PIANO DI EVACUAZIONE E DI EMERGENZA AGGIORNAMENTO MARZO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI EVACUAZIONE E DI EMERGENZA AGGIORNAMENTO MARZO 2015"

Transcript

1 Plesso Scolastico: Scuola dell Infanzia G. Rodari AGGIORNAMENTO MARZO 2015

2 San Giovanni Bosco Plesso scuola dell Infanzia G. Rodari Il piano di evacuazione di emergenza risulta necessario per ottemperare completamente alle disposizioni di legge di cui al Testo Unico D.Lgs 81/08. In particolare, le indicazioni per le vie di uscita di emergenza risultano essere coordinate nel seguente modo: Vie di emergenza: percorsi senza ostacoli al deflusso che consentono alle persone che occupano un edificio o un locale di raggiungere un punto sicuro. Uscita di emergenza: passaggio che immette in un luogo sicuro Luogo sicuro: luogo nel quale le persone sono da considerarsi al sicuro dagli effetti determinati dall'incendio o dalle situazioni di emergenza Si deve quindi considerare la via più breve possibile, sicura ed agevole, per raggiungere il luogo sicuro nei limiti delle situazioni esistenti. Molfetta 18/03/2015 Il Dirigente scolastico (Datore di Lavoro) Dott.ssa M. Tiziana Santomauro Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione per. ind. Luigi Sibilio

3 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE E FIGURE PROFESSIONALI PREVISTE DAL D. LGS. 81/08 Ragione sociale Istituto Comprensivo statale San Giovanni Bosco Plesso: Scuola dell infanzia G. Rodari Indirizzo (Ba) Dirigente Scolastico / Datore di lavoro Dott.ssa M. Tiziana Santomauro Attività esercitate Funzioni didattiche Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione Per. Ind. Luigi Sibilio Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Medico competente Sig.ra Vilardi Eleonora Dott.ssa Monica Palmisano Addetti alle attività di evacuazione, antincendio e primo soccorso Addetti al Servizio di prevenzione e protezione Del Rosso Pasqua/De Palma Angela Boccasini Cecilia/ Spadalecchia M.Girolama

4 DATI RIGUARDANTI IL PERSONALE E LE RELATIVE MANSIONI TOTALE Numero complessivo 112 Numero di addetti alla Squadra di pronto soccorso, antincendio ed emergenza Vedi prospetto allegato Numero di addetti al S.P.P. 1 Mansionario Docenti 12 Collaboratori scolastici 2 Lavoratori socialmente utili 3 Alunni 95 Annotazioni: Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è esterno

5 DATI E DESCRIZIONE STRUTTURALE DELL UNITÀ SCOLASTICA SUPERFICI E NUMERO DI EDIFICI Superficie complessiva Superficie coperta Superficie scoperta ~ 2400 mq ~ 1400 mq ~ 1000 mq Numero di edifici 1 Numero di edifici a più piani 1 Numero massimo dei piani fuori terra 1 Numero massimo dei piani interrati 1 Annotazioni: Ulteriori dati relativi alla struttura architettonica dell unità produttiva sono ricavabili dalla sua descrizione e dalle planimetrie dell ambiente di lavoro di seguito allegate. Di seguito sono citati anche gli impianti presenti. AFFOLLAMENTO MAX PIANO Terra DESTINAZIONE D'USO Ingresso principale -Aule didattiche (attività pratiche, libere, speciali ed ordinarie)- servizi igienici locali vari N. TOTALE MAX 112

6 DESCRIZIONE STRUTTURALE ED IMPIANTISTICA DEL SITO DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA L edificio in cui è collocata la Scuola dell Infanzia Rodari sorge nella zona Ponente del comune Molfetta (BA). L ingresso alla scuola avviene mediante un cancello in metallo a doppio battente ad apertura manuale verso l interno. Attraverso un corridoio esterno e una rampa è possibile entrare nell'edificio attraverso due porte in anticorodal a doppio battente apribili verso l'esterno e dotata di maniglioni antipanico. L' edificio è circondato da un'ampia zona a verde perlopiù in buone condizioni manutentive. La struttura è realizzata in cls armato e muratura di tompagnatura in tufo e mattoni di costruzione (circa 40 anni) e provvista di recinzione metallica con muretto. L edificio si articola su due livelli: al piano terra sono presenti quattro aule didattiche, servizi igienico- sanitari e locale fotocopie e terminale mensa (distribuzione pasti), al piano interrato solo i locali tecnici. L accesso al locale della centrale termica e centrale idrica avviene dall'esterno uscendo dalla parte posteriore dell'edificio percorrendo un corridoio esterno in cemento che termina con dei gradini. La scuola presenta una sola rampa per soggetti diversamente che da un'analisi visiva risulta per pendenza e altezza rispettiva delle normative vigenti. La superficie complessiva dell edificio è di circa 2400 m2, di cui 1400 m2 di superficie coperta ed i restanti 1000 m2 di superficie scoperta. La zona esterna è costituita da ampi cortili che circondano l'edificio e da una estesa zona a verde. Tutta la zona esterna è dotata di regolare muretto in cemento armato sovrastato da una recinzione metallica. L edificio presenta all esterno una rampa per soggetti diversamente abili. L illuminazione esterna è costituita da lampioni posizionati sulla parte perimetrale della recinzione. La struttura destinata ad ospitare la scuola in oggetto è costituita da un piano terra, un piano interrato. L ingresso alla scuola avviene mediante un corridoio esterno e a destra di questo la rampa per soggetti diversamente abili. L ingresso della scuola avviene attraverso n 2 porte a doppio battente in anticorodal con apertura verso l'esterno. Sono presenti porte di uscita (non di emergenza) per ogni singola aula che risultano essere non a norma per dimensioni, tipo di apertura, inoltre, risultano

7 sprovviste di maniglioni antipanico e perchè l'uscita verso luogo sicuro avviene per mezzo di una rampa di n.3 gradini sprovvista di corrimano. La struttura è dotata di un vestibolo, che consente l accesso agli uffici, alle aule e ai servizi. Le pareti ed i soffitti risultano interamente intonacati e verniciati in tinta chiara. Attualmente al piano terra esistono solo aule didattiche, servizi igienici per gli alunni all'interno delle singole aule locali adibiti a servizi vari (depositi, ripostigli ecc.). Tutto l edificio è dotato lungo tutta l area perimetrale di ampie finestre in anticorodal sprovviste di tendine di protezione da eccessivo soleggiamento. Esse consentono un buon livello di illuminazione naturale ed un adeguato ricambio d aria in tutti gli ambienti. IMPIANTI PRESENTI La struttura dispone dei seguenti impianti, la cui gestione e manutenzione ordinaria è di pertinenza Comunale (in quanto proprietaria del sito) e che saranno presi in considerazione successivamente in relazione agli scopi del presente documento: impianto elettrico; impianto di messa a terra; impianto di illuminazione sussidiaria; impianto idrico/fognario; impianto di riscaldamento.

8 IL COMPORTAMENTO 1. NORME GENERALI: All'interno della Scuola dovranno essere garantiti sempre i seguenti accorgimenti, ed è dovere del personale docente e non docente, qualora ne ravvisassero la inosservanza, di comunicarlo ai responsabili al fine di garantirne il rispetto: Le vie e le uscite di emergenza, devono rimanere sgombre in modo da consentire il raggiungimento del luogo sicuro nel minor tempo possibile In caso di pericolo, il personale docente, non docente e gli alunni si dovranno attenere scrupolosamente alle indicazioni poste all'interno del proprio locale per l'evacuazione. Le porte delle uscite di emergenza non devono essere chiuse a chiave, e devono essere apribili dall'interno. Le vie e le uscite di emergenza, nonché le vie di circolazione, e le porte che vi danno accesso non devono essere ostruite da oggetti in modo da poter essere utilizzate in ogni momento senza impedimenti. Ognuno è tenuto a rispettare le indicazioni riportate all'interno dei locali riguardanti le modalità per fronteggiare incendi o situazioni di emergenza, fermo restando che ogni situazione è diversa dall'altra e che quindi in ogni occasione si raccomanda il massimo senso di responsabilità da parte di tutti. Almeno due volte all'anno dovrà essere effettuata una prova generale di evacuazione, in modo da potersi rendere conto "sul campo" di eventuali problematiche non valutate, e per rendere consapevole il personale dei sistemi e delle procedure da adottare. Si chiarisce comunque che ogni situazione od evento presenta delle caratteristiche diverse ogni volta e pertanto si raccomanda sempre la massima concentrazione ed il massimo senso di responsabilità da parte di ognuno anche e soprattutto durante le prove. Queste ultime hanno la funzione di esercitare tutti ad affrontare nel miglior modo possibile eventi e situazioni di emergenza che possono verificarsi.

9 Pertanto tutti i docenti dovranno sempre: Informare e formare gli alunni sull importanza delle procedure indicate dal piano di evacuazione, curando le esercitazioni individuali e di plesso nonché la formazione all educazione alla sicurezza degli alunni. Illustrare periodicamente il piano e tenere lezioni tecnico-pratiche Intervenire prontamente lì dove dovessero riscontrare situazioni critiche che potrebbero compromettere la corretta esecuzione del piano. Intervenire prontamente, con prontezza e calma, in caso di emergenza, onde evitare situazioni di panico o eccitazioni. Rispettare, in caso di emergenza, le vie di fuga e l'ordine di uscita assegnati ad ogni classe o ambiente, attenendosi alle disposizioni eventualmente impartite dal coordinatore dell emergenza in quel momento presente. Deve sempre curare la propria formazione e informazione. Per tutto il tempo che dura l'emergenza è necessario non intralciare l'opera degli addetti al soccorso con iniziative inopportune o causando ingombro Il personale ATA dovrà sempre attendere diligentemente ai compiti assegnati relativi a: Segnalazioni e collegamenti con l esterno Attivazione segnale d allarme Disattivazione degli impianti Aperture porte emergenza/cancelli Collaborazione con i docenti per il trasporto dei diversamente abili Controllo ed accertamento di avvenuta evacuazione di tutti gli alunni Controllo giornaliero delle vie di fuga e delle vie di uscita (accertamento che le vie siano sgombre e che tutto sia funzionante) Controllo giornaliero del rispetto del divieto di sosta agli autoveicoli che impediscono che vi sia libero accesso per le vie di esodo e per i punti di raccolta.

10 Rispetto, in caso di emergenza, delle vie di fuga e dell'ordine di uscita assegnati ad ogni classe o ambiente, attenendosi alle disposizioni eventualmente impartite dal coordinatore dell emergenza in quel momento presente. Inoltre: Presidio degli ingressi impedendo l'accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni che l'emergenza richiede Il personale della squadra d emergenza dev'essere adeguatamente addestrato, ai sensi del D.L.gs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, a fronteggiare tutte le emergenze che possono accadere presso le strutture della scuola, sempre tenendo presente che la salvaguardia della vita umana ha la priorità sugli interessi personali. Il lavoratore che, in caso di pericolo grave, immediato e che non può essere evitato, si allontana dal posto di lavoro ovvero da una zona pericolosa, non può subire pregiudizio alcuno e dev'essere protetto da qualsiasi conseguenza dannosa. Il lavoratore che, in caso di pericolo grave e immediato e nell'impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, prende misure per evitare le conseguenze di tale pericolo, non può subire pregiudizio per tale azione, a meno che non abbia commesso una grave negligenza.

11 LE AZIONI 2. EVACUAZIONE Nella necessità di far evacuare l'edificio scolastico il COORDINATORE DELL'EMERGENZA, ovvero gli addetti alla prevenzione e protezione ovvero Il Dirigente scolastico devono attivare o far attivare l'allarme di evacuazione (tre squilli prolungati di campanello),far avvertire gli Enti di soccorso esterni, coordinare le operazioni, stabilire percorsi alternativi in caso di vie di fuga inagibili. Appena avvertito il segnale d allarme ha inizio la fase di evacuazione, durante la quale i locali devono essere abbandonati rapidamente, con ordine e senza panico, per raggiungere le aree esterne di raccolta prestabilite. I punti di raccolta sono contrassegnati sulle planimetrie dall indicazione del colore e del numero della classe (o ambiente scolastico) e prevedono un ordine che fa riferimento ai padiglioni dell edificio scolastico. Il PERSONALE AUSILIARIO dovrà attivare l'allarme di evacuazione, se il Coordinatore dell'emergenza è impegnato con responsabilità di classe, su sua disposizione deve far avvertire gli enti di soccorso esterni; deve inoltre aprire i cancelli del cortile, qualora chiusi, per permettere l'entrata di mezzi di soccorso, disattivare l'interruttore generale del gas e della corrente elettrica, agevolare il deflusso degli alunni, aiutando i portatori di handicap o quelli che appaiono comunque in difficoltà, assicurandosi, se possibile, che non siano rimaste persone nell'edificio. Seguirà quindi la via di fuga e raggiungerà il punto di raccolta a cui fa riferimento il padiglione in cui opera in quel momento. IL PERSONALE DEGLI UFFICI (compreso biblioteca) si attiverà per le chiamate di emergenza e collaborerà con il personale affinché le operazioni di uscita avvengano senza intralcio e dando precedenza all evacuazione delle classi e seguendo pertanto il percorso indicato dal piano dopo l uscita degli alunni diversamente abili. Impedirà l accesso agli estranei nell edificio scolastico e agevolerà l ingresso dei mezzi di soccorso. Il D.S.G.A. al termine delle operazioni verificherà la presenza del personale ATA, in servizio, nei luoghi sicuri. Il DOCENTE DI CLASSE dovrà prendere il registro delle presenze, e lasciare per ultimo l'aula chiudendosi la porta alle spalle, posizionandosi subito dopo alla testa della fila, e dovrà stabilire i percorsi alternativi in caso di vie di fuga inagibili, sempreché non siano state tempestivamente impartite nuove disposizioni in merito. Il docente dovrà dirigere le CLASSI verso le uscite, rispettare la sequenza di esodo stabilita, raggiungere le aree di raccolta prefissate. Qui verificherà, tramite appello, se c'è qualche disperso o ferito. In questo caso (anche con l ausilio della compilazione del modulo che verrà conservato nel registro di classe) ne darà comunicazione al coordinatore o comunque ne farà giungere notizia, anche richiedendo, se il caso, l intervento degli addetti al primo soccorso. Tutti dovranno attenersi alle disposizioni degli organi di soccorso qualora sia stato previsto il loro intervento.. Gli ALUNNI dovranno apprestarsi ad uscire ordinatamente lasciando sul posto cartelle e cappotti; avranno cura di non ostacolare i compagni, aiutando anzi chi, per svariate ragioni, dovesse trovarsi in difficoltà; si disporranno in fila e seguiranno le disposizioni date dall'insegnante. Gli ALUNNI isolati (es. perché presenti nei bagni in quel momento), se possibile si aggregano alla propria classe altrimenti faranno riferimento al gruppo più vicino coadiuvati dal collaboratore scolastico del piano. Una volta raggiunto il luogo sicuro dovranno raggiungere il punto di raccolta assegnato alla propria classe.

12 Gli ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ed in particolare gli alunni con ausilio per deambulazione o con impaccio motorio o con disturbi nel comportamento saranno fatti evacuare per ultimi rispetto agli altri e condotti all esterno lungo l apposita rampa nel punto di raccolta indicato con apposito segnale. Alla movimentazione di questi alunni provvede l insegnante di sostegno, in sua assenza il Collaboratore scolastico del piano. N.B. In nessun caso, salvo precise disposizioni, è permesso uscire fuori dal perimetro scolastico; i genitori, in assenza di specifica chiamata individuale, dovranno attendere gli alunni al di fuori di esso senza tentare di introdursi all'interno. Fare bene attenzione a: Verificare, se possibile, che nei servizi igienici e locali accessori non siano rimaste bloccate persone; (ad opera dei C.S.) Per tutto il tempo che dura l'emergenza è necessario non intralciare l'opera degli addetti al soccorso con iniziative inopportune o causando ingombro; (per tutti) Occorre inoltre presidiare gli ingressi impedendo l'accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni che l'emergenza richiede (personale di segreteria) Non utilizzare l ascensore.

13 2.1. LE PROCEDURE DI EVACUAZIONE Così come riportato sulle planimetrie affisse nei vari ambienti scolastici, le procedure di evacuazione sono similmente definite: PIANO RIALZATO 1. il personale docente e non docente e gli alunni presenti nell aula docenti, nelle aule n 1, 2, 3, 4 e cucina, seguiranno il percorso individuato con colore BLU, ed utilizzeranno l uscita contrassegnata con la lettera A, confluendo nel punto di raccolta situato nel cortile antistante l ingresso della struttura scolastica. LE PROCEDURE PER LE CHIAMATE DI SOCCORSO Mettere bene in vista i numeri telefonici dei Vigili del Fuoco, dell'ospedale più vicino, della Polizia di Stato, dei Carabinieri,ecc. COMUNICARE CON CALMA: 1. Cognome nome e qualifica. Da dove si telefona (località, scuola, ubicazione di essa, n. di telefono). 2. Tipo di emergenza, cosa sta succedendo e in quale locale 3. Se e quante persone sono coinvolte. 4. Quali provvedimenti sono stati eventualmente adottati. ASCOLTARE CON ATTENZIONE L'OPERATORE E RISPONDERE CON PRECISIONE A TUTTE LE SUE DOMANDE IN MODO CHE I MEZZI DI SOCCORSO ARRIVINO GIÀ PRONTI PER AFFRONTARE LA SITUAZIONE. DISPORRE CHE QUALCUNO ATTENDA I MEZZI DI SOCCORSO PER INDICARE LORO LE INFORMAZIONI AGGIUNTIVE.

14 3. ULTERIORI PROCEDURE SPECIFICHE 3.1INCENDIO In caso di incendio: Non allarmare gli altri con grida di aiuto. Avvisare il responsabile della sicurezza o un preposto. Chiudere le finestre eventualmente rimaste aperte. Staccare la luce e le apparecchiature elettriche in funzione. Prendere il proprio abito ed allontanarsi seguendo i cartelli per le vie di emergenza. L'ultima persona presente nella stanza si ricordi di chiudere sempre la porta, per evitare la propagazione delle fiamme. Se esiste un principio d'incendio nel proprio locale, tentare di spegnerlo utilizzando l'estintore più vicino al proprio ufficio. In caso negativo, abbandonare la zona seguendo le indicazioni già citate. Non usare mai l'acqua per tentare di spegnere l'incendio, in quanto il getto può interessare componenti o parti elettriche in tensione e non più isolate a causa del calore; se l'incendio è ancora di modesta entità, si può tentare di spegnerlo con l'estintore* (dopo comunque aver fatto allontanare gli alunni); qualora non si riuscisse a farlo in cinque minuti, seguire celermente le norme di evacuazione su esposte allertando telefonicamente: 1. i Vigili del Fuoco 2. Il Pronto Soccorso Sanitario in caso che vi siano persone ustionate o intossicate Se il fumo rende impraticabili le vie di fuga, restare nell'aula chiudendo la porta ed ogni altra apertura. *Per azionare l'estintore, staccarlo dalla parete, rovesciarlo appoggiandolo a terra, dirigere l'uscita del getto verso la base delle fiamme, tirar via l'anellino di metallo posto sulla destra ed azionare la leva di funzionamento; ricordare che le strutture del fabbricato sono resistenti al fuoco e non c'è motivo quindi di farsi prendere dal panico. E' APPENA IL CASO DI NOTARE CHE E' TASSATIVAMENTE PROIBITO FUMARE NEI LOCALI SCOLASTICI, NELLE LORO PERTINENZE E NELLE LORO IMMEDIATE VICINANZE.

15 3.2 FUGA DI GAS Occorre innanzitutto spegnere ogni fiamma libera eventualmente accesa nell'ambiente o negli ambienti adiacenti, aprire immediatamente tutte le finestre e, mentre si procede all'evacuazione, chiudere l'interruttore generale del gas e quello della corrente elettrica. Telefonare all'azienda erogatrice del gas e ai Vigili del Fuoco. 3.3 ALLAGAMENTO A seconda della natura dell'allagamento, cercare di neutralizzare la sua fonte, chiudendo comunque l'interruttore dell'energia elettrica per evitare folgorazioni impreviste; se questo tipo di emergenza è dovuto ad alluvione, porre gli alunni in posizione il più possibile sopraelevata e chiamare soccorso con ogni mezzo; se invece è dovuta a perdita da tubature, chiudere il rubinetto generale dell'acqua. Procedere, se del caso e se possibile, all'evacuazione degli alunni e del personale presente nell'edificio; telefonare ai Vigili del Fuoco e, se il caso lo richiede, all'azienda erogatrice dell'acqua. Prima che i locali siano dichiarati agibili nuovamente, assicurarsi che i pavimenti siano asciutti e non scivolosi e verificare che i quadri elettrici, le scatole di derivazione o le prese di corrente non siano stati raggiunti dall'acqua e siano quindi ancora umidi. 3.4 AZIONE CRIMINOSA Se vi è allarme bomba, far evacuare immediatamente l'edificio, telefonare alle forze dell'ordine e rinunciare a priori ad ogni iniziativa di ricerca per individuare l'ordigno. Per altri tipi di possibili azioni criminose, si ricorda l'osservanza della norma per la quale "durante le lezioni l accesso alle aule è inibito agli estranei e ai genitori non autorizzati. L ingresso dell edificio scolastico dovrà sempre essere sorvegliato dal personale ausiliario addetto a ciò; potranno aver accesso solo: 1. i rappresentanti commerciali e il pubblico i quali, però, potranno avere contatti solo con la segreteria 2. i genitori autorizzati che ne abbiano fatto richiesta per motivi strettamente inerenti le loro funzioni; 3. I genitori eletti negli Organi Collegiali o nelle Commissioni scolastiche; 4. i genitori o estranei espressamente invitati per svolgere o affiancare attività scolastiche o parascolastiche, appositamente autorizzati;

16 3.5 INFORTUNIO / MALORE Dopo aver prestato i primi soccorsi, si consulterà il n. 118 o il locale Pronto Soccorso richiedendo, in caso, un intervento d'urgenza e avvisando quindi la famiglia dell'infortunato di quanto accaduto; l'eventuale trasporto al Pronto Soccorso, fino all'emissione di una diagnosi e dell'eventuale provvedimento di ricovero, dovrà avvenire alla presenza di un rappresentante dell'amministrazione Scolastica. Se si tratta di infortunio capitato ad un alunno, si richiama il dovere dell'insegnante ad una stretta sorveglianza della classe, prevenendo, per quanto possibile, eventuali incidenti derivanti dal comportamento degli alunni. Durante l ordinaria attività lavorativa ed anche in occasione di un evento sinistroso può accadere che qualcuno possa restare vittima di incidente o subire un malore momentaneo. In attesa di un soccorso qualificato (medico, ambulanza, Pronto Soccorso Ospedaliero) le persone opportunamente addestrate presenti nell edificio aziendale possono prestare un primo soccorso ed assistenza all infortunato usando materiali e mezzi disponibili al momento dell incidente. Si riportano di seguito alcuni incidenti che più frequentemente si possono verificare all interno di una unità produttiva durante la normale attività ed anche in situazioni di emergenza. GENERALITÀ Se qualcuno subisce un infortunio, si è tenuti a darne avviso al diretto responsabile del primo soccorso sanitario. La persona competente effettuerà una prima medicazione utilizzando i contenuti della cassetta di pronto intervento, lasciando ai sanitari qualificati il compito di una più risoluta ed efficace medicazione. In caso di folgorazioni: dapprima interrompere la corrente; qualora ciò non sia possibile, distaccare il malcapitato dalla sorgente elettrica utilizzando un corpo non conduttore (legno per esempio). Praticare immediatamente la rianimazione corporea agendo sul torace. In caso di ferite profonde con emorragia esterna: pulire subito la ferita, tamponare il flusso con bende e ridurre l afflusso sanguigno con una contenuta fasciatura della zona ferita. Per distorsioni, strappi e lussazioni: applicare una fasciatura rigida ma non stringente. Lasciare l infortunato nella posizione di minor dolore ed attendere l arrivo del soccorso esterno. In caso di svenimenti: non tentare di sollevare l infortunato; è preferibile distenderlo tenendo le gambe sollevate rispetto la posizione della testa. Per svenimenti in posizione seduta piegare la testa fra le ginocchia. Non soffocare l infortunato con la presenza di più persone e ventilare.

17 In caso di convulsioni: tenere l infortunato in posizione orizzontale con la testa girata su un fianco per evitare vomiti e probabili soffocamenti. Chiamare subito un soccorso esterno. In caso di inalazioni di fumi: senza mettere a repentaglio la propria incolumità, mettere in salvo l infortunato allontanandolo dall ambiente contaminato dai fumi (spesso tossici). Se l infortunato è incosciente ma respira, disporlo in posizione laterale di sicurezza. Se respira con difficoltà o non respira, praticare la respirazione artificiale. Se l infortunato è lievemente ustionato (1 grado) applicare la pomata disponibile nella cassetta di pronto intervento e coprire la zona con un panno pulito ed umido. In caso di grandi ustioni (2 e 3 grado): raffreddare le parti con acqua fredda. Non tentare di rimuovere lembi di tessuto bruciati ed attaccati alla pelle. Sfilare delicatamente anelli, braccialetti, cinture, orologi o abiti intorno alla parte ustionata prima che inizi a gonfiare. Applicare i medicamenti disponibili nella cassetta di pronto soccorso. Evitare di applicare sostanze oleose e grasse, ma ricoverare l infortunato in Centri specializzati. In caso di ferimenti alla testa: se l incidente è accompagnato anche da perdita di conoscenza e/o sbandamenti e sonnolenza si può ipotizzare anche un trauma cranico. In questi casi non cercare di sollevare l infortunato, ne dargli da bere, ma chiamare subito il Soccorso Sanitario Pubblico. In caso di lesioni da schiacciamento: arrestare ogni eventuale emorragia e trattare tutte le ferite con i medicamenti disponibili nella cassetta di pronto soccorso. Se l arto può essere liberato subito rimuovere il peso che lo comprime; qualora l arto dovesse rimanere schiacciato per più di 30 minuti, attendere il soccorso medico prima di estrarlo o, per estrema necessità, apporre un laccio tra la parte schiacciata e la radice dell arto prima della rimozione del peso che comprime. Quando possibile le lesioni da schiacciamento devono essere lasciate scoperte. Se l infortunato perde conoscenza ma respira, va messo in posizione laterale di sicurezza; se si arresta il battito cardiaco e la respirazione, praticare immediatamente la rianimazione. Riferire sempre al personale del soccorso medico la durata dello schiacciamento. Trasporto di persona disabile o incapace di mobilità propria di evacuazione: in caso di evacuazione se nell ambiente da abbandonare è presente una persona disabile o che momentaneamente (per panico, svenimento ecc.) non sia in grado di muoversi si può tentare un trasporto improvvisato con uno o più soccorritori e con diversi metodi: Trasporto di persona disabile o incapace di mobilità propria di evacuazione In caso di evacuazione se nell ambiente da abbandonare è presente una persona disabile o che momentaneamente (per panico, svenimento ecc.) non sia in grado di muoversi si può tentare un trasporto improvvisato con uno o più soccorritori e con diversi metodi:

18 1. METODO DELLA STAMPELLA UMANA È utilizzata per reggere un infortunato cosciente capace di camminare se assistito. Questo metodo non può essere usato in caso di impedimenti degli arti superiori dell infortunato. 2. METODO DELLA SLITTA Consiste nel trascinare l infortunato dal suolo senza sollevarlo. 3. METODO DEL POMPIERE Si ricorre a questo metodo quando il soccorritore vuole mantenersi sempre disponibile almeno una mano per compiere altre operazioni durante l evacuazione (esempio: aprire/chiudere una porta, trasportare altri oggetti). Aiutare l infortunato ad alzarsi. Se è incapace di alzarsi mettersi in piedi davanti alla testa e sollevare l infortunato utilizzando le braccia intorno le ascelle di quest ultimo. Afferrare il polso dell infortunato con la mano dello stesso lato e caricare la propria spalla con il corpo dell infortunato a livello della zona addominale. Mettere l altro braccio tra o intorno alle gambe del trasportato.

19 Dopo aver prestato i primi soccorsi, si consulterà il n. 118 o il locale Pronto Soccorso richiedendo, in caso, un intervento d'urgenza e avvisando quindi la famiglia dell'infortunato di quanto accaduto; l'eventuale trasporto al Pronto Soccorso, fino all'emissione di una diagnosi e dell'eventuale provvedimento di ricovero, dovrà avvenire alla presenza di un rappresentante dell'amministrazione Scolastica. Se si tratta di infortunio capitato ad un alunno, si richiama il dovere dell'insegnante ad una stretta sorveglianza della classe, prevenendo, per quanto possibile, eventuali incidenti derivanti dal comportamento degli alunni. 3.6 TERREMOTO PRIMA: E' opportuno che ogni addetto, docente, non docente prenda visione, del piano di evacuazione predisposto al fine di acquisire per se e soprattutto per gli alunni quel tanto di autosufficienza personale ed insieme collettiva che dovrebbe portare ad una modalità di comportamento utile ed adeguato ad una situazione d'emergenza. Naturalmente, per fronteggiare l'emergenza, anche i docenti debbono essere messi in grado di saper coordinare i loro interventi, il che significa che tali interventi non possono essere una iniziativa spontanea, provocata dal contesto del pericolo, ma debbono essere il risultato di un certo numero di esercitazioni con gli addetti alla protezione civile. DURANTE: Non allarmare gli altri con grida di aiuto Non uscire dall'aula ed evitare di precipitarsi disordinatamente all'esterno Ripararsi sotto i banchi o negli angoli dell'aula o sotto gli architravi delle porte. DOPO: Portare gli alunni ordinatamente nell'area prescelta per l'emergenza che deve essere peraltro ben noto ai genitori degli alunni, per evitare, almeno nel periodo di prima emergenza, l'accorrere angoscioso dei genitori verso la scuola. In tale operazione il professore del momento sarà coadiuvato da quattro alunni prescelti all'interno della classe con funzione di apri fila e chiudi fila. Il docente dovrà controllare attraverso il registro dl classe che tutti gli alunni rispondano all'appello riportando il risultato nell'apposito modulo allegato al registro stesso.

20 In caso di assenza di qualche alunno, immediatamente dovrà darsi comunicazione al gruppo operativo di prima emergenza Annotare i nominativi degli alunni che vengano prelevati dai rispettivi genitori. 3.7 NUBE TOSSICA Rifugiarsi in ambienti coperti, chiudendo immediatamente porte e finestre sigillandole con nastro adesivo o stracci bagnati; disattivare eventuali sistemi di condizionamento e di ventilazione e respirare ponendo un panno, fazzoletto o straccio bagnato sul viso. Allertare i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile ed attendere l'arrivo dei soccorsi. Copia del presente piano sarà distribuito a tutto il personale docente, non docente ottemperanza alle disposizioni di legge sull'informazione e formazione. in

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014

INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Piano di esodo INFORMATIVA SULLA SICUREZZA AI SENSI DEL D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Anno scolastico 2013/2014 Il piano di emergenza deve essere predisposto per ogni luogo di lavoro. Per luoghi di lavoro di

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008 Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Scuola elementare G.Marconi Via Val Di Cecina (Li) Tel. (0586) 660133 e-mail : marconi@circolodidattico-cecinamare.it FUNZIONE Datore di lavoro Preposto

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Via Sforza, 6 57023 (Li) Tel. (0586) 620.167 Fax (0586) 620.565 e-mail : info@collodicecinamare.it liee06100b@istruzione.it segreteria@collodicecinamare.it

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE LOGO DELLA SOCIETA PARTE III ESEMPIO DI PROCEDURA PER PIANO DI ED EVACUAZIONE Ediz.: Rev. : del: Pagina: 1 di 13 N OME SOCIETÀ PIANO DI ED EVACUAZIONE Dispensa a cura del relatore PIANO DI ED EVACUAZIONE

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013 BUONE NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. PROCEDURE DI EVACUAZIONE. IL PRESENTE MANUALE DEVE ESSERE CONSERVATO ALL INTERNO DI OGNI REGISTRO DI CLASSE (INSIEME AL MODULO DI EVACUAZIONE),

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE

COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE COORDINATORI: ATTIVITA DA SVOLGERE Allo scopo di ottenere una più adeguata conoscenza dell ambiente di lavoro/studio, soprattutto per i nuovi allievi, e di attivare i necessari automatismi nelle operazioni

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello Studio Tecnico Si.En.A.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa

PIANO DI EVACUAZIONE Premessa PIANO DI EVACUAZIONE Premessa In caso di emergenza la struttura organizzativa deve essere in grado di reagire rapidamente e nel modo più uniforme possibile per fronteggiare il pericolo. Il Piano di Emergenza

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO ISTITUTO COMPRENSIVO CASTIGLIONE MESSER MARINO - CARUNCHIO Piazza della Repubblica, 8 66033 PIANO DI EMERGENZA Ai sensi del D.Lgs 81/2008 e D.M. 10/03/1998 Revisione 02 Del 28/01/2015 CSA Group s.r.l.

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. DE PETRA Via San Nicola, n 34 66043 CASOLI (CH)

ISTITUTO COMPRENSIVO G. DE PETRA Via San Nicola, n 34 66043 CASOLI (CH) ISTITUTO COMPRENSIVO G. DE PETRA Via San Nicola, n 34 66043 CASOLI (CH) PIANO DI EMERGENZA Ai sensi del D.Lgs 81/2008 e D.M. 10/03/1998 Revisione 02 Del 08/10/2013 CSA Group s.r.l. Via Selva Piana 98-66043

Dettagli

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI I docenti non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni e devono pertanto: sorvegliare gli alunni conoscere e informare gli alunni loro affidati sulle

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA PIANO DI GESTIONE EMERGENZA (ai sensi del D.lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) Direzione Didattica 3 Circolo di Limbiate Via Renato Cartesio, 12 20051 Scuola d Infanzia Via Filippo Turati, 38 1 Indice 1. Scopo...3

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi

Informazioni base per la sicurezza nell ambiente scolastico. Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Statale Vito Capialbi Liceo Musicale - Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane - opz. Economico Sociale Via S. Ruba snc * 89900 VIBO VALENTIA * Cod.Mecc. VVPM01000T 0963/592415 * Fax 0963/991310

Dettagli

Ottemperare ad un obbligo di legge

Ottemperare ad un obbligo di legge Ottemperare ad un obbligo di legge Cultura della sicurezza (le prove di evacuazione iniziano a scuola e continuano nel mondo del lavoro) Il comportamento del docente deve essere da esempio per i ragazzi

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli