monitoraggio sulla sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "monitoraggio sulla sicurezza"

Transcript

1 Il volume contiene il rapporto finale relativo al terzo monitoraggio effettuato dall Ufficio Scolastico Regionale sull utilizzo dei fondi assegnati per la sicurezza alle scuole pubbliche del Veneto e, più in generale, sullo stato di applicazione del D.Lgs. 81/08 in ambito scolastico. Gli anni finanziari di riferimento di questo monitoraggio sono il 2008 e il 2009, rispetto ai quali il M.I.U.R. ha stanziato più di a favore delle scuole venete per interventi inerenti la sicurezza. Dopo le prime due indagini, effettuate nel 2004 e nel 2006, si è ritenuto opportuno procedere ad un terzo monitoraggio, per acquisire dati sulle modalità di impiego dei finanziamenti nell ambito della formazione del personale, ma allargando questa volta il campo d indagine anche agli aspetti organizzativi, ai contenuti del Documento di Valutazione dei Rischi e agli interventi didattici realizzati dalle scuole sui temi della salute e sicurezza. MONITORAGGIO REGIONALE SULLA SICUREZZA 2011 RAPPORTO FINALE MIUR - Uffisico Scolastico Regionale per il Veneto - Direzione Generale monitoraggio sulla sicurezza MIUR VI VR U RO PD BL TV VE R VENETO MONITORAGGIO REGIONALE 2011 SULL APPLICAZIONE DEL D.Lgs. 81/08 NELLE SCUOLE DEL VENETO - RAPPORTO FINALE ISBN Cover Sicurezza 2012.pmd 1 16/03/12, 15.22

2 Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Direzione Generale LA SICUREZZA TRA GESTIONE ED EDUCAZIONE TERZO RAPPORTO REGIONALE SULLA SICUREZZA NELLE SCUOLE VENETE A cura del prof. Alberto Cesco-Frare

3 2012 M.I.U.R. Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Direzione Generale Riva de Biasio S. Croce Venezia Tel Vice Direttore Generale: Gianna Marisa Miola Responsabile del progetto: Gianna Marisa Miola Editing e supporto tecnico: Alberto Cesco-Frare Comitato di redazione: Gianna Marisa Miola, Alberto Cesco-Frare ISBN Finito di stampare nel mese di marzo 2012 presso la C.L.E.U.P. Coop. Libraria Editrice Università di Padova Stampato in Italia Printed in Italy Il presente volume può essere riprodotto per l utilizzo da parte delle scuole per le attività di formazione del personale direttivo e docente. Esso non potrà essere riprodotto e utilizzato parzialmente o totalmente per scopi diversi da quello sopraindicato, salvo esplicita autorizzazione dell U.S.R. per il Veneto. 2

4 INDICE Presentazione Cap. I Introduzione e quadro normativo.. 7 Cap. II Il progetto di monitoraggio... 9 Cap. III Presentazione e analisi dei risultati. 15 Cap. IV Note tecniche 55 Cap. V Monitoraggio, panorama attuale e prospettive.. 59 App. I Abbreviazioni e sigle usate nel testo.. 67 App. II Il questionario 69 App. III Tabelle dei dati numerici. 85 CONTENUTO DEL CD ALLEGATO 1) Grafici del monitoraggio 2) Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08 3) Check list per la valutazione del sistema di salute e sicurezza sul lavoro in ambito scolastico (versione febbraio 2012) 4) Metodo completo per la valutazione e la gestione dei rischi da stress lavoro-correlato in ambito scolastico (versione febbraio 2012) 3

5 4

6 PRESENTAZIONE Il monitoraggio per il miglioramento L aumentato interesse proprio dei nostri tempi nei riguardi della sicurezza nei luoghi di lavoro e nella scuola, a casa, nella strada e nell uso dei nuovi media, nel comportamento quotidiano del singolo e dei gruppi sociali, sta a testimoniare, oggi più che mai, il formarsi di consapevolezza nuova. Quest ultima non si riferisce solo alla conoscenza e al rispetto formale delle norme che vengono via via promulgate, quanto piuttosto alla formazione di un atteggiamento interiore, di una inedita disposizione della mente nei confronti di tutti gli aspetti della realtà che ci circonda, disposizione che ci porta a guardare con maggiore attenzione e sensibilità ogni gesto, ogni prodotto, ogni ambiente in cui viviamo. L ottica è volta a preservare la salute in termini di benessere psico-fisico, elemento costitutivo dei diritti umani. È su questo piano che si propone oggi la cultura della sicurezza. Prevale, più che l azione riparatrice, la prevenzione da porre in atto non solo per quanto riguarda i rischi (parola di per sé collocata entro un area negativa), ma anche e soprattutto come affermazione di un diritto allo star bene da riconoscere a tutti. Sicurezza allora si coniuga con salute, assumendo un significato tutto positivo, in quanto non comporta solo la predisposizione di una serie di misure atte a rimuovere ciò che può danneggiare, ma richiede anche la promozione di condizioni di vita e di lavoro tali da favorire un rapporto uomo-ambiente sereno, dignitoso, favorevole alla crescita globale della persona. È ormai fuori dubbio che l evoluzione scientifica e tecnologica, e le conquiste ad esse correlate, a nulla valgono se non riescono a prevenire, con idonee misure, i rischi che minacciano l integrità dell uomo e dell ambiente. Ma quali sono oggi le strade più efficaci per ingenerare nell animo di ciascuno, fin dai banchi di scuola, quella disposizione della mente cui poco sopra si è fatto cenno? Quali compiti spettano agli adulti nei confronti della crescita delle giovani generazioni? Quali le responsabilità degli educatori? L insegnamento che si impartisce a scuola come si flessibilizza entro il panorama disciplinare che storicamente costituisce il cardine dell attività di istruzione e formazione? E ancora: quali responsabilità incombono su coloro che dalla legge sono individuati come detentori di potestà organizzative e formative relativamente alla sicurezza? E i cosiddetti decisori che ruolo rivestono? A queste e a molte altre domande vuole rispondere questo monitoraggio, il terzo, da quando l Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto è stato costituito. Confrontando le tre edizioni (2004, 2006, 2009 gli anni finanziari di riferimento), appare evidente il cammino percorso dalle scuole venete nello sforzo di conoscere, assimilare, interpretare la normativa - il D.Lgs. 81/2008, ovvero il Testo unico in tema di sicurezza -, promuovendo tra i dirigenti, gli insegnanti, il personale Ata, gli studenti di ogni età, una sensibilità più attenta e una notevole capacità di rispondere alle nuove indicazioni e ai bisogni formativi riscontrati sul territorio. Non si tratta pertanto solo di assolvere ad un dovere, da parte di questa Direzione, di rendicontare l impiego delle risorse finanziarie erogate agli Istituti scolastici, ma anche di 5

7 verificare la capacità di organizzazione delle scuole per rispondere al meglio al compito, nonché la forza di trovare alleanze, di stipulare accordi, di suscitare sinergie: in una parola la capacità di governare un settore di importanza fondamentale per una vita migliore. Le reti provinciali, il coordinamento dato dal SiRVeSS, la promozione di capillari iniziative di formazione del personale, estesa ora anche allo stress-lavoro correlato, la ricerca didattico-educativa volta ad approntare percorsi curricolari ed extra curricolari aggiornati e coerenti con le indicazioni della Riforma, da anni attuati in Veneto, testimoniano un impegno davvero notevole. Un esempio di trasparenza che si colloca sulla linea assunta dal MIUR, che si inserisce nel recente programma Scuola in chiaro a vantaggio dell utenza che ha diritto di conoscere come vengano impiegate le risorse pubbliche. Non solo le scuole autonome potranno quindi ritrovarsi all interno dei capitoli di questo monitoraggio, assumendolo come strumento per l autoanalisi d Istituto e come indicazione per le decisioni future, in un ottica, quella della qualità, volta al miglioramento continuo del servizio. Il testo vuole rivolgersi, per il tramite degli istituti scolastici, anche a tutti gli Enti che sul territorio collaborano, all interno delle proprie competenze, a rendere le scuole luoghi di sicurezza per tutti gli utenti dell offerta formativa. In qualche modo si auspica che il monitoraggio risulti di utilità ai gestori del servizio e agli educatori, favorendo il dialogo, ai fini di una crescita ulteriore di quella responsabilità che trova nell ambito educativo la sua più alta espressione. Gli studenti stessi, specialmente quelli della scuola secondaria di secondo grado, possono farne oggetto di riflessione per comprendere lo status quaestionis in Veneto e per offrire il proprio contributo, con maturata coscienza, alla costruzione di quella cittadinanza attiva su cui si incentra oggi il compito della scuola italiana. Le esperienze in tal senso sono già avviate. Si tratta ora di raccogliere le energie per renderle vitali e proficue a favore di un clima sereno di lavoro e di una crescita competente ed armoniosa delle giovani generazioni. Gianna Marisa Miola 6

8 Cap. I INTRODUZIONE E QUADRO NORMATIVO Il Progetto regionale di formazione delle figure sensibili nasce nel gennaio 2002 e, almeno inizialmente, è rivolto, mediante lo stanziamento di appositi fondi ministeriali, a dare sostegno economico, organizzativo e di indirizzo alle istituzioni scolastiche autonome, per la realizzazione dei corsi di formazione sia per i Responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione scolastici e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, sia per il personale scolastico chiamato ad occuparsi del pronto soccorso e della prevenzione incendi (queste ultime due categorie sono dette appunto figure sensibili, come recita per la prima volta la C.M. del 29/4/1999, n. 119). L attività di formazione cui si riferisce prioritariamente il Progetto trova la sua ragion d essere e le sue linee-guida attuative nella legislazione vigente in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro, in particolare nel D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, nonché nelle norme specifiche definite dal M.I.U.R. In sostanza, l intera problematica della sicurezza in ambito scolastico, dalla formazione dei soggetti coinvolti alla valutazione dei rischi, dalla gestione delle emergenze alla sorveglianza sanitaria, fa capo ad un ben preciso corpo legislativo e normativo, che, se si circoscrive il campo all essenziale, risulta abbastanza agevole riassumere in ordine cronologico: D.M. Interno 26/8/ Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica D.Lgs. 19/9/1994 n Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro D.M. Interno 10/3/ Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro D.M. Pubblica Istruzione 29/9/1998 n Regolamento recante norme per l'individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel decreto legislativo 19 settembre 1994 n. 626 e successive modifiche ed integrazioni Circ. M.I.U.R. 29/4/1999 n Decreto legislativo 626/94 e successive modifiche ed integrazioni - D.M. 382/98: sicurezza nei luoghi di lavoro - Indicazioni attuative Circ. M.I.U.R. 19/4/2000 n Decreto legislativo 626/94 e successive modifiche ed integrazioni - Sicurezza nelle scuole D.Lgs. 9/4/2008 n Attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007 n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 3/8/2009 n Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Va precisato che il succinto quadro legislativo di riferimento appena tracciato deve essere visto soprattutto in chiave di evoluzione temporale, perché composto da normative che, seppur non recenti, risultano tutt oggi ancora vigenti (D.M. Interno 26/8/1992, D.M. Interno 10/3/1998), da decreti oggi abrogati o superati (D.Lgs. 626/94, D.M. Pubblica Istruzione 29/9/1998 n. 382), che tuttavia si perpetuano, nello spirito ma anche in molti contenuti specifici, attraverso quelli più recenti che li hanno soppiantati (D.Lgs. 81/08, D.Lgs. 106/09) e da circolari ministeriali che, soprattutto per il loro valore culturale e d indirizzo, si possono definire senza tempo, sono cioè ancora attualissime nonostante la data della loro pubblicazione. 7

9 Tra tutti questi spicca però, per importanza e profondità delle ricadute anche in ambito scolastico, il D.Lgs. 81/08, che rappresenta quindi il punto di riferimento continuo e preferenziale non solo per l attuazione del Progetto di formazione delle figure sensibili, ma anche per la realizzazione del monitoraggio cui è dedicato questo volume e per gran parte delle riflessioni ed indicazioni che emergeranno dall analisi dei dati raccolti. È in tal senso, perciò, che questo come i precedenti monitoraggi sono visti soprattutto come un opportunità di realizzare un analisi ad ampio spettro sullo stato di applicazione dei decreti sulla sicurezza (ieri il D.Lgs. 626/94, oggi il D.Lgs. 81/08) nella Scuola veneta, a distanza ormai di quasi un ventennio dalla loro prima entrata in vigore. 8

10 Cap. II IL PROGETTO DI MONITORAGGIO II.1 Premessa e obiettivi Il Progetto regionale di formazione delle figure sensibili ha preso ufficialmente avvio nel gennaio 2002, una volta recepita la nota dell Ufficio Scolastico Regionale prot. n. 137/D4 del 17/01/02 relativa all individuazione dei fondi destinati ai singoli Centri Servizi Amministrativi (oggi Uffici Scolastici Territoriali), alle istruzioni operative e alla definizione della figura del Responsabile provinciale del coordinamento del Progetto. Nell arco di questi 10 anni di conduzione del Progetto, sono pervenuti regolarmente, prima all Ufficio Regionale e da questo agli Uffici Territoriali e quindi alle singole istituzioni scolastiche, finanziamenti ministeriali relativi ad ognuno degli aa.ff. dal 2001 al 2010, con somme che mediamente sono state superiori al milione di euro all anno su scala regionale. Negli anni, gli indirizzi che la Direzione Generale ha inteso dare si sono andati via via modificando ed aggiornando, passando da un indicazione ad utilizzare i fondi esclusivamente per la formazione delle cosiddette figure sensibili (personale scolastico adibito al primo soccorso e alla prevenzione incendi), del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), ad un suggerimento di più ampio respiro, sebbene sempre coerente con le finalità generali per cui i fondi sono stati assegnati dal M.I.U.R. Si parla perciò sia di completamento della formazione delle figure sensibili (ove necessario), sia di aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), di adeguamento delle attrezzature e dei materiali destinati alle attività didattiche e dell eventuale nomina del Medico Competente (MC). A partire dall utilizzo dei finanziamenti 2003 si prevede inoltre la possibilità che i fondi destinati alle singole scuole possano essere assegnati modificando, in base alle esigenze riscontrate dagli Uffici Territoriali, il peso dei fattori di calcolo utilizzati a livello regionale. Dal 2006, infine, è stata scorporata dalle risorse complessive da distribuire alle singole istituzioni scolastiche una quota riservata agli Uffici Territoriali e destinata ad azioni formative di carattere e rilevanza provinciale, quota che, dal 2008, l Ufficio Regionale ha attribuito direttamente alle Reti di scuole per la sicurezza presenti ed operative in Veneto. Il quadro di riferimento testé accennato giustifica la necessità di acquisire periodicamente informazioni aggiornate e, soprattutto, relative alle specifiche indicazioni fornite dalla Direzione Generale. Dopo i due monitoraggi condotti nel 2004 e nel 2006, i cui dati sono stati pubblicati rispettivamente nel 2005 e nel 2007, è stato quindi doveroso proporne un terzo, che, vista anche la distanza temporale che lo ha separato dai due precedenti, ne ripercorresse almeno parzialmente le tracce, senza tuttavia trascurare alcuni aspetti di novità normativa e di assetto organizzativo delle scuole sui temi della sicurezza intervenuti nel frattempo. Un monitoraggio, in sostanza, che, oltre a rispondere all esigenza di conoscere alcuni dati tecnici (informazioni in grado di fotografare il livello organizzativo delle scuole sui temi della sicurezza), permettesse di sapere come le singole istituzioni scolastiche hanno impiegato concretamente i fondi loro assegnati; monitorare la situazione in quest ambito, infatti, non è solo di primaria importanza (per ovvi motivi), ma è anche strategicamente indispensabile, nell ottica di una sempre più razionale assegnazione dei finanziamenti ministeriali. 9

11 Gli obiettivi generali di questo terzo monitoraggio sono, in sostanza, così riassumibili: raccogliere informazioni sull impiego concreto dei fondi assegnati alle scuole, da cui trarre suggerimenti di indirizzo per una sempre maggiore efficienza ed efficacia nell utilizzo delle risorse conoscere la situazione aggiornata rispetto alla formazione delle figure sensibili e delle figure di sistema (R-ASPP e RLS), per poter quantificare le attuali necessità in quest ambito conoscere la strutturazione e l organizzazione della sicurezza delle scuole, anche in relazione alle novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni acquisire informazioni sullo stato dell arte del processo di valutazione e gestione dei rischi messo in atto dalle singole istituzioni scolastiche, da cui ricavare una valutazione complessiva del livello di inserimento del tema della sicurezza nel sistema-scuola veneto raccogliere informazioni sulla progettualità delle scuole nell ambito della didattica della salute e sicurezza, come ampliamento dell offerta formativa in un ottica di collegamento con gli adempimenti richiesti dalla normativa vigente II.2 Struttura del monitoraggio Analogamente ai precedenti, anche questo terzo monitoraggio è stato suddiviso secondo la struttura che viene di seguito riportata: GESTIONE GENERALE DEI FONDI ANNO FINANZIARIO 2008 (quesiti 1 4) ANNO FINANZIARIO 2009 (quesiti 5 8) FORMAZIONE DELLE FIGURE SENSIBILI (quesiti 9 13) ATTIVITÀ DI FORMAZIONE FORMAZIONE DEI R-ASPP (quesiti 14 e 15) FORMAZIONE DEI RLS (quesiti 16 e 17) 10

12 ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA COMPOSIZIONE SPP, PRESENZA RLS E MC, REFERENTI DI PLESSO (quesiti 18 25) VALUTAZIONE DEI RISCHI CONTENUTI DEL DVR (quesiti 26 32) DIDATTICA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROGETTUALITÀ ED AZIONI DELLE SCUOLE (quesiti 33 37) Con le domande contenute nell ambito Gestione generale dei fondi si intendeva acquisire informazioni di tipo economico (flussi di cassa in ingresso e in uscita), rispetto ai finanziamenti ministeriali relativi agli aa.ff e Una novità introdotta da questo terzo monitoraggio è stata l individuazione dei soggetti interni all istituzione scolastica che più facilmente sono in grado di rispondere ai quesiti posti e il conseguente suggerimento dato ai compilatori del questionario; in questo caso il soggetto interno che possiede queste informazioni è stato individuato nel Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi dell istituto. Le domande relative all ambito Attività di formazione indagavano l entità degli interventi di formazione e aggiornamento rivolti tanto alle figure sensibili quanto ai R-ASPP e RLS nell ultimo biennio scolastico concluso (2008/09 e 2009/10); potevano rispondere compiutamente ai quesiti di quest ambito tanto il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi quanto lo stesso Dirigente Scolastico. Le domande relative all ambito Organizzazione della sicurezza avevano lo scopo di raccogliere informazioni sull attuale strutturazione dei Servizi di Prevenzione e Protezione scolastici e sulle collaborazioni che questi hanno con le altre figure con ruolo e competenza nella gestione della sicurezza; potevano ragionevolmente rispondere ai quesiti sia il Dirigente Scolastico sia il RSPP dell istituto. Le domande contenute nell ambito Valutazione dei rischi intendevano raccogliere informazioni sugli ambiti, le mansioni e le attività valutati e contenuti nel DVR dell istituto e sul collegato gestionale che ad essi afferisce; poteva più facilmente rispondere ai quesiti il RSPP della scuola. Infine, con le domande contenute nell ambito Didattica della salute e sicurezza si intendeva acquisire informazioni sulla realizzazione di attività, percorsi o progetti didattici sui temi della salute e sicurezza all interno delle 11

13 singole istituzioni scolastiche e su come tali iniziative eventualmente si colleghino agli altri ambiti di interesse del Dirigente Scolastico (valutazione e gestione dei rischi, informazione e formazione); il soggetto interno che possiede le informazioni richieste è stato individuato nel referente per la didattica della sicurezza (o funzione strumentale su questi temi), in eventuale collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione scolastico. Il testo dei quesiti è riportato nell Appendice II. II.3 Validazione del questionario La struttura e i contenuti del questionario sono stati oggetto di attenta analisi e valutazione preventiva da parte dei Referenti provinciali per la sicurezza, nominati in ogni Ufficio Territoriale, e dei componenti del Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole SiRVeSS, con particolare riferimento ai coordinatori delle Reti di scuole per la sicurezza presenti in ogni provincia. Alcuni spunti di valutazione di tipo statistico sono riportati nel cap. IV. II.4 Realizzazione del monitoraggio Al fine di eliminare alcune problematiche tecniche connesse all applicazione del sistema informatico di somministrazione on line del questionario, emerse in occasione delle due precedenti esperienze, questo terzo monitoraggio è stato realizzato mediante l utilizzo della sola posta elettronica. A cura dell Ufficio Scolastico Regionale, le scuole hanno ricevuto una nota ufficiale, relativa all avvio del monitoraggio, allegata alla quale hanno trovato sia la versione scritta del questionario (in formato pdf), sia una griglia Excel appositamente predisposta. Per facilitare la ricerca delle informazioni da acquisire per rispondere al questionario, la versione scritta conteneva delle note esplicative, a corredo di ogni singolo quesito e, più in generale, per l impiego della griglia Excel. Successivamente le scuole hanno compilato la griglia Excel e hanno restituito solo quest ultima, all indirizzo di posta elettronica fornito dallo stesso Ufficio Regionale. La nota d avvio del monitoraggio e i materiali ad essa allegati sono stati comunque resi disponibili anche nel sito dell USRV (www.istruzioneveneto.it), dal quale le scuole potevano scaricarli liberamente. Questo sistema, innovativo rispetto alle precedenti esperienze, ha portato ad un risultato di risposta delle scuole decisamente superiore, pari al 95% su base regionale, contro il 92% dell edizione 2005 e l 81% dell edizione 2007 (per ulteriori dettagli in merito si rimanda al cap. IV). II.5 Criteri generali di analisi dei dati Visti gli obiettivi generali del monitoraggio, per quanto riguarda la lettura e l interpretazione dei dati di ritorno si è ritenuto indispensabile, così come per i precedenti monitoraggi, poter realizzare le seguenti aggregazioni: a. dati relativi al gruppo di tutte le scuole del Veneto b. dati relativi al gruppo di tutte le scuole di ogni singola provincia 12

14 c. dati relativi a tutti i gruppi di scuole dei diversi ordini e gradi del Veneto (circoli didattici, istituti comprensivi, scuole medie inferiori, istituti superiori) d. dati relativi ad un sottoinsieme degli istituti superiori del Veneto che risultano caratterizzati dall elevato numero di laboratori dove siano previste attività didattiche meritevoli di particolare considerazione sotto il profilo della sicurezza. Le analisi di: e. dati riferiti ad ogni singola istituzione scolastica f. dati relativi a tutti i gruppi di scuole dei diversi ordini e gradi di ogni singola provincia g. dati relativi ad un sottoinsieme degli istituti superiori di ogni singola provincia che risultano caratterizzati dall elevato numero di laboratori dove siano previste attività didattiche meritevoli di particolare considerazione sotto il profilo della sicurezza esulano dagli obiettivi d indagine di questo rapporto e sono delegate ai singoli Uffici Territoriali (attraverso le figure dei Responsabili provinciali di Progetto ) e ad iniziative locali di restituzione dei dati, anche con il supporto dell Ufficio Scolastico Regionale. II.6 Tempistica del monitoraggio La scansione temporale delle azioni relative al monitoraggio è riportata nella tabella che segue. Azione Definizione dei contenuti del monitoraggio e sua validazione Mar Apr Mag Giu Lug Set Ott Nov Dic Gen Feb Pubblicazione del questionario Compilazione del questionario da parte delle scuole Elaborazione informatica e analisi dei dati raccolti Stesura del rapporto finale Stampa e pubblicazione del rapporto finale 13

15 14

16 Cap. III PRESENTAZIONE E ANALISI DEI RISULTATI Nel presentare e analizzare i risultati del monitoraggio si seguirà la stessa struttura con cui è stato impostato e proposto il questionario (cfr. par. II.2). I grafici posti a corredo del testo fanno riferimento alla situazione generale della regione Veneto (sigla VEN), a quella delle 7 province (sigle BL, PD, RO, TV, VE, VI e VR) e a quella delle diverse tipologie di scuole, così raggruppate: Circoli didattici sigla EE Istituti comprensivi sigla IC Scuole medie inferiori sigla MM Istituti superiori sigla SUP Gruppo particolare di istituti superiori simbolo * Quest ultimo raggruppamento raccoglie tutti gli istituti superiori del Veneto che risultano caratterizzati dall elevato numero di laboratori dove siano previste attività didattiche meritevoli di particolare considerazione sotto il profilo della sicurezza. In tal senso sono stati scelti gli istituti tecnici e professionali che presentano la sigla IS (ISISS e IIS), RA (IPSSA), RH (IPSSAR), RI (IPSIA), TA (ITAS) e TF (ITIS) nel codice meccanografico. All inizio di ogni paragrafo verrà indicato il gruppo di quesiti di riferimento; per una migliore comprensione del commento, si suggerisce di prendere visione del testo delle domande, riportato nell Appendice II. III.1 Gestione generale dei fondi assegnati dal Ministero (quesiti 1 8) Il finanziamento ministeriale assegnato dal M.I.U.R. all Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto per l a.f e connesso alla realizzazione del Progetto di formazione delle figure sensibili ammontava complessivamente a ; quello per l a.f a In generale, i finanziamenti vengono suddivisi tra le 7 province secondo un criterio di ripartizione abbastanza complesso, deciso dall Ufficio Regionale. Tale criterio si è andato evolvendo e modificando dal 2001 (anno d avvio del Progetto) ad oggi; quello applicato ai finanziamenti in oggetto (aa.ff e 2009) prevedeva che: il 70 % della somma fosse assegnato per le azioni di formazione del personale (in particolare delle figure sensibili ) da questo 70 % si detraesse una quota fissa ( per ognuno dei due anni), da destinare alle Reti di scuole per la sicurezza presenti in ogni provincia ( alle Reti di PD, TV, VE, VI e VR, alle Reti di BL e RO), per azioni di formazione a carattere provinciale la parte restante del 70 % fosse suddivisa tra le varie province in base al numero di posti in organico di diritto del personale (docente e A.T.A.) di ognuna il rimanente 30 % della somma complessiva fosse assegnato per altre iniziative e necessità riguardanti la sicurezza, suddividendolo tra le varie province in base al numero di istituzioni scolastiche di ognuna A loro volta, gli Uffici Territoriali, nella suddivisione dei fondi tra le istituzioni scolastiche della propria provincia, hanno applicato lo stesso criterio generale del %, suddividendo però quest ultima parte della somma complessiva secondo criteri stabiliti 15

17 localmente (da un apposita commissione istituita al proprio interno), avendo facoltà di individuarne anche altri, commisurati alle particolari esigenze del territorio e alla conoscenza diretta di specifiche situazioni, e prestando una particolare attenzione nei confronti degli istituti caratterizzati dalla presenza di laboratori e officine. Riassumendo, relativamente agli aa.ff e 2009 le scuole del Veneto hanno avuto un finanziamento complessivo pari a , da cui vanno però detratti i (pari a circa il 5 %) dati direttamente alle Reti di scuole per la sicurezza. Le somme medie pervenute alle singole istituzioni scolastiche (IS), desunte dalle loro stesse dichiarazioni nel questionario, sono riportate nella seguente tabella, che considera entrambi gli anni di riferimento, le varie province e le scuole dei diversi ordini e gradi: Riferimento Somma media per IS Somma media per IS a.f a.f Veneto Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Vicenza Verona Circoli didattici Istituti comprensivi Scuole media Istituti superiori * Un attenta lettura della tabella precedente porta a formulare le seguenti considerazioni: relativamente all a.f. 2008, la distribuzione delle somme alle singole scuole non si discosta di molto tra le varie province, rispetto alla media regionale, salvo il caso di Rovigo (con una media decisamente inferiore) e di Treviso (con una media abbastanza superiore) relativamente all a.f. 2009, sia Belluno che Rovigo risultano sensibilmente sotto la media, mentre Vicenza è situata decisamente sopra la media rispetto alle scuole dei diversi ordini e gradi, in entrambi gli aa.ff. di riferimento spiccano le cifre più basse attribuite alle scuole medie e quelle più alte assegnate agli istituti superiori la media delle somme arrivate al sottoinsieme delle scuole superiori venete che risultano caratterizzate dall elevato numero di laboratori (sigla IS, RA, RH, RI, TA e TF nel codice meccanografico, indicate nella tabella con il simbolo *) è nettamente più alta rispetto a quella relativa all insieme di tutti gli istituti superiori, com è logico che sia, tenendo conto dei criteri adottati dagli Uffici Territoriali nel ripartire i finanziamenti (precedentemente illustrati) 16

18 FINANZIAMENTO VALORE MEDIO DELLA % DELLA SOMMA SPESA ENTRO IL 2010 DALLE SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (Veneto e province) [%] VEN BL PD RO TV VE VI VR Fig. 1.1 Sempre rispetto all assegnazione dei fondi alle scuole, è doveroso infine precisare che i tempi e le modalità del trasferimento del finanziamento dal Ministero all Ufficio Scolastico Regionale sono stati tali che, per un effetto a cascata, le somme sono entrate nelle casse delle scuole in momenti diversi e quelle a saldo delle due annualità sono arrivate con circa un anno di ritardo rispetto all a.f. di riferimento. Per questo motivo, nei quesiti relativi a questa prima sezione del questionario il limite temporale è stato posto al 31/12/2010. Fatta quest ultima considerazione, non può stupire il fatto che resti confermata, rispetto ai precedenti monitoraggi, l incapacità delle scuole di utilizzare l intera somma a disposizione (fig. 1.1 e 1.5 rispettivamente per l a.f e 2009), anche se la situazione è decisamente migliorata rispetto alle altre due rilevazioni, quando per il Veneto si era attestata al 68 % nel 2001, al 71 % nel 2002, all 88 % nel 2003 e al 74 % nel Il dato relativo alla percentuale delle scuole che hanno dichiarato di aver speso l intero finanziamento (fig. 1.2 e fig. 1.6, rispettivamente per l a.f e 2009) è invece rimasto sostanzialmente stabile, almeno rispetto al monitoraggio precedente, quando, a livello veneto, si attestava al 79 % nel 2003 e al 62 % nel

19 FINANZIAMENTO % DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CHE HANNO SPESO TUTTO IL FINANZIAMENTO (Veneto e province) [%] VEN BL PD RO TV VE VI VR Fig. 1.2 Sarebbe meritevole di maggiore approfondimento il dato relativo al numero di scuole che dichiarano di avere un altro budget sulla sicurezza, ad integrazione dei finanziamenti ministeriali. Infatti, mentre esistono differenze anche di non poco conto tra una provincia e l altra (fig. 1.3 e fig. 1.7, rispettivamente per l a.f e 2009), con una punta di diversificazione tra Rovigo e Vicenza, che nel 2008 supera i 40 punti percentuali, raggruppando le scuole per tipologia (fig. 1.4 e fig. 1.8) tali differenze risultano molto più contenute, con variazioni che si mantengono entro l ordine della decina di punti percentuali. Un analisi su questo aspetto può essere più efficacemente realizzata solo a livello locale, considerando le specificità dei territori e le prassi consolidate. Prima di concludere questo paragrafo sulla gestione generale dei fondi e volendo andare oltre la breve analisi numerica appena proposta, vale la pena tornare sul dato forse più significativo che emerge, vale a dire sulla difficoltà delle scuole a spendere le somme loro assegnate annualmente. Le cause di questo fenomeno possono essere numerose e diverse, anche all interno della stessa istituzione scolastica; di seguito si proverà a citarne alcune, considerate tra le più probabili ed importanti. 18

20 FINANZIAMENTO % DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CHE HANNO UN ALTRO BUDGET PER LA SICUREZZA (Veneto e province) [%] VEN BL PD RO TV VE VI VR Fig. 1.3 I finanziamenti arrivano alle scuole non in un unica soluzione, bensì in una sequenza di acconti successivi. Questo fatto, che fin dalla sua nascita caratterizza il Progetto di formazione delle figure sensibili, ostacola non poco la programmazione del loro utilizzo. Per le influenze negative che può avere, specialmente se si devono impegnare cifre consistenti, il frazionamento delle cifre è decisamente più deleterio del fatto che, come si diceva in apertura di paragrafo, i finanziamenti arrivino con un anno di ritardo rispetto all a.f. di riferimento, cosa non rilevante fintantoché ci sarà continuità di finanziamenti. Questa criticità appare difficilmente superabile, perché attiene alla normale fisiologia gestionale dei fondi ministeriali. Molto spesso, nelle scuole, il Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP), che dovrebbe avere il compito, assieme o per conto del Dirigente, di tradurre le priorità d intervento sui temi della salute e sicurezza in impegno di spesa, non gode, sotto questo profilo, della stessa credibilità che può vantare in ambito tecnico. In pratica è abbastanza frequente che vi sia una netta scissione (in certi casi una vera e propria incomunicabilità) tra chi si occupa di gestire tecnicamente la sicurezza e chi si occupa invece di gestirne i fondi, quasi non fossero due facce della stessa medaglia; ciò impedisce di programmare efficacemente l utilizzo delle somme assegnate, che rischiano di rimanere in bilancio per l anno successivo. Su questo punto è possibile intervenire, almeno nel medio periodo, attraverso la formazione, insistendo sugli aspetti amministrativi ed economici in occasione dei corsi per RSPP (in particolare durante il modulo C, dedicato prevalentemente agli aspetti gestionali) e affrontando lo stesso tema con i Dirigenti e i Direttori amministrativi, in occasione dei corsi o degli incontri d aggiornamento loro rivolti. 19

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08

Testo commentato dell accordo Stato-Regioni sulla formazione ex art. 37 del D.Lgs. 81/08 INDICE Presentazione Cap. I Introduzione e quadro normativo Cap. II Il progetto di monitoraggio Cap. III Presentazione e analisi dei risultati Cap. IV Note tecniche Cap. V Monitoraggio, panorama attuale

Dettagli

RAPPORTO FINALE A cura del prof. Alberto Cesco Frare

RAPPORTO FINALE A cura del prof. Alberto Cesco Frare UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO Direzione Generale MONITORAGGIO REGIONALE SULL APPLICAZIONE DEL D.Lgs. 626/94 NELLE SCUOLE DEL VENETO RAPPORTO FINALE A cura del prof. Alberto Cesco Frare UFFICIO

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 Obblighi in capo al DS/DL (art. 18 del D.Lgs. 81/08) Si possono così riassumere:

Dettagli

URAOODRVEUff.5 Venezia, 3 dicembre 2014 Prot n. 15755. Loro Sedi

URAOODRVEUff.5 Venezia, 3 dicembre 2014 Prot n. 15755. Loro Sedi MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio V Politiche formative e rapporti

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico

4.1. Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Organizzazione della sicurezza in ambito scolastico 4.1 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA

PRESENTAZIONE SINTETICA PRESENTAZIONE SINTETICA Premessa Nel tracciare il profilo professionale di un ragazzo che si diploma presso un istituto tecnico industriale oppure presso un istituto professionale per l industria e l artigianato,

Dettagli

SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole

SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole ACCORDO DI COORDINAMENTO DELLE RETI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA DEL VENETO Premesso che: la Regione Veneto - Assessorato alle Politiche

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07

SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 SiRVeSS RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ REALIZZATE DAL SISTEMA REGIONALE DELLE RETI NEL TRIENNIO 2005-07 L attività si è sviluppata attraverso tre linee di lavoro: 1. costituzione di reti provinciali e di un

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato-

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- SCHEDA FEDERAVO n 18 (ultimo aggiornamento gennaio 2010) SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- Obiettivo Fornire indicazioni operative in tema di sicurezza Premessa 1)

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole Richiedente: Coordinatore Rete Autori risposta: Alessio Bruscagli (RSPP ISIS L. da Vinci - Firenze) Data validazione Coordinamento: 09/07/2012 Versione: 1.0 Domanda Qual è l iter da seguire per nominare

Dettagli

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 1 NORMATIVA ARTICOLO 18 comma 3 del D.L.

Dettagli

FORMAZIONE. Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti. in ambito scolastico. SiRVeSS. Liceo G.B. Quadri - Vicenza 23 Gennaio 2014

FORMAZIONE. Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti. in ambito scolastico. SiRVeSS. Liceo G.B. Quadri - Vicenza 23 Gennaio 2014 FORMAZIONE SiRVeSS Datori di Lavoro (DdL) Lavoratori Preposti e Dirigenti in ambito scolastico A cura di Prof. MARZARI Damiano Coordinatore di SicuRete Vicenza Rete di scuole per la sicurezza della Provincia

Dettagli

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole

Rete di scuole e agenzie per la sicurezza della Provincia di Firenze Coordinamento A/RSPP Gruppo supporto scuole Richiedente: Coordinatore Rete Autori risposta: Alessio Bruscagli (RSPP ISIS L. da Vinci - Firenze), Mario Romagnoli (RSPP IIS Elsa Morante - Firenze) Data validazione Coordinamento: 09/07/2012 Versione:

Dettagli

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) http://www.unifi.it/rls/mdswitch.html rls@unifi.it UNO 1. Introduzione Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Un saluto a tutti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI  G. G A L I L E I  http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " Via G.B. Nicol, 35-10051 AVIGLIANA (TO) - TEL. 011-9328042 - FAX 0119320988 http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it Relazione

Dettagli

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE

SOGGETTI AZIENDALI ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE In questa unità didattica approfondiremo la conoscenza di alcune figure, già viste in precedenza e che sono presenti anche nel nostro Istituto In particolare parleremo di: datore di lavoro: Dirigente Scolastico;

Dettagli

SiRVeSS. Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole. Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione

SiRVeSS. Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole. Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione SiRVeSS Il Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Silvia Rosin Direzione Regionale per la Prevenzione 14 febbraio 2007 SiRVeSS: gli attori Direzione Prevenzione Regione Veneto Ufficio

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI

RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI Organismo indipendente di valutazione RELAZIONE SULLO STATO DI REALIZZAZIONE E SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA E INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI (art.14, co.4 lett.

Dettagli

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014

CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: 1 Dicembre 2014 CONVEGNO regionale DIRIGENTI SCOLASTICI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ 1 Dicembre 2014 IS E. MOLINARI Via Crescenzago, 110 - Milano Formazione ed informazione

Dettagli

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO

INCARICATI DI PRIMO SOCCORSO Pag.1 www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Maggio 2015, anno IX N. 5 La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Fasi e ruoli specifici per pianificare, organizzare e gestire l attività formativa di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

MIURAOODRVE- N.14895 Venezia, 19.11.2015. Oggetto: gestione della sicurezza nelle attività di alternanza scuola-lavoro

MIURAOODRVE- N.14895 Venezia, 19.11.2015. Oggetto: gestione della sicurezza nelle attività di alternanza scuola-lavoro MIURAOODRVE- N.14895 Venezia, 19.11.2015 Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche secondarie di II grado del Veneto e p.c. Ai Dirigenti degli UUSSTT del Veneto Loro Sedi Oggetto: gestione

Dettagli

PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA

PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA gestione - prevenzione - sicurezza PIANO D IN-FORMAZIONE SCOLASTICA IN OSSERVANZA DELL ART 37 D.LGS 81/2008 IN APPLICAZIONE DELL ACCORDO STATO-REGIONI DEL 21/12/2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : dott.ssa Maria

Dettagli

Corso di formazione 15 marzo 2013

Corso di formazione 15 marzo 2013 Istituto Comprensivo di Ronco Scrivia a.s. 2012/13 Corso di formazione 15 marzo 2013 La sicurezza nei luoghi di lavoro Dirigente Scolastico: dott.silvio Peri RSPP: prof.ssa Perla Ferrari Argomenti del

Dettagli

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, NELLE SCUOLE E TRA I GIOVANI LAVORATORI cellulare: 349-5724637 e-mail: cescofrare@reteagenziesicurezza.it

Dettagli

Il documento è stato discusso e condiviso con le parti sociali e gli Enti componenti il Comitato Provinciale ex art. 7 del D. Lgs 81/08.

Il documento è stato discusso e condiviso con le parti sociali e gli Enti componenti il Comitato Provinciale ex art. 7 del D. Lgs 81/08. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Direttore: Dr. Giovanni Achille Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Servizio Sicurezza e Impiantistica G. Tubi 43 23900 Lecco -:- via G. Tubi 43 23900

Dettagli

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle

Dettagli

Il manuale vers. INAIL 2013

Il manuale vers. INAIL 2013 Conferenza di servizio sui temi della sicurezza Il Manuale vers. INAIL 2013 La formazione obbligatoria del personale scolastico e degli studenti equiparati A cura del PROF. MARZARI Damiano coordinatore

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO G. P U E C H E R

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO G. P U E C H E R ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO G. P U E C H E R Via Bersaglio, 56-20017 Rho (MI) 029302236 9307642 029307396 C.M. MIRI09000N- C.F. 93525120155 www.puecher.it e-mail: puecher@puecher.it

Dettagli

D. Lgs. 81 del 9.4.2008 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SCUOLA

D. Lgs. 81 del 9.4.2008 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO SCUOLA SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Assessorato Scuola Formazione e Politiche per la Salute Aziende USL Dipartimenti di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs.

Dettagli

Programma annuale 2014 Relazione Illustrativa

Programma annuale 2014 Relazione Illustrativa ISTITUTO COMPRENSIVO LODI IV Via San Giacomo, 37-26900 LODI Tel/Fax 0371424335 0371421770 Cod. Fisc. 92559830150 e-mail: LOIC813005@ISTRUZIONE.IT posta certificata: LOIC813005@PEC.ISTRUZIONE.IT Programma

Dettagli

PROTOCOLLO GESTIONE DELLA SICUREZZA

PROTOCOLLO GESTIONE DELLA SICUREZZA PROTOCOLLO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA PROCEDURE E MODULISTICA COORDINATORE DEI REFERENTI PER LA SICUREZZA DELL I. C. DI CAPIAGO INTIMIANO BELLANTE LUISA 1 Premessa TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA

Dettagli

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA CONCORSO DI IDEE #LAMIASCUOLASICURA PER L INDIVIDUAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA Indicazione soggetto e/o soggetti proponenti: Istituto Comprensivo

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO L.BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO L.BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO L.BARTOLINI Via Nazario Sauro n.31 60034 CUPRAMONTANA (AN) Tel: 0731 / 789026-786266 789766 fax: 0731/786196 - Cod. Fisc. 91017860429 e-mail: anic83800g@istruzione.it Pec: anic83800g@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALO CALVINO Via Boscarelli 23 29100 PIACENZA

SCUOLA MEDIA STATALE ITALO CALVINO Via Boscarelli 23 29100 PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE E.F. 2005 RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA SCUOLA La Scuola Media Statale Italo Calvino è nata nel 1997 dalla fusione di due preesistenti istituti scolastici con sede l uno ( Don Dilani ) in

Dettagli

PROGETTO. Metodologia

PROGETTO. Metodologia Il plesso della scuola dell infanzia statale Aquilone, appartenente all Istituto Comprensivo S. Lucia di Bergamo si trova in una zona verde e tranquilla di un quartiere ai margini della città. La scuola,

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Datore di lavoro (Rettore) Servizio di Prevenzione e Protezione Sorveglianza sanitaria Servizio di Radioprotezione Dirigenti RLS Preposti Lavoratori DEFINIZIONI: 1. DATORE

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

LA SICUREZZA NEL SETTORE ELETTRICO: IL PUNTO SULLA SITUAZIONE DOPO 4 ANNI DI ATTIVITA DELLA COMMISSIONE NAZIONALE SICUREZZA FLAEI

LA SICUREZZA NEL SETTORE ELETTRICO: IL PUNTO SULLA SITUAZIONE DOPO 4 ANNI DI ATTIVITA DELLA COMMISSIONE NAZIONALE SICUREZZA FLAEI LA SICUREZZA NEL SETTORE ELETTRICO: IL PUNTO SULLA SITUAZIONE DOPO 4 ANNI DI ATTIVITA DELLA COMMISSIONE NAZIONALE SICUREZZA FLAEI L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Il Settore Elettrico, prima a carattere monopolistico

Dettagli

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013 AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 203 sviluppare sensibilità e competenze per accrescere la sicurezza in azienda Cerform è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna ed è certificato CORSI PER ASPP RSPP

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Progetto : cultura della prevenzione e cittadinanza attiva di Domenico Trovato, Irre del Veneto

Progetto <Sicurezza in cattedra> : cultura della prevenzione e cittadinanza attiva di Domenico Trovato, Irre del Veneto Progetto : cultura della prevenzione e cittadinanza attiva di Domenico Trovato, Irre del Veneto Uno sguardo alla normativa Dopo l emanazione del D.Lvo 626/1994 si è assistito ad

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Indagine conoscitiva sullo stato di avanzamento della VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Si presentano di seguito i risultati dell

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 MACRO OBIETTIVO 7 Codici indicatori: 7.6.1 PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2014-2018 Programma: Mantenimento e Implementazione del Sistema per supportare le istituzioni scolastiche nella promozione della

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione lavoro, previdenza sociale Disegno di legge recante Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO VIA M. D AZEGLIO 64/2, TEL. 055 4216500- FAX 055 4218259 50019 SESTO FIORENTINO Email: fiee56000v@istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO VIA M. D AZEGLIO 64/2, TEL. 055 4216500- FAX 055 4218259 50019 SESTO FIORENTINO Email: fiee56000v@istruzione. DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO VIA M. D AZEGLIO 64/2, TEL. 055 4216500- FAX 055 4218259 50019 SESTO FIORENTINO Email: fiee56000v@istruzione.it CONTO CONSUNTIVO del PROGRAMMA ANNUALE per L ESERCIZIO

Dettagli

la sicurezza della provincia di Treviso)

la sicurezza della provincia di Treviso) RETE DI SCUOLE RES BEINASCO (TO) La formazione sulla sicurezza: da mero adempimento ad opportunità didattica SEMINARIO STO BENE A SCUOLA Beinasco, 11 dicembre 2013 Prof. Alberto Cesco-Frare (coordinatore

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

Guida operativa per le RSU

Guida operativa per le RSU Guida operativa per le RSU A cura di Antonietta Toraldo e Grazia Perrone 1. Nota introduttiva Nella scuola dell autonomia l esercizio dei diritti sindacali del personale docente e non docente si coniuga

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO

CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Via Padova, 11-25125 BRESCIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Corso Matteotti, 21 25122 BRESCIA CHECKLIST OPERATIVA: VERIFICA DELLA CORRETTA

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI Sicurezza Lavoro Informazione, formazione e addestramento L informazione, la formazione e l addestramento per lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, rientrano fra

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

81zeroOTTO. Sicurezza&Dintorni. a cura della Commissione Nazionale Sicurezza CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO

81zeroOTTO. Sicurezza&Dintorni. a cura della Commissione Nazionale Sicurezza CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO a cura della Commissione Nazionale Sicurezza 81zeroOTTO Sicurezza&Dintorni 17 maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO LA SICUREZZA NEL SETTORE ELETTRICO: IL PUNTO

Dettagli

COMUNICATO N. 406 del 1 aprile 2015

COMUNICATO N. 406 del 1 aprile 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Leonardo da Vinci" 35137 Padova - Via S. Giovanni di Verdara, 36 Tel 049/8724155 - Fax 049/8724196 - e-mail pdis02700t(a)istruzione.it Ai docenti neoassunti e ai loro

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

Ing. Fabio Piscini (R.S.P.P. Università di Perugia)

Ing. Fabio Piscini (R.S.P.P. Università di Perugia) 1. La formazione degli RLS La formazione degli R.L.S. e dei lavoratori nell Università Collaborazione fra SPP e RLS Ing. Fabio Piscini (R.S.P.P. Università di Perugia) L introduzione della figura dell

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale.

La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale. Documento del COMITATO TECNICO SCIENTIFICO Linea guida AIAS per: La figura professionale dell RSPP e dell ASPP e il rapporto con l organizzazione aziendale. L esigenza di fornire una linea guida per il

Dettagli

V. Attività formative per una didattica inclusiva

V. Attività formative per una didattica inclusiva V. Attività formative per una didattica inclusiva a. Bisogni Educativi Speciali (BES) Una scuola che include è una scuola che pensa e che progetta pensando a tutti. Una scuola inclusiva è una scuola che

Dettagli

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 4360/C14 A23 Milano, 8 ottobre 2013 AVVISO PUBBLICO Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo ILARIA ALPI Via Salerno 1-20142 Milano Tel. 02 88444696 Fax 02 88444704 e-mail uffici: MIIC8DZ008@istruzione.it posta certificata:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI DESTINATI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DIGITALI NELLA DIDATTICA

AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI DESTINATI ALLA DIFFUSIONE DELLE TECNOLOGIE DIGITALI NELLA DIDATTICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV Ordinamenti scolastici Formazione

Dettagli

si conviene e si stipula quanto segue

si conviene e si stipula quanto segue Allegato A) Convenzione tra la Regione Piemonte e l Università degli Studi di Torino, stipulata ai senti dell art. 15 della L. 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof.

PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE. Prof. PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 SOSTEGNO AI DOCENTI IN AMBITO METODOLOGICO-DIDATTICO E PER LA VALUTAZIONE Prof.ssa Rita NOTTURNO L attività della funzione strumentale Sostegno ai docenti in

Dettagli

Alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia di Milano All Albo dell Istituto SEDE Al sito web dell Istituto

Alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado della Provincia di Milano All Albo dell Istituto SEDE Al sito web dell Istituto Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO CAVALIERI 20123 MILANO Via Anco Marzio, 9 Tel. 02/88446249 Fax 02/88.44.62.54 Cod.fisc. 97218580153 e-mail: miic814009@istruzione.it

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS

I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS (Scheda Informativa a cura del Dipartimento Politiche Sociali) Il legislatore italiano, all atto del recepimento della Direttiva 89/391/CEE con il

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE

e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione Istruzione VENEZIA Al Dirigente Ufficio VI Al Dirigente Ufficio IV SEDE Prot. MIUR.AOODRVE.UFF.III/ 4511/D11 Venezia, 18 aprile 2013 Ai Dirigenti Uffici Scolastici territoriali Ai Dirigenti Scolastici Direzioni Didattiche e Istituti Comprensivi e.p.c. Alla Regione Veneto Direzione

Dettagli

I Centri Servizio Volontariato del Veneto

I Centri Servizio Volontariato del Veneto I Centri Servizio Volontariato del Veneto l sette Centri Servizi Volontariato - CSV gestiti dai coordinamenti provinciali del volontariato (Enti gestori), sono enti che raggruppano 1.716 associazioni,

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli Linee applicative Accordo Stato Regioni in materia di formazione dei lavoratori, Dirigenti e Preposti per la sicurezza sul lavoro. Formazione dei Datori di lavoro che assumono il ruolo di RSPP. - Guida

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli