Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni"

Transcript

1 Speciale CONSICUR scadenze VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE ed altre disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro obblighi e sanzioni Aggiornamento 01- dicembre 2012 In verde le modifiche rispetto al numero 00- novembre 2012 Un esempio su come va organizzata una valutazione del rischio in uno studio professionale pg. 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI MICROIMPRESE fino a 10 lavoratori In base all art. 29 del D.Lgs. 81/2008 smi la possibilità di autocertificare l'effettuazione della valutazione dei rischi scade il 31/12/2012, pertanto, con decorrenza 1 gennaio 2013, anche le microimprese (aziende fino a 10 lavoratori) dovranno redigere il DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI. QUALI SONO LE SANZIONI PREVISTE? ASSENZA VALUTAZIONE DEL RISCHIO ED ELABORAZIONE DEL DOCUMENTO (DVR) (Arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a 6.400) MANCATA CUSTODIA ED ESIBIZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DVR PRESSO LA SEDE AZIENDALE (Sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per il datore di lavoro - dirigente) Resta inteso che la mancata valutazione del rischio potrà anche comportare a cascata la contestazione di tutti quegli obblighi connessi definiti dagli artt. 17, 18, 28 e 29 del D.lgs. 81/2008 smi, ivi compresi l eventale mancata formazione, nomina del medico competente e visita medica (ove espressamente previsto), ecc. COSA PREVEDONO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE? In base all Art. 29, comma 5 del D.Lgs. 81/2008 smi le MICROAZIENDE, che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate che sono state approvate in data 25 ottobre 2012 dalla Conferenza Stato Regioni e pubblicate con Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 (pubblicato sul sito internet del Ministero del Lavoro il 07/12/2012), che entra in vigore sessanta giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, fermi restando i termini del decreto legge 12 maggio 2012, n. 55 (scadenza della valutazione in autocertificazione al ). PROCEDURE STANDARDIZZATE: ENTRATA IN VIGORE ED EVENTUALI PROROGHE? Il nuovo decreto di recepimento delle procedure standardizzate solleva alcune perplessità relative alla data di entrata in vigore. La seconda parte del comma 1 (il decreto entra in vigore il sessantesimo giorno successivo alla notizia della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, fermi restando i termini di cui al decreto legge 12 maggio 2012, n. 57) non è molto chiara. A tal fine si riporta un estratto delle risposte fornite l 11 dicembre sulla rivista on line di sicurezza PuntoSicuro dal dott. Lorenzo Fantini, dirigente del Ministero del Lavoro, e le ipotesi di possibili future proroghe. Effettivamente leggendo l articolo sembrerebbe esserci una sorta di buco: non si potrebbero utilizzare le procedure standardizzate dal 31 dicembre 2012 al sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ci ha fatto la stessa domanda anche Confindustria. Tuttavia la mia interpretazione del testo, che ho dato a Confindustria, è che dal 31 dicembre sia in vigore il decreto sulle procedure standardizzate. Procedure che da quella data si possono utilizzare. Con si possono, Lorenzo Fantini fa riferimento alla recente risposta della Commissione degli interpelli a un quesito della Confederazione Nazionale dell Artigianato (CNA) : il datore di lavoro di una azienda fino a 10 lavoratori pur disponendo delle procedure standardizzate quale strumento identificato dal 1

2 di Fanesi Luca Vincenzo Legislatore per la redazione del DVR in contesti lavorativi di limitate dimensioni può sempre predisporre un DVR per mezzo di procedure non corrispondenti a quelle standardizzate. Dunque - continua la risposta di Lorenzo Fantini a PuntoSicuro - l interpretazione che stiamo dando è quella di poter utilizzare sin dal primo gennaio del 2013 le procedure standardizzate. E in ogni caso anche non utilizzando questa interpretazione, le aziende potranno fare il DVR liberamente senza seguire procedure standardizzate. Almeno secondo l interpretazione data dalla Commissione interpelli. Non solo in questo regime transitorio, ammesso che ci sia, ma in generale. Inoltre, conclude Fantini, potrebbe esserci una proroga, anche se bisogna vedere cosa succede se il governo cade. Nel merito della autocertificazione, la Commissione permanente sulla sicurezza sul lavoro, nell interpello n. 7/2012 con risposta del 15 novembre 2012 pubblicata il 22 novembre alla CNA che aveva chiesto alla Commissione di pronunciarsi sulla possibilità che le aziende fino a 10 lavoratori possano preparare il documento di valutazione dei rischi (di seguito DVR) applicando integralmente l'articolo 28 del Decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche e integrazioni, senza, tuttavia, utilizzare le procedure standardizzate di valutazione dei rischi, previste dall'articolo 29, comma 5, del D.Lgs. n. 81/2008, risponde indicando che la previsione di cui all'articolo 29, comma 5, del D.Lgs. n. 81/2008 è diretta a fornire alle aziende di limitate dimensioni (fino a 10 lavoratori) uno strumento le procedure standardizzate per la valutazione dei rischi che permetta alle medesime (alle quali è ancora, fino al 31 dicembre 2012, consentito predisporre una autocertificazione relativa alla valutazione dei rischi) di redigere il proprio DVR in modo coerente con quanto previsto dal D.Lgs. n. 81/2008 agli articoli 28 e 29. Inoltre il comma 2, lettera a) dell'articolo 28 del D.Lgs. 81/2008, inserito a seguito dell'emanazione del D.Lgs. 106/2009, puntualizza che la scelta dei criteri di redazione del documento è rimessa al datore di lavoro, che vi provvede con criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantirne la completezza e l'idoneità quale strumento operativo di pianificazione degli interventi aziendali e di prevenzione. E va rimarcato che i principi (si pensi, ad esempio, alla necessità di valutazione di tutti i rischi sul lavoro di cui all'articolo 28, comma 1, e a quella di rivisitare la valutazione a seguito di modifiche del processo produttivo... e del verificarsi delle altre ipotesi descritte dall'articolo 29, comma 3, del D.Lgs. n. 81/2008) imposti al datore di lavoro in materia di valutazione dei rischi sono puntualmente elencati agli articoli 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/2008 spettando al datore di lavoro l'onere di dimostrare, elaborando il DVR, di averli ottemperati, senza eccezioni. E dunque ove si abbia riguardo, dunque, alla finalità - appena rimarcata - della redazione del DVR è evidente come la dimostrazione di avere rispettato gli obblighi in materia di valutazione dei rischi possa essere fornita dal datore di lavoro in qualunque modo idoneo allo scopo e, quindi, attraverso qualunque procedura che consenta di preparare un DVR coerente con le previsioni degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. n. 81/2008. FORMAZIONE DEI LAVORATORI in base all accordo Stato Regioni del 21/12/2012 Gli obblighi già sanciti dal D.Lgs. 626/94 e poi dal D.Lgs. 81/2008 smi hanno trovato applicazione con contenuto nel dettaglio e ore minimali definite dal codice ATECO di attività delle aziende attraverso il citato ACCORDO Stato-Regioni. QUALI SONO LE SANZIONI PREVISTE? MANCATA FORMAZIONE (Arresto da due a quattro mesi o con l ammenda da a euro per il datore di lavoro - dirigente). 2

3 Facciamo alcuni esempi: CASO 1: SOPRALLUOGO DEGLI ISPETTORI DELL ASL O DELLA DIREZIONALE TERRITORIALE DEL LAVORO, DOVE SI CONSTATI LA MANCATA VALUTAZIONE DEL RISCHIO E LA FORMAZIONE. Ai sensi del D.Lgs 758/94 gli ispettori: - impartiranno apposita prescrizione invitando il datore di lavoro a regolarizzare la situazione entro un termine congruo. - invieranno notizia di reato alla Procura della Repubblica che iscriverà a registro indagati il contravventore. - eseguiranno sopralluogo di verifica alla scadenza del termine, accertando, a seconda della situazione: l avvenuta regolarizzazione: in tal caso il contravventore sarà invitato al pagamento di una sanzione amministrativa pari ad ¼ del massimo dell ammenda, (es. 1600, 00 per la valutazione del rischio e 1300,00 per la formazione). La non regolarizzazione: in tal caso scatterà la procedura di infrazione penale con rinvio a giudizio ed iter processuale. La regolarizzazione od il pagamento in ritardo: in tal caso il contravventore sarà invitato a pagare la medesima sanzione, ma non in termini amministrativi, bensì di oblazione penale. Qualora si ravvisi l assenza del documento sul luogo di lavoro la norma prevede l illecito amministrativo, pertanto una sanzione pari 2200,00. Potranno procedere alla sospendere l attività imprenditoriale in quanto la mancata valutazione del rischio e formazione costituiscono grave violazione per l adozione del succitato provvedimento. CASO 2: ISPEZIONE DEGLI ISPETTORI DELL ASL A SEGUITO DI INFORTUNIO SUL LAVORO Oltre a procedere alla contestazione indicata al punto 1 è compito degli ispettori accertare se la mancata valutazione del rischio e/o formazione abbia in qualche modo influito sull evento lesivo dell infortunio. In caso positivo ciò costituisce nesso causale per il procedimento penale obbligatorio, con ipotesi di reato ai sensi degli art. 590 CP (lesioni personali colpose), ovvero 589 CP (omicidio colposo), di competenza della PROCURA DELLA REPUBBLICA e trattata in sede di GIUDIZIO PENALE. Si rammenta come il GIUDICE, oltre ad impartire la sanzione penale valuterà l eventuale responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n nel caso di lesioni personali colpose (art. 590 del c.p.) per tutte le tipologie di aziende è prevista una sanzione amministrativa massima di euro con sanzione interdittiva nel caso di condanna, così come prevista dall'art. 9 comma 2 del D.Lgs. 231/2001, per una durata non superiore a sei mesi; nel caso di omicidio colposo (art. 589 del c.p.) per aziende a maggior rischio e per cantieri soprasoglia è prevista una sanzione pecuniaria pari a 1000 quote, ovvero da a euro con una sanzione interdittiva nel caso di condanna per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno. Per tutte le altre aziende, invece, si applica una sanzione pecuniaria in misura non inferiore a 250 quote e non superiore a 500 quote. Le norme sulla responsabilità amministrativa si applicano agli enti forniti di personalità giuridica e alle società e associazioni anche se prive di personalità giuridica. Viceversa non si applicano alle imprese individuali ancorché con dipendenti, alle aziende familiari, poiché è necessaria la dimensione collettiva dell ente, allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici e agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale dove è in ballo la finanza pubblica e quindi il possibile riversamento degli effetti finanziari della responsabilità dell ente sulla collettività. Tutte le altre società o associazioni, anche se non dotate di personalità giuridica, sono soggette alla responsabilità amministrativa, quando si configurano le ipotesi previste dal dec. lgs. 231/

4 COME VA FATTA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO IN UNO STUDIO PROFESSIONALE? Come su indicato, dal 1 gennaio 2013, salvo proroga dell ultima ora, tutte le aziende dovranno redigere apposito e analitico documento di valutazione del rischio. Il documento dovrà prendere in considerazioni tutti i rischi ed in particolari quelli previsti nelle parti speciali del D.Lgs. 81/2008 smi. Nel seguito si elencano le tipologie di rischio da analizzare, evidenziando in neretto quelli pertinenti uno studio professionale 1- Organizzazione del lavoro: - Compiti, funzioni e responsabilità; - Analisi pianificazione e controllo; - Informazione e controllo; - Partecipazione; - Norme e procedure di controllo; Pertinente analisi gestionali del compiti e funzioni: responsabile sicurezza, rappresentante dei lavoratori, medico competente (ove previsto), lavoratori incaricati delle emergenze (antincendio e primo soccorso). Formazione delle figure su indicate e dei lavoratori. Gestionale organizzazione sicurezza aziendale. Procedure di lavoro ed analisi dei rischi per mansione. 2- Sorveglianza sanitaria; Pertinente solo per il personale che utilizzi il videoterminale oltre alle 20 ore settimanali 3- Lavori in appalto/forniture. Pertinente per tutti gli appalti di opere, servizi o forniture, es. pulizie, assistenza computer e fotocopiatrici, controllo impianti elettrico e riscaldamento, ecc. E sufficiente una procedura di verifica dell idoneità tecnico professionale dell appaltatore ed un coordinamento dei rischi interferenti (molto semplice per uno studio). Va invece predisposto un documento specifico di gestione dei rischi interferenziali (DUVRI), per i lavori di durata superiore ai due giorni nel corso dell appalto (direi le sole pulizie). 4- Stress lavoro correlato; Obbligatoria, con procedura oggettiva e semplice riunione con i lavoratori nelle piccole realtà, opportuna la valutazione soggettiva con focus group e/o test di analisi nelle realtà superiori ad 8-10 lavoratori (tra l altro molto utile per monitorare il clima aziendale e non solo la salute dei lavoratori). 5- Rischio dipendenze-assunzione NON PERTINENTE alcool e sostanze psicotrope e stupefacenti; 6- Tutela lavoratrici in stato di gravidanza; Pertinente l informativa e l individuazione delle attività a rischio nel caso di presenza di personale femminile (possibile riduzione dell uso del PC oltre le 20 ore sett. e dell automobile, se il 7- Differenza di genere, di età, provenienza da altri paesi, tipologia contrattuale. personale esce). Pertinente, ma alquanto semplice e senza criticità per uno studio Lavoro notturno/lavoro isolato/aggressione Pertinente il rischio aggressione, con semplice adozione di procedura di comportamento. 9- Rischio incidente stradale Pertinente se si fa utilizzo di auto, con semplici regole di manutenzione e rispetto del codice della strada. 10- Gestione delle emergenze Pertinente, direi il rischio più rilevante per uno studio, in relazione all ubicazione degli uffici, la disponibilità di idonee vie di esodo, fruibili anche in assenza di energia elettrica, la presenza di estintori, luci di emergenza, ecc. Specifico piano e procedure in base a tutti i rischi prevedibili (incendio, terremoto, alluvione, ecc), ovviamente solo ove pertinenti. Predisposizione del registro dei controlli.

5 11- Ambiente di lavoro Pertinente analisi dell ambiente di lavoro in relazione alla conformità strutturale, impiantistica, controlli e verifiche, regolarità ambienti di lavori, es parapetti, vetri di sicurezza, stabilità mobilio, ecc. 12- Attrezzature di lavoro. Pertinente ma semplice e riferita alle attrezzature di ufficio (PC, STAMPANTI, ECC.) 13- Dispositivi di protezione Pertinente solo qualora l ufficio provveda alla pulizia con proprio individuale. 14- Rischio elettrico ed impiantistico (impianti ed apparecchiature elettriche e scariche atmosferiche, impianto termo idraulico e gas). personale (semplice dotazione di guanti) Pertinente nell analisi della certificazione, dei controlli e verifiche periodiche e nella gestione degli impianti (uso limitato di adattatori, ciabatte, ecc.) e verifica regolarità (caldaie, gas, ecc.) 15- Lavori in quota. NON PERTINENTE 16- Segnaletica. Pertinente la presenza della segnaletica delle vie di esodo, ubicazione estintori e cassetta primo soccorso, nonché planimetria degli elementi su indicati, del luogo sicuro esterno da raggiungere in caso di esodo, comprese le procedure di comportamento sia per i dipendenti, sia per la clientela) 17- Movimentazione manuale dei NON PERTINENTE carichi. 18- Sovraccarico biomeccanico arti NON PERTINENTE superiori. 19- Attrezzature munite di videoterminali. Pertinente la verifica di regolarità delle postazioni VDT (idoneità schermo, assenza riflessi, sfarfallamenti, ergonomia postazione in relazione all orientamento del PC, altezza e profondità del tavolo, possibilità di regolazione della sedia, ecc.) 20- Agenti fisici-rischio generale. Pertinente ed obbligatoria relazione tecnica a cura persona competente, inerente tutti i rischi fisici: - RADON, pertinente solo per locali al piano terra e mappati in zona a rischio (es. Chiusa di Pesio, Peveragno, ecc.) TUTTI i rischi FISICI a seguire, nel vs caso tutti a livello basso e pertanto con possibilità di giustificare l assenza di rischio (va analizzata l assenza di luci fastidiose o pericolose (es, lampade UV insetti, riscaldatori ad infrarossi, led con luce intensa gamma di frequenza luce blu) 21- Agenti fisici-rumore (infrasuoni, PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici ultrasuoni). 22- Agenti fisici-vibrazioni. NON PERTINENTE vedasi agenti fisici 23- Agenti fisici-campi elettromagnetici. PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici 24- Agenti fisici-radiazioni ottiche. PERTINENTE, ma giustificabile: vedasi punto 20 agenti fisici 25- Sostanze pericolose- agenti chimici. 26- Sostanze pericolose- agenti cancerogeni e mutageni Pertinente solo in caso di pulizia in proprio, con acquisizione delle schede di sicurezza dei prodotti utilizzati e specifica valutazione tecnica di analisi. Necessaria procedura di utilizzo e cambio TONER fotocopiatori NON PERTINENTE Sostanze pericolose- amianto NON PERTINENTE, salvo verifica presenza di amianto nei locali (es, tubazioni eternit, lineolum con presenza di amianto nel foglio di incollaggio alla pavimentazione, ecc.) 28- Agenti biologici. Pertinente, ma con semplice procedura agenti biologici presenti nella normale interazione umana 29- Atmosfere esplosive. NON PERTINENTE, salvo presenza nell area privata di contatori e/o tubazioni flange del gas- Procedura semplice.

6 QUALI SONO GLI ALTRI OBBLIGHI QUALI INCARICHI (RSPP, RLS) E CORSI FORMATIVI? Nel contesto specifico di uno studio professionale sono obbligatori. La designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione RSPP (obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) Si possono prospettare 4 casi: CASO A: il datore di lavoro dello studio ha usufruito della deroga ai sensi dell art. 95 D.Lgs. 626/94, assumendo direttamente la funzione e notificando apposita comunicazione all ASL_Spresal (Servizio di prevenzione e sicurezza ambiente di lavoro ) ed alla DPL (Direzione provinciale del lavoro (oggi Direzione territoriale del lavoro) entro il 31/12/2006. In tal caso, se in possesso di idonea documentazione, il datore di lavoro RSPP dovrà frequentare corso obbligatorio entro il 11/01/ /01/2014: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELLA FORMAZIONE DEGLI RSPP esonerati ex. Art.95 del D.Lgs. 626/94 Si tratta dei datori di lavoro che hanno usufruito della prima deroga del D.Lgs. 626/94 acquisendo la qualifica di RSPP senza frequentare alcun corso, bensì sulla scorta di autocertificazione della competenza pregressa. Gli stessi devono, entro 24 mesi dalla data di pubblicazione dell accordo (pubblicato l 11 gennaio 2012) frequentare apposita formazione che si intende assolta con la partecipazione ad iniziative specifiche aventi ad oggetto i medesimi contenuti previsti per la formazione del DL SPP di cui al punto 5 (ore del corso RSPPprevisto nell ACCORDO) 6 CASO B: il datore di lavoro è sprovvisto di qualifica e decide di assumere direttamente la funzione qualificandosi DATORE DI LAVORO RSPP Va acquisita qualifica di RSPP datore di lavoro rischio BASSO 16 ore, con obbligo di aggiornamento quinquennale (6 ore) IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori e datori di lavoro RSPP PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA O L ESONERO (per i soli datori di lavoro RSPP autonominatisi prima del 1997). Le linee guida chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. Idem per i datori di lavoro RSPP. CASO C: incarico RSPP a personale dipendente E necessario un percorso di qualificazione complesso: prerequisito del diploma di scuola secondaria CORSO BASE mod. A: 28 ore (modulo con credito permanente) CORSO AVANZATO mod. B ATECO di appartenenza : da 12 a 24 ore in relazione alla classificazione (obbligo di aggiornamento quinquennale 40 ore) CORSO MOD C_ organizzazione, comunicazione, ecc. : 24ore (modulo con credito permanente) CASO D: incarico RSPP a professionista esterno con dimostrazione di idoneità e qualificazione (lo studio CONSICUR offre questo servizio).

7 La designazione/lezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza RLS (obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) I lavoratori vanno formalmente inviatati a designare un loro rappresentante (l elezione è prevista nelle aziende oltre i 15 addetti, all interno delle RSU). CASO A: designano un loro rappresentante: il medesimo andrà adeguamento formato con corso RSL base di 32 ore e 4 ore di aggiornamento annuale (obbligatoriamente in orario di lavoro). CASO B: i lavoratori rinunciano alla designazione di un rappresentante: in tal caso c è l obbligo di aderire al RSLT (rappresentante territoriale di comparto), al momento non previsto per gli studi professionali, pertanto per il datore di lavoro è sufficiente dimostrare la formalizzazione documentale circa la scelta dei lavoratori Nomina degli addetti all emergenza(obbligo già previsto nel D.Lgs. 626/94 e poi ripreso nel D.Lgs. 81/2008 smi) 1 ADDETTO ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE INCENDI ( nelle piccole realtà può coincidere con il datore di lavoro) RISCHIO BASSO 4 ORE parte teorica e prova pratica di spegnimento incendio (solo sino a 5 lavoratori può anche essere il datore di lavoro-rspp, ma deve comunque seguire il corso) obbligo aggiornamento :non c è ancora il decreto che prevede tempi e metodi, ma sulla base di una direttiva del corpo centrale dei VVF si prevede per il rischio basso un aggiornamento di 2 ore (richiami e prova pratica), consigliato ogni 3 anni. 7 1 ADDETTO AL PRIMO SOCCORSO (nelle piccole realtà può coincidere con il datore di lavoro) RISCHIO CAT. B o C 12 ORE parte teorica e prova pratica BLS obbligo aggiornamento pratico 4 ore (richiami e prova pratica BLS ), ogni 3 anni. FORMAZIONE LAVORATORI Già richiamata dal DPR 547/55 e obbligatoria con il D.Lgs. 626/94, il D.Lgs. 81/2008 smi ne ha meglio definiti i contenuti, demandando ad un accordo Stato Regioni il dettaglio e le ore minimali. L accorso del 21 dicembre 2011, pubblicato l 11 gennaio 2012 prevede obbligo di formazione minima di ore per tutto il personale dipendente od equiparato. CASO A IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori (8 ore) PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA. Le linee guida DI LUGLIO 2012 SUGLI ACCORDI chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. CASO B 60 giorni: PER ULTIMARE LA FORMAZIONE (8 ore) DEI NUOVI ASSUNTI O NUOVE NOMINE Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, se ciò non risulta possibile, contestualmente all'assunzione. In tale ultima ipotesi, ove non risulti possibile completare il corso di formazione prima della adibizione del dirigente, del preposto o del lavoratore alle proprie attività, il relativo percorso formativo deve essere completato entro e non oltre 60 giorni dalla assunzione. In merito all'applicazione delle norme di sicurezza anche ai soci di uno studio professionale il parere di avvocati esperti del settore è che i soci di uno studio professionale siano equiparabili a lavoratori dipendenti, ai sensi dell'art. 2, comma a) del D.Lgs. 81/2008 e pertanto vadano ricompresi nella valutazione del rischio.

8 PROPOSTA ASSISTENZE E CONSULENZA Lo STUDIO CONSICUR nasce nel 2011 come servizio di consulenza ed assistenza in materia di organizzazione e prevenzione, per garantire una corretta gestione della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro, su iniziativa del tecnico della prevenzione Luca Fanesi, ex ispettore ASL SPresal dal 1988 al 2010, con l'obiettivo primario di "guidare" la direzione aziendale alla predisposizione di un modello di valutazione semplice e chiaramente operativo, quale vero strumento di prevenzione e, nello stesso tempo, garantire il rispetto formale degli obblighi di legge. Offre un servizio completo di organizzazione del sistema di sicurezza aziendale: CHECK UP aziendali per conoscenza della situazione aziendale e preventivo ad hoc. VALUTAZIONE DEL RISCHIO aziendale GESTIONALE SICUREZZA AZIENDALE: - misure di prevenzione e protezione - scadenze ed aggiornamenti obbligatori - revisioni periodiche CORSI DI FORMAZIONE - datori di lavoro RSPP, dirigenti e preposti - lavoratori - addestramento e formazione specifica (es. lavori in quota, uso DPI 3 cat.) - primo soccorso ed antincendio Luca Vincenzo FANESI Dott. in Tecniche della Prevenzione Dott. in Scienze dell Amministrazione e dell Organizzazione Dott. in Scienze delle Professioni Sanitarie della Prevenzione Master in management per le funzioni di coordinamento nell area della Prevenzione e dell Assistenza sanitaria Letizia MESSIDORO Ragioniere perito commerciale Tecnico di impresa edile Francesca PAKER Dott. in Tecniche della Prevenzione Contattaci per un preventivo o Check up aziendale. Tel Cell oppure vieni a trovarci nella nuova sede in Cervasca (CN), via Valdarello 8: - Ufficio e Sala corsi. - Laboratorio esterno per esercitazioni antincendio, lavori in quota, ecc. 8 ASSISTENZA AZIENDALE: -invio periodico NEWSCONSICUR -assistenza per gestioni pratiche ed infortuni, sopralluoghi organi di vigilanza. -presa in carico scadenze documentali, aggiornamenti obbligatori formazione ed addestramento personale.

9 LE SCADENZE DELLA FORMAZIONE (in base all ACCORDO Stato-Regioni del 21/12/2011) IMMEDIATAMENTE VA REGOLARIZZATA LA FORMAZIONE dei lavoratori e datori di lavoro RSPP PER I QUALI NON SIA POSSIBILE DIMOSTRARE LA FORMAZIONE PREGRESSA O L ESONERO (per i soli datori di lavoro RSPP autonominatisi prima del 1997). Le linee guida chiariscono che non esiste un regime transitorio per i lavoratori che devono essere in regola da subito. Idem per i datori di lavoro RSPP. 60 giorni: PER ULTIMARE LA FORMAZIONE (da 8 a 16 ore) DEI NUOVI ASSUNTI O NUOVE NOMINE Il personale di nuova assunzione deve essere avviato ai rispettivi corsi di formazione anteriormente o, se ciò non risulta possibile, contestualmente all'assunzione. In tale ultima ipotesi, ove non risulti possibile completare il corso di formazione prima della adibizione del dirigente, del preposto o del lavoratore alle proprie attività, il relativo percorso formativo deve essere completato entro e non oltre 60 giorni dalla assunzione. 90 giorni: DECORRONO DALL INIZIO DI NUOVE ATTIVITA per LA FORMAZIONE DEL DATORE DI LAVORO-RSPP Il datore di lavoro che intende svolgere, nei casi previsti dal decreto stesso, i compiti del servizio di prevenzione e protezione dai rischi deve completare il percorso formativo di cui al presente accordo entro e non oltre 90 giorni dalla data di inizio della propria attività. 11/07/2012: TERMINE PER LA FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO RSPP CHE USUFRUISCANO DEI CORSI GIA ATTIVATI AL 11/01/2012. In fase di prima applicazione, non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione di cui al punto 5 dell ACCORDO i datori di lavoro che abbiano frequentato - entro e non oltre sei mesi dalla entrata in vigore del presente accordo - corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo, rispettosi delle previsioni di cui all'art. 3 del decreto ministeriale 16 gennaio 1997 per quanto riguarda durata e contenuti (CORSI 16 ore). 11/01/2013: TERMINE PER LA FORMAZIONE DI LAVORATORI, DIRIGENTI E PREPOSTI CHE USUFRUISCANO DEI CORSI GIA ATTIVATI AL 11/01/2012. In fase di prima applicazione, non sono tenuti a frequentare i corsi di formazione definiti dall ACCORDO, i lavoratori, i dirigenti e i preposti che abbiano frequentato - entro e non oltre dodici mesi dalla entrata in vigore del presente accordo (entro il 11/01/ corsi di formazione formalmente e documentalmente approvati alla data di entrata in vigore del presente accordo (11/01/2012), rispettosi delle previsioni normative e delle indicazioni previste nei contratti collettivi di lavoro per quanto riguarda durata, contenuti e modalità di svolgimento dei corsi. 11/01/2013: TERMINE PER L AGGIORNAMENTO (6 ore) DELLA FORMAZIONE ANTECEDENTE AI 5 ANNI. Ci si riferisce ovviamente alla formazione pregressa antecedente gli accordi del 11 gennaio 2012, che è riconosciuta purchè documentata e conforme all art. 37 D.Lgs. 9

10 81/2008 smi ed ai contratti collettivi di lavoro. 11/07/2013: TERMINE PER ULTIMARE LA FORMAZIONE dei dirigenti e preposti) SECONDO LO SCHEMA DELL ACCORDO In sede di prima applicazione, i datori di lavoro sono tenuti ad avviare i dirigenti e i preposti a corsi di formazione di contenuto rispettivamente coerente con le disposizioni di cui al presente accordo in modo che i medesimi corsi vengano conclusi entro e non oltre il termine di 18 mesi dalla pubblicazione del presente accordo. 11/07/2013: OBBLIGHI DELLA FORMAZIONE secondo l ACCORDO anche ai LAVORATORI STAGIONALI L ACCORDO non si applica ai LAVORATORI STAGIONALI, per cui l art. 3, comma 13 del D.Lgs. 81/2008 smi prevede emanazione di apposito decreto. In caso di mancata approvazione del provvedimento entro 18 mesi dalla pubblicazione dell ACCORDO ( 11 gennaio 2012), il medesimo sarà anche applicabile ai LAVORATORI STAGIONALI. 11/01/2017: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELL AGGIORNAMENTO DEI DATORI DI LAVORO RSPP GIA QUALIFICATI L aggiornamento dei DATORI DI LAVORO RSPP ha periodicità quinquennale (cinque anni a decorrere dalla data di pubblicazione del presente accordo 11 gennaio 2012). E modulato in relazione al livello di rischio (BASSO 6 ore, MEDIO 10 ore, ALTO 14 ore). L'obbligo di aggiornamento va preferibilmente distribuito nell'arco temporale di riferimento e si applica anche a coloro che abbiano frequentato i corsi di cui al decreto ministeriale 16 gennaio 1997 ed agli esonerati dalla frequenza dei corsi, ai sensi dell'art. 95 del D.Lgs. 626/ /01/2014: TERMINE PER LA CONCLUSIONE DELLA FORMAZIONE DEGLI RSPP esonerati ex. Art.95 del D.Lgs. 626/94 Si tratta dei datori di lavoro che hanno usufruito della prima deroga del D.Lgs. 626/94 acquisendo la qualifica di RSPP senza frequentare alcun corso, bensì sulla scorta di autocertificazione della competenza pregressa. Gli stessi devono, entro 24 mesi dalla data di pubblicazione dell accordo (pubblicato l 11 gennaio 2012) frequentare apposita formazione che si intende assolta con la partecipazione ad iniziative specifiche aventi ad oggetto i medesimi contenuti previsti per la formazione del DL SPP di cui al punto 5 (ore del corso RSPP-previsto nell ACCORDO)

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli