Probiotici. Pier Luigi Giorgi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Probiotici. Pier Luigi Giorgi"

Transcript

1 Probiotici Vol. 100, N. 1, Gennaio 2009 Pagg Pier Luigi Giorgi Riassunto. Si definiscono probiotici quei microrganismi vivi, che somministrati in quantità adeguata, giungono vitali nell intestino e apportano un effetto benefico sulla salute dell ospite. Tra i supposti beneficî a loro attribuiti, vengono sottolineate, soprattutto, una modulazione, seppure transitoria, della microflora intestinale dell ospite e la capacità di interagire col suo sistema immunitario, o direttamente o con meccanismo mediato dalla microflora autoctona. Per questo motivo i probiotici hanno creato aspettative per la prevenzione o per il trattamento di varie situazioni di patologia. L intento di questa rassegna è quello di sintetizzare il contenuto dei più recenti articoli, frutto di ricerche condotte con i requisiti di una corretta metodologia statistica. Sono stati presi in considerazione i risultati, fino all ottobre 2008, riguardanti l intolleranza al lattosio, la diarrea da rotavirus, quella del viaggiatore e quella associata alla terapia antibiotica. Inoltre, i risultati ottenuti nell infezione da Clostridium difficile e quelli dei probiotici come coadiuvanti la classica terapia per l eradicazione dell Helicobacter pylori. Sono stati tenuti presenti anche articoli concernenti la connessione dei probiotici con la sindrome del colon irritabile, con le malattie infiammatorie croniche intestinali e la ipercolesterolemia. Infine, ma non ultima per importanza, la prevenzione, da parte dei probiotici, di alcune malattie allergiche, di infezioni vaginali e di quelle respiratorie. Parole chiave. Allergie, colon irritabile, diarrea, Helicobacter pylori, infezione da Clostridium difficile, infezioni respiratorie, infezioni vaginali, ipercolesterolemia, lattosio, probiotici, sindrome dell intestino irritabile. Summary. Probiotics. A review. Probiotics are defined viable microorganisms which in sufficient amount reach the intestine in an active state, to be able to exert positive health benefit on the host. Thus far, they have shown particular promise on prevention or treatment of various pathologic conditions. Our aim has been to report the most recent articles (until October 2008), resulting from a randomized, double controlled trials, according to the conventional and molecular methods. In these review we have taken in consideration almost all the fields in which the probiotics have been given, either as prophylactic or therapeutic intent. So far we have summarized the actual results concerning lactose intolerance, acute rotavirus diarrhea, traveller s diarrhea, antibiotic associated diarrhea, Clostridium difficile infection, and the role as coadiuvant in Helicobacter pylori eradication. Furthermore, we have synthesised articles concerning the probiotic connection in irritable bowel syndrome, and in inflammatory bowel diseases. Last but not the least, the prevention by probiotics of allergic diseases, of bacterial vaginosis, of respiratory infections, and the possible advantage in hypercholesterolemic subjects. Key words. Allergic diseases, bacterial vaginosis, Clostridium difficile infection, diarrhea, Helicobacter pylori, hypercholesterolemia, inflammatory bowel disease, irritable bowel syndrome, lactose intolerance, probiotics, respiratory infections. Professore f.r. di Clinica Pediatrica, Università, Ancona. Pervenuto il 20 ottobre 2008.

2 P.L. Giorgi: Probiotici 41 Introduzione Si definiscono probiotici quei microrganismi vivi che somministrati in quantità adeguata giungono vitali nell intestino e apportano un effetto benefico sulla salute dell ospite. E tuttavia una definizione non definitiva, perché studi sperimentali su animali avrebbero dimostrato che alcuni effetti esplicati dai probiotici potrebbero essere ottenuti anche con microbi non vitali, o addirittura con frammenti del suo DNA. REQUISITI DI UN CEPPO BATTERICO DEFINITO COME PROBIOTICO Microrganismo di origine umana Riproducibile in larga scala in forma vitale Resistente agli acidi gastrici e alla bile Capace di aderire alle cellule intestinali Classificabile secondo gli schemi della genetica molecolare In grado di produrre sostanze antimicrobiche (batteriocine) Azione competitiva sui recettori intestinali per germi patogeni In grado di mantenersi vivo e vitale dalla produzione all intestino Tra i supposti beneficî attribuiti ai probiotici vengono sottolineate, soprattutto, una modulazione, seppure transitoria, della microflora intestinale dell ospite, e la capacità di interagire col suo sistema immunitario, o direttamente o con meccanismo mediato dalla microflora autoctona. Una recente disamina dell applicazione clinica dei probiotici riassume i possibili effetti positivi degli stessi nelle seguenti situazioni di patologia 1 : prevenzione e/o riduzione della durata della diarrea da rotavirus; riduzione della diarrea connessa alla terapia antibiotica; attenuazione dei disturbi conseguenti all intolleranza al lattosio; effetti benefici sui dismicrobismi, sull infiammazione e su altri disturbi conseguenti a malattie infiammatorie croniche intestinali; supporto alla terapia per l eradicazione dell Helicobacter pylori; riduzione della concentrazione degli enzimi e dei metaboliti putrefattivi batterici coinvolti nella genesi del cancro intestinale; prevenzione delle malattie allergiche, in particolare della dermatite atopica nell infanzia, dell eczema e dell asma in epoche successive; prevenzione delle infezioni respiratorie e trattamento di quelle dell apparato genito-urinario. Altre situazioni di patologia saranno prese in considerazione nel prosieguo di questa rassegna. Altrettanto dicasi per il ruolo dei prebiotici, anche ai quali verrebbe attribuito un effetto benefico sulla salute e sul benessere dell uomo. Già presenti in quantità notevoli, specialmente nei primi giorni di vita, nel latte materno sotto forma di oligosaccaridi, la loro caratteristica principale è rappresentata dal fatto che, resistendo alla digestione da par- te degli enzimi intestinali, raggiungono inalterati il colon, dove promuovono lo sviluppo quantitativo e/o qualitativo della flora batterica benefica, stimolando selettivamente la crescita di bifidobatteri e lattobacilli. La combinazione di probiotici e prebiotici dà luogo ai cosiddetti simbiotici 2. Probiotici e intolleranza al lattosio Il malassorbimento del lattosio è un fenomeno abbastanza frequente, dovuto ad una deficienza dell enzima lattasi. La forma primaria, geneticamente determinata, è presente in una parte non trascurabile della popolazione, con prevalenza variabile tra le varie etnie. La forma secondaria, meglio definibile come ipolattasia, è in genere conseguente a malattie intestinali (classico esempio le gastroenteriti virali), risolte le quali vi è un ripristino più o meno rapido della normale attività dell enzima lattasi. Dolore addominale, flatulenza, diarrea persistente sono i sintomi più noti, in presenza dei quali si tende ad escludere il latte e i latticini dalla dieta. Questo approccio, sebbene riduca od escluda sintomi fastidiosi, può avere importanti svantaggi nutrizionali. Uno tra questi, importante nell infanzia e nell adolescenza, è che in assenza di lattosio vi è un ridotto assorbimento di calcio. Strategie terapeutiche sono state messe in atto: dalla somministrazione esogena di beta-galattosidasi, alla somministrazione di probiotici in varie preparazioni, in particolare sottoforma di yogurt 3. Sono riportati risultati soddisfacenti nell adulto con la supplementazione sia del Bifidobacterium longum in capsule, sia con yogurt arricchito con Bifidobacterium animalis. Questa supplementazione modificherebbe la composizione e l attività metabolica della flora intestinale del colon, con la positiva costituzione di un aumento del numero dei bifidobatteri durante e dopo la sospensione della suddetta supplementazione. Tale sperimentazione apre la strada ad ulteriori applicazioni con altre specie e ceppi di probiotici, per alleviare sul piano clinico i sintomi dell intolleranza al lattosio 4. Diarrea acuta e probiotici Nella maggioranza dei casi la diarrea acuta, talora associata a vomito tanto da configurarsi nel quadro di una gastroenterite, è fenomeno frequente soprattutto nella prima infanzia. Tuttavia, nella pratica clinica non sfugge ad una approfondita anamnesi che anche familiari adulti ne soffrono o ne hanno sofferto. L agente infettivo maggiormente incriminato è il rotavirus, anche se altri virus possono essere responsabili del fenomeno. Un probiotico, ormai di vecchia data, è stato frequentemente usato come autoprescrizione alla prima comparsa della diarrea in bambini e adulti.

3 42 Recenti Progressi in Medicina, 100, 1, 2009 Il progredire delle conoscenze, in particolare di quelle microbiologiche e di genetica molecolare, oltre che studi controllati, randomizzati, con placebo e in doppio cieco, hanno spostato l attenzione verso altri probiotici. Tra i più frequentemente usati il Lactobacillus GG, il Bifidobacterii spp., lo Streptococcus spp, e il Saccaromyces boulardii. Questi ultimi, unitamente al Lactobacillus GG e al Lactobacillus reuteri, risulterebbero i più efficaci. È doveroso precisare che: a) gli effetti benefici sulla diarrea acuta sono limitati alla riduzione di quella la cui durata non sia superiore alle 24 ore; b) l inserimento della vaccinazione per i rotavirus dovrebbe essere valutato nell ambito del calendario vaccinale del bambino, che può essere spesso fonte di epidemie non solo scolari ma anche familiari; c) l effetto del probiotico non è solo ceppo-dipendente, ma anche dose-dipendente, con quantità di batteri di almeno 10 miliardi ed oltre. Ulteriore raccomandazione, non solo per i soggetti in età pediatrica ma anche per quelli adulti, è quella di una ripresa il più precoce possibile della normale alimentazione. I prolungati digiuni e le cosiddette diete in bianco procrastinano la normalizzazione dell alvo. Infine, regola fondamentale è l abbondante apporto idrico durante la fase diarroica (specie se con feci acquose) preferibilmente con soluzioni glucosaline nelle prime 24 ore. Diarrea del viaggiatore Si verifica perlopiù in paesi in via di sviluppo, causata prevalentemente dalla Escherichia coli enterotossigena. Oltre le raccomandazioni igieniche, con particolare riguardo a cibi e bevande (sono da evitare acqua contenuta in bottiglie non adeguatamente sigillate, cibi non cotti, frutta, a meno che non sia stata trattata con amuchina o sia da sbucciare), è importante soprattutto la reidratazione, in particolare in bambini e anziani, e l uso di inibitori della motilità intestinale (Loperamide) se si perdono molti liquidi. Non univoco il ruolo dei probiotici, sia come profilassi che come terapia 6. Utile invece, se la diarrea persiste, il trattamento con rifamixina. Probiotici e antibioticoterapia Doron e coll. 7 riferiscono che circa il 25% dei pazienti trattati con antibiotici può presentare diarrea, soprattutto se ospedalizzato. Il rischio di tale fenomeno, valutato sulla base di cinque meta-analisi, risulterebbe ridotto se nel programma terapeutico si aggiungessero i probiotici, in particolare il Lactobacillus GG, e il Saccharomyces boulardii. Tuttavia, anche sull uso di altri ceppi di probiotici, della specie sia dei bifidobatteri che dei lactobacilli, non vi è unanimità di consensi, al punto che Lubetzky e Reif titolano un recente articolo: «Probiotics for antibiotic-associated-diarrhea: maybe, maybe not» 8. Diarrea da terapia radiante Si tratta di una vera e propria enterite che può colpire chi viene sottoposto a terapia radiante per tumori dell addome o della pelvi. La sua entità dipende dalla dose radiante e dall ampiezza del campo di applicazione. Si può presentare in forma acuta o cronica. Trovano, da tempo, impiego farmaci quali loperamide e sulfasalazina. L utilizzo preventivo o curativo con probiotici non trova unanimità di consensi. Delia e coll. 9 hanno riscontrato una buona azione preventiva con l uso di un probiotico ad alta concentrazione di batteri, il VSL# 3, che sarebbe in grado di manipolare in senso positivo l ecosistema intestinale. Tale azione preventiva non sarebbe stata ottenuta da Giralt e coll. 10 utilizzando il Lactobacillus casei DN Non vi è, quindi, né in letteratura né in pratica, concordanza di opinione. COMPOSIZIONE DEL VSL# 3 Concentrazione: una bustina di 4,4g contiene 450 miliardi di batteri Otto ceppi di batteri liofilizzati Ceppi utilizzati: L casei, L plantarum, L acidophilus, L delbruechii, Bifidobacterium longum, B breve, B infantis, S thermophilus Diarrea da Clostridium difficile L infezione da C. difficile si può presentare con diarrea, colite (senza o con pseudomembrane); talvolta come colite fulminante. Malattia grave nel neonato, soprattutto nel pretermine, lo è anche nell adulto e nell anziano affetto da patologia debilitante, soprattutto se sottoposto a chemioterapia. I sintomi possono variare: crampi e dolenzia del basso addome, talora sanguinamento occulto, oltre che febbre, nausea, anoressia. La colonscopia evidenzia pseudomembrane, in particolare nel retto-sigma, ed ispessimento della parete del colon, rilevabile anche con ecografia e TAC. Nelle forme lievi, non vi è accordo se procedere al trattamento. Nei casi d importante rilievo clinico, vancomicina, metronidazolo, e, più recentemente, teicoplanina risultano i farmaci più utilizzati 11. Per quanto riguarda i probiotici, vi è allo stato attuale insufficiente evidenza per un loro impiego 12.

4 P.L. Giorgi: Probiotici 43 Helicobacter pylori Sulla base del Maastricht-2 Consensus Group, amoxicillina, claritromicina, inibitori della pompa protonica e metronidazolo nelle zone ad elevata endemia di tale batterio, risultano i farmaci cardine della terapia per l eradicazione dell H. pylori. Si è tentata, nel programma terapeutico, la somministrazione preliminare con yogurt contenente alcuni ceppi di Lactobacillus e Bifidobacterium. Più recentemente, Scaccianoce e coll. 13 hanno valutato il ruolo del Lactobacillus reuteri e di probiotici multipli ad alta concentrazione. L aggiunta dei suddetti probiotici, sia nel protocollo di 7 giorni che in quello di 14 giorni di terapia, non avrebbe modificato in maniera significativa il tasso di eradicazione del batterio. Sindrome dell intestino irritabile Tale sindrome, così come è stata definita dai criteri diagnostici del protocollo Roma III, colpisce il 10-20% della popolazione generale, in particolare le donne tra i 20 e i 40 anni. È caratterizzata da dolori addominali, variazioni dell alvo (dalla diarrea alla stipsi), e da frequente flatulenza. Per diverso tempo è stata considerata come conseguente ad una ipersensibilità viscerale, e, quindi, a situazioni di stress. In mancanza di una chiara interpretazione patogenetica, Wald e Rakel 14 riferiscono sui vari tentativi terapeutici: dalla terapia comportamentale alla ipnosi, alle diete di esclusione, alla menta piperita, alla l-glutamina, al cromoglicato. Il che evidenzia una non univocità d interpretazione. Sono citati anche i probiotici e i prebiotici, dopo che l attenzione degli studiosi si è rivolta agli abitanti dell intestino e ai loro rapporto con la mucosa intestinale. Questo scambio di informazioni potrebbe essere facilitato, o quanto meno ripristinato, dai probiotici. Astegiano e coll. 15, pur ritenendo utili gli antispastici se predomina il dolore, la loperamide se prevale la diarrea, le fibre ove vi sia stipsi, sono del parere che una terapia di fondo possa essere rappresentata dai probiotici e dai precursori della serotonina. Tuttavia la letteratura più recente non è concorde sui vantaggi derivati dai probiotici, sia perché appaiono, in certi studi, significative deficienze metodologiche (una di queste è il mancato controllo con placebo), sia per l utilizzo di specie e ceppi diversi di probiotici. Emergono, pertanto, posizioni di cautela sull efficacia di tale trattamento: in attesa di ulteriori studi metodologicamente corretti. Malattie infiammatorie croniche intestinali (malattia di Crohn e colite ulcerosa) In soggetti geneticamente suscettibili, una alterata risposta immune nei confronti di alcuni batteri commensali dell ecosistema intestinale risulterebbe essere il principale meccanismo patogenetico re- sponsabile delle lesioni intestinali delle malattie infiammatorie croniche dell intestino. Sembrerebbe logico, quindi, che modificando la composizione di questo ecosistema mediante probiotici, prebiotici e simbiotici secondo Mitsuyama e Sata 16 si ottengano miglioramenti nella prognosi di queste patologie. Sulla stessa linea si pongono Seksik e coll. 17, i quali consigliano un prodotto contenente oltre 450 miliardi di probiotici appartenenti a specie e ceppi diversi (VSL#3), in particolare nella pouscite e nella prevenzione di episodi di riacutizzazione della colite ulcerosa. Tuttavia, secondo questi studiosi, il condizionale è d obbligo. La suddetta miscela di un consistente quantitativo di probiotici è raccomandata anche da Pronio e coll. 18, in particolare per la pouscite conseguente a resezione in presenza di colite ulcerosa. Pure in questo caso, la letteratura a volte esalta il ruolo terapeutico dei cosiddetti alimenti funzionali (probiotici, prebiotici, simbiotici), come nello scritto di Vanderpool e coll. 19, a volte è più cauta: affermando che, per queste affezioni, i probiotici aggiunti alla terapia standard possono solo fornire un modesto beneficio; in particolare, secondo Mallon e coll. 20, nella colite ulcerosa. Probiotici e malattie allergiche Come è noto, l allergia è dovuta ad una reazione sproporzionata all entità dello stimolo. Nell allergia cronica rientrano soprattutto la rino-congiuntivite, l asma e l eczema. È sempre più evidente l importanza dei batteri commensali nel ruolo di stimolazione e direzione del sistema immunitario. Probiotici e prebiotici rappresenterebbero gli elementi modulanti di questo fenomeno, al punto tale che alcuni probiotici vengono somministrati già nel corso della gravidanza. Questa funzione di modulazione del sistema immunitario, nel caso di allergia ad alimenti, è sostenuta da Savilahti e coll 21, i quali,peraltro, auspicano un trattamento che si attenga sia ad una unicità metodologica, sia alla utilizzazione di uno specifico probiotico. Ulteriori ampie casistiche, con un follow-up adeguato, sono proposte da Heine e Tang 22, che hanno somministrato olio di pesce alle donne in gravidanza, oltre che probiotici e prebiotici. Ciò allo scopo di mettere in atto una prevenzione primaria sia per l eczema che per le allergie respiratorie. Tuttavia, da parte degli autori succitati e di altri studiosi, emerge incertezza nel concludere sulla validità di una prevenzione primaria, che soltanto ulteriori ricerche e risultati a lungo termine potranno eventualmente confermare. Molte segnalazioni riguardano l età infantile. Da anni, il gruppo finlandese della Isolauri 23 si batte per includere i probiotici nell alimentazione della prima infanzia, soprattutto in quei soggetti che, per familiarità, sono a rischio di dermatite atopica, di rinite e asma, allo scopo di ristabilire un normale rapporto tra sistema immunitario e microflora intestinale.

5 44 Recenti Progressi in Medicina, 100, 1, 2009 Però sono gli stessi autori del gruppo sopramenzionato a ritenere non soddisfacente una prevenzione di questa patologia oltre le prime epoche della vita. Anche Kopp e coll. 24, a proposito della dermatite atopica, della rinite allergica e dell asma bronchiale in età pediatrica, affermano che la somministrazione di un probiotico, il Lactobacillus GG, somministrato sia alla donna in gravidanza che all infante, non ha determinato alcuna riduzione delle situazioni morbose. Al contrario, si sarebbe verificato un aumento della bronchite, con wheezing. Di segno opposto Ivory e coll. 25, i quali affermano che una supplementazione di Lactobacillus casei Shirota in soggetti volontari sarebbe in grado di modulare la risposta immune nei pazienti allergici e di alleviare i sintomi della rinite allergica. L opinione e l esperienza personale sul campo, suffragata peraltro da più recenti articoli sull argomento, è che l introduzione nella dieta dei più vari ceppi di probiotici non rappresenta una valida prevenzione nelle malattie allergiche in età pediatrica: esse vengono, di solito, rappresentate ai genitori dei piccoli malati con la realistica definizione di «marcia allergica», marcia costituita dalla sequenza: dermatite atopica rinite asma. Va aggiunto, inoltre, che i probiotici non sono farmaci, e quindi non sono soggetti alle varie fasi di sperimentazione prescritte dal legislatore al fine di validarne o meno l efficacia. Da non dimenticare, infine, che per tutte queste patologie, che rientrano nell ampio ambito dell atopia, non si può non tener conto della componente genetica, tanto che proprio la genetica molecolare ha cominciato da tempo a localizzare cromosomi e geni responsabili, o comunque coinvolti. Cade in proposito la segnalazione di Moffat 26, il quale, oltre a sottolineare semmai ve ne fosse bisogno per il clinico che l asma ricorre in famiglia, ribadisce che i fattori ambientali (compresa, quindi, la supposta modulazione dei probiotici) si coniugano con l assetto genetico dell individuo. Probiotici e vaginiti La vagina è sempre più considerata un ecosistema la cui normale microflora aiuterebbe a proteggere da microrganismi patogeni, responsabili anche di eventuali infezioni del tratto urinario. Pascual e coll. 27 hanno isolato un ceppo di lattobacillo, il Lactobacillus rhamnosus L 60, dalla vagina di donne non gravide, sane e in pre-menopausa. Questo probiotico avrebbe tutte le prerogative per contrastare specie batteriche con attività patogena nell apparato genito-urinario. Sulla base dei risultati ottenuti, tale lattobacillo potrebbe trovare una funzione preventiva e curativa se applicato localmente in vagina. Falagas e coll. 28 hanno condotto sperimentazioni cliniche in donne con vaginite, partendo dal presupposto che per alcuni ceppi di probiotici sarebbe stata dimostrata una inibizione all aderenza della Garderenella, oltre che la produzione di H2O2, acido lattico e batteriocine. Il probiotico in questione, il Lactobacillus acidophilus, sarebbe stato immesso in vagina, mentre il Lactobacillus rhamnosus GR-1 e il Lactobacillus fermentum RC-14 sarebbero stati somministrati per via orale. Gli autori concludono che se anche vi sono stati risultati positivi, non si può considerare, al momento, il probiotico come il rimedio efficace per queste patologie. Probiotici e infezioni In un articolo del 2003, Gluck e Gebbers 29 affermavano che una miscela di probiotici costituita da Lactobacillus GG, Bifidobcterium sp B420, Lactobacillus acidophilus 145 e Streptococcus thermophilus, somministrata a volontari sia sotto forma liquida che di yogurt, avrebbe avuto come esito una ridotta colonizzazione, nel comparto nasale, dei più comuni germi patogeni quali lo Staphylococcus aureus, lo Streptococcus pneumoniae e gli streptococchi beta-emolitici. Nella pratica corrente, a fronte dell espansione del consumo di probiotici, non si è verificata di pari passo una riduzione della morbilità delle prime vie aeree. Più di recente, Ouwehand e coll. 30 avrebbero ottenuto una minore incidenza e durata delle infezioni delle vie respiratorie, utilizzando il Lactobacillus acidophilus NCFM, da solo o in combinazione con Bifidobacterium lactis Bi-07. Questa miscela di probiotici, somministrata a bambini dai 3 ai 5 anni di età, e per un periodo di 6 mesi, avrebbe ridotto la morbilità delle infezioni respiratorie e, di conseguenza, l impiego di antibiotici. Probiotici e prebiotici nella stipsi La stipsi è un fenomeno frequente nell anziano. Per prevenirla si raccomanda un maggiore consumo di fibre nell alimentazione. È una disfunzione intestinale frequente nel mondo occidentale, ove (malgrado i continui richiami da parte dei medici) carboidrati, semplici e grassi, e proteine prevalgono sulla tavola. Inoltre, non sempre adeguato è l apporto di acqua e il supporto dell esercizio fisico. La maggior parte degli studi sulla stipsi, soprattutto quelli mirati ad un miglioramento della defecazione, è supportata da alcune grandi aziende del settore alimentare, anche se non sempre vi sono lavori sufficientemente adeguati sul piano metodologico. Sairanen e coll. 31 hanno condotto una sperimentazione su soggetti anziani (età media 76 anni, con prevalenza delle donne) suddividendoli in due gruppi: ad un primo gruppo (gruppo controllo) veniva somministrato soltanto yogurt, mentre ai soggetti del secondo gruppo, insieme allo yogurt, venivano somministrati galatto-oligosaccaridi (12g), prugne secche (12 g), e semi di lino (6 g). Gli autori, sponsorizzati dalla Valia Ltd, riferiscono un miglioramento della stipsi.

6 P.L. Giorgi: Probiotici 45 In una casistica, riportata da De Paula e coll. 32, costituita da donne di età compresa tra18 e 55 anni, il consumo giornaliero di uno yogurt contenente Bifidobacterium animalis (DN ) e frutto-oligosaccaridi (Activia, Danone), confrontato con un dessert di latte senza probiotici, avrebbe prodotto nel primo gruppo un significativo miglioramento della stipsi funzionale, limitatamente al periodo della somministrazione del prodotto. Katan, utilizzando sempre lo stesso prodotto, conclude che «non vi è sufficiente evidenza scientifica che possa supportare i risultati diffusi dalla pubblicità» 33. Probiotici e colesterolo Il termine probiotico associato al colesterolo è venuto alla ribalta dell opinione pubblica, dopo una massiccia campagna pubblicitaria non sempre esposta con sufficiente trasparenza. La pubblicità informa, infatti, che l assunzione quotidiana di questa bottiglietta che è una bevanda a base di latte con fermenti lattici (leggi probiotici) aiuta a ridurre il colesterolo in modo efficace, naturale e semplice già dopo 3 settimane. Nella confezione, del costo di un euro per bottiglietta, si fa menzione degli steroli vegetali, che contrastano in modo naturale l assorbimento del colesterolo nel sangue. (L industria ha le sue esigenze di mercato; tuttavia occorre ricordare che sono gli steroli contenuti nel prodotto, i protagonisti effettivi della funzione ipocolesterolemizzante). In una loro esperienza (2006) Simons e coll. 34 avevano dichiarato che il Lactobacillus fermentum consumato in capsule e somministrato a volontari non produceva effetti apprezzabili sulle varie frazioni lipidiche, compreso, ovviamente, il colesterolo totale. Si è data, invece, molta importanza ai fitosteroli. Rudkowska 35, ad esempio, riferisce di avere ottenuto migliori risultati con la somministrazione, in soggetti iperlipemici, di yogurt a basso tenore lipemico, contenente fermenti lattici ma con l aggiunta di fitosteroli. Nel confronto dei casi in cui era stato somministrato solo yogurt come placebo, il gruppo con fitosteroli aveva dimostrato una riduzione sia del colesterolo totale che della frazione LDL. Un miglioramento del quadro lipidemico, anche in assenza dei probiotici, è stato ottenuto da Micalleef e Garg 36 in soggetti adulti utilizzando fitosteroli insieme a (n-3) LCPUFA. Diversa opinione in proposito è quella che emerge dallo studio multicentrico condotto da Plana e coll. 37, con l apporto di altri 41 ricercatori del gruppo Danacol, su 83 pazienti ipercolesterolemici, cui venivano somministrati fitosteroli in latte fermentato. La conclusione di questo gruppo di studiosi è stata che il latte fermentato con probiotici, quando integrato ai fitosteroli, riduce significativamente la quota del colesterolo LDL. L azione dei fitosteroli, contenuti peraltro in molti vegetali, soprattutto in oli vegetali oltre che nella frutta (in particolare in quella secca: noci, mandorle, arachidi etc), consiste sia nell aumentata escrezione di colesterolo, sia nell interferire con la sua sintesi, oltre che nella competizione, a livello dei siti recettoriali, nella parete intestinale. In conclusione, già un sano stile di vita alimentare può di per sé agire come ipocolesterolemizzante. Non va dimenticato, inoltre, che nei soggetti con ipercolesterolemia, in particolare della frazione LDL, soggetti che abbiano una storia personale e familiare di incidenti cardiovascolari, la somministrazione delle statine resta l approccio terapeutico fondamentale. Infine, va tenuto conto che una parte del colesterolo circolante nel sangue è conseguente ad un deficit enzimatico geneticamente determinato a livello epatico. Probiotici e infezioni respiratorie Uno studio eseguito da Ouwehand e coll. 38, sponsorizzato da una azienda finlandese, avrebbe dimostrato che la somministrazione di due probiotici, il Lactobacillus acidophilus NCFM e il Bifidobacterium lactis Bi-07, riduce l incidenza e la durata delle affezioni respiratorie in bambini dai 3 ai 5 anni. Anche nell adulto, e soprattutto nell anziano, stando ai risultati conseguiti da Pregliasco e coll. 38 per diverse stagioni invernali, dal 2003 al 2007, in soggetti volontari, risulterebbe una riduzione sia nell incidenza che nella gravità di infezioni respiratorie durante la stagione fredda, con la somministrazione giornaliera di un simbiotico. Questo era costituito da tre ceppi di probiotici (Lactobacillus plantarum, Lactobacillus rhamnosus, Bifidobacterium lactis) con aggiunta di lattoferrina e di due prebiotici: i fruttooligosaccaridi a catena corta o FOS, e di galacto-oligosaccaridi o GOS. Conclusioni Il tema dei prebiotici e quello strettamente connesso dei probiotici e dei simbiotici è argomento assai fluido, tanto da non poter fornire al lettore, almeno al momento, definitive certezze. Certa è solo la definizione: i probiotici sono microrganismi vitali che, se raggiungono l intestino in quantità adeguata, esercitano un effetto positivo per la salute dell ospite. Se la microbiologia ha posto regole ben precise, con la definizione di questi microrganismi in generi, specie e ceppi dimostratisi attivi, la genetica molecolare ha reso possibile una loro definizione ancora più precisa, consentendo, tra l altro, una uniformità nell utilizzo degli stessi a scopo sperimentale e clinico. Vi è da aggiungere, però, che il probiotico non è un farmaco; esso rientra nel novero degli alimenti funzionali, e come tale non deve sottostare alle varie fasi che ne autorizzano l impiego in ambito clinico.

7 46 Recenti Progressi in Medicina, 100, 1, 2009 Pertanto alcune regole sono essenziali. Anche per i probiotici esiste (o meglio dovrebbe essere prescritto) un protocollo che esiga la randomizzazione, il doppio-cieco, il confronto col placebo. Ciò, in verità, è stato messo in atto nella maggioranza degli studi pubblicati in questi ultimi anni. Va aggiunto, però, che la strada dei probiotici non è esente, molto più che per i farmaci tradizionali (ad esempio gli antibiotici), dall ingerenza delle aziende produttrici, in alcuni casi mediante una insistente pubblicità, pari a quella per i cosmetici. Ci appare, al momento, interessante l articolo di de Vrese e di Schrezenmeier 39 i quali elencano i possibili effetti positivi dei probiotici nelle seguenti situazioni: a) prevenzione o riduzione della diarrea da rotavirus; b) riduzione della concentrazione di enzimi e/o metaboliti favorenti il carcinoma intestinale; c) effetto benefico sull evoluzione delle malattie croniche intestinali; d) coadiuvanti nello schema terapeutico per l eradicazione dell Helicobacter pylori; e) prevenzione delle malattie allergiche o attenuazione delle stesse, soprattutto nell infanzia; f) prevenzione delle infezioni genito-urinarie e respiratorie. Molte incertezze, secondo i succitati autori, persistono sull azione dei probiotici sia nei riguardi del cancro in generale, sia sulla riduzione del colesterolo o della sua frazione LDL nei soggetti affetti da questa dislipidemia; così come sul miglioramento della flora orale responsabile della carie, sulla prevenzione delle malattie cardiache e/o sul miglioramento di quelle articolari su base autoimmune. Bibliografia 1. Gill H, Prasad J. Probiotics, immunomodulation and health benefits. Adv Exp Med Biol 2008; 606: Kukkonen K, Savilahti E, Haahtela T, et al. Longterm safety and impact on infection rates of postnatal probiotic and prebiotic (symbiotic) treatment: randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Pediatrics 2008; 122: Montalto M, Curigliano V, Santoro L, et al. Management and treatment of lactose malabsorption. World J Gastroeterol 2006; 12: He T, Priebe MG, Zhong et al.effects of yogurt and bifidobacteria supplementation on the colonic microbiota in lactose-intolerant subjects. J Appl Microbiol 2008; 104: Guandalini S. Probiotics for children with diarrhea: an update. J Clin Gastroenterol 2008; 42 suppl 2: S Pham M, Lemberg DA, Day AS. Probiotics: sorting the evidence from myths. Med J Aust 2008; 188: Doron SI, Hibberd PL, Gorbach SL. Probiotics for prevention of antibiotic-associated diarrhea. J Clin Gastroenterol 2008; 42 suppl 2: S Lubetzky R, Reif S. Probiotics for antibiotic-associated-diarrhea: maybe, maybe not. Digestion 2008; 78: Delia P, Sansotta G, Donato V et al. Use of probiotics for prevention of radiation-induced diarrhea. World J Gastroenterol 2007; 13: Giralt J, Regadera JP, Verges R,et al. Effects of probiotic Lactobacillus casei DN in prevention of radiation-induced diarrhea: results from multicentric, randomized, placebo-controlled nutritional trial. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2008; 71: Nelson R. Antibiotic treatment for Clostridium difficile-associated diarrhea in adults Cochrane Database Syst Rev Jul 18; CD Pillai A, Nelson R. Probiotics for treatment of Clostridium difficile-associated colitis in adults. Cochrane Database Syst Rev 2008; CD Scaccianoce G, Zullo A, Hassan C, et al. Triple therapies plus different probiotics for Helicobacter pylori eradication. Eur Rev Med Pharmacol Sci 2008; 12: Wald A, Rakel D. Behavioral and complementary approaches for the treatment of irritable bowel syndrome. Nutr Clin Pract 2008; 23: Astegiano M, Pellicano R, Sguazzini C, et al. Clinical approach to irritable bowel syndrome. Minerva Gastroenterol Dietol 2008; 54: Mitsuyama K, Sata M. Gut microflora: a new target for therapeutic approaches in inflammatory bowel disease. Expert Opin Ther Targets 2008; 12: Seksik P, Dray X, Sokol H, Marteau P. Is there any place for alimentary probiotics, prebiotics or symbiotics, for patients with inflammatory bowel disease. Mol Nutr Food Res 2008; 52: Pronio A, Montesani C, Butteroni C et al. Probiotic administration in patients with ileal pouch-anal anastomosis for ulcerative colitis is associated with expansion of mucosal regulatory cells. Inflamm Bowel Dis 2008; 14: Vanderpool C, Yan F, Polk DB. Mechanisms of probiotic action: implication for therapeutic applications in inflammatory bowel diseases. Inflamm Bowel Dis 2008; PMID Mallon P, McKay D, Kirk S, Gardiner K. Probiotics for induction of remission in ulcerative colitis. Cochraine Database Syst Rev 2007; 4: CD Savilahti E, Kuitunen M, Vaarala O. Pre and probiotics in the prevention and treatment of food allergy. Curr Opin Allergy Clin Immunol 2008; 8: Heine RG, Tang ML. Dietary approaches to the prevention of food allergy. Curr Opin Nutr Metab Care 2008; 11: Isolauri E, Kalliomaki M, Laitinen K, Salminen S. Modulation of maturing gut barrier and microbiota: novel target in allergic disease. Curr Pharm Des 2008; 14: Kopp MV, Hennemuth I, Heinzmann A, Urbanek R. Randomized double-blind, placebo-controlled trial of probiotics for primary prevention: no clinical effects of Lactobacillus GG supplemetation. Pediatrics 2008; 121: e850-e Ivory K, Chambers SJ, Pin C, et al.oral delivery of Lactobacillus casei Shirota modifies allergen-induced immune responses in allergic rhinitis. Clin Exp Allergy 2008; 38: Moffatt MF. Genes in asthma: new genes and new ways. Curr Opin Allergy Immunol 2008; 8: Pascual LM, Daniele MB, Ruiz F, et al. Lactobacillus rhamnosus L60, a potential probiotic isolated from the human vagina. Gen Appl Microbiol 2008; 54: Falagas ME, Betsi GI, Athanasiou S. Probiotics for the treatment of women with bacterial vaginosis. Clin Microbiol Infect 2007; 13:

8 P.L. Giorgi: Probiotici Gluck U, Gebbers J-O. Ingested probiotics reduce nasal colonization with pathogenic bacteria (Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, and beta-hemolytic Streptococci). Am J Clin Nutr 2003; 77: Ouwehand A, Leyer G, Carcano D. Probiotics reduce incidence and duration of respiratory tract infection symptoms in 3- to 5-year old children. Pediatrics 2008; 121: S Sairanen U, Piirainen L, Nevala R, Korpela R. Yogurt containing galacto-oligosaccharides, prunes and linseed reduces the severity of mild constipation in elderly subjects. Eur J Clin Nutr 2007; 61: De Paula JA, Carmuega E, Weill R. Effect of the ingestion of a symbiotic yogurt on the bowel habits of women with functional constipation. Acta Gstroenterol Latinoam 2008; 38: Katan MB. The probiotic yogurt Activia (containg Bifidobacterium animalis DN ) shortens intestinal transit, but has not been shown to promote defecation. Ned Tijtschr Geneeskd 2008; 152: Simons LA, Amansec SG, Conway P. Effect of Lactobacillus fermentum on serum lipids in subjects with elevated serum cholesterol. Nutr Metab Cardiovasc Dis 2006; 16: Rudkowska I.Efficacy of plant sterols in novel matrices on blood lipid profiles: medium-chain triglycerides and low-fat products consumed with or without a meal. Appl Physiol Nutr Metab 2008; 33: Micallef MA, Garg ML. The lipid-lowering effects of phytosterols and (n-3) polyunsaturated fatty acids are synergistic and complementary in hyperlipidemic men and women. J Nutr 2008; 138: Plana N, Nicolle C, Ferre R et al (with the collaboration of the Danacol group). Plant sterol-enriched fermented milk enhances the attainment of LDLcholesterol goal in hypercholesterolemic subjects.eur J Nutr 2008;47: Pregliasco F, Anselmi G, Fonte L et al. A new chance of preventing winter diseases by the administration of symbiotic formulations. J Clin Gastroenterol 2008; suppl 3: A de Vrese M, Schrezenmeir J. Probiotics, prebiotics, and symbiotics. Adv Biochem Eng Biotechnol 2008; 111: Indirizzo per la corrispondenza: Prof. Pier Luigi Giorgi Via Lunardi, Lucca

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:06 Pagina 59 mondo Il dei microbi In che modo i batteri buoni possono migliorare la salute e mettervi in condizione di guadagnare

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

USC Gastroenterologia,

USC Gastroenterologia, Impiego dei probiotici in Gastroenterologia: razionale e risultati Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, i Seriate Indice della lettura La Rivoluzione del Microbiota: cosa abbiamo imparato Breve

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 LA DIARREA DEL VIAGGIATORE Andrea Rossanese MD, PhD, DTM (Glas), FFTM RCPS (Glas) Certificate in Travellers Health Definizione di TD 1.

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

World Allergy Organization-McMaster University Guidelines for Allergic Disease Prevention (GLAD-P): Probiotics

World Allergy Organization-McMaster University Guidelines for Allergic Disease Prevention (GLAD-P): Probiotics Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica due 2015 30-36 da: Giampaolo Ricci Clinica Pediatrica, Università di Bologna E-mail: giampaolo.ricci@unibo.it World Allergy Organization-McMaster University

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

Lactobacillus bulgaricus

Lactobacillus bulgaricus La definizione migliore di batteri probiotici,forse, è la seguente: sono microrganismi viventi che inclusi nel cibo possono influenzare la composizione dell'attività del microbiota intestinale, modulano

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica

Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica COMUNICATO STAMPA Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica È sorprendente come un quarto della popolazione mondiale soffra di rinite allergica, conducendo una vita accompagnata

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO Salute del respiro Salute respiratoria: febbre da fieno e asma L ostruzione delle vie aeree e i sintomi dell asma e della febbre da fieno sono

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano Fattori Fattori genetici genetici Allergeni inalanti inalanti e e alimentari Virus

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza I probiotici sono proposti per trattare i più disparati sintomi o malattie gastrointestinali. pesso l uso di tali prodotti è supportato più dalla pubblicità

Dettagli

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici Cattedra e U.O.C. di Reumatologia Università-Azienda Ospedaliera di PADOVA EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici La ricerca scientifica termale si

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPERSENSIBILITA ALIMENTARE Allergia alimentare (reazioni agli alimenti scatenate da meccanismo

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

La rivoluzione culturale del microbiota umano

La rivoluzione culturale del microbiota umano La rivoluzione culturale del microbiota umano Enzo Grossi FROM NUTRITION TO HEALTH: AN EXPO CHALLENGE Milano, 4 Dicembre 2014 Microbiota e salute: come Sino a pochi anni fa: cambiano le cose! interesse

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

Modalità d uso : per via orale

Modalità d uso : per via orale Modalità d uso : per via orale - da 30 a 50 gocce sotto la lingua per 2 o 3 volte al giorno per 5 o 6 giorni dipende dalla gravita dell infezione, comunque un sovradosaggio del prodotto non porta alcun

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Probiotici: possibilità di regolazione della risposta allergica

Probiotici: possibilità di regolazione della risposta allergica : immunologia Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 25-33 Probiotici: possibilità di regolazione della risposta allergica Lorenzo Drago * **, Valentina Rodighiero ** Parole chiave: probiotici,

Dettagli

Per i Sig.ri Medici Dentisti. La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali

Per i Sig.ri Medici Dentisti. La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali Per i Sig.ri Medici Dentisti La soluzione più innovativa e naturale per combattere i problemi gengivali L unico probiotico per la Gengivite e parodontite: una sfida ancora placca INFIAMMAZIONE GENGIVITE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara :

AVVISO A TUTTE LE DITTE PARTECIPANTI. A seguito di richiesta, si forniscono i seguenti chiarimenti di gara : Via Unità Italiana, 28-81100 Caserta SERVIZIO PROVVEDITORATO/ECONOMATO Tel. 0823/44.5226 Fax 0823/279581 Prot. n. 803/PROV Del 12/02/2014 OGGETTO: Procedura Aperta per la fornitura biennale di diete per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

Le Schede informative di... LA SINUSITE

Le Schede informative di... LA SINUSITE Le Schede informative di... LA SINUSITE Cos'è la sinusite: Il naso chiuso è un sintomo piuttosto diffuso e fastidioso ma per fortuna di breve durata. Quando perdura a lungo liquidarlo con un semplice raffreddore

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

Colposcopia e Biopsia cervicale

Colposcopia e Biopsia cervicale Colposcopia e Biopsia cervicale Che cosa sono la Colposcopia e la Biopsia cervicale? A cosa serve la Colposcopia? Come prepararsi alla Colposcopia? Come si fa la Colposcopia? Fare la Colposcopia è doloroso?

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

CHIARIMENTO N. 4 1 5761832E2B

CHIARIMENTO N. 4 1 5761832E2B _... _i LOTTI 1 ANNI DI LATTE, ALIMENTI PRIM A INFANZIA, PER NUTRIZIONE ENTERALE ED 1 misura ' CHIARIMENTO N. 4 A ) LATTI E ALIM ENTI PER LATTANTI 1 5761832E2B 2 5761853F7F 3 5761869CB4 Latte liquido,

Dettagli