DOCUMENTAZIONE PER L ADEMPIMENTO DEL DISPOSTO DELL ART.26 DEL D.LGS.81/08

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTAZIONE PER L ADEMPIMENTO DEL DISPOSTO DELL ART.26 DEL D.LGS.81/08"

Transcript

1 DOCUMENTAZIONE PER L ADEMPIMENTO DEL DISPOSTO DELL ART.26 DEL D.LGS.81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LAVORATORI RELATIVO AL CANTIERE E/O ALLE ATTIVITÀ OGGETTO DELL APPALTO NONCHÉ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (DUVRI) APPALTO: contratto per la concessione degli spazi utilizzabili ai fini pubblicitari sulle pensiline di attesa delle fermate del servizio di trasporto pubblico locale nel bacino di Rimini e pulizia e manutenzione delle medesime AFFIDATO A: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX RIF. CONTRATTO: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX SUBAPPALTATRICE: XXXXXXXXXXXXXXXXXX DATA: 10/11/2014 CONSEGNATA AL RESP.LE DELL IMPRESA (SUB)APPALTATRICE: Sig. in data firma PER RICEVUTA E PRESA VISIONE DELL INTERO FASCICOLO di 1 pag.

2 REVISIONI E GESTIONE DEL DOCUMENTO ELENCO DELLE REVISIONI N rev. Data Descrizione Modifiche salienti 00 20/03/2009 Prima emissione 01 10/11/2014 Seconda emissione Il presente documento non va considerato un documento "statico", bensì necessariamente "dinamico", per cui la valutazione effettuata prima dell'inizio dei lavori deve necessariamente essere aggiornata in caso di subappalti o forniture e posa in opera intervenuti successivamente ovvero in caso di modifiche di carattere tecnico, logistico o organizzativo che incidano sulle modalità realizzative dell'opera o del servizio che dovessero intervenire in corso d'opera. GESTIONE DEL DOCUMENTO Attività N. Cognome Funzione/Ruolo Data Firma REDAZIONE Ciavatti XX XX XX VERIFICA Valeri XX XX XX APPROVAZIONE D Andrea XX XX XX Revisione 00 20/03/2009 pagina 2 di 27

3 INDICE PREMESSA DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA COMMITTENTE DATI IDENTIFICATIVI DELL APPALTATORE DATI IDENTIFICATIVI DEL SUBAPPALTATORE OGGETTO DELL APPALTO RISCHI E MISURE DI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Rischi e problematiche comuni a tutte le attivitá svolte Rischi e problematiche relativi alla specifica attività svolta in appalto VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE RIUNIONE CONCLUSIVA ALLEGATI...22 All. A - PROCEDURE GENERALI DI SICUREZZA...22 All. B - PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO O ALTRO TIPO DI EMERGENZA.25 All. C - VERBALE DI SOPRALLUOGO E DICHIARAZIONE D IMPEGNO (fac-simile)...26 Revisione 00 20/03/2009 pagina 3 di 27

4 PREMESSA Il presente documento è indirizzato (allegato al contratto d appalto) alla IMPRESA APPALTATRICE incaricata ad operare in appalto (o in sub-appalto) per conto dell azienda Committente. Esso rappresenta adempimento al disposto dell art.26 del D.Lgs.81/2008 intendendo ottemperare in particolare ai seguenti obblighi: 1) fornire alle imprese appaltatrici dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinate ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla attività svolta; 2) promuovere la cooperazione tra Committente ed appaltatori nell attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; 3) promuovere il coordinamento congiunto degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori; il Committente e gli appaltatori devono informarsi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. Si precisa da subito che: - per IMPRESA (SUB)APPALTATRICE si intendono sia le imprese che gli eventuali Lavoratori autonomi singoli incaricati direttamente dall azienda Committente ad effettuare lavori presso un cantiere con la formula dell appalto (o del sub-appalto); - per cantiere si intendono l insieme delle aree oggetto delle lavorazioni e degli interventi effettuati dai Lavoratori dell IMPRESA (SUB)APPALTATRICE presso ciascun sito. L appaltatore, ed in generale eventuali subfornitori, subappaltatori o soggetti comunque facenti capo all organizzazione dell appaltatore stesso, con la presente documentazione vengono informati sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare. Viceversa le informazioni fornite non riguardano i rischi relativi: - all attività propria delle IMPRESE (SUB)APPALTATRICI; - all utilizzo di attrezzature, macchinari e impianti di proprietà delle IMPRESE (SUB)APPALTATRICI. Il Datore di lavoro dell IMPRESA (SUB)APPALTATRICE è invitato, nell ambito delle rispettive attribuzioni e competenze, ad osservare e a far osservare ai propri Lavoratori, nonché ai Lavoratori di eventuali subappaltatori, quanto contenuto nella presente documentazione. In particolare egli deve provvedere ad informare adeguatamente i propri Lavoratori, nonché i Lavoratori di eventuali subappaltatori, del contenuto del presente fascicolo e degli altri documenti forniti dall azienda Committente. Si rammenta inoltre al Datore di lavoro dell IMPRESA (SUB)APPALTATRICE l obbligo di fornire alla AGENZIA MOBILITÁ i documenti di cui all ultimo punto dell allegato VERBALE DI SOPRALLUOGO E DICHIARAZIONE D IMPEGNO relativi a ciascun cantiere presso cui presteranno la loro opera. IMPORTANTE: per qualsiasi problematica o necessità di chiarimento o segnalazione connesse con l igiene e la sicurezza, si prega di contattare senza esitazione le seguenti figure dell azienda Committente: il Referente interno deputato alla sicurezza sul lavoro: Ing. Roberto D Andrea il Rappresentante designato come Delegato della Committenza: Ing. Roberto D Andrea Il presente documento è stato elaborato dal Datore di Lavoro in collaborazione con: - il RSPP: Dott. Marco Valeri consulente tecnico esterno dello STUDIO ASSOCIATO VALERI - il Medico Competente: Dott. Marcello Mancini - il presente documento è stato sottoposto anche all attenzione del Rappresentate per la Sicurezza (RlS) Rimini, lì 20/03/2009 FIRME Il Datore di Lavoro Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Il Medico competente Per presa visione: Il Rapp. per la sicurezza in data Revisione 00 20/03/2009 pagina 4 di 27

5 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL AZIENDA COMMITTENTE RAGIONE SOCIALE AGENZIA MOBILITÀ PROVINCIA DI RIMINI CON SEDE LEGALE IN via C. A. Dalla Chiesa, 38 - Rimini TELEFONO 0541/ FAX 0541/ PARTITA IVA ESERCENTE L ATTIVITÀ DI Agenzia Mobilità Provincia di Rimini SEDI OPERATIVE RELATIVE AL CONTRATTO: pensiline installate alle fermate della rete di pubblico trasporto di Agenzia Mobilità Provincia di Rimini il cui elenco ed ubicazioni sono riportate nell'allegato 1, parte integrante del contratto sottoscritto Datore di Lavoro: Dir. Gen. Ing. Dalprato Ermete Responsabile servizio prevenzione e protezione: Dott. Valeri Marco Rappresentatne per la Sicurezza: Medico Competente: Dott. Mancini Marcello Revisione 00 20/03/2009 pagina 5 di 27

6 2. DATI IDENTIFICATIVI DELL APPALTATORE RAGIONE SOCIALE XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX ATTIVITÀ SVOLTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXX REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI DELL IMPRESA vedi sezione 6 Riunione conclusiva PARTITA IVA/CODICE FISCALE ISCRIZIONE CCIAA POSIZIONE INPS POSIZIONE INAIL SEDE LEGALE Tel. Fax Leg. Rappresentante: Responsabile servizio prevenzione e protezione (RSPP): Rappresentante (RLS): Medico Competente: Referente preposto alla sicurezza per l appalto: Revisione 00 20/03/2009 pagina 6 di 27

7 2.1 DATI IDENTIFICATIVI DEL SUBAPPALTATORE RAGIONE SOCIALE XXXXXXXXXXXXXXXXXXX ATTIVITÀ SVOLTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX REQUISITI TECNICO-PROFESSIONALI DELL IMPRESA vedi sezione 6 Riunione conclusiva PARTITA IVA/CODICE FISCALE ISCRIZIONE CCIAA POSIZIONE INPS POSIZIONE INAIL SEDE LEGALE Tel. Fax Leg. Rappresentante: Responsabile servizio prevenzione e protezione (RSPP): Rappresentante (RLS): Medico Competente: Referente preposto alla sicurezza per l appalto: Revisione 00 20/03/2009 pagina 7 di 27

8 3. OGGETTO DELL APPALTO La presente documentazione si riferisce all appalto avente per oggetto quanto segue: - l affissione e la rimozione della pubblicità presso le pensiline installate alle fermate della rete di pubblico trasporto di Agenzia Mobilità Provincia di Rimini e il cui elenco ed ubicazioni sono riportate nell'allegato 1 del contratto sottoscritto; - la manutenzione ordinaria e la pulizia delle suddette pensiline da parte dell appaltatore; - la manutenzione straordinaria delle suddette pensiline per la parte relativa all esecuzione del lavoro restando a carico di Agenzia Mobilità Provincia di Rimini la fornitura dei pezzi di ricambio; - il ripristino delle pensiline in occasione di incidenti, atti vandalici, danneggiamenti, malfunzionamenti e calamità naturali. 4. RISCHI E MISURE DI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Visti gli esiti della Valutazione dei Rischi dell'attività svolta dall azienda Committente (ovvero il Documento di Valutazione dei Rischi redatto in conformità agli artt. 17 e 28 del D.Lgs.81/2008) si riportano di seguito i rischi presenti e le relative misure di prevenzione e protezione che possono riguardare anche il personale delle imprese operanti in regime di appalto. Altri rischi e le relative misure di prevenzione e protezione sono riportati altresì al paragrafo 5 trattante i rischi da interferenze. IMPORTANTE: Si precisa che, se necessarie, informazioni più approfondite sono contenute nel Documento di valutazione dei rischi dell azienda Committente che è a disposizione per la consultazione e dei Responsabili dell impresa appaltatrice. É altresì a disposizione di tali persone anche il piano di emergenza ed evacuazione delle varie sedi operative dell azienda Committente Rischi e problematiche comuni a tutte le attivitá svolte ORGANIZZAZIONE INTERNA DELL AZIENDA COMMITTENTE RELATIVA ALLA GESTIONE DELLA SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO É stato organizzato un Servizio di prevenzione e protezione (insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all azienda finalizzati all attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori) interno all azienda. I ruoli cruciali ai fini della sicurezza sul lavoro sono ricoperti dalle seguenti persone: il Datore di Lavoro è l Ing. Dalprato Ermete il Resp. del Servizio di Prevenz. e Protezione (RSPP) è il Dott. Marco Valeri il Medico Competente è il Dott. Mancini Marcello il Rapp. per la Sicurezza (RLS) è il il Referente interno deputato alla sicurezza sul lavoro è l Ing. Roberto D Andrea il Rappresentante designato come Delegato della Committenza è l Ing. Roberto D Andrea SORVEGLIANZA SANITARIA L impresa appaltatrice deve provvedere a nominare un Medico competente ai sensi del D.Lgs.81/2008 che effettui la sorveglianza sanitaria sui Lavoratori nei casi e con le modalità previsti dalla normativa. LAVORATRICI DI SESSO FEMMINILE È onere e responsabilità dell impresa appaltatrice applicare le tutele previste dal D.Lgs.81/2008 e dal D.Lgs.151/2001, in caso di gravidanza e preventive, a favore delle eventuali Lavoratrici di sesso femminile. LAVORATORI ADOLESCENTI È onere e responsabilità dell impresa appaltatrice applicare le tutele previste dal D.Lgs. 81/2008 e dalla L.977/67 (e successive modifiche) a favore degli eventuali Lavoratori adolescenti (minorenni). Revisione 00 20/03/2009 pagina 8 di 27

9 RISCHI PER I LAVORATORI DELL IMPRESA APPALTATRICE La Valutazione dei Rischi specifici propri dell attività svolta dalla singola IMPRESA (SUB)APPALTATRICE è a carico del Datore di lavoro di tale impresa. Tra l altro egli deve consegnare redigere uno specifico Documento di Valutazione dei rischi (o più impropriamente Piano di sicurezza ) inerente le attività che verranno svolte, che contenga le Misure di Prevenzione e Protezione, nonché le Procedure di sicurezza, che devono essere attuate per eliminare o per lo meno ridurre al minimo tali rischi (art.26 del D.Lgs.81/2008). Copia di tale documento deve essere consegnato anche all azienda Committente. Il Datore di lavoro della singola IMPRESA (SUB)APPALTATRICE deve attivarsi infatti per: a) cooperare nell'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto; b) coordinare gli interventi di prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informando gli altri Datori di lavoro coinvolti anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell'esecuzione dell'opera complessiva. Nel caso di presenza contemporanea negli ambienti di lavoro dei lavoratori dell azienda Committente e dell IMPRESA (SUB)APPALTATRICE (sia che collaborino ad un unico lavoro, sia che siano impegnati in lavori diversi), è eventualmente necessario mettere in atto anche le procedure e le misure di Prevenzione e Protezione individuate al paragrafo 5 del presente documento (attuazione del DUVRI), per ridurre o eliminare i RISCHI DA INTERFERENZE. RISCHI NEL CASO DI SUBAPPALTI È assolutamente vietato ricorrere a imprese subappaltatrici senza la preventiva autorizzazione scritta da parte dell azienda Committente. Salvo quanto riportato al primo periodo, in caso di ricorso a subappalti, per porre in essere le necessarie misure di Prevenzione e Protezione relative a tutti i rischi legati alle eventuali attività svolte in concomitanza dai Lavoratori di altre imprese subappaltatrici, sarà necessario consultare il Documento di Valutazione dei rischi (o più impropriamente Piano di sicurezza ) che deve essere fornito in copia da ciascuna impresa, nonché il paragrafo 5 del presente documento (attuazione del DUVRI) riportante le procedure e le misure di Prevenzione e Protezione da attuare per ridurre o eliminare i RISCHI DA INTERFERENZE. Sarà totale responsabilità ed onere del Datore di lavoro dell impresa appaltatrice (in deroga a quanto previsto dalle norme in materia) provvedere al coordinamento previsto dalla vigente normativa in materia di sicurezza del lavoro con le eventuali ditte subappaltatrici. Il Datore di lavoro dell impresa appaltatrice è tenuto pertanto a trasmettere copia dei vari documenti (incluso il presente) rispettivamente a ciascun subappaltatore, nonché all azienda Committente. FORMAZIONE E INFORMAZIONE DEI LAVORATORI L azienda Committente segue uno specifico programma delle attività di formazione e di informazione da attuare a favore dei propri Lavoratori. I Lavoratori vengono adeguatamente informati, formati ed addestrati e chiamati a partecipare su tutti gli aspetti riguardanti la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro. Ai Lavoratori vengono affidati i compiti tenendo conto delle loro capacità e condizioni in rapporto alla loro salute e alla sicurezza. L impresa appaltatrice a sua volta ha l obbligo di garantire un adeguata informazione, formazione ed addestramento dei propri Lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs.81/2008 con particolare riferimento ai rischi specifici delle mansioni che andranno a svolgere (inclusi i rischi indicati nel presente documento). ADDETTI ALLE EMERGENZE Presso le sedi operative dell azienda Committente sono stati individuati addetti antincendio, al primo soccorso e alla gestione delle emergenze in generale, appositamente addestrati. Per i nominativi degli addetti individuati presso le varie sedi operative si rimanda ai verbali di nomina degli stessi, conservati presso ciascuna sede. Anche l impresa appaltatrice ha l obbligo di individuare tra i suoi Lavoratori un numero adeguato e sufficiente di addetti antincendio, addetti al primo soccorso e alla gestione delle emergenze in generale, che siano appositamente addestrati. GESTIONE DELLE EMERGENZE I lavoratori dell impresa appaltatrice sono tenuti: a prendere sempre visione, presso le sedi in cui si troveranno eventualmente ad operare, dei verbali di nomina degli addetti alle emergenze dell azienda Committente, nonché delle planimetrie di evacuazione eventualmente appese; Revisione 00 20/03/2009 pagina 9 di 27

10 ad effettuare comunque sempre un sopralluogo preventivo presso tutti gli ambienti in cui si troveranno ad operare, prendendo visione in particolare dell ubicazione: - di tutte le vie e le uscite di emergenza; - delle attrezzature antincendio; - dei dispositivi di allarme; - delle cassette di primo soccorso; - degli interruttori generali della corrente ed eventuali valvole generali di erogazione del gas; - delle porte tagliafuoco; - dei muri portanti dell edificio. a seguire, in caso di incendio o altro tipo di emergenza, le procedure generali riportate nell allegato B. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) L impresa appaltatrice è tenuta a fornire ai propri Lavoratori tutti i DPI necessari a proteggerli: - dai rischi residui individuati dal Datore di Lavoro dell azienda Committente (rischi da interferenze inclusi) al termine del processo di valutazione dei rischi e comunicati all impresa appaltatrice; - dai rischi residui relativi alla specifica attività svolta dall impresa stessa. Tutti i DPI devono essere adeguati ai rischi, essere marcati CE, devono essere accompagnati da una dichiarazione di conformità CE e da una nota informativa rilasciate dal fabbricante. La scelta dei DPI va effettuata tenuto conto di eventuali esigenze espresse da parte dei lavoratori che ne faranno utilizzo. Il Datore di Lavoro dell impresa appaltatrice deve anche: a) mantenere in efficienza i DPI e assicurarne le condizioni d igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante; b) destinare ogni DPI ad un uso personale; c) informare, formare ed addestrare ciascun lavoratore sull uso corretto e l utilizzo pratico dei DPI; d) accertarsi che ciascun Lavoratore utilizzi i DPI conformemente all info/formazione ricevute; abbia cura dei DPI messi a sua disposizione (devono essere regolarmente manutenuti e al termine di ogni utilizzo devono essere ripuliti e riposti entro un contenitore chiuso che a sua volta deve essere conservato in luogo pulito ed asciutto) e non apporti modifiche ai DPI. ACCESSO IN AZIENDA E ALLE AREE DI LAVORO È fatto obbligo, ai Lavoratori dell impresa appaltatrice, annunciare sempre al centralino dell'azienda le proprie generalità, l impresa di appartenenza e il motivo della visita. Ciascun Lavoratore che entri in azienda (o nelle aree di pertinenza della ditta Committente o nelle aree di lavoro relative alla presente commessa) deve portare in posizione ben visibile il tesserino di riconoscimento con foto e generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. I Lavoratori devono inoltre compilare l eventuale registro delle presenze e chiedere il nominativo del referente aziendale che sovrintenderà i lavori oggetto dell'intervento. I Lavoratori, devono informarsi preventivamente presso i Responsabili dell azienda Committente: - dell'eventuale presenza di altri lavoratori, anche in appalto, nell'area di intervento e nelle aree di transito; - circa i rischi e le misure a protezione della sicurezza e della salute dei lavoratori nell'area di intervento; - se l'intervento richieda l'utilizzo di particolari DPI (se non sono disponibili l intervento non potrà essere realizzato). I Lavoratori possono entrare ed uscire esclusivamente dagli accessi prestabiliti (ingressi principali) e possono transitare esclusivamente nelle aree concordate con l azienda Committente. L accesso ai locali aziendali da parte dell impresa appaltatrice è ad ogni modo consentito solo se accompagnati dal Rappresentante designato come Delegato della Committenza. Per accedere a qualsiasi locale e prima di intraprendere qualsiasi lavorazione i Lavoratori dell impresa appaltatrice devono seguire tutte le indicazioni e le direttive fornite dal suddetto Rappresentante designato come Delegato della Committenza. È vietato allontanarsi dall'area oggetto dell'intervento senza aver ottenuto l'autorizzazione esplicita del referente aziendale (in ogni caso è necessario informarsi preventivamente dell'ubicazione dei servizi igienici disponibili). Aree vietate ai lavoratori delle imprese esterne: - tutti i vani tecnologici dell azienda (possibili pericoli presenti: incendio e esplosione, folgorazione, sostanze chimiche pericolose, impianti e attrezzature pericolose, cadute, inciampamenti, ecc.) - tutti i tetti o altri punti sopraelevati, incluse le banchine esterne delle finestre (pericolo cadute da quote elevate. Tale accesso viene autorizzato soltanto a personale esterno adeguatamente addestrato e dotato di attrezzature che permettono di eseguire il lavoro in tutta sicurezza) - tutte le aree e i locali ove la loro presenza non sia specificamente prevista dal contratto d appalto. Revisione 00 20/03/2009 pagina 10 di 27

11 IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici di tutte le sedi operative sono dotati di Dichiarazione di Conformità alle norme rilasciata dall installatore, nonché di progetto (se obbligatorio). Tutti gli impianti di messa a terra sono regolarmente denunciati alle autorità competenti e vengono verificati e manutenuti periodicamente secondo le modalità e le cadenze previste dal DPR 462/2001. Nessun edificio è soggetto all obbligo di installazione di un disp.vo di protezione contro le scariche atmosferiche. È in ogni caso tassativamente VIETATO: - l accesso di imprese appaltatrici a qualsiasi cabina elettrica o vano tecnico di ascensori (o altri impianti) eventualmente presenti sui luoghi di lavoro; - intervenire su quadri elettrici, parti dell impianto, macchine o apparecchiature elettriche se non espressamente autorizzati dai Responsabili dell azienda Committente e previa verifica delle qualifiche necessarie e comunque prima che le stesse siano state scollegate e messe in sicurezza; - toccare apparecchiature elettriche con le mani bagnate; - stendere cavi di prolunga che attraversino corridoi carrellabili; - usare acqua per spegnere incendi presso apparecchiature sotto tensione; - eseguire lavori in prossimità di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette,o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, e comunque a distanze inferiori a 5 metri. L impresa appaltatrice è tenuta ad utilizzare apparecchiature elettriche conformi alle normative tecniche ed in buono stato di manutenzione. Eventuali cavi di prolunghe elettriche usate per i lavori devono essere del tipo IP 44 per lavori svolti all interno e del tipo IP 67 per lavori svolti all esterno. SOSTANZE CHIMICHE Eventuali sostanze e preparati chimici pericolosi devono essere manipolati e immagazzinati esclusivamente da personale specificamente addestrato, seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nelle relative schede di sicurezza aggiornate (che devono essere messe a disposizione ), nonché nelle etichette di sicurezza e nelle istruzioni per l uso. É obbligatorio indossare gli idonei DPI (esempio: guanti, calzature, maschere per la protezione delle vie respiratorie, tute ecc.) da adottarsi in funzione degli specifici agenti chimici presenti e/o utilizzati. In linea generale diversi prodotti chimici NON devono MAI essere mischiati. La quantità di agente chimico da impiegare deve essere sempre ridotta al minimo richiesto dalla lavorazione. Tutti i recipienti presenti sul luogo di lavoro, che contengono sostanze chimiche, devono essere etichettati a norma di legge. É fatto assoluto divieto di fumare, mangiare o bere negli ambienti di lavoro contaminati da sostanze chimiche (e in ogni caso lavarsi bene le mani e decontaminarsi). DIVIETO DI FUMARE È istituito il divieto assoluto di fumare presso tutti i locali e le aree di lavoro (incluse quelle esterne se non appositamente individuate come aree per fumatori ). Nel caso si fumi in area sicura esterna è comunque necessario eliminare in sicurezza i mozziconi di sigaretta. PROBLEMATICHE GESTIONALI, PSICOLOGICHE E STRESS CORRELATE I Datori di lavoro si devono impegnare per: garantire, per quanto possibile, ambienti di lavoro sicuri e confortevoli e orari di lavoro ottimizzati; eliminare e/o limitare tutte quelle carenze organizzative, di informazione interna e di direzione che possano, in qualsiasi modo, favorire l insorgere di conflitti, di disagio psicologico e di mobbing; eliminare le cause che creano attività ripetitive e monotone ed eccessivi carichi di lavoro; promuovere un ambiente lavorativo sereno in cui i rapporti interpersonali siano improntati alla correttezza, all eguaglianza e al reciproco rispetto della libertà e dignità della persona, e in cui ci sia adeguata armonia tra capacità, esigenze e aspettative individuali e opportunità ambientali; attuare condizioni di lavoro trasparenti efficienti ed efficaci; definire chiaramente le strutture a tutti i livelli organizzativi e i ruoli/compiti di tutti i lavoratori; favorire la trasparenza e la partecipazione alle decisioni politiche e la condivisione degli obiettivi dell impresa; progettare compiti lavorativi a misura d uomo ; Revisione 00 20/03/2009 pagina 11 di 27

12 scoraggiare ogni forma di violenza psicologica, applicando anche misure disciplinari e sanzioni per tutti gli atti, comportamenti o molestie (anche di carattere sessuale) lesivi della dignità; attivare un processo continuo di informazione a due vie (dal basso verso l alto e viceversa); valorizzare le risorse umane, attraverso percorsi di formazione adeguati; informare e formare i Lavoratori sulle problematiche connesse allo stress. Revisione 00 20/03/2009 pagina 12 di 27

13 4.1. Rischi e problematiche relativi alla specifica attività svolta in appalto Aree vietate ai lavoratori dell impresa appaltatrice Eventuale collaborazione dei lavoratori dell azienda Committente per i seguenti lavori Subappalti Aree messe a disposizione dell impresa appaltatrice per il deposito di materiali Servizi igienici Attrezzature dell azienda Committente messi a disposizione dell impresa appaltatrice INDICAZIONI GENERALI - Tutti i VANI TECNOLOGICI dei vari locali (principali pericoli presenti: incendio e esplosione, folgorazione, sostanze chimiche pericolose, impianti e attrezzature pericolose, cadute e inciampamenti) - Tutti i TETTI o altri punti sopraelevati, incluse le banchine delle finestre (pericolo cadute da altezza) - Tutte le aree e i locali ove la loro presenza non sia specificamente prevista dal contratto d appalto - Tutte le aree e i locali se non accompagnati dal Responsabile squadra manutenzione o da un sostituto preposto NESSUNO È assolutamente vietato ricorrere a imprese subappaltatrici senza la preventiva autorizzazione scritta da parte dell azienda Committente. Salvo quanto riportato al primo periodo, in caso di ricorso a subappalti, per porre in essere le necessarie misure di Prevenzione e Protezione relative a tutti i rischi legati alle eventuali attività svolte in concomitanza dai Lavoratori di altre imprese subappaltatrici, sarà necessario consultare il Documento di Valutazione dei rischi (o più impropriamente Piano di sicurezza ) che deve essere fornito in copia da ciascuna impresa, nonché il paragrafo 5 del presente documento (attuazione del DUVRI) riportante le procedure e le misure di Prevenzione e Protezione da attuare per ridurre o eliminare i RISCHI DA INTERFERENZE. Sarà totale responsabilità ed onere del Datore di lavoro dell impresa appaltatrice (in deroga a quanto previsto dalle norme in materia) provvedere al coordinamento previsto dalla vigente normativa in materia di sicurezza del lavoro con le eventuali ditte subappaltatrici. Il Datore di lavoro dell impresa appaltatrice è tenuto pertanto a trasmettere copia dei vari documenti (incluso il presente) rispettivamente a ciascun subappaltatore, nonché all azienda Committente. NESSUNA Tutti i servizi presenti presso la sede centrale di AM (uso non esclusivo) NESSUNA INDICAZIONI RELATIVE ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE Seguire se del caso le indicazioni e le procedure riportate nell allegato B Attrezzature antincendio disponibili L impresa appaltatrice deve dotare i propri Lavoratori di idonei mezzi di spegnimento (estintori portatili da collocarsi sui furgoni) Cassetta di primo soccorso L impresa appaltatrice deve dotare i propri Lavoratori di Cassetta di Primo soccorso adeguatamente rifornita ai sensi di legge Revisione 00 20/03/2009 pagina 13 di 27

14 Ubicazione dei punti critici per l emergenza: (interruttori generali elettrici, valvole generali del gas, pulsanti di allarme antincendio, ecc) Disponibilità di telefono per chiamate di emergenza Non applicabile Utilizzare il proprio cellulare Rischi rilevati I principali rischi e le relative misure di Prevenzione e Protezione sono riassunti nella seguente tabella: MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE RISCHI OBBLIGHI DEGLI APPALTATORI*** ATTUATE DALL AZIENDA COMMITTENTE** Da interferenze con Lavoratori di altre ditte NESSUNA INTERFERENZA PREVISTA: RISCHI ASSENTI Rischi tabellati per i quali risulti necessario attivare Ovviamente è a carico della ditta appaltatrice Rischi introdotti dalla ditta Committente: NESSUNO la sorveglianza sanitaria valutare i propri eventuali rischi specifici Elettrici specifici (diversi da quelli contemplati al paragrafo 4.0) Scivolamento in genere: rischio avente caratteristiche di probabilità e gravità simili ai rischi di un normale transito su strada pubblica (fondo bagnato, scivoloso, presenza di olio, ecc.) Inciampamento in genere: rischio avente caratteristiche di probabilità e gravità simili ai rischi di un normale transito su strada pubblica (inciampamento sui cordoli dei marciapiedi, buche, altri ostacoli fissi o mobili eventualmente presenti in zona, ecc) Urti contro ostacoli fissi (lampioni, arredamento stradale, cartelloni, pali, ecc.) Tagli per rottura di superfici vetrate delle pensiline RISCHI TRASCURABILI: disponibilità di rete elettrica da impianto elettrico a norma di legge e in buono stato; manutenzioni e verifiche effettuate periodicamente secondo le norme La procedura prevede che i Lavoratori transitino esclusivamente nelle zone permesse prestando massima attenzione alla pavimentazione stradale La procedura prevede che i Lavoratori transitino esclusivamente nelle zone permesse prestando massima attenzione alla pavimentazione stradale Nessuna Nelle pensiline sono stati montati vetri di sicurezza Vietare l uso di ciabatte o scarpe inidonee Vietare l uso di ciabatte o scarpe inidonee Fornitura di idonei DPI (guanti protettivi) e vigilanza sull effettivo utilizzo Revisione 00 20/03/2009 pagina 14 di 27

15 RISCHI Investimento da parte dei veicoli in transito o in manovra Uso di veicoli per le fasi di spostamento (Investimenti Incidenti stradali Vibrazioni corpo intero) Vibrazioni Rumore Radiazioni Movimentazione manuale di carichi / Posture incongrue / Movimentazione ripetitivi arti superiori Infortuni per utilizzo di attrezzature di vario genere MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTUATE DALL AZIENDA COMMITTENTE** La procedura prevede che i Lavoratori transitino esclusivamente nelle zone permesse seguendo le norme del codice della strada e prestando massima attenzione alla segnaletica stradale e ai pericoli della strada Nessuna Rischi introdotti dalla ditta Committente: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Appaltatrice: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Committente: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Appaltatrice: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Committente: TRASCURABILI Rischi introdotti dalla ditta Appaltatrice: TRASCURABILI Rischi introdotti dalla ditta Committente: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Appaltatrice: NESSUNO Rischi introdotti dalla ditta Committente: NESSUNO OBBLIGHI DEGLI APPALTATORI*** Fornitura di idonei DPI (indumenti ad elevata visibilità) e vigilanza sull effettivo utilizzo Fornitura di veicoli a norma di legge e in buono stato Collaudi e revisioni dei veicoli secondo le scadenze previste dal Codice della Strada Fornitura di idonei DPI (indumenti ad elevata visibilità) e vigilanza sull effettivo utilizzo Ovviamente è a carico della ditta appaltatrice valutare i propri eventuali rischi specifici Ovviamente è a carico della ditta appaltatrice valutare i propri eventuali rischi specifici Ovviamente è a carico della ditta appaltatrice valutare i propri eventuali rischi specifici Ovviamente è a carico della ditta appaltatrice valutare i propri eventuali rischi specifici Fornitura di attrezzature a norma di legge, in buono stato ed adeguatamente manutenute Fornitura di idonei DPI e vigilanza sull effettivo utilizzo Revisione 00 20/03/2009 pagina 15 di 27

16 RISCHI Rischio chimico determinato dall esposizione all inquinamento dovuto al traffico veicolare e allo smog cittadino Rischio chimico determinato dall utilizzo dei prodotti per la pulizia delle pensiline Incendio o altra emergenza presso i locali dell azienda MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTUATE DALL AZIENDA COMMITTENTE** Nessuna Nessuna L azienda Committente ha redatto ed adottato uno specifico piano di emergenza che è stato consegnato in copia anche all impresa appaltatrice (insieme con le planimetrie di evacuazione) Sono disponibili estintori omologati. La procedura in caso di incendio prevede l utilizzo dell estintore, ma senza correre dei rischi personali È istituito il divieto di fumare presso tutti i locali e le aree dell azienda Committente OBBLIGHI DEGLI APPALTATORI*** Fornitura di idonei DPI (mascherine protettive delle vie respiratorie A1P1) e vigilanza sull effettivo utilizzo Fornitura in copia delle schede di sicurezza delle sostanze chimiche usate Fornitura di idonei DPI (guanti e occhiali paraschizzi, più mascherine protettive delle vie respiratorie se previste nelle schede di sicurezza) e vigilanza sull effettivo utilizzo Revisione 00 20/03/2009 pagina 16 di 27

17 RISCHI Incendio presso il cantiere esterno (combustione di rifiuti cartacei, cortocircuito o surriscaldamento elettrico, sigarette, ecc.) Elevata esposizione al sole MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ATTUATE DALL AZIENDA COMMITTENTE** Nessuna Fornitura di idoneo locale presidio adeguatamente climatizzato OBBLIGHI DEGLI APPALTATORI*** Fornitura di estintori omologati La procedura nel caso in questione prevede l utilizzo dell estintore, ma senza correre dei rischi personali Fornitura di idonei Dispositivi di Protezione Individuale (indumenti, copricapi e creme protettive) e vigilanza sull effettivo utilizzo Esposizione a temperature estreme o ad agenti atmosferici Rischi descritti e non nella presente tabella Fornitura di idoneo locale presidio adeguatamente riscaldato Anche tutte le misure di Prevenzione e Protezione riportate nell allegato A Mettere a disposizione quantitativi sufficienti di acqua potabile fresca Fornitura di idonei DPI (indumenti protettivi) e vigilanza sull effettivo utilizzo Applicare anche tutte le misure di Prevenzione e Protezione riportate nell allegato A ** Sono altresì valide tutte le misure di Prevenzione e Protezione riportate nell allegato A *** Obblighi ulteriori rispetto a quelli generali indicati al paragrafo 4.0. Devono altresì essere applicate tutte le misure di Prevenzione e Protezione riportate nell allegato A Revisione 00 20/03/2009 pagina 17 di 27

18 5. VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE La presente sezione costituisce adempimento a quanto stabilito dall'art.26 del D.Lgs.81/2008 in materia di valutazione dei rischi interferenti nei lavori in appalto, con riferimento alle attività indicate nella lettera di incarico specificamente redatta. Non riguarda i rischi specifici relativi all attività svolta da ciascuna impresa appaltatrice. Per quanto riguarda la problematica inerente la sussistenza o meno di interferenze, a mero titolo esemplificativo si possono considerare interferenti i seguenti rischi: a) derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi; b) immessi nel luogo di lavoro del Committente dalle lavorazioni dell appaltatore; c) esistenti nel luogo di lavoro del Committente, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività propria dell appaltatore; d) derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal Committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici dell attività appaltata). La Valutazione dei Rischi effettuata sull'attività svolta dall azienda Committente e sulle attività che verranno svolte dai Lavoratori delle imprese (sub)appaltatrici NON ha evidenziato la presenza di rischi da interferenza come sopra definiti. Di seguito vengono comunque riportate alcune misure di prevenzione e protezione e alcune corrette procedure di lavoro (o procedure di sicurezza) che devono essere attuate dai Lavoratori di tutte le ditte coinvolte [con particolare riferimento ai Lavoratori di ciascuna IMPRESA (SUB)APPALTATRICE]. Si precisa che la presente disciplina delle interferenze è da considerarsi di carattere impositivo, ma non esaustivo: i Datori di Lavoro e i Responsabili delle ditte coinvolte devono costantemente vigilare e verificare la necessità di adottare sistemi e misure di protezione e prevenzione integrativi in caso di azioni od attività non contemplate nel presente documento oppure tutte le volte che le condizioni di sicurezza lo rendano necessario. Per le parti generali sono inoltre da considerarsi parte integrante della disciplina delle interferenze: - il Documento di Valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori relativo al cantiere e/o alle attività oggetto dell appalto ( Piano di Sicurezza ) redatto dalla azienda Committente - il Piano di Sicurezza redatto da ciascuna impresa (sub)appaltatrice - il Piano di emergenza ed evacuazione redatto dalla azienda Committente. COORDINAMENTO IN CASO DI LAVORO CONTEMPORANEO DI PIÙ IMPRESE NELLO STESSO LUOGO DI LAVORO (DISCIPLINA DELLE INTERFERENZE) ACCESSO IN AZIENDA E ALLE AREE DI LAVORO Valgono le misure riportate nell omonimo paragrafo del capitolo 4.0. OBBLIGHI E PRESCRIZIONI GENERALI DA SEGUIRE: Tutti i Lavoratori di ciascuna impresa (sub)appaltatrice, sono tenuti ad osservare le seguenti disposizioni obbligatorie (sono responsabili della verifica del rispetto di tali disposizioni i Datori di Lavoro delle singole imprese): É VIETATO effettuare operazioni all interno degli spazi e aree non assegnati; È OBBLIGATORIO limitare l accesso agli ambienti ove verranno effettuati le lavorazioni e gli interventi ai soli addetti; l intera area di intervento deve essere adeguatamente perimetrata (mediante ad es.: paletti mobili, catenelle, nastro bianco/rosso, transenne, ecc.) e segnalata in modo da impedire l accesso agli estranei e ai non addetti. Nel caso in cui sia necessario occupare un area con materiali e attrezzature o lasciare l area scivolosa o ingombra di cavi, ecc., l area dovrà necessariamente essere delimitata sino a completa smobilitazione e ripristino; È OBBLIGATORIO osservare tutte le indicazioni di sicurezza presenti in azienda (es. segnaletica, ordini di servizio scritti o verbali, procedure di sicurezza, ecc.); È OBBLIGATORIO provvedere affinchè le operazioni non vadano a intralciare il lavoro di altre imprese eventualmente presenti, né costituiscano per essi alcun pericolo; É VIETATO effettuare lavorazioni pericolose o determinanti emissioni fastidiose o dannose (rumore, sostanze chimiche, radiazioni, proiezione di materiali, lavori in altezza, ecc) in presenza di estranei o di non addetti. Nel Revisione 00 20/03/2009 pagina 18 di 27

19 caso di emissioni i lavori dovranno necessariamente essere effettuati in orari tali da evitare l esposizione dei Lavoratori della ditta Committente o di altre ditte e l intera area dovrà essere bonificata al termine dell intervento e prima dell inizio dell orario di lavoro dei suddetti Lavoratori; È OBBLIGATORIO prestare particolare attenzione nell utilizzare scale portatili o nell effettuare lavori in altezza in maniera da evitare sia i rischi di cadute, sia il rischio di causare danni a terzi per la caduta di attrezzi o altri oggetti. Eventuali manutentori presenti all interno della zona lavori devono indossare l elmetto di protezione; È VIETATO utilizzare attrezzature da lavoro dell'azienda Committente (o di altre imprese presenti sul cantiere) senza aver ottenuto autorizzazione scritta. La ditta fornitrice deve mettere eventualmente a disposizione attrezzature da lavoro conformi alla normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro e un suo Responsabile deve impartire precise istruzioni circa l'utilizzo in sicurezza di tali attrezzature; È OBBLIGATORIO mantenere il massimo ordine e la massima pulizia sia durante l esecuzione dei lavori, sia al termine degli stessi; É VIETATO fumare o usare fiamme libere all interno dell intera area di lavoro; È OBBLIGATORIO operare eventuali allacciamenti alle utenze del cantiere secondo le norme di legge e di buona tecnica senza manomettere in alcun modo tali utenze; É VIETATO rimuovere botole, chiusini o quant altro possa determinare un rischio di cadute senza aver preventivamente perimetrato in maniera adeguata la zona dei lavori ed aver apposto specifica cartellonistica. Gli stessi accorgimenti devono essere presi anche in caso di lavori di scavo o che comportino la presenza di aperture nel suolo; É VIETATO stoccare anche solo temporaneamente all interno dell area di lavoro, sia durante la fase dei lavori, sia al termine degli stessi, attrezzature pericolose (a puro titolo di esempio: bombole di gas compresso o liquefatto, sostanze tossiche, cancerogene, infiammabili, esplosive, ecc.), senza avvertire preventivamente il Delegato preposto dell azienda Committente e senza prendere le idonee misure di prevenzione e protezione necessarie; Al termine dei lavori ciascuna impresa: - deve smobilitare il proprio personale e le proprie attrezzature senza pregiudizio per i lavoratori presenti, per i locali o le attrezzature dell azienda Committente o delle altre imprese presenti - non deve lasciare attrezzature, residui di lavorazione o rifiuti all interno dei locali e delle pertinenze dell azienda Committente o del Committente principale - deve controllare che i cartelli e le segnalazioni di sicurezza siano ancora in posizione ed efficienti e di non aver alterato in altro modo la sicurezza del sito - è tenuta a provvedere allo smaltimento di ogni rifiuto generato senza utilizzare i contenitori o le dotazioni della azienda Committente o delle altre imprese presenti. Revisione 00 20/03/2009 pagina 19 di 27

20 6. RIUNIONE CONCLUSIVA Al fine di promuovere le azioni di cooperazione e coordinamento di cui al comma 2 dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008, per i lavori affidati a ciascuna Impresa Appaltatrice (o Sub-Appaltatrice), in data odierna si è svolto una riunione informativa tra le parti. Durante la riunione sono stati analizzati e discussi i contenuti del presente documento e ogni parte ha fornito le informazioni riguardanti i rischi che reciprocamente potrebbero essere trasmessi, anche tramite lo scambio di specifica documentazione. In particolare il Rappresentante dell Impresa Appaltatrice ha ricevuto dettagliata illustrazione sui rischi specifici esistenti nell ambiente interessato ai lavori in appalto, sulle cautele e/o misure di prevenzione ivi presenti o poste appositamente in atto, sui dispositivi di emergenza, su ogni altro sistema di protezione previsto dalle vigenti norme e, in particolare, dal D.Lgs. 81/2008. Sono stati inoltre concordati con precisione le modalità, le date e gli orari di esecuzione dei lavori. Il Responsabile dell Impresa Appaltatrice si impegna a non modificarli senza previ nuovi accordi. Il Rappresentante del Committente prende atto che l Impresa Appaltatrice (o Sub-Appaltatrice) è iscritta alla Camera di commercio, industria e artigianato del luogo presso cui ha sede, per la specifica attività richiesta per l esecuzione dei lavori in appalto. Egli pertanto, vista anche la documentazione trasmessa, ritiene attuata la verifica dell idoneità tecnico-professionale dell impresa in relazione ai lavori da affidare in appalto. Si stabilisce altresì che il Rappresentante dell Impresa Appaltatrice (o eventuale Sub-Appaltatrice) provvederà ad effettuare un approfondito sopralluogo preventivo presso tutti gli ambienti e i luoghi ove opereranno i suoi lavoratori accompagnato da un Referente del Committente. Al termine del sopralluogo compilerà e sottoscriverà, prima dell inizio lavori, il relativo VERBALE DI SOPRALLUOGO E DICHIARAZIONE D IMPEGNO riportato in allegato C. L Impresa Appaltatrice/Sub-Appaltatrice (per tramite del suo Rappresentante) attesta infine: di aver preso atto delle dettagliate informazioni ricevute sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui è chiamata ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione all attività del Committente; dell avvenuta cooperazione in merito all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro, incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; dell avvenuto coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori di tutte le parti, in quanto è avvenuto uno scambio reciproco di informazioni al fine di eliminare i rischi dovuti alle eventuali interferenze tra i lavori svolti dalle parti; che rimane a carico dell Impresa Appaltatrice/Sub-Appaltatrice la valutazione e l adozione di idonee misure di prevenzione e protezione inerenti i rischi della propria attività specifica; di impegnarsi ad informare tempestivamente il Committente delle eventuali modifiche o integrazioni, rispetto a quanto già dichiarato, che dovessero riguardare macchine, attrezzature, sostanze pericolose, lavoratori impiegati, ecc. dell Impresa Appaltatrice/Sub-Appaltatrice; di assumersi la responsabilità di eventuali lavoratori autonomi impiegati, dichiarando di impiegare esclusivamente lavoratori in regola dal punto di vista contributivo ed adeguatamente informati e formati sui rischi connessi all attività e sulle misure di prevenzione e protezione da adottare. La valutazione dei rischi effettuata prima dell espletamento dell appalto deve essere necessariamente aggiornata in caso di situazioni mutate, quali l intervento di subappalti o di forniture e posa in opera o nel caso di affidamenti a lavoratori autonomi. L aggiornamento della valutazione dei rischi deve essere inoltre effettuato in caso di modifiche di carattere tecnico, logistico o organizzativo resesi necessarie nel corso dell esecuzione dell appalto o allorché, in fase di esecuzione del contratto, emerga la necessità di un aggiornamento del documento. Sarà cura dell Impresa Appaltatrice segnalare al Committente qualsiasi modifica in questo senso e sarà cura del Committente promuovere una nuova iniziativa di coordinamento e cooperazione al fine di eliminare o ridurre i rischi che tale nuova situazione potrebbe comportare. Sarà comunque impegno dello stesso Committente riproporre il coordinamento e la cooperazione a cadenza periodica o comunque quando ritenuto necessario. Revisione 00 20/03/2009 pagina 20 di 27

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli