ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SICUREZZA. a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SICUREZZA. a.s. 2012-2013"

Transcript

1 SICUREZZA E SCUOLA 1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI GENOVA PRA Via Airaghi Genova Tel Fax ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SICUREZZA a.s ANTINCENDIO/EVACUAZIONE Thouar: LOCHES BATTISTI CHIAPPARA BRUZZONE M. Villini: TASSARA ROSSO-MANITTO Montanella: CONSIGLIO VECCHI BARDELLI VITULLO SCARLINI - CAVALLOTTI Infanzia Branega: BRUNOLDI-LA FAUCI CANEPA D. Assarotti: NESTICO-MEDICA Villa Ratto: MENABUE PUTIGNANO ITALIA- SEMPERBONI PRIMO SOCCORSO Thouar: FEDE O. MARTINI GORZIGLIA-SCAFFIDI - LOCHES Villini: MORANDO-CATALANO Montanella: VECCHI ROSA SCARLINI FANTUZZO- VENEZIANI Branega: NICOSIA-BRUNOLDI-CANEPA D. Assarotti: CANEVA Villa Ratto: SEMPERBONI CANESI-ITALIA R.S.P.P. : ZELO Marco Cristina R.L.S. : RATTO Cristina ORGANIGRAMMA SICUREZZA IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE IL SERVIZIO PER IL PRIMO SOCCORSO LE PROCEDURE PER IL PRIMO SOCCORSO IL SERVIZIO DI PREVENZIONE E LOTTA ANTINCENDIO PIANO DI EVACUAZIONE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI COMPITI DEL PERSONALE DELLA SCUOLA REGOLE COMPORTAMENTALI PER GLI ALUNNI NUMERI TELEFONICI UTILI

2 2 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SICUREZZA Il Servizio di Prevenzione e Protezione e il suo Responsabile (RSPP) Compito principale del S.P.P. è quello di dare un contributo e un supporto tecnico al Capo d'istituto nella valutazione iniziale e revisione periodica dei rischi, nell'individuazione delle misure di prevenzione più adeguate, nella scelta dei mezzi di protezione collettiva ed individuale più efficaci. E' coordinato da un Responsabile. Anche il RSPP è designato dal Capo d'istituto, il quale tuttavia, nelle scuole dove prestano servizio fino a 200 dipendenti, può svolgere direttamente questo compito. Il RSPP, che può essere anche un professionista esterno alla scuola, assume un ruolo molto importante nella gestione della sicurezza, sia rispetto all'organizzazione del lavoro, che rispetto alle strutture: egli visita i luoghi di lavoro, partecipa alle riunioni periodiche di prevenzione e protezione contro i rischi, collabora alla formazione del personale. Il RSPP diventa in un certo senso una figura di riferimento per tutti, personale e studenti, e viene consultato tutte le volte che si manifestano situazioni di rischio non adeguatamente valutate o impreviste. Il Servizio di Gestione delle Emergenze (S.G.E.) La gestione delle situazioni di emergenza nella scuola, che possono nascere da un incendio, da un terremoto, o da altri pericoli gravi ed imprevisti, richiede uno sforzo organizzativo particolare per due ragioni: 1. la presenza di un numero rilevante di allievi minorenni, che possono scatenare momenti di panico; 2. l'obbligo, per tutti i dipendenti, di mettere in salvo gli alunni, oltre che se stessi. Per la gestione delle emergenze sono fondamentali due strumenti, diversi ma complementari: 1) la predisposizione di un piano di Evacuazione Rapida delle persone; 2) le esercitazioni per l'esecuzione del piano in situazioni simulate. Sia il piano di Evacuazione Rapida, che le esercitazioni sono predisposti dal Capo d'istituto in stretta collaborazione con il RSPP, coi VV. FF e con gli Enti di consulenza e assistenza in materia di sicurezza, presenti nel territorio.

3 3 Il Servizio di Primo Soccorso (S.P.S.) Nella nostra scuola, in ogni plesso, è disponibile l'attrezzatura minima con il materiale occorrente per il primo soccorso, e in alcuni plessi - un locale adibito a tale uso. Gli addetti al Servizio di Primo Soccorso sono stati designati in modo che almeno uno sia presente in ogni plesso scolastico. Le procedure per il Primo Soccorso In caso di infortunio o di malore di una persona nella scuola, tutti i presenti, dipendenti e allievi, sono tenuti ad attivarsi, ricordando che la sua vita spesso dipende dalla rapidità dei soccorso. D'altra parte, soprattutto in caso di traumi gravi, il soccorso prestato da una persona inesperta potrebbe aggravare le conseguenze dannose. Perciò: Non rimuovere l'infortunato, ma avvertire subito, ove possibile, un addetto al SPS o comunque qualcuno del personale. Collaborare con gli addetti al SPS per prestare il primo soccorso, ed eventualmente chiamare l'emergenza Sanitaria telefonando al 118 o ad altro numero affisso all'albo della Sicurezza. Se l'infortunato è in uno stato comatoso (non risponde alle domande, non reagisce ad altri stimoli), cercare di mantenere libere le vie respiratorie facendogli assumere la posizione di sicurezza laterale (infortunato disteso sul pavimento, su un fianco). Se vi è stata l'esposizione ad una sostanza tossica o corrosiva, consegnare agli addetti al SPS la scheda dì sicurezza o l'imballaggio con l'etichetta. In caso di ustioni: sciacquare abbondantemente, ma delicatamente le lesioni con acqua fredda. In caso di contatto con sostanze tossiche o corrosive sciacquare abbondantemente con acqua, evitando qualsiasi contatto con la sostanza nociva. In caso di ingestione di sostanze corrosive: far sciacquare la bocca con acqua, che deve essere successivamente espulsa; far bere solo acqua; non provocare il vomito; se il soggetto è svenuto, non tentare di farlo bere e tenere libere le vie respiratorie. In caso di inalazione di sostanze tossiche: evitare di inalare le stesse sostanze; aprire porte e finestre per favorire l'aerazione; se è possibile portare il soggetto all'aria aperta. Se l'infortunato non respira: praticare la respirazione "bocca a bocca"; se non si è capaci di praticarla personalmente, far accorrere qualcuno che possa farlo.

4 4 Il Servizio di Prevenzione Incendi e Lotta Antincendio (SPILA) Nella nostra scuola, in ogni plesso, sono stati designati i lavoratori incaricati di attuare il Servizio di Prevenzione Incendi e Lotta Antincendio. Il compito degli addetti al SPILA è quello di collaborare col Capo d'istituto soprattutto per: vigilare perché vengano costantemente rispettate le disposizioni interne relative alla prevenzione degli incendi; sensibilizzare i lavoratori e gli allievi alla prevenzione degli incendi; vigilare perché vengano mantenute sgombre le vie di fuga predisposte nel piano di Evacuazione Rapida in caso di emergenza; controllare l'efficienza delle uscite di sicurezza e delle porte resistenti al fuoco, e la condizione degli estintori e degli altri mezzi di lotta antincendio, segnalando eventuali manomissioni; segnalare eventuali situazioni di pericolo d'incendio; attuare le procedure per la segnalazione rapida dell'incendio, l'attivazione del sistema di allarme e l'intervento dei VV.FF; mettere in opera, in caso di bisogno, i mezzi di lotta antincendio disponibili, ed in particolare gli estintori portatili per il primo intervento contro i principi d'incendio. I nomi degli addetti al SPILA sono affissi all'albo della Sicurezza.

5 5 ISTITUTO COMPRENSIVO DI GENOVA PRA Via Airaghi Genova Tel Fax PIANI DI EVACUAZIONE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Per l'incolumità delle persone presenti nell edificio della scuola in caso di pericolo e per i rischi derivanti da gravi eventi naturali e/o antropici, quali alluvioni, sisma, incendi, crolli, scoppi e in situazioni di serio allarme, si deve assicurare l'evacuazione dei locali dei plessi in condizioni di sicurezza, con l'uscita rapida e ordinata di tutti coloro che vi si trovino a qualsiasi titolo. TIPOLOGIA DEI RISCHI CHE RICHIEDONO L'EVACUAZIONE IMMEDIATA: 1) incendio: 2) allagamento 3) scoppio; 4) terremoto; 5) crollo; 6) frana; 7) eventuale attentato e segnalazione di ordigni; 8) intrusione di uno squilibrato. TIPOLOGIA DI RISCHI CHE RICHIEDONO UN'EVACUAZIONE SOLO DOPO CHE L'EVENTO STESSO NE CONSENTE LA SICURA APPLICAZIONE: 1) alluvione; 2) rilascio di sostanze tossiche nell'aria; 3) inquinamento radioattivo. SEGNALETICA All'interno della porta di ogni classe e di ogni ambiente sono appesi: 1. planimetria del piano con tutte le indicazioni per raggiungere la più vicina uscita; 2. nominativi degli alunni incaricati dei compiti di aprifila-chiudifila-supervisore 3. la carta dell'area in cui è collocato l'edificio con l'indicazione del punto di raccolta esterno; Ad ogni piano, custodito dai collaboratori scolastici, è presente: 4. un estratto delle istruzioni di sicurezza E' compito del personale docente illustrarli agli alunni

6 6 MODALITA' DI EVACUAZIONE PLESSO DI VIA BRANEGA - ASSAROTTI Al segnale di uscita rapida: 1. campanella, durata 2 minuti circa, suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec. OPPURE 2. suono dell allarme (sirena) con le stesse modalità (in assenza di corrente elettrica, utilizzo dell APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO PORTATILE) i docenti, il personale e gli alunni prontamente si attiveranno eseguendo i compiti loro spettanti. Le classi del PIANO TERRA usciranno e si dirigeranno verso la SCALA (seguendo le istruzioni impartite e la segnaletica posta nel corridoio) ad iniziare dall AULA più vicina alla scala e via via le altre aule i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà sparita dalla vista dell' aprifila. Le classi del PRIMO PIANO, al segnale di uscita rapida, usciranno e si dirigeranno verso la SCALA (SEGUENDO LE ISTRUZIONI IMPARTITE E LA SEGNALETICA POSTA NEI CORRIDOI), dall AULA più vicina alla scala e via via le altre aule i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà sparita dalla vista dell' aprifila. In caso d'incontro queste classi devono dare la precedenza alle classi del PIANO TERRA attendere che queste siano sfilate, immettendosi solo quando l'ultima classe sia sparita dalla vista dell'aprifila. Le classi che si trovano al SECONDO PIANO, al segnale di uscita rapida, usciranno e si dirigeranno verso la SCALA (SEGUENDO LE ISTRUZIONI IMPARTITE E LA SEGNALETICA POSTA NEI CORRIDOI), dall AULA più vicina alla scala e via via le altre aule i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà sparita dalla vista dell' aprifila. In caso d'incontro queste classi devono dare la precedenza alle classi del 1^ PIANO attendere che queste siano sfilate, immettendosi solo quando l'ultima classe sia sparita dalla vista dell'aprifila. SOLO NEL CASO in cui la SCALA PRINCIPALE sia bloccata o inagibile: Le classi del piano terra utilizzeranno l USCITA DI EMERGENZA A, da cui si accede al terrazzo soprastante le scuole vespertine (da considerarsi luogo di raccolta sicuro SECONDARIO, alternativo A QUELLO PRINCIPALE, COLLOCATO NEL PIAZZALE ESTERNO ALL EDIFICIO).

7 7 Le classi del primo e secondo piano utilizzeranno rispettivamente le USCITE DI EMERGENZA B E C, da cui si accede al terrazzo soprastante la palestra (da considerarsi luogo di raccolta sicuro SECONDARIO, alternativo A QUELLO PRINCIPALE, COLLOCATO NEL PIAZZALE ESTERNO ALL EDIFICIO). Gli alunni uscendo dalla SCALA SI DIRIGERANNO, ORDINATAMENTE E RIMANENDO UNITI ALLA PROPRIA CLASSE, VERSO IL PUNTO DI RACCOLTA PRINCIPALE, CHE E COLLOCATO NEL PIAZZALE ESTERNO ALL EDIFICIO, DOVE VERRÀ FATTO L'APPELLO E SARANNO DATE SUCCESSIVE ISTRUZIONI. L EVENTUALE ORDINE DI RIENTRO NELLE CLASSI SARA IMPARTITO DAL CAPO DI ISTITUTO O DAL R.S.P.P., SE PRESENTI, O DA UN COMPONENTE DEL SERVIZIO OPPORTUNAMENTE DELEGATO. SI RACCOMANDA AL DOCENTE PRESENTE IN CLASSE DI PORTARE CON SE IL REGISTRO DI CLASSE AL FINE DI POTER TEMPESTIVAMENTE COMPILARE IL MODULO DI EVACUAZIONE PRESENTE ALLE ULTIME PAGINE DEL REGISTRO STESSO. PALESTRA Gli alunni che si troveranno in palestra, al segnale di uscita rapida, dovranno, con ordine e uno per volta, raccogliere gli indumenti necessari ed essenziali, uscire dagli spogliatoi sollecitamente con gli indumenti su di un braccio e mettersi in fila indiana (se si ha il tempo indossare gli indumenti, altrimenti rivestirsi all'esterno dell'edificio) e dirigersi, seguendo la segnaletica, verso l uscita di sicurezza della palestra senza tornare nelle proprie aule. All'uscita si ricongiungeranno ai compagni delle altre classi NEL PUNTO DI RACCOLTA, POSTO NEL PIAZZALE ESTERNO ALL EDIFICIO, DOVE VERRÀ FATTO L'APPELLO E SARANNO DATE SUCCESSIVE ISTRUZIONI.

8 8 MODALITA' DI EVACUAZIONE PLESSO DI VIA SAPELLO VILLA RATTO Al segnale di uscita rapida: 1. campanella, durata 2 minuti circa, suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec. OPPURE 2. suono dell allarme (sirena) con le stesse modalità (in assenza di corrente elettrica, utilizzo dell APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO PORTATILE) i docenti, il personale e gli alunni prontamente si attiveranno eseguendo i compiti loro spettanti. Al segnale di uscita rapida le classi del PIANO TERRA usciranno e si dirigeranno verso la PORTA PRINCIPALE (seguendo le istruzioni impartite e la segnaletica posta nel corridoio) ad iniziare dall AULA più vicina alla scala e via via le altre aule i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà uscita interamente. Le classi del 1^ PIANO, al segnale di uscita rapida, usciranno e si dirigeranno verso la SCALA DI SINISTRA (SEGUENDO LE ISTRUZIONI IMPARTITE E LA SEGNALETICA POSTA NEI CORRIDOI), AD INIZIARE DALLA CLASSE CHE SI TROVA NEL LABORATORIO DI INFORMATICA, più vicina alla scala e via via le altre aule poste sullo stesso lato, i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà uscita interamente. Gli alunni uscendo dalla SCALA SI DIRIGERANNO, ORDINATAMENTE E RIMANENDO UNITI ALLA PROPRIA CLASSE, VERSO LA PORTA PRINCIPALE. USCIRANNO DALLE PROPRIE AULE E SI DIRIGERANNO VERSO LA SCALA SECONDARIA le classi del 1 PIANO situate sul lato dei servizi ad iniziare dall AULA più vicina alla scala e via via le altre aule, i cui occupanti usciranno dall aula solo quando la classe precedente sarà uscita interamente. In caso d'incontro queste classi devono dare la precedenza alle classi del PIANO TERRA. TUTTI, uscendo dalla SCALA, SI DIRIGERANNO, ORDINATAMENTE E RIMANENDO UNITI ALLA PROPRIA CLASSE, VERSO L USCITA DI SICUREZZA. Le classi del SECONDO PIANO, al segnale di uscita rapida, usciranno e si dirigeranno verso la SCALA (SEGUENDO LE ISTRUZIONI IMPARTITE E LA SEGNALETICA POSTA NEI CORRIDOI), dall AULA più vicina alla scala di servizio e via via le altre aule i cui occupanti usciranno dalla propria aula solo quando la classe precedente sarà uscita interamente. In caso d'incontro queste classi devono dare la

9 9 precedenza alle classi del 1^ PIANO attendere che queste siano sfilate, immettendosi solo quando l'ultima classe sarà uscita interamente. Le classi che si trovano in palestra evacueranno l edificio solo nel caso vi sia un pericolo che interessa l edificio palestra stesso. In tal caso escono dall uscita principale (oppure nel caso di pericolo dall uscita di sicurezza) della palestra, e - * percorrendo Salita Cappelloni - raggiungono il punto di raccolta previsto presso il piazzale antistante la scuola Villa Ratto * Nel caso il cancello verso Salita Cappelloni fosse chiuso si utilizza la scalinata in salita adiacente alla palestra e la successiva scala adiacente al centro di cottura della Policoop, raggiungendo infine il luogo di raccolta previsto. TUTTI GLI OCCUPANTI IL SECONDO PIANO, uscendo dalla SCALA, SI DIRIGERANNO, ORDINATAMENTE E RIMANENDO UNITI ALLA PROPRIA CLASSE, VERSO IL L USCITA DI SICUREZZA PER RAGGIUNGERE IL PUNTO DI RACCOLTA CHE E COLLOCATO NEL PIAZZALE ESTERNO ALL EDIFICIO, DOVE VERRÀ FATTO L'APPELLO E SARANNO DATE SUCCESSIVE ISTRUZIONI. L EVENTUALE ORDINE DI RIENTRO NELLE CLASSI SARA IMPARTITO DAL CAPO DI ISTITUTO O DAL R.S.P.P., SE PRESENTI, O DA UN COMPONENTE DEL SERVIZIO OPPORTUNAMENTE DELEGATO. SI RACCOMANDA AL DOCENTE PRESENTE IN CLASSE DI PORTARE CON SE IL REGISTRO DI CLASSE AL FINE DI POTER TEMPESTIVAMENTE COMPILARE IL MODULO DI EVACUAZIONE PRESENTE ALLE ULTIME PAGINE DEL REGISTRO STESSO.

10 10 MODALITA' DI EVACUAZIONE PLESSO DI VIA AIRAGHI - THOUAR Al segnale di uscita rapida: 1. campanella, durata 2 minuti circa, suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec. OPPURE 2. suono dell allarme (sirena) con le stesse modalità (in assenza di corrente elettrica, utilizzo dell APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO PORTATILE) Le classi al piano terra, seguendo l ordine di vicinanza all atrio, escono dall ingresso principale e si radunano sul piazzale SUD antistante la scuola. Le classi che si trovano in sala mensa (piano terra), seguendo l ordine di vicinanza all atrio, escono dall ingresso principale e si radunano sul piazzale SUD, antistante la scuola. Le classi al primo piano, seguendo l ordine di vicinanza ai vani scale, evacueranno l edificio nel seguente modo: percorrono il corridoio e scendono al piano terra utilizzando la scala EST le classi più vicine a tale scala, scendono al piano terra utilizzando la scala OVEST le classi più vicine a tale scala. Giunte al piano terra le classi escono dalle USCITE DI SICUREZZA EST e OVEST dell edificio scolastico e si radunano sul sul piazzale SUD, antistante l ingresso principale della scuola. Le classi al secondo e successivi piani, seguendo l ordine di vicinanza ai vani scale, evacueranno l edificio nel seguente modo: percorrono il corridoio e scendono al piano terra utilizzando la scala EST le classi più vicine a tale scala, scendono al piano terra utilizzando la scala OVEST le classi più vicine a tale scala. Giunte al piano terra le classi escono dalle USCITE DI SICUREZZA EST e OVEST dell edificio scolastico e si radunano sul sul piazzale SUD, antistante l ingresso principale della scuola. Le classi che si trovano in palestra evacueranno l edificio solo nel caso vi sia un pericolo che interessa l edificio palestra stesso. In tal caso escono dall uscita principale (oppure nel caso di pericolo dall uscita di sicurezza) della palestra, e - * percorrendo Salita Cappelloni - raggiungono il punto di raccolta previsto presso il piazzale antistante la scuola dell infanzia E. Valle. * Nel caso il cancello verso Salita Cappelloni fosse chiuso si utilizza la scalinata in salita adiacente alla palestra e la successiva scala adiacente al centro di cottura della Policoop, raggiungendo infine il luogo di raccolta previsto.

11 11 MODALITA' DI EVACUAZIONE PLESSO DI VIA VILLINI - VILLINI Al segnale di uscita rapida: 1. suono dell allarme (sirena), durata 2 minuti circa, suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec. OPPURE 2. campanella, con le stesse modalità 3. (in assenza di corrente elettrica, utilizzo dell APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO PORTATILE) Le classi all ultimo piano, seguendo l ordine di vicinanza ai vani scale, evacueranno l edificio nel seguente modo: percorrono il corridoio e scendono al piano terra utilizzando la scala EST le classi più vicine a tale scala, scendono al piano terra utilizzando la scala OVEST le classi più vicine a tale scala. Giunte al piano terra le classi escono dall ingresso principale e si radunano sul piazzale antistante la scuola dell infanzia E.Valle. Le classi che si trovano in sala mensa escono dall uscita di sicurezza e si radunano sul piazzale antistante la scuola dell infanzia E.Valle. Le classi che si trovano in palestra evacueranno l edificio solo nel caso vi sia un pericolo che interessa l edificio palestra stesso. In tal caso escono dall uscita principale (oppure nel caso di pericolo dall uscita di sicurezza) della palestra, e - * percorrendo Salita Cappelloni - raggiungono il punto di raccolta previsto presso il piazzale SUD antistante la scuola dell infanzia E. Valle. * Nel caso il cancello verso Salita Cappelloni fosse chiuso si utilizza la scalinata in salita adiacente alla palestra e la successiva scala adiacente al centro di cottura della Policoop, raggiungendo infine il luogo di raccolta previsto. Nell ala ovest dell edificio dei Villini è insediata la Scuola dell Infanzia E.Valle. NEL CASO DI EVACUAZIONE CONTEMPORANEA SCUOLA PRIMARIA-SCUOLA DELL INFANZIA LA PRECEDENZA VA SEMPRE DATA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA

12 12 MODALITA' DI EVACUAZIONE PLESSO DI VIA BRANEGA - MONTANELLA Al segnale di uscita rapida: 1. campanella, durata 2 minuti circa, suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec. OPPURE 2. suono dell allarme (sirena) con le stesse modalità (in assenza di corrente elettrica, utilizzo dell APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO PORTATILE) Le classi al piano terra, seguendo l ordine di vicinanza all atrio, escono dall ingresso principale e si radunano sul piazzale antistante la scuola. Le classi che si trovano in sala mensa, seguendo l ordine di vicinanza all uscita di sicurezza, percorrono il corridoio e scendono utilizzando le scale esterne antincendio, radunandosi infine nel punto di raccolta previsto (piazzale SUD, antistante la scuola). Le classi al primo piano, seguendo l ordine di vicinanza ai vani scale, percorrono il corridoio e scendono utilizzando le scale esterne antincendio, radunandosi infine nel punto di raccolta previsto (piazzale SUD antistante la scuola). Le classi al secondo e successivi piani, seguendo l ordine di vicinanza all uscita di sicurezza, percorrono il corridoio e scendono utilizzando le scale esterne antincendio, radunandosi infine nel punto di raccolta previsto (piazzale SUD antistante la scuola). Le classi che si trovano in sala teatro o nel laboratorio di musica percorrono il corridoio in discesa ed evacuano l edificio uscendo dall uscita di sicurezza della palestra, radunandosi nel punto di raccolta previsto (piazzale SUD antistante la scuola). Le classi che si trovano in palestra evacuano l edificio uscendo dall uscita di sicurezza della palestra e si radunano nel punto di raccolta previsto (piazzale SUD antistante la scuola).

13 13 PIANO DI EVACUAZIONE : INCARICHI DEFINIZIONE DI COMPITI PER OGNI FIGURA PRESENTE ALL'INTERNO DELLA SCUOLA IN RELAZIONE A: ZONA di intervento Ubicazione nella scuola e presenza (orari) MANSIONE capo di istituto, docenti, personale ATA, alunni Attitudini e predisposizione a particolari situazioni, coinvolgimento di tutti FIGURA RIFERIMENTO MANSIONE PROCEDURA Coordinatore Responsabile Operazioni di emergenza e Pronto soccorso Addetti invio chiamate di soccorso Addetti alle operazioni di evacuazione per singola zona Capo di Istituto: OTTONELLO Ivana o R.S.P.P.: ZELO Marco BOZZO-LOCHES (THOUAR) CARLINO-ALESSI (ASSAROTTI) ITALIA-SEMPERBONI (VILLA RATTO) MORANDO (VILLINI) ROSA-SCARLINI-VECCHI (MONTAN.) Tutti i Docenti presenti in classe ASSAROTTI: NESTICO VILLA RATTO: MENABUE THOUAR: LOCHES VILLINI: TASSARA MONTANELLA: CONSIGLIO INFANZIA BRANEGA: BRUNOLDI Coordinamento in caso di pericolo Emanazione ordine di evacuazione Attivare la richiesta di pronto soccorso Attivare la procedura di evacuazione della classe 1) Decidere gravità 2) Dare disposizioni precise sulle verifiche da attuare Utilizzare il metodo indicato e affisso nei pressi degli apparecchi telefonici 1) Ordine agli alunni 2) Controllo delle fasi e dei propri alunni Collaboratori scolastici presenti nella singola zona Supporto ai docenti Controllo delle fasi e delle operazioni di evacuazione

14 14 EVACUAZIONE : COMPITI DEL PERSONALE DELLA SCUOLA COMPITI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Il Dirigente Scolastico o il Vice Preside, o l R.S.P.P. o un responsabile delegato dal capo d'istituto deve: 3. accertare sollecitamente lo stato di pericolo, nel dubbio privilegiare lo sgombero dell'edificio; 4. emettere o far emettere il segnale di uscita rapida; 5. far immediatamente telefonare dal personale di segreteria, se le linee sono attive, agli organi predisposti per il pronto intervento specifico all'evento in atto (Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, Protezione Civile); i numeri da contattare sono affissi presso tutti gli apparecchi telefonici della scuola; 6. ordinare di disattivare l'impianto di riscaldamento, facendo scattare i dispositivi d'emergenza 7. ordinare il distacco principale dell'interruttore dell'energia elettrica, in caso di corto circuito con fiamme ai conduttori elettrici, 8. sovrintendere alle operazioni di evacuazione e controllare che tutti eseguano i compiti loro affidati e che tutto si svolga regolarmente con calma, ordine e correttezza. L'allarme sarà segnalato con suono prolungato ad intermittenza, per circa due minuti: suono continuo per 3 sec. ad intervalli di 3 sec.; il suono dell'allarme deve essere udibile da tutti, inconfondibile e riconoscibile, svincolato dalla normale rete di energia elettrica e di facile uso per tutti (sirena dell'impianto di allarme, in via sostitutiva la campana elettrica); a tale segnale i docenti, il personale e gli alunni prontamente si attiveranno eseguendo i compiti a loro spettanti. In caso di non funzionamento del segnale d'allarme e di interruzione dell'energia elettrica l'ordine di evacuazione sarà dato dal personale ausiliario, in ogni classe normale, speciale, laboratorio, biblioteca, servizi, palestra, mensa, cineforum, anche utilizzando APPOSITO SEGNALATORE ACUSTICO: a tal fine il personale ausiliario del piano presidenza ne darà informazione; sarà poi data conferma al piano presidenza che tutti sono stati avvertiti. COMPITI DEL PERSONALE DI SEGRETERIA Il personale di segreteria al segnale dì uscita rapida deve: 1) possibilmente chiudere casseforti, schedari e armadi blindati della segreteria e della presidenza, trattenendo le relative chiavi;

15 15 2) la Direttrice amministrativa o chi per lei deve allertare il personale ATA e controllare che le operazioni di loro competenza siano espletate sollecitamente e, se le è possibile, collaborare all'evacuazione degli alunni; 3) informare, se è possibile comunicare con l'esterno, telefonicamente gli organi competenti del caso che si sta verificando (Vigili del Fuoco, Pronto soccorso, Ambulanze, Vigili Urbani, Carabinieri ecc.) i cui numeri telefonici saranno stati scritti su apposito pannello. 4) portare con sé l'elenco del personale (docente e ATA) in servizio COMPITI DEI COLLABORATORI SCOLASTICI Il personale ausiliario alle ore 7.00 provvederà ad aprire tutte le porte che dovranno rimanere aperte fino alla chiusura dei locali. Il personale ATA (collaboratori scolastici) darà il segnale d'allarme sonoro o, in caso di non funzionamento del segnale d'allarme o di interruzione dell'energia elettrica l'ordine di evacuazione sarà dato dal personale ausiliario in ogni classe normale, speciale, laboratorio, biblioteca, servizi assegnato al piano: a tal fine il personale ausiliario del piano presidenza ne darà informazione; sarà data conferma al piano presidenza che tutti sono stati avvertiti I collaboratori scolastici al segnale di uscita rapida agiranno sollecitamente: 1) spalancando la porta dell'ingresso principale, la porta dell'ingresso alla palestra e ogni altra uscita usufruibile e libera; 2) aprendo le porte delle classi; 3) verificando che nessuno si trovi nei servizi o in altri locali della scuola diversi dalle aule dove si svolgono normalmente le lezioni; 4) facendo evacuare immediatamente eventuali genitori di alunni, visitatori o altre persone che a qualsiasi titolo si trovano all'interno dell'edificio; 5) prendendosi cura e facendo uscire, solo nel caso che non sia presente l'insegnante di sostegno, gli alunni portatori di handicap motori. (Questi alunni saranno guidati ad uscire per ultimi dalla propria aula perché la loro incolumità fisica non sia messa a repentaglio dall'evacuazione rapida dei compagni) 6) controllando e aiutando il personale docente a gestire nel massimo ordine l'evacuazione dell'edificio, tranquillizzando gli alunni mantenendo un comportamento calmo, ma fermo e deciso; 7) sostituendo l'insegnante durante l'evacuazione, se è impedito o momentaneamente assente dalla classe e la classe stessa è affidata ad un collaboratore; 8) presidiando le uscite e successivamente controllando che tutti gli alunni siano sfollati (in particolare nei servizi, spogliatoi, laboratori, ecc.) 9) facendo sfollare rapidamente eventuali genitori ed altri visitatori eventualmente presenti nella scuola. 10) controllando che tutte le porte siano apribili con tranquillità;

16 16 11) verificando che i percorsi per raggiungere le uscite di sicurezza, nonché le uscite stesse, siano sgombre da impedimenti che ostacolino l'esodo e che l'apertura delle porte non presenti alcun intralcio; Non appena l'edificio sarà stato completamente evacuato il personale ausiliario individuato provvederà a: - disattivare l'impianto elettrico; - raggiungere il punto di raccolta coadiuvando i docenti nella sorveglianza alunni. COMPITI DEL PERSONALE DOCENTE IN SERVIZIO (e presente in classe) In ogni classe saranno identificati dal coordinatore: -UN ALUNNO APRI-FILA (e uno o due sostituti in caso di loro assenza) con l'incarico di apertura delle porte e guida della classe al punto di raccolta; -UN ALUNNO CHIUDI-FILA (e 1 o 2 sostituti) con l'incarico di controllare che nessuno dei compagni di classe rimanga indietro e accertare la chiusura di porte e finestre dell aula che si sta evacuando; -UNO O PIU ALUNNI SUPERVISORI (e sostituti) con l incarico di aiutare eventuali disabili ad abbandonare l aula e a raggiungere il punto di raccolta. I nominativi di tali incaricati saranno riportati sulla prima pagina del registro di classe nonché all'interno della porta della classe. Il personale docente al suono del segnale di uscita rapida deve: 1) Interrompere immediatamente qualunque attività 2) far alzare gli alunni, dopo che hanno appoggiato sul banco tutto il materiale; 3) avere cura che i banchi e la cattedra siano disposti in modo da non ostacolare l'esodo veloce dai locali; 4) sovrintendere e controllare che le disposizioni e gli incarichi di ognuno siano attivati (vedi compiti degli alunni) all'interno della classe; 5) far uscire sollecitamente la classe seguendo le vie predisposte e indicate per l'evacuazione, controllando continuamente tutti gli alunni in quel momento affidatigli; 6) raccogliere e portare con sé, prima di lasciare l'aula, il registro di classe e il registro personale; in entrambi devono risultare gli alunni assenti in quel giorno a quell' ora (si consiglia di tenere costantemente e puntualmente aggiornati i registri di classe specialmente nella prima ora di lezione: sarà cosi più semplice verificare all'esterno se ci sono dispersi tra gli alunni); 7) controllare che gli alunni non si attardino per raccogliere oggetti personali quali: zaini, ombrelli, ecc. (si fa esclusione per giacche e cappotti nel periodo invernale, che devono essere indossati prima di uscire), che è comunque vietato portare con sé per evitare confusione, ritardi e intralcio nelle operazioni di evacuazione); 8) raggiungere prontamente la zona esterna indicata nel presente piano e destinata al ricongiungimento con le altre classi, fare l'appello per un ulteriore controllo e mantenere compatta la classe

17 17 9) riaccompagnare in aula, al cessato allarme o quando sarà possibile rientrare nell'edificio, gli alunni a riprendere l'attività interrotta; 10) se non sarà possibile rientrare nell'edificio, far attendere gli alunni nel punto di raccolta sino a quando i rispettivi genitori non saranno giunti a prelevarli; 11) in caso di sisma o di crollo o di scoppio attenersi alle regole specificate, in seguito; 12) accertarsi, in quest'ultimo caso, dello stato di salute degli alunni, prima di evacuare l'edificio. Se vi fosse qualche ferito, anche grave, chiedere l'aiuto al personale disponibile per far uscire la classe e restare con il ferito sino all'arrivo dei soccorsi (non intervenire sul ferito escluso il caso di un ulteriore pericolo imminente). 13) verificare in caso di crollo di parte delle strutture quale via di fuga è agibile prima di evacuare la classe 14) gli insegnanti di sostegno, presenti in classe, devono evacuare gli alunni portatori di handicap (solo gli handicappati fisico-motori usciranno in coda alla classe o se gravemente impediti dopo che tutte le classi sono state evacuate; in assenza dell'insegnante di sostegno tale alunno viene affidato al personale non docente insieme ad uno o più compagni supervisori) COMPITI E COMPORTAMENTI DEGLI ALUNNI Gli alunni al segnale di uscita rapida devono: A. Appoggiare sul banco tutto quello che hanno in mano; B. alzarsi dal proprio posto e uscire lateralmente dal banco, raccogliendo e indossando, se si trova sullo schienale della sedia, la giacca; C. uscire dai banchi secondo l'ordine stabilito (alunno apri-fila seguito dall'alunno più vicino alla porta, via via con lo stesso criterio di maggior vicinanza fino all'alunno più lontano dalla porta e infine alunno serra-fila); D. accodarsi, in fila per uno, all'aprifila (alunno eletto dalla classe per le sue caratteristiche intrinseche: capacità assai sviluppate, sicurezza, autocontrollo, ecc., che ha l'incarico di aprire, se è il caso la porta, e guidare la classe al punto di raccolta). La fila sarà chiusa dal serrafila (alunno eletto tra gli alunni con caratteristiche simili all'aprifila) che ha il compito di chiudere le finestre dell'aula, controllare che nessuno vi sia restato e chiudere dietro di sé la porta della classe ). All'interno della classe si dovranno eleggere dei sostituti, uno per tipologia, in caso di assenza dei titolari E. uscire dall'aula, sempre in fila per uno, secondo l'ordine stabilito (prima la classe più vicina alle scale o all'uscita, di seguito le altre a breve intervallo) e seguire scrupolosamente la via di evacuazione indicata nella pianta affissa in classe (frecce rosse). L'alunno serra-fila provvederà a controllare che nessun compagno sia rimasto in aula e chiuderà la porta; le classi raggiungeranno le uscite di sicurezza poste attraverso le rampe di scala normalmente usate sempre in fila per uno (possibilmente mettendo

18 18 una mano sulla spalla del compagno che si ha davanti) e sempre rasente il muro; (a meno di ricevere ordini diversi); F. uscire dall'edificio scolastico e seguire la via indicata per raggiungere il punto di raccolta predeterminato; raggiunto il punto di raccolta ogni classe resterà unita e il docente accompagnatore procederà a controllare che tutti gli alunni che si trovavano a scuola al momento dell'allarme siano presenti, compilando l apposito modulo di evacuazione presente all interno del Registro di classe. Eventuali mancanze saranno immediatamente segnalate ai responsabili della sicurezza e delle forze dell'ordine. G. restare compatti e calmi; le classi resteranno unite nel punto di raccolta fino a quando il Dirigente Scolastico, un suo collaboratore o il responsabile della sicurezza comunicheranno il rientro a scuola per tutti gli alunni; H. rientrare, al cessato allarme, nel massimo ordine, seguendo all'inverso le indicazioni per l'uscita. REGOLE COMPORTAMENTALI DEGLI ALUNNI IN OGNI EMERGENZA: In caso di incendio : a) non aprire le finestre; b) non correre verso la porta della classe, c) non ammassarsi davanti alle porte (specialmente se non sono ad apertura antipanico); d) non spingere i compagni; e) non lasciare zaini e cartelle nei passaggi tra i banchi, f) non fermarsi o attardarsi a raccogliere oggetti, indumenti, ombrelli o quant'altro può provocare intralcio o confusione; g) non correre giù dalle scale; h) non intralciare gli spostamenti delle altre classi; i) non rimanere isolati dai propri compagni di classe (se ci si trova ai servizi rientrare sollecitamente in classe); j) non usare gli estintori, in quanto minorenni; k) non spalancare le porte; l) non usare acqua per spegnere incendi di origine elettrica o provocati da benzina e petrolio; m) non correre se gli abiti prendono fuoco (bisogna, invece, buttarsi a terra e rotolarsi o cercare indumenti con cui avvolgersi); n) non omettere di prestare soccorso o aiuto ai compagni in difficoltà. In caso si stia svolgendo l'intervallo si deve: rientrare prontamente nella propria classe; affiancarsi al proprio posto banco; eseguire i compiti assegnati In caso si resti intrappolati: 1. manifestare la propria presenza con calma e ripetutamente, 2. non farsi prendere dal panico;

19 19 3. non buttarsi dalle finestre; 4. non sedersi o salire sul davanzale, 5. non rompere i vetri delle finestre; 6. non aprire la porta prima di aver verificato che non passi fumo dalle fessure e che la maniglia non sia calda (se una di queste eventualità è in atto non aprire assolutamente la porta); 7. non spalancare violentemente la porta perché l'apporto istantaneo d'ossigeno può provocare fiammate; 8. tamponare e sigillare le fessure della porta se passa fumo (usare abiti o stracci, se è possibile bagnati); 9. mettersi un fazzoletto o uno straccio o una sciarpa (possibilmente bagnati) sulla bocca o sul naso; 10. non restare in piedi (sdraiarsi a terra e respirare lentamente) In caso di terremoto si deve 1) mantenere la calma; 2) ripararsi prontamente sotto il banco o sotto un tavolo, in posizione rannicchiata, la testa tra le ginocchia riparandola con le mani; in alternativa ripararsi nei punti strutturali più sicuri (muri maestri, sotto architravi, vani porta e angoli in genere); 3) tenersi lontano da tutto ciò che può rompersi e cadere (finestre, vetri, oggetti appesi ai muri o ai soffitti) 4) prestare soccorso, al termine della scossa, ad eventuali feriti o contusi; 5) evacuare senza indugio l'edificio, seguendo le regole generali e verificando, se possibile, la stabilità delle strutture (pavimenti, scale, soffitti, ecc.) In caso di alluvione si deve: a) salire ai piani più alti; b) non toccare prese di corrente o interruttori se il pavimento è bagnato; c) portare con sé indumenti caldi (giacconi, cappotti, ecc.); d) non avventurarsi all'esterno o in locali seminterrati o interrati; e) attendere con calma che il fenomeno si attenui e che giungano soccorsi; f) non bere l'acqua dell'impianto idrico. In caso di rilascio di sostanze tossiche nell'aria si deve: a) chiudere e, se possibile, sigillare con nastro adesivo finestre e porte; b) mettere stracci bagnatati sotto a porta; c) non uscire, per nessuna ragione, dall'aula; d) proteggersi naso bocca con un fazzoletto, se possibile, bagnato; e) lavarsi gli occhi, con abbondante acqua, in caso di irritazione: f) attendere con calma di poter evacuare l'edificio. In caso d'inquinamento radioattivo bisogna: a) non uscire all'aperto; b) chiudere le finestre e le porte verso l'esterno e possibilmente sigillarle; c) mettersi verso il centro dell'aula; d) coprirsi il viso, la testa, il collo e le mani con. indumenti; e) proteggere le vie respiratorie con un fazzoletto possibilmente bagnato; f) non mangiare e non bere; g) attendere con calma che la fase critica si sia attenuata, poi evacuare; h) appena possibile fare una lunga doccia calda usando abbondante sapone e cambiarsi i vestiti.

20 20 NUMERI UTILI PER LA CITTÀ DI GENOVA PROTEZIONE CIVILE Vigili del fuoco 115 Vigili del Fuoco (Multedo) Polizia 113 Polizia Municipale Carabinieri (Prà) (Prà) (Voltri) Polizia Sestri Ponente Soccorso Stradale 116 ANAS SALUTE Soccorso Urgente 118 Croce Verde Praese

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Progetto ideato e realizzato da

Progetto ideato e realizzato da PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli