Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1"

Transcript

1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 Per comprendere come funziona e che cosa prevede il sistema di gestione della sicurezza sui luoghi di lavoro introdotto dal D.Lgs. 626/94 è necessario conoscere i suoi protagonisti. 1.1 Il Datore di Lavoro La definizione esatta di Datore di Lavoro, per ciò che riguarda la sicurezza, è stata introdotta dal D.Lgs. 626/94 ed è la seguente: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l organizzazione dell impresa, ha la responsabilità dell impresa stessa ovvero dell unità produttiva, in quanto titolare dei poteri decisionali e di spesa. Nelle pubbliche amministrazioni, per Datore di Lavoro s intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale. Vediamo che cosa significa questa definizione. Innanzitutto viene individuata una persona fisica che, quindi, può rispondere penalmente delle violazioni in materia di sicurezza (per la legislazione italiana solo le persone fisiche possono rispondere in sede penale). Inoltre per vedersi attribuito il ruolo di Datore di Lavoro non è sufficiente essere formalmente il titolare del rapporto di lavoro ma bisogna possedere in concreto i poteri, sia di spesa che decisionali, per poter adottare le misure previste e derivanti dalla vigente normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Il legislatore ha individuato nel Datore di Lavoro il principale soggetto destinatario degli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro. DOVERI DEL DATORE DI LAVORO Esegue la Valutazione dei Rischi, in collaborazione con il Medico Competente dove previsto, il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Individua e aggiorna le misure di prevenzione e protezione e i dispositivi di protezione individuale derivanti dalla Valutazione dei Rischi. Programma le misure ritenute necessarie al miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Designa il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione e gli addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione. Nomina il Medico Competente, ove previsto. Provvede ad adottare tutte le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell evacuazione dei lavoratori, nonché per il caso di pericolo grave e immediato. Designa i lavoratori incaricati della gestione delle emergenze, del pronto soccorso e della lotta antincendio (vedi allegati 1.I. e 1.J.). Informa, forma e, ove necessario, fornisce l adeguato addestramento ai lavoratori. Permette ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante per la sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute. Indice almeno una volta l anno la riunione periodica di prevenzione e protezione. Il D.Lgs. 242/96, che ha modificato il D.Lgs. 626/94, ha considerato indelegabili alcune funzioni proprie del Datore di Lavoro quali: valutazione dei rischi; 9 CONTENUTI

2 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali redazione del documento di Valutazione dei Rischi; designazione del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione; autocertificazione dell avvenuta valutazione dei rischi (ove prevista). DIRITTI DEL DATORE DI LAVORO Richiede l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e igiene sul lavoro e d uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione. Richiede l osservanza da parte del Medico Competente degli obblighi previsti dal D.Lgs. 626/94, informandolo sui processi e sui rischi connessi all attività produttiva. In realtà anche questi sarebbero obblighi a carico del Datore di Lavoro ma sono stati indicati come suoi diritti in quanto rendono responsabili anche i lavoratori della propria sicurezza. CONCLUSIONI Si nota subito come il Datore di Lavoro sia il soggetto su cui gravano i principali obblighi, ma, al tempo stesso, ha un diritto di grande importanza: quello di richiedere ai lavoratori il rispetto delle norme di legge e delle procedure interne, conferendo loro un ruolo attivo nel sistema sicurezza. 1.2 I dirigenti La giurisprudenza individua il dirigente come il lavoratore che è in grado di effettuare scelte che interessano tutta o una parte dell azienda. Ciò comporta che il dirigente assuma di fatto alcune competenze e quindi alcune precise responsabilità in materia d igiene e sicurezza sul lavoro che sono concorrenti con quelle del Datore di Lavoro; in pratica al dirigente spetta la funzione di attuare le decisioni imprenditoriali in materia di sicurezza nell ambito dei rispettivi servizi. Per ciò che riguarda la sicurezza sul lavoro l individuazione del dirigente come responsabile, anche penalmente, prescinde dalla qualifica formale ma viene attribuita in considerazione delle mansioni effettivamente svolte. 1.3 I preposti La funzione del preposto può essere così definita: si tratta del lavoratore incaricato della sorveglianza, del controllo e del coordinamento di uno o più lavoratori. Vi sono alcune figure che possono rivestire il ruolo di preposto alla luce delle loro specifiche mansioni quali, ad esempio, il capo squadra, il capo officina, il capo reparto. Tuttavia ogni lavoratore può assumere il ruolo di preposto nel momento in cui svolge, anche momentaneamente, le funzioni attribuite a questa figura. Il preposto è, comunque, soggetto al controllo da parte del dirigente e del Datore di Lavoro. OBBLIGHI DEL PREPOSTO Nell affidare i compiti ai lavoratori tiene conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. Adotta le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni possano accedere alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico. Adotta le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso d emergenza e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa. 10 CONTENUTI

3 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 Informa il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione. Si astiene, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato. Richiede l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e d igiene sul lavoro oltre all uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione. 1.4 I lavoratori Vediamo ora che cosa s intende per lavoratori ai fini della sicurezza. Il D.Lgs. 626/94 fornisce la seguente definizione: persona che presta il proprio lavoro alle dipendenze di un Datore di Lavoro, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari, con rapporto di lavoro subordinato anche speciale. Sono equiparati i soci lavoratori di cooperative o di società, anche di fatto, che prestino la loro attività per conto delle società e degli enti stessi. I lavoratori sono i soggetti che vengono tutelati dalle norme sulla sicurezza e igiene sul lavoro. Tuttavia se con le prime normative risalenti agli anni 50 (DPR 547/55, DPR 303/56 e successivi) i lavoratori subivano le norme di prevenzione, ovvero erano le altre figure (il Datore di Lavoro, i dirigenti e i preposti) a doversi occupare in tutto e per tutto della loro sicurezza, già con la legge 300/70 (statuto dei lavoratori) e sempre di più con le nuove normative (D.Lgs. 277/91 e D.Lgs. 626/94) i lavoratori sono diventati soggetti attivi della loro sicurezza. L assunzione di responsabilità da parte del singolo lavoratore e la creazione della figura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ne sono due esempi. I lavoratori possono essere riconosciuti responsabili, e quindi perseguibili, soltanto se i datori di lavoro, i dirigenti e i preposti abbiano posto in essere tutti gli obblighi che su di loro ricadono e il lavoratore abbia posto in essere una condotta abnorme e cioè: dolosa; frutto di rischio elettivo; anormale e atipica e, quindi, non prevedibile; eccezionale e incompatibile con il sistema di lavorazione; di azioni che portano all inosservanza dei dispositivi antinfortunistici, d istruzioni o compiti esecutivi (ad esempio il lavoratore continua a non indossare i DPI dopo aver ricevuto opportuna formazione e dopo essere stato richiamato sia dal preposto sia dai dirigenti). OBBLIGHI DEI LAVORATORI Per i lavoratori avere delle responsabilità vuol dire avere anche degli obblighi che possono riassumersi nelle norme di comportamento riportate di seguito. Prendersi cura della loro sicurezza e della loro salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle loro azioni e omissioni, conformemente alla formazione e alle istruzioni e ai mezzi forniti loro dal Datore di Lavoro. 11 CONTENUTI

4 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal Datore di Lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva e individuale. Utilizzare correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e le altre attrezzature di lavoro, nonché i dispositivi di sicurezza. Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione. Segnalare immediatamente al Datore di Lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze di mezzi e dispositivi, nonché altre eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso d urgenza, nell ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli, dandone notizia al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo. Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza o che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori. Sottoporsi ai controlli sanitari previsti nei loro confronti. Contribuire, insieme al Datore di Lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all adempimento di tutti gli obblighi imposti dall autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante il lavoro. 1.5 I lavoratori interinali Si è voluto dedicare un paragrafo a questa tipologia di lavoratori dal momento che, per la loro atipicità, possono creare incertezza sul loro collocamento nell organigramma della sicurezza e qualche dubbio su quali siano le normative che si devono applicare loro. Il riferimento normativo in materia è la Legge 196/97 che disciplina il lavoro temporaneo e nella quale si trovano anche le disposizione per ciò che riguarda la sicurezza sul lavoro da applicare ai lavoratori temporanei. L informazione e la formazione dei lavoratori interinali viene ripartita tra l azienda fornitrice e l impresa utilizzatrice. All azienda fornitrice spetta il compito di informare i prestatori di lavoro temporaneo sui rischi per la sicurezza e la salute connessi alle attività produttive in generale e di formarli e addestrarli all uso delle attrezzature di lavoro necessarie allo svolgimento dell attività lavorativa per la quale essi vengono assunti. Il contratto di fornitura può prevedere che tali obblighi siano adempiuti dall impresa utilizzatrice. L impresa utilizzatrice deve sempre fornire formazione e informazione per ciò che riguarda i rischi specifici ai quali il lavoratore temporaneo potrà essere esposto in azienda. Nel caso in cui le mansioni cui è adibito richiedano una sorveglianza medica speciale o comportino rischi specifici, l impresa utilizzatrice ne informa il lavoratore temporaneo conformemente a quanto previsto dal D.Lgs. 626/94. L impresa utilizzatrice osserva, nei confronti del medesimo prestatore, tutti gli obblighi di protezione previsti nei confronti dei propri dipendenti ed è responsabile per la violazione degli obblighi di sicurezza individuati dalla legge e dai contratti collettivi. Infine i lavoratori interinali devono essere computati nell organico dell azienda utilizzatrice ai fini dell applicazione delle normative in materia di sicurezza sul lavoro. 12 CONTENUTI

5 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è una figura introdotta dal D.Lgs. 626/94 e costituisce uno strumento fondamentale per la sicurezza dei lavoratori. In pratica, attraverso questo loro rappresentante, i lavoratori possono portare a conoscenza del Datore di Lavoro, dei dirigenti e delle altre figure coinvolte le loro proposte in materia di sicurezza. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è certamente una figura cardine nell attuale sistema prevenzionistico; l auspicabile collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione (organo di consulenza del Datore di Lavoro), pur rispettando le diverse competenze e attribuzioni di ognuno, è un punto fondamentale per riuscire a realizzare in qualsiasi azienda una gestione della sicurezza completa e funzionale. Il RLS viene eletto, nelle aziende che occupano sino a 15 dipendenti, direttamente dai lavoratori al loro interno, mentre in quelle con più di 15 dipendenti il RLS è eletto o designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali in azienda. In assenza di tali rappresentanze, è eletto dai lavoratori dell azienda al loro interno (vedi allegato 1.H.). ATTRIBUZIONI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni. È consultato preventivamente e tempestivamente in ordine alla valutazione dei rischi, all individuazione, programmazione, realizzazione e verifica della prevenzione nell azienda o nell unità produttiva. È consultato sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione e del responsabile dello stesso, degli addetti all attività di prevenzione incendi e pronto soccorso. È consultato in merito all organizzazione della formazione di tutti i lavoratori. Riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti le sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l organizzazione e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali. Riceve le informazioni provenienti dai servizi di vigilanza. Riceve una formazione adeguata, consistente in un corso di minimo 32 ore a carico del Datore di Lavoro. Promuove l elaborazione, l individuazione e l attuazione delle misure di prevenzione idonee a tutelare la salute e l integrità fisica dei lavoratori. Formula osservazioni in occasione di visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti. Partecipa alla riunione periodica tenuta almeno una volta l anno, che vede coinvolte le principali figure della sicurezza (Datore di Lavoro, Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, Medico Competente). Fa proposte in merito all attività di prevenzione. Avverte il responsabile dell azienda dei rischi individuati nel corso della sua attività. Può fare ricorso alle autorità competenti qualora ritenga che le misure di prevenzione e protezione dai rischi adottate dal Datore di Lavoro e i mezzi impiegati per attuarle non siano idonei a garantire la sicurezza e la salute durante il lavoro. Deve disporre del tempo necessario allo svolgimento dell incarico senza perdita di retribuzione, nonché dei mezzi necessari per l esercizio delle funzioni e delle facoltà riconosciutegli. Non può subire pregiudizio alcuno a causa dello svolgimento della propria attività e nei suoi confronti si applicano le stesse tutele previste dalla legge per le rappresentanze sindacali. 13 CONTENUTI

6 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.7 Il Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) Il Servizio è un organo di consulenza del Datore di Lavoro anche se i benefici, in termini di sicurezza, interessano i lavoratori. La figura principale del SPP è il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP); la nomina di tale figura è uno degli obblighi indelegabili del Datore di Lavoro, sentito il parere del RLS. La legge attualmente non stabilisce titoli particolari per l assunzione di questa carica, richiede solo che la persona sia preparata e competente (vedi nota sotto). Il RSPP può essere individuato direttamente all interno dell azienda (vedi allegato 1.D.) oppure l incarico può essere affidato a servizi esterni (vedi allegato 1.E.; inoltre, a titolo esemplificativo, si riporta nell allegato 1.F. una bozza di contratto tra azienda e il RSPP esterno, ferma restando la validità di altre tipologie di contratto). Il Datore di Lavoro ha però l obbligo, se le capacità dei suoi dipendenti sono insufficienti, di far ricorso a persone o servizi esterni, previa consultazione del RLS. In alcune situazioni particolari - ad esempio in aziende artigiane e industriali sotto i 30 addetti - questa funzione può essere svolta direttamente dal Datore di Lavoro dopo aver seguito un adeguato corso di formazione. In altre situazioni - ad esempio in aziende industriali con oltre 200 addetti - è obbligatoria l organizzazione del SPP all interno dell azienda. Il nominativo del RSPP deve essere comunicato agli organi di vigilanza (vedi allegati 1.B. e 1.C.). A carico del Servizio di Prevenzione e Protezione e del suo Responsabile non sono previste sanzioni, in quanto il servizio è inteso come organo di consulenza senza poteri né decisionali né di spesa. Nota: nei giorni in cui questo manuale va in stampa è stato pubblicato un decreto che prevede precise qualifiche per gli addetti e per il responsabile del SPP. Quanto qui indicato deve essere quindi integrato con le nuove disposizioni imposte dal decreto, che viene riportato in allegato (Allegato 1.L.). COMPITI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Provvede a individuare i fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale. Elabora, per quanto di sua competenza, le misure preventive e protettive e individua i dispositivi di protezione individuale e i sistemi di controllo di tali misure. Elabora le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali. Propone i programmi d informazione e formazione dei lavoratori. Partecipa alla riunione periodica. Fornisce ai lavoratori l informazione, la formazione e dove necessario l addestramento adeguati. 14 Per svolgere adeguatamente le proprie funzioni il Servizio di Prevenzione e Protezione deve ricevere dal Datore di Lavoro informazioni in merito a: la natura dei rischi; l organizzazione del lavoro, la programmazione e l attuazione delle misure preventive e protettive; la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; i dati del registro degli infortuni e delle malattie professionali; le prescrizioni degli organi di vigilanza. CONTENUTI

7 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Il Medico Competente (MC) Il Medico Competente è una figura introdotta dal D.Lgs. 277/91 (protezione contro i rischi di esposizione a piombo, amianto e rumore) e poi perfezionata dal D.Lgs. 626/94. Il Datore di Lavoro nomina il Medico Competente quando nella sua azienda vi sono lavorazioni per le quali i lavoratori devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria (vedi allegato 1.A.). I controlli sanitari sui lavoratori vengono effettuati dal Medico Competente il quale può essere: dipendente della struttura pubblica (medicina del Lavoro), alle dipendenze dirette del Datore di Lavoro o, infine, un libero professionista (a titolo esemplificativo nell allegato 1.G. si riporta una bozza di contratto tra azienda e MC, fermo restando la validità di altre tipologie di contratto). FUNZIONI DEL MEDICO COMPETENTE Collabora con il Datore di Lavoro. Effettua gli accertamenti sanitari preventivi e periodici. Esprime i giudizi d idoneità alla mansione lavorativa specifica. Istituisce e aggiorna le cartelle sanitarie e di rischio. Informa i lavoratori sui risultati delle visite. Comunica al Datore di Lavoro l idoneità o la non idoneità dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria senza, nel secondo caso, specificarne le motivazioni. Visita gli ambienti di lavoro. Collabora all organizzazione del servizio di pronto soccorso. Collabora all attività di formazione dei lavoratori. Collabora alla stesura della valutazione dei rischi. Per il Medico Competente sono previste sanzioni in caso d inosservanza dei suoi compiti. 15 CONTENUTI

8 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 3 Procedura da attuare per l organizzazione della prevenzione. Il datore di lavoro deve: 1. nominare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), inviando la raccomandata alla ASL competente e all Ispettorato del Lavoro; 2. trasmettere lettera di Nomina al RSPP; 3. nominare, ove previsto, il Medico Competente; 4. richiedere ai lavoratori il nominativo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS); 5. nominare gli addetti alle squadre antincendio e pronto soccorso; 6. comunicare ai lavoratori i nominativi del RSPP, del Medico Competente e degli addetti alle emergenze. Nota: le lettere di comunicazione devono essere collezionate e organizzate in un archivio documentale. 16 ISTRUZIONE OPERATIVA

9 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.A. Casi in cui è prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori da parte di un Medico Competente 1.B. Comunicazione all ASL e all Ispettorato del Lavoro del nominativo del RSPP 1.C. Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro del ruolo di RSPP (solo per aziende comprese nell allegato I del D.Lgs. 626/94) 1.D. Designazione del RSPP dipendente dell azienda 1.E. Nomina del RSPP esterno all azienda 1.F Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno 1.G. Nomina del Medico Competente - Schema sintetico di contratto 1.H. Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 1.I. Designazione degli addetti alla squadra antincendio 1.J. Designazione degli addetti al pronto soccorso 17

10 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.A. Casi in cui è prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori da parte di un Medico Competente La sorveglianza sanitaria deve essere effettuata nei casi previsti dalla normativa vigente (art. 16, D.Lgs. 626/94). LAVORAZIONI CHE PREVEDONO UNA SORVEGLIANZA SANITARIA LAVORAZIONI Lavorazioni previste dalla tabella allegata al DPR 303/56. Attività lavorative che comportano la movimentazione manuale dei carichi. Attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Attività lavorative che comportano esposizione agli agenti chimici pericolosi per la salute che rispondono ai criteri per la classificazione come molto tossici, tossici, nocivi, sensibilizzanti, irritanti, tossici per il ciclo riproduttivo. Attività nelle quali i lavoratori sono esposti ad agenti cancerogeni o mutageni. Attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici. Attività lavorative nelle quali vi è rischio di esposizione alla polvere proveniente dall amianto o dai materiali contenenti amianto. Lavoratori la cui esposizione quotidiana personale al rumore supera 85 dba. Attività lavorative nelle quali è previsto lavoro notturno. NORMATIVA Art. 48 comma 4b D.Lgs. 626/94 Art. 55 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 72 decies comma 1 D.Lgs. 626/ 94 Art. 69 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 86 comma 3 D.Lgs. 626/94 Art. 29 D D.Lgs. 277/91 Art. 44 D.Lgs. 277/91 Art. 5 D.Lgs. 532/99 Lavoratori a rischio di silicosi e asbestosi. Art. 157 DPR 1124/1965 Lavoratori esposti a cloruro di vinile monomero. Art. 10 DPR 962/1982 Lavoratori esposti ad ammine aromatiche del gruppo I. Art. 5 D.Lgs. 77/92 Lavoratori esposti a radiazioni ionizzanti. DPR 230/1995 Lavoratori marittimi. Art. 6 comma 5a D.Lgs. 271/99 Si ricorda inoltre che l art. 17, lettera i del D.Lgs. 626/94 prescrive l effettuazione di visite mediche su richiesta dei lavoratori se tale richiesta è correlata ai rischi professionali. Nota: la tabella sopra riportata è soggetta a modifiche in base alle future variazioni legislative. 18

11 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.B. Comunicazione all ASL e all Ispettorato del Lavoro del nominativo del RSPP Su carta intestata dell azienda Alla Azienda ASL di... All Ispettorato del Lavoro di... Oggetto: Segnalazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione aziendale ai sensi dell art. 8 comma 11 del D.Lgs. 626/94 Il sig.... titolare/rappresentante legale della ditta esercente l attività di... COMUNICA che a far data dal il sig... Dipendente di questa ditta Consulente esterno ricopre la funzione di RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DICHIARA 1. Ha svolto i seguenti incarichi, con riferimento alla materia della prevenzione e protezione: dal al dal al 2. (opzionale) oltre all esperienza acquisita direttamente, ha frequentato corsi formativi specifici quali: a) (argomento durata ente organizzatore) b) (argomento durata ente organizzatore) c) (argomento durata ente organizzatore) 3. egli è in possesso di attitudini e capacità adeguate a svolgere la funzione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Tale nomina è da ritenersi valida fino a comunicazione di revoca o di nomina di altro responsabile che Vi sarà comunicata in modo analogo. Si allega inoltre il curriculum professionale. Data. Il titolare / Rappresentante legale della Ditta Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sig. è stato consultato in data In fede (firma del Datore di Lavoro) Allegato 1: curriculum 19

12 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.C. Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro del ruolo di RSPP (solo per aziende comprese nell allegato I del D.Lgs. 626/94) Su carta intestata dell azienda Alla Azienda ASL di Oggetto: Svolgimento diretto da parte del Datore di Lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. 626/94 Il sottoscritto Datore di Lavoro della Ditta esercente l attività di rientrando nei casi previsti nell allegato I del D.Lgs. 626/94: 1. Dichiara di possedere le capacità per svolgere correttamente i compiti di prevenzione e protezione dai rischi. 2. Dichiara di aver adempiuto agli obblighi derivanti dall art. 4 del D.Lgs. 626/ Comunica che l andamento infortunistico negli ultimi tre anni è così sintetizzabile in base alle risultanze del registro degli infortuni: anno 2002: anno 2001: anno Le cause più frequenti di infortunio sono state le seguenti: 4. Comunica che le denunce di malattia professionale effettuate dall Azienda nel corso degli ultimi tre anni sono state complessivamente n.. Le malattie denunciate sono state: Allega copia dell attestato di frequenza al corso di formazione in materia di igiene e sicurezza sul lavoro svolto ai sensi del D.M. 16/01/1997. Data,.. Il titolare/rappresentante legale della ditta.. 20

13 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.D. Designazione del RSPP dipendente dell azienda Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, Oggetto: Nomina del Responsabile del Sevizio di Prevenzione e Protezione In riferimento alle intese intercorse, previa consultazione del/i Rappresentante/i dei Lavoratori per la Sicurezza avvenuta il, Le comunichiamo, la sua designazione quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale ai sensi dell art. 8, comma 2 del D.Lgs. 626/94. La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: a) - descrizione - ubicazione. b) - descrizione - ubicazione. Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, sono individuati nell art. 9 del predetto decreto. Per lo svolgimento di tali compiti Ella: (eventuale) sarà coadiuvato dai signori addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione; potrà disporre di mezzi e tempo adeguati, secondo quanto tra noi concordato Il suo nominativo sarà trasmesso, come previsto dall art. 8, comma 11, del D.Lgs. 626/94, all Ispettorato del Lavoro e alla ASL territorialmente competente. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma della persona designata) (firma del Datore di Lavoro) 21

14 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.E. Nomina del RSPP esterno all azienda Luogo e data Egregio/Gent.ma Sede Oggetto: Nomina del Responsabile del Sevizio di Prevenzione e Protezione Egregio sig. La presente per comunicarle che, in base agli articoli 4 e 8 del D.Lgs. 626/94 e successive modifiche, è stato nominato Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione della nostra Azienda con sede in Via...Comune... Tale incarico ha la durata di... a partire dal... La preghiamo di restituirci copia della presente, debitamente firmata per accettazione. Distinti saluti Il Datore di Lavoro... Allegato 1: Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno 22

15 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.F. Schema di contratto per incarico di responsabile sicurezza esterno SCRITTURA PRIVATA Tra la, con sede in, in persona del legale rappresentante pro tempore., residente (con sede) a, Via ; d ora innanzi responsabile esterno PREMESSO: che l azienda esercita attività di e che in tale veste, quale Datore di Lavoro, ai sensi della vigente normativa, ha l obbligo di organizzare all interno dell azienda il servizio di prevenzione e protezione, alla luce di quanto disposto dal D.Lgs. 626/94; che il Datore di Lavoro intende avvalersi di un responsabile del servizio di prevenzione e protezione esterno per i compiti attribuiti dall art. 9 del D.Lgs. 626/94; che il responsabile esterno si è dichiarato in possesso dei necessari requisiti e disponibile a prestare la propria opera quale responsabile del servizio di prevenzione e protezione con le modalità e alle condizioni di cui in prosieguo SI CONVIENE E SI STIPULA: 1. la premessa è da considerarsi parte integrante della susseguente pattuizione; 2. l azienda affida al responsabile esterno, che lo accetta, l incarico di cui al punto 3; 3. l opera del responsabile esterno dovrà essere rispondente ai compiti previsti dal citato art. 9 del D.Lgs. 626/ l azienda, per quanto di sua competenza, fornirà la sua completa collaborazione; 5. il responsabile esterno è vincolato alla segretezza e alla riservatezza sulle informazioni ricevute in relazione all incarico; 6. l incarico dovrà essere eseguito personalmente, avvalendosi della collaborazione, del servizio di prevenzione e protezione ove presente; 7. il responsabile esterno svolgerà l attività libero-professionale, di cui sopra, nei giorni, nelle ore e nei luoghi che saranno concordati con l azienda nel rispetto della normativa di cui al D.Lgs. 626/94; 8. per analisi tecniche particolari e strumentali eventualmente necessarie, si avvarrà di professionisti ed enti scelti di comune accordo con l azienda; 9. la collaborazione, come sopra indicata, per le sue specifiche caratteristiche, non comporterà alcun vincolo di subordinazione, né obbligo di orario e, così come esplicitamente voluto dai contraenti, non comporterà nessun rapporto di lavoro subordinato. Il responsabile esterno riceverà i seguenti onorari: Sopraluoghi in azienda Riunione periodica Tariffa oraria per consulenza tecnica (sopralluogo aziendale, formazione e informazione ai lavoratori, esame di documentazione, redazione del documento ex art. 4, valutazione dei rischi, attuazione di misure di sicurezza, ecc.). Ore annuali presunte 23

16 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali Eventuale quota fissa Eventuale forfait complessivo L azienda e il responsabile esterno potranno recedere dal contratto in qualunque momento del suo svolgimento col previsto preavviso di mesi.. Il presente contratto è a termine e avrà la durata di anni dalla data della stipula. Per ogni controversia l Autorità Giudiziaria esclusivamente competente è quella di Il responsabile esterno dichiara espressamente di essere in possesso dei titoli e dei requisiti necessari per l incarico in oggetto. Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente contratto, saranno applicabili le norme di legge. Prato, Firma azienda Firma Responsabile esterno Il Responsabile esterno dichiara di essere stato messo a conoscenza dei rischi specifici esistenti nell ambiente in cui è destinato a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate relativamente ai rischi suddetti. Firma Responsabile esterno... NOTA: Il presente documento serve come schema generale. L azienda può ovviamente modificarlo secondo le sue esigenze. In particolare l entità e il tipo di onorari vanno concordati col consulente. 24

17 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.G. Nomina Medico Competente - Schema sintetico di contratto SCRITTURA PRIVATA Tra.., con sede in, in persona del legale rappresentante pro tempore, d ora innanzi l Azienda 1 e il dott..., nato a..,il., residente a, Via..; d ora innanzi Medico Competente 2 PREMESSO: che l Azienda esercita attività di. e che in tale veste quale Datore di Lavoro, ai sensi della vigente normativa, ha l obbligo di sottoporre a sorveglianza sanitaria parte del personale dipendente ove ricorrano condizioni di rischio, alla luce di quanto disposto dal DPR 1124/65, DPR 303/56, dal D.Lgs. 277/91 e dal D.Lgs. 626/94. SI CONVIENE E STIPULA: 1. l Azienda. affida al. che lo accetta, l incarico di Medico Competente previsto dal D.Lgs. 626/94; l opera del Medico Competente si espliciterà in: - accertamenti sanitari preventivi intesi a constatare l assenza di controindicazioni per la mansione alla quale i lavoratori sono destinati ai fini della valutazione della idoneità specifica; - accertamenti periodici per controllare lo stato di salute degli stessi; 2. il Medico Competente svolgerà l attività libero professionale, di cui sopra, nei giorni, nelle ore e nei luoghi che saranno concordati con l Azienda nel rispetto della normativa di cui al D.Lgs. 626/94. Per visite specialistiche ed esami clinici, biologici e strumentali eventualmente necessari, si avvarrà di professionisti ed enti scelti di comune accordo con la committente. 3. L azienda e il medico potranno recedere dal contratto in qualunque momento del suo svolgimento col preavviso di 30 giorni. 4. II dott. dichiara espressamente di essere in possesso dei titoli e dei requisiti previsti dall art. 2 lettera d del D.Lgs. 626/ Il presente contratto è a termine e avrà la durata di anni dalla data della stipula. 6. Per ogni controversia l Autorità Giudiziaria esclusivamente competente è quella di... In fede,... Prato,... 1 Indicare la ragione sociale e gli altri dati dell azienda che dà l incarico. 2 Indicare il nome e le generalità del Medico Competente. 25

18 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.H. Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Su carta intestata dell azienda A tutti i Dipendenti del Loro sedi Oggetto: Elezione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza In riferimento all art. 18 del D.Lgs. 626/94, riguardante l elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, Vi sollecitiamo a provvedere il più presto possibile alla prevista elezione. Ricordiamo che tale elezione deve essere a suffragio universale diretto, a scrutinio segreto, anche per candidature concorrenti, mediante apposita riunione elettiva, di cui deve essere redatto verbale da segretario incaricato. Sollecitiamo pertanto i lavoratori di questa azienda/unità produttiva a voler provvedere in proposito al più presto, onde consentire le consultazioni previste dall art. 19, comma 1 (lettere b, c, d), del citato decreto, nonché gli adempimenti connessi e/o consequenziali. In caso di mancata elezione l azienda si considera ottemperante nei confronti dell art. 18 del D.Lgs. 626/94, tramite comunicazioni ai lavoratori poste nella bacheca degli avvisi. Data Firma 26

19 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1 1.I. Designazione degli addetti alla squadra antincendio Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, In riferimento alle intese intercorse, Le comunichiamo, ai sensi dell art. 4, punto 5a del D.Lgs. 626/94 la sua designazione, nell ambito del servizio di prevenzione e protezione aziendale, in qualità di: - Incaricato dell attuazione delle misure di prevenzione incendi - Incaricato dell attuazione delle misure di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: - descrizione - ubicazione.. Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, per il cui svolgimento Ella collaborerà anche con il sig., Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, saranno oggetto di una specifica formazione. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma del Datore di Lavoro) (firma della persona designata) Il Rappresentante dei lavoratori è stato consultato sulla presente designazione 1. Visto del Rappresentante Il Rappresentante dei lavoratori non è stato designato/eletto e sarà informato della presente designazione. 1 Inserire la frase corrispondente alla particolare situazione. 27

20 1 Definizione della struttura organizzativa e delle responsabilità aziendali 1.J. Designazione degli addetti al pronto soccorso Su carta intestata dell azienda Egregio Signore, In riferimento alle intese intercorse, Le comunichiamo, ai sensi dell art. 4, punto 5a del D.Lgs. 626/94 la sua designazione, nell ambito del servizio di prevenzione e protezione aziendale, in qualità di: Incaricato dell attuazione delle misure di pronto soccorso La designazione riguarda la/e unità produttiva/e sotto riportata/e: - descrizione - ubicazione... Le precisiamo che i compiti relativi a tale incarico, per il cui svolgimento Ella collaborerà anche con il sig., Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, saranno oggetto di una specifica formazione. Voglia restituire copia della presente firmata per accettazione. Distinti saluti Data Per accettazione: (firma del Datore di Lavoro) (firma della persona designata) Il Rappresentante dei lavoratori è stato consultato sulla presente designazione 1. Visto del Rappresentante Il Rappresentante dei lavoratori non è stato designato/eletto e sarà informato della presente designazione Inserire la frase corrispondente alla particolare situazione.

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

D. Lgs. 626/94. Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002.

D. Lgs. 626/94. Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002. D. Lgs. 626/94 Testo coordinato con le modifiche: D.Lgs. 242/96; D.Lgs. 359/99; D.Lgs. 66/2000; Legge 422/2000; Legge 1/2002. Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE,

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 NOZIONI DI BASE D.Lgs.81 - Introduzione D.Lgs.81 - Introduzione TITOLO I: PRINCIPI COMUNI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Finalità; Art. 2: Definizioni; Art. 3: Campo di

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626

DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626 1 DECRETO LEGISLATIVO 19 Settembre 1994, n 626 TESTO COORDINATO CON D.LGS. 19 Marzo 1996 n 242, DI MODIFICA, CON D.LGS. 4 Agosto 1999 n 359, CON D.M. 12 Novembre 1999 e CON D.LGS. 25 Febbraio 2000 n 66

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI Salsomaggiore, 29 maggio 2009 D.Lgs. 81/08 I soggetti coinvolti R.L.S. Medico DL - Dirigenti Preposti R.S.P.P. Sistema di gestione permanente

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Emanato con Decreto Rettorale n 93 del 17.03.2010, in vigore dal 1 aprile 2010 Pag. 1/14 POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

D. LGS. 626/94. LA SICUREZZA DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO: BREVE INTRODUZIONE AL DECRETO LEGISLATIVO 19/09/1994 N.626 e s.m.i.

D. LGS. 626/94. LA SICUREZZA DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO: BREVE INTRODUZIONE AL DECRETO LEGISLATIVO 19/09/1994 N.626 e s.m.i. LA SICUREZZA DEI LAVORATORI DURANTE IL LAVORO: BREVE INTRODUZIONE AL DECRETO LEGISLATIVO 19/09/1994 N.626 e s.m.i. UN PO DI STORIA Fino a qualche decennio fa le norme di prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza

Corso LA SICUREZZA LASER. L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Corso LA SICUREZZA LASER L organizzazione aziendale per la sicurezza Ing. Stefano Bergamasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola 2 Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 11 dicembre 2013 Indice degli

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 www.adhocash.it Adhoc, il cash&carry su misura per te! In occasione della Festa dei Lavoratori Adhoc ha voluto realizzare il presente opuscolo per

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E STUDI PROFESSIONALI Ing. REGE Paolo Biella, 17 aprile 2009 Decreto Legislativo 81/08 Organizzazione e Gestione Valutazione dei rischi Informazione e

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro DOMANDE FREQUENTI

T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro DOMANDE FREQUENTI T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI ADEMPIMENTI ADEMPIMENTO Ditta individuale senza dipendenti o collaboratori Azienda fino a 10 dipendenti o collaboratori Senza Rischi Specifici

Dettagli

L organizzazione aziendale per la sicurezza

L organizzazione aziendale per la sicurezza Sincrotrone Trieste S.C.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione L organizzazione aziendale per la sicurezza Formazione/Informazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo I Capo III Artt. 36

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Azienda Ospedaliera SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo Corso di Formazione Aziendale 1 Decreto Legislativo 9 aprile 2008 81 n 81 (Pubblicato sulla G. U. - Repubblica Italiana S.O. n 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO INTRODUZIONE BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CIRF Corso Operatori Call Center Evoluto Modulo RSPP Mod. A SLIDE 1 LA SICUREZZA NON NASCE OGGI La Bibbia prescrive di

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Dott. Massimo Servadio Consulente e Formatore in ambito di Salute e Sicurezza sul Lavoro SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

Secondo modulo. Obiettivi

Secondo modulo. Obiettivi Secondo modulo Obiettivi Acquisire le conoscenze di base sull organizzazione della prevenzione aziendale per la tutela e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Temi Misure di tutela e sicurezza Soggetti della

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO A.S. 2013 2014 INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO di tutto il personale presente nella scuola sull igiene, salute e sicurezza sul posto di lavoro ( ex artt. 36 e 37 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ) Il Rappresentante

Dettagli

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza D. LGS 81/2008 I RAPPORTI CON I RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 1. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è istituito a livello territoriale o di

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO CAPITOLATO D ONERI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DEL SERVIZIO DI «GESTIONE INTEGRALE DELLA SICUREZZA NEI POSTI DI LAVORO- D.LGS. N. 81/2008 NEI LOCALI

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA 1 IL MEDICO COMPETENTE chi è? medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente 2 Disposizioni di legge Rischi / lavorazioni/

Dettagli

DEFINIZIONI GENERALI

DEFINIZIONI GENERALI Pasciuti Pasciuti Michele Michele Associazione Associazione Artigiani Artigiani Varese Varese DEFINIZIONI GENERALI SALUTE - stato di benessere fisico, mentale e sociale - non solo assenza di malattia -

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Dipartimento Salute e Sicurezza Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Cos è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo Unico per la Sicurezza dei

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO A cura dell R.S.P.P. Ing. Eugenio Lucchesini 1 Introduzione: Con questa piccola raccolta di normative, in materia di sicurezza nei luoghi

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro SCHEMA LEGGE 626/1994 Per ogni migliore e più completa informazione è utile fare riferimento al testo della legge Obblighi del Datore di

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Corso di Diritto per l Ingegneria

Corso di Diritto per l Ingegneria Anno Accademico 2012-2013 Corso di Diritto per l Ingegneria La legislazione in materia di prevenzione infortuni e igiene sul lavoro Lezione 1 Gabriele Zeppa 1 Principi costituzionali Le norme costituzionali

Dettagli

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice PREMESSA... 2 DEFINIZIONI, RUOLI, AMBITI E ATTIVITÀ... 5 RETTORE... 5 DIRIGENTI... 6 PREPOSTI... 8 ADDETTI SQUADRE

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA

MANUALE INFORMATIVO IN MATERIA DI SICUREZZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO CROCE Via Porrettana, 97 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel.051 598372 fax 051 6192124 e-mail: iccroce@iccroce.org sito web:

Dettagli