liceo classico statale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "liceo classico statale"

Transcript

1 istituto certificato UNI EN ISO 9001:2000 D A Z E G LIO liceo classico statale w w w. l i c e o m a s s i m odaz e gli o. i t daz e gli l i c e o m a s s i m o daz e gli o. i t tel / fax c.f codice TOPC via Parini T O R I N O PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (Elaborato ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 come modificato dal D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 e del D.M. 10 marzo 1998 ) Disposizioni organizzative per la gestione dell emergenza primo soccorso, antincendio ed evacuazione negli ambienti di lavoro del Liceo M. D'Azeglio di Torino DATA: 15/12/2010 REVISIONE: DESCRIZIONE: Revisione a seguito dell aggiornamento dei nominativi del personale addetto alla gestione delle emergenze e prevenzione incendi IL DATORE DI LAVORO Prof. Salvatore Iuvara IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. Giuseppe

2 Data: Rev. 04 Pag. 2 di 20 Indice generale 1.Premessa Obiettivi del Piano Contenuto del Piano Elementi significativi del piano Criteri adottati per la stesura del Piano Termini e definizioni Emergenza...8 Cause dell'emergenza 8 Tipi di emergenza 9 Tipi di emergenza in relazione all'orario 9 7.Simulazioni e aggiornamento del Piano Caratteristiche degli ambienti di lavoro Controllo delle operazioni Addestramento del personale Comportamenti di prevenzione incendi Scenari incidentali Procedure operative contenute nel Piano Elaborati grafici Procedura di intervento con allarme automatico o manuale di segnalazione incendio Gli addetti all antincendio ed all emergenza Assegnazione di incarichi al personale docente e non 16.2 Assegnazione di incarichi agli allievi 17. Allertamento e comunicazione dell emergenza...16 SCHEMA PER LA COMUNICAZIONE DELL EMERGENZA Informazione dei lavoratori e degli allievi sulle procedure da attuare Prove di evacuazione di emergenza Informazione dell utenza Nozioni di primo soccorso Normativa di riferimento Disposizioni finali Allegati...21

3 Data: Rev. 04 Pag. 3 di 20 LISTA DI DISTRIBUZIONE SOGGETTI INTERESSATI DATA FIRMA Coordinatore dell'emergenza Testo in Presidenza e su file Vice coordinatore dell'emergenza Testo in Presidenza Vice coordinatore dell'emergenza Testo in Presidenza Addetti Antincendio Tramite sito RSPP RLS Personale docente, ATA e studenti Tramite sito TIPOLOGIA DI SCUOLA ( DM 26 agosto 1992) Tipo 4 Il contenuto del presente documento è di proprietà esclusiva del Liceo "M. D'Azeglio" di Torino. Senza l autorizzazione preventiva scritta del Dirigente Scolastico, nessuna parte di esso può essere comunicata a terzi né essere riprodotto in alcuna forma.

4 Data: Rev. 04 Pag. 4 di Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza, di seguito denominato Piano, è stato predisposto in ottemperanza a quanto prescritto dal D.Lgs. n. 81 del e smi, dal D.M. 10 marzo 1998 e dal DM 26 Agosto II Dirigente Scolastico ha provveduto alla stesura del presente documento che costituisce parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi, elaborato ai sensi del D.Lgs.626/94, art.4.2, in accordo con il Protezione e con gli incaricati della gestione dell emergenza. In esso sono state individuate le modalità di gestione e le procedure da attuare nel caso in cui si verifichi una situazione di grave e imminente pericolo per gli occupanti l edificio sito a Torino in via Parini n 8, sede della Scuola Liceo Classico Statale Massimo D AZEGLIO, ovvero di danno ai beni mobili ed immobili. Il presente Piano nella sua formulazione attuale si riferisce alla situazione così come rilevata alla data del ed è pertanto soggetto a modifiche, legate al mutare delle condizioni operative (ad es. variazione n presenze, variazione n disabili). Per la messa in atto di questo Piano, a cura del Dirigente Scolastico, dovranno essere identificati i compiti da assegnare al personale incaricato a vario titolo alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio e pronto soccorso. Il piano verrà convalidato o eventualmente modificato negli aspetti operativi in occasione della prova pratica di evacuazione. Alla data odierna l Istituto è suddiviso in un unico plesso; a seguito di ciò il Piano sarà composto da un unica parte teorica con una serie di allegati operativi di consultazione rapida. 2. Obiettivi del Piano Lo stato di emotività, che colpisce ogni individuo al verificarsi di una situazione di emergenza, induce a comportamenti quali:! istinto di fuga;! cieca ed egoistica ricerca della propria salvezza;! tendenza a coinvolgere gli altri nell'ansia generale;! dimenticanza di operazioni determinate;! decisioni errate causate dal panico. Questo documento, accompagnato da una azione educativa di natura preventiva ed organizzativa che mira al conseguimento di una sufficiente capacità di autocontrollo da parte delle diverse componenti operanti nella struttura, indica le azioni da compiere al manifestarsi di una situazione di pericolo, evitando l'improvvisazione che può causare danni superiori a quelli dell'evento stesso. Il panico ha due spontanee manifestazioni che, se incontrollate, costituiscono di per se elemento di turbativa e di pericolo:! istinto di coinvolgere gli altri nell'ansia generale, con invocazioni di aiuto, grida e atti di disperazione;! istinto alla fuga, in cui predomina l' autodifesa, con tentativo di esclusione, anche violenta, degli altri con spinte, corse in avanti verso la via di salvezza. Il Piano tende a ridurre nella sfera della razionalità tali comportamenti, sviluppando l'autocontrollo individuale e collettivo. In sintesi gli obiettivi che esso si prefigge sono riassunti come segue:! evitare che l attivazione del Piano, a causa di una situazione di emergenza, possa provocare ulteriori emergenze di altro tipo;

5 Data: Rev. 04 Pag. 5 di 20! prevenire o limitare pericoli alle persone, internamente ed esternamente alla scuola;! coordinare gli interventi del personale a tutti i livelli, in modo che siano ben definiti tutti i comportamenti e le azioni che ogni persona presente nella scuola deve mettere in atto per salvaguardare la propria incolumità e, se possibile, per limitare i danni ai beni e alla struttura dell edificio;! intervenire, dove necessario, con un pronto soccorso sanitario;! individuare tutte le emergenze che possano coinvolgere l attività, la vita e la funzionalità dell impianto;! definire esattamente i compiti da assegnare al personale docente e non, che opera all interno della scuola, durante la fase emergenza. Il presente Piano sarà oggetto di formazione ed addestramento mediante esercitazioni e simulazioni. Si raccomanda a tutti la lettura attenta individuando le parti di propria competenza in relazione al ruolo svolto. 3. Contenuto del Piano Il presente Piano contiene: 1. i comportamenti e le azioni che le persone presenti nell edificio (docenti, ATA, studenti) dovranno mettere in atto in caso di emergenza per salvaguardare la propria incolumità e, se possibile, per limitare i danni alle cose; 2. le procedure operative che tutti i presenti nell edificio dovranno mettere in atto per l evacuazione; 3. le disposizioni per effettuare la chiamata di soccorso ai vari organismi ( VV.F. Carabinieri, Pronto Soccorso, ecc.) preposti all intervento in caso di emergenza; 4. le misure specifiche da adottare per assistere eventuali disabili. 5. l identificazione di un adeguato numero di persone incaricate di sovrintendere e controllare l'attuazione delle procedure operative previste. 4. Elementi significativi del piano Il Piano individua le predisposizioni organizzative e le operazioni da compiere in caso di un evento improvviso che esula dalla gestione ordinaria dalla struttura e rappresenta un pericolo potenziale o in atto, che potrebbe richiedere il sollecito sfollamento del presidio o di una sua parte. Pertanto non si identifica con il piano di evacuazione (pur includendolo) in quanto molte situazioni di emergenza possono e devono essere gestite come situazioni di preallarme o di crisi locale, evitando non solo la loro propagazione a strutture adiacenti, ma anche il ricorso indiscriminato all'abbandono della struttura che potrebbe causare danni maggiori dell'evento stesso che ha innescato la situazione di emergenza. La definizione delle soglie di rischio al di sopra delle quali è opportuno diramare l' ordine di evacuazione costituisce un necessario completamento del presente piano. Questo documento deve essere accompagnato da una azione educativa di natura preventiva ed organizzativa che mira al conseguimento di una sufficiente capacità di autocontrollo da parte delle diverse componenti operanti nella struttura. Tale fase riveste particolare importanza per un corretto approccio verso la possibile evoluzione incrementale del fenomeno che ha suscitato allarme: si ritiene che siano sufficienti tre livelli di attenzione:

6 Data: Rev. 04 Pag. 6 di 20! una situazione di preallarme dovuta ad un messaggio non confermato, che può sfociare in una evidenza di "falso allarme" o, invece, conclamarsi nel passaggio ad una delle fasi successive;! una situazione di "allarme locale", dovuta alla presenza di condizioni di crisi limitate ad un solo locale, che può richiedere il passaggio alla fase di evacuazione di tutta la struttura;! una situazione di "allarme generale", dovuta al contemporaneo interessamento di più locali o di tutta l'area (incendio esteso, terremoto rovinoso, minaccia concreta di azione terroristica, ecc.), che può richiedere l'evacuazione massiccia del personale e dell'utenza, e va evidenziata con avvisatori acustici e luminosi. Alla definizione degli scenari che conducono ad una situazione di emergenza concorrono attivamente tutti i lavoratori, in particolare i componenti del nucleo per la gestione delle emergenze, la cui valutazione e comunicazione dei fatti è essenziale per consentire al Responsabile dell'attività di assumere decisioni fondate. Le responsabilità in ordine all attuazione delle istruzioni di emergenza sono articolate secondo il seguente schema: 1. Il Responsabile dell'attività ( Dirigente Scolastico) ha il compito di decidere l' eventuale ordine di evacuazione, seguire l'evoluzione delle relative operazioni, e tenere i rapporti con l'esterno e in particolare con il personale esterno addetto al soccorso; 2. Gli addetti antincendio/evacuazione 3. Eventuali altri addetti con compiti specifici: ad esempio, un addetto che in caso di evacuazione assista eventuali soggetti in difficoltà. 5. Criteri adottati per la stesura del Piano Per la stesura del Piano si è tenuto conto di quanto segue:! le caratteristiche dei luoghi con particolare riferimento alle vie di esodo;! il sistema di rivelazione e di allarme incendio;! il numero delle persone presenti e la loro ubicazione;! le persone esposte a rischi particolari;! il numero di addetti alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio, primo soccorso;! il livello di informazione e formazione fornito al personale. 6. Termini e definizioni EMERGENZA E' una situazione anomala che può costituire fonte di rischio per la sicurezza delle persone e di danno per le cose. CENTRO DI COORDINAMENTO: Il locale identificato come Centro di coordinamento per le emergenze corrisponde al locale portineria/reception, ubicato al piano terra, nell atrio dell ingresso principale dell edificio (lato Via Parini). Il carteggio tecnico dei locali e degli impianti è disponibile presso l'ufficio della Presidenza. SEGNALAZIONE DELL EMERGENZA/EVACUAZIONE

7 Data: Rev. 04 Pag. 7 di 20 La diffusione dell avviso di emergenza, che comporta l evacuazione immediata dallo stabile, avviene tramite pannelli ottico-acustici visibili dai luoghi più frequentati ed udibili da tutte le persone presenti nell edificio L attivazione della segnalazione avviene, in caso d incendio, automaticamente dall impianto di rivelazione incendi e/ o dall azionamento manuale di un pulsante di allarme. E' importante ricordare che l azionamento del pulsante manuale di allarme attiva immediatamente le targhe ottico acustiche per l evacuazione immediata dell'edificio; di conseguenza è opportuno utilizzarli in casi in cui via una reale necessità di evacuazione dei locali. LUOGO SICURO Spazio scoperto ovvero compartimento antincendio, separato da altri compartimenti mediante spazio scoperto o filtri a prova di fumo, avente caratteristiche idonee a ricevere e contenere un predeterminato numero di persone (luogo sicuro statico), ovvero a consentirne il movimento ordinato luogo sicuro dinamico). PUNTO DI RACCOLTA Luogo sicuro esterno all edificio, individuato ed evidenziato nelle planimetrie generali dell area nel quale (portici di corso Vittorio Emanuele), in caso di evacuazione, si riuniscono tutti gli utenti della struttura e rimangono a disposizione degli enti di soccorso. Il punto di raccolta per i fruitori di questa struttura è stato individuato nell area sotto i portici di corso Vittorio Emanuele II 1. Emergenza Cause dell'emergenza Le cause dell'emergenza possono essere interne all'area dell'edificio, o esterne. In linea di principio, fra le possibili cause interne si possono ipotizzare:! incendio;! scoppio;! altre condizioni di pericolosità derivanti da fatti e situazioni accidentali e non prevedibili. Fra le ipotesi di cause esterne si possono ipotizzare:! fatti del tipo indicato per le cause interne, ma dovuti a cause esterne, quali ad esempio automezzi

8 Data: Rev. 04 Pag. 8 di 20! in transito;! fatti avvenuti in insediamenti vicini;! fatti naturali (ad es. terremoti, trombe d aria, ecc.)! annuncio di ordigni esplosivi;! etc. Tipi di emergenza Si possono presentare situazioni di emergenza di tipologie diverse, sia in relazione alla gravità, sia in relazione al momento della giornata o della settimana. Tipi di emergenza in relazione all'orario L'emergenza può verificarsi in momenti diversi, caratterizzati da presenze diverse di persone sia per tipologia che per numero. Le norme per la gestione dell'emergenza sono comunque riconducibili a due situazioni fondamentali: durante l'orario di attività istituzionali universitarie, fuori orario di attività. EMERGENZA DURANTE L'ORARIO DI ATTIVITÀ Indicativamente si può considerare che l'orario di attività, con elevato numero di persone presenti, sia compreso nelle fasce sotto indicate: - Da lunedì a sabato: L emergenza durante l'orario di attività deve tener conto del massimo numero di persone presenti contemporaneamente (es. in concomitanza con lo svolgimento delle lezioni in aula); si considera, comunque, che durante l orario di attività sia sempre presente un congruo numero di persone negli uffici. EMERGENZA FUORI L'ORARIO DI ATTIVITÀ Il tempo che è al di fuori del normale orario di attività può essere considerato, indicativamente, come segue: - da lunedì a venerdì: dalle ore 14 alle ore 8 del giorno successivo; - dalle ore 13 del sabato alle ore 8 del lunedì; Durante queste fasce orarie non si può tuttavia escludere l'assoluta assenza di persone. In questo caso le eventuali persone presenti nell edificio sono esposte ad un maggior rischio a causa della scarsa popolazione in sede. La gestione dell'emergenza in queste fasce è rivolta, soprattutto, alla messa in sicurezza del personale eventualmente presente mentre, per gli interventi, deve basarsi sull'ipotesi che non ci siano persone disponibili. 7. Simulazioni e aggiornamento del Piano Le simulazioni ( 2 per anno scolastico) saranno condotte con livelli di coinvolgimento crescenti, verificando in un primo tempo solo la reperibilità ed i tempi potenziali di intervento dei vari soggetti e degli organismi di soccorso esterni. In seguito si potrà passare ad esercitazioni che prevedono la mobilità reale del personale, tenendo conto che se già non funzionano le simulazioni di livello iniziale è inutile passare a quelle con maggior livello di coinvolgimento. Il piano sarà aggiornato ogni qualvolta necessario per tenere conto:

9 Data: Rev. 04 Pag. 9 di 20! delle variazioni delle presenze effettive e/o degli interventi che modifichino le condizioni d esercizio;! di nuove informazioni che si rendono disponibili! di variazioni nella realtà organizzativa-scolastica che possano avere conseguenze per quanto riguarda la sicurezza! dell esperienza maturata con le simulazioni! delle mutate esigenze della sicurezza e dello sviluppo della tecnica e dei servizi disponibili 8. Caratteristiche degli ambienti di lavoro La conoscenza dell'edificio è il presupposto fondamentale per il piano di emergenza. Il Liceo "M. D'Azeglio"ha sede in un un fabbricato di 4 piani fuori terra ubicato a Torino in via Parini n 8 Nelle piante dei diversi piani che costituiscono parte integrante del presente piano sono indicati tutti i luoghi in cui si possono verificare le situazioni di pericolo (biblioteca, locali deposito/magazzini, archivi, centrali tecnologiche, laboratori, aule, eccetera), le strutture e gli impianti di sicurezza (scale ed uscite di sicurezza, estintori, idranti, eccetera), nonché i luoghi sicuri in cui possono trovare rifugio gli occupanti della struttura. Per avere un quadro delle persone mediamente presenti nell'edificio sono indicati di seguito i dati medi sulle affluenze di pubblico e la fascia oraria di massima affluenza. Sede della struttura: Via Parini, TORINO Attrezzature presenti: (Estintori, idranti, impianti di rivelazione automatica, materiale di primo soccorso)

10 Data: Rev. 04 Pag. 10 di 20 Datore di Lavoro (Dirigente scolastico) R.S.P.P.: Medico competente: Coordinatore Gestione dell Emergenza (N.B.) Vice Coordinatore Gestione dell Emergenza (N.B.) Addetti alla Gestione dell Emergenza Primo Soccorso: Prof. S. Iuvara Ing. G. Dott. A. G. Boario Prof. S. Iuvara Vicario o collaboratore della Presidenza Lomater Carla Gottardo Marcello Mogetta Rosanna Tomba Mariangela Imarisio Piera Filia Vittoria Manariccio Natalina Pugliese Pietro Pugliese Antonio Ceroli Anna Di Moro Franceschina Sciascia Mirella Cavaliere Sara Altana Emanuela Addetti alla Gestione dell Emergenza Antincendio ed Evacuazione: Giacometti Marina Puma Comoglio Mauro Vicino Beniamino Ceroli Anna Di Moro Franceschina Manariccio Natalina Sciascia Mirella Cavaliere Sara Numero delle persone dipendenti Numero delle persone dipendenti disabili Numero delle persone esterne mediamente presenti n 76 docenti+ 23 ATA+920 studenti n 1 alunno (non dichiarata) n 20 persone durante l'orario di lezione; n 400 persone durante i pomeriggi in cui si svolgono i consigli di classe; Numero totale delle persone mediamente presentii n 850

11 Data: Rev. 04 Pag. 11 di Controllo delle operazioni Tale fase assume connotati diversi nei due casi di stato di emergenza finalizzata ad evitare che si verifichi l'evento dannoso e/o a proteggere le persone dai suoi potenziali effetti negativi, e di stato di emergenza conseguente ad un evento dannoso già avvenuto (che ha dispiegato parte dei suoi effetti): nel 1 caso diventa fondamentale seguire l'evoluzione del fenomeno cercando di controllarlo, nel 2 l'aspetto principale diventa una rapida organizzazione dei soccorsi. In entrambi i frangenti, però, il coordinamento tra le varie figure è essenziale, e la possibilità da parte del Responsabile dell'attività di seguire continuamente, attraverso i collegamenti con gli altri addetti, l' evoluzione della situazione diventa determinante per un soddisfacente funzionamento delle procedure previste. Riveste particolare importanza, per la corretta esecuzione delle procedure contenute nel piano, i comportamenti assunti dai soggetti coinvolti nella gestione dell'emergenza; tali comportamenti possono essere acquisiti solo a seguito di apposito addestramento e di ripetute simulazioni, che correggano eventuali anomalie e creino i necessari automatismi. Sarà indispensabile, inoltre, creare in questi soggetti una adeguata motivazione, assicurando il riconoscimento del loro importante ruolo. 10. Addestramento del personale Ai sensi dell Allegato IX al D.M. 10 marzo 1998 è assicurato un addestramento-formazione iniziale, da ripetere periodicamente, in merito alle azioni teoriche e pratiche da mettere in atto per la corretta esecuzione del presente piano. In particolare essendo l attività a rischio di incendio Alto, il programma di formazione ha previsto i seguenti argomenti: 1) L'incendio e la prevenzione incendi (4 ore) - principi sulla combustione; - le principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro; - le sostanze estinguenti; - i rischi alle persone ed all'ambiente; - specifiche misure di prevenzione incendi; - accorgimenti comportamentali per prevenire oli incendi; - l'importanza del controllo degli ambienti di lavoro; - l'importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio. 2) La protezione antincendio (4 ore) - misure di protezione passiva; - vie di esodo, compartimentazioni, di stanziamenti; - attrezzature ed impianti di estinzione; - sistemi di allarme; - segnaletica di sicurezza; - impianti elettrici di sicurezza; - illuminazione di sicurezza. 3) Procedure da adottare in caso di incendio (4 ore) - procedure da adottare quando si scopre un incendio; - procedure da adottare in caso di allarme; - modalità di evacuazione; - modalità di chiamata dei servizi di soccorso; - collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento; - esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali - operative.

12 Data: Rev. 04 Pag. 12 di 20 4) Esercitazioni pratiche (4 ore) - presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento; - presa visione sulle attrezzature di protezione individuale (maschere, autoprotettore, tute, etc.); - esercitazioni sull'uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale. In estrema sintesi le azioni che gli addetti dovranno compiere in caso di attivazione di uno stato di emergenza sono:! utilizzo dei mezzi di estinzione antincendio! rapida ispezione dei locali, in caso di evacuazione, per accertarsi che nessuno sia rimasto sul posto;! assistenza, durante l evacuazione, a persone in difficoltà;! intercettazione di valvole critiche (elettricità, acqua) e manovre per mettere in sicurezza le apparecchiature presenti;! guida degli altri dipendenti e del pubblico verso le vie di fuga e il punto di riunione. Essendo il locale previsto dall allegato X del D.M. 10 marzo 1998, i lavoratori, ai sensi dell'articolo 6, comma 3 dello stesso DM, incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, dovranno conseguire l'attestato di idoneità tecnica di cui all'articolo 3 della legge 28 novembre 1996, n Comportamenti di prevenzione incendi! è vietato fumare in tutte le aree di lavoro tranne in punti chiaramente indicati e circoscritti;! tutte le operazioni che prevedono l uso di fiamme libere oppure operazioni che possono comportare la produzione di scintille, al di fuori delle normali attività lavorative, devono essere sempre autorizzate dal Responsabile del Protezione, con documento scritto che indichi con precisione le modalità d intervento e il responsabile esecutivo;! tutti i posti di lavoro devono essere mantenuti in ordine e con un buon grado di pulizia, evitando la presenza di residui di qualunque tipologia;! è vietato appoggiare qualunque tipo di oggetto, indumento o altro sopra i mezzi di estinzione;! occorre individuare, dal proprio posto di lavoro, il mezzo di estinzione più vicino verificandone costantemente l accessibilità e pretendendo che questa sia sempre mantenuta;! è assolutamente vietato ostruire anche solo parzialmente le vie di esodo e le uscite di emergenza;! verificare continuamente e con attenzione l integrità di isolamento dei cavi elettrici, i quali non devono essere posizionati vicino a materiali combustibili o, soprattutto, prodotti infiammabili.! Verificare la segnaletica di evacuazione. 12. Scenari incidentali Le cause che determinano situazioni di emergenza e che potrebbero rendere necessaria l'evacuazione, anche parziale, dei locali sono le più diversificate e possono dipendere da fattori di rischio sia interni che esterni all edificio stesso, quali:! incendi che possono svilupparsi nei locali che ospitano impianti, o negli spazi comuni;! danni strutturali al complesso (o che interessino le sue aree esterne) a seguito di eventi

13 Data: Rev. 04 Pag. 13 di 20 catastrofici naturali o provocati (terremoti, esplosioni, trombe d'aria, inondazioni, frane, impatti di aeromobili, scariche atmosferiche, );! presenza o preannuncio di ordigni esplosivi;! diffusione nei locali interni di agenti nocivi;! inquinamento da nubi tossiche, o situazioni di emergenza derivanti da fughe di gas;! allagamenti estesi dei locali, che alterino le normali condizioni di sicurezza;! minaccia a persone e impianti rappresentata dal gesto di un esaltato o di un terrorista;! eventi anomali che espongano una o più persone al rischio di folgorazione elettrica;! ogni altra causa, anche remota, che imponga l'adozione di misure di emergenza. Tra le aree a rischio specifico vanno segnalate in particolare: i locali con maggiore densità di macchinari (come la centrale termica), o di apparecchiature elettriche (come quadri elettrici, pompe idriche, ecc.). 13. Procedure operative contenute nel Piano All interno dell edificio scolastico ogni soggetto (personale docente, non docente ed allievi) dovrà comportarsi ed operare per garantire a sé stesso ed agli altri un sicuro sfollamento in caso di emergenza. Per conseguire tale scopo ognuno dovrà rispettare le disposizioni e le raccomandazioni contenute nelle norme di comportamento e nelle procedure riportate negli allegati e riguardanti:! i doveri del personale di servizio incaricato di svolgere specifiche mansioni (personale incaricato alla diffusione dell allarme, personale incaricato di interrompere l erogazione dell energia elettrica, ecc. ) con riferimento alla sicurezza antincendio, quali per esempio: collaboratori scolastici, custodi, assistenti tecnici, ecc. (allegato 1 Procedure PROC1!PROC6);! i doveri del personale cui sono affidate particolari responsabilità in caso di emergenza; (addetti alla gestione delle emergenze, evacuazione, lotta antincendio, primo soccorso) (allegato 1 Procedure PROC1!PROC6);! i provvedimenti necessari per assicurare che tutto il personale sia informato sulle procedure da attuare;! le specifiche misure per le aree ad elevato rischio di incendio;! le procedure per la chiamata dei vari organismi preposti all intervento in caso di emergenza (allegato 2 Chiamate di soccorso). Al fine di dare concreta attuazione al Piano, le descrizioni delle procedure e delle norme di comportamento, sotto forma di scheda, dovranno essere consegnate alle persone incaricate. Ogni persona, potendo coprire più incarichi, avrà tutte le schede relative agli incarichi affidategli. Le schede di carattere generale dovranno essere affisse, in evidenza, nei luoghi ritenuti più idonei all interno del plesso. Presso la portineria (atrio) o la segreteria dovranno essere affisse in evidenza le schede relative alla chiamata di soccorso. 14. Elaborati grafici Nella realizzazione del presente Piano si è fatto riferimento agli elaborati grafici (piante in fogli di formato UNI A3 e A4) riportati in allegato, sui quali sono chiaramente identificati, secondo la simbologia grafica prevista dal D.Lgs. 81/08, i percorsi d esodo, le uscite di sicurezza, le scale di emergenza, gli

14 Data: Rev. 04 Pag. 14 di 20 estintori e gli idranti. Gli elaborati sono stati affissi come di seguito indicato:! affissione ai piani di piante in formato UNI A3 con l indicazione delle aule, dei percorsi da seguire, delle scale d emergenza, della distribuzione degli idranti e degli estintori;! affissione in ogni locale delle planimetrie del piano in formato UNI A4 con indicato il percorso per raggiungere l uscita di sicurezza assegnata e delle istruzioni di sicurezza con l assegnazione dei compiti specifici agli studenti 15. Procedura di intervento con allarme automatico o manuale di segnalazione incendio Al suono dei segnali di allarme comandati dai rivelatori automatici di incendio o dai pulsanti manuali dislocati nell edificio uno degli addetti all'emergenza verifica la causa che ha dato origine al segnale di allarme. Segnala l allarme al coordinatore per le emergenze, il quale, prima di diffondere la comunicazione di allarme; deve attendere la conferma di chi, sul posto, ha verificato la situazione. In caso di falso allarme la persona che ha effettuato il controllo avverte il coordinatore dell emergenza affinché non venga diffusa la comunicazione di allarme e, quindi, nessuno venga allertato inutilmente. Se, invece, il segnale di allarme è stato attivato da una reale situazione di emergenza, la persona che ha effettuato il controllo si attiva affinché venga diffusa la comunicazione di allarme 16. Gli addetti all antincendio ed all emergenza L art. 18 co. 1 lettera b) del D.Lgs. 81/08 sancisce l' obbligo da parte del Datore di lavoro di designare preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza. Tali lavoratori assumono un ruolo attivo nella prevenzione e nella gestione di eventuali emergenze, e che hanno ricevuto uno specifico addestramento, per l attuazione di tale compito, sono stati designati i seguenti addetti: I lavoratori designati quali addetti antincendio antincendio e i cui nominativi sono riportati nell allegato 3 devono effettuare regolari controlli sui luoghi di lavoro finalizzati ad accertare l efficienza dei sistemi antincendio. In via esemplificativa tali operazioni sono:! controllo che le porte resistenti al fuoco siano chiuse (se previsto);! controllo che tutte le apparecchiature elettriche, che non devono restare in servizio, siano spente;! controllo che tutti i rifiuti combustibili siano rimossi;! controllo che tutti i materiali infiammabili siano lasciati in luogo sicuro;! controllo che eventuali fiamme libere siano spente o lasciate in sicurezza 16.1 Assegnazione di incarichi al personale docente e non Tenuto conto della tipologia delle emergenze cui far fronte, la squadra minima di emergenza deve essere composta dalle seguenti figure:! n 1 Coordinatore dell emergenza Il Dirigente Scolastico o il suo Vicario così come coloro che secondo un ordine definito li possono sostituire in quest incarico viene identificato come coordinatore dell emergenza. Il coordinatore dell emergenza accentra su di sé l organizzazione per il controllo e la risoluzione dell emergenza e abbandona l edificio per ultimo o quando necessario per la sua incolumità.! n 2 addetti alla diffusione dell ordine di evacuazione! n 2 addetti per piano al controllo delle operazioni di evacuazione

15 Data: Rev. 04 Pag. 15 di 20! n 2 addetti all effettuazione delle chiamate di soccorso! n 2 addetti all interruzione dell erogazione dell energia elettrica, del gas e dell alimentazione della centrale termica! n 1 addetti all uso e al controllo periodico dell efficienza di estintori e idranti! n 1 addetti al controllo quotidiano della praticabilità delle uscite di sicurezza e dei percorsi per raggiungerle! n 1 addetti ai portatori di handicap 16.2 Assegnazione di incarichi agli allievi A cura degli insegnanti, in ogni classe sono stati individuati gli alunni aventi le seguenti mansioni:! 2 alunni apri-fila, con il compito di aprire le porte e di guidare i compagni verso la zona di raccolta;! 2 alunni serra-fila, con il compito di assistere eventuali compagni in difficoltà e chiudere la porta dell aula dopo essersi assicurati che nessuno sia rimasto indietro; gli stessi faranno da tramite tra l insegnante e il Coordinatore delle operazioni per la trasmissione del modulo di evacuazione (allegato 4)! 2 alunni con il compito di aiutare i disabili ad abbandonare l aula ed a raggiungere il luogo sicuro di piano! 4 operatori adulti con il compito di aiutare i disabili ad abbandonare il luogo sicuro di piano per raggiungere uno dei punti di raccolta individuati all esterno dell edificio. I nominativi degli alunni con gli incarichi di cui sopra sono riportati nell allegato 3 e riprodotti in apposita scheda affissa all interno della classe in modo ben visibile 17. Allertamento e comunicazione dell emergenza A chi e come viene segnalata un eventuale emergenza. - automaticamente COME DA CHI (O COSA) A CHI! manualmente (a voce o tramite pulsante di allarme). La 2^ modalità è quella da adottare in caso di blackout poiché i pulsanti manuali continueranno a funzionare grazie all'alimentazione tramite batterie.! dai rivelatori di fumo (nelle aree a rischio specifico) - da chi ravvisa una situazione di pericolo A chi e come l emergenza deve essere comunicata in seguito. - a l p a n n e l l o d i c o n t r o l l o Reception/Portineria - agli addetti all emergenza o - alla Reception/Portineria COME DA CHI (O COSA) A CHI - telefonicamente - dalla portineria - all addetto all emergenza del piano da cui

16 Data: Rev. 04 Pag. 16 di 20 proviene l allarme - Al Coordinatore dell'emergenza (Preside) o Vice Coordinatore (Vicario o altro collaboratore disponibile in Istituto) - ai Vigili del Fuoco - agli addetti all emergenza degli altri piani, se necessario A chi e come viene comunicato se si tratta di falso allarme: COME DA CHI A CHI - telefonicamente - dall addetto al piano che valuta la situazione - telefonicamente - dalla portineria - Alla Reception/Portineria A chi e come viene comunicato se l emergenza è accertata e la gravità della situazione: - Al Coordinatore dell'emergenza (Preside) o Vice Coordinatore (Vicario o altro collaboratore disponibile in Istituto) COME DA CHI (O COSA) A CHI - telefonicamente - dall addetto al piano che valuta la situazione - telefonicamente - a l l a R e c e p t i o n / P o r t i n e r i a ( v i e n e segnalata anche l eventuale necessità di soccorso sanitario e/o l evacuazione dell edificio) - dalla portineria - Al Coordinatore dell'emergenza (Preside) o Vice Coordinatore (Vicario o altro collaboratore disponibile in Istituto) A chi, da dove e come viene azionato il segnale di evacuazione dell edificio. - tramite pulsante: COME DA CHI A CHI - dalla portineria - a tutto l'edificio 1) Tramite la campanella usata per scandire le ore di lezione, il suono sarà ripetuto ad intermittenza per due minuti in modo che sia riconosciuto inequivocabilmente come segnale d allarme indicante l inizio della procedura di evacuazione. 2) Tramite impianto di allarme vocale. 3) Tramite pulsante di allarme. - L evacuazione dovrà avvenire percorrendo le vie di esodo e le uscite di emergenza indicate nella apposita segnaletica di colore verde.

17 Data: Rev. 04 Pag. 17 di 20 SCHEMA PER LA COMUNICAZIONE DELL EMERGENZA Si riporta di seguito lo schema di flusso della comunicazione dell emergenza: SEGNALAZIONE MANUALE (pulsanti di allarme) SEGNALAZIONE AUTOMATICA (rilevatori di fumo) PANNELLO DI CONTROLLO PORTINERIA/RECEPTION CONSEGNATARIO! SEGNALE DI EVACUAZIONE ADDETTO ALL EMERGENZA DEL PIANO! VIGILI DEL FUOCO OSSERVAZIONI: ADDETTI ALL EMERGENZA DEGLI ALTRI PIANI Tale schema deve essere realizzato per ogni possibile scenario d emergenza. Per garantire il funzionamento dell intero sistema di allertamento e comunicazione dell emergenza esposto in precedenza, risulta evidente la necessità di garantire la presenza nell edificio degli addetti all emergenza nonché la loro reperibilità. In particolare è consigliabile che venga garantita la PRESENZA di almeno un incaricato all emergenza per piano, scelto tra le persone normalmente presenti nell edificio, e di almeno un addetto per la portineria (nel caso esposto). Inoltre in caso di necessità deve essere garantita una tempestiva COMUNICAZIONE tra gli addetti e la portineria. Pertanto è necessario che: - sia garantita la presenza del Coordinatore dell'emergenza dell edificio o di un sostituto - se vi sono variazioni di numero di telefono degli addetti all emergenza, questi vengano immediatamente comunicati alla portineria e a tutti i lavoratori (deve essere aggiornato anche il presente piano d emergenza) - sia garantita la funzionalità e l accessibilità della linea telefonica per la comunicazione dell emergenza, risulta pertanto opportuno predisporre una linea telefonica dedicata - ai lavoratori incaricati della gestione dell emergenza possa giungere la comunicazione di allertamento anche al di fuori del proprio ufficio, nelle vicinanze dell edificio, e che possa esserci il necessario scambio di informazioni tra addetti, portineria e soccorsi esterni.

18 Data: Rev. 04 Pag. 18 di 20 Chiunque individui un principio di incendio o rilevi qualche altro fatto anomalo (presenza di fumo, scoppi, crolli, spargimento di sostanze infiammabili, ecc.) è tenuto a chiamare il coordinatore dell emergenza informandolo della situazione precisando: 1. locale e piano dove è in atto l emergenza 2. eventuale presenza di infortunati 3. natura dell evento che ha determinato l emergenza (incendio, scoppio, fuga di gas tossici, ecc.) Il coordinatore dell emergenza metterà in atto tutte le procedure necessarie in funzione del tipo dell emergenza. Qualora l emergenza comporti un pericolo per le persone presenti nell edificio si attuerà la procedura per l evacuazione dell'edificio. L ordine di evacuazione sarà dato Fine emergenza Il coordinatore dell emergenza decreta la fine dell emergenza quando l emergenza generale è conclusa e le condizioni di sicurezza generali dell edificio siano state ripristinate su segnalazione dei VV.FF. 18.Informazione dei lavoratori e degli allievi sulle procedure da attuare Il contenuto del Piano sarà reso noto come segue: Il personale scolastico e gli alunni riceveranno un adeguata informazione sui principi di base della prevenzione incendi e sulle azioni da attuare in presenza di incendio nel corso di una riunione in cui sarà presentato ed illustrato il presente Piano. Nel corso di tale riunione verranno affrontati tutti gli argomenti previsti dall allegato VII del D.M. 10 marzo Adeguate informazioni saranno fornite agli addetti alla manutenzione e agli appaltatori per garantire che essi siano a conoscenza delle misure generali di sicurezza antincendio della scuola, delle azioni da adottare in caso di incendio e delle procedure di evacuazione. Almeno due volte l anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento, si effettueranno esercitazioni antincendio di cui si redigerà apposito verbale. Nel caso di comportamento del personale non adeguato o parzialmente adeguato alle procedure di emergenza, verrà ripetuta la riunione di illustrazione del Piano di emergenza in caso di incendio. 19. Prove di evacuazione di emergenza Il Piano prevede almeno due prove simulate per verificare la validità delle procedure di esodo e di primo intervento. Le prove devono essere gestite dal Dirigente scolastico e/o dal coordinatore del Piano e documentati con un verbale che descriva lo svolgimento della prova. Per evitare che la prova venga percepita come una pausa di lavoro o come occasione per chiacchierare, è fondamentale che la prova sia preceduta e seguita da una breve illustrazione delle misure antincendio. La prova può essere suddivisa in tre fasi: 1. Lezione teorica in aula che illustri le procedure d emergenza e di evacuazione 2. Simulazione pratica dell emergenza; 3. Discussione in aula delle problematiche emerse durante l evacuazione

19 Data: Rev. 04 Pag. 19 di Informazione dell utenza Copia del presente documento dovrà essere affisso nelle bacheche di ogni piano, in sala insegnanti, essere a disposizione in segreteria didattica per consultazione degli interessati. All interno di ogni locale, indicativamente sulla porta di accesso, dovrà essere appesa una pianta del piano di cui il locale fa parte, con l evidenziazione del locale stesso e del percorso da seguire in caso di emergenza, il tutto possibilmente con l utilizzo di colori opportuni che ne facilitino la visione e l interpretazione. E prevista inoltre la distribuzione di depliant illustrativi dell edificio al personale interno ed esterno, agli allievi, ai genitori e ai visitatori, contenenti indicazioni sul comportamento da tenersi in caso di emergenza e/o evacuazione. 2. Nozioni di primo soccorso. Vedere documento specifico: Piano di Primo Soccorso 20. Normativa di riferimento! D.M. 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l edilizia scolastica.! D.M. 09/04/1994 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l esercizio delle attività ricettive turistico alberghiere.! D.M. 20/05/1992 Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre.! P.R. 30/06/1995 Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico artistico destinati a biblioteche ed archivi.! D.M. 19/08/1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo.! D.M. 18/03/1996 Norme di sicurezza per la costruzione e l esercizio degli impianti sportivi.! D.M.B.C.A. n 569 del 20/05/1992 Norme di Sicurezza antincendio per gli edifici pregevoli per arte e storia.! D.M. 16/02/1982 Modificazioni del D. P. R. del 27/9/1965 concernente la determinazione delle attività soggette alle visite di prevenzione incendi.! D. P. R n /05/1959 Determinazione delle aziende e lavorazioni soggette, ai fini della prevenzione incendi, al controllo del Comando del Corpo dei Vigili del fuoco.! D.M. 10/03/98 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro! D. Lgs. 81/08 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro! D.Lgs. 106/09 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81

20 Data: Rev. 04 Pag. 20 di Disposizioni finali Il presente Piano riprodotto in più copie viene consegnato alle seguenti persone:! copia per il Coordinatore dell emergenza,! copia per il Responsabile del Protezione,! copia per il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Il presente Piano viene conservato presso l Ufficio della Presidenza e/o Segreteria per la consultazione. Il presente Piano viene messo a disposizione degli addetti all'emergenza e al primo soccorso tramite il sito dell'istituto: contemporaneamente viene data disposizioe agli stessi addetti, da parte del Dirigente scolastico, di prenderne visione sempre attraverso l'apposito link sicurezza nel sito dell'istituto. Una copia del Piano è tenuta per l utilizzo delle Strutture esterne di soccorso. E fatto obbligo al possessore del Piano di mantenerlo con cura e diligenza. E fatto obbligo a chi preleva, dall ufficio che lo conserva, una copia del Piano, di utilizzarlo con cura e restituirlo dopo la consultazione. E fatto obbligo di tenere aggiornate tutte le copie richiamate nel presente titolo inviando ai possessori note di integrazione e revisione del Piano (ogni nota deve fare riferimento alle pagine da sostituire o ai periodi da modificare nelle pagine). E fatto obbligo a tutti coloro che frequentano (anche se non stabilmente) la Scuola (addetti e prestatori di servizi a contratto d appalto o contratto d opera, assistenza impianti tecnici/tecnologici, impresa di pulizia, gestione mensa, fornitori e tutte quelle prestazioni di cui all art.7 del D.L. 626/94) di osservare integralmente i contenuti e le procedure previste dal Piano di emergenza. Coloro che manomettono e/o riducono l efficacia dei sistemi di difesa e di protezione installati per la sicurezza delle persone ed il mantenimento dei beni saranno sottoposti a procedimenti disciplinari commisurati alla gravita della inadempienza, oltre all azione penale per reati contro la pubblica incolumità. 22.Allegati Allegato 1: Procedure PROC_1!PROC_6 Allegato 2: Chiamate di soccorso Allegato 3: Assegnazione incarichi Allegato 4: Modulo di evacuazione Allegato 5: Norme di comportamento PROC_7!PROC_12 Layout di esodo

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti??

Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? Come proteggersi dai contatti diretti e indiretti?? CEI 64-8 -CAP. 563. CIRCUITI DI ALIMENTAZIONE DEI SERVIZI DI SICUREZZA Parte 563.3: La protezione

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli