CNA Informa IMPORTANTE APPUNTAMENTO INFORMATIVO. Valle Scrivia - Il territorio e le imprese Situazione e riflessioni di sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNA Informa IMPORTANTE APPUNTAMENTO INFORMATIVO. Valle Scrivia - Il territorio e le imprese Situazione e riflessioni di sviluppo"

Transcript

1 CNA Informa G e n o v a Bimestrale - Anno XLIV, n. 1 Aprile Direttore Responsabile: Roberto Buffagni Redazione e Amministrazione: via San Vincenzo, Genova Tel. (010) Reg. Trib. di Genova n 34/68 del Poste Italiane s.p.a. - Sped.abb.post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46), art. 1 comma 1, DCB Po - Stampa: Rindi IMPORTANTE APPUNTAMENTO INFORMATIVO CONVEGNO Valle Scrivia - Il territorio e le imprese Situazione e riflessioni di sviluppo Presentazione dei risultati dell indagine condotta dalla CNA sulle le condizioni socioeconomiche della Valle Scrivia, zona fondamentale per l economia dell entroterra ligure. All incontro, aperto alla cittadinanza, parteciperanno i sindaci della Valle Scriva e le imprese 1 n. aprile Confederazione Nazionale dell Artigianato e delle Piccole e Medie Imprese S ommario 2 Fiscale SABATO 19 maggio dalle ore Presso Villa Borzino, via XXV Aprile 17, BUSALLA per gentile concessione del Comune A conclusione dei lavori iniziati con l incontro di luglio a Casella, il 19 maggio presso Villa Borzino a Busalla, verranno presentati i dati relativi alla ricerca intrapresa dalla CNA - Genova sulla situazione socio economica della Valle Scrivia. Lo studio, che aveva come obiettivo la verifica della situazione economica della vallata e la sua percezione da parte degli abitanti, è stato condotto tramite la somministrazione di un questionario elaborato appositamente per la Valle Scrivia e rivolto ai soggetti che detengono interessi sul territorio. Il questionario ha indagato in particolar modo la percezione dell andamento dell economia e l atteggiamento degli imprenditori rispetto ai fattori di freno e sviluppo. All analisi dei dati raccolti è seguita una comparazione con i dati economici disponibili. Parteciperanno MASSIMO GIACCHETTA Presidente CNA Genova PAOLA NOLI Vice Presidente CNA Genova ROBERTO TIMOSSI Segretario CNA Genova Interventi dei Sindaci dei Comuni della Valle Scrivia ambiente e sicurezza ambiente e sicurezza consulenza del lavoro dalle unioni consulenza del lavoro dalle unioni FOCUS UFFICIO CNA DI BUSALLA, L.GO ITALIA 16\5 APERTO LUNEDI E GIOVEDI Iniziativa finanziata con il Contributo della Regione Liguria

2 fiscale Decreto semplificazioni in Gazzetta È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed è in vigore, il D.L. n.16/12. Tra le principali novità fiscali, si segnalano le seguenti: esteso lo spesometro: dal, l obbligo di comunicazione per le operazioni rilevanti ai fini Iva, per le quali è previsto l obbligo di emissione della fattura, prescinde dall ammontare pari o superiore a _ 3.000; compensazioni Iva: viene ridotto da _ a _ il limite del credito Iva compensabile senza necessità di preventivo invio della dichiarazione / istanza di rimborso trimestrale; utilizzo contante non residenti: le limitazioni all uso del contante per importi pari o superiori a _1.000 non si applicano ai soggetti extra Ue non residenti in Italia che effettuano acquisti di beni o prestazioni di servizi presso commercianti al minuto e soggetti assimilati (alberghi, ristoranti, ecc.) e agenzie di viaggio e turismo; comunicazione black list : l obbligo esiste solo per le operazioni di importo superiore a _ 500; dichiarazioni d intento: viene differito il termine di presentazione dei dati delle dichiarazioni d intento alla prima liquidazione nella quale confluiscono le operazioni effettuate senza applicazione dell Iva; imposta attività scudate: è prorogato al 16 maggio il termine di versamento dell imposta sulle attività scudate; Irap costo lavoro: è possibile richiedere il rimborso dell Irap per le annualità antecedenti il 2011, relativamente alla quota riferita alle spese per il personale dipendente. (D.L. 2 marzo, n.16, G.U. 2 marzo n.52) La Legge di conversione del D.L. n.216 del 29 dicembre c.d. Decreto Milleproroghe - è stata pubblicata nel Supplemento Ordinario n.36 alla Gazzetta Ufficiale n.48 del 27 febbraio. Si propone di seguito la sintesi con i relativi differimenti delle disposizioni di interesse: Partite Iva inattive Si riapre la possibilità per i titolari di partita Iva di utilizzare la procedura agevolata per estinguere le violazioni derivanti dalla mancata comunicazione di cessazione attività. La procedura era stata introdotta dal D.L. n.98/11, art.23, co.23. È necessario versare _129 entro il 2/04/12 (la scadenza naturale cade sabato 31/03/12). Calamità La Spezia, Massa Carrara, Genova E Messina Vengono prorogati i termini degli adempimenti e dei versamenti tributari, previdenziali e assistenziali e dei premi per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, che scadono nel periodo 1/10/11-30/06/12, per i contribuenti interessati dagli eventi calamitosi nelle province di La Spezia e Massa Carrara, e 4/11/11-30/06/12, per i contribuenti interessati dagli eventi calamitosi nella provincia di Genova. Nessun rimborso verrà erogato per chi ha già versato. Il versamento delle somme oggetto di proroga dovrà essere effettuato a decorrere dal 16/07/12, in un numero massimo di sei rate mensili di pari importo. Analoghe disposizioni sono previste in sede di conversione per i soggetti interessati dalle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi il giorno 22/11/11 a Messina. Con apposita ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri verranno individuati i soggetti beneficiari. Riapertura liti fiscali pendenti Viene disposto (modificando l art.39, co.2, D.L. n.98/11) che le liti fiscali di valore non superiore a _ , in cui è parte l Agenzia delle Entrate, pendenti alla data del 31 dicembre 2011 dinanzi alle Commissioni tributarie, possono essere definite, a domanda del soggetto che ha proposto l atto introduttivo del giudizio, con il pagamento delle somme previste dall art.16, L. n.289/02. Le somme dovute sono versate in un unica soluzione entro il 31 marzo (quindi il 2 aprile ). Esaurimento contenzioso presso la CTC Viene prorogato al 31 dicembre 2013 il termine per l esaurimento del contenzioso tributario pendente davanti alla Commissione tributaria centrale, concernente ricorsi iscritti a ruolo in primo grado da oltre 10 anni, per i quali l amministrazione finanziaria risulti soccombente nei primi due gradi di giudizio. In caso di soccombenza, anche parziale, dell A.F., la mancata riforma nei successivi gradi di giudizio determina l estinzione della controversia e il conseguente passaggio in giudicato. Tassazione dei redditi frontalieri Viene riscritto il comma 204 dell art.1 della Finanziaria n.244/07: I redditi derivanti da lavoro dipendente prestato, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, all estero in zone di frontiera e in altri Paesi limitrofi da soggetti residenti nel territorio dello Stato concorrono a formare il reddito complessivo: a) per gli anni 2008, 2009, 2010 e 2011, per l importo eccedente _8.000; b) per l anno, per l importo eccedente _ La modifica non rileva sul calcolo dell acconto dell Irpef dovuto per il Sistri È stata fissata al prossimo 30 giugno, l entrata in operatività del Sistema di controllo sulla tracciabilità dei rifiuti, ad eccezione delle piccole imprese agricole, rispetto a cui parte dal 2 luglio. 2

3 ambiente e sicurezza DICHIARAZIONE MUD scadenza al 30 aprile per la comunicazione annuale dei rifiuti gestiti nel 2011 Poichè nel corso del 2011 il sistri non ha avuto avvio, anche per quest anno le imprese sono tenute alla presentazione del MUD, ossia della dichiarazione riepilogativa dei rifiuti prodotti e smaltiti nel corso del La dichiarazione può essere presentata: alla Camera di commercio di competenza entro il 30 aprile. Per via telematica mediante la piattaforma Sistri Sono obbligati alla dichiarazione: i produttori di rifiuti PERICOLOSI i produttori di rifiuti NON PERICOLOSI con più di dieci dipendenti SISTRI: NUOVA PROROGA AL 30 GIUGNO Con la conversione in legge del cosiddetto Decreto MILLEPRORO- GHE (LEGGE 24 febbraio, n. 14) è confermata la proroga al SISTRI, la cui nuova data di entrata in vigore è stata fissata per il 30 giugno per tutte le tipologie di imprese, tranne quelle agricole. ESONERI: Non sono tenuti a presentare il MUD: - i trasportatori di rifiuti, - gli intermediari e commercianti senza detenzione, - i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi dell articolo 184, comma 3,lettere c), d) e g) del D.lgs. n. 152/2006 con meno di 10 dipendenti, - i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi dell articolo 184, comma 3, lettere a), b), e), f), h), i), l), m) del D.lgs. n. 152/2006, a prescindere dal numero di dipendenti. SICUREZZA SUL LAVORO OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE RSPP Nuova normativa per i datori di lavoro che svolgono direttamente il ruolo di Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione in base all art. 34 del D. lgs. 81/2008. Con un Accordo Stato Regioni in vigore dal 11 gennaio è cambiata la normativa relativa ai corsi di formazione per RSPP che coinvolge sia le nuove imprese che le imprese già esistenti. NUOVE IMPRESE Per le imprese di nuova costituzione, l Accordo stabilisce un termine massimo di 90 GIORNI entro il quale l impresa deve regolarizzarsi. In questo caso i corsi di formazione hanno durata differente a seconda della classe di rischio con cui viene classificata l impresa: attività ad alto rischio 48 ore attività a medio rischio 32 ore attività a basso rischio 16 ore Successivamente i partecipanti ai corsi dovranno provvedere ad aggiornare il corso ogni 5 anni. IMPRESE GIÀ ESISTENTI Per le imprese il cui titolare ha frequentato in passato un corso di formazione per RSPP, vale l obbligo di effettuare il CORSO DI AG- GIORNAMENTO. Tale corso di aggiornamento dovrà essere frequentato entro due anni dall Accordo (quindi entro il gennaio 2014) e successivamente ogni 5 anni. Il corso di aggiornamento ha durata DIFFE- RENTE a seconda della classe di rischio. La classe di rischio dipende dal settore di attività e dal codice Ateco: attività ad alto rischio 14 ore attività a medio rischio 10 ore attività a basso rischio 6 ore Casi particolari: CHI NON HA MAI frequentato corsi per RSPP Per queste ultime SISTRI non diventerà operativo prima del 2 luglio. Ricordiamo che entro il 30 aprile scade il termine per il pagamento della quota annuale di iscrizione a Sistri, il cui importo rimane invariato rispetto allo scorso anno. (perché esonerato in base al d. lgs. 626/94) dovrà frequentare il corso secondo le stesse modalità previste per le nuove imprese. Anche in questo caso la scadenza per regolarizzarsi è fissata in 2 anni dall entrata in vigore dell Accordo. Da sottolineare inoltre che l Accordo prevede un elenco preciso di soggetti che possono effettuare questo tipo di formazione affinchè sia valida ai fini di legge: enti di formazione professionale accreditati dalla Regione, università,inail, ECIPA, ente di formazione di CNA, accreditato presso la Regione Liguria, organizza sia i corsi per le nuove imprese che i corsi di aggiornamento. Per informazioni: ECIPA GENOVA Tel. 010/ SICUREZZA SUL LAVORO AL 30 GIUGNO SCADE LA VALIDITA DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI OBBLIGO DI REDAZIONE DEL DVR PER TUTTE LE ATTIVITA D IMPRESA Con l entrata in vigore del D. Lgs. 81/2008 sulla tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro, era prevista fino al giugno la possibilità per le imprese con meno di 10 addetti di adempiere in modo semplificato agli obblighi di legge. il particolare valeva la possibilità di evitare la redazione del documento di valutazione dei rischi sostituendola con un autocertificazione. Il DVR è il documento, redatto a conclusione della valutazione dei rischi che deve contenere: una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attività lavorativa; l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati; il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. Dopo la scadenza del 30 giugno le aziende senza Documento di valutazione dei rischi, potranno essere sanzionate con l arresto da 3 a 6 mesi o con l ammenda da _ a _ (art. 55 comma 1 e 2 del d. lgs. 81/2008). Per l assistenza dei tecnici CNA nella redazione del Documento, contattare UFFICIO AMBIENTE & SICUREZZA RENATA ROBIGLIO TEL. 010/

4 ambiente e sicurezza OBBLIGO DI FORMAZIONE PER TUTTI I LAVORATORI SICUREZZA SUL LAVORO Con un Accordo Stato Regioni in vigore dal 11 gennaio è stata definita in modo preciso la durata ed i contenuti dei corsi di formazione obbligatori per tutti i lavoratori, in materia di sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (art. 37 del d. lgs. 81/2008). Le imprese dovranno provvedere a formare TUTTI i lavoratori, indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Il percorso formativo deve essere articolato su due moduli: formazione generale in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro (4 ore) formazione specifica riferita ai rischi dell attività svolta. In questo caso le ore di formazione sono variabili a seconda della classe di rischio dell attività. 4 ore per le attività a basso rischio 8 ore per le attività a medio rischio 12 ore per le attività ad alto rischio L intero percorso di formazione può essere svolto sia in aula (presso l ente di formazione) che presso gli ambienti di lavoro. I corsi però devono essere realizzati previa richiesta di collaborazione agli enti bilaterali e/o agli organismi paritetici esistenti sul territorio. Ove la richiesta non riceva riscontro entro 15 giorni dal suo invio, il datore di lavoro procede autonomamente alla pianificazione e realizzazione delle attività di formazione, rivolgendosi a docenti interni o esterni all impresa. I docenti devono dimostrare di avere esperienza almeno triennale di insegnamento o professionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Può essere considerato docente anche il datore di lavoro purché abbia svolto almeno per un triennio il ruolo di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP): per la formazione in esterno, le imprese possono rivolgersi a ECIPA GENOVA TEL. 010/ consulenza del lavoro NORMATIVA AMBIENTALE PROSSIME SCADENZE 30 aprile 30 aprile 30 novembre 30 aprile 30 giugno MUD Presentazione alla Camera di commercio o invio telematico a Sistri ALBO GESTORI AMBIENTALI rinnovo quota di iscrizione per autorizzazione trasporto rifiuti (in conto proprio e in conto terzi) SISTRI Rinnovo quota annuale LAVANDERIE Invio al comune della comunicazione annuale emissioni DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (d. lgs. 81/2008) Entro tale data le imprese con meno di 10 addetti che usufruivano dell autocertificazione dovranno provvedere a redigere il Documento. BANDO DELLA PROVINCIA DI GENOVA INTERVENTI A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE La Provincia di Genova ha approvato il bando alle imprese per l erogazione di bonus assunzionali nell ambito dell Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di re-impiego promossa dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali Si rende noto che a partire dal 15 marzo sono disponibili sul sito - Bandi politiche del lavoro Il bando e la modulistica per accedere ai bonus assunzionali per assunzioni/ trasformazioni a tempo INDETERMINATO di lavoratori iscritti ai Centri per l impiego. Il contributo riguarda solo alcune tipologie di lavoratori indicati nel Bando. Si invitano i datori di lavoro a consultare attentamente il bando con particolare riguardo ai requisiti, alle modalità e ai termini di presentazione delle domande di contributo indicati nel bando. Le domande di contributo devono essere spedite a partire dal 16 aprile ed entro il 31 maggio. VARIAZIONI CONTRATTUALI SETTORE ARTIGIANATO: A tutto il personale in forza il 16/6/2011 dovrà essere erogata la seconda rata dell una tantum (la prima è stata corrisposta nel mese di settembre 2011) a copertura del periodo di vuoto contrattuale compreso tra il 1/1/2010 e il 30/6/2011. L importo complessivo totale della seconda rata è di euro 123,00. MESE DI APRILE : ACCONCIATURA ED ESTETICA - Verbale 25 novembre Aumento dei minimi tabellari METALMECCANICA - ODONTOTECNICA - OREFICERIA - Rinnovo 16 giugno 2011 Una tantum Ai lavoratori a con rapporto di lavoro a tempo parziale l una tantum compete in misura proporzionale al loro tempo di lavoro. Per gli apprendisti l importo dell una tantum spetta in misura pari al 70% L importo dell una tantum non è considerato utile ai fini dei vari istituti legali o contrattuali diretti e indiretti compreso il trattamento di fine rapporto. L importo dell una tantum dovrà essere ridotto in misura corrispondente nei periodi di assenza dal lavoro quali, il servizio civile, l assenza facoltativa post partum e le sospensioni per mancanza di lavoro concordate. 4

5 dalle Unioni UNIONE CNA ALIMENTARE DISPOSIZIONI PER LA PROMOZIONE E TUTELA DELLA CONCORRENZA DECRETO LEGGE (N. 201 DEL PUBBLICATO SULLA G.U. N SUPPL ORD. 251) Nuove norme in tema di Liberalizzazioni e sugli orari di apertura degli esercizi commerciali. Secondo la disciplina dell Unione Europea e nazionale in materia di concorrenza, libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi, costituisce principio generale dell ordinamento nazionale la libertà di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, esclusi quelli connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dell ambiente e dei beni culturali. Le Regioni e gli enti locali adeguano i propri ordinamenti alle prescrizioni del presente comma entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Ciò significa che le attività commerciali (comprese le attività di panificazione esercitate assieme alle attività commerciali) ed i pubblici esercizi possono di fatto tenere aperto 24 ore su 24 ore ed anche nei giorni festivi. In tale ambito applicativo però non ricadono le attività artigianali ovvero quelle aventi il laboratorio con annesso locale di vendita al pubblico (gelaterie, pasticcerie, laboratori di pasta fresca a mano, pizza al taglio e da asporto, gastronomie in genere) e altre attività dell artigianato di servizi. I Comuni per quanto riguarda il tema degli orari possono adeguarsi e/o porre limitazioni alle presenti norme attraverso ordinanze proprie o protocolli di intesa con le Associazioni di categoria solo in virtù del rispetto di principi costituzionali che riguardano: - L ordine pubblico. - La pubblica sicurezza. - L ambiente. - Il diritto alla salute. Ciò potrebbe permettere ad esempio a determinati Comuni di porre alcune limitazioni agli orari di pubblici esercizi o di talune attività commerciali per questioni inerenti l ordine pubblico o il diritto alla salute fisica e/o ambientale che sono per l appunto costituzionalmente garantiti. DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITÀ L art. 62 (DL 24/1/ n. 1 per le Liberalizzazioni) Disciplina le relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari. Il Decreto legge è esecutivo dal momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ma ai fini della conversione in legge entro 60 giorni, per il provvedimento si sta avviando in questi giorni la discussione al Senato. Obiettivo del provvedimento è quello di salvaguardare la produzione agroalimentare e le PMI rispetto alle pratiche commerciali scorrette da parte della Grande distribuzione organizzata Il provvedimento introduce pertanto delle nuove regole: - la forma obbligatoria del contratto - i tempi di pagamento con le relative sanzioni - il divieto di pratiche commerciali condotte in modo sleale. Vediamo in sintesi i contenuti Forma scritta e clausole obbligatorie. I contratti di fornitura devono venire stipulati obbligatoriamente in forma scritta, e indicano a pena di nullità - la durata - le quantità e le caratteristiche del prodotto - il prezzo, le modalità di consegna e di pagamento I contratti devono essere inspirati a principi di trasparenza, correttezza, proporzionalità e reciproca corrispettività delle prestazioni, con riferimento ai beni forniti. Di fatto non saranno più ammessi gli accordi o ordini verbali. Tale regola non sussiste nella fase di vendita diretta al consumatore finale; non deve perciò essere applicata da parte delle gelaterie, pasticcerie, panetterie, rosticcerie, pizza taglio/asporto, macellerie etc, che effettuano la vendita diretta al consumatore finale. Divieto di pratiche commerciali scorrette Nelle relazioni e transazioni commerciali tra operatori, compresi quindi i contratti che hanno ad oggetto la cessione dei beni appena menzionati, è vietato: - imporre direttamente o indirettamente condizioni di acquisto, di vendita o altre condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, nonché condizioni extracontrattuali (non derivanti dal contratto medesimo) e retroattive; - applicare condizioni oggettivamente diverse per prestazioni equivalenti; - subordinare la conclusione, l esecuzione dei contratti e la continuità e regolarità delle medesime relazioni e transazioni commerciali alla esecuzione di prestazioni da parte dei contraenti che, per loro natura e secondo gli usi commerciali, non abbiano alcuna connessione con l oggetto degli uni e delle altre; - conseguire indebite prestazioni unilaterali, non giustificate dalla natura o dal contenuto delle relazioni commerciali; - adottare ogni ulteriore condotta commerciale sleale che risulti tale anche tenendo conto del complesso delle relazioni commerciali che caratterizzano le condizioni di approvvigionamento. Tempi di pagamento Per le tipologie di contratti appena menzionati ossia quelli che hanno per oggetto la cessione di soli prodotti agricoli e alimentari il pagamento del corrispettivo deve essere effettuato entro il termine di legge di - 30 giorni dalla consegna o dal ritiro dei prodotti medesimi o delle relative fatture per i prodotti deteriorabili; - 60 giorni per tutte le altre merci. All uopo gli interessi decorrono automaticamente dal giorno successivo alla scadenza del termine di pagamento ove il tasso legale di interesse è maggiorato irrevocabilmente di ulteriori 2 punti percentuali. Prodotti o merci deteriorabili Sono considerati prodotti o merci deteriorabili i: - prodotti agricoli, ittici e alimentari preconfezionati che riportano una data di scadenza o un termine minimo di conservazione non superiore a sessanta giorni; - prodotti agricoli, ittici e alimentari sfusi, comprese erbe e piante aromatiche, anche se posti in involucro protettivo o refrigerati, non sottoposti a trattamenti atti a prolungare la durabilità degli stessi per un periodo superiore a sessanta giorni; - prodotti a base di carne che presentino le seguenti caratteristiche fisico-chimiche: aw superiore a 0,95 e ph superiore a 5,2 oppure aw superiore a 0,91 oppure ph uguale o superiore a 4,5; - tutti i tipi di latte. Sanzioni Salvo che il fatto non costituisca reato, i soggetti che contravvengono gli obblighi: a) relativi alla stipula del contratto in forma scritta sono puniti con una sanzione amministrativa da euro 516 a euro ; b) relativi al divieto di pratiche commerciali sleali dei rapporti commerciali sono puniti con una sanzione amministrativa da euro 516 a euro c) relativi al mancato rispetto dei termini di pagamento sono puniti con sanzione amministrativa da euro 500 a euro L entità della sanzione è determinata in ragione del fatturato aziendale e della misura dei ritardi. segue a pagina 6 5

6 dalle Unioni continuo di pagina 5 Controlli Sull applicazione di tale normativa la vigilanza e le sanzioni sono affidate alla Autorità garante per la concorrenza ed il mercato (Antitrust) che amplia le proprie competenze alle pratiche commerciali scorrette tra imprese, con il potere di intervenire d ufficio o su segnalazione di qualunque soggetto interessato Pur condividendo lo spirito e le finalità del legislatore, nello specifico il Ministro dell Agricoltura, che ha portato alla stesura della norma, come CNA Alimentare individuiamo alcune criticità: - l obbligo di contratti in forma scritta potrebbe comportare un forte appesantimento gestionale nella vita in particolare delle piccole imprese; - la differenziazione dei tempi di pagamento tra prodotti alimentari deperibili e gli altri, rischia di accentuare una asimmetria nella filiare; - la decadenza delle possibilità di accordi tra le parti interessate con termini di pagamento diversi da quelli omologati introduce elementi di rigidità a scapito della esigenza di flessibilità nelle relazioni tra imprese. In considerazione di questi elementi stiamo lavorando, auspichiamo di concerto con le associazioni di Rete Impresa Italia, per proporre dei correttivi/emendamenti alla norma. SEMPLIFICAZIONE FISCALE SULLE ACCISE PER I PICCOLI BIRRIFICI Il Decreto Legge in materia di semplificazione tributarie (2 marzo, n. 16) accoglie integralmente la proposta CNA Alimentare/ Unionbirrai in tema di semplificazione. Il testo prevede un regime fiscale semplificato per l assolvimento dell accisa esclusivamente dedicato ai piccoli produttori di birra, e cioè per coloro che producono meno di diecimila ettolitri all anno. In dettaglio si prevede che il pagamento dell accisa venga calcolato unicamente nella fase del confezionamento, eliminando, quindi molti degli adempimenti amministrativi che fino ad oggi erano necessari, viene così eliminato l onere del magazzino fiscale e ridotti i livelli su cui operare i controlli al solo momento della produzione e del confezionamento. Questa norma ha inoltre permesso di individuare con precisione il piccolo produttore di birra (volume di produzione entro i ettolitri) e creato le condizioni per una effettiva armonizzazione, con regole uniformi sull intero territorio nazionale, dell assetto dei depositi fiscali e delle modalità di accertamento e controllo della produzione. Compete all Agenzia delle Dogane determinare le linee guida, in questi giorni si stanno riprendendo i contatti con l Agenzia per avviare il nuovo confronto. UNIONE ARTISTICO E TRADIZIONALE INDAGINE SUL PRODUCT PLACEMENT Presentati ad Arezzo Oro i risultati dell indagine sul Product Placement, la forma di marketing non convenzionale per promuovere le produzioni orafe nel mondo del cinema. Positiva risposta da parte delle imprese all indagine promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico in collaborazione con la Consulta Nazionale dei Produttori Orafi, di cui CNA è portavoce per il. Emerge un interesse delle aziende del settore per questa particolare forma di marketing considerando soprattutto il fatto che gli operatori non ritengono che la produzione italiana venga ben percepita nei nuovi mercati e che è dunque necessario perseguire tutte le forme possibili di comunicazione e promozione. Il timore è relativo ai costi per questa tipologia di attività e per il supporto che necessariamente le organizzazioni di categoria del mondo orafo e le case di produzione cinematografica devono fornire. E emersa, su proposta del Ministero per lo Sviluppo Economico, la possibilità di incontri con le case di produzione dei film per avviare una possibile proficua collaborazione. CNA e la Consulta Produttori Orafi hanno ulteriormente proposto, per abbattere appunto i costi, un concorso che raccolga le migliori opere di produzione orafa e che ponga come premio finale, un attività di product placement, ovvero l apparizione in un film del prodotto vincitore del concorso. La proposta comprende inoltre la realizzazione di una mostra organizzata con la collaborazione della casa di produzione cinematografica. Sono stati avviati i primi contatti e verrà verificata la reale fattibilità del progetto. RESTAURO - BREVE STOP IN COMMISSIONE Si registra un rallentamento nell iter legislativo della modifica dell art. 182 del codice dei beni culturali avviato dal confronto tra il Governo e la Commissione Beni Culturali del Senato. Contrariamente a quanto prima deciso dalla Commissione, sono stati aperti i termini per la presentazione di emendamenti, se pur per una breve durata temporale. CNA ha rinunciato a presentare proposte emendative avendo già condiviso il testo emerso dal Comitato Ristretto della Commissione Beni Culturali del Senato. Ci si auspica che questa procedura non alteri in maniera sostanziale i contenuti del testo e gli obiettivi che con lo stesso potrebbero essere raggiunti nel rispetto del mercato e della tutela e conservazione del patrimonio artistico-culturale del nostro paese. FAI UNA DOMANDA A CNA ALIMENTARE DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI SUI SEGUENTI ARGOMENTI? Normativa igienico sanitaria; Internazionalizzazione; Normativa etichettatura; Servizio HACCP per le aziende Alimentari - Rintracciabilitá degli alimenti; Sistemi Qualitá (Vision 2000); Prodotti tipici; Formazione professionale; Disciplinari di produzione; Credito agevolato e convenzioni bancarie; Consulenza del lavoro e gestione paghe; Ambiente e sicurezza sul lavoro; Consulenza fiscale e gestione contabilità semplificata e ordinaria (inizi attività, modifiche, cessazioni) Assicurativo. Per informazioni e approfondimenti Domenico Mascher,

7 Nuovi adempimenti in fase sperimentale per la verifica della congruità della mano d opera. IMPORTANTE: terminata la sperimentazione, non sarà rilasciato il DURC a chi non compilerà correttamente le denunce dei cantieri 1) Dalla denuncia relativa al mese di Febbraio dovranno essere compilati tutti i nuovi campi inseriti nel MUT. In particolare dovrà essere indicato per ogni cantiere il codice di attività relativo alla percentuale di incidenza mano d opera (cfr. tabella allegata). Ogni cantiere verrà automaticamente numerato dal sistema con un codice identificativo valido per l intero territorio nazionale. Poiché sino ad oggi la compilazione dei campi relativi ai cantieri risulta carente (dati mancanti o errati, duplicazione degli stessi cantieri, omissioni di cancellazioni cantieri ultimati, etc.), al fine di evitare che uno stesso cantiere sia dalle Unioni UNIONE CNA COSTRUZIONI VERIFICA CONGRUITA identificato con più codici (con conseguenze sulla verifica di congruità) dalla denuncia del mese di febbraio tutti i cantieri attivi nel mese (e solo quelli) dovranno essere ricaricati in denuncia (A CURA DELL IMPRESA) per le nuove codificazioni. Dalla denuncia di Marzo, la Cassa metterà a disposizione dei compilatori l elenco dei cantieri già codificati per l eventuale inserimento facilitato in denuncia. Ovviamente i nuovi cantieri dovranno essere aggiunti ex-novo per la successiva numerazione. 2) Sempre con la denuncia di Febbraio dovranno essere indicati anche i lavoratori autonomi con tutti i dati richiesti 3) Dalla denuncia di Aprile la Cassa dovrà effettuare la verifica di congruità della mano d opera per i saldi finali di tutti i lavori pubblici e per i privati se l importo complessivo supera i 70 mila euro. Tale verifica per l anno avrà carattere sperimentale mentre dal 2013 avrà effetto sulla regolarità del DURC. Allo scopo di aiutare le lavanderie artigiane a evitare contestazioni e sanzioni da parte della Guardia di Finanza e dell Agenzia delle Entrate per la mancata o errata emissione dello scontrino fiscale o della ricevuta fiscale, riepiloghiamo le regole alle quali si devono attenere gli esercenti questa attività: 1. In caso di emissione di ricevuta fiscale: la ricevuta fiscale va emessa al momento del versamento dell anticipo, ferma restando la necessità di emettere altra ricevuta fiscale al momento dell ultimazione della prestazione o di consegna del bene. In tal caso quest ultima ricevuta deve recare gli estremi della (o delle) ricevuta già emessa per la medesima prestazione. 2. In caso di emissione di scontrino fiscale: per le prestazioni lo scontrino va emesso al momento del pagamento del corrispettivo, ovvero al momento dell ultimazione delle prestazione se questa è anteriore al pagamento; in tale ultimo caso, sussiste l obbligo di indicare sullo scontrino che il corrispettivo non è stato pagato, in tutto o in parte. Per ulteriori approfondimenti: CNA GENOVA, Francesca Parodi o Alessandra Bartolozzi. 4) Dalla denuncia di Aprile la Cassa si doterà di un contatore di congruità che registrerà mensilmente, per ogni cantiere, i dati dichiarati in modo tale da consentire, sia alla Cassa che all Impresa interessata, di seguire l andamento del livello di congruità. Info ge.it TABELLA INDICI DI CONGRUITA (da utilizzare nel riquadro DESCRIZIONE DEI LAVORI ) CATEGORIE Percentuali di incidenza minima della manodopera sul valore dell opera 1 OG1 - nuova edilizia civile compresi impianti e forniture 14,28% 2 OG1 - nuova edilizia industriale esclusi impianti 5,36% 3 Ristrutturazioni di edifici civili 22,00% 4 Ristrutturazioni di edifici industriali esclusi impianti 6,69% 5 OG2 - restauro e manutenzione di beni tutelati 30,00% 6 OG3 - opere stradali, ponti, ecc. 13,77% 7 OG4 - opere d arte nel sottosuolo 10,82% 8 OG5 - dighe 16,07% 9 OG6 - acquedotti e fognature 14,63% 10 OG6 - gasdotti 13,66% 11 OG6 - oleodotti 13,66% 12 OG6 - opere di irrigazione ed evacuazione 12,48% 13 OG7 - opere marittime 12,16% 14 OG8 - opere fluviali 13,31% 15 OG9 - impianti per la produzione di energia elettrica 14,23% 16 OG10 - impianti per la trasformazione e distribuzione 5,36% 17 OG12 - OG13 -bonifica e protezione ambientale 16,47% Per informazioni e approfondimenti Domenico Mascher, LAVANDERIE: QUANDO VA EMESSO LO SCONTRINO O LA RICEVUTA? 7

8 dalle Unioni UNIONE CNA INSTALLAZIONE E IMPIANTI ENERGIE RINNOVABILI - QUINTO CONTO ENERGIA Conto alla rovescia per i nuovi incentivi alle fonti rinnovabili: il Governo ha annunciato entro pochi giorni i decreti ministeriali pur non confermando quanto previsto dalla bozza attribuita al MiSE e circolata nei giorni scorsi, mentre invece è calato il silenzio sul Quinto Conto Energia. Il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, di fatto, sembra sempre più orientato a dare spazio alle fonti rinnovabili alternative al Fotovoltaico, tanto che, a margine di un audizione alla Camera, ha assicurato che arriveranno «prestissimo» i decreti ministeriali sugli incentivi alle rinnovabili, che le imprese stanno aspettando da fine Le aziende che si occupano di fotovoltaico in Italia si sono sviluppate in modo crescente a partire dal 2007 grazie al II Conto Energia. SEDE PROVINCIALE GENOVA CENTRO Via S. Vincenzo 2-1 piano tel Fax SAMPIERDARENA Via Carzino 2 - Tel Fax VOLTRI Via Don Giovanni Verità 4A/1 Tel Fax ARENZANO Via Sauli Pallavicini 17 Le nostre sedi in provincia di Genova CHIAVARI Via Bontà 71/1C Tel Fax SESTRI LEVANTE Via Nazionale 128 Tel Fax RAPALLO Via Boccoleri 12 Tel Fax BUSALLA Largo Italia 16/5 CICAGNA Piazzetta Cavagnari - c/o G.A.L. I giovani occupati sono stati numerosi, anche se, soprattutto nel 2008, si sono affacciati al mercato grandi operatori che hanno fatto enormi impianti a terra soprattutto in Puglia. Il sistema ha iniziato a produrre effettivamente grandi quantitativi di energia costringendo i gestori della rete a discutere sulla rete stessa che non è fatta per ricevere energia parcellizzata, bensì per le grandi centrali. Gli incentivi crescenti hanno generato un moltiplicatore dei redditi che ha permesso a numerosi soggetti di garantire posti di lavoro anche a categorie in forte crisi, in primis ingegneri e geometri. Ciò ha gravato sulle bollette degli italiani attraverso la voce A3, che comprende anche CIP 6 e Decomissioning nucleare, facendo aumentare il costo delle bollette. Tuttavia è bene considerare che si tratta di una tassazione che incide per tutte le rinnovabili di circa il 10% sulle accise energetiche generali e che ha permesso di non utilizzare gli ammortizzatori sociali che avrebbero avuto effetti ben più gravi sul sistema. Le imprese che si occupano di rinnovabili sono spesso organizzate in due divisioni, una per i montaggi e l altra per le pratiche burocratiche. Il problema è che il costo burocratico è lo stesso dei montaggi, il problema è che la burocrazia nella nuova ipotesi di conto energia è stata incrementata con l introduzione di nuovi registri e paletti. In sostanza un azienda oggi per stare sul mercato dovrebbe aumentare il numero di addetti sia nei montaggi che nelle pratiche perché con la riduzione del costo degli impianti si è costretti ad aumentare il numero degli impianti montati per mantenere il medesimo livello di fatturato. Ciò in un contesto in cui la stretta bancaria è senza pari. E vero vengono incentivate le altre fonti rinnovabili, ma provi il Ministro Passera a farsele autorizzare laddove trovi il vettore energetico adatto, cosa non facile. Forse sarebbe bene che il Governo Monti iniziasse a difendere i piccoli artigiani e le piccole imprese perché sono il tessuto di questo Paese. Se l unico scopo che ha è liquidare il liquidabile, recuperare denari da chi paga, non toccare i grossi player, parlare solo con alcuni interlocutori, annullare piani strategici come l energia e difendere banche e grosse aziende, direi che sarebbe meglio metterlo in discussione, sempre atteso che la classe politica attualmente in essere non ha di certo le medesime competenze e intelligenze. Vi ricordiamo che CNA Installazione Impianti ha aderito alla manifestazione Salviamo il futuro delle rinnovabili di mercoledì 18 aprile alle h in Piazza Montecitorio a Roma. Quando andremo in stampa probabilmente le cose saranno definite, ma CNA continuerà ad impegnarsi per garantire e sostenere il settore delle rinnovabili. Per info Decreto-Legge 5/ Disposizioni urgenti in materia di semplificazione Pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 82 del 6 aprile) il D. L. 9 febbraio n. 5, Decreto Legge Semplificazioni che contiene due articoli (il 9 ed il 34) che riguardano la categoria degli installatori. l articolo 9 istituisce la dichiarazione unica di conformità degli impianti, prevede l abolizione degli allegati I e II del DM 37/08 (i modelli ufficiali di dichiarazione di conformità per imprese installatrici e per imprese non installatrici) che saranno sostituiti da un nuovo modello di Dichiarazione di conformità che dovrà essere approvato da un successivo decreto ed abolisce l obbligo di depositare la DI.CO. presso lo sportello unico tranne nei casi in cui la DI.CO. stessa serva per ottenere il certificato di agibilità dal Comune in caso di allacciamento di una nuova fornitura. Rimane pertanto non risolto il problema, da noi posto, di garantire, tramite l invio telematico della DI.CO. ai Comuni, la rintracciabilità ed una reale fruibilità, agli interessati e per i controlli di legge, delle dichiarazioni di conformità. l articolo 34 interviene sul problema della conversione delle abilitazioni dalla L. 46/90 al DM 37/08 Per informazioni 8

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori

DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori Marcello Fiore Rosa Caterina Cirillo Lino Enrico Stoppani DOPO L ARTICOLO 62 Le regole sui pagamenti dei fornitori (edizione aggiornata al Decreto Legislativo 9 novembre 2012 n. 192 di recepimento della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli