La nuova sicurezza sul lavoro Tutti gli adempimenti in 50 schede, il formulario, le faq

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova sicurezza sul lavoro Tutti gli adempimenti in 50 schede, il formulario, le faq"

Transcript

1 La nuova sicurezza sul lavoro Tutti gli adempimenti in 50 schede, il formulario, le faq

2 A cura di: Area Ambiente, Innovazione e Utilities Confcommercio Editing: Francesco Rossi - Area Comunicazione e Immagine Confcommercio 2008 Confcommercio

3 Sommario

4

5 Sommario SOMMARIO I INTRODUZIONE 1 TITOLO 1- TUTTI GLI ADEMPIMENTI IN 50 SCHEDE 5 1. Ambiente di lavoro Concessione edilizia Denuncia di inizio attività (D.I.A.) Certificato di agibilità Notifica di nuovo insediamento o modifiche sostanziali Autorizzazione sanitaria Requisiti ambienti di lavoro Gestione della sicurezza Servizio di prevenzione e protezione Documento di valutazione dei rischi Riunione periodica Sopralluogo negli ambienti di lavoro Informazione e formazione dei lavoratori Nomina del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Registro infortuni Denuncia di infortunio Denuncia di malattia professionale Segnaletica di sicurezza Dispositivi di protezione individuale (DPI) Antincendio e gestione delle emergenze Certificato di prevenzione incendi (C.P.I.) Registro antincendio Nomina degli addetti alla gestione delle emergenze Valutazione rischio incendio Piano di emergenza Informazione e programmazione degli interventi 62 iii

6 La nuova sicurezza sul lavoro 3.7 Esercitazione di evacuazione Pronto soccorso Sorveglianza sanitaria Nomina del medico competente Sorveglianza sanitaria Accertamenti sanitari periodici per l idoneità al lavoro (A.S.P.) Idoneità alla mansione Gestione dei rischi Esposizione a rumore Esposizione a vibrazioni Esposizione ad amianto Movimentazione manuale dei carichi Videoterminali Agenti cancerogeni Agenti biologici Sostanze e preparati pericolosi - Agenti chimici Atmosfere esplosive Gas tossici Sostanze radioattive Sforzi ripetuti degli arti superiori Esposizione a campi elettromagnetici Impianti ed apparecchiature elettriche Esposizione a radiazioni artificiali Impianti elettrici Certificato di conformità degli impianti Controllo ed installazione di impianti di messa a terra, dispositivi contro le scariche atmosferiche e impianti elettrici in luoghi a rischio di esplosione Macchine e attrezzature di lavoro Macchine e attrezzature di lavoro Attrezzature a pressione - Insiemi Requisiti minimi per l uso delle attrezzature di lavoro 111 iv

7 Sommario TITOLO 2- FORMULARIO Autocertificazione di avvenuta valutazione dei rischi e dell adempimento degli obblighi ad essa correlati Richiesta di copia del documento di valutazione dei rischi Schema di documento di valutazione dei rischi Riepilogo delle informazioni sui rischi aziendali fornite ai lavoratori Convocazione di riunione periodica di prevenzione e protezione dai rischi Convocazione di riunione di prevenzione e protezione dai rischi in caso di variazione delle condizioni di esposizione al rischio Verbale di riunione di prevenzione e protezione dai rischi Delega di attribuzioni Designazione degli addetti al SPP Nomina del RSPP interno Designazione di dirigente o preposto alla carica di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Designazione di altra figura professionale alla carica di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Conferimento dell incarico di Responsabile del Servizio Esterno di Prevenzione e Protezione Contratto per Responsabile Esterno del Servizio di Prevenzione e Protezione Nomina del medico competente Accettazione incarico di medico competente Cessazione dell incarico del medico Visita medica Cartella sanitaria e di rischio Conservazione della cartella sanitaria e di rischio Designazione del lavoratore incaricato del pronto soccorso Designazione del lavoratore incaricato della lotta antincendio 166 v

8 La nuova sicurezza sul lavoro TITOLO 3 - F.A.Q Campo di applicazione Lavoratori autonomi, piccoli imprenditori, impresa familiare Valutazione dei rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Delega di funzioni Costi della sicurezza Comunicaizoni all Inail Modelli organizzativi d impresa Medico competente Formazione Libretto formativo per la sicurezza Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Aspetti sanzionatori Disposizioni particolari: rischi da agenti fisici (Titolo VIII del T.U.) 196 vi

9 Introduzione

10

11 Introduzione La recente pubblicazione del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in tema di salute e sicurezza sul lavoro, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico numerosi adempimenti procedurali, sia di carattere formale che sostanziale, a carico del datore di lavoro e di tutti gli altri soggetti coinvolti. Si va dalle procedure di gestione della prevenzione, alla valutazione dei rischi, al servizio di prevenzione e protezione, alla formazione, informazione ed addestramento dei lavoratori, alla sorveglianza sanitaria fino alla gestione delle emergenze. Inoltre l adozione sempre più diffusa di sistemi di gestione da parte delle imprese, volti al mantenimento e al miglioramento della qualità dell ambiente e alla prevenzione e protezione della sicurezza e salute negli ambienti di lavoro, necessitano di adeguati strumenti di valutazione della conformità legislativa e degli adempimenti ad essa correlata. Questa pubblicazione vuole rappresentare uno strumento utile per orientare le aziende, fornendo loro l elenco dei principali adempimenti normativi vigenti, le modalità di espletamento e la loro frequenza di aggiornamento. Al fine di rendere agevole la consultazione, gli aspetti inerenti la gestione della sicurezza e la tutela della salute negli ambienti di lavoro sono stati suddivisi nelle seguenti sezioni: 1. Documentazione relativa agli ambienti di lavoro, come concessione edilizia e certificato di agibilità, requisiti dei locali, ecc.; 2. Documenti relativi all organizzazione e gestione della sicurezza in azienda, come nomine dei soggetti incaricati, verbali riunioni periodiche, ecc.; 3. Documenti relativi alla prevenzione incendi e gestione delle emergenze; 4. Documenti riguardanti la sorveglianza sanitaria; 5. Documenti relativi alla gestione dei rischi, come rumore, vibrazioni, amianto, movimentazione manuale dei carichi, videoterminali, ecc.; 6. Documenti relativi agli impianti elettrici; 3

12 La nuova sicurezza sul lavoro 7. Documenti relativi a macchine, attrezzature e impianti. Il volume raccoglie inoltre le formule indispensabili per la corretta gestione degli adempimenti in materia di sicurezza del lavoro. Per ciascun soggetto sono stati raggruppati e descritti gli obblighi legislativi cui deve adempiere, con i riferimenti alla modulistica di sicurezza appositamente predisposta. Completa la guida una raccolta delle principali indicazioni interpretative che il Settore Ambiente confederale ha fornito a fronte di quesiti pervenuti da imprese ed Associazioni. 4

13 Titolo 1 Tutti gli adempimenti in 50 schede

14

15 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede 1. Ambiente di lavoro 1.1 Concessione edilizia Descrizione La concessione edilizia è l atto attraverso il quale il Sindaco autorizza all esecuzione di opere edilizie di nuova costruzione o ristrutturazione. La procedura per il rilascio del Permesso di costruire è interamente disciplinata dagli artt del Testo Unico per l edilizia (D.P.R. 380/01) e viene applicata per i seguenti interventi edilizi: a) gli interventi di nuova costruzione; b) gli interventi di ristrutturazione urbanistica; c) gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d uso. Soggetti interessati Sono soggetti a concessione edilizia i seguenti interventi, elencati in via esemplificativa: - costruzione di nuovi edifici; - sostituzioni edilizie (ad eccezione degli interventi di manutenzione straordinaria che sono soggetti ad autorizzazione); 7

16 La nuova sicurezza sul lavoro - ristrutturazioni edilizie od urbanistiche, ricostruzioni parziali; - sopraelevazioni o ampliamenti; - restauri e risanamenti conservativi di edifici non residenziali (poiché quelli residenziali sono soggetti a semplici autorizzazioni in base all art. 7 della L. 94/1982, primo comma); - demolizioni; - modifiche strutturali; - modifiche dell aspetto esterno di opere esistenti; - costruzione di cappelle private e gentilizie, cippi funebri, al di fuori dei cimiteri; - edicole ed altri manufatti prefabbricati su suolo pubblico; - attrezzature ricreative e sportive all aperto (piscine, campi da tennis, ecc.); - pertinenze a servizio di edifici esistenti (recinzioni, sistemazioni esterne, locali accessori, ecc.), depositi di materiali e merci, demolizioni, rinterri e scavi, quando sono soggetti ai vincoli delle leggi n. 1089/1939 e 1497/1939 (art. 7, L. 94/ comma). Frequenza di aggiornamento Aggiornamento non necessario. Documenti necessari L impresa deve presentare la domanda di concessione edilizia al Comune allegando ad essa tutta la documentazione necessaria all istruttoria di competenza dei diversi Uffici. Sono pertanto da allegare: - relazione tecnica, ove richiesta; - grafici esplicativi (piante, sezioni, prospetti, relativi allo stato di fatto e allo stato finale delle opere progettate); - stralcio di zona del P.R.G., con l identificazione dell area interessata; 8

17 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede - calcoli planovolumetrici; - schema smaltimento acque reflue; - approvvigionamento dell acqua potabile; - sistema di smaltimento di rifiuti; - calcolo del costo di costruzione e degli oneri; - computo metrico delle opere; - dichiarazione di conformità alla normativa vigente (in materia di installazione di impianti tecnologici, di abbattimento di barriere architettoniche) ed al regolamento d igiene; - atto di proprietà/titolo di possesso (anche in copia); - progetto impianto elettrico (se dovuto); - progetto impianti tecnologici (se dovuto); - progetto edificio/impianto (se dovuto); - impegnativa cessione aree a sedime stradale (se dovuta); - impegnativa cessione aree a standard (se dovuta); - altra documentazione prescritta per particolari interventi (parere dell A.S.L. o di aziende di gestione dei servizi o della Soprintendenza, visto dei Vigili del fuoco, concessione in sanatoria, documentazione fotografica,...); - dati relativi all immobile (ubicazione, mappali, tipologia d intervento) ed ai soggetti coinvolti (titolare della concessione, progettista delle opere, esecutore dei lavori, direttore dei lavori, soggetto che ha calcolato cementi armati). La documentazione tecnica deve essere vistata da un professionista competente. Il comune fornisce l elenco della documentazione necessaria, perché la richiesta sia completa, ed una modulistica che consente di semplificare gli adempimenti imposti dalla vigente normativa. Figure Aziendali coinvolte Titolare / Legale Rappresentante; Responsabile dei lavori; R.S.P.P.; Preposti; Lavoratori 9

18 La nuova sicurezza sul lavoro Figure professionali ed istituzionali coinvolte Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e/o progettazione; Consulenti esterni (progettisti, geometra, ecc.); Imprese appaltatrici e subappaltatrici; Sindaco del Comune territorialmente competente; Azienda Unitaria Sanitaria Locale (AUSL) territorialmente competente; Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; Sopraintendenza Allegati Alla domanda occorre allegare tutta la documentazione necessaria all istruttoria di competenza dei diversi Uffici. 10

19 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede 1.2 Denuncia di inizio attività (D.I.A.) Descrizione Per eseguire nuove costruzioni, ampliare, modificare e demolire quelle esistenti ovvero per procedere all esecuzione di opere di urbanizzazione ogni soggetto, comunque interessato, deve essere in possesso preventivamente di un provvedimento che gli consenta di operare. Questo provvedimento è la concessione edilizia o l autorizzazione, quest ultima sostituita per molte opere dalla denuncia di inizio attività. Note La legge 662/1996 (art. 2, comma 60) ha semplificato le procedure relative alle opere manutentive di minore impatto edilizio, introducendo l istituto della dichiarazione d inizio attività, che consente, nei fatti, all impresa di agire senza che il comune dia il proprio esplicito assenso mediante l emissione formale di un atto. La denuncia di inizio di attività va presentata al Comune per i seguenti interventi: - opere di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo; - opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti consistenti in rampe o ascensori esterni, ovvero in manufatti che alterino la sagoma dell edificio; - recinzioni, muri di cinta e cancellate; - aree destinate ad attività sportive senza creazione di volumetria; - opere interne di singole unità immobiliari che non comportino modifiche della sagoma e dei prospetti e non rechino pregiudizio alla statica dell immobile e, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A di cui all art. 2 del D.M. Lavori Pubblici 2 aprile 1968, non modifichino la destinazione d uso; - impianti tecnologici che si rendano indispensabili, sulla base di nuove disposizioni, a seguito della revisione o installazione di impianti esistenti; 11

20 La nuova sicurezza sul lavoro - varianti a concessioni edilizie già rilasciate che non incidano sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non cambiano la destinazione d uso e la categoria edilizia, non alterino la sagoma e non violino le eventuali prescrizioni contenute nella concessione edilizia; - parcheggi di pertinenza nel sottosuolo del lotto su cui insiste il fabbricato. Inoltre va espressamente indicato che gli interventi non sono in contrasto con vincoli o impedimenti, relativi agli immobili sui quali gli stessi devono essere eseguiti, ove gli stessi: - siano sottoposti alla legge n. 1089/1939 ("Tutela delle cose d interesse artistico e storico"); - siano sottoposti alla legge n. 1497/1939 ("Protezione delle bellezze naturali"); - siano sottoposti alla legge n. 394/1991 ("Legge quadro sulle aree protette"); - siano sottoposti a disposizioni immediatamente operative dei piani paesistici regionali ( D.L. n. 312/1985 conv. in legge n. 431/1985 ); - siano sottoposti alla legge n. 183/1939 ("Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo"); - siano comunque assoggettati dagli strumenti urbanistici a discipline espressamente volte alla tutela delle loro caratteristiche paesaggistiche, ambientali, storicoarcheologiche, storico-artistiche, storico-architettoniche e storico-testimoniali; - siano oggetto di prescrizioni di vigenti strumenti urbanistici di pianificazione, nonché di programmazione, immediatamente operative e le trasformazioni progettate non siano in contrasto con strumenti adottati. Quando il Comune riscontra l assenza delle condizioni prescritte per la fattibilità di opere mediante la denuncia di inizio attività, notifica agli interessati l ordine motivato di non effettuare le progettate trasformazioni (art. 4, comma 15). La denuncia di inizio di attività (Allegato 1) va presentata almeno 20 giorni prima dell inizio dei lavori. Il comune può chiedere all impresa una ulteriore dichiarazione contestuale all avvio dei lavori, cui corrisponde un sopralluogo di un funzionario comunale a ciò deputato, che constata l effettivo inizio dell attività. 12

21 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede Frequenza di aggiornamento Aggiornamento non necessario. Allegati La denuncia va necessariamente corredata da apposita relazione del progettista dei lavori, la quale deve asseverare (e per questo il progettista assume la condizione funzionale di esercente servizio di pubblica necessità) la conformità delle opere da realizzare agli strumenti urbanistici adottati o approvati, ai regolamenti edilizi, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e igienico-sanitarie. Gli uffici del comune e dell A.S.L., secondo le rispettive competenze, verificano la conformità del progetto alla normativa vigente (compresa la regolamentazione urbanistica comunale). Figure Aziendali coinvolte Titolare / Legale Rappresentante; Responsabile dei lavori; R.S.P.P.; Preposti; Lavoratori Figure professionali ed istituzionali coinvolte Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e/o progettazione; Consulenti esterni (progettisti, geometra, ecc.); Imprese appaltatrici e subappaltatrici; Sindaco del Comune territorialmente competente; Azienda Unitaria Sanitaria Locale (AUSL) territorialmente competente 13

22 La nuova sicurezza sul lavoro 1.3 Certificato di agibilità Descrizione Il certificato di agibilità attesta che l immobile può essere utilizzato per le attività previste e che risulta in possesso di tutte le condizioni igieniche e sanitarie previste dalla normativa vigente. Documenti da allegare - copia dell avvenuto accatastamento (Legge 47/1985 e s.m.i., art. 52); - copia del collaudo delle opere in c.a., c.a.p., ferro con attestazione di avvenuto deposito; - dichiarazione del D.L. che non si sono eseguite opere che necessitano di collaudo statico; - certificato di potabilità acqua rilasciato dall A.S.L.; - dichiarazione di conformità ai sensi della Legge 5/3/1990 n. 46 per impianto elettrico; - dichiarazione di conformità ai sensi della Legge 5/3/1990 n. 46 per impianto termico; - dichiarazione di conformità ai sensi della Legge 5/3/1990 n. 46 per impianto idrico-sanitario. Frequenza di aggiornamento Aggiornamento non necessario fino a che l immobile possiede i requisiti per i quali il documento è stato rilasciato. Figure Aziendali coinvolte Titolare / Legale Rappresentante; Responsabile dei lavori; R.S.P.P. 14

23 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede Figure professionali ed istituzionali coinvolte Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e/o progettazione; Consulenti esterni (progettisti, geometra, ecc.); Imprese appaltatrici e subappaltatrici; Sindaco del Comune territorialmente competente; Azienda Unitaria Sanitaria Locale (AUSL) territorialmente competente 15

24 La nuova sicurezza sul lavoro 1.4 Notifica di nuovo insediamento o modifiche sostanziali Descrizione La notifica è la comunicazione all organo di vigilanza (Az. Sanitaria Locale) delle caratteristiche dei nuovi edifici o impianti o locali produttivi per la verifica dei requisiti igienico-sanitari. Tale comunicazione deve essere eseguita non solo quando si vuole costruire un nuovo insediamento produttivo, ma anche in caso di modifiche sostanziali agli impianti e ai cicli produttivi. Generalmente la comunicazione viene inoltrata al Comune territorialmente competente e questi provvede all inoltro all ASL per il rilascio del nulla osta ai fini igienico sanitari. La notifica deve indicare gli aspetti considerati nella valutazione e relativi: a) alla descrizione dell oggetto delle lavorazioni e delle principali modalità di esecuzione delle stesse; b) alla descrizione delle caratteristiche dei locali e degli impianti. L organo di vigilanza territorialmente competente può chiedere ulteriori dati e prescrivere modificazioni in relazione ai dati notificati. La notifica si applica ai luoghi di lavoro ove è prevista la presenza di più di tre lavoratori. Frequenza di aggiornamento In caso di modifica delle caratteristiche dei locali di lavoro, degli impianti e dei cicli produttivi. Invio comunicazione almeno 60 giorni prima. Documenti allegati La documentazione da allegare consiste in: - relazione descrittiva delle caratteristiche dell insediamento o delle modifiche che saranno apportate; - n. 2 planimetrie. 16

25 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede Figure Aziendali coinvolte Titolare / Legale Rappresentante; Responsabile dei lavori; R.S.P.P. Figure professionali ed istituzionali coinvolte Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione e/o progettazione; Consulenti esterni (progettisti, geometra, ecc.); Imprese appaltatrici e subappaltatrici; Sindaco del Comune territorialmente competente; Azienda Unitaria Sanitaria Locale (AUSL) territorialmente competente 17

26 La nuova sicurezza sul lavoro 1.5 Autorizzazione sanitaria Soggetti interessati E soggetto ad autorizzazione sanitaria l esercizio di stabilimenti di produzione, di preparazione e confezionamento, nonché di depositi all ingrosso di sostanze alimentari. Salvo i casi in cui la legge, nonché leggi e regolamenti speciali, ne prevedano il rilascio da parte del ministro della sanità l autorizzazione è rilasciata: a) dall organo delle regioni, o province autonome di Trento e di Bolzano, competente secondo il rispettivo ordinamento in materia medica, nel caso di laboratori e stabilimenti per la produzione, preparazione e confezionamento delle sostanze alimentari di origine vegetale e nei casi previsti in deroga alla successiva lettera b); b) dall organo delle regioni, o province autonome di Trento e di Bolzano, competente secondo il rispettivo ordinamento in materia veterinaria, nel caso di impianti di macellazione e di laboratori e stabilimenti per la produzione, preparazione e confezionamento delle sostanze alimentari di origine animale, o miste di origine prevalentemente animale, ad eccezione di stabilimenti che trattano latte e prodotti derivati, sostanze alimentari miste di origine prevalentemente vegetale, e di carattere dolciario. c) dal comune o consorzio di comuni, attraverso le unità sanitarie locali, nel caso di depositi all ingrosso di alimenti di origine vegetale e animale e nel caso di piccoli laboratori artigianali annessi ad esercizi di somministrazione di sostanze alimentari e bevande. Modalità di inoltro delle richieste di autorizzazioni Le domande per il rilascio delle autorizzazioni debbono contenere: a) il nome e la ragione sociale e la sede dell impresa; b) l indicazione dell ubicazione dello stabilimento o del laboratorio di produzione, preparazione e confezionamento o del deposito all ingrosso; 18

27 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede c) l indicazione per generi merceologici delle sostanze alimentari che si intendono produrre, preparare, confezionare o tenere in deposito; d) la descrizione e gli estremi di deposito degli eventuali marchi depositati che valgano ad identificare l impresa; e) l eventuale carattere stagionale delle lavorazioni f) l indicazione del presumibile termine di approntamento dello stabilimento o del laboratorio di produzione, preparazione e confezionamento o del deposito all ingrosso. Le domande debbono, inoltre, essere corredate: 1) dalla pianta planimetrica dei locali, in scala non superiore a 1:500. In casi particolari potranno essere richieste piante più dettagliate. 2) dalla descrizione sommaria dei locali, degli impianti e delle attrezzature; 3) dall indicazione relativa all impianto di approvvigionamento idrico, alla idoneità della rete di distribuzione, nonché dalla documentazione sulla potabilità dell acqua, qualora non si tratti di acquedotti pubblici; 4) dall indicazione relativa all impianto di smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi, e, ove è necessario ai mezzi impiegati per la depurazione delle acque; 5) dall indicazione dei sistemi scelti per assicurare la salubrità e la conservazione delle sostanze alimentari, nonché dalla documentazione di tali sistemi, ove richiesta; 6) da un esemplare degli eventuali marchi depositati. Frequenza di aggiornamento Qualora intervengano variazioni negli elementi oggetto dell autorizzazione stessa (il nome e la ragione sociale e la sede dell impresa; ubicazione dello stabilimento o del laboratorio di produzione, preparazione e confezionamento o del deposito all ingrosso; sostanze alimentari utilizzate; rispondenza dei locali e degli impianti ai requisiti prescritti; ecc.) Le modifiche ai locali ed impianti, possono essere effettuate previo nulla osta dell autorità sanitaria competente, da rilasciarsi entro 60 gg dal ricevimento della comunicazione da parte dell impresa interessata. 19

28 La nuova sicurezza sul lavoro Note 1. Nel caso di pescherie dovrà essere specificato nella relazione tecnico-descrittiva lo stato fisico dei prodotti della pesca in vendita (fresco o congelato). 2. Per le comunicazioni previste dall art. 27 del D.P.R. 327/80 non è necessario allegare la documentazione, tuttavia devono essere rese le dichiarazioni previste dai quadri a, c, d. 3. La compilazione del frontespizio deve essere completa di ogni dato previsto compresa la scelta di una delle due caselle (trattini sull approntamento dell esercizio. 4. Nel quadro b il richiedente dichiara: nella sezione 1, la non presenza nel suo esercizio di emissioni gassose, di fumi o vapori; nella sezione 2, -che deve essere compilata in alternativa alla sezione 1- vengono fornite notizie più specifiche sulla tipologia e l idoneità degli impianti tecnologici per cui è necessaria la dichiarazione di un professionista che abbia valutato i vari aspetti tecnici, normativi, di sicurezza congiunta al richiedente. 5. Il quadro e costituisce l elenco della documentazione da allegare obbligatoriamente al modulo. Il pagamento dei diritti sanitari deve essere effettuato preventivamente su bollettino postale intestato alla relativa U.S.L. Figure Aziendali coinvolte Titolare / Legale Rappresentante; Responsabile dei lavori; R.S.P.P.; Responsabile Assicurazione Qualità (*) Figure professionali ed istituzionali coinvolte Consulenti esterni (progettisti, geometra, ingegneri, ecc.); Laureato in biologia, chimica, chimica e tecnologia farmaceutica, in farmacia, in medicina o in scienza e tecnologia alimentari (*) ; Sindaco del Comune territorialmente competente; Azienda Unitaria Sanitaria Locale (AUSL) territorialmente competente (*) Nel caso di prodotti destinati ad una alimentazione particolare. 20

29 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede 1.6 Requisiti ambienti di lavoro Cosa fare All interno del D.Lgs. 81/2008 sono specificati i requisiti degli ambienti di lavoro relativamente a strutture, locali ove si svolgono lavorazioni, caratteristiche e tipi di porte, illuminazione ed aerazione di laboratori e magazzini presidiati e non, caratteristiche dei locali destinati ad uffici, servizi igienici, spogliatoi e mensa. Occorre fare riferimento inoltre, alle norme locali del regolamento di igiene ed edilizio, a norme di buona tecnica o a norme speciali (deposito di fitofarmaci). Deroghe al divieto di adibire al lavoro locali chiusi sotterranei o semi-sotterranei possono essere concesse dall ASL competente quando ricorrano particolari esigenze tecniche (art. 65 D.Lgs. 81/2008). Frequenza aggiornamento Nella realizzazione / modificazione di ambienti di lavoro. Larghezza e numero delle porte dei locali dove si svolgono lavorazioni Attività svolta: Locali che comportano rischio di esplosione o di incendio Lavoratori impegnati Larghezza porta Verso apertura N. Porte Inferiore a 5 unità Nessun obbligo. Le Nessun obbligo Minimo 1 norme su handicap impongono cm Superiori a 5 unità 120 cm Verso via d esodo Minimo 1 ogni 5 lavoratori 21

30 La nuova sicurezza sul lavoro Attività svolta: Locali dove si svolgono lavorazioni che non comportano rischio di esplosione o di incendio Lavoratori impegnati Larghezza porta Verso apertura N. Porte Sino a 25 unità 80 cm Nessun obbligo Minimo 1 Da 25 a 50 unità 120 cm Verso via d esodo Minimo 1 Da 51 a 100 unità 120 cm + 80 cm Verso via d esodo 2 Oltre 100 unità 1 da 120 cm ogni Verso via d esodo 2 per le prime persone o frazione persone ed 1 ogni compresa tra 10 e 50 ulteriori 50 persone Attività svolta: Locali e Depositi Lavoratori impegnati Larghezza porta Verso apertura N. Porte Sino a 25 unità (10 unità Dovrebbe applicarsi Nessun obbligo Minimo 1 secondo un altra interpretazione) il minimo di 80 cm Oltre 25 unità (ovvero secondo 110 cm per ogni Nessun obbligo Preferibilmente 1 altra interpretazione oltre 10) 50 persone o frazione per ogni 50 persone o compresa tra 10 e frazione da 10 a persone Tutte le porte da 120 cm hanno una tolleranza del 5%, in pratica sono ammesse porte fino a 114 cm. Le porte possono essere in numero minore purché non vari la larghezza complessiva. Tutte le porte da 80 cm hanno una tolleranza in meno del 2%. Caratteristica delle porte situate sulle vie di emergenza Altezza minima Larghezza minima Segnaletica 200 cm Disposta dalle norme antincendio Devono essere contrassegnate con segnaletica durevole conformemente alla normativa vigente 22

31 Titolo 1 - Tutti gli adempimenti in 50 schede Apertura Devono poter essere aperte, in ogni momento, dall interno senza aiuto speciale. Può non essere aperta verso l esodo nel caso che l apertura della stessa possa creare situazioni di pericolo per eventuali passaggi di mezzi o altro. In tal caso, si dovranno adottare altri specifici accorgimenti che dovranno essere autorizzati dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco competente per territorio. N. di porte Tutti i laboratori e i depositi devono essere provvisti di uscite di sicurezza in grado di garantire vie di fuga inferiori a 30 m da qualsiasi punto del locale. Per i luoghi di lavoro già utilizzati prima del 1 gennaio 1993 devono essere provvisti di porte di uscita che per numero e ubicazione consentono la rapida uscita delle persone e che sono agevolmente apribili dall interno durante il lavoro. Tali porte dovranno comunque essere adeguate ai commi e Per i luoghi costruiti o realizzati prima del 27 novembre 1994, non si applicano le disposizioni punti , , , e riguardanti la larghezza delle stesse. In ogni caso la larghezza delle porte di uscita deve essere conforme a quanto previsto dalla concessione edilizia ovvero dalla licenza di agibilità. Tipi di porte Tipo di porta Ammessa / Non ammessa Note Porte scorrevoli Non ammesse nei locali di lavoro Devono, quando ammesse, e di magazzino, se nello stesso disporre di un sistema di ambiente non ci sono porte ad anta sicurezza che eviti loro di uscire dalle guide Porta tipo saracinesca Non ammesse nei locali di lavoro a rullo e di magazzino, se nello stesso ambiente non ci sono porte ad anta Porte girevoli su Non ammesse nei locali di lavoro e asse verticale di magazzino, se nello stesso ambiente non ci sono porte ad anta 23

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori

D. LGS 81/2008. Informazione ai lavoratori D. LGS 81/2008 L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI L ADDESTRAMENTO Informazione ai lavoratori 1. Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione: a)

Dettagli

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Dott. Massimo Servadio Consulente e Formatore in ambito di Salute e Sicurezza sul Lavoro SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI ART.

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E STUDI PROFESSIONALI Ing. REGE Paolo Biella, 17 aprile 2009 Decreto Legislativo 81/08 Organizzazione e Gestione Valutazione dei rischi Informazione e

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Le Principali Novità

Le Principali Novità TESTO UNICO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI SUL LAVORO D. L.vo 81/08 Le Principali Novità Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il testo unico in materia di tutela della salute e sicurezza

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori INFORMAZIONE E FORMAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Relatore: Dott. Ing.

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

N O M I N A INCARICATI DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE DESIGNAZIONE DEI LAVORATORI INCARICATI DELL'ATTUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE INCENDI E LOTTA ANTINCENDIO, DI EVACUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO IN CASO DI PERICOLO GRAVE E IMMEDIATO, DI SALVATAGGIO

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini La programmazione e la formazione: strumenti essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro Formazione, informazione, addestramento Massimo Cecchini Definizioni (art. 2 D.Lgs. 81/2008) aa) «formazione»:

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp

Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Nuovo accordo Stato Regioni sulla Formazione dei Dirigenti, dei Preposti, dei Lavoratori e dei Datori di lavoro/rspp Il 21 dicembre 2011, la Conferenza Stato Regioni ha approvato gli accordi per la formazione

Dettagli

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN DOCUMENTO Pagina 1di 12 Redatto da Verificato Approvato Rev. Ines Magnani Malvolti Daniela firma firma Carlo Veronesi FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE Pagina 1di 9 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta Settore ATECO 2007 Totali addetti - N. operai - N. impiegati di cui

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE MACCHINA TECNICA CONTROLLO UOMO CULTURA - FORMAZIONE IL PRIMO FINE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA E SEMPRE LA PREVENZIONE DELL INFORTUNIO PER TUTELARE IL BENE PIU PREZIOSO CIOE LA SALUTE DELLE PERSONE

Dettagli

D.I.A. n. DEL././... AL COMUNE DI PACHINO U.T.C. - URBANISTICA Via Catania n 23-96018 Pachino (Sr)

D.I.A. n. DEL././... AL COMUNE DI PACHINO U.T.C. - URBANISTICA Via Catania n 23-96018 Pachino (Sr) PROT. SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO Modello D.I.A. Comune di Pachino (Sr) D.I.A. n. DEL././... AL COMUNE DI PACHINO U.T.C. - URBANISTICA Via Catania n 23-96018 Pachino (Sr) Denuncia di Inizio Attività ai

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

Pagina 1di 12. Accordo Stato Regioni 21/12/2011

Pagina 1di 12. Accordo Stato Regioni 21/12/2011 Pagina 1di 12 FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato D. Lgs. 81/08 art. 17 Accordo Stato Regioni 21/12/2011: Responsabile Servizio comma 1 lettera b) e Prevenzione

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

Secondo modulo. Obiettivi

Secondo modulo. Obiettivi Secondo modulo Obiettivi Acquisire le conoscenze di base sull organizzazione della prevenzione aziendale per la tutela e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Temi Misure di tutela e sicurezza Soggetti della

Dettagli

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA

Michele Lepore PRONTUARIO. delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Michele Lepore PRONTUARIO delle AUTORIZZAZIONI, VERIFICHE, CERTIFICAZIONI e dei CONTROLLI DI SICUREZZA Guida agli adempimenti tecnico-amministrativi di prevenzione infortuni, igiene del lavoro e prevenzione

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Sicurezza Lavoro Informazione, formazione e addestramento L informazione, la formazione e l addestramento per lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, rientrano fra

Dettagli

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore

Formazione generale 4 ore Può essere svolta in modalità e-learning. Formazione generale Rischio Medio 8 ore LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN BASE ALL ACCORDO STATO-REGIONI L Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina la durata, i contenuti minimi, le modalità della formazione ed aggiornamento dei lavoratori

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO Dal 1 giugno 2013 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona RICHIESTA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Pratica Edilizia N. 20 COMUNE DI ORDONA Provincia di Foggia protocollo AREA TECNICA Marca da bollo da 14,62

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 Protocollo di comportamento n. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111

CONFCOOPERATIVE Reggio Emilia Largo M.Gerra, 1 42100 Reggio Emilia Tel. 0522/546111 CATALOGO CORSI SICUREZZA - CORSO PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI D.LGS. 81/2008, D.M. 10/03/98 - CORSO PER ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO D.LGS. 81/2008 - D.M. 388/2003 - CORSO PER RAPPRESENTANTE DEI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006 IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO OMISSIONE NORMA VIOLATA NORMA PENALE SANZIONE Omessa richiesta di rilascio o rinnovo di certificato di prevenzione incendi Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale

CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale Marca da bollo da 16,00 CITTÀ DI TORRE DEL GRECO (PROVINCIA DI NAPOLI) 2^ Area Risorse Finanziarie e Programmazione 7 Settore Programmazione OO.PP. Edilizia Cimiteriale LAVORI DI EDILIZIA CIMITERIALE DENUNCIA

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

dvr documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013

dvr documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013 documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013 arch. Giorgio Valentini CONSORZIO SFERA w w w. c o n s f e r a. i t i n f o r m a z i o n i @ c o n s f e r a.

Dettagli

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro kiker Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE IL D.LGS.81/2008: TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO L evoluzione Normativa

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1)

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di posta elettronica certificata: Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 16,00 (1) Quadro A Dati dei richiedenti _ nato/a

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

La valutazione dei rischi: l autocertificazione. Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro

La valutazione dei rischi: l autocertificazione. Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro La valutazione dei rischi: l autocertificazione Dr. Duccio Calderini A.S.L. di Varese Servizio Igiene e Sicurezza del Lavoro VdR: definizione Art. 2 q): valutazione globale e documentata di tutti i rischi

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.. Dott.ssa Cinzia Frascheri Responsabile nazionale Salute e Sicurezza sul Lavoro e della RSI Capo I - Disposizioni generali ------------------

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

b) Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi; Lezione 6 La riunione periodica (art 35) La riunione periodica è un momento di discussione sui temi della prevenzione e della tutela della salute e dell integrità psicofisica dei lavoratori, prevista per

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Elementi normativi in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoratore nel luogo di lavoro. Dott.ssa Lucia PAMPANELLA

Elementi normativi in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoratore nel luogo di lavoro. Dott.ssa Lucia PAMPANELLA Elementi normativi in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoratore nel luogo di lavoro Dott.ssa Lucia PAMPANELLA ANTE D.LGS. 626/94 FONTI DELL OBBLIGO DI SICUREZZA COSTITUZIONE ITALIANA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO

CORSO RSPP + AGGIORNAMENTO CORSO di FORMAZIONE per DATORE di LAVORO 2 per lo svolgimento diretto dei compiti del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione dei rischi (Art. 34 1 del D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato

Dettagli

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO A.S. 2013 2014 INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO di tutto il personale presente nella scuola sull igiene, salute e sicurezza sul posto di lavoro ( ex artt. 36 e 37 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ) Il Rappresentante

Dettagli