Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista"

Transcript

1 Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista Luciana Marinelli Università di Napoli Federico II, Facoltà di Farmacia

2 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo Sup. corporea umana: 2 m 2 Sup. di scambio polmone : 80 m 2 Sup. intestino: 300 m 2 Lunghezza tratto gastro intestinale : 7 m

3 Tempi dello Svuotamento Gastrointestinale nell Uomo Esofago 10 secondi Stomaco Intestino tenue (Duodeno-digiuno-ileo) Intestino Crasso (Cieco-Colon) Retto 3 ore 7 ore 30 ore oltre 30 ore

4 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo Il tratto GI è l'area più estesa dell'organismo sottoposta a costante stimolo antigenico (quello degli alimenti ingeriti) ed è il fronte immunitario più importante del corpo. È un vero e proprio ecosistema che presenta tre componenti maggiori: Cellule dell ospite Batteri Nutrienti Intestino tenue con le pareti tappezzate di E. Coli

5 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo La superficie interna del tratto intestinale è rivestita da una mucosa formata da cellule epiteliali. L epitelio intestinale è rivestito da un gel mucoso di cui si possono riconoscere: Strato interno: formato da un gel idrosolubile ed è a diretto contatto con le cellule dell epitelio intestinale Strato esterno: piu vischioso, è sovrapposto a quello interno ed è contaminato da batteri ed altre sostanze. Il suo spessore è variabile nelle diverse parti dell intestino

6 Il Tratto Gastrointestinale: Il muco zuccherino e il repertorio di carboidrati Il muco è formato in continuazione dalle cellule globose per proteggere l epitelio ed è costitutito da polimeri di mucina (lunghe catene peptidiche glicosilate) Nell uomo la glicosilazione avviene con 21 tipi diversi di oligosaccaridi, che interagiscono poi tra di loro determinando la formazione di un gel. Questi carboidrati che si trovano sulla superficie mucosa, non solo rappresentano dei nutrienti per la microflora, ma sono anche il sito di legame per le adesine batteriche. Poi, a seconda del tipo di carboidrati presenti il muco avrà diversa attività antigenica. Quindi il repertorio di carboidrati di ciascuno di noi (che è geneticamente controllato) determina la resistenza dell ospite alle infezioni.

7 La Resistenza dell Ospite alle Infezioni: IL MALT MALT= mucosa- associated lymphatic tissue E tessuto linfatico che si trova in varie parti del corpo. MALT è formato da linfociti T, cellule B, plasma cellule, macrofagi ciascuno dei quali è pronto per incontrare gli antigeni che vengono in contatto con la mucosa epiteliale. Nel caso del MALT intestinale sono presente anche speciali cellule dette cellule M, che legano l antigene nel lume intestinale e lo portano nel tessuto linfoide. In base alla locazione il MALT si suddivide in: GALT (gut-associated lymphoid tissue) BALT (bronchus-associated lymphoid tissue) NALT (nasal-associated lymphoid tissue) CALT (conjunctival-associated lymphoid tissue) D-MALT (diffuse mucosa-associated lymphatic tissue)

8 IL GALT: Il Sistema Immunitario Intestinale È essenzialmente formato dalle placche del Peyer e da follicoli linfoidi isolati (ILFs). Entrambe sono composte da cellule M, cellule dendritiche (DCs) e cellule B. La lamina propria contiene un gran numero di IgA, plasmacellule, cellule B e T, macrofagi, cellule dendritiche (DCs) e cellule stromali (SCs) follicoli linfoidi isolati La lamina propria è un sottile strato di tessuto connettivo lasso che si trova sotto l'epitelio e insieme all'epitelio costituisce la mucosa anche detta membrana mucosa.

9 Le Determinanti della Funzionalità del GALT

10 Il Tratto Gastrointestinale: Un Ecosistema Microbico nel Nostro Organismo La popolazione microbica intestinale (MICROBIOTA) costituisce l ecosistema più concentrato a tutt oggi noto. E stato calcolato che le cellule batteriche contenute nell intestino di un individuo sono circa 10 volte il numero totale di cellule dell individuo stesso, (1-2 Kg del nostro peso). Questa complessa popolazione, dell ordine di grandezza di bilioni di batteri totali (10 14 ), è riferibile ad un numero relativamente limitato di specie (500) e, se ben bilanciata, contribuisce in modo sostanziale allo stato di salute dell ospite

11 Il Microbiota Intestinale: La Composizione Batterica Ogni porzione del tratto GI è colonizzata da una microflora specifica, la cui composizione è il risultato dell adattamento alle condizioni ambientali locali e delle interazioni di tipo commensalistico o parassitico che si stabiliscono sia tra i componenti della comunità microbica stessa, sia tra questa e l organismo ospite. Fattori che definiscono la composizione e la concentrazione microbica nelle specifiche porzioni del tratto GI sono: - Il ph, - la presenza di enzimi gastrici, - sali biliari, - la velocità del transito peristaltico, - il potenziale redox, - la tensione di ossigeno disciolto - la concentrazione dei nutrienti

12 Il Microbiota Intestinale: La Concentrazione Batterica -enzimi e sali biliari Le porzioni prossimali del tubo digerente presentano livelli relativamente bassi di colonizzazione. La quantità e la complessità del microbiota aumentano progressivamente nella parte distale del piccolo intestino e nel colon (stomaco: ~10 2 cfu/g; piccolo intestino cfu/g; colon: cfu/g). Nel tenue la colonizzazione batterica è soppressa da : -la velocità del transito intestinale -la produzione e secrezione di peptidi antimicrobici Il colon, dove si contano fino a cellule per grammo di contenuto intestinale, è invece sede della maggiore concentrazione microbica.

13 Il Microbiota Intestinale: La Determinazione La maggior parte delle specie del microbiota del colon è costituita da batteri non coltivabili in laboratorio. Infatti molti microorganismi non sono stati ancora isolati e non ne sono state definite le esigenze nutrizionali; inoltre la crescita di molti microorganismi dipende obbligatoriamente dalla presenza di altri. Le informazioni relative alla composizione della microflora intestinale sono comunque accessibili grazie alle tecniche di filogenetica molecolare colturaindipendenti che si basano sullo studio dell operone ribosomale, in particolare del gene che codifica per l rrna 16S. E quindi possibile estrarre il DNA di tutti i batteri presenti in un campione fecale o di contenuto intestinale ed amplificare tutti i geni 16S rrna presenti mediante PCR. Dall analisi di tutte le sequenze dei diversi geni codificanti il 16S rrna è possibile risalire a tutte le specie presenti nel campione analizzato.

14 Il Microbiota Intestinale Il Nostro Alter Genoma Il microbiota intestinale può essere visto come un organo interno all ospite che concorre al consumo, alla conservazione ed alla ridistribuzione dell energia, che catalizza importanti reazioni chimiche di trasformazione e che si mantiene e rigenera nel tempo. E stato calcolato che il microbioma intestinale contiene un numero di geni superiore di più di 100 volte quello dell uomo. Quindi l uomo è un super-organismo il cui assetto genico comprende sia il proprio genoma sia i genomi di tutti i microrganismi in esso residenti e le cui caratteristiche fisiologiche sono la sintesi dell attività dell uomo e del metabolismo microbico. La simbiosi fra l uomo ed il suo microbiota si è consolidata e rafforzata nel corso di millenni di co-evoluzione. Le attività metaboliche ed enzimatiche del microbiota intestinale sono fondamentali per compensare funzioni che l uomo non è in grado di esplicare (es. quali la degradazione e l assimilazione di polisaccaridi) e per le quali non possiede un adeguato assetto genico.

15 Il Microbiota Intestinale È oggi chiaro che la composizione della microflora intestinale determina lo stato di salute, e la funzionalità del tratto G-I e non solo, e la prevenzione dall attacco dei microrganismi patogeni. Non tutti i batteri della microflora hanno azioni benefiche, alcuni batteri producono metaboliti tossici o cancerogeni. I batteri della microflora vengono suddivisi in: Utili Dannosi Indifferenti

16 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora utile influenza: Anatomia e fisiologia del tratto digestivo: gli animali germ-free hanno una mucosa molto piu sottile Velocità del transito: piu lenta negli animali germ-free. Biochimica dell intestino: produzione di ac. Grassi a catena corta, conversione della bilirubina a urobilinogeno, conversione del colesterolo in coprostanolo. Modulazione dell attività immunitaria Gli animali germ-free non hanno cellule T nell intestino, le immunoglobuline prodotte sono assenti o molto ridotte, sono assenti anche le placche di Peyer

17 La fisiologica Infiammazione nell Intestino Umano Negli animali germ-free viene a mancare quello stato di fisiologica infiammazione che si osserva nell intestino degli individui sani.

18 La Biochimica dell Intestino: I Principali Pathway Metabolici nel Colon Le fonti di carbonio e di azoto disponibili nel colon, che la microflora si è adattata ad utilizzare, sono costituite dai carboidrati e dalle proteine che sfuggono all idrolisi da parte degli enzimi digestivi dell ospite e raggiungono il colon senza che ne avvenga l assorbimento durante il transito nell intestino tenue. I principali gruppi microbici intestinali ricavano energia dalla fermentazione di: -carboidrati (metabolismo saccarolitico) o -proteine (metabolismo proteolitico).

19 La Biochimica dell Intestino: I Principali Pathway Metabolici nel Colon A causa dell assorbimento nel tenue, il colon è un ambiente povero di zuccheri semplici quali mono- e disaccaridi. Sono invece presenti quegli oligo- e polisaccaridi che resistono all idrolisi da parte delle idrolasi dell ospite e sono: - l amido (5-20% dell amido ingerito raggiunge il colon inalterato ed è fermentato in questa sede), - l inulina, - frutto-oligosaccaridi, - oligosaccaridi della soia (raffinosio e stachiosio), - polidestrosio, - pectine, - gomme, - mucillagini - alcune emicellulose. I carboidrati non-digeribili fermentescibili raggiungono il colon dove sono depolimerizzati e fermentati dalla flora batterica attraverso una grande varietà di reazioni e di pathway metabolici.

20 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon La maggior parte dei gruppi batterici del colon (Bacteroides, Bifidobacterium, Eubacterium, Lactobacillus e Clostridium) è saccarolitica, tuttavia esistono notevoli differenze sia per le capacità degradative sia per le cinetiche di crescita. Mentre i bifidobatteri sviluppano con elevate velocità di crescita in presenza di elevate concentrazioni di carboidrati, i Bacteroides sono competitivi in condizioni di limitazione di fonte di carbonio e sviluppano a basse velocità di crescita.

21 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon I principali prodotti della fermentazione dei carboidrati sono gli acidi grassi a catena corta (SCFA, Short Chain Fatty Acids) : - acetato - propionato - butirrato - lattato - alcuni gas (CO 2, H 2, CH 4 ) - calore L acido lattico, prodotto in grandi quantità da bifidobatteri e batteri lattici, viene velocemente fermentato da altri batteri. Attraverso la produzione di SCFA si instaurano importanti interazione di cross-feeding metabolico tra diverse specie del microbiota poiché molti prodotti dalla fermentazione dei carboidrati complessi (quali acetato, lattato, succinato e acidi grassi ramificati) sono riutilizzati dalla comunità microbica.

22 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon La fermentazione dei carboidrati è fondamentale per la microecologia e la fisiologia del colon. Circa il 95% degli SCFA prodotti dalla microflora intestinale viene rapidamente assorbito dai colonociti. Dopo essere stati assorbiti, gli SCFA vengono metabolizzati: - dalle cellule dell epitelio del cieco e del colon che utilizzano il butirrato come principale fonte di energia, - dagli epatociti che metabolizzano parte del butirrato ed il propionato per la gluconeogenesi ed assorbono parte dell acetato, - dalle cellule muscolari che traggono energia dall ossidazione dell acetato residuo.

23 - nutriliti Funzioni degli SCFA - modulazione del ph (abbassamento) - modulazione del volume intracellulare dei colonociti, - trasporto del ferro, L abbassamento del ph: - influenza la composizione della microflora intestinale, riduce lo sviluppo di clostridi patogeni e di batteri proteolitici e putrefattivi, - favorisce l assorbimento dei minerali, - riduce l assorbimento dell ammoniaca e delle ammine trasformandole nelle corrispondenti forme protonate molto meno diffusibili

24 Il Metabolismo Fermentativo vs Quello Proteolitico Le proteasi prodotte dai gruppi microbici proteolitici idrolizzano le proteine ad amminoacidi e peptidi semplici, che rappresentano un importante fonte di azoto per l intero microbiota. Clostridium Bacteroides Peptococcus Eubacterium principali batteri proteolitici a livello intestinale La secrezione di proteasi da parte di questi gruppi microbici avviene in risposta alla limitazione di nutrienti e ha luogo principalmente a livello del colon discendente. Lungo il transito nell intestino crasso la concentrazione dei carboidrati fermentabili si riduce gradualmente fino all esaurimento facendo sì che il metabolismo fermentativo ceda il passo a quello proteolitico putrefattivo, come evidenziato dal progressivo aumento del ph.

25 Il Metabolismo Fermentativo vs Quello Proteolitico: Aspetti Tossicologici La fermentazione delle proteine porta alla formazione di SCFA, ma anche di numerosi metaboliti potenzialmente tossici quali: - composti fenolici :indolo, p-cresolo e scatolo, che sono cancerogeni - ammine (specialmente nei casi in cui un insufficienza epatica che ne compromette la detossificazione, sono mutagene e cancerogene) - ammoniaca (un azione tossica a livello cerebrale) - idrogeno solforato (gas che induce una accellerata proliferazione cellulare, cancerogeno) Questi metaboliti derivanti dal metabolismo proteolitico sono stati inoltre associati a: schizofrenia---cancro---malattie infiammatorie intestinali.

26 Altre Biotrasformazioni Microbiche nel Colon Gli acidi biliari primari colico e chenodesossicolico sono prodotti dal fegato a partire dal colesterolo e coniugati con glicina e taurina, al fine di solubilizzare composti insolubili che poi vengono assorbiti dall intestino al sangue. Dopo aver svolto le loro funzioni gli acidi biliari vengono deconiugati dalle idrolasi di molte specie di batteri intestinali, e cio costituisce un meccanismo di detossificazione dagli stessi. Il rapporto taurina/glicina dei sali biliari è molto influenzato dalla dieta: es. una dieta ricca di carne determina la produzione di elevate quantità di acidi biliari coniugati con la taurina che viene a sua volta metabolizzata dal microbiota con produzione di idrogeno solforato che è cancerogeno.

27 Altre Biotrasformazioni Microbiche nel Colon La più importante biotrasformazione degli acidi biliari primari a carico della microflora intestinale è la 7 α-deidrossilazione, con formazione degli acidi secondari litocolico e desossicolico. Elevati valori di acido desossicolico nel siero, nella bile e nelle feci sono stati associati ad un elevato rischio di calcoli biliari e di tumore al colon. L acidificazione del colon derivante da un forte metabolismo saccarolitico diminuisce la solubilità degli acidi biliari, ne limita il riassorbimento e favorisce la escrezione con le feci, portando così ad un abbassamento del colesterolo, in quanto, nel fegato, esso viene utilizzato per produrre gli acidi biliari il cui livello era calato per il mancato riassorbimento.

28 Microflora Intestinale ed Alimentazione È stato rilevato che una dieta ricca in carboidrati non glicemici (le cosidette Fibre alimentari ) facilita la presenza di Bifidobatteri e Lattobacilli, mentre un alimentazione ricca di grassi e carne aumenta la presenza dei batteri putrefattori che possono portare alla formazione di sostanze cancerogene.

29 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora utile influenza: Anatomia e fisiologia del tratto digestivo: gli animali germ-free hanno una mucosa molto piu sottile Velocità del transito: piu lenta negli animali germ-free. Biochimica dell intestino: produzione di ac. Grassi a catena corta, metabolizzazione degli ac. biliari, conversione della bilirubina a urobilinogeno, conversione del colesterolo in coprostanolo. Modulazione dell attività immunitaria. Protezione dalla colonizzazione da parte di batteri patogeni

30 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora batterica intestinale impedisce ai batteri patogeni di colonizzare l intestino attraverso i seguenti meccanismi: Aumento della velocità di transito intestinale Modulazione del sistema immunitario Competizione per i nutrienti e per lo spazio Amensalismo (produzione da parte di una specie microbica di sostanze che sono tossiche per un altra specie) Ad es. la produzione di ac. Gr. a catena corta inibisce la crescita degli aerobi facoltativi e di batteri patogeni quali la salmonella.

31 Attività antimicrobica della Microflora Intestinale Utile Diversi sono i fattori già identificati che contribuiscono all efficacia dei probiotici nella modulazione del sistema immunitario e nell attività antimicrobica: -la produzione di acidi organici a basso ph, -biossido di carbonio, -perossido di idrogeno (disinfettante con azione antimicrobica) -batteriocine, Le batteriocine, (coniato nel 1953 da Jacob et al.) vengono indicate quelle proteine generate i da Gram-positivi e da Gram-negativi dotate di attività inibitoria nei confronti di ceppi batterici diversi dal ceppo produttore. Quelle prodotte dai Gram- formano canali ionici, quelle prodotte dai Gram+ si inseriscono nella membrana scompaginandola. I probiotici, in risposta a stimoli esogeni, possono influenzare il rilascio di IgA, il principale prodotto del sistema immunitario linfoide.

32 L ALTERAZIONE DELL ECOSISTEMA: LA DISBIOSI INTESTINALE DEFINIZIONE: una condizione caratterizzata da uno squilibrio della flora batterica enterica. Essa porta ad un insieme di disturbi Funzionali Gastroenterici che possono evolvere in malattie anche coinvolgenti organi od apparati distanti dal Colon, attraverso la semina linfogena microbica con blocco del MALT (mucosa-associated lymphoid tissue) e del GALT (gut-associated lymphoid tissue) ( Gebbers 1981 ).

33 DISBIOSI INTESTINALE E DISTURBI CORRELATI In caso di Disbiosi, organismi a bassa virulenza intrinseca possono indurre malattie mediante alterazioni dello stato nutrizionale o la risposta immune dell' organismo. Essa può essere causa diretta o indiretta di numerosi disturbi: cattiva digestione gonfiore ed aria addominale infiammazioni dell apparato digerente (gastro-entero-colite) intolleranze alimentari sviluppo di Candida ed altri funghi a livello della cute e delle mucose cistiti ricorrenti

34 Classificazione delle Disbiosi Si possono distinguere 5 tipi di principali di disbiosi : 1. La disbiosi deficitaria o carenziale l esposizione a farmaci o una dieta priva di fibre solubili può creare un deficit di flora, comprendente i Bifidobatteri, Lattobacilli. Questo tipo di disbiosi si associa di frequente ad un colon irritabile o ad un intolleranza alimentare da carenza di enzimi batterici. Intolleranze più frequenti: latte, carne, crostacei, etc. Farmaci: Antibiotici (soprattutto: clindamicina, eritromicina, cefoperazone, ceftriaxone) cortisonici, immunosoppressori, radioterapia, contraccettivi orali, psicofarmaci.

35 Classificazione delle Disbiosi 2. La disbiosi putrefattiva è dovuta a una dieta ricca in grassi e carne e a basso contenuto in fibre che comporta un aumentata concentrazione di batterioidi e l induzione della metabolizzazione degli acidi biliari.

36 3. La disbiosi fermentativa Classificazione delle Disbiosi E una condizione di intolleranza ai carboidrati indotta da un eccessiva fermentazione batterica, per lo più dovuta ad una sovracrescita batterica a livello del piccolo intestino, dove sono ricchi i substrati fermentabili. I sintomi abituali sono: distensione addominale, flatulenza, diarrea, stipsi e sensazione di malessere. Intolleranza frequente a verdure a foglia verde, spinaci, coste, legumi, mais, castagne e spesso gli agrumi. I pazienti sono di solito intolleranti ai supplementi di fibre solubili, mentre migliorano spesso con gli antibiotici e con la riduzione del consumo di carboidrati.

37 Classificazione delle Disbiosi 4. La disbiosi da sensibilizzazione Una risposta immune anomala ai componenti della microflora fisiologica può contribuire alla patogenesi di: - colite ulcerosa - spondiloartropatie - malattie dermatologiche quali la psoriasi o l acne La causa è ritenuta un deficit di IgA e/o una barriera immunitaria insufficiente. Si presentano spesso dei fattori genetici predisponenti.

38 Classificazione delle Disbiosi 5. La disbiosi da funghi: Candida e lieviti in eccesso È una variante della disbiosi fermentativa dovuta alla sovracrescita di saccaromiceti o della Candida ed è favorita da un alimentazione ricca in zuccheri, alimenti raffinati e povera di fibre. Sintomi: diarrea, gonfiore, prurito anale, astenia, orticaria, cistiti abatteriche, micosi in altre sedi. Intolleranze alimentari: lievito, farine bianche, zucchero, birra. Da non trascurare come causa di disbiosi intesinale le intossicazioni da metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio), le patologie dell apparato gastroenterico e le infezioni da protozoi, nematodi e rotavirus.

39 Disbiosi da Rotavirus La principale via di trasmissione del virus è quella oro-fecale, ma qualche volta la diffusione può avvenire anche per contatto e per via respiratoria. La diffusione da persona a persona attraverso la contaminazione delle mani è probabilmente la più diffusa. La gastroenterite da rotavirus è una malattia diffusa in tutto il mondo. In Europa il virus si presenta con picchi di incidenza stagionale che, alle nostre latitudini, si verificano nel periodo invernale tra novembre e marzo. Il rotavirus è presente nell'ambiente in 6 diverse specie ma l'infezione è pericolosa solo quando provocata dai rotavirus A (e in misura minore da quelli B e C). L'aver contratto il virus una volta non dà immunità sufficiente, anche se le infezioni che si contraggono negli anni successivi e in età adulta tendono a presentarsi in forma più leggera.

40 Disbiosi da Rotavirus La malattia ha un periodo di incubazione di circa due giorni, dopo i quali insorgono febbre, disturbi gastrici, vomito e diarrea acquosa per 3-8 giorni. Nella maggior parte dei casi, quando si sviluppa una forma blanda di diarrea, i malati guariscono senza alcun trattamento. Tuttavia, una diarrea acuta può portare a disidratazione grave dell'organismo, una condizione che rischia di essere letale senza un intervento adeguato. La diagnosi viene effettuata ricercando antigeni specifici del rotavirus all'interno di campioni fecali. Unico trattamneto possibile: somministrazione di antidiarroici, antiemetici e probiotici Sono disponibili in Italia due vaccini antirotavirus: Rotarix, il primo ad essere commercializzato, che contiene un unico ceppo di rotavirus umano e che si somministra in due dosi, e Rotateq, che contiene invece 5 ceppi e per cui è previsto un ciclo di 3 dosi. Entrambi i vaccini contengono i ceppi virali in forma viva ma attenuata.

41 Situazioni Cliniche in cui è Essenziale Correggere la Disbiosi ATOPIA : Eczema, Rinite allergica, Asma DIARREE ACUTE DA ROTAVIRUS ALLERGIE CUTANEE: Orticaria, Dermatite da contatto INTOLLERANZE ALIMENTARI PATOLOGIE REUMATICHE: Artrite reumatoide, Fibromialgia PATOLOGIE MALIGNE

42 Disbiosi Test Il Disbiosi test rappresenta il Presidio di Laboratorio per individuare quantitativamente e monitorare i pazienti che evidenziano uno stato di disbiosi intestinale. Il test permette di dosare a livello urinario 2 markers della disbiosi intestinale: Indicano e Scatolo, che sono metaboliti del Triptofano. Essi indicano la prevalenza di flora intestinale putrefattiva (derivante dalla fermentazione delle proteine), o fermentativa (determinata dai carboidrati). Con in mano questo dato, il medico può diagnosticare, curare e monitorare la guarigione della Disbiosi consigliando la terapia personalizzata più adatta. Il test permette di diagnosticare il grado di disbiosi: assente, lieve, media e grave. Il Disbiosi Test si può fare sia in Farmacia che in uno studio Medico Specializzato.

43 Lo Stool Flora Scan test eseguito sulle feci del paziente che consente di avere un quadro più dettagliato sullo stato di salute del nostro intestino in quanto permette di valutare non solo la presenza eventuale di disbiosi intestinale ma anche di alterazioni a carico della mucosa intestinale soprattutto per quanto riguarda la sua permeabilità e la sua componente immunologica. Il Test è in grado di dare un esatta quantificazione dei microrganismi presenti. Il test Stool Flora Scan è particolarmente indicato a chi soffre di: diarrea cronica costipazione cronica gonfiore e flatulenza crampi addominali sovraccarico epatico mal di testa cronico e/o emicrania affaticamento cronico patologie della pelle

44 I Probiotici più comunemente noti come «Fermenti Lattici» Definizione: microrganismi vivi che, ingeriti in adeguate quantità (attraverso alimenti appositamente arricchiti o sotto forma di integratori), sono in grado di esercitare funzioni benefiche per l organismo. Il termine fermenti lattici col quale sono universalmente conosciuti corrisponde ad una definizione generica e non del tutto esatta, perché non tutti i probiotici sono in grado di fermentare gli zuccheri e non tutti producono acido lattico. I probiotici possono essere utilizzati a scopo: - preventivo (per prevenire la disbiosi) - terapeutico (per riequilibrare la disbiosi e risolvere i problemi che ne possono derivare).

45 La nascita della PROBIOTICA All inizio del 1900, il premio Nobel russo Elie Metchnikoff intuì che ceppi di lattobacilli presenti nello yogurt e nelle bevande a base di latte fermentato potevano essere in grado di apportare benefici per la salute umana. Egli fu colpito dalla straordinaria longevità della popolazione bulgara, che per tradizione beveva molte bevande a base di latte fermentato. Metchnikoff fu il primo a suggerire l ingestione di colture vive di batteri lattici il cui ruolo naturale era quello di prevenire i fenomeni putrefattivi nell intestino. Da allora molte ricerche sono state condotte in questo campo portando a quello che oggi noi conosciamo come probiotica.

46 Effetti Benefici dei Batteri Probiotici Nell ambito della flora batterica vi è una quota fissa di batteri buoni, che vengono comunemente chiamati PROBIOTICI. I batteri probiotici svolgono un gran numero di azioni benefiche per l organismo ospite: Neutralizzano sostanze tossiche o cancerogene (ad esempio nitriti e nitrati) Sintetizzano vitamine K, B2, B12, ac. pantotenico, ac. folico e biotina. Sintetizzano gli acidi grassi a catena corta (SCFA: ac. Acetico, propionico e butirrico) Riducono il riassorbimento degli ac.biliari con conseguente calo del colesterolo (gli ac. Biliari si formano a partire dal colesterolo)

47 Effetti Benefici dei Batteri Probiotici Effetto protettivo sulla mucosa intestinale Stimolazione dell immunità umorale e cellulo-mediata a livello intestinale Ostacolano l attecchimento di specie patogene (altri batteri, funghi o virus) Aumentano la digeribilità del lattosio nei soggetti intolleranti (attraverso un meccanismo poco chiaro) Aumentano la digeribilità dei lipidi (idrolisi dei trigliceridi alimentari in ac. grassi e glicerolo) Aumentano la digeribilità delle proteine (proteolisi delle proteine alimetari) Migliorano le malattie respiratorie di natura allergica e infettiva Migliorano le allergie alimentari in generale

48 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Considerando la varietà e la quantità di alimenti e altri materiali estranei a cui il tratto gastrointestinale e il tessuto linfoide associato (GALT) sono esposti, è sorprendente che solo una modesta parte della popolazione, soffra di allergia alimentare. Dall interazione dell epitelio intestinale e del GALT con gli antigeni alimentari si forma una funzione fondamentale dell intestino denominata tolleranza orale. La tolleranza orale è il processo fondamentale con il quale l intestino mantiene un omeostasi immunologica a livello locale e sistemico. Viene definita come un iporesponsività immunologica specifica, che fa seguito a un precedente esposizione mucosale dell antigene.

49 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» La funzione immunitaria dell intestino si incentra su due risposte specifiche: 1. risposta di protezione/soppressione, che prevede la risposta immunitaria alle proteine alimentari ed evita le ipersensibilità (mediata da linfociti T helper 1) 2. Induzione di specifiche risposte immunitarie attraverso la produzione di IgA che bloccano la colonizzazione da parte dei patogeni. (mediata da linfociti T helper 2)

50 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Le cellule B e i macrofagi catturano l antigene e lo presentano ai linfociti T Helper (Th). Esistono diversi tipi di Th: Il Th1 che produce interferone (a,b,g) ed è poco coinvolto nella produzione di Ig. Il Th2 che rilascia IL-4/-5 stimolando i linfociti B a produrre IgG, IgA, e IgE (responsabili delle allergie alimentari) Gli interventi di Th1 e Th2 si escludono a vicenda.

51 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Specifici segnali (IL-12, IL-18 e IFN-beta) determinano il differenziamento dei linfociti T in Th1 o Th2, secondo un equilibrio ben preciso. Quando questo equilibrio viene a mancare, e si ha una sovraespressione di Th2 con produzione di IgE si ha la malattia allergica. Th1 Th2

52 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Le allergie sono quindi disordini mediati da una risposta Th2. Alcuni sudi hanno evidenziato l effetto benefico dei probiotici sulle allergie. I probiotici sembra siano in grado di sbilanciare l equilibrio Th1/Th2 verso Th1 e capaci di inibire risposte Th2. Studi in vitro hanno mostrato che differenti lattobacilli sono in grado di stimolare la produzione di citochine Th1 (IL-12, IL-18 e IFN-beta) nei monociti e nelle cellule derivate da sangue periferico. Altre motivazioni degli effetti positivi dei probiotici verso le allergie alimentari: - Degradazione di molecole alimentari potenzialmente antigeniche - Normalizzazione della permeabilità della mucosa intestinale agli antigeni alimentari Infatti una aumentata permeabilità della mucosa intestinale permetterebbe a molti antigeni di attraversare la barriera e questo potrebbe stimolare una reazione allergica.

53 Ipotesi dell Igiene ed Allergie All'inizio del XXI secolo è stata elaborata la cosiddetta "ipotesi dell'igiene", secondo cui l'aumentata insorgenza di allergie è dovuta alla mancanza di un'adeguata stimolazione del sistema immunitario durante l'infanzia, a causa del sempre maggiore stato di asepsi in cui vivono i bambini del mondo occidentale. I ricercatori del Brigham and Women's Hospital (USA) hanno scoperto che, esponendo i topolini germ-free ai microbi durante le prime settimane di vita (ma non da adulti), il sistema immunitario si normalizza e l'animale risulta protetto per molto tempo dalle malattie. Quindi, l'esposizione ai microbi nei primi anni di vita costituisce un importante fattore di protezione in età adulta da malattie allergiche e autoimmuni come asma e patologia infiammatoria intestinale.

54 I Probiotici nella Pratica Clinica Come Coadiuvanti in Molteplici Patologie si sono dimostrati utili come coadiuvanti nella cura di: Tutti i tipi di diarree (del viaggiatore, antibiotici, rotavirus, etc) gastroenteriti infettive enterocoliti infantili sindrome del colon irritabile colite ulcerosa infezione da Helicobacter pylori, Clostridium difficile Malassorbimento, ed allergie alimentari Cistiti ricorrenti e candidosi vaginale e/o orale

55 I Principali Batteri Probiotici LATTOBACILLI BIFIDOBATTERI ENTEROCOCCHI LIEVITI

56 Caratteristiche Essenziali che Devono Possedere i Microrganismi Probiotici Devono essere di provenienza intestinale umana: devono cioè essere normali componenti del nostro microbiota. Appartenenza a un gruppo batterico G.R.A.S. (generally regarded as safe): non devono cioè poter scatenare una infezione, specialmente in pazienti immunocompromessi. Devono essere attivi e vitali alle condizioni ambientali intestinali. Devono essere resistenti al succo gastrico, alla bile, al succo pancreatico. Devono essere in grado di persistere, almeno temporaneamente, nell intestino. Devono sintetizzare sostanze ad azione antimicrobica (batteriocine, ac. Lattico, perossido di idrogeno). Migliorare e stabilizzare la funzione di barriera intestinale. Stimolare la risposta del GALT.

57 Criteri di Scelta e Parametri Numero di Cellule Vive: secondo il Ministero della Salute per ottenere una temporanea colonizzazione dell intestino sono necessarie non meno di 10 9 (1 miliardo ) di cellule vive per persona adulta. Poiché il numero di cellule vive nel prodotto tende a diminuire nel tempo è evidente che un miliardo di cellule vive dovrebbe essere presente alla scadenza del prodotto. In realtà molti prodotti non indicano il numero di cellule vive (o unità formanti colonie ufc) alla scandenza.

58 Criteri di Scelta e Parametri In realtà molti prodotti non indicano il numero di cellule vive (o unità formanti colonie ufc) alla scandenza. Se il num di ufc per ogni ceppo batterico è: Minore di un miliardo il preparato è scarso in quantità Se va da 1-3 miliardi il preparato è buono in quantità Se è maggiore di 3 miliardi è ottimo in quantità

59 Criteri di Scelta e Parametri Presenza di diversi ceppi batterici: date le possibili attività metaboliche diverse delle differenti specie batteriche, la presenza in un unico preparato di diversi ceppi è da considerarsi positivamente, purchè il num di ufc per ogni ceppo sia superiore al milione.

60 I LATTOBACILLI COME PROBIOTICI Producono sostanze (ad es. l acido lattico) che contribuiscono a mantenere l ambiente intestinale sano, i migliori sono: - Lactobacillus Acidophilus (è il più importante simbiotico della prima parte dell intestino: impedisce ai batteri produttori di gas di risalire dal colon); - Lactobacillus Rhamnosus (simbiotico del colon, inibisce la maggior parte dei patogeni (Clostr. difficile), ed è ottimo come antidiarroico, riduce l infiammazione intestinale associata alle allergie alimentari, miglioramento della dermatite atopica) (DICOFLOR, LACTOGERMINA) - Lactobacillus Casei (funzione immunostimolante, aumento di IgA, diarrea da rotavirus, diverticoliti); - Lactobacillus Paracasei (il più accreditato come immunostimolante); - Lactobacillus Jonsonii (battericida contro l Helycobacter p., aumenta le difese immunitarie, aumenta di dieci volte la conta fecale dei lattobacilli)

61 I LATTOBACILLI COME PROBIOTICI - Lactobacillus Salivarius (eccellente modulatore dell infiammazione intestinale, utile in tutte le malattie gastro-enteriche caratterizzate da una notevole componente infiammatoria). - Lactobacillus Reuteri (modula la risposta immune particolarmente attraverso le cellule CD4+ T-helper nell'ileo, utile nella prevenzione della diarrea, nell'inibizione delle infezioni da patogeni modula l equilibrio Th1/Th2 nell'epitelio intestinale umano, utile probiotico per bambini e neonati, utile per le coliche dei neonati) (REUTERI; REUFLOR) - Lactobacillus Plantarum (altro stimolante immunitario; è un elemento fondamentale della flora batterica vaginale ); - Lactobacillus Fermentum (con caratteristiche sovrapponibili al precedente);

62 Esempi di Probiotici in Commercio Del tappo serbatoio: Saccharomyces boulardii; cellulosa microcristallina; mix vitamine*: vitamina PP, acido pantotenico, vitamina B2, vitamina B6, vitamina B1, acido folico, vitamina B12; Lactobacillus rhamnosus SP1 (DSM21690) Lactogèrmine baby contiene Lactobacillus Rhamnos e una miscela di bifidobatteri.

63 Principio attivo: Fermenti lattici vivi liofilizzati 1,0 g con la seguente composizione: - Streptococcus salivarius subsp. thermophilus minimo 204 miliardi UFC - Bifidobacteria (B. breve, B. infantis, B. longum) minimo 93 miliardi UFC - L. acidophilus minimo 2 miliardi UFC - L. plantarum minimo 220 milioni UFC - L. casei minimo 220 milioni UFC - L. delbrueckii subsp. bulgaricus minimo 300 milioni UFC - Streptococcus faecium minimo 30 milioni UFC Eccipiente: lattosio. Esempi di Probiotici in Commercio YOVIS si usa nelle sindromi dismicrobiche intestinali quali diarrea, enteriti aspecifiche, coliti, dismicrobismo intestinale da antibiotici. Conservare tra +2 C/+8 C. YOVIS può essere assunto in qualsiasi momento della giornata. Non usare per più di 14 giorni.

64 Esempi di Probiotici in Commercio Composizione: Maltodestrine; Capsula: Idrossipropilmetilcellulosa; Fermenti Lattici vivi (Lactobacillus rhamnosus GG*); Contenuti medi per cps: Lactobacillus rhamnosus GG 6 miliardi ufc. DICOFLOR 60 Integratore Alimentare di Fermenti Lattici Vivi (Lactobacillus GG). INDICAZIONI: favorisce il riequilibrio della flora batterica intestinale in presenza di fattori di squilibrio, quali sindromi diarroiche o terapia antibiotica. Il Lactobacillus GG inoltre, e' particolarmente utile nel trattamento delle diarree da rotavirus e da antibiotico e, come coadiuvante, nella profilassi e nel trattamento delle dermatiti atopiche. MODO D'USO: 1 capsula al giorno (dose minima). Una capsula apporta non meno di 6 miliardi di cellule vive di Lactobacillus GG. Tale valore e' garantito fino alla data di scadenza.

65 Esempi di Probiotici in Commercio PA Maltodetrina, Gelatina, Antiagglomeranti: cellulosa microcristal., Magnesio setarato, biossido di Silicio, Miscela di fermenti lattici vivi tra cui Lactobacillus Acidophilus, Lactobasillus Rhamnosus, Lactobacillus Plantarum, Inositolo. Effetti Fisiologici Favorisce fisiologicamente il benessere intimo femminile. Descrizione Femelle è un integratore alimentare contenente probiotici in grado di colonizzare l'intestino ma anche l'apparato genitale femminile ripristinando le fisiologiche difese che sono alla base del benessere intimo femminile. Può essere utilizzato anche in loco diluendo in acqua tiepida un paio di capsule. Consiglio d'uso Da una a tre capsule al giorno dopo i pasti con acqua.

66 Esempi di Probiotici in Commercio 50 miliardi di lattobacilli vivi in ogni bustina: Lactobacillus plantarum P17630 Lactobacillus paracasei I 1688 Lactobacillus salivarius I 1794 depositati presso enti internazionali di raccolta Institut Pasteur Parigi, Francia Laboratorium voor Microbiologie Gent, Belgio garantiti vivi e vitali dalla produzione alla scadenza Vitamine del gruppo B (B1 e B2). Modalità d uso: 1-2 bustine al giorno. Assumere preferibilmente lontano dai pasti. Norme di conservazione: conservare il prodotto a temperatura compresa tra 2 e 8 C.

67 Lactobacillus reuteri Esempi di Probiotici in Commercio Utile per il riequilibrio della flora batterica intestinale. Esercita un effetto inibitorio nei confronti di microrganismi patogeni grazie a una combinazione di diversi meccanismi fra i quali la produzione di acido lattico, perossido di idrogeno, sostanze antimicrobiche e batteriocine, modulazione della risposta immunitaria attraverso l aumento delle cellule CD4+ T-helper e citotossici nell'ileo.

68 Converte il glicerolo in una sostanza antimicrobica ad ampio spettro denominata Reuterina Ha mostrato un'ottima efficacia nel trattamento delle coliche del lattante. Numerosi lavori scientifici pubblicati hanno documentato la sicurezza di Lactobacillus reuteri in bambini e neonati (anche prematuri), in soggetti debilitati ed immunocompromessi.

69 BIFIDOBATTERI Sono i probiotici più numerosi nell intestino umano (circa l 8-10% della flora totale). Sono una fonte inesauribile di sostanze che producono direttamente (vitamine, enzimi, ecc ) e che noi non riusciremmo a produrre senza di loro I migliori bifidobatteri reperibili nei probiotici sono: - Bifidus Infantis (elemento caratteristico del lattante; tende ad essere carente nell intestino dei lattanti allattati artificialmente); - Bifidus Adolescentis (caratteristico dell età evolutiva); - Bifidus Brevis, Bifidus Longum, Bifidus Bifidum (caratteristici dell età neonatale ed adulta, tendono a diminuire nella vecchiaia). - Bifidobacterium animalis (La danone ha inventato dei nomi, diversi per ogni paese, per un tipo di Bifidobacterium animalis, il ceppo DN , Bifidus Actiregularis è il nome in Argentina, Austria, Belgio, Bulgaria, Cile, Germania, Ungheria, Italia, Kazakistan, Olanda, Portogallo, Romania, Russia e Spagna.)

70 Il Microbiota del Neonato Alla nascita, il tratto GI del neonato è prontamente colonizzato da batteri vaginali e fecali. Questa colonizzazione è fondamentale per lo sviluppo del soggetto e per la sua omeostasi, poiché istruisce il sistema immunitario in modo tale che sviluppi tolleranza verso un ampia pletora di antigeni microbici. Il corretto sviluppo del sistema immunitario associato ad una normale colonizzazione dell intestino determina una riduzione del rischio di allergie e di risposte infiammatorie.

71 I BIFIDOBATTERI NELL ADULTO E NEL BAMBINO VARIAZIONI DELLA FLORA BATTERICA NEL NEONATO DURANTE LA PRIMA SETTIMANA DI VITA VARIAZIONI DELLA FLORA INTESTINALE CON L'AUMENTARE DELL'ETA

72 I BIFIDOBATTERI E ALLATTAMENTO DEL NEONATO AL SENO Il latte materno favorisce la proliferazione dei bifi dobatteri, il ceppo dominante per la salute del bambino. CON FORMULA O MISTO Il bambino allattato con formula o in allattamento misto ha una carenza di bifi dobatteri ed un aumento di Bacteroides edescherichia coli.

73 Il Microbiota del Neonato nello Specifico Recentemente il Dott. Ventura (Lab. Probiogenomica, Un. Parma) ha studiato la composizione del microbiota intestinale di 11 neonati ed è stato possibile identificare quali specie di batteri intestinali sono dominanti e che, di conseguenza, possono avere importanti implicazioni sul metabolismo dell intestino e sullo stato di salute del neonato Sono dominanti in particolare le specie: - Bifidobacterium bifidum - Bifidobacterium breve

74 indicato per il riequilibrio della flora batterica intestinale, che può risultare alterata anche a seguito di terapia antibiotica. Inoltre favorisce il potenziamento del sistema immunitario. La Lattoferrina, proteina presente nel latte materno e nel latte bovino, favorisce le naturali difese dell'organismo e contribuisce a creare una flora batterica intestinale bilanciata. Tribif bambino è un integratore alimentare per il bambino. Contiene tre Bifidobatteri specifici per il ripristino ed il mantenimento della flora batterica intestinale che può risultare alterata a seguito di terapia antibiotica. Ogni bustina contiene: 3 miliardi di unità di Bifidobacterium Longum BB536; 1miliardo di unità di Bifidobacterium Infantis M-63; 1miliardo di unità di Bifidobacterium breve M -16 V se il prodotto viene conservato correttamente, il contenuto in cellule vive si mantiene fino alla data di scadenza riportata sulla confenzione (UFC = Unità Formanti Colonia) Tribif Adulto Ogni capsua contiene: 3 miliardi di unità di Bifidobacterium Longum BB536; 50 mg di Lattoferrina freeze dry.

75 ENTEROCOCCHI PROBIOTICI Sono un po meno importanti, sia come numero che come funzioni, rispetto ai precedenti, ma in qualche caso si possono rivelare estremamente utili. I migliori, sono i seguenti: - Lactococcus Lactis (ottima azione probiotica soprattutto in caso di stitichezza); (con le subspecie lactis e cremoris) è un microrganismo mesofilo (temperatura ottimale C, non cresce a 42 C), non termotollerante, omofermentante ampiamente diffuso come componente della microflora naturale di molti formaggi, latti e creme fermentate. Alcuni ceppi sono in grado di produrre batteriocine attive contro patogeni ed agenti di deterioramento, come la nisina (è un antibiotico peptidico policiclico, usato come conservante), essa è l unica batteriocina il cui uso è autorizzato in forma semipurificata negli alimenti (principalmente per il controllo di microrganismi sporigeni, incluso, C. botulinum). Produce grandi quantità di acido lattico e aiuta a scomporre le proteine del latte, quindi rendendone più facile la digestione.

76 Esempi di Probiotici in Commercio Ingredienti Amido non ogm, Magnesio stearato, colture liofilizzate di: Lc. lactis R-1058, Lb. casei R-215, Lb. acidophilus R-52, Bf bifidum R-71; capsule: gelatina vegetale. Modo d'uso 1-2 capsule al giorno da deglutire con acqua. Non superare la dose giornaliera consigliata. E' possibile versare il contenuto della capsula in liquido non caldo. La sua specifica formulazione e la quantità di ceppi batterici per capsula (3 miliardi) permette il riequilibrio della flora batterica intestinale nelle più comuni situazioni di disbiosi caratterizzata da intestino rallentato, meteorismo e gonfiore. Consente il mantenimento dell'eubiosi intestinale in caso di trattamento con farmaci disbiogeni (contraccettivi, lassativi orali). Inoltre può essere utile per migliorare la digestione, l'assorbimento dei principi nutritivi e i disturbi correlati ad intolleranza alimentare, in particolare al lattosio. Per ottenere il massimo beneficio è consigliabile assumere i fermenti lattici quotidianamente per circa 1-2 mesi a seconda della necessità. Per mantenere in equilibrio nel tempo la flora batterica intestinale può essere utile ripetere l integrazione a cicli periodici da un minimo di 10 giorni fino a un mese, ripetuti durante l anno.

77 Esempi di Probiotici in Commercio PA: miscela di Fermenti Lattici Vivi all origine 7 milioni -l. acidophilus, -l.rhamnosus, -l. plantarum, -l. casei, -lactococcus lactis, -streptococcus thermophilus, -bifidobacterium bifidum, -l. helveticus, -propionibacterium shermanii, -l. bulgaricus, Antiagglomerante: Calcio Fosfato, Baobab (Adansonia Digitata] Polpa Del Frutto Disidratata, Vitamina PP, Antiagglomerante: Magnesio Stearato, Calcio Pantotenato, Vitamina B6 Cloridrato, Vitamina C, Vitamina B1 Cloridrato, Vitamina B2, Magnesio Ossido, Ferro Gluconato, Manganese Gluconato, Zinco Gluconato, Vitamina B12.

78 ENTEROCOCCHI PROBIOTICI E' un integratore probiotico studiato per il benessere fisiologico dell'intestino quando si viaggia all'estero, si consumano cibi esotici, dopo l'utilizzo di antibiotici e quando si manifesta il microfungo Candida. Ingredienti Destrosio, maltodestrina, gelatina alim. Fermenti lattici: - saccharomyces Cerevisiae sub. Boulardii, - Enterococcus faecium Antiagglom.: cellulosa microcrist. Magnesio stear

79 LIEVITI In realtà i lieviti costituiscono una minima parte della flora batterica umana, ed anzi di solito non sono indicati come probiotici. L unico lievito che risulta molto importante come probiotico è il Saccaromyces Boulardi che risulta essere uno dei migliori probiotici da utilizzare contemporaneamente agli antibiotici. È in grado di resistere all'acidità gastrica ed alla proteolisi. La sua temperatura ottimale per proliferare è di circa 30 C e l'ambiente gastrointestinale rappresenta un habitat ideale per la sua proliferazione dove riesce a raggiungere una concentrazione elevata in breve tempo. Non viene inibito dall'azione degli antibiotici. Favorisce il ripristino del normale ecosistema intestinale, agevolando inoltre la produzione di acido lattico e vitamina B. Contrasta la proliferazione di ceppi di lievito dannosi. Non viene assorbito ed è eliminato nell'arco di qualche giorno, dal momento in cui se ne interrompe l'assunzione.

80 1 capsula di NATURAFLORA PLUS contiene : - 4 Miliardi di UFC (Unità Formanti Colonie) di Saccharomyces Boulardii - 2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Plantarum - 2 Miliardi di UFC di Bifidobacterium Longum - 2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Acidophilus DDS-1-2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Rhamnosus Azione Contrastante sulla FLORA BATTERICA PATOGENA. Azione Colonizzante Specifica nell INTESTINO TENUE e CRASSO con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio Azione Colonizzante Specifica delle VIE URINARIE con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio Azione Colonizzante Specifica dell AMBIENTE VAGINALE con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio, Azione Antimicotica (ANTI-CANDIDA)

81 Esempi di Probiotici in Commercio Principio attivo: Spore di Bacillus clausii poliantibiotico resistente 2 miliardi Il ministero della salute italiano non l ha riconosciuto come batterio probiotico È una sospensione di spore di Bacillus clausii, che date per bocca superano la barriera del succo gastrico acido raggiungendo indenni il tratto intestinale, ove si trasformano in cellule vegetative, metabolicamente attive. Indicazioni: dismicrobismi di diversa origine e disvitaminosi da antibiotici. il Bacillus clausii è capace di produrre diverse vitamine in particolare del gruppo B, La resistenza agli antibiotici è indotta artificialmente L'antibiotico-resistenza si riferisce a: Penicilline, Cefalosporine, Tetracicline, Macrolidi, Aminoglicosidi, Novobiocina, Cloramfenicolo, Tiamfenicolo, Lincomicina, Isoniazide, Cicloserina, Rifampicina, Acido Nalidixico e Acido Pipemidico.

82 Prebiotici Definizione: sostanze di origine alimentare non digeribili (per lo più appartenenti alla classe chimica degli zuccheri o delle fibre alimentari solubili presenti in frutta e verdura) che, se ingerite in quantità adeguata (5g/die), sono in grado di favorire selettivamente la crescita e/o l attività di uno o più microrganismi tra quelli già presenti nella flora batterica intestinale o tra quelli contestualmente somministrati come probiotici. I requisiti specifici sono: resistenza ai succhi gastrici, all idrolisi da parte di enzimi umani fermentazione da parte della microflora intestinale Un prebiotico è considerato buono se contiene almeno 3 grammi di sostanza prebiotica

83 Prebiotici La loro trasformazione da parte dei microrganismi della flora intestinale produce acidi grassi a catena corta (es. acetato, butirrato e propionato) che : provocherebbero un calo del ph nell intestino crasso con una presunta riduzione della crescita di batteri ad azione patogena. l aumento dell assorbimento di alcuni micronutrienti. una miglior "funzionalità" intestinale e altri effetti fisiologici. Il butirrato è una sostanza energetica per le cellule del colon. stimolano la crescita dei Bifidobatteri (perciò vengono detti fattori bifidogenici)

84 Prebiotici I prebiotici più conosciuti e studiati sono: Frutto-oligo-saccaridi Inulina Alcol-zuccheri Il meccanismo d azione selettiva risiede nel fatto che solo alcune specie batteriche possiedono gli enzimi specifici per utilizzare i Prebiotici stessi che quindi rappresentano una fonte di nutrimento selettiva. Un altro possibile effetto anti-batteri patogeni è dovuto al fatto che batteri e virus si legano alla mucosa intestinale tramite le adesine con cui si uniscono alle glicoproteine della mucina. I Prebiotici potrebbero rappresentare l analogo del recettore mucoso e quindi confondere il patogeno che si legherebbe al prebiotico invece che alla proteina recettoriale.

85 Prebiotici: I Frutto-oligosaccaridi (FOS) come Bifidogeni In termini legislativi i FOS sono considerati come ingredienti alimentari (e non additivi) e definibili come fibre dietetiche Frutto-oligosaccaridi; sono oligosaccaridi a catena corta costituiti da D-fruttosio e D- glucosio; sono prebiotici molto utilizzati, anche in associazione con probiotici, in alimenti o integratori (in tal caso la dose è di 10 g al giorno). sono molecole naturali che si trovano in diverse varietà di piante e frutti (cipolla, gli asparagi, l aglio, il pomodoro, il carciofo, la banana) Una volta assunti non vengono digeriti dagli enzimi intestinali dell intestino tenue e così raggiungono intatti il colon dove si trova un elevato numero di batteri metabolicamente attivi. La proprietà prebiotica dei FOS risiede nella stimolazione della crescita dei bifidobatteri. I batteri patogeni e putrefattivi non riescono a rompere i legami chimici dei FOS. Si ottiene quindi uno sviluppo selettivo degli organismi benefici con contemporanea riduzione del ph del colon che lo rende inabitabile per batteri potenzialmente patogeni come il Clostridium.

86 Prebiotici: Il Lattitolo Il lattitolo è un disaccaride appartenente alla categoria dei polialcoli, utilizzato come surrogato dello zucchero nei cibi light, negli integratori ed in vari prodotti dietetici. Il suo potere edulcorante è infatti pari al 40% di quello dello zucchero (saccarosio), mentre la densità energetica è di sole 2,4 chilocalorie per grammo (contro le 4 del saccarosio). Il lattitolo non viene estratto dagli alimenti, ma preparato artificialmente a partire dallo zucchero del latte.

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA

LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA LA BIOLOGIA INCONTRA L ECONOMIA Camera di Commercio di Cremona 1-2 Dicembre 2006 Dr. Francesco Puerari Specialista in Scienze dell Alimentazione Gli alimenti funzionali a base di latte: il punto di vista

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA ALIMENTI FUNZIONALI STORIA Il concetto di Alimenti Funzionali nasce negli anni 80 in Giappone, dove viene messa a punto una legislazione apposita. Nel 1991 viene coniato il termine FOSHU (Foods for Specified

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Scegliere la QUALITÀ che CONTA è IMPORTANTE! Superceppi selezionati, estratti

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimentari Università di Tor

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

LE BREVIGUIDE PEGASO. L intestino: il cuore della salute

LE BREVIGUIDE PEGASO. L intestino: il cuore della salute LE BREVIGUIDE PEGASO L intestino: il cuore della salute IL MICROBIOTA: UN AMICO DELLA VITA... PER LA VITA! C È UN ALTRO MODO DI PRENDERSI CURA DI SÉ Prendersi cura di sé significa ritrovare e mantenere

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

"Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico Dagli atti del convegno AITA Probiotici: scienza ed applicazioni industriali Milano, 6 giugno 1996 "Utilizzazione di flore microbiche selezionate per la produzione di latti fermentati con effetto probiotico"

Dettagli

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti Nuova Linea di Succhi dalle spiccate proprietà benefiche: per rinforzare

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato

Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Sindrome dell intestino permeabile: approccio integrato Specialista in Medicina Interna Sindrome multifattoriale primitivamente localizzata a livello della barriera intestinale LA BARRIERA INTESTINALE

Dettagli

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli)

I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I koala mangiano solo foglie di eucalipto ricche di sostanze indigeribili e di sostanze tossiche (terpeni e fenoli) I tannini (polifenoli) si complessano con le proteine (T-PC) rendendole insolubili Per

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica

L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica L alimentazione che fa prevenzione insieme all attività fisica IL MICROBIOTA INTESTINALE E I PROBIOTICI Asti 20 marzo 2013 Dott. Ugo Giacobbe SOC Gastroenterologia Direttore Dott. Mario Grassini Ospedale

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi

Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi Le fibre alimentari sono: - l insieme eterogeneo e complesso di omo- ed eteropolisaccaridi - resistenti agli enzimi digestivi Anche se non digerite, le fibre esercitano effetti importanti nel controllo

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici

Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici Consigli pratici al paziente: L utilizzo di fibre, integratori pre e probiotici Proctologia in Day Surgery Portofino Vetta, 17 Aprile 2009 S.G. SUKKAR U.O.D. Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Vag SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso Benessere intimo Vag ovuli vaginali BENESSERE INTIMO

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

L'importanza di un equilibrato tono intestinale

L'importanza di un equilibrato tono intestinale enterorelax intestino sereno L'importanza di un equilibrato tono intestinale FITOMEDICAL star bene è naturale L intestino lavora in silenzio In situazioni normali, l attività digestiva si compie in una

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

PROBIOSI NEI VITELLI

PROBIOSI NEI VITELLI PROBIOSI NEI VITELLI Stefano Villa Agriok/Granarolo S.p.A. Alberto Giardini CSL/Granarolo S.p.A. Il vitello, nelle prime settimane di vita, è soggetto a dismicrobismi gastro-intestinali; si tratta, in

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

COS È E COSA CONTIENE

COS È E COSA CONTIENE SOMMARIO 6 INTRODUZIONE 8 LA STORIA 22 COS È E COSA CONTIENE 50 PER LA SALUTE 80 PER LA BELLEZZA 100 FATTO IN CASA 118 IN CUCINA LO YOGURT INTRODUZIONE Siamo abituati a pensare ai batteri come a nemici

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Indispensabili alleati di bellezza

Indispensabili alleati di bellezza Indispensabili alleati di bellezza Gli effetti fotoprotettivi e sulle risposte immunitarie, e le azioni terapeutiche dei probiotici nelle alterazioni cutanee più diffuse di Anna Ghirardello, biologa nutrizionista

Dettagli

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci

STOMACO. A livello dello stomaco si verifica un limitato assorbimento di alimenti, soprattutto di acqua, di alcuni sali, di alcool e di alcuni farmaci STOMACO Nel loro insieme i secreti delle ghiandole formano il succo gastrico, fortemente acido (ph circa 1). Nella mucosa gastrica sono disposte tra le ghiandole cellule mucose, che producono un muco che

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - La produzione dello yogurt - Le caratteristiche dello yogurt - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Cos è lo yogurt? 2. Quali sono le sue caratteristiche? 3. Come si produce lo yogurt? 4. Che origini storiche ha lo yogurt? 5. In che modo è utile per l organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI:

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN

ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:05 Pagina 58 58 IRON MAN ProBiotics 75 14-12-2005 18:06 Pagina 59 mondo Il dei microbi In che modo i batteri buoni possono migliorare la salute e mettervi in condizione di guadagnare

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE.

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. L APPARATO DIGERENTE E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. Disegno molto semplificato ma efficace che rende bene

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Fondamenti di nutrizione umana

Fondamenti di nutrizione umana Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 12 Fondamenti di nutrizione umana Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi L alimentazione dell

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

La fermentazione lattica. nella conservazione. degli alimenti

La fermentazione lattica. nella conservazione. degli alimenti La fermentazione lattica nella conservazione degli alimenti LA FERMENTAZIONE LATTICA E LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI. La fermentazione lattica è uno dei metodi più antichi e naturali per la conservazione

Dettagli

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico

Tesi di Laurea. FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Tesi di Laurea FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico IL CONTROLLO QUALITÀ NELLA PRODUZIONE FARMACEUTICA INDUSTRIALE: APPLICAZIONE DI UNA METODICA PER L ANALISI

Dettagli

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono troppo complessi per essere direttamente assorbiti senza

Dettagli

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 IL SUCCO VIVO 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 Cos'è il succo vivo? Il concetto di succo vivo venne per la prima volta introdotto dal dottor Norman Walker (1886-1985). Walker è stato il pioniere del crudismo

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

L apparato digerente

L apparato digerente L apparato digerente Distinguiamo le due fasi: DIGESTIONE e ASSORBIMENTO. Attraverso la digestione facciamo entrare i cibi nel nostro corpo, li spezziamo in molecole più piccole; con l assorbimento forniamo

Dettagli

ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI

ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI Alimenti e tecnologie alimentari Mutamenti sociali, economici e culturali degli ultimi 60 anni Mutamenti nelle abitudini alimentari: abbandono dieta mediterranea vs dieta

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Clostridium perfrigens

Clostridium perfrigens Clostridi Bacilli G+, mobili, raramente capsulati. producono spore con diametro maggiore di quello batterico Anaerobi obbligati, non hanno citocromi e catalasi, producono ATP fermentando zuccheri o aminoacidi.

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

Microrganismi probiotici

Microrganismi probiotici Microrganismi probiotici Concetta Scalfaro Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimantare Reparto Microrganismi e Tecnologie Alimantari Universitàdi Tor

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Autismo e Nutrizione. Centro di Medicina Biologica

Autismo e Nutrizione. Centro di Medicina Biologica 2009-08-28 13:46:10 Quanto l alimentazione sia efficace nel caratterizzare il nostro stato di salute e nel modulare il nostro comportamento risulta in tutta la sua evidenza nel caso dell autismo. L esclusione

Dettagli

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura

Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne A.S. 2011/12 Cibo, Corpo, Luogo tra natura e cultura Seminario biomedico e chimico farmacologico sulla Dieta mediterranea e i disordini alimentari 23 gennaio 2012 3 incontro

Dettagli

Pur non potendo stabilire con certezza le

Pur non potendo stabilire con certezza le Capitolo 5 La digestione dei carboidrati «La digestione è il grande segreto della vita». Go e Summerskill 1 «Ciò che il paziente ingerisce al di là della sua capacità di digestione lo danneggia». Gee 2

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli