PROCEDURE OPERATIVE NEL PROCESSO TRASFUSIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURE OPERATIVE NEL PROCESSO TRASFUSIONALE"

Transcript

1 PROCEDURE OPERATIVE NEL PROCESSO TRASFUSIONALE Giorgio Gandini Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona

2 COMITATO PER IL BUON USO DEL SANGUE Deliberazione del Direttore Generale 20 marzo 1996, prot N 449

3 RACCOMANDAZIONI PER LA TRASFUSIONE DI CONCENTRATI ERITROCITARI (CE) Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati 1 a Ed 2008 GRADI DI RACCOMANDAZIONE (GRD) 1A GDR forte Si può applicare alla maggior parte dei pazienti nella maggior parte delle circostanze 1C+ GDR forte Si può applicare alla maggior parte dei pazienti nella maggior parte delle circostanze 1B 1C 2A GDR forte GDR di forza intermedia GDR di forza intermedia Probabilmente applicabile alla maggior parte dei pazienti Può essere cambiata nel caso si renda disponibile un evidenza più forte La migliore azione può essere diversa secondo le circostanze o i valori del paziente 2C+ GDR debole La migliore azione può essere diversa secondo le circostanze o i valori del paziente 2B 2C GDR debole GDR molto debole Approcci alternativi probabilmente sono migliori in certi pazienti e in certe circostanze Altre scelte possono essere ugualmente ragionevoli Scuola di Specializzazione in Medicina Interna Dipartimento Interaziendale Verona di Medicina 10/04/2013 Trasfusionale

4 COMITATO PER IL BUON USO DEL SANGUE Il Processo Trasfusionale - Procedura operativa, 5 giugno 2007

5

6

7 IL PROCESSO TRASFUSIONALE PROCEDURA OPERATIVA 1. Cartella trasfusionale 2. Consenso informato del ricevente 3. Richiesta di esami di Immunoematologia eritrocitaria 4. Richiesta di sangue ed emocomponenti 5. Campione ematici del ricevente 6. Accettazione richieste e prove pre-trasfusionali 7. Consegna del sangue, trasporto e conservazione delle unità 8. Restituzione di emocomponenti non trasfusi 9. Trasfusione del sangue e degli emocomponenti 10. Segnalazione di Reazioni trasfusionali avverse 11. Tracciabilità della trasfusione

8 1. CARTELLA TRASFUSIONALE Il Processo Trasfusionale La Cartella Trasfusionale deve essere accuratamente compilata Nella Cartella Trasfusionale devono essere posizionati 1. Il Consenso alla trasfusione 2. I referti dei test immuno-ematologici 3. La copia delle richieste di sangue ed emocomponenti 4. Il diario trasfusionale 5. I moduli relativi ad eventuali reazioni avverse 1. La Cartella Trasfusionale non va gestita come un semplice supporto per le registrazioni ma deve essere uno strumento di lavoro che va usato sistematicamente al letto del paziente allo scopo di garantire la corretta identificazione del paziente stesso e la registrazione immediata degli eventi trasfusionali.

9 2. CONSENSO INFORMATO ALLA TRASFUSIONE Il Processo Trasfusionale: Allegato 5 D.M. 3 marzo 2005, art Il ricevente la trasfusione di sangue o di emocomponenti e/o la somministrazione di emoderivati, preventivamente informato che tali procedure possono non essere comunque esenti da rischio, è tenuto ad esprimere per iscritto il proprio consenso o dissenso. Il Processo Trasfusionale 1. Informazione chiara e comprensibile Rischi e benefici della terapia trasfusionale Eventuali alternative possibili Rischi connessi alla mancata effettuazione della terapia trasfusionale 2. Consenso Modulo conforme al modello consigliato dal D.M. Generalità del Medico che fornisce le informazioni Firma del candidato alla trasfusione Conservato nella cartella trasfusionale

10 3. RICHIESTA DI ESAMI DI IMMUNOEMATOLOGIA Il Processo Trasfusionale 6.1 Richiesta di gruppo sanguigno e ricerca anticorpale 1. Si raccomanda che la richiesta sia effettuata di routine al momento del ricovero per tutti i pazienti in cui si configuri anche con bassa probabilità la necessità di trasfusione. 2. Nel caso non sia stata effettuata al momento del ricovero, la richiesta va fatta non appena si presenti concretamente la possibile necessità di trasfusione. 3. Di norma la richiesta va fatta nell ambito della routine e quindi portata al SIT nei giorni non festivi dal lunedì al sabato, tra le ore 7 e le Nel caso di urgenza o emergenza reale potrà essere inviata al SIT in qualunque momento, 24 ore su 24.

11 4. RICHIESTA DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale: Allegato 2 D.M. 3 marzo 2005, art La richiesta di sangue e/o emocomponenti, contenente le generalità del paziente e l indicazione alla trasfusione, deve essere firmata dal medico su apposito modulo fornito dalla struttura trasfusionale o su propria carta intestata o su quella della struttura di degenza del ricevente. 4. La struttura trasfusionale predispone una procedura documentata per la valutazione dell appropriatezza delle richieste Il Processo Trasfusionale 1. Responsabilità della richiesta Atto medico 2. La richiesta deve assicurare Corretta identificazione del ricevente Adeguati livelli di sicurezza trasfusionale Congruenza dell intervento clinico agli standard terapeutici Adeguata documentazione dell atto medico effettuato Copia conservata nella cartella trasfusionale

12 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE D.M. 3 marzo 2005 D.M. 3 marzo 2005, art La richiesta di sangue e/o di emocomponenti deve essere di norma accompagnata da un campione di sangue del ricevente 3. Il campione deve essere contrassegnato in modo da consentire l identità del soggetto cui appartiene e firmato dal responsabile del prelievo. D.M. 3 marzo 2005, art. 12 Sicurezza trasfusionale Ai fini della prevenzione degli errori trasfusionali, nelle fasi di prelievo dei campioni per le indagini pretrasfusionali e al momento della trasfusione devono essere adottate procedure di sicura identificazione del paziente, delle unità trasfusionali e dei campioni di sangue. D.M. 3 marzo 2005, art. 14 Tutti 4. Tutti i campioni i campioni di sangue di sangue diretti diretti alla alla tipizzazione eritrocitaria, tipizzazione alla eritrocitaria, ricerca di alloanticorpi alla ricerca di alloanticorpi irregolari, alla esecuzione delle irregolari, prove di alla compatibilità, esecuzione delle devono prove essere di compatibilità, perfettamente devono identificabili essere perfettamente e firmati dal identificabili responsabile e firmati del prelievo. dal responsabile del 3. i campioni di sangue del ricevente e quelli prelievo. I campioni di sangue del ricevente e relativi ad ogni unità trasfusa vengono quelli conservati relativi ad per ogni sette unità giorni trasfusa dopo la vengono conservati trasfusione. per sette giorni dopo la trasfusione. D.M. 3 marzo 2005, art B) Determinazione del gruppo ABO e del tipo Rh del ricevente: nelle procedure non urgenti e ove le condizioni cliniche lo consentano la determinazione del gruppo ABO e del tipo Rh deve essere effettuata su due campioni di sangue prelevati in due momenti diversi.

13 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE Il Processo Trasfusionale Il prelievo viene di norma effettuato dall infermiere (in alternativa dal Medico) 2. Tutta la procedura deve essere effettuata separatamente per ciascun paziente 3. Sul porta-provette vanno posizionate le provette relative ad un solo paziente 4. Va seguito in maniera dettagliata il flusso operativo previsto dal protocollo NOTE AGGIUNTIVE 1. E opportuno che ogni prelievo venga effettuato mediante nuova veni-puntura per evitare diluizione o inquinamento del campione 2. Nel caso di prelievo da catetere venoso già posizionato procedere ad accurato lavaggio con fisiologica ed eliminazione della prima parte del prelievo 3. Nel caso di mancanza delle etichette prestampate: compilare a penna, in stampatello ben leggibile

14 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE Il Processo Trasfusionale INFERMIERE SI RECA AL LETTO DEL PAZIENTE CON: 1. Cartella Trasfusionale 2. Modulo richiesta esami o emocomponenti (compilato, etichettato e firmato) 3. Etichette prestampate del paziente (con nosografica in chiaro e barcode) 4. Provette tappo lilla 6 ml, vuote e non etichettate e portaprovette 5. Materiale necessario per la venipuntura 3. INFERMIERE PROCEDE AL PRELIEVO EMATICO 1. Applica sulle provette le etichette identificative del paziente 2. Procede immediatamente al prelievo ematico (6 ml in provetta tappo lilla) 3. Verifica nuovamente la corrispondenza dei dati anagrafici etichette / paziente 4. Completa l etichetta con data e ora di prelievo (ore e minuti) 5. Firma l etichetta identificativa del campione 6. Compila la quarta facciata della Cartella Trasfusionale (se richiesti gruppo e TAI) 7. Compila il riquadro (prelievo effettuato il.) della richiesta di emocomponenti 2. INFERMIERE IDENTIFICA IL PAZIENTE CONFRONTANDO: 1. Dati anagrafici dichiarati attivamente dal paziente o riferiti dai familiari 2. Dati anagrafici presenti sul braccialetto identificativo 3. Dati anagrafici presenti sulla Cartella Trasfusionale e sul Modulo di richiesta 4. Dati anagrafici presenti sulle etichette identificative prestampate 4. RICHIESTA CONTEMPORANEA DI GRUPPO SANGUIGNO E DI EMOCOMPONENTI 1. Nel caso di richiesta contemporanea di gruppo sanguigno e di emocomponenti, devono essere effettuati due prelievi distinti, in due momenti diversi, seguendo per due volte la procedura di prelievo sopra descritta 2. Compatibilmente con l organizzazione dell unità operativa, i due prelievi dovrebbero essere effettuatati da due distinti operatori

15 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE Il Processo Trasfusionale 6.3 GESTIONE DELLA RICHIESTA CONTEMPORANEA DI GRUPPO SANGUIGNO E DI EMOCOMPONENTI RICHIESTA NON URGENTE Campioni per gruppo e crociate prelevati in momenti diversi Campioni per gruppo e crociate prelevati contemporaneamente 1ª provetta Determinazione gruppo 1ª provetta Determinazione gruppo 2ª provetta Controllo gruppo Prova crociata Richiesta nuovo campione Non conformità

16 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE Il Processo Trasfusionale 6.3 GESTIONE DELLA RICHIESTA CONTEMPORANEA DI GRUPPO SANGUIGNO E DI EMOCOMPONENTI RICHIESTA URGENTE Campioni per gruppo e crociate prelevati in momenti diversi Campioni per gruppo e crociate prelevati contemporaneamente RICEVENTE NOTO AL SIT 1ª provetta Determinazione gruppo 1ª provetta Determinazione gruppo 2ª provetta Controllo gruppo Prova crociata 2ª provetta Controllo gruppo Prova crociata

17 5. CAMPIONE DI SANGUE DEL RICEVENTE Il Processo Trasfusionale 6.3 GESTIONE DELLA RICHIESTA CONTEMPORANEA DI GRUPPO SANGUIGNO E DI EMOCOMPONENTI RICHIESTA URGENTE Campioni per gruppo e crociate prelevati contemporaneamente RICEVENTE SCONOSCIUTO AL SIT 1ª provetta Determinazione gruppo Assegnazione GR O PFC AB Non disponibile Assegnazione GR omogruppo PFC omogruppo Disponibile 2ª provetta Controllo gruppo Prova crociata Richiesta di nuovo campione per controllo gruppo (prelevato in momento diverso)

18 6. ACCETTAZIONE DI RICHIESTE E CAMPIONI Il Processo Trasfusionale RICHIESTA URGENTISSIMA DI CONCENTRATO ERITROCITARIO 1. Accettazione dal SIT 24 ore su Consegna immediata di O neg ccdee, Kell neg 3. Immediato allestimento, se campione disponibile, dei test immunoematologici RICHIESTA URGENTE DI CONCENTRATO ERITROCITARIO 1. Accettazione dal SIT 24 ore su Evasa non appena completate le prove di compatibilità (30 40 minuti) 3. Le unità non evase vengono riservate fino alle ore 8 del mattino successivo RICHIESTA PROGRAMMATA DI CONCENTRATO ERITROCITARIO 1. Modalità di invio della richiesta: Trasfusione programmata: mattinata del giorno previsto per la trasfusione Intervento chirurgico: mattina del giorno feriale precedente l intervento (< 72 ore) 2. Le unità vengono riservate fino alle ore 8 del mattino successivo RICHIESTA DI PLASMA O CONCENTRATO PIASTRINICO 1. Richiesta urgente o programmata (plasma: scongelato su indicazione specifica) 2. Plasma: lo scongelamento richiede minuti (non può essere ricongelato) 3. Piastrine: consegna immediata, compatibilmente con le scorte

19 6. ACCETTAZIONE DI RICHIESTE E CAMPIONI Il Processo Trasfusionale 6.4 TECNICO DEL SIT Il tecnico del SIT addetto all accettazione valuta richiesta e relativo campione ematico in merito alla corretta compilazione, alla completezza dei dati anagrafici e nosologici, e alla correttezza del prelievo. MEDICO DEL SIT Il medico del SIT procede alla valutazione dell appropriatezza della richiesta. GESTIONE DELLE NON CONFORMITA GESTIONE DELLE RICHIESTE NON CONFORMI 1. Incompletezze o imprecisioni minori 2. Incompletezze o imprecisioni maggiori GESTIONE DEI CAMPIONI NON CONFORMI 1. Incompletezze o imprecisioni minori 2. Incompletezze o imprecisioni maggiori SCELTA DEL PRODOTTO COMPATIBILE 1. Tipologia emocomponente (es. leucodepleto, irradiato, deplasmizzato, ecc.) 2. Caratteristiche immuno-ematologiche: gruppo ABO, tipo Rh fenotipo Rh, K altri antigeni

20 6. PROVE DI COMPATIBILITA PRE-TRASFUSIONALI D.M. 3 marzo 2005 D.M. 3 marzo 2005 art. 14 comma 1 La struttura trasfusionale predispone una procedura documentata per l assegnazione di sangue ed emocomponenti che garantisca presso la struttura l esecuzione di indagini idonee ad accertare la compatibilità fra donatore e il ricevente. PROCEDURA DIMT Fasi preliminari 1. Identificazione del ricevente e dei relativi campioni di sangue 2. Consultazione degli archivi del Servizio Trasfusionale 1. Selezione del prodotto compatibile Prove di compatibilità 2. Controllo del gruppo AB0-D sul sangue del ricevente 3. Ricerca degli anticorpi irregolari nel sangue del ricevente 4. Prova di compatibilità tra ricevente e donatore 1. Registrazioni delle prove di compatibilità Registrazioni 2. Etichettatura dell emocomponente 3. Assegnazione emocomponente

21 7. CONSEGNA, TRASPORTO E CONSERVAZIONE Il Processo Trasfusionale 6.7 MODULO DI RITIRO 1. Etichetta prestampata con i dati identificativi del paziente in chiaro e in codice a barre 2. Prescrizione del Medico del tipo e del numero di emocomponenti da ritirare 3. Data, ora, firma. FRIGORIFERO PORTATILE Data Ora Firma...

22 7. CONSEGNA, TRASPORTO E CONSERVAZIONE Il Processo Trasfusionale 6.7 TECNICO DEL SIT 1. Effettua le verifiche preliminari Verifica corrispondenza dati tra richiesta, modulo ritiro, registrazioni informatiche SIT Abbinamento modulo di ritiro e modulo richiesta 2. Procede alla consegna delle unità Prelievo da frigoemoteca delle unità assegnate e loro controllo ispettivo Consegna unità assegnate tramite il sistema informatico del SIT (controllo corrispondenza dei dati e registrazione) Stampa etichette per registro di scarico e stampa modulo di consegna Inserimento delle unità e modulo di consegna in sacchetto trasparente Allestimento frigorifero portatile 3. Effettua registrazioni Applicazione etichetta di consegna su Registro di Scarico Firma Registro di scarico: tecnico SIT e incaricato del ritiro ALLESTIMENTO FRIGORIFERO 1. Trasporto di SI autologo o CE Allestimento del frigorifero portatile subito prima della consegna da parte del tecnico SIT Posizionare nell ordine: 3 piastre congelate, telino in triplo strato, Unità da consegnare Chiusura immediata e consegna all incaricato del trasporto 2. Trasporto di PFC o CP Allestimento del frigorifero subito prima della consegna da parte del Tecnico del SIT Posizionare nell ordine: telino in triplo strato, Unità Chiusura immediata e consegna all incaricato del trasporto INCARICATO RITIRO 1. Con firma Registro di Scarico prende in carico le Unità 2. E responsabile del loro corretto trasporto 3. Consegna emocomponenti a Reparto o Sala operatoria nel più breve tempo possibile 4. Non deve aprire il frigorifero portatile (l apertura avviene in Reparto o in Sala) 5. Deve dare immediata comunicazione al SIT o al Reparto di eventuali disguidi

23 7. CONSEGNA, TRASPORTO E CONSERVAZIONE Il Processo Trasfusionale E assolutamente vietato riporre gli emocomponenti in contenitori o luoghi non autorizzati

24 8. RESTITUZIONE EMOCOMPONENTI NON TRASFUSI Il Processo Trasfusionale 6.9 ROSSI PAOLO ROSSI PAOLO

25 9. TRASFUSIONE SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale 6.10 Considerazioni generali 1. La trasfusione è un atto medico. E il Medico che: Stabilisce la necessità di effettuare la trasfusione Procede all effettuazione della trasfusione, con la collaborazione dell Infermiere 2. Momenti di massima criticità: Corretta identificazione del paziente e degli emocomponenti assegnati Controllo di congruenza di gruppo sanguigno tra paziente ed emocomponenti Controllo del tipo di emocomponente e del codice identificativo Procedura di sicurezza: Doppio controllo 1. Identificazione di paziente/emocomponenti. Rif. Manuale Il Buon Uso del Sangue pag 78 Doppio controllo al letto del paziente di due operatori: Medico e Infermiere Registrazioni e firme sui moduli di entrambi gli operatori 2. Eventuali deroghe alla procedura di sicurezza Solo in caso di grave e comprovata urgenza terapeutica Deroga autorizzata almeno verbalmente dal Medico responsabile Deroga registrata tempestivamente in cartella trasfusionale dal Medico responsabile La procedura di sicurezza va applicata in toto per ogni unità

26 9. TRASFUSIONE SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale MEDICO E INFERMIERE 1. Si recano al letto del paziente portando: cartella trasfusionale, unità da trasfondere (previo controllo ispettivo: integrità del contenitore, aspetto, colore, presenza di coaguli ), foglio di accompagnamento, dispositivi per la trasfusione ROSSI PAOLO 2. MEDICO 1. Valuta le condizioni generali del paziente, controlla e registra negli appositi spazi del diario trasfusionale: pressione arteriosa, frequenza cardiaca, temperatura corporea ROSSI PAOLO 3. INFERMIERE 1. Identifica il paziente, confrontando i dati anagrafici dichiarati attivamente (se sveglio) o dai familiari (se presenti) con i dati presenti sul braccialetto identificativo 2. Confronta i dati appena controllati con i dati anagrafici e nosologici del paziente presenti nella cartella trasfusionale, nel foglio di accompagnamento delle unità, sull etichetta di assegnazione presente sulla sacca di emocomponente

27 4. MEDICO 9. TRASFUSIONE SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale Ripete i medesimi controlli effettuati dall infermiere 2. Controlla la compatibilità gruppo paziente / gruppo unità da trasfondere 3. Stacca dal foglio di accompagnamento l etichetta adesiva corrispondente 4. Applica l etichetta adesiva nell apposito spazio sul diario trasfusionale ROSSI PAOLO 5. INFERMIERE E MEDICO 1. Firmano per avvenuto controllo sul diario trasfusionale 6. INFERMIERE 1. Procede all infusione dell emocomponente 2. Regola il flusso di infusione emocomponente (1 ml/min per i primi minuti e poi 3-4 ml /min in assenza di reazioni o eventi avversi) 3. Sorveglia il paziente (sorveglianza particolarmente attenta nella fase iniziale) 4. Modalità di sorveglianza: stato generale, PA, FC, colore urine (se catetere) * * *

28 9. TRASFUSIONE SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale MEDICO 1. Al termine della trasfusione verifica stato generale, PAO, FC 2. Registra i dati sul diario trasfusionale e appone la propria firma 3. Indica con SI / NO la comparsa di eventuali reazioni trasfusionali 4. Appone la propria firma nello spazio Firma del medico relativo alla fine trasfusione * * * 8. MEDICO 1. Il Medico che conclude la trasfusione dell ultima unità compila, timbra, data e firma la dichiarazione (in calce al foglio di accompagnamento delle unità) relativa all avvenuta trasfusione e all insorgenza di eventuali reazioni trasfusionali. 2. La mancanza delle etichette adesive, in quanto applicate sul diario trasfusionale, testimonia l avvenuta trasfusione delle unità * * * * * * 9. CAPOSALA 1. Provvede a raccogliere tutti i fogli di accompagnamento degli emocomponenti, ne controlla la compilazione da parte del Medico, li trasmette quotidianamente al SIT

29 9. TRASFUSIONE SANGUE ED EMOCOMPONENTI Il Processo Trasfusionale 6.10 ALCUNI ASPETTI PRATICI 1. Digiuno pre e posttrasfusione 2. Paziente febbrile 3. Durata della trasfusione 4. Numero di unità da ritirare presso il SIT 5. Riscaldamento dei Concentrati Eritrocitari Auspicabile, per quanto possibile, se non compromette la tempestività terapeutica Digiuno o cibi facilmente digeribili, un ora prima e un ora dopo la trasfusione Opportuno evitare la trasfusione in presenza di puntate febbrili non giustificate Effettuare comunque la trasfusione se le condizioni cliniche richiedono tempestività Concentrati Eritrocitari: 1 2 ore (comunque < 4 ore) Concentrati Piastrinici: 30 minuti (comunque < 1 ora) Plasma: 30 minuti (comunque < 1 ora) Solo le unità che si ritiene di trasfondere entro 4 5 ore Eccezione per le Sale Operatorie dotate di frigoemoteca autorizzata Non raccomandato nelle condizioni di routine Può essere opportuno nei seguenti casi: trasfusioni rapide di grandi quantità pazienti con agglutinine fredde ad alto titolo

30 COMUNICAZIONE DI AVVENUTA TRASFUSIONE Il Processo Trasfusionale Allegato 7 D.M. 3 marzo 2005, art Alla struttura trasfusionale deve pervenire documentazione di ogni atto trasfusionale e di eventuali reazioni avverse da parte del medico utilizzatore della terapia stessa Il Processo Trasfusionale Reparti e Servizi: restituzione Modulo Appena possibile (comunque entro 24 ore) Assenza delle etichette adesive: testimonia l avvenuta trasfusione Segnalazione di eventuali reazioni trasfusionali Timbro del Reparto o Servizio firma SIT: registrazione nel sistema gestionale e archiviazione del cartaceo Inserimento dati in sistema informatico SIT Archiviazione definitiva moduli di consegna SIT: Stampa Registro dei moduli di accompagnamento non restituiti Stampa mensile elenco moduli non restituiti Comunicazione al Direttore di ogni Unità operativa e al Caposala

31 10.SEGNALAZIONE DI REAZIONI AVVERSE Il Processo Trasfusionale 6.12 Il Processo Trasfusionale 1. Provvedimenti immediati Immediata interruzione della trasfusione Mantenimento accesso venoso Provvedimenti terapeutici urgenti Eventuali esami di laboratorio e strumentali 2. Segnalazione al Servizio Trasfusionale Immediata segnalazione telefonica Invio modulo di Sospetta Reazione Trasfusionale Invio di due campioni di sangue del ricevente Invio dell unità residua opportunamente confezionata 3. Registrazione in cartella trasfusionale Relazione relativa alla reazione trasfusionale Esito di eventuali esami di Laboratorio e strumentali Relazione effettuata dal Servizio Trasfusionale Riportare nota nella lettera di dimissione

PROCEDURA PER LA SICUREZZA TRASFUSIONALE

PROCEDURA PER LA SICUREZZA TRASFUSIONALE PROCEDURA PER LA SICUREZZA TRASFUSIONALE RGQ DG DG Funz. Firma Funz. Firma Funz. Firma PREPARATO VERIFICATO APPROVATO Stato delle Revisioni della PRO.7.5 Procedura Rev. Data Rev. Data Rev. Data Rev. Data

Dettagli

Compilazione Richiesta Emocomponenti e relativo Consenso Informato INDICE. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato

Compilazione Richiesta Emocomponenti e relativo Consenso Informato INDICE. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato Pag. 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DESCRIZIONE ATTIVITA' Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 11-12-2012 Emissione Dott.ssa

Dettagli

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO. ISTRUZIONE OPERATIVA Assegnazione di Globuli Rossi Concentrati

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO. ISTRUZIONE OPERATIVA Assegnazione di Globuli Rossi Concentrati REV 01 20/04/2014 Pag. 1 di 7 IO-MT-URG-015 INDICE 0. SCOPO 2 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RIFERIMENTI E ABBREVIAZIONI 2 2.1. RIFERIMENTI 7 2.2 ABBREVIAZIONI 3. RESPONSABILITÀ 2 4. MODALITÀ DI GESTIONE

Dettagli

Il Trasporto degli Emocomponenti

Il Trasporto degli Emocomponenti Il Trasporto degli Emocomponenti L esperienza dipartimentale Veronese Augusto Franchetti Scopo della Grida è definire: Le modalità di trasporto di sangue ed emocomponenti omologhi o autologhi: dalle

Dettagli

SIMT-POS 051 Rev 1 GESTIONE DEL CAMPIONE DI SANGUE

SIMT-POS 051 Rev 1 GESTIONE DEL CAMPIONE DI SANGUE 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori: Gasbarri, De Angelis, Rizzo 29/01/2014 11-10-2016 SIMT-POS 051 Rev 1 GESTIONE DEL CAMPIONE DI SANGUE Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

0 Matrice delle revisioni, descrizione modifiche e lista di distribuzione FASE 3b. CONSEGNA EMOCOMPONENTI AD ALTRI CENTRI...

0 Matrice delle revisioni, descrizione modifiche e lista di distribuzione FASE 3b. CONSEGNA EMOCOMPONENTI AD ALTRI CENTRI... Pagina 1 di ASSEGNAZIONE IN URGENZA EMERGENZA Indice 0 Matrice le revisioni, descrizione modifiche e lista di distribuzione... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO D APPLICAZIONE... 3 Pazienti in urgenza emergenza

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 312 DEL 10 MAGGIO 2016 RACCOMANDAZIONI E PROCEDURE PER LA PREVENZIONE DELLE REAZIONI DA INCOMPATIBILITÀ AB0

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 312 DEL 10 MAGGIO 2016 RACCOMANDAZIONI E PROCEDURE PER LA PREVENZIONE DELLE REAZIONI DA INCOMPATIBILITÀ AB0 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 312 DEL 10 MAGGIO 2016 RACCOMANDAZIONI E PROCEDURE PER LA PREVENZIONE DELLE REAZIONI DA INCOMPATIBILITÀ AB0 Recepimento Raccomandazione n.5 Ministero della Salute e D.M. 2

Dettagli

Per l indicazione dei dispositivi di protezione individuale usati dal personale e la gestione dei rifiuti sanitari si rinvia al cap 5.

Per l indicazione dei dispositivi di protezione individuale usati dal personale e la gestione dei rifiuti sanitari si rinvia al cap 5. Capitolo 11 Assegnazione e consegna emocomponenti 1.111.1 Premessa Il processo Assegnazione e consegna emocomponenti è tenuto sotto controllo attraverso le seguenti procedure: Modalita di identificazione

Dettagli

SIMT-POS 049 Rev 1 GESTIONE RICHIESTE URGENTISSIME EMAZIE CONCENTRATE

SIMT-POS 049 Rev 1 GESTIONE RICHIESTE URGENTISSIME EMAZIE CONCENTRATE Prima Stesura Revisione 1 Redattori: Gasbarri, De Angelis, Rizzo 20/03/2014 11-10-2016 SIMT-POS 049 Rev 1 GESTIONE RICHIESTE URGENTISSIME EMAZIE CONCENTRATE Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE...

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 194 DEL 22 MARZO 2016 CONVENZIONE TRA , nella persona del Commissario Straordinario Dott. Vincenzo Viggiani,

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 194 DEL 22 MARZO 2016 CONVENZIONE TRA , nella persona del Commissario Straordinario Dott. Vincenzo Viggiani, ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 194 DEL 22 MARZO 2016 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Commissario Straordinario Dott. Vincenzo

Dettagli

Direzione Medica di Presidio Direzione delle Professioni. Procedura per la Trasfusione del Sangue e degli Emocomponenti

Direzione Medica di Presidio Direzione delle Professioni. Procedura per la Trasfusione del Sangue e degli Emocomponenti POCEDUA ev. 0 Pag. 1/7 Procedura per la Trasfusione del Sangue e degli Emocomponenti 1. Lista di distribuzione...1 2. Emissione...1 3. Scopo...2 4. Campo di applicazione...2 5. iferimenti...2 6. Definizioni...2

Dettagli

PO-TR-004 ACCETTAZIONE RICHIESTA TRASFUSIONALE ASSEGNAZIONE E CONSEGNA EMOCOMPONENTI

PO-TR-004 ACCETTAZIONE RICHIESTA TRASFUSIONALE ASSEGNAZIONE E CONSEGNA EMOCOMPONENTI Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM Udr CQB SGQ BSCS SGA LAB UO CAR CR X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P. A. Accardo 28/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro 06/11/2013 APPROVATO Dott.

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE ED EMODERIVATI. C.P.S.E Cristofori M.Grazia

LA TRASFUSIONE DI SANGUE ED EMODERIVATI. C.P.S.E Cristofori M.Grazia LA TRASFUSIONE DI SANGUE ED EMODERIVATI C.P.S.E Cristofori M.Grazia DM 25/1/2001 LA TRASFUSIONE CORRESPONSABILITA MEDICO INFERMIERE COMPETENZE SPECIFICHE INTEGRATE COMPETENZE MEDICHE E INFERMIERISTICHE

Dettagli

CONVENZIONE TRA , nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico, LA CASA DI CURA OSPEDALE INTERNAZIONALE

CONVENZIONE TRA , nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico, LA CASA DI CURA OSPEDALE INTERNAZIONALE CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico, domiciliato per la carica alla Via Sergio Pansini,

Dettagli

Applicazione emovigilanza nella ASL di Imola. Convegno Imola 4 marzo 2010 Dott. Pietro Fagiani SSD CRS e Immunoematologia

Applicazione emovigilanza nella ASL di Imola. Convegno Imola 4 marzo 2010 Dott. Pietro Fagiani SSD CRS e Immunoematologia Applicazione emovigilanza nella ASL di Imola Convegno Imola 4 marzo 2010 Dott. Pietro Fagiani SSD CRS e Immunoematologia Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene. Diderot Chi siamo La SSD di Imola

Dettagli

Istruzioni Operative Minime Utilizzo Sistema Securblood

Istruzioni Operative Minime Utilizzo Sistema Securblood REGIONE ABRUZZO ASL PESCARA Ospedale Spirito Santo U.O. C. Servizio di Immunoematologia Medicina Trasfusionale- Lab di Ematologia Direttore Dott.ssa Patrizia Accorsi Istruzioni Operative Minime Utilizzo

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 016 Gestione effetti indesiderati gravi o incidenti gravi o near miss.

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 016 Gestione effetti indesiderati gravi o incidenti gravi o near miss. 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 17-04-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare le responsabilità e le modalità operative da adottare per la gestione delle reazioni indesiderati

Dettagli

Istruzioni Operative Minime Utilizzo Sistema Securblood

Istruzioni Operative Minime Utilizzo Sistema Securblood REGIONE ABRUZZO ASL PESCARA Ospedale Spirito Santo U.O. C. Servizio di Immunoematologia Medicina Trasfusionale- Lab di Ematologia Direttore Dott.ssa Patrizia Accorsi Istruzioni Operative Minime Utilizzo

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO G. MARTINO U.O.C. di MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Prof. C. Micali

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO G. MARTINO U.O.C. di MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Prof. C. Micali AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO G. MARTINO U.O.C. di MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Prof. C. Micali LINEE GUIDA DELLE PRESTAZIONI TRASFUSIONALI L.G..n.1 DATA 21/05/10 Indice Pag. ELENCO

Dettagli

La corretta pratica per la terapia trasfusionale

La corretta pratica per la terapia trasfusionale SOMMARIO Pag. 1/12 N par. Titolo P ag. 1. OGGETTO 2 2. SCOPO 2 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 4. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 2 5. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 3 6. DESCRIZIONE ATTIVITÀ E RESPONSABILITÀ 3 7. PARAMETRI

Dettagli

La corretta pratica per la terapia trasfusionale

La corretta pratica per la terapia trasfusionale SOMMARIO Pag. 1/11 N par. Titolo Pag. 1. OGGETTO 2 2. SCOPO 2 3. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 4. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 2 5. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 3 6. DESCRIZIONE ATTIVITÀ E RESPONSABILITÀ 3 7. PARAMETRI

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Gestione della cartella clinica del donatore di sangue ed emocomponenti REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA Gestione della cartella clinica del donatore di sangue ed emocomponenti REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE Dott. Gino Bernuzzi, Dirigente Medico Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale APPROVAZIONE Dott. Alessandro Formentini Dirigente Medico.

Dettagli

ASSEGNAZIONE E DISTRIBUZIONE EMOCOMPONENTI ALLOGENICI

ASSEGNAZIONE E DISTRIBUZIONE EMOCOMPONENTI ALLOGENICI ASSEGNAZIONE E DISTRIBUZIONE EMOCOMPONENTI ALLOGENICI Gli antigeni gruppo-ematici più importanti da un punto di vista immunologico e trasfusionale sono quelli AB0 ed Rh Test pre-trasfusionali Type: determinazione

Dettagli

Modalità di identificazione del paziente International Patient Safety Goals IPSG IPSG. 1 Accuratezza della identificazione del paziente

Modalità di identificazione del paziente International Patient Safety Goals IPSG IPSG. 1 Accuratezza della identificazione del paziente 1 di 6 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione Verifica

Dettagli

U.O. DATA RICHIESTA / /20 ORA RICHIESTA Codice paziente

U.O. DATA RICHIESTA / /20 ORA RICHIESTA Codice paziente Foglio 1/3 COPIA PER L U.O. DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE U.O. di IMMUNOEMATOLOGIA e TRASFUSIONALE U.O. ORA RICHIESTA Codice paziente Foglio 1/3 COPIA PER L U.O. DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE

Dettagli

Il percorso del sangue: le attività trasfusionali. ANCONA 26/11/2010 Relatore: Gabriele dr. Amadei

Il percorso del sangue: le attività trasfusionali. ANCONA 26/11/2010 Relatore: Gabriele dr. Amadei Il percorso del sangue: le attività trasfusionali ANCONA 26/11/2010 Relatore: Gabriele dr. Amadei Raccolta Sangue: una evoluzione 2 La filiera del Servizio Trasfusionale QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO PROCEDURA OPERATIVA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE IN REPARTO

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO PROCEDURA OPERATIVA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE IN REPARTO Pag. 1 di 7 LISTA DI DISTRIBUZIONE DIRETTORE U.O. C. MEDICINA TRASFUSIONALE DIREZIONE SANITARIA UNITA OPERATIVE CLINCHE INTERNE ALL AZIENDA ARNAS OSPEDALE CIVICO, DI CRISTINA CASE DI CURA E OSPEDALI ESTERNI

Dettagli

Procedura aziendale per la gestione della terapia trasfusionale PA.DS.13. Procedura aziendale per la gestione della terapia trasfusionale

Procedura aziendale per la gestione della terapia trasfusionale PA.DS.13. Procedura aziendale per la gestione della terapia trasfusionale Pagina 1 di 17 Procedura aziendale per la gestione della terapia REFERENTI DEL DOCUMENTO Adriana Tognaccini e Linda Rossi Indice delle revisioni Codice Documento Revisione N Data nuova emissione Doc. sostituiti

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SANITÀ

IL MINISTRO DELLA SANITÀ Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto ministeriale 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali

Dettagli

Istruzione Operativa

Istruzione Operativa REDAZIONE, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE Sassi Maria - Dirigente Medico SIT Schifano Chiara - Biologa UOC Ematologia Formentini Alessandro - Direttore

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER GLI AUDIT INTERNI

LISTA DI RISCONTRO PER GLI AUDIT INTERNI INTEGRATI QUALITA E SICUREZZA Data: Unità Operativa: Cognome e Nome Auditor Firma Personale contattato: Cognome e Nome Ruolo Area/ processi auditati: Considerazioni Complessive Pagina 1 di 9 Modalità di

Dettagli

ATTIVITÀ RELATIVE A PROBLEMATICHE GESTIONALI DI UN CENTRO ESTERNO AFFERENTE AL CLV ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI

ATTIVITÀ RELATIVE A PROBLEMATICHE GESTIONALI DI UN CENTRO ESTERNO AFFERENTE AL CLV ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI ATTIVITÀ RELATIVE A PROBLEMATICHE GESTIONALI DI UN CENTRO ESTERNO AFFERENTE AL CLV 1) Raccolta e controllo del sangue umano e degli E.M.C a qualunque uso siano destinati (Centri Esterni) 2) Lavorazione

Dettagli

PER NON DIMENTICARE! SANGUE Raccomandazione n. 5, Marzo 2008 PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0

PER NON DIMENTICARE! SANGUE Raccomandazione n. 5, Marzo 2008 PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0 PER NON DIMENTICARE! SANGUE Raccomandazione n. 5, Marzo 2008 PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0 POTASSIO Raccomandazione n.1, marzo 2008 CORRETTO UTILIZZO DELLE SOLUZIONI

Dettagli

SIMT-IO 066 Rev 1 SISTEMA DI SICUREZZA (GRICODE) REPARTI

SIMT-IO 066 Rev 1 SISTEMA DI SICUREZZA (GRICODE) REPARTI 1 Data Prima Stesura Revisione 1 Redattori: Rizzo, Carone 20-05-2014 09-10-2016 SIMT-IO 066 Rev 1 SISTEMA DI SICUREZZA (GRICODE) REPARTI Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 7 3 BIBLIOGRAFIA...

Dettagli

RICHIESTA EMOCOMPONENTI IN ROUTINE

RICHIESTA EMOCOMPONENTI IN ROUTINE RICHIESTA EMOCOMPONENTI IN ROUTINE 1 allegato A - Tabella di trascodifica 2 allegato B - Tabella contromisure il codice nella colonna "N" si referenzia e replica il valore presente nella omonima colonna

Dettagli

Premessa. Responsabilità La responsabilità associata alla gestione della presente procedura è precisata nella Tabella 1 ( allegato 1)

Premessa. Responsabilità La responsabilità associata alla gestione della presente procedura è precisata nella Tabella 1 ( allegato 1) Premessa La somministrazione inappropriata endovenosa di sali di Potassio può comportare grave rischio per il paziente ed è una delle principali cause di incidenti ad effetto letale nelle unità operative

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER L ACCERTAMENTO DIAGNOSTICO TOSSICOLOGICO

ISTRUZIONE OPERATIVA PER L ACCERTAMENTO DIAGNOSTICO TOSSICOLOGICO Pag. 1/9 ISTRUZIONE OPERATIVA PER L ACCERTAMENTO DIAGNOSTICO REVISIONE DATA PREPARATO DA VERIFICATO DA APPROVATO DA 1) UU.OO.: - Direzione Sanitaria Direzione Sanitaria Direttore Sanitario Rosalia Fiore

Dettagli

L errore trasfusionale ABO Cosa fare e cosa evitare di fare

L errore trasfusionale ABO Cosa fare e cosa evitare di fare L errore trasfusionale ABO Cosa fare e cosa evitare di fare Roma, 27 giugno 2013 è il tipo giusto per me? L'errore trasfusionale ABO: case report Giuseppina Facco Case report Rocce ricche di ferro che

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

Procedura Operativa. Corretta identificazione del paziente

Procedura Operativa. Corretta identificazione del paziente REV. 0 Pag. 1 / 5 INDICE 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Destinatari 4. Modalità di svolgimento delle attività 4.1) L applicazione del braccialetto 4.1.1) Pazienti in Pronto Soccorso 4.1.2) Pazienti

Dettagli

SIMT-POS 024 ASSEGNAZIONE E CONSEGNA EMOCOMPONENTI

SIMT-POS 024 ASSEGNAZIONE E CONSEGNA EMOCOMPONENTI 1 Redattori: Prima Stesura Revisione 1 Gasbarri, Rizzo 20/11/2013 10/12/2015 SIMT-POS 024 ASSEGNAZIONE E CONSEGNA EMOCOMPONENTI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO ISTRUZIONE OPERATIVA ASSEGNAZIONE E DISTRIBUZIONE SANGUE E EMOCOMPONENTI

U.O.C. MEDICINA TRASFUSIONALE ARNAS CIVICO, DI CRISTINA, BENFRATELLI, PALERMO ISTRUZIONE OPERATIVA ASSEGNAZIONE E DISTRIBUZIONE SANGUE E EMOCOMPONENTI Pag. 1 di 12 INDICE 1.Scopo/Obiettivi 2 1.1 Scopo 2 1.2 Obiettivi 2 2.Campo di applicazione..2 3.Modifiche alle revisioni precedenti 2 4.Definizioni.3 5.Matrice delle responsabilità/attività. 3 6.Il Diagramma

Dettagli

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI Unione Industriale 55 di 94 4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI 4.10.1 Generalità Il fornitore deve predisporre e mantenere attive procedure documentate per le attività di prova, controllo e collaudo allo

Dettagli

LE PROCEDURE INFORMATICHE PER LA GESTIONE DEL PROCESSO TERAPEUTICO IN ONCOLOGIA

LE PROCEDURE INFORMATICHE PER LA GESTIONE DEL PROCESSO TERAPEUTICO IN ONCOLOGIA La Rete delle Farmacie Oncologiche della Regione Emilia Romagna I Corso regionale per Farmacisti e Tecnici di Laboratorio dell'area Oncologica Bologna, 20-21 ottobre 2009 LE PROCEDURE INFORMATICHE PER

Dettagli

L errore trasfusionale ABO. Cosa fare e cosa evitare di fare

L errore trasfusionale ABO. Cosa fare e cosa evitare di fare L errore trasfusionale ABO. Cosa fare e cosa evitare di fare Roma, 27 giugno 2013 è il tipo giusto per me? Giuliano Grazzini Emovigilanza Effetti indesiderati nei riceventi Incidenti gravi Reazioni indesiderate

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO SIMTSV 210/AMB LA TRASFUSIONE DOMICILIARE CONTENUTI DELLA PROCEDURA 1 TITOLO MODIFICHE ALLE REVISIONI PRECEDENTI...

PROCEDURA OPERATIVA PO SIMTSV 210/AMB LA TRASFUSIONE DOMICILIARE CONTENUTI DELLA PROCEDURA 1 TITOLO MODIFICHE ALLE REVISIONI PRECEDENTI... CONTENUTI DELLA PROCEDURA 1 TITOLO...2 2 MODIFICHE ALLE REVISIONI PRECEDENTI...2 3 OBIETTIVO...2 4 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 5 RESPONSABILITA...2 6 DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ...3 6.1 PREMESSA... 3 6.2

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA.REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0

RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA.REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0 Raccomandazione N 5 RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE DELLA.REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITÀ AB0 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA,

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

PERCORSO DI EMOCOMPONENTI IN REGIME DI URGENTISSIMA E DI URGENZA REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI ELENCO ALLEGATI

PERCORSO DI EMOCOMPONENTI IN REGIME DI URGENTISSIMA E DI URGENZA REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI ELENCO ALLEGATI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE TSLB: Antonio De Vito, Pierangela Brescia, Eleonora Amatore, Camilla De Rosa, Monica Bruno, Giuseppe Sinfonia, Albino Mastroianni, Donatella Pace,

Dettagli

SIMT-POS 032 Rev 1 EMODILUIZIONE INTRAOPERATORIA

SIMT-POS 032 Rev 1 EMODILUIZIONE INTRAOPERATORIA 1 Prima Stesura Data: Revisione 1 Data Redattori : Trenta- Mastrocola 15-02-2014 09-03-2016 SIMT-POS 032 Rev 1 EMODILUIZIONE INTRAOPERATORIA Indice DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 1 Scopo e oggetto... 2 2 Campo

Dettagli

L attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti

L attività di raccolta del sangue e degli emocomponenti CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE ED ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE PER LA QUALIFICAZIONE DEL PERSONALE MEDICO E INFERMIERISTICO ADDETTO ALLA ATTIVITÀ DI RACCOLTA DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI Bologna -

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico,

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE FARMACI AD ALTO RISCHIO

PROCEDURA GESTIONE FARMACI AD ALTO RISCHIO Dipartimento del Ed. 0 Rev. 00 originale copia controllata copia non controllata bozza N. distribuzione interna a cura del RQ La presente procedura definisce le modalità di approvvigionamento, stoccaggio,

Dettagli

TROPONINA (compreso tra gli esami urgenti)

TROPONINA (compreso tra gli esami urgenti) MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. TROPONINA (compreso tra gli esami urgenti) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE

Dettagli

30 settembre 5 ottobre Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Vigevano

30 settembre 5 ottobre Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Vigevano 30 settembre 5 ottobre 2015 Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Vigevano REQUISITI STRUTTURALI Area Accettazione Ambulatorio REQUISITI STRUTTURALI Sala prelievo Area Ristoro

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICO INFERMIERISTICHE NELLA GESTIONE

RESPONSABILITA TECNICO INFERMIERISTICHE NELLA GESTIONE RESPONSABILITA TECNICO INFERMIERISTICHE NELLA GESTIONE DEL DONATORE/PAZIENTE DI HPC-A Fiorito Rita Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Milano Introduzione La gestione del donatore/paziente

Dettagli

UTILIZZO DI UNA CHECK LIST PER VERIFICARE LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI IN OSPEDALE E NEL TERRITORIO. U.O.C. Farmacia Ospedaliera Monselice (PD)

UTILIZZO DI UNA CHECK LIST PER VERIFICARE LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI IN OSPEDALE E NEL TERRITORIO. U.O.C. Farmacia Ospedaliera Monselice (PD) UTILIZZO DI UNA CHECK LIST PER VERIFICARE LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI IN OSPEDALE E NEL TERRITORIO R. Congedo M. Cogo P. Bollettin A. Amato U.O.C. Farmacia Ospedaliera Monselice (PD) Dal 2005 PROCEDURA

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona RACCOMANDAZIONI USO POTASSIO CONCENTRATO

Dettagli

GU n. 240 del

GU n. 240 del DECRETO 1 settembre 1995 MINISTERO DELLA SANITA' Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private, Accreditate e non accreditate, dotate

Dettagli

POIA n. 04 PROTOCOLLO INTERAZIENDALE ACCERTAMENTO DEL TASSO ALCOOLEMICO IN PRONTO SOCCORSO

POIA n. 04 PROTOCOLLO INTERAZIENDALE ACCERTAMENTO DEL TASSO ALCOOLEMICO IN PRONTO SOCCORSO Pagina 1 di 8 Revisione Data Causale 0 20/07/2009 Prima stesura 1 Recepimento nuovo format aziendale Fasi Funzioni Firma Data Resp. UO PS Nottola USL 7 Redazione Resp. UF Laboratorio AOUS Verifica Approvazione

Dettagli

SOFTWARE di monitoraggio Sala prelievi HEDO2MANAGEMENT. Utilizzo in merito al decreto del 3 marzo 2005 relativo a

SOFTWARE di monitoraggio Sala prelievi HEDO2MANAGEMENT. Utilizzo in merito al decreto del 3 marzo 2005 relativo a SOFTWARE di monitoraggio Sala prelievi HEDO2MANAGEMENT Utilizzo in merito al decreto del 3 marzo 2005 relativo a Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue ed emocomponenti Data: 23/05/2005

Dettagli

SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI LABORATORI

SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI LABORATORI SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI LABORATORI IL RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLA PREVENZIONE DELL ERRORE IN MEDICINA TRASFUSIONALE Portogruaro 12 ottobre 2011 Nunzio Toffano Cos è il rischio Lo zingarelli

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA IL BUON USO DEL SANGUE E DEGLI EMODERIVATI Perugia sabato 10 settembre 2011 Dott.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AZIENDA USL VALLE D AOSTA UNITE SANITAIRE LOCALE VALLEE D AOSTE Codice Regione 020 - Codice U.S.L. 101 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 959 DEL 17/08/2017 Struttura / Ufficio Proponente : OGGETTO

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / Il documento con firma autografa originale è depositata presso gli archivi del SIMT

/ / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / Il documento con firma autografa originale è depositata presso gli archivi del SIMT ASL di Pescara Ospedale Civile dello Spirito Santo **** U.O.C. DI IMMUNOEMATOLOGIA MEDICINA TRASFUSIONALE LAB. DI EMATOLOGIA Direttore Dr.ssa Patrizia Accorsi Tel: 085-4252687 Fax: 085-4252607 Email:patrizia.accorsi@ausl.pe.it

Dettagli

MANUALE DELLA CARTELLA CLINICA E DEL REGISTRO OPERATORIO. Dott. Garofoli Rosamaria

MANUALE DELLA CARTELLA CLINICA E DEL REGISTRO OPERATORIO. Dott. Garofoli Rosamaria MANUALE DELLA CARTELLA CLINICA E DEL REGISTRO OPERATORIO Dott. Garofoli Rosamaria Compilazione documenti La corretta compilazione della documentazione clinica è fondamentale ad assicurare trasparenza e

Dettagli

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 Pagina 1 di 9 Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 File CPD - ST Data applicazione 23/05/2011 Copia controllata Redazione RQAT Roberta Aonzo Verifica RQAM Angela Perata Approvazione Direttore

Dettagli

Codice istruzione GEN-DS-IL-ABO-00

Codice istruzione GEN-DS-IL-ABO-00 Azienda U.S.L. 3 Codice: GEN-DS-IL-ABO-00 Rev. 0.0 Data: 15 /11/07 Pag. 1/1 REVISIONI 1 Rev. Data Redattore/i - firma/e Descrizione 1.0 Definitivo Commenti e osservazioni al documento da ritornare a: Segnalazione

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA A-B-0

LINEE GUIDA SULLA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA A-B-0 Pagina 1 di 17 LINEE GUIDA SULLA PEVENZIONE DELLA EAZIONE TASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA A-B-0 Nome/Funzione Data Firma edazione Dr Francesco Spedale esponsabile SIMT Enna e Nicosia Dr Massimo Licenziato

Dettagli

Gazzetta Ufficiale n.300 del 28 Dicembre 2015 (Supplemento Ordinario n.69) Decreto 02 Novembre 2015

Gazzetta Ufficiale n.300 del 28 Dicembre 2015 (Supplemento Ordinario n.69) Decreto 02 Novembre 2015 Decreto 02 Novembre 2015 Gazzetta Ufficiale n.300 del 28 Dicembre 2015 (Supplemento Ordinario n.69) MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 02 Novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualita' e sicurezza

Dettagli

BNP. CRITERI DI VALIDAZIONE DEL DATO ANALITICO: Analisi dei controlli qualità interni secondo le regole di Westgard e controlli qualità esterni (VEQ).

BNP. CRITERI DI VALIDAZIONE DEL DATO ANALITICO: Analisi dei controlli qualità interni secondo le regole di Westgard e controlli qualità esterni (VEQ). BNP MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve trovarsi

Dettagli

SIMT-IO 048 Rev.1 ACCETTAZIONE INFORMATIZZATA ESAMI IMMUNOLOGICI E RICHIESTE TRASFUSIONALI

SIMT-IO 048 Rev.1 ACCETTAZIONE INFORMATIZZATA ESAMI IMMUNOLOGICI E RICHIESTE TRASFUSIONALI 1 Data: Prima Stesura Rev. 1 Redattori: Gasbarri, Rizzo, Carone 06/03/2014 20/10/2016 SIMT-IO 048 Rev.1 ACCETTAZIONE INFORMATIZZATA ESAMI IMMUNOLOGICI E RICHIESTE TRASFUSIONALI Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

U.O. FARMACIA DIREZIONE MEDICA UTILIZZO DI SOLUZIONI INIETTABILI CONCENTRATE DI POTASSIO PROTOCOLLO OPERATIVO AD USO DELLE UU.OO.

U.O. FARMACIA DIREZIONE MEDICA UTILIZZO DI SOLUZIONI INIETTABILI CONCENTRATE DI POTASSIO PROTOCOLLO OPERATIVO AD USO DELLE UU.OO. Pag. 1 / 7 1.OGGETTO E SCOPO 1.1. Oggetto Oggetto del presente protocollo è la necessità di garantire la sicurezza della terapia con potassio, data la possibilità di effetti dannosi e potenzialmente letali

Dettagli

SICUREZZA IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

SICUREZZA IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale-Emilia-Romagna SICUREZZA IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Bologna, 12 aprile 2011 Un esperienza aziendale d integrazione dei flussi informativi per la gestione del rischio

Dettagli

Modalità di implementazione del Foglio Unico di Terapia

Modalità di implementazione del Foglio Unico di Terapia OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE Dipartimento Personale e Affari Generali Ufficio Formazione ed Aggiornamento LA GESTIONE DEL RISCHIO: LA CARTELLA CLINICA INTEGRATA E IL FOGLIO UNICO DI TERAPIA Modalità

Dettagli

FORNITURA DI SACCHE E DISPOSITIVI ACCESSORI PER LA RACCOLTA, LA LAVORAZIONE E LA PRODUZIONE DI EMOCOMPONENTI

FORNITURA DI SACCHE E DISPOSITIVI ACCESSORI PER LA RACCOLTA, LA LAVORAZIONE E LA PRODUZIONE DI EMOCOMPONENTI Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 6 EUGANEA www.aulss6.veneto.it P.E.C.: protocollo.aulss6@pecveneto.it Via Enrico degli Scrovegni n. 14 35131 PADOVA ---------------------------------------- Cod.

Dettagli

IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CAMPIONI PER LA QUALIFICAZIONE BIOLOGICA DEGLI EMOCOMPONENTI, DEI DONATORI E DEGLI ASPIRANTI DONATORI

IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CAMPIONI PER LA QUALIFICAZIONE BIOLOGICA DEGLI EMOCOMPONENTI, DEI DONATORI E DEGLI ASPIRANTI DONATORI ETE TASFUSIONALE ASPAG IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TASPOTO CAMPIONI PE LA DONATOI E DEGLI ASPIANTI DONATOI Unità emittente SGQ Unità destinataria DI TAL IMM Udr CQB SGQ BSCS SGA LAB Tarsf X X X X X X

Dettagli

IL RUOLO DELL OSTETRICA E MODALITA DI RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE. Ost. Roberta Ciamparini. Dipartimento Materno Infantile ASL VCO

IL RUOLO DELL OSTETRICA E MODALITA DI RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE. Ost. Roberta Ciamparini. Dipartimento Materno Infantile ASL VCO IL RUOLO DELL OSTETRICA E MODALITA DI RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Ost. Roberta Ciamparini Ost. Enrica Marchetti Ost. Enrica Marchetti Dipartimento Materno Infantile ASL VCO RACCOLTA SANGUE CORDONALE

Dettagli

IL SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE: REQUISITI GENERALI DELL ORGANIZZAZIONE 19 Maggio 2009

IL SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE: REQUISITI GENERALI DELL ORGANIZZAZIONE 19 Maggio 2009 Programma Corso Centro Trasfusionale IL SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE: REQUISITI GENERALI DELL ORGANIZZAZIONE 19 Maggio 2009 SESSIONE A ELEMENTI DI INDIRIZZO DIREZIONALE, GESTIONE DEI DOCUMENTI

Dettagli

IO-GA-002/5 Archiviazione e conservazione registrazioni di qualità e dei dati previsti dalle normative

IO-GA-002/5 Archiviazione e conservazione registrazioni di qualità e dei dati previsti dalle normative e dei Unità emittente Unità destinataria Unità interessata* SGQ DIR SGQ SGA BSCS LAB CRIO CR X X X X X X X REDATTO Dott.ssa A. Vaccaro 12/09/2012 REVISIONATO Dott.ssa N.M.Ardizzone 24/07/2015 APPROVATO

Dettagli

Catalogo delle Prestazioni di Diagnostica del SIMT (CPD-SIMT)

Catalogo delle Prestazioni di Diagnostica del SIMT (CPD-SIMT) Pagina 1 di 15 Catalogo delle Prestazioni di Diagnostica del SIMT (CPD-SIMT) Indice: Elenco delle Prestazioni di Diagnostica Allegati: Elenco esami urgenti eseguiti dal SIMT Informazioni utili ai Reparti

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI STRUTTURALI MDLB01.AU.1.1 L'area dei locali e gli spazi sono dimensionati alla tipologia e al volume dell attività

Dettagli

COMPLEMENTO C4. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente.

COMPLEMENTO C4. FASE POST-ANALITICA: I dati ottenuti vengono validati tecnicamente poi clinicamente e quindi firmati digitalmente. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. COMPLEMENTO C4 PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve

Dettagli

Organizzazione della raccolta e processo di donazione la visione d insieme

Organizzazione della raccolta e processo di donazione la visione d insieme Organizzazione della raccolta e processo di donazione la visione d insieme Dr.ssa Rosella Bencivenga Dirigente Medico U.O.Medicina Trasfusionale Ancona Le fonti Legge 219 anno 2005 Decreto del Ministro

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA INDICE Pag. 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PAROLE CHIAVE... 2 3. PERSONALE INTERESSATO... 2 4. MODALITA OPERATIVA... 2 4.1 PREMESSA... 2 4.2 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA... 3 4.2.1 Richiesta

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

U.O.C.Medicina Immunotrasfusionale. Carta dei servizi. Rev.1 del 10/05/13. N.pagg.11. Allegati : n.3

U.O.C.Medicina Immunotrasfusionale. Carta dei servizi. Rev.1 del 10/05/13. N.pagg.11. Allegati : n.3 1 U.O.C.Medicina Immunotrasfusionale Carta dei servizi Rev.1 del 10/05/13. N.pagg.11 Allegati : n.3 Unità Operativa Complessa di Medicina Immunotrasfusionale 2 Il Servizio di Immunoematologia e Medicina

Dettagli

La Gestione Informatizzata dell Attività

La Gestione Informatizzata dell Attività La Gestione Informatizzata dell Attività Ancona 2/5/2011 Gabriele Amadei Corso di Formazione per Medici ed Infermieri per l Abilitazione alla Raccolta del Sangue Intero e Plasma sul Territorio della Regione

Dettagli

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO Allegato 5 CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO 1. ISTRUZIONE OPERATIVA PER I CONTROLLI RICHIESTI DA USMAF Scopo Scopo della presente

Dettagli

Risultati dell indagine la gestione del farmaco in RSA

Risultati dell indagine la gestione del farmaco in RSA Risultati dell indagine la gestione del farmaco in RSA ERSILIA SINISGALLI - Università degli Studi di Firenze FRANCESCA COLLINI - ARS Toscana Firenze, 9 maggio 2016 www.valoreinrsa.it Dove nasce l idea..

Dettagli

IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CAMPIONI PER LA QUALIFICAZIONE BIOLOGICA DEGLI EMOCOMPONENTI, DEI DONATORI E DEGLI ASPIRANTI DONATORI

IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO CAMPIONI PER LA QUALIFICAZIONE BIOLOGICA DEGLI EMOCOMPONENTI, DEI DONATORI E DEGLI ASPIRANTI DONATORI ETE TASFUSIONALE ASPAG IO-CQB-011 CONFEZIONAMENTO E TASPOTO CAMPIONI PE LA DONATOI E DEGLI ASPIANTI DONATOI Unità emittente SGQ Unità destinataria DI CA IMM Udr CQB SGQ BSCS SGA LAB Tarsf X X X X X X X

Dettagli

Catalogo Prestazioni Diagnostica SIMT Anno 2008

Catalogo Prestazioni Diagnostica SIMT Anno 2008 Pagina 1 di 14 Catalogo Prestazioni Diagnostica SIMT Anno 2008 File CPD - SIMT Data applicazione 06/5/2008 Copia controllata Redazione RQAT Roberta Aonzo Verifica RQAM Angela Perata Approvazione Direttore

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Direttore UOSD Risk Management Qualità e Accreditamento Dr.ssa M. Serva

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Direttore UOSD Risk Management Qualità e Accreditamento Dr.ssa M. Serva Pag. 1 di 9 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SCOPO... 2 3. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 4. MATRICE DELLE RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ... 3 7. INDICATORI...

Dettagli

UNA TRASFUSIONE DI TROPPO

UNA TRASFUSIONE DI TROPPO REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA SALERNO ambito SA/3 P.O. di Vallo della Lucania (SA) U.O.C. di Medicina e Chirurgia d Urgenza e d Accettazione Direttore: Dott. Antonio APOLITO 10-11 dicembre 2010 Centro

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE

PROTOCOLLO PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE STRUTTURA IGIENE OSPEDALIERA E GESTIONE Versione n.01 del 12/03/2009 Pagina 1 di 6 PROTOCOLLO PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE Redazione / Aggiornamento Verifica / Approvazione Autorizzazione

Dettagli

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

INDICAZIONI PER UNA CORRETTA TRASFUSIONE

INDICAZIONI PER UNA CORRETTA TRASFUSIONE AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA CLINICA Servizio di Immunoematologia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore Generale Dott.ssa Flori Degrassi Regione Lazio DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Carta del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Il Servizio di Immunoematologia e Medicina

Dettagli