Colpo d occhio EDITORIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Colpo d occhio EDITORIALE"

Transcript

1 RIVISTA DELLA LETTERATURA MEDICA GENNAIO 2013 Colpo d occhio SOMMARIO Diabetes plus Multivessel Coronary Artery Disease: CABG or PCI? Guidelines for the Management of Stable Ischemic Heart Disease Aspirin Use, Tumor PIK3CA Mutation, and Colorectal-Cancer Survival Risk and Adverse Effects of Energy Drink Consumption Low-Dose Aspirin for Preventing Recurrent Venous Thromboembolism C-Reactive Protein, Fibrinogen, and Cardiovascular Disease Prediction Transfusion Strategies for Acute Upper Gastrointestinal Bleeding EDITORIALE Tenersi aggiornati in tutti i campi della medicina é sempre più una necessità fortemente richiesta dal corpo medico ed é inoltre richiesto dalle varie società specialistiche. L offerta di formazioni é enorme, variata e di qualità anche nel nostro Cantone. La lettura di articoli originali che appaiono regolarmente nella letteratura medica di qualità, necessita di tempo, della possibilità di accedere alle migliori riviste e ad un attenta selezioni degli articoli che possono portare interessanti informazioni che ci possono servire per il nostro lavoro. Con questo numero di Colpo d occhio, la redazione vorrebbe cercare di fornire uno strumento di lettura semplice, riassuntivo di articoli importanti di diverse specialità ma di interesse comune. Abbiamo cercato di fare delle traduzioni semplificate tratte da abstract di alcune riviste con anche già commenti inclusi in particolare Journal Watch,,New England Journal. Cercheremo di migliorare la qualità delle traduzioni e di scegliere sempre meglio gli articoli da riportare, allargando sempre più la redazione in modo da poter ottenere una rivista che copra più specialità possibili. Ringraziamo tutti voi per farci pervenire critiche o suggerimenti per migliorare questo strumento di formazione. Dr. med. Andrea Canonica Nonceliac IBS Might Be "Wheat Sensitivity" Successful Clearance of Hepatitis C Virus Is Associated with Lower All-Cause Mortality

2 Diabetes plus Multivessel Coronary Artery Disease: CABG or PCI? Halan M. Krumholz, MD, SM, Published in Journal Watch Cardiology, November 4, 2012 Ci sono sempre più indizi che i pazienti con diabete e malattia coronarica multivasale stanno meglio dopo bypass aorto-coronarico (CABG) che dopo intervento coronarico percutaneo (PCI). Tuttavia, le limitazioni metodologiche, degli studi rilevanti e la necessità di follow up a lungo termine, in un'epoca di rapida evoluzione della tecnologia di stent, hanno alimentato dubbi persistenti. Per affrontare questi problemi, il National Heart, Lung, and Blood Institute hanno sponsorizzato uno studio che coinvolge pazienti (età media, 63 anni; circa 70% uomini) con diabete e più del 70% stenosi in due o più arterie coronarie principali. I pazienti randomizzati con PCI, hanno ricevuto stent medicati e tutti i pazienti hanno ricevuto la terapia medicamentosa secondo le stesse linee guida consigliate. L'outcome primario era : mortalità per qualsiasi causa, per infarto del miocardio (MI), e per ictus. A 5 anni, il tasso di outcome primario era significativamente più alto nel gruppo PCI rispetto al gruppo CABG (26,6% vs 18,7%, p = 0,005). Le curve hanno già cominciato a discostarsi dopo 2 anni ed in seguito sono sempre aumentati con il tempo. Considerati separatamente, i tassi di morte ed infarto miocardico erano significativamente più alti nel gruppo PCI rispetto al gruppo CABG (16,3% vs 10,9% e il 13,9% vs 6,0%, rispettivamente), ma il tasso di ictus era più alta nel gruppo CABG rispetto nel gruppo PCI (5,2% vs 2,4%). Commento: Questo studio ha prodotto un risultato contrastante: da una parte un vantaggio sostanziale del by-pass aorto-coronarico rispetto all intervento coronarico percutaneo nei pazienti con diabete e malattia coronarica per quanto riguarda sia morte di tutte le cause, sia eventi ischemici miocardici. L'eccesso di rischio per l'ictus nel gruppo CABG, tuttavia, può dare qualche inquietudine su determinati pazienti. Risulta quindi importante fare delle scelte oculate a dipendenza della tipologia del paziente. Guidelines for the Management of Stable Ischemic Heart Disease Joel M. Gore, MD, Published in Journal Watch Cardiology, December 19, 2012 Queste linee guida hanno lo scopo di aiutare i pazienti con cardiopatia ischemica stabile (IHD) ed i loro medici a sviluppare strategie efficaci per la cura, tra cui l'istruzione, l'identificazione e il trattamento di condizioni che possono peggiorare o complicare IHD, la modificazione dei fattori di rischio e insegnare le terapie basate sull'evidenza. 1.In tutti i pazienti, la gestione della malattia dovrebbe inizialmente concentrarsi sull'eliminazione comportamenti non salutari (ad esempio, fumo) e l'adozione di uno stile di vita sano che comprende il controllo del peso, attività fisica e una dieta sana. 2.L'educazione del paziente è di fondamentale importanza e dovrebbe includere la compliance ai farmaci, i livelli di esercizio, l auto-monitoraggio, e l'identificazione di un peggioramento dei sintomi (Classe I). 3.La modificazione dei fattori di rischio: in aggiunta alla terapia dietetica, tutti i pazienti devono ricevere statine (da moderate ad alte dosi) a meno che non esistono controindicazioni (Classe I). Pazienti con pressione arteriosa 140/90 mm Hg dovrebbero ricevere terapia antipertensiva (Classe I). Rosiglitazone deve essere evitato per il trattamento del diabete nei pazienti con cardiopatia ischemica stabile (classe III). Tutti i pazienti devono impegnarsi in minuti di attività di intensità moderata aerobica almeno 5 (preferibilmente 7) giorni alla settimana (Classe I). Tutti i pazienti dovrebbero cercare di raggiungere o mantenere un indice di massa corporea tra 18,5 e 24,9 kg/m2 (Classe I). Tutti i pazienti devono smettere di fumare ed evitare il fumo passivo (Classe I). Le seguenti terapia sono di alcun beneficio provato per la riduzione del rischio cardiovascolare: la terapia estrogenica sostitutiva, vitamina C, vitamina E, o beta-carotene, la terapia chelante, aglio, selenio e cromo (III classe).

3 4.La terapia medica per prevenire infarto del miocardio (MI) e la morte comprende: aspirina, mg al giorno, o clopidogrel in pazienti intolleranti all'aspirina (Classe 1), beta-bloccanti per 3 anni dopo un infarto del miocardio o sindrome coronarica acuta (Classe I ), un ACE-inibitore o antagonista del recettore dell'angiotensina in tutti i pazienti con ipertensione, diabete, o ipertrofia del ventricolo sinistro (LV) disfunzione sistolica Classe I). Un vaccino antinfluenzale annuale (Classe I). 5.La terapia medica per alleviare i sintomi includono: un beta-bloccante come terapia iniziale (Classe I), calcio antagonisti nei pazienti che non tollerano i beta-bloccanti (Classe I), nitroglicerina sublinguale o spray nitroglicerina per alleviare i sintomi acuti (Classe I). 6.La rivascolarizzazione è raccomandata per prevenire MI e morte nei pazienti con stenosi 50% del dell'arteria coronaria principale. Il by-pass aorto-coronarico (CABG) è preferito (Classe I), ma l'intervento coronarico percutaneo (PCI) è un'alternativa accettabile (Classe IIa). Il CABG si raccomanda inoltre per migliorare la sopravvivenza nei pazienti con malattia dei tre vasi, sia CAGB o PCI è raccomandato nei sopravvissuti dopo arresto cardiaco(classe I). 7.La rivascolarizzazione è consigliata per alleviare i sintomi nei pazienti con almeno una stenosi significativa e/o angina inaccettabile che persiste nonostante la terapia medica (Classe I). 8.Il follow up periodico dovrebbe avvenire almeno una volta all'anno e deve includere la valutazione dei sintomi, funzione clinica, complicanze, fattori di rischio, e l'adesione a uno stile di vita adeguato e aderenza alla terapia medica (Classe I). La funzione ventricolare sinistra non deve essere valutata nella routine di follow-up a meno che nuovi sintomi o peggioramento dei sintomi sono presenti (classe III). La tomografia computerizzata e l angiografia coronarica non deve essere utilizzata per valutare arterie coronariche native con nota calcificazione da moderata a grave (classe III). Studi di imaging non devono essere eseguiti a intervalli di meno di 5 anni dopo CABG o meno di 2 anni dopo la PCI (Classe III). Commento: L'obiettivo del trattamento efficace della cardiopatia ischemica stabile è quello di ridurre la morte prematura e di ridurre l infarto miocardico non fatale, massimizzando la salute del paziente. Chiaramente, un approccio unico non è corretto in ogni circostanza clinica, la cura deve essere personalizzata, e queste linee guida faciliteranno i ben informati ad un processo decisionale corretto. Il messaggio é che i pazienti con cardiopatia ischemica stabile richiedono un monitoraggio regolare e devono essere istruiti a contattare gli operatori sanitari con qualsiasi variazione dei sintomi. Aspirin Use, Tumor PIK3CA Mutation, and Colorectal-Cancer Survival Xiaoyun Liao, M.D., and al.,n Engl J Med 2012; 367: October 25, 2012 L uso regolare di aspirina dopo la diagnosi di cancro del colon è stata associata con una miglior sopravvivenza. Prove sperimentali suggeriscono che l'inibizione della prostaglandina-sintetasi endoperossido 2 (PTGS2), nota anche come ciclo-ossigenasi-2, dall aspirina riduce il fosfatidilinositolo 3-chinasi (PI3K) che ha un attività di segnalazione. Abbiamo anche ipotizzato che l'effetto dell'aspirina sulla sopravvivenza e la prognosi nei pazienti con tumori caratterizzati da un mutato PIK3CA (il fosfatidilinositolo-4,5-bifosfonati 3-chinasi, catalitico gene alfa subunità polipeptide) potrebbe invece differire dagli effetti in quelli con tumori con un wild-type PIK3CA. Abbiamo ottenuto dati su 964 pazienti affetti da tumore del colon retto o da studio Nurses 'Health (Health Professionals Follow-up Study), compresi i dati relativi l'uso di aspirina dopo la diagnosi e la presenza o l'assenza di mutazione PIK3CA. Abbiamo usato Cox propotional Hazard come modello per calcolare il rapporto di rischio per la morte multivariata. Abbiamo esaminato i marcatori tumorali, tra cui PTGS2, AKT fosforilata, KRAS, BRAF, instabilità dei microsatelliti, CpG fenotipo methylator isola, e la metilazione nei lunghi intervalli del elemento nucleotide 1.

4 Tra i pazienti con mutazione-pik3ca tumori colorettali, l'uso regolare di aspirina dopo la diagnosi è stata associata con superiore sopravvivenza cancro-specifica (hazard ratio multivariato per la morte per cancro, 0,18, intervallo di confidenza al 95% [CI], 0,06-0,61, p < 0,001 con il log-rank test) e la sopravvivenza globale (hazard ratio multivariato per la mortalità per qualsiasi causa, 0.54, 95% CI, 0,31-0,94, p = 0,01 con il log-rank test). Al contrario, tra i pazienti con wild-type PIK3CA, l'uso regolare di Aspirina dopo la diagnosi non è stata associata con sopravvivenza cancro-specifica (hazard ratio multivariato, 0,96, 95% CI, 0,69-1,32, p = 0,76 con il log-rank test p = 0,009 per l'interazione tra aspirina e variabili PIK3CA) o della sopravvivenza globale (hazard ratio multivariato, 0.94, 95% CI, 0,75-1,17, p = 0,96 con il log-rank test, p = 0.07 per interazione). Conclusione: L'uso regolare di Aspirina dopo la diagnosi è stata associata con una sopravvivenza più lunga nei pazienti con mutazione-pik3ca del cancro colorettale, ma non tra i pazienti con tumore wild-type PIK3CA. I risultati di questo studio di epidemiologia molecolare, suggeriscono che la mutazione PIK3CA nel cancro colorettale può fungere da biomarcatore predittivo molecolare per la terapia adiuvante aspirina. (Finanziato dal National Institutes of Health e altri.) Risk and Adverse Effects of Energy Drink Consumption Risks are particularly elevated when heavily caffeinated drinks are mixed with alcohol. Thomas L. Schwenk, MD, Published in Journal Watch General Medicine, January 3, 2013 Il consumo di bevande energetiche che contengono caffeina, è aumentato drammaticamente negli Stati Uniti, da 2,3 milioni di bevande nel 2005 a 6 milioni di bevande nel Da un terzo alla metà degli adolescenti e giovani adulti hanno un consumo regolare di bevande energetiche, quasi la metà dei militari statunitensi dispiegati all'estero segnala l'uso quotidiano di queste bevande. Il contenuto di caffeina abituale di queste bevande è di 80 a 140 mg, ma alcune ne hanno fino al doppio. Visto che sono commercializzati come integratori alimentari, sono esenti dalla maggior parte dei regolamenti. Una sola tazza di caffè, che contiene circa 100 mg di caffeina, si traduce in un livello ematico di 1 a 2 mg / ml. Ricercatori svedesi hanno identificato 20 morti correlate a intossicazione da caffeina (livello ematico,> 80 mg / ml). Una dose potenzialmente letale di 3 g di caffeina (pari a un 80 mg / ml di sangue) può essere raggiunto da un consumo di circa 12 bevande contenenti caffeina nel giro di poche ore. Un problema particolare con queste bevande è la loro combinazione con l'alcol, in premiscelati bevande commercializzati come cocktail tra alcol e bevande energetiche (ad esempio, Red Bull e vodka). La combinazione porta alla riduzione della percezione dello stato di intossicazione da caffeina ed inoltre incoraggia il consumo di alcol. In un sondaggio di studenti universitari, il 56% ha riferito il consumo di queste bevande nel mese precedente. Il consumo di bevande energetiche in combinazione con l'alcol è associato ad aumento del rischio di commettere o sperimentare violenza sessuale e incidenti automobilistici alcol-correlati. Ciò che non è chiaro è se queste differenze sono dovute agli effetti delle bevande miste stesse o per la personalità e comportamenti a rischio di persone che le consumano. Molti Stati hanno vietato la vendita di bevande commerciali premiscelati. Commento: I medici devono informarsi con i propri pazienti, in particolare i giovani, sul loro uso di bevande energetiche, con o senza alcool. Una dose massima giornaliera di 500 mg di caffeina è un obiettivo ragionevole. La miscelazione con alcool deve essere particolarmente scoraggiata.

5 Low-Dose Aspirin for Preventing Recurrent Venous Thromboembolism Timothy A. Brighton, M.B., B.S., John W. et al. and John Simes, M.D. for the ASPIRE Investigators N Engl J Med 2012;367: , Nov. 22 I pazienti che hanno avuto un primo episodio di trombo-embolismo venoso senza evidente causa, hanno un alto rischio di recidiva dopo sospensione degli anticoagulanti. L'aspirina può essere efficace nel prevenire una recidiva di trombo-embolia venosa. Abbiamo randomizzato 822 pazienti che hanno completato la terapia iniziale anticoagulante dopo un primo episodio di trombo-embolismo venoso senza evidente causa, a ricevere aspirina, alla dose di 100 mg al giorno, o placebo per un massimo di 4 anni. L'endpoint primario era il ripetersi di trombo-embolia venosa. Durante un follow-up di 37,2 mesi, si é trovato una recidiva di trombo-embolismo venoso in 73 su 411 pazienti assegnati al placebo e in 57 su 411 assegnati a aspirina (un tasso del 6,5% annuo contro il 4,8% per anno; hazard ratio con l'aspirina, 0,74, intervallo di confidenza al 95% [CI], 0,52-1,05, p = 0,09). L'aspirina ha ridotto il tasso dei due esiti secondari pre-specificati compositi: il tasso di trombo-embolia venosa, infarto miocardico, morte da ictus cerebri è stato ridotto del 34% (un tasso del 8,0% per anno con il placebo vs 5,2% per anno con l'aspirina; hazard ratio con aspirina, 0.66, 95% CI, 0,48-0,92, p = 0,01), e il tasso di trombo-embolia venosa, infarto miocardico, ictus, sanguinamento maggiore, o morte per qualsiasi causa è stata ridotta del 33% (hazard ratio, 0.67, 95% CI, 0,49-0,91, p = 0,01). Non c'era significativa differenza tra i gruppi nei tassi di episodi non maggiori o sanguinamento clinicamente rilevante (tasso del 0,6% per anno con il placebo vs 1,1% per anno con l'aspirina, P = 0,22) o di eventi avversi gravi. Conclusioni: In questo studio l'aspirina, rispetto al placebo, non riduce significativamente il tasso di recidiva di trombo-embolia venosa, ma ha determinato una significativa riduzione del tasso di eventi vascolari maggiori, con una migliore beneficio clinico netto. Questi risultati vanno a convalidare come prima evidenza di un beneficio terapeutico, l aspirina quando viene somministrata ai pazienti dopo la terapia anticoagulante iniziale per un primo episodio di trombo-embolismo venoso non provocato. (Finanziato dal National Health and Medical Research Council [Australia] e altri,. Australia Nuova Zelanda Clinical Trials Registry numero, ACTRN ) C-Reactive Protein, Fibrinogen, and Cardiovascular Disease Prediction The Emerging Risk Factors Collaboration N Engl J Med 2012; 367: October C'è molto dibattito circa la determinazione del valore per poter definire i livelli di proteina C-reattiva (CRP) e altri biomarker di infiammazione per la previsione dei primi eventi cardiovascolari. Abbiamo analizzato i dati provenienti da 52 studi prospettici che includevano partecipanti senza una storia di malattia cardiovascolare per definire il valore di CRP e fibrinogeno da aggiungere a fattori di rischio convenzionali per la previsione del rischio cardiovascolare. Abbiamo calcolato le misure di discriminazione e di riclassificazione durante il follow-up e modellato le implicazioni cliniche di inizio della terapia con statine dopo la valutazione di CRP e fibrinogeno.

6 L'aggiunta di informazioni su colesterolo ad alta densità lipoproteina ad un modello prognostico per la malattia cardiovascolare che includeva già età, sesso, fumo, ipertensione, storia di diabete, e il livello di colesterolo totale, l'ulteriore aggiunta a questo modello di informazioni su PCR o fibrinogeno aumentato la C-index di 0,0039 e 0,0027, rispettivamente (P <0.001), e ha prodotto un netto miglioramento con riclassificazione di 1,52% e 0,83%, rispettivamente, per la predizione a 10 anni categorie di rischio "basso" (<10%), "intermedio" (10% a <20%), e "alto" ( 20%) (p <0,02 ). Abbiamo stimato che tra adulti di 40 anni di età o più anziani, persone sarebbero inizialmente stati classificati come gruppo a rischio intermedio per un evento cardiovascolare, se fossero stati usati per il calcolo del rischio solo i fattori di rischio convenzionali. Supponendo che la terapia con statine dovrebbe essere iniziata in conformità alle linee guida Adult Treatment Panel III (ad esempio, per le persone con un rischio predittivo di 20% e per quelli con alcuni altri fattori di rischio, come il diabete, a prescindere dalla loro rischio a 10 anni previsto), ulteriore valutazione mirata dei livelli di proteina C- reattiva o del fibrinogeno nei partecipanti rimanenti a rischio intermedio potrebbe aiutare a prevenire circa 30 ulteriori eventi cardiovascolari nel corso di 10 anni. Conclusione: In uno studio su persone senza patologie cardiovascolari note, abbiamo stimato che secondo le linee guida di trattamento attuali, la valutazione del livello di CRP e di fibrinogeno in soggetti a rischio intermedio per un evento cardiovascolare potrebbe aiutare a prevenire un evento aggiuntivo per un periodo di 10 anni per ogni 400 di 500 persone. (Finanziato dal British Heart Foundation e altri.) Transfusion Strategies for Acute Upper Gastrointestinal Bleeding Càndid Villanueva, M.D., et al.,n Engl J Med 2013; 368:11-21,January 3, 2013 La soglia di emoglobina per le trasfusioni di eritrociti nei pazienti con sanguinamento gastrointestinale acuto è controverso. Abbiamo confrontato l'efficacia e la sicurezza di una strategia trasfusionale restrittiva con quelli di una strategia trasfusionale liberale. Sono stati arruolati 921 pazienti con grave emorragia acuta del tratto gastrointestinale superiore e assegnati in modo casuale 461 di loro di una strategia restrittiva (trasfusione quando il livello di emoglobina è sceso al di sotto di 7 g per decilitro) e 460 per una strategia liberale (trasfusione quando l'emoglobina è sceso al di sotto di 9 g per decilitro ). Randomizzazione è stata stratificata in base alla presenza o assenza di cirrosi epatica. Un totale di 225 pazienti assegnati alla strategia restrittiva (51%), rispetto ai 65 assegnati alla strategia liberale (15%), non ha ricevuto trasfusioni (p <0,001). La probabilità di sopravvivenza a 6 settimane è stata più alta nel gruppo restrittivo di strategia rispetto al gruppo di strategia liberale (95% vs 91%; hazard ratio per la morte con la strategia restrittiva, 0,55, intervallo di confidenza al 95% [CI], 0.33 a 0,92, p = 0,02). La probabilità di sopravvivenza è stato leggermente superiore con la strategia restrittiva che con la strategia liberale nel sottogruppo di pazienti che hanno sanguinamento associati a un ulcera peptica (hazard ratio, 0,70, 95% CI, 0,26-1,25) ed è stata significativamente maggiore nel sottogruppo dei pazienti con cirrosi e Child-Pugh classe A o B malattia (hazard ratio, 0.30, 95% CI, 0,11-0,85), ma non in quelli con cirrosi e malattia di Child-Pugh classe C (hazard ratio, 1,04, 95% CI, 0,45-2,37). Entro i primi 5 giorni, il gradiente di pressione portale é aumentato significativamente in pazienti assegnati alla strategia liberale (P = 0,03), ma non in quelli assegnati alla strategia restrittiva. Conclusione: Rispetto ad una strategia trasfusionale liberale, una strategia restrittiva risulta significativamente migliore nei pazienti con sanguinamento gastrointestinale superiore acuto. (Finanziato dal Fundació Investigació Sant Pau. ClinicalTrials.gov numero, NCT )

7 Nonceliac IBS Might Be "Wheat Sensitivity" David J. Amrol, MD, published in Journal Watch General medicine, January 10,2013 Tratto da : Carroccio A et al. Non-celiac wheat sensitivity diagnosed by double-blind placebo-controlled challenge: Exploring a new clinical entity. Am J Gastroenterol 2012 Dec; 107:1898 Alcuni pazienti con sindrome del colon irritabile, ma senza celiachia notano comunque un miglioramento con una dieta priva di glutine. Molti pazienti con sindrome dell'intestino irritabile (IBS) riferiscono di sentirsi meglio quando evitano i prodotti con glutine, anche quando tutti i test non evidenziano malattia celiaca o IgE-mediate per allergie alimentari. A questi pazienti a volte si può porre una diagnosi di sensibilità al glutine. In uno studio retrospettivo italiano di 920 pazienti con IBS, 276 hanno soddisfatto i criteri di sensibilità al glutine ( pazienti con IBS e con anti-transglutaminasi e anti-endomisio IgA normali, istologia duodenale normale, assenza di allergia alimentare IgE-mediata e risoluzione dei sintomi con dieta priva di glutine). Commento: Gli allergologi, sono riluttanti a raccomandare di evitare nella dieta i prodotti con glutine senza obiettive evidenze di allergie alimentari o celiachia. Anche se questo studio suggerisce che molti pazienti affetti da IBS in realtà potrebbe avere una sensibilità al glutine che migliora con una dieta priva di glutine. Successful Clearance of Hepatitis C Virus Is Associated with Lower All- Cause Mortality Atif Zaman MD, published Journal Watch Gastroenterology, January 11,2013 Tratto da : Van der Meer AJ et al. Association between sustained virological response and all-cause mortality among patients with chronic hepatitis C and advanced hepatic fibrosis. JAMA 2012 Dec 26; 308:2584. Studi precedenti suggeriscono che il raggiungimento di risposta virologica sostenuta (SVR) con terapia a base di interferone riduce i tassi di insufficienza epatica e i decessi in pazienti con infezione da virus dell'epatite C (HCV) (JW Gastroenterol 1 giugno, 2007). Per esplorare se SVR potrebbe anche comportare una riduzione della mortalità per qualsiasi causa, ricercatori hanno condotto uno studio di coorte multinazionale, a lungo termine che coinvolge 546 pazienti che sono stati trattati con un regime a base di interferone per una fibrosi avanzata o cirrosi. Gli outcome secondari erano insufficienza epatica, mortalità correlata, tumore al al fegato e trapianto. Il follow-up mediano era durata 8,4 anni. Di 530 partecipanti inclusi nelle analisi (età media, 48; 70% uomini), il 54% aveva cirrosi. Trentasei per cento dei pazienti ha raggiunto SVR. Rispetto ai pazienti che non hanno raggiunto SVR, questi pazienti avevano significativamente tassi cumulativi più bassi a 10 anni di mortalità per qualsiasi causa (8,9% vs 26%), così come la mortalità correlata al fegato o al trapianto (1,9% vs 27,4%), insufficienza epatica (2,1% vs 29,9%), e l'incidenza del cancro al fegato (5,1% vs 21,8%). All'analisi multivariata, SVR era indipendentemente associata ad un minor rischio di mortalità per tutte le cause (hazard ratio, 0,26; intervallo di confidenza 95%, 0,14-0,49) e la riduzione del rischio di mortalità correlata al fegato o al trapianto (HR, 0,06, 95% CI, 0,02-0,19). Commento: Questo studio fornisce prove convincenti che con successo di compensazione HCV è associata non solo i risultati del fegato migliorato, ma anche una più bassa mortalità per tutte le cause. Risultati simili sono stati osservati in pazienti coinfettati con HIV e HCV (JAMA 2012, 308:370). Anche se la popolazione nello studio è stata limitata ai pazienti con fibrosi avanzata o cirrosi, questo sottogruppo di pazienti con infezione da HCV è chiaramente anche il più difficile da trattare. Questi risultati dimostrano diretti benefici clinici della terapia HCV e giustifica il suo utilizzo per ottenere SVR. Inoltre, questi vantaggi sono stati ottenuti con un basso numero NNT di solo sette. Con lo sviluppo di più efficaci, più sicuri regimi, i benefici clinici di SVR dovrà essere sempre migliore nel prossimo futuro.

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

RISCHIO CARDIOVASCOLARE

RISCHIO CARDIOVASCOLARE AZIENDA SANITARIA LOCALE LANCIANO VASTO - CHIETI CORSO DI AGGIORNAMENTO AZIENDALE PER MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013 RISCHIO CARDIOVASCOLARE A cura di Docente MMG: dr.ssa Stefania Plessi Docente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli