LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini"

Transcript

1 LUOGHI DI LAVORO Modulo base: dott. M. Puccini PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E SALUTE SECONDO LA LEGISLAZIONE PREVENZIONISTICA DEL LAVORO 1 Presupposto fondamentale: la normativa prevenzionistica del lavoro, anche per ciò che concerne i luoghi di lavoro, si applica alle attività con presenza di lavoratori subordinati o ad essi equiparati (soci lavoratori, allievi degli istituti d istruzione superiore ed universitari che svolgano attività manuali, lavoratori somministrati, lavoratori parasubordinati, associato in partecipazione, i volontari -L. n. 266/91- ecc). Si applica in misura ridotta nelle attività gestite dal solo titolare e nelle imprese familiari (vedasi art. 21 del D. Lgs. n. 81/08). Rif. art. 2 del D. Lgs. n 81/

2 La previgente normativa in materia di igiene e sicurezza del luogo di lavoro (rif. principali): - D.P.R , n. 303 (Norme generali per l igiene del lavoro): artt. da 6 a 17 per i requisiti igienistici degli ambienti di lavoro; artt. da 36 a 47 per i requisiti dei servizi igienico-assistenziali; art. 48, notifiche dei nuovi insediamenti produttivi. - D.P.R , n. 547 (Norme per la prevenzione degli infortuni): artt. da 8 a 17, da 26 a 32, 371, 374, 1 c. - D. Lgs. n. 626/94, artt. da 30 a 33 per l adeguamento dei luoghi di lavoro e novelle alle norme precedenti; allegato II, prescrizioni di sicurezza e salute per i luoghi di lavoro E stata sostituita dalle disposizioni contenute nel Titolo II e nell allegato IV del D. Lgs. n. 81/2008 (L. delega n. 123/2007). 3 Permane la validità del D.M. Interno , Criteri generali di sicurezza antincendio per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Il campo di applicazione del nuovo D. Lgs. n. 81/2008 (art. 3) ricomprende tutti i settori di attività pubblici e privati e tutte le tipologie di rischio Nei confronti di alcuni soggetti pubblici le disposizioni del decreto si applicano tenendo conto delle effettive particolari esigenze connesse al servizio espletato o alle peculiarità organizzative, individuate entro e non oltre 12 mesi dalla data della sua entrata in vigore 4 2

3 Il campo di applicazione di ogni normativa elenca, con il criterio dell esclusione, le tipologie di attività ove non si applica la normativa stessa. Vengono superate alcune esclusioni contenute nei vecchi DD.P.R. Vengono inclusi nella tutela prevenzionistica anche i lavoratori autonomi, sebbene solo ove vi siano specifici richiami in tal senso. Si chiarisce chi deve fare cosa e chi riceve tutela in termini prevenzionistici nelle ipotesi di somministrazione di lavoro, nel distacco, nelle collaborazioni (CO.CO.CO. e CO.CO.PRO), nelle prestazioni di lavoro accessorio, nel lavoro a domicilio, nel telelavoro, nell impresa familiare. 5 Per LUOGO DI LAVORO (definizione all art. 62 del D. Lgs. n. 81/2008) si intendono i luoghi destinati a contenere i posti di lavoro, ubicati all interno dell azienda ovvero dell unità produttiva, nonché ogni altro luogo nell area della medesima azienda ovvero unità produttiva comunque accessibile per il lavoro. Esclusioni all applicazione delle disposizioni del Titolo II : - mezzi di trasporto - cantieri temporanei o mobili - industrie estrattive - pescherecci - campi, boschi ed altri terreni facenti parte di un impresa agricola o forestale, ma situati fuori dall area edificata dell azienda 6 3

4 L applicazione delle norme prevenzionistiche in combinato disposto con altre fonti normative Ciò accade soprattutto con riferimento ai luoghi di lavoro. Si tratta di: regolamenti di igiene tipo, regolamenti d igiene locali, norme di edilizia scolastica o sanitaria, normativa speciale sulle barriere architettoniche, ecc). 7 Queste fonti giuridiche parallele forniscono sovente i parametri di progetto ed i requisiti strutturali ai fini della salute, della sicurezza e del benessere degli occupanti i luoghi di lavoro. Lo stato dell arte è rappresentato, soprattutto per gli impianti e le attrezzature di lavoro, ma anche per le strutture contenenti il luogo di lavoro, dalla normativa di buona tecnica. Le norme di buona tecnica sono dei documenti di applicazione volontaria che stabiliscono le caratteristiche (dimensionali, prestazionali, ambientali, di sicurezza, di organizzazione, ecc.) di un prodotto, di un processo o di un servizio, le quali vengono poi assunte dagli operatori come standard di riferimento nello specifico campo di interesse. 8 4

5 Le norme di BUONA TECNICA rappresentano il frutto del lavoro di migliaia di esperti, alle dipendenze di organismi riconosciuti (ISO, UNI, CEI, ecc.) pubblicamente da apposite leggi e un prezioso riferimento in numerosi campi dell attività umana poiché esprimono il punto di arrivo del progresso scientifico e tecnologico. La normazione rappresenta la traduzione dell esigenza dell uomo di dotarsi di consuetudini codificate, di regole cui attenersi nella sua attività; è un esigenza che ha origini antiche (es., regole nell antico Egitto e nell antica Roma sulle caratteristiche dimensionali di alcuni materiali da costruzione. 9 I LOCALI DI LAVORO E LE LORO CARATTERISTICHE Sintesi di alcune disposizioni più rilevanti 63.1 I luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell allegato IV del D. Lgs. N. 81/ La strutturazione dovrà tener conto dell eventuale impiego di manodopera con handicap (disabili), con particolare riferimento a scale e loro accessi, porte, servizi igienici, ascensori e pulsantiere, ecc Possibilità, in presenza di vincoli urbanistici ed architettonici che ostino alla realizzazione degli interventi strutturali richiesti dalla normativa, di adottare misure alternative che garantiscano un livello di sicurezza equivalente b) Vie di circolazione ed uscite di sicurezza: necessità che siano mantenute sgombre allo scopo di consentirne l utilizzazione in caso di evenienza c)manutenzione tecnica tesa a scongiurare i rischi derivanti dall uso di luoghi di lavoro, impianti ed attrezzature d) Pulizia periodica di luoghi di lavoro, impianti e dispositivi ai fini dell igiene del lavoro. 10 5

6 Art. 65 Disciplina dei locali interrati e seminterrati: non è sostanzialmente variata rispetto a quanto prevedeva l art. 8 del DPR n. 303/56. Permane il divieto di adibire questi locali al lavoro con manodopera dipendente od equiparata, salvo sussistano particolari esigenze tecniche e si provveda comunque ad assicurare la salubrità degli ambienti. L organo di vigilanza può autorizzare l uso dei predetti locali anche laddove non sussistano particolari esigenze tecniche, sempre che non vi siano emissioni nocive. 11 Art. 67 Notifica dei nuovi insediamenti produttivi Il precetto non è sostanzialmente variato rispetto a quanto prevedeva l art. 48 del DPR n. 303/56 E dovuta nel caso di costruzione ex novo, ampliamenti e ristrutturazioni di edifici e locali da adibire ad uso artigianale ed industriale con impiego di più di tre lavoratori La norma specifica i contenuti della notifica (descrizione dei locali e degli impianti, delle lavorazioni, ecc.) Si presenta all organo di vigilanza territorialmente competente a mezzo di apposito modello N.I.P., allegando copia dei disegni in pianta ed in sezione dei locali interessati. 12 6

7 Progettisti dei luoghi di lavoro Permangono gli obblighi previsti dall ex art. 6, comma 1 del D. Lgs. n. 626/94 I progettisti dei luoghi e dei posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro al momento delle scelte progettuali e tecniche e scelgono attrezzature, componenti e dispositivi rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari in materia. 13 Allegato IV del D. Lgs. N. 81/2008 Sintesi delle disposizioni principali 1.1. Stabilità e solidità dell edificio, in relazione all impiego ed alle caratteristiche ambientali, da garantire nel tempo con adeguate manutenzioni. - Solai e soppalchi devono riportare la chiara indicazione del carico massimo ammissibile - L accesso ai luoghi di lavoro per operazioni di manutenzione e riparazione deve potersi effettuare in piena sicurezza a mezzo scale, andatoie, passerelle ed in genere attrezzatura appropriata al caso specifico - Obbligo di mantenere puliti gli ambienti di lavoro (pulizie possibilmente fuori dell orario di lavoro) e divieto di accumulo di rifiuti e scarti capaci di svolgere emanazioni insalubri. 14 7

8 a) IGIENE DEL LAVORO 1.2 Altezze, cubature e superfici dei luoghi di lavoro Per locali con lavorazioni artigianali e industriali con più di 5 lavoratori ed in quelle che richiedano la sorveglianza sanitaria: altezza non < a m. 3, cubatura non < a 10 m 3 per persona, superficie disponibile per lavoratore m 2 2 (valori lordi). Possibilità di deroghe sulle altezze rilasciate dall organo di vigilanza. Per gli uffici e per i locali delle aziende commerciali, i limiti di altezza sono individuati dalla normativa urbanistica vigente Lo spazio destinato al lavoratore nel posto di lavoro deve essere tale da consentire il normale movimento della persona in relazione al lavoro da compiere Coibentazione, superfici di aeroilluminazione naturale e microclima: i luoghi di lavoro continuativi chiusi devono essere ben difesi contro gli agenti atmosferici, provvisti di un isolamento termico ed acustico sufficiente in rapporto al tipo di impresa ed all attività dei lavoratori (non solo ai fini della loro salute ma anche del loro benessere). Devono avere aperture sufficienti per un rapido ricambio dell aria (quindi, non sono ammessi che in casi eccezionali, locali di lavoro privi di finestrature apribili) ed essere ben asciutti e difesi contro l umidità (in conformità alla normativa urbanistica). Gli impianti di aerazione sono solo sussidiari e non sostitutivi delle aperture naturali. Obbligo di utilizzare e mantenere gli impianti di condizionamento o di ventilazione meccanica in condizioni ottimali (controllo, regolazione, pulizia, sanificazione) 8

9 Temperatura dei locali: dev essere adeguata all organismo umano, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori (non vi è in assoluto un valore minimo o massimo stabilito dalle norme d igiene, dipende dalla situazione specifica, per la quale si prenderanno in considerazione gli indici di comfort termico - PMV e PPD, se ambienti moderati, o altri indici se ambienti severi freddi o caldi. Nel caso di uffici ed esercizi commerciali vi sono vari riferimenti nei regolamenti di igiene tipo e locali. Per gli insediamenti industriali si fa ancora riferimento alla norma UNI 8852/87 Impianti di climatizzazione invernale per edifici adibiti ad attività industriale ed artigianale. Regole per l ordinazione, l offerta ed il collaudo ) Nel giudizio sulla temperatura adeguata si deve tener conto dell influenza esercitata dall umidità relativa e dal movimento d aria concomitanti Le superfici vetrate devono essere tali da evitare un soleggiamento eccessivo dei luoghi di lavoro, in funzione del tipo di attività e del luogo di lavoro Possibilità di intraprendere misure tecniche alternative o dotazione di DPI in luogo del riscaldamento dell intero ambiente di lavoro Illuminazione naturale ed artificiale dei luoghi di lavoro Salvo che non sia richiesto dalla particolarità delle lavorazioni, i luoghi di lavoro devono disporre di sufficiente illuminazione naturale e, all occorrenza, artificiale (rif. UNI 12464/). - gli impianti di illuminazione dei locali di lavoro e delle vie di circolazione devono essere installati in modo che il tipo di illuminazione non rappresenti un rischio d infortunio per i lavoratori. - i luoghi di lavoro nei quali i lavoratori sono particolarmente esposti a rischi in caso di guasto dell illuminazione artificiale, devono disporre di un illuminazione di sicurezza di sufficiente intensità. - le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia ed efficienza. - le zone di azione delle macchine operatrici e quelle dei lavori manuali ( ) con pericolo d infortunio o esigenze di particolare sorveglianza, devono essere illuminati in modo diretto con mezzi particolari (v. UNI 1837/2001). 18 9

10 I servizi igienico-assistenziali (artt. da 1.11 a 1.14) : requisiti dei locali di riposo e di refezione, spogliatoi, gabinetti e lavabi, docce, dormitori. indicazioni principali: Docce: obbligatorie in presenza di lavorazioni insudicianti e comunque quando esigenze di salute e di salubrità lo esigono (di regola, 1 doccia ogni 5-6 lavoratori smontanti per turno), dotate di acqua corrente calda e fredda e di mezzi per detergersi. Le docce devono comunicare direttamente con il locale spogliatoio. Gabinetti e lavabi: in numero di ca. 1 ogni 10 lavoratori, divisi per sesso, dotati di lavabi con acqua corrente calda e fredda e di mezzi per detergersi ed asciugarsi, mantenuti in stato di scrupolosa pulizia a cura del datore di lavoro. Devono essere collocati in prossimità del posto di lavoro. Spogliatoi ed armadietti: di dimensioni sufficienti al personale esistente per cambiarsi con comodità (si calcola ca. 1,2 m 2 per persona al lordo degli arredi), riscaldati nella stagione fredda, posti in diretta comunicazione con le docce. Gli armadietti devono essere chiudibili a chiave e, se vengono svolte lavorazioni insudicianti, devono essere del tipo a doppio scomparto. 19 I servizi igienico-assistenziali (artt. da 1.11 a 1.14) : Locali di riposo (od altri locali equivalenti se il lavoro è interrotto regolarmente e frequentemente e non vi siano locali di riposo): di dimensioni sufficienti e muniti di arredi, da mettersi a disposizione dei lavoratori se il tipo di attività lo richiede ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori. Refettorio: obbligo del locale ad uso refettorio se più di 30 lavoratori rimangono in azienda durante l intervallo di lavoro requisiti riportati alla norma Ai lavoratori deve essere data la possibilità di consewrvare in adatti posti fissi le loro vivande, di riscaldarle e di lavare i relativi recipienti. Di massima, è vietato ai lavoratori di consumare i pasti nei locali di lavoro. Dormitori: quelli stabili devono possedere i requisiti di abitabilità prescritti per le case di abitazione della località requisiti alla norma

11 B) SICUREZZA DEL LUOGO DI LAVORO 1.3 Pavimenti, marciapiedi, lucernari, banchine, rampe di carico: - i pavimenti dei locali di lavoro devono essere esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, devono essere fissi, stabili, antisdrucciolevoli. - I pavimenti che si mantengono bagnati devono essere muniti in permanenza di palchetti o graticolato se i lavoratori non sono forniti di calzature impermeabili. - Obbligo di segnalare le pareti vetrate che devono essere costituite da materiali di sicurezza fino all altezza di 1 m dal pavimento, ovvero barrierate in modo da evitare la possibile collisione con esse. - L apertura, la regolazione, la pulizia e la manutenzione di finestre e lucernari devono compiersi in modo che tali operazioni non comportino rischi per i lavoratori. - Rampe e banchine di carico strutturate in modo da evitare che i lavoratori possano cadere Vie di circolazione, zone di pericolo, pavimenti e passaggi: - Le vie di circolazione, comprese scale, scale fisse, banchine e rampe devono essere situate e calcolate in modo che i pedoni ed i veicoli possano utilizzarle in piena sicurezza. - Se sulle vie di circolazione sono utilizzati mezzi di trasporto, dovrà essere prevista per i pedoni una distanza di sicurezza sufficiente (ex franco 70 cm). Dette vie devono passare ad una distanza sufficiente da porte, corridoi, scale. Il loro tracciato dev essere evidenziato. - I pavimenti ed i passaggi devono essere esenti da buchi e sporgenze, nonché da ostacoli. Se questi ultimi sono inamovibili dovranno essere opportunamente segnalati (es. colonne, ecc). - Le zone che presentano rischi particolari in funzione dell attività svolta, o rischio di caduta dei lavoratori o di oggetti devono essere interdette ai non autorizzati e debitamente segnalate. - Il rischio di caduta dall alto dev essere eliminato a mezzo appositi parapetti. In luogo di essi possono essere installate barriere mobili nei luoghi ove si fa lo scarico ed il carico di materiali

12 1.7 Scale: -le scale fisse a gradini debbono essere robuste, con alzata e pedata idonee (rif. 2 alzate + 1 pedata = cm, con alzata massima di cm 17). -Protezione sui lati aperti, previsione di almeno 1 corrimano se delimitate da due pareti, pavimentazione antisdrucciolevole, larghezza sufficiente a permettere una rapida evacuazione. Non idonee, in genere, le scale a chiocciola causa mancato rispetto dimensioni minime di alzata e pedata. - Le scale fisse a pioli di altezza superiore a 5 m, fissate su pareti o incastellature verticali o con inclinazione superiore a 75, devono essere provvista a partire da m 2,50 dal pavimento di idonea gabbia metallica di protezione (.). Possibilità di misure alternative in luogo della gabbia se questa è d intralcio Caratteristiche del parapetto normale: altezza minima di m 1, adeguatamente robusto in relazione alle condizioni di impiego, costituito da almeno due correnti, eventualmente corredato di fascia di arresto al piede alta min. 15 cm. Non è richiesto per i piani di caricamento di altezza inferiore ai 2 m Vie ed uscite di emergenza (deflusso ed uscita verso un luogo sicuro): - Le vie e le uscite di emergenza devono rimanere sgombre da ostacoli. Il loro numero, dimensioni e distribuzione devono essere valutati in funzione delle caratteristiche del luogo di lavoro, dell attività ivi svolta, nonché del numero massimo di persone potenzialmente presenti in detti luoghi. - L altezza minima delle vie e delle uscite è di m 2, la larghezza dev essere conforme alla normativa antincendio. Devono essere dotate di illuminazione di sicurezza. - Apertura delle porte di emergenza (evidenziate e facilmente ed immediatamente apribili da ognuno in caso di necessità) nel verso dell esodo, salvo che ciò non determini pericolo per il passaggio di mezzi o per altre cause. Non ammesse le porte girevoli, quelle scorrevoli verticalmente, con saracinesca a rullo. - Qualsiasi apertura esistente nel suolo o nell ambiente di lavoro che possa comportare il rischio di caduta deve essere dotata di solida copertura o di parapetto normale. Se ciò non è possibile si dovranno segnalare con indicazioni apposite

13 Sicurezza nei lavori all interno di vasche, silos, canalizzazioni, cisterne, ecc Art. 18 del D. Lgs. n. 81/ affidamento del lavoro a lavoratori capaci ed in buone condizioni psico-fisiche -fornitura di adeguati D.P.I. - prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Allegato IV del D. Lgs. n. 81/ Le tubazioni, le canalizzazioni e i recipienti,., devono essere provvisti di aperture di accesso aventi dimensioni tali da poter consentire l agevole recupero di un lavoratore privo di sensi Prima di disporre l entrata di lavoratori in tali luoghi, chi sovraintende ai lavori deve assicurarsi che nell interno non esistano gas o vapori nocivi o una temperatura dannosa e deve, qualora vi sia pericolo, disporre efficienti lavaggi, ventilazione o altre misure idonee I lavoratori che prestano la loro opera all interno dei luoghi predetti devono essere assistiti da altro lavoratore, situato all esterno presso l apertura di accesso Quando la presenza di gas o vapori nocivi non possa escludersi in modo assoluto o quando l accesso al fondo dei luoghi predetti è disagevole, i lavoratori che vi entrano devono essere muniti di cintura di sicurezza con corda di adeguata lunghezza e, se necessario, di apparecchi idonei a consentire la normale respirazione Qualora non possa escludersi la presenza anche di gas, vapori o polveri infiammabili od esplosivi, oltre alle misure indicate nell articolo precedente, si devono adottare cautele atte ad evitare il pericolo di incendio o di esplosione, quali la esclusione di fiamme libere, di corpi incandescenti, di attrezzi di materiale ferroso e di calzature con chiodi. Qualora sia necessario l impiego di lampade, queste devono essere di sicurezza Nei serbatoi, tini, vasche e simili che abbiano una profondità di oltre 2 metri e che non siano provvisti di aperture di accesso al fondo, qualora non sia possibile predisporre la scala fissa per l accesso al fondo dei suddetti recipienti devono essere usate scale trasportabili, purché provviste di ganci di trattenuta. 25 Sicurezza nei lavori all interno di vasche, silos, canalizzazioni, cisterne, ecc Ulteriori misure di tutela stabilite dal DPR n. 177 del 14 settembre 2011 G.U. 8 novembre 2011 disciplina inerente alla qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati a operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati - Le disposizioni operano nel caso di appalti di lavoro e servizi sono fatte salve le disposizioni in materia di verifica dell idoneità tecnico professionale delle ditte appaltatrici - La qualificazione delle ditte operanti in questo settore prevede il possesso di numerosi requisiti (integrale applicazione della normativa prevenzionistica, presenza di personale con esperienza almeno triennale nel settore in misura non inferiore al 30%, informazione, formazione, addestramento specifico anche con riferimento alle procedure di emergenza) - Procedure di sicurezza a partire da una riunione di coordinamento con il committente di durata non inferiore a 1 giorno, presenza di un referente del committente specificamente formato e addestrato con funzioni di vigilanza e coordinamento - Il decreto non prevede sanzioni, integra quanto disposto agli artt. 66 e 121 del D. Lgs. n. 81/

14 Appendice: 1) INDUSTRIE E LABORATORI SPECIFICITA IN RELAZIONE AL LUOGO DI LAVORO STOCCAGGIO E DEPOSITO BOMBOLE E PRODOTTI CHIMICI REGOLE PRUDENZIALI Detenere negli ambienti di lavoro la quantità strettamente indispensabile di prodotti chimici e gas in bombole I locali di deposito devono essere asciutti, freschi, ben ventilati e privi di sorgenti di calore, quali tubazioni di vapore, radiatori, ecc. La collocazione dei locali deposito: devono essere posti preferibilmente all esterno del luogo di lavoro, adeguatamente compartimentati, dotati di dispositivi automatici antincendio. Per evitare, in caso di perdite, reazioni pericolose, quali esplosioni ed incendi, è vietato immagazzinare in uno stesso locale contenitori di gas e/ prodotti tra loro incompatibili (es. gpl, idrogeno, acetilene con ossigeno ed aria; ammoniaca e acido cloridrico, acidi e basi forti, ecc) Posizionare idonea cartellonistica di sicurezza. Accesso consentito al solo personale autorizzato 27 Deposito dei rifiuti chimici Anche per i rifiuti del ciclo produttivo devono essere approntati locali idonei separati dal luogo di lavoro Quando possibile il deposito dei rifiuti deve essere predisposto all esterno dei luoghi di lavoro 28 14

15 2) Case di riposo e di cura Per un ottimizzazione ergonomica della movimentazione manuale e per favorire il deflusso in caso di emergenza è necessario predisporre: Ampie aperture delle vie d accesso (ai bagni, ai servizi igienici, alle camere, agli ascensori, ecc) che consentano il passaggio agevole di barelle, carrozzine, ausili meccanici del tipo sollevatori, ecc. Rampe adeguate (pendenza max 8%) o impianti idonei (del tipo saliscale, ecc) per superare gradini e dislivelli. Qualsiasi ostacolo e dislivello sulla pavimentazione dev essere eliminato. Corridoi con larghezza adeguata alle esigenze di transito (es tale da consentire l affiancamento di due carrozzine o barelle) Pavimenti antisdrucciolo 29 Spazi adeguati nelle camere, nei bagni e servizi igienici (es. almeno 90 cm tra un letto e l altro e 120 cm liberi al fondo del letto spazio libero attorno ai sanitari di almeno 90 cm e spazio centrale di 150 cm che consenta la rotazione della carrozzina) Distribuzione dei sanitari nello spazio del locale bagno che consenta la massima ergonomia di movimento e agibilità, sia da parte dell operatore che dell ospite 30 15

16 PAVIMENTAZIONE DEVE ESSERE UNITA, IMPERMEABILE ED ANTISCIVOLO Riff. normativi: D. Lgs.. N. 81/2008 (art. 63 e p.to All. IV e DPR n. 503/88 ( Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici ) Per pavimentazione antiscivolo s intende una pavimentazione realizzata con materiali il cui coefficiente d attrito, misurato secondo il metodo B.C.R.A. sia superiore ai seguenti valori: 0,40 per elemento scivolante cuoio su sup. asciutta 0,40 per elemento scivolante gomma dura standard su pavimentazione bagnata 31 Microclima, aerazione ed illuminazione nei luoghi di lavoro Linee guida Ispesl Coord. Tecnico Regioni e Provv. Autonome vers. giugno 2006 Tabella (pag. 105) requisiti standard di areazione, microclimatici ed illuminotecnici negli edifici adibiti ad attività sanitarie, ospedaliere e veterinarie (parametri: aerazione naturale e ventilazione forzata rinnovi-, classe dei filtri ricircolo permesso o vietato-, temperatura, Ur, velocità dell aria nella stagione invernale ed in quella estiva, illuminazione naturale ed artificiale)

17 Altri riferimenti reperibili sulla rete Internet : 33 17

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

ALLEGATI. Allegato I Gravi violazioni ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale

ALLEGATI. Allegato I Gravi violazioni ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale ALLEGATI D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Integrato con: D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

D.P.R. 19 marzo 1956, n. 303. Norme generali per l'igiene del lavoro

D.P.R. 19 marzo 1956, n. 303. Norme generali per l'igiene del lavoro D.P.R. 19 marzo 1956, n. 303. Norme generali per l'igiene del lavoro Testo aggiornato dalla normativa vigente TITOLO I - Disposizioni generali: Capo I - Campo d'applicazione......... 1-3 Capo II - Obblighi

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12.

PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI (Delibera Dell Assemblea Legislativa regionale n. 149, del 17.12. I Quaderni del RUE I Quaderni del RUE N. 10.1/2014 Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano PREVENZIONE DELLE CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI IN QUOTA NEI CANTIERI EDILI

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente)

Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) Dpr 547/1955 (infortuni sul lavoro - Testo vigente) N.d.R.: il testo è aggiornato con tutte le modifiche intervenute sino ad oggi. Tali modifiche sono state apportate da: - Dpr 19 marzo 1956, n. 302; -

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

guida pratica all antinfortunistica nei cantieri edili e n n a i o Assessorato Politiche per la Salute

guida pratica all antinfortunistica nei cantieri edili e n n a i o Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Politiche per la Salute DIPARTIMENTO SANITÀ PUBBLICA Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica G e n n a i o 2011 guida pratica

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli