Programma degli interventi a breve termine. Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6.6.1. Programma degli interventi a breve termine. Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo"

Transcript

1 6.6.. Programma degli interventi a breve termine Risultanze della valutazione rischi Misure di prevenzione Misure sostitutive Luogo A RISCHI ORGANIZZATIVI: Organizzazione della prevenzione 2 All'interno dei locali le planimetrie esposte indicanti le vie di fuga da utilizzare nei casi previsti dal piano di emergenza non sono aggiornate Aggiornamento maggio 203 Non sono disponibili a scuola le planimetrie della palestra e del nuovo locale magazzino/archivio al piano seminterrato (edificio B ) per l aggiornamento degli elaborati grafici del piano di emergenza Aggiornamento maggio 203 Aggiornare ed esporre nei locali le planimetrie previste dal piano di emergenza Sono state aggiornate le planimetrie del piano di emergenza: stampare ed esporre. Elaborare le planimetrie aggiornate dei locali palestra e nuovo magazzino/archivio al piano seminterrato per piano di emergenza Sono state realizzate le planimetrie del piano di emergenza per i locali mancanti (palestra e nuovo deposito al piano seminterrato: stampare ed esporre. Edifici A - B e palestra Edificio B e palestra A 3 4 Gli edifici scolastici non sono corredati della documentazione in carico all ente proprietario (agibilità, idoneità statica, certificazioni impianti, prevenzione incendi, ecc.) Aggiornamento maggio 203 Cedimenti strutturali:sono presenti lesioni strutturali dovute a probabile cedimento di fondazione. La situazione è stata oggetto di AMBIENTI DI LAVORO: Edifici e pertinenze esterne Richiedere la documentazione all ente proprietario almeno una volta all anno e nel caso di lavori interventi su strutture e impianti Fornire la documentazione alla scuola Inoltrare nuova richiesta di documentazione all ente proprietario Attuare un monitoraggio sistematico del processo Segnalare adeguatamente il pericolo con in atto e programmare nel breve periodo bande bianco/rosso e rendere inagibile il intervento di consolidamento e ripristino delle comparto in caso di ulteriore ampliarsi delle Edifici A - B e palestra Edificio A : aula magna e relativo 90

2 sopralluogo dei tecnici della provincia (ente proprietario) Aggiornamento maggio 203: I locali al piano terra interessati dalle lesioni strutturali sono stati resi inagibili da luglio 202 Aggiornamento maggio 203: Le lesioni strutturali interessano anche il piano primo, in corrispondenza della scala esterna antincendio 4a La struttura esterna (tettoia) adiacente all aula magna, costituita da elementi in legno e telo plastificato risulta dissestata e inagibile a causa della rottura di alcuni elementi lignei Aggiornamento maggio 203: La struttura è inserita all interno del cantiere della Provincia per la sistemazione degli spazi esterni (settembre 202) strutture Mantenere attivo il monitoraggio visivo e fotografico delle lesioni La Provincia di Firenze ha comunicato a settembre 202 l intenzione di effettuare lavori di consolidamento volti a risolvere il problema strutturale Predisporre procedura e informazione ai lavoratori e studenti, di interdizione della zona, nel rispetto delle indicazioni fornite dai tecnici della Provincia Ripristinare le condizioni di esercizio in sicurezza delle strutture mediante interventi di consolidamento Procedere alla rimozione del manufatto, ormai in disuso lesioni Attuare la sorveglianza sul rispetto dell interdizione dei locali Interdire la possibilità di accesso alla zona interessata dal problema strutturale Mantenere attiva la segnalazione del pericolo con recinzione dell area con nastro bianco-rosso. corridoio di accesso (con servizi igienici) Edificio A : corridoio al piano primo zona scala antincendio Edificio A B AMBIENTI DI LAVORO: Porte e portoni Le porte a vetri e i sopraluce delle porte in legno Dotare le porte e i sopraluce di vetri di sicurezza non sono in materiale di sicurezza Le porte va e vieni di ingresso in vetro e relative Sostituire le porte e i materiali fissi trasparenti con vetrate fisse e sopraluce non sono infrangibili e il materiali di sicurezza, provvedere al consolidamento sistema di fissaggio a terra presenta dissesti e della pavimentazione e della struttura di supporto 2 carenze strutturali dovuti anche ai movimenti e delle vetrate. rotture della pavimentazione in marmo sulla quale sono fissate le piastre metalliche di tenuta. Le uscite di emergenza presentano un piccolo Eliminare o correggere i dislivelli delle porte con 3 dislivello (circa 0 cm)rispetto alla quota esterna che rampe di pendenza inferiore all'8% potrebbe costituire fattore di rischio caduta Proteggere le porte o segnalare adeguatamente il pericolo. Mantenere aperte le ante va e vieni durante l ingresso e l uscita degli studenti ed in caso di evacuazione di emergenza, per ridurre la sollecitazione delle ante Segnalare adeguatamente il pericolo con bande giallo/nero Edifici A - B Edificio A : ingresso piano terra Edificio B 9

3 4 5 Aggiornamento maggio 203: Porta REI laboratorio di chimica: è priva dei maniglioni antipanico interni e del sistema di autochiusura Porte aule aprono nel verso dell esodo, ma riducendo la larghezza dei corridoi e nel senso contrario al flusso di uscita Segnalare il dislivello con appositi cartelli applicati sulle porte Adeguare la porta con maniglioni antipanico e autochiusura Informazione sulle procedure di evacuazione a tutto il personale e allievi, evidenziando il pericolo di urto accidentale contro le ante delle porte nella fase di apertura e indicando di mantenersi nel corridoio sul lato opposto a quello dove sono presenti le porte Segnalare adeguatamente il pericolo con bande giallo/nero Mantenere aperte le ante durante la permanenza degli studenti all interno del locale Segnalare adeguatamente il pericolo con segnaletica orizzontale (striscia colorata sul pavimento) che indirizzi il flusso di esodo sul lato opposto alla parete di apertura delle porte Edificio A : Lab chimica Edificio A : piano primo C AMBIENTI DI LAVORO: Pavimenti Sono presenti mattonelle rotte/rialzate/mancanti Risanare le mattonelle rotte /rialzate/mancanti Segnalare adeguatamente l'eventuale pericolo Aggiornamento maggio 203: Richiedere intervento di manutenzione alla Provincia Segnalare adeguatamente il pericolo con nastro bianco/rosso e eliminare con soluzioni tampone il rischio di inciampo Edificio A : piano terra Edificio A : piano terra Edificio B : piano primo e secondo D AMBIENTI DI LAVORO: Scale fisse Le scale interne sono prive di strisce antiscivolo sulla pedata Dotare le scale di adeguato sistema antiscivolo Segnalare l'eventuale pericolo Edifici A - B Aggiornamento maggio 203 : le scale Applicare nastro antiscivolo su pedata dei gradini dell edificio B sono in materiale con adeguato delle scale dell edificio A (scale interne e grado di attrito, pertanto si prevede gradini all ingresso esterni) l applicazione del nastro con urgenza ridotta E AMBIENTI DI LAVORO: Arredi 92

4 2 3 Le vetrine degli arredi non sono in materiale di Sostituire con materiali di sicurezza o proteggere sicurezza adeguatamente le vetrine degli arredi Gli armadi presenti nei corridoi (armadi vetrati e Rimuovere gli arredi che costituiscono ingombro e armadietti metallici) riducono la larghezza minima di riduzione della larghezza minima prevista dal passaggio prevista per le vie di emergenza. dimensionamento della via di esodo Sono presenti alcuni armadi e scaffalature non ancorati alle pareti Tutti gli armadi e scaffalature devono essere fissati a parete per evitare il rischio di ribaltamento Segnalare adeguatamente l'eventuale pericolo Edificio A Edifiico A corridoi piano terra e corridoio piano primo (dip. Scientifico) Edificio A F I servizi igienici risultano molto degradati con ampie tracce di infiltrazioni da soffitto e pareti. AMBIENTI DI LAVORO: Servizi igienici Risanare i locali ed eliminare le cause di infiltrazione d acqua (perdite di tubi o esterne) Palestra: spogliatoi Saffi A L'impianto di sollevamento non è corredato del libretto matricolare Non esiste agli atti, copia del contratto di 2 manutenzione dell' impianto di sollevamento L ascensore è fuori servizio per infiltrazioni di 3 acqua nel locale interrato che hanno danneggiato l impianto elettrico IMPIANTI: Ascensori Fornire il libretto matricolare dell'impianto di sollevamento Fornire la copia del contratto di manutenzione dell' impianto di sollevamento Ripristinare impianto e mettere in sicurezza rispetto alle infiltrazioni il locale interrato Edifici A - B Edifici A - B Edificio B B IMPIANTI: Impianto elettrico, messa a terra, protezione scariche atmosferiche 2 Non esiste agli atti la denuncia dell'impianto contro Fornire la denuncia dell'impianto di protezione le scariche atmosferiche contro le scariche atmosferiche La scala esterna e la copertura del collegamento tra Mettere in sicurezza la struttura con collegamento gli edifici A e B, in metallo, non risultano protetteall impianto di messa terra Segnalare adeguatamente l'eventuale pericolo durante eventi atmosferici Edifici A - B Edificio A 93

5 3 mediante idonea messa terra della struttura e contro le scariche atmosferiche Non esiste agli atti della scuola documentazione Fornire alla scuola documentazione sull esito delle dell attività di manutenzione degli impianti manutenzioni programmate rischiosi Edifici A - B e palestra C Non esiste agli atti, la copia del contratto di manutenzione dell' impianto termico IMPIANTI: Impianto Termico Fornire la copia del contratto di manutenzione dell' impianto termico Edifici A - B e palestra D IMPIANTI: Impianto adduzione gas L impianto automatico di rilevazione della presenza di gas (GPL) non è connesso con una elettrovalvola di chiusura alla bombola del gas esterna Completare l impianto con l installazione della elettrovalvola Procedura di apertura e chiusura del rubinetto della bombola all inizio e al termine dell attività, a cura del tecnico di laboratorio o dei docenti che utilizzano il laboratorio Edifici A Lab chimica A EMERGENZE: Incendio ed esplosione 2 3 Gli estintori sono ad altezza superiore a 50 cm Riposizionare gli estintori ad una altezza non superiore a 50 cm da terra I Quadri Elettrici non presentano adeguata Apporre apposito cartello recante segnalazione del cartellonistica di sicurezza. pericolo elettrico e divieto di utilizzo acqua per Libri dislocati in locali non idonei (carico di incendio troppo elevato) a seguito di trasformazione del locale biblioteca in aula didattica spengere incendi. Ridurre il carico di incendio eliminando una parte dei libri e spostandoli in locali idoneamente attrezzati (corridoio piano terra edifico B ) Edifici A - B e palestra Edifici A - B e palestra Edifici A - B Dipartimenti, aulette piano terra ed. B e sala riunioni ed. A 94

6 B EMERGENZE: Formazione addetti Antincendio e evacuazione di emergenza Distribuire i flussi di esodo in caso di Uscita di emergenza (rossa) non agibile in sicurezza Rimuovere i materiali e sistemare il percorso emergenza sulle altre due uscite a per la presenza di materiali (gabbie in ferro per c.a.) esterno della via di esodo fino al punto di raccolta disposizione, fino al ripristino delle abbandonati fuori dal cantiere in prossimità dell uscita condizioni di sicurezza dell uscita Edificio A Incrementare il numero degli addetti antincendio 2 Aggiornamento maggio 203 : effettuata la formazione per gli addetti per RISCHIO ELEVATO Adeguare la formazione degli addetti antincendio per RISCHIO ELEVATO C RISCHI SPECIFICI: Sostanze e preparati pericolosi Sono presenti agenti chimici pericolosi conservati in Attivare procedura di eliminazione e smaltimento Conservare le sostanze secondo le laboratorio e non più in uso delle sostanze pericolose e non più in uso indicazioni delle schede di sicurezza mediante apposita ditta esterna in appositi armadi chiusi a chiave Edificio A Laboratorio chimica Programma degli interventi a medio termine A AMBIENTI DI LAVORO: Porte e portoni 2 3 Le porte (piano) non hanno l'apertura verso l'esterno Rendere le porte apribili verso l'esterno La porta del laboratorio di fisica (piano primo) ha dimensioni troppo piccole Sostituire l infisso con altro di adeguate dimensioni (cm 20)e apertura verso l esterno Le porte presentano superfici in vetro non di Sostituire le superfici a vetri nella parte sopra il sicurezza, nella parte sopra il montante orizzontale in montante orizzontale in alto,con materiale di alto sicurezza o proteggere adeguatamente Mantenere le porte in posizione di apertura o limitare il numero delle presenze nel locale a 25 persone Mantenere la porta in posizione di apertura e limitare il numero delle presenze nel locale a 25 persone Utilizzare le porte in apertura/chiusura con la massima cautela Edificio A Edificio A Edificio A 95

7 B AMBIENTI DI LAVORO: Finestre e lucernari Le finestre non sono dotate di vetri di sicurezza Sostituire i vetri delle finestre con vetri in materiale di sicurezza Aggiornamento maggio 203 Applicare pellicola di sicurezza in prima istanza agli infissi dei locali prospettanti sulla zona esterna dove sono presenti allievi durante l intervallo Edifici A - B Edificio A piano primo C AMBIENTI DI LAVORO: Particolarità costruttive dei locali di lavoro 2 Alcune parti esterne dell edificio presentano distacchi di Risanare le parti d'intonaco distaccato o cadente intonaco con esposizione dei ferri del c.a. della struttura (pensilina sopra uscita di emergenza) Compartimentazione REI corridoio Completare struttura muraria di compartimentazione Edificio A Edifiico A piano primo Programma degli interventi a lungo termine A AMBIENTI DI LAVORO: Microclima ed aerazione L aula al piano terra (L0) presenta una scarsa illuminazione naturale proveniente dalle finestre sulla parete esterna, compensata dalla parete a vetri adiacente al corridoio. La permanenza all interno dell aula è limitata Attivare procedura, per docenti e collaboratori nel tempo ( max 2 ore consecutive) per scolastici, di ricambio dell aria mediante l organizzazione oraria scolastica che prevede apertura delle finestre e delle porte una rotazione delle classi e dei docenti contrapposte al cambio di ora, durante la fase all interno delle aule dei diversi dipartimenti. dell alternarsi delle classi. Edificio B 96

8 B AMBIENTI DI LAVORO: Illuminazione Le finestre esistenti nel laboratorio di fisica non La permanenza all interno dell aula è limitata Assicurare il mantenimento dell illuminazione soddisfano pienamente l illuminazione di tutte le nel tempo ( max 2 ore consecutive) per artificiale durante l attività operativa di uso del postazioni a causa della lunghezza della stanza l organizzazione oraria scolastica che prevede laboratorio una rotazione delle classi e dei docenti Edificio A 97

9 6.7. SORVEGLIANZA SANITARIA La Sorveglianza sanitaria di cui all Art. 4 del D. Lgs. 8/2008 va attuata allorquando l attività lavorativa può comportare rischi per la salute dei lavoratori. Dall analisi effettuata e dalla relativa valutazione dei rischi sono emerse situazioni di rischio (lavoro al videoterminale per il personale di segreteria) che, ai sensi della vigente normativa, richiedano l attivazione della sorveglianza sanitaria e la nomina del Medico competente Utilizzo di attrezzature dotate di schermo video L attività al videoterminale negli uffici amministrativi viene svolta unitamente ad altre attività lavorative non comportanti l utilizzo di schermi video, ma, considerando che l evoluzione in corso delle procedure operative del lavoro necessita sempre di più dell uso di VDT, anche per operazioni che precedentemente non erano informatizzate, è da ritenere congrua per i lavoratori con mansioni di ufficio una esposizione settimanale al VDT almeno pari a 20 ore, pertanto gli addetti che svolgono le mansioni di direttore dei servizi amministrativi e assistenti amministrativi si classificano come videoterminalisti e si attua per tali mansioni la sorveglianza sanitaria prevista. Le possibili situazioni di rischio considerate e da monitorare nel tempo, riguardano: Utilizzo di sostanze pericolose Per le sostanze pericolose, l utilizzo occasionale e la quantità utilizzata, oltre alla valutazione preliminare ai sensi del Titolo IX Capo I del D.Lgs. 8/08 di tutti gli agenti chimici utilizzati (lavori di pulizia e laboratorio di chimica) fanno emergere solo un rischio basso per la sicurezza e irrilevante per la salute dei lavoratori e che le misure di prevenzione adottate, unitamente ad una specifica formazione ed informazione, sono sufficienti ad evitare situazioni di rischio senza dover ricorrere alla sorveglianza sanitaria Movimentazione manuale carichi La movimentazione manuale dei carichi, conseguente a qualche spostamento di arredi e di attrezzature, costituisce un attività del tutto occasionale che non determina, se eseguita correttamente alcun rischio per la salute dei lavoratori interessati Esposizione ad Agenti biologici Si tratta di una possibile esposizione dovuta esclusivamente ad attività lavorative in luoghi affollati e alla pulizia dei locali e servizi igienici o all accudienza di studenti disabili o non autosufficienti. L uso di idonei dispositivi di protezione individuale e delle altre misure di prevenzione indicate nella specifica sezione 6.5 sembrano sufficienti ad evitare situazioni di danno. Nel caso specifico i lavoratori risultano soggetti non come rischio specifico ma solo per cause accidentali DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Come indicato nelle diverse attività lavorative oggetto del presente documento di valutazione dei rischi, e come previsto dall art. 75 del D.Lgs. 8/08, è stato previsto l impiego obbligatorio dei DPI quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro. Ai fini della scelta dei DPI, il datore di lavoro: 98

10 ha effettuato l'analisi e la valutazione dei rischi che non possono essere evitati con altri mezzi ha individuato le caratteristiche dei DPI necessarie affinché questi siano adeguati ai rischi, tenendo conto delle eventuali fonti di rischio rappresentate dagli stessi DPI ha valutato, sulla base delle informazioni e delle norme d'uso fornite dal fabbricante a corredo dei DPI, le caratteristiche dei DPI disponibili sul mercato e le ha raffrontate con le caratteristiche individuate nella scelta degli stessi provvederà ad aggiornare la scelta ogni qualvolta intervenga una variazione significativa negli elementi di valutazione. I DPI previsti, conformi alla normativa: sono adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore sono adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro tengono conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore possono essere adattati all'utilizzatore secondo le sue necessità Anche sulla base delle norme d'uso fornite dal fabbricante, sono state individuate, come indicato nell art. 77, comma 2 del D.Lgs. 8/08, le condizioni in cui i DPI devono essere usati, specie per quanto riguarda la durata dell'uso, in funzione di: entità del rischio; frequenza dell'esposizione al rischio; caratteristiche del posto di lavoro di ciascun lavoratore; prestazioni del DPI. In caso di rischi multipli che richiedono l'uso simultaneo di più DPI questi sono tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell'uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti. Queste le mansioni e le situazioni che richiedono la fornitura e l utilizzo dei D.P.I.: Mansione Attività interessata Dispositivi protezione individuale Addetto ai servizi Uso videoterminali lenti oftalmiche se richieste amministrativi Collaboratore scolastico Sostituzione materiali consumo (toner, cartucce inchiostro etc) Piccola manutenzione Movimentazione materiali guanti monouso mascherina antipolvere guanti rischi meccanici occhiali protettivi guanti monouso guanti rischi meccanici mascherina antipolvere guanti rischi meccanici Pulizie guanti in gomma guanti monouso grembiule/camice mascherina antipolvere Assistenti tecnici di laboratorio Allievi Addetti alle emergenze Assistenza disabili Attività di laboratorio di chimica Primo soccorso Antincendio guanti monouso grembiule/camice guanti monouso guanti in crosta guanti in gomma e/o nitrile mascherina per polveri occhiali camice guanti monouso occhiali protettivi mascherina coperta ignifuga guanti ignifughi ed anticalore elmetto di protezione con visiera 99

11 Sarà cura del Datore di lavoro: Mantenere in efficienza i DPI e assicurarne le condizioni d igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante; Provvedere a che i DPI siano utilizzati soltanto per gli usi previsti, salvo casi specifici ed eccezionali, conformemente alle informazioni del fabbricante; Fornire istruzioni dettagliate, ma comprensibili per i lavoratori Destinare ogni DPI ad un uso personale e, qualora le circostanze richiedano l uso di uno stesso DPI da parte di più persone, prendere misure adeguate affinché tale uso non ponga alcun problema sanitario e igienico ai vari utilizzatori Informare preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il DPI lo protegge; Rendere disponibili informazioni adeguate su ogni DPI; Stabilire le procedure da seguire, al termine dell utilizzo, per la riconsegna e il deposito dei DPI; Assicurare una formazione adeguata e organizzare uno specifico addestramento circa l uso corretto e l utilizzo pratico dei DPI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE Il D.Lgs. 8 (art. 5) considera l informazione e la formazione misura generale di tutela assegnando a questo obbligo (sanzionato) del dirigente scolastico pari dignità rispetto alle soluzioni tecniche e organizzative. Peraltro, risulta la strategia più efficace per contrastare comportamenti non corretti e pericolosi, alla base della maggioranza degli infortuni e incidenti, specialmente nella scuola, in relazione alla giovane età dell utenza. Il decreto attuativo scuola ne conferma il ruolo strategico nella misura in cui l art. 7 recita: L informazione, la formazione e l addestramento costituiscono efficaci strumenti di prevenzione, elementi fondamentali per l attiva partecipazione da parte di ciascun lavoratore al sistema di gestione della salute e della sicurezza. Nella scuola il D.Lgs. 8 deve essere interpretato sì come opportunità per creare un ambiente di lavoro sicuro, ma soprattutto occasione di promozione e formazione di una cultura della sicurezza, cultura intesa come convinzione, autonomia, responsabilità. Relativamente alle attività di formazione ed informazione, di cui agli Art. 36 e 37 del D. Lgs.8/2008, si riporta una scheda informativa del programma delle attività formative ed informative, già svolte o programmate, in relazione alle mansioni presenti nell'ambito dell'attività. Formazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza In apposito corso formativo e certificata dal relativo attestato Formazione degli addetti al servizio di prevenzione e protezione In apposito corso formativo e certificata dal relativo attestato Formazione degli addetti alle attività di prevenzione incendi e gestione delle emergenze In apposito corso formativo e certificata dal relativo attestato (per la valutazione di rischio incendio ELEVATO il corso, con relativo superamento di esame finale è svolto dai Vigili del Fuoco) Formazione degli addetti alle attività di primo soccorso In apposito corso formativo e certificata dal relativo attestato Informazione per i lavoratori (art. 36 D. Lgs. 8/2008) In una apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a:. rischi per la sicurezza e la salute connessi all' attività dell' unità produttiva in generale 2. misure e attività di protezione e prevenzione adottate 00

12 3. rischi specifici cui è esposto il lavoratore in relazione all'attività svolta, le normative di sicurezza e le disposizioni aziendali in materia 4. pericoli connessi all' uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa e dalle norme di buona tecnica 5. procedure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio, l'evacuazione dei lavoratori L azione informativa viene supportata con la messa a disposizione di un apposito elaborato contenente disposizioni ed informazioni per i lavoratori e gli allievi e schede specifiche relative ai rischi possibili. Formazione dei lavoratori (art. 37 comma D. Lgs. 8/2008 e Accordo Stato Regioni del ) In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente alla normativa di igiene e sicurezza sul lavoro con particolare riferimento al proprio posto di lavoro ed alle proprie mansioni L azione formativa viene supportata con la messa a disposizione di un apposito elaborato contenenti disposizioni ed informazioni per i lavoratori e gli allievi e schede specifiche relative ai rischi possibili. Tale formazione e l informazione di cui al punto precedente andranno ripetute in occasione:. del trasferimento o cambiamento di mansioni 2. dell' introduzione di nuove attrezzature di lavoro, tecnologie, sostanze e preparati pericolosi Formazione ed addestramento all' uso dei dispositivi di protezione individuale In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a: scelta dei DPI effettuata a seguito delle valutazione di rischi connessa all' attività lavorativa svolta nell' azienda addestramento circa l uso corretto e l utilizzo pratico dei DPI Informazione, formazione ed addestramento all' uso delle attrezzature di lavoro In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a: attrezzature di lavoro a disposizione e sulle istruzioni d'uso necessarie in rapporto alla sicurezza Informazione e formazione per la movimentazione manuale dei carichi In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a: il peso di un carico il centro di gravità o il lato più pesante in cui il contenuto di un imballaggio abbia una collocazione eccentrica la movimentazione corretta dei carichi e i rischi che i lavoratori corrono se queste attività non vengono eseguite in maniera corretta L azione informativa viene supportata con la messa a disposizione di schede specifiche relative al rischio, i suoi effetti sulla salute e le relative misure preventive e protettive. Informazione e formazione per l' uso di attrezzature munite di videoterminali In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a: le misure applicabili al posto di lavoro le modalità di svolgimento dell'attività la protezione degli occhi e della vista L azione informativa viene supportata con la messa a disposizione di schede specifiche relative al rischio, i suoi effetti sulla salute e le relative misure preventive e protettive. Informazione e formazione per l utilizzo di sostanze pericolose In apposita lezione frontale, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, relativamente a: 0

13 riconoscimento ed etichettatura delle sostanze pericolose la misure di prevenzione nella manipolazione, uso e stoccaggio le misure di protezione ed i dispositivi di protezione individuale L azione informativa viene supportata con la messa a disposizione di schede specifiche relative al rischio, i suoi effetti sulla salute e le relative misure preventive e protettive. Formazione antincendio (art. 3 D.M. n. 64 del 0/03/98} Secondo i contenuti di cui all' allegato VII del decreto n. 64 del 0/3/98, in una apposita lezione frontale relativa al Piano di emergenza e propedeutica alla prova di evacuazione, a cura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione Di seguito, a titolo riepilogativo, si riportano le indicazioni previste dall Accordo Stato-Regioni in applicazione degli articoli 34 e 37 del D.Lgs

14 6.0. SEGNALETICA DI SICUREZZA In relazione ai disposti normativi concernenti le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute nei luoghi di lavoro ed a seguito del processo di valutazione dei rischi di cui al presente documento è stata installata idonea segnaletica di sicurezza allo scopo di: avvertire di un rischio o di un pericolo le persone esposte vietare comportamenti che potrebbero causare pericolo prescrivere determinati comportamenti necessari ai fini della sicurezza fornire indicazioni relative alle uscite di sicurezza o ai mezzi di soccorso o di salvataggio fornire altre indicazioni in materia di prevenzione e sicurezza Nell unità produttiva, conformemente alle prescrizioni riportate negli allegati XXIV, XXV e XXXII al D. Lgs. 8/08, sono state adottate le seguenti tipologie di cartellonistica: Cartelli di divieto Forma rotonda - Pittogramma nero su fondo bianco, bordo e banda rossi Esempi: Vietato fumare - Vietato ai pedoni Cartelli di avvertimento Forma Triangolare - Pittogramma nero su fondo giallo Esempi: Pericolo di inciampo - Pericolo apparecchiature sotto tensione Cartelli di prescrizione Forma rotonda - Pittogramma bianco su fondo azzurro Esempi: Passaggio obbligatorio per i pedoni, Guanti di protezione obbligatoria Cartelli di salvataggio Forma quadrata o rettangolare - Pittogramma bianco su fondo verde Esempi: Pronto soccorso, Percorso, Uscita di emergenza Cartelli per le attrezzature antincendio Forma quadrata o rettangolare - Pittogramma bianco su fondo rosso Esempi: Estintore, Manichetta antincendio Ostacoli Vie di circolazione Per la segnalazione di ostacoli e di punti di pericolo, per segnalare i rischi di urto contro ostacoli, sono utilizzate fasce di colorazione gialle nere, ovvero rosse e bianche con inclinazione di circa 45 gradi Le vie di circolazione dei veicoli sono segnalate con strisce continue di colore bianco o giallo. Le dimensioni dei cartelli adottati sono desunte dalla formula A > L2 / 2000 (applicabile fino ad una distanza di 50 metri) dove A è la superficie del cartello in m 2. ed L è la distanza in metri alla quale il cartello deve essere ancora riconoscibile. 03

15 6.. MANTENIMENTO E MIGLIORAMENTO DELLE MISURE DI PREVENZIONE 6... Procedure di controllo e verifiche periodiche Al fine di conseguire nel tempo il mantenimento ed il miglioramento delle misure di protezione e prevenzione viene attivata una specifica procedura che si avvale di: monitoraggio attivo da parte di tutti i lavoratori monitoraggio quotidiano e periodico sugli impianti tecnologici da parte di lavoratori incaricati verifiche specifiche assegnate ai lavoratori designati nell ambito del servizio di prevenzione e protezione e di addetti alle emergenze verifiche periodiche da parte di ditte di manutenzione (su commissione dell ente tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile) Per il monitoraggio attivo da parte dei lavoratori si predispongono specifiche schede di rilevazione con le quali i lavoratori possono segnalare eventuali anomalie riscontrate nell ambiente di lavoro o l insorgere di rischi legati alla organizzazione ed alle procedure di lavoro. Le schede, raccolte e verificate dall Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione vengono segnalate al Preposto o al Datore di lavoro e, se il caso, al Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, per l eventuale aggiornamento della valutazione dei rischi e del relativo piano di prevenzione. In tal modo eventuali interventi, di piccola manutenzione o organizzativi, possono essere attivati immediatamente risolvendo la situazione riscontrata, mentre per gli altri interventi possono essere definite le relative misure di prevenzione e la relativa programmazione nell ambito del programma di attuazione. Il monitoraggio quotidiano e periodico sugli impianti tecnologici, da parte di lavoratori incaricati, prevede: Collaboratori scolastici in servizio ai piani (per il piano di competenza) o verifica quotidiana dei corpi illuminanti o verifica quotidiana della funzionalità dei servizi igienici e dell impianto idrico o o verifica quotidiana dell integrità e chiusura dei quadri elettrici di piano verifica settimanale della funzionalità degli interruttori differenziali nei quadri elettrici di piano Collaboratore scolastico in servizio in guardiola o verifica quotidiana dell integrità e chiusura del quadro elettrico generale I compiti specifici assegnati ai lavoratori designati nell ambito dell organizzazione interna per le emergenze sono invece riferiti a tutte quelle situazioni (impianti, macchine ecc.) che potrebbero sfuggire al monitoraggio quotidiano di tutti i lavoratori. Addetti al primo soccorso: o verifica quotidiana relativa alla collocazione delle cassettine di primo soccorso o verifica periodica della completezza e dell eventuale sostituzione o reintegrazione del contenuto delle cassettine di primo soccorso o verifica periodica del registro infortuni Addetti all emergenza antincendio: o verifica quotidiana relativa alla collocazione dei presidi antincendio o verifica periodica dell efficienza dei presidi antincendio o verifica periodica della segnaletica e della funzionalità dei dispositivi di sicurezza degli impianti (termico, di sollevamento ecc.) Addetti alla evacuazione di emergenza: o verifica quotidiana della fruibilità delle uscite di emergenza o verifica quotidiana della segnaletica di emergenza o verifica quotidiana della funzionalità dell illuminazione di emergenza o verifica quotidiana della fruibilità delle vie di fuga con particolare riferimento ad eventuali ostacoli o verifica periodica del sistema di segnalazione di allarme ed evacuazione 04

16 6..2. Verifica Adempimenti Attività richiesta Istituzione Registro/diario per la prevenzione Consultazione RLS per nomina RSPP Designazione Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Individuazione e delega per i Preposti Monitoraggio nomine figure sensibili già attive e formate Designazione addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (A.S.P.P.) Consultazione RLS per nomina figure sensibili Designazione addetti: Antincendio/evacuazione di emergenza Primo soccorso Istituzione e Tenuta Registro infortuni Consultazione RLS preventiva alla Valutazione rischi ed al Piano di Prevenzione Ricognizione macchine ed attrezzature in uso Ricognizione sostanze pericolose in uso Predisposizione del Documento di Valutazione dei rischi e del relativo Piano di Prevenzione Nomina medico competente (quando richiesto dall esito della valutazione rischi) Consegna copia del documento di prevenzione al RLS Riunione periodica di prevenzione Soggetto interessato DSGA Docenti RSPP, Descrizione Per l annotazione di tutti gli adempimenti in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Convocazione formale e verbale della consultazione Nomina controfirmata per accettazione Delega scritta e controfirmata per accettazione ai lavoratori che coordinano altri lavoratori Addetti Antincendio ( per ogni piano con minimo 2 per edificio) Addetti Primo soccorso (almeno 2 per edificio) Nomina controfirmata per accettazione Comunicazione a tutto il personale con circolare interna Convocazione formale e verbale della consultazione Nomina controfirmata per accettazione Comunicazione a tutto il personale con circolare interna Vanno registrati tutti gli infortuni al personale ed allievi, anche se non danno luogo ad assenza Convocazione formale e verbale della consultazione Attenzione particolare alle attrezzature di laboratorio (elenco e conformità) Attenzione particolare alle sostanze e preparati pericolosi in uso nei laboratori (coinvolgere i docenti che utilizzano i laboratori) Lettera di nomina controfirmata Comunicazione di consegna controfirmata Convocazione formale e verbale della riunione RSPP Partecipazione alla riunione RLS Diffusione del Documento di Valutazione dei rischi e del relativo Piano di Prevenzione Comunicazione a tutto il personale con circolare interna Da mettere a disposizione nella bacheca per la sicurezza Invio richiesta di intervento al soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile Comunicazione mezzo posta con raccomandata A. r. Ver. 05

17 Messa in opera segnaletica di sicurezza e prevenzione Predisposizione bacheca per la sicurezza Acquisto e consegna Dispositivi di Protezione individuale Predisposizione del Piano di emergenza e della relativa cartografia Diffusione Piano di emergenza Affissione cartografia relativa al Piano di emergenza Formazione ed informazione dei lavoratori Disposizioni relative alle misure di tutela previste dal Piano di prevenzione Assegnazione dei compiti per il mantenimento ed il miglioramento delle misure di protezione e prevenzione Istituzione del Registro delle segnalazioni dei lavoratori RSPP In attuazione delle misure sostitutive Da collocare nell atrio d ingresso dell edificio con: Procedure di emergenza Copia documento di prevenzione Copia Disposizioni ed informazioni Copia Piano di emergenza Planimetria di piano in formato A3 Organizzazione prevenzione Scheda comportamentale generale Scheda di consegna controfirmata dal lavoratore Comunicazione a tutto il personale con circolare interna Da mettere a disposizione nella bacheca per la sicurezza Affissione del manifesto relativo alle procedure di emergenza e delle planimetrie con vie di fuga nei luoghi indicati dalle stesse planimetrie RSPP Formazione, Convocazione formale del personale proprio e di quello esterno che opera stabilmente nell istituzione scolastica Ritiro delle firme dei lavoratori partecipanti Diffusione fascicolo informativo Consegna materiale informativo ai lavoratori che non hanno partecipato alla riunione formativa ed informativa (ritirare firma) Dare disposizione a tutto il personale con emanazione delle circolari interne relative alla prevenzione dei rischi individuati Dare disposizione a tutto il personale con circolare interna Disposizione a tutto il personale con circolare interna Verifica quotidiana Registro delle segnalazioni dei lavoratori Istituzione del Registro dei controlli periodici delle misure antincendio Attuazione delle eventuali misure sostitutive e comunicazione al D.S. per eventuali segnalazioni all Ente Locale Dare disposizione con circolare interna per il personale interessato Istituzione del Registro delle macchine e delle attrezzature Raccolta e conservazione libretti d uso e manutenzione macchine ed attrezzature Istituzione del Registro delle sostanze e preparati pericolosi Raccolta e conservazione schede di sicurezza delle sostanze e preparati pericolosi Affissione delle planimetrie in tutti i locali di lavoro con Dare disposizione a tutto il personale con circolare interna Da allegare al registro e da mettere a disposizione dei lavoratori interessati Dare disposizione a tutto il personale con circolare interna Da allegare al registro e da mettere a disposizione dei lavoratori interessati Per i locali non destinati alla didattica 06

18 evidenziato il locale di riferimento e il percorso di evacuazione Prova di evacuazione Docenti Tutti i presenti Docenti Per i locali destinati alla didattica, a cura dei docenti, nell ambito dell informazione da fornire agli allievi sulle procedure di emergenza e propedeutica alla prova d evacuazione Indizione prova evacuazione con circolare interna diretta a tutto il personale Comportamenti come da procedure di evacuazione Compilazione moduli di evacuazione Coordinamento con ditte appaltatrici e prestatori d'opera Raccolta documentazione da allegare alla Valutazione dei rischi ed al documento di Prevenzione Coord. evacuazione e Preposto Raccolta moduli evacuazione Comunicazione informativa controfirmata dal Responsabile per la sicurezza della ditta Copie delle planimetrie Certificazioni relative alla conformità dell'edificio, degli impianti e delle attrezzature La nomina del RSPP Le nomine e designazioni degli Addetti alle emergenze La nomina degli Gli attestati relativi alla formazione degli Addetti alle emergenze, ed RLS La firma dei lavoratori attestante la presenza alla riunione di formazione ed informazione I verbali delle consultazioni avute con RLS Verbale Riunione periodica di prevenzione La richiesta di intervento al soggetto tenuto alla fornitura e manutenzione dell immobile Lettera di consegna DPI controfirmata dai lavoratori interessati Circolari attuative della procedura di prevenzione 07

19 7. ALLEGATI Fascicolo di Disposizioni ed Informazioni per i lavoratori Piano di Emergenza e Procedure di evacuazione Giustificazione valutazione rischio RUMORE ai sensi dell art.8 del D. Lgs. 8/08 aggiornamento maggio 203 Giustificazione valutazione rischio VIBRAZIONI ai sensi dell art.8 del D. Lgs. 8/08 aggiornamento maggio 203 Valutazione preliminare del rischio chimico ai sensi del titolo IX del D.Lgs 8/08 LABORATORIO DI CHIMICA Valutazione preliminare del rischio chimico ai sensi del titolo IX del D.Lgs 8/08 PRODOTTI PER PULIZIE aggiornamento maggio 203 Relazione di valutazione del rischio per lavoratrici madri Valutazione del rischio stress lavoro - correlato Documentazione e certificazioni 8. SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO Il presente documento, comprensivo degli allegati di cui all' elenco al paragrafo precedente, è stato elaborato dal Datore di lavoro in collaborazione con il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione. Il Datore di lavoro Annarita Fasulo... Il Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione Vincenzo Passarello... Il Medico Competente Dott.ssa Gabriella Verna... Per presa visione ed osservazioni Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza Riccardo Tasselli... 08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli