DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81"

Transcript

1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi (rif.: art. 4 d.lgs. n. 626/1994) 1. La valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri paesi.

2 2

3 ACCORDO EUROPEO DELL 8 OTTOBRE 2004 Lo stress è uno stato di malessere "che si manifesta con sintomi fisici, psichici o sociali legati all incapacità delle persone di colmare uno scarto tra i loro bisogni e le loro aspettative e la loro attività lavorativa", ma "non è una malattia", anche se "una esposizione prolungata allo stress può diminuire l efficienza lavorativa e causare problemi di salute". Confederazione europea dei sindacati - CES, Unione delle confederazioni industriali d Europa - UNICE, Unione europea dell artigianato e delle PMI UEAPME; Centro europeo delle imprese pubbliche e delle imprese di interesse economico generale (CEEP) 3

4 L accordo volontario e non vincolante ha per obiettivo di "aumentare la consapevolezza e la comprensione di imprenditori, lavoratori e loro rappresentanti sulla questione dello stress lavorativo". 4

5 La concezione del lavoro e la sua collocazione all interno della vita di una persona e delle sue abitudini quotidiane risentono del pensiero sociale sul lavoro, che si è trasformato radicalmente dal passato ad oggi

6 Il lavoro è stato per secoli ritenuto un attività ignobile, da assegnare principalmente a schiavi e prigionieri mentre, solo le attività di coordinamento e supervisione, venivano esercitate dai rappresentanti delle classi sociali più elevate. In alcune culture, come in quella spagnola, la stessa etimologia della parola trabajo nasceva dal termine latino tripalium, con cui veniva designato uno strumento di tortura destinato agli schiavi che non producevano.

7 Nel 1700 il lavoro cominciò a diventare un attività sempre più diffusa tra i rappresentanti di tutte le classi sociali e gradualmente si avviò un cambiamento nell immaginario sociale rappresentando il lavoro come un attività dignitosa e orientata al raggiungimento di un obiettivo, che può essere la realizzazione di un bene o la creazione di un servizio.

8 Le successive trasformazioni, osservate negli ultimi secoli, hanno visto divenire il lavoro, non solo un attività necessaria per vivere, in quanto consente l indipendenza economica, ma anche un mezzo di affermazione nel sociale, che assegna uno status e che riveste il valore di un rituale che contrassegna il vero passaggio all età adulta

9 La sicurezza sul lavoro certamente è aumentata nel tempo anche se continua a essere uno dei temi drammatici che la cronaca non smette di portare in evidenza quasi ogni giorno. Ancora oggi ogni anno mediamente il 6% dei lavoratori italiani subisce un incidente sul lavoro. 9

10 Dal punto di vista psicologico, in seguito a notevoli cambiamenti, è aumentato il peso dell identità lavorativa sull identità personale e ciò ha portato, negli ultimi anni, a dedicare al lavoro sempre maggiori spazi che, spinti all eccesso, hanno generato ricadute negative sulla vita psico-sociale e sulla salute fisica.

11 Il malessere sociale che nasce dall eccessivo tempo riservato al lavoro è stato descritto, negli ultimi anni di sindrome da stress lavorativo, ma soprattutto di lavoro-dipendenza o work addiction.

12 STRESS FREUD LO DEFINIVA IL DISAGIO DELLA CIVILTÀ

13 STRESS reazione, serie di fenomeni di adattamento metabolico di un organismo a stimoli provenienti dall ambiente esterno

14 Una prima distinzione da fare è tra le parole stressor e stress propriamente detto Lo stressor è una situazione-stimolo qualsiasi, cioè una qualsiasi cosa che ci accade; questa può essere sia positiva che negativa (ad es. vincere parecchi miliardi alla lotteria oppure, viceversa, subire un tamponamento in macchina). Lo stress (termine inglese che significa sforzo ) propriamente detto è la risposta generica del nostro organismo allo stimolo stressante. Nel linguaggio comune i due termini, stress e stressor, vengono costantemente confusi, cioè lo stimolo stressante e la risposta di stress sono chiamati entrambi stress.

15 STRESS Hans Selye, 1956 eustress o risposta adattativa distress o risposta maladattativa 15

16 In seguito ad un evento stressante, si hanno due facce della medaglia: un iniziale miglioramento delle capacità mentali, fisiche e organizzative (l'eustress) successivamente, con l'aumento del grado di stress o la sua persistenza, un progressivo loro decadimento (distress). 16

17 EUSTRESS La reazione che costituisce lo stress acuto investe tutto l organismo ed è estremamente utile perché favorisce l adattamento della persona agli improvvisi avvenimenti negativi; per questo è chiamata reazione di adattamento. Essa è fondamentale per la sopravvivenza e perciò è anche chiamata eustress.

18 DISTRESS Quando invece la reazione di stress è troppo intensa o lo stimolo negativo è prolungato (stress cronico), le variazioni ormonali proprie della fase acuta,possono diventare stabili, predisponendo l organismo a problemi psicologici anche gravi ed a malattie psicosomatiche. In questi casi si parla di stress cronico o distress. Tale situazione a lungo andare determina una diminuzione delle capacità di resistenza e di adattamento e conpare la cosiddetta sindrome da esaurimento. Il cortisolo anche conosciuto come ormone dello stress, se presente in quantità superiori alla norma provoca vari disturbi

19 La risposta di stress si esplica in tre fasi nella prima fase, definita fase di allarme, lo stressor suscita nell'organismo un senso di allerta, con conseguente attivazione di processi psicofisiologici quali aumento del battito cardiaco, iperventilazione ecc.. nella fase di resistenza, l'organismo tenta di adattarsi alla situazione e gli indici fisiologici tendono a normalizzarsi anche se lo sforzo attuato è molto intenso. Nel caso in cui l'adattamento non sia sufficiente si arriva alla terza fase, la fase dell'esaurimento, in cui l'organismo non riesce più a difendersi e la naturale capacità di adattamento viene a mancare 19

20 MANIFESTAZIONI DI DISAGIO IN CORSO DI STRESS CRONICO NELL UOMO profonda difficoltà a confrontarsi con le persone nella vita sociale, senso di inadeguatezza, malessere generale, blocco della vitalità con tentativo di evitare tutto ciò che direttamente o indirettamente conduce all evento traumatico (reazione di evitamento), reazioni esagerate di allarme o di paura, ansia ed attivazione psichica (manie di grandezza, alterazione delle fasi del sonno, stati maniacali alternati a depressione), stati emotivi di intensa sofferenza scatenati da ricordi improvvisi che si manifestano in modo molto vivido e che portano a rivivere il dramma (reazione di intrusione). 20

21 Ogni comportamento è espressione di una funzione e/o attività cerebrale. Sia i comportamenti adattativi che intervengono nello stress acuto, che i sintomi dello stress cronico riconoscono una base organica e funzionale 21

22 Sistema noradrenergico 22

23 Risposta base Dal cervello e precisamente dall ipotalamo, parte un ormone, l ACTH, che stimola l ipofisi che a sua volta stimola la corteccia surrenale a produrre il cortisolo, un cortisone naturale molto potente, l adrernalina ed altri ormoni. L adrenalina ha un azione immediata ed attiva la reazione detta attacca o fuggi. Il suo effetto è rapido e breve

24 La reazione acuta di stress provoca un aumento del battito cardiaco e della pressione arteriosa, l attivazione del sistema muscolo scheletrico, l aumento delle performance intellettuale e il rallentamento di altre funzioni vitali come la digestione

25 Hawks e Doves (Maynard Smith 1982) Il tipo Hawks presenta una predisposizione genetica per l alta aggressività ed adotta la fuga/combattimento come risposta allo stress violenza, disturbi del controllo degli impulsi, ipertensione, aritmie cardiache Il tipo Doves è strutturalmente poco aggressivo e risponde allo stress paralizzandosi o nascondendosi disturbi d ansia, alla depressione melancolica, stati psicotici, infezioni Esisterebbe per entrambi una predisposizione genetica capace di indurre quantità diverse di neuro-ormoni 25

26 (la sensazione di impotenza e lo spirito combattivo) Porsolt swim test 26

27 Uno dei fenomeni emergenti che destando notevole interesse a livello sperimentale è il bullismo quale fenomeno in grado di indurre stress cronico nella vittima Berton ha dimostrato che nel fenomeno del bullismo entrerebbe la variazione a livello cerebrale del BDNF nella vittima 27

28 Fisiopatologia della risposta cronica allo stress: inibizione dell insulina ed aumento della glicemia, indispensabile per l attività fisica e cerebrale dello stress; inibizione di mediatori flogistici con danno tissutale; inibizione della reazione immunitaria ed effetto stressante degli stessi mediatori con interevento di citochine, interleuchine, natural killer ecc. inibizione dell aldosterone con eccessiva ritenzione idrica; inibizione dei neuropeptidi (CRF, ACTH, Betaendorfine ecc) che tenta di porre fine alla cascata neurochimica per evitare che si instauri una patologia neuropsichica;

29

30 Molto importante è lo stress cronico, il quale, determinando variazioni ormonali, può essere molto negativo. Nello stress cronico, anche la risposta ormonale di adattamento è cronica, comportando affaticamento ed indebolimento generale. Insorgono facilmente malattie, i processi di crescita, ricambio e riparazione dei tessuti vengono ritardati. Lo stress può causare un aumento del livello degli ormoni androgeni, aggravando la caduta dei capelli. Ciò è particolarmente evidente nelle donne, dove il livello di androgeni prodotti dalla ghiandola surrenale aumenta.

31 Ne derivano disturbo dell adattamento a cui può conseguire una Episodio Depressivo (lieve, medio, grave), in cui oltre ad una riduzione del tono dell umore e della capacità di concentrazione, si avrà riduzione dell energia, neuroastenia, facile affaticamento cerebrale, mialgie, capogiri, cefalea muscolo-tensiva, disturbi del sonno. Un altro disturbo è l anoressia nervosa, che si accompagna ad ipercolesterolemia, ipogonadismo ipotalamico, alterata secrezione di arginina-vasopressiva

32 Alcuni sintomi dello stress cronico Frequente sensazione di stanchezza generale, accelerazione del battito cardiaco, difficoltà di concentrazione, attacchi di panico, crisi di pianto, depressione, attacchi di ansia, disturbi del sonno, dolori muscolari, ulcera dello stomaco, diarrea, crampi allo stomaco, colite, malfunzionamento della tiroide, facilità ad avere malattie, difficoltà ad esprimersi ed a trovare un vocabolo conosciutissimo, sensazione di noia nei confronti di ogni situazione, frequente bisogno di urinare, cambio della voce, iperattività, confusione mentale, irritabilità, abbassamento delle difese immunitarie, diabete, ipertensione, cefalea, ulcera.

33 Chi è più a rischio Alcuni soggetti sono maggiormente a rischio. Recenti indagini hanno dimostrato che ne sono vittima in modo particolare le donne, specialmente le madri che lavorano, i lavoratori dipendenti con scarsa autonomia decisionale, i divorziati, le persone sole, i disoccupati, gli abitanti di grandi centri urbani

34 Cause comuni dello stress Problemi relazionali Solitudine Perdita di persone prossime Vita febbrile, mancanza di tempo Efficientismo, ricerca del successo, perfezionismo Aggressività Timori Irritazione Preoccupazioni finanziarie Non poter far vacanza regolarmente Non sentirsi apprezzato Tensione sul lavoro Sigarette, alcool

35 PREVENZIONE Fattori di stress "oggettivi" sono l organizzazione del lavoro, le condizioni e l ambiente lavorativi, la comunicazione. Fattori "soggettivi" sono "le pressioni psicologiche e sociali, la sensazione di incapacità ad affrontarle, l impressione di non essere sostenuti". Un alto tasso di assenteismo, di turnover, di conflittualità o di contestazioni dei dipendenti sono alcuni dei segnali che dovrebbero allertare i datori di lavoro sul malessere delle loro compagini. 35

36 Importante intervenire tempestivamente contro un ambiente di lavoro devastante; i datori di lavoro non devono aspettare che siano le vittime a lamentarsi. Talvolta, comunque, può essere difficile distinguere tra il mobbing ed il conflitto interpersonale. 36

37 Miglioramento generalizzato dell'ambiente di lavoro psicosociale : A) dare ai singoli lavoratori la possibilità di scegliere le modalità di esecuzione del proprio lavoro; B) diminuire l'entità delle attività monotone e ripetitive; C) aumentare le informazioni concernenti gli obiettivi; D) sviluppare uno stile di leadership; E) evitare definizioni imprecise di ruoli e mansioni. 37

38 Prevenzione DA PARTE DEL LAVORATORE Pianifica con cura le tue giornate e non accumulare compiti impegnativi nel medesimo tempo. Impara a combinare attività faticose con occupazioni più gradevoli. Conosci i tuoi ritmi, non forzare la tua concentrazione: "stacca la spina" non appena l'orario d'ufficio si conclude. Non prendere a carico compiti (soprattutto se poco graditi) che ti costringeranno a troppe ore di straordinario. Affronta con serenità i problemi personali e di lavoro. Prova a risolverli con calma e razionalità. Accetta anche gli sbagli: da essi apprendi come migliorare. Separa la vita lavorativa da quella privata. Alla fine della giornata dedicati a un hobby, oppure svagati in famiglia o fra amici.

39 BURN OUT DERIVA DAL MONDO DELLO SPORT (1930) E SIGNIFICA: BRUCIATO SCOPPIATO ESAURITO

40 Burn out. E' un termine che evoca l'immagine dell'ultimo scintillio di una fiamma, di un guscio vuoto, di ceppi morenti e ceneri fredde e grigie. Il burn out e' una sindrome di esaurimento emozionale, spersonalizzazione e riduzione delle capacita' personali di risposta emotiva che puo' presentarsi in chi per professione "si occupa della gente".

41 E una reazione all'instaurarsi di una tensione emozionale cronica provocata dal continuo contatto con altri esseri umani che sperimentino situazioni problematiche e/o motivi di sofferenza.

42 Il suo nucleo e' uno schema di sovraccarico emozionale, a cui segue l'esaurimento emozionale da parte di chi eccessivamente coinvolto sotto il profilo emozionale, si tende sempre di piu' verso gli altri e alla fine si sente sopraffatto dalle richieste emozionali imposte dagli altri e incapace di farvi fronte.

43 Puo' essere considerato una forma di stress occupazionale, il cui fattore caratteristico e' che la sua causa e' l'interazione sociale fra l'operatore e il destinatario dell'aiuto. La persona colpita si sente sfinita, svuotata, le manca l'energia per affrontare un altro giorno, le sue risorse emozionali sono consumate e non c'e' una sorgente a cui attingerle nuovamente

44 Burn out Indica il momento in cui un operatore sociale ha un crollo psicologico. Il crollo può manifestarsi con crisi di ansia, depressione o con sintomi più gravi

45 PATOLOGIA COMPORTAMENTALE TIPICA DELLE PROFESSIONI AD ELEVATA IMPLICAZIONE RELAZIONALE

46 HELPING PROFESSIONS medici, psicologi, infermieri, insegnanti, assistenti sociali ecc

47 È un forte stress emotivo che colpisce chi entra in contatto per un lungo tempo con il mondo dell'handicap oppure, più generalmente, si occupa di assistenza a persone svantaggiate. Assistenti sociali, quindi, ma anche assistenti domiciliari, riabilitatori, accompagnatori, psicologi e familiari di persone gravemente malate.

48 Colpisce chi si confronta ogni giorno con i problemi indotti da malattie gravi e inguaribili, e con la morte. Infatti stare accanto a persone malate, non in modo occasionale ma continuativamente nel tempo e con partecipazione umana, significa spesso far fronte a un carico emotivo importante. Stare accanto a persone affette da malattie cronico/degenerative come il cancro, può aggiungere a questo carico, determinato dalle specificità della relazione di aiuto, anche il peso della perdita, dell'esperienza di separazione dovuta alla morte del paziente.

49 La sindrome è caratterizzata da esaurimento emozionale, depersonalizzazione e riduzione delle capacità personali

50 esaurimento emotivo sensazione di essere emotivamente svuotato e annullato dal proprio lavoro, per effetto di un inaridimento emotivo nel rapporto con gli altri

51 depersonalizzazione atteggiamento di allontanamento e di rifiuto (risposte comportamentali negative e sgarbate) nei confronti di coloro che richiedono o ricevono la prestazione professionale, il servizio o la cura

52 ridotta realizzazione personale la percezione della propria inadeguatezza al lavoro, la caduta dell autostima e la sensazione di insuccesso nel proprio lavoro

53 sintomi aspecifici irrequietezza, senso di stanchezza ed esaurimento, apatia, nervosismo, insonnia indifferenza, cinismo, ostilità degli operatori sociosanitari, sia fra loro sia verso terzi si distingue dallo stress, eventuale concausa del burn-out così come si distingue dalle varie forme di nevrosi, in quanto non è un disturbo della personalità ma del ruolo lavorativo

54 sintomi somatici con insorgenza di vere e proprie patologie ulcere, cefalee, aumento o diminuzione ponderale, disturbi cardiovascolari, difficoltà sessuali ecc.

55 sintomi psicologici depressione, bassa stima di sé, senso di colpa, sensazione di fallimento, rabbia, risentimento, irritabilità, aggressività, alta resistenza ad andare al lavoro ogni giorno, indifferenza, negativismo, isolamento, sensazione di immobilismo, sospetto e paranoia, rigidità di pensiero e resistenza al cambiamento, difficoltà nelle relazioni con gli utenti, cinismo, atteggiamento colpevolizzante nei confronti degli utenti e critico nei confronti dei colleghi

56 L insorgenza della sindrome segue generalmente quattro fasi: la prima fase (entusiasmo idealistico) è caratterizzata dalle motivazioni che hanno indotto gli operatori a scegliere un lavoro di tipo assistenziale, ovvero motivazioni consapevoli Per motivi affettivi o per senso del dovere, l'operatore si carica di responsabilità relative al suo servizio e agli assistiti. In questa fase avviene la rimozione dei bisogni personali.

57 Nella seconda fase (stagnazione) l operatore continua a lavorare ma si accorge che il lavoro non soddisfa del tutto i suoi bisogni Per essere all'altezza del ruolo l'operatore occulta la propria "debolezza", cioè proprio i bisogni rimossi, che sono bisogni di liberazione relativa dal ruolo

58 La fase più critica del burn-out è la terza (frustrazione). Il pensiero dominante dell operatore è di non essere più in grado di aiutare nessuno, con profonda sensazione di inutilità e di non rispondenza del servizio ai reali bisogni dell utenza A questo punto l'operatore sviluppa rifiuto o addirittura odio inconscio per il ruolo e di conseguenza senso di colpa. La reazione che segue è "riparativa" e l'operatore si obbliga ad una superprestazione: cioè a fare ancora meglio e di più. Poi l operatore cede e "scoppia"; va cioè in crisi personale e/o sviluppa malevolenza e desideri di sabotaggio nei confronti del servizio

59 Il graduale disimpegno emozionale conseguente alla frustrazione, con passaggio dalla empatia all apatia, costituisce la quarta fase, durante la quale spesso si assiste a una vera e propria morte professionale.

60 Le conseguenze di tutto ciò si possono schematizzare in tre livelli di danno sociale: il livello degli operatori che pagano il burn-out in termini personali, anche attraverso gravi somatizzazioni, ma soprattutto attraverso dispersione di risorse, frustrazioni e sottoutilizzazioni di potenziali; il livello degli utenti, per i quali un contatto con gli operatori sociali in burn-out risulta frustrante, inefficace e dannoso; il livello della comunità in generale che vede svanire forti investimenti nei servizi sociali.

61 CAUSE

62 CAUSE ASSOCIATE lo svolgimento di mansioni frustranti o inadeguate alle proprie aspettative il lavoro in strutture mal gestite la scarsa o inadeguata retribuzione l organizzazione del lavoro disfunzionale o patologica l insufficiente autonomia decisionale i sovraccarichi di lavoro

63 Il burn-out non è un disturbo psichiatrico riconosciuto nel DSM IV (il manuale che è alla base della diagnosi psichiatrica moderna) e quindi non viene tenuto in considerazione dagli psichiatri come tale

64 Maslach Burnout Inventory (MBI) Il MBI è composto da 22 item che misurano 3 dimensioni indipendenti della sindrome di burnout, ciascuna individuata da una specifica scala. La frequenza con cui il soggetto sottoposto al test prova le sensazioni relative a ciascuna scala è saggiata usando una modalità di risposta a 6 punti, i cui estremi sono definiti da mai ed ogni giorno. Inoltre il MBI concepisce il burnout non come una variabile dicotomica che può essere soltanto presente o assente, ma piuttosto come una variabile continua che rispecchia i diversi livelli dei sentimenti in gioco.

65 Le scale che costituiscono il MBI riguardano le tre caratteristiche della sindrome: Esaurimento emotivo, che esamina la sensazione di essere inaridito emotivamente ed esaurito dal proprio lavoro; Depersonalizzazione, che misura una risposta fredda ed impersonale nei confronti degli utenti del proprio servizio; Realizzazione personale, che valuta la sensazione relativa alla propria competenza e al proprio desiderio di successo nel lavorare con gli altri.

66 Il questionario può essere elaborato in due versioni: La prima forma (Servizi Socio-Sanitari) è destinata al personale di servizi sanitari, sociali, di salute mentale, ecc. La seconda (Servizi Socio-Educativi) è dedicata al personale insegnante, che questo è soggetto a forti pressioni da parte della società non solo per educare i giovani culturalmente e professionalmente con l incoraggiamento dello sviluppo etico e morale e andando incontro ai bisogni individuali di ciascun studente, ma anche per cercare di affrontare i problemi quali il rischio di tossicodipendenza e alcolismo

67

68 La comunicazione è lo strumento con cui ricercare le fonti del burn out e il modo per eliminarlo; parlarne insieme è il primo passo per cercare di trovare una soluzione e riportare la normalità. Bisogna rivalutare gli obiettivi e le priorità, dosare meglio le energie, confrontare le attitudini con la domanda, ricercare inoltre attività alternative extra lavorative rilassanti, che tengano la mente occupata per un po'.

69 È il caso anche di riunirsi periodicamente, non solo per motivi di servizio, ma anche per sostenersi vicendevolmente. Alle volte purtroppo tutto questo non basta; è consigliabile allora considerare l'aiuto di un professionista esterno (psicologo) e l'utilizzo di una pausa lavorativa. Se, infine, anche questa strada dovesse fallire, prendiamone coscienza e cerchiamo serenità da qualche altra parte.

70 MOBBING Edvard Munch L'urlo 1885

71 TO MOB = ASSALIRE TUMULTUOSAMENTE, ACCERCHIARE, MALMENARE, AGGREDIRE

72 Il termine deriva dall etologia, si riferisce al comportamento di alcune specie animali, solite circondare minacciosamente un membro del gruppo per allontanarlo

73 Il termine inglese deriverebbe a sua volta dal latino "mobile vulgus" inteso nel significato antico di "movimento della gentaglia", ossia aggressione di folla tumultuante nei confronti di qualcuno

74 MOLESTIE MORALI VIOLENZA PSICOLOGICA

75 AZIONI DI MANIPOLAZIONE DELLA PERSONA COMUNICAZIONE CON LA PERSONA ATTACCATA DISTRUZIONE DELLA REPUTAZIONE MANIPOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA

76 ALCUNI COMPORTAMENTI SI POSSONO TROVARE NELLA COMUNICAZIONE UMANA QUOTIDIANA O DURANTE CASUALI LITIGI. SOLO SE LE AZIONI VENGONO SOLO SE LE AZIONI VENGONO COMPIUTE DI PROPOSITO, FREQUENTEMENTE E PER MOLTO TEMPO, SI POSSONO CHIAMARE MOBBING

77 Cos è il mobbing È un insieme di azioni, che si ripetono per un lungo periodo di tempo (almeno 6 mesi),compiute da uno o più mobbers complici (datore di lavoro, colleghi o dipendenti) per danneggiare qualcuno, quasi sempre in modo sistematico e spesso con uno scopo preciso: PROVOCARNE IL LICENZIAMENTO O INDURLO ALLE DIMISSIONI. È una strategia comportamentale volta alla distruzione psicologica, sociale e professionale

78 qual è il fine ultimo? Costringere una persona a dare le dimissioni, ad andarsene o, in alcuni casi più semplici, diventa il meccanismo attraverso il quale le tensioni sul lavoro si scaricano su un capro espiatorio

79 MOBBING VERTICALE STRATEGICO O BOSSISMO Il mobber è un superiore La direzione delle azioni di molestia è dall alto verso il basso Lo scopo è quello di eliminare il dipendente provocandone le dimissioni In questo caso c è dolo da parte del management aziendale

80 MOBBING ORIZZONTALE EMOZIONALE I mobbers sono parigrado La direzione delle azioni di molestia è orizzontale Lo scopo è quello di eliminare il collega per motivi di: competizione, rivalità invidia, antipatia razzismo, diffidenza diversità di fede politica

81 MOBBING ASCENDENTE I mobbers sono i sottoposti La direzione delle azioni di molestia è dal basso verso l alto Lo scopo è la contestazione e il tentativo di eliminazione di un capo attraverso il boicottaggio e il sabotaggio

82 Mobbing Individuale Se è un singolo lavoratore o lavoratrice ad essere oggetto di violenza psicologica sul posto di lavoro. Collettivo o gang mobbing Se sono un gruppo di lavoratori ad essere colpiti da azioni discriminatorie.

83 Mobbing diretto Se le violenze psicologiche sono dirette sulla persona mobbizzata Mobbing indiretto Se gli atti vessatori sono indiretti e possono essere attuati sull'ambiente di lavoro, sulla famiglia o sugli amici della vittima delle persecuzioni psicologiche

84 Mobbing leggero Si verifica quando gli atti vessatori sono molto sottili Mobbing pesante Si sviluppa quando le azioni mobbizzanti sono attuate in forma palese e violenta

85 doppio mobbing L'energia distruttiva con cui la vittima è caricata e che trova in famiglia la possibilità di scaricarsi, può giungere ad un livello tale da comportare la saturazione delle riserve familiari. La famiglia latina, protettrice e generosa, improvvisamente cambia atteggiamento, cessando di sostenere la vittima e cominciando invece a proteggere se stessa dalla forza distruttiva del mobbing

86 La figura del mobber è impersonata da un capo, da un collega o da un altro personaggio di per sé insignificante, i quali, in modo subdolo e nascosto, agiscono, senza una ragione apparente

87 Sorge la domanda: i lavoratori mobbizzati sono i soli malati o sono malati anche i loro persecutori? Sorge il sospetto che malato sia anche il Mobber; che però sfugge, mentre la vittima soffre palesemente, perde giorni di lavoro, accusa patologie mai avute prima.

88 Oggi si tende a studiare anche la personalità del mobber che, spesso è una persona debole. Una persona che crea uno stato vessatorio, anche se inserita in una strategia aziendale, è un soggetto che ha dei problemi, con una caratteristica personalità. Le ultime sentenze stanno approfondendo il discorso dell indagine della personalità del mobber. Ciò significa che viene identificato come una personalità ben specifica e non generica.

89 La caratteristica comune alle tipologie dei vari Mobber sembrerebbe l apparente indifferenza di tali soggetti nei confronti di quanto accade nel posto di lavoro. Comunque intensa, palese e Comunque intensa, palese e continua, permane la loro propensione alla maldicenza, al gusto di creare situazioni paradossali tra i compagni di lavoro, annientando la personalità di qualcuno di essi.

90 CHI È IL MOBBER FRUSTRATO ISTIGATORE LECCAPIEDI NARCISISTA PERVERSO CARRIERISTA MEGALOMANE SADICO TIRANNO INVIDIOSO

91 IL MOBBER Il Mobber è un caso tipico di disturbo narcisistico di personalità, impermeabile all esistenza degli altri, in preda a delle fantasie di successo, potere, fascino e bellezza. Il mobber vessa i propri sottoposti o colleghi per scopi che in superficie sono di potere, ma nascondono motivazioni psicopatologiche più profonde, le quali arrivano al sadismo praticato per il proprio piacere, anche fisico.

92 il disturbo narcisistico fa parte dei disturbi di personalità del gruppo "drammaticoimprevedibile" (gruppo B) del DSM-IV (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) e si presenta come: "un quadro pervasivo di grandiosità (nella fantasia o nel comportamento), necessità di ammirazione e mancanza di empatia, che compare entro la prima età adulta ed è presente in una varietà di contesti.

93 Il mobber è caratterizzato da almeno cinque dei seguenti elementi: Ha un senso grandioso di importanza È assorbito da fantasie di potere; successo; bellezza; fascino Crede di essere speciale e unico e di poter frequentare ed essere compreso da persone speciali come lui o di classe elevata Pretende ammirazione Sente che tutto gli sia dovuto Si approfitta degli altri per i propri scopi È incapace di riconoscere i sentimenti e le necessità degli altri È invidioso degli altri o convinto che sia invidiato Mostra con piacere comportamenti arroganti e presuntuosi

94 CHI È IL MOBBIZZATO INTROVERSO PASSIVO PAUROSO SERVILE PERMALOSO IPOCONDRIACO PRESUNTUOSO SEVERO AMBIZIOSO PARANOICO DISTRATTO BUONTEMPONE

95 NESSUNO PUÒ CONSIDERARSI IMMUNE

96 In circa 1/3 dei casi di mobbing VERTICALE le vittime sono donne. I mobbers sono in genere uomini che occupano da sempre la maggioranza dei posti di comando. In alcuni di questi casi, possono entrare in gioco anche molestie sessuali, ponendo così le basi per una sorta di MOBBING SESSUALE.

97 Ogni 100 casi di mobbing verticale denunciati in Gran Bretagna, 28 sono riconducibili ad un superiore donna

98 L AGGRESSIVITÀ FEMMINILE NEL MONDO DEL LAVORO È AUMENTATA: PER L AFFERMARSI SEMPRE PIÙ DILAGANTE DELLO SPIRITO DI RIVALSA AL POTERE E CONSEGUENTE COMPETIZIONE CON L UOMO PER LO STATO PSICOLOGICO DI INSICUREZZA CHE NASCE DA MILLENNI DI SOTTOMISSIONE

99 Da che cosa è originato Il mobbing può avere origine all interno di un modello organizzativo che privilegia la produzione piuttosto che lo stato di benessere psico-fisico del lavoratore

100 In questo contesto si instaura una cattiva o comunque discriminatoria gestione delle risorse umane nell organizzazione del lavoro all interno dell impresa o una definizione troppo approssimativa delle mansioni

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO NORMATIVA: S.P.P. medico competente RLS SORVEGLIANZA SANITARIA TUTELA MATERNITA RISCHIO VDT RISCHIO ALCOL E TOSSICODIPENDENZE RISCHIO STRESS MOBBING Assessorato

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing)

Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing) UNITA FUNZIONALE SALUTE MENTALE ADULTI Scheda riassuntiva su: Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing) a cura di Giorgio Tazzioli Le molestie morali sul lavoro sono sicuramente un fenomeno antico,presente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing

Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing Comitato delle Pari Opportunità dell Università degli Studi di Firenze Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing a cura di Tiziana Bartalucci Firenze University Press 2010 Nota del Comitato

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro a cura di Cinzia Frascheri Responsabile nazionale salute e sicurezza sul lavoro CISL Membro ufficiale per l'italia al tavolo negoziale, in rappresentanza

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

BURNOUT: SE LO CONOSCI LO EVITI

BURNOUT: SE LO CONOSCI LO EVITI BURNOUT: SE LO CONOSCI LO EVITI DEFINIZIONE Il burnout o sindrome da burnout è un processo stressogeno legato alle professioni d'aiuto (helping profession). Queste sono le professioni che si occupano di

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori

Giovani e violenza. Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori Giovani e violenza Informazioni e suggerimenti per genitori ed educatori La polizia e la Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro intercantonale della Conferenza delle direttrici e dei direttori

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli