INCONTRO FORMATIVO CON I DSGA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA RETE DI SCUOLE PATAVIUM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRO FORMATIVO CON I DSGA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA RETE DI SCUOLE PATAVIUM"

Transcript

1 INCONTRO FORMATIVO CON I DSGA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DELLA RETE DI SCUOLE PATAVIUM Istituto Scalcerle - Padova 28 marzo 2014 Guida all anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. - Incarichi conferiti ai dipendenti pubblici - Incarichi conferiti dalla PA a consulenti esterni - Tipologie contrattuali - Obblighi di trasparenza - Fonti 1

2 S o m m a r i o 1. Regime autorizzatorio 2. Casi di incompatibilità 3. Esercizio della libera professione 4. Prestazione occasionale 5. Collaborazioni plurime 6. Collaborazione coordinata e continuativa co.co.co. 7. Incarichi a titolo gratuito 8. Uso dei vaucher nelle prestazioni occasionali 9. Obblighi inerenti alla trasparenza 10. Violazione degli obblighi di trasparenza e sanzioni 11. Incarico di RSPP 12. Revisori dei conti 13. Conversatore di madrelingua 14. Regolamento attività negoziale per i contratti di prestazione d opera per l arricchimento dell offerta formativa Fonti NB: Le parole o frasi sottolineate, nell indice e nel testo, sono collegamenti ipertestuali. 2

3 Regime autorizzatorio degli incarichi (torna al sommario) 1.1 Autorizzazione a svolgere ulteriori incarichi rivolta, all amministrazione di appartenenza del dipendente pubblico, dal dipendente o dal soggetto conferente. (d.lgs 165/2001, art. 53, c. 10) La richiesta di autorizzazione a svolgere un determinato ulteriore incarico può essere inoltrata da entrambi i soggetti. Generalmente viene richiesta dal dipendente. Infatti, all art. 10, c. 10, il d.lgs 165/2001 dispone che l'autorizzazione deve essere richiesta all'amministrazione di appartenenza del dipendente dai soggetti pubblici o privati, che intendono conferire l'incarico; può, altresì, essere richiesta dal dipendente interessato. 1.2 Casi in cui non necessità l autorizzazione per incarichi conferiti ai pubblici dipendenti e quindi non è previsto l inserimento nell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. (d.lgs 165/2001, art. 53, cc. 2,6,8,9) (torna al punto 7) Innanzitutto, la norma definisce gli incarichi retribuiti: ( ) Gli incarichi retribuiti, di cui ai commi seguenti, sono tutti gli incarichi, anche occasionali, non compresi nei compiti e doveri di ufficio, per i quali è previsto, sotto qualsiasi forma, un compenso.( ) art. 53, c. 6, d.lgs 165/2001. L autorizzazione deve essere sempre richiesta sia per incarichi retribuiti che non retribuiti, con le seguenti eccezioni: - incarichi conferiti dalle pubbliche amministrazioni, compresi nei compiti e doveri di ufficio, che siano espressamente previsti o disciplinati da legge o altre fonti normative; - incarichi conferiti a dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa fino al cinquanta per cento di quella a tempo pieno; - incarichi conferiti a docenti universitari a tempo definito; - incarichi conferiti ai dipendenti pubblici ai quali è consentito, ope legis, lo svolgimento di attività libero-professionali; - incarichi per collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie e simili: - incarichi dai quali discende un utilizzazione economica da parte dell'autore o inventore di opere dell'ingegno e di invenzioni industriali; - incarichi per partecipazione a convegni e seminari; - incarichi per i quali è corrisposto solo il rimborso delle spese documentate; - incarichi per lo svolgimento dei quali il dipendente è posto in posizione di aspettativa, di comando o di fuori ruolo; - incarichi conferiti dalle organizzazioni sindacali a dipendenti presso le stesse distaccati o in aspettativa non retribuita; - incarichi per formazione diretta ai dipendenti della pubblica amministrazione nonché di docenza e di ricerca scientifica. 3

4 1.3 Conseguenze in caso di inadempimento dell obbligo di richiesta dell autorizzazione per un ulteriore incarico conferito dalla pubblica amministrazione. (d.lgs 165/2001, art. 53, c.c. 2,6,8) L incarico conferito in assenza della prescritta autorizzazione costituisce sempre infrazione disciplinare per il funzionario responsabile del procedimento, fatte salve le eventuali sanzioni più gravi. Il relativo provvedimento di conferimento è nullo di diritto. Qualora il compenso previsto gravi sul bilancio dell'amministrazione conferente, questo è versato all'amministrazione di appartenenza del dipendente incrementando il fondo destinato alla retribuzione di produttività della categoria di personale alla quale appartiene il soggetto al quale è stato conferito l incarico. L omissione del versamento costituisce ipotesi di danno erariale soggetto alla giurisdizione della Corte dei conti. 1.4 Conseguenze in caso di inadempimento dell obbligo di richiesta dell autorizzazione per un ulteriore incarico conferito da enti pubblici economici e soggetti privati. (d.lgs 165/2001, art. 53, c. 8) (torna a 10.2) In caso di inosservanza dell adempimento autorizzatorio si applica la disposizione dell'articolo 6, comma 1, del decreto legge 28 marzo 1997, n. 79, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 1997, n. 140, e successive modificazioni ed integrazioni; cioè, oltre alle sanzioni per le eventuali violazioni tributarie o contributive, si applica una sanzione pecuniaria pari al doppio degli emolumenti corrisposti sotto qualsiasi forma. 1.5 Ambito soggettivo nell adempimento della comunicazione all anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. In generale l onere dell inserimento nell anagrafe delle prestazioni grava sull amministrazione autorizzante (cioè l amministrazione del dipendente). Ricordiamo che per il revisore dei conti in rappresentanza del MIUR, deve adempiere la comunicazione l Istituzione scolastica (cfr. punto 12.1). 4

5 Casi di incompatibilità (torna al sommario) 2.1 Casi di incompatibilità. La materia dell incompatibilità presenta numerose fattispecie ricondotte a diversi atti normativi; si può affermare che esistono casi di incompatibilità generali, quindi che riguardano anche il personale scolastico, e casi più specifici al personale scolastico stesso. Inoltre la recente l. 190/2012, cd. anticorruzione ha introdotto alcune modifiche al d.lgs 165/2001 anche in tema di incompatibilità. In particolare, il nuovo art. 3-bis, del d.lgs 165/2001, prevede che il Dipartimento della funzione pubblica, di concerto con i ministri interessati, con appositi regolamenti (tutt oggi non ancora emanati) individui gli incarichi vietati. Quindi, in attesa delle novità regolamentari, cerchiamo di fornire un quadro riassuntivo delle principali incompatibilità a normativa vigente: dipendenti pubblici in generale (d.lgs 165/2001, art. 53, cc. 1-bis, 2, 5 - d.p.r. 3/1957, art. 60, 61) 1. gli impieghi pubblici non sono cumulabili, salvo le eccezioni stabilite da leggi speciali; 2. incarichi, non compresi nei compiti e doveri d ufficio, che non siano espressamente previsti o disciplinati da specifiche norme o che non siano espressamente autorizzati; 3. incarichi di gestione del personale a soggetti che rivestono o abbiano rivestito (negli ultimi due anni) cariche in partiti politici e OO.SS. o che abbiano avuto (negli ultimi due) con quest ultime, rapporto di collaborazione continuativa; 4. incarichi che presentino controindicazioni nell interesse del buon andamento della pubblica amministrazione; 5. incarichi che presentino situazioni di conflitto, anche potenziale, che pregiudichino l esercizio imparziale delle funzioni proprie del dipendente; 6. il dipendente non può esercitare il commercio, l'industria, né alcuna professione (ad esclusione dei docenti cfr. art. 508, c. 15, d.lgs 297/1994) o assumere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fine di lucro, tranne che si tratti di cariche in società o enti per le quali la nomina è riservata allo Stato e sia all'uopo intervenuta l'autorizzazione del Ministro competente; personale scolastico (d.lgs 297/1994, art. 508) 1. incarichi per lezioni private ad alunni del proprio istituto; 2. il personale scolastico non può esercitare il commercio, l'industria, né alcuna professione (ad esclusione dei docenti cfr. art. 508, c. 15, d.lgs 297/1994: Al personale docente è consentito, previa autorizzazione del dirigente scolastico, l esercizio di libere professioni che non siano di pregiudizio all assolvimento di tutte le attività inerenti alla funzione docente e siano compatibili con l orario di insegnamento e di servizio ) o assumere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fine di lucro, tranne che si tratti di cariche in società o enti per le quali la nomina è riservata allo Stato e sia all'uopo intervenuta l'autorizzazione del MIUR. 5

6 2.2 Conseguenze in caso di svolgimento di un determinato incarico per il quale solo successivamente l amministrazione individua una fattispecie di incompatibilità. L incarico è nullo di diritto e deve essere revocata l autorizzazione a suo tempo concessa. L intero compenso deve essere versato dall erogante, in difetto, dal percettore, nel bilancio dell amministrazione di appartenenza dell incaricato per essere destinato a incrementare i fondi destinati alla produttività. L omissione del versamento costituisce ipotesi di danno erariale soggetto alla giurisdizione della Corte dei conti. 2.3 Casi di incompatibilità nella prestazione occasionale. Quando parliamo di prestazione occasionale ci riferiamo a incarichi conferiti a soggetti esterni alla pubblica amministrazione. In via generale devono essere seguiti i criteri relativi all interesse del buon andamento della pubblica amministrazione. Secondariamente, quanto alla natura dell incarico, devono essere seguite le specifiche norme che ne disciplinano l ambito e i limiti di attribuzione. 6

7 Esercizio della libera professione (torna al sommario) 3.1 Soggetti abilitati all esercizio della libera professione. A mente dell art. 508, c. 15, del d.lgs 297/1994, la libera professione (cioè con iscrizione agli albi professionali) può essere svolta dal docente, infatti il richiamato articolo così recita: Al personale docente è consentito, previa autorizzazione del dirigente scolastico, l esercizio di libere professioni che non siano di pregiudizio all assolvimento di tutte le attività inerenti alla funzione docente e siano compatibili con l orario di insegnamento e di servizio. 3.2 Comportamenti da seguire dalla PA in caso di richiesta di autorizzazione allo svolgimento della libera professione per attività che non prevedono l iscrizione all albo professionale. In Italia è in corso, da almeno due decenni, un vivace dibattito sia a livello politico sia con le parti sociali, circa la possibilità di abrogare gli albi professionali. Per gli scopi che ci prefiggiamo è opportuno precisare due aspetti fondamentali. L art c.c. - Esercizio delle professioni intellettuali al primo comma così recita: La legge determina le professioni intellettuali [c.c. 2068, 2956, n. 2] per l'esercizio delle quali è necessaria l'iscrizione in appositi albi o elenchi [c.c. 2061]. Ricordiamo che il dipendente non può esercitare il commercio, l'industria, né alcuna professione (ad esclusione dei docenti cfr. art. 508, c. 15, d.lgs 297/1994); Inoltre, ai docenti iscritti ad albi professionali e che esercitino attività professionale non possono essere conferiti incarichi professionali dalle amministrazioni pubbliche; gli stessi dipendenti non possono assumere il patrocinio in controversie nelle quali sia parte una pubblica amministrazione (art. 1, c. 56-bis, l. 662/1996). Pertanto, nel nostro caso, quando parliamo di libera professione, intendiamo un attività che preveda l iscrizione ad uno specifico albo. In conclusione, deve essere rigettata la richiesta di autorizzazione a svolgere un attività libero professionale se non inquadrata nei predetti ambiti normativi. Diversamente collocata è la «professione non organizzata in ordini o collegi», che non può esere annoverata nelle libere professioni. Infatti, la recente l. 14 gennaio 2013, n. 4, disciplina tale attività che così viene definita, al c. 2 dell art. 1: ( ) si intende l'attività economica, anche organizzata, volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell'art del codice civile, delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative. Al fine di fornire un utile sinossi, nelle due pagine seguenti sono elencati gli Ordini professionali (sia Albi sia Collegi) italiani con a fianco il riferimento normativo di istituzione. 7

8 Ordini professionali italiani In Italia gli ordini professionali riconosciuti dalla legge, per il cui accesso è necessario il diploma di laurea sono (in ordine di attuazione): il Consiglio nazionale del notariato, quale federazione dei "Collegi notarili" ai sensi della l. n. 89/1913; il Consiglio nazionale ingegneri, ai sensi della legge n. 1395/1923, del r.d. n. 251a 37/1925, del d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 382; il Consiglio nazionale dei chimici, ai sensi del r.d. del 1º marzo 1928, n. 842, della l. 25 aprile 1938, n. 897, del d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 382; l'ordine nazionale forense, quale federazione degli ordini degli avvocati, ai sensi del r.d.l. 27 novembre 1933 n conv. nella legge 22 gennaio 1934 n. 36, ora modificato con legge 31 dicembre 2012 n. 247, che richiede in parte provvedimenti di attuazione; il Consiglio nazionale architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (ex Consiglio nazionale architetti), ai sensi della l. n. 1395/1923, che ha assunto la sua attuale denominazione ai sensi del d.p.r. n. 328/2001; l'ordine nazionale degli attuari, ai sensi della l. 9 febbraio 1942, n. 194; la Federazione Nazionale Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, ai sensi del d.lgs.c.p.s. 13 settembre 1946, n. 233; la Federazione nazionale ordini veterinari italiani, ai sensi del d.lgs.c.p.s. 13 settembre 1946, n. 233 e d.p.r. 5 aprile 1950, n. 221; la Federazione degli ordini dei farmacisti italiani, ai sensi del d.lgs.c.p.s. 13 settembre 1946, n. 233; l'ordine nazionale dei giornalisti, ai sensi della l. 3 febbraio 1963, n. 69, che in verità non prevede l'obbligo del possesso della laurea; il Consiglio nazionale dei geologi, ai sensi della l. 3 febbraio 1963, n. 112; l'ordine nazionale dei biologi, ai sensi della l. 24 maggio 1967, n. 396; l'ordine nazionale dei dottori agronomi e dottori forestali, ai sensi della l. 7 gennaio 1976, n. 3; l'ordine nazionale dei consulenti del lavoro, che ai sensi della l del 1964 e della l. 11 gennaio 1979, n. 12 non prevedeva l'obbligo della laurea, ma solo di un qualsiasi diploma di scuola media superiore, leggi modificate infine nel 2007 con l'obbligo della laurea triennale; l'ordine nazionale degli psicologi, ai sensi della l. 18 febbraio 1989, n. 56; l'ordine degli assistenti sociali, ai sensi della l. 23 marzo 1993, n. 84; l'ordine dei tecnologi alimentari, ai sensi della l. 18 gennaio 1994, n. 59; l'ordine dei consulenti in proprietà industriale, ai sensi del d.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30, recante Codice della proprietà industriale, (artt. 201 e ss.); l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, quale nuovo unificato da ex Ordine dei dottori commercialisti e da ex Collegio dei Ragionieri, prevista dal d.lgs. 28 giugno 2005, n. 139; 8

9 Qualora si tratti invece di professioni per il cui accesso sia sufficiente il diploma di un istituto secondario di secondo grado si parlerà di Collegio, di recente aperto anche ai laureati con diploma di laurea triennale. Essi sono: il Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati, ai sensi del r.d. 11 febbraio 1929, n. 275; il Consiglio nazionale dei geometri e geometri laureati, ai sensi del r.d. 11 febbraio 1929, n. 274 e del d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 382; la Federazione nazionale dei collegi delle ostetriche, ai sensi del d.lgs.c.p.s. 13 settembre 1946, n. 233; la Federazione nazionale collegio degli infermieri e dei vigilanti dell'infanzia, ai sensi della l. 29 ottobre 1954, n. 1049; il Collegio provinciale dei tecnici di radiologia e relativa Federazione nazionale, ai sensi della l. 4 agosto 1965, n. 1103; il Collegio nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati, ai sensi della l. 6 giugno 1986, n. 251; i Collegi regionali e provinciali delle guide alpine, ai sensi della legge quadro 2 gennaio 1989, n. 6; i Collegi regionali e provinciali dei maestri di sci ai sensi della legge quadro 8 marzo 1991, n.81; il Consiglio nazionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati, ai sensi della l. 21 febbraio 1991, n. 54. Vi sono poi degli organismi che pur gestendo un albo non sono costituiti in forma di ordine professionale, come ad esempio l'albo unico dei promotori finanziari, ai sensi del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58; Per completezza, è da ricordare che, nonostante la tendenza generale sino al 2012 sia a riconoscere sempre più professioni organizzate, alcuni ordini professionali sono stati invece aboliti, ad esempio: il Consiglio nazionale degli ordini degli agenti di cambio e procuratori di borsa, esistito fra il 1967 ed il

10 Prestazione occasionale (torna al sommario) (torna a 11.3) 4.1 Aspetti identificativi della prestazione occasionale. Quella del lavoratore autonomo occasionale è una tipologia ben precisa di rapporto di lavoro, ovviamente non riferita al dipendente pubblico. Dalla lettura dell art c.c. si evince che il lavoratore autonomo occasionale è: - chi si obbliga a compiere, dietro corrispettivo, un opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio; - senza vincolo di subordinazione, né potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale. Rispetto alla co.co.co. la prestazione occasionale si distingue per: - la completa autonomia del lavoratore circa i tempi e le modalità di esecuzione dell incarico; - l assenza di potere di coordinamento del committente; - la mancanza del requisito della continuità, dato il carattere del tutto episodico; - il mancato inserimento funzionale del lavoratore nell organizzazione aziendale. Inoltre, è bene ricordare che l art. 61, c. 2, del vigente d.lgs 276/2003 (cd. legge Biagi) così delinea le prestazioni occasionali: ( ) intendendosi per tali i rapporti di durata complessiva non superiore a trenta giorni nel corso dell'anno solare ovvero, nell ambito dei servizi di cura e assistenza alla persona, non superiore a 240 ore, con lo stesso committente, salvo che il compenso complessivamente percepito nel medesimo anno solare sia superiore a 5 mila euro, ( ). Per approfondimenti circa gli aspetti contributivi si consiglia la consultazione del sito istituzionale dell INPS: 4.2 Possibilità di annoverare fra le prestazioni occasionali l ulteriore incarico attribuito al dipendente pubblico. Gli incarichi attribuiti al dipendente pubblico difficilmente sono configurabili nella tipologia della prestazione occasionale. Il dipendente può ricevere un incarico nell ambito degli istituti disciplinati dal contratto di comparto e per il relativo compenso si attinge dal fondo d istituto; per tale incarico non è previsto l inserimento né nell anagrafe delle prestazioni né nel sito web istituzionale. Il trattamento fiscale e previdenziale è il medesimo adottato per il salario accessorio; si ricorda che per l erogazione del salario accessorio viene utilizzata l applicazione cd. cedolino unico cui si accede attraverso il portale NoiPA del Ministero dell economia e delle finanze. Il dipendente può, altresì, essere destinatario di un ulteriore incarico opportunamente autorizzato; in questo caso è soggetto solamente alle imposizioni dell IRAP e dell IRPEF. 10

11 Collaborazioni plurime (torna al sommario) 5.1 Differenze fra collaborazioni plurime del docente e del personale ATA. Esiste solo una differenza procedurale (cfr. 5.3) per l autorizzazione allo svolgimento dell incarico attribuito al personale ATA che può essere concessa dal dirigente scolastico sentito il DSGA. Mentre per il docente è sufficiente l autonoma autorizzazione del dirigente scolastico. 5.2 Caso in cui viene attribuito un incarico per corsi di recupero ad un estraneo e, nel corso del suo svolgimento, questi è destinatario anche di una supplenza temporanea presso una scuola statale. Caso contrario. In queste due particolarissime fattispecie, si ritiene di non intervenire modificando l inserimento già effettuato perché, in entrambi i casi, al momento dell immissione dei dati nell anagrafe delle prestazioni la qualità giuridica dell incaricato obbliga alla scelta dell idonea sezione presente nella maschera di inserimento dei dati: dipendente o consulente. Il primitivo inserimento è considerato corretto, essendo intervenuta solo successivamente la modifica dello status giuridico dell incaricato. 5.3 Le Collaborazioni plurime, previste dall art. 35 del CCNL, e l anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. L incarico per collaborazione plurima non deve essere comunicato all anagrafe delle prestazioni. Si tratta di un istituto contrattuale disciplinato nell idoneo CCNL di comparto (http://www.aranagenzia.it/index.php/contrattazione/comparti/scuola/contratti/512- ccnl-normativo economico #art.%2035%20- %20COLLABORAZIONI%20PLURIME), quindi è retribuito con le risorse del fondo d istituto. Analogamente a quanto previsto per qualsiasi istituto contrattuale retribuito con detto fondo, l incarico non deve essere inserito nell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. Si rammenta che, per essere svolta, la collaborazione plurima necessita dell autorizzazione dal dirigente scolastico. 11

12 5.4 Possibilità di annoverare i corsi di recupero nelle collaborazioni plurima. Potrebbero rientrare se rispondono all esigenza, da parte della scuola conferente, della necessità di disporre di particolari competenze professionali non presenti o non disponibili nel corpo docente dell istituzione scolastica propria. Ad ogni buon fine, se trattasi di collaborazione plurima, si rimanda alla lettura del punto

13 Collaborazione coordinata e continuativa co.co.co. (torna al sommario) 6.1 Fattispecie per l applicazione della co.co.co. Questa tipologia di contratto non sembra più trovare grande utilizzazione nella pubblica amministrazione. A grandi linee, la co.co.co. è un contratto di lavoro ibrido di tipo parasubordinato (cioè né di tipo autonomo né di tipo subordinato ma, comunque, assimilabile al lavoro dipendente) le cui caratteristiche sono rinvenibili nell art. 409 c.p.c. (controversie individuali di lavoro), peraltro richiamato anche dall art. 61, c. 1, del d.lgs 276/2003 (cd. legge Biagi). Fondamentalmente la co.co.co.: - è una collaborazione con il committente; - presenta continuità nella prestazione; quindi non occasionalità; - definisce un rapporto funzionale tra committente e prestatore; - richiede l inserimento del prestatore nell organizzazione della struttura. Trattandosi di argomento complesso che richiede un analisi ad esso dedicata, per eventuali approfondimenti si rimanda alla consultazione del citato d.lgs 276/2003 e della circolare 15 luglio 2004, n. 4, con la quale il Dipartimento della funzione pubblica si è espressa sull argomento. 13

14 Incarichi a titolo gratuito (torna al sommario) 7.1 Gli adempimenti per gli incarichi a titolo gratuito. Ai fini dell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi, il comma 12, dell art. 53, del d.lgs 165/2001, così come modificato dall art. 1, comma 42, lett. f), l. 6 novembre 2012, n. 190, prevede che: Le amministrazioni pubbliche che conferiscono o autorizzano incarichi, anche a titolo gratuito, ai propri dipendenti comunicano in via telematica, nel termine di quindici giorni, al Dipartimento della funzione pubblica gli incarichi conferiti o autorizzati ai dipendenti stessi ( ). Quindi anche gli incarichi gratuiti, conferiti ai dipendenti, devono essere comunicati tramite l anagrafe delle prestazioni e degli incarichi; tuttavia il Piano Nazionale Anticorruzione (pubblicato sul sito del Dipartimento della funzione pubblica e consultabile al seguente link: 3 approvato-dalla-civit-il-pna.aspx ) prevede al punto B.7, ( ) continua comunque a rimanere estraneo al regime delle autorizzazioni e comunicazioni l espletamento degli incarichi espressamente menzionati nelle lettere da a) a f-bis) del comma 6 dell art. 53 del d.lgs n. 165 del 2001 ( ). Per l elencazione delle fattispecie, richiamate dal citato paragrafo B.7, si rimanda al punto Comportamenti e conseguenze all evidenza, successiva all autorizzazione, dell onerosità dell incarico. Innanzitutto è necessario modificare l atto autorizzativo che conteneva la dicitura gratuito, avendo cura di specificare le motivazioni per le quali si è dovuto modificare e come si è giunti alla conoscenza dell onerosità dell incarico. Se l incarico, originariamente gratuito, è stato già inserito nell anagrafe delle prestazioni, si possono seguire due strade: - se non è stata inviata la prevista dichiarazione di chiusura adempimento, richiamare l incarico e modificare nelle parti interessate; - se, invece, è stata inviata la prevista dichiarazione di chiusura adempimento, è necessario contattare l apposito help desk del Dipartimento della funzione pubblica (i cui riferimenti telefonici e mail sono rintracciabili sul sito dell anagrafe delle prestazioni e richiedere lo sblocco di detta dichiarazione. Dopodiché dovrebbe essere possibile modificare i dati dell incarico. Se non fossero percorribili le due ipotesi, si consiglia di inserire un identico incarico exnovo avendo cura di specificare anche il compenso successivamente individuato. Ovviamente, in via disciplinare, è necessario valutare se esistono profili in tal senso. 14

15 Uso dei vaucher nel lavoro accessorio (torna al sommario) 8.1 Retribuzione con voucher. Il pagamento per mezzo di vaucher è una specifica modalità sperimentale per gli anni normativamente prevista. Per quanto richiamato nel punto 4, non viene presa in esame per incarichi conferiti al dipendente pubblico. Brevemente. La cd. riforma Fornero ( l. 92/2012) modifica il buono lavoro, o vaucher, così come disciplinato nella cd. riforma Biagi (d.lgs 276/2003) come modalità di erogazione del compenso per la prestazione occasionale di tipo accessorio. Le modifiche sostanziali sono: - i voucher di taglio fisso sono stati sostituiti con i nuovi buoni lavoro orari; - i compensi percepiti dal prestatore non possono superare (per gli anni , ) per anno solare, complessivamente e prescindendo dal numero dei committenti (rientrando, quindi, in uno dei criteri identificativi della prestazione occasionale). Prevalentemente, il voucher attiene a forme di pagamento per prestazioni di lavoro rese a committenti privati ( )nei confronti dei committenti imprenditori commerciali o professionisti, le attività lavorative di cui al presente comma possono essere svolte a favore di ciascun singolo committente ( ) art. 70, c.1. d.lgs 276/2003; tuttavia il comma 3, del medesimo art. 70, così recita: 3. Il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio da parte di un committente pubblico è consentito nel rispetto dei vincoli previsti dalla vigente disciplina in materia di contenimento delle spese di personale e, ove previsto, dal patto di stabilità interno.. A scopo informativo, di seguito viene riportata la composizione del vaucher del valore nominale di 10,00 euro: Compenso netto per il prestatore di lavoro 7,50 Contributi versati alla gestione separata Inps 1,30 Premio versato all Inail 0,70 Compenso per il concessionario gestore del servizio 0,50 15

16 Obblighi inerenti alla trasparenza (torna al sommario) 9.1 Elencazione degli obblighi di pubblicazione vigenti in materia di trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Per agevolare i soggetti tenuti ad osservare gli obblighi di trasparenza, l A.N.AC., Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle pubbliche amministrazioni (ex CiVIT) ha predisposto un elenco degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs n. 33/2013, Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, e da ulteriori disposizioni di legge previgenti e successive. L elenco è consultabile all indirizzo content/uploads/obblighi-di-pubblicazione-errata-corrige-settembre xls E importante segnalare che l A.N.AC. ha predisposto recentemente, in via sperimentale, un apposito sito (www.campagnatrasparenza.it) al quale inviare, dal 14 marzo 2014, quesiti sull interpretazione delle norme in materia di trasparenza. 16

17 9.2 Evidenza dei dati relativi agli incarichi sul sito web istituzionale. (art. 15 e 18 d.lgs n. 33/2013) Il d.lgs n. 33/2013, Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, prevede l obbligo di pubblicazione per diverse tipologie di dati e informazioni. Per una più ampia consultazione anche sulla modalità di pubblicazione, si rimanda al già citato indirizzo Tuttavia, in estrema sintesi, devono essere pubblicati: l'elenco degli incarichi conferiti o autorizzati a ciascuno dei propri dipendenti, con l'indicazione della durata e del compenso spettante per ogni incarico (art. 18, d.lgs 33/2013) gli estremi degli atti di conferimento di incarichi di collaborazione o di consulenza a soggetti esterni a qualsiasi titolo (compresi quelli affidati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa), per i quali è previsto un compenso, con indicazione dei soggetti percettori, della ragione dell'incarico e dell'ammontare erogato (art. 15, c.2, d.lgs 33/2013); per ciascun titolare di incarico: - curriculum dell incaricato, redatto in formato europeo (art. 15, c.1, lett. d, d.lgs 33/2013); - compensi comunque denominati, relativi al rapporto di lavoro, di consulenza o di collaborazione (compresi quelli affidati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa), con specifica evidenza delle eventuali componenti variabili o legate alla valutazione del risultato (art. 15, c.1, d.lgs 33/2013); - elenco riepilogativo dei consulenti con indicazione di oggetto, durata e compenso dell incarico (in pratica gli incarichi comunicati al Dipartimento della funzione pubblica) (art. 15, c.2, d.lgs 33/2013); 17

18 Obblighi inerenti alla trasparenza degli ulteriori incarichi (torna al sommario) 9.3 Evidenza dei dati sul sito web istituzionale e nell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. I dati dell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi sono pubblicati anche nel sito web istituzionale unitamente ai dati richiesti espressamente solo per il sito stesso. 9.4 Pubblicazione dei curricula dei pubblici dipendenti e degli estranei incaricati sul sito web istituzionale. Per questa aspetto si rimanda alla lettura del punto Differenza nel trattamento di dati tra incarichi conferiti al dipendente secondo le proprie mansioni e quelli conferiti secondo contenuti diversi dal proprio profilo professionale. Per incarichi si intendono quelli non compresi nei compiti e doveri d ufficio; pertanto gli incarichi conferiti ai dipendenti pubblici secondo il proprio profilo professionale non sono annoverabili tra gli ulteriori incarichi da inserire nell anagrafe delle prestazioni. Infatti gli incarichi nell ambito dei compiti e doveri d ufficio sono retribuiti con il compenso accessorio, cd. di produttività. Ad ogni buon fine si rammenta che la normativa del riordino sulla trasparenza, prevede la pubblicazione dei dati sul sito web, anche aggregati, che diano conto dell utilizzo delle risorse destinate alla produttività. 9.6 Inserimento nel sito web istituzionale dei curricula del personale esterno e di quello interno. I curricula dei destinatari degli ulteriori incarichi per i quali è richiesto l obbligo della pubblicazione sul sito web istituzionale attengono al personale esterno alla pubblica amministrazione. 18

19 Obblighi inerenti alla trasparenza (torna al sommario) 9.7 Comunicazione dei dati all anagrafe delle prestazioni degli incarichi retribuiti con risorse dell UE, delle Regioni, degli EE.LL. o di privati. Ad esclusione degli incarichi retribuiti con fondi provenienti da privati (genitori alunni, donatori, ecc...), quelli retribuiti con risorse dell UE, delle regioni e degli EE.LL. devono essere comunicati. Infatti, l anagrafe delle prestazioni e degli incarichi conferiti ai pubblici dipendenti, - istituita con l art. 24 della l. 412/1991 nasce con le finalità di contenere la spesa pubblica e di garantire efficacia, imparzialità e trasparenza all azione amministrativa. A tale scopo il d.lgs. n. 165/2001, al comma 2 dell art. 1, elenca gli organismi identificati come amministrazioni pubbliche che devono ottemperare, tra gli altri, all adempimento dell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi, cioè: tutte le amministrazioni dello stato; Istituti e scuole di ogni ordine e grado; Istituzioni educative; Aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo; Regioni; Comuni; Comunità montane e loro consorzi e associazioni; Istituzioni universitarie; Istituti autonomi case popolari; Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni; Aziende ed enti del S.S.N.; Enti pubblici non economici nazionali; L ARAN; Agenzie del demanio, delle entrate e delle dogane. Tuttavia, riguardo all utilizzo di risorse provenienti dall UE, ad oggi tali finanze non sono ricomprese nelle finanze pubbliche vere e proprie. Come è noto, è in corso un ampio dibattito economico-politico avente per oggetto l Unione fiscale. Per la comunicazione all anagrafe delle prestazioni è preferibile la soluzione di comunicare l incarico specificando, nell apposito spazio previsto per la relazione di accompagnamento, che si tratta di risorse europee. 19

20 Violazione degli obblighi di trasparenza e sanzioni (torna al sommario) 10.1 Sanzioni previste in caso di mancato inserimento dei dati richiesti nel sito web istituzionale. (Capo VI artt d.lgs n. 33/2013) Il d.lgs 33/2013, al Capo VI (artt ), individua il Responsabile della trasparenza deputato alla vigilanza sull attuazione delle disposizioni del decreto stesso e le conseguenti eventuali sanzioni. In particolare, l art. 46 prevede: al primo comma 1. L'inadempimento degli obblighi di pubblicazione previsti dalla normativa vigente o la mancata predisposizione del Programma triennale per la trasparenza e l'integrità costituiscono elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale, eventuale causa di responsabilità per danno all'immagine dell'amministrazione e sono comunque valutati ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale dei responsabili. ; al secondo comma 2. Il responsabile non risponde dell'inadempimento degli obblighi di cui al comma 1 se prova che tale inadempimento è dipeso da causa a lui non imputabile Sanzioni previste in caso di mancato inserimento dei dati richiesti nell anagrafe delle prestazioni e degli incarichi. (art. 53, del d.lgs. n. 165/2001) Le amministrazioni che omettono la comunicazione all anagrafe delle prestazioni e degli incarichi non possono conferire nuovi incarichi sino a quando non adempiono. Gli enti pubblici economici e i soggetti privati che omettono di comunicare all amministrazione di appartenenza, entro 15 giorni dall erogazione del compenso ai dipendenti pubblici, incorrono nella sanzione indicata nel punto

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il contributo dei componenti dell'ufficio Studi e validato dal Comitato Scientifico del Codau.

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il contributo dei componenti dell'ufficio Studi e validato dal Comitato Scientifico del Codau. Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il contributo dei componenti dell'ufficio Studi e validato dal Comitato Scientifico del Codau. ANALISI SINTETICA E COMMENTO alla LEGGE 6 novembre 2012, n. 190

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs.

Contenuti dell'obbligo. Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione (art. 10, cc. 1, 2, 3, d.lgs. llegato 1 Data compilazione 30/01/2015 (Tipologie mbito soggettivo (ve foglio 3 "mbito LLEG 1 LL DELIBER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIO L 31/12/2014 Tempo ione/ ggiornamento PUBBLICZIO è nella "mministrazion

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli