Interazioni brain-gut axis: nuove prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interazioni brain-gut axis: nuove prospettive"

Transcript

1 Le disfunzioni dell area sacrale nella patologia neurologica Catania, giugno 2013 Hotel Excelsior Interazioni brain-gut axis: nuove prospettive Dott. Simone Vigneri Dipartimento di Biomedicina sperimentale e Neuroscienze Cliniche (Bio.Ne.C.) - Università di Palermo

2 Brain-gut axis: complesso apparato che regola le interazioni e le reciproche influenze tra il sistema nervoso e l intestino. Si articola in vari livelli attraverso un sistema di recettori, fibre afferenti, centri di intergrazione, fibre efferenti ed effettori, e si avvale di multipli messaggeri appartenenti al sistema nervoso, immunitario e ormonale. Il suo coinvolgimento è implicato nella fisiopatologia di numerose patologie funzionali.

3 Central autonomic network (CAN)

4 Central autonomic network (CAN) Nel 1993 Benarroch identificò l insula (IC) come la corteccia viscerale sensitiva primaria e la corteccia cingolata anteriore (ACC) come importante area viscerale motoria coinvolta nell avvio e nella modulazione dell output autonomico in risposta a dolore. L amigdala avvia risposte endocrine, autonomiche e motorie successive alle emozioni; L ipotalamo, (zona paraventricolare, mediale e laterale) possiede invece un ruolo fondamentale nel controllo neuroendocrino, dell omeostasi, nelle risposte comportamentali e nelle efferenze al tronco encefalo; American Academy of Neurology (AAN), 2007

5 Central autonomic network (CAN) Il grigio periacqueduttale (PAG) attiva risposte antinocicettive. Il nucleo parabrachiale (PBN) riceve, informazioni da rec. viscerali, termici e nocicettori. Il nucleo del tratto solitario (NTS) è la prima stazione per afferenze nocicettive (corna posteriori e V n.c.), gustative e viscerali (VII, IX, X n.c.) nonchè per i riflessi cardiovascolari, respiratori e gastrointestinali. Bulbo ventromediale (VLM): porzione rostrale (neur. C1 adrenergici e glutammatergici: input simpatico pregangliare) e caudale (neuroni A1 noradrenergici e GABA: riflex CV). I nuclei del rafe forniscono output pregangliari simpatici: vasocostrizione cute. AAN, 2007

6 Brain-gut axis Sebbene alcune risposte intestinali a stiramento o stimoli chimici coinvolgano riflessi enterici, la maggior parte dei riflessi del tratto gastroenterico (e.g., feedback duodeno-gastrico per lo svuotamento gastrico) coinvolge riflessi mesenterici (ruolo dei gangli mesenterici) o riflessi vago-vagali. Risposte intestinali a stimoli nocicettivi coinvolgono riflessi spinali e sopraspinali, dando avvio a risposte emotive e autonomiche.

7 Brain-gut axis Nuclei ponto-bulbari (e.g., rafe e locus coeruleus) esercitano un azione inibitoria sui riflessi mentre le aree prefrontali (PFC) regolano l output simpato-vagale e midollare tramite le vie discendenti: modulazione di risposta a stimoli ambientali (intestinali o esterni) e al recall. Il NTS riceve input da afferenze vagali e interneuroni e invia ai motoneuroni del nucleo motorio dorsale del vago (DMN). A1, A2 e A5 inviano alla VLM. Il PAG riceve input da PBN e prosencefalo. La PFC inoltre modula IC e ACC.

8 Innervazione dell intestino Le funzioni intestinali sono assicurate da innervazione estrinseca ed intrinseca: Innervazione estrinseca: n. vago, fibre simpatiche splancniche e parasimpatiche sacrali; Innervazione intrinseca: sistema nervoso enterico (SNE) costituito dai neuroni del plesso sottomucoso e mioenterico. Sebbene SNC e SNA possano modulare il sistema, l attività dei motoneuroni è per lo più dipendente da neuroni afferenti intrinseci primari (IPANs) e interneuroni interni al SNE.

9 Sistema nervoso enterico

10 Sistema nervoso enterico Plesso mioenterico (Auerbach): controllo della motilità GI; Plesso sottomucoso (Meissner): trasporto ionico, flusso ematico, afferenze sensitive.

11 Neuroni afferenti primari Funzioni: Controllo dell apparato gastroenterico: Generare appropriate risposte riflesse in base al contenuto del lume intestinale; Mediare riflessi tra organi diversi; Trasmettere afferenze dal SNE al SNC: Avvio risposte riflesse; Coordinazione con altri apparati; Trasmissione di sensazioni come discomfort, nausea, dolore e sazietà.

12 Neuroni afferenti primari intrinseci (IPANs) IPANs mioenterici, responsivi a: Distorsione delle terminazioni negli strati muscolari esterni; Variazioni di ph nel lume (terminazioni). IPANs sottomucosi, rispondono a: Distorsione meccanica della mucosa; Variazioni di ph nel lume. LM, muscolatura longitudinale; CM, muscolatura circolare; MP, plesso mioenterico; SM, sottomucosa; Muc, mucosa.

13 Ma tenga presente che un verme, con pochissime eccezioni, non è un essere umano Dr. Frederick Frankenstein

14 Innervazione estrinseca Innervazione vagale: a) afferente --> 70-90% fibre amieliniche il cui soma si trova nel ganglio nodoso e che terminano nel NTS. Prevalentemente sensibili a stimoli meccanici. Azione eccitatoria o inibitoria sulle vie nocicettive spinali; b) efferente --> comprendono il nucleo ambiguo (NA) e il DMN. Quest ultimo riceve afferenze dal NTS e innerva la muscolatura liscia dei visceri (via plesso mioenterico); c) riflessi vago-vagali --> originano nel tronco encefalo (NTS e DMN); d) controllo del SNC --> 1. il NTS invia a neuroni motori nel DMN/NA e delle colonne intermedio-laterali (IML); 2. il NTS invia ai nuclei motori del V, VII, XII n.c. e NA; 3. afferenze viscerali giungono al tronco encefalo (e.g., PBN) che ritrasmette alle aree cortico-sottocorticali; 4. fibre lunghe giungono a talamo, ipotalamo, aree limbiche e IC, che mediano risposte autonomiche, endocrine e comportamentali. Connessioni multiple tra nuclei vagali e prosencefalo (e.g., ACC) --> circuiti viscerali.

15 Innervazione estrinseca Innervazione sacrale/parasimpatica: S1-S5 --> nn. pelvici --> gangli pelvici --> f. postgangliari --> colon distale, retto e sf. anale int. Afferenze dai nervi pelvici --> DRG --> riflex spinali (e.g., defecazione). SNC agisce sul midollo sacrale modulando la motilità del colon. Innervazione splancnica/simpatica: a) afferenti --> afferenze viscerali e spinali (C e Ad) --> gangli para/prevertebrali --> via spino-talamica mediale/laterale --> c. limbica, IC, SI, PFC; b) efferenti --> midollo toraco-lombare --> f. pregangliari Ach (IML) --> gangli spinali, celiaco/mesenterico sup. (stomaco, tenue e crasso prox), mesenterico inf. (crasso), pelvico (retto) --> f. postgangliari NA --> gangli del plesso mioenterico --> inibiz. rilascio Ach dai neuroni mioenterici e sottomucosi; c) controllo del SNC --> ipotalamo stimola, prosencefalo mediale inibisce la motilità colica.

16 Neuroni afferenti primari estrinseci Includono: Neuroni primari afferenti vagali (soma nei gangli nodoso e giugulare); Neuroni primari afferenti spinali (soma nei gangli delle radici dorsali). Neuroni centripeti: Braccio afferente dei riflessi entero-enterici; Soma nel SNE.

17

18 Innervazione della muscolatura striata del tratto GI Deglutizione: corteccia precentrale --> tronco encefalo (CPG dorsale e ventrale) Afferenze periferiche V, VII, NA (IX e X), XII n.c. C1-C3 NA, DMN Orofaringe Esofago Defecazione: corteccia motoria (area 4a) Corna anteriori S1-S2 (nucleo di Onuf) Afferenze periferiche Sfint. anale est. Nervo pudendo

19 Neurochimica Cellule che trasducono il segnale includono c. enterocromaffini (EC) e enteroendocrine che rilasciano rispettivamente serotonina (5-HT) e colecistochinina (CCK). Elevate quantità di neurotrasmettitori vengono dismesse (ciò può renderne difficoltoso il metabolismo) per colmare il gap tra EC e targets. Le EC hanno un ruolo importante nella motilità gastrointestinale e nell IBS grazie al ruolo della serotonina nella trasduzione del segnale di avvio di riflessi peristaltici e secretivi.

20 Neurotrasmettitori del SNE Goyal RK, Hirano I. The enteric nervous system. N Engl J Med (17):

21 A che ci serve conoscere ciò?

22 IBS Dismotilità; Stress: alterazione asse ipotalamo-ipofisisurrene --> aumento rilascio CRF --> stimolo vagale --> aumento peristalsi colica; Ipersensibilità viscerale: coinvolge ogni livello (afferenze, SNE, SNP,SNC); Alterata modulazione centrale: aumento di arousal (e.g. amigdala, ACC), ridotta attività in aree modulanti (e.g. tronco encefalo); Neuroimmunità: infiammazione cronica low grade con squilibrio rapporto citochine pro/antiinfiammatorie; Neuropeptidi: alterato rilascio di 5-HT, espressione EC e trasportatori (i.e.,sert); Alterata composizione della flora intestinale. Katsanos AH, Giannopoulos S, Tsivgoulis G. The Brain-Gut axis in the pathophysiology of irritable bowel syndrome. Immuno-Gastroenterology 1:1, 23-26; Jul/Aug/Sep 2012

23 Ipersensibilità e memoria viscerale Kennedy PJ, Clarke G, Quigley EM et al. Gut memories: towards a cognitive neurobiology of irritable bowel syndrome. Neurosci Biobehav Rev Jan;36(1):

24 Apkaraian et al, 2005

25 Meccanismi patologici: sensibilizzazione

26 Sensibilizzazione periferica Ridotta soglia di attivazione; Aumentata risposta agli stimoli nocivi successivi; Scariche neurali spontanee aberranti; Allargamento del campo recettivo.

27 Sensibilizzazione centrale

28 Sensibilizzazione centrale Aumento dell affinità recettoriale; Riduzione della soglia di scarica; Sintesi C-FOS; Formazione di nuovi contatti sinaptici.

29 Sensibilizzazione Le modificazioni plastiche avviate dagli stimoli nocicettivi diventano indipendenti da questi per il loro mantenimento; sono reversibili o possono prolungarsi fino a divenire dolore cronico.

30 Chronic pain is a chronic condition, not just a symptom Whitten et al., 2005

31 Meccanismi di cronicizzazione

32 Meccanismi di cronicizzazione

33 Nuove prospettive TMS

34 Subthalamic deep brain stimulation can improve the dysfunction in patients with Parkinson s disease possibly by altering the neural system that controls gastrointestinal function.

35 Effetti della DBS sull attività motoria intestinale La stimolazione subtalamica unilaterale agisce sulla motilità intestinale nei ratti anestetizzati aumentando significativamente la motilità colica, presumibilmente tramite modulazione di aree cerebrali; La stimolazione sham non ha effetti significativi in confronto al baseline; La somministrazione preventiva di atropina o D1/D2 - antagonisti antagonizza gli effetti della stimolazione; Aumento cellule c-fos positive in aree del CAN (implicate nel controllo GI) dei ratti trattati rispetto a quelli sottoposti a sham. Derrey S et al., 2011

36 Barker, 1984 Stimolazione magnetica transcranica (TMS) Magstim Dantec La stimolazione magnetica transcranica (TMS) permette di effettuare una stimolazione corticale sicura, non invasiva e non dolorosa Cadwell

37

38 Campi elettromagnetici

39 Principali vantaggi Lesioni reversibili; Ripetibile; Alta risoluzione spaziale e temporale; Relazione causale tra attivazione corticale e risposta; Può misurare la plasticità corticale; Può modulare la plasticità corticale; Possibili finalità terapeutiche. Solo regioni superficiali; Possibile scarsa compliance; Pazienti a rischio; Comitato etico; Diffusione dello stimolo incerta; Grado di stimolazione incerta. Principali limiti

40 Controindicazioni Protesi metalliche in prossimità del coil: - Pacemaker; - Pompe di infusione; - Shunts ventricolo-peritoneali; - Non segnalate complicazioni in pz con stimolatori cerebrali; Storia di epilessia o familiarità in parente di I grado; Farmaci epilettogeni; Donne in gravidanza; Storia di severi traumi cranici; Storia di tossico-dipendenza; Condizioni a rischio di crisi epilettiche (e.g., ipertensione intracranica).

41 Considerazioni pratiche: forma del coil La geometria del coil determina la focalità del campo magnetico e dunque la corrente indotta dell area bersaglio. Courtesy of Dr. R. Newport

42 Considerazioni pratiche: profondità 70x60 5mm 55x45 40x mm 20mm 25mm Non è possibile stimolare direttamente aree profonde Courtesy of Dr. R. Newport

43 Considerazioni pratiche: localizzazione del coil Trova una risposta funzionale: M1 - twitch muscolare (MEP) V5 - fosfeni Trova un repere anatomico: Sistema EEG 10/20 Trova la distanza da un punto di partenza (e.g., FEF: 2-4 cm anteriormente e 2-4 cm lateralmente all area della mano) Ma Courtesy of Dr. R. Newport

44 aree vegetative (CAN)!!!

45 Condizioni di controllo Reale Differenti emisferi Effetti differenti o assenti Sham Differenti siti Courtesy of Dr. R. Newport

46 Raphael JL, Tariq L. Repetitive Transcranial Magnetic Stimulation (rtms) in Experimentally Induced and Chronic Neuropathic Pain: A Review The Journal of Pain 2007; Vol 8, No 6 (June),: pp

47 Effetti sul dolore post-tms La rtms ad alta frequenza (> 5 Hz) maggiormente efficace sul dolore centrale o neuropatico; Sedi preferenziali di stimolo: M1, DLPFC, SI, SII; Variabilità dei risultati legata a: durata e frequenza di stimolazione, numero di treni, numero di sessioni di trattamento e sede di stimolazione; Spettro progressivamente crescente di patologie trattate: stroke talamico, nevralgia del trigemino, sindrome da arto fantasma, CRPS... Effetti sul dolore viscerale intestinale???

48 Patrizi F, Freedman SD, Pascual-Leone A et al. Novel therapeutic approaches to the treatment of chronic abdominal visceral pain. ScientificWorldJournal Apr 18;6:

49 La stimolazione bi-emisferica (+ 1-3 cm antero-posteriormente e cm lateralmente al vertice) con TMS evoca MEP rettali e anali riproducibili in soggetti sani: Tecnica riproducibile; Basso costo di esecuzione; In combinazione con CEPs Valuta l intero arco riflesso; Strumenti diffusi in neurofisiologia; Utile per studi comparativi pre vs post trattamento; Effetti sulla motilità post-tms Comprensione brain-anorectal axis e patologie dell intestino distale. Remes-Troche JM, Tantiphlachiva K, Attaluri A et al. A bidirectional assessment of the human brain-anorectal axis. Neurogastroenterol Motil Mar;23(3):240-8, e117-8.

50 Stimolazione transcranica con correnti dirette La stimolazione transcranica con correnti dirette (tdcs) è una forma di neurostimolazione sicura e non invasiva che utilizza correnti costanti, a bassa intensità, erogate direttamente all area cerebrale interessata tramite piccoli elettrodi; La stimolazione anodica incrementa mentre la catodica riduce l eccitabilità neuronale dell area corticale stimolata; Effetti a breve (potenziale di membrana) e a lungo termine (LTP, LTD).

51 Funzione neuromodulatoria a maggiore durata ma bassa risoluzione spaziale!

52 Felipe Fregni, Steven Freedman, Alvaro Pascual-Leone. Recent advances in the treatment of chronic pain with non-invasive brain stimulation techniques. Lancet Neurol 2007; 6:

53 Effetti sul dolore post-tdcs Alcuni studi hanno documentato l efficacia della tdcs: Nell attenuare il dolore post-ercp; Nel trattare il dolore cronico in corso di nevralgia trigeminale, LBP, sindrome dolorosa post-stroke, fibromialgia, dolore neuropatico cronico secondario ad altre patologie; Mancano dati sul dolore gastrointestinale. Ma...

54 Una recente revisione Cochrane ha suggerito un possibile ruolo a breve termine nel controllo del dolore cronico post HF-rTMS e post tdcs anodica sulla M1. Tuttavia servono ulteriori studi... In atto: evidenze non significative! O Connell NE et al, 2010

55 Effetti sulla motilità post-tdcs

56 Nuove metodiche di studio fmri; PET; Alta risoluzione spaziale Bassa risoluzione temporale MEG (alta risoluzione spazio-temporale); P318 EEG: variazioni bande delta e theta ai potenziali evocati corticali (CEP) dopo stimolo doloroso GI. Dopo un elevato numero di stimoli e averaging è possibile ottenere delle componenti con specifiche ampiezze e latenze. Tali parametri risultano alterati in specifiche patologie GI --> plasticità neuronale del SNC. N54 P106 N174 Sharma A, Lelic D, Brock C et al. New technologies to investigate the brain-gut axis. World J Gastroenterol 2009; 15(2):

57 Example from painful CEP from the gut performed in a healthy volunteer. The figure shows the topographies at different frequency bands from one subject, and the percentage of the presence of each frequency band in the overall signal. Sharma A et al. 2009

58 Conclusioni Autonomia (relativa) del SNE; Numerose aree specializzate del SNC e SNA coinvolte nella regolazione nella percezione e risposta al dolore e nella motilità; Neurochimica complessa; Meccanismi di sensibilizzazione centrale e periferica essenziali nella fisiopatologia del brain-gut axis; Possilità di studiare il brain-gut axis nelle componenti sensitiva e motoria; Studi sull efficacia sul dolore della neuromodulazione non invasiva tuttora non dirimenti.!

59 C'è una meta, ma non una via; ciò che chiamiamo via è un indugiare. F. Kafka

60 Grazie!!!

Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino

Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino Tre sfere (vedi fig 1.6) Sfera vegetativa omeostatica controllo organi e apparati Sfera cognitiva relazioni con il mondo (fisico e sociale) Sfera istintiva

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale

Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale Fisiologia della respirazione 11.Controllo della Ventilazione-Organizzazione neurale Carlo Capelli Fisiologia Facoltà di Scienze Motorie-Università di Verona Obiettivi Compiti ed organizzazione generale

Dettagli

Apparato digerente. I movimenti

Apparato digerente. I movimenti Apparato digerente I movimenti MOTILITA GASTROINTESTINALE La masticazione Atto volontario (più frequentemente è un azione riflessa) Movimenti della mandibola controllati dai m. masticatori a cui partecipano

Dettagli

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo...

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo... Indice generale Sezione I Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1 1 Orientamento...3 Bibliografia...3 2 Sviluppo... 7 Fasi precoci della morfogenesi...7 Formazione

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

La sensibilità tattile

La sensibilità tattile La sensibilità tattile Sensazione di : contatto, pressione, vibrazione, solletico Meccanocettori Sensazione Ruolo dei diversi recettori a rapido e lento adattamento nella sensazione 5 4 Stimolo RA SA

Dettagli

Come funziona il cervello? D.ssa Daniela Bonino daniela.bonino@bioclinica.unipi.it

Come funziona il cervello? D.ssa Daniela Bonino daniela.bonino@bioclinica.unipi.it Come funziona il cervello? D.ssa Daniela Bonino daniela.bonino@bioclinica.unipi.it Neuroscienze cognitive Psicologia biologica o fisiologica Correlati neurometabolici e funzionali dell attività mentale

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Indice generale PRINCIPI DI BASE INTRODUZIONE AL RAGIONAMENTO CLINICO. Sezione I. Sezione II

Indice generale PRINCIPI DI BASE INTRODUZIONE AL RAGIONAMENTO CLINICO. Sezione I. Sezione II Indice generale Sezione I PRINCIPI DI BASE 1. Elementi fondamentali del sistema nervoso............................... 1 Piano generale del sistema nervoso........ 1 Divisioni principali....................

Dettagli

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis Disturbi d ansia Vanessa De Leonardis L ANSIA è una reazione istintiva di difesa, un allarme proprio dell istinto di conservazione, che anticipa un potenziale pericolo. STIMOLI ESTERNI processi COGNITIVI

Dettagli

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE)

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) L OSPEDALE E LA RSA SENZA DOLORE UN OBIETTIVO POSSIBILE IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) SIMONE FRANZONI TRENTO 22-5-2010 Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico G. Pinato Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Algoritmo terapeutico Attività fisica FANS FKT Antidepressivi Terapia occupazionale Oppiodi minori

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com

floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com floriana.costanzo@opbg.net menghinideny@gmail.com 1 Deep Brain Stimulation Transcranial Magnetic Stimulation Transcranial Direct Current Stimulation Elettrodi impiantati chirurgicamente nel cervello Parkinson,

Dettagli

PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE

PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE Roberta Pozzi Società Italiana Agopuntura Veterinaria - www.siav-itvas.org Milano Italy Tel.: 0039/335/7439150 e-mail: robvet@tin.it Il lavoro prende in considerazione

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE S.C. Medicina di Base e Specilistica S.C. Centro di Terapia del Dolore e Cure Palliative TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE Tecniche di neuromodulazione

Dettagli

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo La Terapia Antalgica Invasiva Il 4 Gradino4 DR. S. Di Santo Chronic Pain Treatment Continuum Dolore cronico: Scala dei Trattamenti Terapia medica (NSAIDs, oppioidi, antidepressivi, anticonvulsivanti, cortisonici,

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

La Neurostimolazione cerebrale profonda

La Neurostimolazione cerebrale profonda 27 Giugno 2009 AGGIORNAMENTO SULLE TERAPIE INTERVENTISTICHE PER LE DISTONIE: INCONTRO CON GLI ESPERTI La Neurostimolazione cerebrale profonda Dott.ssa S. Biguzzi U.O. di Neurologia, Ospedale dell Angelo,

Dettagli

Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia

Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia Dr. Franco Valzania Responsabile Servizio di Neurofisiopatologia Dipartimento Neuroscienze Università di Modena-Reggio Emilia Ausl Modena Tecniche di NeuroStimolazione TENS (Transcutaneous Electrical Nerve

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i Neurotrasmettitori e recettori sinaptici Neurotrasmettitore Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi

Dettagli

Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali. Sandra Strazzer Bosisio Parini

Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali. Sandra Strazzer Bosisio Parini Alterazioni dell oculomotricità nelle lesioni corticali Sandra Strazzer Bosisio Parini Il sistema oculomotore Il sistema oculomotore è il sistema motorio che controlla la posizione degli occhi con 2 funzioni

Dettagli

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo

Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici Dispositivi Medici Impiantabili Attivi per Malattie Neurologiche Il punto di vista del neurochirurgo Giovanni Broggi Direttore Dip di Neurochirurgia Fond.

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

CICLO SONNO-VEGLIA. psicobiologia A.A. 2007-2008. Docente: M.Stella Valle

CICLO SONNO-VEGLIA. psicobiologia A.A. 2007-2008. Docente: M.Stella Valle CICLO SONNO-VEGLIA psicobiologia A.A. 2007-2008 Docente: M.Stella Valle Ritmi Biologici Circannuali - Migrazione degli uccelli Infradiani - Ciclo mestruale ( circamensile ) Circadiani - Ciclo sonno-veglia

Dettagli

Dolore pelvico cronico:

Dolore pelvico cronico: Dolore pelvico cronico: il punto di vista del neurourologo Francesco Cappellano U.O. Urologia Servizio di Neurourologia Policlinico Multimedica IRCCS Definizione di CPP Dolore di origine non oncologica

Dettagli

Tecniche di Modulazione dell Attività Cerebrale

Tecniche di Modulazione dell Attività Cerebrale Tecniche di Modulazione dell Attività Cerebrale Dipartimento di Neurologia e Psichiatria Centro SLA Umberto I Policlinico di Roma Maurizio Inghilleri Proprieta elettriche delle cellule nervose e stimolazione

Dettagli

SISTEMA NERVOSO NERVI CRANICI E SPINALI PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA. Prof.

SISTEMA NERVOSO NERVI CRANICI E SPINALI PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA. Prof. FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO NERVI CRANICI E SPINALI Prof. CINZIA GIULI Sistema nervoso periferico Sistema somatico (volontario) Sistema autonomo

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I

PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I Programma di Fisiologia CDL Medicina e Chirurgia Versione 2011 PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I 1. Fisiologia cellulare 1.1.La cellula ed i compartimenti liquidi dell'organismo 1.1.1. Volume e composizione dei

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

LESIONI TRAUMATICHE DEI NERVI PERIFERICI: ELETTROSTIMOLAZIONE MUSCOLARE E RECUPERO FUNZIONALE

LESIONI TRAUMATICHE DEI NERVI PERIFERICI: ELETTROSTIMOLAZIONE MUSCOLARE E RECUPERO FUNZIONALE LESIONI TRAUMATICHE DEI NERVI PERIFERICI: ELETTROSTIMOLAZIONE MUSCOLARE E RECUPERO FUNZIONALE Responsabile scientifico di progetto PIETRO ATTILIO TONALI IRCCS Santa Maria Nascente, Fondazione Don Carlo

Dettagli

Foligno 17 Maggio 2014

Foligno 17 Maggio 2014 4 o Congresso Regionale A.I.Fi. Umbria STRATEGIE RIABILITATIVE NEL MANAGEMENT DEL DOLORE CRONICO Foligno 17 Maggio 2014 STRATEGIE RIABILITATIVE NEL MANAGEMENT DEL DOLORE CRONICO Nuovo Ospedale San Giovanni

Dettagli

Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara

Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara Istituto Romano di Medicina Osteopatica/Deforest Osteopathy School Scuola di Osteopatia Part Time Pescara L Istituto Romano di Medicina Osteopatica / Deforest Osteopathy School fa parte degli istituti

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

II anno - canale B A.Vercelli

II anno - canale B A.Vercelli Nervo trigemino Nervo trigemino II anno - canale B A.Vercelli il più voluminoso n. sensitivo della faccia, cuoio capelluto, denti, cavità orale e nas ale, dura madre e vasi cerebrali n. motore dei mm masticatori,

Dettagli

Relazione trasporti O2 CO2

Relazione trasporti O2 CO2 Relazione trasporti O2 CO2 ml Trasporto O2,CO2 Maggiore pendenza CO2 Funzione illimitata Effetti Haldane> Bohr Pressione mhg Controllo nervoso e chimico della respirazione I meccanismi di controllo della

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DEI DISTURBI DEL CONTROLLO VEGETATIVO DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

DIAGNOSI E TRATTAMENTO DEI DISTURBI DEL CONTROLLO VEGETATIVO DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE CLINICA, ANATOMIA FUNZIONALE E PRINCIPI DI FISIOPATOLOGIA PER INTERPRETARE I TEST CARDIOVASCOLARI Pietro Cortelli Clinica Neurologica, Dipartimento di Scienze Neurologiche, Alma Mater Studiorum - Università

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 1. LE BASI BIOLOGICHE DEL DOLORE.

UNITÀ DIDATTICA 1. LE BASI BIOLOGICHE DEL DOLORE. IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE (HOME-PAGE) UNITÀ DIDATTICA 1. IL SIGNIFICATO DEL DOLORE. IL SISTEMA SOMATO-SENSORIALE UNITÀ DIDATTICA 2. I MECCANISMI DEL DOLORE UNITÀ DIDATTICA 3. L ESAME DEL PAZIENTE

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL. Dr.ssa Fornara Carla. Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni

FISIOPATOLOGIA DEL. Dr.ssa Fornara Carla. Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE CRONICO Dr.ssa Fornara Carla UF U.F. Neurologia e NeuroFisiopatologia Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni DOLORE: una spiacevole esperienza sensitiva

Dettagli

Meccanismi di comunicazione tra neuroni

Meccanismi di comunicazione tra neuroni Meccanismi di comunicazione tra neuroni Sinapsi chimiche ed elettriche Comunicazione tra neuroni La giunzione neuromuscolare come modello di sinapsi chimica Il meccanismo di trasmissione nella sinapsi

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE TESI DI LAUREA IPOTALAMO E BILANCIO ENERGETICO Relatore Professor Gian - Luca FERRI Candidato Carlo

Dettagli

Il futuro è adesso: la ricerca in bionica

Il futuro è adesso: la ricerca in bionica Il futuro è adesso: la ricerca in bionica Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Udine, 24 maggio 2012 La bionica Che cos'è la bionica? Uomo e macchina

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

LA NEUROSTIMOLAZIONE SPINALE NELLE LESIONI NERVOSE PERIFERICHE

LA NEUROSTIMOLAZIONE SPINALE NELLE LESIONI NERVOSE PERIFERICHE LA NEUROSTIMOLAZIONE SPINALE NELLE LESIONI NERVOSE PERIFERICHE Cesare Bonezzi, Laura Demartini, Massimo Allegri, Giorgio Arachi Fondazione Salvatore Maugeri Clinica del Lavoro e della Riabilitazione, IRCCS

Dettagli

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI INDICATORI NEUROFISIOLOGICI GDL REGIONALE GCA REGIONALE GCA ARS TOSCANA Fase acuta Fase transizionale Fase protratta RECUPERO RECUPERO COSCIENZA STATO DI MINIMA COSCIENZA (MCS) STATO VEGETATIVO MCS CRONICO

Dettagli

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO CENTRALE SISTEMA AUTONOMO SIMPATICO PARASIMPATICO Encefalo e midollo spinale Involontario, musc liscio, cuore, ghiandole, ecc SISTEMA SOMATICO

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO Dr. Girardi Guido INTRODUZIONE Il concetto di dolore è universale, ma la sua definizione è difficile da formulare. Tutti sappiamo cos è il dolore, ma quando si

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Disturbi dell eiaculazione

Disturbi dell eiaculazione Disturbi dell eiaculazione Università di Pisa Cesare Selli Cattedra e Scuola di Specializzazione in Urologia Eiaculazione L eiaculazione risulta da una complessa coordinazione di eventi muscolari e neurologici

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dott. A. Orlando UO Anestesia e Rianimazione Ambulatorio di Medicina del Dolore Ospedale S.Annunziata,Cento Lagosanto, 22 Ottobre 2009 6th Congress of the European

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2 9788871929422 I_XX_Layout 1 13/02/13 15:56 Pagina V Prefazione Introduzione all edizione italiana XV XVII Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Occhio secco: inquadramento

Occhio secco: inquadramento AZIENDA OSPEDALIERA G. SALVINI GARBAGNATE MILANESE Occhio secco: inquadramento Dott.ssa C. Gozzini 24 Marzo 2010 divisione di Sessione finale 2008 L occhio secco è una malattia multifattoriale delle lacrime

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

CON L AVANZARE DELL ETÀ

CON L AVANZARE DELL ETÀ DECLINO COGNITIVO CON L AVANZARE DELL ETÀ il contributo della neuroradiologia Dott.ssa E. Prodi Dott.ssa M.C. Valentini Martedì salute, Torino 12 Novembre 2013 L invecchiamento Modificazioni strutturali:

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Riflessi. Riflessi. Esame della motilità. Riflessi profondi: fisiologia. riflessi e tono muscolare. profondi. superficiali.

Riflessi. Riflessi. Esame della motilità. Riflessi profondi: fisiologia. riflessi e tono muscolare. profondi. superficiali. Esame della motilità L indagine semeiologica esplora i seguenti parametri della funzione motoria: riflessi e tono muscolare, forza muscolare, riflessi e tono muscolare trofismo muscolare, coordinazione

Dettagli

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno L omeostasi Controllo dell ambiente interno Omeostasi (Homeo = simile + stasis = condizione) L insieme dei processi che permettono all organismo a vari livelli di mantenere costanti le caratteristiche

Dettagli

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di Marzo 2015 Piercarlo Mauri Curriculum Vitae Dati personali: Data di nascita: 23/12/1983 Luogo di nascita: Tradate (VA) - Italia Nazionalità: Italiana Telefono: +39 0303501594 E-mail: piercarlo.mauri@cognitiveneuroscience.it

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Che cos è la terapia SCS? La stimolazione del midollo spinale (SCS) è un opzione chirurgica che potrebbe apportare un miglioramento

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Dr Lorenzo Fabrizi Dip. Neuroscienze, Fisiologia e Farmacologia University College London l.fabrizi@ucl.ac.uk Processi neurali del dolore (ovvero

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

CORSO di GNATOLOGIA IMPLANTO-PROTESICA

CORSO di GNATOLOGIA IMPLANTO-PROTESICA CORSO di GNATOLOGIA IMPLANTO-PROTESICA teorico-pratico 1 livello Finalità del Corso Il corso vuole fornire una chiave di lettura neuro-fisiologica dell occlusione implanto-protesica ed una pianificazione

Dettagli

Punto di Vista Osteopatico

Punto di Vista Osteopatico Punto di Vista Osteopatico Approccio osteopatico alla fisiopatologia polmonare. Come abbiamo accennato la respirazione è un processo dinamico che comprende uno scambio gassoso attivo continuo a livello

Dettagli

Direttore. Comitato scientifico. Maria Federica FERRIO. Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma. Istituto Superiore di Sanità, Roma

Direttore. Comitato scientifico. Maria Federica FERRIO. Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma. Istituto Superiore di Sanità, Roma NEUROSCIENZE 4 Direttore Massimiliano VISOCCHI ISTITUTO DI NEUROCHIRURGIA Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma Comitato scientifico Giuseppe MARANO NEUROSCIENZE DI BASE Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO. Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia

ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO. Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia Consiste nella ricerca di segni di alterazione del normale funzionamento del

Dettagli

NEUROSCIENZE. Il cervello (sistema nervoso)

NEUROSCIENZE. Il cervello (sistema nervoso) NEUROSCIENZE Il cervello (sistema nervoso) Traduce il mondo esterno -> trasforma le informazioni provenienti dall ambiente esterno in codice neuronale, ovvero variazioni di carica elettrica. Questo compito

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DOTTORATO DI RICERCA IN: "TERAPIE AVANZATE IN CHIRURGIA E RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO FEMMINILE" CICLO DEL CORSO DI

Dettagli

Corso di Laurea in. Ingegneria Biomedica. ACCADEMICO : Relatore: Chiar. mo Prof. Bove Marco Correlatore: Ing. Tacchino Andrea

Corso di Laurea in. Ingegneria Biomedica. ACCADEMICO : Relatore: Chiar. mo Prof. Bove Marco Correlatore: Ing. Tacchino Andrea Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica ANNO ACCADEMICO 2003/2004 PROVA FINALE Sviluppo di un protocollo sperimentale per la valutazione del mantenimento dell equilibrio durante l esecuzione di un compito

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Distribuzione (ossigeno e sostanze nutritive) Rimozione (anidride carbonica e scorie del metabolismo) Trasporto (ormoni) Mantenimento (temperatura corporea,

Dettagli

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente. Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato Sri Sri Ravi

Dettagli

ENCEFALO ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO. Il sistema nervoso comprende il sistema nervoso centrale e il sistema periferico.

ENCEFALO ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO. Il sistema nervoso comprende il sistema nervoso centrale e il sistema periferico. ENCEFALO Encefalo, ossia quella parte del sistema nervoso centrale, contenuta all'interno del cranio, con la quale si collegano il cervelletto e il midollo spinale. Più precisamente, porzione dell'encefalo

Dettagli

Mi r r o r Bo x Th e r a p y

Mi r r o r Bo x Th e r a p y Mi r r o r Bo x Th e r a p y Mirror Box Therapy Centro Protesi INAIL Direzione Sanitaria - Area Comunicazione Istituzionale - Ufficio Stampa Via Rabuina, 14-40054 - Vigorso di Budrio (Bo) tel 051 6936111

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli