a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico ASP Palermo Le Central Sensitivity Syndromes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico ASP Palermo Le Central Sensitivity Syndromes"

Transcript

1 a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico Le Central ASP Palermo Sensitivity i i Syndromes

2 Central Sensitivity Syndromes (CSS) termine coniato per la prima volta nel 2007 da Muhammad B. Yunus per indicare una serie di disturbi di varie discipline che avrebbero in comune un unico meccanismo patogenetico Alls base della CS il d ipersensibilizzazione centrale del processo patologico S.N.( central sensitization o CS ) unificante sarebbe una nocicezione disregolata

3 Fibromialgia colon irritabile dolore cronico del collo dolore lombare cronico central sensitization cistite interstiziale cefalee disturbo articolazione temporomandibolare

4 spesso le CSS co-occorrono, occorrono, nel senso che costituiscono i un fattore di richio per lo sviluppo di un altro disturbo doloroso della serie (Diachenko, 2006) Nelle CSS progressivamente il dolore da localizzato si trasforma in dolore diffuso (Holm et al, 2007, Mc Farlane, 1999)

5 dolore periferico (infiammazione, irritazione ione neurale o mucosale) inizialmente input dolorosi persistenti cambiamenti nel sistema nocicettivo centrale sensazioni dolorose indipendenti dagli input periferici i i sensitization Latremoliere & Woolf, 2009

6 windup

7

8 windup Il concetto di wind-up origina dall idea che un dolore persistente può portare a cambiamenti neuroplastici all'interno del SNC e del SNP. In origine venne osservato, negli animali che la ripetitiva stimolazione delle fibre C aumentava in modo esponenziale la stimolazione nel corno dorsale del midollo spinale e poi una progressiva attivazione dei neuroni di secondo ordine che proiettano al cervello (Mendell, 1966; Yunus, 2008).

9 (Urban & Gebhart,1999) Input doloroso continuo a livello dei nocicetori Attivazione persistente A- delta e C-fibre rilascio sostanza P, NGF, Peptide Correlato Gene Calcitonina, glutammato, e aspartato nella sinapsi corno dorsale attivazione i midollo spinale campi recettivi adiacenti (Fide,2000) iperalgesia allodinia stimoli lievi nn. Spinali ipeerccitabiliit

10 Sistema Antinocicettivo Discendente (PAG-RVM o midollo rostro-ventro-mediale) Vie discendenti serotoninergiche, noradrenergiche e oppioidi che attivate dallo stimolo doloroso agiscono sul corno dorsale con un controllo inibitorio ibi i analgesico (Marchand, 2008). Questo sistema inibitorio ibi i è anche definito controirritatorio, perchè un primo stimolo doloroso inibisce la percezione di un secondo input doloroso (Campbell et al, 2008). Stress, attenzione e attesa possono anche attivare questi meccanismi inibitori, ibit i come dimostrato t dagli studi sul placebo (Benedetti, 2006). Può giocare anch esso un ruolo pronocicettivo nel generare e mantenere la CS (Leith & Lumb, 2009; Heinricher, 2009) ), in quanto i nn. del RVM sotto stimolazioni prolungate possono presentare cambiamenti nell eccitabilità eccitabilità tali da mantenere la CS (Gebhart, 2004). Sebbene nella FM e in tutte le altre CSS sono presenti evidenze di CS, queste alterazioni a di processazione o e del dolore o potrebbero o essere e secondari a input dolorosi continui o rappresentare un meccanismo primario di malattia (Ness et al, 2005).

11 FIBROMYALGIA

12 E oramai accettato da tutti che nella FM sensitization e disfunzioni nella processazione discendente del dolore costituiscono i 2 meccanismi i che causano ipersensibilità ibili diffusa (Perrot et al 2008, Staud et al, 2006). I dati che supportano tale ruolo sono: l abbassamento della soglia del dolore. l aumentata sensibilità anche al di fuori dei tipici tender point. l incremento dei livelli di sostanza P (2-3 volte i controlli, Russell, 2006)) e NGF nel liquor. Sono aminoacidi eccitatori e accrescono la trasmissione del dolore (come glutammato e aspartato). l abnorme windup con un maggiore grado di eccitabilità neuronale e con il dolore prolungato dopo la cessazione dell input doloroso (Staud, 2007). In uno studio fmri, applicando pressione sull unghia del pollice di pz. e controlli, in FM più dolore e maggiore attivazione delle aree cerebrali correlate con il dolore (Gracely et al, 2002). In uno studio PET iperperfusione in aree coinvolte nella processazione della dimensione sensoriale del dolore e ipoperfusione in aree associate con la dimensione affettiva (Guedj et al 2007)

13 Diverse evidenze indicano che nella FM vi è una disfunzione nel sistema inibitorio del dolore discendente: basso livello ll dl del metabolita bli dll della serotonina 5HIAA nel liquor (Russell et al. 1992); disfunzione nella trasmissione serotoninergica (Coaccioli et al, 2008). La SC occorre o per un input doloroso continuo che incrementa l attività e la responsività dei neuroni del midollo spinale (Zusman, 2002) e/o una deficiente inibizione del dolore di tipo endogeno (Julien, 2005). Diversi studi propongono che nella FM sindromi dolorose regionali precedono lo sviluppo del dolore diffuso (Henriksson et al., 2007) e producano un bombardamento di lunga data dei neuroni del midollo spinale da parte delle fibre A-delta e C fino a dare origine a cambiamenti neuroplastici caratteristici della SC (Meeus & Nijs, 2007) e ad una ipersensibilità del SNC (Bennet, 2005; Staud, 2007). La FM è una diagnosi concomitante comune in pazienti con cefalea cronica (De Tommaso et al., 2009).

14 Quindi le diverse condizioni dolorose focali in cui vi è anche un alterazione della processazione del dolore, quali il disturbo dell articolazione temporo-mandibolare, la sindrome del colon irritabile, la cistite interstiziale, cefalee, dolore lombare e dolore del collo, costituirebbero delle generatrici i di dolore periferico i e potrebbero fornire i necessari input nocicettivi tonici tali da produrre a poco a poco un iperalgesia generalizzata. La Sensitization Periferica agisce solo sul locus doloroso, mentre la SC si diffonde in tessuti normali distanti dal locus doloroso. (Staud, 2007).

15 9:1 rapporto fra donne e uomini affetti da fibromialgia

16 disordini temporo-mandibolari Il termine disfunzione temporomandibolare è stato utilizzato per definire tutte le condizioni che comportano modifiche alla struttura e / o alla funzione dl del sistema it masticatorio t i (ATM e associate strutture muscolo-scheletriche) (Pedroni et al, 2003). I segni ed i sintomi di questa disfunzione sono caratterizzati da: dolori nella regione periauricolare, dell'atm e dei muscoli masticatori, rumori, limitazioni (trisma) o deviazioni durante il movimento (Dworkin et al, 1990). L eziologia è multifattoriale e ancora controversa.fattori influenti sono il bruxismo e l ansia. Lo stress psicologico è stata riconosciuta come una delle sue principali cause (Cespedes Almagro et al, 2011). Vi sarebbe una netta prevalenza del disturbo nel sesso femminile (8:1), anche se secondo altri la prevalenza del DTM sarebbe simile in entrambi i sessi, solo che le donne più frequentemente richiedono un trattamento (Irving et al., 1999).

17 Vi sono crescenti conferme che nei DTM vi siano alterazioni i nei sistemi i di regolazione del dolore nel SNC. Infatti i pz affetti da tale disturbo mostrerebbero ipersensibilità negli studi di dolore sperimentale sia nella regione temporo-mandibolare, che in siti distanti della testa e del collo (Maximer et al, 1995; Sarlani & Greenspan, 2003). Anche con la tecnica del dolore ischemico al braccio e del dl dl dolore dll della mano o del dl braccio in acqua fredda, che nei controlli impegna il sistema di controllo inbitorio discendente, nei DTM il dolore persiste, facendo ipotizzare anomalie nel sistema inibitorio discendente (King, 2009). Recenti evidenze mostrano che la maggiore sensibilità al dolore può precedere la comparsa del disturbo e agire come un fattore di rischio genetico per lo sviluppo del DTM.

18 Sindrome del Colon Irritable Comprende un gruppo di disordini funzionali gastro-intestinali caratterizzati da disturbi o dolori addominali associati alla defecazione o ad alterazioni di questa. Almeno 3 mesi di disturbi o dolori addominali con almeno 2 delle seguenti caratteristiche: a) i disturbi migliorano con la defecazione; b) si associano a cambio della frequenza di evacuazione; c) si associano a cambio della forma e dell aspetto delle feci; d) no infiammazione, né alterazioni anatomiche o malattie metaboliche o neoplastiche.

19 I pz con SCI presentano le medesime evidenze di iperesensibilità locale e diffusa. Studi che utilizzano nocicettori locali che producono distensione rettale, hanno evidenziato una bassa soglia locale per il dolore e maggiore trasmissione spinale dei segnali nocicettivi (Coffin et al., 2004). Studi evidenziano ipersensibilità cutanea a livello cervicale e lombosacrale con iperalgesia più pronunziata a livello lombosacrale (afferenze nocicettive rettali) (Verne et al., 2001), suggerendo che sebbene la sensitization occorre in tutto il SN, l ipersensibilità è maggiore nei dermatomeri più vicini al locus doloroso. Il dolore pressorio da freddo rettale decrementa nei controlli ma non nei pazienti affetti da SCI e nella fmri vi sono differenze nell attivazione fra i pazienti e i controlli. Come nella FM e nel DTM anche nella SCI ciò indica una disfunzione nel sistema ste inibitorio o discendente (Wilder-Smith, Schindler, Lovblad, Redmond, & Nirkko, 2004).

20 CISTITE INTERSTITIALE La Cistite Interstiziale (CI) é una patologia cronica e spesso debilitante, caratterizzata da dolore pelvico e perineale, al quale si associa urgenza ed aumento della frequenza minzionale. Il dolore, che é il sintomo principale e peculiare della CI, é localizzato nell'80,4% a livello del basso ventre, nel 73,8% all'uretra, nel 65,7% in regione lombare e glutea e nel 51,5% dei casi in area vaginale. Molti pazienti infine hanno difficoltà a definire una posizione ii esatta dl del dl dolore. Spesso l'entità del dolore é talmente elevata da impedire le comuni attività della vita quotidiana con un notevole impatto negativo sulla qualità della vita.

21 Ci sono valide evidenze che supportano l ipotesi che l amplificazione del dolore centrale gioca un ruolo predominante nel mantenimento dei sintomi anche di questo disordine (Twiss et al, 2009). Studi che comparano i soggetti affetti da CI con i controlli, mostrano nei primi una soglia del dolore alla pressione significativamente più bassa al massetere, al trapezio e al muscolo ulnare e così pure una diminuita tolleranza al dolore ischemico del braccio, dimostrando una sensitization generalizzata a vari stimoli nocivi (Ness et al, 2005, Van de Merwe et al, 2008) Una recente review (Klumpp & Rudick, 2008) propone per la CI una sensitization periferica della vescica delle fibre C causata da esposizione continua a fattori sensibilizzanti quali istamina, bradikinina, NGF e tumor necrosis alpha. L ipereccitabilità delle fibre dolorose periferiche porterebbe ad una sommazione temporale di input nociciettivi sui nn. del midollo spinale, tale da non necessitare più degli input periferici vescicali.

22 La sensitization in SNC è uno dei meccanismi sottostanti alla patogenesi delle cefalee primarie cefalee (Buchgreitz, Lyngberg, Bendtsen, & Jensen, 2006). Tali ricerche dimostrano la maggiore sensibilità a varie modalità di stimolo doloroso e non dei pz emicranici e tensivi. uno studio riporta in una parte degli emicranici la presenza di allodinia cutanea periorbitale in risposta a stimoli non dannosi (Burstein, Ransil, & Bajwa, 2000) e in un sottogruppo la presenza di allodinia in altre regioni del braccio e della testa, oltre che nell area dolorosa, suggerendo l ipereccitabilità di vie dolorose spinali e sopraspinali propria della sensitization. Un recente studio di popolazione ha scoperto che il grado di sensibilità nei soggetti è positivamente associato con la frequenza degli attacchi (Buchgreitz et al., 2006). Questi autori propongono che questa relazione fra l accresciuta percezione e del dolore o e la cronicizzazione c o delle e cefalee ee è dovuto allo sviluppo di CS da prolungati input nocicettivi, un ipotesi supportata anche da lavori sul Low Back Pain e FM (Flor, 2003).

23 Low Back Pain

24 Low Back Pain Evidenza di CS e iperalgesia generalizzata con l uso dell algometro a pressione in pazienti con Low Back Pain Cronico e Dolore Cronico da Colpo di Frusta versus soggetti sani (Delmar, & Arendt-Nielsen, 2005). La pressione veniva sistematicamente i applicata in 7 punti del corpo, inclusi siti nel braccio, avambracio e dita. Si è scoperto che i pazienti con dolore spinale esibivano significativamente bassa soglia dolorosa in tutti i punti rispetto ai sani. Altri studi hanno usato stimoli elettrici(flor, Diers, & Birbaumer, 2004), calore (Kleinbohl et al., 1999), and stimoli pressori(clauw et al., 1999), evidenziando nei pazienti con LBP rispetto ai sani decremento della soglia pressoria, risposte dolorose più intense, durata più lunga e maggiore diffusione i del dolore.

25 Indagini fmri in pz con LBP idiopatico versus controlli sani ha dimostrato t che 2 kg di pressione Low sulle unghia delle dita nei controlli causava solo dolore moderato, producendo in fmri incremento di segnale in un unica regione corticale correlata con il dolore (Giesecke et al.,2004). Nei pazienti affetti da LBP invece risultava incremento di segnale fmri in 5 regioni dolore-correlate. Back Pain Una ricerca di neuroimaging ha documentato in risposta a input nocicettivi in pazienti con chronic low back pain un incrementata reattività corticale e una rappresentazione corticale dei lombi allargata, cosicchè la rappresentazione lombare si estendeva ad aree corticali vicine, come gamba e piede (Flor, 2003; Flor, Braun, Elbert & Birbaumer, 1997).

26 Chronic Neck Pain (Dolore Cronico del Collo)

27 Chronic Neck Pain (dolore cronico del collo) Test psicofisiologici in CNP hanno dimostrato aumentata sensibilità agli stimoli nella regione cervicale e anche in periferia quando si applica un dolore pressorio (Banic et al., 2004; Herren-Gerber et al., 2004), stimolazione elettrica (Curatolo et al., 2001), e stimolazione termica (Johnston, Jimmieson, Jull, & Souvlis, 2008). Questi studi dimostrano che un dolore tonico di un origine periperica può provocare una processazione centrale abnorme, finchè l ipersensitività non è più dipendente dagli input periferici o confinato in una particolare regione del corpo (Staud, 2007; Vierck, 2006). La dimonstrazione o di CS in individui du con disturbo doloroso o oso regionale costituisce un fattore unificante che correla alcune sindromi dolorose focali e il dolore diffuso della FM.

28 Dolore da colpo di frusta 22% (Buskila,1997) 8-21% (holm, 2007) Fibromialgia Dolore cronico da colpo di frusta (CWP) 15-32% (Theodore & Gatchel, 2008) Chronic Low Back Pain Anche l evidenza dello sviluppo di CWP or FM da un disturbo doloroso regionale supporta l ipotesi di un continuum di dolore da locale a diffuso.

29 Un ipotesi unificante La sensitization rappresenta un unificante meccanismo fisiopatogenetico per le central sensitivity syndromes (CSS). La CS non solo può spiegare perché individui con questi disordini periferici a volte sviluppano iperalgesia diffusa, ma anche perché una CSS spesso si sovrappone a un altro di questi disturbi (Vierck, 2006). 75% dei pz affetti da FM presentano i criteri per TMD 18% TMD FM 32% FM IBS 32% IBS FM 55% FM TH

30 Le ipotesi correnti postulano che questi disordini emergono in determinati pazienti in cui si ha una complessa interazione fra predisposizione genetica, aumentata percezione del dolore e accresciuto distress psicologico in combinazione con fattori ambientali certi (Diatchenko et al., 2006). Vista questa complessa interazione tra fattori genetici, generatori di dolore periferico, fattori psicologici e trigger ambientali, necessitano ulteriori ricerche per comprendere il perché un sottogruppo di individui sviluppano sindromi dolorose croniche con abnorme processazione del dolore e perché una parte di questi pazienti con dolori localizzati sviluppa CWP or FM.

31 FIBROMIALGIA e disturbi psichici Manifestazioni cliniche comuni nei pazienti con FM, anche se di grado variabile, sono: intensa fatica, disturbi del sonno, sintomi depressivi e d ansia ansia, problemi cognitivi (ridotta capacità di concentratione and diminuzione della memoria) (Rivera, 2006). Visto il profilo clinico i molto eterogeneo presentato dai pz FM recentemente si è cercato d identificare dei sottogruppi di malattia attraverso le diverse caratteristiche psicopatologiche e la diversa sensibilità al dolore (Giesecke et al, 2003). In generale i pz affetti da FM hanno maggiori disturbi di tipo emozionale, povere strategie di coping rispetto al dolore e un limitato network di supporto sociale rispetto ai sani. Alcuni studi indicano che il 50% dei pz con FM hanno un disturbo d ansia e il 50% un profilo depressivo(rivera, 2006). Gli studi indicano che c è una correlazione fra idi indicatori i di psicopatogia i con la durata del dolore e della malattia (Epstein et al, 1999).

32 In uno studio recentissimo (Keller et al, 2011) sono stati identificati 2 gruppi con differenti profili clinici. Su 66 pazienti: 1) FM-I (41 pz) livelli lli molto alti di fatica, stanchezza mattutina, ansia e alti livelli pure di rigidità articolare, dolore e sintomi depressivi. 2) FM-II (25 pz) con profilo di moderati livelli di fatica, stanchezza etc. Come in altri studi (Giesecke et al., 2003), i dati sugeriscono che l eterogeneità diagnostica che caratterizza i pz FM è fondamentalmente dovuta alle differenze nel peso dei sintomi ansiosi e depressivi e quindi nel coinvolgimento della sfera psicopatologica. Quindi lo studio di Keller ci dice 2 cose: 1) i sintomi psicopatologici non sarebbero sempre e presenti; 2) l iperalgesia, a, la fatica e la rigidità articolare, caratteristiche principali dei FM, sarebbero sempre presenti, ma non nel medesimo grado.

33 1) FM-1 con livelli molto alti di fatica, stanchezza mattutina, ansia e alti livelli lli pure di rigidità idi articolare, dolore e sintomi depressivi. 2) FM-II con profilo di moderati livelli lli di fatica, stanchezza, di ansia e depressione, Sindrome fibre A-beta e C Dolorosa Regionale +++ bombardamento continuo fib A b C Neuroni Central Midollo Spinale +++ Central Sensitization Sindrome fibre A-beta e C Dolorosa Regionale Neuroni Midollo Spinale Anomala Processazione Dolore Sovraspinale Central Sensitization

34 Anomalie della Processazione del Dolore Sovraspinale Condizioni Predisponenti SNC allo sviluppo di CS Deficiente Inibizione del Dolore di Tipo Endogeno Marcati disturbi psicopatologici in almeno il 50% dei casi di FM IPOTESI Centri Nervosi Limbici Disfunzionanti in Disturbi d ansia e dell umore

35 L amigdala rappresenta l epicentro degli eventi coinvolti nella modulazione degli stati d ansia, nell animale come nell uomo, con un ampio spettro di connessioni i reciproche con le strutture tt corticali, limbiche, implicate nella risposta emozionale, cognitiva, autonomica ed endocrina allo stress. (Le Doux, 2000) L'amigdala sta emergendo anche come un elemento importante della rete coinvolta nella componente emotivo-affettiva del dolore (Pedersen LH et al. 2007). L'amigdala è anche creduto di essere un substrato fondamentale della relazione reciproca tra il dolore e disturbi come ansia (Rhudy et al., 2003). E stata dimostrata sensibilizzazione centrale e plasticità sinaptica (Neugebauer et al., 2003, 2005) nel nucleo centrale dell'amigdala (CEA) in un modello di dolore da artrite murina. Il CEA integra le informazioni correlate all affettività provenienti dal circuito della paura-ansia ansia nell amigdala basolaterale con input puramente nocicettivi dalla via del dolore spino-parabrachio parabrachio-amigdaloidea amigdaloidea (neugebaer et al, 2007). Una plasticità sinaptica correlata al dolore nel Cea è stato confermata anche in un modello di dolore neuropatico cronico (Ikeda et al, 2007 ).

36 La corteccia orbito-frontale, la corteccia cingolata anteriore sono attivate t dall aspettativa ti di dolore, dall interazione i fra dolore e ansia, da convinzioni placebo e da richieste cognitivamente rillevanti (Bornhovd et al, 2002); Petrovic et al, 2002; Ploghouse et al, 2001) Studiando la cosiddetta allodinia da calore si è dimostrato che il cervello si sensibilizza al dolore oltre che con meccanismi spinali e troncoencefalici, anche coinvolgendo le funzioni corticali superiori e soprettutto le strutture del lobo limbico che si occupano degli aspetti emotivi del dolore (Lorenz & Casey, 2003) Addirittura Rome (2002) ipotizza dei fenomeni di spreading nelle vie dolorifiche, che porterebbero ad una sensibilizzazione delle stesse vie cortico-limbiche, responsabili dell affettività e della cognitività, con risposte amplificate a stimoli spontanei.

37 Lo stesso Rome parla di Sindromi Dolorifiche Amplificate dal lobo Limbico o LAPS (Limbic Amplified Pain Syndromes) per un modello olistico integrato, secondo cui tutta una serie di complessi dissordini dolorifici cronici risultino indotti da Central Senstization del sistema cortico-limbico. I pazienti i affetti da LAPS presenterebbero: un dolore persistente debilitante, con caratteristiche sensoriali atipiche, non anatomiche, che non risponde bene ai normali trattamenti analgesici. disturbi affettivi (fatica, turbe del sonno, diminuzione della libido, turbe memoria e concentrazione). intolleranza agli stress psicologici e fisici. reazione esagerata alla luce ai suoni all attività fisica e agli stress reazione esagerata alla luce, ai suoni, all attività fisica e agli stress interpersonali.

38

39 Dismotilità esofagea Vulvodinia Rinite vasomotoria Ipersensibilità chimiche Intolleranze alimentari Allergopatie M. di Crohn Rettocolite ulcerosa In quante di queste disturbi dstub di varie discipline dscp mediche sono presenti anche segni di Central Sensitization del Sistema Nervoso Centrale? Ipotensione arteriosa Prolasso della mitrale

40 conclusioni Le Central Sensityvity Syndromes (CSS) sono una serie di disturbi di varie discipline che avrebbero in comune un unico meccanismo patogenetico ti d ipersensibilizzazione ibili i centrale del S.N.( central sensitization o CS ) Nelle CSS Sindromi Dolorose Regionali precederebbero lo sviluppo del dolore diffuso (Henriksson et al., 2007), producendo un bombardamento b di lunga data dei neuroni del midollo spinale da parte delle fibre A-delta e C fino a dare origine a cambiamenti neuroplastici caratteristici della SC e ad una ipersensibilità del SNC. Nelle CSS ci sarebbe una disfunzione nella processazione del dolore sia nel sistema ascendente che in quello inibitorio ibi i del dolore discendente.

41 conclusioni spesso le CSS co-occorrono, occorrono, o o, nel senso so che costituiscono un fattore di richio per lo sviluppo di un altro disturbo doloroso della serie La CS e le alterazioni di processazione del dolore potrebbero essere secondari a input dolorosi continui o rappresentare un meccanismo primario di malattia Le condizioni dolorose focali, quali il disturbo dell articolazione temporo-mandibolare, la sindrome del colon irritabile, la cistite interstiziale, cefalee, dolore lombare e dolore del collo, costituirebbero delle generatrici di dolore periferico e potrebbero fornire i necessari input nocicettivi tonici tali da produrre a poco a poco un iperalgesia i generalizzata e lo sviluppo di FM.

42 conclusioni Perché solo un sottogruppo di individui sviluppano sindromi dolorose croniche con abnorme processazione del dolore e perché solo una parte di questi pazienti con dolori localizzati li sviluppa CWP or FM? Presenza di condizioni predisponenti p nel SNC allo sviluppo di CS: ipotesi di Centri Nervosi Limbici Disfunzionanti in Disturbi d ansia e dell umore Sindromi Dolorifiche Amplificate dal lobo Limbico o LAPS (Limbic Amplified Pain Syndromes) per un modello secondo cui tutta una serie di complessi disordini dolorifici cronici risultino indotti da Central Senstization del sistema cortico-limbico.

43 conclusioni In quanti altri disturbi di varie discipline mediche sono presenti anche segni di Central Sensitization del Sistema Nervoso Centrale? Quanti disturbi di somatizzazione potrebbero essere nella realtà delle Central Sensitivity Syndromes? GRAZIE

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

La sensibilità tattile

La sensibilità tattile La sensibilità tattile Sensazione di : contatto, pressione, vibrazione, solletico Meccanocettori Sensazione Ruolo dei diversi recettori a rapido e lento adattamento nella sensazione 5 4 Stimolo RA SA

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Foligno 17 Maggio 2014

Foligno 17 Maggio 2014 4 o Congresso Regionale A.I.Fi. Umbria STRATEGIE RIABILITATIVE NEL MANAGEMENT DEL DOLORE CRONICO Foligno 17 Maggio 2014 STRATEGIE RIABILITATIVE NEL MANAGEMENT DEL DOLORE CRONICO Nuovo Ospedale San Giovanni

Dettagli

Dolore pelvico cronico:

Dolore pelvico cronico: Dolore pelvico cronico: il punto di vista del neurourologo Francesco Cappellano U.O. Urologia Servizio di Neurourologia Policlinico Multimedica IRCCS Definizione di CPP Dolore di origine non oncologica

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Dolore e stress Stress e dolore. Il dolore fa morire prima? Principali cause di morte in CH nel 2006

Dolore e stress Stress e dolore. Il dolore fa morire prima? Principali cause di morte in CH nel 2006 Dolore e stress Stress e dolore Aumento dell aspettativa di vita 1900: 3.3 milioni di abitanti oggi : >7 milioni di persone la proporzione delle persone oltre i 65 anni è triplicata. 1 persona su 6 > 65

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

Punti trigger miofasciali del pavimento pelvico: terapia manuale della cistite interstiziale e della sindrome da urgenza-frequenza

Punti trigger miofasciali del pavimento pelvico: terapia manuale della cistite interstiziale e della sindrome da urgenza-frequenza Sintesi liberamente tratta Punti trigger miofasciali del pavimento pelvico: terapia manuale della cistite interstiziale e della sindrome da urgenza-frequenza Articolo originale: Jerome M.Weiss, Pelvic

Dettagli

8. LE CEFALEE E I DOLORI

8. LE CEFALEE E I DOLORI 8. LE CEFALEE E I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI OLTRE IL DOLORE FUNZIONALE Federica Galli, Samuela Tarantino, Vincenzo Guidetti Introduzione I sintomi medicalmente inspiegabili sono da lungo tempo considerati

Dettagli

[Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia

[Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia progettoasco.it http://www.progettoasco.it/numero-85-giugno-2014-fibromialgia/ [Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia Metodi di ricerca Revisione sistematica, la letteratura medica sulla fibromialgia è

Dettagli

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis

Disturbi d ansia. Vanessa De Leonardis Disturbi d ansia Vanessa De Leonardis L ANSIA è una reazione istintiva di difesa, un allarme proprio dell istinto di conservazione, che anticipa un potenziale pericolo. STIMOLI ESTERNI processi COGNITIVI

Dettagli

QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA

QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA QUANDO FA MALE DAPPERTUTTO: LA SINDROME FIBROMIALGICA Introduzione MF ha 40 anni, non si è mai rivolta ad un medico fino a 3 anni fa, quando ha iniziato ad avvertire dei formicolii diffusi ad ambedue le

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Dr Lorenzo Fabrizi Dip. Neuroscienze, Fisiologia e Farmacologia University College London l.fabrizi@ucl.ac.uk Processi neurali del dolore (ovvero

Dettagli

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE)

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) L OSPEDALE E LA RSA SENZA DOLORE UN OBIETTIVO POSSIBILE IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) SIMONE FRANZONI TRENTO 22-5-2010 Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 1. LE BASI BIOLOGICHE DEL DOLORE.

UNITÀ DIDATTICA 1. LE BASI BIOLOGICHE DEL DOLORE. IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE (HOME-PAGE) UNITÀ DIDATTICA 1. IL SIGNIFICATO DEL DOLORE. IL SISTEMA SOMATO-SENSORIALE UNITÀ DIDATTICA 2. I MECCANISMI DEL DOLORE UNITÀ DIDATTICA 3. L ESAME DEL PAZIENTE

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

DEFINIZIONE. La Sindrome Fibromialgica o FM. (Fibromialgia)

DEFINIZIONE. La Sindrome Fibromialgica o FM. (Fibromialgia) DEFINIZIONE La Sindrome Fibromialgica o FM (Fibromialgia) è una sindrome dolorosa cronica ad eziologia sconosciuta caratte- rizzata da:. dolore muscolo-scheletrico scheletrico diffuso,. dalla presenza

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

ibromialgica La sindrome fibromialgica

ibromialgica La sindrome fibromialgica ibromialgica La sindrome fibromialgica La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscolo scheletrico diffuso e di affaticamento (astenia)1 che colpisce approssimativamente 1.5 2 milioni di

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Uso di terapie integrative nel trattamento delle donne affette da dolore pelvico cronico.

Uso di terapie integrative nel trattamento delle donne affette da dolore pelvico cronico. Sintesi liberamente tratta Uso di terapie integrative nel trattamento delle donne affette da dolore pelvico cronico. Articolo originale: Jerome M.Weiss, Pelvic Floor Myofascial Trigger Points: Manual Therapy

Dettagli

Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia e depressione.

Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia e depressione. S.I.B.E. ATTI III CONVEGNO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA BIOFISICA ELETTRODINAMICA BOLOGNA, 20 NOVEMBRE 2010 Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL. Dr.ssa Fornara Carla. Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni

FISIOPATOLOGIA DEL. Dr.ssa Fornara Carla. Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE CRONICO Dr.ssa Fornara Carla UF U.F. Neurologia e NeuroFisiopatologia Policlinico I.R.C.C.S. Multimedica MILANO Sesto San Giovanni DOLORE: una spiacevole esperienza sensitiva

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

CMF-PT Combined Magnetic Field Pain Therapy. By Francesco Crescentini

CMF-PT Combined Magnetic Field Pain Therapy. By Francesco Crescentini CMF-PT Combined Magnetic Field Pain Therapy By Francesco Crescentini Studio su 140 pazienti IL DOLORE Il dolore è una percezione cosciente sensoriale ed emotiva, associata a danno in atto o potenziale

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

! " # $ # % &' (' ) * $

!  # $ # % &' (' ) * $ ! " # $ # % &' (' ) * $ + + , -*$. %/) -*$ %/!!) -*$0 %!1) -*$/%1) -*$2 %!!!!!) + 3 + 45 Nervo trigemino -,*$. -,*$!11 2 6 / 7 8 7 N. trigemino VII, IX, X C2-C3 !. 5. 2 9! "#$""%&!$&"'()*+ * "#$""",$&"'-)*+

Dettagli

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dott. A. Orlando UO Anestesia e Rianimazione Ambulatorio di Medicina del Dolore Ospedale S.Annunziata,Cento Lagosanto, 22 Ottobre 2009 6th Congress of the European

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

Convegno. Depressione: femminile, plurale. Cartella stampa

Convegno. Depressione: femminile, plurale. Cartella stampa Convegno Depressione: femminile, plurale Cartella stampa Mercoledì 26 gennaio 2010 - Ore 16,00 Sala Polifunzionale Ministero per le Pari Opportunità Via di Santa Maria in Via, 37 - Roma Depressione: femminile,

Dettagli

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna

Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia Serranti RSSP Ergonomo CNR Bologna Lo stress si misura? Come valutare lo stress lavoro correlato D.lgs 81/08 Ambiente Lavoro Change s.r.l. 8 ottobre 2008 Strumenti e metodi per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Patrizia

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino

Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino Sistema nervoso vegetativo sistema endocrino Tre sfere (vedi fig 1.6) Sfera vegetativa omeostatica controllo organi e apparati Sfera cognitiva relazioni con il mondo (fisico e sociale) Sfera istintiva

Dettagli

Relazione dal tema: Il Dolore miofasciale e i Trigger point A cura di Cristian Sinisi

Relazione dal tema: Il Dolore miofasciale e i Trigger point A cura di Cristian Sinisi Relazione dal tema: Il Dolore miofasciale e i Trigger point A cura di Cristian Sinisi Il Dolore Miofasciale è una sintomatologia assai poco conosciuta, insorge sia come forma di evento primario, sia secondario

Dettagli

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente. Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato Sri Sri Ravi

Dettagli

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo

Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS): documento informativo Che cos è la terapia SCS? La stimolazione del midollo spinale (SCS) è un opzione chirurgica che potrebbe apportare un miglioramento

Dettagli

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal

INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI. Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal INTERNET ADDICTION DISORDER: ASPETTI COGNITIVI E COMPORTAMENTALI Rocco Servidio Dipartimento di Lingue e Scienze dell Educazione - UniCal Sommario Presentazione del problema Criteri diagnostici Conseguenze

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

VII Congresso Nazionale Psicologia della Salute

VII Congresso Nazionale Psicologia della Salute VII Congresso Nazionale Psicologia della Salute Promuovere benessere con persone, gruppi e comunità Cesena 28-30 settembre 2006 Narrare la malattia: l'esperienza del diventare stomizzato Laura Briganti

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Dott. Giuseppe Sergi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL Piacenza PIACENZA,10/06/2011 RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Definizione Stress significa letteralmente: sforzo,

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO

OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO 22 Convegno di Psicosomatica PNEI OSSITOCINA L ORMONE-NEUROTRASMETTITORE DEL CERVELLO EMOTIVO "La notte ha mille occhi, il giorno uno solo eppure la luce del mondo muore, quando il sole è finito. La mente

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più Che cosa è Cam più CAM PIU è un servizio sanitario polispecialistico finalizzato all incremento della qualità di vita in soggetti sani: di chi cioè sta bene, ma vorrebbe stare meglio e ritardare gli effetti

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE

TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE TERAPIA DEL DOLORE IN CONTINUITA ASSISTENZIALE S.C. Medicina di Base e Specilistica S.C. Centro di Terapia del Dolore e Cure Palliative Principali situazioni cliniche caratterizzate da dolore cronico ARTRITE

Dettagli

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita MENOPAUSA E PROLASSO Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita Menarca 11 anni Menopausa 51 anni 75 anni Terminologia Menopausa: cessazione dei cicli mestruali (per almeno 12 mesi),

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Dott.ssa Giovanna Caruana

Dott.ssa Giovanna Caruana Dott.ssa Giovanna Caruana PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA FUNZIONALE LO STRESS CRONICO: CONOSCERLO, PREVENIRLO E CURARLO di Giovanna Caruana Ha senso parlare ancora di stress? In fondo se ne parla tanto, la

Dettagli

Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile

Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile Implicazioni ostetriche del dolore sessuale femminile Aspetti relazionali e sociali del dolore sessuale femminile 33 Il punto di vista del fisioterapista A. Bortolami Fisioterapista Libero Professionista,

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE

PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE PROBLEMI URINARI DA CAUSE NEUROLOGICHE Roberta Pozzi Società Italiana Agopuntura Veterinaria - www.siav-itvas.org Milano Italy Tel.: 0039/335/7439150 e-mail: robvet@tin.it Il lavoro prende in considerazione

Dettagli

LA MALATTIA DI PARKINSON

LA MALATTIA DI PARKINSON CORSO FAD LA MALATTIA DI PARKINSON ID ECM: 114181 CREDITI 12 CREDITI ECM DESTINATARI Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio 15 gennaio 2015 Data di fine 31 dicembre 2015 COSTO ABBONAMENTO

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Congresso Regionale A.N.I.M.O.

Congresso Regionale A.N.I.M.O. Congresso Regionale A.N.I.M.O. Qualità e responsabilità Applicazione in medicina interna IL DOLORE Valutazione e strumenti Inf. Montaniero Roberto U.O. Medicina Interna P.O. S. Maria del Popolo degli Incurabili

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli