Le intolleranze alimentari esaminate con test leucocitotossico.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le intolleranze alimentari esaminate con test leucocitotossico."

Transcript

1 Regione Emilia Romagna-Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Servizio Laboratorio Centralizzato Responasabile Dr.ssa P.Boni Centro per lo studio e la cura delle malattie croniche intestinali Responsabile Prof. M.Campieri Le intolleranze alimentari esaminate con test leucocitotossico. Campieri M., Maldini Casadei M., Marzetti C., Rizzi M., Boni P.,Chiesa D.,Bassi Mirna In uno studio condotto su 20 pazienti con sintomi tipici da intolleranze alimentari, per i quali era stata esclusa in precedenza la celiachia, abbiamo verificato la presenza di intolleranze alimentari su 60 sostanze mediante il test leucocitotossico, ed abbiamo quindi escluso dalla dieta gli alimenti a cui ciascun paziente risultava intollerante. I risultati ottenuti hanno dimostrato una remissione della sintomatologia nel 73,3% dei pazienti intolleranti già dopo 30 giorni di dieta di esclusione. Questo fa ritenere che il test leucocitotossico possa essere sottoposto ad ulteriori studi controllati per chiarirne il ruolo diagnostico nell individuazione delle intolleranze alimentari.

2 INTRODUZIONE Le cosiddette intolleranze alimentari rappresentano una problematica attuale, i cui numeri sono in costante aumento negli ultimi anni. Lo stesso termine intolleranza è largamente adoperato per individuare un insieme di sintomi non altrimenti spiegabili con le tecniche diagnostiche comunemente adottate e non regredibili a seguito di terapie sintomatiche. I sintomi più frequentemente riscontrati nei soggetti a cui si fa poi diagnosi di intolleranza alimentare sono: diarrea, dolore addominale crampiforme, meteorismo, nausea, senso di ripienezza postprandiale, cefalea; essi, differentemente da quanto accade per le allergie, possono interessare più sistemi/apparati (cute, apparato digerente, urinario, osteo-articolare, respiratorio, ORL, sistema nervoso centrale). Tale coinvolgimento si verifica in circa il 40% dei casi ed interessa in modo particolare l apparato digerente e la cute. I sintomi delle intolleranze alimentari tendono a manifestarsi tardivamente; i pazienti non riescono a stabilire un nesso di causalità in quanto realizzano una sintomatologia cronica, non necessariamente specifica dell apparato digerente, legata all assunzione di cibi che rientrano nell alimentazione di tutti i giorni. Pur non essendo stato univocamente chiarito, risulta che i meccanismi patogenetici alla base dello sviluppo delle intolleranze alimentari siano almeno di due tipi differenti; il primo sarebbe riconducibile ad un alterato metabolismo di alcuni nutrienti, con conseguente accumulo a livello intestinale di sostanze capaci di determinare reazioni avverse agli alimenti in questione, come dimostrato dalla comparsa di sintomatologia solo in seguito alla ripetuta e costante assunzione di determinate sostanze alimentari; il secondo sarebbe da attribuire alla presenza di reazioni avverse per così dire innate, come risulta dalla positività dei test anche nei confronti di sostanze mai assunte, e comunque dall impossibilità di reintrodurre l alimento anche gradualmente. Appare evidente che il meccanismo patogenetico alla base delle intolleranze alimentari sia sostanzialmente diverso da quello che spiega le allergie alimentari; nei confronti degli alimenti per cui risulta un intolleranza, infatti, non sono state finora dimostrate reazioni su base immunitaria né esistono sovrapposizioni reciproche tra gli alimenti nei confronti dei quali si riscontrano fenomeni di reazioni allergiche e quelli a cui si risulta invece intolleranti. Il test leucocitotossico è stato messo a punto nel 1956 da Benson, Brayan e Brayan ed appare una metodica semplice e ripetibile, la cui attendibilità è stata sinora suffragata dai risultati clinici ottenuti dall eliminazione degli alimenti risultati positivi. Esso consiste nel porre a contatto il siero ed i leucociti dei pazienti con i singoli estratti alimentari delle sostanze da testare e nel verificarne in vitro, l azione citotossica o vacuolizzante nei confronti dei leucociti del paziente, venendo valutate in modo particolare le modificazioni strutturali citoplasmatiche a carico dei granulociti polimorfonucleati neutrofili. Tali modificazioni vengono poi classificate in una scala da 1 a 4, sulla base della gravità della reazione nei confronti dell alimento testato e del numero di neutrofili interessati per campo: 1 grado:leucociti esenti da deformazioni; 2 grado: leucociti vacuolizzati con alterazioni strutturali di membrana; 3 grado: leucociti vacuolizzati con parziale perdita dell integrità di membrana e dei granuli citoplasmatici; 4 grado: leucociti disgregati con frammentazione della membrana e dispersione del materiale endocellulare.

3 DATI PERSONALI In uno studio abbiamo voluto verificare se, utilizzando il test leucocitotossico per individuare gli alimenti a cui un certo numero di pazienti era intollerante, ed escludendo dalla dieta degli stessi pazienti gli alimenti in questione, si verificasse un cambiamento nella sintomatologia soggettiva dei pazienti. Sono stati inclusi nello studio 20 pazienti, 10 maschi e 10 femmine, di età compresa tra 27 e 62 anni (età media: 44,5 anni), di cui 8 pazienti con precedente diagnosi di IBD (Rettocolite ulcerosa o malattia di Crohn) e 12 con diagnosi di Colon Irritabile posta per esclusione di altre patologie organiche. In tutti i pazienti è stata esclusa la celiachia, tramite il dosaggio sierico della transglutaminasi; nei pazienti che presentavano anche sanguinamento rettale la valutazione iniziale è stata completata con l esecuzione di una rettoscopia per evidenziare eventuali cause di proctorragia. I sintomi lamentati dai pazienti all inizio dello studio, variamente associati tra loro, sono riportati in tabella(tab.1) Tabella 1 Sintomi n.casi Diarrea 15 Stipsi 5 Meteorismo 17 Nausea 8 Senso di ripienezza postprandiale 10 Tutti i soggetti sono stati sottoposti a test leucocitotossico i cui kit diagnostici sono stati forniti dalla ditta Antigenia di Bologna. Il procedimento di lettura dei vetrini è stato effettuato sempre dallo stesso operatore. Il test leucocitotossico è stato eseguito ponendo in contatto il siero ed i leucociti dei pazienti con estratti di 60 alimenti (Tab 2) ed ha permesso di evidenziare alterazioni morfologiche dei granulociti polimorfonucleati neutrofili dei pazienti inclusi nello studio con grado variabile da 3 a 4 in 15 casi sul totale di 20 pazienti studiati. Tabella 2: Alimenti testati Latte vaccino Gamberi Arancia Latte di pecora Merluzzo Mela Latte di capra Sogliola Fragola Lievito Zucchina Albicocca Lievito chimico Melanzana Banana Farro Lattuga Pera Orzo Peperoni Pesca Grano Cicoria Uva Riso Cavolo Arachide Mais Spinaci Mandorla Tacchino Carota Noce

4 Coniglio Asparago Oliva Maiale Patata Piselli Agnello Sedano Soia Mix cefalopodi Cipolla Fagiolo Manzo Funghi The Pollo Pomodoro Cacao Uova Kiwi Caffè Salmone Limone Zucchero Tonno Prugna Miele Nei 15 casi in cui è stato possibile evidenziare alterazioni di grado compreso fra 3 e 4 a carico dei neutrofili sono stati sospesi dalla dieta gli alimenti per i quali era stata riconosciuta l intolleranza. E stata quindi preparata per ciascun paziente una dieta di eliminazione che consentisse di escludere gli alimenti positivi al test e di sostituirli con altre sostanze equivalenti dal punto di vista nutrizionale, al fine di evitare carenze nutritive di qualunque tipo. La sospensione dalla dieta individuale degli alimenti positivi al test è stata protratta per 30 giorni, al termine del quale si è proceduto in prima istanza alla verifica delle condizioni cliniche del soggetto in esame, in seconda istanza alla reintegrazione degli alimenti in ragione di uno ogni 10 giorni fino al ripristino delle abitudini dietetiche precedenti allo studio. Nella fase della verifica, effettuata dopo un mese di dieta di eliminazione, è stato possibile evidenziare una completa scomparsa dei sintomi in 11 pazienti sul totale di 15 sottoposti a dieta di eliminazione, sintomi poi nuovamente lamentati dai pazienti al ripristino graduale degli alimenti nel proprio regime dietetico, salvo poi cessare alla nuova e definitiva eliminazione della sostanza dalla propria dieta. In alcuni casi e per taluni alimenti si è notata una comparsa della sintomatologia soggettiva solo se assunti con costanza e frequenza elevate, mentre perdurava lo stato di benessere se l alimento era assunto solo saltuariamente. Dei 4 pazienti sottoposti a dieta di eliminazione che non hanno riferito miglioramenti nella propria sintomatologia, 2 erano affetti da malattia di Crohn in fase di attività complicata da fistole ed ascessi perianali, mentre 1 aveva contratto nei primi giorni di dieta di eliminazione un infezione intestinale sostenuta da Candida Albicans. DISCUSSIONE La crescita esponenziale delle malattie allergiche ha suggerito ad alcuni autori il termine di epidemia allergica per definire il fenomeno, sulla base di studi epidemiologici che indicano una prevalenza nel Mondo Occidentale di allergopatie nel 20-30% della popolazione generale. Il numero degli allergici, però, aumenta in modo non reale per uso improprio, anche fra gli stessi medici, del termine allergico per definire effetti indesiderati dei farmaci, reazioni tossiche ad alimenti o vasomotorie ad agenti irritanti. Tuttavia un ulteriore sovrastima viene da un attribuzione di una genesi allergica alimentare a patologie fra loro estremamente diverse (emicrania, colon irritabile, orticaria cronica, sd della fatica cronica, sd ipercinetica del bambino, artriti siero negative, otite sierosa, malattia di Crohn) peraltro non confortata da rigorose evidenze scientifiche. Questo ha contribuito a creare una diffusa opinione generale che l allergia alimentare possa essere il camaleonte della medicina, in grado potenzialmente di spiegare patologie estremamente diversificate e che ancora non hanno trovato una sicura eziologia.

5 L esistenza di un imbarazzante distanza fra il sospetto clinico anamnestico e la sicura conferma diagnostica con il test in doppio cieco vs placebo (attualmente considerato il test diagnostico più sicuro) è documentata da due ampi studi europei, il primo olandese ed il secondo danese(tab 3): Tabella 3: Prevalenza delle reazioni avverse ai cibi Studio Anamnesi DBPCFC D.Altman, 12,4% 0,8% L.T.Chiaramonte(1994) 1483 soggetti JO B.Hourihane(1994) 7500 soggetti 19,9% 1,8% Si può razionalmente individuare nella scarsa disponibilità di estratti commerciali standardizzati e nell uso di tecniche non sufficientemente standardizzate come il prick by prick con alimento fresco, la causa di alcune false negatività e si possono anche ipotizzare modelli patogenetici immunologici diversi da quello reaginico in alcune reazioni ad alimenti per spiegare questa discrepanza, ma certamente l analisi di questi numeri induce una profonda riflessione circa i precisi confini dell allergia alimentare. Ulteriore elemento di confusione diagnostica è rappresentato dal fenomeno di un sempre più frequente ricorso, da parte dei pazienti a test alternativi, che si propongono di identificare con metodiche diverse dalle tradizionali, i cibi responsabili di allergie o intolleranze alimentari. Quest ultimo temine, che nella sua accezione più rigorosa vuole indicare ogni reazione avversa riproducibile che segue all ingestione di un alimento o ad alcuna delle sue componenti (proteine, carboidrati, grassi, conservanti) e comprende reazioni tossiche, metaboliche e allergiche è sempre più frequentemente interpretato in senso generico anche ad indicare un avversione psicologica nei confronti di questo o quel cibo. Il test leucocitossico, proposto per la prima volta nel 1956, e quindi cronologicamente prima della scoperta delle IgE, si basa sul principio che l aggiunta in vitro di uno specifico estratto alimentare al sangue intero o a sospensioni leucocitarie comporti una serie di modificazioni morfologiche nelle cellule fino alla loro citolisi. Nel test viene fornita una scala semiquantitativa che ha nella lisi cellulare l alterazione più significativa. In tempi più recenti è stata anche proposta una versione automatizzata del test che si basa sullo stesso razionale (ALCAT). Franklin e Lowell documentarono in soggetti allergici all ambrosia l assenza di significative differenze morfologiche nei globuli bianchi quando posti in provette a contatto con estratto di ambrosia. Chambers et al in soggetti polisensibilizzati non evidenziarono significative differenze nei globuli bianchi se posti a contatto con allergeni cui tali soggetti erano o meno sensibilizzati. Lieberman et al, in uno studio controllato, volto a valutare l effetto citotossico di alcuni allergeni su globuli bianchi posti in sospensione nel plasma, non identificarono alcuna correlazione fra risultati del test e reazioni allergiche a cibi o con reazioni indesiderate nei confronti degli stessi (emicrania, diarrea, astenia); inoltre il test non era riproducibile, dal momento che si ottenevano risultati diversi per una stessa persona se saggiata in momenti successivi. Benson ed Arkins in uno studio controllato in doppio cieco hanno identificato un elevato numero di risultati falsamente positivi e negativi.

6 Ciò dimostra che sull attendibilità di tali test esistono pareri controversi, ma se è vero che su tale parametro influiscono diverse variabili (diagnosi corretta, standardizzazione della metodica, esperienza dell operatore, ambiente, condizioni di stress psicofisico, stress ossidativi del paziente), l attendibilità dei test è comunque suffragata dai risultati clinici ottenuti con l astensione dagli alimenti risultati positivi. Anche nella nostra pratica clinica, l individuazione di intolleranze alimentari ottenute attraverso il test leucocitotossico permette di ottenere la risoluzione sintomatologica in un alta percentuale di casi (73,3% dei soggetti positivi). Va sottolineato che, come per ogni test diagnostico, la specificità aumenta in relazione a quanto più precisa sia l indicazione, e da ciò scaturisce l importanza di una corretta diagnosi. Gli eventuali risultati contrastanti sono spesso causati dall indiscriminato utilizzo dei test in assenza delle valutazioni anamnestiche e clinico-strumentali che sono alla base della medicina e che, purtroppo, vengono talvolta tralasciate; inoltre va sottolineata la fondamentale differenza tra intolleranza ed allergia, manifestazioni spiegabili attraverso meccanismi diversi, che non possono quindi essere utilizzate reciprocamente per la spiegazione o la negazione di un fenomeno. Occorre evidenziare che, per una dieta di astensione alimentare necessita impostare una corretta dieta di sostituzione che non sia priva di nutrimenti essenziali e pertanto bisogna avere buona conoscenza delle famiglie biologiche, dei gruppi alimentari e della composizione degli alimenti. Contrariamente a quanto si osserva nelle reazioni allergiche, il paziente intollerante potrà in una buona percentuale di casi, tornare a reintrodurre i cibi secondo la tecnica di rotazione. Prima di procedere alla reintroduzione alimentare è necessario verificare la possibilità di una doppia reazione immunitaria (IgG4/IgE), attraverso l esecuzione di RAST alimentare specifico. La negatività a tale test permetterà di insistere periodicamente nella reintroduzione alimentare di un cibo verso il quale si realizza ancora reazione avversa. Le intolleranze alimentari vanno tenute nella giusta considerazione nel puzzle diagnostico di ogni giorno, ed il non volerne riconoscere l esistenza rappresenterebbe un comportamento negligente. CONCLUSIONI E possibile pensare che il test leucocitotossico possa essere routinariamente utilizzato per la diagnosi di intolleranze alimentari? Non ancora, ma lo studio portato a termine può costituire uno spunto per dare l avvio a sperimentazioni cliniche controllate ed in doppio cieco, perché sembra evidente che il test leucocitotossico possa avere un ruolo importante, ma ancora non ben chiarito nella diagnostica di tali problematiche. Il meccanismo per cui si determinano alterazioni strutturali a carico dei leucociti dei soggetti in risposta a determinati estratti alimentari deve essere ancora chiarito, perché esso è dissimile rispetto alle reazioni immuno-mediate già ben note, e non risulta sufficientemente e completamente spiegato dall ipotesi che si tratti di un accumulo di metaboliti tossici. Infatti esiste una parte di pazienti che nei confronti di alcuni alimenti riscontra un corteo sintomatologico regredibile con la riduzione quantitativa dell alimento stesso, ma altri pazienti o gli stessi soggetti nei confronti di alimenti diversi, anche mai assunti, risultano positivi al test leucocitotossico e devono escludere completamente e definitivamente dalla propria dieta i suddetti alimenti. I meccanismi per cui si verificano alterazioni morfologiche del leucocita sembrano quindi essere almeno due, uno da accumulo di probabili metaboliti tossici mal digeriti ed uno da reazione immediata, quasi come da memoria da parte del leucocita nei confronti di sostanze o parti di sostanze.

7 In attesa che tali ipotesi di lavoro siano oggetto di verifica, i risultati della nostra esperienza, sia pure su un campione limitato di pazienti, starebbero a significare che il test leucocitotossico possa essere una metodica promettente nella diagnosi delle intolleranze alimentari. L intento dello studio è stato descrivere quanto abbiamo avuto modo di osservare attraverso la trattazione di queste problematiche, ma ci sembra siano necessari ulteriori approfondimenti condotti con metodiche controllate ed in doppio cieco, al fine di individuare una tecnica che possa fare luce su un problema clinico di rilievo, ma ancora non ben chiarito Qualora si verificasse la piena attendibilità del test leucocitotossico, ciò consentirebbe di prospettare ad un numero sempre crescente di pazienti una soluzione semplice, non invasiva, economica e di largo impiego per la diagnosi ed il trattamento di situazioni cliniche complesse e non altrimenti spiegate e curate, che incidono notevolmente sulla qualità di vita di molte persone. BIBLIOGRAFIA Amberg V.G.:Irritable Bowel Sindrome.Gastro Update Sciense Series published by Schetztor-Velag Ldt, Constabce, Germany, ;1999 Ballegaard M., Bjergstrom A., Brondum S., Hylander E., Jensen L., Ladefoger K.: IBD and food intolerance (abstract) Scand J Gastroenterol, 32(6):569-71;1997 Barnes R.M.R., Harvey M., Blears J., Finn R., Johnson P.M: IgG subclass of human serum antibodies reactive with dietary proteins.int.archs Allergy Appl.Immun 81: Biancone L., Monteleone I., Del Vecchio Bianco G., Valvassori P., Pallone F.: Recident bacterial flora and immune system. Digestive and Liver Desease:Vol.34-Suppl 2, 37/43; 2002 Bruijnzeel-Koomen C., et al.:adverse Reaction of food. Allergy V:623-35, 1995 Campieri M., Giochetti P.:Probiotics in inflammatory bowel disease:new insight to pathogenesis or a possibile therapeutic alternative? Gastroenterol. 116:1246-9;1999 Casimir G. J.A., Duchateau J., Gossart B., Cuvelier P.H., et al. :Atopic dermatitis :role of food and house dust mite allergeng. Pediatrics 92: ;1993 Champion M.C., Orr W.C.:Progressi in motilità gastrointestinale.blackwell Science Ldt.Osney Mead Oxford OX2 OEL, Gran Bretagna, 1997 Chandra RK., et al.: Food intolerance and irritable bowel syndrome. Gut; 30: , 1989 Cohen G., Hartman G., Hamburger R., O Connor R.: Severe anaemia and cronic bronchitis associated with a markedly elevated specific IgG to cow s milk protein. Annals of Allergy 55:38-40; 1985 Danese R., Galliani E.A., De Lazzari F., Di Leo V., Naccarato R., Discrepancies between reported food intolerance and sensitization test findings in irritable bowel sindrome patients. Aim.J.Gastroenterol.94(7):1982-7;1999 Digestive Disease Week(DDW), New Orleans, 1998 De Simone C., Famularo G., Bianchi-Salvatori B., Vesely R.:Prospettive terapeutiche dei batteri lattici.teoria eapplicazioni nel dismicrobismo intestinale.piccin Nuova Libreria S.P.A., Padova, 1998 De Santis A.Studi clinici:la sindrome dell intestino irritabile. Atti Simp. Probiotici:impiego dei preparati ad alta concentrazione Bologna 1997.P.14-5 Di Tullio G.: La malattia asmatica.ruolo della nutrizione biologica.atti 3 congresso S.N.G.B, suppl. al n 3 La med.biol.:15-19;2001 Gossart B., Cuvelier P.H., et al.:atopic dermatitis :role of food and house dust mite allergens.pediatrics 92 : ;1993 Guthrie EA, et al.:eating disorders in patients with IBS: a comparison with IBD and peptic ulceration.eur J.Gastroenterology 2:471-3, 1990

8 Heading R.C., Baldi F., Holloway R.H., Janssens J., Raymond J., Mc Callum R.W., Richter J.E.,Scarpignato C., Sontag S. J., Wienbeck M.:Farmaci procinetici nel trattamento della malattia da reflusso gastro-esofageo.european Journal of Gastroenterology & Hepatology, Vol 10 n 1, 1-8;1998 Jacobsen M.B., Aukrust p., Kittan E., Muller F., Ligland T., Bratter J., Bjerkell J., Vatn M.H.: Relation between food provocation and immune activation in patient with food intolerance. The Lancet:Vol July29, 2000 Jenkins M., Vickers A.:Unrealibility of IgE/IgG4 antibody testing as a diagnostic tool in food intolerance.clin Exp Allergy, 28(12):1526-9,1998 Kahrilas P.J.:Functional anatomy and physiology of the esophagus.in Castell DO, ed The Esophagus, 2 nd edn, Boston:Little, Brown and Co, 1-28;1995 Kitts D., Yuan Y., Joneja J., Scott F., Szilagyi A., Amiot J., Zakadas M.:Advers reation to food constituents:allergy, intolerance and autoimmunity.can J Phisiol Pharmacol, 75(4):241-54,1997 Le intolleranze alimentary - Sintomatologia e diagnosi; Mandatori M., Rizzo C.:Ecologia clinica ed intolleranze alimentari. Ed Tecniche Nuove, Milano 1998 Mowatt B.:Oral tolerance and the regulation of immunity to dietary antigens.in handbook of mucosal immunology, Ogra PL(editor) Academy Press,1994 Mestecky J., Mc Ghee J.R.:Immunoglobulin A(IgA) molecular and cellular interaction in IgA biosinthesis and immune response.adv.immunol.40:153,1987 Nibid A., Di Stanislao C., Bologna G.:Considerazioni in tema di reazioni avverse agli alimenti.test convenzionali ed alternativi.ausl 04 L Aquila-Divisione Dermatologica- Centro Allergologia Ortolani C., Vighi G.: Definition of adverse reaction to food.allergy, 50;20:8-13,1995 O Farrelly C., KellyJ., Hekkens W., Bradley B., et al:gliadin antibody levels: a serological test for celiac disease. British Medical Journal,286: ;1983 Paganelli R., Pallone F., Montano S., Le Moli S., et al.:isotypic analysis of antibody response to a food antigen in inflammatory bowel disease.int.archs.allergy Appl.Immun.78:81-85;1985 Pauli G., Deblay F., Bessat J.C., Dietmann A.: The association between respiratory allergy and food hypersensitivities.acl news 4;2;43-46,1992 Pearce L., et al.:modification of the colonic microflora using probiotics:the way forward? Atti 6 United European Gastroenterology Week, Gut 1997;41(suppl.3) Pedullà S., Strazzanti R., Sanfilippo G.:Ruolo dell idrocolonterapia in associazione ai probiotici nell approccio terapeutico alle intolleranze alimentari, Giorn di Gastroenterol Vol 8 n 1, 35-42,2003 Senna G., Leo G., Crivellaro M., Bonadonna P., Dama A., Schiappoli M.:Test alternativi nella diagnostica delle allergie alimentari Quando la fantasia non ha limiti! Notiziario Allergologico;20:96-103, 2001 Schnyder B., Pichler WJ.: Food intolerance and food allergy.schweiz Med Wochenschr, 129(24):928-33;1999 Tiedermann M.:Candidosi intestinale ed intolleranza alimentare. MF Medicina Funzionale, 1:18-20;2001 Vatn M.H.: Food intolerance and psycosomatic experience.scan J Work Environ Health, 23 suppl.3:75-8;1997 Wuthrich B.:Food additivies and genetically modified food- a risk for allergic patients.schweitz Rundsch Med Prax,88(14): ,1999 Zerbib F., Bruley Des Varennes S.:Les relaxations transitories du sphincter inferieur de l oesophage.hepato gastro 4:287-93,1997

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito.

BI-FOOD TEST. Test pratico ed economico basato su prelievo di sangue venoso o capillare da dito. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA MURICCHIO di Dott.sa Daniela Fasce &C. s.a.s. via Rattazzi, 36-19121 La Spezia tel./fax 0187 22953 CF - P.IVA 00762660116 - e mail: lab.muricchiodifasce@libero.it BI-FOOD

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A.

INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A. INTOLLERANZE ALIMENTARI E TEST CITOTOSSICI NELL ESPERIENZA DI H. SAN RAFFAELE RESNATI S.P.A. Dott.ssa Stefania Ferrari Libera professione presso il Laboratorio Analisi dell Ospedale San Raffaele - Resnati

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari Cos è il Food-Detective? E un test rapido per la rilevazione delle intolleranze alimentari E un test sicuro ed affidabile E un test che si esegue

Dettagli

Ipersensibilità alimentare

Ipersensibilità alimentare ! " # $ " %% " # %& EAACI : European Academy of Allergology and Clinical Immunology Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica IgE mediata Non IgE mediata Allergy, 2001;56:813

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE

REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE Prof. Dott. M. Mandatori Docente di Nutrizione Olistica c/o AMNCO Università di Tor Vergata Natural s.r.l. Viale Ippocrate 93 00161 Roma Tel. 06/44702512-17

Dettagli

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI?

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Per reazione avversa a farmaci si intende qualsiasi risposta non desiderata

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI?

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIA ALIMENTARE reazione anomala mediata dal sistema immunitario nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti erroneamente come estranei INTOLLERANZA ALIMENTARE

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

LE INTOLLERANZE ALIMENTARI: DALL EVIDENZA MICROSCOPICA ALLA PRATICA CLINICA

LE INTOLLERANZE ALIMENTARI: DALL EVIDENZA MICROSCOPICA ALLA PRATICA CLINICA LE INTOLLERANZE ALIMENTARI: DALL EVIDENZA MICROSCOPICA ALLA PRATICA CLINICA Ten. Colonnello Medico Dott. Mauro De Fulvio Specialista in Igiene e Medicina Preventiva Capo Reparto del Policlinico Militare

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3 " < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2

39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3  < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2 !"# $!('$('((**+$,%**(-$.(*% /0 ) %$&'()%(*$% 1 2 3432 $ *+(-(7 %'$(8%$!('$('(%'%$.(* 9 3: 3 2 2, - $%*.$%*)(' $.(*%" 2% -$ 6 678 39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3 " < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2 332? 5 $'%$.(*%+%*%A$

Dettagli

DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO

DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO M.Ruffelli, O.De Pità Laboratorio di Allergologia e Immunologia Istituto Dermopatico dell Immacolata IDI- IRCCS Roma Introduzione

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

SMA - DRIATEC OBIETTIVO SALUTE. Il test DRIA e l evoluzione delle ipersensibilità alimentari. Roma 25 ottobre 2008 Daniele Vietti Driatec srl

SMA - DRIATEC OBIETTIVO SALUTE. Il test DRIA e l evoluzione delle ipersensibilità alimentari. Roma 25 ottobre 2008 Daniele Vietti Driatec srl SMA - DRIATEC OBIETTIVO SALUTE Il test DRIA e l evoluzione delle ipersensibilità alimentari. OBIETTIVI DELL INCONTRO Ci è stato chiesto di venire a spiegare il nostro test sull intolleranza noi preferiamo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Le intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari Le intolleranze alimentari Il metodo di analisi Citotossico deriva dallo studio degli immunologi anglosassoni Squier e Lee che nel 1947 osservarono in vitro una diminuzione del numero dei leucociti (globuli

Dettagli

Sono sempre stanco Mio figlio non sta mai fermo, è sempre distratto e va male a scuola Ho sempre mal di testa Ho sempre mal di pancia Non riesco a dimagrire Allergia Alimentare Bambini: 6-8% Adulti: 2-3%

Dettagli

DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO

DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO DIAGNOSI DI LABORATORIO DELLE REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI METODICHE A CONFRONTO Dott.ssa O. De Pità Dott.ssa M. Ruffelli Laboratorio di Immunologia ed Allergologia Istituto Dermopatico dell Immacolata

Dettagli

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari Nell'ambito delle "reazioni avverse al cibo" è opportuno schematizzare quanto classificato dall'accademia Europea di Allergologia ed Immunologia Clinica. L'allergia alimentare è mediata immunologicamente

Dettagli

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Questionario Alimentare (FQ) Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28 Novembre 2014, Bologna

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

Sig./Sig.ra: alessio.paggi@gmail.com

Sig./Sig.ra: alessio.paggi@gmail.com 1 Sig./Sig.ra: Questo questionario ha l utilità di evidenziare le problematiche personali e la motivazione per cui ha richiesto una consulenza nutrizionale. Risulta perciò di fondamentale importanza che

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo Master di II livello Università Cattolica del Sacro Cuore Malattie Allergiche Severe (alimenti, farmaci, imenotteri, lattice, anafilassi ed asma grave) Anno Accademico 2014 2015 Programma definitivo 21

Dettagli

CELIACHIA DELL ADULTO E IN ETA PEDIATRICA: UN ICEBERG DA CONOSCERE E DA RICONOSCERE

CELIACHIA DELL ADULTO E IN ETA PEDIATRICA: UN ICEBERG DA CONOSCERE E DA RICONOSCERE CELIACHIA DELL ADULTO E IN ETA PEDIATRICA: UN ICEBERG DA CONOSCERE E DA RICONOSCERE Vercelli, 22/10/2005 La percezione della malattia celiaca nella medicina di base Dott. Pier Giorgio Fossale generalità

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare.

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare. Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare Gianni Cadario Rete Regionale di Allergologia e Osservatorio Gravi Reazioni Allergiche

Dettagli

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014

Basi biochimiche dell azione dei farmaci. Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Basi biochimiche dell azione dei farmaci Mentana Fortunato Pisa, 17 Marzo 2014 Celiachia Malattia autoimmune che coinvolge prevalentemente l intestino. Gluten Sensitivity Sindrome caratterizzata da molteplici

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

E quando la celiachia riguarda l adulto?

E quando la celiachia riguarda l adulto? Gluten Free Day 10 ottobre 2015 E quando la celiachia riguarda l adulto? Giancarlo Sandri 14/10/2015 1 Cos è la celiachia La celiachia, o malattia celiaca (MC), è una patologia di tipo autoimmunitario,

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ lattosio PAZIENTE 1) Quali sono i sintomi dell'intolleranza al lattosio? Generalmente i sintomi sono di tipo intestinale e compaiono da pochi minuti a 1 2 ore dopo l'ingestione di cibi contenenti lattosio.

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Che cos è la celiachia?

Che cos è la celiachia? Che cos è la celiachia? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica dell intestino tenue, dovuta ad una intolleranza al glutine assunto attraverso la dieta. Il glutine è una proteina contenuta in

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

Intolleranze al frumento: casi clinici di trattamento alimentare

Intolleranze al frumento: casi clinici di trattamento alimentare Intolleranze al frumento: casi clinici di trattamento alimentare Dott. Fausto Aufiero -Docente di Bioterapia Nutrizionale - Avellino ABSTRACT Scopo: L intolleranza può essere genericamente definita come

Dettagli

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali.

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. Renato Rossi Rete di Allergologia Regione Piemonte Rivarossa Team Alba (CN) Negli ultimi anni l impiego di tecniche di biologia molecolare ha

Dettagli

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA.

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA. In collaborazione con Claudia Koll - Presidentessa Onoraria Associazione Italiana Celiachia Associazione Italiana Celiachia Piemonte - Valle d Aosta I CONSIGLI DEL FARMACISTA. LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue.

Le micotossine. L analisi consiste nella ricerca di IgG / IgA / IgM / IgE specifiche per Mycotssine, Muffe e Candida albicans nel nostro sangue. Le micotossine Fin dal 1978 gli studi del Professor Truss evidenziarono come la trasformazione da spora a fungo della Candida Albicans (un micete normalmente presente nell'organismo della quasi totalita

Dettagli

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord

Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria. Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Conoscere per Vincere Il Rotary per la prevenzione Sanitaria Giuseppe Failla R.C.Ct & Giovanni Urso R.C. Ct Nord Qualche numero Sul territorio nazionale: Incidenza CRC: 52.000 nuovi casi diagnosticati

Dettagli

Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014

Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014 Evento formativo: SEMINARIO MALATTIE RARE, PAZIENTI STRANI E SINTOMI PECULIARI Camogli, 30 maggio - 2 giugno 2014 Responsabile Scientifico: Dott. Roberto Petrucci Medico Chirurgo, Esperto in Medicina Omeopatica,

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Comunicazione del rischio Sentiero docenti

Comunicazione del rischio Sentiero docenti Convegno Gli allergeni negli alimenti Roma 25 settembre 2013 Comunicazione del rischio Sentiero docenti Giulia Mascarello WP8 Strategie di comunicazione sui fattori di rischio di allergie alimentari U.O.

Dettagli

SUI TEST ALTERNATIVI NELLA DIAGNOSTICA DELLE ALLERGIE

SUI TEST ALTERNATIVI NELLA DIAGNOSTICA DELLE ALLERGIE LINEE GUIDA AAITO SUI TEST ALTERNATIVI NELLA DIAGNOSTICA DELLE ALLERGIE European Annals of Allergy and Clinical Immunology Dicembre Supplemento 2, 2004 MEDICINE NON CONVENZIONALI Le medicine non convenzionali

Dettagli

I metodi per la misura della diagnosi

I metodi per la misura della diagnosi C.I. di Metodologia clinica I metodi per la misura della diagnosi Obiettivo Conoscere ed utilizzare i principali strumenti per interpretare l'attendibilità e la rilevanza dei test diagnostici ai fini della

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi.

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. COS'E' L' INTOLLERANZA AL LATTOSIO? Il latte è composto da: acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. Fra gli zuccheri, quello maggiormente presente è

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Dove si trovano i prodotti? Che cos è questa malattia? Cosa si mangia? OLTRE Oggi le persone affette da celiachia trovano

Dettagli

Servizio di Allergologia. Settimo Torinese,14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011

Servizio di Allergologia. Settimo Torinese,14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011 Servizio di Allergologia Settimo Torinese,14 dicembre 2010 Chivasso, 28 gennaio e 7 febbraio 2011 Dati della Rete Allergologica Regionale sulle reazioni avverse da alimenti (dal Report 2009) Su circa 162.000

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Gli auto-test: 1) Test del bulbo del capello: nuovo mineralogramma. Descrizione sintetica.

Gli auto-test: 1) Test del bulbo del capello: nuovo mineralogramma. Descrizione sintetica. 1 Centro Terapie Naturali Ambulatorio polispecialistico direttore sanitario dott. Gerardo Olbi (www.dottolbiozono.it) Gestione: Società Herboristica Sas. P.za P. M. D Aviano, 9/5 31046 Oderzo (Tv). C.F.

Dettagli

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA

ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: FACCIAMO CHIAREZZA Il cibo rappresenta, per tutti noi, allo stesso tempo fonte di piacere ed energia per la nostra vita quotidiana. Purtroppo è noto, fin dai tempi di

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA

LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA LISTA ALIMENTI, MACRONUTRIENTI LISTA DELLA SPESA MACRO & GROCERY 1 PIANO PERSONALIZZATO Il fatto che stai leggendo questo ebook significa che conosci l'importanza della giusta nutrizione Quando cerchiamo

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI Collaborazione ASL Como- UOOML Desio - Centro di allergologia Ospedale S.Raffaele Milano Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Como Direttore M.Rita

Dettagli

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926 Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926? Ho mal di pancia e la mia parrucchiera mi ha detto che è probabile che abbia i diverticoli; cosa sono? Piccole tasche che si formano attraverso la parete muscolare del

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti alla corrosione; il monel,

Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti alla corrosione; il monel, Le intossicazioni da Nichel: diagnosi e nuove cure Dott. ssa Paola Fiori* Cosè il nichel? Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO

IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO Gi aspetti dea sicurea aietare e abit dee diete speciai B.SANTINI-S.FRANCO S.FRANCO SSD Nutrizione Clinica AO Città della Scienza e della Salute Dipartimento

Dettagli

Dott.ssa Paola Minale UO Allergologia AO S:MARTINO ALLERGIE INTOLLERANZE ALIMENTARI: UN ESEMPIO DI INTEGRAZIONE DELLE PROFESSIONALITA COINVOLTE La

Dott.ssa Paola Minale UO Allergologia AO S:MARTINO ALLERGIE INTOLLERANZE ALIMENTARI: UN ESEMPIO DI INTEGRAZIONE DELLE PROFESSIONALITA COINVOLTE La Dott.ssa Paola Minale UO Allergologia AO S:MARTINO ALLERGIE INTOLLERANZE ALIMENTARI: UN ESEMPIO DI INTEGRAZIONE DELLE PROFESSIONALITA COINVOLTE La crescita esponenziale che si è verificata negli ultimi

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi,

Recenti pubblicazioni scientifiche hanno confermato l incremento della. frequenza della Sindrome del tunnel carpale (STC) in molti settori lavorativi, SINDROME DEL TUNNEL CARPALE ED IMPRESE DI PULIZIA: UN BINOMIO DA NON TRASCURARE. D. di Carlo, G.Tangredi, M. Giudici, K. Papini Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro Azienda G. Salvini Garbagnate

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Patogenesi. Terapie nutrizionali. Dott.ssa Luisa Cigliano Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Università di Napoli Federico II

Patogenesi. Terapie nutrizionali. Dott.ssa Luisa Cigliano Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Università di Napoli Federico II Patogenesi. Terapie nutrizionali Ho appena scoperto di essere intollerante all acqua!! Dott.ssa Luisa Cigliano Dipartimento di Biologia, Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Università di Napoli Federico II

Dettagli

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti

N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC. Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti N. identificativo progetto: IZS SA 08/09 RC Sicurezza alimentare: garanzie e informazioni sulla presenza di sostanze allergeniche negli alimenti Relatori: Dr.ssa M.R. Mancuso Dr.ssa B. Soro Sviluppo di

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli