SERVIZIO di PREVENZIONE e PROTEZIONE ISIS Giulio Natta PIANO DI EMERGENZA. Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO di PREVENZIONE e PROTEZIONE ISIS Giulio Natta PIANO DI EMERGENZA. Anno scolastico 2013-2014"

Transcript

1 SERVIZIO di PREVENZIONE e PROTEZIONE ISIS Giulio Natta PIANO DI EMERGENZA Anno scolastico PRIMO PREMIO Concorso fumetti per la SICUREZZA anno scolastico Autrice NAZARETH PIREZ classe 3 a AC Liceo Scientifico Tecnologico - Norme e comportamenti in caso di emergenza - Il piano di evacuazione Redatto a.s da p.i Giuliana Bresciani (ASPP) p.i. Martino Pelizzoli (RSPP) Revisione 00 febbraio 2013 Revisione 01 marzo 2014 Visto e approvato: DIRIGENTE SCOLASTICO prof. Maria Amodeo. Pagina 1 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

2 ORGANIZZAZIONE DELL EMERGENZA 1. OBIETTIVI del PIANO di EMERGENZA 2. INFORMAZIONE 3. COORDINAMENTO EMERGENZE 3.1 COORDINAMENTO 3.2 CENTRO OPERATIVO 4. CLASSIFICAZIONE DELLE EMERGENZE 4.1 EMERGENZA ANTINCENDIO 4.2 EMERGENZA ELETTRICA 4.3 EMERGENZA PERDITA GAS METANO/GAS TECNICI 4.4 EMERGENZA ALLAGAMENTO/perdite di acqua 4.5 EMERGENZA SISMICA 4.6 EMERGENZA TOSSICA/AMBIENTALE ESTERNA 4.7 EMERGENZA RILASCIO VAPORI TOSSICI 4.8 EMERGENZA NEVE E GHIACCIO 4.9 EMERGENZA ASCENSORE 5. ADDETTI SQUADRA EMERGENZA ANTINCENDIO A.S ADDETTI SQUADRA PRIMO SOCCORSO A.S NUMERI TELEFONICI DITTE MANUTENZIONE INTERNA 8. NUMERI TELEFONICI EMERGENZE ESTERNE 9. PIANO DI EVACUAZIONE 9.1 Planimetria Generale 9.2 Piano terra 9.3 Piano Primo 9.4 Piano Secondo 9.5 Piano Primo Paleocapa 9.6 Piano Secondo Paleocapa 10. Allegati Piano evacuazione 10.1 Modulo registrazione presenze studenti e docenti in orario nelle classi (presente nel registro di classe) 10.2 Modulo registrazione complessivo delle classi presenti al Punto di Raccolta 10.3 Modulo di registrazione di personale interno e studenti NON aggregati a classi in orario 10.4 Modulo di registrazione di persone esterne, genitori, manutentori, visitatori Pagina 2 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

3 1. OBIETTIVI del PIANO di EMERGENZA Affrontare l emergenza al primo insorgere per prevenire o contenere gli effetti sulla popolazione scolastica; pianificare le azioni necessarie per proteggere le persone e le strutture da eventi interni ed esterni che possono determinare pericoli; garantire alla DIRIGENZA SCOLASTICA il coordinamento e la gestione dei servizi di emergenza, dello staff tecnico, delle squadre di emergenza; fornire una base informativa didattica per la formazione del personale, degli alunni e dei genitori. 2. INFORMAZIONE L informazione ai docenti, al personale ATA, agli alunni deve declinarsi in specifici incontri di informazione che saranno gestiti dal DIRIGENTE SCOLASTICO e/o dal RPP/SPP nelle seguenti sedi: - collegio docenti - riunioni servizio pesonale ATA - incontri con gli alunni IL PIANO DI EMERGENZA E DISPONIBILE A TUTTI: - SUL SITO DELLA SCUOLA - IN COPIA CARTACEA e INFORMATICA PRESSO : LA VICEPRESIDENZA, LA SALA DOCENTI, IL CENTRALINO/ PORTINERIA, NEI LABORATORI DELLA SCUOLA, L UFFICIO TECNICO, Le BACHECHE degli ATRI DI PIANO. Pagina 3 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

4 3. COORDINAMENTO DELLE EMERGENZE Il DIRIGENTE SCOLASTICO/VICARIO E RESPONSABILE della gestione delle EMERGENZE. ESERCITA TALE DOVERE DIRETTAMENTE e/o TRAMITE LE FIGURE DEDICATE ALLA SICUREZZA E ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE. 3.1 COORDINATORI DELLE EMERGENZE Ruolo Nome Cognome INTERNO DIRIGENTE SCOLASTICO MARIA AMODEO 212 VICARIO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ILARIO AMBONI 237 Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione MARTINO PELIZZOLI 223 / 234 ADDETTO SPP/UFFICIO TECNICO GIULIANA BRESCIANI 242 ADDETTO ANTINCENDIO - Sede FIORENZA LEVATI 217 ADDETTO ANTINCENDIO Paleocapa (primo p.) ADDETTO ANTINCENDIO Paleocapa (secondo p.) SPINI LAURA SPERDUTI STEPHANIE RESPONSABILE UFFICIO TECNICO DANIELE GHISLENI / CENTRO OPERATIVO Per le emergenze che non prevedono l evacuazione dei locali il Centro Operativo è L UFFICIO TECNICO (INTERNO ). Durante le fasi di evacuazione rapida dai locali il Centro Operativo si trova al PUNTO ROSSO (cortile interno/parcheggio motocicli). Pagina 4 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

5 4. CLASSIFICAZIONE DELLE EMERGENZE 4.1 EMERGENZA ANTINCENDIO Se viene individuato un principio d incendio avvisare uno dei componenti della squadra di emergenza antincendio: gli addetti sono indicati nelle tabelle affisse nei piani della scuola (sono allegate al seguente documento) che, valuterà l entità dell evento - Se non è possibile contenere, delimitare, estinguere l incendio si dovrà azionare uno dei pulsanti di allarme dislocati nei corridoi/atri Se l incendio si è sviluppato in un locale (aula, laboratorio, ufficio) esci subito chiudendo la porta. Avvisare addetti squadra emergenza antincendio. Se l incendio è fuori dal locale ed il fumo rende impraticabili le scale ed i corridoi, chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati - Aprire le finestra e segnalare la propria presenza Se il fumo non ti fa respirare filtra l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (il fumo tende a salire verso l alto) Non spalancare mai una porta dietro cui è in atto un incendio: l apporto improvviso di ossigeno alimenta le fiamme che possono investire il volto di chi si trova davanti alla porta. Non usare l ascensore TUTTI I PRESENTI NEI LOCALI, all emanazione dei segnale di allarme, devono raggiungere il Punto di Raccolta indicato nelle piantine affise nei locali e segnalare agli addetti della squadra antincendio presenti nel punto di raccolta la loro presenza. Gli allievi e i docenti in servizio dovranno utilizzare il modello di registrazione allegato al registro di classe e consegnarlo agli addetti antincendio. In caso di assenza del docente i rappresentanti di classe procederanno in prima persona alla compilazione). ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONE IMPARTITE DAL PERSONALE ADDETTO ALLE EMERGENZE O AGLI AVVISI EMANATI DAL SISTEMA DI ALTOPARLANTI DISLOCATO NEI VARI PUNTI DELLA SCUOLA. L EVACUAZIONE RAPIDA DEI LOCALI AVVIENE SOLO QUANDO SCATTA L ALLARME ACUSTICO- LUMINOSO. La conferma e cessazione dello stato di allarme incendio compete al DS/vicario DS RSPP/SPP Pagina 5 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

6 4.2 EMERGENZA ELETTRICA IN CASO DI BLACK OUT generale L Ufficio Tecnico deve:: 1. avvisare i docenti presenti nelle classi/laboratori ed il personale presente nell edificio (uffici laboratori); 2. far disattivare tutte le macchine eventualmente in uso prima dell interruzione elettrica; 3. verificare lo stato del generatore centrale dell Energia Elettrica; 4. telefonare all Enel per verificare se l emergenza è estesa al territorio; 5. se il guasto/black-out riguarda solo l Istituto chiamare la ditta che è incaricata della manutenzione elettrica che è la sola autorizzata ad accedere alla cabina generale dell energia elettrica. Gli addetti esterni una volta individuate e risolte le cause del blackout procederanno alla riattivazione dell impianto elettrico. IN CASO DI BLACK OUT di zona(piano zona laboratori palestre uffici) Un incaricato dell Ufficio Tecnico deve recarsi nella zona interessata al black out: 1. avvisare i docenti presenti nelle classi/laboratori, il personale tecnico amministrativo presente nella zona 2. verificare lo stato dei quadri elettrici di zona 3. verificare la presenza di eventuali sovraccarichi di tensione aprendo tutti gli interruttori e chiudendoli uno alla volta 4. se il problema persiste chiamare la ditta incaricata della manutenzione elettrica (Ufficio tecnico). Pagina 6 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

7 4.3 EMERGENZA PERDITE GAS PERDITA GAS METANO Laboratori ala Paleocapa NEL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA DISLOCATO AL SECONDO PIANO DELL ALA PALEOCAPA E PRESENTE UNA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO Perdita di gas segnalata dall allarme collegato ai sensori :quando IL SISTEMA DI ALLARME SONORO COLLEGATO AI SENSORI/RILEVATORI SI ATTIVA, PROCEDERE: - all evacuazione del Laboratorio (DOCENTI/ASSISTENTI TECNICI/SQUADRA ANTINCENDIO) - alla chiusura della valvola generale di intercettazione del laboratorio (ASSISTENTE TECNICO - DOCENTI IN ORARIO) - alla verifica della elettrovalvola esterna (cortile dei laboratori-assistente TECNICO) - alla chiusura del rubinetto generale del contatore (ASSISTENTE TECNICO) - alla richiesta di un sopralluogo del UFFICIO TECNICO/RSPP/SPP, che verificata la situazione autorizzerà le seguenti operazioni: - un addetto alla squadra antincendio/assistente Tecnico dovrà entrare in laboratorio, aprire tutte le finestre e successivamente chiudere i rubinetti di tutte le lampade bunsen - con tutte le finestre aperte procederà all apertura del rubinetto al contatore, della valvola di intercettazione del Laboratorio - con tutte le finestre aperte procedere alla verifica della possibile perdita aprendo singolarmente le lampade bunsen e verificando se la perdita è causata da un difetto dello strumento o dal tubo blu che collega il bunsen alla linea L ufficio Tecnico: - se la causa non è identificata e controllabile (es. perdita dalla linea) chiudere la valvola di intercettazione del Laboratorio e il rubinetto al contatore; - sospendere l utilizzo delle attività che utilizzano il gas metano e installare sulla valvola di intercettazione del laboratorio il cartello DIVIETO DI UTILIZZO/GUASTO ; - Chiedere l intervento della ditta incaricata della manutenzione; Pagina 7 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

8 Perdita di gas percepita olfattivamente e non segnalata dai sensori/allarme SE VIENE PERCEPITO ODORE DI GAS METANO ALL INTERNO DEL LABORATORIO SENZA CHE IL SISTEMA DI RILEVAZIONE SI SIA ATTIVATO PROCEDERE ALL IMMEDIATA EVACUAZIONE, CHIUDERE LA VALVOLA DI INTERCETTAZIONE DEL LABORATORIO, CHIUDERE IL RUBINETTO AL CONTATORE, APRIRE LE FINESTRE, AVVISARE L UFFICIO TECNICO PER UN IMMEDIATO SOPRALLUOGO. I locali/aule del piano terra sono attraversati da una linea di gas metano dedicata ai laboratori del l Istituto P.Paleocapa. SE VIENE PERCEPITO ODORE DI GAS METANO ALL INTERNO DELLE AULE/ATRIO DEL PIANO TERRA: PROCEDERE ALL IMMEDIATA EVACUAZIONE. AVVISARE IMEDIATAMENTE GLI ADDETTI EMERGENZA ANTINCENDIO PER EVACUARE ANCHE I PIANI PRIMO E SECONDO. AVVISARE L UFFICIO TECNICO e gli Uffici competenti dell Istituto P.Paleocapa (UT). SE VIENE PERCEPITO ODORE DI GASMETANO ALL ESTERNO CHIUDERE LA VALVOLA DI INTERCETTAZIONE E IL RUBINETTO AL CONTATORE (Assistenti Tecnici). AVVISARE L UFFICIO TECNICO PER UN IMMEDIATO SOPRALLUOGO. SE L ODORE PERSISTE CHIAMARE IL NUMERO DI EMERGENZA ASM (Ufficio Tecnico) ANOMALIE/PERDITA GAS TECNICI Laboratorio Analisi Strumentale Nel Laboratorio Analisi strumentale del primo piano è installato una reta di distribuzione di gas tecnici che è stata progettata con sistemi di sicurezza adeguati alla tipologia di rischio ( Potenziale formazione miscele esplosive ) Pressione insufficiente di un gas proveniente da una bombola L interruzione dell erogazione del gas è automatica e segnalata da un allarme posto sui pannelli di controllo (segnale acustico caratterizzato da un suono non acuto Verificare la pressione delle bombole,o di eventuali perdite di carico; segnalare all Ufficio Tecnico la necessità di cambio bombola o eventuali anomalie(capo reparto/assistenti Tecnici di reparto) Dispersione di un gas nell ambiente con attivazione dell allarme acustico del laboratorio strumentale Se si attiva l allarme (suono acuto tipo sirena) collegato ai sensori che rilevano presenza di gas nel laboratorio, procedere all evacuazione della zona del Laboratorio Strumentale (Addetti squadra antincendio/docenti/ass.tecnici). Chiudere l erogazione delle bombole (pannello box bombole); sganciare l allarme della centralina posta nel corridoio interno del laboratorio strumentale (Assistenti tecnici). Avvisare l Ufficio Tecnico per verifica della situazione. Pagina 8 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

9 4.4 PERDITE DI ACQUA /allagamento Chiunque si accorge di una perdita di acqua all esterno dell edificio o nei locali interni deve avvertire l UFFICIO TECNICO. Un incaricato dell Ufficio Tecnico si reca sul luogo e dispone lo stato di pre allarme che consiste in: avvertire le classi docenti della zona interessata; se la perdita è consistente ed è in prossimità di locali che utilizzano impianto o utilizzatori elettrici chiudere la saracinesca centrale dell erogazione di acqua dal contatore esterno, aprire l interruttore dell energia elettrica centralizzato e/o quelli di reparto ; se la causa dell allagamento è dovuta a fonte non certa e non isolabile, confermare lo stato di allarme. L Ufficio Tecnico richiederà l intervento dell Azienda Gas /Acqua se la causa dell allagamento è da fonte interna controllabile, una volta individuata la causa, mettere in sicurezza gli ambienti(con la chiusura delle saracinesche locali dei laboratori servizi igienici). L Ufficio Tecnico farà richiesta di intervento alla ditta incaricata della manutenzione idraulica per la scuola. in caso di interruzione della fornitura di acqua avvisare i laboratori che utilizzano sistemi di raffreddamento per interrompere le esperienze didattiche che potrebbero surriscaldare le apparecchiature o i processi chimico fisici L Istituto non è situato in prossimità di corsi d acqua che possano determinare allagamenti. In caso di fenomeni atmosferici di straordinaria intensità si raccomanda di non uscire dall Istituto e attendere l evoluzione dell evento nei locali della scuola. Pagina 9 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

10 4.5 EMERGENZA SISMICA Se ti trovi in un luogo chiuso durante una scossa: non precipitarti fuori all aperto; resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l architrave della porta o vicino ai muri portanti; allontanati dalle finestre, dalle porte con vetri e dagli armadi; Se sei nei corridoi o nel vano delle scale rientra nella tua classe o in quella più vicina; - il personale docente e ATA dovrà entrare nei locali più vicini; segui le indicazioni che vengono impartite tramite il sistema di altoparlanti della scuola; dopo le scosse di terremoto, e solo se è emanato l ordine di evacuazione (tramite allarme acustico), abbandona l edificio. ricordati di non spingere, non gridare e non correre segui le vie di fuga indicate. Se ti trovi all aperto: allontanati dagli edifici, dagli alberi, dai lampioni e dalle linee elettriche. In caso di evento sismico prolungato potrà essere disposto dal DS/RSPP, tramite gli addetti dei punti di raccolta, l ordine di utilizzare il campo sportivo della scuola come unica area di raccolta. Pagina 10 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

11 4.6 EMERGENZA TOSSICA/AMBIENTALE ESTERNA In caso di emergenza per nube tossica proveniente dall esterno è indispensabile conoscere la durata e la natura del rilascio; il DS/vicario DS/RSPP devono tenere il contatto con gli Enti Competenti esterni ed aspettare le disposizioni da adottare. Disporre lo stato di allarme mediante avviso vocale del sistema interno di altoparlanti che sarà utilizzato per comunicare l evoluzione dello stato di emergenza. Il personale della scuola è tenuto al rispetto di tutte le norme di sicurezza che consistono in: 1. Far rientrare tutti nella scuola 2. In caso di sospetto di atmosfera esplosiva aprire l interruttore energia elettrica centralizzato avvisare i laboratori uffici dello stato di black out (Ufficio Tecnico) I Docenti/personale ATA devono: 1. Chiudere le finestre, tutti i sistemi di ventilazione, le prese d aria presenti in classe/laboratorio, assegnare agli alunni compiti specifici per la preparazione della tenuta dell aula, come sigillarne gli interstizi con stracci/indumenti bagnati. 2. Prestare la massima attenzione alle disposizioni impartite dal sistema altoparlanti o dagli addetti all emergenza Gli studenti devono stendersi a terra e tenere uno straccio/fazzoletto bagnato sul viso Tutto il personale docente e ATA dovrà adottare comportamenti analoghi negli uffici e laboratori. Pagina 11 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

12 4.7 EMERGENZA Nube Tossica interna NUBE TOSSICA CAUSATA DA UN INCENDIO Nel caso in cui la nube tossica abbia origine da un incendio sviluppatosi in uno dei magazzini dei prodotti chimici/reflui della scuola attivare le seguenti procedure: ALA PALEOCAPA Se la causa della nube tossica è un incendio che si è sviluppato nel magazzino generale (seminterrato) o di reparto gli addetti squadra antincendio delle zone interessate attiveranno il segnale di allarme acustico e gestiranno le fasi di evacuazione con le seguenti modalità: - se l incendio ha origine dal Magazzino Generale PRODOTTI CHIMICI NON INFIAMMABILI (seminterrato) le persone presenti al primo e secondo piano dovranno utilizzare ESCLUSIVAMENTE la scala adiacente i servizi igienici dei corridoi del primo piano e secondo piano. Le persone presenti nelle aule del piano terra dovranno raggiungere il percorso che è raggiungibile dal pianerottolo dedicato alla porta di sicurezza. - se l incendio ha origine da uno dei magazzini di reparto le persone presenti dovranno utilizzare i percorsi previsti dal piano di evacuazione dei Laboratori SEDE Se l incendio si sviluppa nel magazzino prodotti chimici del biennio (piano terra), gli addetti alla squadra emergenza procederanno all evacuazione rapida dei laboratori di Biologia e Chimica e all attivazione del sistema di allarme generale. IL DS/RSPP quando l incendio che ha determinato la nube tossica non è controllabile e i vapori tossici si propagano devono richiedere l intervento dei VIGILI del FUOCO e il servizio di ambulanza (NUMERO UNICO 112) INFORMANDO CHIARAMENTE DEL TIPO DI EMERGENZA in ATTO. Al personale dei VIGILI del FUOCO dovranno essere fornite informazioni precise sulla quantità e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei prodotti chimici stoccati. Nei locali coinvolti o limifrofi all incendio. IL DS/RSPP una volta dichiarato lo stato di allarme generale devono informare immediatamente gli Istituti limitrofi e la Clinica Humanitas della situazione in atto Pagina 12 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

13 4.7.2 VAPORI TOSSICI CAUSATI DA REAZIONE CHIMICO/FISICA ACCIDENTALE o IMPREVISTA in un Laboratorio/magazzino Quando in un magazzino o laboratorio un incidente causa vapori tossici che hanno origine da reazioni chimico/fisiche impreviste sono da adottare le seguenti procedure: - allontanare gli studenti dal locale/laboratorio interessato (docenti/assistenti Tecnici); - Compiti del personale tecnico/addetti emergenza antincendio: - se i vapori tossici sono controllabili e si disperdono un addetto SA/AT, in contatto con almeno un altro collega che rimane fuori dal laboratorio/magazzino, rientra in laboratorio/magazzino con una mascherina di protezione, apre le finestre e attiva le cappe del laboratorio; - se i vapori tossici persistono attivano l evacuazione di piano/area e dei locali limitrofi e/o soprastanti; avvisano l UT e il RSPP/SPP dell emergenza in corso per valutare in concorso con la Dirigenza Scolastica le misure da adottare; Pagina 13 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

14 4.8 EMERGENZA NEVE E GHIACCIO Quando le precipitazioni atmosferiche nevose determinano situazioni di pericolo con rischio di scivolamenti e cadute l UFFICIO TECNICO/DSGA attivano, tramite il personale addetto, le seguenti misure di prevenzione e tutela da infortuni: Spargimento di sale anticongelante sui percorsi pedonali di ingresso e uscita. Spargimento di sale anticongelante sulle scale di emergenza interna Rimozione della neve dai percorsi di ingresso e uscita A tale scopo gli uffici competenti della scuola dovranno verificare la presenza dei materiali utili (pale/sale)ad attuare le misure di prevenzione prima dell inizio della stagione invernale (novembre). Durante ed al termine delle precipitazioni, il RSPP valuta: - lo stato dei percorsi di uscita ordinari e di emergenza e, in accordo con il Dirigente Scolastico dispone la chiusura delle scale di emergenza esterne fino al ripristino delle condizioni di sicurezza (rimozione totale di neve e ghiaccio) I Collaboratori Scolastici in servizio ai piani dotati di uscite che consentono di accedere alle scale di emergenza esterne dovranno sorvegliare l applicazione delle disposizioni di divieto. - l eventuale presenza di cumuli di neve e/o formazioni di ghiaccio (a rischio caduta) sui cornicioni/pluviali. L UFFICIO TECNICO predispone i cartelli per la segnalazione del pericolo (caduta ghiaccio/cumuli di neve) Il SPP provvede all installazione della segnaletica e al confinamento delle zone a rischio. In caso di precipitazioni nevose di particolare intensità Il DS potrà disporre l intervento di mezzi meccanici esterni per la pulizia delle aree esterne. Pagina 14 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

15 4.9 EMERGENZA ASCENSORE 1. L UTILIZZO DELL ASCENSORE E RISERVATO ALLE PERSONE AUTORIZZATE. 2. L ASCENSORE PUO ESSERE UTILIZZATO SOLO NEGLI ORARI IN CUI IL CENTRALINO E PRESIDIATO. 3. IN CASO DI BLACK -OUT ELETTRICO o altra anomalia di funzionamento LA PERSONA/E BLOCCATA IN ASCENSORE DEVE SEGNALARE LA PROPRIA PRESENZA ATTIVANDO IL PULSANTE DI ALLARME SITUATO SULLA TASTIERA DI SCELTA DEI PIANI. 4. Premendo il pulsante : - si potrà comunicare:con il centro di pronto intervento SCHINDLER. - Si attiverà un allarme acustico dedicato all ascensore 5. In attesa dell intervento della ditta esterna le persone sotto elencate dovranno essere subito contattate per attivare le procedure di assistenza e salvataggio della persona bloccata. Addetti Emergenza ASCENSORE ADDETTO N reperibiltà 1.BREMBILLA ROBERTO 223 da lunedì a sabato mattina venerdi pomeriggio 2.BORDOGNA MARIO 223 da lunedì a sabato 3. BRESCIANI GIULIANA 242 da lunedì a sabato mercoledì pomeriggio 4. D AVINO LUIGI 223 da lunedì a venerdi alterni m/p sabato mattino 5. LEVATI FIORENZA 217 da lunedì a sabato mattino 6. PELIZZOLI MARTINO da lunedì a sabato mattino mercoledì pomeriggio 7. SUCCU SEBASTIANA 242 da lunedì a sabato mattino giovedì pomeriggio 8. TOTARO ANTONIO 229 da lunedì a venerdi alterni m/p sabato mattino GLI ADDETTI ALL EMERGENZA ASCENSORE SONO REPERIBILI ANCHE PER L ASSISTENZA DURANTE L UTILIZZO DEI SERVOSCALA PER DISABILI. Pagina 15 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

16 5. ADDETTI SQUADRA EMERGENZA ANTINCENDIO A.S O14 ((Art. 18 comma 1 lettera b, art.37 comma 9 e art.43/46 del D.lgs. 81/2OO8) SEDE CENTRALE ZONA COMPETENZA interno ADDETTO QUALIFICA PUNTO RACCOLTA Atrio ingresso/centralino 211 DE LUCA Patrizia Collaboratore scolastico Aule piano terra 231 Totaro Antonio Collaboratore scolastico ROSSO Lab. biennio p.terra 217 LEVATI Fiorenza Assistente tecnico ROSSO Aule primo piano 230 Uffici Segreteria Aule corridoio Segreteria Fumi Dianella BRESCIANI Giuliana CAPPUCCELLI Alessandra ROSSETTI Rosaria Collaboratore Scolastico Assistente tecnico Assist. amministrativo Assist. amministrativo Assist. Amministrativo Assist. amministrativo BLU GIALLO Lab. secondo piano Aule 2 piano 223 MELECA Carlo PELIZZOLI Martino Assistente tecnico Assistente tecnico BLU Piano Terra 300 ALA PALEOCAPA RECALCATI Eliana Collaboratore scolastico Primo Piano Secondo Piano 303/ MAPELLI Maria Grazia SPINI Laura POETA Giuseppe SUCCU Sebastiana COLLEONI Marilena SPERDUTI Stephanie Assistente tecnico Assistente tecnico Collaboratore scolastico Docente Assistente tecnico Assistente tecnico Assistente tecnico VERDE NUMERO UNICO EMERGENZE 112 PRONTO SOCCORSO AMBULANZE - VIGILI del FUOCO POLIZIA CARABINIERI Centro Antiveleni Milano Centro Antiveleni OO.RR. Bg Pagina 16 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

17 6. ADDETTI EMERGENZA PRIMO SOCCORSO A.S O12 (Art. 18 comma 1 lettera b del D.lgs. 81/2OO8) SEDE CENTRALE ZONA COMPETENZA interno ADDETTO QUALIFICA Atrio ingresso/centralino 211 DE LUCA Patrizia Collaboratore scolastico Aule piano terra 231 Totaro Antonio Collaboratore scolastico Laboratori biennio piano terra Palestra Cascina Aule primo piano Aula Magna Uffici Segreteria Aule corridoio Segreteria 217 LEVATI Fiorenza Assistente tecnico 226 VULLO Salvatore Basco Flora 230 FUMI Dianella S. stampa FURFARO Maria D AVINO Luigi BRESCIANI Giuliana CAPPUCCELLI Alessandra ROSSETTI Rosaria Collaboratore scolastico Collaboratore scolastico Assistente tecnico Assistente amministrativo Assistente amministrativo Laboratori secondo piano Aule 2 piano BORDOGNA Mario BREMBILLA Roberto PELIZZOLI Martino Assistente tecnico Piano Terra 300 ALA PALEOCAPA RECALCATI Eliana Collaboratore scolastico Primo Piano 303/ MAPELLI Maria Grazia SPINI Laura RUSSOTTO Carmela Assistente tecnico Collaboratore scolastico Secondo Piano 302 SUCCU Sebastiana RESTUCCIA Caterina SPERDUTI Stephanie Assistente tecnico N.B. nel caso di assenza/reperibilità degli addetti recarsi al centralino. NUMERO UNICO EMERGENZE 112 PRONTO SOCCORSO AMBULANZE - VIGILI del FUOCO POLIZIA CARABINIERI Centro Antiveleni Milano Centro Antiveleni OO.RR. Bg Pagina 17 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

18 7. LE MANUTENZIONI INTERNE DITTA/UFFICIO REFERENTI Numeri telefonici Amm.Prov. di BG SICUREZZA IMMOBILI SCOLASTICI BIELLA Manutenzione elettrica Manutezione Idraulica riscaldamento TECNE FGS Impianti allarme - antincendio - controllo gas - antintrusione - cancelli elettrici SCHINDLER Ascensore I numeri telefonici sono disponibili presso : - Ufficio Tecnico - Vicepresidenza - Centralino Pagina 18 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

19 8. Numeri telefonici Emergenza Generale Numeri Pronto INTERVENTO NUMERO UNICO EMERGENZA 112 POLIZIA LOCALE (centrale operativa) ENEL (guasti energia elettrica) Guasti fognature acqua gas Pronto intervento ASM Numeri telefonici emergenza sanitaria Chiamata Ambulanza 118 Centro Antiveleni Milano Centro Antiveleni OO.RR. Bg HUMANITAS GAVAZZENI Pagina 19 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

20 9.PIANO DI EVACUAZIONE 9.1 NORME E COMPORTAMENTI DA RISPETTARE DURANTE L EVACUAZIONE CENTRALE OPERATIVA PUNTO ROSSO Cortile ingresso Istituto IL PUNTO ROSSO E LA CENTRALE OPERATIVA DOVE SI TROVANO IL DS/VICARIO/RSPP. TRAMITE ADDETTI DELLA SQUADRA PRESENTI AL PUNTO ROSSO SI INFORMANO GLI ALTRI PUNTI DI RACCOLTA GIALLO/ROSSO/PALEOCAPA DELL EVOLUZIONE DELLO STATO DI EMERGENZA E DELLA FINE DELL EMERGENZA CON IL RIENTRO NEI LOCALI, AULE, LABORATORI. IL COORDINATORE DEL PIANO DI EVACUAZIONE E IL RSPP/SPP/SOSTITUTO (ADDETTI EMERGENZA ANTINCENDIO INDICATI ) GLI ADDETTI PRESENTI NEL PUNTO DI RACCOLTA ROSSO/GIALLO: - ACCOLGONO I MEZZI DI SOCCORSO ESTERNI APRENDO I CANCELLI CARRAI UTILI ALL INTERVENTO. - INFORMANO I VIGILI DEL FUOCO DELLA ZONA INTERESSATA DALL INCENDIO, DELLE ZONE A RISCHIO SPECIFICO E DELLA DISLOCAZIONE DEI MEZZI ANTINCENDIO. PER FAVORIRE GLI INTERVENTI DOVRA ESSERE DISPONIBILE COPIA DELLE PLANIMETRIE DEL PIANO DI EVACUAZIONE CHE DOVRA SEMPRE ESSERE DISPONIBILE AL CENTRALINO. ADDETTI SQUADRE EMERGENZA Gli addetti all emergenza devono agevolare le fasi dell evacuazione aprendo le porte di emergenza che si trovano sui percorsi previsti dal piano di evcuazione. Raggiungere i punti di raccolta asegnati. Farsi riconoscere dalle persone che si sono radunate nel punto di raccolta Ritirare i moduli di registrazione dell evacuazione compilati dai docenti e registrare la presenza di tutte le altre persone. L ADDETTO ANTINCENDIO DELLA ZONA IN CUI E STATO ATTIVATO L ALLARME, NEL CASO IL DS/VICARIO/RSPP DISPONGANO LA FINE DELLO STATO DI EVACUAZIONE, DISINSERIRA IL PULSANTE PER INTERROMPERE LA DIFFUSIONE SONORA DELL ALLARME. Pagina 20 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

21 Lasciate tutto l'equipaggiamento; PER GLI ALUNNI Incolonnatevi dietro l'alunno apri-fila (rappresentante di classe più anziano) Non aprite le finestre; Seguite le vie di fuga indicate; Raggiungete il punto di raccolta per all appello di verifica dei presenti; Nel caso il docente non sia presente al momento dell evacuazione i rappresentanti di classe compila e firma modulo al punto di raccolta; Nel caso non siate presenti in classe o in laboratorio raggiungete il punto di raccolta indicato nella piantina dell area dove vi trovate; in tal caso segnalate la vostra presenza agli addetti all emergenza. PER GLI INSEGNANTI Uscite in coda alla classe controllando che l'aula (o il laboratorio o la palestra) siano vuoti; Se è presente un alunno con difficoltà motorie verificano che due compagni di classe prestino aiuto Impedite a chiunque di andare contro corrente; Radunate i vostri alunni nel punto di raccolta indicato nelle piantine e compilare il modulo allegato al registro di classe; I Docenti presenti in sala insegnanti raggiungono il punto di raccolta ROSSO. I Docenti non in orario presenti in altre zone raggiungono il punto di raccolta indicato nelle piantine dell area dove si trovano PER I COLLABORATORI SCOLASTICI Spalancate immediatamente le porte di emergenza; Vigilate sulle porte impedendo agli alunni di rientrare; Controllate che, all'interno della vostra zona, siano tutti evacuati; Raggiungete il punto di raccolta assegnato; L ADDETTO AL CENTRALINO OPERERA SECONDO LE PROCEDURA PREVISTE DALLA ISTRUZIONE OPERATIVA ALLEGATA AL PIANO DI EMERGENZA ASSISTENTI AMMINISTRATIVI Raggiungete il punto di raccolta assegnato (ROSSO) e restate a disposizione del responsabile d area. Verificate che i genitori presenti nell area uffici e colloqui raggiungano il punto di raccolta ASSISTENTI TECNICI Spalancate immediatamente le porte dei laboratori Togliete tensione dai quadri elettrici di piano Chiudete le valvole di intercettazione del gas Verificate che in laboratorio non vi siano persone Raggiungete il punto di raccolta a disposizione degli addetti antincendio d area presenti. Pagina 21 di 30 PIANOEMERGENZA / REVISIONE MARZO 2014 Servizio Prevenzione e Protezione

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764 Tel. 0972/24479-24480 Fax 0972/24424 e-mail:pzis007006@istruzione.it

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli