Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista"

Transcript

1 Integratori Probiotici, Prebiotici e Simbiotici: il Consiglio del Farmacista Luciana Marinelli Università di Napoli Federico II, Facoltà di Farmacia

2 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo Sup. corporea umana: 2 m 2 Sup. di scambio polmone : 80 m 2 Sup. intestino: 300 m 2 Lunghezza tratto gastro intestinale : 7 m

3 Tempi dello Svuotamento Gastrointestinale nell Uomo Esofago 10 secondi Stomaco Intestino tenue (Duodeno-digiuno-ileo) Intestino Crasso (Cieco-Colon) Retto 3 ore 7 ore 30 ore oltre 30 ore

4 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo Il tratto GI è l'area più estesa dell'organismo sottoposta a costante stimolo antigenico (quello degli alimenti ingeriti) ed è il fronte immunitario più importante del corpo. È un vero e proprio ecosistema che presenta tre componenti maggiori: Cellule dell ospite Batteri Nutrienti Intestino tenue con le pareti tappezzate di E. Coli

5 Il Tratto Gastrointestinale nell Uomo La superficie interna del tratto intestinale è rivestita da una mucosa formata da cellule epiteliali. L epitelio intestinale è rivestito da un gel mucoso di cui si possono riconoscere: Strato interno: formato da un gel idrosolubile ed è a diretto contatto con le cellule dell epitelio intestinale Strato esterno: piu vischioso, è sovrapposto a quello interno ed è contaminato da batteri ed altre sostanze. Il suo spessore è variabile nelle diverse parti dell intestino

6 Il Tratto Gastrointestinale: Il muco zuccherino e il repertorio di carboidrati Il muco è formato in continuazione dalle cellule globose per proteggere l epitelio ed è costitutito da polimeri di mucina (lunghe catene peptidiche glicosilate) Nell uomo la glicosilazione avviene con 21 tipi diversi di oligosaccaridi, che interagiscono poi tra di loro determinando la formazione di un gel. Questi carboidrati che si trovano sulla superficie mucosa, non solo rappresentano dei nutrienti per la microflora, ma sono anche il sito di legame per le adesine batteriche. Poi, a seconda del tipo di carboidrati presenti il muco avrà diversa attività antigenica. Quindi il repertorio di carboidrati di ciascuno di noi (che è geneticamente controllato) determina la resistenza dell ospite alle infezioni.

7 La Resistenza dell Ospite alle Infezioni: IL MALT MALT= mucosa- associated lymphatic tissue E tessuto linfatico che si trova in varie parti del corpo. MALT è formato da linfociti T, cellule B, plasma cellule, macrofagi ciascuno dei quali è pronto per incontrare gli antigeni che vengono in contatto con la mucosa epiteliale. Nel caso del MALT intestinale sono presente anche speciali cellule dette cellule M, che legano l antigene nel lume intestinale e lo portano nel tessuto linfoide. In base alla locazione il MALT si suddivide in: GALT (gut-associated lymphoid tissue) BALT (bronchus-associated lymphoid tissue) NALT (nasal-associated lymphoid tissue) CALT (conjunctival-associated lymphoid tissue) D-MALT (diffuse mucosa-associated lymphatic tissue)

8 IL GALT: Il Sistema Immunitario Intestinale È essenzialmente formato dalle placche del Peyer e da follicoli linfoidi isolati (ILFs). Entrambe sono composte da cellule M, cellule dendritiche (DCs) e cellule B. La lamina propria contiene un gran numero di IgA, plasmacellule, cellule B e T, macrofagi, cellule dendritiche (DCs) e cellule stromali (SCs) follicoli linfoidi isolati La lamina propria è un sottile strato di tessuto connettivo lasso che si trova sotto l'epitelio e insieme all'epitelio costituisce la mucosa anche detta membrana mucosa.

9 Le Determinanti della Funzionalità del GALT

10 Il Tratto Gastrointestinale: Un Ecosistema Microbico nel Nostro Organismo La popolazione microbica intestinale (MICROBIOTA) costituisce l ecosistema più concentrato a tutt oggi noto. E stato calcolato che le cellule batteriche contenute nell intestino di un individuo sono circa 10 volte il numero totale di cellule dell individuo stesso, (1-2 Kg del nostro peso). Questa complessa popolazione, dell ordine di grandezza di bilioni di batteri totali (10 14 ), è riferibile ad un numero relativamente limitato di specie (500) e, se ben bilanciata, contribuisce in modo sostanziale allo stato di salute dell ospite

11 Il Microbiota Intestinale: La Composizione Batterica Ogni porzione del tratto GI è colonizzata da una microflora specifica, la cui composizione è il risultato dell adattamento alle condizioni ambientali locali e delle interazioni di tipo commensalistico o parassitico che si stabiliscono sia tra i componenti della comunità microbica stessa, sia tra questa e l organismo ospite. Fattori che definiscono la composizione e la concentrazione microbica nelle specifiche porzioni del tratto GI sono: - Il ph, - la presenza di enzimi gastrici, - sali biliari, - la velocità del transito peristaltico, - il potenziale redox, - la tensione di ossigeno disciolto - la concentrazione dei nutrienti

12 Il Microbiota Intestinale: La Concentrazione Batterica -enzimi e sali biliari Le porzioni prossimali del tubo digerente presentano livelli relativamente bassi di colonizzazione. La quantità e la complessità del microbiota aumentano progressivamente nella parte distale del piccolo intestino e nel colon (stomaco: ~10 2 cfu/g; piccolo intestino cfu/g; colon: cfu/g). Nel tenue la colonizzazione batterica è soppressa da : -la velocità del transito intestinale -la produzione e secrezione di peptidi antimicrobici Il colon, dove si contano fino a cellule per grammo di contenuto intestinale, è invece sede della maggiore concentrazione microbica.

13 Il Microbiota Intestinale: La Determinazione La maggior parte delle specie del microbiota del colon è costituita da batteri non coltivabili in laboratorio. Infatti molti microorganismi non sono stati ancora isolati e non ne sono state definite le esigenze nutrizionali; inoltre la crescita di molti microorganismi dipende obbligatoriamente dalla presenza di altri. Le informazioni relative alla composizione della microflora intestinale sono comunque accessibili grazie alle tecniche di filogenetica molecolare colturaindipendenti che si basano sullo studio dell operone ribosomale, in particolare del gene che codifica per l rrna 16S. E quindi possibile estrarre il DNA di tutti i batteri presenti in un campione fecale o di contenuto intestinale ed amplificare tutti i geni 16S rrna presenti mediante PCR. Dall analisi di tutte le sequenze dei diversi geni codificanti il 16S rrna è possibile risalire a tutte le specie presenti nel campione analizzato.

14 Il Microbiota Intestinale Il Nostro Alter Genoma Il microbiota intestinale può essere visto come un organo interno all ospite che concorre al consumo, alla conservazione ed alla ridistribuzione dell energia, che catalizza importanti reazioni chimiche di trasformazione e che si mantiene e rigenera nel tempo. E stato calcolato che il microbioma intestinale contiene un numero di geni superiore di più di 100 volte quello dell uomo. Quindi l uomo è un super-organismo il cui assetto genico comprende sia il proprio genoma sia i genomi di tutti i microrganismi in esso residenti e le cui caratteristiche fisiologiche sono la sintesi dell attività dell uomo e del metabolismo microbico. La simbiosi fra l uomo ed il suo microbiota si è consolidata e rafforzata nel corso di millenni di co-evoluzione. Le attività metaboliche ed enzimatiche del microbiota intestinale sono fondamentali per compensare funzioni che l uomo non è in grado di esplicare (es. quali la degradazione e l assimilazione di polisaccaridi) e per le quali non possiede un adeguato assetto genico.

15 Il Microbiota Intestinale È oggi chiaro che la composizione della microflora intestinale determina lo stato di salute, e la funzionalità del tratto G-I e non solo, e la prevenzione dall attacco dei microrganismi patogeni. Non tutti i batteri della microflora hanno azioni benefiche, alcuni batteri producono metaboliti tossici o cancerogeni. I batteri della microflora vengono suddivisi in: Utili Dannosi Indifferenti

16 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora utile influenza: Anatomia e fisiologia del tratto digestivo: gli animali germ-free hanno una mucosa molto piu sottile Velocità del transito: piu lenta negli animali germ-free. Biochimica dell intestino: produzione di ac. Grassi a catena corta, conversione della bilirubina a urobilinogeno, conversione del colesterolo in coprostanolo. Modulazione dell attività immunitaria Gli animali germ-free non hanno cellule T nell intestino, le immunoglobuline prodotte sono assenti o molto ridotte, sono assenti anche le placche di Peyer

17 La fisiologica Infiammazione nell Intestino Umano Negli animali germ-free viene a mancare quello stato di fisiologica infiammazione che si osserva nell intestino degli individui sani.

18 La Biochimica dell Intestino: I Principali Pathway Metabolici nel Colon Le fonti di carbonio e di azoto disponibili nel colon, che la microflora si è adattata ad utilizzare, sono costituite dai carboidrati e dalle proteine che sfuggono all idrolisi da parte degli enzimi digestivi dell ospite e raggiungono il colon senza che ne avvenga l assorbimento durante il transito nell intestino tenue. I principali gruppi microbici intestinali ricavano energia dalla fermentazione di: -carboidrati (metabolismo saccarolitico) o -proteine (metabolismo proteolitico).

19 La Biochimica dell Intestino: I Principali Pathway Metabolici nel Colon A causa dell assorbimento nel tenue, il colon è un ambiente povero di zuccheri semplici quali mono- e disaccaridi. Sono invece presenti quegli oligo- e polisaccaridi che resistono all idrolisi da parte delle idrolasi dell ospite e sono: - l amido (5-20% dell amido ingerito raggiunge il colon inalterato ed è fermentato in questa sede), - l inulina, - frutto-oligosaccaridi, - oligosaccaridi della soia (raffinosio e stachiosio), - polidestrosio, - pectine, - gomme, - mucillagini - alcune emicellulose. I carboidrati non-digeribili fermentescibili raggiungono il colon dove sono depolimerizzati e fermentati dalla flora batterica attraverso una grande varietà di reazioni e di pathway metabolici.

20 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon La maggior parte dei gruppi batterici del colon (Bacteroides, Bifidobacterium, Eubacterium, Lactobacillus e Clostridium) è saccarolitica, tuttavia esistono notevoli differenze sia per le capacità degradative sia per le cinetiche di crescita. Mentre i bifidobatteri sviluppano con elevate velocità di crescita in presenza di elevate concentrazioni di carboidrati, i Bacteroides sono competitivi in condizioni di limitazione di fonte di carbonio e sviluppano a basse velocità di crescita.

21 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon I principali prodotti della fermentazione dei carboidrati sono gli acidi grassi a catena corta (SCFA, Short Chain Fatty Acids) : - acetato - propionato - butirrato - lattato - alcuni gas (CO 2, H 2, CH 4 ) - calore L acido lattico, prodotto in grandi quantità da bifidobatteri e batteri lattici, viene velocemente fermentato da altri batteri. Attraverso la produzione di SCFA si instaurano importanti interazione di cross-feeding metabolico tra diverse specie del microbiota poiché molti prodotti dalla fermentazione dei carboidrati complessi (quali acetato, lattato, succinato e acidi grassi ramificati) sono riutilizzati dalla comunità microbica.

22 I prodotti della fermentazione batterica come regolatori della microecologia e fisiologia del colon La fermentazione dei carboidrati è fondamentale per la microecologia e la fisiologia del colon. Circa il 95% degli SCFA prodotti dalla microflora intestinale viene rapidamente assorbito dai colonociti. Dopo essere stati assorbiti, gli SCFA vengono metabolizzati: - dalle cellule dell epitelio del cieco e del colon che utilizzano il butirrato come principale fonte di energia, - dagli epatociti che metabolizzano parte del butirrato ed il propionato per la gluconeogenesi ed assorbono parte dell acetato, - dalle cellule muscolari che traggono energia dall ossidazione dell acetato residuo.

23 - nutriliti Funzioni degli SCFA - modulazione del ph (abbassamento) - modulazione del volume intracellulare dei colonociti, - trasporto del ferro, L abbassamento del ph: - influenza la composizione della microflora intestinale, riduce lo sviluppo di clostridi patogeni e di batteri proteolitici e putrefattivi, - favorisce l assorbimento dei minerali, - riduce l assorbimento dell ammoniaca e delle ammine trasformandole nelle corrispondenti forme protonate molto meno diffusibili

24 Il Metabolismo Fermentativo vs Quello Proteolitico Le proteasi prodotte dai gruppi microbici proteolitici idrolizzano le proteine ad amminoacidi e peptidi semplici, che rappresentano un importante fonte di azoto per l intero microbiota. Clostridium Bacteroides Peptococcus Eubacterium principali batteri proteolitici a livello intestinale La secrezione di proteasi da parte di questi gruppi microbici avviene in risposta alla limitazione di nutrienti e ha luogo principalmente a livello del colon discendente. Lungo il transito nell intestino crasso la concentrazione dei carboidrati fermentabili si riduce gradualmente fino all esaurimento facendo sì che il metabolismo fermentativo ceda il passo a quello proteolitico putrefattivo, come evidenziato dal progressivo aumento del ph.

25 Il Metabolismo Fermentativo vs Quello Proteolitico: Aspetti Tossicologici La fermentazione delle proteine porta alla formazione di SCFA, ma anche di numerosi metaboliti potenzialmente tossici quali: - composti fenolici :indolo, p-cresolo e scatolo, che sono cancerogeni - ammine (specialmente nei casi in cui un insufficienza epatica che ne compromette la detossificazione, sono mutagene e cancerogene) - ammoniaca (un azione tossica a livello cerebrale) - idrogeno solforato (gas che induce una accellerata proliferazione cellulare, cancerogeno) Questi metaboliti derivanti dal metabolismo proteolitico sono stati inoltre associati a: schizofrenia---cancro---malattie infiammatorie intestinali.

26 Altre Biotrasformazioni Microbiche nel Colon Gli acidi biliari primari colico e chenodesossicolico sono prodotti dal fegato a partire dal colesterolo e coniugati con glicina e taurina, al fine di solubilizzare composti insolubili che poi vengono assorbiti dall intestino al sangue. Dopo aver svolto le loro funzioni gli acidi biliari vengono deconiugati dalle idrolasi di molte specie di batteri intestinali, e cio costituisce un meccanismo di detossificazione dagli stessi. Il rapporto taurina/glicina dei sali biliari è molto influenzato dalla dieta: es. una dieta ricca di carne determina la produzione di elevate quantità di acidi biliari coniugati con la taurina che viene a sua volta metabolizzata dal microbiota con produzione di idrogeno solforato che è cancerogeno.

27 Altre Biotrasformazioni Microbiche nel Colon La più importante biotrasformazione degli acidi biliari primari a carico della microflora intestinale è la 7 α-deidrossilazione, con formazione degli acidi secondari litocolico e desossicolico. Elevati valori di acido desossicolico nel siero, nella bile e nelle feci sono stati associati ad un elevato rischio di calcoli biliari e di tumore al colon. L acidificazione del colon derivante da un forte metabolismo saccarolitico diminuisce la solubilità degli acidi biliari, ne limita il riassorbimento e favorisce la escrezione con le feci, portando così ad un abbassamento del colesterolo, in quanto, nel fegato, esso viene utilizzato per produrre gli acidi biliari il cui livello era calato per il mancato riassorbimento.

28 Microflora Intestinale ed Alimentazione È stato rilevato che una dieta ricca in carboidrati non glicemici (le cosidette Fibre alimentari ) facilita la presenza di Bifidobatteri e Lattobacilli, mentre un alimentazione ricca di grassi e carne aumenta la presenza dei batteri putrefattori che possono portare alla formazione di sostanze cancerogene.

29 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora utile influenza: Anatomia e fisiologia del tratto digestivo: gli animali germ-free hanno una mucosa molto piu sottile Velocità del transito: piu lenta negli animali germ-free. Biochimica dell intestino: produzione di ac. Grassi a catena corta, metabolizzazione degli ac. biliari, conversione della bilirubina a urobilinogeno, conversione del colesterolo in coprostanolo. Modulazione dell attività immunitaria. Protezione dalla colonizzazione da parte di batteri patogeni

30 Azioni della Microflora Intestinale Utile La microflora batterica intestinale impedisce ai batteri patogeni di colonizzare l intestino attraverso i seguenti meccanismi: Aumento della velocità di transito intestinale Modulazione del sistema immunitario Competizione per i nutrienti e per lo spazio Amensalismo (produzione da parte di una specie microbica di sostanze che sono tossiche per un altra specie) Ad es. la produzione di ac. Gr. a catena corta inibisce la crescita degli aerobi facoltativi e di batteri patogeni quali la salmonella.

31 Attività antimicrobica della Microflora Intestinale Utile Diversi sono i fattori già identificati che contribuiscono all efficacia dei probiotici nella modulazione del sistema immunitario e nell attività antimicrobica: -la produzione di acidi organici a basso ph, -biossido di carbonio, -perossido di idrogeno (disinfettante con azione antimicrobica) -batteriocine, Le batteriocine, (coniato nel 1953 da Jacob et al.) vengono indicate quelle proteine generate i da Gram-positivi e da Gram-negativi dotate di attività inibitoria nei confronti di ceppi batterici diversi dal ceppo produttore. Quelle prodotte dai Gram- formano canali ionici, quelle prodotte dai Gram+ si inseriscono nella membrana scompaginandola. I probiotici, in risposta a stimoli esogeni, possono influenzare il rilascio di IgA, il principale prodotto del sistema immunitario linfoide.

32 L ALTERAZIONE DELL ECOSISTEMA: LA DISBIOSI INTESTINALE DEFINIZIONE: una condizione caratterizzata da uno squilibrio della flora batterica enterica. Essa porta ad un insieme di disturbi Funzionali Gastroenterici che possono evolvere in malattie anche coinvolgenti organi od apparati distanti dal Colon, attraverso la semina linfogena microbica con blocco del MALT (mucosa-associated lymphoid tissue) e del GALT (gut-associated lymphoid tissue) ( Gebbers 1981 ).

33 DISBIOSI INTESTINALE E DISTURBI CORRELATI In caso di Disbiosi, organismi a bassa virulenza intrinseca possono indurre malattie mediante alterazioni dello stato nutrizionale o la risposta immune dell' organismo. Essa può essere causa diretta o indiretta di numerosi disturbi: cattiva digestione gonfiore ed aria addominale infiammazioni dell apparato digerente (gastro-entero-colite) intolleranze alimentari sviluppo di Candida ed altri funghi a livello della cute e delle mucose cistiti ricorrenti

34 Classificazione delle Disbiosi Si possono distinguere 5 tipi di principali di disbiosi : 1. La disbiosi deficitaria o carenziale l esposizione a farmaci o una dieta priva di fibre solubili può creare un deficit di flora, comprendente i Bifidobatteri, Lattobacilli. Questo tipo di disbiosi si associa di frequente ad un colon irritabile o ad un intolleranza alimentare da carenza di enzimi batterici. Intolleranze più frequenti: latte, carne, crostacei, etc. Farmaci: Antibiotici (soprattutto: clindamicina, eritromicina, cefoperazone, ceftriaxone) cortisonici, immunosoppressori, radioterapia, contraccettivi orali, psicofarmaci.

35 Classificazione delle Disbiosi 2. La disbiosi putrefattiva è dovuta a una dieta ricca in grassi e carne e a basso contenuto in fibre che comporta un aumentata concentrazione di batterioidi e l induzione della metabolizzazione degli acidi biliari.

36 3. La disbiosi fermentativa Classificazione delle Disbiosi E una condizione di intolleranza ai carboidrati indotta da un eccessiva fermentazione batterica, per lo più dovuta ad una sovracrescita batterica a livello del piccolo intestino, dove sono ricchi i substrati fermentabili. I sintomi abituali sono: distensione addominale, flatulenza, diarrea, stipsi e sensazione di malessere. Intolleranza frequente a verdure a foglia verde, spinaci, coste, legumi, mais, castagne e spesso gli agrumi. I pazienti sono di solito intolleranti ai supplementi di fibre solubili, mentre migliorano spesso con gli antibiotici e con la riduzione del consumo di carboidrati.

37 Classificazione delle Disbiosi 4. La disbiosi da sensibilizzazione Una risposta immune anomala ai componenti della microflora fisiologica può contribuire alla patogenesi di: - colite ulcerosa - spondiloartropatie - malattie dermatologiche quali la psoriasi o l acne La causa è ritenuta un deficit di IgA e/o una barriera immunitaria insufficiente. Si presentano spesso dei fattori genetici predisponenti.

38 Classificazione delle Disbiosi 5. La disbiosi da funghi: Candida e lieviti in eccesso È una variante della disbiosi fermentativa dovuta alla sovracrescita di saccaromiceti o della Candida ed è favorita da un alimentazione ricca in zuccheri, alimenti raffinati e povera di fibre. Sintomi: diarrea, gonfiore, prurito anale, astenia, orticaria, cistiti abatteriche, micosi in altre sedi. Intolleranze alimentari: lievito, farine bianche, zucchero, birra. Da non trascurare come causa di disbiosi intesinale le intossicazioni da metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio), le patologie dell apparato gastroenterico e le infezioni da protozoi, nematodi e rotavirus.

39 Disbiosi da Rotavirus La principale via di trasmissione del virus è quella oro-fecale, ma qualche volta la diffusione può avvenire anche per contatto e per via respiratoria. La diffusione da persona a persona attraverso la contaminazione delle mani è probabilmente la più diffusa. La gastroenterite da rotavirus è una malattia diffusa in tutto il mondo. In Europa il virus si presenta con picchi di incidenza stagionale che, alle nostre latitudini, si verificano nel periodo invernale tra novembre e marzo. Il rotavirus è presente nell'ambiente in 6 diverse specie ma l'infezione è pericolosa solo quando provocata dai rotavirus A (e in misura minore da quelli B e C). L'aver contratto il virus una volta non dà immunità sufficiente, anche se le infezioni che si contraggono negli anni successivi e in età adulta tendono a presentarsi in forma più leggera.

40 Disbiosi da Rotavirus La malattia ha un periodo di incubazione di circa due giorni, dopo i quali insorgono febbre, disturbi gastrici, vomito e diarrea acquosa per 3-8 giorni. Nella maggior parte dei casi, quando si sviluppa una forma blanda di diarrea, i malati guariscono senza alcun trattamento. Tuttavia, una diarrea acuta può portare a disidratazione grave dell'organismo, una condizione che rischia di essere letale senza un intervento adeguato. La diagnosi viene effettuata ricercando antigeni specifici del rotavirus all'interno di campioni fecali. Unico trattamneto possibile: somministrazione di antidiarroici, antiemetici e probiotici Sono disponibili in Italia due vaccini antirotavirus: Rotarix, il primo ad essere commercializzato, che contiene un unico ceppo di rotavirus umano e che si somministra in due dosi, e Rotateq, che contiene invece 5 ceppi e per cui è previsto un ciclo di 3 dosi. Entrambi i vaccini contengono i ceppi virali in forma viva ma attenuata.

41 Situazioni Cliniche in cui è Essenziale Correggere la Disbiosi ATOPIA : Eczema, Rinite allergica, Asma DIARREE ACUTE DA ROTAVIRUS ALLERGIE CUTANEE: Orticaria, Dermatite da contatto INTOLLERANZE ALIMENTARI PATOLOGIE REUMATICHE: Artrite reumatoide, Fibromialgia PATOLOGIE MALIGNE

42 Disbiosi Test Il Disbiosi test rappresenta il Presidio di Laboratorio per individuare quantitativamente e monitorare i pazienti che evidenziano uno stato di disbiosi intestinale. Il test permette di dosare a livello urinario 2 markers della disbiosi intestinale: Indicano e Scatolo, che sono metaboliti del Triptofano. Essi indicano la prevalenza di flora intestinale putrefattiva (derivante dalla fermentazione delle proteine), o fermentativa (determinata dai carboidrati). Con in mano questo dato, il medico può diagnosticare, curare e monitorare la guarigione della Disbiosi consigliando la terapia personalizzata più adatta. Il test permette di diagnosticare il grado di disbiosi: assente, lieve, media e grave. Il Disbiosi Test si può fare sia in Farmacia che in uno studio Medico Specializzato.

43 Lo Stool Flora Scan test eseguito sulle feci del paziente che consente di avere un quadro più dettagliato sullo stato di salute del nostro intestino in quanto permette di valutare non solo la presenza eventuale di disbiosi intestinale ma anche di alterazioni a carico della mucosa intestinale soprattutto per quanto riguarda la sua permeabilità e la sua componente immunologica. Il Test è in grado di dare un esatta quantificazione dei microrganismi presenti. Il test Stool Flora Scan è particolarmente indicato a chi soffre di: diarrea cronica costipazione cronica gonfiore e flatulenza crampi addominali sovraccarico epatico mal di testa cronico e/o emicrania affaticamento cronico patologie della pelle

44 I Probiotici più comunemente noti come «Fermenti Lattici» Definizione: microrganismi vivi che, ingeriti in adeguate quantità (attraverso alimenti appositamente arricchiti o sotto forma di integratori), sono in grado di esercitare funzioni benefiche per l organismo. Il termine fermenti lattici col quale sono universalmente conosciuti corrisponde ad una definizione generica e non del tutto esatta, perché non tutti i probiotici sono in grado di fermentare gli zuccheri e non tutti producono acido lattico. I probiotici possono essere utilizzati a scopo: - preventivo (per prevenire la disbiosi) - terapeutico (per riequilibrare la disbiosi e risolvere i problemi che ne possono derivare).

45 La nascita della PROBIOTICA All inizio del 1900, il premio Nobel russo Elie Metchnikoff intuì che ceppi di lattobacilli presenti nello yogurt e nelle bevande a base di latte fermentato potevano essere in grado di apportare benefici per la salute umana. Egli fu colpito dalla straordinaria longevità della popolazione bulgara, che per tradizione beveva molte bevande a base di latte fermentato. Metchnikoff fu il primo a suggerire l ingestione di colture vive di batteri lattici il cui ruolo naturale era quello di prevenire i fenomeni putrefattivi nell intestino. Da allora molte ricerche sono state condotte in questo campo portando a quello che oggi noi conosciamo come probiotica.

46 Effetti Benefici dei Batteri Probiotici Nell ambito della flora batterica vi è una quota fissa di batteri buoni, che vengono comunemente chiamati PROBIOTICI. I batteri probiotici svolgono un gran numero di azioni benefiche per l organismo ospite: Neutralizzano sostanze tossiche o cancerogene (ad esempio nitriti e nitrati) Sintetizzano vitamine K, B2, B12, ac. pantotenico, ac. folico e biotina. Sintetizzano gli acidi grassi a catena corta (SCFA: ac. Acetico, propionico e butirrico) Riducono il riassorbimento degli ac.biliari con conseguente calo del colesterolo (gli ac. Biliari si formano a partire dal colesterolo)

47 Effetti Benefici dei Batteri Probiotici Effetto protettivo sulla mucosa intestinale Stimolazione dell immunità umorale e cellulo-mediata a livello intestinale Ostacolano l attecchimento di specie patogene (altri batteri, funghi o virus) Aumentano la digeribilità del lattosio nei soggetti intolleranti (attraverso un meccanismo poco chiaro) Aumentano la digeribilità dei lipidi (idrolisi dei trigliceridi alimentari in ac. grassi e glicerolo) Aumentano la digeribilità delle proteine (proteolisi delle proteine alimetari) Migliorano le malattie respiratorie di natura allergica e infettiva Migliorano le allergie alimentari in generale

48 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Considerando la varietà e la quantità di alimenti e altri materiali estranei a cui il tratto gastrointestinale e il tessuto linfoide associato (GALT) sono esposti, è sorprendente che solo una modesta parte della popolazione, soffra di allergia alimentare. Dall interazione dell epitelio intestinale e del GALT con gli antigeni alimentari si forma una funzione fondamentale dell intestino denominata tolleranza orale. La tolleranza orale è il processo fondamentale con il quale l intestino mantiene un omeostasi immunologica a livello locale e sistemico. Viene definita come un iporesponsività immunologica specifica, che fa seguito a un precedente esposizione mucosale dell antigene.

49 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» La funzione immunitaria dell intestino si incentra su due risposte specifiche: 1. risposta di protezione/soppressione, che prevede la risposta immunitaria alle proteine alimentari ed evita le ipersensibilità (mediata da linfociti T helper 1) 2. Induzione di specifiche risposte immunitarie attraverso la produzione di IgA che bloccano la colonizzazione da parte dei patogeni. (mediata da linfociti T helper 2)

50 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Le cellule B e i macrofagi catturano l antigene e lo presentano ai linfociti T Helper (Th). Esistono diversi tipi di Th: Il Th1 che produce interferone (a,b,g) ed è poco coinvolto nella produzione di Ig. Il Th2 che rilascia IL-4/-5 stimolando i linfociti B a produrre IgG, IgA, e IgE (responsabili delle allergie alimentari) Gli interventi di Th1 e Th2 si escludono a vicenda.

51 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Specifici segnali (IL-12, IL-18 e IFN-beta) determinano il differenziamento dei linfociti T in Th1 o Th2, secondo un equilibrio ben preciso. Quando questo equilibrio viene a mancare, e si ha una sovraespressione di Th2 con produzione di IgE si ha la malattia allergica. Th1 Th2

52 Ruolo del Microbiota nelle Allergie Alimentari e Meccanismi della «Tolleranza Orale» Le allergie sono quindi disordini mediati da una risposta Th2. Alcuni sudi hanno evidenziato l effetto benefico dei probiotici sulle allergie. I probiotici sembra siano in grado di sbilanciare l equilibrio Th1/Th2 verso Th1 e capaci di inibire risposte Th2. Studi in vitro hanno mostrato che differenti lattobacilli sono in grado di stimolare la produzione di citochine Th1 (IL-12, IL-18 e IFN-beta) nei monociti e nelle cellule derivate da sangue periferico. Altre motivazioni degli effetti positivi dei probiotici verso le allergie alimentari: - Degradazione di molecole alimentari potenzialmente antigeniche - Normalizzazione della permeabilità della mucosa intestinale agli antigeni alimentari Infatti una aumentata permeabilità della mucosa intestinale permetterebbe a molti antigeni di attraversare la barriera e questo potrebbe stimolare una reazione allergica.

53 Ipotesi dell Igiene ed Allergie All'inizio del XXI secolo è stata elaborata la cosiddetta "ipotesi dell'igiene", secondo cui l'aumentata insorgenza di allergie è dovuta alla mancanza di un'adeguata stimolazione del sistema immunitario durante l'infanzia, a causa del sempre maggiore stato di asepsi in cui vivono i bambini del mondo occidentale. I ricercatori del Brigham and Women's Hospital (USA) hanno scoperto che, esponendo i topolini germ-free ai microbi durante le prime settimane di vita (ma non da adulti), il sistema immunitario si normalizza e l'animale risulta protetto per molto tempo dalle malattie. Quindi, l'esposizione ai microbi nei primi anni di vita costituisce un importante fattore di protezione in età adulta da malattie allergiche e autoimmuni come asma e patologia infiammatoria intestinale.

54 I Probiotici nella Pratica Clinica Come Coadiuvanti in Molteplici Patologie si sono dimostrati utili come coadiuvanti nella cura di: Tutti i tipi di diarree (del viaggiatore, antibiotici, rotavirus, etc) gastroenteriti infettive enterocoliti infantili sindrome del colon irritabile colite ulcerosa infezione da Helicobacter pylori, Clostridium difficile Malassorbimento, ed allergie alimentari Cistiti ricorrenti e candidosi vaginale e/o orale

55 I Principali Batteri Probiotici LATTOBACILLI BIFIDOBATTERI ENTEROCOCCHI LIEVITI

56 Caratteristiche Essenziali che Devono Possedere i Microrganismi Probiotici Devono essere di provenienza intestinale umana: devono cioè essere normali componenti del nostro microbiota. Appartenenza a un gruppo batterico G.R.A.S. (generally regarded as safe): non devono cioè poter scatenare una infezione, specialmente in pazienti immunocompromessi. Devono essere attivi e vitali alle condizioni ambientali intestinali. Devono essere resistenti al succo gastrico, alla bile, al succo pancreatico. Devono essere in grado di persistere, almeno temporaneamente, nell intestino. Devono sintetizzare sostanze ad azione antimicrobica (batteriocine, ac. Lattico, perossido di idrogeno). Migliorare e stabilizzare la funzione di barriera intestinale. Stimolare la risposta del GALT.

57 Criteri di Scelta e Parametri Numero di Cellule Vive: secondo il Ministero della Salute per ottenere una temporanea colonizzazione dell intestino sono necessarie non meno di 10 9 (1 miliardo ) di cellule vive per persona adulta. Poiché il numero di cellule vive nel prodotto tende a diminuire nel tempo è evidente che un miliardo di cellule vive dovrebbe essere presente alla scadenza del prodotto. In realtà molti prodotti non indicano il numero di cellule vive (o unità formanti colonie ufc) alla scandenza.

58 Criteri di Scelta e Parametri In realtà molti prodotti non indicano il numero di cellule vive (o unità formanti colonie ufc) alla scandenza. Se il num di ufc per ogni ceppo batterico è: Minore di un miliardo il preparato è scarso in quantità Se va da 1-3 miliardi il preparato è buono in quantità Se è maggiore di 3 miliardi è ottimo in quantità

59 Criteri di Scelta e Parametri Presenza di diversi ceppi batterici: date le possibili attività metaboliche diverse delle differenti specie batteriche, la presenza in un unico preparato di diversi ceppi è da considerarsi positivamente, purchè il num di ufc per ogni ceppo sia superiore al milione.

60 I LATTOBACILLI COME PROBIOTICI Producono sostanze (ad es. l acido lattico) che contribuiscono a mantenere l ambiente intestinale sano, i migliori sono: - Lactobacillus Acidophilus (è il più importante simbiotico della prima parte dell intestino: impedisce ai batteri produttori di gas di risalire dal colon); - Lactobacillus Rhamnosus (simbiotico del colon, inibisce la maggior parte dei patogeni (Clostr. difficile), ed è ottimo come antidiarroico, riduce l infiammazione intestinale associata alle allergie alimentari, miglioramento della dermatite atopica) (DICOFLOR, LACTOGERMINA) - Lactobacillus Casei (funzione immunostimolante, aumento di IgA, diarrea da rotavirus, diverticoliti); - Lactobacillus Paracasei (il più accreditato come immunostimolante); - Lactobacillus Jonsonii (battericida contro l Helycobacter p., aumenta le difese immunitarie, aumenta di dieci volte la conta fecale dei lattobacilli)

61 I LATTOBACILLI COME PROBIOTICI - Lactobacillus Salivarius (eccellente modulatore dell infiammazione intestinale, utile in tutte le malattie gastro-enteriche caratterizzate da una notevole componente infiammatoria). - Lactobacillus Reuteri (modula la risposta immune particolarmente attraverso le cellule CD4+ T-helper nell'ileo, utile nella prevenzione della diarrea, nell'inibizione delle infezioni da patogeni modula l equilibrio Th1/Th2 nell'epitelio intestinale umano, utile probiotico per bambini e neonati, utile per le coliche dei neonati) (REUTERI; REUFLOR) - Lactobacillus Plantarum (altro stimolante immunitario; è un elemento fondamentale della flora batterica vaginale ); - Lactobacillus Fermentum (con caratteristiche sovrapponibili al precedente);

62 Esempi di Probiotici in Commercio Del tappo serbatoio: Saccharomyces boulardii; cellulosa microcristallina; mix vitamine*: vitamina PP, acido pantotenico, vitamina B2, vitamina B6, vitamina B1, acido folico, vitamina B12; Lactobacillus rhamnosus SP1 (DSM21690) Lactogèrmine baby contiene Lactobacillus Rhamnos e una miscela di bifidobatteri.

63 Principio attivo: Fermenti lattici vivi liofilizzati 1,0 g con la seguente composizione: - Streptococcus salivarius subsp. thermophilus minimo 204 miliardi UFC - Bifidobacteria (B. breve, B. infantis, B. longum) minimo 93 miliardi UFC - L. acidophilus minimo 2 miliardi UFC - L. plantarum minimo 220 milioni UFC - L. casei minimo 220 milioni UFC - L. delbrueckii subsp. bulgaricus minimo 300 milioni UFC - Streptococcus faecium minimo 30 milioni UFC Eccipiente: lattosio. Esempi di Probiotici in Commercio YOVIS si usa nelle sindromi dismicrobiche intestinali quali diarrea, enteriti aspecifiche, coliti, dismicrobismo intestinale da antibiotici. Conservare tra +2 C/+8 C. YOVIS può essere assunto in qualsiasi momento della giornata. Non usare per più di 14 giorni.

64 Esempi di Probiotici in Commercio Composizione: Maltodestrine; Capsula: Idrossipropilmetilcellulosa; Fermenti Lattici vivi (Lactobacillus rhamnosus GG*); Contenuti medi per cps: Lactobacillus rhamnosus GG 6 miliardi ufc. DICOFLOR 60 Integratore Alimentare di Fermenti Lattici Vivi (Lactobacillus GG). INDICAZIONI: favorisce il riequilibrio della flora batterica intestinale in presenza di fattori di squilibrio, quali sindromi diarroiche o terapia antibiotica. Il Lactobacillus GG inoltre, e' particolarmente utile nel trattamento delle diarree da rotavirus e da antibiotico e, come coadiuvante, nella profilassi e nel trattamento delle dermatiti atopiche. MODO D'USO: 1 capsula al giorno (dose minima). Una capsula apporta non meno di 6 miliardi di cellule vive di Lactobacillus GG. Tale valore e' garantito fino alla data di scadenza.

65 Esempi di Probiotici in Commercio PA Maltodetrina, Gelatina, Antiagglomeranti: cellulosa microcristal., Magnesio setarato, biossido di Silicio, Miscela di fermenti lattici vivi tra cui Lactobacillus Acidophilus, Lactobasillus Rhamnosus, Lactobacillus Plantarum, Inositolo. Effetti Fisiologici Favorisce fisiologicamente il benessere intimo femminile. Descrizione Femelle è un integratore alimentare contenente probiotici in grado di colonizzare l'intestino ma anche l'apparato genitale femminile ripristinando le fisiologiche difese che sono alla base del benessere intimo femminile. Può essere utilizzato anche in loco diluendo in acqua tiepida un paio di capsule. Consiglio d'uso Da una a tre capsule al giorno dopo i pasti con acqua.

66 Esempi di Probiotici in Commercio 50 miliardi di lattobacilli vivi in ogni bustina: Lactobacillus plantarum P17630 Lactobacillus paracasei I 1688 Lactobacillus salivarius I 1794 depositati presso enti internazionali di raccolta Institut Pasteur Parigi, Francia Laboratorium voor Microbiologie Gent, Belgio garantiti vivi e vitali dalla produzione alla scadenza Vitamine del gruppo B (B1 e B2). Modalità d uso: 1-2 bustine al giorno. Assumere preferibilmente lontano dai pasti. Norme di conservazione: conservare il prodotto a temperatura compresa tra 2 e 8 C.

67 Lactobacillus reuteri Esempi di Probiotici in Commercio Utile per il riequilibrio della flora batterica intestinale. Esercita un effetto inibitorio nei confronti di microrganismi patogeni grazie a una combinazione di diversi meccanismi fra i quali la produzione di acido lattico, perossido di idrogeno, sostanze antimicrobiche e batteriocine, modulazione della risposta immunitaria attraverso l aumento delle cellule CD4+ T-helper e citotossici nell'ileo.

68 Converte il glicerolo in una sostanza antimicrobica ad ampio spettro denominata Reuterina Ha mostrato un'ottima efficacia nel trattamento delle coliche del lattante. Numerosi lavori scientifici pubblicati hanno documentato la sicurezza di Lactobacillus reuteri in bambini e neonati (anche prematuri), in soggetti debilitati ed immunocompromessi.

69 BIFIDOBATTERI Sono i probiotici più numerosi nell intestino umano (circa l 8-10% della flora totale). Sono una fonte inesauribile di sostanze che producono direttamente (vitamine, enzimi, ecc ) e che noi non riusciremmo a produrre senza di loro I migliori bifidobatteri reperibili nei probiotici sono: - Bifidus Infantis (elemento caratteristico del lattante; tende ad essere carente nell intestino dei lattanti allattati artificialmente); - Bifidus Adolescentis (caratteristico dell età evolutiva); - Bifidus Brevis, Bifidus Longum, Bifidus Bifidum (caratteristici dell età neonatale ed adulta, tendono a diminuire nella vecchiaia). - Bifidobacterium animalis (La danone ha inventato dei nomi, diversi per ogni paese, per un tipo di Bifidobacterium animalis, il ceppo DN , Bifidus Actiregularis è il nome in Argentina, Austria, Belgio, Bulgaria, Cile, Germania, Ungheria, Italia, Kazakistan, Olanda, Portogallo, Romania, Russia e Spagna.)

70 Il Microbiota del Neonato Alla nascita, il tratto GI del neonato è prontamente colonizzato da batteri vaginali e fecali. Questa colonizzazione è fondamentale per lo sviluppo del soggetto e per la sua omeostasi, poiché istruisce il sistema immunitario in modo tale che sviluppi tolleranza verso un ampia pletora di antigeni microbici. Il corretto sviluppo del sistema immunitario associato ad una normale colonizzazione dell intestino determina una riduzione del rischio di allergie e di risposte infiammatorie.

71 I BIFIDOBATTERI NELL ADULTO E NEL BAMBINO VARIAZIONI DELLA FLORA BATTERICA NEL NEONATO DURANTE LA PRIMA SETTIMANA DI VITA VARIAZIONI DELLA FLORA INTESTINALE CON L'AUMENTARE DELL'ETA

72 I BIFIDOBATTERI E ALLATTAMENTO DEL NEONATO AL SENO Il latte materno favorisce la proliferazione dei bifi dobatteri, il ceppo dominante per la salute del bambino. CON FORMULA O MISTO Il bambino allattato con formula o in allattamento misto ha una carenza di bifi dobatteri ed un aumento di Bacteroides edescherichia coli.

73 Il Microbiota del Neonato nello Specifico Recentemente il Dott. Ventura (Lab. Probiogenomica, Un. Parma) ha studiato la composizione del microbiota intestinale di 11 neonati ed è stato possibile identificare quali specie di batteri intestinali sono dominanti e che, di conseguenza, possono avere importanti implicazioni sul metabolismo dell intestino e sullo stato di salute del neonato Sono dominanti in particolare le specie: - Bifidobacterium bifidum - Bifidobacterium breve

74 indicato per il riequilibrio della flora batterica intestinale, che può risultare alterata anche a seguito di terapia antibiotica. Inoltre favorisce il potenziamento del sistema immunitario. La Lattoferrina, proteina presente nel latte materno e nel latte bovino, favorisce le naturali difese dell'organismo e contribuisce a creare una flora batterica intestinale bilanciata. Tribif bambino è un integratore alimentare per il bambino. Contiene tre Bifidobatteri specifici per il ripristino ed il mantenimento della flora batterica intestinale che può risultare alterata a seguito di terapia antibiotica. Ogni bustina contiene: 3 miliardi di unità di Bifidobacterium Longum BB536; 1miliardo di unità di Bifidobacterium Infantis M-63; 1miliardo di unità di Bifidobacterium breve M -16 V se il prodotto viene conservato correttamente, il contenuto in cellule vive si mantiene fino alla data di scadenza riportata sulla confenzione (UFC = Unità Formanti Colonia) Tribif Adulto Ogni capsua contiene: 3 miliardi di unità di Bifidobacterium Longum BB536; 50 mg di Lattoferrina freeze dry.

75 ENTEROCOCCHI PROBIOTICI Sono un po meno importanti, sia come numero che come funzioni, rispetto ai precedenti, ma in qualche caso si possono rivelare estremamente utili. I migliori, sono i seguenti: - Lactococcus Lactis (ottima azione probiotica soprattutto in caso di stitichezza); (con le subspecie lactis e cremoris) è un microrganismo mesofilo (temperatura ottimale C, non cresce a 42 C), non termotollerante, omofermentante ampiamente diffuso come componente della microflora naturale di molti formaggi, latti e creme fermentate. Alcuni ceppi sono in grado di produrre batteriocine attive contro patogeni ed agenti di deterioramento, come la nisina (è un antibiotico peptidico policiclico, usato come conservante), essa è l unica batteriocina il cui uso è autorizzato in forma semipurificata negli alimenti (principalmente per il controllo di microrganismi sporigeni, incluso, C. botulinum). Produce grandi quantità di acido lattico e aiuta a scomporre le proteine del latte, quindi rendendone più facile la digestione.

76 Esempi di Probiotici in Commercio Ingredienti Amido non ogm, Magnesio stearato, colture liofilizzate di: Lc. lactis R-1058, Lb. casei R-215, Lb. acidophilus R-52, Bf bifidum R-71; capsule: gelatina vegetale. Modo d'uso 1-2 capsule al giorno da deglutire con acqua. Non superare la dose giornaliera consigliata. E' possibile versare il contenuto della capsula in liquido non caldo. La sua specifica formulazione e la quantità di ceppi batterici per capsula (3 miliardi) permette il riequilibrio della flora batterica intestinale nelle più comuni situazioni di disbiosi caratterizzata da intestino rallentato, meteorismo e gonfiore. Consente il mantenimento dell'eubiosi intestinale in caso di trattamento con farmaci disbiogeni (contraccettivi, lassativi orali). Inoltre può essere utile per migliorare la digestione, l'assorbimento dei principi nutritivi e i disturbi correlati ad intolleranza alimentare, in particolare al lattosio. Per ottenere il massimo beneficio è consigliabile assumere i fermenti lattici quotidianamente per circa 1-2 mesi a seconda della necessità. Per mantenere in equilibrio nel tempo la flora batterica intestinale può essere utile ripetere l integrazione a cicli periodici da un minimo di 10 giorni fino a un mese, ripetuti durante l anno.

77 Esempi di Probiotici in Commercio PA: miscela di Fermenti Lattici Vivi all origine 7 milioni -l. acidophilus, -l.rhamnosus, -l. plantarum, -l. casei, -lactococcus lactis, -streptococcus thermophilus, -bifidobacterium bifidum, -l. helveticus, -propionibacterium shermanii, -l. bulgaricus, Antiagglomerante: Calcio Fosfato, Baobab (Adansonia Digitata] Polpa Del Frutto Disidratata, Vitamina PP, Antiagglomerante: Magnesio Stearato, Calcio Pantotenato, Vitamina B6 Cloridrato, Vitamina C, Vitamina B1 Cloridrato, Vitamina B2, Magnesio Ossido, Ferro Gluconato, Manganese Gluconato, Zinco Gluconato, Vitamina B12.

78 ENTEROCOCCHI PROBIOTICI E' un integratore probiotico studiato per il benessere fisiologico dell'intestino quando si viaggia all'estero, si consumano cibi esotici, dopo l'utilizzo di antibiotici e quando si manifesta il microfungo Candida. Ingredienti Destrosio, maltodestrina, gelatina alim. Fermenti lattici: - saccharomyces Cerevisiae sub. Boulardii, - Enterococcus faecium Antiagglom.: cellulosa microcrist. Magnesio stear

79 LIEVITI In realtà i lieviti costituiscono una minima parte della flora batterica umana, ed anzi di solito non sono indicati come probiotici. L unico lievito che risulta molto importante come probiotico è il Saccaromyces Boulardi che risulta essere uno dei migliori probiotici da utilizzare contemporaneamente agli antibiotici. È in grado di resistere all'acidità gastrica ed alla proteolisi. La sua temperatura ottimale per proliferare è di circa 30 C e l'ambiente gastrointestinale rappresenta un habitat ideale per la sua proliferazione dove riesce a raggiungere una concentrazione elevata in breve tempo. Non viene inibito dall'azione degli antibiotici. Favorisce il ripristino del normale ecosistema intestinale, agevolando inoltre la produzione di acido lattico e vitamina B. Contrasta la proliferazione di ceppi di lievito dannosi. Non viene assorbito ed è eliminato nell'arco di qualche giorno, dal momento in cui se ne interrompe l'assunzione.

80 1 capsula di NATURAFLORA PLUS contiene : - 4 Miliardi di UFC (Unità Formanti Colonie) di Saccharomyces Boulardii - 2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Plantarum - 2 Miliardi di UFC di Bifidobacterium Longum - 2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Acidophilus DDS-1-2 Miliardi di UFC di Lactobacillus Rhamnosus Azione Contrastante sulla FLORA BATTERICA PATOGENA. Azione Colonizzante Specifica nell INTESTINO TENUE e CRASSO con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio Azione Colonizzante Specifica delle VIE URINARIE con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio Azione Colonizzante Specifica dell AMBIENTE VAGINALE con conseguente impatto positivo sul Ripristino del Naturale Equilibrio, Azione Antimicotica (ANTI-CANDIDA)

81 Esempi di Probiotici in Commercio Principio attivo: Spore di Bacillus clausii poliantibiotico resistente 2 miliardi Il ministero della salute italiano non l ha riconosciuto come batterio probiotico È una sospensione di spore di Bacillus clausii, che date per bocca superano la barriera del succo gastrico acido raggiungendo indenni il tratto intestinale, ove si trasformano in cellule vegetative, metabolicamente attive. Indicazioni: dismicrobismi di diversa origine e disvitaminosi da antibiotici. il Bacillus clausii è capace di produrre diverse vitamine in particolare del gruppo B, La resistenza agli antibiotici è indotta artificialmente L'antibiotico-resistenza si riferisce a: Penicilline, Cefalosporine, Tetracicline, Macrolidi, Aminoglicosidi, Novobiocina, Cloramfenicolo, Tiamfenicolo, Lincomicina, Isoniazide, Cicloserina, Rifampicina, Acido Nalidixico e Acido Pipemidico.

82 Prebiotici Definizione: sostanze di origine alimentare non digeribili (per lo più appartenenti alla classe chimica degli zuccheri o delle fibre alimentari solubili presenti in frutta e verdura) che, se ingerite in quantità adeguata (5g/die), sono in grado di favorire selettivamente la crescita e/o l attività di uno o più microrganismi tra quelli già presenti nella flora batterica intestinale o tra quelli contestualmente somministrati come probiotici. I requisiti specifici sono: resistenza ai succhi gastrici, all idrolisi da parte di enzimi umani fermentazione da parte della microflora intestinale Un prebiotico è considerato buono se contiene almeno 3 grammi di sostanza prebiotica

83 Prebiotici La loro trasformazione da parte dei microrganismi della flora intestinale produce acidi grassi a catena corta (es. acetato, butirrato e propionato) che : provocherebbero un calo del ph nell intestino crasso con una presunta riduzione della crescita di batteri ad azione patogena. l aumento dell assorbimento di alcuni micronutrienti. una miglior "funzionalità" intestinale e altri effetti fisiologici. Il butirrato è una sostanza energetica per le cellule del colon. stimolano la crescita dei Bifidobatteri (perciò vengono detti fattori bifidogenici)

84 Prebiotici I prebiotici più conosciuti e studiati sono: Frutto-oligo-saccaridi Inulina Alcol-zuccheri Il meccanismo d azione selettiva risiede nel fatto che solo alcune specie batteriche possiedono gli enzimi specifici per utilizzare i Prebiotici stessi che quindi rappresentano una fonte di nutrimento selettiva. Un altro possibile effetto anti-batteri patogeni è dovuto al fatto che batteri e virus si legano alla mucosa intestinale tramite le adesine con cui si uniscono alle glicoproteine della mucina. I Prebiotici potrebbero rappresentare l analogo del recettore mucoso e quindi confondere il patogeno che si legherebbe al prebiotico invece che alla proteina recettoriale.

85 Prebiotici: I Frutto-oligosaccaridi (FOS) come Bifidogeni In termini legislativi i FOS sono considerati come ingredienti alimentari (e non additivi) e definibili come fibre dietetiche Frutto-oligosaccaridi; sono oligosaccaridi a catena corta costituiti da D-fruttosio e D- glucosio; sono prebiotici molto utilizzati, anche in associazione con probiotici, in alimenti o integratori (in tal caso la dose è di 10 g al giorno). sono molecole naturali che si trovano in diverse varietà di piante e frutti (cipolla, gli asparagi, l aglio, il pomodoro, il carciofo, la banana) Una volta assunti non vengono digeriti dagli enzimi intestinali dell intestino tenue e così raggiungono intatti il colon dove si trova un elevato numero di batteri metabolicamente attivi. La proprietà prebiotica dei FOS risiede nella stimolazione della crescita dei bifidobatteri. I batteri patogeni e putrefattivi non riescono a rompere i legami chimici dei FOS. Si ottiene quindi uno sviluppo selettivo degli organismi benefici con contemporanea riduzione del ph del colon che lo rende inabitabile per batteri potenzialmente patogeni come il Clostridium.

86 Prebiotici: Il Lattitolo Il lattitolo è un disaccaride appartenente alla categoria dei polialcoli, utilizzato come surrogato dello zucchero nei cibi light, negli integratori ed in vari prodotti dietetici. Il suo potere edulcorante è infatti pari al 40% di quello dello zucchero (saccarosio), mentre la densità energetica è di sole 2,4 chilocalorie per grammo (contro le 4 del saccarosio). Il lattitolo non viene estratto dagli alimenti, ma preparato artificialmente a partire dallo zucchero del latte.

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Sindrome dell'intestino e della psiche

Sindrome dell'intestino e della psiche Natasha Campbell McBride Sindrome dell'intestino e della psiche Trattamenti naturali per autismo, ADHD/ADD, dislessia, disprassia e depressione Traduzione di Mario Palla GAPS e Gut and Psychology Syndrome

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli