CIRCOLARE INFORMATIVA SULPIANO DI EMERGENZA DELLA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE INFORMATIVA SULPIANO DI EMERGENZA DELLA SCUOLA"

Transcript

1 Prot. n. 592/ Sicurezza Potenza, 29 gennaio 2014 AGLI ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA AI SIGNORI DOCENTI AGLI ALUNNI A TUTTO IL PERSONALE DELLA SCUOLA AI GENITORI DEGLI ALUNNI CIRCOLARE INFORMATIVA SULPIANO DI EMERGENZA DELLA SCUOLA A) IL PIANO DI EVACUAZIONE: ELEMENTO FONDAMENTALE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Elemento fondamentale per la gestione delle emergenze è il piano di evacuazione; questo rappresenta lo strumento operativo, specifico per ogni ambiente di lavoro, attraverso il quale possono essere studiate e pianificate le operazioni da compiere in caso di emergenza, al fine di consentire un esodo ordinato, tempestivo e sicuro di tutti gli occupanti l edificio. Obiettivi principali del piano: affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per limitare al minimo i danni materiali all edificio e contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica; coordinare i servizi di emergenza e pianificare le azioni necessarie per consentire a tutte le persone presenti all interno dell edificio di abbandonare i locali nel minor tempo possibile; fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni. La verifica dell efficienza di un piano di evacuazione dovrà essere accertata sulla base di esercitazioni pratiche, effettuate senza preavviso e seguendo schemi collaudati e da attuare con la massima serietà e precisione. 1

2 Gli eventi che possono richiedere l abbandono dello stabile possono essere diversi, come per esempio l incendio, il terremoto, l allagamento, i cedimenti strutturali,la presenza di ordigni esplosivi ecc. E bene ricordare che in presenza di questi eventi, la presenza della folla negli edifici destinati a notevole concentrazione di persone, come per una scuola, rappresenta un serio pericolo per la sicurezza degli occupanti. L esperienza dimostra che il rischio maggiore e quello derivante dal panico durante l esodo forzato e non regolato, causato da situazioni di pericolo imprevedibili. Le situazioni di emergenza, modificano le condizioni di agibilità degli spazi ed alterano i comportamenti delle persone.la condizione di stress, spesso legata a fattori psicologici del singolo individuo, checondiziona i comportamenti in situazioni "estreme", costituisce motivo di pericolopoiché non consente il controllo della situazione creatasi, coinvolgendo un gran numero di persone e rendendo difficili eventuali operazioni di soccorso. I comportamenti precedenti, possono essere modificati e ricondotti alla normalità solo se il sistema in cui si evolvono e preparato e organizzato per far fronte ai pericoli che lo insidiano. Di aiuto in tal senso sono: la conoscenza del piano di evacuazione che consente di essere preparati a situazioni di pericolo e attuare comportamenti razionali e corretti,reagendo all eccitazione collettiva. le esercitazioni periodiche- almeno due volte l anno - che consentono di familiarizzare con le eventuali situazioni di emergenza e con l'ambiente che ci circonda(spesso, queste non sono sufficienti in quanto la gestione dello stress è una caratteristica precipua di ogni individuo che si manifesta solo quando le condizioni estreme si realizzano effettivamente). Conoscere cosa aspettarsi e cosa fare in caso di emergenza oltre ad essere vantaggioso sul piano operativo e anche rassicurante su quello psicologico. Fare auto protezione significa avere un ruolo attivo nella difesa di se stessi, della propria famiglia, della propria comunità. Pur in presenza di efficaci risposte alle eventuali calamità, le Istituzioni che si occupano di ProtezioneCivile non sono sempre in grado di raggiungere ed assistere tutte le persone colpite in tempi ragionevoli e nonpossono prestare aiuto ovunque. Risulta pertanto indispensabile prepararci a mettere in atto da soli alcune semplici misure di sicurezza allo scopo di«allenarci» a fronteggiare le gravi emergenze, gravando il meno possibile sulla macchina dei soccorsi epermettendo che la stessa possa prioritariamente intervenire in aiuto di coloro che non possonoprovvedere in piena autonomia. 2

3 B) FASE DI PREVENZIONE - RESPONSABILI DEL FUNZIONAMENTO DEL PIANO Si rammentano qui di seguito le responsabilità del Dirigente Scolastico/Responsabile dell'istituto, del personale docente e non docente presente nella scuola edinteressato alle procedure di emergenza. 1. Dirigente Scolastico / Responsabile dell'istituto Il Dirigente Scolastico/ Responsabile dell'istituto che ha la responsabilità di tutti gli occupantil'edificio, deve fare in modo che tutti siano a conoscenza del piano e sappiano cosa fare in caso dipericolo. E' la persona che per prima deve essere avvisata del pericolo e che deve dare l'ordine dievacuazione dell'edificio.tale compito può anche essere delegato ad un'altra persona,espressamente individuata nel piano (Coordinatore dell'emergenza). Fino a quando non arrivano i soccorsi, è l'unico responsabile di tutti gli eventi che accadono all'interno della scuola; nell'attesa, ha il dovere di dare istruzioni in merito alle operazioni dacompiere e di verificare se l'evacuazione venga eseguita correttamente (tale compito è stato delegato al Coordinatore dell'emergenza). Una volta evacuata la scuola, quando tutto il personale e gli allievi si trovano al punto di raccolta (o Area di Attesa del Piano di Protezione Civile Comunale),è suo compito insieme al Coordinatore dell'emergenza - mantenere i rapporti con le forze di emergenza intervenute e con il personalescolastico. 2. Insegnanti All'inizio di ogni anno scolastico è dovere degli insegnanti far conoscere il piano di evacuazione agli alunni, in particolare il docente coordinatore annoterà sul registro di classe l avvenuta informativa agli studenti della classe. Gli insegnanti hanno la responsabilità degli alunni della classe/ laboratorio/ palestra/ altro locale in cui stanno svolgendo la lezione, in particolar modo, al verificarsi di situazioni di emergenza, seguiranno le procedure definite dal piano di emergenza. Compiti: 3

4 Avvisano immediatamente l Ufficio di Presidenza nel caso vengano a conoscenza di una situazione di pericolo all'interno della scuola. Ricevuto l ordine di evacuazione, accompagnano la classe fuori dalla scuola,possibilmente in fila indiana, cercando di tenere gli allievi il più possibile vicino ai muri e prestando attenzione a non intralciare altri flussi provenienti dai piani superiori (questi ultimi hanno la precedenza). Questa operazione deve essere effettuata mantenendo il silenzio, senza correre e possibilmente senza panico. Assistono eventuali alunni in difficoltà o con disabilità gravi (anche solo temporanee); Controllano che gli alunni non compiano azioni che li portino in situazioni di pericolo (ad esempio, tornare sui propri passi per recuperare oggetti personali). Riuniscono gli alunni nel punto di raccolta assegnato dal piano, facendo l appello e compilando il modulo di evacuazione; nel caso manchi qualche allievo, provvedono tempestivamente a segnalarlo al Responsabile dell Area di raccolta, al Dirigente Scolastico e/o al Coordinatore dell emergenza; Vigilano sul gruppo dei propri alunni assicurandosi che nessuno si allontani dal punto di ritrovo. 3. Personale Amministrativo/Collaboratori Scolastici: Il Personale Amministrativo, generalmente, concorre alle procedure di emergenza come da piano disicurezza e di evacuazione dell'istituto scolastico. Il Personale Amministrativo, in particolare, tiene sempre in evidenza, negli appositi spazi, i numeritelefonici di emergenza ed ha il compito di richiedere (limitatamente al solo personale incaricato) gli opportuni interventi per le diversetipologie di emergenza. I Collaboratori Scolastici, generalmente, sono le persone che conoscono meglio l'edificio scolasticoe, quindi, devono collaborare con i soccorritori per poterli accompagnare nei luoghi dove devonosvolgere la loro funzione. Intervengono in aiuto di persone estranee, con disabilità gravi o in difficoltà. 4. Studenti/ Alunni 4

5 Devono seguire alcune semplici regole di comportamento ed obbedire alle indicazioni che vengono loroimpartite dall'insegnante. Si alzano dal loro posto lasciando in aula ogni oggetto personale. All'ordine di evacuazione, si mettono in fila indiana al seguito dell apri-fila e dell insegnante presente in aulain quel momento. La fila non deve essere mai abbandonata per nessun motivo, nemmeno percercare eventuali compagni assenti. Mantengono la calma e rimangono in silenzio per ascoltare le eventuali indicazionidell'insegnante e /o del personale preposto all emergenza. Camminano lungo il percorso di esodo indicato nelle piante, tenendo il passo dell'insegnante e senza correre. Le file che già occupano una via di fuga hanno la precedenza su chi vi si immette. C) PREPARAZIONE ALL'EMERGENZA Per non essere colti impreparati al verificarsi di una situazione di emergenza ed evitare dannose improvvisazioni, si riportano qui di seguito le principali informazioni sul Piano di emergenza della scuola e sugli adempimenti preliminari da porre in atto al fine di garantire la corretta successione degli automatismi nelle operazioni da compiersi. All insorgere di un qualsiasi pericolo ovvero appena se ne è venuti a conoscenza, chi lo ha rilevato deve adoperarsi da solo o incollaborazione con altre persone (docenti, personale ata, studenti) per la sua eliminazione. Nel caso non sia in gradodi poter affrontare il pericolo deve darne immediata informazione - tramite la portineria o direttamente - al Coordinatore dell'emergenza e/o al Dirigente Scolastico, chevalutata l entità del pericolo deciderà se emanare o meno l ordine di evacuazione della scuola. Il Coordinatore dell'emergenzadella scuola è l Arch. Rocco Delle Donne(sostituto prof. Raffaele BOEZIO). Il Centro di Coordinamento è ubicato nell'ufficio del Dirigente Scolastico.E' qui che si svolgono - nella prima fase - le funzioni preposte per coordinare, tenere i contatti con le autorità esterne e decidere le azioni per affrontare l'emergenza. 5

6 Squadre di emergenza - Nella scuola è presente, per ogni piano, personale addestrato e formato alla Prevenzione Incendi, al primo Soccorso e alla gestione dell Emergenza. I nominativi sono affissi all Albo della Sicurezza della scuola. Queste persone, con compiti e mansioni assegnati sulla base delle capacità acquisite attraverso specifici corsi di formazione, sono in numero sufficiente a garantire una presenza costante nell edificio; in caso di emergenza si attiveranno tempestivamente (in relazione alla mansione ricoperta) sotto la guida del coordinatore dell emergenza. Vie di esodo- In relazione alla popolazione scolastica presente nell edifico, al fine di consentire maggiore celerità nelle operazioni di evacuazione, sono stati individuati, per ogni piano, percorsi d esodo diversi, ripartiti per gruppi di classi ed evidenziati con colori differentinelle piante dell edificio (affisse in tutte le aule e nei corridoi). Aree di raccolta - Nel Piano di Emergenza della scuola sono state individuate n.4 aree esterne di raccolta, ubicate in punti contrapposti e ben indicate - con colori diversi - nelle planimetrie affisse nei corridoi e nelle aule. In situazioni di emergenza, tutto il personale dovrà raggiungere l'area di Raccolta assegnata. L ordine dievacuazione è contraddistinto dal suono intermittente (ad intervalli di due secondi) della campanella e sarà diffuso anche a mezzo altoparlanteallo scopo di contenere l effetto dovuto al panico.il comando della campanella e l impianto di diffusione sonora sono ubicati nella Presidenza. Al segnale, tutto il personale presente all interno dell edificio scolastico deve evacuare. Qualora dovesse porsi la necessità di comunicare l'ordine di evacuazione a voce, aula per aula, sarà cura dei collaboratori Scolastici di piano (ciascuno per il proprio settore) garantire tale servizio. RESPONSABILI DEL FUNZIONAMENTO DEL PIANO All emanazione del segnale di evacuazione dell edificio scolastico tutto il personale presente all interno dovrà comportarsi come segue: 1. L ADDETTO ALLE COMUNICAZIONI DI EMERGENZA (sig.ra Donata VOLTURNO Ufficio Segreteria - sostituto Personale di segreteria)provvede a richiedere telefonicamente il soccorso agli Enti che gli verranno segnalati dal Coordinatore dell'emergenza o dal Dirigente Scolastico. Gli Enti principali interessati possono essere: Vigili del Fuoco 115 6

7 Soccorso Sanitario 118 Carabinieri 112 Polizia (Soccorso Pubblico) 113 Corpo Forestale dello Stato 1515 Polizia Municipale Protezione Civile Regionale (N.Verde) Protezione Civile Regionale Protezione Civile Provinciale(N.Verde) Protezione Civile Comunale Prefettura Potenza DPC Gli ADDETTI ALLA LOTTA ANTINCENDIO, PRIMO SOCCORSO E GESTIONE DELL EMERGENZA,su richiesta del Coordinatore dell emergenza (tramite impianto di diffusione sonora o a voce) e comunque in caso di necessità,provvedono a recarsi sul posto dell evento, effettuando tutti gli interventi del caso secondo la formazione e le istruzioni ricevute e a quanto riportato nel piano di emergenza;in particolare: a. assistono eventuali infortunati fino all arrivo dei soccorsi esterni, attenendosi comunque alle indicazioni del coordinatore dell emergenza; b. individuanoeventuali percorsi alternativi (dandone immediato avviso al personale,agli studenti e agli estranei), qualora, per motivi contingenti, le vie di esodo non fossero percorribili; c. richiedonotempestivamente (se urgente)l intervento dei servizi pubblici esterni competenti in materia,informando l addetto al centralino; 3. GLI ADDETTI AL SEZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI(acqua, gas, luce, etc), provvedono a : verificare l assenza di persone all interno dell ascensore,sezionando l impianto elettrico; sezionare l impianto elettrico dell edificio, agendo sull interruttore generale; sezionare l adduzione del gas metano e dell acqua; 4. GLI ADDETTI ALL ACCESSIBILITÀ DEI SOCCORSI:presidiano i cancelli esterni, verificando che le vie di transito esterne all area scolastica siano libere da mezzi in sosta in modo da permettere l accesso dei mezzi di soccorso; vietano l ingresso a persone e mezzi non interessati all emergenza. 7

8 5. I RESPONSABILI DI PIANO(collaboratori scolastici), ciascuno per il proprio piano e/o settore di competenza, provvedono a: informare tutti gli studenti e i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato sui comportamenti da adottare e sulle misure predisposte nel Piano; disattivare l interruttore elettrico di piano e aprire tutte le uscite verso l esterno (comprese quelle che hanno apertura contraria al senso dell esodo); verificare la percorribilità dei percorsi d esodo, stabilendo, se il caso, eventuali percorsi alternativi; presidiare le uscite di sicurezza, posizionandosi nei pressi delle scale o uscite esterne; favorireil deflusso ordinato dai locali, prestando soccorso a chi è in difficoltà e intervenendo immediatamente nelle situazioni che dovessero determinare condizioni di panico; impedire l accesso nel vano ascensore o nei percorsi non previsti dal piano di emergenza. abbandonare l edificio, raggiungendo il punto di raccolta previsto, solo ad evacuazione di tutti gli occupanti (alunni, eventuali estranei ed operatori scolastici) e dopo aver controllato che tutti i locali del piano (bagni, archivi, aule, laboratori etc)siano stati sfollati; comunicare al responsabile dell area di raccolta l avvenuta evacuazione del proprio piano. 6. GLI STUDENTI APRI-FILA E CHIUDI-FILA- In ogni classe devono essere individuati (da annotare sul registro di classea cura del Coordinatore) : 2 ragazzi/eapri-fila (uno è il sostituto), con il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso la zona di raccolta; in assenza del docente, hanno il compito di recuperare il registro delle presenze e guidare i compagni verso la zona di raccolta, facendo l appello e compilando il modulo di evacuazione. 2 ragazzi/eserra-fila (uno è il sostituto), con il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà e chiudere la porta dell'aula dopo aver controllato che nessuno sia rimasto indietro; gli stessi faranno da tramite con l'insegnante e la direzione delle operazioni per la trasmissione del modulo di evacuazione. Hanno il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà fino all arrivo delle squadre di soccorso esterne. 2 ragazzi/e soccorritori (uno è il sostituto), con il compito di aiutare (coadiuvati da altro personale incaricato)eventuali alunni con disabilità gravi o in difficoltà (anche solo temporanee) ad abbandonare l'aula ed a raggiungere il punto di raccolta. 8

9 7. I DOCENTIpresenti in aula coordinano le varie fasi dell evacuazione: raccolgono il registro delle presenze e si avviano verso la porta di uscita della classe, seguiti dagli alunni apri-fila. Dopo aver verificato l accessibilità dei percorsi da seguire, coordinano il deflusso ordinato degli alunni fino al punto di raccolta prestabilito, controllando che nessuno rimanga indietro e intervenendo prontamente laddove si dovessero determinare situazioni critiche per effetto del panico. I docenti facenti parte della squadra di emergenza verranno immediatamente sostituiti dagli alunni apri-fila nelle procedure di evacuazione della classe. I docenti in sala professori raggiungono l area di raccolta prevista, collaborando nelle operazioni di evacuazione. (Assistenza alunni). 8. I DOCENTI DI SOSTEGNO E/OIL PERSONALE ADDETTO(COLLABORATORI SCOLASTICI)ALL ASSISTENZA DEGLI ALUNNI/PERSONALE CON DISABILITÀ GRAVE O IN DIFFICOLTA (anche solo temporanee), curanole operazioni di sfollamento secondo le istruzioni e la formazione ricevuta - unicamente degli alunni e/o del personale a loro affidati, attenendosi alle precedenze che il piano stabilisce per le persone in difficoltà. Considerate le oggettive difficoltà che comunque qualsiasi tipo di handicap può comportare in occasione di una evacuazione, è opportuno predisporre la loro uscita in coda alla classe. 9. OGNI CLASSE, sotto la guida del docentein aula (o apri-fila), si dirige verso il punto di raccolta esterno prestabilito seguendo le indicazioni riportate nelle planimetrie di piano e di aula; raggiunta l area, ciascun docente (o apri-fila), provvede a fare l appello dei propri studenti e compilare il modulo di evacuazione (sempre presente nel Registro di classe), consegnandolo con tempestività al responsabile dell'area di raccolta. 10. IL RESPONSABILE DELL'AREA DI RACCOLTA ESTERNA, ricevuti tutti i moduli di evacuazione, compila il modulo riepilogativo da consegnare al Coordinatore dell Emergenza per la verifica finale dell esito dell evacuazione.al fine di velocizzare tale verifica, ne comunicherà l esito al coordinatore dell emergenza tramite il radiotelefono in dotazione. 9

10 In presenza di alunni/personale disabili, il Dirigente Scolastico/Coordinatore dell emergenza provvede a organizzare i necessari collegamenti con i servizi pubblici competenti in materia di assistenza disabili (UNITALSI, VV.F.),primo soccorso, protezione Civile, Vigili del Fuoco. In presenza di dispersi (studenti/personale non presenti alla verifica finale), il Coordinatore dell Emergenza/Dirigente Scolastico informa le squadre di soccorso esterne per iniziare la loro ricerca. L evacuazione potrà ritenersi completata quando tutte le persone presenti nel plesso scolastico saranno confluite nei punti di raccolta individuati all esterno dello stabile. Il personale addetto abbandonerà l edificio solo ad avvenuta evacuazione di tutti gli allievi. La fine dell emergenza - contraddistinta dal suono intermittente (ad intervalli di 5 secondi) della campanella sarà stabilita dal Coordinatore dell Emergenza/Dirigente Scolastico. Fino ad allora i docenti e il personale della scuola non potranno abbandonare le aree di raccolta e gli alunni affidati. Per la buona riuscita di quanto previsto nel piano è fondamentale saper riconoscere il segnale di evacuazione, la cartellonistica, le vie di esodo, le uscite di sicurezza e le aree di raccolta della propria scuola. AREA DI ATTESA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE In presenza di particolari eventi calamitosi, il Dirigente Scolastico e/o Coordinatore dell emergenza, dopo l appello nelle aree di raccolta della scuola, potrà dare l ordine di dirigersi verso l area di attesa prevista nel Piano di Protezione CivileComunale. 10

11 Durante il trasferimento degli alunninell area di attesa, gli addetti alla gestione dell emergenzaprovvederanno a bloccare il traffico. Idocenti, coadiuvati dagli addetti alla gestione dell emergenza, dai collaboratori scolastici e dal personale della scuola, cureranno le operazioni di trasferimento unicamente degli alunni e/o del personale a loro affidati. Raggiunta l area di attesa, ciascun docente provvederà nuovamente a fare l appello dei propri studenti e compilare il modulo di evacuazione, che consegnerà al Coordinatore dell emergenza/dirigente Scolastico. f.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Camilla M. Schiavo 11

12 ALLEGATI ALL. N.1 -Norme di carattere generale da attuarsi a curadel Dirigente Scolastico (D.S.), Collaboratori del D.S., Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (A.S.P.P.), addetti alla gestione dell emergenza, con il coinvolgimento dei docenti e di tutto il personale scolastico. ALL. N.2 -Fase di emergenza in caso si verifichi un terremoto ALL. N.3 -Modulo d Evacuazioneda tenere nel Registro di Classe ALL.4 - Modulo di ricognizione per il coordinatore dell emergenza ALL. N.5 - Elenco addetti all emergenza a.s

13 ALLEGATO N.1 Norme di carattere generale da attuarsi a cura del Dirigente Scolastico (D.S.), dei Collaboratori del D.S., degli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (A.S.P.P.), degli Addetti alla gestione dell emergenza, con il coinvolgimento dei docenti e di tutto il personale scolastico. - CONOSCERE E DIVULGARE I CONTENUTI DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, DEL PIANO DI PRONTO SOCCORSO E DEL PIANO DI EMERGENZA Tutto il personale della scuola (docente e non docente, alunni ed eventuali estranei) deve preventivamente prendere visione dell organigramma della sicurezza (nominativi degli addetti alla sicurezza e gestione delle emergenze) e delle planimetrie dei locali con l indicazione delle vie di fuga, delle uscite di sicurezza, delle aree di raccolta, degli interruttori atti a disattivare le alimentazioni (idriche, elettriche e del gas) e della localizzazione dei presidi di emergenza; Gli insegnanti devono informare periodicamente gli alunni sui contenuti del piano e sulla necessità di una disciplinata osservanza delle procedure e dei comportamenti da tenere in situazioni di emergenza al fine di assicurare l incolumità a se stessi ed agli altri; Gli Addetti alla Gestione dell Emergenza devono comunicare tempestivamente a tutto il personale ed estranei presenti nella scuolaeventuali modifiche temporanee del Piano di Emergenza della scuola (es. vie di esodo alternative) - PREDISPORRE TUTTE LE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NECESSARIE PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ (es. assicurarsi dell assenza di catenacci o altri ostacoli lungo le uscite di sicurezza e vie di esodo etc); - RICHIEDERE L OSSERVANZA DA PARTE DI TUTTI(studenti, lavoratori ed estranei) delle norme vigenti,dei regolamenti e delle procedure di sicurezza vigentinella scuola.osservarescrupolosamente la SEGNALETICA di SICUREZZA e adottare le misure preventive e protettive atte a garantire la sicurezza e la salute oltre che del proprio personale anche di quello presente a vario titolo nella scuola (es. genitori, ditte esterne etc). - EFFETTUARE PERIODICHE E FREQUENTI ESERCITAZIONI PROGRAMMATE, ( almeno due all anno) rivolgendosi anche agli operatori delsettore per un eventuale supporto. 13

14 - CENSIRE COSTANTEMENTE LA PRESENZA DI ESTRANEI E SOGGETTI A RISCHIO (ALLIEVI/PERSONE con diverso grado di disabilità motoria e sensoriale) (che necessitano di accompagnamento), garantendo sempre la presenza di personale preposto alla loro assistenza.in assenza del personale preposto, i collaboratori scolastici forniranno adeguata assistenza in situazioni di bisogno e/o emergenza conformemente alla formazione ricevuta e alle istruzioni fornite dal Medico competente. VERIFICHE da effettuarsi nella normale conduzione delle attività scolastiche, non riconducibilial verificarsi dell'evento sismico o altro evento, ma che possono compromettere la sicurezza e l'esito delle proceduredi evacuazione: - LAY-OUT DEGLI AMBIENTI(aule, laboratori, altri locali): L arredo (banchi, sedie, armadi, cattedre etc)deve essere disposto in modo da non ostacolare - in situazioni di emergenza - l esodo veloce dai locali ed evitare situazioni di pericolo; 14

15 - VIE DI FUGA E USCITE DI SICUREZZA I corridoi, le scale, le zone filtro e le vie di fuga in generale devono essere mantenuti costantemente sgombri da materiale combustibile e infiammabile, da assembramenti di persone e da ostacoli di qualsiasi genere, anche solo temporanei(es. carrelli trasporto delle attrezzature per la pulizia), in modo da garantire una facile percorribilità delle persone in caso di emergenza; In alcun modo dovranno essere depositati, al termine del servizio, rifiuti e/o materiali di vario genere lungo le vie di fuga.ogni lavorazione o svolgimento di servizio deve prevedere la rimozione di residui/rifiuti neitempi tecnici strettamente necessari. E vietata la collocazione di attrezzature e/o materiali presso accessi, passaggi, vie di fuga ein posti dove può costituire pericolo di inciampo. Foto Situazioni pericolose Il personale preposto deve verificare quotidianamente (Responsabili di piano, preposti)l'assenza di "insidie" che possono compromettere la sicurezza e l'esito delle procedure di evacuazione: pavimentazioni sconnesse o sdrucciolevoli, presenza accidentale di acqua sui pavimenti, eventuali fili elettrici "vaganti", zaini e suppellettili disposti in maniera disordinata in aula o lungo eventuali percorsi di fuga, zone di particolare criticità per condizioni luminose, corpi sporgenti, porte malfunzionanti, scaffalature/librerie non ancorate ai muri, oggetti liberi, maniglie sporgenti, allestimenti temporanei (p.es. alberi di natale, etc.) collocati in posizione pregiudizievole alle operazioni di evacuazione, oggetti sospesi su mensole, quadri ed ogni altro oggetto con pericolo di caduta dall alto,barriere architettoniche in generale etc. (da annotare sul Registro dei controlli periodici disponibile presso il D.S.G.A.); 15

16 In situazioni di rischio(es. apertura di buche, botole e simili, superfici di transito bagnate e a rischio scivolamento etc ) il personale preposto deve predisporre tempestivamente specifiche barriere protettive, segnalazioni e segregazioni dellearee arischio, informando il Dirigente Scolastico e tutto il personale (compreso gli estranei). Qualora, per motivi contingenti, le vie di esodo non fossero percorribili, il responsabile di piano ne informa tempestivamenteil Coordinatore e il personale addetto all emergenza, che individua percorsi alternativi, dandone immediato avviso al personale e agli studenti;il percorso alternativo deve essere adeguatamente segnalato e sicuro per gli utenti. - SEGNALETICA E DISPOSITIVI ANTINCENDIO: Non manomettere la cartellonistica e i dispositivi antincendio. I mezzi di estinzione devono essere sempre facilmente fruibili (liberi da ogni ostacolo o impedimento anche temporaneo) e non dovranno essere in alcun modo rimossi, spostati o manomessi; Gli Addetti Antincendio provvedono giornalmente alla SORVEGLIANZA (Controllo visivo atto a verificare che le attrezzature e impianti siano nelle normali condizioni operative,accessibili e non presentino danni materiali accertabili tramite esame visivo es. manomissione sigilli). 16

17 - IMPIANTO ELETTRICO : Il personale preposto provvede a verificare periodicamente che tutti i componenti (cavi, spine, prese, adattatori etc.) e apparecchi elettrici siano in buono stato di conservazione ( es presenza di cavi giuntati o che presentino lesioni o abrasioni vistose etc) e che non esistano altre situazioni di pericolo (cavi e prolunghe lungo le vie di passaggio, cavi scoperti, eccessivo numero apparecchi utilizzatori collegati). Sono VIETATIfornelli, stufe a gas, stufe elettriche e/o a kerosene, apparecchi ad incandescenza in qualsiasi ambiente. E esplicitamente VIETATOogni intervento sull impiantistica dell edificio. - USCITE DI SICUREZZA E INFISSI INTERNI (PORTE AULE) : Il personale preposto (Responsabili di piano e docenti) provvede a verificare - prima dell'inizio delle lezioni - l agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle aule e delle uscite di sicurezza. Le stesse non devono essere chiuse a chiave, essere sempre libere da ostacoli e ben funzionanti in caso di esodo o, sedifettose al momento del verificarsi dell'emergenza, essere costantemente presidiate dai Responsabili di piano durante l'evacuazione. 17

18 E severamente VIETATO parcheggiare e/o sostare nelle aree in prossimità delle uscite di sicurezza esterne e cancelli esterni. - AREE DI RACCOLTA: Il personale preposto (Responsabili aree di raccolta) provvede a verificare quotidianamente che le aree di raccolta siano sempre libere da ostacoli e funzionali;segnalare tempestivamente al Coordinatore dell Emergenza e al D.S.eventuali problematicità riscontrate nella quotidianità (es vie di esodo ostruite da auto etc), in modo da poter intervenire prima del verificarsi di una emergenza. Regolamentare il parcheggio delle auto e delle moto, con l interdizione in corrispondenza delle vie di esodo e delle aree di raccolta. Nelle aree esterne di pertinenza dell edificio scolastico (adibite ad aree di raccolta e con accessi sempre chiusi durante le normali attività didattiche), qualsiasi veicolo a motore deve essere autorizzato dall Ufficio di Presidenza e condotto a passo d uomo. In situazioni di emergenza e al termine delle lezioni il personale preposto provvede a controllare e regolamentare il traffico, in modo da consentire che la circolazione dei pedonipossa avvenire in modo sicuro. 18

19 - DISPOSITIVI DI ALLARME: Il personale preposto al controllo provvede a verificare quotidianamente la funzionalità dei dispositivi di allarme esistenti (esame del segnale di evacuazione, tipo di suono, ubicazione e funzionalità del pulsante di attivazione etc),segnalandotempestivamente al Coordinatore dell Emergenza e al D.S.eventuali punti critici(es. locali non raggiungibili dal suono dell'allarme) e gli eventuali rimedi adottati/da adottare(es. persona che durante un'emergenza provvederà ad avvisare gli occupanti i locali - etc.); - ARCHIVI E DEPOSITI: Negli archivi e depositi, i materiali devono essere depositati in modo da non superare il carico d incendio previsto per legge e consentire una facile ispezionabilità, lasciando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0,90 m; - SOTTOSCALA EAREE NON FREQUENTATE DA PERSONALE: Il personale preposto al controllo provvede a verificare quotidianamente che i locali e le aree della scuola che normalmente non sono frequentate da personale (locale tecnologico, locali deposito, sottoscala etc) ed ogni area dove un incendio potrebbe svilupparsi senza poter essere individuato rapidamente, siano tenute libere da materiali combustibili non essenziali e siano adottate precauzioni per proteggere tali aree contro l accesso di personale non autorizzato. - ATTIVITA CON INTERFERENZE : In nessun caso il personale estraneo alla scuola (ditte esterne incaricate dall Ente proprietario) potrà effettuare lavorazioni se non espressamente autorizzate dal Dirigente Scolastico e previa intesa con la Provincia (redazione DUVRI, VERBALE DI RIUNIONE DI 19

20 COORDINAMENTO, avviso ai lavoratori). Il personale autorizzato sarà munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia. In presenza di attività non espressamente autorizzate dalla scuola eche prevedano interferenze con quellescolastiche (es. elevate emissioni di rumore, produzione di odori sgradevoli, produzione di polveri, etc. o limitazioni alla accessibilità dei luoghi di lavoro, in periodi o orari non di chiusura degli Uffici / Locali etc), i lavoratori dovranno informare tempestivamente il Dirigente Scolastico e il competente servizio di prevenzione e protezione (ASPP). Lavori di manutenzione straordinaria, adeguamento antincendio e sicurezza, AUTORIZZATI DALLA SCUOLA. Inizio lavori 9 Dicembre L area interessata dal cantiere, delimitata con apposita recinzione, ben segnalata e ad uso esclusivo della ditta appaltatrice Nolè Impianti Innovativi srl, riguarda i seguenti spazi e locali: - aula magna; - atrio interno antistante l aula magna, comprese le uscite di sicurezza individuate nel Piano di Emergenza della scuola con le lettere G-G -F; - spazi esterni ubicati lungo il perimetro dal corpo aula magna fino a raggiungere il cancello principale; - locali tecnologici (Centrale termica, sottocentrale termica, etc.). Nel corso della riunione preliminare di coordinamento - di cui al comma 2 dell art.26 e dell art.92 del D.Lgs 81/08 tra la Scuola (Dirigente Scolastico, R.S.P.P., R.L.S., Coordinatore dell Emergenza, D.S.G.A.), l Ente Locale, il Direttore dei Lavori, il Coordinatore della Sicurezza in Fase di Esecuzione e la Ditta appaltatrice dei lavori NL impianti innovativi s.r.l., si è proceduto ad analizzare, attraverso uno scambio reciproco di informazioni, tutte le possibili interferenze tra le lavorazioni e l attività didattica (con particolare riguardo alla tipologia e contemporaneità dei lavori, al transito dei mezzi di passaggio, alle aree di cantiere,al rumore, alla presenza di elementi infiammabili/combustibili, fluidi pericolosi, parti in tensione, attrezzature particolari, sostanze pericolose, alla gestione dei rifiuti prodotti e/o gestiti in cantiere etc) e a predisporre di conseguenza le opportune contromisure evitando, quindi, tutti i possibili punti di incontro e/o una diversa fascia oraria di utilizzazione dei percorsi e/o dei luoghi comuni. 20

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli