ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BOSELLI ALBERTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BOSELLI ALBERTI"

Transcript

1 0. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BOSELLI ALBERTI Via S.G. Bosco, SAVONA Tel Fax Codice Fiscale Sezione associata ITC Boselli Savona Sezione associata ITC Pertini Varazze Sezione associata ITG Alberti - Savona

2 Versione del 01/09/2012 Il Dirigente Scolastico (Prof.ssa Maria Laura Tasso) 2

3 Versione del 17/09/ Responsabilità Riferimenti Definizioni Valutazione dei rischi Attività ordinaria Rischio di incendio Rischio di infortunio negli intervalli dell attività didattica Rischio di infortunio durante l educazione fisica Il lavoro ai videoterminali Le esercitazioni in laboratori Rischi particolari del personale non docente Misure di prevenzione Rischio d infortunio Rischi connessi a all uso di videoterminali Rischio di incendio Rischi particolari del personale non docente Modalità operative in caso di emergenza Emergenza incendio Evacuazione di emergenza Procedure per il primo soccorso Allegati...9 NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO Scopo e campo di applicazione La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale docente, A.T.A. ed estraneo all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori e i visitatori sulla valutazione dei rischi presenti all interno della scuola e le relative misure di prevenzione e protezione. 2.Responsabilità 1) Dirigente Scolastico: ha la responsabilità complessiva dell organizzazione della sicurezza nella scuola in quanto assume il ruolo e i compiti che la normativa assegna al datore di lavoro. Tra i compiti del Dirigente Scolastico riveste particolare rilevanza l elaborazione del documento sulla sicurezza e la designazione delle persone che fanno parte degli organismi permanenti. 2) Rappresentate del Lavoratori per la Sicurezza (RLS): designato fra i dipendenti e i rappresentati sindacali dei lavoratori (sono almeno in numero di due) esprime un parere circa la valutazione dei rischi, le misure di tutela, i programmi di formazione dei lavoratori; partecipa alle riunioni periodiche di prevenzione e protezione contro i rischi e può visitare tutti i luoghi di lavoro. 3

4 3) Responsabile della Sicurezza Prevenzione e Protezione (RSPP): può essere un professionista esterno alla scuola, o un insegnante della stessa: egli visita i luoghi di lavoro, partecipa alle riunioni periodiche di prevenzione e protezione, collabora alla formazione del personale. Il R.S.P.P. è una figura di riferimento per personale e docenti e viene consultato tutte le volte che si manifestano situazioni di rischio valutate o previste. La responsabilità globale della gestione della sicurezza resta comunque del capo d Istituto che deve controllare le capacità professionali di questo/i collaboratori. 4) Referenti del Servizio di Prevenzione e Protezione (S.P.P.) è svolto da almeno due addetti designati dal Dirigente Scolastico; compito principale dell S.P.P. è dare un contributo ed un supporto tecnico al Capo d Istituto nella valutazione iniziale e revisione periodica dei rischi, nell individuazione delle misure di prevenzione, nella scelta dei mezzi di protezione collettivi più efficaci. Il Servizio di Pronto Soccorso (S.P.S.) e le Procedure per il Primo Soccorso: gli addetti al servizio di Pronto Soccorso, con specifica formazione, sono designati dal Capo d Istituto, sentito il Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza; i lavoratori designati non possono rifiutare se non per giustificato motivo. I nomi degli addetti alla sicurezza sono affissi all albo della sicurezza. Il Servizio di Protezione Incendio ed Antincendio (SPILA)Il Capo di Istituto sentito le RRS designa i lavoratori incaricati di attuare il servizio di prevenzione incendi e lotta antincendio il compito degli addetti alla SPILA è quello di: - vigilare per far rispettare le disposizioni interne rispetto alla prevenzione incendi; - sensibilizzare i lavoratori e gli allievi alla prevenzione degli incendi; - vigilare perché vengano mantenute sgombre le vie di fuga predisposte nel piano di evacuazione rapida; - controllare le condizioni delle uscite antincendio delle porte tagliafuoco e le condizioni degli estintori, segnalando eventuali disfunzioni; - segnalare eventuali situazioni di pericolo d incendio; - segnalare l attivazione del sistema allarme antincendio e l intervento dei VV.FF. - mettere in opera in caso di bisogno gli estintori portatili per il primo intervento per il principio di incendio. 3. Riferimenti D.Lsg. 19 settembre 1994 n. 626 art. 21 Informazione dei lavoratori D.M. Pubblica Istruzione 29 settembre 1998, n. 382 D.M. Interno 10 marzo 1998 Informazione e formazione antincendio T.U. 81/ Definizioni Rischio: probabilità più o meno misurabile che si verifichi un fatto negativo, un danno. Infortunio: incidente involontario, connesso all attività lavorativa o alle operazioni della vita quotidiana, con conseguenze anche gravi per la salute. 5.Valutazione dei rischi 5.1 Attività ordinaria L attività ordinaria che si svolge all interno della scuola, se eseguita con normale diligenza, in generale non comporta rischi particolari per la sicurezza e la salute degli operatori e degli allievi. Condizione essenziale per mantenere un buon livello di sicurezza è l uso corretto e prudente delle strutture, delle suppellettili e degli impianti. 4

5 5.2 Rischio di incendio Speciale attenzione deve essere prestata alla prevenzione del rischio incendio, evento infrequente nella scuola, ma potenzialmente catastrofico. Perciò è fatto obbligo a tutti di rispettare rigorosamente il divieto di fumo segnalato da appositi cartelli. E fatto obbligo a tutti di usare gli apparecchi elettrici rispettando le prescritte modalità d uso. E vietato: - usare fiamme libere - gettare mozziconi accesi, fiammiferi o altro materiale incandescente nei cestini dei rifiuti, sul pavimento e in prossimità degli arredi - accumulare rifiuti o materiali combustibili nei ripostigli e nei locali di sgombero - fare un uso improprio degli interruttori e delle prese della corrente elettrica - ingombrare le vie di fuga con suppellettili o altri ostacoli, nonché bloccare l apertura delle uscite di sicurezza E opportuno tenere chiuse le porte resistenti al fuoco. 5.3 Rischio di infortunio negli intervalli dell attività didattica Anche nell attività scolastica ordinaria è necessario evidenziare alcune situazioni che possono provocare degli infortuni, se l attività stessa non si svolge in forma ordinaria e nel rispetto delle disposizioni impartire. In particolare il rischio d infortuni risulta più probabile: - nelle aree di pertinenza della scuola, esterne o interne, soprattutto prima e alla conclusione dell attività didattica - negli spazi comuni dell edificio durante l ingresso e l uscita degli allievi all inizio e al termine delle lezioni - nei locali adibiti al pre-scuola - durante gli spostamenti da un aula all altra, per svolgere particolari attività - durante il trasferimento nei locali della mensa - durante l intervallo per la ricreazione - al termine di ciascuna lezione, quando gli insegnanti si alternano 5.4 Rischio di infortunio durante l educazione fisica Rischi specifici d infortunio sono presenti durante lo svolgimento dell educazione fisica anche in relazione con le difficoltà proprie di ciascun esercizio e con l uso di attrezzi. Gli insegnati adegueranno gli esercizi all età e alle caratteristiche individuali degli allievi. Gli allievi debbono eseguire solo gli esercizi programmati e secondo le istruzioni ricevute. I collaboratori scolastici collaborerà coi docenti per il controllo, anche igienico, dei locali e delle attrezzature. 5.5 Il lavoro ai videoterminali L uso prolungato degli apparecchi muniti di videoterminali può comportare: - disturbi alla vista - disturbi muscolari e scheletrici Generalmente questi disturbi sono dovuti: - ad una illuminazione poco idonea dell ambiente di lavoro - ad un impegno della vista troppo ravvicinato e senza pause, con conseguente affaticamento - ad una postazione del luogo di lavoro poco corretta dal punto di vista ergonomico, con conseguenti posture errate del corpo 5

6 5.6 Le esercitazioni in laboratori Rischi specifici per la salute e la sicurezza delle persone possono insorgere anche durante le attività didattiche svolte nei laboratori, in relazione con la natura delle esercitazioni, la pericolosità delle apparecchiature e dei materiali utilizzati. Gli allievi sono invitati a prendere visione delle norme d uso affisse all ingresso dei singoli laboratori e della cartellonistica esposta e ad osservare scrupolosamente le prescrizioni e i divieti, chiedendo ai docenti o ai collaboratori tecnici eventuali chiarimenti in merito. L attività di laboratorio viene programmata a cura del docente preposto. 5.7 Rischi particolari del personale non docente Altri rischi specifici sono connessi con alcune attività che rientrano nelle mansioni del personale non docente, come l uso di macchine elettriche da ufficio, fotocopiatrici, attrezzature e prodotti per le pulizie. L uso di queste apparecchiature è stato regolamentato, tenendo conto anche del rischio d incendio che può derivarne. Il personale addetto deve rispettare le istruzioni del fabbricante e le norme della buona tecnica, segnalare ogni eventuale anomalia di funzionamento. 6. Misure di prevenzione Per prevenire il rischio d infortunio nelle suddette situazioni, sono state adottate queste misure: 6.1 Rischio d infortunio - l uso delle aree di pertinenza è stato regolamentato mediante il regolamento degli alunni e della procedura Vigilanza alunni: la vigilanza all entrata e all uscita degli alunni spetta ai Collaboratori Scolastici; dopo l entrata spetta agli Insegnanti. Anche quando escono dall aula autorizzati dal docente, questi rimane ed è responsabile. il personale è invitato a collaborare per reprimere eventuali comportamenti pericolosi; - i collaboratori scolastici dell URP e ai piani vigilano l ingresso degli alunni affinché rispettino il regolamento d istituto; in particolare evitano che gli alunni corrano per le scale. I Collaboratori Scolastici che osservano comportamenti scorretti dovranno comunicarlo al Dirigente Scolastico; - gli spostamenti delle classi da un aula all altra debbono avvenire sempre sotto vigilanza del docente o di altro personale chiamato a sostituirlo; - l alternarsi dei docenti nelle classi deve avvenire senza interruzione della vigilanza che, all occorrenza, sarà effettuata momentaneamente svolta dal personale non docente presente al piano; 6.2 Rischi connessi a all uso di videoterminali Per ridurre l affaticamento e rischi della vista connessi all uso di videoterminali è necessario: - eliminare o schermare le superfici lisce e riflettenti nell ambiente di lavoro; - orientare il videoterminale in modo da non avere sorgenti luminose anteriori o posteriori allo schermo, evitando riverberi e abbagliamenti; - far in modo che le sorgenti luminose a soffitto, se non schermate, rimangono al di fuori della direzione dello sguardo; - i caratteri sullo schermo debbono essere definiti e l immagine stabile; - la distanza degli occhi dallo schermo dovrebbe essere compresa tra i 50 e i 70 centimetri. Per ridurre i disturbi scheletrici o muscolari è consigliabile adottare una corretta postura come illustrato in figura: 6

7 6.3 Rischio di incendio Al fine di prevenire il rischio d incendio è necessario: - prendere visione delle attrezzature di sicurezza, con particolare attenzione agli estintori nelle vicinanze dei posti di lavoro abituale; - identificare le vie di fuga predisposte per ciascuna area dell edificio e quella più diretta mente accessibile dal posto di lavoro. 6.4 Rischi particolari del personale non docente Al fine di ridurre il verificarsi di infortuni connessi con alcune attività che rientrano nelle mansioni del personale non docente, come l uso di macchine elettriche da ufficio, fotocopiatori, attrezzature e prodotti per la pulizia, il personale addetto deve rispettare le istruzioni del fabbricante e le norme della buona tecnica, attivare i dispositivi di protezione collettiva ed individuale, segnalare ogni eventuale anomalia di funzionamento. L uso e la conservazione dei prodotti pericolosi debbono avvenire nel rispetto della normativa di sicurezza specifica e delle disposizioni di servizio. 7. Modalità operative in caso di emergenza 7.1 Emergenza incendio In caso di principio di incendio: - avvisare uno degli addetti al Servizio di Lotta Antincendio (SPILA) - adoperarsi per spegnere il focolaio azionando correttamente l estintore, solo se ciò non comporta un rischio per la propria persona - allontanarsi dal locale chiudere la porta, dopo aver controllato che nessuno sia rimasto dentro - nell impossibilità di avvertire uno degli addetti, avvertire qualcuno del personale, o azionare l allarme antincendio - eseguire le procedure previste per l Evacuazione di Emergenza (vedi Piano di Evacuazione) 7

8 7.2 Evacuazione di emergenza - Identificare e memorizzare l uscita di sicurezza e la via di fuga predisposte per il proprio posto di lavoro abituale, secondo il Piano di Evacuazione; - Memorizzare la modalità di apertura delle porte di sicurezza; - In caso di emergenza, non usare ascensori per la fuga; - In caso di emergenza tutto il personale è obbligato a collaborare nelle forme previste dal Piano di Evacuazione, per salvaguardare l incolumità degli allievi, oltre che la propria; Al segnale di allarme: - evitare ogni forma di panico, non agitarsi, non gridare; - muoversi rapidamente, insieme col gruppo di appartenenza, verso l uscita di sicurezza prestabilita; - controllare che nessuno sia rimasto nel locale; - chiudere la porta del locale che si abbandona; - seguire con il proprio gruppo la via di fuga fino al luogo sicuro prestabilito, secondo il Piano di Evacuazione (vedere allegato) e seguire le direttive degli addetti al Servizio di Gestione delle Emergenze. 7.3 Procedure per il primo soccorso E stato istituito presso l istituto un Ambulatorio Medico con l attrezzatura minima di presidi sanitari per eventuali procedure di pronto soccorso, situato nella sede dei Geometri vicino al locale centralino. In ogni sede associata deve essere disponibile l attrezzatura minima col materiale occorrente per il Primo Soccorso : sia nella sede dei Ragionieri. sia nella sede dei Geometri, sia in Palestra è presente una dotazione minima di presidi sanitari di pronto soccorso, in particolare nella Palestra sono disponibili, altresì, le seguenti attrezzature: - kit completo di respiratore artificiale; - Bombolette di ossigeno; - Misuratore di pressione; - Misuratore per fiato. In caso di infortunio o di malore di una persona nella scuola, tutti i presenti, dipendenti e allievi, sono tenuti ad attivarsi, ricordando che la sua vita spesso dipende dalla rapidità del soccorso: - non rimuovere l infortunato, ma avvertire subito un addetto al Servizio di Pronto Soccorso o comunque qualcuno del personale; - collaborare con gli addetti del Servizio Primo Soccorso ed eventualmente chiamare l Emergenza Sanitaria 118; - se l infortunato è in stato comatoso cercare di mantenere libere le vie respiratorie facendogli assumere la posizione di sicurezza (vedi figura); - se vi è stata l esposizione ad una sostanza tossica o corrosiva consegnare agli addetti del Servizio di Primo Soccorso l etichetta; - in caso di ustioni sciacquare abbondantemente, ma delicatamente, le lesioni con acqua fredda, - in caso di ingestione con sostanze tossiche o corrosive far sciacquare la bocca con acqua che deve essere successivamente espulsa, far bere solo acqua, non provocare il vomito, se il soggetto è incosciente non tentare di farlo bere e tenere libere le vie respiratorie; 8

9 - in caso di contatto con sostanze tossiche o corrosive sciacquare abbondantemente con acqua evitando qualsiasi contatto con la sostanza nociva; - in caso di inalazione di sostanze tossiche evitare di inalare le stesse sostanze, aprire le porte e le finestre per favorire l aerazione e se è possibile portare il soggetto all aria aperta; - se l infortunato non respira praticare la respirazione bocca a bocca se non si è capaci far accorrere qualcuno che sia in grado di farlo. 8. Allegati Allegato n. 1 Organigramma Servizio di Prevenzione e Protezione Allegato n. 2 Piano di Evacuazione 9

10 Allegato n. 1 Organigramma Servizio di Prevenzione e Protezione 1. Responsabile Sicurezza Dirigente Scolastico Prof. Maria Laura Tasso 1. Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) D Ovidio Franz 2. Responsabile della Sicurezza Prevenzione e Protezione (RSPP) SANFILIPPO Giuseppe 3. REFERENTE di PLESSO) Sezione staccata PERTINI Varazze: BERTOLOTTO Alberta Sezione staccata ALBERTI Savona: DABOVE Ezio 4. Servizio di Primo Soccorso (SPS) Sede BOSELLI Savona Gangarossa Vicenzina Sezione ALBERTI Savona: BASSETTO Bianca Rosa INCORVAIA Concetta MONACO Giovanni Sezione PERTINI Varazze GALLIZIO Patrizia 5. Servizio Protezione Incendio ed Antincendio (SPILA) Sezione ALBERTI Savona: BASSETTO Bianca Rosa INCORVAIA Concetta MONACO Giovanni Sezione PERTINI Varazze GALLIZIO Patrizia Sede BOSELLI Savona MORGANTE Annunziata VIGNETTA Luisa ZURZOLO Laura 10

11 Allegato n. 2 Piano di evacuazione ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PAOLO BOSELLI DI SAVONA ISTRUZIONI DI SICUREZZA Al segnale di allarme: PIANO DI EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Mantieni la calma. Interrompi immediatamente qualsiasi attività. Lascia in aula tutto l equipaggiamento (zaino, libri, abiti e altro). Incolonnati dietro il compagno aprifila. Cammina in modo sollecito, senza soste e senza spingere i compagni. Non correre e non gridare. Collabora con l Insegnante mantenendo l unità della classe. Segui la via di fuga indicata nella planimetria affissa all interno dell aula. Non usare l ascensore. Raggiungi la zona di raccolta indicata dal piano di evacuazione. Rispondi all appello dell Insegnante per la compilazione del modulo di evacuazione. NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO Se ti trovi all interno degli edifici: 11

12 Mantieni la calma. Non precipitarti fuori finchè dura la scossa. Resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave della porta o vicino ai muri portanti. Allontanati dalle finestre, porte con vetri o armadi, perchè potrebbero cadere e ferirti. Se ti trovi nei corridoi, nel vano scala o nei servizi, rientra nella tua classe o in quella più vicina. Dopo il terremoto, all ordine di evacuazione, abbandona l edificio seguendo le istruzioni di sicurezza sopra indicate. Se ti trovi all aperto: Allontanati dagli edifici, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche. Cerca un posto dove non hai nulla sopra di te: se non lo trovi, cerca riparo sotto strutture stabili come una panchina. Non sostare sotto cavalcavia o ponti in genere. Non andare né sostare sulla spiaggia per il pericolo di onde anomale. Non avvicinarti ad animali spaventati. NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO Mantieni la calma. Se l incendio si è sviluppato in classe, esci subito chiudendo la porta. Se l incendio si è sviluppato fuori della classe ed il fumo rende impraticabili le scale ed i corridoi, chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati. Apri le finestre e, senza sporgerti troppo, chiedi soccorso. Se il fumo non ti fa respirare, filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati a terra perché il fumo tende a salire verso l alto. 12

13 EVACUAZIONE RAPIDA IN CASO DI EMERGENZA In ogni classe vengono individuati: 1) Alunno aprifila (l alunno più vicino alla porta della classe e al percorso di uscita) 2) 2) Alunno chiudifila (l alunno più lontano dalla porta della classe) Nel caso in cui suoni l allarme per l evacuazione rapida dell Istituto (tre squilli di avvisatore acustico in successione) si dovranno tenere i seguenti comportamenti: 1) L alunno aprifila aprirà la porta della classe e, verificato che non vi siano impedimenti, si muoverà verso l uscita di sicurezza. Indicata sulla piantina appesa alla porta dell aula, per recarsi al punto di raccolta nel cortile. 2) I compagni lo seguiranno ordinatamente, senza correre e senza urtarsi a scavalcarsi. 3) L alunno chiudifila uscirà per ultimo, dopo aver verificato che tutti i compagni abbiano abbandonato l aula. 4) Il docente presente nell aula avrà cura di: coordinare tutte le operazioni sopra indicate; portare il registro di classe al punto di raccolta; compilare il modulo di evacuazione, da consegnare senza indugio al Centro di Coordinamento Operativo. 13

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI

INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI I RISCHI IN AMBIENTE SCOLASTICO Anche nella scuola, come in casa, in strada ed in ogni altro luogo di vita e di lavoro, esiste la possibilità di avere degli incidenti che possono

Dettagli

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 a.s. 2013/2014 Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 Gli istituti scolastici di ogni ordine e grado sono AMBIENTI DI LAVORO I lavoratori della scuola sono il personale docente e ATA e gli

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08)

(ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) SICUREZZA E SALUTE NEGLI ISTITUTI D ISTRUZIONE INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi dell'art.36 del D.Lgs. 81/08) La normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ad oggi vigente è quella

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Scuola Dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado E. De Amicis - S. Altamura Via E. De Amicis n 50-71100 F O G G

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine I.C. "E. FERMI" Via Dante Alighieri, 9-26010 MONTODINE (CR) tel. 0373 242433 fax 0373 668217 - e mail: montodine_scuola@libero.it

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI STUDENTI SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 36 D. Lgs. 81/2008)

INFORMAZIONE AGLI STUDENTI SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 36 D. Lgs. 81/2008) INFORMAZIONE AGLI STUDENTI SULLA PREVENZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA (Art. 36 D. Lgs. 81/2008) Presentazione Il Decreto Legislativo n. 626 del 19 settembre 1994 ed il successivo D. Lgs. n. 242 del 19 marzo

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano Chi deve conoscere la sicurezza? Perché è importante essere informati? Personale Docente Personale A.T.A. Alunni Famiglie degli alunni Personale esterno Per non

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

I FORMAZIO I SU RISCHI E SICUREZZA ELLA SCUOLA

I FORMAZIO I SU RISCHI E SICUREZZA ELLA SCUOLA I FORMAZIO I SU RISCHI E SICUREZZA ELLA SCUOLA a cura di Antonio Critelli Per il personale docente e non docente, gli allievi e gli utenti del servizio scolastico. D.Lgs. 81/2008, art. 36 D.M. Interno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA M. Norme operative accesso ai laboratori DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA M Norme operative accesso ai laboratori Il presente allegato costituisce una

Dettagli

Informazione sulla sicurezza nella scuola (Ai sensi del D.Lgs. 106 del 3/8/2009 e del D.M. PI 382/98)

Informazione sulla sicurezza nella scuola (Ai sensi del D.Lgs. 106 del 3/8/2009 e del D.M. PI 382/98) Informazione sulla sicurezza nella scuola (Ai sensi del D.Lgs. 106 del 3/8/2009 e del D.M. PI 382/98) PREFAZIONE Il verificarsi con sempre maggior frequenza di eventi calamitosi e di infortuni sul lavoro

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 Approvato Dirigente Scolastico Rielaborazione degli Opuscoli Informativi dei Vigili del Fuoco a cura del RSPP Pag. 1 ISTRUZIONI SEMPLICI

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti l'edificio...

Operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato e sicuro di tutti gli occupanti l'edificio... 6 Corso sulla sicurezza nella scuola Corso di aggiornamento e formazione sulle mansioni e sicurezza nella scuola Responsabilità educativa e formativa D. S. prof. ing. Antonino Morfea Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

SICUREZZA DELL ISTITUTO E RELATIVE DISPOSIZIONI (ESTRATTO)

SICUREZZA DELL ISTITUTO E RELATIVE DISPOSIZIONI (ESTRATTO) SICUREZZA DELL ISTITUTO E RELATIVE DISPOSIZIONI (ESTRATTO) SCOPO DELL AZIONE DEL GRUPPO ADDETTO ALLA SICUREZZA Lo scopo dell azione delle Figure Sensibili addette alla Sicurezza è l individuazione e la

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

LA SICUREZZA A SCUOLA

LA SICUREZZA A SCUOLA ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO BASILIO FOCACCIA SALERNO Anno Scolastico 2014/2015 LA SICUREZZA A SCUOLA I.T.T. B. FOCACCIA servizio prevenzione e protezione 1 PREMESSA Questo breve opuscolo informativo vuole

Dettagli

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015

Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Prot. n. 4107 /a32 Catania, 15 settembre 2015 Al docente collaboratore vicario Al DSGA Al personale docente Al personale ATA Sede Al RSPP Al RLS All Albo sicurezza Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA

PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA XII OTTOBRE SCUOLA INFANZIA LA NUVOLA OLGA DOCENTI 1. ADEMPIMENTI PREPARATORI AL PIANO DI EVACUAZIONE A CUI TUTTI I DOCENTI SONO TENUTI AD ATTENERSI Tutti devono conoscere

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni.

Al DSGA. Ai docenti Al personale ATA. Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Prot n.. 6540/B10 Al DSGA Ai docenti collaboratori Ai docenti Al personale ATA Oggetto: Direttiva in materia di sicurezza uscita e vigilanza alunni. Si invita il personale in indirizzo all osservanza della

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA DELLA SCUOLA

MANUALE DI SICUREZZA DELLA SCUOLA REPUBBLICA ITALIANA - REPUBLIK ITALIEN PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE - AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO -OBERSCHULZENTRUM ISTITUTO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI

prot.n. 2415/A22 GENOVA, 12/11/2015 PIANO EMERGENZA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI E SCUOLA INFANZIA PICCOLO PRINCIPE DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova Tel. 010352712 fax 0105220210 e-mail: geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it prot.n. 2415/A22 GENOVA,

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO

RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO RUOLI E FUNZIONI DEI SOGGETTI DEL SISTEMA PREVENZIONISTICO QUALIFICA RUOLO FUNZIONI E MANSIONI DIRIGENTE SCOLASTICO DATORE DI LAVORO Definisce gli interventi, le priorità, le necessità finanziarie, riguardo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

Opuscolo informativo per Studenti e Genitori

Opuscolo informativo per Studenti e Genitori La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per Studenti e Genitori Il decreto legislativo 81/2008 (e s.m.i.) prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla sicurezza dei lavoratori

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA

PROCEDURA DI EMERGENZA PROCEDURA DI EMERGENZA Premessa Il piano di emergenza ha lo scopo di consentire la gestione degli scenari incidentali ipotizzati pianificando una o più sequenze di azioni atte a ridurre le conseguenze

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SICURA

PROGETTO SCUOLA SICURA PROGETTO SCUOLA SICURA ( Rischi Educazione Stradale) anno scolastico 2012/2013 1 PRESENTAZIONE Il 3 Circolo Didattico di Gubbio, a seguito del decreto legislativo n. 626/94 che ha introdotto importanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO P. CELOMMI Via Manzoni 258 Roseto degli Abruzzi Questa guida ti offre gli elementi per conoscere meglio i rischi che ti circondano ed affrontarli, migliorando così il livello

Dettagli

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008 Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Scuola elementare G.Marconi Via Val Di Cecina (Li) Tel. (0586) 660133 e-mail : marconi@circolodidattico-cecinamare.it FUNZIONE Datore di lavoro Preposto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO

ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO ISTITUTO COMPRENSIVO 2 ROSETO P. CELOMMI Via Manzoni 258 Roseto degli Abruzzi Questa guida ti offre gli elementi per conoscere meglio i rischi che ti circondano ed affrontarli, migliorando così il livello

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015

La sicurezza. Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La sicurezza Informativa art. 36 TU 81/08 Lunedì 7 e mercoledì 9 settembre 2015 La gestione delle situazioni di emergenza nella scuola, che possono nascere da un incendio, da un terremoto, o da altri pericoli

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

LA SICUREZZA A SCUOLA

LA SICUREZZA A SCUOLA LA SICUREZZA A SCUOLA La salute e la sicurezza sono diritti fondamentali e inalienabili di ogni persona sanciti dalla Costituzione. In caso d infortunio le spese sanitarie e le assenze dello studente sono

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli