Lactobacillus bulgaricus

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lactobacillus bulgaricus"

Transcript

1 La definizione migliore di batteri probiotici,forse, è la seguente: sono microrganismi viventi che inclusi nel cibo possono influenzare la composizione dell'attività del microbiota intestinale, modulano la risposta infiammatoria, migliorano la barriera intestinale è rinforzano o modulano la risposta immunitaria. È sempre più evidente che i probiotici rappresentano un'importante risorsa in termini terapeutici, non si è ancora arrivati a definire in maniera precisa il loro ruolo in terapia, ci sono anche studi controversi; di contro il loro uso in molte patologie soprattutto in quelle di gastro-intestinali è di indubbia efficacia anche se bisogna valutare la sicurezza dei probiotici e verificare gli effetti terapeutici a breve lungo termine. Da qualche anno in campo scientifico c'è un notevole interesse per il microbiota intestinale umano si stanno facendo numerosi studi volti a chiarire il ruolo e le dinamiche di questi microrganismi. Oggi, sappiamo che ci sono microrganismi potenzialmente nocivi e altri benefici. Alcuni microrganismi, conosciuti come probiotici, quando presenti in quantità adeguata nell'intestino, sono in grado di interagire con l'ospite e ne influenzano la risposta immunitaria. L'interesse per i probiotici risale all'inizio del secolo scorso quando nel 1908 il Premio Nobel Ilya Ilyich Mechnikov ipotizzò che la longevità dei contadini bulgari potesse essere conseguenza delle loro abitudini alimentari caratterizzate da un elevato consumo di latte fermentato con Lactobacillus bulgaricus. Mechnikov dedusse che la flora intestinale è influenzata dall assunzione di alcuni alimenti e a sua volta stimola la crescita di batteri utili al fine di sostituire le specie patogene che causano problemi. (Metchnikoff E (1910) Etudes sur la flore intestinale Deuxieme memoire. Ann Inst Pasteur Paris 24: ) Molti microrganismi anaerobici che compongono la microflora intestinale possono essere considerati come potenziale probiotici, ma solo pochi soddisfano i criteri specifici. In particolare, un ceppo probiotico deve possedere le seguenti proprietà: 1) ad alta efficienza, pertanto, devono essere in grado di raggiungere l'intestino in una condizione essenziale e ciò significa che deve essere gastro- resistente gastrointestinali (GI) (ph basso, gli acidi biliari ed enzimi pancreatici); 2) adesione all epitelio intestinale per annullare gli effetti del lavaggio della peristalsi; 3) capacità di persistere nell'intestino anche se il ceppo probiotico non può colonizzare l'intestino (somministrazione continua può essere necessario); 4) essere attivi e vitali in condizioni ambientali dell'intestino; 1

2 5) essere assolutamente sicuri per il consumo umano; 6) essere in grado di interagire e di inviare segnali alle cellule immunitarie modulando la risposta immunitaria; 7) essere resistenti alla distruzione mediante processi tecnologici; 8) essere stabili durante la conservazione in condizioni normali; 9) essere in grado di influenzare il metabolismo umano Il probiotico ideale deve essere in grado di indurre la migliore risposta immunitaria senza produrre cambiamenti dell omeostasi enterica intestinale. Purtroppo, fino ad ora il meccanismo di azione di quasi tutti i probiotici non è stato ancora pienamente compreso. Una varietà di microrganismi probiotici è stata studiata sia come singoli agenti terapeutici, sia in combinazione. Attualmente, i più utilizzati, in fermenti probiotici preparati, sono elencati nella tabella 1. Gli effetti dei probiotici" possono essere riassunti come segue: (1) miglioramento della normale microflora intestinale; (2) prevenzione delle malattie infettive e delle allergie alimentari; (3) riduzione dei livelli sierici di colesterolo; (4) stabilizzazione di barriera della mucosa intestinale; (5) riduzione dei sintomi della malattia cronica intestinale, e miglioramento della digestione del lattosio; (6) prevenzione di infezioni GASTROINTESTINALI sostenute da batteri, virus o funghi; (7) normalizzazione della motilità intestinale; (8) proprietà di adiuvante immunitario. L uso dei probiotici nelle malattie gastrointestinali, nei disturbi gastrointestinali infettivi acuti, come la diarrea può essere adeguato al fine di ridurre la durata dei sintomi. In questo caso, più efficace dei microrganismi sembrano essere il ceppo Lactobacillus rhamnosus GG, Saccharomices boulardii e il Lactobacillus paracasei ( quest'ultimo soprattutto nei bambini ). In questo caso, i batteri sono in grado di ridurre la durata della diarrea infettiva nonché la frequenza. 2

3 In particolare, sembra che il lactobacillus rhamnosus GG sia utile nelle diarree virali, ma non in quelle batteriche, probabilmente a causa della capacità di questa organismo di indurre una sovraespressione di mucine intestinali (MUC-2, MUC-3), che insieme ad altre proteine correlate formino un gel in grado di svolgere un'azione protettiva durante le infezioni intestinali. (10. Allen A, Hutton DA, Pearson JP (1998) The MUC2 gene product: a human intestinal mucin. Int J Biochem Cell Biol 30(7): Byrd JC, Bresalier RS (2004) Mucins and mucin binding proteins in colorectal cancer. Pet Rev 23(1 2):77 99) Nelle infezioni intestinali sostenute da batteri pare che questa capacità protettiva sia inutile perché c'è una produzione di mucinasi batterica da parte del patogeno che sostiene la malattia che digeriscono questa barriera protettiva. 12. Watanabe T, Kitani A, Murray PJ et al (2004) NOD2 is a negative regulator of Toll-like receptor 2-mediated T helper type 1 responses. Nat Immunol 5: Antibiotic-associated diarrhea (AAD) Quasi tutti gli antibiotici, in particolare quelli attivi nei confronti batteri anaerobici, possono causare AAD, le indagini sull'importanza di un equilibrio della flora intestinale hanno giustificato l'uso di probiotici nel trattamento di questa malattia ultimamente è stato dimostrato che alcuni ceppi di probiotici sono utili nella riduzione della diarrea associata gli antibiotici, i microrganismi che si sono dimostrati efficaci sono: lactobacillus rhamnosus GG, S. boulardii, B. lactis, e S. thermophilus. 3

4 La ricerca ha dimostrato che il Saccharomyces boulardii è il più adatto per il trattamento di questi disturbi, è un preparato di lievito che inibisce la crescita di batteri patogeni, sia in vivo e in vitro Neut C, Bulois P, Desreumaux P et al (2002) Changes in the bacterial flora of the neoterminal ileum after ileocolonic resection for Crohn s disease. Am J Gastroenterol 97: La sua temperatura ottimale è di 37 "C, e gastroresistente pertanto, può raggiungere il colon in piena vitalità e non sembra essere influenzato dagli antibiotici,tuttavia, molti altri studi clinici hanno documentato la mancanza di efficacia di alcuni probiotici (L. acidophilus, L. bulgaricus, e in alcuni casi, LGG e S. boulardii) nel prevenire diarrea associata gli antibiotici Zuccotti GV, Meneghin F, Raimondi C et al (2008) Probiotics in clinical practice: an overview. A Inter Med Res 36(1):1A 53A Malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) Le forme più importanti di IBD sono la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Molti esperimenti confermano che le IBD sono generalmente associate ad una alterazione della microflora intestinale commensale,comunemente detta disbiosi. Le disbiosi sono in grado di innescare un effetto pro-infiammatorio, anche se non sono stati ancora identificati i microorganismi coinvolti nella patogenesi di queste malattie. Diversi studi hanno esaminato l'uso potenziale di probiotici nella IBD e sebbene l'evidenza sperimentale, sia in vitro e in vivo, supportano l'uso di probiotici in IBD, gli studi clinici non hanno fornito prove definitive sull'uso di probiotici nel trattamento della patologia. I risultati sembrano suggerire che i probiotici sono più efficaci nelle forme di IBD che influenzano il colon piuttosto che ileo. In particolare, sembra che i probiotici sono efficaci nel prolungare la remissione della colite ulcerosa ma meno efficaci nel trattamento della Malattia di Crohn e colite ulcerosa attiva. La malattia di Crohn (CD) è attualmente considerata una malattia a prevalente coinvolgimento dei linfociti T,caratterizzata dalla presenza di una varietà complessa di citochine, chemochine, e altri mediatori, dove i T sono attivati in modo inappropriato. Molti microrganismi, quali E. coli Nissle, Lactobacillus La colite ulcerosa (UC) La predisposizione genetica associata a una disregolazione del GALT è l attuale ipotesi più accreditata per l eziologia della rettocolite ulcerosa. Tradizionalmente, il trattamento UC si basa sull'uso di amminosalicilati, con lo scopo di mantenere più a lungo possibile la remissione della patologia nei pazienti; anche i probiotici rappresentano un'alternativa terapeutica. Infatti, il ripopolamento della microflora intestinale (in modelli di studio animali) con una supplementazione di lattobacilli, attenua la gravità istologica della colite. 4

5 E stato dimostrato l effetto benefico del Bifidobacterium breve e del B. bifidum nel trattamento della UC. Anche nella Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) si osserva una alterazione microflora, in particolare si rileva una notevole diminuzione di lattobacilli e bifidobatteri con aumento della flora anerobica tra i quali il Clostridium sp., Bacteriodes sp. e Bifidobacterium sp. Quanto appena affermato è stato scientificamente dimostrato tramite sequenziamento del gene 16S r-rna (sottounità) di cloni batterici ottenuti mediante amplificazione con PCR del genoma fecale, che ha mostrato in pazienti affetti da forme gravi di IBS sequenze ridotte di Lactobacillus sp. e altre specie benefiche. Ricordo che anche il glifosato incide negativamente e a mio avviso si sommano gli effetti negativi. Anche gli antibiotici contribuiscono ad alterare la microflora, in studi murini si è osservato un miglioramento dei sintomi dopo l somministrazione dei probiotici. La supplementazione con probiotici potrebbe essere una terapia promettente per i pazienti colpiti da IBS, sebbene gli studi sono a volte discordanti a causa delle differenze del protocollo di sperimentazione. I ceppi più idonei sono Bifidobacterium infantis, Saccharomyces boulardii e Lactobacillus plantarum, mentre il Lactobacillus Salivarus sembra non produrre effetti. Non è noto il meccanismo di azione di questi probiotici, ma è certo l aumento di IL-10 e la riduzione di IL-12 (soprattutto ai bifidobatteri), così come è importante l interazione con le dendritiche intestinali, che sembra sappiano riconoscere e rispondere in maniera specifica ai vari batteri. Ricapitolando se i batteri commensali possono contribuire a mantenere un equilibrio tra specifiche citochine (es. IL-12 e IL-10), uno squilibrio, dato dalla riduzione dei bifidobatteri intraluminale induce l'infiammazione. È importante evidenziare che c è un aumento dei recettori dei cannabinoidi e oppioidi nello strato superficiale delle cellule epiteliali in seguito all esposizione al Lactobacillus acidophilus, è altresì importante il ruolo chiave dell acido lattico prodotto dai batteri a pilotare l azione dei probiotici. Infatti il trattamento con sostanze acide, prodotte da vari microrganismi quali Streptococcus thermophilus, Lactobacillus bulgaricus,lactobacillus acidophilus e bifidobatterio longum, induce il rafforzamento della funzione di barriera della mucosa nei pazienti con IBS. Disbiosi La conoscenza della composizione del microbiota intestinale è ancora incompleta, le tecniche di isolamento cultura hanno individuato l'esistenza di almeno 500 tipi di microrganismi negli adulti, con l'applicazione di tecniche di biologia molecolare, come la FISH ( sequenziamento del 16S rrna) è stato possibile descrivere almeno genotipi gastrointestinali e più di diversi genotipi virali. 5

6 La concentrazione di batteri aumenta lungo il piccolo intestino, si parla di circa 104 unità formanti colonie (CFU) nel digiuno e 107 CFU per grammo di contenuto luminale dell ileo distale, con predominanza di gram-negativi aerobi e alcuni anaerobi obbligati. Il colon è principalmente popolato da batteri anaerobi a concentrazioni di circa 1012 CFU / g di contenuto luminale. Nel colon prossimale c è prevalenza di batteri saccarolitici, come Lactobacillus sp., Bifidobacterium sp., ecc, nel distale organismi proteolitici,come Clostridium sp., Bacterioides sp., ecc. Nel colon prossimale osserviamo una crescita batterica elevata e un ph tendenzialmente acido che può anche raggiungere anche un valore 5, mentre il colon distale si osserva un ridotta tasso di crescita batterica e un ph neutro. Quando c è uno squilibrio tra queste due componenti, si crea una situazione di degrado ecologico della microflora intestinale che va sotto il nome di disbiosi intestinale (ID), dovuta principalmente a: dieta squilibrata, problemi digestivi, terapia antibiotica, chemio e della radioterapia, e Ci sono diverse forme di ID: disbiosi fermentativa, caratterizzata da una crescita eccessiva di microrganismi saccarolitici, che può essere principalmente tipo batterico, disbiosi batterica fermentativa (BFD) o sostenuta da funghi, Micotic disbiosi fermentativa (MFD) disbiosi putrefattiva, dovuta a crescita eccessiva del microrganismi intestinali putrefattivi. I probiotici più indicati in questa forma sono, Lactobacillus sp., Bifidobacterium sp. e S. boulardii. Anche nelle infezioni Helicobacter Pylori i probiotici sono in grado di contrastare la colonizzazione attraverso vari meccanismi: 1. inducendo una diminuzione della crescita dei batteri agenti patogeni; 2. producendo acidi grassi a catena corta che inibiscono la crescita dell HP, in particolare acido acetico e acido lattico, con meccanismo dose-dipendente 3. Produzione di bacteriocine 6

7 4. Stabilizzazione della funzione della barriera intestinale, 5. Modulazione dell'infiammazione delle mucose a causa dell aumento di prostaglandine In particolare, i lattobacilli sono stati utilizzati per il trattamento dell infezione da HP soli o in combinazione con altri ceppi. La simultanea somministrazione di Lactobacillus acidophilus HY2177, HY2743 Lactobacillus casei, Bifidobacterium longum HY8001, e Streptococcus thermophilus B-1 in aggiunta agli inibitori della pompa protonica (PPI) ha favorito l eradicazione. Il L. reuteri è efficace nell'infezione HP negli esseri umani e diminuisce l'insorgenza di sintomi dispeptici. In tutti i casi, gli studi clinici negli adulti e nei bambini infettati con questo microrganismo suggeriscono che i probiotici non eliminano l HP, ma possono aiutare a mantenere bassi i livelli del microrganismo nello stomaco. Nella enteropatia necrotizzante si presume che le lesioni intestinali sono il risultato di alcuni fattori di rischio: prematurità, alimentazione enterale e alterazione della colonizzazione batterica gastro-intestinale. Diversi studi indicano il ruolo della microflora intestinale nello sviluppo di NEC in neonati, è stata osservata una riduzione del numero di bifidobatteri e lattobacilli nelle feci nel primo mese di vita e questo può essere un fattore predisponente-nec. Utile l'uso di probiotici per la profilassi e nella prevenzione dell insorgenza della NEC, tra i microrganismi più efficaci, vale la pena menzionare il L. acidophilus, B. infantis. Riassumendo, l'uso di probiotici nella pratica clinica è diffuso, le campagne pubblicitarie aggressive e l'ampia diffusione nella grande distribuzione di alimenti contenenti probiotici utilizzati per automedicazione, hanno fatto si che oggi migliaia di persone usano preparazioni alimentari contenenti probiotici per periodi che possono a volte essere molto lunghi e spesso, sono privi di controllo medico. La conoscenza del meccanismo d'azione dei probiotici più importanti è incompleta, i risultati sperimentali non sono sempre adeguati, soprattutto per questioni metodologiche. In particolare, i problemi principali associati all'uso dei probiotici sono (1) trasferimento orizzontale di resistenza agli antibiotici, (2) trasferimento orizzontale della virulenza (3) alterazione ecologica del microbiota intestinale con ripercussioni sulla funzionalità gastro-intestinale e del GALT, (4) effetti fisiopatologiche a medio e lungo termine sul sistema immunitario Usati in maniera diligente i probiotici rappresentano un importante risorsa terapeutica E auspicabile che l'uso di microrganismi probiotici nel trattamento di disturbi gastrointestinali sia limitato ai soli ceppi efficaci e sicuri, in modo da garantire il minor impatto sul microbiota intestinale. 7

8 Anche la sequenza in terapia è fondamentale, spesso non è opportuno somministrare un mix di probiotici, perché i lattobacilli potrebbero inibire l attecchimento dei bifidobatteri, la sequenza che uso da anni con ottimi risultati è la seguente: 1. Enterelle 2. Bifiselle 3. Ramnoselle 4. Adomelle Nel caso ci si trovasse in presenza di candidiasi intestinale, è importante associare sin dall inizio olio di melaleuca (tea tree oil) per circa 40 giorni, valutare in base al caso clinico la somministrazione di gocce di semi di pompelmo, e/o origanoil (Solgar), o altri oli essenziali in base alle necessità o ai test di laboratorio. Inserire Femelle tra Enterelle e Bifiselle. A volte è opportuno somministrare a giorni alterni Ramnoselle/Bifiselle, non prima di aver ricolonizzato con i bifidobatteri. NOTA: ho citato i nomi commerciali perché nella mia esperienza clinica sono quelli che danno i migliori risultati, e soprattutto non ho interessi DIRETTI e indiretti con le case produttrici. Inoltre preciso che l olio di melaleuca che da molti, anche medici, viene demonizzato perché si pensa possa essere usato solo per uso esterno, viene prodotto in capsule dalla Biogroup sotto il nome di Demicos, e ha indicazioni per la somministrazione orale. Quindi invito a dedicare qualche ora in più allo studio, e meno sui social network a cazzeggiare. 8

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

"Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico Dagli atti del convegno AITA Probiotici: scienza ed applicazioni industriali Milano, 6 giugno 1996 "Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

Indispensabili alleati di bellezza

Indispensabili alleati di bellezza Indispensabili alleati di bellezza Gli effetti fotoprotettivi e sulle risposte immunitarie, e le azioni terapeutiche dei probiotici nelle alterazioni cutanee più diffuse di Anna Ghirardello, biologa nutrizionista

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Vag SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso Benessere intimo Vag ovuli vaginali BENESSERE INTIMO

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:06 Pagina 59 mondo Il dei microbi In che modo i batteri buoni possono migliorare la salute e mettervi in condizione di guadagnare

Dettagli

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI Razionale Occuparsi di nutrizione ai nostri giorni è il contributo maggiore che si può offrire alla comunità, perché è il metodo

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Cos è lo yogurt? 2. Quali sono le sue caratteristiche? 3. Come si produce lo yogurt? 4. Che origini storiche ha lo yogurt? 5. In che modo è utile per l organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI:

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Basi biochimiche dell azione dei farmaci Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Celiachia Malattia autoimmune che coinvolge prevalentemente l intestino. Gluten Sensitivity Sindrome caratterizzata da molteplici

Dettagli

Approfondimenti scientifici

Approfondimenti scientifici Approfondimenti scientifici 1 Vantaggi farmacocinetici di Lansoprazolo orodispersibile nel trattamento dei disordini Fabio Baldi Drugs 2005; 65 (10): 1419-1426 OROdispersibile Grazie alle sue caratteristiche

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Qualche numero Sul territorio nazionale: Incidenza CRC: 52.000 nuovi casi diagnosticati

Dettagli

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Scegliere la QUALITÀ che CONTA è IMPORTANTE! Superceppi selezionati, estratti

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Intestinale dalla fisiologia alla patologia

Intestinale dalla fisiologia alla patologia ilruolo delmicrobiota Intestinale dalla fisiologia alla patologia Con il supporto non condizionato di Bari, 13 Dicembre 2014 Sheraton Nicolaus Hotel CORSO INTERATTIVO ECM RAZIONALE SCIENTIFICO Negli ultimi

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli)

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I tannini (polifenoli) si complessano con le proteine (T-PC) rendendole insolubili Per

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Meglio informati sulla presa degli antibiotici

Meglio informati sulla presa degli antibiotici Informazioni per i pazienti Meglio informati sulla presa degli antibiotici 13116-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Antibiotici» 1 Indice Gli antibiotici. Cosa sono e

Dettagli

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA 2. Titolo del progetto di ricerca 3. Parole chiave (massimo 5 parole) 4. Responsabile

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC)

Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC) 1 2 3 4 Motilità interdigestiva: Il Complesso Motorio Migrante (MMC) Origine dell MMC nello stomaco distale (contrazioni da fame) o nel duodeno Aumento della contrazione dello sfintere esofageo inferiore

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

USC Gastroenterologia,

USC Gastroenterologia, Impiego dei probiotici in Gastroenterologia: razionale e risultati Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, i Seriate Indice della lettura La Rivoluzione del Microbiota: cosa abbiamo imparato Breve

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA Camera di Commercio di Cremona 1-2 Dicembre 2006 Dr. Francesco Puerari Specialista in Scienze dell Alimentazione Gli alimenti funzionali a base di latte: il punto di vista

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Tumori maligni del colon e del retto

Tumori maligni del colon e del retto Tumori maligni del colon e del retto KEY POINTS: Epidemiologia Fattori di Rischio Biologia Anatomia patologica e staging Segni Clinici Diagnosi Prevenzione primaria e secondaria Terapia EPIDEMIOLOGIA -E

Dettagli

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile VII Congresso Regionale A.N.I.M.O. Napoli 10 Aprile 2014 Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile Relatore Dott.ssa Marilù CIRILLO CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CD) Batterio Gram Positivo

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ lattosio PAZIENTE 1) Quali sono i sintomi dell'intolleranza al lattosio? Generalmente i sintomi sono di tipo intestinale e compaiono da pochi minuti a 1 2 ore dopo l'ingestione di cibi contenenti lattosio.

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi.

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. COS'E' L' INTOLLERANZA AL LATTOSIO? Il latte è composto da: acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. Fra gli zuccheri, quello maggiormente presente è

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale. Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli

Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale. Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli Integratori alimentari: distribuzione del mercato Number of

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Esperienza 5: la colorazione di Gram

Esperienza 5: la colorazione di Gram Esperienza 5: la colorazione di Gram I batteri possono essere raggruppati in due categorie secondo il metodo della colorazione Gram. Questa tecnica è stata sviluppata nel 1884 da Hans Christian Gram, un

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

PROBIOSI NEI VITELLI

PROBIOSI NEI VITELLI PROBIOSI NEI VITELLI Stefano Villa Agriok/Granarolo S.p.A. Alberto Giardini CSL/Granarolo S.p.A. Il vitello, nelle prime settimane di vita, è soggetto a dismicrobismi gastro-intestinali; si tratta, in

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

Clostridium perfrigens

Clostridium perfrigens Clostridi Bacilli G+, mobili, raramente capsulati. producono spore con diametro maggiore di quello batterico Anaerobi obbligati, non hanno citocromi e catalasi, producono ATP fermentando zuccheri o aminoacidi.

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

ONDE ELETTROMAGNETICHE

ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE ONDE ELETTROMAGNETICHE Sono parte integrante dell ambiente in cui viviamo e lavoriamo Di origine artificiale (per esempio le onde radio, radar e nelle telecomunicazioni) Di origine

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze

Dott. Elena Niccolai, PhD. Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Dott. Elena Niccolai, PhD Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Università degli Studi di Firenze Premio Gianfranco Del Prete per le malattie orfane, Firenze 8 novembre 2014 ADENOCARCINOMA PANCREATICO

Dettagli

ALDA MERINI ESSERE IN COPPIA INTEGRAZIONE MENTE CORPO LA MUSICA STALKING WELLNESS PSYCHOLOGY SPECIALE DOSSIER OSSIGENO PER LA TUA MENTE

ALDA MERINI ESSERE IN COPPIA INTEGRAZIONE MENTE CORPO LA MUSICA STALKING WELLNESS PSYCHOLOGY SPECIALE DOSSIER OSSIGENO PER LA TUA MENTE OSSIGENO PER LA TUA MENTE Anno 2 Numero 8 Mensile Digital Copy 3,50 Printed Copy 18,50 8 WELLNESS PSYCHOLOGY SPECIALE LA MUSICA In collaborazione con ESSERE IN COPPIA Come la psicoterapia può aiutare STALKING

Dettagli