Tutti i diritti riservati, reg. presso Trib. Torino n 5468 del 22/12/2000. Grafica e Stampa Gabo s.r.l. -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutti i diritti riservati, reg. presso Trib. Torino n 5468 del 22/12/2000. Grafica e Stampa Gabo s.r.l. - gabo@gabo.to.it"

Transcript

1 Periodico di divulgazione medica realizzato in collaborazione con il Gruppo Larc. Diffusione copie. Distribuzione gratuita Anno di fondazione 1984, anno ventisettesimo Direttore Responsabile: Emanuela Amadei Segreteria di redazione: Larc c.so Venezia, Torino tel fax il monitore MEDICO Tutti i diritti riservati, reg. presso Trib. Torino n 5468 del 22/12/2000. Grafica e Stampa Gabo s.r.l. - Mangiar bene non basta per prevenire i tumori. Al cibo va affiancato uno stile di vita sano in cui siano banditi alcool, fumo e inquinamento La prevenzione si fa anche a tavola Sono ormai moltissimi gli studi che riconoscono un legame importante tra dieta e neoplasie. È consigliabile consumare almeno cinque porzioni al giorno di verdura e frutta, variandone la tipologia A tavola si può prevenire il cancro? Sappiamo che i consumi alimentari influenzano il rischio di sviluppare tumori, ma ci sono anche altri fattori che incidono: il fumo di sigaretta, l inquinamento dell aria, l esposizione ad agenti cancerogeni come virus o radiazioni. I tumori non sono tutti uguali, alcuni sono più influenzabili dal nostro comportamento a tavola e sappiamo che la predisposizione genetica gioca un ruolo molto importante. Esperienze di restrizione calorica hanno dimostrato capacità di ridurre l incidenza di tumori nel mondo animale ma non sono sostenibili per l uomo modelli di alimentazione al limite della malnutrizione; occorre pertanto proporre al momento attuale, regole di buon senso che possano essere seguite per tutta la vita, cominciando possibilmente già dall infanzia. Alcune molecole protettive per tipi specifici di tumore sono presenti nel mondo vegetale: il licopene dei pomodori protegge dal cancro della prostata, l indolo-tre-carbinolo ci ripara da quello mammario, le catechine presenti nel tè sono protettive contro tumori della pelle, del colon, del seno e della prostata; la soia è ricca di fitoestrogeni e svolge un ruolo regolatore sulle influenze ormonali coinvolte nello sviluppo di alcuni tumori. Anche il resveratrolo, contenuto nell uva e nel vino rosso è protettivo: gli antociani presenti nei vegetali rossi offrono un ottima protezione ma ricordiamo che le arance vanno consumate fresche perché le lavorazioni industriali distruggono gli elementi benefici. Sebbene sia difficile raggiungere evidenze scientifiche inconfutabili, poiché i fattori che Dr.ssa Marina Caccia Specialista in Endocrinologia e Scienza dell Alimentazione continua a pag. 2 Prevenzione A tavola, si può prevenire il tumore? p. 1-2 Medicina Pubertà precoce: tante bistecche e le bambine crescono prima p. 3 Patologia Acne giovanile p. 4 Terapie I sintomi che possono annunciare il distacco della retina p. 5 Appuntamenti L esperto risponde p. 7 p. 6

2 2 interferiscono si intersecano in modo variabile e confondente, cominciamo ad avere alcune certezze sull importanza di mantenere il giusto peso corporeo poiché, studi condotti con tecniche di analisi genomica, hanno dimostrato che le cellule del sistema immunitario (che è il nostro presidio difensivo) sono in grado di regolare la risposta infiammatoria che è legata alla progressione tumorale: in particolare i macrofagi (normalmente potenti sentinelle contro gli aggessori del nostro corpo), presenti nel tessuto adiposo, vengono ingannati dal tumore e indotti ad inviare segnali protettivi verso il cancro, aiutandone lo sviluppo. Questo processo giunge ad influenzare la predisposizione genetica, attivando o sopprimendo geni che fanno parte del nostro patrimonio cromosomico. Di qui la necessità di mantenerci in peso-forma per tutta la vita: se siamo in sovrappeso dovremmo iniziare a modificare la nostra alimentazione aumentando il consumo di frutta e verdura (meglio poco cotta), sostituendo i carboidrati raffinati con cereali integrali, abolendo bevande zuccherate, wurstel, insaccati, riducendo salumi e formaggi. Il pesce e la carne (preferibilmente bianca) non dovrebbero superare la quantità di 500 grammi totali nella settimana. È necessario essere fisicamente attivi tutti i giorni (camminando a passo svelto almeno mezz ora quotidianamente o facendo tre ore di attività aerobica nella settimana) e limitare i consumi di cibi ad alta densità energetica (grassi e zuccheri) evitando l uso di bevande zuccherate. CIBI SCONSIGLIATI carboidrati raffinati come farine bianche, riso brillato, pasta e pane bianchi grassi, soprattutto di origine animale e sottoposti ad idrogenazione o cottura prolungata eccesso di proteine in particolare da carni rosse, prodotti caseari stagionati, salami e carne conservata eccesso di sale, alcool e superalcoolici in genere È consigliabile basare la propria alimentazione sui vegetali (le famose cinque porzioni quotidiane di frutta e/o verdura, evitando le lunghe cotture), ricordando che le patate fanno parte del gruppo dei farinacei e andranno consmate solo in alternativa a pasta e pane. È utile contenere il consumo di sale (possibilmente a 5g al dì) ed evitare cereali e legumi sottoposti a lunga conservazione, che facilitano lo sviluppo di muffe con potenziale presenza di aflotossine che sono provate essere cancerogene per il fegato. Anche l abuso di alcool è controproducente: si può assumere poco vino di buona qualità o birra, evitando i superalcoolici come whisky, grappa, vodka e simili. È opportuno variare il più possibile la dieta, ricordando che solo così ci approvvigioniamo di tutti i nutrienti necessari senza bisogno di integratori che si sono rivelati come minimo inutili (e in alcuni studi dannosi). L Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha avviato, e concluso, numerosi studi che hanno dimostrato notevoli benefici preventivi con dieta ricca di cereali integrali e legumi, povera di proteine animali (privilegiando quelle derivanti dai pesci piuttosto che da carne e latticini) con larga preferenza per frutta e ortaggi e utilizzo di semi oleosi e oli vegetali spremuti a freddo (oliva e sesamo). Le evidenze hanno fornito prove convincenti che la dieta a basso indice glicemico con molti vegetali, povera di proteine e grassi animali, affiancata ad attività fisica aerobica, può veramente cambiare le probabilità di incorrere in patologie tumorali e facilitarne la cura quando queste si siano già manifestate. È bene ricordare che l importante é quanto facciamo nella quotidianità e che trasgressioni occasionali sono irrilevanti. Ma è soprattutto importante abituare ad una sana alimentazione i bambini che oggi potrebbero accumulare una protezione per gli anni futuri, anche se purtroppo il sovrappeso precoce è una triste realtà italiana degli ultimi anni. Sottolineo infine l importanza dell allattamento al seno almeno per i primi sei mesi: è utile al lattante ma è estremamente utile anche per la mamma. CIBI CONSIGLIATI verdura (eccetto le patate) e frutta fresca carni bianche e pesce in quantità non eccessiva ricotta, latte e yogurt in quantità contenuta cereali integrali e legumi, pane, pasta, riso scuri semi oleosi, spezie (attenzione alla provenienza e conservazione), frutta oleosa a guscio, possibilmente non tostata olio d oliva extravergine, di lino e di sesamo spremuti a freddo

3 3 Eccedere con il consumo di carne durante l infanzia favorirebbe l anticipazione della pubertà nelle ragazze Tante bistecche e le bambine crescono (troppo) in fretta Negli ultimi decenni l età media europea del primo ciclo mestruale si è abbassata sensibilmente, passando dai 14 agli 11 anni Piccole donne crescono. Troppo in fretta, a volte. Un fenomeno si sta verificando da qualche decennio nei Paesi più evoluti, suscitando la preoccupata attenzione di pediatri ed endocrinologi: un sempre maggiore numero di bambine va incontro ad una pubertà precoce vera, con comparsa dei caratteri sessuali secondari (ingrossamento mammario, comparsa dei peli pubici) prima degli otto anni, con conseguenze fisiche e psicologiche non indifferenti. La pubertà è una tappa di un lungo processo di maturazione che, iniziando nella vita fetale con la differenziazione nei due sessi, si conclude con il completamento dello sviluppo sessuale secondario. L evento che innesca il fenomeno tra gli 8 e i 10 anni é l attivazione della secrezione di un neuro-ormone ipotalamico, il GnRH (Gonadotrophyn Releasing Hormone), che stimola l ipofisi alla sintesi delle gonadotropine, che a loro volta stimolano le ovaie alla produzione di estrogeni. Parallelamente, ma indipendentemente dal GnRH, aumenta la secrezione degli androgeni da parte del surrene, in particolare del DHEA-S (Deidro-epiandro-sterone solfato). Gli estrogeni sono responsabili dello sviluppo mammario, del delinearsi della silouette femminile per la particolare distribuzione del grasso corporeo e dell aumento della statura; agli androgeni prodotti dal surrene e dalle ovaie, si deve lo sviluppo dei peli pubici e ascellari, nonché l aumentata attività delle ghiandole sebacee e sudoripare. La fase puberale, dal primo accenno del bottone mammario al completamento della crescita staturale, dura in media 4,2 anni. A metà circa di tale periodo si ha la comparsa del primo flusso mestruale, il menarca. L età di comparsa del menarca si é sensibilmente ridotta, passando dai 17 anni di metà Ottocento ai 13 anni circa negli anni Sessanta. Dopo un lungo periodo di stabilizzazione, ha sorpreso l anomala ondata di pubertà precoci che si sta verificando negli ultimi decenni, dando adito a diverse ipotesi. Si é pensato all influenza della sempre maggiore esposizione ad alcuni contaminanti chimici in grado di mimare l azione degli estrogeni. È stata indiziata la sempre più diffusa obesità infantile, potendo gli alti livelli di leptina (ormone prodotto dal tessuto adiposo) interferire con i delicati equilibri ormonali cerebrali, mentre gli alti livelli di insulina (come si ha negli obesi) amplificano la produzione degli ormoni ovarici e surrenalici. Altra ipotesi è il trattamento con ormoni degli animali da allevamento, sebbene l esposizione episodica alle carni dopate non dovrebbe essere in grado di determinare una persistente turbativa dell equilibrio ormonale. Infine, è sempre più radicato il convincimento nei ricercatori che il continuo bombardamento di espliciti immagini e messaggi sessuali possa contribuire ad innescare, prima del tempo, la cascata degli eventi psico-neuro-endocrini che sono, all origine del fenomeno puberale. Se vi é incertezza sulle possibili cause (probabilmente confluenti nel determinare il fenomeno), non esistono dubbi sulla opportunità di intervenire al più presto per minimizzare il disagio psichico-fisico a cui queste donne-bambine andrebbero incontro se lasciate alla loro naturale evoluzione: da una parte una precoce saldatura delle ossa le condannerebbe inevitabilmente ad una bassa statura da adulte, dall altra l alterato sincronismo tra pulsioni sessuali e sviluppo mentale le esporrebbe al rischio di abusi sessuali. Il rimedio sono gli analoghi del GnRH, sostanze simili a quell ormone responsabile dell avvio della pubertà, i quali se somministrati in modo continuo e non a pousseè, come avviene fisiologicamente, hanno il potere di bloccare il processo puberale. Processo che potrà riprendere al momento opportuno alla sospensione del trattamento. Dr. Antonio Tripodina Specialista in Endocrinologia, Cardiologia ed Oncologia Clinica

4 4 Non è una malattia ma può avere ripercussioni psicologiche per molti adolescenti. Le cause risiedono nella condizione ormonale tipica della fascia d età anni Acne giovanile: un problema da non sottovalutare Gli ormoni responsabili sono gli androgeni e in quell età la transizione alla maturazione delle ghiandole sessuali, che producono questi ormoni, comporta spesso reazioni infiammatorie L acne è una malattia infiammatoria cronica che coinvolge aree cutanee caratterizzate da un aumentata secrezione sebacea. È una patologia di frequente osservazione, il cui esordio si ha generalmente in età prepubere; dopo 4-5 anni il quadro clinico raggiunge il massimo grado di severità, per poi risolversi intorno ai anni. Nella maggioranza dei casi la malattia tende a risolversi spontaneamente, anche se non sono eccezionali i casi in cui si protrae fino all età di 40 anni e oltre. L acne è una malattia geneticamente determinata, scatenata da una molteplicità di fattori che determinano le lesioni attraverso la mediazione di numerosi meccanismi patogenetici. Le manifestazioni si localizzano prevalentemente al volto e alla parte superiore del tronco. L acne è caratterizzata, nelle prime fasi, da manifestazioni non infiammatorie quali il comedone (il cosiddetto punto nero ) e secondariamente da lesioni di tipo infiammatorio come papule, pustole e noduli. Cisti e cicatrici possono talvolta aggravare il quadro clinico. L acne giovanile viene classificata, in base alla gravità e al tipo di lesione dominante, in acne lieve (acne comedonica e acne papulo-pustolosa con pochi elementi), acne moderata (acne papulo-pustolosa con numerosi elementi e acne nodulare con poche lesioni) ed infine in acne severa (acne nodulare grave e conglobata). L acne lieve può regredire senza lasciare esiti, ma nella maggior parte delle forme di grado moderato-severo possono permanere esiti pigmentari e cicatrici atrofiche, ipertrofiche o addirittura cheloidee. Ciascuno di questi differenti tipi di acne necessita di un trat- I trattamenti per l acne I farmaci utilizzati nella terapia dell acne possono essere distinti in formulazioni topiche e sistemiche. Quelle topiche includono agenti cheratolitici come i retinoidi, gli alfa-idrossi acidi, l acido salicilico, l acido azelaico e la retinaldeide ed agenti antimicrobici come il benzoil perossido e gli antibiotico topici. Nell ambito del trattamento sistemico si distinguono per efficacia alcuni antibiotici, la terapia ormonale e l isotretinoina orale. La terapia combinata rappresenta l approccio terapeutico più indicato e più comunemente utilizzato. tamento specifico. Nonostante la disponibilità di numerosi farmaci topici e sistemici e l introduzione di nuove molecole che hanno rivoluzionato la terapia delle forme più gravi, l acne si accompagna ad un impatto negativo sulla qualità della vita. In particolare, il principale interessamento dell età adolescenziale (contraddistinta da una maggiore sensibilità e vulnerabilità) condiziona un disagio psicologico che si può esprimere con insicurezza, imbarazzo, ridotta autostima, e nei casi più gravi in profonde turbe psicologiche (ansia, depressione, isolamento dalla vita sociale) che portano a un evidente peggioramento della qualità della vita. Queste alterazioni psicologiche sono presenti non solo nei pazienti con forme cliniche di particolare gravità della malattia, ma anche nei soggetti con forme di lieve entità nei quali numerose ricerche hanno documentato un alterata percezione della gravità della malattia. Un corretto approccio diagnostico e la scelta di una terapia adeguata sembrano quindi fondamentali, con l obiettivo sia di portare a un miglioramento del quadro clinico, sia di prevenire la possibile comparsa di cicatrici permanenti, esteticamente invalidanti. Alcune ricerche hanno recentemente evidenziato la scarsa informazione dei pazienti acneici circa le cause reali della malattia: l acne, infatti, viene spesso attribuita ad una erronea alimentazione o alla scarsa igiene, con conseguenti comportamenti inadeguati, quali frequente detersione delle aree affette, modificazione della dieta, maggior apporto idrico ed uso di prodotti cosmetici. Le fonti di informazione appaiono nella maggior parte dei casi inadeguate, essendo rappresentate da riviste, televisione, genitori, amici, estetiste e, solo raramente, da medici generici o dermatologi. Dr.ssa Manuela Rissone Specialista in Dermatologia

5 5 Sono i sintomi, da non sottovalutare, che caratterizzano il distacco di retina Occhio alle mosche volanti e ai lampi di luce Le più importanti condizioni predisponenti sono l elevata miopia, il diabete, l ipertensione, la degenerazione vitreale e i traumi oculari La retina è un sottilissimo strato di tessuto nervoso sensibile alla luce, che ha la funzione di permettere la focalizzazione delle immagini e inviare i messaggi visivi alla corteccia del cervello, mediante il nervo ottico. Normalmente la retina aderisce strettamente alla parete interna dell occhio; quando intervengono fenomeni patologici, come una o più rotture di tale pellicola, quest ultima tende piano piano a staccarsi: in tal caso la retina non è più in grado di offrire al cervello un immagine adeguata e la visione diviene offuscata e ridotta. In medicina è stata riscontrata la presenza di tre tipologie di distacco di retina. Il tipo più diffuso è quello detto regmatogeno : questo deriva da una degenerazione della retina che, gradualmente, ne determina la rottura o la lacerazione. Decisamente meno frequente è il distacco trazionale (che non di rado colpisce i malati di diabete). Nel distacco essudativo, l origine della patologia è imputabile ad eventi traumatici, in special modo al bulbo oculare (pericolosi sono sports che implicano bruschi sobbalzi, come deltaplano, mountain-bike, boxe), o quale conseguenza di tumori (es. melanoma della coroide), o di malattie infiammatorie localizzate, come l uveite. Sintomi Il sintomo più comune è la visione di una tenda nel campo visivo. Il paziente può anche percepire flash luminosi o lampi di luce (fotopsie) oppure percepire punti e/o linee mobili, di colore scuro, nel campo visivo (miodesopsie ovvero le mosche volanti ). Non è mai presente dolore. Se il paziente si accorge di un calo di vista, o di una riduzione improvvisa del campo visivo periferico, deve recarsi immediatamente dall oculista. Un trattamento immediato può, infatti, ridurre al minimo i danni per l occhio. Terapia Qualora il distacco di retina sia già in atto, l unico trattamento possibile è quello chirurgico; possono essere eseguiti diversi tipi di trattamento, a seconda del tipo e della gravità del distacco di retina: - cerchiaggio e/o piombaggio - vitrectomia con l uso o meno di sostanze tamponanti (come l olio o il gas) - chiusura dei fori o rotture eventualmente presenti e asportazione del liquido sottoretinico. Il decorso post-operatorio usualmente non è doloroso, ma l occhio può risultare infiammato, il tono oculare ridotto o aumentato e il paziente può necessitare di un ricovero di alcuni giorni. Il quadro visivo dipende dall entità del distacco di retina e dalla sua durata. L ombra causata dal distacco si ridurrà fino a poter scomparire in tutti i casi in cui la retina è stata riposizionata. Nei casi in cui il distacco interessi la regione maculare, che è l area della visione centrale, il recupero visivo sarà incompleto. Tanto maggiore è la durata del distacco, tanto minore è la possibilità di recupero visivo. Prognosi La prognosi del distacco di retina è notevolmente migliorata in seguito all impiego delle moderne tecniche di chirurgia mininvasiva; la guarigione anatomica si può ottenere in più del 90% dei casi. La prognosi però è sempre fortemente condizionata dall anzianità del distacco e dalle sue caratteristiche cliniche. La prognosi funzionale invece è strettamente correlata al coinvolgimento o meno della regione maculare. Prevenzione È importante conoscere se in famiglia ci siano stati precedenti casi di distacco di retina, in quanto può esistere una predisposizione genetica. Se l oculista riscontra alterazioni a livello della periferia retinica, il distacco può essere prevenuto effettuando un trattamento argon laser a scopo profilattico. Se un paziente ha avuto un distacco in un occhio, il rischio che si verifichi anche nell altro è leggermente maggiore rispetto alla media. Dr.ssa Elisa Biano Specialista in Oculistica

6 6 Incontri con il medico su argomenti di medicina pratica Stagione 2011 ingresso libero presso SALA CERVINO POLIAMBULATORIO LARC Corso Venezia 10 - Torino ore 15,30 Sabato 30 APRILE LE GAMMOPATIE MONOCLONALI: AUMENTO ANOMALO DI UNA SOLA PROTEINA DEL SANGUE Relatore: Dr.ssa Maria Letizia REITANO - Specialista in Ematologia e Medicina Interna Sabato 21 MAGGIO QUANDO LA SCHIENA FA MALE: LA LOMBALGIA Relatore: Dr. Alessio CIMATTI - Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione presso EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA Corso Trento 13 - Torino ore 15,30 Sabato 28 MAGGIO LA MALATTIA DELLE CAROTIDI: PRINCIPALE CAUSA DI ICTUS sala Gialla Relatore: Dr. Mauro MASELLI - Specialista in Chirurgia Vascolare presso SALA RIUNIONI POLIAMBULATORIO LARC Via A. D Oria, 14/14 - Ciriè Sabato 14 MAGGIO VENE VARICOSE: SINTOMI E CURE Relatore: Dr. Vincenzo MASTROROCCO - Specialista in Chirurgia Vascolare presso SALA RUSCALLA CENTRO CULTURALE SAN SECONDO Via Carducci 24 - Asti ore 15,30 Sabato 7 MAGGIO SEDUTI SUI CARBONI ARDENTI: EMORROIDI DAI SINTOMI AI TRATTAMENTI Relatore: Dr. Giorgio AJRALDI - Specialista in Chirurgia Generale Sabato 11 GIUGNO PATOLOGIA UROLOGICA DELL INFANZIA: INDICAZIONI E LIMITI DELLA DAY SURGERY Relatore: Dr. Enzo MORAMARCO - Specialista in Urologia

7 7 L esperto risponde OTORINOLARINGOIATRA Che cos è una cisti mascellare? A mia sorella, 34 anni, è stata riscontrata ad una TC: una pseudocisti del seno mascellare. Che cos è? È necessario asportarla? M. C. Risponde il Dr. Roberto Marino Specialista in Otorinolaringolatria Consulente del Gruppo Larc Poliambulatori Il riscontro di una cisti localizzata nel seno mascellare è un rilievo radiologico molto spesso casuale: TC o RMN eseguite per altri motivi possono evidenziarne la presenza senza per quanto necessitare di un intervento chirurgico. Si tratta di una formazione benigna per lo più tondeggiante ripiena di liquido provocata da uno stato infiammatorio della mucosa nasosinusale (iperplasia mucosa polipoide); la diagnosi radiologica è sempre presuntiva, solo dopo la rimozione e l esame istologico si può confermarne la natura. Per un inquadramento clinico bisogna considerare la sintomatologia della paziente e il motivo per il quale è stata eseguita l indagine. Se presente sintomatologia dolorosa associata a sintomi infiammatori nasosinusali andrà programmata una visita specialistica Otorinolaringoiatrica, nel corso della quale il medico eseguirà un esame endoscopico (fibroendoscopia nasale) al fine di chiarire eventuale presenza di patologia flogistica in atto. Di conseguenza si valuterà l eventuale trattamento medico e chirurgico opportuno. GASTROENTEROLOGIA Quel dolore pungente allo stomaco Ho 32 anni, e da quasi due avverto un fastidio alla pancia in prossimità dell ombelico. Ho fatto una ecografia, ma non risulta niente di anomalo. Il mio medico è convinto possa essere il colon irritabile, ma dopo diverse cure con medicinali, regolarizzatori ed integratori, il problema persiste ancora. Può indicarmi cosa fare, perché non vorrei continuare a prendere farmaci che possano essere inutili e dannosi. F. DC. Risponde la Dr.ssa Elisabetta Borghesio Specialista in Gastroenterologia Dai sintomi che descrive è molto verosimile che si tratti di sindrome del colon irritabile (IBS) e come tale è importante, oltre allo stile di vita, domandare aiuto a probiotici e/o farmaci sintomatici da utilizzare ciclicamente per alleviare i disturbi e ritrovare benessere. Importante comunque escludere le principali cause organiche di patologia gastrointestinale che potrebbero mimare i sintomi dell IBS, ad esempio la malattia celiaca e la malattia infiammatoria cronica intestinale. Utile dunque effettuare alcuni accertamenti di Data approfondimento consigliati dal suo medico di famiglia o dallo specialista (es. ecografia anse intestinali, indici infiammatori, esame delle feci, ecc.). DIETOLOGIA Stop al fumo. 20 Kg in più Ho smesso di fumare circa 14 mesi fa. Ma ora come faccio a perdere i 20 kg che ho preso con la fame nervosa? E. Z. Risponde la Dr.ssa Marina Caccia Specialista in Endocrinologia e Scienza dell Alimentazione È risaputo che, per molte ragioni, quando si smette di fumare si acquistano kg di peso, ma quando si arriva a 20 kg non può essere imputato solo allo stop al fumo. E' indispensabile considerare anche altre cause di aumento di peso (ipotiroidismo? sedentarietà?). Credo che il primo professionista da interpellare sia il medico di famiglia (che conoscendola saprà indirizzarla su quale specialista andrà consultato). Non trascurerei i gruppi di autoaiuto reperibili sul territorio. Il dietologo potrà essere utile per dirimere le necessità individuali rispetto ad una corretta alimentazione ma le prescrizioni dietoterapiche da sole di fronte ad un problema complesso rischiano di creare frustrazione se non sono coordinate in un intervento più articolato con altre professionalità. 04/2011 Per ulteriori informazioni compilare e spedire in busta chiusa a: IL MONITORE MEDICO c.so Venezia, Torino oppure a: Cognome e Nome o Azienda Via cap Città Preghiamo di porre quesiti di ordine generale e non domande atte ad ottenere una terapia La mia domanda è.. Desidero ricevere la Carta dei Servizi dei Poliambulatori del Gruppo LARC Autorizzo la Redazione de Il Monitore Medico al trattamento dei miei dati personali nel rispetto della Legge 196/2003. In base all articolo 7 legge 196/2003 potrò avere accesso ai miei dati, chiederne la modifica o la cancellazione oppure oppormi al loro utilizzo su semplice richiesta a: Il Monitore Medico presso LARC c.so Venezia, Torino Firma

8 8 collabora con Centro Medico di Fisiokinesiterapia e Ginnastica Riabilitativa Tecarterapia e Onde d urto per il tuo benessere Via Carlo Giordana 2 ang. C.so Re Umberto Torino Lunedì - Venerdì Tel Fax ia Gian Domenico Cassini Corso Galileo Ferraris Via Giambattista Vico Corso Galileo Ferraris Via Amerigo Vespucci Corso Luigi Einaudi Via Alfonso Lamarmora Via Cristoforo Colombo Via Carlo Giordana Corso Re Umberto Via Gaetano Via Antonio Genovesi Filangieri Corso Re Umberto Corso Sommeiller Via Andrea Massena Via Governolo Via Vincenzo Gioberti GIORDANA DUE: Via Carlo Giordana, 2 ang. C.so Re Umberto, 64 - TORINO Direttore Tecnico Dr. Roberto Rago Accreditati SSN fascia A Tutti i centri sono convenzionati con la maggior parte dei fondi di categoria per la copertura sanitaria dei propri iscritti in forma diretta ed indiretta INFORMAZIONI PRENOTAZIONI CENTRO UNIFICATO Tel Fax Via Cambiano Piazza Vittoria Via Valfenera Via Valfenera Via Villar Via Stradella Via Giovanni Michele Boccardo Via Chiesa della Salute Via Chiesa della Salute Via Fontanella Via degli Approcci Via Michele Antonio Vibò Via del Ridotto Via Stradella Via Pavone Corso Venezia Via Pont Corso Venezia Via Cervino Via Alagna Via Villar Corso Venezia Via Parella Via Ticino Via Valprato Corso Venezia Via Cervino LARC SEDE: C.so Venezia, 10 - TORINO Direttore Sanitario Dr. Federico Olliveri Via Gressoney onzano Laboratori Analisi - Poliambulatori Specialistici Diagnostica per Immagini - Tac - Risonanze Magnetiche Slim e Aperte Fisiokinesiterapia - Medicina dello Sport - Medicina del Lavoro Via Renato Martorelli Via Enrico Cavaglià Via Salassa Via Rivarossa Via Ozegna Via Gottardo Via Sempione Via Gottardo Via Gottardo Via Sempione Via Trino Via Giovanni Poggio Corso Giulio Cesare Via Pier Fortunato Calvi Corso Giulio Cesare Via Giambattista Pergolesi Via Nicola Porpora Piazza del Donatore di Sangue Largo Sempione Via Monte Rosa Via Monte Rosa LARC: Via Sempione, 148/c - TORINO Direttore Sanitario Dr.ssa Caterina Canelli Sede Centrale c.so Venezia, 10 - Torino Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP): Numero Verde Cortesia Sedi distaccate LARC via Sempione 148/C - Torino LAMBDA LARC c.so Duca degli Abruzzi, 56 - Torino LARC via A. D Oria, 14/14 - Ciriè Punti Prelievo c.so Umbria, 14 - Torino via Rieti, 30 - Grugliasco Informazioni e Prenotazioni via Bainsizza, 4/F - Torino via Caselle, 7 - Borgaro Torinese Via Battitore Via Luigi Buratto Via Antonio Rosmini Via Pasquale Trivero Via Monte Grappa Via Matteo Pescatore Via Andrea D Oria Via San Giovanni Bosco Via Roma Via Andrea D Oria Via Giuseppe Mazzini Via Vittorio Alfieri Via Monte Grappa Via Roma Via Trento Via Trieste Via Piave Corso Martiri della Libertà LARC: Via A. D Oria, 14/14 - CIRIÈ Direttore Sanitario Dr. Marco Laudi Corso Mediterraneo Via Giovanni da Verrazzano Via Dego Via Giovanni da Verrazzano Via Cristoforo Colombo Via Antonio Pigafetta Via Marco Polo Corso Duca degli Abruzzi Via Amerigo Vespucci Via Amerigo Vespucci Via Antonio Pigafetta Corso Luigi Einaudi Via Giacomo Bove Via Cristoforo Colombo Via Marco Polo Corso Alcide De Gasperi LAMBDA LARC: C.so Duca degli Abruzzi, 56 - TORINO Direttore Sanitario Dr.ssa Caterina Canelli IL MONITORE MEDICO lo trovi presso tutti i centri del Gruppo Larc e presso altri esercizi distribuiti sul territorio: se vuoi conoscere quello più vicino a te manda una col tuo indirizzo a IL MONITORE MEDICO è anche on-line su

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero

Screening per il tumore al seno e al collo dell utero Screening per il tumore al seno e al collo dell utero SCREENING PER LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL SENO E DEL COLLO DELL UTERO. UN APPUNTAMENTO DA RICORDARE La Regione Valle d Aosta,

Dettagli

Ma cosa è lo stress ossidativo? Quali conseguenze comporta? Come si manifesta? E possibile valutarlo?

Ma cosa è lo stress ossidativo? Quali conseguenze comporta? Come si manifesta? E possibile valutarlo? Risultati analisi bilancio ossidativo Studio Medico Dr.ssa Maria Giuseppa Gargano Via Astarita Costantino 50 84016 Pagani (SA). Desideriamo ringraziarla per essersi sottoposta/o alla valutazione dello

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute

irsutismo femminile ipertricosi femminile Oggi una bellezza femminile senza peli problemi di salute La peluriia femmiiniile iin eccesso Un sserriio prrobllema perr lla ffemmiiniilliittà delllla donna Il modello di un corpo senza peli e con la pelle vellutata Peluria in eccesso : il sentirsi poco femminile

Dettagli

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013

Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano XXXII. Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 XXXII Giornata Mondiale dell Alimentazione Formia, 16 ottobre 2013 Biologo Nutrizionista Ricercatrice Dipartimento oncologia sperimentale IEO Milano SmartFood: progetto di ricerca e divulgazione scientifica

Dettagli

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia Negli ultimi anni nel campo della prevenzione in oncologia si è verificato un processo di profonda maturazione e sviluppo, che ha migliorato

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI A CURA DI Centro screening - Dipartimento di Sanità Pubblica Programma Screening per la prevenzione dei tumori-direzione Sanitaria AUSL Bologna I tumori rappresentano

Dettagli

L acne si combatte a tavola

L acne si combatte a tavola Roma, 30/05/2013 COMUNICATO STAMPA L acne si combatte a tavola La dieta mediterranea alleata della salute della pelle La dieta mediterranea può fare la differenza. E quanto emerge da uno studio sulla relazione

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno.

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno. Dieci suggerimenti della Lega svizzera contro il cancro Consapevoli e sani Un'alimentazione sana e movimento sufficiente possono ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. Non è mai troppo tardi per iniziare

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca.

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. È una malattia cronica della superficie oculare a origine multifattoriale caratterizzata

Dettagli

A cura di: Dr. Alberto Donzelli - Responsabile Dipartimento Servizi Sanitari di Base ASL Città di Milano

A cura di: Dr. Alberto Donzelli - Responsabile Dipartimento Servizi Sanitari di Base ASL Città di Milano A cura di: Dr. Alberto Donzelli - Responsabile Dipartimento Servizi Sanitari di Base ASL Città di Milano Supervisione scientifica di: Dr. Franco Berrino - Direttore della Divisione di Epidemiologia dell

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Il Dipartimento Oncologico Milanese (DOM ): obiettivi e attività

Il Dipartimento Oncologico Milanese (DOM ): obiettivi e attività Il Dipartimento Oncologico Milanese (DOM ): obiettivi e attività Intervento a cura di: Dr. ssa Gemma Lacaita Direttore Dip. SSB Cure Primarie Milano, 28 novembre 2012 Premessa 1 La Regione Lombardia ha

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Acne: quale terapia?

Acne: quale terapia? Acne: quale terapia? Prescrivere schemi terapeutici complessi ed affollati di prodotti significa solo creare al paziente più problemi ( irritazione della pelle, difficoltà pratiche di realizzazione, aumento

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ (DMLE o AMD) Campagna informativa per la prevenzione

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Nutrizione, una strategia di salute

Nutrizione, una strategia di salute Nutrizione, una strategia di salute Dr. M. Giannotti Lucca ottobre 2015 Il Centro Donna è una struttura dove si concentrano le attività sanitarie rivolte alle donne per la prevenzione, diagnosi e terapia

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD

PINK TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. IS GOOD UN PROGETTO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI TUMORE AL SENO PINK IS GOOD TUMORE AL SENO. Per sconfiggerlo scegli la prevenzione e sostieni la ricerca. I NUMERI OLTRE 48 mila OGNI ANNO IL NUMERO DELLE DONNE

Dettagli

Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione

Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione Alimentazione e Cancro: origini, cause e prevenzione 4 dicembre 2014 Palazzo Reale, Milano Dottor Claudio Verusio - Dottor Maurizio Tomirotti CD CIPOMO Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri

Dettagli

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS

LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS LA TUA MAPPA DEL TESORO IN 4 SEMPLICI PASSI PER RAGGIUNGERE LA TUA FORMA PERFETTA CON JUICE PLUS 4 Semplici passi per creare il tuo stile di vita 1. Decidi cosa vuoi e cosa credi = cosa vuoi ottenere e

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto tra acidi grassi omega6 e omega3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 CCV: 574 Data: 01/01/2013 Paziente: Rossi Mario Referto a cura di: NatrixLab Via Cavallotti, 16 42122 Reggio Emilia Aut.n. 67 del 26.01.10 Direttore Sanitario Dott. Michele

Dettagli

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE L ovaio policistico (PCO) è una condizione molto eterogenea caratterizzata da disfunzione ovarica e disordini mestruali associati spesso a segni clinici

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia A.A. 2013-2014 -seconda sessione: dal 16 giugno al 31 luglio 2014 -terza sessione: dal 1 al 30 settembre 2014 sessione

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista MIUR 14/10/2011 Linee guida per l Educazione Alimentare

Dettagli

Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute

Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute B.S. Magna Cum Laude, in Chimica, UCLA 1969 M.D., Harvard Medical School 1973 Ph.D.

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi E UNA DELLE COMPLICANZE VASCOLARI DEL DIABETE Il Diabete è un anomalia del metabolismo del glucosio dovuta ad alterata produzione dell insulina che si manifesta con una elevata glicemia. 10-15% diabete

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

di cuore si vive! CONTROLLIAMO Colesterolo e Trigliceridi

di cuore si vive! CONTROLLIAMO Colesterolo e Trigliceridi Promuovere stili di vita salutari, valutare e monitorare il rischio cardiovascolare per ridurlo CONTROLLIAMO Colesterolo e Trigliceridi di cuore si vive! Opuscolo realizzato da Dr.ssa Lorenza Pilotto e

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli