la dispepsia un problema trascurato o un problema trascurabile? Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la dispepsia un problema trascurato o un problema trascurabile? Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi"

Transcript

1 la dispepsia un problema trascurato o un problema Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi trascurabile?

2 la dispepsia un sintomo o una diagnosi?

3 Cosa è la dispepsia? Sindrome caratterizzata da dolore/disturbo, ricorrente o cronico, localizzato ai quadranti superiori dell'addome

4 Dispepsia nessuna evidenza biochimica, endoscopica o ultrasonografica di patologia organica che possa spiegare la sintomatologia (ulcera peptica o neoplasia esofagea, gastrica o duodenale, patologia a carico delle vie biliari o del pancreas)

5 ICD9-CM MALATTIE DELL'APPARATO DIGERENTE ( ) MALATTIE DELL'ESOFAGO, STOMACO E DUODENO ( ) Disturbi della funzione gastrica (536) Dispepsia (536.8) Achilia Indigestione Iperacidità Ipercloridria Ipocloridria Stomaco a clessidra DISTURBI PSICHICI ( ) DISTURBI NEVROTICI E DELLA PERSONALITÀ E ALTRI DISTURBI PSICHICI NON PSICOTICI ( ) Disfunzioni fisiche da fattori psichici. Sintomi fisici psicogeni che non producono lesioni organiche (306) Dispepsia psicogena (306.4)

6 Considerazioni sulla epidemiologia La prevalenza della dispepsia è elevata ovunque nel mondo. Negli Stati Uniti il 25% della popolazione presenta dispepsia (escludendo la MRGE) Studi effettuati in Italia, Stati Uniti e Norvegia suggeriscono una prevalenza tra il 20 e il 40% nella popolazione generale. Uno studio scandinavo riporta circa al 3% l incidenza annua della dispepsia

7 Considerazioni sulla epidemiologia e sul mio lavoro solo un terzo si rivolge al medico comunque un medico di famiglia dovrebbe avere registrato tra le sue diagnosi da 300 a 600 dispepsie con nuovi casi l anno invece

8 ultimi cinque anni 40 descrizioni comprendenti il termine dispepsia nessun problema

9

10 Digressione sul nostro lavoro Siamo obiettivi nel registrare le patologie? Registriamo fedelmente quello che succede nei nostri ambulatori? Dalle nostre schede si può davvero capire lo stato di salute della popolazione? Possiamo ambire o dobbiamo assumerci questo ruolo?

11 La discussione è aperta

12 Cause della dispepsia Prevalenza delle diverse forme di dispepsia in Italia Dispepsia funzionale 63% Dispepsia organica 37% Malattia ulcerosa 17% Litiasi 7% Cancro gastrico 1.1% Abuso alcolico 2% Esofagite 6% Altre cause 4% Capurso, 2000

13

14 Dispepsia secondaria Dispepsia e malattie gastroenteriche ulcera peptica MRGE patologia vie biliari gastrite, duodenite neoplasie (pancreas, colon, stomaco) pancreatite cronica malassorbimento Farmaci FANS Antibiotici orali Digitale Teofillina Alendronato Sali di potassio

15 Cause Dispepsia: della i dispepsia sintomi Dolore a livello dell addome superiore Fastidio a livello dell addome sup. Una sensazione negativa e soggettiva di fastidio, disturbo, vago malessere che non raggiunge il livello di dolore per il paziente (discomfort) Sazietà precoce La sensazione che lo stomaco sia sovradisteso subito dopo l inizio del pasto, senza rapporto con la quantità di cibo ingerito, così da non poter terminare il pasto Ripienezza postprandiale Una sensazione spiacevole di persistenza del cibo nello stomaco Nausea La sensazione di aver bisogno di vomitare Conati di vomito L'atto del vomito senza contenuto gastrico Vomito Espulsione forzata del contenuto gastrico dalla bocca Distensione addominale Sensazione di distensione addominale localizzata ai quadranti superiori dell'addome.

16 Dispepsia: i sintomi Principali sintomi della dispepsia Dolore epigastrico pirosi rigurgito peso epigastrico post-prandiale sazietà precoce nausea vomito eruttazione

17 Dispepsia: i sintomi Sono stati identificate quattro categorie di dispepsia: Dispepsia "simil-ulcerosa" caratterizzata da sintomi che ricordano quelli della malattia ulcerosa con prevalenza di dolore e pirosi epigastrica a comparsa prevalente a digiuno, che migliorano con l'assunzione di cibo o antiacidi. Dispepsia "dismotilica" in cui sono prevalenti sintomi quali la sazietà precoce, il gonfiore epigastrico, la sensazione di digestione lunga e laboriosa, la nausea ed il vomito. Dispepsia "simil-reflusso" che si manifesta con pirosi retrosternale e rigurgito acido. Dispepsia "indefinita" in cui si assiste alla combinazione di sintomi appartenenti a due o più delle forme precedenti.

18 Dispepsia: i sintomi Per quanto riguarda la ulcer-like functional dyspepsia la sintomatologia è caratterizzata da tre o più dei sintomi descritti di seguito. il dolore addominale è il sintomo predominante: dolore ben localizzato all epigastrio, in un area ristretta e individuabile puntando uno o due dita; dolore alleviato dal pasto; dolore alleviato da antiacidi e/o da farmaci antih2; dolore che si manifesta prima dei pasti o quando affamati; dolore notturno che può risvegliare il paziente dal sonno; dolore periodico con periodi di remissione e di attivazione (periodi di almeno 2 settimane inframmezzati da periodi di settimane o mesi in cui non è presente dolore

19 Dispepsia: i sintomi Per quanto riguarda la dismotility-like functional dyspepsia il sintomo predominante non è il dolore. E presente, invece fastidio o malessere cronico associato a tre o più dei seguenti sintomi e segni: sazietà precoce; ripienezza postprandiale; nausea; conati di vomito o vomito franco a carattere ricorrente; meteorismo a livello dell addome superiore non accompagnato da distensione visibile; il malessere è spesso aggravato dal pasto.

20 patogenesi I meccanismi sottesi alla sintomatologia dispeptica funzionale non sono del tutto chiari

21 patogenesi Possibili fattori causali sono rappresentati da disordini motori gastrointestinali, infezioni virali o batteriche, lesioni non focali della mucosa gastrointestinale, alterazioni della secrezione, un alterata percezione degli stimoli.

22 patogenesi Cause Dispepsia della funzionale dispepsia Patogenesi dispepsia simil-ulcerosa secrezione acida gastrica Helicobacter pylori gastrite e duodenite cronica fattori esogeni profilo psicologico Patogenesi dispepsia simil-motoria alterazioni motilità duodeno- digiunale ormoni gastrointestinali Helicobacter pylori alterata sensibilità viscerale stress e profilo psicologico alterata accomodazione gastrica post-prandiale

23 patogenesi Anomalie della secrezione gastrica nella maggior parte degli studi sembra che la secrezione acida rilevata in pazienti dispeptici non sia differente da quella osservabile in soggetti sani numerosi studi hanno riportato che il trattamento con H2-antagonisti o PPI risulta efficace Studi più accurati nei pazienti sensibili agli antiacidi hanno evidenziato reflusso gastroesofageo, esofagite, ulcera

24 patogenesi Alterazioni motorie La motilità dello stomaco e del duodeno è organizzata in due specifici pattern motori Il pattern a digiuno o interdigestivo è caratterizzato da periodi di quiescenza motoria alternati a periodi di attività contrattile Il pattern post-prandiale è caratterizzato da una attività motoria fasica persistente ma irregolare. Il pattern post-prandiale si attiva immediatamente dopo l ingestione di un pasto e sostituisce il pattern interdigestivo in qualunque punto quest ultimo si trovi. La risposta al pasto dipende dal volume, dallo stato fisico (liquido o solido), e dai nutrienti contenuti nel pasto.

25 patogenesi Alterazioni motorie - nel 70% dei dispeptici è stata riscontrata una ridotta risposta contrattile all ingestione di cibo ed un ritardo del tempo di svuotamento gastrico dei solidi - si tratta di attività anormale per forma e propagazione, attività motoria non propagata, incapacità di trasformare il pattern motorio interdigestivo in postprandiale

26 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico - Qualunque ostruzione anatomica a livello della giunzione antropilorica e del bulbo duodenale può comportare ritenzione gastrica - Molte situazioni cliniche sono associate a ritardato svuotamento gastrico pur in assenza di ostruzione di tipo anatomicostrutturale a livello gastrico

27 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico - il tempo di svuotamento gastrico di un pasto radiomarcato è ritardato in una elevata proporzione di pazienti con dispepsia, ma certamente non in tutti - lo svuotamento dei solidi è maggiormente compromesso rispetto a quello dei i liquidi - la stasi gastrica si può sviluppare sia a causa di una compromissione della peristalsi antrale sia a causa di una aumentata resistenza al flusso nell'intestino tenue dovuto ad alterazione della motilità intestinale - nei pazienti con le forme più gravi spesso è possibile trovare una alterazione sia della motilità gastrica sia di quella intestinale

28 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico Fattori meccanici: Carcinoma gastrico. Ulcera duodenale, pilorica o prepilorica. Stenosi idiopatica ipertrofica del piloro Malattia acido-peptica: Reflusso gastroesofageo. Malattia peptica gastrica Gastrite: Gastrite atrofica. Gastroenterite virale. Malattie metaboliche ed endocrine: Chetoacidosi diabetica (acuta). Gastroparesi diabetica (cronica). Ipotiroidismo. Gravidanza. Uremia Malattie del collageno (es. sclerodermia) Pseudo-ostruzione Idiopatica Secondaria (es. amiloidosi, distrofia muscolare) Chirurgia gastrica: Sindrome postvagotomia e/o resezione gastrica Farmaci: Anticolinergici, analgesici narcotici, L-dopa Ormoni Gastrina, colecistochinina, somatostatina Psicogene: Anoressia - Bulimia Idiopatica

29 patogenesi Alterazioni dell'attività elettrica L'attività elettrica dello stomaco ha una frequenza che nel soggetto normale oscilla tra i 2.0 e i 4.0 cicli per minuto La tachigastria è definita come la frequenza gastrica regolare ad una frequenza tra i 4.0 e i 9.0 cpm. La tachiaritmia è simile alla tachigastria ma il ritmo è irregolare la relazione tra le alterazioni del ritmo elettrico gastrico e la motilità non è ancora chiara la disritmia può essere solo un epifenomeno, associato alla nausea e al vomito

30 Alterazioni ormonali patogenesi -riduzione dei livelli di motilina -la colecistochinina può indurre sazietà - il progesterone, l estradiolo, e la prolattina possano ritardare il transito -i livelli di gastrina sono leggermente più alti nei pazienti con dispepsia

31 patogenesi Ruolo dell Helicobacter pylori è possibile rilevare la presenza di gastrite H. Pylori positiva all istologia nel 30-70% dei pazienti dispeptici senza segni endoscopici di ulcera la maggior parte degli autori non è riuscita ad evidenziare alcuna significativa differenza nel pattern sintomatologico di pazienti dispeptici con e senza infezione L eradicazione dell infezione può portare ad un miglioramento dei sintomi, ma l entità del miglioramento è variabile e i risultati non sono univoci

32

33

34

35 patogenesi Alterazioni del profilo psicologico gli eventi stressanti sono associati alla dispepsia funzionale c è un aumento del rischio di dispepsia funzionale se esiste una condizione di incongruità di stato sociale percentuali più alte di patologie neurotiche, ansia, depressione, ostilità e tensione sono state ben documentate nei pazienti dispeptici rispetto ai controlli

36 Opzioni di gestione del paziente con dispepsia Esecuzione immediata di EGDS con trattamento basato sull esito dell indagine Trattamento empirico con antisecretori o procinetici, eseguendo EGDS nei nonresponders Ricerca dell infezione da Helicobacter pylori con tests non invasivi e trattamento in caso di positività (test and treat)

37 esecuzione immediata di EGDS con trattamento basato sull'esito VANTAGGI esame relativamente semplice escludere patologie organiche evitare trattamenti inefficaci, basati empiricamente sui sintomi permette inoltre di rassicurare il paziente

38 trattamento empirico (antisecretori o procinetici) riservando l'egds ai casi che non hanno risposto alla terapia prima scelta negli Stati Uniti gli inibitori di pompa protonica si sono dimostrati superiori agli antagonisti dei recettori H2 e all' alginato la terapia con procinetici ha dimostrato anch'essa evidenza di efficacia

39 trattamento empirico (antisecretori o procinetici) riservando l'egds ai casi che non hanno risposto alla terapia Svantaggi guarire solo temporaneamente una lesione ulcerativa mascherare sintomi di una patologia neoplastica gastrica possibile rebound acido dopo sospensione

40 ricerca dell'infezione da H.p. con test non invasivi e trattamento se presente (test and treat) razionale: eliminare la gastrite cronica associata e l' eventuale ulcera che potrebbe coesistere non indicata l esecuzione di EGDS nei casi risultati positivi per l'h.p: -aumento dei costi -nessun miglioramento dei risultati

41 Valutazione dei sintomi la valutazione dei singoli sintomi presentati dal paziente è utile nella scelta dell'una o dell'altra opzione?

42 Valutazione dei sintomi sintomi atipici alcuni tipi di dolore epigastrico presentano caratteristiche tali da permettere di distinguerlo da quello della dispepsia: la colica biliare e ancor più il dolore pancreatico sono più violenti, di maggiore durata e ad insorgenza rapida.

43 Valutazione dei sintomi sintomo predominante: pirosi Nonostante la pirosi retrosternale sia un buon predittore di MRGE questo sintomo sembra riuscire a identificare correttamente solo il 54% dei pazienti con MRGE nel gruppo dei dispeptici.

44 Valutazione dei sintomi sintomo predominante:dolore compatibile con ulcera peptica anche in questo caso non sembra possibile individuare in base ai sintomi i pazienti con ulcera nell'ambito dei dispeptici;

45 Valutazione dei sintomi Durata dei sintomi la lunga durata dei sintomi (ad esempio da anni) non permette di escludere la dispepsia organica dato che l'ulcera peptica ad esempio è malattia tipicamente ricorrente ma suggerisce generalmente l'assenza di malattia neoplastica.

46 Diagnosi dopo esame endoscopico in pazienti dispeptici

47 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Esiste una notevole sovrapposizione tra le forme organiche e funzionali, e tra le varie forme funzionali di dispepsia forme funzionali quali la sindrome dell intestino irritabile (IBS), il reflusso gastroesofageo, il meteorismo funzionale e i disordini funzionali delle vie biliari possono essere confuse con la dispepsia funzionale

48 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Malattia ulcerosa peptica l'età 30% <40 60% >40 i sintomi dolore notturno, severo, alleviato dal pasto, vomito l anemia Soltanto la gastroscopia può differenziare in maniera accurata i pazienti affetti da ulcera peptica e quelli con dispepsia funzionale

49 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE. Reflusso gastroesofageo Il bruciore retrosternale e rigurgito, quando sono sintomi predominanti, hanno una sensibilità del 78% e una specificità del 60% per la diagnosi di reflusso Solo 1/3 dei pazienti con sintomi di reflusso presentano segni di esofagite all'endoscopia La phmetria delle 24 h sembra essere l'indagine più sensibile (79-95%) e specifica (86-100%)

50 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Patologia delle vie biliari Il dolore biliare dovuto a colelitiasi è solitamente episodico e di intensità severa, dura per ore e non si manifesta a digiuno dolore irradiato posteriormente Non è chiaro se una disfunzione dello sfintere di Oddi possa essere responsabile di una sintomatologia dispeptica

51 Neoplasie DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Il carcinoma gastrico si può presentare con una sintomatologia dispeptica e l'early gastric cancer è la più importante diagnosi differenziale da considerare anziani, dolore continuo o aggravato dal pasto, solitamente associati anoressia e perdita di peso Altre neoplasie linfoma gastrico, leiomiosarcoma, cancro esofageo, cancro del pancreas, dell ampolla, del colon trasverso.

52 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Gastrite e duodenite forma acuta erosiva emorragica, presenta una mucosa gastroduodenale infiltrata da neutrofili sintomatica nel 10-60% dei casi forma cronica infiltrazione di plasmacellule e linfociti reperto molto comune nei soggetti sani asintomatici (>50%)

53 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Pancreatite Acuta dolore addominale molto intenso, irradiato posteriormente Cronica difficile da differenziare dalla dispepsia funzionale fattori di rischio: alcool amilasi, lipasi

54 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Sindrome da malassorbimento morbo celiaco distensione addominale, meteorismo e flatulenza dolore addominale e diarrea Giardiasi fastidio addominale, meteorismo, nausea e anoressia sintomi dispeptici per mesi, intercalati con periodi di diarrea di 2-3 giorni Strongiloidiasi dolore addominale alto e nausea.

55 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Altre patologie che possono presentare sintomatologia dispeptica malattia di Crohn gastrite eosinofila Tubercolosi Sifilide Sarcoidosi malattia di Menetrier altre forme di gastrite ipertrofica

56 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Dispepsia indotta da farmaci antinfiammatori non-steroidei possono causare dolore addominale con o senza lesioni gastriche o duodenali evidenti la severità dei sintomi non sembra essere predittiva della presenza di erosioni teofillina digitale antibiotici (ampicillina ed eritromicina) potassio ferro alcool una riduzione della dose o l'interruzione del trattamento può alleviare i sintomi ed evitare costosi esami

57 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Disordini metabolici diabete mellito complicato da neuropatia ritardo di svuotamento gastrico dei solidi e dei liquidi: ripienezza postprandiale, nausea, vomito e sazietà precoce radiculapatia diabetica delle radici del nervo toracico: dolore addominale severo ipertiroidismo dolore addominale acuto e vomito ipotiroidismo grave ipomotilità gastrica iperparatiroidismo dolore addominale, nausea, vomito e anoressia, anche senza malattia ulcerosa peptica iperglicemia iperkaliemia ritardano lo svuotamento gastrico e causano distensione epigastrica, nausea e vomito.

58 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Cardiopatia ischemica i pazienti con cardiopatia ischemica cronica frequentemente riferiscono "indigestione" o "gas nello stomaco l'angina può essere aggravata dal pasto o quando un esercizio fisico segue il pasto i pazienti con infarto del miocardio della parete posteriore possono presentare un dolore addominale un dolore addominale postprandiale può anche essere suggestivo di angina intestinale

59 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Malattie del collageno La sclerodermia coinvolge lo stomaco e specialmente l'intestino tenue con presenza di disturbi addominali quali meteorismo, distensione addominale, anoressia, nausea e vomito Il dolore addominale, insieme ad anoressia, nausea e vomito è frequente in pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico (LES).

60 SINTOMI DI ALLARME Età d insorgenza >45 anni Perdita di peso >10% del peso corporeo Vomito Melena, rettorragia Disfagia Ittero Familiarità per K tratto gastrointestinale superiore Pregressa gastroresezione Pregressa ulcera peptica

61 SINTOMI DI ALLARME la presenza di sintomi d'allarme non ha un valore predittivo elevato per patologia organica in presenza di questi sintomi è assolutamente necessario eseguire immediatamente EGDS

62 Dispepsia e IBS

63

64

65

66

67

68

69 Vi ringrazio confessione per l attenzione.soffro anch io di dispepsia.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE QUADRI CLINICI, CORRELATI ALL ETA, CARATTERIZZATI DA SINDROME CRONICA O RICORRENTE, NON ASSOCIATI A PATOLOGIA ORGANICA, BIOCHIMICA O STRUTTURALE DISORDINI

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO

SPORT E APPARATO GASTROENTERICO SPORT E APPARATO GASTROENTERICO Esofago passaggio del cibo Cardias diaframma passaggio nello stomaco Stomaco succo gastrico (acido cloridrico) (chilo) Piloro passaggio nel duodeno Duodeno inizio processi

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

ELEMENTI ORIENTATIVI ALLA DIAGNOSI DELLA DISPEPSIA

ELEMENTI ORIENTATIVI ALLA DIAGNOSI DELLA DISPEPSIA ELEMENTI ORIENTATIVI ALLA DIAGNOSI DELLA DISPEPSIA Le forme occasionali sono spesso legate ad eventi esterni (stress, eccesso di cibo, assunzione di farmaci, ecc.) e rispondono prontamente ad una opportuna

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/monc/

Dettagli

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE

PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE PANCREATITE ACUTA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO MANIFESTAZIONI LOCALI E SISTEMICHE COMPARSA 40/50 a.rapp.2/1 Femmine Maschi CALCOLOSI BILIARE(35/65%) / ERCP/ INTERVENTI / TRAUMI ALCOLISMO CRONICO(30%)

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Apparato digerente. I movimenti

Apparato digerente. I movimenti Apparato digerente I movimenti MOTILITA GASTROINTESTINALE La masticazione Atto volontario (più frequentemente è un azione riflessa) Movimenti della mandibola controllati dai m. masticatori a cui partecipano

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/port3356/

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

PRINCIPIO METODOLOGICO DEL DOSAGGIO ALLERGIA ALIMENTARE IgG MEDIATA

PRINCIPIO METODOLOGICO DEL DOSAGGIO ALLERGIA ALIMENTARE IgG MEDIATA PRINCIPIO METODOLOGICO DEL DOSAGGIO ALLERGIA ALIMENTARE IgG MEDIATA Il test Allergia alimentare IgG mediata è un test immunoenzimatico basato sulla metodica ELISA (Enzime-Linked Immunosorbent Assay). Questo

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/port3788/ Tags: download, download

Dettagli

Gastrite, Mal di stomaco, Dispepsia e Helicobacter pylori. Il Dottor Carlo Gargiulo incontra il Professor Dino Vaira

Gastrite, Mal di stomaco, Dispepsia e Helicobacter pylori. Il Dottor Carlo Gargiulo incontra il Professor Dino Vaira astrite, Mal di stomaco, Dispepsia e Helicobacter pylori Il Dottor Carlo argiulo incontra il Professor Dino Vaira 2 Dottor Carlo argiulo Nato a Roma, il 1 gennaio 1953, nel luglio 1976 si è laureato in

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli NEOPLASIE BENIGNE DELL ESOFAGO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione Il recente aumento di diagnosi di tumori benigni (leiomiomi e GIST) dell esofago è dovuto in

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

UNA MEDICINA PER TUTTI COLLANA DI MEDICINA DIVULGATIVA

UNA MEDICINA PER TUTTI COLLANA DI MEDICINA DIVULGATIVA UNA MEDICINA PER TUTTI COLLANA DI MEDICINA DIVULGATIVA 1 Direttore Eugenio FIORENTINO Università degli Studi di Palermo Eugenio Fiorentino Il reflusso acido Conoscerlo per controllarlo Una guida pratica

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

La diagnosi delle malattie dello stomaco e dell'intestino ai raggi X.

La diagnosi delle malattie dello stomaco e dell'intestino ai raggi X. La diagnosi delle malattie dello stomaco e dell'intestino ai raggi X. Download: La diagnosi delle malattie dello stomaco e dell'intestino ai raggi X. PDF ebook La diagnosi delle malattie dello stomaco

Dettagli

GASTROENTEROLOGIA 25.02.2008. Prof. Okolicsanyi

GASTROENTEROLOGIA 25.02.2008. Prof. Okolicsanyi GASTROENTEROLOGIA Prof. Okolicsanyi 25.02.2008 DISPEPSIA Generalità Dispepsia (dal greco dys-pepsia, ossia "cattiva digestione") indica le diverse condizioni di difficoltà digestive caratterizzate da sintomi

Dettagli

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Epidemiologia quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Fattori di rischio Fumo di sigaretta (O.R. 2-2.5) Dieta ipolipidica e a basso contenuto

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Criteri di appropriatezza per le prestazioni cliniche e strumentali di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva

Criteri di appropriatezza per le prestazioni cliniche e strumentali di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva PROCEDURA GENERALE Appropriatezza endosc. digest. (GASVC.PG.1384.00).odt pag1/10 Criteri di appropriatezza per le prestazioni cliniche e strumentali di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Nominativo

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE La persona affetta da neoplasia gastrica è spesso portatrice di uno stato di malnutrizione, soprattutto quando la malattia è localizzata negli organi dell apparato digerente. Alle cause di malnutrizione

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Bisogno di alimentazione. A. Gorelli

Bisogno di alimentazione. A. Gorelli Bisogno di alimentazione Anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavità orale Esofago Stomaco Intestino Tenue Duodeno Digiuno Ileo Crasso Cieco Colon Sigma Retto Ascendente Trasverso Discendente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa»

ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale per uso umano «Pentasa» Estratto determinazione UVA/N/V n. 902 del 16 aprile 2010 Titolare AIC: FERRING S.P.A. (codice fiscale

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO Epidemiologia 4 causa di morte per Ca nel M dopo polmone, intestino e prostata incidenza variabile in diverse parti del mondo, in declino in USA e CE ancora assai elevata in Giappone, Cile, Islanda, RSM

Dettagli

Tumori del cervello localizzazione dimensioni lobo frontale lobo parietale lobo occipitale lobo temporale

Tumori del cervello localizzazione dimensioni lobo frontale lobo parietale lobo occipitale lobo temporale TUMORI E SINTOMI A cura di Dott.ssa Vita Leonardi dirigente medico presso la U.O. di oncologia medica dell AORNAS Civico di Palermo Direttore: Dott. Biagio Agostara Tumori del cervello Le manifestazioni

Dettagli

ANAMNESI PATOLOGICA. Anamnesi patologica prossima Si propone di chiarire i motivi che hanno portato il paziente alla osservazione del medico

ANAMNESI PATOLOGICA. Anamnesi patologica prossima Si propone di chiarire i motivi che hanno portato il paziente alla osservazione del medico ANAMNESI PATOLOGICA Anamnesi patologica prossima Si propone di chiarire i motivi che hanno portato il paziente alla osservazione del medico Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica remota Si propone

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello

L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi. Dott.ssa Sabrina Santaniello L importanza di una corretta funzione masticatoria nei processi digestivi Dott.ssa Sabrina Santaniello Edentulismo Iper-nutrizione Sindrome metabolica Obesità «viscerale» «Pandemia del terzo Millennio»

Dettagli

Alimentazione e effetti collaterali: guida per una ottimale gestione dei pazienti con GIST

Alimentazione e effetti collaterali: guida per una ottimale gestione dei pazienti con GIST 6 Incontro nazionale A.I.G. Associazione Italiana GI ST Onlus Giornata di approfondimento medico sui GIST dedicata ai pazienti Bologna - 13 Aprile 2013 Alimentazione e effetti collaterali: guida per una

Dettagli

Patologie gastrointestinali nell autismo: descrizione e trattamento

Patologie gastrointestinali nell autismo: descrizione e trattamento Patologie gastrointestinali nell autismo: descrizione e trattamento http://www.thoughtfulhouse.org/0405-conf-akrigsman.php Dr. Arthur Krigsman: Specializzato in Pediatria e Gastroenterologia pediatrica.

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010 LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA Prof. Alessandro Piccolomini AOUS - CHIRURGIA 2 Siena - 26 Maggio 2010 Il dolore come espressione di patologia

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

SOMMARIO LO STOMACO: COME FUNZIONA E I SUOI DISTURBI SI AMMALA CHI NON RIESCE A DIGERIRE LA PROPRIA VITA I COMPORTAMENTI CHE AIUTANO A STARE MEGLIO

SOMMARIO LO STOMACO: COME FUNZIONA E I SUOI DISTURBI SI AMMALA CHI NON RIESCE A DIGERIRE LA PROPRIA VITA I COMPORTAMENTI CHE AIUTANO A STARE MEGLIO SOMMARIO 7 Capitolo 1 LO STOMACO: COME FUNZIONA E I SUOI DISTURBI 39 Capitolo 2 SI AMMALA CHI NON RIESCE A DIGERIRE LA PROPRIA VITA 73 Capitolo 3 I COMPORTAMENTI CHE AIUTANO A STARE MEGLIO 109 Capitolo

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in

LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in LA NOSTRA RICERCA Effetti protettivi del vino rosso in gastroenterologia Nicola de Bortoli U.O. Gastroenterologia Universitaria Università di Pisa Montalcino (SI) Teatro degli Astrusi 15-16 ottobre 2010

Dettagli

LA PANCREATITE ACUTA

LA PANCREATITE ACUTA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2010/2013. PATOLOGIA DEL PANCREAS LA PANCREATITE ACUTA Elisabetta Ascari Fabio Bassi Medicina III Gastroenterologia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Stomaco e intestino chiamano

Stomaco e intestino chiamano Luca Frulloni Stomaco e intestino chiamano Superdoctor risponde Le informazioni presenti in questa monografia hanno rilevante utilità informativa, divulgativa e culturale ma non possono in alcun modo sostituire

Dettagli

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA

LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA LESIONI DA CAUSTICI GESTIONE PRE-ENDOSCOPICA NEL DEA Dr. Paolo Bertolazzi U.O. 118/Pronto Soccorso/Medicina d Urgenza Az. Ospedaliera-Universitaria di Ferrara Dir. Dr. Roberto Melandri INGESTIONE CAUSTICI

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

CALCOLOSI DELLA COLECISTI

CALCOLOSI DELLA COLECISTI CALCOLOSI DELLA COLECISTI Anatomia delle vie biliari Le vie biliari permettono il passaggio della bile, questa si forma nel fegato e tramite le vie biliari refluisce nel duodeno. Il fegato è formato da

Dettagli

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE

UNA STRANA MASSA ADDOMINALE UNA STRANA MASSA ADDOMINALE Uomo di 50 anni Altezza 1,70m Peso 88 kg Professione impiegato Coniugato Due figli Anamnesi patologica remota 1997 Ernioplastica ombelicale Obesita Ipertensione arteriosa bolderline

Dettagli

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Malattia celiaca Conoscere la Celiachia La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Dott.ssa Roberta Maccaferri U.O. di Pediatria Ospedale di Mirandola DEFINIZIONE La malattia celiaca (MC) è una enteropatia

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Approvate dalla Commissione Linee Guida della Federazione delle Malattie Digestive il 9.04.2000 LINEE GUIDA PER IL CORRETTO USO DELL ECOGRAFIA ADDOMINALE IN GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA PREMESSA Un

Dettagli

CURRICULUM. Dr TRANELLI Vincenzo, Medico chirurgo. nato a Torino il 16 / 10 / 1954

CURRICULUM. Dr TRANELLI Vincenzo, Medico chirurgo. nato a Torino il 16 / 10 / 1954 CURRICULUM Dr TRANELLI Vincenzo, Medico chirurgo nato a Torino il 16 / 10 / 1954 - Ha conseguito la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi La Sapienza di Roma in data 12 /04/ 1980

Dettagli

STOMACO IN FIAMME: REFLUSSO GASTROESOFAGEO

STOMACO IN FIAMME: REFLUSSO GASTROESOFAGEO STOMACO IN FIAMME: REFLUSSO GASTROESOFAGEO Bruciore di stomaco, acidità e rigurgito: sono questi i sintomi tipici del reflusso gastroesofageo, un disturbo molto comune che spesso viene affrontato con un

Dettagli

UN ENDOSCOPIA PER LA VITA. Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente. A cura di Con e

UN ENDOSCOPIA PER LA VITA. Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente. A cura di Con e UN ENDOSCOPIA PER LA VITA Quando e perché effettuare un endoscopia per prevenire il cancro del tubo digerente A cura di Con e editorial BoarD L. BURI V. CENNAMO M. DEL PIANO E. DI GIULIO L. FAMILIARI F.

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

Disordini del sistema gastroenterico

Disordini del sistema gastroenterico Capitolo 10 Disordini del sistema gastroenterico Milza e stomaco sono fondamentali nel processo di digestione. Localizzati nel jiao medio, 1 costituiscono la «radice del qi del Cielo posteriore»: lo stomaco

Dettagli

GABRIELE PELLICCIOTTA

GABRIELE PELLICCIOTTA 3 Il San Raffaele Costituito nel 1971 dal presidente don Luigi Maria Verzé, è un opera che comprende attività cliniche, di ricerca e didattiche. Riconosciuto nel 1972 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica

Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Fascicolo informativo per Pazienti da sottoporre a trattamento chirurgico dell obesità patologica Informazioni generali La chirurgia dell obesità non è chirurgia estetica; è destinata a Pazienti che abbiano

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Interventi di restrizione gastrica

Interventi di restrizione gastrica CENTRO PER LA CURA DELL'OBESITA' E CHIRURGIA MINI INVASIVA Responsabile - Dott. Alessandro Giovanelli Interventi di restrizione gastrica a) Palloncino intragastrico: Il PALLONCINO POSIZIONATO NELLO STOMACO

Dettagli

L ittero di pertinenza chirurgica. www.fisiokinesiterapia.biz

L ittero di pertinenza chirurgica. www.fisiokinesiterapia.biz L ittero di pertinenza chirurgica www.fisiokinesiterapia.biz L ittero di pertinenza chirurgica Anatomia delle vie biliari e fisiologia Definizione e valutazioni anamnestiche dell ittero chirurgico Diagnosi

Dettagli

Caffè e salute. Alessandra Tavani

Caffè e salute. Alessandra Tavani Caffè e salute Alessandra Tavani Principali classi di composti contenuti nel caffè minerali (potassio, calcio, niacina, magnesio, fosfati, ecc.) lipidi e cere (nella parte corticale del chicco, in genere

Dettagli

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica F.Ferretti U.O. di Mal Epatometaboliche Osp. Pediatrico Bambino Gesù - Roma Palazzo dei Congressi EUR 10.10.2015 Malattia celiaca (MC)

Dettagli

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 L IMAGING DELLE VIE BILIARI Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 Imaging vie biliari 1900 1970 : Rx,Laparotomia 1970 : PTC, ERCP

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di automedicazione che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE

IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE IL COLON IRRITABILE LA STIPSI SANDRO PASSARETTI UNITA' DI FISIOPATOLOGIA DIGESTIVA SERVIZIO DI GASTROENTEROLOGIA I.R.C.C.S. OSPEDALE SAN RAFFAELE UNIVERSITA' VITA- SALUTE MILANO MOVIMENTI DEL COLON mixing

Dettagli

1. funzione digestiva 2. funzione secretiva 3. funzione di barriera rispetto ai germi 4. funzione di trasporto del bolo esogena endogena

1. funzione digestiva 2. funzione secretiva 3. funzione di barriera rispetto ai germi 4. funzione di trasporto del bolo esogena endogena LO STOMACO Lo stomaco è in continuità con l esofago e si conclude con il duodeno (dove inizia l intestino tenue). Lo stomaco è situato nella parte superiore della cavità addominale, occupando principalmente

Dettagli

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Le vie di accesso per la nutrizione enterale dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Indicazioni Garantire corretto apporto nutrizionale, o somministrazione di farmaci, o di acqua, a pazienti con apparato

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione

Il morbo di Crohn Introduzione Segni e sintomi Cause Fattori di rischio Screening e diagnosi Attività e complicanze Terapia Conclusione Introduzione Il morbo di Crohn o Introduzione o Segni e sintomi o Cause o Fattori di rischio o Screening e diagnosi o Attività e complicanze o Terapia o Conclusione Introduzione La malattia di Crohn è una malattia

Dettagli