestione di dosi massive di latte, è molto improbabile che il malassorbimento di lattosio possa da solo causare severa diarrea. Sono più frequenti gonfiore dell addome dolori addominali e flatulenza. L importanza clinica della intolleranza al lattosio nel malassorbitore di lattosio, senza altri problemi gastrointestinali è stata sopravvalutata.

12 L intolleranza al lattosio nel deficit di lattasi Il malassorbimento di lattosio può invece giocare un ruolo nella IBS, aggravandone la sintomatologia. È ancora da dimostrare se la restrizione del solo lattosio migliora i sintomi in soggetti con IBS e ipolattasia

13 Altri FODMAPs: alpha-galatto-oligosaccaridi o galattani Consistono di meno di 10 monomeri di galattosio con una unità terminale di glucosio. Sono presenti nel latte, legumi e alcuni cereali. L intestino dell uomo manca di attività alpha-galattosidasica (la lattasi è una beta-galattosidasi) e quindi questi carboidrati non sono assorbibili dal tenue e arrivano al colon dove vengono fermentati. Pazienti con IBS ingeriscono con la dieta circa due grammi al giorno di questi oligosaccaridi.

14 Altri FODMAPs: fruttosio È un monosaccaride poco assorbito dall intestino umano specie in assenza di glucosio. È presente nella frutta e negli alimenti dolcificati con fruttosio. Malassorbimento di fruttosio è presente con la stessa incidenza in soggetti normali e in soggetti con IBS. In America il consumo quotidiano di fruttosio in soggetti con IBS è stato calcolato aggirarsi sui 40gr/die.

15 Altri FODMAPs: polimeri del fruttosio Sono oligosaccaridi del fruttosio lineari o ramificati: tipico composto di questa serie è l inulina. Praticamente non degradabili dall intestino umano, sono carboidrati di riserva delle piante (soprattutto grano e cipolle). Sono usati anche come prebiotici. Il consumo quotidiano medio di inulina oscilla tra 2 e 4 gr/die

16 Altri FODMAPs: polioli Sono monosaccaridi con funzione alcolica (CH2OH), come il sorbitolo e il mannitolo, poco assorbibili dall intestino umano Sono presenti nella frutta e nella verdura. Le gomme masticanti possono essere ricche di sorbitolo La dieta ne contiene circa 1 gr/die

17 Il mancato assorbimento dei FODMAPs con accumulo nel lume determina: Aumento del contenuto luminale di acqua Aumento della produzione di gas attraverso la fermentazione batterica Aumento SCFA e alterazioni motilità Tuttavia, non tutti i soggetti con maldigestione di lattosio o malassorbimento di fruttosio riportano sintomi Altri fattori potenzialmente implicati: Alterazioni del microbiota Ipersensibilità viscerale Difetti di barriera Anomala funzione immune Ansia, depressione, stress

18 Conseguenze del mancato assorbimento dei FODMAPs

19 Dieta a basso contenuto di FODMAPs e microbiota Minore contenuto in bifidobatteri Minore numero di batteri totali e declino in batteri produttori di butirrato e di organismi con potenziali proprietà prebiotiche

20 Obiettivo primario: Valutare l efficacia clinica di una DPFs rispetto ad una dieta formulata sulla base delle linee guida NICE per pazienti IBS Pazienti - 82 pazienti adulti affetti da IBS (eta media 38.1 anni) Metodi - A seguito di colloqui con dietiste specializzate ai pazienti venivano forniti consigli dietetici per seguire una dieta basata sulle linee guida NICE (gruppo standard) oppure una DPFs (gruppo low-fodmap) - Restrizione dell assunzione di frutto-oligosaccaridi, galatto-oligosaccaridi e polioli in tutti i pazienti - Variazione dei sintomi GI (gonfiore, dolore addominale, flatulenza, diarrea, stipsi, nausea ed astenia) valutata mediante un questionario.

21

22 Risultati: - Il gruppo low-fodmaps ha mostrato miglioramento globale dei sintomi GI valutati, rispetto al gruppo standard. - Nel gruppo low FODMAP miglioramento statisticamente significativo di gonfiore, dolore addominale e flatulenza, rispetto al gruppo standard - Il 76% dei soggetti a dieta low-fodmap ha mostrato soddisfazione per il miglioramento dei sintomi vs il 54% dei soggetti a dieta standard. Sebbene i consigli dietetici standard siano efficaci nel controllo dei sintomi di pazienti IBS, una dieta povera di FODMAPs risulta più efficace nel controllo globale della sintomatologia

23 Studio randomizzato, controllato, cross-over Obiettivo primario: valutare gli effetti di una DPFs rispetto ad una dieta Australiana standard in pazienti con IBS e controlli sani Pazienti - 38 pazienti (30 con IBS ed 8 controlli sani); eta media na 41 IBS, 31 ct Metodi - Valutazione della dieta al baseline per 1 settimana (diario alimentare); successivamente randomizzazione nei due gruppi di studio per seguire in cieco 21 giorni di DPFs o 21 giorni di dieta Australiana standard. - Periodo di washout di almeno 21 giorni e raggiungimento del baseline dei sintomi GI - Successivo cross-over alla dieta alternativa - Valutazione quotidiana dei sintomi GI, del contenuto fecale di acqua, di frequenza, consistenza e peso delle feci

24 Risultati: - nel 70% deisoggetti IBS riduzione globale dei sintomi GI in corso di DPFs, con miglioramento maggiore dopo i primi 7 giorni di dieta - Nessuna differenza significativa tra i due tipi di dieta per quanto riguarda il contenuto fecale di acqua e la frequenza, peso e consistenza delle feci La dieta povera di FODMAPs è efficace per il trattamento dei sintomi GI in pazienti con IBS

25 Spettro dei disordini glutine-correlati Malattia Celiaca (MC) Allergia al Grano Sensibilità al Glutine Non-Celiaca (SGNC)

26 Sensibilità al Glutine Non-Celiaca, Sensibilità al Glutine, Ipersensibilità alla Gliadina, Intolleranza al Glutine, Intolleranza al Glutine Non-Celiaca Sintomi scatenati dall ingestione di glutine ed alleviati dalla sospensione della sua assunzione, in assenza di markers di Malattia Celiaca ed Allergia al Grano

27 Sensibilità al glutine, vecchie evidenze: sintomi GI Evidenza di una risposta della sintomatologia GI alla sospensione dell assunzione ed al challenge con glutine, per un gruppo di soggetti IBS con disregolata risposta immune alla gliadina Diarrea cronica migliorata a DPG e peggiorata dopo re-challange con glutine (DCPC crossover) (Cooper et al, Gastroenterology 1980) Presenza di anticorpi intestinali AGA IgA ed IgM in soggetti con diarrea glutine-sensibile, in assenza di enteropatia (Arranz& Ferguson, Gastroenterology 1993) In un sottogruppo di pazienti con IBS e diarrea glutine-sensibile, riscontro di valori aumentati di anticorpi intestinali AGA ed anti-tg2 IgA (Wahnschaffeet al, Gastroenterology 2001) e di incremento dei livelli sierici si AGA/anti-TG2 IgG. Prevalentemente soggetti DQ2+ (Wahnschaffee t al, Gastroenterology 2007)

28 Nuove evidenze: correlazione glutine-ibs 45 soggetti con IBS-D randomizzati per trial di 4 settimane a Dieta Contenente Glutine (DCG) o Dieta Priva di Glutine (DPG) A DPG riduzione della frequenza evacuativa Effetto della DPG esplicato prevalentemente nei soggetti HLA-DQ2/8 positivi A DCG: Nessun effetto si istologia o tempo di transito Aumentata permeabilità del piccolo intestino Ridotta espressione di ZOT1, claudina-1, occludina Vazquez Roque et al, Gastroenterology 2013.

29 Sensibilità al Glutine Non-Celiaca Epidemiologia 6% prevalenza stimata Grande attenzione pubblica Mercato degli alimenti privi di glutine approssimativamente $ 2.6 miliardi

30 Trial di somministrazione di glutine in doppiocieco, controllati vs placebo Autore Criteri Inclusione No. pazienti Disegno dello Studio Alimento Testato Outcome Cooper et al. Pz non celiaci con diarrea cronica 6 Cross-over DCPC Zuppa di pomodoro supplementat a con glutine Variazione sintomi GI globali Biesiekierski et al. Pz IBS non celiaci 34 Randomizzato DCPC Pane e muffin con glutine Variazione sintomi GI globali Carroccio et al. Pz IBS non celiaci Con negatività dei test allergologici IgE-mediati 276 Cross-over randomizzato DCPC Capsule contenenti farina di grano Variazione sintomi GI globali

31 Ipotesi Alternative Interazione glutine-amidi e comparsa di processi di fermentazione Modificazione del tempo di transito naloxone dipendente (proprietà oppioidi del glutine) Effetto nocebo? Prevalentemente a dieta di esclusione Sintomi correlati ad altre sostanze presenti nel grano?

32 Nessun effetto del glutine nei pz con SGNC se la dieta è povera di FODMAPs Trial randomizzato in doppio cieco con crossover di alimentazione con 3 differenti diete a variabile contenuto di glutine Tutte le diete a ridotto contenuto di FODMAPs, latticini e additivi alimentari La riduzione dei FODMAPs riduceva uniformemente i sintomi GI nel periodo di run-in In entrambi i trial randomizzati, controllati vs placebo, crossover, in doppio-cieco non poteva essere dimostrata una induzione dei sintomi specifica e riproducibile Biesiekierski et al. Gastroenterology 2013

33 Strategia FODMAPs non causano i sintomi, ma contribuiscono all esacerbazione Restringere l intake globale Cosa ridurre: - Lattosio - Fruttosio: soprattutto se in eccesso rispetto al glucosio (utilità breath test) - Fructani: alcuni vegetali (carciofi, cipolle), cereali contenenti glutine, alcuni tipi di frutta (mele, banane, pesche) - Galactani: legumi - Polioli: sorbitolo (frutta), mannitolo (funghi), dolcificanti

34 Difficoltà nell aderire alla dieta Contenuto di FODMAPs negli alimenti non è chiaramente riportato Il cut-off di tolleranza non è ben definito Necessario l intervento del dietista al fine di: - Identificare i FODMAPsprevalenti nella dieta - Offrire liste alimenti poveri di fructani, galactani, lattosio, polioli - Offrire istruzioni per i pasti fuori casa - Organizzare un trial di 6-8 settimane di dieta Rechallenge e soglie Necessaria motivazione da parte del paziente, del medico e del dietista

35 Limitazioni e problemi Non tutti gli IBS rispondono (75% rispondono) Persistenza sintomi intermittenti: la dieta non va presentata come cura definitiva Effetti indesiderati: - restrizioni di componenti dietetiche con effetto prebiotico - meno protezione vs carcinogenesi colorettale? Deficit nutrizioali?

36 Prospettive I risultati degli studi controllati vano confermati in un ambiente ambulatoriale Occorre identificare i pazienti che presumibilmente risponderanno a questo approccio Resta da definire quanto stretta deve essere la dieta e quanto protratta per un effetto a lungo termine La dieta low FODMAP va confrontata con una dieta healthy eating (no pasti abbondanti, pochi grassi, ridotta caffeina, riduzione cibi produttori di gas)

Cosa sono i FODMAPs ?

Cosa sono i FODMAPs ? La FODMAPs Diet Cosa sono i FODMAPs? FODMAPs e meteorismo Cos è il meteorismo? Condizione in cui si presenta accumulo eccessivo di gas nel tratto gastrointestinale, con conseguente sensazione di pienezza,

Dettagli

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926 Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926? Ho mal di pancia e la mia parrucchiera mi ha detto che è probabile che abbia i diverticoli; cosa sono? Piccole tasche che si formano attraverso la parete muscolare del

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Celiachia e NCGS: che c è di nuovo. Carolina Ciacci

Celiachia e NCGS: che c è di nuovo. Carolina Ciacci Celiachia e NCGS: che c è di nuovo Carolina Ciacci 1 Sensibilità al grano Celiachia Allergia NCGS ( gluten?) 2 Celiachia, novità 3 4 70% pz riferiscono sintomi per assunzione glutine 342 pz a GFD da 1

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

Condividiamo il seguente studio:

Condividiamo il seguente studio: Condividiamo il seguente studio: "Consigli per diarrea, stitichezza e colon irritabile" del Dottor Donadel Campbel tratto dal sito : http://www.giorgiodonadelcampbell.it/ index.php?id=64 poichè lo riteniamo

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

L INTOLLERANZA AL LATTOSIO

L INTOLLERANZA AL LATTOSIO TITOLO: L INTOLLERANZA AL LATTOSIO SOMMARIO: Lo scopo di questa dispensa è di fornire una conoscenza di base sull intolleranza al lattosio. Ben consci di non poter fornire tutte le informazioni necessarie

Dettagli

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA LA STIPSI INTESTINO CRASSO DEFINIZIONE:CRITERI DI ROMA 2 -SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA EVACUAZIONE e/o DI OSTRUZIONE ANALE -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

Alimentazione e Celiachia

Alimentazione e Celiachia Alimentazione e Celiachia Riccardo Troncone Dipartimento di Scienza Mediche Traslazionali e Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti, Università Federico II, Napoli Milano,

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva

Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva Valutazione dell'intake di calcio e ultrasonografia ossea quantitativa in una popolazione intollerante al lattosio geneticamente determinata.

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI?

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIA ALIMENTARE reazione anomala mediata dal sistema immunitario nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti erroneamente come estranei INTOLLERANZA ALIMENTARE

Dettagli

LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE (SII)

LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE (SII) LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE (SII) La Sindrome dell'intestino o colon irritabile (SII), comunemente ma impropriamente chiamata colite, è definita come un insieme di disordini funzionali dell intestino

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE EZIOPATOGENESI DELLA CARIE saliva Flusso Potere tampone Lisozima, lattoferrina perossidasi Mucine, glicoproteine, lipidi Iga, IgG smalto Ipoplasia Permeabilità Composizione chimica Contenuto di fluoro

Dettagli

LA CELIACHIA: impariamo a conviverci

LA CELIACHIA: impariamo a conviverci LA CELIACHIA: impariamo a conviverci La celiachia colpisce 1 italiano su 100. In Italia i celiaci diagnosticati sono circa 100mila ma quelli potenziali sono 6 o 7 volte più numerosi. Rispetto al passato,

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

Intolleranza al lattosio dalla diagnosi alle misure conservative

Intolleranza al lattosio dalla diagnosi alle misure conservative Lugano, 15.10.2015 Intolleranza al lattosio dalla diagnosi alle misure conservative Silvia Richina Dr. Giovanni Togni Viollier Lugano SA Agenda Caso clinico introduttivo Cosa è il lattosio? Cosa è un intolleranza?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani

Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 2, 2000 Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani Definizione Combinazione di sintomi gastrointestinali cronici o ricorrenti

Dettagli

Pur non potendo stabilire con certezza le

Pur non potendo stabilire con certezza le Capitolo 5 La digestione dei carboidrati «La digestione è il grande segreto della vita». Go e Summerskill 1 «Ciò che il paziente ingerisce al di là della sua capacità di digestione lo danneggia». Gee 2

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Basi biochimiche dell azione dei farmaci Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Celiachia Malattia autoimmune che coinvolge prevalentemente l intestino. Gluten Sensitivity Sindrome caratterizzata da molteplici

Dettagli

Clinical Cornelia Day

Clinical Cornelia Day Clinical Cornelia Day Serena Tursi Dietista DH pediatria Malattie Metaboliche, Dipartimento di Pediatria A.O. San Gerardo di Monza Problematiche fisiologiche : Come, quanto e in che modo? RISCHIO MALNUTRI

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli I carboidrati nell alimentazione del bambino I carboidrati nell alimentazione del bambino Chimica I carboidrati nella dieta Indice

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

Celiachia e intolleranza al lattosio Linee guida dietetiche

Celiachia e intolleranza al lattosio Linee guida dietetiche Celiachia e intolleranza al lattosio Linee guida dietetiche Cos è la celiachia? Reazioni avverse al grano: un arcipelago Allergia Gluten sensitivity Celiachia: intolleranza genetica al glutine (malattia

Dettagli

MALATTIA CELIACA. Dott. Luigi Giannini Medico di Medicina Generale Specialista in Pediatria Poppi 17 Maggio 2014

MALATTIA CELIACA. Dott. Luigi Giannini Medico di Medicina Generale Specialista in Pediatria Poppi 17 Maggio 2014 MALATTIA CELIACA Dott. Luigi Giannini Medico di Medicina Generale Specialista in Pediatria Poppi 17 Maggio 2014 malattia celiaca Il termine celiachia viene dal greco koilìa che significa addome, ventre.

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA ALIMENTI FUNZIONALI STORIA Il concetto di Alimenti Funzionali nasce negli anni 80 in Giappone, dove viene messa a punto una legislazione apposita. Nel 1991 viene coniato il termine FOSHU (Foods for Specified

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 18-19-20 Settembre 2014 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI La dieta a basso contenuto di FODMAP Terapia mirata nella Sindrome dell Intestino Irritabile Piacentino

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

E tutta colpa della Biochimica ovvero

E tutta colpa della Biochimica ovvero E tutta colpa della Biochimica ovvero Yin Yang degli alimenti Paola Palestini Grassi animali o grassi vegetali???? Glucosio o fruttosio???? Antiossidanti contro i radicali liberi ma cosa sono???? Allergie

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

La presenza di numerose scariche ( da 3 a 6) al giorno di feci non formate o acquose contenenti muco e fibre vegetali si chiama diarrea.

La presenza di numerose scariche ( da 3 a 6) al giorno di feci non formate o acquose contenenti muco e fibre vegetali si chiama diarrea. DIARREA CRONICA La presenza di numerose scariche ( da 3 a 6) al giorno di feci non formate o acquose contenenti muco e fibre vegetali si chiama diarrea. Se tale fenomeno persiste per qualche settimana

Dettagli

È sempre possibile l approccio psicosomatico alle malattie? L iter diagnostico e terapeutico di molte patologie e disturbi, tra quali anche quelle

È sempre possibile l approccio psicosomatico alle malattie? L iter diagnostico e terapeutico di molte patologie e disturbi, tra quali anche quelle LA SCIENZA DELLA NUTRIZIONE Dott.ssa Brigida Stagno Difficoltà a deglutire, senso di sazietà precoce, senso di ripienezza post-prandiale, dolore e fastidio addominale diffuso, associato a stipsi o diarrea,

Dettagli

L'importanza di un equilibrato tono intestinale

L'importanza di un equilibrato tono intestinale enterorelax intestino sereno L'importanza di un equilibrato tono intestinale FITOMEDICAL star bene è naturale L intestino lavora in silenzio In situazioni normali, l attività digestiva si compie in una

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Arko Enzym. Innovazione con enzimi attivi. Gli Arko Enzym sono frutto della biotecnologia. Perchè gli Enzimi? Interesse degli enzimi specifici.

Arko Enzym. Innovazione con enzimi attivi. Gli Arko Enzym sono frutto della biotecnologia. Perchè gli Enzimi? Interesse degli enzimi specifici. Arko Enzym Innovazione con enzimi attivi Perchè gli Enzimi? Gli enzimi sono una soluzione interessante per risolvere numerosi problemi, in particolare nel campo della digestione e sono un ottima alternativa

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano

IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano IBS-C e Stipsi Funzionale. Due entità separate? Guido Basilisco Gastroenterologia ed Endoscopia IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico- Milano IBS-C e Stipsi Funzionale (FC) Definizione e caratteristiche

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

Alimenti funzionali parte prima. Giuseppe Nicodemo Bombardiere

Alimenti funzionali parte prima. Giuseppe Nicodemo Bombardiere Alimenti funzionali parte prima Giuseppe Nicodemo Bombardiere Introduzione Antica Cina, India, Grecia: concetto di alimenti utilizzabili come farmaci Ippocrate: «Lasciate che il cibo sia la vostra medicina

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

1.1 Intolleranza al lattosio & allergia alle proteine del latte vaccino

1.1 Intolleranza al lattosio & allergia alle proteine del latte vaccino sufficiente a fornire una certa protezione. Il gruppo di esperti scientifici dell L'EFSA 19 fa notare che la prevalenza delle allergie alimentari è difficile da stabilire, a causa della scarsità di studi

Dettagli

STIPSI. meno di due evacuazioni a settimana. oppure almeno due dei seguenti disturbi:

STIPSI. meno di due evacuazioni a settimana. oppure almeno due dei seguenti disturbi: STIPSI E un disturbo caratterizzato da difficoltà e/o insoddisfazione e/o ridotta frequenza dell evacuazione. Si definisce affetta da stipsi una persona che riferisca nell ultimo anno, per almeno 12 settimane,

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Dove si trovano i prodotti? Che cos è questa malattia? Cosa si mangia? OLTRE Oggi le persone affette da celiachia trovano

Dettagli

E quando la celiachia riguarda l adulto?

E quando la celiachia riguarda l adulto? Gluten Free Day 10 ottobre 2015 E quando la celiachia riguarda l adulto? Giancarlo Sandri 14/10/2015 1 Cos è la celiachia La celiachia, o malattia celiaca (MC), è una patologia di tipo autoimmunitario,

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari Nell'ambito delle "reazioni avverse al cibo" è opportuno schematizzare quanto classificato dall'accademia Europea di Allergologia ed Immunologia Clinica. L'allergia alimentare è mediata immunologicamente

Dettagli

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi.

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. COS'E' L' INTOLLERANZA AL LATTOSIO? Il latte è composto da: acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. Fra gli zuccheri, quello maggiormente presente è

Dettagli

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne A.S. 2011/12 Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Seminario biomedico e chimico farmacologico e chimico sulla Dieta Mediterranea e i disordini alimentari 13 febbraio 2012

Dettagli

Applicazione del Nutrition Care Process and Model nella pratica professionale: caso clinico Dr.ssa Susanna Agostini dietista Referente Aziendale Servizio di Dietetica AAS 2 Bassa Friulana Isontina -FVG

Dettagli

Nutrizione e intolleranza

Nutrizione e intolleranza I MILLE VOLTI DELLA NUTRIZIONE Università degli Studi di Milano - Bicocca Auditorium Guido Martinotti Luisa Marini Nutrizione e intolleranza www.digitalforacademy.com NUTRIZIONE E INTOLLERANZA Piaceri

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Celiachia: miti e realtà Relatori: Flavio Valiante (Gastroenterologia) Ester Lovat (Dietetica clinica) Introduzione: Dr.Michele De Boni Direttore UOC Gastroenterologia

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA.

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA. In collaborazione con Claudia Koll - Presidentessa Onoraria Associazione Italiana Celiachia Associazione Italiana Celiachia Piemonte - Valle d Aosta I CONSIGLI DEL FARMACISTA. LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

nature s most complete plant protein

nature s most complete plant protein THE ORIGINAL nature s most complete plant protein senza soia idoneo per vegetariani e vegani senza colesterolo senza glutine senza derivati del latte senza edulcoranti di sintesi THE ORIGINAL nature s

Dettagli

La tabella nutrizionale del Pecorino Romano: approfondimenti su grasso e lattosio

La tabella nutrizionale del Pecorino Romano: approfondimenti su grasso e lattosio 9 Mostra Nazionale Ovini Razza Sarda 6 Mostra Regionale Agroalimentare Macomer, 24 26 Aprile 2015 Store.broders.com La tabella nutrizionale del : approfondimenti su grasso e lattosio M. Addis, M. Caredda,

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche / Incontro nazionale A.I.G. Associazione Italiana GI ST Onlus Giornata di approfondimento medico sui GIST dedicata ai pazienti Bologna - 29 Marzo 2014 La gestione degli effetti collaterali delle terapie

Dettagli

GENOTEST NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI. Risultato del Test del DNA

GENOTEST NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI. Risultato del Test del DNA GENOTEST Risultato del Test del DNA Otterrai una risposta personalizzata per migliorare gli stili di vita in merito a NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI in base alle informazioni genetiche

Dettagli

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO EXPO 2015 MILANO L.M.Montalbano GLUTINE GRANO - ORZO SEGALE? CEREALI NELLA NOSTRA TAVOLA OGNI GIORNO MA DA DOVE PROVENGONO? COSTI IMPATTO AMBIENTALE Km ZERO Valorizzazione

Dettagli

CARBOIDRATI: monosaccaridi

CARBOIDRATI: monosaccaridi CARBO- IDRATI CARBOIDRATI: monosaccaridi Struttura chimica dei due triosi: gliceraldeide (a) e idrossiacetone (b) Esempi di 2 enantiomeri fra gli aldo-esosi e i cheto-esosi Enantiomeri: due stereoisomeri

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. MAALOX PLUS 200 mg + 200 mg + 25 mg compresse masticabili

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. MAALOX PLUS 200 mg + 200 mg + 25 mg compresse masticabili Foglio illustrativo: informazioni per il paziente MAALOX PLUS 200 mg + 200 mg + 25 mg compresse masticabili Magnesio idrossido + Alluminio ossido, idrato + Dimeticone Legga attentamente questo foglio prima

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli