a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico ASP Palermo Le Central Sensitivity Syndromes

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico ASP Palermo Le Central Sensitivity Syndromes"

Transcript

1 a cura di Giuseppe Calagna dirigente medico Le Central ASP Palermo Sensitivity i i Syndromes

2 Central Sensitivity Syndromes (CSS) termine coniato per la prima volta nel 2007 da Muhammad B. Yunus per indicare una serie di disturbi di varie discipline che avrebbero in comune un unico meccanismo patogenetico Alls base della CS il d ipersensibilizzazione centrale del processo patologico S.N.( central sensitization o CS ) unificante sarebbe una nocicezione disregolata

3 Fibromialgia colon irritabile dolore cronico del collo dolore lombare cronico central sensitization cistite interstiziale cefalee disturbo articolazione temporomandibolare

4 spesso le CSS co-occorrono, occorrono, nel senso che costituiscono i un fattore di richio per lo sviluppo di un altro disturbo doloroso della serie (Diachenko, 2006) Nelle CSS progressivamente il dolore da localizzato si trasforma in dolore diffuso (Holm et al, 2007, Mc Farlane, 1999)

5 dolore periferico (infiammazione, irritazione ione neurale o mucosale) inizialmente input dolorosi persistenti cambiamenti nel sistema nocicettivo centrale sensazioni dolorose indipendenti dagli input periferici i i sensitization Latremoliere & Woolf, 2009

6 windup

7

8 windup Il concetto di wind-up origina dall idea che un dolore persistente può portare a cambiamenti neuroplastici all'interno del SNC e del SNP. In origine venne osservato, negli animali che la ripetitiva stimolazione delle fibre C aumentava in modo esponenziale la stimolazione nel corno dorsale del midollo spinale e poi una progressiva attivazione dei neuroni di secondo ordine che proiettano al cervello (Mendell, 1966; Yunus, 2008).

9 (Urban & Gebhart,1999) Input doloroso continuo a livello dei nocicetori Attivazione persistente A- delta e C-fibre rilascio sostanza P, NGF, Peptide Correlato Gene Calcitonina, glutammato, e aspartato nella sinapsi corno dorsale attivazione i midollo spinale campi recettivi adiacenti (Fide,2000) iperalgesia allodinia stimoli lievi nn. Spinali ipeerccitabiliit

10 Sistema Antinocicettivo Discendente (PAG-RVM o midollo rostro-ventro-mediale) Vie discendenti serotoninergiche, noradrenergiche e oppioidi che attivate dallo stimolo doloroso agiscono sul corno dorsale con un controllo inibitorio ibi i analgesico (Marchand, 2008). Questo sistema inibitorio ibi i è anche definito controirritatorio, perchè un primo stimolo doloroso inibisce la percezione di un secondo input doloroso (Campbell et al, 2008). Stress, attenzione e attesa possono anche attivare questi meccanismi inibitori, ibit i come dimostrato t dagli studi sul placebo (Benedetti, 2006). Può giocare anch esso un ruolo pronocicettivo nel generare e mantenere la CS (Leith & Lumb, 2009; Heinricher, 2009) ), in quanto i nn. del RVM sotto stimolazioni prolungate possono presentare cambiamenti nell eccitabilità eccitabilità tali da mantenere la CS (Gebhart, 2004). Sebbene nella FM e in tutte le altre CSS sono presenti evidenze di CS, queste alterazioni a di processazione o e del dolore o potrebbero o essere e secondari a input dolorosi continui o rappresentare un meccanismo primario di malattia (Ness et al, 2005).

11 FIBROMYALGIA

12 E oramai accettato da tutti che nella FM sensitization e disfunzioni nella processazione discendente del dolore costituiscono i 2 meccanismi i che causano ipersensibilità ibili diffusa (Perrot et al 2008, Staud et al, 2006). I dati che supportano tale ruolo sono: l abbassamento della soglia del dolore. l aumentata sensibilità anche al di fuori dei tipici tender point. l incremento dei livelli di sostanza P (2-3 volte i controlli, Russell, 2006)) e NGF nel liquor. Sono aminoacidi eccitatori e accrescono la trasmissione del dolore (come glutammato e aspartato). l abnorme windup con un maggiore grado di eccitabilità neuronale e con il dolore prolungato dopo la cessazione dell input doloroso (Staud, 2007). In uno studio fmri, applicando pressione sull unghia del pollice di pz. e controlli, in FM più dolore e maggiore attivazione delle aree cerebrali correlate con il dolore (Gracely et al, 2002). In uno studio PET iperperfusione in aree coinvolte nella processazione della dimensione sensoriale del dolore e ipoperfusione in aree associate con la dimensione affettiva (Guedj et al 2007)

13 Diverse evidenze indicano che nella FM vi è una disfunzione nel sistema inibitorio del dolore discendente: basso livello ll dl del metabolita bli dll della serotonina 5HIAA nel liquor (Russell et al. 1992); disfunzione nella trasmissione serotoninergica (Coaccioli et al, 2008). La SC occorre o per un input doloroso continuo che incrementa l attività e la responsività dei neuroni del midollo spinale (Zusman, 2002) e/o una deficiente inibizione del dolore di tipo endogeno (Julien, 2005). Diversi studi propongono che nella FM sindromi dolorose regionali precedono lo sviluppo del dolore diffuso (Henriksson et al., 2007) e producano un bombardamento di lunga data dei neuroni del midollo spinale da parte delle fibre A-delta e C fino a dare origine a cambiamenti neuroplastici caratteristici della SC (Meeus & Nijs, 2007) e ad una ipersensibilità del SNC (Bennet, 2005; Staud, 2007). La FM è una diagnosi concomitante comune in pazienti con cefalea cronica (De Tommaso et al., 2009).

14 Quindi le diverse condizioni dolorose focali in cui vi è anche un alterazione della processazione del dolore, quali il disturbo dell articolazione temporo-mandibolare, la sindrome del colon irritabile, la cistite interstiziale, cefalee, dolore lombare e dolore del collo, costituirebbero delle generatrici i di dolore periferico i e potrebbero fornire i necessari input nocicettivi tonici tali da produrre a poco a poco un iperalgesia generalizzata. La Sensitization Periferica agisce solo sul locus doloroso, mentre la SC si diffonde in tessuti normali distanti dal locus doloroso. (Staud, 2007).

15 9:1 rapporto fra donne e uomini affetti da fibromialgia

16 disordini temporo-mandibolari Il termine disfunzione temporomandibolare è stato utilizzato per definire tutte le condizioni che comportano modifiche alla struttura e / o alla funzione dl del sistema it masticatorio t i (ATM e associate strutture muscolo-scheletriche) (Pedroni et al, 2003). I segni ed i sintomi di questa disfunzione sono caratterizzati da: dolori nella regione periauricolare, dell'atm e dei muscoli masticatori, rumori, limitazioni (trisma) o deviazioni durante il movimento (Dworkin et al, 1990). L eziologia è multifattoriale e ancora controversa.fattori influenti sono il bruxismo e l ansia. Lo stress psicologico è stata riconosciuta come una delle sue principali cause (Cespedes Almagro et al, 2011). Vi sarebbe una netta prevalenza del disturbo nel sesso femminile (8:1), anche se secondo altri la prevalenza del DTM sarebbe simile in entrambi i sessi, solo che le donne più frequentemente richiedono un trattamento (Irving et al., 1999).

17 Vi sono crescenti conferme che nei DTM vi siano alterazioni i nei sistemi i di regolazione del dolore nel SNC. Infatti i pz affetti da tale disturbo mostrerebbero ipersensibilità negli studi di dolore sperimentale sia nella regione temporo-mandibolare, che in siti distanti della testa e del collo (Maximer et al, 1995; Sarlani & Greenspan, 2003). Anche con la tecnica del dolore ischemico al braccio e del dl dl dolore dll della mano o del dl braccio in acqua fredda, che nei controlli impegna il sistema di controllo inbitorio discendente, nei DTM il dolore persiste, facendo ipotizzare anomalie nel sistema inibitorio discendente (King, 2009). Recenti evidenze mostrano che la maggiore sensibilità al dolore può precedere la comparsa del disturbo e agire come un fattore di rischio genetico per lo sviluppo del DTM.

18 Sindrome del Colon Irritable Comprende un gruppo di disordini funzionali gastro-intestinali caratterizzati da disturbi o dolori addominali associati alla defecazione o ad alterazioni di questa. Almeno 3 mesi di disturbi o dolori addominali con almeno 2 delle seguenti caratteristiche: a) i disturbi migliorano con la defecazione; b) si associano a cambio della frequenza di evacuazione; c) si associano a cambio della forma e dell aspetto delle feci; d) no infiammazione, né alterazioni anatomiche o malattie metaboliche o neoplastiche.

19 I pz con SCI presentano le medesime evidenze di iperesensibilità locale e diffusa. Studi che utilizzano nocicettori locali che producono distensione rettale, hanno evidenziato una bassa soglia locale per il dolore e maggiore trasmissione spinale dei segnali nocicettivi (Coffin et al., 2004). Studi evidenziano ipersensibilità cutanea a livello cervicale e lombosacrale con iperalgesia più pronunziata a livello lombosacrale (afferenze nocicettive rettali) (Verne et al., 2001), suggerendo che sebbene la sensitization occorre in tutto il SN, l ipersensibilità è maggiore nei dermatomeri più vicini al locus doloroso. Il dolore pressorio da freddo rettale decrementa nei controlli ma non nei pazienti affetti da SCI e nella fmri vi sono differenze nell attivazione fra i pazienti e i controlli. Come nella FM e nel DTM anche nella SCI ciò indica una disfunzione nel sistema ste inibitorio o discendente (Wilder-Smith, Schindler, Lovblad, Redmond, & Nirkko, 2004).

20 CISTITE INTERSTITIALE La Cistite Interstiziale (CI) é una patologia cronica e spesso debilitante, caratterizzata da dolore pelvico e perineale, al quale si associa urgenza ed aumento della frequenza minzionale. Il dolore, che é il sintomo principale e peculiare della CI, é localizzato nell'80,4% a livello del basso ventre, nel 73,8% all'uretra, nel 65,7% in regione lombare e glutea e nel 51,5% dei casi in area vaginale. Molti pazienti infine hanno difficoltà a definire una posizione ii esatta dl del dl dolore. Spesso l'entità del dolore é talmente elevata da impedire le comuni attività della vita quotidiana con un notevole impatto negativo sulla qualità della vita.

21 Ci sono valide evidenze che supportano l ipotesi che l amplificazione del dolore centrale gioca un ruolo predominante nel mantenimento dei sintomi anche di questo disordine (Twiss et al, 2009). Studi che comparano i soggetti affetti da CI con i controlli, mostrano nei primi una soglia del dolore alla pressione significativamente più bassa al massetere, al trapezio e al muscolo ulnare e così pure una diminuita tolleranza al dolore ischemico del braccio, dimostrando una sensitization generalizzata a vari stimoli nocivi (Ness et al, 2005, Van de Merwe et al, 2008) Una recente review (Klumpp & Rudick, 2008) propone per la CI una sensitization periferica della vescica delle fibre C causata da esposizione continua a fattori sensibilizzanti quali istamina, bradikinina, NGF e tumor necrosis alpha. L ipereccitabilità delle fibre dolorose periferiche porterebbe ad una sommazione temporale di input nociciettivi sui nn. del midollo spinale, tale da non necessitare più degli input periferici vescicali.

22 La sensitization in SNC è uno dei meccanismi sottostanti alla patogenesi delle cefalee primarie cefalee (Buchgreitz, Lyngberg, Bendtsen, & Jensen, 2006). Tali ricerche dimostrano la maggiore sensibilità a varie modalità di stimolo doloroso e non dei pz emicranici e tensivi. uno studio riporta in una parte degli emicranici la presenza di allodinia cutanea periorbitale in risposta a stimoli non dannosi (Burstein, Ransil, & Bajwa, 2000) e in un sottogruppo la presenza di allodinia in altre regioni del braccio e della testa, oltre che nell area dolorosa, suggerendo l ipereccitabilità di vie dolorose spinali e sopraspinali propria della sensitization. Un recente studio di popolazione ha scoperto che il grado di sensibilità nei soggetti è positivamente associato con la frequenza degli attacchi (Buchgreitz et al., 2006). Questi autori propongono che questa relazione fra l accresciuta percezione e del dolore o e la cronicizzazione c o delle e cefalee ee è dovuto allo sviluppo di CS da prolungati input nocicettivi, un ipotesi supportata anche da lavori sul Low Back Pain e FM (Flor, 2003).

23 Low Back Pain

24 Low Back Pain Evidenza di CS e iperalgesia generalizzata con l uso dell algometro a pressione in pazienti con Low Back Pain Cronico e Dolore Cronico da Colpo di Frusta versus soggetti sani (Delmar, & Arendt-Nielsen, 2005). La pressione veniva sistematicamente i applicata in 7 punti del corpo, inclusi siti nel braccio, avambracio e dita. Si è scoperto che i pazienti con dolore spinale esibivano significativamente bassa soglia dolorosa in tutti i punti rispetto ai sani. Altri studi hanno usato stimoli elettrici(flor, Diers, & Birbaumer, 2004), calore (Kleinbohl et al., 1999), and stimoli pressori(clauw et al., 1999), evidenziando nei pazienti con LBP rispetto ai sani decremento della soglia pressoria, risposte dolorose più intense, durata più lunga e maggiore diffusione i del dolore.

25 Indagini fmri in pz con LBP idiopatico versus controlli sani ha dimostrato t che 2 kg di pressione Low sulle unghia delle dita nei controlli causava solo dolore moderato, producendo in fmri incremento di segnale in un unica regione corticale correlata con il dolore (Giesecke et al.,2004). Nei pazienti affetti da LBP invece risultava incremento di segnale fmri in 5 regioni dolore-correlate. Back Pain Una ricerca di neuroimaging ha documentato in risposta a input nocicettivi in pazienti con chronic low back pain un incrementata reattività corticale e una rappresentazione corticale dei lombi allargata, cosicchè la rappresentazione lombare si estendeva ad aree corticali vicine, come gamba e piede (Flor, 2003; Flor, Braun, Elbert & Birbaumer, 1997).

26 Chronic Neck Pain (Dolore Cronico del Collo)

27 Chronic Neck Pain (dolore cronico del collo) Test psicofisiologici in CNP hanno dimostrato aumentata sensibilità agli stimoli nella regione cervicale e anche in periferia quando si applica un dolore pressorio (Banic et al., 2004; Herren-Gerber et al., 2004), stimolazione elettrica (Curatolo et al., 2001), e stimolazione termica (Johnston, Jimmieson, Jull, & Souvlis, 2008). Questi studi dimostrano che un dolore tonico di un origine periperica può provocare una processazione centrale abnorme, finchè l ipersensitività non è più dipendente dagli input periferici o confinato in una particolare regione del corpo (Staud, 2007; Vierck, 2006). La dimonstrazione o di CS in individui du con disturbo doloroso o oso regionale costituisce un fattore unificante che correla alcune sindromi dolorose focali e il dolore diffuso della FM.

28 Dolore da colpo di frusta 22% (Buskila,1997) 8-21% (holm, 2007) Fibromialgia Dolore cronico da colpo di frusta (CWP) 15-32% (Theodore & Gatchel, 2008) Chronic Low Back Pain Anche l evidenza dello sviluppo di CWP or FM da un disturbo doloroso regionale supporta l ipotesi di un continuum di dolore da locale a diffuso.

29 Un ipotesi unificante La sensitization rappresenta un unificante meccanismo fisiopatogenetico per le central sensitivity syndromes (CSS). La CS non solo può spiegare perché individui con questi disordini periferici a volte sviluppano iperalgesia diffusa, ma anche perché una CSS spesso si sovrappone a un altro di questi disturbi (Vierck, 2006). 75% dei pz affetti da FM presentano i criteri per TMD 18% TMD FM 32% FM IBS 32% IBS FM 55% FM TH

30 Le ipotesi correnti postulano che questi disordini emergono in determinati pazienti in cui si ha una complessa interazione fra predisposizione genetica, aumentata percezione del dolore e accresciuto distress psicologico in combinazione con fattori ambientali certi (Diatchenko et al., 2006). Vista questa complessa interazione tra fattori genetici, generatori di dolore periferico, fattori psicologici e trigger ambientali, necessitano ulteriori ricerche per comprendere il perché un sottogruppo di individui sviluppano sindromi dolorose croniche con abnorme processazione del dolore e perché una parte di questi pazienti con dolori localizzati sviluppa CWP or FM.

31 FIBROMIALGIA e disturbi psichici Manifestazioni cliniche comuni nei pazienti con FM, anche se di grado variabile, sono: intensa fatica, disturbi del sonno, sintomi depressivi e d ansia ansia, problemi cognitivi (ridotta capacità di concentratione and diminuzione della memoria) (Rivera, 2006). Visto il profilo clinico i molto eterogeneo presentato dai pz FM recentemente si è cercato d identificare dei sottogruppi di malattia attraverso le diverse caratteristiche psicopatologiche e la diversa sensibilità al dolore (Giesecke et al, 2003). In generale i pz affetti da FM hanno maggiori disturbi di tipo emozionale, povere strategie di coping rispetto al dolore e un limitato network di supporto sociale rispetto ai sani. Alcuni studi indicano che il 50% dei pz con FM hanno un disturbo d ansia e il 50% un profilo depressivo(rivera, 2006). Gli studi indicano che c è una correlazione fra idi indicatori i di psicopatogia i con la durata del dolore e della malattia (Epstein et al, 1999).

32 In uno studio recentissimo (Keller et al, 2011) sono stati identificati 2 gruppi con differenti profili clinici. Su 66 pazienti: 1) FM-I (41 pz) livelli lli molto alti di fatica, stanchezza mattutina, ansia e alti livelli pure di rigidità articolare, dolore e sintomi depressivi. 2) FM-II (25 pz) con profilo di moderati livelli di fatica, stanchezza etc. Come in altri studi (Giesecke et al., 2003), i dati sugeriscono che l eterogeneità diagnostica che caratterizza i pz FM è fondamentalmente dovuta alle differenze nel peso dei sintomi ansiosi e depressivi e quindi nel coinvolgimento della sfera psicopatologica. Quindi lo studio di Keller ci dice 2 cose: 1) i sintomi psicopatologici non sarebbero sempre e presenti; 2) l iperalgesia, a, la fatica e la rigidità articolare, caratteristiche principali dei FM, sarebbero sempre presenti, ma non nel medesimo grado.

33 1) FM-1 con livelli molto alti di fatica, stanchezza mattutina, ansia e alti livelli lli pure di rigidità idi articolare, dolore e sintomi depressivi. 2) FM-II con profilo di moderati livelli lli di fatica, stanchezza, di ansia e depressione, Sindrome fibre A-beta e C Dolorosa Regionale +++ bombardamento continuo fib A b C Neuroni Central Midollo Spinale +++ Central Sensitization Sindrome fibre A-beta e C Dolorosa Regionale Neuroni Midollo Spinale Anomala Processazione Dolore Sovraspinale Central Sensitization

34 Anomalie della Processazione del Dolore Sovraspinale Condizioni Predisponenti SNC allo sviluppo di CS Deficiente Inibizione del Dolore di Tipo Endogeno Marcati disturbi psicopatologici in almeno il 50% dei casi di FM IPOTESI Centri Nervosi Limbici Disfunzionanti in Disturbi d ansia e dell umore

35 L amigdala rappresenta l epicentro degli eventi coinvolti nella modulazione degli stati d ansia, nell animale come nell uomo, con un ampio spettro di connessioni i reciproche con le strutture tt corticali, limbiche, implicate nella risposta emozionale, cognitiva, autonomica ed endocrina allo stress. (Le Doux, 2000) L'amigdala sta emergendo anche come un elemento importante della rete coinvolta nella componente emotivo-affettiva del dolore (Pedersen LH et al. 2007). L'amigdala è anche creduto di essere un substrato fondamentale della relazione reciproca tra il dolore e disturbi come ansia (Rhudy et al., 2003). E stata dimostrata sensibilizzazione centrale e plasticità sinaptica (Neugebauer et al., 2003, 2005) nel nucleo centrale dell'amigdala (CEA) in un modello di dolore da artrite murina. Il CEA integra le informazioni correlate all affettività provenienti dal circuito della paura-ansia ansia nell amigdala basolaterale con input puramente nocicettivi dalla via del dolore spino-parabrachio parabrachio-amigdaloidea amigdaloidea (neugebaer et al, 2007). Una plasticità sinaptica correlata al dolore nel Cea è stato confermata anche in un modello di dolore neuropatico cronico (Ikeda et al, 2007 ).

36 La corteccia orbito-frontale, la corteccia cingolata anteriore sono attivate t dall aspettativa ti di dolore, dall interazione i fra dolore e ansia, da convinzioni placebo e da richieste cognitivamente rillevanti (Bornhovd et al, 2002); Petrovic et al, 2002; Ploghouse et al, 2001) Studiando la cosiddetta allodinia da calore si è dimostrato che il cervello si sensibilizza al dolore oltre che con meccanismi spinali e troncoencefalici, anche coinvolgendo le funzioni corticali superiori e soprettutto le strutture del lobo limbico che si occupano degli aspetti emotivi del dolore (Lorenz & Casey, 2003) Addirittura Rome (2002) ipotizza dei fenomeni di spreading nelle vie dolorifiche, che porterebbero ad una sensibilizzazione delle stesse vie cortico-limbiche, responsabili dell affettività e della cognitività, con risposte amplificate a stimoli spontanei.

37 Lo stesso Rome parla di Sindromi Dolorifiche Amplificate dal lobo Limbico o LAPS (Limbic Amplified Pain Syndromes) per un modello olistico integrato, secondo cui tutta una serie di complessi dissordini dolorifici cronici risultino indotti da Central Senstization del sistema cortico-limbico. I pazienti i affetti da LAPS presenterebbero: un dolore persistente debilitante, con caratteristiche sensoriali atipiche, non anatomiche, che non risponde bene ai normali trattamenti analgesici. disturbi affettivi (fatica, turbe del sonno, diminuzione della libido, turbe memoria e concentrazione). intolleranza agli stress psicologici e fisici. reazione esagerata alla luce ai suoni all attività fisica e agli stress reazione esagerata alla luce, ai suoni, all attività fisica e agli stress interpersonali.

38

39 Dismotilità esofagea Vulvodinia Rinite vasomotoria Ipersensibilità chimiche Intolleranze alimentari Allergopatie M. di Crohn Rettocolite ulcerosa In quante di queste disturbi dstub di varie discipline dscp mediche sono presenti anche segni di Central Sensitization del Sistema Nervoso Centrale? Ipotensione arteriosa Prolasso della mitrale

40 conclusioni Le Central Sensityvity Syndromes (CSS) sono una serie di disturbi di varie discipline che avrebbero in comune un unico meccanismo patogenetico ti d ipersensibilizzazione ibili i centrale del S.N.( central sensitization o CS ) Nelle CSS Sindromi Dolorose Regionali precederebbero lo sviluppo del dolore diffuso (Henriksson et al., 2007), producendo un bombardamento b di lunga data dei neuroni del midollo spinale da parte delle fibre A-delta e C fino a dare origine a cambiamenti neuroplastici caratteristici della SC e ad una ipersensibilità del SNC. Nelle CSS ci sarebbe una disfunzione nella processazione del dolore sia nel sistema ascendente che in quello inibitorio ibi i del dolore discendente.

41 conclusioni spesso le CSS co-occorrono, occorrono, o o, nel senso so che costituiscono un fattore di richio per lo sviluppo di un altro disturbo doloroso della serie La CS e le alterazioni di processazione del dolore potrebbero essere secondari a input dolorosi continui o rappresentare un meccanismo primario di malattia Le condizioni dolorose focali, quali il disturbo dell articolazione temporo-mandibolare, la sindrome del colon irritabile, la cistite interstiziale, cefalee, dolore lombare e dolore del collo, costituirebbero delle generatrici di dolore periferico e potrebbero fornire i necessari input nocicettivi tonici tali da produrre a poco a poco un iperalgesia i generalizzata e lo sviluppo di FM.

42 conclusioni Perché solo un sottogruppo di individui sviluppano sindromi dolorose croniche con abnorme processazione del dolore e perché solo una parte di questi pazienti con dolori localizzati li sviluppa CWP or FM? Presenza di condizioni predisponenti p nel SNC allo sviluppo di CS: ipotesi di Centri Nervosi Limbici Disfunzionanti in Disturbi d ansia e dell umore Sindromi Dolorifiche Amplificate dal lobo Limbico o LAPS (Limbic Amplified Pain Syndromes) per un modello secondo cui tutta una serie di complessi disordini dolorifici cronici risultino indotti da Central Senstization del sistema cortico-limbico.

43 conclusioni In quanti altri disturbi di varie discipline mediche sono presenti anche segni di Central Sensitization del Sistema Nervoso Centrale? Quanti disturbi di somatizzazione potrebbero essere nella realtà delle Central Sensitivity Syndromes? GRAZIE

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO

FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE POST-OPERATORIO Dr. Girardi Guido INTRODUZIONE Il concetto di dolore è universale, ma la sua definizione è difficile da formulare. Tutti sappiamo cos è il dolore, ma quando si

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

COS E LA FIBROMIALGIA

COS E LA FIBROMIALGIA COS E LA FIBROMIALGIA A cura del Dr Giuseppe Paolazzi UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscoloscheletrico diffuso e di affaticamento (astenia)

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE COS E IL DOLORE In termini fisiopatologici moderni il dolore corrisponde ad una "sensazione spiacevole e ad una esperienza emozionale ed affettiva associata a danno dei tessuti o descritto nei termini

Dettagli

La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE La sindrome fibromialgica ASPETTI E INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE La sindrome fibromialgica aspetti e informazioni per il paziente Dr. Piercarlo Sarzi Puttini Direttore U.O.C. di Reumatologia- A.O. Ospedale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Attenzione ed Emozione

Attenzione ed Emozione Capitolo 3 Attenzione ed Emozione 3.1 Processi cognitivi ed emozione Recentemente, la relazione tra processi cognitivi ed emozionali è stata al centro di un dibattito che ha coinvolto numerosi studiosi

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Serie Editoriale Società Italiana di Medicina Generale Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Riccardo Torta, Paola Caldera Psicologia Clinica e Oncologica, Università di Torino Prefazione

Dettagli

THRUSTMASTER MANUALE D USO ENGLISH DEUTSCH CARATTERISTICHE TECNICHE HOTLINE

THRUSTMASTER MANUALE D USO ENGLISH DEUTSCH CARATTERISTICHE TECNICHE HOTLINE THRUSTMASTER MANUALE D USO DEUTSCH ENGLISH CARATTERISTICHE TECNICHE 1. Stick ad 8 direzioni 2. 8 pulsanti azione analogici: X, Y, A, B, Nero, Bianco, T1 = trigger destro, T2 = trigger sinistro 3. Pulsante

Dettagli