la dispepsia un problema trascurato o un problema trascurabile? Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la dispepsia un problema trascurato o un problema trascurabile? Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi"

Transcript

1 la dispepsia un problema trascurato o un problema Bibbiena 2010 Dr. Giuliano Rossi trascurabile?

2 la dispepsia un sintomo o una diagnosi?

3 Cosa è la dispepsia? Sindrome caratterizzata da dolore/disturbo, ricorrente o cronico, localizzato ai quadranti superiori dell'addome

4 Dispepsia nessuna evidenza biochimica, endoscopica o ultrasonografica di patologia organica che possa spiegare la sintomatologia (ulcera peptica o neoplasia esofagea, gastrica o duodenale, patologia a carico delle vie biliari o del pancreas)

5 ICD9-CM MALATTIE DELL'APPARATO DIGERENTE ( ) MALATTIE DELL'ESOFAGO, STOMACO E DUODENO ( ) Disturbi della funzione gastrica (536) Dispepsia (536.8) Achilia Indigestione Iperacidità Ipercloridria Ipocloridria Stomaco a clessidra DISTURBI PSICHICI ( ) DISTURBI NEVROTICI E DELLA PERSONALITÀ E ALTRI DISTURBI PSICHICI NON PSICOTICI ( ) Disfunzioni fisiche da fattori psichici. Sintomi fisici psicogeni che non producono lesioni organiche (306) Dispepsia psicogena (306.4)

6 Considerazioni sulla epidemiologia La prevalenza della dispepsia è elevata ovunque nel mondo. Negli Stati Uniti il 25% della popolazione presenta dispepsia (escludendo la MRGE) Studi effettuati in Italia, Stati Uniti e Norvegia suggeriscono una prevalenza tra il 20 e il 40% nella popolazione generale. Uno studio scandinavo riporta circa al 3% l incidenza annua della dispepsia

7 Considerazioni sulla epidemiologia e sul mio lavoro solo un terzo si rivolge al medico comunque un medico di famiglia dovrebbe avere registrato tra le sue diagnosi da 300 a 600 dispepsie con nuovi casi l anno invece

8 ultimi cinque anni 40 descrizioni comprendenti il termine dispepsia nessun problema

9

10 Digressione sul nostro lavoro Siamo obiettivi nel registrare le patologie? Registriamo fedelmente quello che succede nei nostri ambulatori? Dalle nostre schede si può davvero capire lo stato di salute della popolazione? Possiamo ambire o dobbiamo assumerci questo ruolo?

11 La discussione è aperta

12 Cause della dispepsia Prevalenza delle diverse forme di dispepsia in Italia Dispepsia funzionale 63% Dispepsia organica 37% Malattia ulcerosa 17% Litiasi 7% Cancro gastrico 1.1% Abuso alcolico 2% Esofagite 6% Altre cause 4% Capurso, 2000

13

14 Dispepsia secondaria Dispepsia e malattie gastroenteriche ulcera peptica MRGE patologia vie biliari gastrite, duodenite neoplasie (pancreas, colon, stomaco) pancreatite cronica malassorbimento Farmaci FANS Antibiotici orali Digitale Teofillina Alendronato Sali di potassio

15 Cause Dispepsia: della i dispepsia sintomi Dolore a livello dell addome superiore Fastidio a livello dell addome sup. Una sensazione negativa e soggettiva di fastidio, disturbo, vago malessere che non raggiunge il livello di dolore per il paziente (discomfort) Sazietà precoce La sensazione che lo stomaco sia sovradisteso subito dopo l inizio del pasto, senza rapporto con la quantità di cibo ingerito, così da non poter terminare il pasto Ripienezza postprandiale Una sensazione spiacevole di persistenza del cibo nello stomaco Nausea La sensazione di aver bisogno di vomitare Conati di vomito L'atto del vomito senza contenuto gastrico Vomito Espulsione forzata del contenuto gastrico dalla bocca Distensione addominale Sensazione di distensione addominale localizzata ai quadranti superiori dell'addome.

16 Dispepsia: i sintomi Principali sintomi della dispepsia Dolore epigastrico pirosi rigurgito peso epigastrico post-prandiale sazietà precoce nausea vomito eruttazione

17 Dispepsia: i sintomi Sono stati identificate quattro categorie di dispepsia: Dispepsia "simil-ulcerosa" caratterizzata da sintomi che ricordano quelli della malattia ulcerosa con prevalenza di dolore e pirosi epigastrica a comparsa prevalente a digiuno, che migliorano con l'assunzione di cibo o antiacidi. Dispepsia "dismotilica" in cui sono prevalenti sintomi quali la sazietà precoce, il gonfiore epigastrico, la sensazione di digestione lunga e laboriosa, la nausea ed il vomito. Dispepsia "simil-reflusso" che si manifesta con pirosi retrosternale e rigurgito acido. Dispepsia "indefinita" in cui si assiste alla combinazione di sintomi appartenenti a due o più delle forme precedenti.

18 Dispepsia: i sintomi Per quanto riguarda la ulcer-like functional dyspepsia la sintomatologia è caratterizzata da tre o più dei sintomi descritti di seguito. il dolore addominale è il sintomo predominante: dolore ben localizzato all epigastrio, in un area ristretta e individuabile puntando uno o due dita; dolore alleviato dal pasto; dolore alleviato da antiacidi e/o da farmaci antih2; dolore che si manifesta prima dei pasti o quando affamati; dolore notturno che può risvegliare il paziente dal sonno; dolore periodico con periodi di remissione e di attivazione (periodi di almeno 2 settimane inframmezzati da periodi di settimane o mesi in cui non è presente dolore

19 Dispepsia: i sintomi Per quanto riguarda la dismotility-like functional dyspepsia il sintomo predominante non è il dolore. E presente, invece fastidio o malessere cronico associato a tre o più dei seguenti sintomi e segni: sazietà precoce; ripienezza postprandiale; nausea; conati di vomito o vomito franco a carattere ricorrente; meteorismo a livello dell addome superiore non accompagnato da distensione visibile; il malessere è spesso aggravato dal pasto.

20 patogenesi I meccanismi sottesi alla sintomatologia dispeptica funzionale non sono del tutto chiari

21 patogenesi Possibili fattori causali sono rappresentati da disordini motori gastrointestinali, infezioni virali o batteriche, lesioni non focali della mucosa gastrointestinale, alterazioni della secrezione, un alterata percezione degli stimoli.

22 patogenesi Cause Dispepsia della funzionale dispepsia Patogenesi dispepsia simil-ulcerosa secrezione acida gastrica Helicobacter pylori gastrite e duodenite cronica fattori esogeni profilo psicologico Patogenesi dispepsia simil-motoria alterazioni motilità duodeno- digiunale ormoni gastrointestinali Helicobacter pylori alterata sensibilità viscerale stress e profilo psicologico alterata accomodazione gastrica post-prandiale

23 patogenesi Anomalie della secrezione gastrica nella maggior parte degli studi sembra che la secrezione acida rilevata in pazienti dispeptici non sia differente da quella osservabile in soggetti sani numerosi studi hanno riportato che il trattamento con H2-antagonisti o PPI risulta efficace Studi più accurati nei pazienti sensibili agli antiacidi hanno evidenziato reflusso gastroesofageo, esofagite, ulcera

24 patogenesi Alterazioni motorie La motilità dello stomaco e del duodeno è organizzata in due specifici pattern motori Il pattern a digiuno o interdigestivo è caratterizzato da periodi di quiescenza motoria alternati a periodi di attività contrattile Il pattern post-prandiale è caratterizzato da una attività motoria fasica persistente ma irregolare. Il pattern post-prandiale si attiva immediatamente dopo l ingestione di un pasto e sostituisce il pattern interdigestivo in qualunque punto quest ultimo si trovi. La risposta al pasto dipende dal volume, dallo stato fisico (liquido o solido), e dai nutrienti contenuti nel pasto.

25 patogenesi Alterazioni motorie - nel 70% dei dispeptici è stata riscontrata una ridotta risposta contrattile all ingestione di cibo ed un ritardo del tempo di svuotamento gastrico dei solidi - si tratta di attività anormale per forma e propagazione, attività motoria non propagata, incapacità di trasformare il pattern motorio interdigestivo in postprandiale

26 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico - Qualunque ostruzione anatomica a livello della giunzione antropilorica e del bulbo duodenale può comportare ritenzione gastrica - Molte situazioni cliniche sono associate a ritardato svuotamento gastrico pur in assenza di ostruzione di tipo anatomicostrutturale a livello gastrico

27 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico - il tempo di svuotamento gastrico di un pasto radiomarcato è ritardato in una elevata proporzione di pazienti con dispepsia, ma certamente non in tutti - lo svuotamento dei solidi è maggiormente compromesso rispetto a quello dei i liquidi - la stasi gastrica si può sviluppare sia a causa di una compromissione della peristalsi antrale sia a causa di una aumentata resistenza al flusso nell'intestino tenue dovuto ad alterazione della motilità intestinale - nei pazienti con le forme più gravi spesso è possibile trovare una alterazione sia della motilità gastrica sia di quella intestinale

28 patogenesi Ritardato svuotamento gastrico Fattori meccanici: Carcinoma gastrico. Ulcera duodenale, pilorica o prepilorica. Stenosi idiopatica ipertrofica del piloro Malattia acido-peptica: Reflusso gastroesofageo. Malattia peptica gastrica Gastrite: Gastrite atrofica. Gastroenterite virale. Malattie metaboliche ed endocrine: Chetoacidosi diabetica (acuta). Gastroparesi diabetica (cronica). Ipotiroidismo. Gravidanza. Uremia Malattie del collageno (es. sclerodermia) Pseudo-ostruzione Idiopatica Secondaria (es. amiloidosi, distrofia muscolare) Chirurgia gastrica: Sindrome postvagotomia e/o resezione gastrica Farmaci: Anticolinergici, analgesici narcotici, L-dopa Ormoni Gastrina, colecistochinina, somatostatina Psicogene: Anoressia - Bulimia Idiopatica

29 patogenesi Alterazioni dell'attività elettrica L'attività elettrica dello stomaco ha una frequenza che nel soggetto normale oscilla tra i 2.0 e i 4.0 cicli per minuto La tachigastria è definita come la frequenza gastrica regolare ad una frequenza tra i 4.0 e i 9.0 cpm. La tachiaritmia è simile alla tachigastria ma il ritmo è irregolare la relazione tra le alterazioni del ritmo elettrico gastrico e la motilità non è ancora chiara la disritmia può essere solo un epifenomeno, associato alla nausea e al vomito

30 Alterazioni ormonali patogenesi -riduzione dei livelli di motilina -la colecistochinina può indurre sazietà - il progesterone, l estradiolo, e la prolattina possano ritardare il transito -i livelli di gastrina sono leggermente più alti nei pazienti con dispepsia

31 patogenesi Ruolo dell Helicobacter pylori è possibile rilevare la presenza di gastrite H. Pylori positiva all istologia nel 30-70% dei pazienti dispeptici senza segni endoscopici di ulcera la maggior parte degli autori non è riuscita ad evidenziare alcuna significativa differenza nel pattern sintomatologico di pazienti dispeptici con e senza infezione L eradicazione dell infezione può portare ad un miglioramento dei sintomi, ma l entità del miglioramento è variabile e i risultati non sono univoci

32

33

34

35 patogenesi Alterazioni del profilo psicologico gli eventi stressanti sono associati alla dispepsia funzionale c è un aumento del rischio di dispepsia funzionale se esiste una condizione di incongruità di stato sociale percentuali più alte di patologie neurotiche, ansia, depressione, ostilità e tensione sono state ben documentate nei pazienti dispeptici rispetto ai controlli

36 Opzioni di gestione del paziente con dispepsia Esecuzione immediata di EGDS con trattamento basato sull esito dell indagine Trattamento empirico con antisecretori o procinetici, eseguendo EGDS nei nonresponders Ricerca dell infezione da Helicobacter pylori con tests non invasivi e trattamento in caso di positività (test and treat)

37 esecuzione immediata di EGDS con trattamento basato sull'esito VANTAGGI esame relativamente semplice escludere patologie organiche evitare trattamenti inefficaci, basati empiricamente sui sintomi permette inoltre di rassicurare il paziente

38 trattamento empirico (antisecretori o procinetici) riservando l'egds ai casi che non hanno risposto alla terapia prima scelta negli Stati Uniti gli inibitori di pompa protonica si sono dimostrati superiori agli antagonisti dei recettori H2 e all' alginato la terapia con procinetici ha dimostrato anch'essa evidenza di efficacia

39 trattamento empirico (antisecretori o procinetici) riservando l'egds ai casi che non hanno risposto alla terapia Svantaggi guarire solo temporaneamente una lesione ulcerativa mascherare sintomi di una patologia neoplastica gastrica possibile rebound acido dopo sospensione

40 ricerca dell'infezione da H.p. con test non invasivi e trattamento se presente (test and treat) razionale: eliminare la gastrite cronica associata e l' eventuale ulcera che potrebbe coesistere non indicata l esecuzione di EGDS nei casi risultati positivi per l'h.p: -aumento dei costi -nessun miglioramento dei risultati

41 Valutazione dei sintomi la valutazione dei singoli sintomi presentati dal paziente è utile nella scelta dell'una o dell'altra opzione?

42 Valutazione dei sintomi sintomi atipici alcuni tipi di dolore epigastrico presentano caratteristiche tali da permettere di distinguerlo da quello della dispepsia: la colica biliare e ancor più il dolore pancreatico sono più violenti, di maggiore durata e ad insorgenza rapida.

43 Valutazione dei sintomi sintomo predominante: pirosi Nonostante la pirosi retrosternale sia un buon predittore di MRGE questo sintomo sembra riuscire a identificare correttamente solo il 54% dei pazienti con MRGE nel gruppo dei dispeptici.

44 Valutazione dei sintomi sintomo predominante:dolore compatibile con ulcera peptica anche in questo caso non sembra possibile individuare in base ai sintomi i pazienti con ulcera nell'ambito dei dispeptici;

45 Valutazione dei sintomi Durata dei sintomi la lunga durata dei sintomi (ad esempio da anni) non permette di escludere la dispepsia organica dato che l'ulcera peptica ad esempio è malattia tipicamente ricorrente ma suggerisce generalmente l'assenza di malattia neoplastica.

46 Diagnosi dopo esame endoscopico in pazienti dispeptici

47 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Esiste una notevole sovrapposizione tra le forme organiche e funzionali, e tra le varie forme funzionali di dispepsia forme funzionali quali la sindrome dell intestino irritabile (IBS), il reflusso gastroesofageo, il meteorismo funzionale e i disordini funzionali delle vie biliari possono essere confuse con la dispepsia funzionale

48 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Malattia ulcerosa peptica l'età 30% <40 60% >40 i sintomi dolore notturno, severo, alleviato dal pasto, vomito l anemia Soltanto la gastroscopia può differenziare in maniera accurata i pazienti affetti da ulcera peptica e quelli con dispepsia funzionale

49 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE. Reflusso gastroesofageo Il bruciore retrosternale e rigurgito, quando sono sintomi predominanti, hanno una sensibilità del 78% e una specificità del 60% per la diagnosi di reflusso Solo 1/3 dei pazienti con sintomi di reflusso presentano segni di esofagite all'endoscopia La phmetria delle 24 h sembra essere l'indagine più sensibile (79-95%) e specifica (86-100%)

50 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Patologia delle vie biliari Il dolore biliare dovuto a colelitiasi è solitamente episodico e di intensità severa, dura per ore e non si manifesta a digiuno dolore irradiato posteriormente Non è chiaro se una disfunzione dello sfintere di Oddi possa essere responsabile di una sintomatologia dispeptica

51 Neoplasie DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Il carcinoma gastrico si può presentare con una sintomatologia dispeptica e l'early gastric cancer è la più importante diagnosi differenziale da considerare anziani, dolore continuo o aggravato dal pasto, solitamente associati anoressia e perdita di peso Altre neoplasie linfoma gastrico, leiomiosarcoma, cancro esofageo, cancro del pancreas, dell ampolla, del colon trasverso.

52 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Gastrite e duodenite forma acuta erosiva emorragica, presenta una mucosa gastroduodenale infiltrata da neutrofili sintomatica nel 10-60% dei casi forma cronica infiltrazione di plasmacellule e linfociti reperto molto comune nei soggetti sani asintomatici (>50%)

53 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Pancreatite Acuta dolore addominale molto intenso, irradiato posteriormente Cronica difficile da differenziare dalla dispepsia funzionale fattori di rischio: alcool amilasi, lipasi

54 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Sindrome da malassorbimento morbo celiaco distensione addominale, meteorismo e flatulenza dolore addominale e diarrea Giardiasi fastidio addominale, meteorismo, nausea e anoressia sintomi dispeptici per mesi, intercalati con periodi di diarrea di 2-3 giorni Strongiloidiasi dolore addominale alto e nausea.

55 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Altre patologie che possono presentare sintomatologia dispeptica malattia di Crohn gastrite eosinofila Tubercolosi Sifilide Sarcoidosi malattia di Menetrier altre forme di gastrite ipertrofica

56 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Dispepsia indotta da farmaci antinfiammatori non-steroidei possono causare dolore addominale con o senza lesioni gastriche o duodenali evidenti la severità dei sintomi non sembra essere predittiva della presenza di erosioni teofillina digitale antibiotici (ampicillina ed eritromicina) potassio ferro alcool una riduzione della dose o l'interruzione del trattamento può alleviare i sintomi ed evitare costosi esami

57 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Disordini metabolici diabete mellito complicato da neuropatia ritardo di svuotamento gastrico dei solidi e dei liquidi: ripienezza postprandiale, nausea, vomito e sazietà precoce radiculapatia diabetica delle radici del nervo toracico: dolore addominale severo ipertiroidismo dolore addominale acuto e vomito ipotiroidismo grave ipomotilità gastrica iperparatiroidismo dolore addominale, nausea, vomito e anoressia, anche senza malattia ulcerosa peptica iperglicemia iperkaliemia ritardano lo svuotamento gastrico e causano distensione epigastrica, nausea e vomito.

58 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Cardiopatia ischemica i pazienti con cardiopatia ischemica cronica frequentemente riferiscono "indigestione" o "gas nello stomaco l'angina può essere aggravata dal pasto o quando un esercizio fisico segue il pasto i pazienti con infarto del miocardio della parete posteriore possono presentare un dolore addominale un dolore addominale postprandiale può anche essere suggestivo di angina intestinale

59 DIAGNOSI DIFFERENZIALE TRA DISPEPSIA ORGANICA E FUNZIONALE Malattie del collageno La sclerodermia coinvolge lo stomaco e specialmente l'intestino tenue con presenza di disturbi addominali quali meteorismo, distensione addominale, anoressia, nausea e vomito Il dolore addominale, insieme ad anoressia, nausea e vomito è frequente in pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico (LES).

60 SINTOMI DI ALLARME Età d insorgenza >45 anni Perdita di peso >10% del peso corporeo Vomito Melena, rettorragia Disfagia Ittero Familiarità per K tratto gastrointestinale superiore Pregressa gastroresezione Pregressa ulcera peptica

61 SINTOMI DI ALLARME la presenza di sintomi d'allarme non ha un valore predittivo elevato per patologia organica in presenza di questi sintomi è assolutamente necessario eseguire immediatamente EGDS

62 Dispepsia e IBS

63

64

65

66

67

68

69 Vi ringrazio confessione per l attenzione.soffro anch io di dispepsia.

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Anno Accademico 2007/2008 PROFILO DI EFFICACIA, EFFETTI COLLATERALI ED INTERAZIONI DEI DIVERSI

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI)

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) CFI (Commissione farmaceutica interna) ASL CN2 Alba - Bra Elaborato

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) LO CONTE Maurizio Viale Tigli, 20, I, 83031, Ariano Irpino - (AV) Telefono(i) +390825871118 / +390825824605 Mobile +39335415735

Dettagli

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Close window to return to IVIS Enciclopedia della Nutrizione clinica del cane Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Medico Veterinario, Scientific Publishing Manager, Royal Canin Communication Group

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Approccio alla gestione del vomito nel gatto

Approccio alla gestione del vomito nel gatto Approccio alla gestione del vomito nel gatto Linee guida del consiglio europeo dell emesi Supportato da Il consiglio europeo sull emesi si impegna nel creare e sviluppare le migliori pratiche per la gestione

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita

Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita guide CROinforma Piccole Dopo il cancro: aspetti psicosociali e qualità di vita Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Neoplasie Endocrine Multiple

Neoplasie Endocrine Multiple Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 PREFAZIONE Le Neoplasie Endocrine Multiple (MEN) sono delle sindromi rare caratterizzate dalla presenza di iperplasie/neoplasie di numerose ghiandole endocrine

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli