Proceedings. Congresso Nazionale per Medico Chirurgo ANEMGI ONLUS. Disturbi Cronici Gastrointestinali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proceedings. Congresso Nazionale per Medico Chirurgo ANEMGI ONLUS. Disturbi Cronici Gastrointestinali"

Transcript

1 Proceedings Congresso Nazionale per Medico Chirurgo ANEMGI ONLUS Approccio al paziente con Disturbi Cronici Gastrointestinali ROMA, Settembre 2011 Atahotel VILLA PAMPHILI Via della Nocetta 105, Roma MESSAGGI Volume 17 N. 3/4 Settembre/Dicembre 2011 Trimestrale ISSN Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB Milano

2 Sommario 19 Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale (Anemgi Onlus) L Anemgi è un associazione senza scopi di lucro, che ha la finalità di Promuovere la ricerca, l educazione e l assistenza delle disfunzioni viscerali determinate da alterazioni del sistema nervoso, dallo stato psicologico e dalle condizioni ambientali. Anemgi - V.le M. Pilsudski, Roma Tel. - Fax Anemgi Relazioni esterne Emanuela Crescini NeUroGastroenterologia Notiziario dell Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale onlus (Anemgi onlus) Comitato Scientifico Salvatore Auricchio (Napoli) Luigi Bozzao (Roma) Nicola Cerulli (Roma) Domenico De Grandis (Ferrara) Giovanni Fava (Bologna) Mario Manfredi (Roma) Direttore Scientifico Enrico S. Corazziari Comitato Editoriale Danilo Badiali, Massimo Biondi, Antonio Carbone, Maurizio Inghilleri, Annamaria Staiano Coordinamento Editoriale Giancarlo Bausano Redazione Scientifica Anemgi onlus V.le M. Pilsudski, Roma Direttore Responsabile Enrico S. Corazziari MESSAGGI Editore Edizioni Messaggi s.r.l. Via Sismondi, Milano Tel Fax Redazione operativa, Abbonamenti Messaggi s.r.l. Reg. Trib. Roma n. 15 dell 11/1/1995 Periodico trimestrale - ISSN Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB Milano Stampa: EverPrint - Via G. Rossa, 3 - Carugate (MI) 2011 Messaggi s.r.l. - Tutti i diritti riservati n. 3 settembre 2011 / n. 4 dicembre 2011 Finito di stampare dicembre 2011 Abbonamento anno 2011 e 32,00 - Costo di ogni numero e 8,00 Per i numeri arretrati è necessario chiedere disponibilità e prezzo. Andrà inviata copia della ricevuta di versamento o in alternativa assegno bancario a Messaggi s.r.l. L invio della rivista è gratuito per gli iscritti Anemgi onlus Per inserzioni pubblicitarie MESSAGGI International s.r.l. Per edizioni speciali, estratti riadattati, estratti proceedings congresso copyright 2011 MESSAGGI International s.r.l. Viale Piave 40/b Milano Tel su concessione MESSAGGI s.r.l. Milano Proceedings Congresso Nazionale per Medico Chirurgo ANEMGI ONLUS Approccio al paziente con Disturbi Cronici Gastrointestinali ROMA, Settembre 2011 Atahotel VILLA PAMPHILI Via della Nocetta 105, Roma Indice dei contenuti Programma 21 Indice Autori 25 Proceedings I testi e le figure delle letture sono riprodotti così come pervenuti dai singoli Autori Il fascicolo è disponibile anche on-line su Presentazione e Attività dell Anemgi onlus

3 ANEMGI ONLUS Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale Congresso Nazionale per Medico Chirurgo Approccio al paziente con Disturbi Cronici Gastrointestinali Roma, Settembre 2011 Atahotel VILLA PAMPHILI Via della Nocetta 105, Roma Presidente Professor Enrico S. Corazziari Coordinatore Emanuela Crescini Numerose malattie e disturbi gastrointestinali (GI) hanno andamento cronico o ricorrente, nel corso del quale si possono manifestare periodi di remissione ovvero ricadute sintomatologiche e/o complicanze. Nella gestione di pazienti adulti ed in età pediatrica affetti da malattie e disturbi cronici GI, è importante programmare un follow-up diagnostico-terapeutico che valuti i rischi e gli episodi di ricadute e attui misure di prevenzione delle complicanze. La conoscenza e la condivisione di algoritmi diagnostici-terapeutici è utile come guida di quando eseguire, o al contrario, astenersi da esami e di come indirizzare le scelte terapeutiche. È anche rilevante sapere scegliere gli esami meno invasivi e le terapie con il miglior rapporto costo beneficio. In questo congresso verranno presentati e discussi i più salienti aspetti fisiopatologici, diagnostici e terapeutici delle malattie croniche gastrointestinali. Faculty Alvaro D, Annibale B, Armuzzi A, Attili AF, Badiali D, Baldi F, Basilisco G, Basso N, Bassotti G, Bazzocchi G, Bellini M, Bertini L, Biondi M, Blandizzi C, Brigidi P, Calvieri S, Campieri M, Cicala M, Corazziari ES, Corsetti M, Cossu A, Covotta A, Cucchiara S, Cuomo R, D Ambrosio F, De Giorgio R, De Magistris L, Gasbarrini A, Grossi E, Gualdi G, Inghilleri M, Leonetti F, Maccioni F, Marcheggiano A, Pace F, Pallone F, Pallotta N, Paoluzi P, Petruzziello L, Piacentino D, Picarelli A, Piloni V, Piretta L, Portincasa P, Rescigno M, Ricci GL, Ruoppolo G, Severi C, Silecchia G, Spada C, Staiano A, Stanghellini V, Tammaro L, Tarsitani L, Ubaldi E, Vecchi M, Vernia P Segreteria Organizzativa Messaggi International srl - Milano Tel Con il Patrocinio Società Italiana di Gastroenterologia Società Italiana di Medicina Interna

4 APPROcciO AL PAZIENTE CON DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 22 Settembre 2011 ore v Introduzione e Zuppa del Giorno Corazziari ES, Roma ore Presidente Attili AF, Roma Moderatore Pallone F, Roma v Organi di barriera, Tolleranza Immunitaria e Patologia Cronica ore La cute Calvieri S, Roma L epitelio intestinale De Magistris L, Napoli Educazione dell immunità Rescigno M, Milano Regolazione dell immunità adattativa Cossu A, Roma Discussione Moderatore Corazziari ES, Roma v Probiotici e Antibiotici nella Regolazione dell Infiammazione Intestinale ore Microbioma intestinale Brigidi P, Bologna Sindrome dell Intestino Irritabile La modulazione del microbioma intestinale - Il ruolo dell antibioticoterapia Gasbarrini A, Roma - Il ruolo dei probiotici Bazzocchi G, Imola Malattia diverticolare Cuomo R, Napoli Discussione Lettura ore Systems medicine, modelli assistenziali e insegnamento: il paradigma delle IBD Pallone F, Roma Discussione Presidente Campieri M, Bologna Moderatore Vecchi M, San Donato Milanese Lettura ore Storia dell infiammazione Campieri M, Bologna Discussione v Gestione a Lungo Termine del Paziente con Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali ore Rettocolite Ulcerosa ore Coliti distali/proctiti Vecchi M, San Donato Milanese Follow-up e terapia di mantenimento Vernia P, Roma Discussione Malattia di Crohn ore Nel bambino Cucchiara S, Roma Follow-up ecografico Pallotta N, Roma Discussione Presidente Paoluzi P, Roma Moderatore Petruzziello L, Roma Workshop L endoscopia nella gestione del Paziente con Malattia di Crohn ore Malattia di Crohn. Terapia di mantenimento Armuzzi A, Roma Ruolo dell endoscopia Petruzziello L, Roma Endovideocapsula Spada C, Roma Il ruolo dell istologia Marcheggiano A, Roma Discussione v Discussione generale ore

5 Roma, 23 Settembre 2011 ore v Introduzione e Zuppa del Giorno Corazziari ES, Roma ore Presidente Alvaro D, Roma APPROcciO AL PAZIENTE CON DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Moderatore Gualdi G, Roma v Tecniche di Imaging per lo Studio dell Apparato Digerente ore Imaging nella patologia oncologica Gualdi G, Roma Risonanza magnetica nelle malattie infiammatorie croniche intestinali Maccioni F, Roma Defecorisonanza Piloni V, Ancona Colonscopia virtuale Bertini L, Roma Discussione Moderatore De Giorgio R, Bologna v Il Sistema Neuromuscolare Gastrointestinale dalla Biologia alla Clinica ore Il sistema nervoso enterico De Giorgio R, Bologna Il sistema muscolare Severi C, Roma Discussione Presidente Covotta A, Roma Co-Moderatori Corazziari ES, Roma - Portincasa P, Bari v Simposio Malattia Diverticolare ore Introduzione Portincasa P, Bari Epidemiologia Ubaldi E, San Benedetto del Tronto Fisiopatologia Bellini M, Pisa Storia naturale e algoritmo diagnostico Corazziari ES, Roma Terapia Stanghellini V, Bologna Discussione Conclusioni Corazziari ES, Roma Presidente Ricci GL, Roma Moderatore Corazziari ES, Roma v Gestione del Paziente con Stipsi Cronica. Diagnosi e Trattamento ore Simposio Novità sulla Terapia Farmacologica della Stipsi Cronica ore Introduzione Corazziari ES, Roma La fisiofarmacologia neuromuscolare e la funzione motoria del colon retto Blandizzi C, Pisa La stipsi cronica. Quadri clinici Badiali D, Roma Fisiopatologia della stipsi cronica Basilisco G, Milano Enterocinetici nella terapia della stipsi cronica Stanghellini V, Bologna Discussione Conclusioni Corazziari ES, Roma Presidente Annibale B, Roma Moderatore Corazziari ES, Roma Approccio e gestione clinica della stipsi ore Da cause psico-comportamentali Biondi M / Tarsitani L / Piacentino D, Roma Nel bambino Staiano A, Napoli Nell anziano Badiali D, Roma Discussione Lettura ore Stipsi funzionale. Una neurogliopatia? Bassotti G, Perugia Discussione v Discussione generale ore

6 APPROcciO AL PAZIENTE CON DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 24 Settembre 2011 ore v Introduzione e Zuppa del Giorno Corazziari ES, Roma ore Co-Moderatori Baldi F, Bologna - D Ambrosio F, Roma v Disfagia Oro-Faringea ore Introduzione Ruoppolo G, Roma Neurologica Inghilleri M, Roma Discussione v Gestione a Lungo Termine del Paziente con Malattia da Reflusso Gastroesofageo ore Follow-up del paziente con malattia da reflusso gastroesofageo Cicala M, Roma Terapia a lungo termine per il paziente con malattia da reflusso gastroesofageo Baldi F, Bologna Discussione Presidente Tammaro L, Roma Co-Moderatori Pace F, Seriate - Piretta L, Roma v Disfagia Esofagea, Funzionale Motoria e nella Malattia da Reflusso Gastroesofageo ore Quadri clinici e risposta alla terapia Piretta L, Roma Discussione v Alimenti e Disturbi Gastrointestinali ore L intolleranza alimentare nei pazienti con disordini funzionali gastrointestinali Corsetti M, Milano Reazioni avverse agli alimenti Picarelli A, Roma Terapia. Dieta e alimenti funzionali Pace F, Seriate Discussione Moderatore Basso N, Roma v Obesità ore Microbioma intestinale e patogenesi dell obesità Grossi E, Milano Terapia. Dalla dieta alla chirurgia bariatrica Basso N, Roma La funzione digestiva dopo chirurgia bariatrica Silecchia G, Roma Effetti metabolici della chirurgia bariatrica Leonetti F, Roma Discussione v Discussione generale ore ECM Evento Residenziale n Totale 20 ore formative 10 crediti 195 Partecipanti ai fini ECM Crediti ECM per Medico Chirurgo - Specialisti Gastroenterologi, Medicina Interna, Pediatri, Scienza dell Alimentazione e Dietetica - Medici di Medicina Generale - Pediatri di Base (Pediatri di libera scelta) Provider ECM n. 352 Ideas Group srl, sede legale via del Parione 1, Firenze Tel Codice Fiscale/P.Iva C.C.I.A.A. Firenze R.E.A. n Legale Rappresentante Dott. Bruno Lanfranco Mariani

7 Roma, Settembre 2011 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Indice Autori Relatori al Congresso Pagina Badiali D 91, 102 Baldi F 108 Basilisco G 94 Bassotti G 105 Bazzocchi G 45 Bellini M 82 Bertini L 73 Biondi M 98 Blandizzi C 88 Brigidi P 31 Cicala M 107 Corazziari ES 84 Corsetti M 113 Cuomo R 63 De Giorgio R 76 De Magistris L 29 Grossi E 130 Gualdi G 68 Marcheggiano A 65 Pace F 116 Piacentino D 98 Picarelli A 114 Piloni V 71 Piretta L 111 Severi C 89 Staiano A 100 Stanghellini V 86, 96 Tarsitani L 98 Ubaldi E 81 25

8 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, Settembre 2011 I testi e le figure delle letture sono riprodotti così come pervenuti dai singoli Autori

9 Roma, Settembre 2011 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI L epitelio intestinale de Magistris L Gastroenterologia, Dipartimento Magrassi-Lanzara Seconda Università di Napoli (SUN) Il tessuto epiteliale è costituito da cellule di forma regolare e quasi geometrica, che aderiscono strettamente le une alle altre; tali cellule svolgono funzioni di rivestimento, trasporto, secrezione e assorbimento. Nei vertebrati questo tessuto costituisce il rivestimento interno ed esterno della maggior parte delle superfici corporee. Tutti i tessuti epiteliali sono separati dai sottostanti mediante una membrana basale non cellulare di natura fibrosa e non sono vascolarizzati. Dal punto di vista embriologico, i diversi tessuti epiteliali adulti derivano da tutti e tre i foglietti embrionali; in particolare l epitelio di rivestimento delle mucose si origina dall endoderma. L epitelio intestinale copre il versante luminale del tubo digerente. È di tipo cilindrico semplice, detto anche colonnare, costituito da un unico strato di cellule non ciliate, di uno dei seguenti tipi: a) gli enterociti ne rappresentano la maggior parte; caratterizzati da invaginazioni ed estroflessioni digitiformi, i microvilli, sul versante apicale che aumentano enormemente la superficie cellulare atta a svolgere le funzioni tipiche del sistema digestivo. Oltre ad essere essenziali nei processi di digestione, compresi gli enzimi che esprimono sull orletto a spazzola, gli enterociti possono essere considerati parte del sistema immunitario (espressione di recettori TLR4), con funzioni di riconoscimento dell antigene e di barriera; b) le cellule di Goblet o mucipare, con forma a fiasca, ricche di granuli per la secrezione di mucine; c) le cellule di Paneth, localizzate nelle cripte, con funzioni legate al sistema immunitario innato e di contenimento delle nicchie di cellule staminali; d) le cellule endocrine, uniche ad avere una secrezione preponderante verso la membrana basale, producono gli enterormoni e sono pertanto diversamente distribuite lungo tutto il tubo digerente; e) le cellule tuft, recentemente descritte, sono la fonte principale degli oppiodi endogeni intestinali e le sole cellule epiteliali capaci di esprimere gli enzimi della ciclo-ossigenasi (prostaglandine), sembrano avere anche il ruolo di chemiosensori 1 ; il loro numero risulta aumentato in tessuti tumorali. Gli ultimi quattro tipi cellulari sono sparsi tra gli enterociti all interno dell epitelio, ma non certo a caso; quantità, qualità e disposizione variano lungo il tratto intestinale. La loro distinzione è possibile dopo l identificazione di proteine/markers specifici. Le cellule M, più che essere parte dell epitelio, sono una sottopopolazione del Tessuto Linfoide Associato alle Mucose (MALT). Sono cellule altamente specializzate, e costituiscono il 10% delle cellule mucosali dell intestino. Differiscono dalle cellule circostanti per la loro forma, sono di fatti molto assottigliate, membranose. Si trovano nell epitelio associato alle placche del Peyer, campionano gli antigeni discriminando ciò che è Self dal Non Self e mantengono la tolleranza immunitaria. Non si conoscono i fattori che ne promuovono la differenziazione. Nei mammiferi, questo strato di cellule si rinnova completamente ogni 4-5 giorni. Il ciclo vitale delle cellule epiteliali termina con l apoptosi e/o lo sfaldamento cellulare. Normalmente, l estrusione apoptotica delle cellule epiteliali dalla mucosa intatta non è accompagnata né da processi infiammatori né da perdita della funzione di barriera; in condizioni patologiche croniche, come le IBD, sono invece aumentate sia la permeabilità che l apoptosi. L epitelio intestinale non è una struttura liscia ma presenta invaginazioni ed estrusioni tipiche quali le cripte (la parte inferiore delle invaginazioni formate dall epitelio) che contengono cellule staminali che servono a rigenerare il tessuto, ed i villi (la parte superiore delle invaginazioni più esposta nel lume) che sono ricchi di cellule altamente differenziate responsabili della digestione e assorbimento dei nutrienti. L epitelio intestinale è pertanto un ottimo esempio del rinnovamento tissutale a partire da una fonte di cellule staminali totipotenti. Le cripte del Lieberkuhn sono presenti lungo tutto il tratto intestinale, in grande numero, hanno forma di bottiglia; ogni cripta è una unità di sviluppo che contiene nel fondo da 1 a 6 cellule staminali. Queste si duplicano lentamente dando origine ad una popolazione di cellule progenitrici che si duplica rapidamente mentre migra verso il lume intestinale; durante la migrazione, queste cellule progenitrici si impegnano in una sola delle tre possibilità di sviluppo: mucosecretore, assorbitivo, enteroendocrino. Scelta la destinazione, il ciclo cellulare si ferma e la differenziazione funzionale prosegue lungo il percorso di migrazione sull asse cripta-villo. Questo processo è continuo; la maggior parte delle cellule dell apice del villo è rimpiazzata ogni 4-5 giorni. Il quarto tipo di cellule, le Paneth presenti solo nel piccolo intestino, si differenzia invece nelle cripte. L organizzazione dei tessuti e degli organi nel corpo umano può essere paragonata a quella di un motore complesso e sofisticato la cui struttura è mantenuta posizionando i singoli componenti (cellule) in modo molto preciso. Errori di assemblaggio (posizionamento) dei componenti potrebbero tradursi in un cambiamento della funzione (tessuto/organo). La migrazione (proliferazione/differenziazione) delle cellule intestinali lungo l asse cripta-villo è guidata dai recettori Eph e dai loro ligandi, le Ephrins. È stato recentemente descritto come il legame EphB/ ephrin-b regola l espressione della E-caderina tramite la metalloproteasi ADAM10; questo processo risulta nella localizzazione asimmetrica della E-caderina che comporta affinità diverse tra cellule EphB ed ephrin-b positive. È proprio la regolazione dei legami tra cellule di compartimenti diversi ad impedire alle cellule di entrare in territori sbagliati ed assegnare loro un posto preciso dove vivere e svolgere la loro funzione 2. Anche i complessi Wnt e Notch hanno un ruolo primario nella morfogenesi ed omeostasi intestinali; la dis-regolazione dell uno, dell altro o di entrambi, causa infatti crescita incontrollata e sviluppo anomalo di alcune linee cellulari dell epitelio intestinale. I segnali derivanti dai complessi Wnt e Notch hanno importanza nei processi di tumorigenesi ma anche nella riepitelizzazione necessaria alla gestione delle IBD 3. Il piccolo intestino ha una grande capacità adattativa, cambiando forma e funzione in risposta alle richieste dei processi digestivi. Variazioni nella composizione della dieta, volume e frequenza dei pasti sono tutti fattori capaci di alterare morfologia e funzione dell epitelio intestinale 4. Oltre alle ben note funzioni di digestione ed assorbimento degli alimenti, l epitelio intestinale svolge quella di barriera. Ciò si- 29

10 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, Settembre 2011 gnifica che le cellule formano una membrana polimerica impermeabile tramite le giunzioni cellula-cellula. Le giunzioni sono di vario tipo (desmosomi, zonula aderens, ecc.); le più apicali sono dette giunzioni strette (tight junctions, TJ); sono ben altro che porte sempre chiuse, dovendo impedire il passaggio dal lume all interno del corpo di tutto ciò che è indesiderato, ma anche aprirsi per permettere il passaggio dalla lamina propria al lume per es. di linfociti (vedi l azione dei RAGE, ovvero Receptor for Advanced Glycation Endproducts). La loro regolazione è molto complessa e ad essa contribuiscono fattori endogeni (regolazione cellulare) ed esogeni (antigeni luminali). La struttura delle TJ è ben visibile con la Microscopia Elettronica semplice o freeze dry ; se ne può evidenziare l espressione delle proteine costituenti tramite immunoistochimica, immunofluorescenza, ecc; un metodo semplice e non invasivo per studiarne lo stato di salute in vivo è il test di permeabilità. Vari tipi di test sono stati e sono utilizzati nella ricerca scientifica e nella pratica clinica; tutti sono basati sulla somministrazione di una o più molecole sonda, capaci di permeare la barriera attraverso la via paracellulare; la quota assorbita di tali sonde è poi recuperata (di solito nelle urine) e quantificata: maggiore è la quantità di sonda recuperata, che ha perciò attraversato la barriera, maggiore è il danno. Si parla di leaky gut, malamente traducibile con il termine intestino colabrodo, per indicare una condizione cronica di passaggio paracellulare incontrollato di antigeni luminali di varia natura (per es. glutine indigerito, antigeni batterici, ecc.) che possono causare e/o aggravare condizioni di infiammazione della mucosa. Un tale meccanismo patogenetico è alla base della Malattia Celiaca; dato che la presenza di leaky gut è stata rilevata in molte altre condizioni patologiche, di natura prevalentemente autoimmunitaria, è stato suggerito che meccanismi simili possano essere alla base di altre patologie, come ad es. il Diabete Mellito 5. Quel che è certo è che nei pazienti con elevata permeabilità intestinale, e questo è vero per molti degli affetti da IBD, la probabilità di sostenere cronicamente l infiammazione è più elevata. Perché e come si danneggia la barriera intestinale? Ricerche recenti, come la sovra citata di Solanas 2, collegano i processi di proliferazione/differenziazione dell epitelio alle proteine di giun- zione (nel caso citato complesso Eph/ADAM10/E-caderina) ed è facile immaginare le conseguenze di eventuali errori ripetuti durante il processo (smagliature); d altro canto condizioni patologiche quali le IBD o la displasia epiteliale intestinale (IED), oltre a mostrare alterazioni della barriera, sono caratterizzate da sbilanciata proliferazione e differenziazione delle cellule epiteliali. Esistono regolatori dell apertura/chiusura delle TJ, tra i quali la Zonulina 6, il cui eccesso o diminuzione hanno effetto immediato sulle vie paracellulari. Protagonista importante di questi processi sembra essere anche il Microbiota intestinale che è capace di indurre o inibire l apoptosi, contribuendo tanto ai processi infiammatori che al mantenimento dell integrità fisiologica dell epitelio intestinale. Tale effetto è mediato dalla secrezione di citochine batteriche tra le quali il TNF avrebbe un ruolo primario 7. BIBLIOGRAFIA 1. Gerbe F, van Hes JH, Makrini L, et al. Distinct ATOH1 and Neurog3 requirements define tuft cells as a new secretory cell type in the intestinal epithelium. J Cell Biol 2011; 192: Solanas G, Cortina C, Sevillano M, Batlle E. Cleavage of E-cadherin by ADAM10 mediates epithelial cell sorting downstream of EphB signalling. Nat Cell Biol 2011;13: Fre S, Pallavi SK, Huyghe M, et al. Notch and Wnt signals cooperatively control cell proliferation and tumorigenesis in the intestine. Proc Natl Acad Sci U S A 2009; 106: Piersma T, Lindstrom A. Rapid reversible changes in organ size as a component of adaptive behaviour. Trends Ecol Evol 1997; 12: Sapone A, demagistris L, Pietzak M, et al. Zonulin upregulation is associated with increased gut permeability in subjects with type 1 diabetes and their relatives. Diabetes 2006; 55: Fasano A. Zonulin and its regulation of intestinal barrier function: the biological door to inflammation, autoimmunity, and cancer. Physiol Rev 2011; 91: Hausmann M. How bacteria-induced apoptosis of intestinal epithelial cells contributes to mucosal inflammation. Int J Inflam 2010; 2010: n 30

11 Roma, Settembre 2011 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Microbioma intestinale Brigidi P Dipartimento di Scienze Farmaceutiche Università Alma Mater di Bologna L apparato gastrointestinale umano ospita un numero elevatissimo di microrganismi che, nel loro complesso, costituiscono il così detto microbiota intestinale. Sebbene il tratto gastrointestinale sia colonizzato in tutta la sua lunghezza, la gran parte dei microrganismi è localizzata a livello del colon, dove si raggiunge la concentrazione microbica più elevata mai registrata in qualsiasi ecosistema microbico ( CFU per g di contenuto intestinale). Il numero complessivo delle cellule microbiche che compongono il microbiota intestinale umano supera di dieci volte quello delle cellule eucariote che costituiscono il nostro organismo. La maggior parte di queste cellule microbiche è viva e metabolizzante ed influenza numerose caratteristiche biochimiche, immunologiche e fisiologiche dell ospite. Pertanto il microbiota intestinale, recentemente rivisto come un vero e proprio organo del corpo umano, ha un impatto rilevante sulla salute dell uomo. Filogenesi molecolare. È stato dimostrato che circa il 70% dei microrganismi presenti nell apparato gastrointestinale umano non è coltivabile, per cui non è possibile prescindere da tecniche molecolari coltura-indipendenti per la caratterizzazione del microbiota. Con la diffusione delle tecniche molecolari per lo studio della comunità microbica nasce la filogenesi molecolare che diviene il criterio di elezione per la descrizione dei rapporti tassonomici tra i microrganismi. La filogenesi molecolare ha come principale oggetto di studio il gene 16S rrna, codificante per la subunità 16S del rrna ribosomale, gene generalmente conservato in tutti i microrganismi. Tale gene presenta al suo interno nove regioni ipervariabili utilizzate per l identificazione e la differenziazione delle specie mediante l analisi comparativa della loro sequenza nucleotidica. Cut-off del 95 e 98% sono comunemente impiegati per delimitare, rispettivamente, genere e specie, anche se questi termini non sono definiti precisamente. Recentemente, è stato introdotto il termine filotipo (o tipo filogenetico) per indicare cluster di sequenze del gene 16S rrna caratterizzate da un identità di sequenza 97. Utilizzando le più avanzate tecnologie di sequenziamento massivo è oggi possibile caratterizzare il microbiota intestinale nella sua totalità sia a livello filogenetico che a livello funzionale. Composizione del microbiota. Il microbiota intestinale umano rappresenta un ecosistema microbico ad elevata complessità composto da batteri, archeabatteri, lieviti, funghi filamentosi e virus. Mentre archeabatteri ed eucarioti sono rappresentati da un unico phylum, la comunità batterica del microbiota è più diversificata ed è caratterizzata da una complessità via via crescente, man mano che si scende a raggruppamenti filogenetici inferiori. L applicazione di tecniche molecolari allo studio di comunità microbiche complesse ha consentito notevoli progressi nello studio della filogenesi del microbiota intestinale umano. Dal 2005 ad oggi è stato portato avanti un programma di sequenziamento del gene 16S rdna dei microrganismi membri della comunità microbica intestinale umana, e ad oggi è stato completamente sequenziato il microbiota intestinale di diverse centinaia di individui. L analisi filogenetica indica come a livello di phylum solo una piccola percentuale della biodiversità microbica è rappresentata in questo ecosistema umano. Infatti, è stata riportata la presenza di soli 10 phyla batterici degli oltre 100 fino ad ora noti. Il 99% del microbiota intestinale umano è costituito solamente da 5 phyla: Firmicutes (abbondanza relativa: 65%), Bacteroidetes (abbondanza relativa: 25%), Actinobacteria (abbondanza relativa: 5%), Proteobacteria (abbondanza relativa: 8%) e Fusobacteria (abbondanza relativa: 1%). Tra queste: Bacteroidetes e Firmicutes rappresentano le due divisioni dominanti e assieme costituiscono più del 90% dell ecosistema intestinale umano, mentre Actinobacteria, Proteobacteria e Fusobacteria sono considerate subdominanti. Decine sono invece gli ordini microbici rappresentati con Bacteroidales e Clostridiales tra i dominanti e Lactobacillales, Bifidobacteriales e Enterobacteriales tra i sub-dominanti. Tuttavia è ai livelli tassonomici inferiori (genere e specie) che si assiste ad una esplosione della biodiversità. Sono stati riportati infatti oltre 1200 generi ( 90% ID) e diversi filotipi a livello di specie ( 97% ID), rendendo così il microbiota di ciascun individuo un ecosistema unico e caratteristico composto da uno specifico complemento di centinaia di generi e migliaia di specie batteriche rappresentate. Recentemente, è stato dimostrato che la comunità microbica intestinale umana presenta tre varianti batteriche predominanti, definiti enterotipi: Bacteroides, Prevotella, e Ruminococcus. La presenza di questi enterotipi è risultata indipendente da nazionalità, sesso, età, o BMI. Studi successivi hanno confermato la presenza di due enterotipi prevalenti, Bacteroides e Prevotella, che sono risultati associati alla dieta. Più precisamente, una dieta ricca in proteine e grassi animali sembra favorire lo sviluppo di Bacteroides, mentre una dieta ricca in carboidrati Prevotella. Attività funzionali del microbiota intestinale. Nonostante la forte variabilità interpersonale a livello di composizione in specie microbiche e della loro abbondanza relativa, è stato dimostrato un elevato grado di ridondanza funzionale tra le specie rappresentate nel microbiota, per cui le differenze esistenti tra individui a livello di filotipo sono maggiori delle differenze tra i network genici rappresentati nel genoma complessivo del microbiota. A causa di tale elevato grado di ridondanza tra le varie specie, è possibile identificare capacità funzionali comuni (core functional microbiota), indipendentemente dalla variabilità inter-individuale a livello di specie. Ed è proprio il core functional microbiota l attore principale del rapporto di simbiosi mutualistica con l uomo, rapporto di fondamentale importanza per la fisiopatologia dell uomo. È stato dimostrato infatti che il genoma complessivo del microbiota intestinale umano, definito microbioma, contiene un numero di geni 100 volte superiore rispetto a quelli presenti nel genoma umano. Il microbioma, particolarmente arricchito in geni coinvolti nel metabolismo di polisaccaridi complessi delle piante e nella biosintesi di aminoacidi e vitamine (acido pantotenico, biotina, piridoxina, riboflavina), accresce il nostro orizzonte genetico e metabolico con caratteristiche funzionali nuove che non siamo in grado di sviluppare autonomamente. L uomo, recentemente considerato come un metaorganismo in coevoluzione con la propria comunità microbica, risulta quindi possedere un metagenoma, rappresentato dall insieme dei geni presenti nel proprio genoma e da quelli presenti nel genoma del microbiota intestinale. Per quanto riguarda i microrganismi del tratto gastrointestinale, il rapporto di simbiosi mutualistica con l uomo si traduce nella possibilità di colonizzare un ambiente a tempera- 31

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli