PROCEDURA CERTIFICATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELL'ISTITUTO GALILEO GALILEI AGGIORNATO AL MESE DI SETTEMBRE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA CERTIFICATIVA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELL'ISTITUTO GALILEO GALILEI AGGIORNATO AL MESE DI SETTEMBRE 2012"

Transcript

1 I.T.I.S. G. GALILEI Viale Vicenza 48/A ARZIGNANO (VI) Tel. 0444/ Fax 0444/ PROCEDURA CERTIFICATIVA NUMERO DI PROTOCOLLO TITOLO Documento di valutazione dei rischi dell'istituto aggiornato a Settembre 2012 DATA PROT. 08/10/2012 Pagina 1 di 45 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELL'ISTITUTO GALILEO GALILEI AGGIORNATO AL MESE DI SETTEMBRE 2012 Ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza n. 81/08 L'I.T.I.S. G. GALILEI DI ARZIGNANO PER LA SICUREZZA E LA QUALITA' REDAZIONE NOME DATA FIRMA R S.P.P.: Prof. Alessandro Policastro Prof.ssa Carla Vertuani 30\09\2012 REVISIONE Referente per la Sicurezza Prof. Policastro Alessandro 30\09\2012 AUTORIZZAZIONE Dirigente Scolastico : Prof.ssa Carla Vertuani 30\09\2012 CONDIVISIONE Rappresentante L.S.: Sig.ra Antonia Salmaso 30\09\2012 MEDICO COMPETENTE Dott.ssa.Silvia Gemelli 30\09\2012

2 INDICE 1. Informazioni relative al documento 2. Documenti e norme di riferimento 3. Informazioni generali sulla scuola 4. Valutazione dei rischi 5. Schede di valutazione dei rischi particolari e di alcune categorie di lavoratori 6. Programma di attuazione delle misure di prevenzione e protezione 7. Programma generale di informazione e formazione 8. Documentazione collegata 9. Manuale indicante la procedura di evacuazione 2

3 Elaborazione e aggiornamento INFORMAZIONI RELATIVE AL DOCUMENTO Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) è elaborato a cura del Datore di Lavoro (dirigente scolastico) con la collaborazione del Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP), del Medico competente (MC), del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e dei singoli lavoratori. Il documento è aggiornato a ottobre Il documento dovrà essere periodicamente aggiornato, in particolare in caso di modifiche significative dal punto di vista della sicurezza. Si rammenta che il presente D.V.R. integra i precedenti alla luce delle nuove criticità rilevate in fase di sopralluogo ed evidenzia il lavoro svolto fino alla data di pubblicazione dell attuale testo. Obiettivi Adempiere agli obblighi previsti dalla norma di riferimento Avere uno strumento per il miglioramento continuo della sicurezza e salute dei lavoratori. Questi obiettivi sono stati perseguiti attraverso il percorso di seguito illustrato. 1. Individuazione dei pericoli (definiti come tutto ciò che potrebbe provocare un danno per la salute o per la sicurezza dei lavoratori) 2. valutazione dei rischi: valutazione quantitativa della probabilità che si verifichi un danno per la salute o la sicurezza e dell entità del danno stesso 3. identificazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi : identificazione di tutte le misure tecniche, organizzative o procedurali che possono eliminare o ridurre i rischi, sia riducendo la probabilità di accadimento, che riducendo le conseguenze 4. programma di attuazione delle misure: indicazione degli interventi di miglioramento (misure di sicurezza individuate), dei tempi di attuazione, delle persone incaricate e delle risorse messe a disposizione, nonché dei tempi e incarichi relativi alla verifica di efficacia. Criteri adottati per l identificazione dei pericoli Si è identificato ciò che, in qualunque modo, può provocare un danno per la salute o la sicurezza dei lavoratori. Questa ricerca si è basata su: sopralluoghi e verifiche dei luoghi di lavoro, delle attrezzature, macchine, impianti, delle attività e lavorazioni svolte (abituali ed occasionali), dei prodotti utilizzati confronto con liste di controllo e con gli standard indicati dalle norme in materia coinvolgimento dei lavoratori mediante colloqui diretti bibliografia in materia e riviste di settore confronto con gli standard fissati dalla normativa esperienza dei valutatori. 3

4 Elenco dei rischi presi in esame Per l'identificazione dei pericoli ci si è basati sulla lista di controllo riportata di seguito, tratta dalla rivista Dossier Ambiente n. 76/2007, pubblicata dall'associazione Ambiente e Lavoro. Rischi per la sicurezza dei lavoratori 1 Inquadramento territoriale, aree esterne ed accessi 2 Aree di transito interne 3 Strutture, spazi di lavoro interni ed arredi 4 Porte, vie ed uscite di emergenza 5 Scale fisse e portatili, ponteggi, altre attrezzature per lavori temporanei in quota 6 Macchine 7 Attrezzature manuali e portatili 8 Manipolazione di oggetti 9 Immagazzinamento di oggetti e materiali 10 Rischi elettrici 11 Apparecchi a pressione 12 Apparecchi e reti di distribuzione gas e impianti termici 13 Mezzi di sollevamento e mezzi di trasporto 14 Rischi d incendio ed esplosione 15 Rischi chimici per la sicurezza Rischi per la salute dei lavoratori 16 Rischi chimici per la salute 17 Esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni e biologici 18 Ventilazione dei locali di lavoro ed inquinamento indoor 19 Climatizzazione dei locali di lavoro e microclima termico 20 Illuminazione degli spazi e postazioni di lavoro 21 Esposizione a rumore e vibrazioni 22 Esposizione a radiazioni ionizzanti e/ a campi elettromagnetici 23 Carico di lavoro fisico e movimentazione manuale dei carichi 24 Lavoro a videoterminali 25 Servizi igienici e igiene degli ambienti 4

5 Fattori ergonomici, organizzativi e gestionali 26 Ergonomia degli ambienti, spazi e postazioni di lavoro, posture e movimenti ripetitivi 27 Ergonomia delle macchine ed attrezzature 28 Carico di lavoro mentale e fattori oggettivi di stress 29 Organizzazione del lavoro, compiti, funzioni e responsabilità 30 Pianificazione, gestione e controllo della sicurezza 31 Informazione dei lavoratori 32 Formazione ed addestramento dei lavoratori 33 Partecipazione dei lavoratori 34 Istruzioni, prassi e procedure di lavoro 35 Segnaletica di sicurezza e di salute 36 Dispositivi di protezione individuale 37 Sorveglianza sanitaria 38 Gestione emergenze e pronto soccorso 39 Collaudi, controlli, verifiche e manutenzioni 40 Fattori di rischio psicosociali I rischi elencati sono stati considerati e analizzati. Quelli non evidenziati nel capitolo 3 sono stati considerati non rilevanti nel caso specifico Criteri adottati per la valutazione dei rischi I criteri di valutazione sono stati quelli indicati dalle norme di riferimento, dove applicabili (es. rischi di incendio, rischio chimico). Per gli altri rischi, si è valutato il rischio in funzione di due variabili: la probabilità (intesa come probabilità che un certo evento si verifichi) ed il danno (inteso come gravità delle conseguenze dell evento). Per valutare la probabilità si è tenuto conto dei dati statistici riferiti al rischio considerato, sia in senso generale che nel caso specifico della realtà scolastica (informazioni fornite dai responsabili e dai lavoratori della scuola, esame del registro infortuni), della frequenza delle operazioni che espongono i lavoratori al rischio considerato, del numero di persone esposte, della durata delle operazioni e di tutti i fattori che aumentano la probabilità che il danno si verifichi. Per quanto riguarda il valore da attribuire al danno, si è considerato il tipo di evento che si potrebbe verificare e le sue conseguenze, il numero di persone che potrebbero essere coinvolte, etc. Attribuendo alla probabilità P ed al danno D un valore numerico variabile da 1 a 4, in base alle indicazioni riportate nelle tabelle seguenti, si è attribuito ad ogni rischio individuato un valore R, ottenuto dal prodotto della probabilità per il danno (R = P x D). Dalla combinazione di questi dati (R = P x D) si quantifica l entità del Rischio in Alto (R > 8), Medio (4 R 8), Basso (R < 4 ). 5

6 Tab. 1: Scala delle probabilità P Valore Livello Definizioni/criteri 4 Altamente probabile Si sono già verificati più volte danni analoghi Il verificarsi del danno non susciterebbe alcuno stupore 3 Probabile E noto qualche episodio in cui si è verificato il danno Il verificarsi del danno susciterebbe una moderata sorpresa 2 Poco probabile Sono noti solo rarissimi episodi già verificatisi Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe grande sorpresa 1 Improbabile Non sono noti episodi già verificatisi Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe incredulità Tab. 2: Scala dell entità del danno D Valore Livello Definizioni/criteri 4 Gravissimo Effetti letali o di invalidità totale 3 Grave Effetti di invalidità parziale o reversibili a lungo termine 2 Medio Effetti reversibili nel medio termine 1 Lieve Effetti rapidamente reversibili 6

7 P R O B A B I L I T A DANNO Questa quantificazione costituisce un punto di partenza per definire le priorità e programmare l adozione degli interventi di prevenzione e protezione. Pertanto l adozione delle misure di prevenzione e protezione seguirà il criterio di priorità sotto indicato, in funzione della gravità dei rischi, salvo diversa indicazione riportata nella scheda Programma di attuazione delle misure. Criteri di attribuzione delle priorità R da 8 a 16 Azioni correttive indilazionabili R da 5 a 7 Azioni correttive ove possibile da programmare nel breve termine R da 1 a 4 Azioni correttive e/o migliorative ove possibile da programmare nel medio termine 7

8 Criteri seguito per l individuazione delle misure di prevenzione e protezione Si sono individuate le misure che possono contribuire a eliminare o ridurre i rischi evidenziati, sia attraverso la prevenzione (ridurre la probabilità), che attraverso la protezione (limitare il danno). Si sono ricercate sia misure tecniche (interventi sui luoghi di lavoro e su macchine, impianti e attrezzature), che misure organizzative (interventi sull organizzazione del lavoro, informazione, formazione e addestramento, scelta delle persone più idonee alle diverse attività) e misure procedurali (procedure di sicurezza per le attività abituali e per quelle occasionali, per l affidamento dei lavori in appalto, per l inserimento di nuovi assunti e lavoratori interinali, per la manutenzione e per le attività a maggior rischio, etc.). Per ogni rischio si sono cercate più misure, perché raramente un problema ha un unica soluzione. Tra le misure, si sono preferite quelle che possono eliminare un rischio, piuttosto che ridurlo o trasferirlo altrove e quelle collettive a quelle individuali. Criteri adottati per la programmazione I criteri adottati sono stati, nel rispetto del seguente ordine di importanza: gravità del rischio considerato: sono state considerate prioritarie le misure di prevenzione o protezione a fronte dei rischi valutati più gravi, dalla combinazione di probabilità e danno considerazioni di carattere organizzativo, tecnico ed economico secondo il criterio generale della migliore tecnica concretamente attuabile, si è data priorità alle misure di più semplice ed immediata adozione. La verifica dell efficacia delle misure adottate sarà effettuata (secondo quanto indicato nella tabella Programma di attuazione, par. 4) almeno una volta all anno a cura del RSPP, anche con la collaborazione dei rappresentanti dei lavoratori (ad es. in occasione della riunione periodica di sicurezza) e consisterà nella verifica di: attuazione interventi programmati (esaminando i motivi di eventuali ritardi o inadempienze) accettazione e giudizio da parte da parte dei lavoratori e preposti sull'efficacia delle soluzioni adottate (scarsa, media, buona) insorgenza di nuovi rischi connessi alle soluzioni adottate eventuali modifiche intercorse nell attività e relative conseguenze per la valutazione dei rischi eventuali infortuni occorsi e relative conseguenze per la valutazione dei rischi Partecipanti La valutazione dei rischi e l elaborazione del documento di valutazione sono attività di competenza del Datore di Lavoro, che si è avvalso della collaborazione del Referente, prof. Alessandro Policastro, dell assistente tecnico Marina Pontoni, del Dsga e del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Sig.ra Salmaso, dei consulenti in materia di sicurezza, nonché, per gli argomenti attinenti alla salute dei lavoratori, del servizio di igiene dell Ulss 5. Inoltre, nel corso dei sopralluoghi e delle verifiche, sono stati frequentemente consultati singoli lavoratori. 8

9 2. DOCUMENTI E NORME DI RIFERIMENTO Decreto Unico sulla Sicurezza n.81 del 2008 D.Lgs. 626/94: attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/EEE e 90/679/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro D.M. 26 agosto 1992: sicurezza degli edifici scolastici DPR 547/55: norme per la prevenzione degli infortuni DPR 303/56: norme generali per l igiene del lavoro D.Lgs. 277/91: attuazione delle direttive n. 80/1007/CEE, n. 82/605/CEE, n. 83/477/CEE, n. 86/188/CEE e n. 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici e biologici durante il lavoro DPR 459/96: sicurezza delle macchine e marcatura CE D.Lgs. 25/11/96 n.645: lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento DM 10/3/98: criteri generali di sicurezza antincendio e gestione delle emergenze D.Lgs. 26/11/99 n.532: lavoro notturno D.Lgs. 345/99: tutela del lavoro dei bambini e degli adolescenti 9

10 3. INFORMAZIONI RELATIVE ALLA SCUOLA Scuola: Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei indirizzo Chimica Conciaria, Edilizia e Liceo Biologico (triennio); per le classi del Biennio è in vigore la Riforma scolastico che ha introdotto nella scuola i seguenti nuovi indirizzi: Chimica, materiali e biotecnologie: chimica conciaria, biotecnologie ambientali e sanitarie Costruzioni, ambiente e Territorio Amministrazione, Finanza e Marketing Dirigente: prof.ssa Carla Vertuani (Datore di lavoro) Referente del Servizio di Prevenzione e Protezione: prof. Alessandro Policastro Presenze: nel periodo della stesura del documento la scuola occupa circa 578 alunni, 69 insegnanti, 10 collaboratori scolastici, 6 assistenti tecnici e 6 addetti alla segreteria più il DSGA. Caratteristiche strutturali generali: la scuola è organizzata su diversi livelli e aree tra loro chiaramente identificabili (laboratori, aule, palestra, etc.), uniti tra loro da passaggi coperti e cortili. I fabbricati sono in buono stato di conservazione. I pavimenti sono generalmente uniformi, regolari, facilmente lavabili e adeguati alle condizioni d uso per caratteristiche di resistenza. Vengono mantenuti regolarmente puliti. La pavimentazione della palestra presenta delle criticità, in quanto si tolgono dei listelli di legno dal pavimento e questo inconveniente può creare problemi alle lezioni scolastiche. L illuminazione e la ventilazione di tutti i corridoi, delle aule e degli altri locali risultano garantite da superfici finestrate di adeguate dimensioni. L illuminazione artificiale è adeguata. I quadri elettrici generali sono posti nelle vicinanze dell'ingresso e in posizione presidiata. 10

11 Scale: la scuola è dotata di più scale interne. Vie d esodo: le vie d esodo dai piani sono sufficientemente ampie e mantenute generalmente libere da materiale di rivestimento e arredo combustibile. Le direzioni di fuga sono segnalate. Non sono presenti però scale di emergenza esterne e scivoli per permettere il libero accesso alla scuola ai diversamente abili: uno posto in prossimità delle scale di ingresso principale e l altro posto in prossimità delle scale che conducono in palestra. Uscite: sono presenti più uscite al piano terra, segnalate e dotate di aperture del tipo anti-panico. Sono stati aggiornati e integrati di due unità i punti di raccolta degli allievi in caso di evacuazione, garantendo cosi un maggiore controllo degli allievi. Impianti e attrezzature antincendio: la scuola è dotata di una rete di idranti. Sono presenti inoltre numerosi estintori generalmente posizionati nei corridoi e coperte antifiamma dislocate principalmente nei piani dei laboratori. Macchine, impianti, attrezzature: sono presenti videoterminali, attrezzature di laboratorio e alcuni macchinari meccanici utilizzati esclusivamente in presenza dei tecnici di laboratorio e/o degli insegnanti presenti in laboratorio. Le centrali termiche sono poste in appositi locali tecnici al piano terra o a quello interrato. La gestione ed i controlli periodici sono effettuati dall Amministrazione Provinciale di Vicenza tramite apposita ditta incaricata ed il libretto di centrale è custodito presso le centrali stesse dell Istituto. 11

12 Prodotti e sostanze utilizzati : le sostanze presenti sono quelle dei laboratori di microbiologia, fisica, tecnologia conciaria, chimica analitica e in conceria (devono periodicamente essere predisposti degli elenchi aggiornati di tutte le sostanze pericolose per ciascun laboratorio), più normali prodotti igienico sanitari utilizzati dal personale non docente per la pulizia della scuola. Servizi: sono presenti un numero non adeguato di servizi, soprattutto nella suddivisione dei servizi per maschi e femmine. Microclima e riscaldamento invernale : il microclima è complessivamente abbastanza buono sia nelle aule che negli spazi comuni. Segnaletica di sicurezza: in tutta la scuola è presente segnaletica di sicurezza prevista dal DPR 547/55 e dal D. Lgs. 493/96, indicante le uscite di emergenza, le relative vie di esodo e i mezzi portatili antincendio presenti. Rumore: è stata redatta l autocertificazione per attività dichiarate al di sotto degli 80 db. 12

13 Movimentazione manuale dei carichi: detta attività è saltuaria e circoscritta essenzialmente al personale non docente. All inizio del corrente anno scolastico il personale interessato è stato informato attraverso opuscolo sul corretto comportamento da tenere in caso di movimentazione manuale dei carichi. Registro degli infortuni: è presente il registro e in esso vengono segnalati gli infortuni che comportano l assenza dalla scuola per almeno 1 giorno. Certificato Prevenzione Incendi: la scuola, avendo un numero di presenze contemporanee fra alunni, personale docente e non docente che supera le 500 persone (scuola di tipo 3), rientra fra le attività soggette al controllo dei vigili del fuoco (D.M. 16 febbraio 1982). Per essa vengono quindi adottate le norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica specificate del Decreto 26 agosto Deve esserne richiesta copia alla Provincia. Documentazione impianto elettrico: richiesta già inoltrata alla Provincia ed in attesa di riscontro. 13

14 4. VALUTAZIONE DEI RISCHI Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi di incendio e rischi legati alle situazioni di emergenza Provvedere ad installare un sistema di allarme, obbligatoriamente diverso dalla normale campanella, dotato tra l altro di un impianto di altoparlanti, tale da essere udibile da tutte le aree della scuola L impianto elettrico alimentante il sistema di allarme (distinto da quello ordinario) deve servire anche l illuminazione di emergenza, la cui efficacia deve essere tale da servire la scuola in caso di mancanza di corrente con autonomia non inferiore ai 30 minuti Formare periodicamente la squadra antincendio, al fine di garantire l attuazione delle misure di prevenzione incendi e di evacuazione in caso di necessità. I componenti della squadra devono, al termine del corso, aver sostenuto l esame con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco La scuola è priva di scala esterna di emergenza: la proprietà deve valutare la necessità e l obbligatorietà di tale misura di sicurezza ed eventualmente intervenire per l effettuazione dei lavori di adeguamento Segnalare adeguatamente tutti gli sganci elettrici generali e le valvole di intercettazione del gas metano Dare a disposizione del tecnici nei laboratori le chiavi di apertura delle cassette delle valvole del metano 14

15 continua Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Sollecitare la richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi al competente ufficio della Provincia. Predisporre il piano delle emergenze Aggiornare, in seguito dei nuovi interventi strutturali, nuove planimetrie per le emergenze (vie di esodo, luogo di ritrovo, etc.) Compilare il registro dei controlli interni in cui un responsabile annota tutti gli interventi di manutenzione e controllo relativi all efficienza di: Impianti elettrici Illuminazione di sicurezza Presidi antincendio Dispositivi di sicurezza e controllo (estintori, rilevatori, idranti, etc.) Osservanza della limitazione dei carichi d incendio Effettuare prove di evacuazione e ripeterle periodicamente almeno due volte l anno Mantenere sgombre da materiale gli estintori, le cassette idranti e le vie di accesso ad essi Installare tutti gli estintori a parete in posizioni accessibili e segnalate Informare tutti gli studenti circa le nozioni base da tenere per prevenire gli incendi e per gestire un emergenza (norme comportamentali, segnale di allarme, percorsi da seguire, punto di ritrovo, etc.) 15

16 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischio elettrico Contatti accidentali con elementi in tensione, per la presenza di connessioni elettriche multiple Segnalare con adeguata cartellonistica gli interruttori generali dell impianto elettrico Verificare la presenza di dichiarazioni di conformità dell impianto elettrico (requisiti della Legge 186 del 68, del DPR 547 del 55 e della Legge 46 del 90) Evitare di sovraccaricare le prese con connessioni multiple Rispettare scrupolosamente le indicazioni di carico massimo, generalmente riportate su prese multiple, adattatori e ciabatte, che devono essere marchiate IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità). Verificare l avvenuto controllo biennale dell impianto di terra Far canalizzare gli eventuali cavi elettrici volanti 16

17 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Inalazione e/o contatto con sostanze pericolose durante le attività di laboratorio Utilizzare le sostanze pericolose (tossiche, infiammabili, nocive, irritanti) solamente sotto postazione aspirata o comunque in aree e postazioni adeguate e controllate Aggiornare periodicamente l'elenco delle schede di sicurezza dei prodotti utilizzati e tenerlo a disposizione nei laboratori Richiedere le schede di sicurezza aggiornate dei prodotti utilizzati Fornire una informazione generale agli alunni sui rischi derivanti dall utilizzo di sostanze chimiche e sull uso delle stesse in sicurezza Predisporre e mettere a disposizione in numero adeguato al numero di alunni contemporaneamente operanti dispositivi di protezione individuale per le operazioni che possono esporre a contatto con sostanze nocive (guanti antiacido, occhiali di sicurezza, etc.) Stoccare le sostanze pericolose solo in appositi armadi chiusi e, nel caso di sostanze tossiche, in idonei armadi aspirati 17

18 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Scivolamenti e caduta dalle scale Riverificare ed eventualmente ripristinare strisce antiscivolo su tutte le scale Verificare l altezza dei parapetti (deve essere 1 m) e provvedere ad innalzare quelli troppo bassi) Rischi connessi alla presenza di spigoli vivi Provvedere alla protezione degli spigoli vivi con barriere di plastica, di legno o di gomma con i lati e gli angoli arrotondati (termosifoni) Rischi derivanti da mancati interventi di pronto soccorso Formare periodicamente il personale addetto al pronto soccorso di emergenza (corso base di 12 ore e richiami triennali di 4 ore) Dotare le cassette di pronto soccorso dei presidi medicali prescritti dall art. 2 del D.M. 28/7/

19 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi connessi alla presenza e all utilizzo degli ascensori Per l ascensore e montacarichi fare installare le batterie tampone che garantiscono la corsa in caso di black out elettrico. Far installare al posto del pulsante di chiamata un commutatore a chiave per impedire agli alunni l uso non autorizzato. 19

20 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi connessi all utilizzo di attrezzature di lavoro mobili (scale portatili, trabattello, etc.)) Verificare che vengano utilizzate esclusivamente le scale omologate e a norma Distribuire materiale informativo sull uso corretto delle stesse 20

21 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi connessi all utilizzo di attrezzature varie nei laboratori (rischio ustione nei forni, rischi di taglio con la lama del microtomo, etc.) Fornire a chi utilizza tali attrezzature le informazioni di sicurezza relative Installare apposita segnaletica di sicurezza Fornire i dispositivi di protezione adeguati (guanti antitaglio, guanti anticalore, etc.) Rischi connessi al deterioramento delle strutture degli edifici scolastici (sono tra l altro presenti alcune crepe anche se apparentemente lievi e non preoccupanti) Richiedere alla Provincia una perizia tecnica sulla stabilità delle strutture, in particolare per quel che riguarda il rischio sismico. Rischi connessi alla presenza di barriere architettoniche Richiedere alla Provincia interventi di adeguamento e superamento di tali barriere 21

22 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi connessi all utilizzo di apparecchiature meccaniche Nei mesi scorsi sono state realizzate varie protezioni e migliorie tecniche sulle macchine e attrezzature del laboratorio conciario Controllare l'adeguatezza di tali attrezzature e dei dispositivi di protezione necessari. In particolare: griglie fisse di protezione, microinterruttori su quelle da rendere apribili, segnalazione del rischio e del divieto di rimozione protezioni (confrontare esito sopralluogo dott.tasca allegato 1) 22

23 Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischi connessi alla movimentazione autoveicoli nel cortile esterno Rischi legati all organizzazione del lavoro (stress, rischi di aggressione, ecc.) Rischi di tipo igienistico e legati al microclima Imporre a tutti il limite di velocità a 10 km/h Richiedere alla provincia l installazione di dissuasori di velocità (in particolare in prossimità delle uscite di emergenza lato aula di disegno dal vero) Orari di lavoro, pause e periodi di riposo adeguati, carichi e ritmi di lavoro non troppo elevati né troppo blandi Limitazioni del lavoro da soli e specifiche procedure di sicurezza (mezzi di comunicazione con colleghi o soccorsi, dotazioni di emergenza, ecc) Informazione e formazione su procedure e comportamenti in caso di aggressione o emergenza Pulizia giornaliera di tutti gli ambienti Osservare il rispetto riguardante il divieto di fumo Corretti parametri di temperatura e umidità in tutti i luoghi di lavoro Ritinteggiatura periodica ambienti Rischi P D R Misure di prevenzione e protezione Rischio di infortunio durante le fasi di riempimento dei bottali più grandi Dotare i bottali di sistema automatico (tipo pompa di aspirazione liquido) per il riempimento ed evitare la fase manuale Rischio di inalazione polveri nella rasatrice Installare adeguata aspirazione e meccanismo per la raccolta della polvere di rasatura Fornire ed utilizzare mascherine di protezione individuale 23

24 Rischio biologico connesso alla presenza di pelli nel laboratorio conciario Elaborare procedura di controllo del rischio e gestione delle pelli e precisamente: - registro di carico scarico del grezzo; - procedura di sicurezza per il controllo di efficienza di igiene Nei mesi scorsi è stata realizzata una apposita cella per lo stoccaggio delle pelli e il rischio è stato quindi pressoché annullato. 24

25 5. SCHEDE DI VALUTAZIONE DERI RISCHI PARTICOLARI E DI ALCUNE CATEGORIE DI LAVORATORI Rischio chimico RISCHIO INDIVIDUATO MISURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Rischi legati all esposizione a prodotti chimici (detergenti, disinfettanti, detersivi e prodotti presenti nei laboratori). In considerazione dei quantitativi e delle caratteristiche dei prodotti chimici presenti e delle modalità di utilizzo, il rischio chimico è valutato moderato Riduzione del numero di lavoratori esposti Riduzione della durata e dell intensità dell esposizione (es. utilizzo di quantitativi limitati / limitazione delle quantità in deposito) Misure igieniche adeguate (es. non mangiare non bere e non fumare durante l utilizzo e in prossimità dello stoccaggio) Metodi di lavoro appropriati comprese le disposizioni che garantiscano la sicurezza nella manipolazione, nell immagazzinamento e nel trasporto sul luogo di lavoro di agenti chimici pericolosi nonché dei rifiuti che contengono detti agenti chimici Utilizzo di idonei armadi per lo stoccaggio dei materiali e delle sostanze pericolose (ad es. acido nitrico) Stoccaggio di tutti i prodotti liquidi all interno di idonei bacini di contenimento Misure di protezione individuali, compresi i dispositivi di protezione individuali, se non si riesce a prevenire con altri mezzi l esposizione (es. dotazione di occhiali o visiere quando si utilizzano sostanze con la frase di rischio R41) Formazione sugli agenti chimici presenti (es. non mischiare prodotti incompatibili come varechina e acidi o ammoniaca) Indicazione nel piano di emergenza delle situazioni che comportano l esposizione al rischio chimico 25

26 Rischio rumore RISCHIO INDIVIDUATO Rischi da esposizione a rumore. La valutazione specifica, non richiede rilevazioni fonometriche. I livelli di esposizione personali (Lep) hanno valori stimati inferiori a 80 dba P = 1, D = 3, R = 3 MISURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE la valutazione del rischio rumore ai sensi dell art. 40 del D. Lgs. 277/91 è stata fatta sulla base del confronto con attività simili (linee guida dell ispesl), e sul fatto che non sono presenti sorgenti di rumore superiori agli 80 db RISCHIO INDIVIDUATO Rischi legati all eventuale presenza di lavoratori minorenni Rischi legati ai lavori in appalto (P = 2, D = 2, R = 4 ) MISURA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE non sono attualmente impegnati lavoratori minorenni procedura di sicurezza per i lavori in appalto. Gestione del DUVRI così come già previsto dal T.U. 81/08 e successive integrazioni. Rischi legati all eventuale presenza di lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento. In considerazione dell attività svolta, le mansioni con potenziali problemi per personale femminile sono legate a occasionali movimentazioni di carichi, posture forzate, urti, etc.) (P = 2, D = 2, R = 4 ) comunicazione tempestiva dell eventuale stato di gravidanza seguire il documento di tutela delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento come da documento in allegato 26

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli