LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini"

Transcript

1 LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E SALUTE SECONDO LA LEGISLAZIONE PREVENZIONISTICA DEL LAVORO 1 Presupposto fondamentale: la normativa prevenzionistica del lavoro, anche per ciò che concerne i luoghi di lavoro, si applica alle attività con presenza di lavoratori subordinati o ad essi equiparati (soci lavoratori, allievi degli istituti d istruzione superiore ed universitari che svolgano attività manuali, lavoratori somministrati, lavoratori parasubordinati, associato in partecipazione, i volontari -L. n. 266/91- ecc). Si applica in misura ridotta nelle attività gestite dal solo titolare e nelle imprese familiari (vedasi art. 21 del D. Lgs. n. 81/08). Rif. art. 2 del D. Lgs. n 81/

2 La previgente normativa in materia di igiene e sicurezza del luogo di lavoro (rif. principali): - D.P.R , n. 303 (Norme generali per l igiene del lavoro): artt. da 6 a 17 per i requisiti igienistici degli ambienti di lavoro; artt. da 36 a 47 per i requisiti dei servizi igienico-assistenziali; art. 48, notifiche dei nuovi insediamenti produttivi. - D.P.R , n. 547 (Norme per la prevenzione degli infortuni): artt. da 8 a 17, da 26 a 32, 371, 374, 1 c. - D. Lgs. n. 626/94, artt. da 30 a 33 per l adeguamento dei luoghi di lavoro e novelle alle norme precedenti; allegato II, prescrizioni di sicurezza e salute per i luoghi di lavoro E stata sostituita dalle disposizioni contenute nel Titolo II e nell allegato IV del D. Lgs. n. 81/2008 (L. delega n. 123/2007). 3 Permane la validità del D.M. Interno , Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Il campo di applicazione del nuovo D. Lgs. n. 81/2008 (art. 3) ricomprende tutti i settori di attività pubblici e privati e tutte le tipologie di rischio Nei confronti di alcuni soggetti pubblici le disposizioni del decreto si applicano tenendo conto delle effettive particolari esigenze connesse al servizio espletato o alle peculiarità organizzative, individuate entro e non oltre 12 mesi dalla data della sua entrata in vigore 4 2

3 Il campo di applicazione di ogni normativa elenca, con il criterio dell esclusione, le tipologie di attività ove non si applica la normativa stessa. Vengono superate alcune esclusioni contenute nei vecchi DD.P.R. Vengono inclusi nella tutela prevenzionistica anche i lavoratori autonomi, sebbene solo ove vi siano specifici richiami in tal senso. Si chiarisce chi deve fare cosa e chi riceve tutela in termini prevenzionistici nelle ipotesi di somministrazione di lavoro, nel distacco, nelle collaborazioni (CO.CO.CO. e CO.CO.PRO), nelle prestazioni di lavoro accessorio, nel lavoro a domicilio, nel telelavoro, nell impresa familiare. 5 Per LUOGO DI LAVORO (definizione all art. 62 del D. Lgs. n. 81/2008) si intendono i luoghi destinati a contenere i posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda ovvero dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo nell area della medesima azienda ovvero unità produttiva comunque accessibile per il lavoro. Esclusioni all applicazione delle disposizioni del Titolo II : - mezzi di trasporto - cantieri temporanei o mobili - industrie estrattive - pescherecci - campi, boschi ed altri terreni facenti parte di un impresa agricola o forestale, ma situati fuori dall area edificata dell azienda 6 3

4 L applicazione delle norme prevenzionistiche in combinato disposto con altre fonti normative Ciò accade soprattutto con riferimento ai luoghi di lavoro. Si tratta di: regolamenti di igiene tipo, regolamenti d igiene locali, norme di edilizia scolastica o sanitaria, normativa speciale sulle barriere architettoniche, ecc). 7 Queste fonti giuridiche parallele forniscono sovente i parametri di progetto ed i requisiti strutturali ai fini della salute, della sicurezza e del benessere degli occupanti i luoghi di lavoro. Lo stato dell arte è rappresentato, soprattutto per gli impianti e le attrezzature di lavoro, ma anche per le strutture contenenti il luogo di lavoro, dalla normativa di buona tecnica. Le norme di buona tecnica sono dei documenti di applicazione volontaria che stabiliscono le caratteristiche (dimensionali, prestazionali, ambientali, di sicurezza, di organizzazione, ecc.) di un prodotto, di un processo o di un servizio, le quali vengono poi assunte dagli operatori come standard di riferimento nello specifico campo di interesse. 8 4

5 Le norme di BUONA TECNICA rappresentano il frutto del lavoro di migliaia di esperti, alle dipendenze di organismi riconosciuti (ISO, UNI, CEI, ecc.) pubblicamente da apposite leggi e un prezioso riferimento in numerosi campi dell attività umana poiché esprimono il punto di arrivo del progresso scientifico e tecnologico. La normazione rappresenta la traduzione dell esigenza dell uomo di dotarsi di consuetudini codificate, di regole cui attenersi nella sua attività; è un esigenza che ha origini antiche (es., regole nell antico Egitto e nell antica Roma sulle caratteristiche dimensionali di alcuni materiali da costruzione. 9 I LOCALI DI LAVORO E LE LORO CARATTERISTICHE Sintesi di alcune disposizioni più rilevanti 63.1 I luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell allegato IV del D. Lgs. N. 81/ La strutturazione dovrà tener conto dell eventuale impiego di manodopera con handicap (disabili), con particolare riferimento a scale e loro accessi, porte, servizi igienici, ascensori e pulsantiere, ecc Possibilità, in presenza di vincoli urbanistici ed architettonici che ostino alla realizzazione degli interventi strutturali richiesti dalla normativa, di adottare misure alternative che garantiscano un livello di sicurezza equivalente b) Vie di circolazione ed uscite di sicurezza: necessità che siano mantenute sgombre allo scopo di consentirne l utilizzazione in caso di evenienza c)manutenzione tecnica tesa a scongiurare i rischi derivanti dall uso di luoghi di lavoro, impianti ed attrezzature d) Pulizia periodica di luoghi di lavoro, impianti e dispositivi ai fini dell igiene del lavoro. 10 5

6 Art. 65 Disciplina dei locali interrati e seminterrati: non è sostanzialmente variata rispetto a quanto prevedeva l art. 8 del DPR n. 303/56. Permane il divieto di adibire questi locali al lavoro con manodopera dipendente od equiparata, salvo sussistano particolari esigenze tecniche e si provveda comunque ad assicurare la salubrità degli ambienti. L organo di vigilanza può autorizzare l uso dei predetti locali anche laddove non sussistano particolari esigenze tecniche, sempre che non vi siano emissioni nocive. 11 Art. 67 Notifica dei nuovi insediamenti produttivi Il precetto non è sostanzialmente variato rispetto a quanto prevedeva l art. 48 del DPR n. 303/56 E dovuta nel caso di costruzione ex novo, ampliamenti e ristrutturazioni di edifici e locali da adibire ad uso artigianale ed industriale con impiego di più di tre lavoratori La norma specifica i contenuti della notifica (descrizione dei locali e degli impianti, delle lavorazioni, ecc.) Si presenta all organo di vigilanza territorialmente competente a mezzo di apposito modello N.I.P., allegando copia dei disegni in pianta ed in sezione dei locali interessati. 12 6

7 Progettisti dei luoghi di lavoro Permangono gli obblighi previsti dall ex art. 6, comma 1 del D. Lgs. n. 626/94 I progettisti dei luoghi e dei posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro al momento delle scelte progettuali e tecniche e scelgono attrezzature, componenti e dispositivi rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari in materia. 13 Allegato IV del D. Lgs. N. 81/2008 Sintesi delle disposizioni principali 1.1. Stabilità e solidità dell edificio, in relazione all impiego ed alle caratteristiche ambientali, da garantire nel tempo con adeguate manutenzioni. - Solai e soppalchi devono riportare la chiara indicazione del carico massimo ammissibile - L accesso ai luoghi di lavoro per operazioni di manutenzione e riparazione deve potersi effettuare in piena sicurezza a mezzo scale, andatoie, passerelle ed in genere attrezzatura appropriata al caso specifico - Obbligo di mantenere puliti gli ambienti di lavoro (pulizie possibilmente fuori dell orario di lavoro) e divieto di accumulo di rifiuti e scarti capaci di svolgere emanazioni insalubri. 14 7

8 a) IGIENE DEL LAVORO 1.2 Altezze, cubature e superfici dei luoghi di lavoro Per locali con lavorazioni artigianali e industriali con più di 5 lavoratori ed in quelle che richiedano la sorveglianza sanitaria: altezza non < a m. 3, cubatura non < a 10 m 3 per persona, superficie disponibile per lavoratore m 2 2 (valori lordi). Possibilità di deroghe sulle altezze rilasciate dall organo di vigilanza. Per gli uffici e per i locali delle aziende commerciali, i limiti di altezza sono individuati dalla normativa urbanistica vigente Lo spazio destinato al lavoratore nel posto di lavoro deve essere tale da consentire il normale movimento della persona in relazione al lavoro da compiere Coibentazione, superfici di aeroilluminazione naturale e microclima: i luoghi di lavoro continuativi chiusi devono essere ben difesi contro gli agenti atmosferici, provvisti di un isolamento termico ed acustico sufficiente in rapporto al tipo di impresa ed all attività dei lavoratori (non solo ai fini della loro salute ma anche del loro benessere). Devono avere aperture sufficienti per un rapido ricambio dell aria (quindi, non sono ammessi che in casi eccezionali, locali di lavoro privi di finestrature apribili) ed essere ben asciutti e difesi contro l umidità (in conformità alla normativa urbanistica). Gli impianti di aerazione sono solo sussidiari e non sostitutivi delle aperture naturali. Obbligo di utilizzare e mantenere gli impianti di condizionamento o di ventilazione meccanica in condizioni ottimali (controllo, regolazione, pulizia, sanificazione) 8

9 Temperatura dei locali: dev essere adeguata all organismo umano, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori (non vi è in assoluto un valore minimo o massimo stabilito dalle norme d igiene, dipende dalla situazione specifica, per la quale si prenderanno in considerazione gli indici di comfort termico - PMV e PPD, se ambienti moderati, o altri indici se ambienti severi freddi o caldi. Nel caso di uffici ed esercizi commerciali vi sono vari riferimenti nei regolamenti di igiene tipo e locali. Per gli insediamenti industriali si fa ancora riferimento alla norma UNI 8852/87 Impianti di climatizzazione invernale per edifici adibiti ad attività industriale ed artigianale. Regole per l ordinazione, l offerta ed il collaudo ) Nel giudizio sulla temperatura adeguata si deve tener conto dell influenza esercitata dall umidità relativa e dal movimento d aria concomitanti Le superfici vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo dei luoghi di lavoro, in funzione del tipo di attività e del luogo di lavoro Possibilità di intraprendere misure tecniche alternative o dotazione di DPI in luogo del riscaldamento dell intero ambiente di lavoro Illuminazione naturale ed artificiale dei luoghi di lavoro Salvo che non sia richiesto dalla particolarità delle lavorazioni, i luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente illuminazione naturale e, all occorrenza, artificiale (rif. UNI 12464/). - gli impianti di illuminazione dei locali di lavoro e delle vie di circolazione devono essere installati in modo che il tipo di illuminazione non rappresenti un rischio d infortunio per i lavoratori. - i luoghi di lavoro nei quali i lavoratori sono particolarmente esposti a rischi in caso di guasto dell illuminazione artificiale, devono disporre di un illuminazione di sicurezza di sufficiente intensità. - le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia ed efficienza. - le zone di azione delle macchine operatrici e quelle dei lavori manuali ( ) con pericolo d infortunio o esigenze di particolare sorveglianza, devono essere illuminati in modo diretto con mezzi particolari (v. UNI 1837/2001). 18 9

10 I servizi igienico-assistenziali (artt. da 1.11 a 1.14) : requisiti dei locali di riposo e di refezione, spogliatoi, gabinetti e lavabi, docce, dormitori. indicazioni principali: Docce: obbligatorie in presenza di lavorazioni insudicianti e comunque quando esigenze di salute e di salubrità lo esigono (di regola, 1 doccia ogni 5-6 lavoratori smontanti per turno), dotate di acqua corrente calda e fredda e di mezzi per detergersi. Le docce devono comunicare direttamente con il locale spogliatoio. Gabinetti e lavabi: in numero di ca. 1 ogni 10 lavoratori, divisi per sesso, dotati di lavabi con acqua corrente calda e fredda e di mezzi per detergersi ed asciugarsi, mantenuti in stato di scrupolosa pulizia a cura del datore di lavoro. Devono essere collocati in prossimità del posto di lavoro. Spogliatoi ed armadietti: di dimensioni sufficienti al personale esistente per cambiarsi con comodità (si calcola ca. 1,2 m 2 per persona al lordo degli arredi), riscaldati nella stagione fredda, posti in diretta comunicazione con le docce. Gli armadietti devono essere chiudibili a chiave e, se vengono svolte lavorazioni insudicianti, devono essere del tipo a doppio scomparto. 19 I servizi igienico-assistenziali (artt. da 1.11 a 1.14) : Locali di riposo (od altri locali equivalenti se il lavoro è interrotto regolarmente e frequentemente e non vi siano locali di riposo): di dimensioni sufficienti e muniti di arredi, da mettersi a disposizione dei lavoratori se il tipo di attività lo richiede ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori. Refettorio: obbligo del locale ad uso refettorio se più di 30 lavoratori rimangono in azienda durante l intervallo di lavoro requisiti riportati alla norma Ai lavoratori deve essere data la possibilità di consewrvare in adatti posti fissi le loro vivande, di riscaldarle e di lavare i relativi recipienti. Di massima, è vietato ai lavoratori di consumare i pasti nei locali di lavoro. Dormitori: quelli stabili devono possedere i requisiti di abitabilità prescritti per le case di abitazione della località requisiti alla norma

11 B) SICUREZZA DEL LUOGO DI LAVORO 1.3 Pavimenti, marciapiedi, lucernari, banchine, rampe di carico: - i pavimenti dei locali di lavoro devono essere esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, devono essere fissi, stabili, antisdrucciolevoli. - I pavimenti che si mantengono bagnati devono essere muniti in permanenza di palchetti o graticolato se i lavoratori non sono forniti di calzature impermeabili. - Obbligo di segnalare le pareti vetrate che devono essere costituite da materiali di sicurezza fino all altezza di 1 m dal pavimento, ovvero barrierate in modo da evitare la possibile collisione con esse. - L apertura, la regolazione, la pulizia e la manutenzione di finestre e lucernari devono compiersi in modo che tali operazioni non comportino rischi per i lavoratori. - Rampe e banchine di carico strutturate in modo da evitare che i lavoratori possano cadere Vie di circolazione, zone di pericolo, pavimenti e passaggi: - Le vie di circolazione, comprese scale, scale fisse, banchine e rampe devono essere situate e calcolate in modo che i pedoni ed i veicoli possano utilizzarle in piena sicurezza. - Se sulle vie di circolazione sono utilizzati mezzi di trasporto, dovrà essere prevista per i pedoni una distanza di sicurezza sufficiente (ex franco 70 cm). Dette vie devono passare ad una distanza sufficiente da porte, corridoi, scale. Il loro tracciato dev essere evidenziato. - I pavimenti ed i passaggi devono essere esenti da buchi e sporgenze, nonché da ostacoli. Se questi ultimi sono inamovibili dovranno essere opportunamente segnalati (es. colonne, ecc). - Le zone che presentano rischi particolari in funzione dell attività svolta, o rischio di caduta dei lavoratori o di oggetti devono essere interdette ai non autorizzati e debitamente segnalate. - Il rischio di caduta dall alto dev essere eliminato a mezzo appositi parapetti. In luogo di essi possono essere installate barriere mobili nei luoghi ove si fa lo scarico ed il carico di materiali

12 1.7 Scale: -le scale fisse a gradini debbono essere robuste, con alzata e pedata idonee (rif. 2 alzate + 1 pedata = cm, con alzata massima di cm 17). -Protezione sui lati aperti, previsione di almeno 1 corrimano se delimitate da due pareti, pavimentazione antisdrucciolevole, larghezza sufficiente a permettere una rapida evacuazione. Non idonee, in genere, le scale a chiocciola causa mancato rispetto dimensioni minime di alzata e pedata. - Le scale fisse a pioli di altezza superiore a 5 m, fissate su pareti o incastellature verticali o con inclinazione superiore a 75, devono essere provvista a partire da m 2,50 dal pavimento di idonea gabbia metallica di protezione (.). Possibilità di misure alternative in luogo della gabbia se questa è d intralcio Caratteristiche del parapetto normale: altezza minima di m 1, adeguatamente robusto in relazione alle condizioni di impiego, costituito da almeno due correnti, eventualmente corredato di fascia di arresto al piede alta min. 15 cm. Non è richiesto per i piani di caricamento di altezza inferiore ai 2 m Vie ed uscite di emergenza (deflusso ed uscita verso un luogo sicuro): - Le vie e le uscite di emergenza devono rimanere sgombre da ostacoli. Il loro numero, dimensioni e distribuzione devono essere valutati in funzione delle caratteristiche del luogo di lavoro, dell attività ivi svolta, nonché del numero massimo di persone potenzialmente presenti in detti luoghi. - L altezza minima delle vie e delle uscite è di m 2, la larghezza dev essere conforme alla normativa antincendio. Devono essere dotate di illuminazione di sicurezza. - Apertura delle porte di emergenza (evidenziate e facilmente ed immediatamente apribili da ognuno in caso di necessità) nel verso dell esodo, salvo che ciò non determini pericolo per il passaggio di mezzi o per altre cause. Non ammesse le porte girevoli, quelle scorrevoli verticalmente, con saracinesca a rullo. - Qualsiasi apertura esistente nel suolo o nell ambiente di lavoro che possa comportare il rischio di caduta deve essere dotata di solida copertura o di parapetto normale. Se ciò non è possibile si dovranno segnalare con indicazioni apposite

13 Sicurezza nei lavori all interno di vasche, silos, canalizzazioni, cisterne, ecc Art. 18 del D. Lgs. n. 81/ affidamento del lavoro a lavoratori capaci ed in buone condizioni psico-fisiche -fornitura di adeguati D.P.I. - prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Allegato IV del D. Lgs. n. 81/ Le tubazioni, le canalizzazioni e i recipienti,., devono essere provvisti di aperture di accesso aventi dimensioni tali da poter consentire l agevole recupero di un lavoratore privo di sensi Prima di disporre l entrata di lavoratori in tali luoghi, chi sovraintende ai lavori deve assicurarsi che nell interno non esistano gas o vapori nocivi o una temperatura dannosa e deve, qualora vi sia pericolo, disporre efficienti lavaggi, ventilazione o altre misure idonee I lavoratori che prestano la loro opera all interno dei luoghi predetti devono essere assistiti da altro lavoratore, situato all esterno presso l apertura di accesso Quando la presenza di gas o vapori nocivi non possa escludersi in modo assoluto o quando l accesso al fondo dei luoghi predetti è disagevole, i lavoratori che vi entrano devono essere muniti di cintura di sicurezza con corda di adeguata lunghezza e, se necessario, di apparecchi idonei a consentire la normale respirazione Qualora non possa escludersi la presenza anche di gas, vapori o polveri infiammabili od esplosivi, oltre alle misure indicate nell articolo precedente, si devono adottare cautele atte ad evitare il pericolo di incendio o di esplosione, quali la esclusione di fiamme libere, di corpi incandescenti, di attrezzi di materiale ferroso e di calzature con chiodi. Qualora sia necessario l impiego di lampade, queste devono essere di sicurezza Nei serbatoi, tini, vasche e simili che abbiano una profondità di oltre 2 metri e che non siano provvisti di aperture di accesso al fondo, qualora non sia possibile predisporre la scala fissa per l accesso al fondo dei suddetti recipienti devono essere usate scale trasportabili, purché provviste di ganci di trattenuta. 25 Sicurezza nei lavori all interno di vasche, silos, canalizzazioni, cisterne, ecc Ulteriori misure di tutela stabilite dal DPR n. 177 del 14 settembre 2011 G.U. 8 novembre 2011 disciplina inerente alla qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati a operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati - Le disposizioni operano nel caso di appalti di lavoro e servizi sono fatte salve le disposizioni in materia di verifica dell idoneità tecnico professionale delle ditte appaltatrici - La qualificazione delle ditte operanti in questo settore prevede il possesso di numerosi requisiti (integrale applicazione della normativa prevenzionistica, presenza di personale con esperienza almeno triennale nel settore in misura non inferiore al 30%, informazione, formazione, addestramento specifico anche con riferimento alle procedure di emergenza) - Procedure di sicurezza a partire da una riunione di coordinamento con il committente di durata non inferiore a 1 giorno, presenza di un referente del committente specificamente formato e addestrato con funzioni di vigilanza e coordinamento - Il decreto non prevede sanzioni, integra quanto disposto agli artt. 66 e 121 del D. Lgs. n. 81/

14 Appendice: 1) INDUSTRIE E LABORATORI SPECIFICITA IN RELAZIONE AL LUOGO DI LAVORO STOCCAGGIO E DEPOSITO BOMBOLE E PRODOTTI CHIMICI REGOLE PRUDENZIALI Detenere negli ambienti di lavoro la quantità strettamente indispensabile di prodotti chimici e gas in bombole I locali di deposito devono essere asciutti, freschi, ben ventilati e privi di sorgenti di calore, quali tubazioni di vapore, radiatori, ecc. La collocazione dei locali deposito: devono essere posti preferibilmente all esterno del luogo di lavoro, adeguatamente compartimentati, dotati di dispositivi automatici antincendio. Per evitare, in caso di perdite, reazioni pericolose, quali esplosioni ed incendi, è vietato immagazzinare in uno stesso locale contenitori di gas e/ prodotti tra loro incompatibili (es. gpl, idrogeno, acetilene con ossigeno ed aria; ammoniaca e acido cloridrico, acidi e basi forti, ecc) Posizionare idonea cartellonistica di sicurezza. Accesso consentito al solo personale autorizzato 27 Deposito dei rifiuti chimici Anche per i rifiuti del ciclo produttivo devono essere approntati locali idonei separati dal luogo di lavoro Quando possibile il deposito dei rifiuti deve essere predisposto all esterno dei luoghi di lavoro 28 14

15 2) Case di riposo e di cura Per un ottimizzazione ergonomica della movimentazione manuale e per favorire il deflusso in caso di emergenza è necessario predisporre: Ampie aperture delle vie d accesso (ai bagni, ai servizi igienici, alle camere, agli ascensori, ecc) che consentano il passaggio agevole di barelle, carrozzine, ausili meccanici del tipo sollevatori, ecc. Rampe adeguate (pendenza max 8%) o impianti idonei (del tipo saliscale, ecc) per superare gradini e dislivelli. Qualsiasi ostacolo e dislivello sulla pavimentazione dev essere eliminato. Corridoi con larghezza adeguata alle esigenze di transito (es tale da consentire l affiancamento di due carrozzine o barelle) Pavimenti antisdrucciolo 29 Spazi adeguati nelle camere, nei bagni e servizi igienici (es. almeno 90 cm tra un letto e l altro e 120 cm liberi al fondo del letto spazio libero attorno ai sanitari di almeno 90 cm e spazio centrale di 150 cm che consenta la rotazione della carrozzina) Distribuzione dei sanitari nello spazio del locale bagno che consenta la massima ergonomia di movimento e agibilità, sia da parte dell operatore che dell ospite 30 15

16 PAVIMENTAZIONE DEVE ESSERE UNITA, IMPERMEABILE ED ANTISCIVOLO Riff. normativi: D. Lgs.. N. 81/2008 (art. 63 e p.to All. IV e DPR n. 503/88 ( Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici ) Per pavimentazione antiscivolo s intende una pavimentazione realizzata con materiali il cui coefficiente d attrito, misurato secondo il metodo B.C.R.A. sia superiore ai seguenti valori: 0,40 per elemento scivolante cuoio su sup. asciutta 0,40 per elemento scivolante gomma dura standard su pavimentazione bagnata 31 Microclima, aerazione ed illuminazione nei luoghi di lavoro Linee guida Ispesl Coord. Tecnico Regioni e Provv. Autonome vers. giugno 2006 Tabella (pag. 105) requisiti standard di areazione, microclimatici ed illuminotecnici negli edifici adibiti ad attività sanitarie, ospedaliere e veterinarie (parametri: aerazione naturale e ventilazione forzata rinnovi-, classe dei filtri ricircolo permesso o vietato-, temperatura, Ur, velocità dell aria nella stagione invernale ed in quella estiva, illuminazione naturale ed artificiale)

17 Altri riferimenti reperibili sulla rete Internet : 33 17

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60

Materiale didattico validato da: Luoghi di Lavoro. TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV. Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Luoghi di Lavoro TITOLO II D.Lgs. 81/08 Allegato IV Rev. 2 ott. 2009 I luoghi di lavoro slide 1 di 60 Quali sono i luoghi di Lavoro I luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell

Dettagli

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano

Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO Dr.ssa Cristina Gremita - UOPSAL Vigevano LUOGHI DI LAVORO (TITOLO II D.LGS 626/94) Si intendono per luogo di lavoro: i luoghi destinati a contenere posti di lavoro ubicati all interno

Dettagli

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08

Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 1 Luoghi di lavoro Art. 62 D. Lgs n. 81/08 DEFINIZIONE Luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda o dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell'azienda

Dettagli

TITOLO II D.Lgs.. 81/08

TITOLO II D.Lgs.. 81/08 TITOLO II D.Lgs.. 81/08 LUOGHI DI LAVORO 21 ottobre 2010 ing. Mauro Giannelli 1 Articolo 62 - Definizioni 1. Ferme restando le disposizioni di cui al titolo I, si intendono per luoghi di lavoro, unicamente

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA INDIVIDUAZIONE DEI REQUISITI MINIMI PER L UTILIZZO DI LOCALI DA DESTINARSI AD ATTIVITÀ PRODUTTIVE IN EDIFICI ESISTENTI.

REGOLAMENTO PER LA INDIVIDUAZIONE DEI REQUISITI MINIMI PER L UTILIZZO DI LOCALI DA DESTINARSI AD ATTIVITÀ PRODUTTIVE IN EDIFICI ESISTENTI. REGOLAMENTO PER LA INDIVIDUAZIONE DEI REQUISITI MINIMI PER L UTILIZZO DI LOCALI DA DESTINARSI AD ATTIVITÀ PRODUTTIVE IN EDIFICI ESISTENTI. Emessa dal Direttore U.O. Prevenzione e Sicurezza (dott. ing.

Dettagli

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Regione Lazio Coordinamento Direttori SPRESAL PRIME INDICAZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Documento di consenso approvato il 30 settembre 2008 ASL Capofila

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21

scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 scheda n. 75 Tessera di riconoscimento per i soggetti di cui all art. 21 Titolo I art. 60 componenti dell impresa familiare; lavoratori autonomi; coltivatori diretti del fondo; soci delle società operanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI EDILI DI LOCALI DA ADIBIRE ALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' PRODUTTIVE

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI EDILI DI LOCALI DA ADIBIRE ALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' PRODUTTIVE LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI EDILI DI LOCALI DA ADIBIRE ALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' PRODUTTIVE INDICE 1) PREMESSA 2) AMBITO DI APPLICAZIONE 3) LOCALI DI LAVORO 4) SUPERFICIE AEROILLUMINANTE

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale

Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale Violazioni che espongono a rischi di carattere generale Mancata elaborazione del documento di valutazione

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 303/56 DPR 915/82 NORME CEI DM 392/96 Legge 186/68 MAGAZZINO RISCHI EVIDENZIATI DALL ANALISI

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Indicazioni per la prevenzione di infortuni sul lavoro in relazione al rischio di esposizione a gas tossici nel settore cartario.

Indicazioni per la prevenzione di infortuni sul lavoro in relazione al rischio di esposizione a gas tossici nel settore cartario. Indicazioni per la prevenzione di infortuni sul lavoro in relazione al rischio di esposizione a gas tossici nel settore cartario. Nel processo di produzione della carta, sia per l uso di prodotti chimici

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

RLS CODICE SICUREZZA LAVORO GLI ALLEGATI

RLS CODICE SICUREZZA LAVORO GLI ALLEGATI RLS CODICE SICUREZZA LAVORO GLI ALLEGATI CODICE SICUREZZA LAVORO Tutti gli allegati al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

Buone prassi e migliori tecnologie disponibili nell ambito degli spazi confinati.

Buone prassi e migliori tecnologie disponibili nell ambito degli spazi confinati. OSSERVATORIO PER LA PREVENZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SEMINARIO IL LAVORO IN AMBIENTI CONFINATI O SOSPETTI DI INQUINAMENTO Buone prassi e migliori tecnologie disponibili nell ambito degli spazi confinati.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti

Dipartimento di Prevenzione Ufficio Comune Nuovi Insediamenti ATTIVITÀ SVOLTA IN AMBIENTI INTERRATI E SEMINTERRATI RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Igiene degli abitati urbani art.li 216 del T.U.LL.SS. R.D. 1265/34; D.M.S. 05/09/1994 DPR 06/06/2001 n 380 Igiene del

Dettagli

5. SCALE FISSE E PORTATILI

5. SCALE FISSE E PORTATILI 01. E stata effettuata una specifica valutazione dei rischi associati alle scale fisse portatili 02. Nei luoghi di lavoro sono utilizzate scale fisse a gradini 02.01. Le scale che presentano dislivelli

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI

RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI RIFERIMENTI NORMATIVI APPLICABILI D.Lgs. 459/96 Legge 186/68 D.Lgs. 626/94 DM 689/59 D.Lgs. 277/91 Legge 46/90 DPR 547/55 DPR 412/93 DPR 164/56 DPR 915/82 DPR 303/56 DM 392/96 NORME CEI OFFICINA RISCHI

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

87 Testo integrato decreto 81/08 e s.m.i. Gatti Zanella - Ruvolo

87 Testo integrato decreto 81/08 e s.m.i. Gatti Zanella - Ruvolo Allegati I II - 3A ALLEGATO I (NdR: riferimento all articolo 14) Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale Violazioni che espongono a rischi

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa)

MODELLO UNICO DI DOMANDA. RICHIEDE (vistare l'opzione che interessa) SCHEDA A MODELLO UNICO DI DOMANDA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Al SERVIZIO Pre.S.A.L. ASL RM F (Marca da bollo) Via Terme di Traiano 39/a 00053 Civitavecchia IL SOTTOSCRITTO nato a il residente in (comune,

Dettagli

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro IX Giornata della Sicurezza Como, 30 ottobre 2008 Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro Ing. Claudio Giacalone Comando provinciale Vigili del fuoco di Como Decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

96 Testo integrato decreto 81/08 Gatti Zanella - Ruvolo

96 Testo integrato decreto 81/08 Gatti Zanella - Ruvolo Allegati I II - 3A ALLEGATO I (NdR: riferimento all articolo 14) Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale Violazioni che espongono a rischi

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di.

LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala. Dipartimento di. LISTA DI CONTROLLO PER LE SCALE Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Scala Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Gradini I gradini hanno pedata e alzata dimensionate

Dettagli

AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO Normativa, Tecniche di lavoro, Attrezzature, DPI, Procedure di emergenza negli ambienti confinati. Alcune esperienze operative. Arch. Claudio Conio Aggiornamento

Dettagli

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Criticità e modalità operative per le attività in condominio SEMINARIO: Sicurezza sul lavoro nel condominio leggi, obblighi, cautele, opportunità 18/09/2015

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE

INDICAZIONI OPERATIVE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI AZIENDA PER I SERVIZI

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI

Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI CAPO I IGIENE EDILIZIA - IGIENE E TUTELA DELL AMBIENTE

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO

COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO COMUNE DI PERUGIA SPAZIO GIOCO Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche ludiche che prevede modalità di frequenza secondo criteri di massima flessibilità e per una fruizione saltuaria di massimo

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

DLgs 81/08 ALLEGATO IV REQUISITI DEI LUOGHI DI LAVORO

DLgs 81/08 ALLEGATO IV REQUISITI DEI LUOGHI DI LAVORO DLgs 81/08 ALLEGATO IV REQUISITI DEI LUOGHI DI LAVORO 1. AMBIENTI DI LAVORO 1.1 Stabilità e solidità 1.1.1. Gli edifici che ospitano i luoghi di lavoro o qualunque altra opera e struttura presente nel

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO

AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO AMBIENTI CONFINATI o SOSPETTI DI INQUINAMENTO Normativa, Tecniche di lavoro, Attrezzature, DPI, Procedure di emergenza negli ambienti confinati. Alcune esperienze operative. Arch. Claudio Conio Aggiornamento

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA Sommario 1. Premessa 2. Definizione 3. Fonti normative 4. Caratteristiche e requisiti 5. Adempimenti amministrativi 6. Sanzioni 7. Illustrazioni

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26 del d.lgs. n. 81/2008 - Sicurezza e salute nel luogo di lavoro)

Dettagli

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA

A. STANDARD ORGANIZZATIVI PER SERVIZI GIA FUNZIONANTI E DI NUOVA APERTURA COMUNE DI PERUGIA CENTRO PER BAMBINE/BAMBINI E FAMIGLIE Caratteristiche: E un servizio con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale; prevede la presenza contemporanea di

Dettagli

Articolo di Legge violato - tabella comparata -

Articolo di Legge violato - tabella comparata - _D. Lgs. 81 del 09.04.2008_ss. Mm.ii: PRINCIPALI SANZIONI Articolo di Legge violato - tabella comparata - (obblighi dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti) Omessa manutenzione e ripristino

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002

SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 Scuola di cittadinanza attiva SCUOLA SICURA RAPPORTO SUI DATI RACCOLTI NELL INDAGINE SULLA SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI anno scolastico 2001-2002 settembre 2002 1 PREMESSA Poiché il tema della sicurezza

Dettagli

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. n 13 (Sede legale: via dei Mille n.2-28100 Novara) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Sede di Borgomanero, viale Zoppis n.10-28021

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico

LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico LISTA DI CONTROLLO PER I SERVIZI IGIENICI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Unità organizzativa Servizio Igienico Dipartimento di Altezza dei locali REQUISITI L altezza del locale,

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro

oggetto: Adeguamenti strutturali e manutentivi relativi all applicazione della normativa di igiene e sicurezza sul lavoro (Carta intestata dell Istituzione Scolastica) Al Provincia/ Comune/ Municipio ) (il destinatario deve essere il soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile)... data... oggetto: Adeguamenti

Dettagli

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO. Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006 IL NUOVO QUADRO DELLE SANZIONI ANTINCENDIO OMISSIONE NORMA VIOLATA NORMA PENALE SANZIONE Omessa richiesta di rilascio o rinnovo di certificato di prevenzione incendi Art. 20 co. 1 D.Lgs. 139 del 08.03.2006

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Lavori in spazi confinati estratto normativa D.Lgs. 81/08

Lavori in spazi confinati estratto normativa D.Lgs. 81/08 Articolo 65 - Locali sotterranei o semisotterranei 1. È vietato destinare al lavoro locali chiusi sotterranei o semisotterranei. (arresto da tre a sei mesi o ammenda da 1.000 a 4.800 euro il datore di

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA NECESSARIA PER LA CONVOCAZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

DOCUMENTAZIONE TECNICA NECESSARIA PER LA CONVOCAZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO SETTORE GESTIONE URBANA E TERRITORIALE DOCUMENTAZIONE TECNICA NECESSARIA PER LA CONVOCAZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO 1 ALLESTIMENTI TEMPORANEI 1. Elenco

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

Allegato I Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale (392)

Allegato I Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale (392) Allegato I Gravi violazioni ai fini dell adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale (392) In vigore dal 20 agosto 2009 Violazioni che espongono a rischi di carattere generale

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. BeB 1_2011 (Modello 0091 Versione 001-2014) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST Allo Sportello Unico delle Attività Produttive

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

B1.2. Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03.

B1.2. Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Requisiti strutturali e di sicurezza degli ambienti scolastici MODULO B Unità didattica B1.2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Fanno parte della presente famiglia, i seguenti requisiti: SICUREZZA CONTRO LE CADUTE E RESISTENZA AD URTI E SFONDAMENTO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ALLEGATO A 1 FAMIGLIA 4 SICUREZZA NELL IMPIEGO AGGIORNATO AL : 20121999 PAG.: 11 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE (SECONDO LA DIRETTIVA 89106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo che la sua utilizzazione

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 PIANO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (art. 28/29 D. Lgs. 81/2008 e s.m.i.) LUOGHI DI LAVORO DIREZIONE COMUNALE ALESSANDRIA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs n 81 dei 9 aprile 2008 (ex Legge 3 agosto 2007 n 123) APPALTO: Servizio di Refezione scolastica per la scuola dell infanzia e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto:

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA. Oggetto: ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA Oggetto: DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO D. LEG. 9/04/2008 SCUOLA MEDIA RANNA VIA TRAPANI C/DA RANNA - MARSALA ANNO

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio.

LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI. Rilevatore: Referente sede. Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio. LISTA DI CONTROLLO PER UFFICI E STUDI Rilevatore: Referente sede Edificio Codice edificio Piano Stanza Unità organizzativa Ufficio Dipartimento di Responsabile/i REQUISITI Altezza, cubatura, superficie

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) All. 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AD ALUNNI DISABILI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 E 2 GRADO SERVIZIO

Dettagli