Decreto legislativo 81

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decreto legislativo 81"

Transcript

1 Novità Struttura del Decreto 81 Aspetti critici Definizioni (salute) Decreto legislativo 81 Aspetti positivi Introduzione Sorveglianza sanitaria Medico Competente Norme di buona prassi, norme tecniche e linee guida Nuovo assetto istituzionale Valutazione dei rischi Differenze di genere ed età Provenienza da altri Paesi Rinvio a successivi decreti applicativi Sistemi di Gestione Aspetto Sanzionatorio Alcool e Tossicodipendenza

2 Le novità

3 Salute stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza di malattia o d infermità Per raggiungere questi obiettivi il legislatore ha pensato al Medico Competente Ideale

4 Il medico competente: consulente del datore di lavoro nella valutazione dei rischi (genere, minori, lavoratrici madri, suscettibilità individuale, sostanze allergizzanti, rischio biologico, sovraccarico biomeccanico.) nella programmazione del controllo dell esposizione (monitoraggio biologico) nell organizzazione del primo soccorso (classificazione dell azienda, rapporti con SSN, misure di PS mirate ai rischi specifici anche in rapporto a situazioni logistiche particolari) nella predisposizione delle misure di tutela (scelta dei dpi, tutela delle lavoratrici madri ) nelle attività di informazione e formazione (utilizzo dei servizi igienici, addetti al PS, danni alla salute.)

5 Conseguenze. Un Medico competente che collabora non solo Formalmente con il Servizio Prevenzione e Protezione,(??) Vicino al datore di lavoro per le scelte Politiche. È un consulente!! (??) Vicino al datore di lavoro e ai dirigenti come consulente nello svolgimento dell operatività (??) Partecipe del processo formativo e informativo

6 Decreto Legislativo 81/2008 Altro: norma tecnica buone prassi linee guida Comitato per l indirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro Enti pubblici aventi compiti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro L ISPESL, l INAIL e l IPSEMA indicazioni di minima (decreto) ottimali (altro) per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Non specificatamente indicati dal legislatore: Società Scientifiche Università

7 Conseguenze. Un medico competente aggiornato sulle novità sia legislative che tecniche e culturali, la tutela della salute dei lavoratori e dell incolumità giuridico amministrativa di dirigenti e datore di lavoro si compie anche attraverso il rispetto di nome tecniche e buone prassi non direttamente identificate nel testo legislativo

8 Medico Competente Obblighi specifici previsti per ogni figura Datore di Lavoro delega Dirigenti Preposti Lavoratori Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Addetti SPP Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Comitati paritetici

9 Conseguenze. La norma si adatta discretamente bene nel contesto aziendale privato Si adatta meno bene nel contesto pubblico Si adatta molto meno bene nell Università..

10 Conseguenze. Le principali criticità nell Amministrazione pubblica: È difficoltoso identificare un chiaro organigramma della sicurezza Il Datore di lavoro è nominato e spesso non conosce dettagliatamente la normativa e le problematiche della sicurezza I dirigenti spesso lamentano una vera autonomia economica e decisionale nell ambito della sicurezza inoltre spesso non hanno una specifica formazione per gli aspetti giuridici e tecnici della sicurezza

11 Conseguenze. Si concretizza una asimmetrica distribuzione di responsabilità, il datore di lavoro e il dirigente non sono posti nelle condizioni di svolgere pienamente il ruolo per loro previsto dal legislatore. Risulta eccessivo il carico di responsabilità e debole la struttura predisposta per tutelare dal punto di vista amministrativo e penale i soggetti coinvolti.

12 L organizzazione della prevenzione Organi di vigilanza ( attori( esterni ): Vigilanza: atto di natura amministrativa attribuito agli operatori in possesso della qualifica di UPG, che consiste nella: verifica della rispondenza alle prescrizioni di legge di ambienti, macchine e impianti. Materiale coperto da copyright Ad esclusivo uso interno

13 Sono ufficiali di Polizia Giudiziaria (art. 57 cpp): i funzionari di PS ai quali gli ordinamenti di polizia riconoscono tale qualità; gli ufficiali superiori o inferiori e i sottufficiali di CC, della Guardia di Finanza, CFS e i graduati degli Agenti di custodia; il Sindaco nei comuni privi dei predetti UPG; sono UPG, nei limiti del servizio a cui sono destinati e secondo le attribuzioni ad essi conferite dalle leggi e dai regolamenti tutte le altre persone incaricate di ricercare ed accertare determinate specie di reati (art.8 DPR 520/55). Materiale coperto da copyright Ad esclusivo uso interno UFFICIALE DI POLIZIA GIUDIZIARIA

14 Organi di vigilanza ( attori( esterni ): La vigilanza è svolta da numerose istituzioni: ASL Ispettorato del lavoro DPL (Ministero del Welfare) VV FF (antincendio) Regioni (Ispettorato Miniere per acque minerali,cave e torbiere) e) Ministero Industria (miniere) Guardia Costiera, Autorità Portuali e di Aeroporto Sanità Marittima ed Aerea (Ministero della Sanità) Carabinieri-Nucleo Ispezione del Lavoro (NIL) VISAG (Ministero Giustizia) Polizia di Stato (Vigilanza zone riservate) FF.AA(vigilanza zone di pertinenza) APAT(settori impiantistici e antinfortunistici) Materiale coperto da copyright Ad esclusivo uso interno

15 Organi di vigilanza in Italia e in Europa Italia Francia Germania Spagna ASL ISPett lavoro VV.F. Sanità ISPESL INAIL Aut. Marit. Aut. Aeree Carabinieri Polizia APAT Funz. FF.S. ISPett. lavoro ISPett. lavoro ISPett. lavoro Materiale coperto da copyright Ad esclusivo uso interno

16 L organo di vigilanza Oltre ad esercitare l attività di controllo Svolge un attività consultiva Materiale coperto da copyright Ad esclusivo uso interno

17 CAPO III -GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I - MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 15 -Misure generali di tutela 1. Sono a) la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza; b) la programmazione della prevenzione; c) l eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione d) il rispetto dei principi ergonomici nell organizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro. in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo; e) la riduzione dei rischi alla fonte; f) la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso; g) la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; h) l utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro; i) la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; l) il controllo sanitario dei lavoratori;

18 CAPO III GESTIONE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO SEZIONE I - MISURE DI TUTELA E OBBLIGHI Articolo 15 -Misure generali di tutela 1. Sono m) l allontanamento del lavoratore dall esposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e l adibizione, ove possibile, ad altra mansione; n) l informazione e formazione adeguate per i lavoratori; o) l informazione e formazione adeguate per dirigenti e i preposti; p) l informazione e formazione adeguate per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; q) le istruzioni adeguate ai lavoratori; r) la partecipazione e consultazione dei lavoratori; s) la partecipazione e consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; t) la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso l adozione di codici di condotta e di buone prassi; u) le misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; v) l uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; z) la regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti. 2. Le misure relative alla sicurezza, all igiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.

19 D. Lgs. 81/ Art. 30 Titolo I Modelli di Organizzazione di gestione

20 FORMA GIURIDICA VALORI ASSOLUTI OH SAS Percentuale Soc. di capitali ,099 Soc. di persone ,105 Ditte individuali ,037 Altre forme ,615 TOTALE ,021

21 SGS&S (Sistema di Gestione per la Sicurezza & Salute) E uno strumento volontario a disposizione di qualsiasi organizzazione finalizzato a tenere sotto controllo le problematiche della salute e sicurezza sul lavoro collegate alle proprie attività, per assicurare la piena conformità alla legislazione cogente e perseguire il miglioramento continuo delle prestazioni in tale ambito.

22 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI Normativa Vigente (DLgs 81/08, etc..) Norma Tecnica BS OHSAS 18002: 2000 Linee Guida INAIL 28/09/2001 per la creazione di un sistema di gestione per la salute e sicurezza dei lavoratori Linee Guida ISPESL per un SGS&S BS PAS 99

23 D. Lgs. 81/ Art. 30 Titolo I Modelli di Organizzazione di gestione Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo n 231/2001, deve essere adottato ed efficaciemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l adempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi Art. 6 decreto legislativo n 231/ Soggetti in posizione apicale e modelli di organizzazione dell'ente: 1. Se il reato e' stato commesso l'ente non risponde se prova che l'organo dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi.

24 BS OHSAS 18001: 2007 Compliance with this Occupational Health and Safety Assessment Series (OHSAS) Standard cannot confer immunity from legal obligations.

25 BS OHSAS : 2007 vs UNI-INAIL 2001 In attesa che la Commissione Consultiva Permanente definisca ulteriori modelli organizzativi, ii BS OHSAS 18001: 2007 (Occupational health and safety management systems) e le Linee Guida UNI-INAIL 2001 (Linee guida per un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul luogo di Lavoro) si presumono conformi ai predetti requisiti. Linee guida UNI-INAIL 2001 non possono essere considerate una norma o specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione l OHSAS 18001:2007 è certificabile da enti terzi dando maggior garanzie di un efficace sistema riconosciuto come negli intenti del legislatore.

26 UNI -INAIL Adottare un SGSL consente di ridurre i costi della non sicurezza: indiretti perché riduce la probabilità di accadimento degli infortuni e i costi che ne conseguono diretti perché si può chiedere la riduzione del tasso di tariffa, con uno sconto complessivo fino al 35%-40% dei premi assicurativi INAIL. Inoltre l'adozione di un SGSL conforme all'art. 30 del D.Lgs. 81/2008 ha efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni (D.Lgs. 231/2001). In accordo con le Parti sociali, nonché con ISPESL e UNI, l'inail ha pubblicato le "Linee guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro". Per favorire la diffusione dei SGSL nelle imprese, in particolare nelle piccole e medie, INAIL rende disponibili i modelli applicativi, riferiti a specifici comparti produttivi, frutto della collaborazione con le Parti sociali e con i relativi Organismi paritetici o bilaterali

27 La certificazione OHSAS come servizio integrato Il sistema di gestione a tutela della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori consente un approccio integrato con gli standard ISO 9001 per i Sistemi di Gestione della Qualità e ISO per i Sistemi di Gestione Ambientale. In questo modo le aziende che lo desiderano possono integrare agevolmente fra loro questi tre diversi sistemi di gestione. Un sistema di gestione integrato dimostra inoltre l'impegno dell'azienda verso uno sviluppo sostenibile in ogni aspetto della propria attività.

28 Quality Management 1992 Environmental Management 1995 Information Security BS 5750 ISO 9001 BS 7750 ISO BS 7799 ISO Occupational Health & Safety BS 8800 BS OHSAS Customer Satisfaction BS 8600 ISO IT Service Management BS ISO Integrated Management PAS Business Continuity Management PAS 56 BS 25999

29 La certificazione OHSAS come servizio integrato Crescita certificazioni OHSAS Mar/2008

30 Il perché dei sistemi gestionali pressione commerciale, sociale o politica di terze parti interessate. Nel campo della qualità tale sollecitazione proviene dai clienti; in quello della sicurezza e salute del lavoro dai lavoratori; in quello dell ambiente e, più di recente, in quello della responsabilità sociale, la pressione è generata da espressioni sociali o politiche delle collettività. (Fonte: Ricerca biennale ISPESL B n 11/DOC/2003, Definizione di linee guida per l integrazione dei sistemi di gestione dell ambiente e della sicurezza nelle piccole e medie imprese )

31 I sistemi gestionali: strumenti o orpelli costosi? strumento per gestire la complessità, massimizzarne le opportunità e limitarne i rischi. orpello costoso, ma necessario, sia per ragioni di immagine dell organizzazione, sia per facilitare il ricorso all utilizzo di diverse forme di incentivazione.

32 E in Italia?

33 Alcuni dati Bias di campionamento?

34 Alcuni dati Bias di campionamento?

35 I sistemi gestionali per la Qualità: l International Standard ISO (detto Vision ) con il corrispondente italiano UNI EN ISO ; per l Ambiente: l International Standard ISO , con il corrispondente italiano ISO 14001:2004; per la SSL: la specifica OHSAS 18001, di fonte USA (OHSAS sta per Organizational and Safety Association Standard), di cui non è disponibile una versione ufficiale italiana; per la Responsabilità Sociale: la norma SA8000, di fonte USA (SA sta per Accountability), tradotta in Italia dal CISE, ente accreditato dal SAI (Social Accountability Institute) americano per la certificazione della norma stessa.

36 Perché integrare? necessità orientata al raggiungimento di obiettivi: evitare duplicazioni: per esempio, creare un programma di manutenzione di un impianto per motivi riferibili alla gestione dei parametri ambientali e predisporne un altro per garantire la sicurezza dell impianto rappresenterebbe evidentemente uno spreco di tempo e di risorse; prevenire conflitti: due o più sistemi separati sono spesso fonti di conflitti, ad esempio per quanto riguarda le priorità di intervento, l allocazione delle risorse, l attribuzione delle responsabilità, i riesami della direzione, ecc. creare sinergie: per esempio, processi come quelli relativi alla pianificazione, alla formazione, agli audit, alla prevenzione delle emergenze, alla predisposizione della documentazione e altri, mettono in evidenza e utilizzano, nell ambito di un sistema integrato, dei potenziali di sinergie che due sistemi separati portano a ignorare; capitalizzare l esistente: molte cose realizzate per l applicazione del D.Lgs. 81/08 sono recepibili all interno del Sistema di gestione della S&SL OHSAS L esistente va quindi utilizzato e capitalizzato nel quadro appunto di un processo di integrazione e non di giustapposizioni e addizioni successive.

37 Esempi di integrazione organizzativa (1) Una modalità può essere la Unificazione delle posizioni organizzative (integrare sistemi organizzativi che facciano capo a responsabili diversi, uno per la qualità, uno per l ambiente, uno per la sicurezza vuol dire creare condizioni di potenziale conflitto). D.Lgs. 81/ 08 D.Lgs. 81/ 08

38 integrazione ambiente sicurezza: A livello di PMI, il modo migliore di soddisfare questi requisiti è quello di concentrare in una sola persona le tre figure di Rappresentante della Direzione (RDD) per l Ambiente (ISO 14001), di Rappresentante della Direzione per la S&SL (OHSAS 18001) e di RSPP ovviamente in diretto riporto al Datore di Lavoro. E anche ragionevole, per ragioni di specializzazione e di aggiornamento normativo, l ipotesi di nominare RSPP un consulente esterno, che in questo caso fa stretto riferimento al Rappresentante della Direzione per l Ambiente e per la Sicurezza. Quest ultimo assicura l integrazione complessiva e fa da canale tra l RSPP esterno da un lato e il datore di lavoro, il medico competente e il resto della struttura dall altro.

39 Esempi di integrazione organizzativa (2) Un approccio organizzativo è quello di creare un clima favorevole all integrazione dei sistemi gestionali, attraverso l utilizzo di processi di comunicazione e decisionali adeguati e, idealmente, formalizzati nel sistema gestionale aziendale. L adozione di metodi di direzione di tipo consultivo/collegiale rappresenta un fattore chiave di integrazione.

40 Teoria del linking pin o perno di collegamento formulata dal sociologo industriale americano Rensis Likert e collaudata con successo ormai da molti decenni in gran parte delle imprese più avanzate. Il numero uno dell organizzazione forma un team, formato da lui stesso e dai suoi diretti collaboratori, che si esprime visibilmente nella tenuta di riunioni periodiche (ad es. settimanali) i responsabili che partecipano alla riunione di vertice condurranno analoghe proprie riunioni con i propri diretti collaboratori. Essi diventano così il linking pin, lo snodo fra il gruppo di vertice e i gruppi manageriali e/o operativi ai livelli più bassi. Il meccanismo si riproduce a cascata fino a coprire tutta l organizzazione. In questo modo le informazioni circolano meglio, le decisioni vengono trasmesse meglio, si assicura una maggiore coerenza gestionale.

41 Il contributo del Medico Competente

42 Interventi strettamente medici (visite, esecuzione di accertamenti complementari, interventi di emergenza, giudizi di idoneità, valutazioni medico-legali, ecc ) Peculiarità del Medico del Lavoro Interventi parzialmente sanitari ma che necessitano di competenze mediche (valutazione dei rischi, consulenza al datore di lavoro, scelta dei DPI, formazione ed informazione, ecc.)

43 Il contributo del Medico Competente nella Politica della sicurezza Contribuisce a: stabilire una politica della salute e sicurezza sul lavoro che definisca gli impegni generali per la prevenzione dei rischi ed il miglioramento progressivo della salute e sicurezza; identificare le prescrizioni delle leggi e dei regolamenti applicabili.

44 Il contributo del Medico Competente nella Pianificazione (Valutazione dei rischi) identificare tutti i pericoli e valutare i relativi rischi per tutti i lavoratori (con particolare attenzione i nuovi assunti, i lavoratori interinali, i portatori di handicap, i lavoratori stranieri, le lavoratrici in gravidanza, puerperio o allattamento, ecc.); valutare i processi, le attività operative ed organizzative, le sostanze e i preparati pericolosi, ecc.; identificare gli altri soggetti potenzialmente esposti (quali, ad esempio i lavoratori autonomi, dipendenti di soggetti terzi ed i visitatori occasionali).

45 Il contributo del Medico Competente nella Attuazione fissare specifici obiettivi appropriati, raggiungibili e congruenti con gli impegni generali definiti nella politica; elaborare programmi per il raggiungimento di tali obiettivi, definendo priorità, tempi e responsabilità ed assegnando le necessarie risorse; stabilire le modalità più appropriate, in termini di procedure e prassi, per gestire i programmi; sensibilizzare la struttura aziendale al raggiungimento degli obiettivi prefissati con l ausilio di una corretta comunicazione a vari livelli.

46 Il contributo del Medico Competente nel Riesame del sistema valutare periodicamente l efficacia e l efficienza del sistema; valutare l adeguatezza rispetto sia alla specifica realtà aziendale che ai cambiamenti interni/esterni; modificare, se necessario, politica ed obiettivi della salute e sicurezza, tenendo conto dell impegno al miglioramento continuo.

47 Il contributo del medico competente nella Sorveglianza Sanitaria (1) Qualità degli accertamenti sanitari ricorrenti in Medicina del Lavoro: Esame Audiometrico audiologico; secondo norme UNI EN con questionario Esame Spirometrico secondo criteri ATS 2005 con questionario CECA; Esame Elettrocardiografico secondo criteri prestabiliti; Visita Medico Competente effettuata mediante l utilizzo della Cartella Sanitaria e di Rischio differenziata secondo la mansione svolta dal dipendente e integrata da allegati specifici per tipo di rischio; Esami ematochimici effettuati da Struttura Universitaria e/o da Laboratorio di analisi cliniche convenzionato con il SSR e certificato ISO 9001/2000.

48 Il contributo del medico competente nella Sorveglianza Sanitaria (2) Aspetto logistico: Numero sale visite presenti idonee al numero di dipendenti da visitare; Presenza di Unità mediche mobili; Sale di attesa idonee al numero di dipendenti da visitare; Struttura con più di una sede.

49 Il contributo del medico competente nella Sorveglianza Sanitaria (3) Aspetto tecnico scientifico: Utilizzo di una griglia digitale per l elaborazione dei questionari specifici; Utilizzo di uno schema di sopralluogo; Utilizzo di uno schema di DVR per i rischi per la salute; Presenza di Medici Specialisti con le seguenti qualifiche professionali (Professori Universitari Ordinari Primari Ospedalieri/Dirigente II Livello/Professore Associato, altre qualifiche)

50 Il contributo del medico competente nella Sorveglianza Sanitaria (4) Qualificazione del Medico Competente Titoli di servizio e pubblicazioni scientifiche attinenti la tutela della salute nei luoghi di lavoro Attività di Medico Competente svolta negli ultimi 6 anni con riferimento al numero di dipendenti per Datore di Lavoro Titoli di cultura e professionali relativi alla Medicina del lavoro, quali: voto del Diploma di Specializzazione in Medicina del Lavoro; voto laurea in Medicina e Chirurgia; corsi ECM attinenti; master di primo e di secondo livello;. interventi o relazioni a Congressi; dottorato o assegno di ricerca; insegnamento universitario; premi conferiti.

51 Valutazione dei rischi e ruolo del Medico Competente

52 IL MEDICO COMPETENTE proprietà - responsabili DVR È necessaria una preliminare, approfondita conoscenza dell azienda Soggetti coinvolti nella gestione della prevenzione il sistema delle deleghe PROCESSO PRODUTTIVO FORZA LAVORO ricorso a lavoratori dipendenti ricorso a lavoratori autonomi

53 1. N ADDETTI 2. DISTRIBUZIONE DI GENERE 3. ETÀ MEDIA 4. ANZIANITÀ LAVORATIVA MEDIA 5. TIPOLOGIA CONTRATTI E DISTRIBUZIONE 6. QUOTA LAVORATORI DISABILI/INVALIDI 7. MALATTIE PROFESSIONALI 8. INFORTUNI 9. CONTENZIOSO CON ORGANI DI VIGILANZA

54 Testo Unico, valutazione dei rischi e Medico Competente Maggiore coinvolgimento del Medico Competente nella Valutazione dei Rischi/Sistema di Prevenzione e Protezione Fattori di rischio individuali/soggettivi Individuazione degli esposti e dei livelli di esposizione (es. monitoraggio biologico) Fattori di rischio oggettivi (conoscenza degli ambienti di lavoro, delle mansioni, dei lavoratori) Risultati Sorveglianza Sanitaria Informazione, Formazione

55 Il Testo Unico e la Valutazione dei Rischi La valutazione di tutti i rischi e conseguente elaborazione del DVR: Obbligo NON delegabile del Datore di Lavoro «valutazione dei rischi»: valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell'ambito dell'organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza;

56 Il Testo Unico e la Valutazione dei Rischi La valutazione di tutti i rischi : Misura generale di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro Vengono indicate le (capo III art. 15) Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi (art. 29). ed inoltre 3. La valutazione e il documento di cui al comma 1 debbono essere rielaborati, ( ), in occasione di modifiche del processo produttivo o dell'organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate.

57 Testo Unico, valutazione dei rischi e Medico Competente Art. 25. Obblighi del medico competente 1. Il medico competente: a) collabora con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione alla valutazione dei rischi, anche ai fini della programmazione, ove necessario, della sorveglianza sanitaria, alla predisposizione della attuazione delle misure per la tutela della salute e della integrità psico-fisica dei lavoratori, ( ) m) partecipa alla programmazione del controllo dell'esposizione dei lavoratori i cui risultati gli sono forniti con tempestività ai fini della valutazione del rischio e della sorveglianza sanitaria

58 Il Testo Unico e la Valutazione dei Rischi Sezione II Valutazione dei rischi Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi La valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all'età, alla provenienza da altri Paesi.

59 Cosa significa valutare l organizzazione l e i rischi da stress lavoro correlato? PROCESSO PRODUTTIVO ORGANIZZAZIONE VALUTAZIONE di cosa? EVENTI ESTERNI PERSONA

60 Cosa significa valutare IL PROCESSO PRODUTTIVO - Fattori di rischio legati al processo produttivo/ lavorativo - Fattori identificabili e misurabili - Strumenti e metodologie di valutazione consolidati - Indagini per la valutazione dei rischi condotte su gruppi omogenei -

61 Cosa significa valutare L ORGANIZZAZIONE - Dimensioni organizzative rilevanti da valutare - Necessità di affinare metodi e strumenti - Sviluppare misure di situazione : check list su carichi di lavoro, controllo e autonomia del lavoratore, supporto sociale, qualità rapporti interpersonali, ruoli e obiettivi, modalità di valutazione, - Possono costituire una condizione di rischio che deve essere approfondita e indagata nelle sue cause

62 Cosa significa valutare. - Diversa origine geografica, sociale e culturale - Storia personale ed esperienziale unica e tratti di personalità - Imprevedibili manifestazioni di disagio individuale: malessere, somatizzazioni, patologie - Risultati della valutazione non estendibili al gruppo - Utilizzare misure di percezione : questionari di tipo descrittivo, scale di valutazione validate a livello internazionale, test psicometrici che misurano vari aspetti della personalità LA PERSONA

63 Cosa significa valutare GLI EVENTI ESTERNI - Difficile prevedere gli eventi e il loro dispiegarsi - Criticità nello stabilire la responsabilità dell accaduto - Necessari strumenti di prevenzione (sicurezza strutturale, formazione- informazione, DPI) - Importante mettere a punto misure di gestione del post evento -

64 Non m importa che i miei generali siano bravi, basta che siano fortunati Napoleone Bonaparte (prima di Waterloo)

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Ing. Alberto Rencurosi

Ing. Alberto Rencurosi 28.05.2015 Ing. Alberto Rencurosi Lead auditor SQS (ISO9001, ISO14001, OHSAS18001, ISO 50001) Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) 1 Testo Unico e sistemi di gestione della

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA Sicurezza sul lavoro Il D. Lgs. 81/08 nelle strutture sanitarie alla luce delle nuove modifiche I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

Imprese grandi/imprese piccole

Imprese grandi/imprese piccole Imprese grandi/imprese piccole La sensazione diffusa, non corroborata da dati statistici, è che l adozione delle misure di sicurezza sia disomogenea: migliore nelle grandi opere, dove sono coinvolte imprese

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs.

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) MODULO C Unità didattica C41-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni Asseverazione dei Modelli di Organizzazione e di Gestione della Sicurezza nelle Imprese Edili Milano, 21 aprile 2015 AULA MAGNA PALAZZO DI GIUSTIZIA TRIBUNALE DI MILANO Via Freguglia, 1 F. Benedetti INAIL

Dettagli

LAVOROSICURO. www.lavorosicuro.tv

LAVOROSICURO. www.lavorosicuro.tv LAVOROSICURO Guida operativa per un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul lavoro www.lavorosicuro.tv PRESENTAZIONE Uno degli aspetti più innovativi del decreto legislativo 626 del 1994 e della

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza: La norma OHSAS 18001: 2007 CHIARA LECIS Co.Meta 25 Giugno 2008 I Sistemi di Gestione per la Sicurezza 1 SGSL: tra adempimenti normativi e miglioramento della gestione

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO: GUIDA PRATICA PER L APPLICAZIONE IN AZIENDA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/09/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Secondo la specifica OHSAS 18001:1999 EXPO SicuraMente 29/05/08 - Fiera di Brescia Struttura documentale di un SGSSL Norma OHSAS 18001:1999 3 2 Politica

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali

Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali Buone prassi e regole di base per la sicurezza dei lavoratori calamità naturali Ing. Marco MASO Dir. Gen. Serv.1 Pianificazione e controllo Tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro 1 La norma

Dettagli

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo

La gestione della sicurezza nella scuola. Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo La gestione della sicurezza nella scuola Alba, 27 maggio 2009 a cura di Alfonso Lupo 1 Sommario Organizzazione e gestione Criticità Percorso per la certificazione sulla sicurezza: progetto risk managament

Dettagli

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI Indice: 01 - Cosa è un SGSL 02 - Cosa è un MOG 03 - Differenze tra SGSL e MOG 04 - VANTAGGI E BENEFICI del SGSL e del MOG 05 - Lo SGRAVIO del Premio Assicurativo INAIL 06 - L opportunità del FINANZIAMENTO

Dettagli

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO Dal 1 giugno 2013 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE

IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE IL TITOLO I del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE E OBBLIGHI DI CARATTERE GENERALE 1. Generalità Il testo unico, al pari del decreto 494/96 ormai abrogato, dedica

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010 Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro: la verifica di efficacia dei modelli gestionali nella prevenzione degli infortuni e malattie professionali. Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 Ing. Carmine Esposito CON.T.A.R.P. - INAIL D.R. LOMBARDIA 1 Dinamiche

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Il Medico Competente alla luce del D.Lgs. 81/08.

Il Medico Competente alla luce del D.Lgs. 81/08. Seminario INFN 25 giugno 2008 Il Medico Competente alla luce del D.Lgs. 81/08. I modelli di gestione U. Candura INFN Sez. di Napoli D. Lgs. 81/2008 (T.U.) Scenari dopo le prime letture: per tutti i protagonisti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO «DVR _ STRESS LAVORO CORRELATO» Pagina 1 di 9 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS DA LAVORO CORRELATO (Art. 28 comma 1 D. Lgs. 9 aprile 2008 n.81 così come modificato dal D.Lgs. 106/09) conforme

Dettagli

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015

Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro. 26 Marzo 2015 Il Modello di Gestione su Salute e Sicurezza sul Lavoro 26 Marzo 2015 Introduzione Cos é la specifica BS OHSAS 18001:2007 Definisce in maniera dettagliata (specification) le linee guida per l implementazione

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda

Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda Le modalità di collaborazione alla valutazione e gestione del rischio in azienda Premessa Il Comitato Regionale di Coordinamento in attuazione a quanto previsto nel Documento programmatico per la promozione

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

La Sorveglianza Sanitaria

La Sorveglianza Sanitaria La Sorveglianza Sanitaria (medico competente e testo unico) D.P.R. 19 Marzo 1956 n. 303 Art. 33 Visite Mediche. Nelle lavorazioni industriali che espongano all azione di sostanze tossiche o infettanti

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net NETWORK SICUREZZA leader thinks simplicity La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net I SISTEMI DI GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI OHSAS 18001 LINEE GUIDA UNI-INAIL UNI

Dettagli

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012

Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) http://www.unifi.it/rls/mdswitch.html rls@unifi.it UNO 1. Introduzione Lavorare serenamente: prospettive per il futuro 6 novembre 2012 Un saluto a tutti

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.. Dott.ssa Cinzia Frascheri Responsabile nazionale Salute e Sicurezza sul Lavoro e della RSI Capo I - Disposizioni generali ------------------

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DELL OFFERTA SICURWEB

CARATTERISTICHE GENERALI DELL OFFERTA SICURWEB CHI SIAMO CONSORZIO INFOTEL è un azienda da oltre 20 anni consolidata e specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di soluzioni software per il settore della sicurezza sul lavoro,

Dettagli

Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231

Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231 Ambiente e Lavoro 2015 IL RUOLO DEL PROFESSIONISTA TECNICO NELLA COSTRUZIONE E GESTIONE DEL MODELLO 231 Alessandro sand Foti Amministratore Unico co, E.S.H.Q. Consulting srl CHI SIAMO SETTALA (MI) MARSALA

Dettagli

www.gardaland.it Codice di Comportamento

www.gardaland.it Codice di Comportamento www.gardaland.it Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle

Dettagli

IL MEDICO COMPETENTE CRITICITÀ E LE OPPORTUNITÀ DEL SISTEMA ITALIANO DI PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

IL MEDICO COMPETENTE CRITICITÀ E LE OPPORTUNITÀ DEL SISTEMA ITALIANO DI PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO IL MEDICO COMPETENTE CRITICITÀ E LE OPPORTUNITÀ DEL SISTEMA ITALIANO DI PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Manuela Peruzzi MEDICO COMPETENTE E NORMATIVA R.D. 530/27 viene istituita la figura del medico

Dettagli

Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro

Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro Responsabilità e compiti del Medico Competente in materia di Igiene e Sicurezza sul Lavoro (D.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008) INDICE Premessa... 3 1 - La figura del Medico Competente : titoli e requisiti...

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015 I. PREMESSA Gruppo Ambiente Sicurezza S.r.l. nasce dall esperienza di tecnici, progettisti, formatori, medici del lavoro e consulenti legali. L insieme dei servizi da

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO 113 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 33 Reg./15 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 05/02/2015 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

Corso di formazione per RSPP

Corso di formazione per RSPP Corso di formazione per RSPP Corso Normative di riferimento Argomenti/Programma n.ore Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione a) Il quadro normativo in materia di sicurezza dei

Dettagli

IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO

IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO LA sicurezza sul lavoro comprende tutte le misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate dal datore di lavoro e dai lavoratori stessi, AL FINE NON

Dettagli

OMEGATEAM Ω Ω Ω Ω Ω. Soluzioni per Ambiente Qualità e Sicurezza

OMEGATEAM Ω Ω Ω Ω Ω. Soluzioni per Ambiente Qualità e Sicurezza OMEGATEAM Ω Ω Ω Ω Ω Soluzioni per Ambiente Qualità e Sicurezza Nel segno di Omega. Ultima tra le lettere, prima nelle soluzioni. OmegaTeam è un azienda nata per garantire alle imprese soluzioni mirate,

Dettagli

La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007

La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007 La certificazione della sicurezza secondo la Norma BS OHSAS 18001:2007 Il tema della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro è una priorità sulla quale occorre concentrare l'attenzione date le dimensioni

Dettagli

SEZIONE A. Gli interventi di prevenzione particolarmente rilevanti. Cosa sono gli interventi particolarmente rilevanti:

SEZIONE A. Gli interventi di prevenzione particolarmente rilevanti. Cosa sono gli interventi particolarmente rilevanti: SEZIONE A Gli interventi di prevenzione particolarmente rilevanti Cosa sono gli interventi particolarmente rilevanti: Sono gli interventi previsti nella sezione A del modello di domanda per la riduzione

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07

Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07 Il sistema di gestione salute e sicurezza sul lavoro in edilizia e lo standard OHSAS 18001:07 Claudia Gistri Certiquality Convegno Assimpredil Ance Il T.U. Sicurezza D.Lgs. n n 81/2008 e i Modelli di Organizzazione

Dettagli

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Organizzazione del sistema prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese con riferimento ai Sistemi di Gestione della Sicurezza. Linee guida PRESENTAZIONE Il presente lavoro costituisce un estratto da una

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno D.Lgs. 231/2001 e Modelli Organizzativi: configurazione e buone prassi I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione Area Manager Certiquality Sicilia m.cugno@certiquality.it 3351689047

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS

Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Il decreto legislativo 81/2008 Valutazione dei rischi, RSPP, emergenze e RLS Dott. Massimo Servadio Consulente e Formatore in ambito di Salute e Sicurezza sul Lavoro SEZIONE II VALUTAZIONE DEI RISCHI ART.

Dettagli

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102

6. La delega di funzioni nella normativa cantieri... 102 SOMMARIO CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1. L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza antecedente al 2008... 1 2. Il quadro comunitario e la sua attuazione nell ordinamento giuridico

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- SALUTE E SICUREZZA Adozione con delibera Consiglio di Amministrazione del 15 Aprile 2009 INDICE INDICE... 2 1. Funzione

Dettagli

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro.

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. ing-. Laura Dizorz INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia C.T.E Udine, 21 gennaio 2010

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. le relative figure professionali. nelle attività lavorative

IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. le relative figure professionali. nelle attività lavorative DOCUMENTO AIAS IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA e le relative figure professionali nelle attività lavorative Documento AIAS 1 1 PREMESSA La necessità di modificare l impostazione organizzativa della

Dettagli

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista

Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista Sicurezza nell ambiente di lavoro del professionista (D.lgs. 626/1994) 1 PRINCIPI COSTITUZIONALI Art. 2 Costituzione Principi inviolabili dell uomo Libertà personale - Art. 13 Libertà di domicilio - Art.

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

MANUALE. Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL)

MANUALE. Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) Pag. 1 di 39 MANUALE Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) (D.Lgs. 231/01 - Linee guida UNI INAIL art.30 D.Lgs. 81/08) Copia Controllata n. Rev. Descrizione Data Redatto Verificato Approvato

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli