Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale P.Gobetti Via Tintoretto 9 Trezzano sul Naviglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale P.Gobetti Via Tintoretto 9 Trezzano sul Naviglio"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale P.Gobetti Via Tintoretto 9 Trezzano sul Naviglio BILANCIO SOCIALE Aggiornamento a.s. 2013/2014 1

2 INDICE 1. Premessa pag Il contesto: pag. 3 composizione scolastica pag. 3 quadro di sintesi variazione alunni pag. 4 le risorse sugli alunni con certificazione pag. 4 le risorse umane pag verifica aree di progetto : pag. 7 Valutazione e comunicazione pag. 8 Tutela dei valori pag. 9 Successo formativo pag. 10 Tecnologia e informazione pag L ampliamento dell offerta formativa pag I nostri partners pag Conclusioni pag PREMESSA Questi gli obiettivi cardine del nostro lavoro di quest anno: - continuare a lavorare per la costruzione dell istituto comprensivo attraverso un percorso di condivisione trasversale di significati sui temi : orientamento e curricolo; - sviluppare i valori etici della partecipazione sociale nel rispetto della legalità; - completare l autovalutazione di istituto e predisporre il piano di miglioramento sul modello CAF; - acquisire dati utili in precisi ambiti e settori finalizzati al miglioramento dei percorsi e dei servizi. 2

3 2. IL CONTESTO COMPOSIZIONE SCOLASTICA 2013/2014 Ordine plesso Classi/sezioni n. alunni inizio anno n. alunni fine anno infanzia M. Brutto gialla arancione verde rossa azzurra blu Totale parziale Totale alunni 163 di cui 13 stranieri e 4 H Via Verdi gialla arancione verde rossa azzurra Totale parziale Totale alunni 136 di cui 16 stranieri e 4 H primaria M. Brutto prima C prima D seconda C seconda D terza C terza D quarta C quarta D quinta C quinta D Totale Totale alunni 252 di cui 34 stranieri e 11 H Giovanni XXIII prima A prima B seconda A seconda B terza A terza B quarta A quarta B quinta A quinta B Totale parziale Totale alunni 242 di cui 22 stranieri e 10 H secondaria P.Gobetti Prima A Prima B Prima C Seconda A Seconda B Seconda C Terza A Terza B Terza C Totale alunni 194 di cui 18 stranieri e 5 H 3

4 QUADRO DI SINTESI VARIAZIONE ALUNNI Ordine di scuola plesso In entrata provenienza In uscita motivazione primaria Manzoni 3 A cambio residenza 3A - 4 B - 5A circensi 3A - 4 B - 5A circensi Catalani 1C giostrai 1C giostrai 3C da altra nazione cambio residenza 3D 3D Omegna cambio residenza Milano secondaria Gobetti 1B Omegna Cambio residenza 1B giostrai 1B giostrai 3B ritiro da scuola pubblica Non si evidenziano variazioni quantitative significative sia in ingresso sia in uscita, motivate da oggettive necessità estranee alla scuola. E notevole la presenza di alunni appartenenti a famiglie di giostrai e circensi, che sono collocati nelle scuole pubbliche per periodi brevi e purtroppo poco significativi per il loro percorso formative. Scuola dell infanzia: totale 8 alunni LE RISORSE SUGLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE Alunni Ore sostegno Continuità insegnante Ore assistenza Continuità assistenza Nuova segnalazione 12 ½ Sì 8 sì / 12 ½ / / / / 12 ½ / 7½ sì / 12 ½ Sì 7½ / / 12 ½ / 6 sì / 12 ½ / 9 sì / 12 ½ / 9 / / 12 ½ / 8 sì / 4

5 Scuola primaria: totale 21 alunni Alunni Ore sostegno Continuità insegnante Ore assistenza Continuità assistenza Nuova segnalazione Classi I 15 / 10 Sì / 22 / 13 Sì / Classi II 11 / 7 sì / 11 / / / / 12 / / / sì Classi III 6 sì / / / 10 / 8 / sì 15 sì 6 / / 7 / / / / 12 / / / / Classi IV 8 sì 4 / / 4 sì / / / 19 sì 13 sì / 10 sì / / / Classi V 12 sì 10 sì / 10 sì 8 / / 10 sì 11 sì / 6 sì / / / 7 sì / / / 7 sì / / / 8 / / / / Scuola secondaria: totale 8 alunni Alunni Ore sostegno Continuità insegnante Ore assistenza Continuità assistenza Nuova segnalazione Classi I 8 / / / / 7 / 10 / / 7 / 8 / / 9 / / / / Classi II 9 sì / / / Classi III 9 sì / / / 7 / 8 sì / 7 / / / / 5

6 RISORSE UMANE ASSEGNATE DAL M.I.U.R. 2013/2014 ruolo quantità dirigente scolastica una direttore dei servizi generali e amministrativi una assistenti amministrativi cinque collaboratori scolastici diciassette docenti trentasette alla scuola primaria ventidue alla scuola dell infanzia quindici e due spezzoni sulla secondaria docenti di sostegno undici alla scuola primaria due sulla scuola dell infanzia tre e uno spezzone alla scuola secondaria inglese nessuna risorsa aggiuntiva funzioni strumentali una docente sulla funzione BES RISORSE UMANE ASSEGNATE DALLA CURIA ARCIVESCOVILE docenti di religione due sulla scuola primaria una sulla scuola dell infanzia uno sulla scuola primaria RISORSE UMANE ASSEGNATE DALL ENTE COMUNALE assistenti educativi quattro alla scuola primaria tre alla scuola dell infanzia una alla scuola secondaria associazione Lule RISORSE UMANE FINANZIATE SU PROGETTO esperti di educazione motoria due cattedre sulla scuola primaria (sdoppiate fra più esperti) esperti Lilopera Uno alla scuola infanzia Catalani e alla prima D della scuola primaria Catalani RISORSE UMANE ISTITUZIONALI E NON genitori otto nel Consiglio di Istituto venti rappresentanti di classe nella scuola primaria undici rappresentanti di sezione nella scuola dell infanzia diciassette rappresentanti di classe nella scuola secondaria Tutti i genitori degli alunni H e DSA nel gruppo GLH associazioni / partner educativi Associazione genitori Sotto il noce A.V.I.S. Trezzano Basket Rotary club Milano Visconteo Gli Astrofili Salvambiente Demetra Donne Centro Anziani Istituto Comprensivo Franceschi Centro Arcobaleno Filomondo Arma dei Carabinieri Lilopera Anpi Assessorato alla Pubblica Istruzione Assessorato all Ambiente Biblioteca C.N.R. (Valerio Grassi) 6

7 3. VERIFICA AREE DI PROGETTO La realizzazione delle attività quest anno è stata piuttosto difficoltosa probabilmente a causa della declinazione troppo dettagliata delle schede progetto che non sono state utilizzate come guida per i percorsi previsti. E necessario quindi : - semplificare la struttura delle schede - consegnare ai referenti di attività i materiali di lavoro contestualmente all approvazione dei progetti. La riduzione del fondo di istituto ci costringe a ridimensionare le attività. Tale scelta nasce anche dalla consapevolezza che il lavoro quotidiano nelle classi, la programmazione e le attività curricolari indirizzate a una realtà sempre più complessa, già richiede ai docenti notevole impegno e dedizione. Non è pensabile richiedere loro di impegnarsi in percorsi aggiuntivi che richiedono ulteriore dispendio di risorse anche in termini di tempo. Pertanto le aree di progetto e le schede attività saranno oggetto di revisione e molte delle proposte di lavoro rientreranno a pieno titolo in momenti di programmazione previsti dal contratto di lavoro. Coerentemente con la scelta di fondo dell istituto, si dovranno mettere in campo strumenti per la valutazione oggettiva dei percorsi intrapresi. 7

8 AREA PROGETTUALE VALUTAZIONE E COMUNICAZIONE ATTIVITA' OBIETTIVO VALUTAZIONE DEL LAVORO Valutazione degli esiti degli alunni Valutazione di Istituto Rendicontazione Organizzazione Eventi consolidare le pratiche di valutazione di fascia e la riflessione sugli esiti a livello di istituto e nazionale mettere in atto processi di miglioramento sulla base della valutazione sul modello C.A.F. aggiornare il documento di rendicontazione dei processi e dei risultati ottenuti coordinare tutte le attività funzionali all offerta formativa e le iniziative nei plessi, organizzare momenti di apertura della scuola e di incontro con l utenza e il territorio per mostrare i percorsi educativi e didattici messi in atto I presidenti di interclasse coordinano le procedure della somministrazione delle prove di istituto oramai consolidate nella scuola primaria; resta da completare il percorso di lavoro per raggiungere lo stesso obiettivo nella secondaria. È stato efficace e produttivo il coordinamento di entrambe le referenti che hanno fornito elementi utili alla riflessione delle prove interne e nazionali. E necessario mantenere alta l attenzione sulla valutazione riprendendone la sua connotazione formativa rispetto a quella che è solo giudicante. Individuando una funzione strumentale in grado di stimolare la riflessione e la costruzione di un percorso valutativo nell istituto. La compilazione del modello ha richiesto tempi lunghi poiché ogni criterio ha comportato studio, riflessione e confronto autentico all interno del gruppo di lavoro (GAV). Il lavoro ha subito una battuta d arresto a causa della visita dei valutatori esterno del progetto dell Invalsi valutazione e miglioramento poiché il nostro istituto è stato selezionato a campione. E stato un percorso importante che ha messo in evidenza vuoti e pieni della nostra scuola, consentendo la costruzione di un reale progetto di miglioramento. L elaborazione del documento è estremamente utile poiché consente alla direzione di mettere a fuoco i processi messi in atto e le problematiche affrontate e l adeguatezza delle soluzioni ricercate. Rimane dubbia la consapevolezza, da parte del personale interno e degli utenti, della reale validità del documento. Di fondamentale importanza il lavoro svolto dai referenti di plesso. E importante riportare la percezione della figura del referente al suo ruolo originario di docente attento ai bisogni del plesso ma nel contempo rispettoso delle linee di indirizzo e di gestione. Pertanto verrà chiesto ai docenti dei diversi plessi di esprimere un parere all atto dell insediamento; nel corso dell anno la direzione monitorerà l efficacia del loro lavoro e, a fine anno il collegio sarà chiamato ad esprimere una valutazione. I momenti di apertura sono stati pressoché organizzati dalla direzione. La partecipazione dell utenza è sempre molto esigua. Difficile individuare le reali motivazioni: indifferenza? Poca disponibilità di tempo? Scelta di tempi non adeguati? La riduzione sostanziale del FIS rende necessaria la soppressione della commissione di lavoro. 8

9 AREA PROGETTUALE TUTELA DEI VALORI Convivenza civile ATTIVITA' OBIETTIVO VALUTAZIONE DEL LAVORO Scuola e ambiente Salute e sicurezza Solidarietà favorire lo sviluppo dei valori etici e morali (rispetto dei valori fondanti dello Stato, della legalità, delle diversità, dei beni privati e pubblici, dei diritti individuali nel rispetto dei diritti collettivi) rendere consapevoli gli alunni dell importanza del rispetto dell ambiente, della bio-diversità e dello sviluppo sostenibile garantire la tutela dell ambiente di lavoro applicando il D.L. 81, formare la cultura della sicurezza e della corretta alimentazione favorire iniziative di solidarietà volte a sviluppare negli alunni sentimenti di collaborazione e partecipazione alle difficoltà altrui e volte ad arricchire se stessi attraverso il confronto con realtà diverse Il progetto cittadini si diventa, che proseguirà nel prossimo anno, ha permesso il ripristino del C.C.R., che negli ultimi anni non era più sostenuto dall Ente Comunale. Rimane però purtroppo un progetto seguito dai docenti solo nella prima fase, quella cioè che coinvolge gli alunni nella fase elettiva. L interesse si è affievolito ulteriormente nella scuola secondaria. Occorre concordare un impegno partecipativo anche nelle fasi di lavoro del gruppo consiliare dei ragazzi. Numerose sono state le proposte a cui la scuola ha aderito trovandole positive. Considerata la riduzione del FIS e la consolidata attenzione all ambiente, ogni attività riferita a questo ambito entrerà a far parte della quotidiana programmazione curricolare. L RSPP esterno ha provveduto ad aggiornare il DVR. Il personale è stato aggiornato in merito al primo soccorso, all antincendio e all RSPP. Non sarà quindi possibile rinnovare il contratto al RSPP poiché nell istituto la dirigente e una docente hanno il titolo aggiornato. La prova di evacuazione, supportata dalla Protezione Civile, ha permesso una maggiore riflessione sulle procedure adottate. Occorre però predisporre il piano annuale della sicurezza entro la fine di settembre, quando l attività didattica ha ritmi non congestionati. L attenzione nei confronti delle abitudini alimentari dei bambini è sempre alta, anche se incontra ostacoli a volte insormontabili da parte delle famiglie, poco disposte a rivedere le proprie scelte. La collaborazione di alcune classi della scuola primaria Catalani con il Centro Disabili di Trezzano ha consolidato una relazione positiva anche se purtroppo limitata ad un numero ristretto di alunni. Analoga riflessione si può estendere al lavoro svolto da alcune classi della scuola primaria Manzoni con il Centro Anziani. Con l Ente Comunale si dovranno trovare percorsi di attività socialmente utili per promuovere la riflessione degli adolescenti che assumono atteggiamenti e comportamenti passibili di sanzione. 9

10 AREA PROGETTUALE SUCCESSO FORMATIVO BES Orientamento Curricoli ATTIVITA' OBIETTIVO VALUTAZIONE DEL LAVORO Formazione classi e sezioni Raccordo Attività scolastiche a pagamento Educazione motoria Esploriamo il mondo individuare bisogni, risorse umane e strutturali e gli interventi didattico-educativi degli alunni che hanno bisogni educativi speciali favorire negli alunni una migliore conoscenza delle proprie attitudini e peculiarità, la costruzione del proprio progetto di vita al fine di compiere una scelta consapevole del percorso di studi tradurre nella prassi quotidiana i curricoli per elevare i livelli di competenza degli alunni, coerentemente con le Indicazioni Nazionali formare classi e sezioni omogenee nella loro eterogeneità accompagnare gli alunni nel passaggio fra i tre ordini di scuola costruendo la continuità dell intero percorso educativo Aumentare il portfolio di competenza degli alunni ampliando il campo di conoscenza nelle attività curricolari con docenti esperti migliorare la qualità del rapporto formativo in ambito motorio conoscere, attraverso l esperienza diretta, diversi aspetti del territorio nazionale e della sua storia E stata effettuata la rilevazione degli alunni BES e formulato il PAI utilizzando il modello ministeriale. Occorre individuare strade e interventi mirati ed efficaci, senza delegare la ricerca ad un gruppo ristretto ma attribuendo ad ogni docente, nell ambito della propria disciplina, la definizione delle scelte didattiche nei momenti di programmazione. I docenti hanno avuto la possibilità di riflettere e produrre documenti condivisi, a livello di ordine di scuola, sul tema dell orientamento. Il collegio dovrà approvare un documento di sintesi che rappresenti le linee di indirizzo della scuola. Ai docenti coordinatori delle classi terze della scuola secondaria rimane il compito di organizzare gli incontri informativi con le scuole superiori alle quali sarà chiesto di inviare una restituzione in merito alle scelte operate dagli alunni e dalle loro famiglie. La revisione dei curricoli è finalmente compiuta. La traduzione in pratica educativa quotidiana sarà resa possibile con un lavoro in verticale per ambito disciplinare. L esiguità del FIS renderà necessario attivare 3 funzioni strumentali per coordinare la programmazione nei tre settori: matematico/tecnico/scientifico; linguistico/storico/geografico; linguaggi non verbali (le educazioni) Le procedure di lavoro sono consolidate e non necessitano variazioni. Nel corso del prossimo anno sarà effettuata una verifica dei criteri adottati e una rilevazione dell adeguatezza degli atteggiamenti degli alunni nelle classi della scuola dell obbligo. La documentazione dei passaggi fra i tre ordini di scuola è compiuta. Si sono ripresi, anche se quest anno in modo semplice e non supportato da una progettazione puntuale, gli incontri di conoscenza degli alunni con la nuova realtà scolastica. Occorrerà formalizzare il percorso in attività di programmazione, promuovendo la riflessione i fra docenti coinvolti nei passaggi di ordine di scuola. Pochi sono stati i corsi attivati, a causa di iscrizioni insufficienti. Verranno riproposti all inizio dell anno scolastico. Il gradimento da parte dell utenza sarà rilevato a metà anno e alla fine dell attività. L attività motoria ha seguito il percorso oramai consolidato. Anche quest anno la distanza con il centro Facchetti ha creato problemi di trasferimento degli alunni. Sarà opportuno individuare altri spazi (campo Fabbri) o altri mezzi di trasporto (pullmino comunale) Il collegio ha modificato i tetti di spesa per le gite di istruzione. Per ridurre i costi la scuola secondaria non valicherà i confini nazionali. Condizioni economiche favorevoli (gemellaggi, inviti al parlamento europeo ) possono invece creare le condizioni per gite di istruzione anche all estero. 10

11 Biblioteca Recupero DSA rendere fruibili le biblioteche dell istituto organizzare attività di studio volte al recupero delle abilità strumentali di base nella scuola secondaria (grammatica e matematica) organizzare lo screening delle classi terze scuola primaria Le biblioteche sono ormai degli spazi fruibili. Ad ogni docente è affidata la responsabilità di far amare la lettura agli alunni. Sono stati realizzati due momenti (inizio anno e fine primo quadrimestre) di recupero delle abilità strumentali in ambito linguistico e matematico nella scuola secondaria. In tutte le classi terze è stato effettuato lo screening. AREA PROGETTUALE TECNOLOGIA E INFORMAZIONE ATTIVITA' OBIETTIVO VALUTAZIONE DEL LAVORO Tecnologia nella didattica Sito della scuola Attrezzature informatiche migliorare i processi di apprendimento attraverso l uso delle lavagne interattive multimediali garantire il costante aggiornamento del sito della scuola rendere fruibili gli spazi e le attrezzature attraverso un intervento tecnico tempestivo e qualificato Il mancato accreditamento dei fondi del diritto allo studio e l inadeguatezza della rete ha ostacolato il lavoro quotidiano nelle classi dotate di LIM e impedito lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie nella didattica. Obiettivo prioritario sarà cablare i plessi della scuola dell obbligo, condizione essenziale per l utilizzo delle LIM e l adeguamento delle modalità di registrazione degli esiti degli alunni (registro on line). Il sito è stato curato in modo puntuale dal referente esterno; carente invece l aggiornamento dei documenti, che dipende direttamente dall amministrazione. Occorre trovare modalità efficaci di revisione e controllo dei materiali esistenti. La donazione di 30 computer, anche se sprovvisti di monitor e tastiere, ha permesso di sostituire i pc dell amministrazione e sistemare il laboratorio di informatica della scuola secondaria. Occorre però individuare risorse professionali in grado di garantire la manutenzione delle macchine. NOTA: La gestione delle risorse umane nella scuola primaria offre la possibilità di usufruire di professionalità docenti distaccandole dall insegnamento curricolare in classe. Il collegio dei docenti ha deliberato il distacco di un docente in grado di supportare il personale docente e amministrativo nel progetto di informatizzazione dei percorsi didattici e della dematerializzazione. Premessa necessaria la cablatura delle sedi e la trasformazione dei programmi in uso dal personale di segreteria che devono essere messi in grado di supportare il registro on line. 11

12 4. L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Sono stati proposti alle famiglie numerosi corsi a pagamento indirizzati agli alunni Per gli alunni della scuola secondaria: scacchi chitarra latino ECDL Per gli alunni della scuola primaria inglese - scacchi - chitarra Il barbiere di Siviglia (alunni e genitori) - ceramica Per gli alunni della scuola dell infanzia Il barbiere di Siviglia (alunni e genitori) Sono stati attivati: chitarra (un corso di primo livello ed uno di secondo livello per un totale di 13 alunni) maestro E. Lardera ceramica (6 alunni della scuola primaria) sig.ra Silvia Tosi latino ( alunni della scuola secondaria di primo grado) prof. A. Mangiacasale Quest anno è stato possibile attivare solo pochi corsi perché l esiguo numero degli iscritti non ne consentiva l avvio se non facendo sostenere alle famiglie costi elevati. Il prossimo anno scolastico verranno proposti nuovi corsi: tastiera (metodo Yamaha), inglese madre lingua ed ECDL. Il gradimento da parte dell utenza sarà rilevato a metà anno e alla fine dell attività. Per semplificare le modalità di pagamento ai genitori verrà chiesto di utilizzare il conto corrente bancario; sarà comunque mantenuta la possibilità di dilazionare il pagamento con un versamento in acconto e un versamento a saldo. 5. I NOSTRI PARTNERS Quest anno Demetra Donne è entrata a pieno titolo a far parte delle numerose associazioni che da anni condividono il nostro progetto educativo e collaborano alla realizzazione del nostro piano dell offerta formativa. Il loro intervento, effettuato da personale altamente qualificato, ha permesso di affrontare nella scuola secondaria temi delicati ma pregnanti: il bullismo in prima, in seconda l affettività, in terza la violenza di genere. Considerate la rilevanza dei temi, la ricaduta positiva sugli alunni e il gradimento delle famiglie, il progetto sarà proposto anche per il prossimo anno scolastico 12

13 6. CONCLUSIONI Richiamando gli obiettivi dichiarati ad inizio dell anno scolastico, occorre precisare che la costruzione dell istituto comprensivo è un processo lungo reso possibile dal raggiungimento di singoli traguardi di diversa valenza. Nel corso del corrente anno scolastico l attenzione alla costruzione trasversale e condivisa di significati sui temi dell orientamento e del curricolo, ha indubbiamente rimarcato la necessità di considerare l orientamento come filo rosso sotteso all intero percorso scolastico dai tre ai quattordici anni, volto alla conoscenza di sé in vista della formulazione di un personale progetto di vita e non esclusivamente come tappa finale di un percorso scolastico. I materiali prodotti nei tre ordini di scuola riferiti sia all orientamento sia al curricolo, hanno dato origine a documenti che faranno parte integrante del nostro Piano dell Offerta Formativa e da cui discenderanno legittime scelte metodologico-didattiche. Sarà questo uno degli obiettivi prioritari del prossimo anno scolastico. Il Gruppo di Lavoro impegnato sull autovalutazione di istituto ha completato, a fronte di un impegno notevole e non del tutto previsto, la valutazione sul modello CAF. Il nostro Istituto, scelto per il percorso di valutazione e miglioramento dall INVALSI, è stato oggetto di osservazione e di valutazione. Il rapporto a noi restituito, illustrato anche all utenza e reperibile sul sito della scuola, ha fornito un quadro di riferimento utile per la riflessione interna. Le indicazioni di miglioramento, richieste dall INVALSI sono coincidenti con le azioni di miglioramento individuate dall autovalutazione sul modello CAF. Il piano suddetto sarà sottoposto all attenzione del Collegio dei Docenti ad inizio anno scolastico; entro dicembre la scuola riceverà la visita dei valutatori esterni. La raccolta dei dati sopra riportati ha contribuito sia a stilare il documento, sia a trasformare dati percettivi in dati reali ed oggettivi. Mai come quest anno ho ricevuto segnali di come il piano dell offerta formativa e le indicazioni fornite al collegio ad inizio di anno scolastico con l esplicitazione delle linee di indirizzo e degli obiettivi di gestione, siano per alcuni un atto puramente formale e come, troppo spesso, il docente, chiusa la porta della sua aula, si ritenga libero di agire indipendentemente dalle indicazioni e dai principi contenuti nei documenti identificativi della scuola. Mi troverò costretta pertanto a consegnare a ciascun docente le linee di indirizzo che sono tenuta a fornire ad inizio d anno e ad attivare azioni di monitoraggio volte a garantire il rispetto delle scelte collegiali esplicitate nel POF relative all aspetto metodologico didattico, oltre che a quelli organizzativi e procedurali. La libertà di insegnamento non è libertà di agire seguendo le scelte individuali, ma è libertà di sperimentazione didattica che deve essere legittimata seguendo procedure di garanzia sia nella formulazione del progetto sperimentale sia nel percorso di approvazione. LA DIRIGENTE SCOLASTICA (dr.ssa Laura Longo) 13

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici A che punto siamo... indicazioni per il curricolo e indicazioni nazionali Monitoraggio dei documenti programmatici Formulario A PARTE GENERALE Formulario A - PARTE GENERALE - Pagina n 1 /11 Il piano dell

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 L attività di orientamento in ingresso e in uscita nel e dal nostro Istituto coinvolge gli alunni e le famiglie delle classi

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Tel. e Fax. 055/9102637-055/9102704

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO:RELAZIONE DIDATTICA attività: BIBLIOTECA. Referenti: Gemma Meazza

PROGETTO:RELAZIONE DIDATTICA attività: BIBLIOTECA. Referenti: Gemma Meazza PROGETTO:RELAZIONE DIDATTICA attività: BIBLIOTECA Referenti: Gemma Meazza Obiettivi: fare appassionare gli alunni alla lettura Secondaria: 25h x 2 docenti = 50h Gemma, Valente Lavorare sul contesto: Entro

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da LA CONCRETEZZA DELL'INVISIBILE Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. "Ma qual è la pietra che sostiene il ponte?" - chiede Kublai Kan. "Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, -

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA Plesso Console RELAZIONE FINALE Docente: Zarrelli Patrizia La scuola, negli ultimi anni, mira alla diffusione

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA COMMISSIONE INTERCULTURA Revisione Protocollo a.s. 2010/2011 1 PRESENTAZIONE: Il Protocollo di accoglienza viene predisposto dalla Commissione Intercultura

Dettagli

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA

C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA C.O.N.I. Comitato Provinciale di PISA PROGETTO CON I GIOVANI A SCUOLA DI GIOCO-SPORT Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ed il CONI condividono nell ambito delle rispettive competenze

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria.

Rilevazione degli apprendimenti di italiano e matematica nelle classi II e V della scuola primaria. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Papa Giovanni Paolo II, 2/4-20013 MAGENTA (MI) SCUOLA PRIMARIA STATALE Alla D.S. Istituto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria

Rete Scuola che promuove salute. Referente coordinatore dei progetti salute. AZIONI INDICATORI ATTIVITA PREVISTE Comuni all IC Primaria Secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Il Progetto di Promozione della Salute dell Istituto Comprensivo E. Fermi di Porto Ceresio si ispira al Progetto della Rete delle scuole

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Sestri Est

Istituto Comprensivo Sestri Est Istituto Comprensivo Sestri Est via Ursone da Sestri, 5-16154 GENOVA (GE) Tel. (010) 6531858 * Fax (010) 6515147 e-mail: geic837008@istruzione.it pec: geic837008@pec.istruzione.it C.F. 95131650103 SCHEDA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Istituto Comprensivo Calcedonia Centro Territoriale di Supporto Calcedonia Istituto Comprensivo Calcedonia Via A. Guglielmini, 23 - Salerno Tel: 089792310-089792000/Fax: 089799631 htpp//www.icscuolacalcedoniasalerno.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Prot. n 2475/A36 San Costantino Cal. 29.04.2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Il Coordinatore del G.L.I. 1 PARTE I Obiettivi di miglioramento dell

Dettagli

Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016

Istituto Comprensivo SAN GIULIO a.s.2015 /2016 Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV - Ambito Territoriale di Brescia Via S.Antonio, 14-25133 Brescia - Codice Ipa: m_pi PIANO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA 7 CIRCOLO di PIACENZA via Emmanueli, 30-29121 Piacenza (PC) Tel. 0523/453812 - Fax 0523/753047 Email: segreteria@settimopc.it casella pec: pcee00700x@pec.istruzione.it sito web: http://www.settimopc.it

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la

Importante, nella legge, è anche l attenzione alla valutazione degli esiti delle attività professionali dei dirigenti e dei docenti: la VERBALE N. Il giorno 1 settembre dell anno 2015 (duemilaquindici), alle ore 8.30, presso la sala riunioni della sede di viale Italia 409, Sesto S.Giovanni (Mi), sotto la Presidenza del Dirigente Scolastico,

Dettagli