PREVENZIONE, SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: MODULO A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE, SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: MODULO A"

Transcript

1 PREVENZIONE, SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: MODULO A Durata 4 ORE 1

2 MODULO 1: INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione e nozioni basilari di sicurezza e salute sul lavoro ( concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione) Quadro normativo nazionale e comunitario di riferimento Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: 3.1 abrogazioni 3.2 struttura 3.3 campo di applicazione Organizzazione della prevenzione aziendale: 4.1 definizione dei soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione e descrizione delle relazioni reciproche 4.2 compiti, diritti ed obblighi in capo ai soggetti del sistema di prevenzione 4.3 sorveglianza sanitaria Informazione, formazione ed addestramento dei lavoratori Organi di vigilanza, controllo, assistenza e promozione 2

3 MODULO 1: OBIETTIVI DEL CORSO Fornire le conoscenze utili attraverso: l abbattimento dei preconcetti che ostacolano la sicurezza ho cose più importanti di cui occuparmi ho sempre fatto così e non è mai successo niente gli infortuni accadono ed accadranno sempre in questo modo porto a termine prima il lavoro la creazione e la diffusione della cultura della sicurezza 3

4 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA Insieme delle circostanze materiali e psicologiche che determinano l intensità con cui una persona crede che i suoi interessi e valori siano adeguatamente protetti SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistendo solo in un assenza di malattia o d infermità 4

5 VALUTAZIONE DEI RISCHI PROFESSIONALI Concetti di base: PERICOLO Situazione o entità che, per le sue proprietà o caratteristiche, ha la potenzialità di generare effetti dannosi alle persone concetto deterministico che non dipende da fattori esterni RISCHIO Possibilità che un lavoratore subisca un danno in seguito al verificarsi di un evento dannoso connesso all attività svolta: RISCHIO = danno probabile derivante dall evento (M) X frequenza attesa di accadimento dell evento (P) concetto probabilistico 5

6 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO NON SICUREZZA INFORTUNIO Tre presupposti determinano l infortunio sul lavoro: 1. lesione alterazione psico-fisica dell organismo, da cui derivi: inabilità temporanea assoluta di oltre 3 giorni danno biologico permanente, assoluto, parziale morte dell infortunato 2. causa violenta 3. occasione di lavoro intervento di un fattore improvviso, repentino, esterno alla persona dell infortunato e di intensità idonea a procurare la lesione sussistenza di un nesso eziologico tra la lavorazione e l infortunio 6

7 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO NON SICUREZZA MALATTIA PROFESSIONALE La malattia professionale è essenzialmente caratterizzata da: causa lenta e progressiva, traendo origine dalla prolungata esposizione ad un agente patogeno necessaria sussistenza di un nesso causale molto stretto fra la patologia e le lavorazioni svolte 7

8 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO Statistiche di infortuni annui denunciati tratte dall I.N.A.I.L. Gruppo professionale: impiegati 8

9 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO Perché impegnarsi nella tutela di salute e sicurezza professionale? La prevenzione dei rischi lavorativi è un DOVERE MORALE ECONOMICO GIURIDICO 9

10 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO Perché impegnarsi nella tutela di salute e sicurezza professionale? La prevenzione dei rischi lavorativi è un DOVERE MORALE il fenomeno infortunistico crea dolore e disagio per tante persone essendo la produzione opera dell uomo rivolta a beneficio dell uomo, nessuna esigenza deve prevalere sulla salvaguardia dell incolumità del lavoratore come essere umano, cittadino, fattore di ricchezza nazionale operare contro gli infortuni e le malattie professionali a vantaggio dei lavoratori e della collettività è responsabilità sociale di ogni impresa e si ripercuote sulla sua immagine 10

11 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO Perché impegnarsi nella tutela di salute e sicurezza professionale? La prevenzione dei rischi lavorativi è un DOVERE ECONOMICO costo sociale riduzione PIL costi terapeutici costi previdenziali costo aziendale perdita produzione (diretta e indiretta) perdita esperienza perdita immagine conflittualità costi giudiziari costi assicurativi costo individuale perdita reddito danno biologico 11

12 INTRODUZIONE E NOZIONI BASE DI SICUREZZA SUL LAVORO Perché impegnarsi nella tutela di salute e sicurezza professionale? La prevenzione dei rischi lavorativi è un DOVERE GIURIDICO Costituzione Codice Civile Codice Penale Legislazione speciale 12

13 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO ORDINAMETO GIURIDICO NAZIONALE COSTITUZIONE Leggi Costituzionali Codice Civile e Penale Regolamenti UE, Direttive UE Leggi ordinarie, Decreti Legge, Decreti Legislativi Leggi regionali Regolamenti esecutivi, contratti di lavoro, circolari ministeriali, regole tecniche, normative internazionali, precedenti giudiziari Usi e consuetudini 13

14 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO FONTI COMUNITARIE Regolamenti Direttive direttamente applicabili negli Stati aderenti individuano obiettivi a cui gli Stati aderenti devono dare attuazione con forme e modalità discrezionali NORME TECNICHE Enti normatori: UNI (Italia), CEN (Europa), settore industriale, ISO (Internazionale) commerciale, terziario CEI (Italia), CENELEC (Europa), settore elettrotecnico, IEC (Internazionale) elettronico 14

15 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO FONDAMENTO DEL DIRITTO NAZIONALE: LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 32 Art. 35 Art. 41 la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività la Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni l iniziativa economica è libera ma non può svolgersi in modo da recare danno alla sicurezza e alla dignità umana 15

16 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE CIVILE (R.D. 262/1942) Art Art L imprenditore è tenuto ad adottare nell esercizio dell impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro Chiunque cagiona danni ad altri nello svolgimento di una attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto a risarcimento, se non prova di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno 16

17 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) Provvedimento volto a prevenire l adozione di comportamenti che contrastano il bene della collettività REATO doloso: emerge la volontà e la consapevolezza del soggetto di venire meno all obbligo imposto dalla legge colposo: non è frutto di una chiara volontà di trasgredire all obbligo imposto dalla legge, ma deriva da inosservanza delle leggi e dei regolamenti (colpa specifica), o da comportamenti quali imperizia, negligenza, imprudenza (colpa generica) e per i quali è assegnata una pena multa o reclusione per i reati più gravi: delitti ammenda o arresto per le contravvenzioni reati inerenti la salute e la sicurezza sul lavoro 17

18 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) Art. 437, Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro Chiunque omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro, ovvero li rimuove o li danneggia è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni. Se dal fatto deriva un disastro o un infortunio, la pena è della reclusione da tre a dieci anni Art. 451, Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro Chiunque, per colpa, omette di collocare ovvero rimuove o rende inservibili apparecchi o altri mezzi destinati alla estinzione di un incendio, o al salvataggio o al soccorso contro disastri o infortuni sul lavoro è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da a 18

19 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) Art. 589, Omicidio colposo Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni. Se il fatto è commesso con violazione delle norme (omissis) per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, la pena è della reclusione da uno a cinque anni. Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni 12 19

20 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) Art. 575, Omicidio Chiunque cagiona la morte di un uomo è punito con la reclusione non inferiore ad anni ventuno Condanna per omicidio volontario con dolo eventuale nel processo alla Thyssen Krupp (aprile 2011) 20

21 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) Art. 590, Lesioni personali colpose Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punibile con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a 516. Se la lesione è grave (art. 583) la pena è della reclusione da uno a sei mesi o della multa da a se è gravissima della reclusione da tre mesi a due anni o della multa da a Se i fatti di cui al precedente capoverso sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, la pena per le lesioni gravi è della reclusione da 2 a 6 mesi o della multa da... a...; la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da sei mesi a due anni o della multa da... a... Nel caso di lesioni di più persone si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse, aumentata fino al triplo, ma la pena della reclusione non può superare gli anni 5 21

22 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO CODICE PENALE (R.D. 1398/1930) L articolo 583 del Codice Penale definisce così le lesioni personali: Lesione grave malattia che metta in pericolo la vita della persona offesa malattia o incapacità di attendere alle ordinarie occupazioni per un tempo superiore a 40 giorni indebolimento permanente di un senso o di un organo Lesione gravissima malattia certamente o probabilmente insanabile perdita di un senso perdita di un arto, o mutilazione che renda l arto inservibile perdita dell uso di un organo e della capacità procreare permanente e grave difficoltà della favella deformazione, ovvero sfregio permanente del viso 22

23 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE A partire dalla fine del 1800: circa 250 Decreti del Presidente della Repubblica circa 70 Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri circa 100 decreti legislativi circa 470 leggi più di 1200 Decreti Ministeriali regi decreti, circolari, e l Europa... 23

24 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE Periodo : atti normativi nazionali D.P.R. 27/04/1955 n. 547, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro macchine attrezzature impianti D.P.R. 19/03/1956 n. 303, Norme generali per l igiene del lavoro ambienti di lavoro difesa da agenti nocivi servizi sanitari servizi igienico - assistenziali D.P.R. 07/01/1956 n. 164, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni 24

25 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE Gli anni novanta: atti normativi di origine comunitaria D. Lgs. 15/08/1991 n. 277, protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizioni ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro protezione da piombo protezione da amianto rumore D. Lgs. 19 /09/1994 n. 626, miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori valutazione dei rischi redazione di un documento informazione e formazione sorveglianza sanitaria servizio di prevenzione e protezione (datore di lavoro, RSPP, medico competente, RLS, addetti alla lotta antincendio e all evacuazione, addetti al primo soccorso) NOVITÀ 25

26 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE Gli anni novanta: atti normativi di origine comunitaria D.P.R. 24/07/1996 n. 459, direttiva macchine (Attuazione della direttiva 89/392/CEE, 91/368/CEE/44/CEE, 93/68/CEE) D. Lgs. 14/08/1996 n. 493, segnaletica di sicurezza (Attuazione della direttiva 92/58/CEE) D. Lgs. 14/08/1996 n. 494, sicurezza e salute dei lavoratori nei cantieri temporanei e mobili (Attuazione della direttiva 92/57/CEE) 26

27 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE Dalla legge delega 123/2007 al decreto delegato 81/2008 Legge 3 agosto 2007, n. 123, Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia (entrata in vigore il 25/08/2007) riorganizzazione della normativa vigente in materia di sicurezza e salute sul lavoro armonizzazione di tutte le leggi in vigore termine del 25 maggio 2008 quale data entro cui il Governo doveva approvare un Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro attuazione immediata ad alcune misure di contrasto agli infortuni e al lavoro nero con misure immediatamente precettive (artt. da 2 a 12) 27

28 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO LEGISLAZIONE SPECIALE Dalla legge delega 123/2007 al decreto delegato 81/2008 D. Lgs. 09/04/2008 n. 81, Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (entrato in vigore il 15/05/2008) modificato dal D. Lgs. 03/08/2009 n. 106 (in vigore dal 20/08/2009) correzione errori tecnici e materiali modifica di alcune norme introduzione nuove disposizioni 28

29 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ABROGAZIONI DEL D. Lgs. 81/08 D.P.R. 27 aprile 1955 n. 547 D.P.R. 7 gennaio 1956 n. 164 D.P.R. 19 marzo 1956 n. 303 (eccetto l art. 64) D. Lgs.15 agosto 1991 n. 277 D. Lgs. 19 settembre 1994 n. 626 D. Lgs. 14 agosto 1996 n. 493 D. Lgs. 14 agosto 1996 n. 494 D. Lgs. 19 agosto 2005 n. 187 Legge 5 agosto 2006 n. 248 (art. 36-bis, commi 1 e 2) Legge 3 agosto 2007 n. 123 (artt. 2, 3, 5, 6 e 7) ogni altra disposizione legislativa e regolamentare in materia di sicurezza e salute sul lavoro incompatibile con il Testo Unico D.P.R. 302/56, in materia di prevenzione dei rischi da atmosfere esplosive, rimane in vigore quale normativa integrativa del Testo Unico 29

30 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO STRUTTURA DEL D. Lgs. 81/08 Titolo I: Disposizioni generali Titolo II: Luoghi di lavoro Titolo III: Attrezzature e DPI Titolo IV: Cantieri temporanei e mobili Titolo V: Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro Titolo VI: Movimentazione manuale dei carichi Titolo VII: Attrezzature munite di videoterminali Titolo VIII: Agenti fisici (rumore, ultrasuoni, infrasuoni, vibrazioni meccaniche, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche, atmosfere iperbariche) Titolo IX: Sostanze pericolose (agenti chimici, cancerogeni/mutageni e amianto) Titolo X: Esposizione ad agenti biologici Titolo XI: Protezione da atmosfere esplosive Titolo XII: Disposizioni in materia penale e di procedura penale Titolo XIII: Norme transitorie e finali 30

31 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 Sotto il profilo oggettivo (art. 3, comma 1): Tutti i settori di attività, privati e pubblici Tutte le tipologie di rischio Sotto il profilo soggettivo (art. 3, comma 4): Tutti i lavoratori e le lavoratrici, subordinati e autonomi, ed i soggetti equiparati Il Testo Unico si applica ovunque venga svolta un attività lavorativa, indipendentemente dalla tipologia societaria, dal numero di addetti, dal numero di lavoratori e dai rapporti contrattuali 31

32 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 Nel campo di applicazione sono inclusi anche: soggetti tutelati da fonti normative non speciali (lavoratori somministrati, a progetto, occasionali, telelavoratori) soggetti esclusi da tutela specifica (lavoratori autonomi, lavoratori distaccati) 32

33 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Definizione di LAVORATORE (art. 2, comma 1, lett. a) Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione SOGGETTI EQUIPARATI a lavoratori: il socio di cooperative o di società, anche di fatto, che presta la sua attività all interno dell azienda l associato in partecipazione i beneficiari delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento gli allievi di istituti di istruzione ed universitari, nonché di corsi di formazione professionale in cui si faccia uso di attrezzature (compresi i VDT), agenti chimici, fisici e biologici i volontari di cui alla legge 01/08/1991 n. 266 e del servizio civile il lavoratore (lavori socialmente utili) di cui al D. Lgs. 01/12/1997 n

34 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Applicazione particolare della normativa nel caso di alcune tipologie di lavoratori: prestatori di lavoro nell ambito dei contratti di somministrazione obblighi a carico dell utilizzatore, rimane in capo al somministratore l obbligo di informare i lavoratori sui rischi connessi alle attività produttive in generale e di formarli/ addestrarli all uso delle attrezzature di lavoro necessarie all attività lavorativa per la quale essi sono assunti (art. 3, comma 5) distacco del lavoratore obblighi a carico del distaccatario, informazione e formazione sui rischi tipici dell attività a carico del distaccante (art. 3, comma 6) lavoratori a progetto e collaboratori coordinati e continuativi obblighi a carico del committente, se le prestazioni sono svolte nei luoghi di lavoro del committente medesimo (art. 3, comma 7) 34

35 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Applicazione particolare della normativa nel caso di alcune tipologie di lavoratori: lavoratori che eseguono prestazioni occasionali applicazione della normativa con esclusione dei piccoli lavori domestici a carattere straordinario lavoratori a domicilio unicamente obblighi a carico del committente di informazione e formazione, di consegna dei DPI e di attrezzature conformi lavoratori subordinati a distanza (telelavoro) applicazione delle disposizioni relative all uso di VDT obbligo di informazione e formazione 35

36 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Relazioni tra i soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione: 36

37 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Definizione di DATORE DI LAVORO (art. 2, comma 1, lett. b) Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell organizzazione stessa o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa Definizione di DIRIGENTE (art. 2, comma 1, lett. d) Persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l attività lavorativa e vigilando su di essa 37

38 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE OBBLIGHI PRINCIPALI del DATORE DI LAVORO e del DIRIGENTE (art. 18) nominare il medico competente per l effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti definire le misure da attuare in caso di emergenza e designare i lavoratori incaricati di attuare tali misure nell affidare i compiti ai lavoratori tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi fornire ai lavoratori i DPI (Dispositivi di Protezione Individuali) necessari ed idonei informare, formare ed addestrare i lavoratori vigilare sul rispetto delle norme vigenti e sull attuazione delle misure di prevenzione e protezione adottate prendere i provvedimenti necessari per evitare che le misure adottate determinino rischi per la popolazione o per l ambiente 38

39 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE OBBLIGHI PRINCIPALI del DATORE DI LAVORO e del DIRIGENTE (art. 18) consentire al RLS l accesso ai luoghi di lavoro e ai documenti sulla sicurezza fornire le necessarie informazioni al medico competente e al SPP comunicare in via telematica all INAIL e all IPSEMA (nonché per loro tramite al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro), entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, i dati e le informazioni relativi agli infortuni sul lavoro: che comportino un assenza dal lavoro di almeno 1 giorno, escluso quello dell evento, a fini statistici che comportino assenza dal lavoro superiore a 3 giorni, a fini assicurativi coordinare le imprese appaltatrici OBBLIGHI INDELEGABILI del DATORE DI LAVORO (art. 17, comma 1) valutazione dei rischi e conseguente elaborazione del DVR designazione del RSPP 39

40 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Definizione di PREPOSTO (art. 2, comma 1, lett. e) Persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa 40

41 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE OBBLIGHI del PREPOSTO (art. 19) sovrintendere e vigilare sull osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico richiedere l osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa 41

42 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE OBBLIGHI del PREPOSTO (art. 19) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta frequentare appositi corsi di formazione 42

43 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Delega di funzioni (artt. 16, 17) La delega di funzioni datoriali, ove non espressamente esclusa, è ammessa con i seguenti limiti e condizioni: risultare da atto scritto recante data certa soggetto delegato in possesso di tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate attribuzione al delegato di tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate, nonché dell autonomia di spesa necessaria accettazione per iscritto da parte del delegato subdelega, previo accordo con il datore di lavoro, con riferimento a funzioni specifiche (es. gestione di formazione, sorveglianza sanitaria, piano di emergenza, manutenzione, ecc.) La delega di funzioni, alla quale deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità, non esclude l obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro sul corretto espletamento delle funzioni trasferite al delegato (obbligo assolto in caso di adozione ed efficace adozione del modello organizzativo di cui all art. 30) 43

44 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Art. 299, Esercizio di fatto di poteri direttivi Le posizioni di garanzia relative ai soggetti di cui all articolo 2, comma 1, lettere b), d) ed e), gravano altresì su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti a ciascuno dei soggetti ivi definiti 44

45 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Definizione di SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (SPP) (art. 2, comma 1, lett. l) Insieme delle persone, dei sistemi e dei mezzi esterni o interni all azienda finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori Definizione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) (art. 2, comma 1, lett. f) Persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all art. 32 designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi Definizione di Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP) (art. 2, comma 1, lett. g) Persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all art. 32, facente parte del SPP 45

46 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE Differenti tipologie organizzative del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP interno (art. 31, commi 6 e 7) RSPP esterno (art. 31, commi 5 e 6) Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro (art. 34) obbligatorio nelle aziende a rischio di incidente rilevante e in caso di attività con caratteristiche e rischi particolari (es. nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori, nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori) obbligatorio in assenza di dipendenti in possesso dei requisiti di legge. Il ricorso a servizi esterni non esonera il datore di lavoro dalla propria responsabilità possibile in caso di: aziende artigiane ed industriali fino a 30 addetti aziende agricole e zootecniche fino a 10 addetti aziende di pesca fino a 20 addetti altre aziende fino a 200 addetti 46

47 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE COMPITI del SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (art. 33) individuazione dei fattori di rischio valutazione dei rischi individuazione ed elaborazione delle misure preventive e protettive elaborazione delle procedure di sicurezza partecipazione alle consultazioni e alla riunione periodica di cui all art. 35 proporre programmi di informazione e formazione dei lavoratori fornire ai lavoratori le informazioni specifiche su rischi, misure e procedure Art. 18, comma 2: il datore di lavoro deve fornire al SPP informazioni su: natura dei rischi organizzazione del lavoro e programmazione/ attuazione misure preventive e protettive descrizione degli impianti e dei processi produttivi dati su infortuni e malattie professionali provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza 47

48 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI di RSPP e ASPP devono disporre di mezzi e tempo adeguati allo svolgimento dei compiti assegnati non possono subire pregiudizio a causa dell attività svolta OBBLIGHI di RSPP e ASPP sono tenuti al segreto relativamente alle informazioni di cui vengono a conoscenza nello svolgimento dell incarico Caratteristiche del SPP (art. 31, comma 2) RSPP e ASPP: devono possedere capacità e requisiti professionali adeguati (art. 32) devono essere in numero sufficiente rispetto alle caratteristiche dell azienda 48

49 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE ADDETTI ALLA GESTIONE DELL EMERGENZA (art. 18, comma 1, lett. b) Lavoratori, designati preventivamente dal datore di lavoro, incaricati di: attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato salvataggio primo soccorso sono lavoratori appositamente designati non possono rifiutare la designazione, se non per giustificato motivo il loro numero è determinato sulla base delle dimensioni dell azienda e dei rischi specifici continuano a svolgere le normali mansioni ricevono formazione adeguata 49

50 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (artt. da 47 a 52, con 13 rinvii a vario titolo alla contrattazione collettiva) Persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro (art. 2, co. 1, lett. i) Principi generali (art. 47) presenza di rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza in tutte le aziende/ unità produttive tre possibili presenze: RLS aziendale, territoriale (RLST) o di sito (RLSS) RLS e RLST come figure di rappresentanza tra loro alternative RLSS come figura di norma aggiuntiva, in specifici ambiti individuati dal Testo Unico 50

51 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (artt. da 47 a 52, con 13 rinvii a vario titolo alla contrattazione collettiva) Principi generali (Circolari dell INAIL n. 11 del 12/03/09, n. 43 del 25/08/09) l azienda deve comunicare all INAIL il nominativo del RLS in occasione di prima elezione/ designazione o in caso di nuova nomina gli Organismi Paritetici comunicano all INAIL i nominativi delle imprese che hanno aderito al sistema degli Organismi Paritetici e il nominativo/i dei RLST 51

52 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE RLS aziendale (art. 47, comma 3 e 4) aziende/ unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori: RLS, di norma, eletto direttamente dai lavoratori al loro interno aziende/ unità produttive con più di 15 lavoratori: RLS eletto o designato dai lavoratori nell ambito delle rappresentanze sindacali in azienda RLS eletto direttamente dai lavoratori al loro interno, in assenza di rappresentanze sindacali 52

53 ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE RLST (art. 47, comma 3 e 8) aziende/ unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori: il RLST può essere individuato, in alternativa al RLS aziendale, per più aziende nell ambito territoriale o del comparto produttivo tutte le aziende/ unità produttive il RLST esercita le funzioni di rappresentante per la sicurezza in tutti i casi in cui non si sia proceduto all elezione/ designazione del RLS aziendale Art. 48, comma 1: Ove individuato, il RLST svolge le funzioni di rappresentanza in tutte le aziende/ unità produttive del territorio o comparto di competenza prive di RLS aziendale 53

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli