Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1"

Transcript

1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 Per comprendere come funziona e che cosa prevede il sistema di gestione della sicurezza sui luoghi di lavoro introdotto dal D.Lgs. 626/94 è necessario conoscere i suoi protagonisti. 1.1 Il Datore di Lavoro La definizione esatta di Datore di Lavoro, per ciò che riguarda la sicurezza, è stata introdotta dal D.Lgs. 626/94 ed è la seguente: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità dell impresa stessa ovvero dell unità produttiva, in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa. Nelle pubbliche amministrazioni, per Datore di Lavoro s intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale. Vediamo che cosa significa questa definizione. Innanzitutto viene individuata una persona fisica che, quindi, può rispondere penalmente delle violazioni in materia di sicurezza (per la legislazione italiana solo le persone fisiche possono rispondere in sede penale). Inoltre per vedersi attribuito il ruolo di Datore di Lavoro non è sufficiente essere formalmente il titolare del rapporto di lavoro ma bisogna possedere in concreto i poteri, sia di spesa che decisionali, per poter adottare le misure previste e derivanti dalla vigente normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Il legislatore ha individuato nel Datore di Lavoro il principale soggetto destinatario degli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro. DOVERI DEL DATORE DI LAVORO Esegue la Valutazione dei Rischi, in collaborazione con il Medico Competente dove previsto, il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Individua e aggiorna le misure di prevenzione e protezione e i dispositivi di protezione individuale derivanti dalla Valutazione dei Rischi. Programma le misure ritenute necessarie al miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Designa il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione e gli addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione. Nomina il Medico Competente, ove previsto. Provvede ad adottare tutte le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei lavoratori, nonché per il caso di pericolo grave e immediato. Designa i lavoratori incaricati della gestione delle emergenze, del pronto soccorso e della lotta antincendio (vedi allegati 1.I. e 1.J.). Informa, forma e, ove necessario, fornisce l adeguato addestramento ai lavoratori. Permette ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante per la sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute. Indice almeno una volta l anno la riunione periodica di prevenzione e protezione. Il D.Lgs. 242/96, che ha modificato il D.Lgs. 626/94, ha considerato indelegabili alcune funzioni proprie del Datore di Lavoro quali: valutazione dei rischi; 9 CONTENUTI

2 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali redazione del documento di Valutazione dei Rischi; designazione del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione; autocertificazione dell avvenuta valutazione dei rischi (ove prevista). DIRITTI DEL DATORE DI LAVORO Richiede l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e igiene sul lavoro e d uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione. Richiede l osservanza da parte del Medico Competente degli obblighi previsti dal D.Lgs. 626/94, informandolo sui processi e sui rischi connessi all attività produttiva. In realtà anche questi sarebbero obblighi a carico del Datore di Lavoro ma sono stati indicati come suoi diritti in quanto rendono responsabili anche i lavoratori della propria sicurezza. CONCLUSIONI Si nota subito come il Datore di Lavoro sia il soggetto su cui gravano i principali obblighi, ma, al tempo stesso, ha un diritto di grande importanza: quello di richiedere ai lavoratori il rispetto delle norme di legge e delle procedure interne, conferendo loro un ruolo attivo nel sistema sicurezza. 1.2 I dirigenti La giurisprudenza individua il dirigente come il lavoratore che è in grado di effettuare scelte che interessano tutta o una parte dell azienda. Ciò comporta che il dirigente assuma di fatto alcune competenze e quindi alcune precise responsabilità in materia d igiene e sicurezza sul lavoro che sono concorrenti con quelle del Datore di Lavoro; in pratica al dirigente spetta la funzione di attuare le decisioni imprenditoriali in materia di sicurezza nell ambito dei rispettivi servizi. Per ciò che riguarda la sicurezza sul lavoro l individuazione del dirigente come responsabile, anche penalmente, prescinde dalla qualifica formale ma viene attribuita in considerazione delle mansioni effettivamente svolte. 1.3 I preposti La funzione del preposto può essere così definita: si tratta del lavoratore incaricato della sorveglianza, del controllo e del coordinamento di uno o più lavoratori. Vi sono alcune figure che possono rivestire il ruolo di preposto alla luce delle loro specifiche mansioni quali, ad esempio, il capo squadra, il capo officina, il capo reparto. Tuttavia ogni lavoratore può assumere il ruolo di preposto nel momento in cui svolge, anche momentaneamente, le funzioni attribuite a questa figura. Il preposto è, comunque, soggetto al controllo da parte del dirigente e del Datore di Lavoro. OBBLIGHI DEL PREPOSTO Nell affidare i compiti ai lavoratori tiene conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. Adotta le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni possano accedere alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico. Adotta le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso d emergenza e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa. 10 CONTENUTI

3 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 Informa il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione. Si astiene, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato. Richiede l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e d igiene sul lavoro oltre all uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione. 1.4 I lavoratori Vediamo ora che cosa s intende per lavoratori ai fini della sicurezza. Il D.Lgs. 626/94 fornisce la seguente definizione: persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un Datore di Lavoro, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale. Sono equiparati i soci lavoratori di cooperative o di società, anche di fatto, che prestino la loro attività per conto delle società e degli enti stessi. I lavoratori sono i soggetti che vengono tutelati dalle norme sulla sicurezza e igiene sul lavoro. Tuttavia se con le prime normative risalenti agli anni 50 (DPR 547/55, DPR 303/56 e successivi) i lavoratori subivano le norme di prevenzione, ovvero erano le altre figure (il Datore di Lavoro, i dirigenti e i preposti) a doversi occupare in tutto e per tutto della loro sicurezza, già con la legge 300/70 (statuto dei lavoratori) e sempre di più con le nuove normative (D.Lgs. 277/91 e D.Lgs. 626/94) i lavoratori sono diventati soggetti attivi della loro sicurezza. L assunzione di responsabilità da parte del singolo lavoratore e la creazione della figura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ne sono due esempi. I lavoratori possono essere riconosciuti responsabili, e quindi perseguibili, soltanto se i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti abbiano posto in essere tutti gli obblighi che su di loro ricadono e il lavoratore abbia posto in essere una condotta abnorme e cioè: dolosa; frutto di rischio elettivo; anormale e atipica e, quindi, non prevedibile; eccezionale e incompatibile con il sistema di lavorazione; di azioni che portano all inosservanza dei dispositivi antinfortunistici, d istruzioni o compiti esecutivi (ad esempio il lavoratore continua a non indossare i DPI dopo aver ricevuto opportuna formazione e dopo essere stato richiamato sia dal preposto sia dai dirigenti). OBBLIGHI DEI LAVORATORI Per i lavoratori avere delle responsabilità vuol dire avere anche degli obblighi che possono riassumersi nelle norme di comportamento riportate di seguito. Prendersi cura della loro sicurezza e della loro salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle loro azioni e omissioni, conformemente alla formazione e alle istruzioni e ai mezzi forniti loro dal Datore di Lavoro. 11 CONTENUTI

4 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal Datore di Lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva e individuale. Utilizzare correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzature di lavoro, nonché i dispositivi di sicurezza. Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione. Segnalare immediatamente al Datore di Lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze di mezzi e dispositivi, nonché altre eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso d urgenza, nell ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo. Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza o che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori. Sottoporsi ai controlli sanitari previsti nei loro confronti. Contribuire, insieme al Datore di Lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all adempimento di tutti gli obblighi imposti dall autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro. 1.5 I lavoratori interinali Si è voluto dedicare un paragrafo a questa tipologia di lavoratori dal momento che, per la loro atipicità, possono creare incertezza sul loro collocamento nell organigramma della sicurezza e qualche dubbio su quali siano le normative che si devono applicare loro. Il riferimento normativo in materia è la Legge 196/97 che disciplina il lavoro temporaneo e nella quale si trovano anche le disposizione per ciò che riguarda la sicurezza sul lavoro da applicare ai lavoratori temporanei. L informazione e la formazione dei lavoratori interinali viene ripartita tra l azienda fornitrice e l impresa utilizzatrice. All azienda fornitrice spetta il compito di informare i prestatori di lavoro temporaneo sui rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività produttive in generale e di formarli e addestrarli all uso delle attrezzature di lavoro necessarie allo svolgimento dell attività lavorativa per la quale essi vengono assunti. Il contratto di fornitura può prevedere che tali obblighi siano adempiuti dall impresa utilizzatrice. L impresa utilizzatrice deve sempre fornire formazione e informazione per ciò che riguarda i rischi specifici ai quali il lavoratore temporaneo potrà essere esposto in azienda. Nel caso in cui le mansioni cui è adibito richiedano una sorveglianza medica speciale o comportino rischi specifici, l impresa utilizzatrice ne informa il lavoratore temporaneo conformemente a quanto previsto dal D.Lgs. 626/94. L impresa utilizzatrice osserva, nei confronti del medesimo prestatore, tutti gli obblighi di protezione previsti nei confronti dei propri dipendenti ed è responsabile per la violazione degli obblighi di sicurezza individuati dalla legge e dai contratti collettivi. Infine i lavoratori interinali devono essere computati nell organico dell azienda utilizzatrice ai fini dell applicazione delle normative in materia di sicurezza sul lavoro. 12 CONTENUTI

5 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è una figura introdotta dal D.Lgs. 626/94 e costituisce uno strumento fondamentale per la sicurezza dei lavoratori. In pratica, attraverso questo loro rappresentante, i lavoratori possono portare a conoscenza del Datore di Lavoro, dei dirigenti e delle altre figure coinvolte le loro proposte in materia di sicurezza. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è certamente una figura cardine nell attuale sistema prevenzionistico; l auspicabile collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione (organo di consulenza del Datore di Lavoro), pur rispettando le diverse competenze e attribuzioni di ognuno, è un punto fondamentale per riuscire a realizzare in qualsiasi azienda una gestione della sicurezza completa e funzionale. Il RLS viene eletto, nelle aziende che occupano sino a 15 dipendenti, direttamente dai lavoratori al loro interno, mentre in quelle con più di 15 dipendenti il RLS è eletto o designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze, è eletto dai lavoratori dell azienda al loro interno (vedi allegato 1.H.). ATTRIBUZIONI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni. È consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, all individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell azienda o nell unità produttiva. È consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione e del responsabile dello stesso, degli addetti all attività di prevenzione incendi e pronto soccorso. È consultato in merito all organizzazione della formazione di tutti i lavoratori. Riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti le sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l organizzazione e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali. Riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza. Riceve una formazione adeguata, consistente in un corso di minimo 32 ore a carico del Datore di Lavoro. Promuove l elaborazione, l individuazione e l attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l integrità fisica dei lavoratori. Formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti. Partecipa alla riunione periodica tenuta almeno una volta l anno, che vede coinvolte le principali figure della sicurezza (Datore di Lavoro, Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, Medico Competente). Fa proposte in merito all attività di prevenzione. Avverte il responsabile dell azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività. Può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal Datore di Lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro. Deve disporre del tempo necessario allo svolgimento dell incarico senza perdita di retribuzione, nonché dei mezzi necessari per l esercizio delle funzioni e delle facoltà riconosciutegli. Non può subire pregiudizio alcuno a causa dello svolgimento della propria attività e nei suoi confronti si applicano le stesse tutele previste dalla legge per le rappresentanze sindacali. 13 CONTENUTI

6 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.7 Il Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) Il Servizio è un organo di consulenza del Datore di Lavoro anche se i benefici, in termini di sicurezza, interessano i lavoratori. La figura principale del SPP è il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP); la nomina di tale figura è uno degli obblighi indelegabili del Datore di Lavoro, sentito il parere del RLS. La legge attualmente non stabilisce titoli particolari per l assunzione di questa carica, richiede solo che la persona sia preparata e competente (vedi nota sotto). Il RSPP può essere individuato direttamente all interno dell azienda (vedi allegato 1.D.) oppure l incarico può essere affidato a servizi esterni (vedi allegato 1.E.; inoltre, a titolo esemplificativo, si riporta nell allegato 1.F. una bozza di contratto tra azienda e il RSPP esterno, ferma restando la validità di altre tipologie di contratto). Il Datore di Lavoro ha però l obbligo, se le capacità dei suoi dipendenti sono insufficienti, di far ricorso a persone o servizi esterni, previa consultazione del RLS. In alcune situazioni particolari - ad esempio in aziende artigiane e industriali sotto i 30 addetti - questa funzione può essere svolta direttamente dal Datore di Lavoro dopo aver seguito un adeguato corso di formazione. In altre situazioni - ad esempio in aziende industriali con oltre 200 addetti - è obbligatoria l organizzazione del SPP all interno dell azienda. Il nominativo del RSPP deve essere comunicato agli organi di vigilanza (vedi allegati 1.B. e 1.C.). A carico del Servizio di Prevenzione e Protezione e del suo Responsabile non sono previste sanzioni, in quanto il servizio è inteso come organo di consulenza senza poteri né decisionali né di spesa. Nota: nei giorni in cui questo manuale va in stampa è stato pubblicato un decreto che prevede precise qualifiche per gli addetti e per il responsabile del SPP. Quanto qui indicato deve essere quindi integrato con le nuove disposizioni imposte dal decreto, che viene riportato in allegato (Allegato 1.L.). COMPITI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Provvede a individuare i fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale. Elabora, per quanto di sua competenza, le misure preventive e protettive e individua i dispositivi di protezione individuale e i sistemi di controllo di tali misure. Elabora le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali. Propone i programmi d informazione e formazione dei lavoratori. Partecipa alla riunione periodica. Fornisce ai lavoratori l informazione, la formazione e dove necessario l addestramento adeguati. 14 Per svolgere adeguatamente le proprie funzioni il Servizio di Prevenzione e Protezione deve ricevere dal Datore di Lavoro informazioni in merito a: la natura dei rischi; l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; i dati del registro degli infortuni e delle malattie professionali; le prescrizioni degli organi di vigilanza. CONTENUTI

7 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Il Medico Competente (MC) Il Medico Competente è una figura introdotta dal D.Lgs. 277/91 (protezione contro i rischi di esposizione a piombo, amianto e rumore) e poi perfezionata dal D.Lgs. 626/94. Il Datore di Lavoro nomina il Medico Competente quando nella sua azienda vi sono lavorazioni per le quali i lavoratori devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria (vedi allegato 1.A.). I controlli sanitari sui lavoratori vengono effettuati dal Medico Competente il quale può essere: dipendente della struttura pubblica (medicina del Lavoro), alle dipendenze dirette del Datore di Lavoro o, infine, un libero professionista (a titolo esemplificativo nell allegato 1.G. si riporta una bozza di contratto tra azienda e MC, fermo restando la validità di altre tipologie di contratto). FUNZIONI DEL MEDICO COMPETENTE Collabora con il Datore di Lavoro. Effettua gli accertamenti sanitari preventivi e periodici. Esprime i giudizi d idoneità alla mansione lavorativa specifica. Istituisce e aggiorna le cartelle sanitarie e di rischio. Informa i lavoratori sui risultati delle visite. Comunica al Datore di Lavoro l idoneità o la non idoneità dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria senza, nel secondo caso, specificarne le motivazioni. Visita gli ambienti di lavoro. Collabora all organizzazione del servizio di pronto soccorso. Collabora all attività di formazione dei lavoratori. Collabora alla stesura della valutazione dei rischi. Per il Medico Competente sono previste sanzioni in caso d inosservanza dei suoi compiti. 15 CONTENUTI

8 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 3 Procedura da attuare per l organizzazione della prevenzione. Il datore di lavoro deve: 1. nominare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), inviando la raccomandata alla ASL competente e all Ispettorato del Lavoro; 2. trasmettere lettera di Nomina al RSPP; 3. nominare, ove previsto, il Medico Competente; 4. richiedere ai lavoratori il nominativo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS); 5. nominare gli addetti alle squadre antincendio e pronto soccorso; 6. comunicare ai lavoratori i nominativi del RSPP, del Medico Competente e degli addetti alle emergenze. Nota: le lettere di comunicazione devono essere collezionate e organizzate in un archivio documentale. 16 ISTRUZIONE OPERATIVA

9 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.A. Casi in cui è prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori da parte di un Medico Competente 1.B. Comunicazione all ASL e all Ispettorato del Lavoro del nominativo del RSPP 1.C. Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro del ruolo di RSPP (solo per aziende comprese nell allegato I del D.Lgs. 626/94) 1.D. Designazione del RSPP dipendente dell azienda 1.E. Nomina del RSPP esterno all azienda 1.F Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno 1.G. Nomina del Medico Competente - Schema sintetico di contratto 1.H. Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 1.I. Designazione degli addetti alla squadra antincendio 1.J. Designazione degli addetti al pronto soccorso 17

10 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.A. Casi in cui è prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori da parte di un Medico Competente La sorveglianza sanitaria deve essere effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente (art. 16, D.Lgs. 626/94). LAVORAZIONI CHE PREVEDONO UNA SORVEGLIANZA SANITARIA LAVORAZIONI Lavorazioni previste dalla tabella allegata al DPR 303/56. Attività lavorative che comportano la movimentazione manuale dei carichi. Attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Attività lavorative che comportano esposizione agli agenti chimici pericolosi per la salute che rispondono ai criteri per la classificazione come molto tossici, tossici, nocivi, sensibilizzanti, irritanti, tossici per il ciclo riproduttivo. Attività nelle quali i lavoratori sono esposti ad agenti cancerogeni o mutageni. Attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici. Attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione alla polvere proveniente dall amianto o dai materiali contenenti amianto. Lavoratori la cui esposizione quotidiana personale al rumore supera 85 dba. Attività lavorative nelle quali è previsto lavoro notturno. NORMATIVA Art. 48 comma 4b D.Lgs. 626/94 Art. 55 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 72 decies comma 1 D.Lgs. 626/ 94 Art. 69 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 86 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 29 D D.Lgs. 277/91 Art. 44 D.Lgs. 277/91 Art. 5 D.Lgs. 532/99 Lavoratori a rischio di silicosi e asbestosi. Art. 157 DPR 1124/1965 Lavoratori esposti a cloruro di vinile monomero. Art. 10 DPR 962/1982 Lavoratori esposti ad ammine aromatiche del gruppo I. Art. 5 D.Lgs. 77/92 Lavoratori esposti a radiazioni ionizzanti. DPR 230/1995 Lavoratori marittimi. Art. 6 comma 5a D.Lgs. 271/99 Si ricorda inoltre che l art. 17, lettera i del D.Lgs. 626/94 prescrive l effettuazione di visite mediche su richiesta dei lavoratori se tale richiesta è correlata ai rischi professionali. Nota: la tabella sopra riportata è soggetta a modifiche in base alle future variazioni legislative. 18

11 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.B. Comunicazione all ASL e all Ispettorato del Lavoro del nominativo del RSPP Su carta intestata dell azienda Alla Azienda ASL di... All Ispettorato del Lavoro di... Oggetto: Segnalazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione aziendale ai sensi dell art. 8 comma 11 del D.Lgs. 626/94 Il sig.... titolare/rappresentante legale della ditta esercente l attività di... COMUNICA che a far data dal il sig... Dipendente di questa ditta Consulente esterno ricopre la funzione di RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DICHIARA 1. Ha svolto i seguenti incarichi, con riferimento alla materia della prevenzione e protezione: dal al dal al 2. (opzionale) oltre all esperienza acquisita direttamente, ha frequentato corsi formativi specifici quali: a) (argomento durata ente organizzatore) b) (argomento durata ente organizzatore) c) (argomento durata ente organizzatore) 3. egli è in possesso di attitudini e capacità adeguate a svolgere la funzione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Tale nomina è da ritenersi valida fino a comunicazione di revoca o di nomina di altro responsabile che Vi sarà comunicata in modo analogo. Si allega inoltre il curriculum professionale. Data. Il titolare / Rappresentante legale della Ditta Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sig. è stato consultato in data In fede (firma del Datore di Lavoro) Allegato 1: curriculum 19

12 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.C. Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro del ruolo di RSPP (solo per aziende comprese nell allegato I del D.Lgs. 626/94) Su carta intestata dell azienda Alla Azienda ASL di Oggetto: Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. 626/94 Il sottoscritto Datore di Lavoro della Ditta esercente l attività di rientrando nei casi previsti nell allegato I del D.Lgs. 626/94: 1. Dichiara di possedere le capacità per svolgere correttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi. 2. Dichiara di aver adempiuto agli obblighi derivanti dall art. 4 del D.Lgs. 626/ Comunica che l andamento infortunistico negli ultimi tre anni è così sintetizzabile in base alle risultanze del registro degli infortuni: anno 2002: anno 2001: anno Le cause più frequenti di infortunio sono state le seguenti: 4. Comunica che le denunce di malattia professionale effettuate dall Azienda nel corso degli ultimi tre anni sono state complessivamente n.. Le malattie denunciate sono state: Allega copia dell attestato di frequenza al corso di formazione in materia di igiene e sicurezza sul lavoro svolto ai sensi del D.M. 16/01/1997. Data,.. Il titolare/rappresentante legale della ditta.. 20

13 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.D. Designazione del RSPP dipendente dell azienda Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, Oggetto: Nomina del Responsabile del Sevizio di Prevenzione e Protezione In riferimento alle intese intercorse, previa consultazione del/i Rappresentante/i dei Lavoratori per la Sicurezza avvenuta il, Le comunichiamo, la sua designazione quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale ai sensi dell art. 8, comma 2 del D.Lgs. 626/94. La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: a) - descrizione - ubicazione. b) - descrizione - ubicazione. Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, sono individuati nell art. 9 del predetto decreto. Per lo svolgimento di tali compiti Ella: (eventuale) sarà coadiuvato dai signori addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione; potrà disporre di mezzi e tempo adeguati, secondo quanto tra noi concordato Il suo nominativo sarà trasmesso, come previsto dall art. 8, comma 11, del D.Lgs. 626/94, all Ispettorato del Lavoro e alla ASL territorialmente competente. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma della persona designata) (firma del Datore di Lavoro) 21

14 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.E. Nomina del RSPP esterno all azienda Luogo e data Egregio/Gent.ma Sede Oggetto: Nomina del Responsabile del Sevizio di Prevenzione e Protezione Egregio sig. La presente per comunicarle che, in base agli articoli 4 e 8 del D.Lgs. 626/94 e successive modifiche, è stato nominato Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione della nostra Azienda con sede in Via...Comune... Tale incarico ha la durata di... a partire dal... La preghiamo di restituirci copia della presente, debitamente firmata per accettazione. Distinti saluti Il Datore di Lavoro... Allegato 1: Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno 22

15 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.F. Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno SCRITTURA PRIVATA Tra la, con sede in, in persona del legale rappresentante pro tempore., residente (con sede) a, Via ; d ora innanzi responsabile esterno PREMESSO: che l azienda esercita attività di e che in tale veste, quale Datore di Lavoro, ai sensi della vigente normativa, ha l obbligo di organizzare all interno dell azienda il servizio di prevenzione e protezione, alla luce di quanto disposto dal D.Lgs. 626/94; che il Datore di Lavoro intende avvalersi di un responsabile del servizio di prevenzione e protezione esterno per i compiti attribuiti dall art. 9 del D.Lgs. 626/94; che il responsabile esterno si è dichiarato in possesso dei necessari requisiti e disponibile a prestare la propria opera quale responsabile del servizio di prevenzione e protezione con le modalità e alle condizioni di cui in prosieguo SI CONVIENE E SI STIPULA: 1. la premessa è da considerarsi parte integrante della susseguente pattuizione; 2. l azienda affida al responsabile esterno, che lo accetta, l incarico di cui al punto 3; 3. l opera del responsabile esterno dovrà essere rispondente ai compiti previsti dal citato art. 9 del D.Lgs. 626/ l azienda, per quanto di sua competenza, fornirà la sua completa collaborazione; 5. il responsabile esterno è vincolato alla segretezza e alla riservatezza sulle informazioni ricevute in relazione all incarico; 6. l incarico dovrà essere eseguito personalmente, avvalendosi della collaborazione, del servizio di prevenzione e protezione ove presente; 7. il responsabile esterno svolgerà l attività libero-professionale, di cui sopra, nei giorni, nelle ore e nei luoghi che saranno concordati con l azienda nel rispetto della normativa di cui al D.Lgs. 626/94; 8. per analisi tecniche particolari e strumentali eventualmente necessarie, si avvarrà di professionisti ed enti scelti di comune accordo con l azienda; 9. la collaborazione, come sopra indicata, per le sue specifiche caratteristiche, non comporterà alcun vincolo di subordinazione, né obbligo di orario e, così come esplicitamente voluto dai contraenti, non comporterà nessun rapporto di lavoro subordinato. Il responsabile esterno riceverà i seguenti onorari: Sopraluoghi in azienda Riunione periodica Tariffa oraria per consulenza tecnica (sopralluogo aziendale, formazione e informazione ai lavoratori, esame di documentazione, redazione del documento ex art. 4, valutazione dei rischi, attuazione di misure di sicurezza, ecc.). Ore annuali presunte 23

16 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Eventuale quota fissa Eventuale forfait complessivo L azienda e il responsabile esterno potranno recedere dal contratto in qualunque momento del suo svolgimento col previsto preavviso di mesi.. Il presente contratto è a termine e avrà la durata di anni dalla data della stipula. Per ogni controversia l Autorità Giudiziaria esclusivamente competente è quella di Il responsabile esterno dichiara espressamente di essere in possesso dei titoli e dei requisiti necessari per l incarico in oggetto. Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente contratto, saranno applicabili le norme di legge. Prato, Firma azienda Firma Responsabile esterno Il Responsabile esterno dichiara di essere stato messo a conoscenza dei rischi specifici esistenti nell ambiente in cui è destinato a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate relativamente ai rischi suddetti. Firma Responsabile esterno... NOTA: Il presente documento serve come schema generale. L azienda può ovviamente modificarlo secondo le sue esigenze. In particolare l entità e il tipo di onorari vanno concordati col consulente. 24

17 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.G. Nomina Medico Competente - Schema sintetico di contratto SCRITTURA PRIVATA Tra.., con sede in, in persona del legale rappresentante pro tempore, d ora innanzi l Azienda 1 e il dott..., nato a..,il., residente a, Via..; d ora innanzi Medico Competente 2 PREMESSO: che l Azienda esercita attività di. e che in tale veste quale Datore di Lavoro, ai sensi della vigente normativa, ha l obbligo di sottoporre a sorveglianza sanitaria parte del personale dipendente ove ricorrano condizioni di rischio, alla luce di quanto disposto dal DPR 1124/65, DPR 303/56, dal D.Lgs. 277/91 e dal D.Lgs. 626/94. SI CONVIENE E STIPULA: 1. l Azienda. affida al. che lo accetta, l incarico di Medico Competente previsto dal D.Lgs. 626/94; l opera del Medico Competente si espliciterà in: - accertamenti sanitari preventivi intesi a constatare l assenza di controindicazioni per la mansione alla quale i lavoratori sono destinati ai fini della valutazione della idoneità specifica; - accertamenti periodici per controllare lo stato di salute degli stessi; 2. il Medico Competente svolgerà l attività libero professionale, di cui sopra, nei giorni, nelle ore e nei luoghi che saranno concordati con l Azienda nel rispetto della normativa di cui al D.Lgs. 626/94. Per visite specialistiche ed esami clinici, biologici e strumentali eventualmente necessari, si avvarrà di professionisti ed enti scelti di comune accordo con la committente. 3. L azienda e il medico potranno recedere dal contratto in qualunque momento del suo svolgimento col preavviso di 30 giorni. 4. II dott. dichiara espressamente di essere in possesso dei titoli e dei requisiti previsti dall art. 2 lettera d del D.Lgs. 626/ Il presente contratto è a termine e avrà la durata di anni dalla data della stipula. 6. Per ogni controversia l Autorità Giudiziaria esclusivamente competente è quella di... In fede,... Prato,... 1 Indicare la ragione sociale e gli altri dati dell azienda che dà l incarico. 2 Indicare il nome e le generalità del Medico Competente. 25

18 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.H. Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Su carta intestata dell azienda A tutti i Dipendenti del Loro sedi Oggetto: Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza In riferimento all art. 18 del D.Lgs. 626/94, riguardante l elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, Vi sollecitiamo a provvedere il più presto possibile alla prevista elezione. Ricordiamo che tale elezione deve essere a suffragio universale diretto, a scrutinio segreto, anche per candidature concorrenti, mediante apposita riunione elettiva, di cui deve essere redatto verbale da segretario incaricato. Sollecitiamo pertanto i lavoratori di questa azienda/unità produttiva a voler provvedere in proposito al più presto, onde consentire le consultazioni previste dall art. 19, comma 1 (lettere b, c, d), del citato decreto, nonché gli adempimenti connessi e/o consequenziali. In caso di mancata elezione l azienda si considera ottemperante nei confronti dell art. 18 del D.Lgs. 626/94, tramite comunicazioni ai lavoratori poste nella bacheca degli avvisi. Data Firma 26

19 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.I. Designazione degli addetti alla squadra antincendio Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, In riferimento alle intese intercorse, Le comunichiamo, ai sensi dell art. 4, punto 5a del D.Lgs. 626/94 la sua designazione, nell ambito del servizio di prevenzione e protezione aziendale, in qualità di: - Incaricato dell attuazione delle misure di prevenzione incendi - Incaricato dell attuazione delle misure di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: - descrizione - ubicazione.. Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, per il cui svolgimento Ella collaborerà anche con il sig., Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, saranno oggetto di una specifica formazione. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma del Datore di Lavoro) (firma della persona designata) Il Rappresentante dei lavoratori è stato consultato sulla presente designazione 1. Visto del Rappresentante Il Rappresentante dei lavoratori non è stato designato/eletto e sarà informato della presente designazione. 1 Inserire la frase corrispondente alla particolare situazione. 27

20 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.J. Designazione degli addetti al pronto soccorso Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, In riferimento alle intese intercorse, Le comunichiamo, ai sensi dell art. 4, punto 5a del D.Lgs. 626/94 la sua designazione, nell ambito del servizio di prevenzione e protezione aziendale, in qualità di: Incaricato dell attuazione delle misure di pronto soccorso La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: - descrizione - ubicazione... Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, per il cui svolgimento Ella collaborerà anche con il sig., Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, saranno oggetto di una specifica formazione. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma del Datore di Lavoro) (firma della persona designata) Il Rappresentante dei lavoratori è stato consultato sulla presente designazione 1. Visto del Rappresentante Il Rappresentante dei lavoratori non è stato designato/eletto e sarà informato della presente designazione Inserire la frase corrispondente alla particolare situazione.

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli