(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420."

Transcript

1 QUESTIONI CONTROVERSIE IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI ANTICIPATORI Relatore: dott. Franco DE STEFANO pretore della Pretura circondariale di Salerno SOMMARIO: I cosiddetti provvedimenti anticipatori. Il testo delle norme, con quelle di riferimento e il testo coordinato. Premessa. Capitolo primo: sull ordinanza ex art. 186 bis c.p.c Quali sono le somme non contestate per le quali può essere concessa? - 2. A partire da quando può essere concessa? - 3. Vi sono limiti alla discrezionalità nella concessione? - 4. Può essere concessa nei giudizi con più parti e, se sì, nei confronti di alcune solo di esse, anche quando vi è contumacia di alcune? - 5. È ammissibile in un giudizio soggetto al c.d. rito locatizio? - 6. È ammissibile in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo (e, in caso affermativo, a partire da quando?)? Capitolo secondo: sull ordinanza ex art. 186 ter c.p.c È ammissibile in un giudizio soggetto al rito c.d. locatizio? - 2. È ammissibile in un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo (e, in caso affermativo, a partire da quando?)? - 3. Vi sono margini o limiti di discrezionalità nella concessione? - 4. A partire da quando può essere concessa? - 5. Quali sono i presupposti della provvisoria esecuzione dell ordinanza nei confronti del convenuto costituito? - 6. Quali sono le facoltà processuali consentite al convenuto contumace che si costituisca dopo la notifica dell ordinanza ingiuntiva? - 7. Qual è il valore dell ordinanza una volta che sia estinto il processo? I cosiddetti provvedimenti anticipatori (1) - Il testo delle norme (1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec Premessa (2) I riformatori del codice di rito del 1990/1995 devono avere avuto chiara almeno un idea: che un processo lento o un processo lungo fossero di per se stessi intollerabili. Ma deve essere apparso inumano e quindi inutile lo sforzo di recuperare la funzionalità di un processo ordinario, che si potesse concludere in tempi ragionevoli con una sentenza e quindi con una tutela piena e completa delle ragioni di tutte le parti. E, di fronte alla diagnosi di irrecuperabilità del processo ordinario, è parso preferibile introdurre meccanismi che ne rendessero in qualunque modo più rapida la definizione, a prescindere dalla pienezza della cognizione nel singolo caso: e molti sono stati gli interventi parziali, che hanno innestato nel corpo del processo strumenti di sensibile sommarizzazione. È stato studiato un sistema di preclusioni, dapprima rigido e poi un tantino attenuato, ma soprattutto sono stati introdotti un procedimento cautelare uniforme a riprova di una tendenza a considerare la tutela cautelare come un surrogato generale di quella ordinaria e poi una serie di istituti alternativi alla sentenza, adottabili con la forma delle ordinanze e soprattutto idonei a costituire titolo esecutivo a prescindere dall emanazione della sentenza (3). L avvilente conclusione è che per ridare fiato al processo è bene consentire ai giudici di fare sentenze il meno possibile: e che una pronunzia, quale che sia e non importa con quali effettive garanzie per la tutela dei diritti, sul merito della questione è meglio di niente purché sia rapida e tendenzialmente definitiva. In questo quadro si inseriscono le ordinanze di cui agli articoli 186 bis, ter e quater del codice di procedura. Le prime due oggetto della presente trattazione hanno sicuramente tra loro in comune la natura di titolo esecutivo e di anticipazione della sentenza di condanna (4). A dispetto della loro comunque evidente interinalità (5), non si tratta di provvedimenti cautelari, in considerazione essenzialmente: a) della loro efficacia eteroprocessuale, quale si ricava dall ultrattività prevista per i casi di estinzione del processo in cui sono pronunziati;

2 b) della mancanza di una loro strumentalità rispetto ad una pronunzia di merito successiva (6), visto che una statuizione di merito a cognizione piena potrebbe anche non esserci mai, senza che per questo la loro efficacia venga meno; c) della carenza della necessità di ogni valutazione del periculum in mora (7), per essere i presupposti di concedibilità ancorati sostanzialmente ad una delibazione del buon diritto della parte istante. Non si tratta, d altro canto, di provvedimenti decisori, attesa la loro persistente revocabilità e modificabilità, che si traduce in una loro intrinseca inidoneità al giudicato; e, quanto all ordinanza ex art. 186 bis c.p.c., nemmeno può affermarsi la natura negoziale (8), visto che la non contestazione pare operare più che altro, come si vedrà, sul piano della pacificità dei fatti e quindi del superamento dell onere della prova in favore della parte istante. E si dubita della loro riconducibilità all istituto della condanna con riserva, sia pure con esclusivo riguardo alla natura provvisoria dell ordinanza (9): nonostante che, sotto questo specifico aspetto, più di uno spunto ricostruttivo potrebbe trarsi dalle contigue figure dell ordinanza provvisoria di rilascio nel procedimento di convalida di licenza o sfratto (10) e, soprattutto, dell ordinanza di concessione della provvisoria esecuzione nel corso dell opposizione a decreto ingiuntivo (11). In buona sostanza, per quanto all esito di cospicue elaborazioni dottrinali, i provvedimenti in esame possono inquadrarsi nei cc.dd. accertamenti a prevalente funzione esecutiva di chiovendiana memoria (12), ovvero nei cc.dd. provvedimenti sommari-semplificati-esecutivi (13), in quanto caratterizzati da una cognizione sommaria, mediante la quale si accertano cioè solo alcuni dei fatti e alcuni dei diritti in contesa. Anche se notevoli conseguenze sul piano ricostruttivo potrà avere l interpretazione della norma che prevede la conservazione dell efficacia in caso di estinzione, comunque, la funzione delle due ordinanze in esame è certamente quella di anticipare gli effetti di una pronunzia favorevole a chi chiede la condanna di controparte a specifiche prestazioni di dare (o di consegnare le cose specificamente indicate dall art. 186ter): con questa specificazione, quindi, essi possono essere senz altro ellitticamente definiti come procedimenti anticipatori (14). E, nonostante gravi dubbi sull utilità concreta delle misure come disegnate dalla legge di riforma (15), si tratta di istituti di grosso rilievo teorico, la verifica del cui rilievo pratico potrà operarsi solo sulla base dell esame delle prassi applicative (16). Capitolo primo: sull ordinanza ex art. 186bis 1. Quali sono le somme non contestate per le quali può essere concessa? La possibilità di pronunziare provvedimenti giudiziali sulla base della non contestazione (17) di una delle parti non costituisce una novità nel nostro processo. Anzi, oltre all ordinanza di pagamento di somme non contestate di cui all art. 423 co. 1 cod. proc. civ. (18), si richiama correntemente anche l esempio degli artt. 263 c.p.v. e 264, co. 1 e 2, in tema di rendiconti (19) e loro approvazione, nonché dell art. 666 cod. proc. civ.., in tema di pagamento di canoni di locazione non contestati (20). È vero che la non contestazione, d altro canto, viene indicata come presupposto per l emanazione di altri titoli giudiziali, quali l ordinanza di convalida di licenza o sfratto (ai sensi dell art. 663 cod. proc. civ.) o quella contigua di cui all art. 30 c.p.v. L. 392/78; né si può dimenticare che la non contestazione è persino il presupposto della definitività del decreto ingiuntivo, ai sensi dell art. 647 cod. proc. civ.; e, in generale, si tratta pur sempre di un comportamento rilevante ai fini processuali, non solo come indizio o argomento di prova, ma talvolta persino come ammissione implicita. Tuttavia, la rilevanza della non contestazione non è riconducibile ad un unitario concetto.

3 Quanto ai procedimenti di convalida di licenza o sfratto e a quelli per decreto ingiuntivo, essa opera, in virtù di un sistema rigido e ben delineato di preclusioni, nel senso della formazione di un titolo esecutivo giudiziale definitivo e con forza ed efficacia in tutto equiparate al giudicato (21); ed a diversi fini essa rileva, invece, nel procedimento di rendiconto. In definitiva, nelle ordinanze di pagamento di somme non contestate bisogna stabilire cosa abbia ad oggetto la non contestazione, al fine di stabilire il suo esatto ambito e, quindi, quello della cognizione del giudice e dell efficacia del risultato di tale cognizione: da un lato, invero, si sostiene che a non essere contestati debbano essere i fatti costitutivi del diritto azionato dal creditore; dall altro, che la non contestazione attenga ai diritti in sé considerati. Nel primo caso la non contestazione del convenuto costituito varrebbe come mera ammissione dei fatti costitutivi stessi ed esonererebbe l attore dall onere di provarli ed il giudice soltanto dalla verifica della sussistenza di prove a loro sostegno: ma non lo esimerebbe dalla verifica della legittima conseguibilità degli effetti voluti dal creditore sulla base della non contestazione dei fatti costitutivi (22). Nel secondo caso, al contrario, pur non sussistendo una vera e propria base negoziale del provvedimento, la non contestazione fino ad un eventuale revoca successiva, operata a seguito di una diversa valutazione in fatto e in diritto delle circostanze darebbe luogo ad un vero e proprio riconoscimento della fondatezza della domanda (23); ed una prima conseguenza dovrebbe essere una sorta di automatismo nell emanazione dell ordinanza, che dovrebbe limitarsi a dare atto dell avvenuto riconoscimento (24). Altri ancora, negando validità alla figura del riconoscimento della fondatezza dell avversa pretesa, ammette che la non contestazione abbia valore di confessione o di ammissione dei fatti posti a base della domanda (a seconda che provenga dalla parte di persona o dal suo procuratore), poiché essa, pur riguardando il diritto, non potrebbe avere riguardo che ai fatti che lo costituiscono (25): e quindi il giudice potrà respingere la domanda se si convince che ragioni di diritto escludano l idoneità dei fatti posti a base della domanda a dare vita al diritto azionato. Il secondo criterio interpretativo non convince. E ciò non certo per la critica secondo cui la sua adozione ridurrebbe ulteriormente l ambito di pratica esperibilità dell istituto: la funzione deflattiva di quest ultimo è piuttosto un postulato ed un obiettivo, ma la sua compatibilità col dato normativo e con il sistema giuridico complessivo va pur sempre valutata. Neppure pare cogliere nel segno la critica secondo la quale il riconoscimento del diritto dovrebbe essere incompatibile con la revoca e la modifica successive: visto che queste ultime pure potrebbero aver luogo, per quanto all esito di una nuova delibazione in iure ed in facto sulla base della contestazione stessa e delle successive repliche o attività o deduzioni istruttorie (26). Il motivo vero è che il secondo criterio interpretativo e, in definitiva, l identificazione dell oggetto della non contestazione nel diritto in sé anziché nei suoi fatti costitutivi, anche se fondato sulla letteralità dell espressione della disposizione (che riferisce la non contestazione alle somme e non ai fatti costitutivi) non può essere seguito, visto che il giudice ha sempre l obbligo, tranne le sole espresse eccezioni previste dalla legge (27), di condurre il giudizio di diritto alla stregua di una verifica di legittimità delle pretese sottoposte al suo vaglio (28). E non sarà allora il solo caso dell obbligazione naturale, ma potrà attribuirsi rilevanza ad un interpretazione complessiva delle difese del convenuto, anche tra loro comparate, al fine di valutare se sussista o meno la non contestazione del fatto costitutivo, la quale potrebbe essere inficiata, ad esempio, dall adduzione di un fatto storico sicuramente incompatibile, o, comunque, dall indicazione di circostanze che possano comportare un incompetenza o altro impedimento in rito. Significativamente, quindi, è stata denegata l ordinanza nel caso in cui il convenuto aveva addotto eccezioni tali da paralizzare l efficacia fondante della causa petendi (29).

4 Ciò posto, la contestazione non può certamente essere equivoca: peraltro, a seconda del regime processuale applicabile e, in particolare, della soggezione del singolo processo al c.d. nuovo rito, ovvero al c.d. vecchio rito, occorre valutare se il convenuto avesse o meno, dinanzi alla complessiva impostazione di controparte, un onere specifico di contestazione attiva, non assolto il quale il fatto possa ritenersi pacifico. Si è sostenuto che nelle cause soggette al c.d. vecchio rito non si potrebbe desumere una non contestazione da condotte generiche o anche dal solo silenzio del convenuto, mentre, al contrario, nelle cause soggette al c.d. nuovo rito il sistema disegnato dagli artt. 167, 183, 184 e 184 bis cod. proc. civ.. dovrebbe comportare l abbandono dell equazione tra silenzio e comportamento non significativo (30). Per quanto sicuramente attenuato con la c.d. controriforma del 1995, nel c.d. nuovo rito il sistema di preclusioni a carico del convenuto sussiste ancora. È ben vero che rimane ferma la possibilità, per il convenuto, di addurre meri fatti storici ovvero circostanze integranti eccezioni rilevabili di ufficio anche dopo il termine perentorio fissato ex art. 180 co. 2 ult. parte, ovvero ex art. 183 co. 5. Tuttavia, la carenza di idonea e specifica contestazione, soprattutto alla luce delle risposte rese in sede di interrogatorio ai sensi dell art. 183 co. 1 (e, vien fatto di specificare, anche alla luce, ex art. 116 cod. proc. civ., delle risposte non rese, finanche per mancata comparizione all udienza per l interrogatorio) deve potersi interpretare come carenza di contestazione specifica, idonea quindi a fondare il presupposto per l ordinanza. E ciò tanto più se si accetta l idea della previa instaurazione del contraddittorio sull istanza ex art. 186 bis, a qualunque rito sia soggetta la causa (31). Anzi, tale modus procedendi consentirebbe di giungere a conclusioni sostanzialmente analoghe anche per le cause soggette al rito c.d. vecchio. Infatti una volta esteso anche a tali cause il regime e lo strumento dell art. 186 bis cod. proc. civ., se si ammette che sulla relativa istanza debba provvedersi solo dopo aver sentito al riguardo l ingiungendo, si può bene ipotizzare un onere, in capo a colui contro cui essa è dispiegata, di puntualizzare in modo specifico la sua posizione in merito ai fatti costitutivi coinvolti dall istanza ex art. 186 bis (32). In definitiva, ampi spazi si aprono alla qualificazione del silenzio quale presupposto su cui fondare l ordinanza in parola. Peraltro, nonostante ciò possa sembrare un interpretazione particolarmente severa nei confronti del convenuto, sulla base degli stessi principi può pure decisamente negarsi che possa rilevare una apparente non contestazione operata anteriormente al giudizio (33): proprio perché egli ha sì l onere, ma al tempo stesso la piena facoltà di contestare sino ad un certo momento dello svolgimento del processo, a nulla rileverebbe di per se stessa considerata una sua condotta anteriore a quest ultimo, a meno che essa non sia confermata da un ammissione espressa o da un silenzio significativo in corso di causa e prima (ed ai fini) della pronunzia sull istanza di ordinanza ex art. 186bis cod. proc. civ. La possibilità di una contestazione successiva all emissione dell ordinanza, che pure non viene esclusa, dovrà naturalmente sottostare al diverso regime previsto per le cause soggette al vecchio e al nuovo rito. Nel vecchio rito, almeno fino alla precisazione delle conclusioni, il convenuto ha ancora ampi margini di manovra. Nel nuovo, il convenuto non può, se non con riguardo ai fatti storici o a quelli integranti impedimenti processuali o eccezioni rilevabili di ufficio, modificare l impostazione difensiva come cristallizzata all esito della definitiva contestatio litis ex art. 183 nss. (34) cod. proc. civ., salvi i soli casi rilevanti ex art. 184 bis cod. proc. civ. Brevemente, ci si chiede se le somme non contestate possano essere limitate agli interessi (35) (o, verrebbe da dire, in generale agli accessori): ed influisce in senso negativo la risposta data dalla giurisprudenza di legittimità ad analogo quesito in tema di art. 423 cod. proc. civ. (36). Eppure, richiamata la soluzione della disputa in ordine all ambito della non contestazione, non si coglie alcuna valida ragione per escludere dall oggetto dell ordinanza ex art. 186 bis cod. proc. civ. qualunque somma di denaro, a qualsiasi titolo spettante, ove non contestati ne siano i fatti costitutivi (37).

5 Per concludere, deve accennarsi alla disputa in ordine alla necessaria parzialità della contestazione: sostenendo alcuni (38) che, ove la non contestazione fosse totale, l ordinanza non sarebbe ammissibile per essere ormai la causa pronta per essere decisa con sentenza; e ribattendo altri che, invece, tale conclusione non è sorretta da alcun dato normativo e che, anzi, potrebbe sussistere un interesse del creditore a conseguire immediatamente, nelle agili e snelle forme dell ordinanza, un titolo esecutivo, anziché attendere i tempi di una sentenza (39). La soluzione dipende dal ruolo che ai provvedimenti in esame si vuole attribuire. Se, come si auspica, essi non debbono tendere a rimpiazzare, come una sorta di giustizia sommaria, la tutela ordinaria che viene apprestata dall ordinamento con la sentenza, effettivamente la discrezionalità dell emissione dell ordinanza andrebbe per così dire autolimitata dal giudice, il quale, anziché emanare subito un ordinanza e poi una sentenza, entrambe aventi il medesimo contenuto (40), dovrebbe garantire alla parte la maggiore tutela derivante dalla sentenza e provvedere ad emetterla in tempi brevi, equivalenti a quelli dell emissione dell ordinanza e con un contenuto equivalente anche quanto a diffusione. In altri termini, fermo restando che non può parlarsi di preclusione dell ordinanza, visto che la discrezionalità riconosciuta dalla norma non può essere conculcata in via di interpretazione, si tratterebbe allora di argomentare per l inopportunità dell emissione dell ordinanza, in vista dell interesse poziore della parte e dell ordinamento a definire il processo con una pronunzia a cognizione piena (41). 2. A partire da quando può essere concessa? (42) Se il fondamento dell ordinanza ex art. 186 bis è la non contestazione, per stabilire da qual momento essa possa essere concessa è necessario e sufficiente ricostruire, in base a quanto fin qui argomentato e a seconda della soggezione della singola causa al rito c.d. nuovo o al rito c.d. vecchio, fino a quando il convenuto abbia l onere, ma simmetricamente parlando anche la possibilità, riconosciutagli dal codice di rito, di operare quelle contestazioni. In primo luogo, visto che l ordinanza non può essere concessa che contro la parte costituita, essa sarebbe certamente inammissibile prima del termine concesso al convenuto per costituirsi (43): il quale è quello di venti o dieci, nei casi di urgenza giorni prima dell udienza di comparizione indicata in citazione (ovvero da quella come differita ai sensi dell ultimo comma dell art. 168bis cod. proc. civ., norma certamente rimasta in vigore, anche se oramai dall applicazione di ben difficile giustificabilità da parte del singolo giudice). Più radicalmente, peraltro, non può dimenticarsi che, persino nel nuovo codice di rito, sono sì imposte delle rigide preclusioni al convenuto, ma entro ben precisi termini: che, anzi, con la c.d. controriforma del 1995 sono stati finanche attenuati. In altri termini, se è vero che al convenuto incombe una serie di oneri processuali anche molto gravosi, è pur vero che sarebbe illegittimo privarlo dei tempi e dei modi che il codice di rito ha previsto per il loro assolvimento. Quindi, il termine di costituzione ex art. 167 cod. proc. civ. incide certamente sulla stessa ammissibilità dell ordinanza: posto che (ferma certamente la facoltà, per la parte istante, di avanzare l istanza sin dall atto di citazione o persino con atto ad esso successivo ma anteriore alla prima udienza di comparizione) sino alla scadenza dei termini per la costituzione del convenuto, non si può ancora stabilire se questi sia contumace o meno e, quindi, se l ordinanza, prevista dalla norma solo contro le parti costituite, sia ammissibile oppur no. Ma il convenuto ha la possibilità di contestare i fatti posti a base della domanda almeno sino al momento in cui liberamente interrogato, egli potrebbe, conformemente allo spirito della riforma del codice di rito, avere il contatto diretto con il suo giudice e finanche, sull impulso e l intervento di quest ultimo, conciliare la causa. Non si tratta solo di sottolineare come non avrebbe alcun senso un libero interrogatorio volto a tentare di conciliare le parti una volta che sia stata emessa un ordinanza, avente valore di titolo esecutivo, idonea a sbilanciare per quanto temporaneamente l equilibrio delle parti in danno di una delle parti stesse (44).

6 Si tratta, invece, di valutare come la contestazione possa essere del tutto legittimamente operata dal convenuto non solo fino al termine perentorio per la proposizione delle eccezioni processuali e di merito non rilevabili di ufficio (di cui al nss. testo dell art. 180, co. 2, ult. parte, cod. proc. civ.), ma anche, con l adduzione di meri fatti storici o altri integranti mere difese, ma involgenti impedimenti processuali o eccezioni rilevabili di ufficio, fino al momento in cui egli sia liberamente interrogato ai sensi del primo comma dell art. 183, nss. t., cod. proc. civ. Anzi, a ben guardare, egli potrebbe ancora contestare le avverse pretese entro il termine perentorio, che eventualmente (con molta sagacia...) egli chiedesse ai sensi dell ultimo comma dell art. 183, nuovissimo testo. Ora, per quanto odiosa (e certamente deprecabile ex art. 88 cod. proc. civ., se non persino censurabile in sede di liquidazione delle spese, e non solo ex art. 96 cod. proc. civ.) o dilatoria possa apparire tale condotta, non si possono negare al convenuto le garanzie di difesa riconosciutegli dal codice: del resto, all uso distorto delle garanzie non si risponde amputandole, ma facendole funzionare il meglio possibile. Sotto il profilo del non esaurimento della facoltà di operare validamente la contestazione della pretesa attorea (ma sempre fatta salva la valutazione del caso concreto) (45), deve escludersi che l ordinanza ex art. 186 bis cod. proc. civ. sia concedibile prima del libero interrogatorio ex art. 183 co. 1 (46), ovvero, in caso di espressa richiesta di termine ex art. 183 ult. co. anche ai fini dell eventuale contestazione, fino alla scadenza dei termini obbligatoriamente concessi ai sensi di tale ultima disposizione (47). Non rientra nel tema da trattare l individuazione del termine finale per la concessione che si individua nella precisazione delle conclusioni (48), anche in caso di intervenuta rimessione della causa dalla fase di decisione in istruttoria (49), né la disamina della disputa sulla concedibilità dell ordinanza durante la sospensione o l interruzione del processo (disputa innescata soprattutto dalla carenza, per l ordinanza ex art. 186 bis, dell espressa dizione, adoperata invece per quella ex art. 186 ter, della concedibilità in ogni stato e grado del processo) (50). 3. Vi sono limiti alla discrezionalità nella concessione? La questione della sussistenza della discrezionalità del giudice nella concessione o meno dell ordinanza in esame prende generalmente le mosse dalla disamina del tenore lessicale della disposizione ed anche dalla sua comparazione con quello dell art. 423 co. 1 cod. proc. civ.: visto che, nell art. 186 bis, si specifica bene che il giudice può (51) disporre il pagamento, mentre il Pretore del lavoro, dal canto suo, dispone senz altro il pagamento delle somme non contestate. Ora, quand anche un effettiva differenza vi sia tra le espressioni può disporre e dispone nei testi degli articoli 186 bis e 423 co. 1, nel senso di una sorta di obbligatorietà della concessione nel rito del lavoro, questa bene potrebbe giustificarsi per la peculiarità del rapporto dedotto in giudizio e per la delicatezza e la rilevanza che, quasi per definizione, rivestono le obbligazioni pecuniarie per un lavoratore subordinato (sia dal lato passivo che da quello attivo). Naturalmente, in nessun caso potrebbe negarsi la possibilità di un controllo del giudice sulla sussistenza dei presupposti per la concedibilità di questa ordinanza, come di qualunque altro provvedimento; e ciò nemmeno nei casi in cui si volesse ritenere che, dinanzi alla non contestazione, il giudice sia esentato dal giudizio di diritto. Ma tale controllo o, se si vuole, tale sillogismo di sussunzione della fattispecie concreta entro il paradigma legale non attiene in senso stretto alla discrezionalità, visto che esso non è nient altro che la mera estrinsecazione dell attività di decidere, propria della giurisdizione. Né attiene alla discrezionalità la necessità di una previa istanza di parte (espressamente affermata sia dall art. 186 bis che dall art. 423 co. 1), visto che la qualità o la struttura dell impulso non incide necessariamente sulla natura del potere del giudice. Ora, si è più sopra visto (52) come il giudice, per poter concedere l ordinanza in questione, debba almeno: 1. verificare che vi sia la non contestazione, da parte del convenuto costituito, dei fatti costitutivi;

7 2. verificare che il convenuto costituito non abbia dispiegato eccezioni di merito; 3. valutare in iure sia l idoneità dei fatti dedotti dal creditore a produrre gli effetti da lui affermati, sia l assenza di fatti impeditivi, modificativi od estintivi risultanti dagli atti o rilevabili di ufficio; 4. delibare l infondatezza delle eccezioni di rito sollevate dal convenuto e l inesistenza di impedimento di rito rilevabili d ufficio. Ma, una volta che il giudice abbia rilevato la concedibilità della chiesta ordinanza per avere riscontrato la sussistenza, nel caso concreto, dei relativi presupposti, la sua discrezionalità può spingersi fino a negare il provvedimento (53)? La risposta, alla luce dei già svolti rilievi sulla necessità di un interpretazione restrittiva della disciplina dei provvedimenti anticipatori di condanna, deve essere positiva: ma, naturalmente, accompagnata pure da un monito, al singolo giudicante, ad un attenta considerazione della peculiarità del caso concreto. In definitiva, perché non valutare con attenzione se, nonostante il creditore abbia diritto a un tale titolo esecutivo giudiziale, non si possa in relazione comunque alle esigenze di ruolo e alle condotte delle parti puntare direttamente alla pronunzia di una sentenza, magari anche non definitiva? O, quanto meno, perché non provvedere con la più piena e garantista forma della sentenza giova ripeterlo, anche non definitiva nel nuovo rito pretorile, che vede l agilissimo strumento della sentenza con motivazione contestuale di cui all art. 315 cod. proc. civ.? Con ciò, naturalmente, non si vuol dire affatto che non debba esservi spazio per l ordinanza ex art. 186 bis cod. proc. civ.; ma, ad esempio, la discrezionalità in ordine all emissione certamente dovrebbe essere usata nel senso di negare il provvedimento se la non contestazione fosse totale (come già detto più sopra), oppure nel caso in cui i tempi per una pronunzia idonea a definire il giudizio di primo grado nella sua interezza siano comunque contenibili e non vi siano particolarissime ragioni di urgenza (dettate, per avventura, dalla natura del credito azionato o da altre circostanze relative alle condotte anteriori al processo). E ad analoghe conclusioni deve giungersi anche per la discrezionalità in tema di revoca e di modifica (54): l ambito di operatività delle quali, come già detto, dipende prima di tutto dall estensione della nozione di somme non contestate, ma non può escludere nemmeno una rimeditazione anche in questo caso, sempre su istanza di parte della sussistenza dei presupposti più su identificati; anzi, si giunge a ipotizzare persino la revoca nel caso di gravi motivi correlati alla concreta esecuzione del provvedimento (55), che finiscono per essere sostanzialmente analoghi a quelli rilevanti per l inibitoria delle sentenze appellate o gravate di ricorso per cassazione (56). In definitiva, la discrezionalità può estrinsecarsi per adeguare la risposta giurisdizionale al caso concreto secondo la finalità propria dell istituto, che può identificarsi nel perseguimento dell economia dei giudizi, allorché la pretesa, in base a criteri oggettivi, sia presumibilmente fondata, ovvero manchi una seria contestazione (57); dovendo preferirsi, in ogni altro caso, la maggiore garanzia offerta dalle forme ordinarie di definizione del processo. 4. Può essere concessa nei giudizi con più parti e, se sì, nei confronti di alcune solo di esse, anche quando vi è contumacia di alcune? L ordinanza ex art. 186 bis presuppone, come si è visto, la costituzione del convenuto; ma occorre valutare cosa succede nei giudizi con più parti, nel corso dei quali solo alcuni si siano costituiti: fattispecie, quest ultima, che, a dispetto della sua grandissima rilevanza statistica (basti pensare alle innumerevoli cause per risarcimento danni da sinistro stradale), non pare fatta oggetto di adeguata attenzione da parte degli interpreti (58). Genericamente si sostiene che la contumacia di una delle parti non dovrebbe impedire l emanazione dell ordinanza in danno della parte costituita (59); ma, esclusa una altrettanto generica rilevanza impeditiva della contumacia, deve valutarsi la struttura del giudizio e la rilevanza o la configurabilità della contestazione in casi del genere.

8 Omessa, per brevità, ogni previa ricostruzione delle problematiche in tema di processo litisconsortile e di comunicazione dell attività processuale alle parti (60), bene si osserva che, in ragione dell oggetto dell ordinanza in questione (e cioè solo una somma di denaro), il processo litisconsortile che potrebbe venire in considerazione utilmente si suddivide in quello caratterizzato da litisconsorzio unitario e in quello caratterizzato da litisconsorzio facoltativo (61). A sua volta, il primo comprende i casi: a) del processo in cui sia unica o indivisibile la fonte del rapporto obbligatorio solidale dedotto in giudizio; b) del processo in cui vi sia colegittimazione congiunta, come in tema di assicurazione R.c.A. Invece, il litisconsorzio facoltativo comprende le ipotesi: c) dell azione congiunta del creditore contro il debitore principale e contro il fideiussore; d) della chiamata in causa di un terzo da parte del debitore che ne voglia essere garantito, come ad esempio dell assicuratore, ovvero dell assicurato ex art. 18 L. 990/69, ovvero ancora del debitore principale (62). Ora, può convenirsi che il processo simultaneo ha per scopo la trattazione unificata in ordine ai punti comuni, al fine di produrre una sentenza omogenea a questo riguardo; e che, quindi, deve comunicarsi all intero procedimento cumulativo l effetto della contraddizione del fatto, qualora provenga da uno solo dei litisconsorti. In una simile evenienza, il thema probandum e quindi l oggetto dell accertamento da parte del giudice è il fatto unitariamente considerato ed unitariamente rilevante in tutte le cause riunite (63). Deve allora ritenersi (64) che: a) quando sia unica la fonte dell obbligazione solidale ovvero quando si tratti di obbligazione indivisibile, si comunicano ai litisconsorti, con effetto preclusivo dell ordinanza ex art. 186 bis, le eccezioni cc.dd. comuni (relative cioè al rapporto e incidenti sulla sua fonte, quali quelle di nullità, annullamento, pagamento, prescrizione, estinzione per impossibilità sopravvenuta) e quelle cc.dd. semplicemente personali (ad es. novazione, resmissione, compensazione, confusione) (65); b) nel caso di colegittimazione congiunta, le eccezioni comunicheranno integralmente i loro effetti a tutti i convenuti, non avendo il danneggiato azione diretta contro l assicuratore e non potendo questi fare valere le eccezioni derivanti dal contratto di assicurazione nei confronti del danneggiato (66); c) nel caso di giudizio intentato contro debitore principale e fideiussore, si comunicano le eccezioni dispiegate da quest ultimo, che spetterebbero pure al debitore principale, ma non quelle relative al rapporto fideiussorio; d) nel caso di chiamata in causa in garanzia, la maggiore autonomia delle cause simultanee, legate da un nesso di pregiudizialità-dipendenza, comporta l incomunicabilità delle eccezioni e la necessità di valutare in ciascuna la sussistenza dei presupposti della non contestazione (67). 5. È ammissibile in un giudizio soggetto al rito locatizio? Non constano precedenti giurisprudenziali in termini, mentre la dottrina non pare attratta dal problema: il quale forse non esiste, se è vero che l art. 447 bis del codice di rito stabilisce che alle cause soggette al c.d. rito locatizio si applicano numerosi articoli del codice relativi al rito del lavoro, tra cui l art. 423, ma limitatamente al primo e al terzo comma (68), cioè proprio all ordinanza per il pagamento di somme non contestate. La prima, immediata conclusione dovrebbe essere che, nelle controversie di cui all art. 8, secondo comma, numero 3), del codice, il richiamo espresso alla norma dell art. 423 co. 1 esclude l applicabilità dell art. 186 bis. Infatti, il richiamo alla prima norma è coevo all entrata in vigore della seconda norma: sicché, in applicazione di elementari principi in tema di conflitto apparente di norme, la prima, che è certamente norma speciale rispetto alla seconda, deve prevalere.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA.

LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. LE ORDINANZE ANTICIPATORIE IN CORSO DI CAUSA. PRESUPPOSTI, CONTENUTI ED EFFICACIA. Piacenza, 23 febbraio 2008. Introduzione. Tratti comuni degli istituti in oggetto: natura anticipatoria, ma non cautelare.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Cap. I. Gli incombenti del giudice designato ex art. 168 bis anteriori alla 1a udienza di comparizione.

Cap. I. Gli incombenti del giudice designato ex art. 168 bis anteriori alla 1a udienza di comparizione. GLI INCOMBENTI DELL ISTRUTTORE ALL UDIENZA EX ART. 180 C.P.C. Relatore: dott.ssa Maria ACIERNO pretore di Bologna Introduzione La soluzione definitivamente accolta (1) dal legislatore di codificare la

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

DIRITTO PROCESSUALE CIVILE II

DIRITTO PROCESSUALE CIVILE II INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE II LEZIONE II LA FASE ISTRUTTORIA PROF. LUDOVICO MONTERA Indice 1 L istruzione in senso ampio e le sue sottofasi. Il giudice istruttore. ----------------------------

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO)

IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO) IL LITISCONSORZIO NECESSARIO E FACOLTATIVO, ANCHE NELLE FASI DI GRAVAME. (NOTE SUI PRESUPPOSTI DEL LITISCONSORZIO NECESSARIO) Relatore: dott. Raffaele FRASCA Pretore della Pretura circondariale di Monza

Dettagli

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1.

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Sommario: 1. Tassi di elasticità della nuova disciplina. 2. La prima udienza di trattazione. Le verifiche

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli