Procedura PIANO DI EMERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura 2-001 PIANO DI EMERGENZA"

Transcript

1 Pag. 1 di 25 Procedura PIANO DI EMERGENZA COPIA N : DESTINATARIO : RSPP

2 Pag. 2 di 25 Sommario 1. GENERALITÀ IDENTIFICAZIONE E RIFERIMENTI DELLA SCUOLA CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO SCOLASTICO PLANIMETRIA DELLE AREE INTERNE E ESTERNE DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA IDENTIFICAZIONE DELLE AREE AD ALTA VULNERABILITÀ RISCHI SPECIFICI LEGATI ALL USO DI PARTICOLARI LOCALI ORGANIZZAZIONE DELL'EMERGENZA OBIETTIVI DEL PIANO INFORMAZIONE FATTORI CONSIDERATI NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI EVACUAZIONE E DI EMERGENZA RISCHI POSSIBILI DURANTE LA FASE DI EVACUAZIONE DEFINIZIONE DI EVENTO DEFINIZIONE DEL PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA OBIETTIVI individuazione degli eventi soggetti coinvolti compiti del Dirigente o del suo vice compiti del centralinista comitato di emergenza comportamento degli studenti alunno aprifila alunno serrafila alunni che aiutano eventuali compagni in difficoltà piano di abbandono immediato della struttura per alunni in caso di incendio o altro evento 15

3 Pag. 3 di piano di abbandono non immediato della struttura per alunni in caso di terremoto o altro evento piano di abbandono della struttura per alunni non in classe insegnanti personale ausiliario persone estranee alla scuola BUONE NORME DI COMPORTAMENTO QUOTIDIANO CARTOGRAFIA DELLE VIE DI ESODO E DEI LUOGHI SICURI PROVE DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA AGGIORNAMENTO E MIGLIORAMENTO DEL PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA MODALITÀ DI PROGRAMMAZIONE DELLA PROVA DI EVACUAZIONE GENERALITÀ 1.1. IDENTIFICAZIONE E RIFERIMENTI DELLA SCUOLA L identificazione della scuola e di tutti i riferimenti nominativi necessari per il regolare mantenimento del piano di emergenza sono riportati in un registro a parte (modulo M ) che viene rivisto e stabilito in corrispondenza dell inizio di ogni nuovo anno scolastico.

4 Pag. 4 di CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Il fabbricato che ospita l ITIS E. FERMI può essere suddiviso strutturalmente e funzionalmente in 3 blocchi distinti: 1. blocco uffici (uffici, palestra, bar) 2. blocco aule 3. blocco laboratori Il bar, l aula magna e la palestra si sviluppano in orizzontale mentre il blocco uffici si sviluppa in verticale. Il blocco aule si sviluppa su quattro piani fuori terra in verticale (comprendente anche il magazzino al piano terra). Il blocco laboratori si sviluppa in orizzontale. I 3 blocchi sopra elencati sono collegati tra loro per mezzo di percorsi orizzontali al piano terra. Vi è presente solo una palestra e l attività viene svolta solo in presenza dell insegnante di educazione fisica. L attività scolastica è svolta su due turni di lavoro: uno al mattino e uno al pomeriggio ( per i rientri pomeridiani delle classi 5, per eventuali corsi di recupero extracurricolare, per riunioni pomeridiane e per altri motivi dipendenti dall attività didattica). Nel periodo estivo il personale svolge il proprio lavoro in un unico turno mattutino. Tutti i locali sono serviti da ampi corridoi permettendo un agevole accesso e un regolare deflusso delle persone PLANIMETRIA DELLE AREE INTERNE E ESTERNE Le planimetrie sono appese nelle classi, nelle guardiole dove è presente il personale ausiliario e nei presidi aventi funzione di luogo sicuro per il primo soccorso. Nella documentazione cartografica sono riportate le seguenti informazioni: Ubicazione delle uscite di emergenza Ubicazione dei luoghi sicuri Individuazione (colorata) dei percorsi di fuga Ubicazione delle attrezzature antincendio (estintori, ecc.) Individuazione delle aree di raccolta esterne (colorati o con lettera) Indicazione della segnaletica di sicurezza Individuazione dell'interruttore elettrico generale di piano e generale Individuazione delle chiusure del gas metano Individuazione delle chiusure dell'erogazione dell'acqua

5 Pag. 5 di DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA. Piano Alunni Disabili Docenti Collab. Personale Totale Scolast. segreteria Blocco aule Piano terra Primo piano Secondo piano Terzo piano Blocco Piano terra laboratori Blocco uffici Piano terra Primo piano Secondo piano Classificazione della Scuola in relazione alla effettiva presenza contemporanea delle persone (DM ). Tipo 0: Scuole con n. di presenze contemporanee fino a 100 persone; Tipo 1 Scuole con n. di presenze contemporanee da 101 a 300 persone; Tipo 2: Scuole con n. di presenze contemporanee da 301 a 500 persone; X Tipo 3: Scuole con n. di presenze contemporanee da 501 a 800 persone; Tipo 4: Scuole con n. di presenze contemporanee da 801 a 1200 persone; Tipo 5: Scuole con n. di presenze contemporanee oltre 1200 persone IDENTIFICAZIONE DELLE AREE AD ALTA VULNERABILITÀ LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE NUMERO Laboratori di meccanica Blocco laboratori 3 Laboratori di chimica Blocco laboratori 3 Altri laboratori Blocco laboratori 7

6 Pag. 6 di 25 Centrale termica Esterno scuola 1 Magazzino Blocco aule 1 Aule Blocco aule 1 Uffici Blocco uffici 1 Bar Blocco uffici 1 Palestra Blocco uffici RISCHI SPECIFICI LEGATI ALL USO DI PARTICOLARI LOCALI RISCHI SPECIFICI LUOGHI A RISCHIO UBICAZIONE Rischi di natura meccanica Laboratori di meccanica Blocco Laboratori Rischio biologico Laboratori di chimica Blocco Laboratori Rischi di natura elettrica Altri laboratori Blocco Laboratori 2. ORGANIZZAZIONE DELL'EMERGENZA 2.1. OBIETTIVI DEL PIANO Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi: affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica; pianificare le azioni necessarie per proteggere le persone sia da eventi interni che esterni; coordinare i servizi di emergenza, lo staff tecnico e la direzione didattica; fornire una base informativa didattica per la formazione del personale docente, degli alunni e dei genitori degli alunni. Il piano di emergenza ha inoltre la funzione di coordinare l intervento dei lavoratori incaricati all attuazione delle misure di prevenzione incendi (squadra antincendio) e dei lavoratori incaricati al primo soccorso INFORMAZIONE Al fine di un buon esito delle prove di evacuazione è necessario informare e mantenere informate tutte le persone presenti all interno dell istituto in relazione al piano di evacuazione e di

7 Pag. 7 di 25 emergenza. I docenti, il personale ausiliario e gli studenti vengono informati tramite una pianificazione annuale (modulo M ), tramite circolari che vengono fatte passare nelle classi e tramite il sito Internet dedicato alla tematica della sicurezza. Chiunque può prendere visione dei piani di evacuazione e di emergenza tramite l esposizione sia di schede comportamentali (modulo M ) sia di schede planimetriche (modulo M ) illustranti il percorso di evacuazione da seguire a seconda dei luoghi in cui ci si trova FATTORI CONSIDERATI NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DI EVACUAZIONE E DI EMERGENZA Nello sviluppo dei piani di evacuazione e di emergenza sono stati considerati i seguenti elementi: Responsabile del comando di evacuazione Sistema di allarme Persone presenti nell istituto (dipendenti, studenti e persone estranee) e loro possibile dislocazione Luoghi con rischi particolari Abilità di fuga senza assistenza (eventuale presenza di persone con limitata capacità motoria) Incaricati ad assistere le persone estranee nella fase di evacuazione Presenza di lavoratori non dipendenti Formazione Indicazione e segnaletica Al fine di garantire la massima diffusione, copia del piano di evacuazione e di emergenza viene consegnata al Dirigente ed al RLS mentre una copia viene esposta in sala insegnanti RISCHI POSSIBILI DURANTE LA FASE DI EVACUAZIONE Per la predisposizione del piano di evacuazione e di emergenza sono stati considerati i seguenti rischi: Svenimento Soffocamento Intossicazione

8 Pag. 8 di 25 Caduta Senso di apertura delle porte (intralcio al transito in corridoio) Intasamento di un percorso Crollo di parti strutturali Insufficiente altezza del parapetto Larghezza insufficiente della scala Cattivo funzionamento delle porte di emergenza Larghezza di passaggio insufficiente Possibile presenza di automezzi davanti alle porte di uscita di emergenza ed agli ingressi principali Rischio di scoppio dei motorini in cortile Inosservanza delle fasi di evacuazione dell edificio Alunno o personale fuori luogo Ritorno di fiamma Ustioni ed escoriazioni Ematomi da traumi Schiacciamenti Ordigno esplosivo Allagamento Emergenza elettrica Fuga di gas Infortunio/malore Incendio Attacco terroristico Alluvione Evento sismico Emergenza tossico-nociva

9 Pag. 9 di DEFINIZIONE DI EVENTO Fatto avvenuto o che potrà avvenire e che costituisce rischio e pericolo di infortuni e/o perdite di vite umane 2.5. DEFINIZIONE DEL PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA Costituisce l insieme delle operazioni, manovre, istruzioni e prove che permettono, nel rispetto delle condizioni di scurezza meglio attuabili, il più rapido sfollamento dell istituto. Esso si articola con la definizione dei prossimi sottocapitoli OBIETTIVI a) Salvaguardare la sicurezza di ogni singolo individuo b) Contribuire alla sicurezza altrui c) Eseguire i vari compiti senza farsi male e senza far male d) Coordinare l intervento delle squadre di soccorso interne e) Muoversi nella consapevolezza che il principale obiettivo è la sicurezza di tutti f) Svolgere tutte le operazioni nel minor tempo possibile g) Creare dei riferimenti per i soccorsi esterni h) Permettere ai soccorritori (interni ed esterni) di intervenire il più velocemente possibile i) Non trascurare il pur minimo dettaglio che possa concorrere positivamente alla sicurezza INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI 1) Incendio 2) Crolli strutturali 3) Allagamenti / inondazioni 4) Calamità naturali 5) Calamità antropiche 6) Ordigni esplosivi 7) Terremoto 8) Atti vandalici o di sequestro SOGGETTI COINVOLTI a) DS

10 Pag. 10 di 25 b) RSPP c) RLS d) Vice-Preside e) DSGA f) Addetto al centralino g) Personale docente h) Studenti i) Personale non docente (assistenti tecnici, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi, ecc) j) Persone presenti nella scuola (genitori, utilizzatori aula magna, persone presenti al bar, ecc) k) Operatori presenti all interno della scuola ma non direttamente dipendenti da essa (manutentori, gestore del bar, ecc) l) Soccorsi interni: a. Squadra di pronto intervento antincendio (modulo M ) b. Squadra di primo soccorso (modulo M ) m) Soccorsi esterni: a. Vigili del fuoco b. Emergenza sanitaria (pronto soccorso e ambulanze) c. Pubblica sicurezza d. Volontari e. Protezione civile COMPITI DEL DIRIGENTE O DEL SUO VICE Il Dirigente è il responsabile dell attività scolastica, alla sua persona fanno capo tutte le decisioni ed operazioni relative all emergenza (fino all arrivo dei soccorsi esterni). In caso di assenza delega i propri compiti relativi all emergenza al suo Vice. I compiti del Dirigente sono i seguenti: a) Valutare la gravità dell evento e prendere decisioni in merito all evacuazione b) Far eseguire l ordine di allarme (per l evacuazione di emergenza) c) Effettuare le chiamate di richiesta di soccorso esterno adeguate al tipo di emergenza d) Abbandonare il fabbricato e costituire il comitato di emergenza (con ritrovo sul luogo sicuro pianificato)

11 Pag. 11 di COMPITI DEL CENTRALINISTA L addetto al centralino svolge una funzione di intercomunicazione all interno del piano di evacuazione di emergenza. Qualora abbia la necessità di assentarsi (anche per breve tempo) deve farsi sostituire da persona informata e formata sulle operazioni da compiere del piano di emergenza. I suoi compiti sono i seguenti: a) Non deve assolutamente lasciare il centralino telefonico senza operatore b) Deve operare in modo da non intasare le linee telefoniche interne ed esterne c) Riceve le segnalazioni di pericolo o evento d) Non deve assolutamente prendere decisioni, ma trasmettere le segnalazioni e i comandi e) Evitare il panico, mantenere la calma, operare le azioni sotto riportate nel più breve tempo possibile. Si considera l ubicazione del centralino come luogo a basso rischio d incendio, di calamità naturali e antropiche. f) Comunica il pericolo o evento al Dirigente il più celermente possibile (telefonicamente o personalmente se non funzionante o occupato) g) Se il Dirigente è assente comunica il pericolo o evento al Vice h) Attua (o incarica un collega presente) il segnale di avvio del piano di evacuazione di emergenza solo dopo aver ricevuto l ordine: 1) Suono continuo delle campane di segnalazione fine ora in caso di necessità di ABBANDONO IMMEDIATO DELLA STRUTTURA (incendi, ordigni esplosivi, atti vandalici o di sequestro, calamità naturali, ecc) 2) Suono intermittente delle campane di segnalazione fine ora in caso di necessità di ABBANDONO DELLA STRUTTURA NON IMMEDIATO (terremoto, allagamenti / inondazioni, crolli strutturali, ecc) i) Se il locale centralino non è interessato dal pericolo / evento il centralinista rimane al proprio posto e continua a gestire le eventuali comunicazioni, qualora l operatore ritiene di essere interessato dal pericolo / evento può abbandonare il proprio posto dando comunicazione al comitato di emergenza j) Mantiene i contatti tra il comitato di emergenza e gli enti esterni preposti al soccorso

12 Pag. 12 di COMITATO DI EMERGENZA Il comitato di emergenza si costituisce solo in occasione di eventi che richiedono l evacuazione di emergenza dell istituto e ha il potere decisionale fino all arrivo dei soccorsi esterni, con i quali successivamente collabora. Tale comitato è così composto: a. DS b. Vice (in servizio prevalentemente nel blocco aule) c. DSGA (in servizio prevalentemente nel blocco uffici) d. RSPP e. RLS I compiti del comitato di emergenza sono i seguenti: 1) Al segnale di avvio del piano di evacuazione i componenti del comitato di emergenza si recano sul luogo sicuro pianificato e costituiscono il comitato di emergenza che risulta operativo anche in presenza di un solo componente 2) Il Vice deve portare l orario scolastico settimanale (compreso il quadro degli insegnanti a disposizione) in modo da poter sia individuare la dislocazione delle classi nel momento del verificarsi dell evento sia stabilire gli insegnanti presenti 3) Il DSGA deve portare l elenco del personale ausiliario presente 4) Il comitato viene informato del pericolo o evento dal DS 5) Il comitato raccoglie tutti i dati relativi allo svolgimento degli eventi 6) Il comitato raccoglie le notizie relative all evacuazione di tutti gli alunni presenti, del personale dipendente e delle altre persone presenti; le notizie devono provenire dai luoghi sicuri 7) Il comitato valuta situazioni locali o particolari di pericolo ed elabora le contromisure praticabili da adottare 8) Coordina l intervento delle squadre interne di soccorso 9) Fornisce le informazioni e formazioni del caso al personale evacuato e raggruppato nei luoghi sicuri pianificati 10) Affronta gli imprevisti ed appronta soluzioni immediate 11) Comunica ai soccorsi esterni tutti i dati ritenuti utili alle migliorie di organizzazione degli aiuti e trasferisce agli stessi il potere decisionale

13 Pag. 13 di 25 12) Consultando i servizi di soccorso esterno per valutare la cessata emergenza e la possibilità di rientro nelle classi per procedere alla normale attività 13) Rileva eventuali gravi ritardi e/o manchevolezze nelle operazioni di soccorso 14) Redige apposito verbale relativo all evacuazione, riportando quanto rilevato al punto precedente; il comitato può richiedere che venga migliorato / aggiornato il piano di evacuazione di emergenza COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI Il comportamento da ssumere dagli studenti è diverso a seconda del tipo di evacuazione richiesta: 1) Suono continuo delle campane di segnalazione fine ora in caso di necessità di ABBANDONO IMMEDIATO DELLA STRUTTURA (incendi, ordigni esplosivi, atti vandalici o di sequestro, calamità naturali, ecc) 2) Suono intermittente delle campane di segnalazione fine ora in caso di necessità di ABBANDONO DELLA STRUTTURA NON IMMEDIATO (terremoto, allagamenti / inondazioni, crolli strutturali, ecc) All interno della classe è necessario individuare alcune persone con compiti specifici nelle operazioni di evacuazione: a) Alunno aprifila b) Alunno chiudi fila c) Alunno che aiuta i compagni in difficoltà ad evacuare ALUNNO APRIFILA È designato aprifila il primo alunno dell'elenco del registro di classe, in sua assenza lo sostituiscono gli alunni successivi in ordine alfabetico. Ecco i suoi compiti: 1. raccogliere il registro di classe 2. iniziare a comporre la fila 3. avviarsi con passo regolare quando la fila è composta (uscire dall'aula) 4. seguire il percorso assegnato percorrendo i corridoi verso la parte centrale (al fine di non essere colpiti / intralciati dalle porte dei vari locali aperte); aprire (in modo stabile) eventuali porte di emergenza incontrate lungo la via di fuga

14 Pag. 14 di dare le precedenze stabilite dal piano di evacuazione 6. dare l'ordine di inversione del senso di marcia in caso la via di fuga pianificata risulti non praticabile per cause di forza maggiore (focolaio d'incendio, fumo, presenza di crolli od ostruzioni dovute a presenza di materiali); in questo caso i ruoli di aprifila e serrafila si invertono; la comunicazione di inversione del senso di marcia avviene con il "passa- parola" 7. raggiungere il luogo sicuro stabilito 8. consegnare il registro di classe al docente ALUNNO SERRAFILA È designato serrafila l'ultimo alunno dell'elenco del registro di classe, in sua assenza la sostituiscono gli alunni che lo precedono in ordine alfabetico. Ecco i suoi compiti: 1. accertarsi che in aula non sia rimasto nessuno 2. chiudere la porta della classe ed eventuali porte di compartimentazione incontrate lungo il percorso di fuga 3. controllare che la marcia avvenga con ordine e ritmo regolare 4. evitare le intersezioni con altre file che seguono e sovrapposizioni 5. assumere eventualmente il compito di aprifila (in questo caso deve seguire il percorso di fuga alternativo) 6. comunicare prontamente all'insegnante la presenza di compagni in difficoltà 7. controllare che tutta la fila si sia posizionata in un luogo sicuro stabilito dal piano 8. comunicare al docente eventuali alunni rimasti bloccati all'interno del fabbricato o ritardatari ALUNNI CHE AIUTANO EVENTUALI COMPAGNI IN DIFFICOLTÀ Sono incaricati direttamente dall insegnante presente sulla base delle necessità del momento. Ecco i loro compiti: 1. non usare l'ascensore 2. seguire la fila della propria classe; qualora costituiscano intralcio ad una celere evacuazione, per quanto possibile seguire, in parallelo il percorso di fuga

15 Pag. 15 di chiedere aiuto al personale ausiliario presente o far segnalare alle squadre di soccorso l'eventuale ritardo o difficoltà per raggiungere il luogo sicuro 4. raggiungere appena possibile il luogo sicuro PIANO DI ABBANDONO IMMEDIATO DELLA STRUTTURA PER ALUNNI IN CASO DI INCENDIO O ALTRO EVENTO Ecco come devono comportarsi: a) Al suono continuo delle campane di segnalazione fine ora avviare il piano di emergenza con abbandono immediato della struttura b) mantenere la calma al fine di abbandonare ordinatamente il locale e l'istituto c) interrompere immediatamente ogni attività d) sulla base delle condizioni climatiche esterne, raccogliere i soli indumenti necessari alla protezione personale (cappotti, impermeabili, ecc.); abbandonare in aula altri effetti personali che possono costituire intralcio all'evacuazione (cartelle, zaini, ombrelli, caschi, ecc.) formare ordinatamente una fila dietro all aprifila e) abbandonare l'aula, percorrere la via di fuga in silenzio in modo da rendere comprensibile l'eventuale comando di inversione di marcia in caso la via di fuga pianificata risulti non praticabile per cause di forza maggiore (focolaio d'incendio,fumo, presenza di crolli od ostruzioni dovute a presenza di materiali); f) nel caso la visibilità sia scarsa (fumo, polveri, buio), percorrere la via di fuga appoggiando la mano destra sulla spalla del compagno che precede o tenendosi per mano g) raggiungere l uscita di sicurezza più vicina (vedi pianificazione) h) seguire le direttive del piano di emergenza i) se il fumo rende impraticabile il corridoio o le scale, rientrare, se è possibile nell aula e manifestare la propria presenza e la presenza dell incendio o evento equivalente. j) Giunti all esterno, raggiungere il luogo sicuro pianificato rimanendo in gruppo k) Evitare imprudenze e gesti di panico l) Non rientrare nell edificio se non autorizzati m) Non prelevare biciclette, moto o auto n) All appello segnalare la propria presenza

16 Pag. 16 di 25 o) Rimanere in attesa di indicazioni da parte del comitato di emergenza Qualora risulti impossibile abbandonare l'aula (incendio all'esterno della porta, vie di fuga tutte impraticabili, porta bloccata, ecc.) 1) Rimanere o ritornare in aula 2) Chiudere la porta, aprire tutte le finestre; in caso di fumo sigillare eventuali fessure della porta con indumenti se possibile bagnati 3) Nel caso il fumo renda difficoltosa la respirazione filtrare l aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiarsi per terra (il fumo tende a salire verso l alto) 4) Senza esporsi troppo dalle finestre segnalare la propria presenza e chiedere soccorso PIANO DI ABBANDONO NON IMMEDIATO DELLA STRUTTURA PER ALUNNI IN CASO DI TERREMOTO O ALTRO EVENTO Ecco come devono comportarsi: 1) al suono intermittente delle campane di segnalazione fine ora avviare il piano di emergenza con abbandono non immediato della struttura (causa terremoto, ecc.) 2) interrompere immediatamente ogni attività 3) evitare il panico e disporsi sotto i banchi in ginocchio, con la bocca aperta e coperta da un fazzoletto, con il capo tra le braccia 4) se si è sorpresi dalla scossa fuori dall'aula,addossarsi subito ad un muro maestro interno, lontano da vetrate 5) non avvicinarsi ad armadi o scaffali di una certa altezza; allontanarsi dalle finestre con vetrinon accendere fiammiferi e non usare fiamme libere durante e dopo le scosse sismiche: sono possibili fughe di gas o rottura di contenitori di liquidi infiammabili 6) al termine della prima serie di scosse abbandonare la struttura raggiungendo l uscita più vicina (vedi indicazioni evacuazione per incendio) seguendo le direttive del piano di emergenza 7) non usare gli ascensori, raggiungere il luogo sicuro pianificato rimanendo in gruppo 8) evitare imprudenze e gesti di panico 9) non rientrare nell edificio se non si è autorizzati 10) non prelevare biciclette, moto o auto

17 Pag. 17 di 25 11) All appello segnalare la propria presenza 12) Rimanere in attesa di indicazioni da parte del comitato di emergenza Qualora risulti impossibile abbandonare l'aula (vie di fuga tutte impraticabili per crolli, porta bloccata, ecc.) 1) Rimanere o ritornare in aula 2) Chiudere la porta, aprire tutte le finestre; in caso di polvere sigillare eventuali fessure della porta con indumenti se possibile bagnati 3) Nel caso la polvere renda difficoltosa la respirazione filtrare l aria attraverso un fazzoletto 4) Senza esporsi troppo dalle finestre segnalare la propria presenza e chiedere soccorso PIANO DI ABBANDONO DELLA STRUTTURA PER ALUNNI NON IN CLASSE SE PRESENTI IN LABORATORIO a) Al suono delle campane di segnalazione fine ora che avvisano sulla necessità di evacuazione (immediata o non immediata): sospendere immediatamente ogni attività b) Bloccare eventuali macchine in movimento e rimettere eventuali contenitori di sostanze pericolose nelle condizioni di sicurezza c) Avviare il piano di evacuazione con le stesse procedure utilizzate per l evacuazione della classe d) Uscire dalla porta di uscita di emergenza presente in ogni laboratorio facendo attenzione alla possibile presenza di gradini all uscita e) Raggiungere il luogo sicuro pianificato per la propria classe SE FUORI DALL AULA a) Al suono delle campane di segnalazione fine ora che avvisano sulla necessità di evacuazione (immediata o non immediata): sospendere immediatamente ogni attività (bar, servizi igienici, biblioteca, fotocopie, ecc.) b) Avviare il piano di evacuazione con le stesse procedure utilizzate per lì evacuazione della classe, gestendo in proprio l emergenza

18 Pag. 18 di 25 c) Raggiungere ordinatamente la via d uscita di sicurezza più vicina o percorrere la via di fuga più breve, senza interrompere eventuali file già in movimento. Nel caso in cui si incontra una fila è obbligatorio accodarsi d) Raggiungere il più velocemente possibile il luogo sicuro pianificato per la propria classe INSEGNANTI Gli insegnanti sono suddivisi in due parti: 1) Se impegnati in classe, sono responsabili dell'evacuazione degli alunni 2) non impegnati con la classe ma presenti in istituto (ricevimento genitori, uffici, bar, laboratori, ecc.). INSEGNANTI IN CLASSE Compiti: a) in base al segnale di avvio del piano di emergenza attuare il piano di evacuazione degli alunni con abbandono immediato o con abbandono non immediato del fabbricato: 1. suono CONTINUO delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO IMMEDIATO della struttura 2. suono INTERMITTENTE delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO NON IMMEDIATO della struttura b) mantenere la calma fra i presenti c) in caso di presenza di fumo nel locale aprire le finestre per farlo uscire d) adoperarsi affinché gli allievi seguano il piano di emergenza senza accalcamenti e con calma e) nel caso di incendio localizzato in un locale, assicurarsi della non presenza di persone e chiudere se possibile le porte e finestre f) usare solo le scale di servizio e di sicurezza e mai l'ascensore g) favorire l'esodo dai piani alti h) in caso di presenza di alunni con difficoltà ad evacuare incaricare dei compagni dj classe per aiutarli, indicando loro il metodo più sicuro; qualora l'evacuazione sia impossibile richiedere l'aiuto al personale non docente presente

19 Pag. 19 di 25 i) evacuare seguendo la stessa procedura degli alunni a seconda di necessità di abbandono immediato o non del fabbricato, seguire tutte le fasi di evacuazione della classe j) raggiunto il luogo sicuro accertare che tutti gli allievi presenti (in classe) abbiano raggiunto il luogo pianificato: fare l'appello (il registro è portato dall'alunno aprifila) k) qualora il segnale di evacuazione di emergenza sia dato nei periodi di intervallo, sul luogo sicuro si porteranno autonomamente gli insegnanti dell'ora di lezione successiva: il loro compito è di ricostruire l'elenco della classe individuando eventuali alunni mancanti l) segnalare al comitato di emergenza i nominativi di eventuali alunni che non sono riusciti a raggiungere il luogo sicuro (differenza tra gli alunni presenti in aula rilevati dal registro di classe ed i presenti nel luogo sicuro) m) mantenere la calma tra gli alunni e fornire loro le informazioni trasmesse dal comitato di emergenza n) attendere istruzioni dal comitato di emergenza INSEGNANTI NON IMPEGNATI CON LA CLASSE Compiti: a) in base al segnale di avvio del piano di emergenza attuare il piano di evacuazione degli alunni con abbandono immediato o con abbandono non immediato del fabbricato: 1. suono CONTINUO delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO IMMEDIATO della struttura 2. suono INTERMITTENTE delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO NON IMMEDIATO della struttura b) Avviare il piano di evacuazione con le stesse procedure utilizzate per lì evacuazione della classe, gestendo in proprio l emergenza c) Raggiungere ordinatamente la via d uscita di sicurezza più vicina o percorrere la via di fuga più breve, senza interrompere eventuali file già in movimento. Nel caso in cui si incontra una fila è obbligatorio accodarsi

20 Pag. 20 di 25 d) Raggiungere il più velocemente possibile il luogo sicuro pianificato e comunicare al comitato di emergenza il proprio nominativo, le eventuali persone rimaste bloccate all interno e la situazione del luogo abbandonato PERSONALE AUSILIARIO il personale non docente ha la funzione di favorire l'esodo dei presenti nel fabbricato, in particolare modo delle persone non abitualmente presenti nella scuola (genitori, rappresentanti di commercio, fruitori del servizio bar, utilizzatori dell'aula magna, personale di ditte esterne /addetti alla manutenzione) e AZIONI di aiutare eventuali alunni con difficoltà di evacuazione. In base al segnale di avvio del piano di emergenza attuare le azioni di abbandono immediato o non immediato del fabbricato: 1. suono CONTINUO delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO IMMEDIATO della struttura 2. suono INTERMITTENTE delle campane di segnalazione fine ora : ABBANDONO NON IMMEDIATO della struttura COMPITI DEI COLLABORATORI SCOLASTICI 1) mantenere la calma 2) interrompere immediatamente ogni attività 3) avvertire tutti i presenti sulla necessità di abbandono immediato indicando la vie di evacuazione; raccomandare di mantenere la calma 4) evitare di utilizzare il telefono interno per chiamate, interrompere eventuali comunicazioni in corso, rispondere ad eventuali chiamate e trasmettere a chi di competenza le informazioni e gli ordini 5) impedire/evitare l'utilizzo di ascensori; usare solo le scale di servizio o di sicurezza 6) favorire l'esodo dai piani alti e aprire le finestre (dei locali non interessati dall'incendio) per allontanare il fumo

21 Pag. 21 di 25 7) assicurarsi che i locali, ove possono essere presenti persone estranee alla scuola, siano completamente evacuati 8) indicare ai soccorsi interni e/o esterni l eventuale presenza di persone 9) non spegnere l impianto di illuminazione 10) abbandonare il fabbricato scegliendo la via di fuga pianificata, comunque la più breve, senza intralciare l evacuazione degli alunni e con le stesse modalità. Nel caso in cui si incontra una fila è obbligatorio accodarsi per il tratto necessario al raggiungimento del proprio luogo sicuro 11) raggiungere il luogo sicuro pianificato (per il personale ausiliario), comunicare al comitato di emergenza il proprio nominativo, le eventuali persone rimaste bloccate all interno e la situazione del luogo abbandonato COMPITI DEGLI ASSISTENTI TECNICI 1) mantenere la calma 2) interrompere immediatamente ogni attività 3) bloccare eventuali macchine in movimento e rimettere eventuali contenitori di sostanze pericolose nelle condizioni di sicurezza 4) chiudere il rubinetto generale del gas (gpl), degli altri gas presenti e dell acqua 5) non spegnere l impianto di illuminazione 6) aprire le finestre se vi è presenza di fumo 7) aiutare eventuali alunni o persone estranee in difficoltà 8) assicurarsi che i lovali, ove possono essere presenti persone estranee alla scuola, siano completamente evacuati 9) indicare ai soccorsi interni e/o esterni l eventuale presenza di persone 10) abbandonare il fabbricato scegliendo la via di fuga pianificata, comunque la più breve, senza intralciare l evacuazione degli alunni e con le stesse modalità. Nel caso in cui si incontra una fila è obbligatorio accodarsi per il tratto necessario al raggiungimento del proprio luogo sicuro

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008

Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 a.s. 2013/2014 Informazione prevista dall art.36 del DLgs 81/2008 Gli istituti scolastici di ogni ordine e grado sono AMBIENTI DI LAVORO I lavoratori della scuola sono il personale docente e ATA e gli

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

Istituto Comprensivo Cena Latina

Istituto Comprensivo Cena Latina MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Istituto Comprensivo Cena Latina Centro Risorse Territoriale Via Lepanto 2 04100 Latina ( 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu * ltic847002@istruzione.it

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO

PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO PIANO DI EVACUAZIONE: OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVI 1) Affrontare l'emergenza fin dal primo insorgere per contenerne gli effetti sulla popolazione scolastica. 2) Pianificare le azioni necessarie per proteggere

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE

PIANO DI EMERGENZA. A cura del R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE NORME DI COMPORTAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE MANSIONI SPECIFICHE Il piano di Emergenza dell Istituto Siani redatto dal R.S.P.P. prof.ssa Barone Rita Iolanda, ha previsto l individuazione degli addetti alla

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza

Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza MODULO 1a Registrazione avvenuta EVACUAZIONE dall edificio in Emergenza (da inserire all interno del registro di classe) Da consegnare immediatamente al Responsabile Emergenza una volta raggiunto il Punto

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 Approvato Dirigente Scolastico Rielaborazione degli Opuscoli Informativi dei Vigili del Fuoco a cura del RSPP Pag. 1 ISTRUZIONI SEMPLICI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE ENRICO CARUSO - NAPOLI AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI - TURISMO PROT. N. 00001341/A.5.0. NAPOLI, 26 MARZO 2015 Docenti SEDE Personale

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

LA SICUREZZA IN ISTITUTO

LA SICUREZZA IN ISTITUTO LA SICUREZZA IN ISTITUTO IL PIANO DI EMERGENZA Il D.Lgs. 81/2008 prevede che, in caso di emergenza, in tutte le attività pubbliche o private nelle quali fossero presenti lavoratori, siano attuate apposite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

LE PROVE DI EVACUAZIONE

LE PROVE DI EVACUAZIONE SIMULAZIONE TERREMOTO Il D.M. 26 AGOSTO 1992 dispone la realizzazione di due prove di evacuazione. La prima prova di evacuazione dell anno verrà condotta simulando un terremoto. L esercitazione si svilupperà

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008

PIANO DI.EVACUAZIONE ai sensi della D.Lgs. n 81/2008 Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Scuola elementare G.Marconi Via Val Di Cecina (Li) Tel. (0586) 660133 e-mail : marconi@circolodidattico-cecinamare.it FUNZIONE Datore di lavoro Preposto

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Via Sforza, 6 57023 (Li) Tel. (0586) 620.167 Fax (0586) 620.565 e-mail : info@collodicecinamare.it liee06100b@istruzione.it segreteria@collodicecinamare.it

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME MODALITA DI EVACUAZIONE DELLA SCUOLA IN CASO DI CALAMITA Dirigente :Prof.ssa

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO

DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO E PER LA GESTIONE DELL EMERGENZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e S.M.I. ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N.123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. DM 10.3.1998 CRITERI GENERALI

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013 BUONE NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. PROCEDURE DI EVACUAZIONE. IL PRESENTE MANUALE DEVE ESSERE CONSERVATO ALL INTERNO DI OGNI REGISTRO DI CLASSE (INSIEME AL MODULO DI EVACUAZIONE),

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA

I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345. D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA I.I.S. ATESTINO Via Garibaldi, 23 35042 ESTE Padova Tel. 0429-2031 Fax. 0429-4345 D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81. D.M. 10 Marzo 1998 PIANO DI EMERGENZA Versione 3.2 Novembre 2011 PIANO DI EMERGENZA PREMESSA

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli