Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni"

Transcript

1 Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni Aggiornamento 01- dicembre 2012 In verde le modifiche rispetto al numero 00- novembre 2012 Un esempio su come va organizzata una valutazione del rischio in uno studio professionale pg. 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE fino a 10 lavoratori In base all art. 29 del D.Lgs. 81/2008 smi la possibilità di autocertificare l'effettuazione della valutazione dei rischi scade il 31/12/2012, pertanto, con decorrenza 1 gennaio 2013, anche le microimprese (aziende fino a 10 lavoratori) dovranno redigere il DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. QUALI SONO LE SANZIONI PREVISTE? ASSENZA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ED ELABORAZIONE DEL DOCUMENTO (DVR) (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a 6.400) MANCATA CUSTODIA ED ESIBIZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DVR PRESSO LA SEDE AZIENDALE (Sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per il datore di lavoro - dirigente) Resta inteso che la mancata valutazione del rischio potrà anche comportare a cascata la contestazione di tutti quegli obblighi connessi definiti dagli artt. 17, 18, 28 e 29 del D.lgs. 81/2008 smi, ivi compresi l eventale mancata formazione, nomina del medico competente e visita medica (ove espressamente previsto), ecc. COSA PREVEDONO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE? In base all Art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81/2008 smi le MICROAZIENDE, che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate che sono state approvate in data 25 ottobre 2012 dalla Conferenza Stato Regioni e pubblicate con Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 (pubblicato sul sito internet del Ministero del Lavoro il 07/12/2012), che entra in vigore sessanta giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, fermi restando i termini del decreto legge 12 maggio 2012, n. 55 (scadenza della valutazione in autocertificazione al ). PROCEDURE STANDARDIZZATE: ENTRATA IN VIGORE ED EVENTUALI PROROGHE? Il nuovo decreto di recepimento delle procedure standardizzate solleva alcune perplessità relative alla data di entrata in vigore. La seconda parte del comma 1 (il decreto entra in vigore il sessantesimo giorno successivo alla notizia della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, fermi restando i termini di cui al decreto legge 12 maggio 2012, n. 57) non è molto chiara. A tal fine si riporta un estratto delle risposte fornite l 11 dicembre sulla rivista on line di sicurezza PuntoSicuro dal dott. Lorenzo Fantini, dirigente del Ministero del Lavoro, e le ipotesi di possibili future proroghe. Effettivamente leggendo l articolo sembrerebbe esserci una sorta di buco: non si potrebbero utilizzare le procedure standardizzate dal 31 dicembre 2012 al sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ci ha fatto la stessa domanda anche Confindustria. Tuttavia la mia interpretazione del testo, che ho dato a Confindustria, è che dal 31 dicembre sia in vigore il decreto sulle procedure standardizzate. Procedure che da quella data si possono utilizzare. Con si possono, Lorenzo Fantini fa riferimento alla recente risposta della Commissione degli interpelli a un quesito della Confederazione Nazionale dell Artigianato (CNA) : il datore di lavoro di una azienda fino a 10 lavoratori pur disponendo delle procedure standardizzate quale strumento identificato dal 1

2 di Fanesi Luca Vincenzo Legislatore per la redazione del DVR in contesti lavorativi di limitate dimensioni può sempre predisporre un DVR per mezzo di procedure non corrispondenti a quelle standardizzate. Dunque - continua la risposta di Lorenzo Fantini a PuntoSicuro - l interpretazione che stiamo dando è quella di poter utilizzare sin dal primo gennaio del 2013 le procedure standardizzate. E in ogni caso anche non utilizzando questa interpretazione, le aziende potranno fare il DVR liberamente senza seguire procedure standardizzate. Almeno secondo l interpretazione data dalla Commissione interpelli. Non solo in questo regime transitorio, ammesso che ci sia, ma in generale. Inoltre, conclude Fantini, potrebbe esserci una proroga, anche se bisogna vedere cosa succede se il governo cade. Nel merito della autocertificazione, la Commissione permanente sulla sicurezza sul lavoro, nell interpello n. 7/2012 con risposta del 15 novembre 2012 pubblicata il 22 novembre alla CNA che aveva chiesto alla Commissione di pronunciarsi sulla possibilità che le aziende fino a 10 lavoratori possano preparare il documento di valutazione dei rischi (di seguito DVR) applicando integralmente l'articolo 28 del Decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche e integrazioni, senza, tuttavia, utilizzare le procedure standardizzate di valutazione dei rischi, previste dall'articolo 29, comma 5, del D.Lgs. n. 81/2008, risponde indicando che la previsione di cui all'articolo 29, comma 5, del D.Lgs. n. 81/2008 è diretta a fornire alle aziende di limitate dimensioni (fino a 10 lavoratori) uno strumento le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi che permetta alle medesime (alle quali è ancora, fino al 31 dicembre 2012, consentito predisporre una autocertificazione relativa alla valutazione dei rischi) di redigere il proprio DVR in modo coerente con quanto previsto dal D.Lgs. n. 81/2008 agli articoli 28 e 29. Inoltre il comma 2, lettera a) dell'articolo 28 del D.Lgs. 81/2008, inserito a seguito dell'emanazione del D.Lgs. 106/2009, puntualizza che la scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro, che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantirne la completezza e l'idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione. E va rimarcato che i principi (si pensi, ad esempio, alla necessità di valutazione di tutti i rischi sul lavoro di cui all'articolo 28, comma 1, e a quella di rivisitare la valutazione a seguito di modifiche del processo produttivo... e del verificarsi delle altre ipotesi descritte dall'articolo 29, comma 3, del D.Lgs. n. 81/2008) imposti al datore di lavoro in materia di valutazione dei rischi sono puntualmente elencati agli articoli 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/2008 spettando al datore di lavoro l'onere di dimostrare, elaborando il DVR, di averli ottemperati, senza eccezioni. E dunque ove si abbia riguardo, dunque, alla finalità - appena rimarcata - della redazione del DVR è evidente come la dimostrazione di avere rispettato gli obblighi in materia di valutazione dei rischi possa essere fornita dal datore di lavoro in qualunque modo idoneo allo scopo e, quindi, attraverso qualunque procedura che consenta di preparare un DVR coerente con le previsioni degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/2008. FORMAZIONE DEI LAVORATORI in base all accordo Stato Regioni del 21/12/2012 Gli obblighi già sanciti dal D.Lgs. 626/94 e poi dal D.Lgs. 81/2008 smi hanno trovato applicazione con contenuto nel dettaglio e ore minimali definite dal codice ATECO di attività delle aziende attraverso il citato ACCORDO Stato-Regioni. QUALI SONO LE SANZIONI PREVISTE? MANCATA FORMAZIONE (Arresto da due a quattro mesi o con l ammenda da a euro per il datore di lavoro - dirigente). 2

3 Facciamo alcuni esempi: CASO 1: SOPRALLUOGO DEGLI ISPETTORI DELL ASL O DELLA DIREZIONALE TERRITORIALE DEL LAVORO, DOVE SI CONSTATI LA MANCATA VALUTAZIONE DEL RISCHIO E LA FORMAZIONE. Ai sensi del D.Lgs 758/94 gli ispettori: - impartiranno apposita prescrizione invitando il datore di lavoro a regolarizzare la situazione entro un termine congruo. - invieranno notizia di reato alla Procura della Repubblica che iscriverà a registro indagati il contravventore. - eseguiranno sopralluogo di verifica alla scadenza del termine, accertando, a seconda della situazione: l avvenuta regolarizzazione: in tal caso il contravventore sarà invitato al pagamento di una sanzione amministrativa pari ad ¼ del massimo dell ammenda, (es. 1600, 00 per la valutazione del rischio e 1300,00 per la formazione). La non regolarizzazione: in tal caso scatterà la procedura di infrazione penale con rinvio a giudizio ed iter processuale. La regolarizzazione od il pagamento in ritardo: in tal caso il contravventore sarà invitato a pagare la medesima sanzione, ma non in termini amministrativi, bensì di oblazione penale. Qualora si ravvisi l assenza del documento sul luogo di lavoro la norma prevede l illecito amministrativo, pertanto una sanzione pari 2200,00. Potranno procedere alla sospendere l attività imprenditoriale in quanto la mancata valutazione del rischio e formazione costituiscono grave violazione per l adozione del succitato provvedimento. CASO 2: ISPEZIONE DEGLI ISPETTORI DELL ASL A SEGUITO DI INFORTUNIO SUL LAVORO Oltre a procedere alla contestazione indicata al punto 1 è compito degli ispettori accertare se la mancata valutazione del rischio e/o formazione abbia in qualche modo influito sull evento lesivo dell infortunio. In caso positivo ciò costituisce nesso causale per il procedimento penale obbligatorio, con ipotesi di reato ai sensi degli art. 590 CP (lesioni personali colpose), ovvero 589 CP (omicidio colposo), di competenza della PROCURA DELLA REPUBBLICA e trattata in sede di GIUDIZIO PENALE. Si rammenta come il GIUDICE, oltre ad impartire la sanzione penale valuterà l eventuale responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n nel caso di lesioni personali colpose (art. 590 del c.p.) per tutte le tipologie di aziende è prevista una sanzione amministrativa massima di euro con sanzione interdittiva nel caso di condanna, così come prevista dall'art. 9 comma 2 del D.Lgs. 231/2001, per una durata non superiore a sei mesi; nel caso di omicidio colposo (art. 589 del c.p.) per aziende a maggior rischio e per cantieri soprasoglia è prevista una sanzione pecuniaria pari a 1000 quote, ovvero da a euro con una sanzione interdittiva nel caso di condanna per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno. Per tutte le altre aziende, invece, si applica una sanzione pecuniaria in misura non inferiore a 250 quote e non superiore a 500 quote. Le norme sulla responsabilità amministrativa si applicano agli enti forniti di personalità giuridica e alle società e associazioni anche se prive di personalità giuridica. Viceversa non si applicano alle imprese individuali ancorché con dipendenti, alle aziende familiari, poiché è necessaria la dimensione collettiva dell ente, allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici e agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale dove è in ballo la finanza pubblica e quindi il possibile riversamento degli effetti finanziari della responsabilità dell ente sulla collettività. Tutte le altre società o associazioni, anche se non dotate di personalità giuridica, sono soggette alla responsabilità amministrativa, quando si configurano le ipotesi previste dal dec. lgs. 231/

4 COME VA FATTA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO IN UNO STUDIO PROFESSIONALE? Come su indicato, dal 1 gennaio 2013, salvo proroga dell ultima ora, tutte le aziende dovranno redigere apposito e analitico documento di valutazione del rischio. Il documento dovrà prendere in considerazioni tutti i rischi ed in particolari quelli previsti nelle parti speciali del D.Lgs. 81/2008 smi. Nel seguito si elencano le tipologie di rischio da analizzare, evidenziando in neretto quelli pertinenti uno studio professionale 1- Organizzazione del lavoro: - Compiti, funzioni e responsabilità; - Analisi pianificazione e controllo; - Informazione e controllo; - Partecipazione; - Norme e procedure di controllo; Pertinente analisi gestionali del compiti e funzioni: responsabile sicurezza, rappresentante dei lavoratori, medico competente (ove previsto), lavoratori incaricati delle emergenze (antincendio e primo soccorso). Formazione delle figure su indicate e dei lavoratori. Gestionale organizzazione sicurezza aziendale. Procedure di lavoro ed analisi dei rischi per mansione. 2- Sorveglianza sanitaria; Pertinente solo per il personale che utilizzi il videoterminale oltre alle 20 ore settimanali 3- Lavori in appalto/forniture. Pertinente per tutti gli appalti di opere, servizi o forniture, es. pulizie, assistenza computer e fotocopiatrici, controllo impianti elettrico e riscaldamento, ecc. E sufficiente una procedura di verifica dell idoneità tecnico professionale dell appaltatore ed un coordinamento dei rischi interferenti (molto semplice per uno studio). Va invece predisposto un documento specifico di gestione dei rischi interferenziali (DUVRI), per i lavori di durata superiore ai due giorni nel corso dell appalto (direi le sole pulizie). 4- Stress lavoro correlato; Obbligatoria, con procedura oggettiva e semplice riunione con i lavoratori nelle piccole realtà, opportuna la valutazione soggettiva con focus group e/o test di analisi nelle realtà superiori ad 8-10 lavoratori (tra l altro molto utile per monitorare il clima aziendale e non solo la salute dei lavoratori). 5- Rischio dipendenze-assunzione NON PERTINENTE alcool e sostanze psicotrope e stupefacenti; 6- Tutela lavoratrici in stato di gravidanza; Pertinente l informativa e l individuazione delle attività a rischio nel caso di presenza di personale femminile (possibile riduzione dell uso del PC oltre le 20 ore sett. e dell automobile, se il 7- Differenza di genere, di età, provenienza da altri paesi, tipologia contrattuale. personale esce). Pertinente, ma alquanto semplice e senza criticità per uno studio Lavoro notturno/lavoro isolato/aggressione Pertinente il rischio aggressione, con semplice adozione di procedura di comportamento. 9- Rischio incidente stradale Pertinente se si fa utilizzo di auto, con semplici regole di manutenzione e rispetto del codice della strada. 10- Gestione delle emergenze Pertinente, direi il rischio più rilevante per uno studio, in relazione all ubicazione degli uffici, la disponibilità di idonee vie di esodo, fruibili anche in assenza di energia elettrica, la presenza di estintori, luci di emergenza, ecc. Specifico piano e procedure in base a tutti i rischi prevedibili (incendio, terremoto, alluvione, ecc), ovviamente solo ove pertinenti. Predisposizione del registro dei controlli.

5 11- Ambiente di lavoro Pertinente analisi dell ambiente di lavoro in relazione alla conformità strutturale, impiantistica, controlli e verifiche, regolarità ambienti di lavori, es parapetti, vetri di sicurezza, stabilità mobilio, ecc. 12- Attrezzature di lavoro. Pertinente ma semplice e riferita alle attrezzature di ufficio (PC, STAMPANTI, ECC.) 13- Dispositivi di protezione Pertinente solo qualora l ufficio provveda alla pulizia con proprio individuale. 14- Rischio elettrico ed impiantistico (impianti ed apparecchiature elettriche e scariche atmosferiche, impianto termo idraulico e gas). personale (semplice dotazione di guanti) Pertinente nell analisi della certificazione, dei controlli e verifiche periodiche e nella gestione degli impianti (uso limitato di adattatori, ciabatte, ecc.) e verifica regolarità (caldaie, gas, ecc.) 15- Lavori in quota. NON PERTINENTE 16- Segnaletica. Pertinente la presenza della segnaletica delle vie di esodo, ubicazione estintori e cassetta primo soccorso, nonché planimetria degli elementi su indicati, del luogo sicuro esterno da raggiungere in caso di esodo, comprese le procedure di comportamento sia per i dipendenti, sia per la clientela) 17- Movimentazione manuale dei NON PERTINENTE carichi. 18- Sovraccarico biomeccanico arti NON PERTINENTE superiori. 19- Attrezzature munite di videoterminali. Pertinente la verifica di regolarità delle postazioni VDT (idoneità schermo, assenza riflessi, sfarfallamenti, ergonomia postazione in relazione all orientamento del PC, altezza e profondità del tavolo, possibilità di regolazione della sedia, ecc.) 20- Agenti fisici-rischio generale. Pertinente ed obbligatoria relazione tecnica a cura persona competente, inerente tutti i rischi fisici: - RADON, pertinente solo per locali al piano terra e mappati in zona a rischio (es. Chiusa di Pesio, Peveragno, ecc.) TUTTI i rischi FISICI a seguire, nel vs caso tutti a livello basso e pertanto con possibilità di giustificare l assenza di rischio (va analizzata l assenza di luci fastidiose o pericolose (es, lampade UV insetti, riscaldatori ad infrarossi, led con luce intensa gamma di frequenza luce blu) 21- Agenti fisici-rumore (infrasuoni, PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici ultrasuoni). 22- Agenti fisici-vibrazioni. NON PERTINENTE vedasi agenti fisici 23- Agenti fisici-campi elettromagnetici. PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici 24- Agenti fisici-radiazioni ottiche. PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici 25- Sostanze pericolose- agenti chimici. 26- Sostanze pericolose- agenti cancerogeni e mutageni Pertinente solo in caso di pulizia in proprio, con acquisizione delle schede di sicurezza dei prodotti utilizzati e specifica valutazione tecnica di analisi. Necessaria procedura di utilizzo e cambio TONER fotocopiatori NON PERTINENTE Sostanze pericolose- amianto NON PERTINENTE, salvo verifica presenza di amianto nei locali (es, tubazioni eternit, lineolum con presenza di amianto nel foglio di incollaggio alla pavimentazione, ecc.) 28- Agenti biologici. Pertinente, ma con semplice procedura agenti biologici presenti nella normale interazione umana 29- Atmosfere esplosive. NON PERTINENTE, salvo presenza nell area privata di contatori e/o tubazioni flange del gas- Procedura semplice.

6 QUALI SONO GLI ALTRI OBBLIGHI QUALI INCARICHI (RSPP, RLS) E CORSI FORMATIVI? Nel contesto specifico di uno studio professionale sono obbligatori. La designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione RSPP (obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) Si possono prospettare 4 casi: CASO A: il datore di lavoro dello studio ha usufruito della deroga ai sensi dell art. 95 D.Lgs. 626/94, assumendo direttamente la funzione e notificando apposita comunicazione all ASL_Spresal (Servizio di prevenzione e sicurezza ambiente di lavoro ) ed alla DPL (Direzione provinciale del lavoro (oggi Direzione territoriale del lavoro) entro il 31/12/2006. In tal caso, se in possesso di idonea documentazione, il datore di lavoro RSPP dovrà frequentare corso obbligatorio entro il 11/01/ /01/2014: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELLA FORMAZIONE DEGLI RSPP esonerati ex. Art.95 del D.Lgs. 626/94 Si tratta dei datori di lavoro che hanno usufruito della prima deroga del D.Lgs. 626/94 acquisendo la qualifica di RSPP senza frequentare alcun corso, bensì sulla scorta di autocertificazione della competenza pregressa. Gli stessi devono, entro 24 mesi dalla data di pubblicazione dell accordo (pubblicato l 11 gennaio 2012) frequentare apposita formazione che si intende assolta con la partecipazione ad iniziative specifiche aventi ad oggetto i medesimi contenuti previsti per la formazione del DL SPP di cui al punto 5 (ore del corso RSPPprevisto nell ACCORDO) 6 CASO B: il datore di lavoro è sprovvisto di qualifica e decide di assumere direttamente la funzione qualificandosi DATORE DI LAVORO RSPP Va acquisita qualifica di RSPP datore di lavoro rischio BASSO 16 ore, con obbligo di aggiornamento quinquennale (6 ore) IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori e datori di lavoro RSPP PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA O L ESONERO (per i soli datori di lavoro RSPP autonominatisi prima del 1997). Le linee guida chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. Idem per i datori di lavoro RSPP. CASO C: incarico RSPP a personale dipendente E necessario un percorso di qualificazione complesso: prerequisito del diploma di scuola secondaria CORSO BASE mod. A: 28 ore (modulo con credito permanente) CORSO AVANZATO mod. B ATECO di appartenenza : da 12 a 24 ore in relazione alla classificazione (obbligo di aggiornamento quinquennale 40 ore) CORSO MOD C_ organizzazione, comunicazione, ecc. : 24ore (modulo con credito permanente) CASO D: incarico RSPP a professionista esterno con dimostrazione di idoneità e qualificazione (lo studio CONSICUR offre questo servizio).

7 La designazione/lezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RLS (obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) I lavoratori vanno formalmente inviatati a designare un loro rappresentante (l elezione è prevista nelle aziende oltre i 15 addetti, all interno delle RSU). CASO A: designano un loro rappresentante: il medesimo andrà adeguamento formato con corso RSL base di 32 ore e 4 ore di aggiornamento annuale (obbligatoriamente in orario di lavoro). CASO B: i lavoratori rinunciano alla designazione di un rappresentante: in tal caso c è l obbligo di aderire al RSLT (rappresentante territoriale di comparto), al momento non previsto per gli studi professionali, pertanto per il datore di lavoro è sufficiente dimostrare la formalizzazione documentale circa la scelta dei lavoratori Nomina degli addetti all emergenza(obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) 1 ADDETTO ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE INCENDI ( nelle piccole realtà può coincidere con il datore di lavoro) RISCHIO BASSO 4 ORE parte teorica e prova pratica di spegnimento incendio (solo sino a 5 lavoratori può anche essere il datore di lavoro-rspp, ma deve comunque seguire il corso) obbligo aggiornamento :non c è ancora il decreto che prevede tempi e metodi, ma sulla base di una direttiva del corpo centrale dei VVF si prevede per il rischio basso un aggiornamento di 2 ore (richiami e prova pratica), consigliato ogni 3 anni. 7 1 ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO (nelle piccole realtà può coincidere con il datore di lavoro) RISCHIO CAT. B o C 12 ORE parte teorica e prova pratica BLS obbligo aggiornamento pratico 4 ore (richiami e prova pratica BLS ), ogni 3 anni. FORMAZIONE LAVORATORI Già richiamata dal DPR 547/55 e obbligatoria con il D.Lgs. 626/94, il D.Lgs. 81/2008 smi ne ha meglio definiti i contenuti, demandando ad un accordo Stato Regioni il dettaglio e le ore minimali. L accorso del 21 dicembre 2011, pubblicato l 11 gennaio 2012 prevede obbligo di formazione minima di ore per tutto il personale dipendente od equiparato. CASO A IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori (8 ore) PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA. Le linee guida DI LUGLIO 2012 SUGLI ACCORDI chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. CASO B 60 giorni: PER ULTIMARE LA FORMAZIONE (8 ore) DEI NUOVI ASSUNTI O NUOVE NOMINE Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, se ciò non risulta possibile, contestualmente all'assunzione. In tale ultima ipotesi, ove non risulti possibile completare il corso di formazione prima della adibizione del dirigente, del preposto o del lavoratore alle proprie attività, il relativo percorso formativo deve essere completato entro e non oltre 60 giorni dalla assunzione. In merito all'applicazione delle norme di sicurezza anche ai soci di uno studio professionale il parere di avvocati esperti del settore è che i soci di uno studio professionale siano equiparabili a lavoratori dipendenti, ai sensi dell'art. 2, comma a) del D.Lgs. 81/2008 e pertanto vadano ricompresi nella valutazione del rischio.

8 PROPOSTA ASSISTENZE E CONSULENZA Lo STUDIO CONSICUR nasce nel 2011 come servizio di consulenza ed assistenza in materia di organizzazione e prevenzione, per garantire una corretta gestione della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, su iniziativa del tecnico della prevenzione Luca Fanesi, ex ispettore ASL SPresal dal 1988 al 2010, con l'obiettivo primario di "guidare" la direzione aziendale alla predisposizione di un modello di valutazione semplice e chiaramente operativo, quale vero strumento di prevenzione e, nello stesso tempo, garantire il rispetto formale degli obblighi di legge. Offre un servizio completo di organizzazione del sistema di sicurezza aziendale: CHECK UP aziendali per conoscenza della situazione aziendale e preventivo ad hoc. VALUTAZIONE DEL RISCHIO aziendale GESTIONALE SICUREZZA AZIENDALE: - misure di prevenzione e protezione - scadenze ed aggiornamenti obbligatori - revisioni periodiche CORSI DI FORMAZIONE - datori di lavoro RSPP, dirigenti e preposti - lavoratori - addestramento e formazione specifica (es. lavori in quota, uso DPI 3 cat.) - primo soccorso ed antincendio Luca Vincenzo FANESI Dott. in Tecniche della Prevenzione Dott. in Scienze dell Amministrazione e dell Organizzazione Dott. in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione Master in management per le funzioni di coordinamento nell area della Prevenzione e dell Assistenza sanitaria Letizia MESSIDORO Ragioniere perito commerciale Tecnico di impresa edile Francesca PAKER Dott. in Tecniche della Prevenzione Contattaci per un preventivo o Check up aziendale. Tel Cell oppure vieni a trovarci nella nuova sede in Cervasca (CN), via Valdarello 8: - Ufficio e Sala corsi. - Laboratorio esterno per esercitazioni antincendio, lavori in quota, ecc. 8 ASSISTENZA AZIENDALE: -invio periodico NEWSCONSICUR -assistenza per gestioni pratiche ed infortuni, sopralluoghi organi di vigilanza. -presa in carico scadenze documentali, aggiornamenti obbligatori formazione ed addestramento personale.

9 LE SCADENZE DELLA FORMAZIONE (in base all ACCORDO Stato-Regioni del 21/12/2011) IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori e datori di lavoro RSPP PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA O L ESONERO (per i soli datori di lavoro RSPP autonominatisi prima del 1997). Le linee guida chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. Idem per i datori di lavoro RSPP. 60 giorni: PER ULTIMARE LA FORMAZIONE (da 8 a 16 ore) DEI NUOVI ASSUNTI O NUOVE NOMINE Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, se ciò non risulta possibile, contestualmente all'assunzione. In tale ultima ipotesi, ove non risulti possibile completare il corso di formazione prima della adibizione del dirigente, del preposto o del lavoratore alle proprie attività, il relativo percorso formativo deve essere completato entro e non oltre 60 giorni dalla assunzione. 90 giorni: DECORRONO DALL INIZIO DI NUOVE ATTIVITA per LA FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO-RSPP Il datore di lavoro che intende svolgere, nei casi previsti dal decreto stesso, i compiti del servizio di prevenzione e protezione dai rischi deve completare il percorso formativo di cui al presente accordo entro e non oltre 90 giorni dalla data di inizio della propria attività. 11/07/2012: TERMINE PER LA FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO RSPP CHE USUFRUISCANO DEI CORSI GIA ATTIVATI AL 11/01/2012. In fase di prima applicazione, non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione di cui al punto 5 dell ACCORDO i datori di lavoro che abbiano frequentato - entro e non oltre sei mesi dalla entrata in vigore del presente accordo - corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo, rispettosi delle previsioni di cui all'art. 3 del decreto ministeriale 16 gennaio 1997 per quanto riguarda durata e contenuti (CORSI 16 ore). 11/01/2013: TERMINE PER LA FORMAZIONE DI LAVORATORI, DIRIGENTI E PREPOSTI CHE USUFRUISCANO DEI CORSI GIA ATTIVATI AL 11/01/2012. In fase di prima applicazione, non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione definiti dall ACCORDO, i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato - entro e non oltre dodici mesi dalla entrata in vigore del presente accordo (entro il 11/01/ corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo (11/01/2012), rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro per quanto riguarda durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi. 11/01/2013: TERMINE PER L AGGIORNAMENTO (6 ore) DELLA FORMAZIONE ANTECEDENTE AI 5 ANNI. Ci si riferisce ovviamente alla formazione pregressa antecedente gli accordi del 11 gennaio 2012, che è riconosciuta purchè documentata e conforme all art. 37 D.Lgs. 9

10 81/2008 smi ed ai contratti collettivi di lavoro. 11/07/2013: TERMINE PER ULTIMARE LA FORMAZIONE dei dirigenti e preposti) SECONDO LO SCHEMA DELL ACCORDO In sede di prima applicazione, i datori di lavoro sono tenuti ad avviare i dirigenti e i preposti a corsi di formazione di contenuto rispettivamente coerente con le disposizioni di cui al presente accordo in modo che i medesimi corsi vengano conclusi entro e non oltre il termine di 18 mesi dalla pubblicazione del presente accordo. 11/07/2013: OBBLIGHI DELLA FORMAZIONE secondo l ACCORDO anche ai LAVORATORI STAGIONALI L ACCORDO non si applica ai LAVORATORI STAGIONALI, per cui l art. 3, comma 13 del D.Lgs. 81/2008 smi prevede emanazione di apposito decreto. In caso di mancata approvazione del provvedimento entro 18 mesi dalla pubblicazione dell ACCORDO ( 11 gennaio 2012), il medesimo sarà anche applicabile ai LAVORATORI STAGIONALI. 11/01/2017: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELL AGGIORNAMENTO DEI DATORI DI LAVORO RSPP GIA QUALIFICATI L aggiornamento dei DATORI DI LAVORO RSPP ha periodicità quinquennale (cinque anni a decorrere dalla data di pubblicazione del presente accordo 11 gennaio 2012). E modulato in relazione al livello di rischio (BASSO 6 ore, MEDIO 10 ore, ALTO 14 ore). L'obbligo di aggiornamento va preferibilmente distribuito nell'arco temporale di riferimento e si applica anche a coloro che abbiano frequentato i corsi di cui al decreto ministeriale 16 gennaio 1997 ed agli esonerati dalla frequenza dei corsi, ai sensi dell'art. 95 del D.Lgs. 626/ /01/2014: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELLA FORMAZIONE DEGLI RSPP esonerati ex. Art.95 del D.Lgs. 626/94 Si tratta dei datori di lavoro che hanno usufruito della prima deroga del D.Lgs. 626/94 acquisendo la qualifica di RSPP senza frequentare alcun corso, bensì sulla scorta di autocertificazione della competenza pregressa. Gli stessi devono, entro 24 mesi dalla data di pubblicazione dell accordo (pubblicato l 11 gennaio 2012) frequentare apposita formazione che si intende assolta con la partecipazione ad iniziative specifiche aventi ad oggetto i medesimi contenuti previsti per la formazione del DL SPP di cui al punto 5 (ore del corso RSPP-previsto nell ACCORDO)

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Con il Decreto Interministeriale dei 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

dvr documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013

dvr documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013 documento di valutazione dei rischi obbligo per le micro imprese a partire da gennaio 2013 arch. Giorgio Valentini CONSORZIO SFERA w w w. c o n s f e r a. i t i n f o r m a z i o n i @ c o n s f e r a.

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

Circolare N.85 del 23 Maggio 2013

Circolare N.85 del 23 Maggio 2013 Circolare N.85 del 23 Maggio 2013 Dal 01.06.2013 obbligatorie le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che a partire dal 01.06.2013

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO Dal 1 giugno 2013 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Principi giuridici e normativa di riferimento

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 5/2013 Pagina 1 di 6 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 5/2013 del 7 marzo 2013 SICUREZZA SUL LAVORO OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Come noto, il D.Lgs

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 1 A CURA DELLA SOCIETA SISTHEMA & ANALISI S.r.l. Certificata ISO 9001:2008 settore EA37: progettazione

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA INGENIA Group

LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA INGENIA Group LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA INGENIA Group Obblighi e sanzioni del datore di lavoro Manuale commerciale 11/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA OBBLIGHI E SANZIONI

Dettagli

Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013. Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze

Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013. Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze Circolare N.24 del 07 Febbraio 2013 Sicurezza sul lavoro. Obblighi e scadenze Sicurezza sul lavoro: obblighi e scadenze Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, il D.Lgs n. 81/2008

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono:

Testo Unico. Il sistema sanzionatorio del D.Lgs. 81/08. Le sanzioni previste dal nuovo D.Lgs. 81/08 sono: Testo Unico Salute e sicurezza sul lavoro Dr. Biagio Calò NORMATIVA SULL IGIENE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Le nuove disposizioni penali introdotte dal D.Lgs. 81/08 12 Giugno 2008 Direttore SPRESAL

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NELLE AGENZIE IMMOBILIARI. Slide 1 SOGGETTI PRINCIPALI DATORE DI LAVORO MEDICO COMPETENTE RESPONSABILE E ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale

La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale La valutazione dei rischi: cardine della sicurezza aziendale e strumento di difesa in sede processuale L'obbligo di valutazione dei rischi secondo il d.lgs. n.81/2008 Ing. Davide Casaro Area Ambiente e

Dettagli

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche Dott. Paolo Picco TdP S.PRE.S.A.L. ASL TO3 Torino, 5 dicembre 2012 1 Prima domanda

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SICUREZZA SUL LAVORO IL DEUTERONOMIO libro dell Antico Testamento nel secondo discorso relativo ai doveri di umanità e prescrizioni varie recita

Dettagli

Prima analisi dell Accordo per la formazione dei LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI

Prima analisi dell Accordo per la formazione dei LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI Prima analisi dell Accordo per la formazione dei LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI Norsaq ha esaminato l importante articolato legislativo dell Accordo Stato-Regioni inerente alla formazione alla sicurezza

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Dipartimento Salute e Sicurezza Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Cos è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo Unico per la Sicurezza dei

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

Bozza: Accordo Stato Regioni

Bozza: Accordo Stato Regioni PROPOSTA D ACCORDO DATORI DI LAVORO Bozza: Accordo Stato Regioni Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

ENTE BILATERALE UNITARIO TERRITORIALE DEL SETTORE TURISMO PER LA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA. Prot. 03/12 Verbania, li 17/02/2012

ENTE BILATERALE UNITARIO TERRITORIALE DEL SETTORE TURISMO PER LA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA. Prot. 03/12 Verbania, li 17/02/2012 Prot. 03/12 Verbania, li 17/02/2012 Spett.Le AZIENDA Oggetto: Accordi - in sede Conferenza STATO-REGIONI del 21/12/2011 - sulla formazione dei lavoratori, dirigenti, preposti e datori di lavoro, in vigore

Dettagli

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO per Dirigenti Scolastici Il Dirigente Scolastico e la sicurezza nella scuola. Una bussola per orientarsi nel mare magnum delle nuove norme Anno Scolastico 2012/2013

Dettagli

RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE PREGRESSA

RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE PREGRESSA LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI DELLA SCUOLA, AI SENSI DELL ART. 37, COMMA 2, DEL D.LGS. 81/08 E SMI E DEGLI ACCORDI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08)

AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) AUTOCERTIFICAZIONE DELL EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI (ai sensi dell art. 29, comma 5, del D.Lgs. 81/08) Il sottoscritto/a nato a il residente a indirizzo in qualità di Datore di Lavoro dei

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO D. Lgs. n 81 / 2008 D.Lgs. n 106/2009 Modulo 1: le norme PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione del quadro legislativo

Dettagli

Flash. BergamoArtigiana. Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il nuovo Testo. Speciale Testo Unico della Sicurezza (d.lgs 81 del 9-4-08) SOMMARIO

Flash. BergamoArtigiana. Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il nuovo Testo. Speciale Testo Unico della Sicurezza (d.lgs 81 del 9-4-08) SOMMARIO anno 16 numero 3 luglio 2008 BergamoArtigiana Speciale Testo Unico della Sicurezza (d.lgs 81 del 9-4-08) Flash Il 15 maggio 2008 è entrato in vigore il nuovo Testo Unico della sicurezza (d.lgs. 81 del

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 104 28.05.2013 VDR: via libera alle procedure standardizzate Stop all autocertificazione dei rischi. Dal 1 giugno 2013 entreranno

Dettagli

Oggetto Autocertificazione Valutazione dei Rischi Scadenza del 31.05.2013 Art. 29, comma 5 D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i.

Oggetto Autocertificazione Valutazione dei Rischi Scadenza del 31.05.2013 Art. 29, comma 5 D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Oggetto Autocertificazione Valutazione dei Rischi Scadenza del 31.05.2013 Art. 29, comma 5 D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. Spettabile Ordine, ricordiamo che, entro la data del 31.05.2013, tutti i Datori di lavoro

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

D. Lgs. 81/08: Documenti e

D. Lgs. 81/08: Documenti e D. Lgs. 81/08: Documenti e 2013 Formazione Obbligatori [Documento illustrativo per le aziende e le imprese che vogliono essere informate e conoscere gli obblighi derivanti dal D. Lgs. 81/ 08 (Ex 626),

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

RIFLESSIONI SUL CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS 106/09 CORRETTIVO DEL TESTO UNICO D.LGS 81/08 Ing.AVANZATO Salvatore 1 Ing.AVANZATO Salvatore 2 Quale novità ha introdotto

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA IAPIR FORMAZIONE IAPIR SEI A NORMA CON LA SICUREZZA SUL LAVORO? CORSI ON-LINE DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA Pagina 2 IAPIR FORMAZIONE Perché Formarsi Negli ultimi anni vari provvedimenti di legge, emanati

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

GUIDA OPERATIVA FORMAZIONE

GUIDA OPERATIVA FORMAZIONE GUIDA OPERATIVA FORMAZIONE In data 25 luglio 2012 la Conferenza Stato Regioni ha emanato delle Linee Interpretative sugli accordi del 21 dicembre 2011 in merito alla formazione dei lavoratori, preposti

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI

SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI SALUTE E SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI: SOGGETTI, OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Ciascun datore di lavoro ha l obbligo di adeguarsi alla normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sancita dal

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro 2013 [Documento illustrativo per le aziende e le imprese che vogliono essere informate

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini La programmazione e la formazione: strumenti essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro Formazione, informazione, addestramento Massimo Cecchini Definizioni (art. 2 D.Lgs. 81/2008) aa) «formazione»:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Organizzazione della prevenzione aziendale

Organizzazione della prevenzione aziendale Organizzazione della prevenzione aziendale La normativa e le figure coinvolte Sicurezza sul lavoro? Non solo 81/08 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA la Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO DELL AVVOCATO DATORE DI LAVORO 1 PREMESSA Lo svolgimento dell attività di avvocato costringe ormai ad un numero crescente di adempimenti collaterali.

Dettagli

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN DOCUMENTO Pagina 1di 12 Redatto da Verificato Approvato Rev. Ines Magnani Malvolti Daniela firma firma Carlo Veronesi FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

CATALOGO SERVIZI 1- SICUREZZA SUL LAVORO RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEL RISCHIO

CATALOGO SERVIZI 1- SICUREZZA SUL LAVORO RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE VALUTAZIONE DEL RISCHIO CATALOGO SERVIZI 1- RSPP RESPONSABILE PREVENZIONE E TEZIONE Art. 17, 31 e 32 D.Lgs. 81/08. subordinato, parasubordinato, equiparato, volontario o lavoratore autonomo in esclusiva. In caso di inadempimento,

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche Linee guida per l attuazione dei corsi per ASPP e RSPP di cui all accordo tra Governo e le Regioni e Province autonome dd. 26 gennaio 2006, art. 2 commi 2,3,4,5 del D.Lgs 195/03. Soggetti attuatori : Regioni

Dettagli

La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori

La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori Dipartimento di Prevenzione Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro La valutazione dei rischi, le procedure standardizzate e gli aspetti sanzionatori Mauro BONIFACI Ordine Consulenti Lavoro di

Dettagli

Stefano Bergagnin Barbara Pareschi DVR IMPRESE EDILI

Stefano Bergagnin Barbara Pareschi DVR IMPRESE EDILI Stefano Bergagnin Barbara Pareschi DVR PROCEDURE STANDARDIZZATE IMPRESE EDILI SOFTWARE INCLUSO VALUTAZIONE DEI RISCHI PER UNA IMPRESA EDILE MEDIANTE PROCEDURA STANDARDIZZATA Glossario (principali termini

Dettagli

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare.

Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. 1 GUIDA ALLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Adempimenti legislativi in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ambiente e igiene alimentare. INDICE 1. Introduzione: la sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI IN VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE E SULLA TUTELA DELL IGIENE E DELLA SALUTE SUL LAVORO

PARTE SPECIALE E REATI IN VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE E SULLA TUTELA DELL IGIENE E DELLA SALUTE SUL LAVORO PARTE SPECIALE E REATI IN VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE E SULLA TUTELA DELL IGIENE E DELLA SALUTE SUL LAVORO 1 INDICE E.1 PREMESSA... 3 E.2 I FATTORI DI RISCHIO ESISTENTI IN FOR.TE.... 3 E.3

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE Pagina 1di 9 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta Settore ATECO 2007 Totali addetti - N. operai - N. impiegati di cui

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO

Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio. Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza e Sistema sanzionatorio Dott. Leonardo SCATURRO Organi di Vigilanza S.Pre.S.A.L. - Azienda Sanitaria Locale Chi è? Ente che fa parte del Dipartimento di Prevenzione delle A.S.L. Quale

Dettagli

La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. 1 Aggiornamento RSPP Excursus normativo a 5 anni dall entrata in vigore del testo unico Formazione lavoratori, il cardine del fare

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative

D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative Catania 22 ottobre 2014 Commissione lavoro

Dettagli

CATALOGO CORSI SICUREZZA AMBIENTE ALIMENTI CERTIFICAZIONI FISCO E AMMINISTRAZIONE PRIVACY MANAGEMENT PROFESSIONALIZZANTI

CATALOGO CORSI SICUREZZA AMBIENTE ALIMENTI CERTIFICAZIONI FISCO E AMMINISTRAZIONE PRIVACY MANAGEMENT PROFESSIONALIZZANTI 2014 CATALOGO CORSI SICUREZZA AMBIENTE ALIMENTI CERTIFICAZIONI FISCO E AMMINISTRAZIONE PRIVACY MANAGEMENT PROFESSIONALIZZANTI 2014 CATALOGO SICUREZZA AMBIENTE ALIMENTI CERTIFICAZIONI FISCO E AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti)

Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Corso di Formazione Professionale per RSPP e ASPP (con docenti) Ai sensi all Accordo Stato-Regioni del 26.01.2006 n 2407 (G.U. 14.02.2006 n 37) su direttive dell ex DLgs 195/03 e del vigente DLgs 81/08

Dettagli

D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CONVEGNO DI STUDIO E AGGIORNAMENTO AMMINISTRATIVO 27-30 AGOSTO 2008 ISTITUTO SUORE TERZIARIE FRANCESCANE ELISABETTINE D.lgs. N. 81 Del 9 Aprile 2008 SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 27 agosto 2008

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

CATALOGO CORSI SICUREZZA 2005-2006

CATALOGO CORSI SICUREZZA 2005-2006 CATALOGO CORSI SICUREZZA 2005-2006 Definito in base al decreto legislativo 23 giugno 2003, n. 195, al decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626 ed alle successive integrazioni Conferenza Stato Enti

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio Apparato sanzionatorio - Obblighi generali SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO Obblighi generali per il datore di lavoro Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio DESTINATARIO/I

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, 4 art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 624/94 introdotto dal D. Lgs.

CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, 4 art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 624/94 introdotto dal D. Lgs. SVILUPPO RISORSE UMANE Comunicazione SRU/27 del 25/07/2013 a cura di Carlo Vespignani CORSO PER RSPP/ASPP MODULO A (D. Lgs. 81/08 e s.m.i. ex. Commi 2, art. 8 bis D. Lgs. D. Lgs 62/9 introdotto dal D.

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli