..d altra parte molti altri microrganismi sono responsabili di deterioramento o contaminazione di vari alimenti..

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "..d altra parte molti altri microrganismi sono responsabili di deterioramento o contaminazione di vari alimenti.."

Transcript

1 Numerosi alimenti vengono prodotti sfruttando la capacità di microrganismi di operare trasformazioni biochimiche che conferiscono a ciascun prodotto le caratteristiche organolettiche tipiche 1

2 ..d altra parte molti altri microrganismi sono responsabili di deterioramento o contaminazione di vari alimenti.. Matrici alimentari come ecosistemi complessi: cosa influenza la crescita microbica? Fattori intrinseci ed estrinseci: attività dell acqua (a w ) presenza di O 2 disponibilità di nutrienti ph T 2

3 attività dell'acqua (a w ): indice relativo alla quantità d'acqua che, in un determinato prodotto, è libera da particolari legami con gli altri componenti a w = P/P 0 dove P è la pressione di vapore dell'acqua nel prodotto e P 0 è la pressione di vapore dell'acqua pura, per una medesima temperatura CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLE RICHIESTE DI OSSIGENO Gli aerobi obbligati richiedono per sopravvivere la presenza di O 2 e sono dotati di enzimi come la superossido dismutasi, la catalasi e la perossidasi, in grado di proteggerli dallo stress ossidativo generato da O 2 Gli anaerobi facoltativi crescono meglio in presenza di O 2, ma ne tollerano anche l'assenza. Gli anaerobi obbligati non sono in grado di sopravvivere in presenza di O 2, perché non dotati di enzimi in grado di proteggerli dallo stress ossidativo generato da O 2. Gli organismi aerotolleranti non richiedono O 2, non presentano alcun tipo di metabolismo in grado di utilizzarlo, ma sono in grado di sopravvivere se esposti all'aria, poiché dotati degli enzimi necessari a resistere agli stress ossidativi. Gli organismi microaerofili sono in grado di utilizzare O 2, ma solo a concentrazioni ridotte (nell'ordine di micromoli). La loro crescita è inibita da concentrazioni normali di O 2 (pari a circa 200 µm). Gli anaerobi obbligati possono servirsi di reazioni di fermentazione. Gli anaerobi facoltativi, invece, utilizzano la respirazione aerobica in presenza di O 2 : in sua assenza, invece, sono in grado di fermentare. Gli organismi aerotolleranti sono strettamente fermentanti. I microaerofili possono svolgere alternativamente respirazione aerobica e anaerobica. I batteri aerobi e anaerobi possono essere identificati attraverso una coltura in sospensione: - I batteri aerobi obbligati si raccolgono in testa alla provetta, in modo da assorbire la maggior quantità possibile di O2. - I batteri aerobi facoltativi si raccolgono principalmente in testa, poiché la respirazione aerobia è la più efficiente; in ogni caso, la carenza di O2 non li disturba e, per tale motivo, è possibile individuarli lungo tutta la provetta. - I batteri anaerobi obbligati si raccolgono sul fondo, per evitare l'o2. -Il metabolismo dei batteri aerotolleranti non è influenzato dalla presenza di O2 e, per tale motivo, sono diffusi lungo tutta la provetta. -I microaerofili si raccolgono nella parte superiore della provetta, ma non in testa; essi richiedono infatti O2 a bassa concentrazione. 3

4 CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL OPTIMUM DI TEMPERATURA DI CRESCITA BATTERI LATTICI (LAB) Gram-positivi asporigeni, anaerobi ossigeno-tolleranti, in grado di fermentare zuccheri con produzione di acido lattico Comprendono diversi generi: Lactobacillus (non patogeni) Streptococcus (patogeni opportunisti) Lactococcus (non patogeni) Enterococcus (patogeni opportunisti) Leuconostoc Pediococcus Importanti nelle fermentazioni alimentari: abbassamento ph e produzione di batteriocine limita lo sviluppo di specie patogene o alterative Alcune specie sono normalmente presenti nel tratto gastrointestinale umano (microbiota intestinale) Alcune specie mostrano caratteristiche probiotiche 4

5 .UN PO DI TASSONOMIA. composizione in basi (G+C) nel DNA < 50 mol% Lactobacillales composizione in basi (G+C) nel DNA > 50 mol% Actinomycetes I principali generi di LAB (Aerococcus, Carnobacterium, Enterococcus, Lactococcus, Lactobacillus, Leuconostoc, Oenococcus, Pediococcus, Streptococcus, Tetragenococcus, Weisella e Vagococcus) appartengono all ordine dei Lactobacillales Il genere Bifidobacterium, pur appartenendo alla classe degli Attinomiceti, viene tradizionalmente considerato membro del gruppo generale dei LAB a causa di caratteristiche fenotipiche simili La tassonomia dei batteri lattici è comunque un argomento complesso e in continua evoluzione. Si basa sull analisi comparativa di sequenza dei geni che codificano l RNA ribosomale (rrna) I LAB sono diffusi in numerosi prodotti fermentati: - Caseari (specialmente da latte crudo) - Carnei (insaccati fermentati) - Vino e Sidro - Altri (pesce, vegetali) Le funzioni più importanti nelle fermentazioni alimentari sono svolte da geni batterici coinvolti nel metabolismo degli zuccheri, dei lipidi e nei sistemi proteolitici. In particolare la proteolisi gioca un ruolo fondamentale nella maturazione dei prodotti, soprattutto nel determinarne la consistenza e l aroma. 5

6 FERMENTAZIONE OMOLATTICA Il lattosio viene traslocato nelle cellule tramite sistema Fosfoenolpiruvato-fosfotransferasi (PEP) (ad es. in Lactococcus) o da una permeasi (ad es. in Streptococcus termophilus) De Vos & Vaughan, 1994 FERMENTAZIONE ETEROLATTICA 6

7 Alcuni LAB sono comunque in grado di utilizzare altre fonti di carbonio, come polioli, acidi organici e aminoacidi, usando vie metaboliche alternative, sia specie- che ceppo-specifiche Potenziali substrati fermentabili dai LAB per la formazione del piruvato e del lattato. Da Liu, (2003) METABOLISMO DEL PIRUVATO E DEL CITRATO Importante per lo sviluppo di molecole responsabili di aromi Lactococcus lactis-cit+ Leuconostoc 7

8 Lactobacillus Anaerobi facoltativi o microaerofili di forma bastoncellare. In relazione al metabolismo, le specie di Lactobacillus possono essere divise in tre gruppi: Omofermentativi obbligati (Gruppo I) L. acidophilus, L. delbrueckii, L. helveticus, L. salivarius Eterofermentativi facoltativi (Gruppo II) L. casei, L. curvatus, L. plantarum, L. sakei Eterofermentativi obbligati (Gruppo III) L. brevis, L. buchneri, L. fermentum, L. reuteri Caratteristiche Presentano diverse e complesse esigenze nutrizionali (CHO, aa, peptidi, vitamine, ecc.) Il principale prodotto della fermentazione è l acido lattico Crescono in una grande varietà di habitats, caratterizzati dalla presenza di alti livelli di CHO solubili, prodotti del catabolismo proteico, vitamine e bassa tensione di ossigeno. Sono acido-tolleranti, e la produzione di elevati livelli di acido lattico abbassa il ph inibendo la crescita di altri batteri. Questa caratteristica li rende particolarmente adattabili e contribuisce alla loro capacità di colonizzare ambienti diversi e a tollerare condizioni spesso sfavorevoli Leuconostoc Morfologia di cocchi o ovoidale, catalasi negativi, arginina negativi, produzione di gas da glucosio, produzione di isomero D( )-lattato. Ne esistono 10 specie, tra cui Leuc. lactis e Leuc. mesenteroides Caratteristiche Fermentativi obbligati chemioorganotrofi (organismi che utilizzano energia proveniente da sostanze organiche) Presentano diverse e complesse esigenze nutrizionali (CHO, aa, peptidi, vitamine, ecc.) Condividono numerosi habitats naturali e artificiali (specialmente matrici alimentari) con altri LAB, in particolare lattobacilli, pediococchi e carnobatteri. Presenti in diverse matrici alimentari (carnee, vegetali ma soprattutto casearie), in associazione con Lactobacillus, Lactococcus, Pediococcus e Carnobacterium. Nei prodotti caseari è responsabile della produzione di diacetile, che conferisce aroma di burro, e acetoino. 8

9 Lactococcus Omofermentativi, catalasi-negativi, morfologia di cocchi non-mobili singoli, appaiati, o associati in catenelle. Comprendono le specie Lc. lactis, Lc. garviae, Lc. plantarum, Lc. piscium and Lc. raffinolactis I più comuni habitats sono rappresentati da matrici casearie. La specie Lactococcus lactis e le sue sottospecie sono ampiamente utilizzate nell industria lattiero-casearia e sono riconosciute come GRAS (generally recognized as safe ). Impiegati in colture singole o miste per la produzione di diversi tipi di formaggi e latti fermentati Lactococcus lactis biovar diacetylactis è responsabile della produzione di diacetile, a partire da citrato (presente nel latte in soluzione o nelle micelle di caseina sotto forma di complessi caseina-citrato-calcio-fosfato). RUOLO DEI LAB NELLE TRASFORMAZIONI CASEARIE LAB COMUNEMENTE USATI NELLE FERMENTAZIONI CASEARIE 9

10 Formaggi Batteri (o funghi) Cheddar Streptococcus thermophilus Svizzero Propionibacteri um shermanii (produce CO 2 che conferisce la caratteristica dei buchi) Mozzarella Lactobacillus helveticus Gouda Streptococcus thermophilus Roquefort e Gorgonzola Penicillium roqueforti* (responsabile della venatura verdeazzurro) Caratteristiche Aromi: da leggeri (cremoso) a extra-forti L aroma varia da dolce a forte, generalmente è di consistenza semi-dura Aroma delicato e sapore di latte Aroma ricco e caramellato Aroma piccante *Questo fungo è aerobico, richiede ossigeno per la crescita e quindi la pasta deve essere sufficientemente porosa. Pori artificiali vengono creati bucando con aghi metallici. LA MATRICE ALIMENTARE LATTE Il latte è composto da acqua, carboidrati, proteine, grassi, minerali e vitamine. Le caratteristiche del sistema latte sono molto più complesse di quelle dei suoi costituenti presi separatamente. Il lattosio, principale carboidrato nel latte della maggior parte delle specie, è un disaccaride, composto da D-glucosio and D-galattosio, uniti con legame β-1,4-glicosidico. Componenti minori sono rappresentati da monosaccaridi liberi, zuccheri-fosfato e oligosaccaridi neutri o acidi e citrato. Le caseine si trovano disperse nel latte sotto forma di micelle. Queste sono composte da α- (α s ), β- e κ-caseina. L α- e la β- caseina contengono gruppi fosfato. La β- caseina è una proteina molto importante nel latte bovino mentre lo è scarsamente nel latte umano. La κ-caseina (una glicoproteina) è distribuita attraverso la micella e ha la funzione di stabilizzarla e renderla solubile in acqua. Le micelle sono tenute insieme da legami ionici con il calcio: caseina - PO Ca ++ - PO caseina Le proteine che rimangono nella fase acquosa del latte dopo precipitazione a ph 4.6 sono denominate collettivamente sieroproteine. Le principali proteine del siero sono α-lattalbumina, β-lattoglobulina e sieroalbumina. Queste proteine sono solubili in acqua, sono soggette a denaturazione termica ed hanno una buona capacità di montare. Con la denaturazione aumenta la loro capacità di ritenzione idrica I principali costituenti del grasso del latte sono:trigliceridi, fosfolipidi, colesterolo, carotenoidi, acidi grassi liberi e glicolipidi. I trigliceridi, che rappresentano il 97-98% del totale, determinano le proprietà fisiche del grasso del latte ed agiscono come solventi per altri lipidi e per diverse sostanze liposolubili. Il latte dei ruminanti si caratterizza per l abbondanza di acidi grassi saturi (palmitico: C16:0 e stearico: C18:0) e acidi grassi a catena medio-corta (caprilico: C8:0 e caprico: C10:0), responsabili del sapore spiccato dei formaggi. Si ritrova una ridotta quota di acidi grassi insaturi, tra i quali l acido oleico (C18:1) è il più abbondante. È anche possibile identificare acidi grassi a numero dispari di atomi di carbonio (C15:0 e C17:0), oltre che acidi grassi a catena ramificata, sebbene in quantità relativamente basse; questi composti derivano probabilmente dalle membrane dei microrganismi ruminali. 10

11 Produzione di acido lattico: coagulazione acida, causata dalla neutralizzazione delle cariche negative delle micelle di caseina, che normalmente si respingono Fosfocaseinato (sol) di Ca + Ac lattico Fosfocaseinato acido(gel) + lattato di Ca Proteolisi: complessa serie di reazioni a carico della caseina, catalizzate dagli enzimi prodotti dai microorganismi costituenti la microflora presente nel latte, ma anche da quelli endogeni,come la plasmina. idrolisi parziale della caseina (proteolisi primaria), decomposizione parziale dei peptidi (proteolisi secondaria), demolizione e rielaborazione degli amminoacidi formazione dei composti responsabili del sapore e dell aroma quali amminoacidi, ammine, tioli, e tioesteri; rilascio di composti sapidi come glutammati o oligopeptidi; formazione di composti basici come ammine o NH 3 ; modifica della tessitura della pasta per effetto della demolizione del reticolo caseinico PATHWAYS BIOCHIMICI CHE PORTANO ALLA PRODUZIONE DI COMPOSTI RESPONSABILI DEGLI AROMI ZUCCHERI GRASSI PROTEINE L. Marilley, M.G. Casey / International Journal of Food Microbiology 90 (2004)

12 G. Smit et al. / FEMS Microbiology Reviews 29 (2005) PROTEOLISI La degradazione delle proteine del latte da parte dei LAB gioca un ruolo determinante sia per la produzione di peptidi e aa necessari alla crescita batterica, sia per la formazione di metaboliti che contribuiscono allo sviluppo di aromi tipici del prodotto fermentato Il sistema proteolitico dei LAB comprende 3 principali componenti: (1) Proteinasi ancorata alla parete (CEPs: cell-envelope proteinase): dà inizio alla degradazione della caseina extracellulare producendo oligopeptidi (2) Trasportatori di peptidi responsabili del trasporto intracellulare (3) Peptidasi intracellulari che degradano ulteriormente gli oligopeptidi fino ad aa Caseine particolarmente ricche in prolina, i LAB presentano numerose prolina peptidasi Gli aa possono essere a loro volta convertiti in diversi composti, quali aldeidi, alcooli ed esteri, che contribuiscono agli aromi del prodotto finito 12

13 Sistema proteolitico di Lc. lactis trasportatori di- tri-peptidi proteasi permeasi peptidasi repressore trascrizionale Utilizza il pool di aa ramificati (leucina, isoleucina e valina) per regolare l espressione di geni coinvolti nel sistema proteolitico Appl Microbiol Biotechnol (2006) 71: Rappresentazione schematica di CEPs di diverse specie di LAB Dominio catalitico Appl Microbiol Biotechnol (2006) 71:

14 Overview dei principali pathways di conversione delle proteine, di rilevanza per la produzione di aromi nelle fermentazioni casearie G. Smit et al. / FEMS Microbiology Reviews 29 (2005) Catabolismo degli aa a catena ramificata (leucina, isoleucina, valina) 14

15 Catabolismo della metionina e generazione di composti solforati volatili LIPOLISI Dovuta alla presenza di enzimi lipolitici, cioè idrolasi che tagliano il legame estere tra l acido grasso e il core di glicerolo dei triacilgliceroli, producendo acidi grassi liberi e mono- e di-acilgliceroli. Gli enzimi lipolitici sono classificati come esterasi o lipasi, in base a tre principali caratteristiche: (1) lunghezza della catena dell estere acilico idrolizzato, (2) la natura fisico-chimica del substrato, (3) la cinetica enzimatica. Catabolismo degli acidi grassi liberi (FFA) Metil chetoni (alkan-2-ones): importanti prodotti del catabolismo dei FFA, in particolare nei Blue cheeses Catabolism of fatty acids by Y.F. Collins et al. / International Dairy Journal 13 (2003) spp. 15

16 SUCCESSIONE MICROBICA DURANTE LA FERMENTAZIONE CASEARIA Colture starter (SLAB) rapida produzione di acido lattico e conseguente diminuzione del ph della matrice alimentare. Comprendono Lactococcus lactis, Leuconostoc spp., come specie mesofile (optimum di crescita tra 25ºC e 30ºC) e Streptococcus thermophilus, Lactobacillus delbrueckii, Lactobacillus helveticus, come specie termofile (optimum di crescita tra 37ºC e 42ºC) Colture non-starter (NSLAB) svolgono un importante ruolo nella maturazione del prodotto, conferiscono particolari aromi e consistenza. Gruppo eterogeneo, rappresentato da Lactobacillus (L. farciminis, L. casei, L. paracasei e L. plantarum), Enterococcus, Lactococcus e Streptococcus YOGURT: ESEMPIO DI ASSOCIAZIONE SIMBIOTICA Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus Streptococcus thermophilus T= 42 C l azione proteolitica di L. bulgaricus libera aminoacidi necessari allo Streptococcus, il quale secerne un metabolita, acido formico, che incrementa la crescita del Lactobacillus. Il maggior impatto sul sapore è dato dall ACETALDEIDE (precursore=treonina), ma anche DIACETILE e ACETONE contribuiscono all aroma 16

17 LA GENOMICA COMPARATIVA RIVELA UN ADATTAMENTO ALL AMBIENTE LATTE L. bulgaricus rappresenta un esempio di come il genoma si sia evoluto e adattato alla vita in una matrice alimentare ricca di proteine quale il latte: - perdita di geni x biosintesi aa - presenza di un sistema proteolitico efficace - perdita del sistema ancestrale PTS di trasporto di lattosio El Kafsi et al. BMC Genomics 2014, 15:407 RUOLO DEI LAB IN ALTRI ALIMENTI FERMENTATI CARNE Lactobacillus, Pediococcus: omofermentanti, produz. acido lattico e acidificaz., inibiz. flora patogena (batteriocine), produz. metaboliti che influenzano le caratteristiche organolettiche, conversione Hb in NOHb (nitrosoemoglobina)- colore rosso Micrococcus: attività lipolitica e proteolitica, riduz. nitrati a nitriti VINO Oenococcus oeni: fam. Leuconostocacee, eterofermentante Fermentaz malo-lattica Decarbossilazione ac. malico ac. lattico Abbassamento acidità del vino 17

18 OLIVE DA TAVOLA fasi fermentative con la predominanza, comparsa e scomparsa di particolari tipi di microrganismi I) 3-5 gg, durante l immersione in salamoia. Prevalenza di Gram-negativi (Enterobacteriaceae), in grado di tollerare ph relativamente alti ed alta concentrazione salina. Questa fase è la più delicata perché, se non avviene una rapida acidificazione, possono prendere il sopravvento muffe, lieviti e batteri indesiderati che determinano fermentazioni parallele a quella lattica, con conseguente insorgenza di odori e sapori sgradevoli II) 15 gg. Prendono il sopravvento LAB con bassa tolleranza agli acidi quali Pediococcus (omofermentativi) e Leuconostoc (eterofermentativi) e i lieviti. Comincia la scomparsa dei Gram-neg. III) Fino a 2 mesi. Domina Lactobacillus plantarum, acido-tollerante e in grado di fermentare un ampia varietà di carboidrati producendo rapidamente lattato. L utilizzazione completa degli zuccheri durante questa fase della fermentazione, è importante per due motivi: la produzione di acido lattico, che permette una migliore conservazione del prodotto, e l impossibilità per altri microrganismi di avere a disposizione dei carboidrati per crescere. PRODOTTI DOP Colture starter naturali - batteri pre-esistenti nelle materie prime grezze (es. latte crudo) - composizione non definita PRODOTTI INDUSTRIALI Colture starter commerciali - di produzione industriale, contengono ceppi controllati in proporzioni definite - addizionate alle materie prime sterilizzate 18

19 COSA IMPLICA LA PRESENZA DI COLTURE STARTER NATURALI? ENORME BIODIVERSITA (NUMERO ELEVATO DI CEPPI) TIPICITA IN RELAZIONE ALLA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA. PERCHE? 19

20 BATTERI DI ORIGINE ALIMENTARE NEI PRODOTTI FERMENTATI TRADIZIONALI Microflora intestinale degli animali Ambiente/silaggio Colonizzazione del latte Colture Starters (LAB) Lactobacillus Enterococcus Lactococcus Leuconostoc Pediococcus Streptococcus Fermentazione lattica INTERAZIONE MICROBIOTA ALIMENTARE E INTESTINALE INTERAZIONE MICROBIOTA AMBIENTALE, ALIMENTARE E INTESTINALE Microbiota alimentare Microbiota intestinale animale trasferimento genico orizzontale inter/intra-specie Microbiota intestinale umano Devirgiliis et al., Genes Nutr (2011) 6: Microbiota ambientale 20

21 FLORA BATTERICA INTESTINALE Complessa associazione di cellule (>1000 specie microbiche diverse) che collettivamente svolgono funzioni essenziali per l organismo: - Fermentazione di carboidrati non glicemici con produzione di acidi grassi a catena corta (SCFA), che vengono efficientemente assorbiti dai colonociti - Sintesi di alcune vitamine (B12, K) - Contributo alle difese immunitarie dell ospite mediante competizione della colonizzazione di batteri patogeni DISTRIBUZIONE DELLA MICROFLORA LUNGO IL TRATTO GASTRO-INTESTINALE Cavità orale La popolazione microbica presenta una distribuzione caratteristica nei vari tratti dell apparato digerente. I principali fattori in grado di condizionare sia quantitativamente (titolo microbico) che qualitativamente (generi e specie) questa distribuzione, sono: la quantità di ossigeno, che diminuisce dallo stomaco verso l intestino; il ph che da acido diventa sempre più alcalino verso il tratto distale e i fattori meccanici, come la peristalsi. 21

22 La composizione della flora batterica intestinale è influenzata sia da fattori endogeni (es. età) che ambientali (es. dieta) Ne consegue un effetto diretto sul nostro stato di salute PROBIOTICS PATHOGENS Le due popolazioni microbiche principali nel tratto gastrointestinale appartengono ai phyla dei Firmicutes e dei Bacteroidetes. Il phylum dei Firmicuti è il più abbondante e contiene più di 250 generi tra cui Lactobacillus, Mycoplasma, Bacillus e Clostridium, mentre il phylum dei Batteroidi comprende circa 20 generi di cui Bacteroides è quello più abbondante nell intestino umano. La maggior parte dei batteri appartenenti a questi phyla rappresenta specie commensali mentre solo una piccola parte è costituita da patogeni opportunisti 22

23 patogeni probiotici Da Gibson and Roberfroid, (1995) MOLTI LAB SI TROVANO NELL INTESTINO UMANO 23

24 Interazione Dieta - Microbiota intestinale Bacteroidetes / Firmicutes Una composizione microbica bilanciata conferisce benefici per l ospite, mentre alterazioni della composizione della microflora sono spesso associate a disordini immuno-mediati e metabolici, quali: la sindrome del colon irritabile (IBS) (Frank et al. 2007), il morbo di Crohn (Manichanh et al., 2006), l obesità (Zhang, et al. 2009). Studi condotti in modelli murini suggeriscono una maggior proporzione di Firmicutes (Gram-positivi che comprendono i generi Lactobacillus e Clostridium) rispetto ai Bacteroidetes (include il batterio commensale Bacteroides) nella flora intestinale di soggetti obesi. Questa diversa composizione del microbiota intestinale porterebbe negli obesi ad un aumento nell estrazione di energia dai carboidrati. Rimane ancora da verificare se questa differenza rappresenti una causa o un effetto dell obesità. Numerose evidenze supportano l ipotesi che la composizione del microbiota intestinale osservata nei soggetti obesi possa contribuire alla patofisiologia dell obesità, attraverso diversi possibili meccanismi, che comprendono: i) aumento dell accumulo di energia mediante digestione e metabolismo della fibra alimentare; ii) modulazione dei livelli plasmatici di LPS (lipopolisaccaridi), associati all'infiammazione cronica lieve che si riscontra in patologie come obesità e diabete di tipo 2 iii) regolazione di geni dell ospite coinvolti nel metabolismo energetico. Dati emergenti dimostrano che la dieta può modulare la composizione della microflora intestinale. In un recente lavoro, il paragone tra la microflora di due popolazioni di bambini nutriti con diete differenti (una ricca in fibre polisaccaridiche, l altra di tipo occidentale) ha rivelato che la dieta ricca in fibre porta ad un aumento di batteri appartenenti al phylum dei Bacteroidetes e ad un decremento dei Firmicutes (De Filippo et al., 2010). Questo effetto è quindi opposto a quello riscontrato nei soggetti obesi. Un altro esempio di come la dieta può influenzare l evoluzione della flora batterica umana viene riportato in un lavoro in cui si dimostra che i batteri residenti nell intestino di individui giapponesi che consumano regolarmente sushi hanno acquisito, da un batterio marino presente sulle alghe usate per avvolgere il sushi, geni che conferiscono la capacità di digerire i polisaccaridi che compogono quest alga (Hehemann et al., 2010). 24

25 INTERAZIONE DIETA MICROBIOTA INTESTINALE Interazione Dieta - Microbiota intestinale Bacteroidetes / Firmicutes I batteri del microbiota alimentare possono entrare in contatto con il microbiota residente nell intestino umano Genetic exchanges presenza di ceppi probiotici QUALITA & SICUREZZA DEGLI ALIMENTI FERMENTATI presenza di ceppi antibioticoresistenti 25

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimentari Università di Tor

Dettagli

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimantare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimantari Universitàdi Tor

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche

Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche 12 Meeting responsabili e tecnici laboratorio settore lattiero caseario Determinazione dei batteri lattici nei prodotti lattiero caseari: metodi, terreni, tecniche Angiolella Lombardi Veneto Agricoltura

Dettagli

BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore

BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA. Dr.ssa Marialuisa Callegari Università Cattolica del Sacro Cuore BATTERI LATTICI NELLA PRODUZIONE VINICOLA Fermentazione alcolica Saccharomyces cerevisiae è il lievito responsabile della fermentazione alcolica che corrisponde alla prima reale trasformazione del materiale

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter

Modificazioni microbiologiche negli insaccati. Dr. Mauro Conter Modificazioni microbiologiche negli insaccati Dr. Mauro Conter 1 Salame: definizione 2 secondo il DM 21/09/2005 (MIPAF) il salame è: prodotto di salumeria costituito da carni ottenute da muscolatura striata

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI

NUTRIZIONE MICROBICA. Riproduzione ed accrescimento CONDIZIONI AMBIENTALI PER CRESCERE TERRENO COLTURALE DEVONO TROVARE MICRORGANISMI RIPRODURSI NUTRIZIONE MICROBICA Riproduzione ed accrescimento PER CRESCERE CONDIZIONI AMBIENTALI MICRORGANISMI DEVONO TROVARE TERRENO COLTURALE RIPRODURSI NUTRILITI METABOLISMO NATURA Colture pure e caratteri colturali

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI

MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI MICROBIOLOGIA DELLE UOVA E DEGLI OVOPRODOTTI TERMINOLOGIA MERCEOLOGICA Uova Uova in guscio di gallina, di anatra, di oca, di tacchina, di gallina faraona e di quaglia, adatte al consumo umano o all utilizzazione

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ

FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Def inizio ne di legge caseina sostanza grassa del latte Princ FORMAGGIO RDL 15 Ottobre 1925 n. 2033 e RD 261/33 Prodotto della maturazione della cagliata, ottenuta mediante coagulazione acida o presamica del latte intero, totalmente o parzialmente scremato, o della

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI

LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI LE COLTURE STARTER PER LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI FERMENTATI DEFINIZIONE DI COLTURA STARTER E UNA COLTURA MICROBICA IMPIEGATA ALLO SCOPO DI AVVIARE (DA CUI IL TERMINE STARTER) UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

Le idee della chimica

Le idee della chimica G. Valitutti A.Tifi A.Gentile Seconda edizione Copyright 2009 Zanichelli editore Capitolo 25 Le basi della biochimica 1. I carboidrati 2. I lipidi 3. Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine 4. La struttura

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA IN SARDEGNA: TENDENZA E RICERCA Bonassai, 11 dicembre 2015 Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione M. Addis, M. Pes, R. Comunian, R. Di Salvo,

Dettagli

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle.

PROGETTO Latte alla spina 03/10/11 PROGETTO. Latte alla spina. info@matelica5stelle.it. Data revisione 3.10.2011. www.matelica5stelle. Referente Email Matelica 5 Stelle info@matelica5stelle.it Data revisione 3.10.2011 1 : salute, sapore, ambiente e risparmio Secondo una stima di Coldiretti i distributori di latte crudo sul territorio

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

TIAMINA (vitamina B1, aneurina)

TIAMINA (vitamina B1, aneurina) TIAMINA (vitamina B1, aneurina) Fonti alimentari: cereali integrali (germe e crusca), carne (maiale), lievito di birra, legumi Abbondanza nell organismo umano : 30-100 mg RDA (assunzione giornaliera di

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara

Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara Giovanni Di Bonaventura, Ph.D., B.Sc. Università di Chieti-Pescara Richieste metaboliche: elementi essenziali In generale, i batteri per la loro crescita hanno bisogno di elementi essenziali. In particolare

Dettagli

IL LATTE. Industria lattiero casearia

IL LATTE. Industria lattiero casearia Industria lattiero casearia Il latte. Conservazione del latte. Crema e burro. Formaggio IL LATTE L industria lattiero casearia prepara il latte per il consumo diretto oppure lo trasforma in burro o formaggio.

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure (gusto cioccolato n lista M990) (gusto vaniglia n lista M 713) Integratore nutrizionale completo, in polvere, per bambini da 1 a 10 anni. INDICAZIONI PRINCIPALI Pediasure

Dettagli

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici

Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Stabilizzazione degli alimenti tramite trattamenti termici Il problema della conservazione degli alimenti è di enorme importanza per ragioni economiche, geografiche, politiche, climatiche, per l incremento

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino L ormai rodato sistema di controllo del latte, attivo da oltre trent anni, ha dato negli anni una decisiva spinta al miglioramento

Dettagli

Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino

Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino Scuola secondaria di 1 grado A. Moro Mesagne Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino BRINDISI DOC Vino rosso a denominazione di origine controllata prodotto nella zona di Mesagne e Brindisi A

Dettagli

Costituzione dei viventi

Costituzione dei viventi Costituzione dei viventi La materia e costituita da elementi chimici in forma pura o in combinazioni dette composti 25 dei 92 elementi naturali sono costituenti essenziali dei viventi 4 (C, O,, N) costituiscono

Dettagli

Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07

Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti. C. MAZZONI/BiotecnologieMicrobiche07 Uso industriale di enzimi Applicazione delle biotecnologie alla produzione di alimenti 07 Applicazioni su larga scala di enzimi 2 Industria Enzima Effetto Detergenti Tessile Mangimi Amido Proteasi Lipasi

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

Modulo di Chimica dei processi biotecnologici IL BIOGAS 16 Marzo 2010 Elena Tamburini Il ciclo del carbonio La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo dl del quale, in assenza di ossigeno,

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA ALIMENTI FUNZIONALI STORIA Il concetto di Alimenti Funzionali nasce negli anni 80 in Giappone, dove viene messa a punto una legislazione apposita. Nel 1991 viene coniato il termine FOSHU (Foods for Specified

Dettagli

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi

1. Omogenizzazione meccanica del cibo 2. Secrezione di elettroliti 3. Secrezione di enzimi digestivi La dieta deve contenere, oltre all acqua, combustibile metabolico, proteine per la crescita e il ricambio delle proteine tissutali, fibre per far massa nel lume intestinale, minerali essenziali per specifiche

Dettagli

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI

LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI LIPIDI e METABOLISMO DEGLI ACIDI GRASSI Lipidi I lipidi sono i principali costituenti delle membrane biologiche. Sono biomolecole insolubile in acqua ma solubili in solventi organici. La loro idrofobicità

Dettagli

ALIMENTAZIONE E POSTURA! Bologna, 28 ottobre 2012

ALIMENTAZIONE E POSTURA! Bologna, 28 ottobre 2012 ALIMENTAZIONE E POSTURA! Bologna, 28 ottobre 2012 Per meglio definire in che modo l alimentazione è importante ai fini di una corretta postura è importante definire il concetto di equilibrio acidobase

Dettagli

i principi alimentari

i principi alimentari i principi alimentari CARBOIDRATI glucidi PROTEINE protidi GRASSI lipidi VITAMINE SALI MINERALI ACQUA 1 carboidrati glucidi o zuccheri sono composti di carbonio, idrogeno e ossigeno Lo zucchero più semplice

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli)

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I tannini (polifenoli) si complessano con le proteine (T-PC) rendendole insolubili Per

Dettagli

Il Latte La salute in un bicchiere

Il Latte La salute in un bicchiere Il Latte La salute in un bicchiere Il latte presso i vari popoli In ogni angolo del mondo, per i neonati dei mammiferi il latte è il primo ed unico alimento. I vari popoli della terra per assicurare costante

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 17/11/2010

Scaricato da www.sunhope.it 17/11/2010 MDUL 2 LE MLECLE BILGICHE BIMLECLE Costituiscono le strutture presenti negli organismi viventi UNITÀ 2.1 I GLUCIDI GLICIDI o ZUCCHERI o CARBIDRATI I diversi tipi di glicidi Caratteristiche: Sono composti

Dettagli

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame.

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame. 1 ACIDI GRASSI Gli acidi grassi sono acidi carbossilici con una catena alifatica (idrocarburica) con almeno 8 atomi di carbonio. Sono gli ingredienti costitutivi di quasi tutti i lipidi complessi e dei

Dettagli

Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie

Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie APPLIED BIOLOGY AND MICROBIOLOGY IN THE AGRICULTURAL INDUSTRY RESEARCH AND INNOVATION Microrganismi per le produzioni lattiero-casearie Giorgio Giraffa, Domenico Carminati Centro di Ricerca per le Produzioni

Dettagli

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio

GLUCONEOGENESI. Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio GLUCONEOGENESI Sintesi (GENESI) di nuove (NEO) molecole di glucosio CATABOLISMO ANABOLISMO OSSIDAZIONI Produzione di ATP RIDUZIONI Consumo di ATP La GLUCONEOGENESI è un PROCESSO ANABOLICO La gluconeogenesi

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

F. G. Hopkins, C. Eijkman: Scoperta della Vitamina B1 (tiamina) (Premio Nobel per la medicina nel 1929)

F. G. Hopkins, C. Eijkman: Scoperta della Vitamina B1 (tiamina) (Premio Nobel per la medicina nel 1929) VITAMINE Gruppo eterogeneo di composti chimici di natura organica indispensabili in piccole quantità (milligrammi o microgrammi) per consentire il funzionamento dell organismo e del metabolismo Non vengono

Dettagli

Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia

Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia 1 Relazione tecnica sulla produzione di formaggio Nostrano Valtrompia A cura di Germano Mucchetti* e Roberto Mondinelli** *Istituto Sperimentale Lattiero Caseario di Lodi ** Comunità Montana Valle Trompia

Dettagli

Il latte. Microbiologia lattiero casearia

Il latte. Microbiologia lattiero casearia Microbiologia lattiero casearia Il latte Il latte è la dispersione acquosa di diversi nutrienti, rappresentati da: Componenti in soluzione: o Lattosio o Sali minerali o Vitamine idrosolubili (C, H, B,

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

La chimica negli alimenti

La chimica negli alimenti La chimica negli alimenti Come rendere attuale una materia astratta e far divertire i ragazzi Daniela Tofani 1 Chimica laboratoriale Alto contenuto didattico Ampio spazi di discussione con gli studenti

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

IDEABRILL e la conservazione di alimenti freschi

IDEABRILL e la conservazione di alimenti freschi IDEABRILL e la conservazione di alimenti freschi UNIVERSITA DI CAMERINO Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute Gruppo di ricerca di Qualità e Sicurezza Alimentare 1 IL PACKAGING ALIMENTARE

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

Il sistema gastrointestinale Digestione e Assorbimento. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie- Università degli Studi di Verona

Il sistema gastrointestinale Digestione e Assorbimento. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie- Università degli Studi di Verona Il sistema gastrointestinale Digestione e Assorbimento Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie- Università degli Studi di Verona Obiettivi Aspetti morfofunzionali: la struttura della muscosa intestinale

Dettagli

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile

Il latte. A seguito del parto si ha la produzione del colostro. Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Il latte A seguito del parto si ha la produzione del colostro Si differenzia dal latte per il maggiore contenuto della frazione proteica solubile Nel giro di pochi giorni il colostro si trasforma in latte

Dettagli

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9

E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 MATRICE PROVA METODO Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi

Dettagli

Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative

Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative Qualità degli insilati aziendali: problematiche di gestione degli insilati di mais e di foraggere prative Giorgio Borreani Dip. di Agronomia, Selvicoltura e Gestione del Territorio Università di Torino

Dettagli

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI)

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per i processi vitali dell'organismo. Inoltre partecipano alla costituzione di fattori vitaminici,

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Cos è lo yogurt? 2. Quali sono le sue caratteristiche? 3. Come si produce lo yogurt? 4. Che origini storiche ha lo yogurt? 5. In che modo è utile per l organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI:

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli